Anda di halaman 1dari 5

Alunno:Giada Gallina

Data:02-08-2012

SCHEDA DI NARRATIVA
Dati bibliografici: autore:Domenico Starnone titolo:Ex Cattedra e altre storie di scuola titolo originale:Ex Cattedra casa editrice:Feltrinelli formato:Tascabile n pagine:309 data prima edizione:ottobre 1989 data edizione utilizzata:aprile 2008 Breve presentazione dellopera (con sintetica rassegna dei temi principali) Ex Cattedra e altre storie di scuola racconta, con ironia e passione, la scuola italiana degli anni 1985-1986. I protagonisti sono gli insegnanti delle scuole superiori, i loro colleghi e gli alunni:lo stesso autore, Domenico Starnone, era un professore. L'ambiente di una scuola imprecisata, teatro di tutte le vicende di questo libro, appare profondamente intrecciato a quello della politica:i professori sono divisi in schieramenti ancora influenzati dal clima rivoluzionario del '68. Il romanzo composto da diversi capitoli: -il primo, Il piacere di insegnare, una sorta di introduzione, in cui l'autore spiega il motivo per cui ha deciso di scrivere il romanzo:ricordare e rivivere i suoi anni d'insegnamento e la scuola dei suoi tempi; -il secondo, Ex Cattedra, contiene il capitolo intitolato Il collega Starnone, in cui l'autore racconta alcune vicende accadute durante i suoi anni di lavoro:l'impegno quotidiano con gli studenti,le riunioni d'istituto con i colleghi e molti aneddoti esilaranti che raccontano la scuola da dietro le quinte; -il terzo, La collega Passamaglia, che include La grammatica della scuola, una raccolta di racconti che vedono come protagonista la problematica e ansiosa Pia Passamaglia, un'insegnante collega del professor Starnone; -il quarto, La brutta estate e il quinto Bisogno di Natale, sono due storielle che vedono ancora come personaggio centrale la professoressa Passamaglia. Il primo riguarda la sue disastrose e comiche vacanze estive, mentre il secondo racconta il periodo natalizio vissuto a scuola, tra un'improbabile recita finale e i disaccordi con i colleghi. -l'ultima vicenda, Riconversione professionale, si riassume in un racconto grottesco e ambiguo,in cui Starnone si occupa, per arrotondare lo stipendio, dell'omicidio di alcuni suoi ex alunni, che gli vengono indicati da un vecchio amico e compagno di scuola. Ex Cattedra e altre storie di scuola un libro interessante e rievocativo, che rende noto al lettore le avventure della vecchia scuola italiana, interpretata con affetto da chi ne ha fatto parte in un passato non tanto lontano e ancora attuale e presente negli ambienti scolastici di oggi.

Caratterizzazione del narratore (con citazioni significative): narratore interno o esterno; focalizzazione; interventi ironici, eccetera. Il narratore l'autore stesso, il quale pu essere definito un narratore interno che nel momento in cui racconta (io narrante) ricorda avvenimenti di cui stato protagonista nel passato (io narrato): Sono stato convocato in presidenza. L,dietro la scrivania,tra lussureggianti piante d'appartamento e il tricolore, ho trovato il busto del preside sul grigio accigliato. A destra e a sinistra le pile dei nostri registri personali che il capo d'istituto sottopone periodicamente a esame. Adesso il turno del mio registro.<< Pi interrogazioni, mi ha esortato, vedo un solo voto per allievo, qui si batte la fiacca.>> Io ho detto:gli scioperi, l'apartheid, le assemblee non autorizzate, i ragazzi dell'85, l'autogestione:per forza! E mi sono stretto nelle spalle pensando:come sono vile, come mi detesto. Il preside allora mi ha fatto capire che gli dispiace per me:sono una persona cos seria, cos educata. Dovrei solo diventare pi severo:<<Mai lasciarsi cogliere in errore. Per esempio:perch mi sbaglia casella il 18 ottobre e assegna a Di Marco un'assenza che invece di Di Biase? Capisce che se in quel giorno Di Biase avesse assassinato qualcuno, questo registro sarebbe un alibi di ferro per il giovane assassino e intralcerebbe il corso della giustizia?>>. La focalizzazione perci interna e fissa, poich il punto di vista quello di un personaggio, il narratore -che lo stesso per tutta la vicenda- racconta soltanto ci che lui stesso sa, prova o vede. Caratterizzazione del protagonista (con citazioni significative): caratterizzazione diretta/indiretta; dati oggettivi, caratterizzazione fisica, comportamento, condizione socioeconomica, caratteristiche psicologiche, eccetera. All'interno del racconto La brutta estate viene presentato con molta precisione il personaggio della collega Passamaglia. L'insegnante, in vacanza al mare con i due figli, si confronta con il marito, i vicini di ombrellone e i nuovi amici, e pensa ad argomenti molto diversi:per prima cosa, assalita dal senso di colpa. Infatti,grazie non al suo stipendio,ma a un po' di denti incapsulati da suo marito il dentista, la collega Passamaglia in vacanza in un villino abusivo a pochi metri dal bagnasciuga. Per l'affitto di luglio e agosto, ha dovuto pagare al proprietario, senz'alcun contratto di locazione, senz'alcuna ricevuta, venti milioni. D'altra parte anche le capsule che il marito ha montato nella bocca di pazienti benestanti sono al nero. La segretaria infatti, tenuta a recitare ai clienti la formula seguente:<<Se ha bisogno di ricevuta fiscale,il lavoro le costa dieci milioni. Se non ne ha bisogno il dottore pu venirle incontro, sono sette milioni>>. Perci l'onesta e pulita Passamaglia ha l'impressione di aver rubato quella tanto agognata vacanza. Inoltre la protagonista davvero preoccupata per i due figli, promossi per il rotto della cuffia: Come imparavano in fretta i suoi figli da piccoli. Le pareva, allora, che sarebbero diventati studiosi di tutti i vocabolari del mondo. Ma quanto ci volle perch tutto cambiasse? Passamaglia sospira, si alza, si spalma la crema protettiva. Sandro in seconda media prese la china della svogliatezza annoiata. Matteo si rivel un capriccioso delinquente gi in quarta elementare. Colpa di Passamaglia che non ha avuto il tempo di continuare a stare loro dietro, a spiegare e rispiegare, a fare i compiti con loro e al posto loro? Colpa del padre che si ritrovano? Colpa della scuola, dei suoi colleghi insegnanti? Infine, Passamaglia nota come sia cambiata la situazione con l'arrivo del marito: Durante il mese di luglio lei si sentita una donna misteriosa e affascinante, impegnata in letture serissime e riflessioni altrettanto serie, persa dolorosamente in un'autoanalisi del suo ruolo e del ruolo della scuola. Si sentiva intorno una bolla di un materiale trasparente e robusto, grazie al quale teneva a distanza l'intera spiaggia barbara. Ma in agosto, da quando arrivato il marito, non pi cos. All'improvviso tutti i villeggianti sono diventati cordiali. Saluti ,chiacchiere, giri in barca o in motoscafo, inviti a cena in giardini con le candele alla citronella e gli zampironi. Passamaglia,da 2

misteriosa docente che era, forse anche un po' antipatica, diventata la pregiata moglie del dentista. Caratterizzazione dellambiente (con citazioni significative): L'ambiente di Ex Cattedra principalmente la scuola:le aule, in cui si tiene lezione e si insegna, i corridoi, sempre affollati da ritardatari, professori, alunni e genitori, l'aula insegnanti, luogo di ritrovo di tutti i docenti prima e dopo le lezione, la sala riunioni, dove si svolgono spesso i consigli d'istituto e si scrutinano gli studenti nel periodo delle pagelle e degli esami e infine l'ufficio del preside, in cui vengono convocati sia studenti che professori. Nel racconto La brutta estate, l'ambiente costituito dal mare e dalla spiaggia, nella quale Passamaglia incontra alcuni suoi alunni e il preside dell'istituto. Gli altri luoghi sono quelli della vita quotidiana:la casa, il bar,l a stazione e i mezzi di trasporto pubblici. Per il resto non si fa riferimento ad altri ambienti e non ci sono descrizione che specifichino quelli elencati sopra. Caratterizzazione dellepoca (con citazioni significative): L'intera storia ambientata negli anni 1985-1986, anni che -si dice- sono ancora profondamente influenzati dal clima rivoluzionario del '68. La scuola e le lezioni infatti sono spesso bloccate da scioperi, sit-ins, polemiche e manifestazioni sui temi pi diversi:le ingiustizie,la politica,il razzismo,l'apartheid,la guerra,l'autogestione... Ad esempio,c' il racconto del 20 aprile 1986: Marted.Grande animazione in sala professori. Il collega Marini ritiene che il bombardamento di Tripoli a opera della gloriosa aviazione USA sia solo l'ultimo di una lunga serie di atti finalizzati a impedirgli di svolgere il programma ministeriale. Infatti -dice- gli studenti non sono al lavoro come dovrebbero, ma in assemblea straordinaria non autorizzata ad accapigliarsi in due schieramenti: i filolibici e i filorambo.<<Altre ore di lezione buttate>> conclude Marini, e molti colleghi con la testa fanno s.[...]<<Lei si ricorda>> mi chiede Martinelli Stefy nel pomeriggio, al corso di recupero che tengo in storia, <<che cosa si diceva, che cosa si pensava quando scoppi la Seconda guerra mondiale?>> Vorrei risponderle:m'hai preso per Matusalemme? quando entra Vivaldi e annuncia: <<I Libici hanno bombardato Lampedusa>>. Ci rovesciamo fuori e sbattiamo contro il preside che dice:<<Qui non si lavora?>> Vivaldi lo informa:bombardata Lampedusa.<<Be'?>> dice il preside che ha antenati piemontesi,<<Lampedusa italiana?>> E il giorno dopo,nella sua comunicazione n.95,anche se la scuola semivuota perch gli studenti stanno manifestando per la pace, scrive pi o meno: Quante storie per Lampedusa. Studenti, i problemi sono altri. Volete la pace? Ma allora perch state distruggendo questa scuola? La porta della 5E sfondata. La cattedra della 3C stata bruciata. I servizi igienici non sono pi degni di questo nome. Chi stato?

Riporta i termini pi interessanti e/o curiosi del testo. Pietrisco:Insieme di frammenti di roccia naturale utilizzati per la costruzione di massicciate o terrapieni, o come materiale inerte nel processo di preparazione del calcestruzzo. Frasario:Complesso di espressioni usate comunemente da una persona o da un gruppo. Acquiescente:Che si adegua, si arrende alla volont altrui. Qualunquismo:Movimento di opinione pubblica sorto in Italia all'inizio del secondo dopoguerra e tramontato nel 1948, promosso da G.Giannini (1819-1959) e dalla sua rivista, L'uomo qualunque, che, sviluppando la teoria del cittadino medio, ricco di buon senso e capacit di giudizio autonomo, rifiutava ogni ideologia e sistema politico, soprattutto quello dei partiti. 3

Lustro:Periodo di cinque anni, quinquennio. Correit:Complicit, connivenza, concorso in un reato. Machiavello:Trovata astuta, espediente sleale. Dazebao:Manifesto murale disegnato,scritto generalmente a mano e a grandi caratteri, dal contenuto perlopi politico, diffusosi in Occidente grazie al movimento del Sessantotto che lo aveva mutuato dalla rivoluzione culturale cinese. Asfittico:Che in stato di asfissia. Sobillare:Spingere di nascosto qualcuno a compiere azioni disoneste o atti di ostilit nei confronti di altri.

Riporta (in sintesi e/o con citazioni) le riflessioni dirette o indirette pi significative presenti nel testo (riflessioni etiche, morali, sociologiche, psicologiche, politiche, esistenziali). Aggiungi un commento rigorosamente personale. Le riflessioni presenti in Ex Cattedra e altre storie di scuola sono bravi e concise, e riguardano in gran parte l'andamento della scuola. Una riflessione piuttosto articolata viene pronunciata dal collega vivaldi, grande amico di Starnone da lungo tempo:<<A volte, quando sono di cattivo umore, penso che non sono mai uscito dalle foto scolastiche. La mia vita mi sembra un fotomontaggio:la faccia di adesso sopra il grembiule col fiocco azzurro o sopra i pantaloni alla zuava. Ma no, dico io, siamo vivi e vegeti. Tu credi, seguita Vivaldi, di essere vivo e vegeto, in mezzo ai tuoi allievi di oggi. Invece sei in posa con i tuoi compagni di una volta, che sono rimasti gelati nella loro adolescenza, sempre gli stessi scherzi, di anno in anno irrimediabilmente giovani. Cambi, mi incalza diventi vecchio. Ma vecchio col grambiule. O vecchio con i pantaloni alla zuava.>> Le altre riflessioni sono costituite dai pensieri della Prof.Passamaglia: <<Possibile che in cento anni la scuola non sia cambiata nemmeno un po' e non siano cambiate le critiche che le si rivolgono? Si risposta: Possibile,se nemmeno uno dei suoi problemi stato risolto.>> Infine,ci sono le riflessioni comiche del prof.Starnone, che viene incaricato dalla nuova preside di scrivere una relazione sui comportamenti degli alunni. Vedere la pura gioia sui volti degli studenti quando scoprono che mancher un docente un fatto da non trascurare, preside. Esso dimostra che gli insegnanti riescono a comunicare la felicit solo quando sono assenti. Gentile preside, ho notato con grande rammarico la difficolt degli alunni a comprendere espressioni oggi poco usate, come:farcela per il rotto della cuffia, il gioco non vale la candela, perdersi in un bicchiere d'acqua eccetera. Bisognerebbe assolutamente accertarsi,per agevolare i ragazzi, che nessun professore usi ancora termini come:in Ispagna, per iscritto, all'uopo, tuttavolta, perocch, motoretta. Il rischio per noi che gli studenti non capiscano un tubo. Dubbio:non capire un tubo un modo di dire familiare ai ragazzi? Come si fa a non capire un tubo? Come si fa a capirlo,il tubo? Preside, oggi ho avuto molti spunti per riflettere:l'alunno Soratte ha esclamato:<<Lei mi minaccia tutti i giorni con la spada di Adamocle!>> Cos io, non capendo, ho detto:<<La spada di chi?>> <<Adamocle. Lei sa chi ?>> ha ripetuto con tono scocciato Soratte. Io ho tentato di scherzare:<<Per caso ha una moglie che si chiama Evacle?>>. Allora Soratte si stretto nelle spalle e ha bofonchiato <<No lo so proprio>>. Questo mi ha fatto pensare molto, preside. Se uno interroga, non deve dare nulla per scontato. Facile dire ai ragazzi Spada di Damocle. Ma se nessuno racconta che Dionigi il Vecchio sospese la spada a un capello proprio sopra la testa di Damocle per fargli capire che si pu perdere tutto da un momento all'altro normale che i ragazzi non capiscano. Propongo modestamente di eliminare 4

dalla lingua italiana tutte le espressioni di cui quasi nessuno conosce il significato. Come possono gli studenti essere a conoscenza di Gordio, quello del nodo? Che ci fece colombo con l'uovo? E quali erano le fatiche di Sisifio?. A proposito preside, lei, cos su due piedi ,la sa la storia di Damocle? Consiglieresti ad un amico di leggere il libro? Perch? Consiglierei di leggere Ex Cattedra e altre storie di suola perch, come mi successo, penso che specialmente chi ancora si trova sui banchi di scuola possa trovare divertente e interessante l'ambiente della scuola raccontato da un insegnante. Inoltre, anche se la scuola di Ex cattedra quella degli anni 1985-1986 sorprendente vedere come, escluse le vicende ambientate all'esterno della scuola, l'intera narrazione potrebbe essere benissimo ambientata nel 2012. Infine, il libro ricco di episodi esilaranti che lo rendono scorrevole e piacevole. E' infatti impossibile non immedesimarsi negli alunni che appaiono decisi a esaurire in ogni modo le scorte di pazienza dei docenti. Ex Cattedra un libro perfetto per chiunque voglia scherzare sulla scuola, sugli alunni e sui professori, restando tuttavia consapevoli che tutti i personaggi e tutte le vicende sono interamente immaginarie.

NB: Non verranno prese in considerazione schede disordinate e frettolose, n quelle scaricate da internet (far un controllo apposito) Scrivi benissimo (parole, frasi e o periodi faticosi da leggere verranno valutati in modo negativo). Meglio se riesci a compilare la scheda con un computer. Fai periodi brevi e lineari. Rispetta la punteggiatura. Preferisci il punto al punto e virgola. Cura i capoversi. Evita ripetizioni, inutili avverbi, aggettivi vaghi e generici, eccetera. Evita gerundi e inutili paroloni. Cura la qualit, non la quantit. Leggi, rileggi, correggi, personalizza. Buon lavoro. Obiettivi Conoscenza dei contenuti Capacit di analisi Capacit di sintesi Personalit

Voto: