Anda di halaman 1dari 212

NUMERO DOUBLE FACE

GENNAIO-FEBBRAIO 2014 ANNO 25 N. 1-2 4,50 MENSILE Poste Italiane S.p.A. - Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n46) art.1, comma 1, DCB Milano

la casa 2014
NUOVI MODI DI ABITARE IN UN HOTEL (MOLTO) PARTICULIER DI PARIGI, IN UN EX UFFICIO DI ISTANBUL, IN UNA FATTORIA FIAMMINGA, IN UN RESORT DI PAOLA NAVONE A PHUKET LEITMOTIV DELLANNO RITORNO ALLELEGANZA ANNI 40

MAGAZINE INTERNAZIONALE DI DESIGN E TENDENZE ARREDAMENTO E STILI DI VITA ARCHITETTURA E ARTE _ENGLISH TEXT

+ NEXT
40 PAGINE DI FUTURO

NUMERO DOUBLE FACE

2014

la casa
NUOVI MODI DI ABITARE IN UN HOTEL (MOLTO) PARTICULIER DI PARIGI, IN UN EX UFFICIO DI ISTANBUL, IN UNA FATTORIA FIAMMINGA, IN UN RESORT DI PAOLA NAVONE A PHUKET LEITMOTIV DELLANNO RITORNO ALLELEGANZA ANNI 40

MAGAZINE INTERNAZIONALE DI DESIGN E TENDENZE ARREDAMENTO E STILI DI VITA ARCHITETTURA E ARTE _ENGLISH TEXT

Hearst Magazines Italia Spa - via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02.6619.1

DIRETTORE RESPONSABILE

Livia Peraldo Matton


lperaldo@hearst.it CAPOREDATTORI Laura Maggi (caporedattore centrale) - lmaggi@hearst.it Bettina Rosso (caporedattore design e tendenze) - erosso@hearst.it Rosaria Zucconi (caporedattore interni e travel) - rzucconi@hearst.it DIRETTORE ARTISTICO Valeria Settembre - vsettembre@hearst.it REDAZIONE Ruben Modigliani (caposervizio) - rmodigliani@hearst.it Francesca Benedetto (produzione interni, travel, people) - fbenedetto@hearst.it Paola Carimati (design e tendenze) - pcarimati@hearst.it REDAZIONE GRAFICA Mariapia Coppin (vice caporedattore) - mcoppin@hearst.it Elena Santangelo (caposervizio) - esantangelo@hearst.it Carlo DAmico (impaginazione) - cdamico@hearst.it PHOTOEDITOR Vivetta Rozza (news, design, tendenze) - vrozza@hearst.it SEGRETERIA Elena Contardi (direzione, amministrazione) - econtardi@hearst.it Roberta Salvioni (redazione, produzione) - rsalvioni@hearst.it COLLABORATORI Jrme Aumont, Grazia Baccari, Ilaria Bacciocchi, Piera Belloni, Tamara Bianchini, Murielle Bortolotto, Sebastiano Brandolini, Paolo Campostrini, Marta Lavinia Carboni, Ana Cardinale, Isis-Colombe Combras, Lisa Corva, Kerryn Fischer, Massimiliano Giberti, Silvia Masciale, Nicol Milella, Francesco Marchesi, Gloria Mattioni, Marzia Nicolini, Tatjana Quax, Studiopepe, Ravaiolisilenzistudio, Anna Scaravella, Micaela Sessa, Maria Van der Straaten, TDR Translation Company FOTOGRAFI Karel Balas/MILK/VEGA MG, Sylvie Becquet, Paolo Bramati, Adriano Brusaferri, Bruno Comtesse, Didier Delmas, Charles Emerson, Andrea Garuti, Giovanni Gastel, Nathalie Krag, Warren Heat e Adriaan Louw/Frank Features/Living Inside, Andrew Meredith, Stefano Pavesi, Giorgio Possenti, Inga Powilleit, Juan Rodriguez, Max Rommel, Matthieu Salvaing, Valentina Sommariva, Gionata Xerra ELLEDECOR.IT Alessandro Valenti (editor consultant) Eugenio Cirmi (collaboratore) Benedetta Lamberti (collaboratore) DIREZIONE, REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE Via R. Bracco 6, 20159 Milano, t. 02.6619.3375 - 02.6619.2774, fax 02.6619.3862 e-mail segreteria di redazione: econtardi@hearst.it - rsalvioni@hearst.it Direttore responsabile: Livia Peraldo Matton Editore: 2012 Hearst Magazines Italia Spa - Via R. Bracco 6, 20159 Milano Registrazione presso il Tribunale di Milano n. 530 del 16 luglio 1987 Pubblicato a Milano nel 1987

+ NEXT
40 PAGINE DI FUTURO

LEGGI ELLE DECOR ITALIA SU TABLET SMARTPHONE KINDLE FIRE DISPONIBILE SU APP STORE GOOGLE PLAY AMAZON APP-SHOP

ANCHE IN VERSIONE FULL ENGLISH


http://www.facebook.com/ElleDecorItalia

ELLE DECORATION NETWORK 25 EDIZIONI INTERNAZIONALI ARGENTINA - CHINA - CROATIA - CZECH REPUBLIC - FRANCE - GERMANY GREECE - HOLLAND - INDIA - INDONESIA - ITALY - JAPAN - NORWAY PHILIPPINES - POLAND - ROMANIA - RUSSIA - SERBIA - SOUTH AFRICA - SPAIN SWEDEN - THAILAND - TURKEY - UK - USA
ELLE DECOR ITALIA ISSN 1120-4400 is published 10 times per year (except February & August) by HEARST MAGAZINES ITALIA Spa via R. Bracco 6, 20159 Milano - Italia

JOIN US ON FACEBOOK

Hearst Magazines Italia Spa - via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02.66191

PUBLISHER ARREDO GESTIONE Tatiana Salour JUNIOR PRODUCT MANAGER Maddalena De Curtis ELLE DECOR un marchio di Hachette Filipacchi Presse (H.F.P.) e una testata di Hearst Magazines Italia Spa HEARST MAGAZINES ITALIA Spa pubblica: Gente, Gioia!, gioia.it, Cosmopolitan, cosmopolitan.it, Elle, Elle Kids, Elle Luxe, Elle Spose, Elle Spose Collezioni, Very Elle Beach, Very Elle Shopping, elle.it, Elle Decor Italia, Riders Italian Magazine, riders-online.it, Hearst Home, Gente Enigmistica, Gente Puzzle HMC ITALIA Srl pubblica: Marie Claire, marieclaire.it, Marie Claire 2, Marie Claire 2 Bellezza, Marie Claire Street Style, Marie Claire Bis, Marie Claire Enfants, Marie Claire Maison CONCESSIONARIA ESCLUSIVA PER LA PUBBLICIT Hearst Magazines Italia Spa Direzione Generale Pubblicit: Via R. Bracco 6, 20159 Milano Tel. 02/6619.1. Fax 02/6619.2608 DIREZIONE DIREZIONE DIREZIONE DIREZIONE DIREZIONE COMMERCIALE MODA Roberta Gamba, rgamba@hearst.it COMMERCIALE BEAUTY Claudio Brenna, cbrenna@hearst.it COMMERCIALE ARREDO Enrico Vecchi, evecchi@hearst.it COMMERCIALE ALTRI MERCATI E CENTRI MEDIA Alberto Vecchione, avecchione@hearst.it VENDITE DIGITAL Carla Costa, ccosta@hearst.it

COORDINAMENTO SETTORE ARREDO Clarissa Riva, criva@hearst.it ITALIA DIREZIONE CENTRO NORD DIREZIONE COMMERCIALE: Massimiliano Fusi. TRIVENETO E MANTOVA, Hearst Magazines Italia Spa, Strada Battaglia 71/c - 35020 Albignasego (PD) Tel. 049/8172876 - Fax 049/8172879. EMILIA ROMAGNA, Hearst Magazines Italia Spa, Via Goito 8 40126 Bologna - Tel. 051/29631.11 - Fax 051/2963130. TOSCANA E UMBRIA, Hearst Magazines Italia Spa, Via Del Romito 3 - 50134 Firenze - Tel. 055/46006.11 - Fax 055/4600629. ITALIA DIREZIONE CENTRO SUD DIREZIONE COMMERCIALE: Massimo Scirocco. LAZIO E SARDEGNA, Hearst Magazines Italia Spa, Via Terenzio 35 - 00193 Roma - Tel. 06/688998.1 - Fax 06/68899824. MARCHE-ABRUZZO-MOLISE, Alessandro Fiorelli, Via 1a Strada 28 61032 Fano (PU) - Tel. 335/68.91.463. CAMPANIA E CALABRIA, Valentina Paparo, Via Onofrio Fragnito 54 - 80131 Napoli - Tel. e Fax. 081/54.56.386. PUGLIA E BASILICATA, G.S.P. SAS Via Principe Amedeo 93 - 70122 Bari - Tel.080/5045399 Fax 080/5045401-5041691. SICILIA, Luigi Aco, Via Rocca Pirciata15, Makari - 91010 S.Vito Lo Capo (TP) Tel. 336.549451 - Tel/Fax 0923. 975368 PIEMONTE E VALLE DAOSTA, Adv Spazio Erre Srl, C.so Giovanni Lanza 105 - 10133 Torino Tel. 011/6600.100 - Fax 011/6602875 LIGURIA, Adv Spazio Erre Srl, Via Cesarea 2/25 - 16121 Genova -Tel. 010/564354-561883 - Fax 010/5531860 INTERNATIONAL ADVERTISING HAW ITALIA Robert Schoenmaker Tel. 02/6269.4441 HEARST MAGAZINES INTERNATIONAL Duncan Edwards (President, CEO) Simon Horne (Senior Vice President, CFO and General Manager) Jeannette Chang (Senior Vice President, International Publishing Director) Kim St. Clair Bodden (Senior Vice President, Editorial Director) Astrid O. Bertoncini (Executive Director, Editorial) HEARST MAGAZINES ITALIA SPA Duncan Edwards (Presidente) Giacomo Moletto (Amministratore Delegato e Direttore Generale) Simon Horne - Arnaud de Puyfontaine - Marcello Sorrentino - Luciano Bernardini De Pace (Amministratori) LAGARDRE ACTIVE Denis Olivennes (CEO Lagardre Active) Bruno Lesouf (CEO French & International Magazine Publishing Divisions) Franois Coruzzi (Executive Vice President International) Sylvie De Chire, Franck Espiasse (Brand Management of Elle Decoration) Cristina Romero (International Director of Elle Decoration) Mickal Berret (Director of International Publishing Licenses & Syndication) Audrey Schneuwly (Syndication Coordinator) Claudio Piovesana (Managing Director Global Advertising) STAMPA E DISTRIBUZIONE Elcograf S.p.a., via Mondadori 15, 37131 Verona Per lItalia: m-Dis Distribuzione Media Spa, via Cazzaniga 1, 20132 Milano tel. 02.2582.1, fax 02.25825306. E-mail: info-service@m-dis.it. Per lestero: Johnsons International News Italia Spa, via Telesio 17, 20145 Milano - Tel. 02.43982263, fax 02.48517418. E-mail: johnsons@tin.it. A causa di restrizioni doganali i gadget non vengono spediti in tutti i Paesi.

Hearst Magazines Italia Spa - via R. Bracco 6, 20159 Milano - tel. 02.6619.1

t ELLE DECORATION ARGENTINA Tacuari 1 846 (C1139AAN) Buenos Aires t ELLE DECORATION CINA Room 2302, n. 193 Fu Jian Road (c) Shanghai P.R.C. t ELLE DECORATION CROAZIA Radnicka Cesta 39 10000 Zagreb t ELLE DECOR REPUBBLICA CECA Na Zatorce 3 160 00 Prague 6 Bubenec t ELLE DECORATION FRANCIA 149 rue Anatole France, 92534 Levallois Perret t ELLE DECORATION GERMANIA Arabellastrasse 23, 81925 Munich t ELLE DECOR GIAPPONE Minami-aoyama Tokyu Bldg 3-8-38 Minami-Aoyama Minato-ku Tokyo 107-0062 t ELLE DECORATION GRAN BRETAGNA 72 Broadwick Street, London W1F 9EP t ELLE DECORATION GRECIA 5 Benaki Street 152 38 Chalandri t ELLE DECOR INDIA 201, Nirman Kendra Off Dr E Moses Road Famous Studio Lane Mahalaxmi, Mumbai 400 011 t ELLE DECORATION INDONESIA Grand Wijaya Center Jl Wijaya II No. E16-17, Jakarta 12160 t ELLE DECORATION NORVEGIA Gullhaugveien 1 0441 Oslo t ELLE DECORATION OLANDA Singel 468 1017 AW Amsterdam t ELLE DECORATION FILIPPINE Summit Media 6th Floor Robinsons Cybergate Tower 3, Robinsons Pioneer Complex, Pioneer St.Mandaluyong City, Manila, Philippines 1550 t ELLE DECORATION POLONIA UL. Warecka 11A 00-034 Warszawa t ELLE DECORATION ROMANIA StrPopa Taru nr 36, sector 1 Bucharest t ELLE DECORATION RUSSIA 31 B Shabolovka str Entrance 6 Moscou 115162 t ELLE DECORATION SERBIA Omladinskih brigada 88a 11070 Belgrade t ELLE DECOR SPAGNA C/Cardenal Herrera Oria 3 28034 Madrid t ELLE DECORATION SUDAFRICA 105-107 Hatfield Street (Picasso building) Gardens, Cape Town 8001 t ELLE INTERIOR SVEZIA Box 27 706 115 91 Stockholm t ELLE DECORATION TAILANDIA 7th Floor, Bangkok Post Building 136 Sunthomkosa Road Klong Toey Bangkok 10110 t ELLE DECOR TURCHIA Hurriyet Medya Towers 34212 Gunesli - Istanbul t ELLE DECOR USA 300 West 57th Street, Floor 28, New York, NY 10019. In Canada i marchi ELLE (denominazione e logo) sono di propriet di France Canada Editions e Publications Inc.

INTERNATIONAL COMMERCIAL NETWORK: INTERNATIONAL COMMERCIAL DIRECTOR Nelly STREICHENBERGER - Mail: nelly.streichenberger@lagardere-active.com; LAGARDRE GLOBAL ADVERTISING, 124 rue Danton, 92300 Levallois - Perret, France. CANADA: Franoise CHALIFOUR - Mail: francoise.chalifour@publicitas.com CINA: Wendy LIN - Mail: wendy.lin@publicitas.com.cn COREA: Jung-Won SUH - Mail: sinsegi-2@ sinsegimedia.info FRANCIA E BELGIO: Philippe LEONARD - Mail: philippe.leonard@lagardere-active.com GERMANIA: Vanessa NTZEL - Mail: vanessa.noetzel@burda.com GIAPPONE: Mayumi KAI - Mail: kai-pbi@ gol.com GRECIA: Costis FRONIMOS - Mail: c.fronimos@global-media.gr INDIA: Rachna GULATI - Mail: rachna. gulati@publicitas.com ITALIA: Robert SCHOENMAKER - Mail: rschoenmaker@hearst.it MALESIA: Audrey CHEONG - Mail: audrey.cheong@publicitas.com OLANDA: Peter LANDSHEERE - Mail: peter.landsheere@publicitas.com SCANDINAVIA: Karin SDERSTEN - Mail: karin.sodersten@aller.se SPAGNA: Melinda SNIDER Mail: msnider@hearst.es REGNO UNITO: Victoria JACOB LUCK - Mail: victoria.luck@hearst.co.uk STATI UNITI: Olivier BERTON - Mail: olivier.berton@publicitas.com TAILANDIA: Steven FONG - Mail: steven.fong@publicitas. com TURCHIA: Emin Tan BILGE - Mail: tanbilge@medialdt.com.tr ABBONAMENTI: Hearst Magazines Italia Spa - Ufficio Abbonamenti - c/o CMP BRESCIA - 25126 Servizio Clienti: E-mail: abbonamenti@hearst.it - Fax 041.5099553 - Telefono dallItalia 199.11.55.44; dallestero 0039.041.5099049. Servizio attivo dal luned al venerd dalle h. 09.00 alle h. 19.00; il costo della chiamata nazionale da telefono fisso di 12 centesimi al minuto + IVA, senza scatti alla risposta. Per chiamate dal cellulare i costi sono legati alloperatore utilizzato. Tale servizio viene effettuato da Koin Brescia srl, via Mandolossa 43, 25030 Roncadelle (BS). Gestione operativa: Press-Di srl Distribuzione Stampa e Multimedia, via Trentacoste 7 - 20134 Milano. Labbonamento partir dal primo numero raggiungibile. Per il rinnovo attendere lavviso di scadenza. Le copie in abbonamento vengono consegnate direttamente agli uffici postali decentrati. ARRETRATI: I numeri arretrati vanno richiesti al proprio edicolante. Il prezzo degli arretrati pari al doppio del prezzo di copertina. La disponibilit di copie arretrate limitata allultimo anno, salvo numeri esauriti. Non possibile richiedere arretrati delle versioni con gadget. INFORMATIVA PRIVACY. Hearst Magazines Italia Spa, quale titolare del trattamento, ai sensi dellart. 13, D.Lgs. 196/2003, garantisce il trattamento dei dati personali nel rispetto della normativa sulla privacy. I dati dellinteressato sono trattati, manualmente ed elettronicamente, da Hearst Magazines Italia Spa. Il trattamento dei dati finalizzato allinvio delle riviste richieste in abbonamento e alle operazioni connesse. Hearst Magazines Italia Spa, solo previo consenso dellinteressato, utilizzer i dati per finalit di marketing, attivit promozionali, offerte commerciali, analisi statistiche e ricerche di mercato. Alle medesime condizioni i dati potranno essere comunicati ad aziende terze ivi comprese le societ in rapporto di controllo e collegamento con Hearst Magazines Italia Spa ai sensi dellart. 2359 c.c. - per loro autonomi utilizzi aventi le medesime finalit. Ai sensi dellart. 7, D.Lgs. 196/2003, linteressato ha il diritto di consultare i dati ovvero domandarne laggiornamento, la rettifica o la cancellazione. Non invece esercitabile il diritto di conoscere lorigine dei dati personali trattati, ai sensi dellart. 138, D.Lgs. 196/2003. Responsabile del trattamento Press-Di srl - Distribuzione Stampa e Multimedia, via Trentacoste 7 - 20134 Milano.

FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI

ISSN 1120-4400

ACCERTAMENTI DIFFUSIONE STAMPA CERTIFICATO 7513 DEL 10/12/2012

14ELLE DECOR

NUMERO DOUBLE FACE

GENNAIO-FEBBRAIO 2014 ANNO 25 N. 1-2 4,50 MENSILE Poste Italiane S.p.A. - Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n46) art.1, comma 1, DCB Milano

la casa 2014
NUOVI MODI DI ABITARE IN UN HOTEL (MOLTO) PARTICULIER DI PARIGI, IN UN EX UFFICIO DI ISTANBUL, IN UNA FATTORIA FIAMMINGA, IN UN RESORT DI PAOLA NAVONE A PHUKET LEITMOTIV DELLANNO RITORNO ALLELEGANZA ANNI 40

MAGAZINE INTERNAZIONALE DI DESIGN E TENDENZE ARREDAMENTO E STILI DI VITA ARCHITETTURA E ARTE _ENGLISH TEXT

MAGAZINE INTERNAZIONALE DI DESIGN E TENDENZE ARREDAMENTO E STILI DI VITA ARCHITETTURA E ARTE _ENGLISH TEXT

ATTUALIT+CULTURA
20 ELLEDECOR.IT
Il meglio del mese, da sfogliare sul web

23 PASSWORD
Extra: approfondimenti online, nuove rubriche

+ NEXT
40 PAGINE DI FUTURO

next

LE TENDENZE DELLANNO IN 40 PAGINE

99 ITALIAN IS BETTER
Leccellenza italiana del mondo, 100% made in Italy

GENNAIO FEBBRAIO 2014


LA COPERTINA
Servizio a pag. 114 di Isis-Colombe Combras foto di Karel Balas/MILK/ VEGA MG testo di Sebastiano Brandolini

147 BE ORIGINAL
Storie ad alto tasso di innovazione

161 N.B.
Gli appuntamenti: arte, architettura, design, fotografia

DESIGN+ARCHITETTURA
47 DESIGN DIGITALE
Lillusionismo hi-tech di Simon Heijdens

NEXT LALTRA COPERTINA

50 ELLE DECOR INCONTRA/1


Valentin Loellmann nel suo atelier green a Maastricht

68 ELLE DECOR INCONTRA/2


Fred Meylan nel suo spazio parigino

80

di Bettina Rosso e Murielle Bortolotto foto di Adriano Brusaferri

74 ARCHITETTURA DAUTORE
La riscoperta di una casa di campagna di Le Corbusier

151 DESIGN NEWS


Novit su materiali, ambiente bagno, wellness, food & C.

STILE+DECOR
24 DECORTREND
More then 40: voglia di eleganza e pezzi cult

31 DECOR NEWS
Mobili, oggetti, accessori dal mondo dellarredamento

104
ELLE DECOR 17

63

PUOI SFOGLIARE ELLE DECOR SU TABLET, SMARTPHONE DISPOSITIVI APPLE KINDLE FIRE E ANDROID. ANCHE IN VERSIONE FULL ENGLISH.

39 DECORSCOUTING
Invenzioni, curiosit, address: tutto da scoprire

57 ART&CRAFT

24

La ceramica dellartista sudafricano Ruan Hoffmann

FOOD+TRAVEL
63 ADDRESS A MILANO/1
De Cotiis firma il nuovo showroom di Antonia

80 ADDRESS A MILANO/2
Lo spazio di Andrea Berton a Porta Nuova

87 ADDRESS A PARIGI
Tom Dixon racconta il suo ristorante francese

90 ITINERARIO A CAPE TOWN


Alla scoperta della capitale mondiale 2014 del design

INTERNI

134
ENGLISH TEXT
I SERVIZI CONTRASSEGNATI DALL ASTERISCO SONO TRADOTTI IN INGLESE NELL INSERTO A PAG. 163 ALL TEXTS WITH THE ASTERISK ARE TRANSLATED INTO ENGLISH IN THE ABSTRACT ON PAGE 163
18ELLE DECOR

124

104 A PARIGI
Una casa-galleria negli spazi di un htel particulier

114 A ISTANBUL
Un open space luminoso per il fondatore di Autoban

124 NELLE FIANDRE


Una casa colonica ripensata da Vincent Van Duysen

134 A PHUKET
Il nuovo resort firmato da Paola Navone

159 GLI INDIRIZZI 163 ENGLISH TEXT

90

http://www.facebook.com/ElleDecorItalia

JOIN US ON FACEBOOK

ELLE DECOR ITALIA SUL WEB IN PRIMO PIANO: NEWS, CASE, DESIGN, ARCHITETTURA, INTERIOR DECORATION
a r t x cor.it e e d e ll su e

Unapposita grafica segnala i contenuti extra su elledecor.it Segui il simbolo  alla fine degli articoli. Per trovarli basta aprire la home page e cliccare sulla voce magazine
ARCHITETTURA Tra natura e artificio, il nuovo resort a Phuket firmato Paola Navone (letto a pag. 134). Intervista a Cino Zucchi, curatore del Padiglione Italia alla Biennale Architettura di Venezia (letto a pag. 29 del Next). Nel cuore di Milano, una scuola di musica, sede della Fondazione Pasquinelli (letto a pag. 30 del Next). DESIGN Creativit e tecnica artigianale di Valentin Loellmann (letto a pag. 50). La mappa del design italiano dopo gli anni 2000 secondo Chiara Alessi (letto a pag. 27 del Next). Tendenze: Nero o terracotta? I neutri del 2014 (letto a pag. 24-25 del Next). Fix-it!, la parola dordine del riutilizzo (letto a pag. 36 del Next). PEOPLE Gualtiero Marchesi racconta lospitalit a 360 al Castello di Agrate Conturbia (letto a pag. 4 del Next). Larchitetto David Adjaye presenta i suoi primi pezzi di design (letto a pag. 11 del Next). Ferruccio Laviani inventa unidea per rinnovare una sua lampada cult (letto a pag. 18 del Next).

PUOI SFOGLIARE ELLE DECOR ITALIA ANCHE SU TABLET E SMARTPHONE DISPONIBILE SU APP STORE E GOOGLE PLAY ANCHE IN VERSIONE FULL ENGLISH

PASSWORD

a r t t x o c e e r.i d e l l e su

Per approfondire. Per passare dalla carta al digitale, con un click. Per scoprire videointerviste, photogallery, contenuti inattesi. E due nuove rubriche: Italian is better per indagare leccellenza dellitalianit (naturalmente aspettiamo i vostri suggerimenti da tutto il mondo) e Storie di design originale per esplorare case-history legate al progetto dautore. Queste solo alcune delle sfide extra con cui cercheremo di sorprendervi durante lanno che verr
ELLE DECOR 23

ARTWORK CARLO DAMICO - WORDS LAURA MAGGI

Conversazioni vis--vis tra Guscio, a destra, divano avvolgente con schienale alto di A. Citterio per Flexform, in velluto ( 7.000; cuscino Normann Copenhagen), e la panca Smith, a sinistra, di R. Dordoni per Minotti, con seduta in pelle (da 5.485). Si uniscono al dialogo la poltrona Klara con schienale capitonn, a sinistra, di P. Urquiola per Moroso ( 2.310; cuscino Dedar) e Hug di Claesson, Koivisto e Rune per Arflex, in velluto (da 1.986; cuscino Alberto Levi Gallery). Dietro, tavolino di M. Platz per Tallulah Studio e luce Leimu di Iittala, lampada da terra Laguna di Thun e Rodriguez per Artemide, tappeto Color Flow di Nodus. Al centro, sedutaspecchio Mirror Chair di Nendo per Glas ( 1.713). Davanti al divano, tavolino T-Gong di G. Bavuso per Alivar con secchiello ghiaccio, Robertaebasta; tappeto Alberto Levi G. Dietro, tavolino Traccia, design Meret Oppenheim, di Cassina, con lampada Sabeen di W. Pianta per Nahoor, testa doca di amaaro! e contenitori in rame, Sfera.

24ELLE DECOR

DECORTREND

MORE THAN
di Ravaiolisilenzistudio - foto di Gionata Xerra - ha collaborato Ilaria Bacciocchi

Una voglia di eleganza ritrovata, leitmotiv del 2014, dove il rigore si accosta a pezzi dalle linee arrotondate. Ed il ritorno in grande stile di alcuni oggetti cult della casa neo-borghese: il mobile bar, il paravento, lo specchio protagonista

40

Cocktail in stile Chandler. Sul mobile bar Bacco in legno e specchio fum di Carlo Colombo per Gallotti&Radice ( 3.650), thermos, Robertaebasta, bottiglie in cristallo di Collevilca e da whisky di RCR. Spar Diva in legno e tessuto Mila Schn di Arflex (da 1.965). Tappeto Oona di Normann Copenhagen, vassoio Kaleido di Hay con bicchieri di Wentworth, da La Rinascente. Il tavolo scultoreo Gaud, in massello con top in rovere, di Ferruccio Laviani per Misuraemme (da 2.700). Intorno, sedia Zig Zag blu, design G.T. Rietveld, Cassina I Maestri (da 1.049), Catch Chair con braccioli di Jaime Hayon per &Tradition ( 678) e, in fondo, Ming di Marzia e Leonardo Dainelli per Saba, in frassino e tessuto fantasia ( 1.200); tappeto di Golran, da Spotti. Sul tavolo, The Bell di Lorenza Bozzoli, da Spazio Pontaccio, vaso scultura Sisters di Bosa, edizione Plusdesign, brocca, Sfera. Due luci sospese: Two Spheres e Calyx in ottone, di Atelier Areti.

DECORTREND

ELLE DECOR 27

DECORTREND

28ELLE DECOR

Una notte con stile. A sinistre rigore e morbidezza per il mobile contenitore in noce con ante capitonn tessili Brick 69, di Paola Navone per Gervasoni ( 2.989); sopra, scultura Uomini e bestie di Andrea Branzi, 2013, da Gall. ClioCalviRudyVolpi, e vasi di Ferm Living, da Trend House. A destra, maxi pouf Giro di Claesson, Koivisto e Rune per Casamania in tessuto (da 714) e luce da terra Juliette in metallo nero e marmo, di Carlo Colombo per Penta ( 1.708), davanti tappeto La Giudecca di Rubelli. Il letto di semplicit ed eleganza nordica Sveva, in frassino tinto weng, di Odoardo Fioravanti per Flou, in 3 misure (cm 170x200, 2.858); lenzuolo sotto Flou, copriletto, lenzuolo sopra e federe Society, cuscino in lana Muuto, plaid in pelliccia Luxury Living. Fa da comodino Origami Table in ottone di Chuck Chewning per Donghia, con lampada 548 di Gino Sarfatti rieditata da Flos. Mini seduta Feel Good di Antonio Citterio per Flexform ( 1.300). INDIRIZZI A PAG. 159

DECORnews

Novit dal mondo del design extra

it decor. su elle

CON LE PINNE/ Ha ancora un riferimento animalier il nuovissimo progetto del duo di designer con base a Monaco Neuland, ovvero Eva Paster & Michael Geldmacher, che dopo la seduta Elephant firmano per Kristalia Sharky. Una sedia easy, dove la leggera scocca in poliuretano si unisce alle gambe in faggio, o in rovere europeo, formando due pinne (da cui il nome). www.kristalia.it

a cura di Bettina Rosso, Tamara Bianchini, Murielle Bortolotto - ha collaborato Piera Belloni

ELLE DECOR 31

DECOR NEWS

Tutta da scoprire la MERIDIANI APP, configurator in 3D per disegnare a misura di s (e vedere in anteprima) le nuove proposte del marchio. www.meridiani.it
Fra classico e moderno Libe Round, design Gianpaolo Rampolla & Andrea Liguori per la collezione Eclettica di Masiero, caratterizzato da un anello di rovere naturale e losanghe di cristalli che amplificano la luce a Led. Misure cm 90 diam. x8,5h, 3.050. www.masierogroup.com

Confortevoli e molto decorativi, i pouf Leaf Seat di Design by Nico si usano singoli, uniti a formare una maxi foglia (e si trasformano cos in un daybed) o in varie altre combinazioni. Con rivestimento in lana by Kvadrat, 399 cad. www. designbynico.co.uk elledecor.it

Ci si pu leggere una ispirazione al tradizionale motivo spina di pesce. Ma anche una grafica astratta, un po tribal code. la nuova wallpaper Parquet, proposta fresca (e di carattere) di Farrow&Ball. www.farrowball.com

Curve extra per Betty, lounge chair a tutto tondo con pouf, di Christoph Jenni per Max Design. In tessuto o pelle, da 1.769 la poltrona. www.maxdesign.it Da virtuale a materico. I plaid della coll. Bitmap di Zuzunaga trasformano una stampa digitale in un soffice abbraccio. Qui Tokyo 2, in lana merino, cm 146x212. www.zuzunaga.com

ELLE DECOR 32

HOTZE EISMA

DECOR NEWS
Allude agli arredi anni 50 Candy Shelf, mini libreria o mobile contenitore a giorno in acciaio, in 2 misure e 5 abbinamenti fissi di colore tra piani e strutture, con separatori in legno. Di Sylvain Willenz per Cappellini. www.cappellini.it

Fa parte della collezione Wrong for Hay, nuova design venture fra Sebastian Wrong e lazienda danese, la luce da tavolo Pion Lamp. Realizzata in carta e acciaio, disegnata da Bertjan Pot. www.wrongforhay.com elledecor.it

40 opere di GAETANO PESCE sono protagoniste della mostra-vendita da Sothebys France, dal 5 al 15/2, con il supporto di B&B Italia. www.sothebys.com

Si ispirano ai tappeti orientali, rivisitandoli con un tocco artistico e con la stessa qualit artigianale, i modelli della linea Erased Heritage di Jan Kath. Qui, Mamlik Kensington Raved, 2.128 mq. www.jan-kath.de. elledecor.it

Eleganti e molto curati nei dettagli i tavolini Ivy, di Claesson Koivisto e Rune per Paola Lenti, hanno top in legno con venature a vista naturale o tinto grigio chiaro, medio o scuro, e base in acciaio laccata in tinta. www.paolalenti.com

Una sottile cucitura rossa sottolinea il profilo di Sun Chic, letto imbottito extra soft di Bolzan Letti rivestito in lino grigio o in unampia gamma di tessuti. Cm 180x220, da 1.371. www.bolzanletti.it

34ELLE DECOR

DECOR NEWS
Da archetipo a oggetto moderno, Pendulle disegnato da David Raffoul/ Fabrica per Diamantini & Domeniconi. In ferro tornito e laccato in 6 varianti di colore con supporti in legno, 139. www.diamantini domeniconi.it Massima componibilit per gli scaffali Montana, proposti in varie misure, da cm 69,6 a 12,6 sia di base sia di altezza, in 4 profondit e in oltre 40 colori. La preview della propria composizione ideale si configura su montana.dk. Oppure, da vedere live da MC Selvini, a Milano, www.mcselvini.it, elledecor.it

Tutto made in Japan, dagli oggetti di design ai capi e agli accessori moda pi innovativi, nella JP HOME appena inaugurata a Milano. Aperta su appuntamento e durante le Fashion e Design Week. www.jphome.eu
Lispirazione tutta naturale, e arriva dallosservazione del variare della luce fra gli alberi nellestremo Nord. Cos nasce The Woods, scultura di vetro ideata da due studi di design norvegesi, StokkeAustad e Andreas Engesvik, Oslo (nel ritratto; gi noto in Italia per la lampada Blom, firmata per Fontana Arte). Oggetto poetico che esplora il confine fra design e art&craft, composta da sette alberi divisi in due sezioni e viene proposta in due palette di colori (questa, pi invernale, e laltra a dominante verde). In vetro soffiato e lavorato a mano, si pu acquistare su richiesta sul sito del designer: www.andreasengesvik.no

36ELLE DECOR

SIREN LAUVDAL

Si chiama Cartabianca il versatile divano dalle linee minimal disegnato da Giorgio Soressi per Erba. Con piedini in acciaio satinato e rivestimento in tessuto o pelle, in misure fisse da 2 o 3 posti o componibile: qui, il modello di due elementi, cm 350x113, da 4.670 ca. www.erbaitalia.it

DECORscouting
Invenzioni, curiosit, address in giro per il mondo: tutto da scoprire
a cura di Ruben Modigliani - hanno collaborato Grazia Baccari e Francesco Marchesi

VINGT-TROIS DISQUES VIDS PLUS DOUZE MOITIS ET QUATRE QUARTS FELICE VARINI - PHOTO ANDR MORIN

FELICE IL MAGO/ Le opere dellartista svizzero Felice Varini sono segni misteriosi che spesso attraversano intere facciate di edifici, come il Grand Palais di Parigi (in foto). Osservati da un preciso punto di vista, si ricompongono e disegnano geometrie perfette. Il suo lavoro viene oggi raccontato da un libro, Place by Place (Lars Mller, 60). Spettacolare. www.varini.org, www.lars-mueller-publishers.com

ELLE DECOR 39

DECORSCOUTING

ATTIMI PREZIOSI Lo store Relojeria Alemana sullisola di Maiorca, progettato da Paloma Hernaiz e Jaime Oliver, un ambiente in apparenza rigoroso dominato da cinque grandi cubi dorati, quasi uninstallazione minimalista. Che, per, nasconde salottini di vendita fatti di morbido tessuto e tinte pastello. www.relojeriaalemana.com, www.ohlab.net

ETNICO SHOCK Colori decisi e grafiche che non passano inosservate per le African Bowls di Folk of London. Realizzate in Sudafrica da Wola Nani, ente no profit che aiuta le vittime dellHIV, rivedono i classici tessuti africani, trasformandoli in elementi darredo. www.folk-oflondon.myshopify.com

LETTERATURA MORBIDA Nuovi linguaggi estetici da comporre e lopportunit unica di trovare finalmente le parole giuste per accompagnare i proprio momenti di relax, grazie agli Alphabet Cushions. Una linea di cuscini, ideata da SueTimney per The Rug Company, che combina tipografia e seducenti pattern su soffice lana. www.therugcompany.com

40ELLE DECOR

JOSE HEVIA

DECORSCOUTING

C chi la definisce la fotografa dellinvisibile. Infatti JeeYoung Lee, giovane artista coreana, vuole rappresentare nelle sue immagini ci che proviene dal suo cuore, dalla sua memoria, dai suoi sogni. lei stessa che nel suo studio costruisce installazioni oniriche che vedono al centro la sua persona, anche se mai ritratta di fronte o in primo piano, e poi le ferma con il suo obiettivo, trasformando in concreto il suo mondo interiore (dallalto in basso, da sinistra a destra: Nightmare, Panic Room, Treasure Hunt, My Chemical Romance, Maiden Voyage e Nightscape). La galleria Opiom, nei pressi di Cannes, una location di 500 mq creata da un collezionista appassionato di fotografia e scultura contemporanee, le rende omaggio con una personale dal 7/2 al 7/3. www.opiomgallery.com

42ELLE DECOR

OPIOM GALLERY 2014

STAGE OF MIND

DECORSCOUTING

SFUMATURE DOC Dalle provocazioni della body e performance art alla quiete di una buona lettura. Etnia Barcelona propone la linea di occhiali Sole, realizzata utilizzando il celebre International Klein Blue, tonalit creata (e brevettata) dallartista francese Yves Klein nel 1956 e diventata suo colore-simbolo. www.etniabarcelona.com

COMFORT RIBELLE Cinque personaggi storici, cinque volti iconici del XX secolo che hanno profondamente segnato il loro tempo. Per la collezione primavera/estate 2014 Monica Sarti sceglie lo spirito rivoluzionario di Salvador Dal, Frida Kahlo, Gandhi, Andy Warhol e Jean-Michel Basquiat, immortalandoli sulla nuova linea di preziose e ricercate sciarpe firmate Faliero Sarti. www.falierosarti.com

44ELLE DECOR

FRANCESCO PIZZO

APPRODI PER CREATIVI Apre a Milano, in via San Damiano 9, lo showroom di Fragile. Oltre 200 mq immaginati da Alessandro e Francesco Mendini, e arredati da Studio Pepe, un contenitore attivo dedicato a tutti gli appassionati di design. In esposizione arredi, lampade, gioielli e ornamenti firmati dai maestri del 900, disponibili anche in versione virtuale sulla nuova piattaforma internet. www.fragilemilano.com

DESIGN DIGITALE

ILLUSIONISMO HI-TECH
di Laura Maggi - foto di Charles Emerson

Acqua, aria e luce. Elementi naturali che il designer Simon Heijdens traduce in magiche visioni digitali e no. Con effetti assolutamente speciali

Phare N 1-9, questo il titolo dellinstallazione visionaria e sperimentale di Simon Heijdens che ha debuttato a Design Miami/2013. Un progetto su commissione di Perrier-Jout.

ELLE DECOR 47

DESIGN DIGITALE

SIMON HEIJDENS PROFESSIONE/ Designer. DATA E LUOGO DI NASCITA/ 1978, Breda, Paesi Bassi. NAZIONALIT/ Olandese. STUDI/ Cinematografia sperimentale allUniversit di Berlino, Conceptual Design alla Design Academy di Eindhoven (cum laude, 2002). SEGNI PARTICOLARI/ Il lavoro di Simon mescola il narrativo e il tangibile. Usa il concetto della coincidenza per tracciare e rivelare lessenza nascosta degli spazi e degli oggetti che ci circondano nella vita di ogni giorno. Dopo aver fondato lo studio a Rotterdam, ora vive e lavora a Londra.

JAMES HARRIS

48ELLE DECOR

A Milano, nellormai lontano 2006 ci aveva stupito con un albero che perdeva le foglie al passaggio di un pedone ignaro: Tree (cfr. Elle Decor, giugno 2006) era in realt una proiezione luminosa sensibile e reattiva come Lightweeds, lopera floreal-digitale ora al MoMA di New York. A dicembre, a Design Miami/2013, Simon Heijdens, designer di origine olandese con base a Londra e un campo dazione che spazia dagli States ai Paesi Arabi, ci ha sorpreso con Phare N 1-9, installazione visionaria e sperimentale dove vetro e acqua interagiscono con la luce, il sole e laria mutando continuamente lapparenza della superficie. Unopera apparentemente semplice (contenitori in vetro soffiato a mano e sospesi), frutto di una tecnologia complessa, della quale il designer rivela poco (forse per mantenere il magic?). Ci ha raccontato che sfruttando le qualit dellacqua e il principio di rifrazione della luce, i fari si trasformano in lenti in grado di proiettare pattern, nel loro apparire e scomparire, dai contorni bianchi. Lacqua diviene cos una superficie narrativa che, grazie alla fluidit, rivela le increspature descritte dal passaggio dellaria, che, inaspettatamente, si trasmettono di vetro in vetro e creano unimmagine autonoma nello spazio. Questo il briefing ricevuto dal committente Perrier-Jout: creare un work of art che rispondesse ai dettami ispiratori dellArt Nouveau, movimento nel Dna della maison di champagne che, nel 1902, aveva chiamato a collaborare Emile Gall. Come sottolinea Axelle de Buffevent, Style Director di Martell Mumm Perrier-Jout: Phare N 1-9 porta lethos dellArt Nouveau nel XXI secolo e crea unesperienza emozionale diversa da ogni altra, oltre a esprimere la personale visione dellartista del mondo naturale. E dopo aver sfidato aria, acqua e terra (con Clean Carpet, al tempo del suo esordio), a Simon non rimane che affrontare il fuoco.t Simon Heijdens, 4 Temple Yard, Temple St., London, t. +44.20703 33457, www.simonheijdens.com; www.perrier-jouet.com
Lightweeds, un affresco floreale inconsueto, composto da organismi digitali luminosi che rispondono al passaggio dei visitatori: dai fiori cadono i semi che generano nuove piante fiorite secondo un ciclo sempre rinnovato (al MoMA di New York, dal 14/2/2014 al 31/5/2015). Accanto, Shade, opera del 2011 dove una speciale pellicola filtra la luce naturale e proietta giochi dombre, The Art Institute of Chicago.

ELLE DECOR 49

VALENTIN LOELLMANN
di Tatjana Quax - foto di Inga Powilleit - testo di Marzia Nicolini

Designer/artista, 30 anni. Siamo andati a trovarlo nel suo atelier, una ex fabbrica di cappelli nel cuore di Maastricht. Dove crea pezzi unici (e accumula piante)

COPPIA DARTE/ Valentin e Jip, studentessa darte, pittrice e sua compagna, ritratti nella loro casa sul fiume, poco fuori Maastricht.
50ELLE DECOR

ELLE DECOR INCONTRA/1

DESIGN COME ARTE/ Nello studio, legni ancora grezzi e pezzi gi ultimati. Loellmann spesso sceglie i suoi materiali passeggiando nei boschi.

ELLE DECOR 51

EFFETTO SERRA/ Il giardino dinverno, con accesso diretto dallufficio di Valentin. Al suo interno trovano posto oltre 30 alberi da frutto.

SPIRITO VERDE/ Latelier pieno di piante, passione di Valentin. Che sogna di diventare giardiniere.

PRT--PORTER/ Un pezzo del 2010, commissionato come scenografia per una sfilata.

PROFESSIONE/ Designer e artigiano. DATA E LUOGO DI NASCITA/ 17/4/1983, Mllheim, Germania. NAZIONALIT/ Tedesca. STUDI/ Accademia di Belle Arti di Maastricht, Dipartimento Product Design. SEGNI PARTICOLARI/ Proviene da una famiglia di artisti, ha studiato insieme al fratello che oggi fotografo, in passato faceva il dj alle feste per guadagnare qualcosa, si appena trasferito con la sua ragazza in una casa poco fuori Maastricht, immersa nel verde. Sognano di creare un piccolo bed & breakfast arredato da loro. Il suo design stato definito organico perch trae diretta ispirazione dalle forme naturali.

AL LAVORO/ Valentin allopera. Il suo metodo ricorda pi la scultura che il design: non realizza schizzi, segue lidea in modo istintivo.

52ELLE DECOR

ELLE DECOR INCONTRA VALENTIN LOELLMANN

SPAZIO CONVIVIALE/ Tra le passioni di Loellmann c anche la cucina. Questa la zona in cui lquipe pranza nelle pause dal lavoro.

ELLE DECOR 53

ELLE DECOR INCONTRA VALENTIN LOELLMANN

FUORI DAL TEMPO/ Ancora il giardino dinverno, che viene sfruttato come angolo di meditazione. Lo sgabello Kruk, un pezzo del 2010.

ra it xt e decor. su elle

Artigiano, designer, scultore. Valentin Loellmann, 30 anni, per curiosit ed entusiasmo si considera un sognatore, un adulto rimasto bambino. Tedesco di Mllheim, nel Sud della Germania, Valentin cresce in un ambiente creativo, esprimendo fin da giovanissimo interesse per la manualit e larte. Ogni piccolo stimolo diventa un progetto artistico. Oggi Valentin designer affermato: la sua ultima collezione di tavoli, Seasons, ha vinto il premio Miglior design contemporaneo alla fiera londinese PAD 2013. Ma i suoi lavori continuano a essere pezzi unici, mai parte di una produzione in serie. Voglio che nascano dalle mie mani, spiega, a costo di produrre meno. Tutto, nel processo creativo, rivela ispirazione e sogno: per i suoi oggetti Valentin va nel bosco a cercare i pezzi di legno migliori; non fa mai schizzi, ma segue istintivamente le idee, senza razionalizzare n pensare alle convenienze di mercato. Questo percorso poco convenzionale ha per dato i suoi frutti: i suoi lavori sono richiestissimi da privati e fondazioni, su tutti Marie-Brangre Gosserez, fondatrice dellomonima galleria parigina, che parla di un disegno senza tempo che attrae spontaneamente. La maggior parte delle creazioni racchiusa nel grande atelier dove Valentin lavora, insieme a un piccolo gruppo di collaboratori (tra questi c la fidanzata, Jip Linkens, studentessa di belle arti). Il luogo unex fabbrica di cappelli di oltre 450 metri quadrati, situata in unarea centrale di Maastricht, da cinque anni citt adottiva di Valentin. Dopo essere rimasto in affitto per quasi quattro anni, ora Valentin ne diventato proprietario. Sentendosi padrone di modificare il layout interno, creando accanto al laboratorio una cucina (altra attivit che ama molto), unarea lounge e una biblioteca. Ma il suo angolo preferito dellatelier un altro: il giardino la parte a cui pi affezionato, quella a cui ha dedicato le maggiori attenzioni. Allinizio mi ero impegnato a comprare una pianta per ogni pezzo venduto, racconta. Poi ho dovuto smettere: non ci stavano pi. Oggi, per, il laboratorio affiancato da un bellissimo giardino dinverno, che al suo interno contiene oltre trenta piante da frutto, principalmente agrumi. E ne sto costruendo un altro, aggiunge orgogliosamente Valentin. Che tra i suoi sogni nel cassetto coltiva anche quello di diventare, un giorno, giardiniere.t www.valentinloellmann.de

54ELLE DECOR

ART & CRAFT

STORIE DIPINTE
di Paola Carimati

Dal Sudafrica la bellezza primitiva di Ruan Hoffmann, il poeta della ceramica. Un artista conosciuto per la forza espressiva delle sue opere, apparentemente imperfette e misteriosamente vere

Tra i pezzi dellartista sudafricano, Let It Go: un piatto in argilla e fibra di cellulosa caratterizzato dai profili imperfetti. Lapidario il messaggio.

ELLE DECOR 57

ART & CRAFT

Linconfondibile segno poetico di Ruan Hoffmann caratterizzato da forme irregolari, colori decisi e pensieri che raccontano la sua storia.

58ELLE DECOR

ART & CRAFT


Dallalto verso il basso: Aksie Boekenstorm, unopera su carta ispirata alla mappa geografica di Amsterdam; Ruan Hoffmann ritratto nello studio della capitale olandese mentre completa il suo lavoro; due vasi, tra i pezzi in mostra dal 12 al 29 marzo alla Galerie Rebours a Parigi.

Pittore, artista, ceramista. Ruan Hoffmann un quarantenne che vive ad Amsterdam destate e a Johannesburg dinverno: un cittadino del mondo che ama il Sudafrica. Terra di grandi contraddizioni e alla quale il mio lavoro deve molto, sostiene lautore, Anche se ci che conta per me sono le idee, non i confini. I suoi, pi che oggetti, sono messaggi, ironici, a tratti anche sarcastici, raccolti su forme ruvide e primitive, come la materia dalla quale nascono. Sono opere potenti: sorprendono, affascinano e spaventano perch nascondono qualcosa di misterioso. Ruan scrive solo ci che sente. Ho iniziato quando ancora studiavo. Allinizio lapproccio era di tipo tradizionale, poi, mentre frequentavo luniversit a Pretoria, esplosa la mia trasgressione. Da allora sono passati circa 20 anni. C chi dice che la sua arte spesso specchio delle sue inquietudini. Ma a lui piace sottolineare laspetto positivo delle emozioni: Lesperienza di essere vivi quello che mi interessa. Contrariamente a quanto si possa dedurre guardando i suoi pezzi, Ruan si definisce un tipo domestico. Lavoro la maggior parte della giornata. Poi mi piace cucinare e anche trascorrere le ore nel mio giardino. E certo, s, mi piace anche viaggiare. Tanto quanto le sue ceramiche, che negli ultimi tre anni hanno fatto il giro del mondo: da Cape Town a New York e da marzo a Parigi, dove alla Galerie Rebours verr inaugurata la sua personale (Ruan Hoffmann, New Drawings and Ceramics, 12-29/3/2014). La mostra vedr protagonisti i disegni che ho realizzato ad Amsterdam, alcuni nuovi pezzi (ancora da disegnare) e grandi vasi. Ruan non un ceramista tradizionale, ma uno sperimentatore. Forse anche per questo che il suo lavoro tanto apprezzato in parti del globo culturalmente distanti. Lavoro a lungo limpasto di argilla e fibre di cellulosa sino a ricavare un composto particolarmente duttile e poroso, utile a ottenere lo spessore che desidero e a trattenere la forza espressiva del colore. Cos nelle mani dellartista la superficie tridimensionale della ceramica diventa una tela sulla quale prendono vita creature delicate e rare, al tempo stesso astratte e simboliche. Quello che affascina del suo lavoro che non mai perfetto, al contrario i suoi pezzi accolgono lerrore, la sbavatura. E questo tipo di attitudine, di sensibilit, lo rende unico e inimitabile. per questo che i suoi oggetti non sono elementi decorativi, ma un paesaggio di tante piccole storie, che fissano un momento. Fermiamoci a guardarle.t www.ruanhoffmann.com
60ELLE DECOR

JEREMY KUPER

ADDRESS A MILANO/1

MODA A PALAZZO

di Rosaria Zucconi foto di Max Rommel

Incontro di affinit elettive nella nuova boutique Antonia. Tra Vincenzo De Cotiis, progettista dalla sensibilit artistica, e il guru della moda Antonia Giacinti
Ritratto allo specchio di Vincenzo De Cotiis, nello spazio Antonia nello storico Palazzo Cagnola a Milano. Il lampadario in ottone di Progetto Domestico.

ELLE DECOR 63

La sequenza degli ambienti, filtrati dalla luce, liberi dalla classica divisione tra spazio uomo-donna, invita ad apprezzare la maestosit dei volumi unita alleleganza delloriginale interior design.

64ELLE DECOR

ADDRESS A MILANO

ELLE DECOR 65

ADDRESS A MILANO

66ELLE DECOR

Divani color prugna, di Progetto Domestico, su un tappeto di Nilufar, accolgono le clienti nella boutique-casa di Antonia Giacinti. Notevole, nella zona uomo, linserto di marmo dalla texture mimetica satinato a effetto polveroso, di Antolini. Divani in pelle bianca per una shopping experience in totale comfort.

Da cinque anni un filo fatto di stima, amicizia e affinit estetico-culturali, lega Antonia Giacinti a Vincenzo De Cotiis. Naturale quindi che il progetto della nuova boutique multibrand Antonia porti la sua firma. Un progetto totalmente De Cotiis, frutto di una creativit visionaria, sintesi di un codice espressivo unico, in cui latteggiamento artistico a tenere uniti larchitetto e il designer. Mi piace attingere a tutte le forme darte, quando disegno un mobile o uno spazio lo immagino con una precisa espressivit materica; oggi gli ambienti si scompongono, si dilatano, la tecnologia li ha liberati da vincoli architettonici per renderli capaci di accogliere e dare emozioni. In questo la decorazione ha un ruolo importante, come espressione pi comprensibile del cambiamento. Per me fare decorazione andare oltre, cerco i contrasti, gli accordi impossibili tra passato e presente. stato esaltante intervenire in uno spazio dalla struttura maestosa per rileggerlo alla mia maniera, avendo per di pi lopportunit di disegnare quasi tutto. Coinvolgente, allegra, diretta, Antonia, dopo aver dato carta bianca a De Cotiis, si dichiara entusiasta del progetto: Palazzo Cagnola, storica sede della ragioneria del generale Radetzky, con la sua monumentalit poteva indurre una sorta di soggezione. Vincenzo ha sublimato i segni del passato mettendoli in relazione con un interior design contemporaneo di matrice artistica. Il risultato: ambienti raffinati ma accoglienti come quelli di una casa. Non ci sono vetrine nella boutique multibrand Antonia, ma si entra e ci si muove a proprio agio, tra contenitore e contenuto c totale identit, entrambi espressione delleccellenza e della ricerca, nella moda come nellinterior design. Nessuna divisione tra spazi uomo-donna, se non una sensibilit pi maschile nella scelta dei materiali, come il raffinato marmo satinato con effetto polveroso, contrapposto al marmo cipollino dalla preziosit pi dichiarata. Su pareti grezze, dalla texture forte, le librerie in plexiglas, un progetto modulare stile anni 70, con innesti di giunti in ottone, diventano espressione artistica nel contrasto con lo sfondo dlabr. La loro essenza liquida, brillante, trasparente soprattutto di sera perch il materiale elettrificato allinterno, suggerisce una visione onirica-sospesa delle proposte-moda. Nella boutique Antonia gli ambienti si susseguono, puliti, aperti, con i loro volumi precisi, filtrati dalla luce, arredati con estrema eleganza. Grandi e accoglienti divani, tappeti, panche razionaliste, lampadari-scultura, tendaggi in seta grezza, rappresentano lo stile Milano, capitale della moda e del design.t Antonia, via Cusani 5, Milano, t. 02.86998340. www.antonia.it

ELLE DECOR 67

ELLE DECOR INCONTRA/2

FRED MEYLAN
di Maria Van der Straaten foto di Sylvie Becquet

A Parigi, nello studio del fotografo francese, proprio di fronte a Colette: uno spazio molto vissuto e che al tempo stesso sembra essere sospeso nel passato, tra dcor e magia

FRED MEYLAN PROFESSIONE/ Fotografo di moda DATA E LUOGO DI NASCITA/ 4/5/1961, Amiens, Francia del Nord NAZIONALIT/ Francese STUDI/ Ha frequentato una scuola di economia e management SEGNI PARTICOLARI/ Nella sua professione cerca una visione globale, che includa la vita personale, la famiglia, la passione per lo sport, partendo dal principio che tutto legato... www.fredmeylan.com

68ELLE DECOR

La sala shooting, con camino e specchiera depoca. Davanti allo scrittoio sedia vintage di Vitra, come le due sedute Tolix. Pavimento e infissi sono originali della casa. Accanto, un ritratto di Fred Meylan.

ELLE DECOR 69

ELLE DECOR INCONTRA FRED MEYLAN


Lufficio di Meylan con scrivania i-Con di Michiel van der Kley per Arco, sedia Smoke Dining di Maarten Baas per Moooi; lampada 265 di Paolo Rizzatto per Flos. Salottino vintage con sedie LCM e tavolino di Charles & Ray Eames. Sospensione e applique Ilford di Tekna.

70ELLE DECOR

ELLE DECOR 71

Sulle pareti lasciate volutamente scrostate o con la tappezzeria originale, immagini contemporanee in b/n o a colori, tratte dalle campagne per Zadig&Voltaire
Entrare in queste stanze uguale a innamorarsene: c una speciale magia che traspira dai muri e viene esaltata dalla luce che entra dalle finestre. quello che successo anche a lui, la prima volta che ha messo piede al terzo piano di questo edificio. Lui Fred Meylan, fotografo, sguardo intenso, viaggiatore, grande esteta, uomo attento ai dettagli come allintero. La prima volta che sono arrivato qui, stato un coup de cur, era ancora latelier un po in disuso di un tappezziere. Lui e sua moglie lavoravano e vivevano qui da pi di 50 anni, sui muri tracce di papier peint del XVIII secolo. cos straordinario trovare uno spazio ancora intatto, non corrotto, nel cuore del mondo della moda, qui siamo proprio di fronte a Colette. Poter fare un mestiere come il mio, in un posto come questo, mi d molta soddisfazione, questo luogo per me fonte continua dispirazione. Racconta che non stato semplice entrare senza stravolgere, tutto era obsoleto; ha cercato di mantenere il pavimento originale e dove possibile anche i muri, ha fatto realizzare un impianto elettrico allantica. Tutto sembra essere come fermo nel tempo, ma contemporaneamente laria che si respira del presente, le finestre affacciano sulla strada pi fashion di Parigi, le immagini alle pareti raccontano donne di oggi. Qui Meylan, insieme ai suoi assistenti, organizza il lavoro e scatta; quando ha bisogno di pi spazio si sposta negli studi Pin-Up nel 14esimo, o spesso allestero. Passo molto tempo in studio e ci ritorno volentieri dopo i viaggi e gli shooting in esterno, anche i clienti vengono qui con piacere e, una volta al mese, nella sala riunioni, che alloccorrenza diventa anche make up studio e dressing per le modelle, organizziamo cene con un cuoco italiano, alle quali mi piace invitare persone molto diverse: industriali, artisti, campioni sportivi.... Ci che affascina di questo luogo il mix di stili: una cornice decisamente rtro, pezzi vintage, altri di design, insieme a semplici mobili in metallo disegnati dallo stesso Fred Meylan. Appassionato di design, raffinato brocante, anche interior decorator delle sue case. Attualmente ho tre luoghi di vita, la casa e il mio studio di Parigi, e la mia dimora in Corsica. Tutti e tre sono stati concepiti e arredati in modo completamente diverso (ma la regia attenta e puntuale, sofisticata la scelta dei pezzi; non uguali, c per un fil rouge che li lega, ndr), infatti la decorazione la mia altra passione, oltre alla fotografia. Amo i luoghi belli, il piacere degli occhi un bisogno primordiale per me, e bello non significa iper design: cerco un giusto equilibrio tra gli stili, larmonia tra gli oggetti.t

72ELLE DECOR

ELLE DECOR INCONTRA FRED MEYLAN

In primo piano la scrivania di Michiel van der Kley, la sedia di Moooi e sul fondo la EA 217 degli Eames per Vitra. Accanto, sulla libreria, scultura di Csar e lampada di Alterego Design. In corridoio le pareti sono rivestite in papier peint originale; vintage il tavolo Reale di Carlo Mollino.

ELLE DECOR 73

Anche gli arredi sono un omaggio agli anni Cinquanta: come, nel soggiorno, le sedie CM 190 di Pierre Paulin, del 1959; o la lampada da terra in legno Mante religieuse di Rispal, del 1955.

74ELLE DECOR

ARCHITETTURA DAUTORE

LE CORBUSIER RITROVATO
di Jrme Aumont - foto di Bruno Comtesse

A pochi chilometri da Parigi, una casa che porta il segno del maestro. Salvata e ristrutturata, in omaggio agli anni 50, da un architetto entusiasta e appassionato

ELLE DECOR 75

Dallalto, in senso orario, sulla console in ingresso, una collezione di candelieri in argento svedesi degli anni 60. In sala da pranzo, il tavolo in mogano e la credenza incassata sono di Charlotte Perriand, mentre, dalla finestra, si scorge il Cabanon in giardino. Lo scultoreo caminetto in ferro stato progettato da Iannis Xenakis, che lavor con Le Corbusier; le poltrone Visiteur di Pierre Guariche sono tappezzate con stoffa Kvadrat. Accanto, la casa dallesterno: il primo progetto, del 1955, a firma di Le Corbusier, stato terminato dal suo allievo Andr Wogenscky.

76ELLE DECOR

ARCHITETTURA DAUTORE

Una casa di campagna firmata da Le Corbusier. Anzi, per la precisione disegnata da Le Corbusier nel 1955, e poi terminata da Andr Wogenscky, allora suo allievo. questo il segreto della dimora che vedete in queste pagine, nella Valle de Chevreuse, a 40 chilometri da Parigi. Come ci arriv Le Corbusier? Semplice: il cliente era Sir Ducret, suo consulente finanziario e responsabile della vendita dei suoi quadri e disegni. Ma nel 1957 ledificio non era ancora stato costruito e, al ritorno di Le Corbusier dalle vacanze estive, le relazioni tra i tre gentiluomini si erano apparentemente deteriorate. Gi, succede che i clienti non siano soddisfatti, neppure degli architetti pi mitici! E alla fine Ducret chiese a Wogenscky di terminare il progetto, basandosi su un modello pi sobrio. Ma lallievo non trad il maestro: per restare fedele ai principi e allestetica di Le Corbusier, la casa fu costruita seguendo la sua teoria architettonica Modulor (una scala di proporzioni basata sulle misure del corpo umano). E poi? Piccolo salto temporale fino al 2000, quando larchitetto Alec de Lussanet de la Sablonire vide in vendita la residenza in un annuncio. Incredibilmente lagente immobiliare contattato tent di dissuaderlo, definendola lugubre, fredda e poco pratica. Ma de Lussanet, da architetto appassionato, aveva gi capito che cera limpronta di Le Corbusier: Dissi allagente che volevo vederla subito. E non appena entr, riconobbe luso del calcestruzzo armato, il disegno delle scale, la successione delle finestre a nastro, finestre come lunghe aperture orizzontali sulla facciata. Un coup de foudre! La compr subito. Le finestre della casa, che su due piani, si affacciano sul giardino, su un ruscello e, sorpresa, su un Cabanon identico a quello che Le Corbusier costru per s a Roquebrune, nel Sud della Francia, una sorta di capanno che guarda il mare, poi diventato icona darchitettura. Pi tardi scoprimmo che anche questo era stato creato per essere trasportato in spiaggia, sotto il mitico Cabanon appunto, dice de Lussanet. Ma sarebbe stato troppo vicino allacqua, non avrebbe resistito alle onde. Cos fin qui, in questo giardino. Storie meravigliose per un architetto, e raccontate di prima mano: perch, dopo aver comprato la casa, de Lussanet venne a sapere che Wogenscky e sua moglie, la scultrice ungherese Marta Pan, vivevano poco lontani. Li incontrai. Mi raccontarono loro del Cabanon, e di come Maurice Bjart ci visse mentre Marta Pan scolpiva alcuni pezzi per uno dei suoi balletti. E poi, una meravigliosa tentazione: chiedere un consiglio allo stesso Wogenscky. Gli sottoposi il mio progetto di ristrutturazione. Mi disse che era perfetto, e ricalcol le dimensioni per mantenere le proporzioni Modulor. Mi diede anche qualche consiglio sui colori. Ci vollero due anni per il restauro; compreso quello di un pavimento che de Lussanet studi apposta, con una miscela di polveri di marmo. Cos speciale che poi fond una societ che si occupa della commercializzazione di vernici e pavimentazioni da lui ideate. Quante storie in una casa Visionarie ma allo stesso tempo concrete.t
ELLE DECOR 77

Limpronta di Le Corbusier si nota anche nel corridoio che conduce ai bagni, che presenta lo stesso taglio tondeggiante degli appartamenti della Cit Radieuse, il suo capolavoro a Marsiglia. Un altro segno: le finestre panoramiche di diverse forme e dimensioni, come quelle scavate nella parete della camera da letto, pagina accanto. Il pavimento, una miscela sottile di polveri di marmo, stato studiato e prodotto dallarchitetto Alec de Lussanet de la Sablonire, che il nuovo proprietario della residenza.

78ELLE DECOR

ARCHITETTURA DAUTORE

ELLE DECOR 79

ADDRESS A MILANO/2

Una vista suggestiva del ristorante attraverso la maglia metallica che scherma le vetrate. Accanto, Andrea Berton e loriginale tavolo dello chef: una bussola innestata tra sala e cucina.

80ELLE DECOR

BERTON PRENDE CASA


di Rosaria Zucconi e Francesca Benedetto - foto di Nathalie Krag

A Porta Nuova, nel district dei grattacieli, Andrea Berton propone, in uno spazio su disegno di Vudafieri Saverino Partners, i suoi piatti moderni, nitidi e immediati

ELLE DECOR 81

ADDRESS A MILANO

Tengo molto alla qualit dellambiente di lavoro. Amo stare in cucina, illuminata come la sala da ampie vetrate, a contatto con la mia brigata. Se il cliente vuole pu vivere unesperienza gastronomica site-specific direttamente nel nostro spazio

Dallingresso, definito da lastre in cristallo, si ha la visione completa del ristorante Berton, nella torre progettata da Kohn Pedersen Fox a Porta Nuova. Berton nella cucina realizzata su misura dalla ditta Manicor. Accanto, una porta asimmetrica, pezzo unico di artigianalit rivestita di tasselli di olmo sfalsati, separa la sala dal priv, arredato con tavolo anchesso asimmetrico, attrezzato per ospitare business lunch. Protagonista della cucina Berton sar il brodo, massima sintesi dellingrediente principale di ogni piatto, lessenza stessa del gusto.

82ELLE DECOR

ELLE DECOR 83

ADDRESS A MILANO

ra it xt e decor. su elle

Andrea Berton, cuoco di fama internazionale, molto atteso in uno spazio tutto suo dopo la fortunata esperienza al Trussardi, ha creduto nellavveniristico progetto urbanistico di Porta Nuova Varesine, simbolo della nuova Milano metropolitana e contemporanea, installandosi al pianoterra di uno degli edifici progettati da Kohn Pedersen Fox. Direttamente affacciato su quella che sta diventando la zona verde pedonale del nuovo centro nevralgico milanese, il ristorante di Andrea Berton stato progettato dallo studio Vudafieri Saverino Partners. Lo racconta cos Tiziano Vudafieri: Lo sentiamo molto nostro perch siamo dei fan da anni della cucina di Andrea, che crediamo di conoscere meglio di molti altri. Andrea uno dei cuochi italiani pi interessanti, la sua cucina ha una struttura estremamente rigorosa, naturale, con uno o due ingredienti sorprendenti, che non punta alla dissonanza ma sempre allequilibrio. Linterno che abbiamo progettato per lui un po questo: un volume rigoroso, fatto di linee pure, in cui non c una parete o un piano del soffitto ortogonale o parallelo, senza che il tutto risulti in alcun modo dissonante. I materiali sono semplici per la maggior parte delle superfici (cemento, legno massello spazzolato), su cui loro pallido e lacciaio giocano il ruolo dellingrediente inatteso. C un omaggio ovvio, da architetti ai piani inclinati di Porta Nuova, e alla forma del grattacielo che lo ospita. Insomma, un 100% Vudafieri Saverino perch ragiona sul contesto in cui inserito e perch assomiglia in pieno a chi lo abita. Come conferma Andrea Berton: il mio posto, questo spazio architettonico rispetta la mia filosofia, accogliente, non crea diffidenza, ha una luce speciale, unimmagine spontanea, accessibile, eppure riservata, fa sentire ogni cliente un ospite importante. Il mio pensiero di cucina molto moderno, ha come caratteristica principale limmediatezza. I miei piatti, nitidi, senza fronzoli, sono costruiti intorno a sapori primari, tutti gli ingredienti, e non sono mai molti, sono valorizzati nella loro massima espressivit, in perfetto equilibrio e non si nascondono al palato, n alla vista. La luce naturale un plus, le alte vetrate sono schermate da pannelli di carta pergamena accoppiata che di notte, grazie a un Led interno, diventano elementi discreti di illuminazione. A soffitto lunghi pannelli inclinati degradanti e complementari tra loro creano un effetto mosso e di prospettiva dinamica, con spot incassati, in puntuale corrispondenza dei tavoli che danno perfetta visibilit ai piatti. A sorpresa una bussola in legno di olmo fiammato, innestata tra sala e cucina, rappresenta levoluzione del classico tavolo dello chef.t Andrea Berton, viale della Liberazione 13, Milano. www.ristoranteberton.com

La facciata allinterno della sala principale una composizione di pannelli di acciaio nichelato e ottone su una struttura di base in olmo fiammato. Dallinterno del tavolo dello chef, la vista della cucina attraverso un vetro satinato effetto garza. Accanto, tavoli su disegno in rovere nero, poltroncine Dora in pelle di Giorgetti, ceramiche di Del Monaco. Lampadario su disegno di Vudafieri Saverino Partners.

84ELLE DECOR

ELLE DECOR 85

ADDRESS A PARIGI

ECLETTICO TOM
di Ana Cardinale - foto di Matthieu Salvaing

Ottone, cemento, marmo, tappeti. Eclectic, ristorante progettato da Tom Dixon nel nuovo shopping center Beaugrenelle, tiene fede al suo nome. Tra citazioni anni 70 e cibo cosmopolita

Una parete decorata a rilievo, come una scultura, divide la sala dalla cucina. Un lungo taglio orizzontale mette in contatto i due mondi; i cuochi si affacciano sulla zona dedicata ai cocktail, con tavoli alti e sgabelli.

ELLE DECOR 87

Beaugrenelle un grande centro commerciale nel 15esimo arrondissement di Parigi. Aperto alla fine degli anni 70, stato appena ristrutturato in modo radicale. qui che Tom Dixon ha realizzato il suo primo progetto in Francia: il ristorante Eclectic. Linvito gli arrivato da Philippe e Fabienne Amzalak, il duo dietro ad altri due ristoranti must in citt: Bon e Ma Cocotte al March aux Puces (entrambi progettati da Philippe Starck). Eclectic una brasserie contemporanea, unarchitettura brutalista, un trait dunion tra chic parigino ed eccentricit britannica. Le parti tecniche delledificio sono lasciate a vista per esprimere al massimo il volume, e il cemento declina tutta la sua gamma di texture. In rilievo sulle pareti, alternato allottone dorato. Ma anche a terra, grezzo oppure trattato a cera, addolcito da spessi tappeti che temperano la sua freddezza. Il motivo decorativo che ricorre un po ovunque lesagono, omaggio ai concetti geometrici e modulari degli anni Settanta: lo si trova sulle pareti, nelle panche che circondano i tavoli dellarea centrale del locale. Questa zona arricchita da un lampadario circolare gigante composto da 124 paralumi di metallo traforato, vero punto focale dellambiente. Lilluminazione il cuore di questa grande scenografia. Unorchestra di lampade diverse diffonde una luce morbida, riflessa sulle superfici di legno pregiato, metallo, marmo, lacca. Lo spazio centrale ritmato da grandi panche in pelle colorata e alcove (tutte realizzate su disegno), il lato affacciato sulla Senna invece vede una successione di piccole sale open space. Il menu mixa classici da brasserie parigina e cucina internazionale. Unampiezza di spettro gastronomico che riflette i molti volti di questo ristorante: luogo scenografico per appuntamenti di lavoro, cocktail bar per aperitivi, o anche solo un posto dove fare una pausa dallo shopping (del resto siamo in un centro commerciale). Un punto di ritrovo dallanima molto social. Perfetto per la Parigi del XXI secolo.t Eclectic, 7 rue Linois, t. +33.1.77367000, www.restauranteclectic.fr
Dallalto, la sala centrale con lo scenografico lampadario e i tavoli ad alcova; contrasti di materiali e di colori caratterizzano il progetto. Accanto, nella zona bar pavimento e soffitto sono in cemento, in contrasto con lottone del rivestimento a parete.

88ELLE DECOR

ADDRESS A PARIGI

ELLE DECOR 89

DOLCE VITA AL CAPO


di Kerryn Fischer - foto di Warren Heath e Adriaan Louw/Frank Features/Living Inside

La citt sudafricana sar per tutto il 2014 capitale mondiale del design: convegni, incontri, mostre, eventi. Un buon motivo per scoprire una citt frizzante, creativa. E dotata di una discreta propensione alledonismo

ITINERARIO A CAPE TOWN


The Pot Luck Club, ristorante in cima ai silos di un ex biscottificio, uno dei must della zona di Woodstock (www.thepotluckclub.co.za); accanto, Bronze Age una fonderia darte e di design con annesso spazio espositivo (bronzeage.co.za).

ELLE DECOR 91

ITINERARIO A CAPE TOWN


1 2

1. Rupert Smith e Warren Matthee, fondatori di Olive Studio (2), atelier di design di allestimenti e spazio per eventi (www.olivestudio.co.za). 3. Da Casamento, mobili vintage reinterpretati da Eve Collett (5) con nuovi tessuti e ricami (www. casamento.co.za). 4. Lo chef Luke Dale-Roberts, star emergente a livello internazionale: The Test Kitchen (9, pag. accanto) e The Pot Luck Club (pag. prec.) sono suoi locali (www.lukedaleroberts.com, www.thetestkitchen.co.za). 6. La galleria Whatiftheworld, polo artistico della zona di Woodstock (www.whatiftheworld.com).

Woodstock una zona (ex) industriale tentacolare. Tra i quartieri pi antichi della citt, di recente ha subito una rapida metamorfosi. Diventando super hot

JUSTIN BADENHORST

7. Rosetta Roastery, torrefazione artigianale con caffetteria nel cuore di Woodstock (www.rosettaroastery. com). 8. Da M&Me si trovano abbigliamento per bambini e oggetti di cartoleria dallo stile grafico fresco e poetico, disegnati e prodotti da loro (www.muandme. net); 10. Interno del Birds Caf, piccolo e sofisticato boutique restaurant (127 Bree Street, t. +27.21.4262534). 11. Lartistadesigner Porky Hefer ritratto nel suo studio. Autore di nidi oversize, micro-rifugi abitabili da appendere ad alberi o da poggiare al suolo (www.animal-farm.co.za).

10

11

ELLE DECOR 93

ITINERARIO A CAPE TOWN


1

Laltra area dove si concentra la creativit quella di Bree Street: showroom di moda o di arredamento, laboratori/gallerie di designer. E una sorprendente quantit di caffetterie e ristoranti

6. Brad Armitage, ideatore di locali, ritratto allinterno di &Union, pub raffinato tutto dedicato alle birre artigianali e ai vini di qualit (www.andunion.com). 7. Interno di Jason Bakery, panificio gourmet nellarea di Bree Street: malgrado le dimensioni minuscole, considerato uno dei posti migliori in zona per la prima colazione e il pranzo, con file di avventori a ogni ora del giorno (jasonbakery. com). 8. Da Sababa si va per gustare sul posto o take away cucina mediorientale preparata da due sorelle di origine israeliana, Tal e Nirit Smith (sababa.withtank.com).

1. Lo spazio di Gregor Jenkin (4), tra i pi seguiti furniture designer del Sudafrica; per i suoi pezzi si ispira alle architetture industriali che circondano il suo studio nel quartiere di Woodstock (www. gregorjenkin.com). 2. Lo showroom del giovane progettista Liam Mooney (3), dove trovare mobili, lampade e oggetti darredo prodotti in proprio (www.liammooney.co.za). 5. Ida Elsje, designer di gioielli; con la collega Philippa Green ha aperto Olive Green Cat, galleria specializzata in preziosi (www. idaelsje.com, philippagreen.com, www.olivegreencat.com).

ELLE DECOR 95

ITINERARIO A CAPE TOWN


1 2

1. Headquarters Restaurant il locale per gli amanti della carne: il men ha una sola pietanza, bistecca accompagnata da insalata e patatine (www.hqrestaurant. co.za). 2. Un look Darkie Clothing, marchio di moda molto amato dai giovani di Cape Town (www. darkieclothing.com). 3. Atmosfera da officina e caff mattutino da Deluxe Coffeeworks, torrefazionecaffetteria (www.deluxecoffee works.co.za). 4. Ebanisteria contemporanea per i mobili del designer James Mudge (5), realizzati a mano da lui e dalla sua piccola quipe (jamesmudge.co.za).

A prima vista Cape Town pi un grande villaggio che una metropoli. Al suo centro ha un parco nazionale, sbocca sul mare con spiagge bellissime, le campagne che la circondano ospitano vigneti superbi. Questanno la citt World Design Capital: loccasione per mostrare che oltre alle straordinarie bellezze naturali possiede ben altro. Stazione commerciale di vitale importanza gi dal XVI secolo, qui si respira da sempre unaria cosmopolita. Qui nata (nel 95) e si sviluppata la Indaba Design Conference, evento multidisciplinare che ogni febbraio chiama a raccolta talenti internazionali per una serie di incontri con le industrie creative locali. Un appuntamento che nei suoi ventanni di storia ha posizionato il design come parte integrante del processo di rinnovamento e di crescita del Paese. La Citt Madre, come la chiamano affettuosamente i suoi abitanti, ha due aree dove si concentra la scena creativa locale: Bree Street e Woodstock. Nella prima si respira unatmosfera molto cool, non per niente lo stilista britannico Paul Smith ha scelto di aprire qui la sua boutique: showroom di moda o di arredamento, laboratori/gallerie di designer (molti producono artigianalmente le loro idee) e una grande quantit di caffetterie e ristoranti. Il posto giusto per iniziare la giornata qui Jason Bakery, in realt pi un bancone affacciato sul marciapiede che un vero caff. Ma la coda che c sempre la miglior testimonianza della sua qualit. Quello per terminarla invece &Union, locale dedicato al vino e alle birre artigianali di qualit che ogni sera offre musica dal vivo. I posti da vedere sono molti: la boutique di Chloe Townsend, Missibaba, specializzata in accessori in pelle, o quella di Kirsten Goss per gioielli unici; lo showroom di Liam Mooney, dove trovare mobili e accessori per la casa disegnati da lui, di gusto contemporaneo e con unanima eco. Oppure, visitabile solo su appuntamento, lo studio di Porky Hefer, designer/artista i cui nidi giganti, rifugi da collocare su alberi ma anche in casa, sono stati esposti alla passata edizione di Design Miami/Basel. Laltra zona hot Woodstock, zona industriale tentacolare e uno dei quartieri pi antichi della citt, che di recente ha subito una rapida metamorfosi. Il primo passo stato la nascita, nel 2006, dei mercati chiamati The Neighbourgoods, Designgoods e Kindergoods: un centinaio tra agricoltori locali, panettieri, artigiani, designer e molto altro ancora. opportuno arrivare non troppo tardi la mattina, i prodotti migliori finiscono presto. Ci sono anche parecchi negozi permanenti, specialmente se si tratta di artigianato contemporaneo: Quirky. Me, Heartworks e M&Me. Qui si trovano anche locali premiati e spettacolari come The Test Kitchen (ristorante per gourmet) e The Pot Luck Club (tapas bar), questultimo piazzato in cima ai silos alti cinque piani di un ex biscottificio industriale, entrambi frutto della creativit e dellestro imprenditoriale di Luke Dale-Roberts, britannico ma africano dadozione, nome in ascesa nel panorama della grande cucina mondiale. una zona anche di gallerie (Michael Stevenson, Goodman Gallery). Whatiftheworld, un altro spazio per larte in unex sinagoga, merita una menzione a parte: i suoi fondatori, Justin Rhodes e Cameron Munro (newyorkese lui, sudafricana lei), sono anche gli ideatori del mercato che ha segnato la rinascita del quartiere. Da queste parti sono tenuti in considerazione come delle altezze reali. Da vedere anche la Woodstock Foundry, altro edificio industriale recuperato: qui troviamo Casamento, negozio-galleria di Eve Collett, che recupera mobili vintage vestendoli con nuovi tessuti e decorandoli con ricami; Bronze Age, una fonderia artistica; lo showroom con i mobili di John Vogel, architetto/designer. Unaltra star di Woodstock Gregor Jenkin: i suoi arredi dallo stile pulitissimo (realizzati con materiali spesso di recupero) gli hanno valso una schiera di estimatori. Quando alla fine la stanchezza da turista arriva, il posto dove dirigersi la Devils Peak Brewing Company, locale aperto di recente: sala per la degustazione di birre locali o esotiche (indiana, per esempio) alla spina, ma anche ristorante. un luogo che incarna quel mix di nonchalance e di passionalit che contraddistingue Cape Town. Una capitale del design tutta da vivere.t

6. La piscina olimpionica di Sea Point affacciata sullAtlantico e ha la citt alle spalle. Amatissima dagli abitanti di Cape Town (che la considerano la pi bella del mondo) e aperta tutto lanno, frequentata anche nei mesi pi freddi, quando la temperatura raggiunge i 12 C.

UN ANNO DI DESIGN Il primo evento stato un veglione il 31/12/2013 per festeggiare linizio dellanno da capitale; lultimo sar uninvasione pacifica e creativa, il prossimo 29/11, delle aree pedonali della citt. In tutto 80 appuntamenti senza contare quelli non ufficiali articolati in sei grandi aree: espressivit (moda, arti, cultura); innovazione economica; cibo, acqua e tematiche ambientali; comunicazione, trasporti, societ; istruzione; salute, benessere, sviluppo urbano. Gli appuntamenti da non perdere 26-28/02 Design Indaba Conference (con mostra dal 28/02 al 02/03). 25-28/04 100% Design South Africa. Agosto (date da definire) Mercedes Benz Cape Town Fashion Week. 10-30/08 Open Design Cape Town, evento multidisciplinare: mostre, studi aperti, incontri. 21-29/11 Cities, dedicata allurbanistica e al design della citt. In mostra esperienze da (in prevalenza) Africa, Asia e America Latina. PROGRAMMI, IMMAGINI, IDEE Cape Town capitale online: Facebook: facebook.com/wdc2014 Twitter: @WDC2014 Pinterest: WDC2014 www.wdccapetown2014.com

ELLE DECOR 97

ITALIAN is better

Debutta su questo numero lappuntamento mensile con leccellenza italiana nel mondo: 100% made in Italy. A 360
a cura di Lisa Corva

PAOLO BRAMATI

TI AMO ITALIA/ il payoff della collezione di make up che lo stilista Antonio Marras firma per Collistar. Ti amo Italia non solo sottolinea i valori dellitalianit del marchio, che festeggia i suoi 30 anni, ma anche sinonimo di un progetto complesso e articolato. Collistar nel 2014 lancer infatti prodotti basati su ingredienti nostrani come le mandorle siciliane o luva rossa di Aglianico. Il segno di Marras nel packaging raffinato, e nei nomi: lo smalto Ocra Positano o Rosso Montalcino; i rossetti Mille Baci, Nudo Milano o Rosso Marras. Cio? Rosso sangue, cremisi, bordeaux luminoso: mi piace pensarlo come eredit dei Fenici, afferma Marras, sempre fiero del suo essere sardo. Rossetto: questo che la cattura? S: un segno, una ferita, un tratto rivelatore. Un particolare per il tutto, e deve essere rosso. Del resto sono abituato a Patrizia, mia moglie. Il suo primo gesto la mattina quello di mettersi il rossetto, a memoria, senza specchio. Grazie, Marras: non solo abiti, wallpaper e tappeti. Ora ci regala anche un pensiero beauty. www.collistar.it

ELLE DECOR 99

ITALIAN IS BETTER
GUCCI NEL MONDO It bag e mocassini cult: creazioni con dentro un sogno. Per questo la maison fiorentina ha deciso di esportare non solo le borse, ma anche gli artigiani che le creano, gesto dopo gesto: nascono cos gli Artisan Corner. Nei negozi Gucci di Singapore, Tokyo e Kuala Lumpur saranno allestiti, tra febbraio e marzo, veri e propri laboratori, dove i maestri artigiani realizzeranno in diretta i mocassini con morsetto che hanno appena compiuto 60 anni, ma anche la New Bamboo e la New Jackie, le versioni attualizzate delle borse mito. www.gucci.com

SUPER FRESH IN AUSTRALIA

La terra down under (finalmente) patria di chef gourmet e la cucina, a Sydney in particolare, tra le pi interessanti, complice labbondanza di materie prime super-fresche e linflusso delle tradizioni asiatiche. Conquista tutti il food italiano: non solo con ristoranti, ma anche con empori del gusto made in Italy. Come quelli dei Fratelli Fresh, lodati anche dal Financial Times, che sono arrivati a ben tre location contando sullattrattiva della vera mozzarella di bufala, dellaceto balsamico, del prosecco, dei savoiardi. Tanto che hanno aperto (in alto e qui accanto) una catena di bistrot, i Caf Sopra. Pur essendo, per lappunto, down under, esattamente sotto lItalia! www.fratellifresh.com.au

IL BROCCATO VESTE IL DESIGN

Rubelli, la mitica casa veneziana, ha rivestito alcune sedute di Moroso esposte al Museo di Arti Decorative di Lione (foto, Paper Planes), con un prezioso broccato che riproduce un papier peint del 700 francese. In produzione da questanno. www.rubelli.com, www.moroso.it

DANIEL BOUD

UNA LIVING SHOWROOM A NEW YORK CITY/ Lidea tutta nel nome: Design-Apart. Ovvero un appartamento il primo un loft a Manhattan arredato con il meglio della produzione artigianale italiana, con pezzi anche custom made, che per un anno e mezzo interpreter una living showroom, una sorta di vetrina abitata. Lideatore, il padovano Diego Paccagnella, con alle spalle gi brillanti progetti di social design, ci crede cos tanto che ci si trasferito personalmente, con moglie e bambino. L organizza cene, contatti con clienti, servizi ad hoc: perch le aziende che partecipano allinstallazione, dalle cucine ai divani, lavorano anche su misura. La prossima tappa lAustralia: Design-Apart sta cercando a Sydney un appartamento o una casa terrace da colonizzare. Attenzione: senza pagare un affitto, anche questo fa parte del gioco; ma, dopo il periodo stabilito, la casa viene restituita arredata! www.design-apart.com

GENNAIO_FEBBRAIO 2014 104_MINIMAL SONTUOSO 114_NIENTE DA NASCONDERE 124_FIAMMINGO MODERNO 134_REFRESHING THAI
ELLE DECOR 103

Nel salone principale, il divano Ace in feltro kaki, della Collection Particulire firmata da Christophe Delcourt, e il tavolino Pont-Neuf in pino. A parete lopera Venus di Valery Koshlyakov, accanto lArc de Triomphe for Personal Use di Jimmie Durham.

MINIMAL SONTUOSO
di Jrme Aumont foto di Bruno Comtesse

Nel cuore di Parigi una casa-galleria immaginata tra gli spazi di un htel particulier. Architetture maestose e rigore moderno, in un gioco di sobriet, dettagli ed esclusivi arredi disegnati ad hoc

ELLE DECOR 105

Ancora il living. Sotto i soffitti di oltre quattro metri, ampie finestre illuminano il tavolino Ixx in rovere e acciaio e il divano Ace, questa volta in pelle. Lampadario Baccarat. Pagina accanto, unoriginale parete in acciaio e vetro separa linterno dallesterno.

ELLE DECOR 107

108ELLE DECOR

Per il pranzo, il tavolo in legno laccato Ibu di Jean-Pierre Tortil e le sedie Vic by Delcourt. Il lampadario in vetro di Murano, di Nuova Venier, illumina lopera di Chen Shaoxiong. Pagina accanto, la cucina, dove tutto si cela dietro eleganti pannelli di rovere.

Con una forma imponente che ricorda la prua di una nave, questo meraviglioso htel particulier del XIX secolo nei pressi dellHtel des Invalides, in uno dei quartieri pi chic di Parigi, non passa certo inosservato. Ma laspetto davvero curioso che una volta entrati non si pu fare a meno di chiedersi se si tratti dello stesso edificio. Spazi ampi, soffitti altissimi, ma nessuna traccia delle modanature, dei rosoni e degli ornamenti del passato. Il fatto che Christophe Delcourt e Guillaume Terver dello studio Le Lad non amano troppo le lezioni di storia. Piuttosto, i due interior designer ricercano soluzioni per riportare un edificio alla sua epoca evitando il classico rivisitato, riprogettando ogni casa, per quanto antica, senza mai stravolgerla. Questo edificio portava i segni degli interventi operati nei secoli e aveva perso ogni aspetto significativo del proprio passato, ricordano i due designer, cos labbiamo reinventato interamente in chiave contemporanea. Ci siamo divertiti a sottolineare il contrasto tra le facciate in pietra e un design dinterni particolarmente radicale. In pi, la casa doveva adattarsi alle abitudini dei suoi proprietari, collezionisti di arte moderna con una vita sociale molto intensa. Doveva essere fin dallinizio una sorta di scrigno per contenere i pezzi della collezione, ma allo stesso tempo disporre di sale aperte agli ospiti e zone private. Una sfida impegnativa. In una casa di 800 mq non si pu lavorare come si interviene per un appartamento, spiega Delcourt, abbiamo dovuto fronteggiare lo spazio e plasmarlo, per renderlo grandioso senza che sembrasse freddo o imponente. Dal seminterrato al terzo piano, la gamma dei materiali impiegati volutamente limitata, per evitare ridondanze. Tutte le stanze principali hanno lo stesso pavimento in legno di rovere a punto dUngheria, in versione extralarge, mentre i pavimenti della cucina, del bagno e dellingresso sono di pietra bianca. A rafforzare questidea di uniformit anche le pareti, dipinte con la stessa tonalit di beige o rivestite con pannelli di rovere bianco. Larredamento, interamente disegnato da Christophe Delcourt, comprende molti pezzi unici o realizzati ad hoc. In questo modo, le opere darte sembrano fluttuare in spazi rarefatti e privi di fronzoli inutili, insensibili alle mode del momento. Lunica eccezione forse la sala dingresso, dove stata collocata una sorta di sipario, unappariscente porta scorrevole che ricorda le vetrate di una chiesa. Lo scopo, sottolinea Terver, non era inserire un elemento decorativo, ma marcare un confine netto tra il caos dellesterno e la quiete delle stanze, evitando il classico vestibolo. Ma il marchio di fabbrica di Delcourt & Terver si vede soprattutto nel rigore delle linee e nel talento per i dettagli: soffitti inclinati, scanalature luminose e zone dombra sostituiscono sapientemente gli ornamenti classici, tra giochi di prospettive e di luce, per un mix inconfondibile di leggerezza e di grande capacit nel combinare elementi maestosi e minimal.t
Nel secondo living larte domina, con le pareti occupate in grande parte dal dipinto su seta Eye in the Sky realizzato da Yang Jiechang. Christophe Delcourt firma quasi tutti gli arredi plasmando rovere e pelle per la poltrona, il poggiapiedi e i divani della serie Noe, oltre ai tavolini Uee. Sul fondo, vaso in grs, in edizione limitata, Marly di Olivier Gagnre.

Una sfida nuova da giocare attraverso questi spazi immensi. Ridare lustro allanima della casa, cercando di parlare un linguaggio classico con un accento moderno

ELLE DECOR 111

Sulle scale, Wall Drawing di Adel Abdessemed, realizzato con del filo spinato di Guantanamo. Pagina accanto, nella stanza degli ospiti i tradizionali oeil-de-boeuf convivono con i tavolini Ouk e la poltrona personalizzata da Delcourt.

ELLE DECOR 113

114ELLE DECOR

NIENTE DA NASCONDERE

di Isis-Colombe Combras foto di Karel Balas/MILK/VEGA MG testo di Sebastiano Brandolini

Tutta la casa in una sola stanza, un grande open space. Demoliti i muri e le partizioni di un ex ufficio molto banale, ora la luce forte di Istanbul entra ovunque. Un luogo dove sentirsi in famiglia
Ritratto in un interno: Sefer ag lar, architetto e co-fondatore dello studio Autoban di Istanbul, con la moglie Merve e la figlia Sera. Pareti e pavimento sono bianchi, con i totem neri delle librerie, versione su misura di Reedy di Autoban. Tavolo Pebble Cloud di Autoban per De La Espada, lampada Taraxacum 88 di Achille Castiglioni per Flos e cavallo a dondolo Rocky the Rocking Horse di Marc Newson per Magis.

La zona soggiorno definita da un semplice tappeto, piante e librerie. Lordine informale. In primo piano, prototipi delle poltroncine Box di Autoban per De La Espada; tavolo basso Elliptical degli Eames per Vitra; a parete, lampada 265 di Paolo Rizzatto per Flos.

ELLE DECOR 117

118ELLE DECOR

Sul muro fotografie e opere darte di Sarkis, Erin Seymen, Haluk Akake, Asli avusoglu, Sezer Arici, Ayca Telgeren, Ozan Emre Han, Canan Tolon, Taner Ceylan, Nazim Hikmet e Richard Dikba. A pochi metri luno dallaltro, il tavolo Pebble Cloud di Autoban, e un tavolino su ruote come scrivania. Seduta Plywood Group DCW degli Eames per Vitra.

Nella camera da letto poche cose, ma necessarie e sensuali: il letto Suite con la testiera in legno (di Autoban per De La Espada) che rimanda alla Lounge Chair degli Eames per Vitra, doppi comodini, una parete zeppa di piccole opere.

Forse la prima domanda che ci viene in mente se questo appartamento di Istanbul, candido, bianco e open-space, sia nordico o mediterraneo, o tutte due insieme. Di nordico, ci sono linformalit, il chiarore, gli oggetti di legno, i puzzle fatti di quadri sui muri, un senso di relax e divertimento. Di mediterraneo, la luce, un leggero disordine, il bagno fatto di spesse pietre, il fatto di non poter dare un nome preciso a ciascunarea della casa. Daltronde, sappiamo anche quanto i grandi maestri dello stile nordico del XX secolo, come Asplund, Aalto, Jacobsen, Saarinen, abbiano amato il Mediterraneo, e desiderato importare il suo calore nelle loro fredde terre. Lha progettato Sefer ag lar, uno dei fondatori dello studio Autoban. Con circa 35 persone, lo studio si riconosce nelle buone regole del modernismo, e lavora internazionalmente soprattutto nel campo dellospitalit, cio hotel e ristoranti, viaggi e cibo, lavoro e vacanza: un campo in cui larchitettura, gli interni, larredamento, il lifestyle e il gusto si mescolano fino a formare ununica entit, materiale e immateriale insieme. Anche rispetto allappartamento, dove Sefer vive con la moglie Merve e la figlia Sera, non facile dire a quale di queste sotto-categorie esso appartenga; prima era un ufficio privo di charme, ma inondato di luce, forse anche troppa. Sono stati demoliti pi muri possibile, per ottenere il senso libero dello spazio; la stessa libert fa s che pezzi iconici di Eames possano stare accanto a prototipi di Autoban, senza innescare conflitto alcuno. Altri autori che ag lar riverisce: Mollino, Scarpa, Ruhlmann, Newson. La casa per questa piccola famiglia, e non proprio un luogo di rappresentanza. Il suo senso di comfort dato dal fatto che tutti gli oggetti, una volta scelti (non a caso), sono poi accuditi e amati. Per ag lar, tra oggetto e persona deve crearsi vera empatia, intesa e desiderio reciproci. Spiega: Intanto, la tua abitazione deve diventare un luogo dove ti senti veramente a casa. Qui, devi trovare ci che ami di pi, devi sentirti libero e poter fare quello che vuoi. La casa deve riflettere ci che tu sei e le tue esperienze. Gli oggetti, tanti dei quali sono di seconda mano, fanno s che qui si respirino viaggi, piccoli ricordi. facile che nei prossimi anni compaiano nuove cose, e che la casa perda il suo attuale candore.t

122ELLE DECOR

Il bagno un luogo speciale, con tanto marmo e tanti specchi che dilatano lo spazio. Il doppio lavandino in mezzo quasi un oggetto sacro, senza tempo. Le luci sono a soffitto, mentre il vetro della finestra sabbiato.

La casa ricavata da una vecchia fattoria, di cui stata lasciata intatta la volumetria. Sono per stati moltiplicati gli affacci sullesterno: lucernari sul tetto in corrispondenza delle camere, e grandi pareti in vetro.

124ELLE DECOR

FIAMMINGO MODERNO
foto di Juan Rodriguez e Didier Delmas - testo di Ruben Modigliani

Materiali tradizionali, visione contemporanea. Vincent Van Duysen trasforma unantica casa colonica nella campagna delle Fiandre. Senza alterarne i volumi, ma rivoluzionando i suoi interni. E aprendoli sul paesaggio

Lineare, austero, senza tempo: il paesaggio delle Fiandre Occidentali, in Belgio, una distesa di verde appena ondulata. Una semplicit di linee che, in secoli di storia, ha ispirato edifici dallo stile sobrio e misurato. Larchitetto Vincent Van Duysen, incaricato da una famiglia con due figli di ristrutturare una vecchia fattoria per trasformarla in abitazione, ha lavorato seguendo questa linea di pensiero. Il complesso di edifici (una casa colonica, due grandi fienili e tre piccoli annessi) stato quindi sviluppato nel rispetto dellarchitettura rurale fiamminga tradizionale, tenendo nella necessaria considerazione tutti i vincoli paesaggistici. Ho voluto dare una nuova interpretazione della classica casa rurale delle Fiandre, spiega Van Duysen. Tutti i dettagli del progetto, dallarticolazione della struttura ai materiali usati, nascono da questa idea. Il risultato uno spazio che si inserisce nella tradizione e al tempo stesso la trascende completamente, creando un gioco di contrasti ricchi di significato. Lesterno della casa colonica ha facciate in mattoni kalei (intonacati con uno spesso strato di argilla, tecnica in uso in questa regione) e tetto spiovente, a capanna. A unosservazione pi attenta emergono i primi elementi contemporanei: lo spiovente del tetto interrotto da piccoli lucernari, le pareti sottostanti hanno vaste porzioni trasparenti. Il rosso delle tegole viene amplificato da quello pi intenso delle porte, rettangoli di colore puro: una tonalit sangue di bue che nelle fattorie fiamminghe usata da sempre per porte e scuri delle finestre. Alle due estremit della casa ci sono i grandi fienili, paralleli tra di loro, che

126ELLE DECOR

MARK SEGAL

Nella cucina a tutta altezza il volume sottolineato dallelemento di illuminazione sopra lisola, un lungo segno verticale nero. Accanto, rigore lineare per la sala da pranzo. In basso, Vincent Van Duysen.

Nel living, affacciato sulla corte, una parete interamente rivestita in legno ospita al suo interno scaffalature (come in altri punti della casa) e un camino. La parete a sinistra, invece, scherma lentrata della cucina.

ELLE DECOR 129

Nella cucina trova spazio anche un piccolo salotto, unica stanza a doppia altezza della casa. Accanto, lingresso, un atrio vetrato spettacolare. Il volume pu essere schermato da lunghe veneziane in legno.

delimitano larea di una corte. La leggera pendenza, lampiezza dellorizzonte, la bellezza essenziale del paesaggio con un mulino a vento in lontananza: tutto ha ispirato un intervento architettonico improntato alla misura. Nuove funzionalit sono state inserite nei volumi esistenti modificando poco o niente laspetto esteriore: nel corpo principale ci sono gli spazi comuni al piano terra, e le camere da letto al primo; nei fienili e nei volumi tecnici si snodano una piscina con spazio per feste, un garage, un locale di servizio. Al piano terra della casa colonica gli ambienti sono definiti dagli spessi muri in mattoni rivestiti in argilla e da pareti vetrate che incorniciano la natura e, nella facciata sud, si aprono sulla corte. I robusti volumi in mattoni fanno pensare al passato, ma il gioco degli spazi tutto contemporaneo: grandi aperture permettono un nuovo dialogo, e creano un gioco mutevole e affascinante di prospettive. Tutti i materiali e i dettagli sono frutto di una rilettura della tradizione: i pavimenti in legno o in basalto trattato per avere un aspetto vissuto; i mobili sono costruiti con tavole larghe di quercia, e cerniere e maniglie sono classiche, a vista; lilluminazione fa spesso ricorso a lampadine lasciate nude, senza paralumi. Un lessico estetico rigoroso che si riflette anche nei pezzi darredo scelti: lineari, in materiali naturali come legno e pelle, volutamente senza tempo, spesso accostati a grandi tappeti in fibra vegetale. Le superfici legno, argilla, pietra mettono voglia di farci scorrere le mani sopra. Un dettaglio che conferisce calore a tutto. E inserisce questa architettura in una storia che va avanti da secoli, fatta di uomini e di paesaggio.t

130ELLE DECOR

Il paesaggio, col suggestivo mulino a vento, si riflette nella grande vetrata dellingresso. Accanto, la piscina, ricavata nel granaio alla sinistra della casa. Ledificio ospita anche uno spazio dedicato alle feste.

DIDIER DELMAS

DIDIER DELMAS

ELLE DECOR 133

Una cascata di lampade, sulla perfetta geometria di tavoli nel ristorante di cucina italiana La Sirena. Poltroncine e divani di Gervasoni. Pagina accanto, la piscina lunga 100 m su cui si affacciano ristoranti e beach bar.

REFRESHING THAI
di Rosaria Zucconi - foto di Giorgio Possenti

Paola Navone si rivela ancora una volta maestra nella ricerca e nella rilettura del saper fare artigianale. Per rendere lhotel Point Yamu a Phuket un luogo speciale. Dedicato al benessere totale

ELLE DECOR 135

Uno spettacolo emozionante: il padiglione di ingresso con il mare e le isole come sfondo. A soffitto, lampade di un artista locale. Al centro, uninstallazione di vecchi tavoli, lacche, fiori e piccoli Buddha in sabbia.

ELLE DECOR 137

138ELLE DECOR

Percorsi dacqua e ampie zone di relax per la hall dingresso che, di sera, illuminata da un merletto di luce. Accanto, mani di antiche statue di Buddha in bronzo chiudono la saletta riservata, total white.

140ELLE DECOR

Sulla tipica barca thai si salpa alla scoperta di isole segrete. I giganteschi corridoi hanno pareti che rimandano alle ceste intrecciate. Pesci in mosaico occhieggiano nel ristorante thai. A muro unesplosione di piatti candidi (di Richard Ginori e Reichenbach). Mani esperte tagliano ad arte la frutta per il buffet del breakfast. Nel cubo, con pareti di vetro e sassi, un ascensore porta alle camere. Accanto, sul soffitto della tea room, decori ispirati alla calligrafia thai, sedie e tavoli tradizionali dipinti di arancio, divani Eumenes.

Lincontro di Paola Navone con il mondo dellhtellerie deccellenza non poteva essere pi entusiasmante. Per la committenza, Como Hotels and Resorts, brand di Singapore guidato dalla straordinaria personalit di Christina Ong - gi artefice del successo della moda occidentale in Asia -, e per lopportunit di lavorare allo stesso tempo su due progetti, uno a Miami e laltro in Thailandia. stata, ed ancora, una bella avventura, ci racconta larchitetto Navone. divertente progettare hotel, puoi disegnare tutto, inventare storie, immaginare palcoscenici per momenti di vita felici. Per fortuna i valori del brand mi corrispondono, credo anchio che il rispetto e la valorizzazione dellambiente naturale e culturale in cui lhotel si trova possano determinare un percorso sempre nuovo e stimolante, apprezzo larte dellaccoglienza thailandese, condivido lidea di considerare la Spa come il cuore dellhotel. Ritornare in Asia, dopo averci vissuto e lavorato tanti anni, stato come tornare a casa. Dei thailandesi mi piace tutto: la loro dolcezza, il saper fare artigianale diffuso, unico e prezioso, mi viene facile interagire con loro. Il progetto dellhotel Point Yamu frutto di un avvincente scouting della produzione locale: nel Nord del Paese ho scoperto artigiani dalla vena artistica che hanno creato lampadari-merletto e piccole fabbriche di ceramica in grado di dare forma ai miei disegni partendo da mattoncini forati smaltati di bianco. Tutti hanno lavorato con tenacia, mostrando stupore ed entusiasmo quando hanno visto il risultato finale. Sono certa che dopo queste esperienze cresceranno ancora, pi forti e consapevoli. Ricordo lincontro in una piccola bottega con un falegname che tagliava cubetti di teak da usare per cornici di specchi, e la sua imperturbabilit quando gli ho chiesto di tagliare 9 milioni di pezzi per coprire due pareti del padiglione dingresso, di 70 mq luna. Per lui decisamente un bel salto di scala. A Paola piace lavorare sulle texture, che nellhotel sono tantissime, fatte di sassi, blocchetti in ceramica, materiali diversi intrecciati come nelle ceste delle aragoste, reti di metallo a vestire i rigidi volumi preesistenti. E anche sui colori, dal turchese, che ha rinnovato limmagine delle piastrelle in ceramica molto in uso nel Paese, allarancio, dipinto sui tavoli e sulle poltroncine presenti in tutte le case nel pi classico marrone, fino alle cementine, nella tradizione colorate di rosso e giallo che invece, in grigio e bianco, assumono un aspetto inedito. Un piccolo paradiso, il Point Yamu, su una penisola silenziosa a est di Phuket, con vista sul mare delle Andamane. Un rifugio allegro e colorato, con spazi enormi, come le camere, i corridoi e i salotti, la piscina lunga 100 metri, giardini tropicali e vie dacqua, e i due ristoranti, uno italiano e laltro thai, uniti dalla vocazione bio. Latmosfera vibra di suggestioni, la luce naturale acceca al tramonto e rilassa attraverso gli intrecci in materiali diversi, il personale trasmette grazia e bellezza, lestetica si nutre di tradizioni orientali e design italiano.t www.comohotels.com/pointyamu

ra it xt e decor. su elle

Piastrelle in ceramica sui toni del turchese, di produzione locale, rivestono i bagni e le piscine delle suites. La Spa il cuore dellhotel Point Yamu, dedicata alla tradizione thai del benessere assoluto.

ELLE DECOR 143

144ELLE DECOR

Candidi bagliori nel bagno della presidential suite. Accanto, per addolcire i rigidi volumi preesistenti, larchitetto Paola Navone li ha vestiti con una rete in alluminio stirato grigioverde che crea movimento e passaggio di luce.

ELLE DECOR 145

STORIE di design originale


GIUSEPPE BAVUSO

Da questo numero, ogni mese, una nuova rubrica dedicata ai progetti ad alto tasso di innovazione
a cura di Paola Carimati

Le invenzioni di un industrial designer innamorato dei dettagli tecnici. Che ridisegna per poi nasconderli
Un prodotto pu dirsi tale solo se oltre che nello stile ben giustificato anche nella funzione, lassunto che da 26 anni a questa parte guida il pensiero progettuale di Giuseppe Bavuso, nome noto nel mondo del Made in Italy. Quando mi occupo di industrial design, afferma, il mio lavoro procede per punti di vista, cambi di scala, zoom-in e zoom-out: ripenso il micro per modificare il macro. Il linguaggio creativo di Bavuso elegante e sofisticato. Non somma, ma sottrae: toglie il superfluo formale per aggiungere ricchezza funzionale. Cerniere, viti, sistemi di apertura e chiusura sono il suo mondo: dettagli tecnici tutti opportunamente riprogettati. Cover di Rimadesio frutto di questi presupposti. Lidea di una cabina armadio ad ante battenti (e non pi scorrevoli) trasforma un tradizionale sistema di contenimento in portale autoportante, utile per attrezzare ambienti dedicati o convertire nicchie e piccoli spazi ciechi in veri e propri armadi a muro. Protagonisti gli elementi utili allancoraggio della struttura al soffitto: come nascondere e mascherare tutto lapparato tecnico allinterno di un contenitore di vetro, che, in quanto tale, trasparente? Sei mesi di studio: ma alla fine ce labbiamo fatta. Dallidea allingegnerizzazione del disegno: Cover non ha subito modifiche, perch i prodotti firmati dallo Studio Bavuso nascono per funzionare. E le correzioni in progress sono sempre nellordine del 2-3%. Cos anche Icon, la cucina di Ernestomeda. Lattenzione tutta per lanta Air, una soluzione brevettata. Ho pensato fosse igienico dotare lanta di un filtro di aerazione in grado di favorire il ricambio dellaria stagnante e migliorare la conservazione dei cibi. Ancora un accorgimento, nascosto o mimetizzato oltre lapparenza della forma. E in questo sta la bellezza del segno di Bavuso. www.bavuso-design.com, www.ernestomeda.it, www.rimadesio.it

Dallalto, un disegno e una foto del sistema di contenimento Cover di Giuseppe Bavuso (nel ritratto qui sopra) per Rimadesio. A destra, lanta Air della cucina Icon per Ernestomeda.

ELLE DECOR 147

STORIE DI DESIGN ORIGINALE


UNA LUCE SPECIALE

Dallo spazio, la tecnologia che trasforma un filo di nylon in materiale rigido. La case-history della lampada Planet
Presentata come prototipo nel 2011, la lampada Planet disegnata da Changedesign per Foscarini entrata in produzione due anni dopo. Un progetto particolarmente innovativo perch mutua dal mondo aerospaziale tecnologie e applicazioni che il design ha interpretato in maniera creativa. Dalla contaminazione di due ambiti cos diversi nato un oggetto unico nel suo genere che coniuga inoltre leggerezza ed estetica, e a tutela del quale lazienda ha depositato il brevetto ornamentale. Planet nasce dallo sviluppo di un concept studiato da Dainese e il Mit di Boston, racconta Renato Montagner di Changedesign. Il paralume infatti realizzato in tessuto Dacron di Du Pont, lo stesso utilizzato per le vele delle barche da regata: resistente, non si deforma sotto sforzo meccanico (vento) e termico (sole). La tecnologia di lavorazione scelta, invece, quella utilizzata dalla Nasa per le tute spaziali (studiate per impedire lespansione del corpo in assenza di gravit). Dallinnovazione spinta al recupero dellartigianalit. Per realizzare il ricamo, abbiamo scelto un cordino rosso con esterno in nylon e anima in polipropilene, che scaldandosi si fonde e una volta raffreddato si irrigidisce. Dopo aver ottenuto lesoscheletro della lampada (la struttura autoportante), vi abbiamo inserito allinterno una sfera di gomma dello stesso diametro, cos da consentire al paralume di solidificarsi. Infine, con la fase di cottura a vapore (a 170 C), abbiamo cristallizzato la forma. www.foscarini.com, www.changed.it

Tre immagini per raccontare le fasi di lavorazione studiate da Changedesign per produrre la lampada Planet: il filo di nylon scelto per il ricamo, scaldato e cotto trasforma il tessuto Dacron in paralume.

BE ORIGINAL CATALOGUE

elledecor.it presenta la prima rassegna online dedicata al design dautore. Accessibile dalla home page alla voce di menu Be Original, il catalogo navigabile per prodotti, designer e aziende

148ELLE DECOR

COPYRIGHT CHANGE DESIGN S.R.L

DESIGNnews

Novit su materiali, ambiente bagno, wellness, kitchen, food & c. extra a cura di Tamara Bianchini, Murielle Bortolotto e Paola Carimati

it decor. su elle

VESTIRE LA NATURA/ Tinctorial Textiles una collezione di 13 pannelli tessuti in lana e colorati con tinte vegetali (prevalentemente estratte dalle piante). Frutto della collaborazione tra Raw ed Ecological Textiles, il progetto nasce dalla ricerca condotta sui pigmenti naturali tra i quali sono state scelte le varianti cromatiche di verde, viola e arancio. www.rawcolor.nl

ELLE DECOR 151

DESIGN NEWS

Tradizionale o da ping-pong, ma anche scrivania: You and Me il concept table disegnato dallo studio spagnolo A.P.O. (Antoni Pallej Office) per RS Barcelona. Un progetto che nasce dallaccostamento di materiali diversi: laminato per il piano (disponibile in bianco e nero) e gambe in legno di iroko. Per interni ed esterni (152,5x76x274 cm). www.rs-barcelona.com

Thpg non solo un interruttore, ma un segno elegante e delicato che ricorda quelli del primo Novecento. Realizzato in materiali inediti per un componente tecnico e pregiati come la porcellana, la bachelite e il vetro, rappresenta un esempio di progetto del dettaglio. Naturalmente esistono diverse tipologie: presa elettrica e audio e con pulsante. In vendita da Raw Brera. www.produktgesellschaft.de

comandi preziosi

MARIO FERRARINI parla di Mixis


Presentata da Crassevig nel 2013, la seduta realizzata in multistrato le cui parti sono caratterizzate da spessori diversi. Come nato il progetto? Pensavo a una sedia di legno disegnata idealmente da un nastro. Pensavo a un corpo fluido e a una linea avvolgente. Pensavo a una tecnica di giunzione di massello e multistrato curvato, senza soluzione di continuit. Come si trasforma un disegno in prodotto? Nel caso di Mixis ci son voluti 5 prototipi e 16 mesi per definire i parametri esteticofunzionali utili alla produzione in serie. Per lambiente domestico e per il contract: qual il valore aggiunto di una duplice destinazione duso? Che sicura e resistente, perch ha superato a pieni voti i 200.000 cicli di prova di sforzo meccanico del Catas (istituto italiano per ricerca e prove nel settore legno-arredo). www.marioferrarini.com; www.crassevig.com

Ispirato dalla storia, dal paesaggio e dal carattere della capitale inglese, lo studio Barber & Osgerby ha disegnato Mews: una collezione che trasforma in rivestimento ceramico la variet di texture di mattoni e pavimenti in legno tipici di Londra. La collezione prodotta da Mutina composta da tinte (chalk, clay, fog, rope, pigeon, lead, ink e soot) declinate ciascuna in 15 toni. www.mutina.it

152ELLE DECOR

DESIGN NEWS

Tea Calendar: un vero calendario composto da 365 bustine di t. Lidea nasce dalla collaborazione tra Hlssen (azienda di oggettistica) e Lyon (marchio produttore di t), insieme allagenzia Kolle Rebbe di Amburgo. Unedizione limitata da sorseggiare con cura. www. haelssen-lyon.de elledecor.it

Viola, blu acqua e bianco sono i colori scelti da Klaar Prims per la collezione di cristalli soffiati Upsdwn: piccoli oggetti quotidiani per allestire paesaggi domestici ricercati e conviviali. Si tratta di una serie di bicchieri (sottobicchieri in legno) e ciotole da tavola, disponibili in tre dimensioni:14, 17 e 25 cm di diametro per 20, 25 e 10 cm di altezza. www.klaarprims.be

glass&craft

Volare di Aran non solo una cucina, ma un sistema componibile completo di penisola. Tra le finiture disponibili per mobili e ante: legno e laccato (opaco e lucido), yellow pine, metallizzato e vetro. Moka invece per il top della zona operativa, in laminato con bordo unicolor (spessore 2 cm) e in metallo verniciato testa di moro per quello della penisola, in laminato hpl Quad (spessore 6 cm). www.aranworld.it

Linee estreme per Agricola, il set di posate composto da 24 pezzi, disegnato da Daniele Ardissone per Pinti Inox. Ispirati agli attrezzi che vengono usati in campagna, cucchiaio e forchetta sono pensati per le tavole grintose. 66. www.pinti.it

11 programmi di lavaggio (tra i quali: automatic, eco a 55 C, intenso a 75 e rapido 40, extra silence, delicato e solar save), 14 coperti e comandi con icone a luce Led per la lavastoviglie G 6510 SCU Clean Steel by Miele. Consente un risparmio energetico sino al 40%. www.miele.it

154ELLE DECOR

DESIGN NEWS
Puro Corian per Nordic della collezione Makro Systems di Makro: un sistema con funzione di hammam, composto da vasca e lavabo in Makril e mensola in legno di frassino termotrattato. www.makro.it

la tecnica oltre la bellezza


Bagliori caldi e luminosi per Pin di Signorini, il rubinetto da parete composto da erogatore e miscelatore, entrambi in ottone con finitura cromo lucido. La peculiarit nascosta nel sistema di erogazione (un circuito stampato, brevettato Signorini PWS) che permette una corretta circolazione dellacqua. 547. www. signorinirubinetterie.it

Dello studio americano Rich Brilliant Willing il faretto Monocle: un oggetto ben disegnato che genera un caldo fascio di luce LED. In alluminio fresato (anche nelle versioni nero e oro), il corpo luminoso pu essere usato come applique a parete o plafoniera a soffitto. Info: sales@richbrilliantwilling.com

Direttamente dal Maine (Usa), la serie di teli per bagno in puro lino di Folklore. Realizzati secondo le antiche tecniche di lavorazione artigianale, sono impreziositi da un bordo cucito a mano e da una banda, rossa o blu. Lavabili in lavatrice, con ciclo delicato a freddo, sono perfetti anche come coperta estiva o telo da picnic. Di 106x193 cm. 272. www.shopfolklore.com

MORBIDO & FATTO A MANO

Due sottili lastre di vetro di 6 mm di spessore disegnano uninedita superficie radiante: Thermoglance di Asola Vetro un radiatore elettrico trasparente che funziona per irraggiamento. Un elemento funzionale che diventa parete divisoria (40x60 cm) ad alto rendimento termico (il pannello raggiunge una temperatura di 75 C). Nel bagno diventa anche comodo scaldasalviette. www.asolavetro.com

156ELLE DECOR

&

E se fosse il tuo momento benessere?

is a trademark owned by HACHETTE FILIPACCHI PRESSE SA, Paris, France

Mina Chapman-Corbis.

Regala un momento magico, regala un sogno!


Scopri tutte le esperienze uniche della nuova gamma benessere di Wonderbox su www.wonderbox.it
Benessere & Armonia - 44,90

TM

FOTO DI MAURIZIO SAPIA.

ti aspetta in edicola e in formato digitale per smartphone e tablet con tanti contenuti extra!
Seguici anche su:

COSMOPOLITAN

DOVE&COME

& Tradition, in vendita da Trend House, Costermano (Vr), customer service tel. 045.6200006, www. trend-house.com, www.andtradition.com Alberto Levi Gallery, via San Maurilio 24, Milano, tel. 02.89011553, www.albertolevi.com Alivar, via Leonardo da Vinci 118, Tavarnelle Val di Pesa (Fi), telefono 055.8070115, www.alivar.com Amaaro!, www.amaaro.it Arflex, via Pizzo Scalino 1, Giussano (MB), tel. 0362.853043, showroom c.so Europa 11, Milano, tel. 02.76318162, www.arflex.it Artemide, via Bergamo 18, Pregnana Milanese (Mi), tel. 02.93590254, www.artemide.com Atelier Areti, per informazioni, www.atelierareti.com

E F

e15, distribuito da Canova, via Tortona 31, Milano, tel. 02.83249690, www.e15.com, www.canovamilano.com

Flexform, via Einaudi 23/25, Meda (MB), telefono 0362.3991, www. flexform.it Flos, via A. Faini 2, Bovezzo (Bs), tel. 030.24381, www.flos.com Flou, via Cadorna 12, Meda (MB), numero verde 800.829070, tel. 0362.3731, www.flou.it

Mantis, www.dcw-editions.fr Minotti, via Indipendenza 152, Meda (MB), tel. 0362.343499, www. minotti.com MisuraEmme, via IV novembre 72, Mariano Comense (Co), telefono 031.754111, www.misuraemme.it Moroso, via Nazionale 60, Cavalicco di Tavagnacco (Ud), tel. 0432. 577111, numero verde 800.016811, www.moroso.it Muuto, in vendita da Trend House, Costermano (Vr), customer service tel. 045.6200006, www.trend-house.it, www.muuto.com

Tallulah Studio, via Maroncelli 12, Milano , tel. 02.36579955, www.tallulahstudio.it Trend House, via San Giuseppe Artigiano 17/1a, Costermano (Vr), customer service tel. 045.6200006, www.trend-house.it

Understate, via Varese 20, Milano, tel. 02.62690435, www.understate.it I PROGETTISTI >ADDRESS: MODA A PALAZZO Vincenzo De Cotiis Architects, via Maroncelli 1, Milano, telefono 02.87287757, www.decotiis.it Galleria Progetto Domestico, via San Raffaele 3, Milano, telefono 342.8648292, www. progettodomestico.it >ADDRESS: BERTON PRENDE CASA Vudafieri Saverino Partners, viale Lombardia 66, Milano, tel. 02.97383900, www.vudafierisaverino.it >MINIMAL SONTUOSO Guillaume Terver et Christophe Delcourt Associs, 47 rue de Babylone, 75007 Paris, tel. +33.01.42713484, www.lelad.net >NIENTE DA NASCONDERE Autoban, Istanbul, Turchia, telefono +90.0212.2438641, www.autoban212.com >FIAMMINGO MODERNO Vincent van Duysen Architects, Lombardenvest 34, Antwerpen, B, tel. +32.03.2059190, www.vincentvanduysen.com >REFRESHING TIME Paola Navone, Otto, via Tortona 31 int. 26, Milano, tel. 02.58104926, www.paolanavone.it

Bosa, via Molini 44, Borso del Grappa (Tv), telefono 0423.561483, www.bosatrade.com

Casamania by Frezza, via Ferret 11/9, Vidor (Tv), tel. 0423.6753, www.casamania.it Cassina, via Busnelli 1, Meda (MB), tel. 0362.3721, www.cassina.it Collevilca Cristalleria, z.i. San Marziale 24, Colle Val dElsa (Si), tel. 0577.929188, www.collevilca.it

Galleria ClioCalviRudyVolpi, via Pontaccio 17, Milano, t. 02.86915009 www.cliocalvirudyvolpi.it Gallotti & Radice, via Matteotti 17, Cermenate (Co), tel. 031.777111, www.gallottiradice.it Gervasoni, viale del Lavoro 88, Pavia di Udine (Ud), tel. 0432.656611; showroom via Durini 7, Milano, telefono 02.780414, www.gervasoni1882.com Glas Italia, via Cavour 29, Macherio (MB), tel. 039.2323202, www. glasitalia.com

Nahoor, via A. De Gasperi 12 , Collebeato (Bs), Tel. 030.3366275, www.nahoor.com Nodus, High Design Rugs, via Delio Tessa 1 ang. corso Garibaldi, Milano, telefono 02.866838, www. nodusrug.it Normann Copenhagen, sterbrogade 70, Copenhagen, Dk, info tel. 348.8014491, www.normann-copenhagen.com

Iittala, distribuito da Finn Form, viale Monte Santo 4, Milano, tel. 02.653881, www.iittala.com

Penta, via Milano 46, Cabiate (Co), tel. 031.766100, www.pentalight.it Plusdesign, di Lilia Laghi, via Ventura 6, Milano, tel. 348.7458072, www.plusdesigngallery.com

Dedar, Appiano gentile (Co), tel. 031.2287511, showroom via Fiori Chiari 18, Milano, tel. 02.80581823, www.dedar.com Donghia by Rubelli, via della Pila 47, Marghera (Ve), tel. 041.2584411, www.donghia.com

La Rinascente Design Supermarket, piazza Duomo 7, Milano, tel. 02.88521, www.designsupermarket.it, www.larinascente.it Luxury Living, per informazioni, www.luxuryliving.it

RcR Cristalleria Italiana, via Salvo DAcquisto 2, Pieve Emanuele (Mi), tel. 02.90723030, www.rcrcrystal. com Robertaebasta, via Fiori Chiari 2, Milano, tel. 02.861593, www.robertaebasta.com Rubelli, Palazzo Corner Spinelli, San Marco 3877, Venezia, tel. 041.2584411, www.rubelli.com

PRECISAZIONI

Gente in edicola dal 25 gennaio, per due settimane, con lesclusivo set Caldo Inverno: per rendere pi calda e accogliente la casa, con un tocco di originalit, fantasia, colore. 1 uscita Gente n. 5, dal 25 gennaio: Plaid in pile di ampio formato, cm 150 x 170, in tre varianti colore. 2 uscita Gente n. 6, dal 1 febbraio: Cuscino arredo double face, in pile da un lato, in cotone dallaltro, cm 40x40, in due varianti colore.

IN EDICOLA DAL 25 GENNAIO 2014 CON IL PLAID IN PILE A SOLI 7,90 OLTRE IL PREZZO DI COPERTINA

Saba Italia, via dellIndustria 17, San Martino di Lupari (Pd), telefono 049.9462227, www.sabaitalia.it Sfera, showroom via Varese 10, Milano, telefono 02.36552390, www.ricordi-sfera.com Society, made in Limonta, Costamasnaga (Lc), tel. 031.857111, www.societylimonta.com Spazio Pontaccio, via Pontaccio 18, Milano, telefono 02.8057025, www.spaziopontaccio.it t Spotti, viale Piave 27, Milano, telefono 02.781953, www.spotti.it

t-BMBNQBEBJONFUBMMPMVDJEPDPO base quadrata, che appare a pag. 218 del servizio Design Book di Elle Decor n. 12, dicembre 2013 (penultima da sinistra nel gruppo a centro pagina), Otto Watt disegnata da Alberto Meda e Paolo Rizzatto per Luceplan. Nella nuova versione a terra da lettura, con bracci che misurano cm 34 + 90, una lampada con sorgente Led dimmerabile, che permette di variare a piacere tra luce bianca calda o fredda ruotando lelemento diffondente. Da 355, www.luceplan. it t-BNPTUSB7FOFUJBO(MBTTCZ$BSlo Scarpa: The Venini Company allestita al Metropolitan Museum di New York fino al 2 marzo. Info, www.metmuseum.org

ELLE DECOR 159

n.b.
a cura di Piera Belloni
THE FRANK LLOYD WRIGHT ARCHIVES - GIORGIO BENNI - ARNAUD CONNE ATELIER DE NUMRISATION DE LA VILLE DE LAUSANNE EREDI UGO MULAS PH. PRUDENCE CUMING ASSOCIATES, DAMIEN HIRST AND SCIENCE LTD. ALL RIGHTS RESERVED, DACS 2013 - UNITED VISUAL ARTISTS

GENNAIO-FEBBRAIO/MOSTRE, APPUNTAMENTI, VERNISSAGE

ra it xt e decor. su elle

Maurizio Nannucci

Ugo Mulas. Circus Calder

Frank Lloyd Wright a New York Al MoMA, la visione del grande architetto sullespansione della citt illustrata con film, maquette e disegni (foto, costruzione del modello della H.C. Price Company Tower), del suo archivio. Dall1/2 all1/6, www.moma.org Maurizio Nannucci a Roma Prima personale dellartista fiorentino alla galleria Giacomo Guidi, dove sono installati due grandi neon writing creati ad hoc (foto, Every place holds the possibility...). Fino al 28/2, www. giacomoguidi.it elledecor.it Le verre vivant a Losanna Al Mudac unampia scelta di vetri, fra artwork e edizioni di design. Fra gli autori Matali Crasset, Studio Job, Formafantasma (foto, Jug, 2011, vetro e osso), Bethan Laura Wood. Fino al 16/11, www.mudac.ch elledecor.it Ugo Mulas a Merano In mostra 36 suggestive immagini scattate tra il 1963 e il 64 al Circus Calder, lavoro giovanile costituito da piccole sculture in filo metallico, spago, stracci. Merano Arte, dal 31/1 al 18/5, www. kunstmeranoarte.org Asta a Londra Damien Hirst reinterpreta Topolino con unopera che viene battuta da Christhies il 13/2, a favore dellAssociazione Kids Company. www.christies.com United Visual Artists a Londra Esposto il nuovo lavoro commissionato dal Barbican Center allo studio multidisciplinare di arte e design londinese (foto, Always / Never, 2012): Momentum, uninstallazione di luce, suono e movimento. Dal 13/2 all1/6, www.barbican.org.uk elledecor.it

Frank Lloyd Wright and the City

Le verre vivant

Momentum by United Visual Artists

Damien Hirst for Kids Company

ELLE DECOR 161

ELLE DECOR ITALIA INTERNATIONAL SUBSCRIPTION


STARTING FROM TODAY, YOU CAN FINALLY SUBSCRIBE TO ELLE DECOR ITALIA AND BRING ITALIAN STYLE & DESIGN INTO YOUR HOME WHEREVER YOU ARE...

good reasons to make your choice...

1/Every month you will receive your favourite magazine. 2/ It will be despatched directly to your home. 3/ No more distances; wherever you live, hundreds or thousands kilometers away, any place becomes easy to reach. 4/You can take a glance at Italian style, color and warmth. 5/You are constantly informed on ideas, trends, curiosities, news about design and interior design. But there is more: new life-styles, famous people and emerging personalities, art and whatever is related to interiors.

NEW! The subscription also includes browsable digital edition.


So you can now read ELLE DECOR ITALIA, including back issues and enclosures, even online on PCs, MACs and Tablets

THE UNIQUE ELLE DECOR ITALIA STYLE HAS NO BOUNDARIES

35%

discount if you subscribe to Elle Decor Italia online Starting from today, you can simply click on the Elle Decor Italia cover on the site www.abbonationline.com and you can easily subscribe online. 35% Discount: 1 year 10 issues for only 29,25 plus shipping charges.

01-02.2014 ENGLISH TEXT

_HI-TECH ILLUSIONISM 47 50_VALENTIN LOELLMANN _PAINTED STORIES 57 _ 63 PALAZZO FASHION 68_FRED MEYLAN 74_LE CORBUSIER REDISCOVERED 80_BERTON SETS UP HOME _ECLECTIC TOM 87 90_DOLCE VITA AT CAPE TOWN 104_SUMPTUOS MINIMALISM 114_NOTHING TO HIDE 124_MODERN FLEMISH 134_REFRESHING THAI _NEXT: TRENDS 2014

CONTENTS OF THE ISSUE


_the cover
by Isis-Colombe Combrasphotos by Karel Balas/MILK/VEGA MG words by Sebastiano Brandolini In Istanbul, in the loft belonging toSefer Caglar, creator of Autoban, the living room has walls decorated with photos and works of art. The dining table is Pebble Cloud by Autoban. by Bettina Rosso and Murielle Bortolotto photos by Adriano Brusaferri A new jungle makeover as the leitmotiv for the summer. In the background animal-like prints on linen for Marabout and the Panthere de Somalie animalier pattern, both by Pierre Frey.

_the next cover

24_a forties mood

by Ravaiolisilenzistudio photos by Gionata Xerra in collaboration with Ilaria Bacciocchi A desire for new-found elegance that will be a leitmotiv for 2014. Formal lines, hints of decoration and modern reworkings of two cult furnishing ideas: the home bar unit and the room divider

Brass, concrete, marble, rugs. Eclectic, the restaurant designed by Tom Dixon in the new Beaugrenelle shopping centre, stays loyal to his name. With echoes of the seventies and cosmopolitan food

90_dolce vita in Cape Town 104_sumptuos minimalism

_hi-tech illusionism 47

by Laura Maggi photos by Charles Emerson Water, air and light. Natural elements that the designer Simon Heijdens translates into magical digital and other visions. With totally special effects

by Kerryn Fischer - photos by Warren Heath e Adriaan Louw/ Frank Features/Living Inside The Worldwide Design Capital 2014 just waiting to be experienced by Jrme Aumont - photos by Bruno Comtesse At the heart of Paris, a house-gallery created among the spaces of a htel particulier. Majestic architectures and modern rigour, in a play of sobriety, detail and exclusive furniture designed ad hoc

50 _Valentin Loellmann _painted stories 57

by Tatjana Quax - photos by Inga Powilleit - words by Marzia Nicolini Designer/artist, 30 years old. We met him at his studio, a former hat factory in the heart of Maastricht by Paola Carimati From South Africa, the primitive beauty of Ruan Hoffmann, the pottery poet. An artist known for the expressive force of his works, apparently imperfect and mysteriously real

114_nothing to hide

by Isis-Colombe Combras- photos by Karel Balas/MILK/VEGA MG words by Sebastiano Brandolini The whole house in just one room, a large open space. Having pulled down the walls and partitions of a former, ordinary office, it is now bathed in the light of Istanbul

63_palazzo fashion

124_modern Flemish

by Rosaria Zucconi - photos by Max Rommel The new Antonia boutique - a meeting of elective affinities between the artistic sensibilities of designer Vincenzo De Cotiis and fashion guru Antonia Giacinti

68_Fred Meylan

photos by Juan Rodriguez and Didier Delmas words by Ruben Modigliani Traditional materials, contemporary vision. Vincent Van Duysen transforms an old farmhouse in Flanders. Revolutionising its interiors without changing its volumes. And opening them up to the landscape

by Maria Van der Straaten - photos by Sylvie Becquet The Paris studio of this French photographer feels very lived in, yet seems suspended in the past, halfway between decor and magic

134_refreshing Thai

74_Le Corbusier rediscovered

by Jrme Aumont - photos by Bruno Comtesse Just a few kilometres from Paris, a house that bears the mark of Le Corbusier. Salvaged and renovated, in a tribute to the fifties, by a keen, passionate architect

by Rosaria Zucconi - photos by Giorgio Possenti Paola Navone once again displays her outstanding proficiency in researching and reinterpreting craftsmanship skill. To create the Point Yamu hotel in Phuket: a special destination for complete wellness

80_Berton sets up home

by Rosaria Zucconi and Francesca Benedetto photos by Nathalie Krag Andrea Berton presents his clean and immediate modern dishes in a space designed by Andrea Vudafieri Saverino Partners, set amongst the skyscrapers of Porta Nuova

next trends 2014

_eclectic Tom 87

by Ana Cardinale - photos by Matthieu Salvaing

Inspirations, style events. But also enlightening individuals, anniversaries to celebrate, revolutionary designs (old and new) and objects. Rediscovered traditions and technologies that until recently were like science fiction. Great designers from the past and young talents to be discovered and watched. 40 pages that embrace the present, past and future.With a dash of irony

_hi-tech illusionism p. 47
by Laura Maggi photos by Charles Emerson Water, air and light. Natural elements that the designer Simon Heijdens translates into magical digital and other visions. With totally special effects After Tree and Lightweeds, the Dutch-born designer Simon Heijdens surprised us (in December at Miami/Basel 2013) with Phare N 1-9, an experimental visionary installation where glass and water interact with light, the sun and air, continually changing the surface appearance. An apparently simple piece of work, the result of complicated technology, of which the designer reveals very little. He told us that exploiting the qualities of water and the principle of light refraction, the lights turn into lenses that project patterns with white outlines as they appear and disappear. As highlights Axelle de Buffevent, Style Director at Martell Mumm-Perrier-Jout, who commissioned the piece: Phare N 1-9 brings the ethos of Art Nouveau into the 21st century and creates an emotional experience like no other, as well as expressing this artists personal vision of the natural world. Simon Heijdens, 4 Temple Yard, Temple St., London, ph. +44.20703 33457, www.simonheijdens.com; www.perrier-jouet.com  elledecor.it

and Amsterdam, he is a citizen of the world who loves South Africa. More than objects, his are messages gathered on rough primitive shapes, like the material they are born from. Ruan only writes what he feels. I started while I was still a student. At first I had a traditional approach, then all my transgression exploded. Contrary to what you might think looking at his pieces, Ruan describes himself as a domestic type. I spend most of the day working. Then I like to cook and spend hours in my garden. And, obviously, I like travelling. As much as his ceramics, which in the past three years have travelled around the world: from Cape Town to New York and from March in Paris, where he will inaugurate a solo at the Galerie a Rebours. Ruan is not a traditional potter, he is an experimenter. Perhaps it is also for this reason that his work is so popular in such culturally distant parts of the globe. What is fascinating about his pieces is that they are never perfect, on the contrary they embrace the error or uneven edge because these are part of the material that he is the first to respect. And it is this attitude that makes him unique and inimitable. www.ruanhoffmann.com

_palazzo fashion p .63


by Rosaria Zucconi - photos by Max Rommel The new Antonia boutique - a meeting of elective affinities between the artistic sensibilities of designer Vincenzo De Cotiis and fashion guru Antonia Giacinti The design behind the new Antonia multi-label boutique is the work of Vincenzo De Cotiis and is the result of a visionary creativity and the synthesis of a unique expressive code. Today, spaces break up and expand, technology has freed them from architectural restraints and has made them able to welcome and express emotions. I look for contrasts, for impossible agreements between the past and the present. It was amazing being able to work on such an awe-inspiring space and reinterpret it in my own way. Antonia is very excited about the project: Palazzo Cagnola is such a monumental building that it could easily give off an intimidating feel. Vincenzo has elevated the signs of the past using contemporary interior design and the result is a series of elegant, welcoming spaces just like in a home. Theres a nice, laid-back feel as you move about the boutique, and container and content are both expressions of high-end quality. The style of Milan (capital of fashion and design) is encapsulated with large, welcoming sofas, rugs, minimalist benches, lamp sculptures and raw silk curtains. Antonia, via Cusani 5, Milan, ph. 02.86998340. www.antonia.it

_Valentin Loellmann p. 50
by Tatjana Quax - photos by Inga Powilleit words by Marzia Nicolini Designer/artist, 30 years old. We met him at his studio, a former hat factory in the heart of Maastricht Although Valentin Loellmanns latest collection of tables, Seasons, won Best Contemporary Design award, Valentin prefers to produce unique pieces at the cost of producing less. I want them to be created by my own hands, he explains.Seeking out the very best wood, never doing sketches, but following his creative instincts, this unconventional path has led to high demand from private individuals and foundations, including Marie-Brangre Gosserez, founder of the Gosserez Gallery in Paris. With a few collaborators (including girlfriend, Jip Linkens, a fine arts student), Valentin works from a large studio in Maastricht, modified to include a kitchen (cooking being another interest), lounge and library, plus a beautiful winter garden. At the start, I bought a plant for each piece I sold, he explains. Hes proudly building another garden his dreams include also becoming a gardener. www.valentinloellmann.de  elledecor.it

_painted stories p. 57
by Paola Carimati From South Africa, the primitive beauty of Ruan Hoffmann, the pottery poet. An artist known for the expressive force of his works, apparently imperfect and mysteriously real Painter, artist, potter. Ruan Hoffmann lives in Johannesburg

_Fred Meylan p. 68
by Maria Van der Straaten - photos by Sylvie Becquet The Paris studio of this French photographer feels very lived in, yet seems suspended in the past,

halfway between decor and magic Walking into these rooms is the same as falling in love with them. This is what happened to Fred Meylan too the first time he set foot in this building. When I got here, it was still the rather abandoned atelier of an upholsterer. He and his wife had worked and lived here for more than 50 years. It is so extraordinary to find somewhere still intact in the heart of the world of fashion He tells of how it was not simple to move in without moving everything out; he tried to keep the original floor and where possible even the walls, and installed old-fashioned wiring. It all looks as if time has stopped, yet the air you breathe somehow belongs to the present. I spend a lot of time in my studio and I love coming back here after travels and external shoots, even my clients like coming here. What is fascinating about this place is its mix of styles: a retro frame, vintage or design pieces and simple metal furniture designed by Meylan himself. Fascinated by design and high-class junk, he is also the interior decorator of his homes. Decorating is my other passion, besides photography. I love beautiful places, I have a primordial need for things to be pleasing to eye, I look for the right style equilibrium, objects in harmony.

Lussanet studied ad hoc using a blend of marble powder. So special was it that he then founded a company that sells paints and floorings of his own design.

_Berton sets up home p. 80


by Rosaria Zucconi and Francesca Benedetto photos by Nathalie Krag Andrea Berton presents his clean and immediate modern dishes in a space designed by Andrea Vudafieri Saverino Partners, set amongst the skyscrapers of Porta Nuova Internationally renowned chef Andrea Berton believed in the cutting-edge urban project of Porta Nuova Varesine in Milan and has set up shop on the ground floor of one of the buildings designed by Khon Pedersen Fox. Directly overlooking the green pedestrian space of Milans new central hub, the Andrea Berton restaurant was designed by Vudafieri Saverino Partners and its interior is minimalist with lots of clean lines. The materials used for the majority of surfaces are simple (cement and solid brushed wood) with the unexpected addition of soft gold and steel. Theres also a homage to the sloping walls of Porta Nuovas buildings and to the shape of the skyscraper where the restaurant is located. This is 100% Vudafieri Saverino because its all about the context and because it completely reflects who lives there. As Andrea Berton confirms, This is my place. It respects my philosophy: its welcoming, it doesnt make you wary and it makes each and every customer feel important. My dishes and all the ingredients are special because their true expressive nature is brought out and nothing is hidden to the palate or to the eye. Andrea Berton, viale della Liberazione 13, Milan, www.ristoranteberton.com  elledecor.it

_Le Corbusier rediscovered p. 74


by Jrme Aumont - photos by Bruno Comtesse Just a few kilometres from Paris, a house that bears the mark of Le Corbusier. Salvaged and renovated, in a tribute to the fifties, by a keen, passionate architect A house in countryside (in the Valle de Chevreuse, 40 kilometres from Paris) designed by Le Corbusier in 1955 and completed by Andr Wogenscky, his pupil at the time. The client was Sir Ducret, Le Corbusiers financial consultant, responsible for sales of his paintings and drawings. But the house had still not been built by 1957 and in the end Ducret asked Wogenscky to complete the project: in order to remain loyal to the principles of Le Corbusier, the house was built following his Modulor architectural theory (a scale of proportions based on the measurements of the human body). Then, in 2000, the architect Alec de Lussanet de la Sablonire saw this residence advertised for sale. As soon as he walked in, he recognised the touch of Le Corbusier. And bought it immediately. The windows overlook the garden, a stream, and surprisingly, a cabanon identical to the one Le Corbusier built for himself in Roquebrune, in the south of France. After buying the house, de Lussanet found out that Wogenscky and his wife lived close nearby. I met them and asked Wogenscky what he thought of my renovation project. He told me that it was perfect and recalculated the measurements in order to keep the Modulor proportions. The renovation work took two years, including work on a floor that de

_eclectic Tom p. 87
by Ana Cardinale - photos by Matthieu Salvaing Brass, concrete, marble, rugs. Eclectic, the restaurant designed by Tom Dixon in the new Beaugrenelle shopping centre, stays loyal to his name. With echoes of the seventies and cosmopolitan food Beaugrenelle is a seventies shopping precinct in Paris that has just been recently renovated. It is where Tom Dixon has created the Eclectic restaurant. The technical parts of the building are on full view, and concrete comes in all its possible textures. On the walls, alternating with gilded bronze, and also on the floor, softened by thick rugs. The recurrent decorative motif is the hexagon, a tribute to the geometric concepts of the seventies. In the centre, a giant circular lamp made up of 124 lampshades in perforated metal. An orchestra of different lamps spread light. The central area is filled with large benches in coloured leather, while the side overlooking the Seine has a series of small rooms. The menu mixes Parisian brasserie classics and international cuisine and reflects

the many faces of this restaurant: suitable for business meetings, aperitifs or even just a pause from shopping. A meeting place with a very social soul. Perfect for 21st century Paris. Eclectic, 7 rue Linois, ph. +33.1.77367000, restauranteclectic.fr

_dolce vita in Cape Town p. 90


by Kerryn Fischer - photos by Warren Heath and Adriaan Louw/Frank Features/Living Inside The Worldwide Design Capital 2014 just waiting to be experienced At first sight Cape Town is like a large village. In the centre there is a park, it overlooks the sea and is surrounded by vineyards. This year it is the World Design Capital and has the opportunity to show that it offers much more than stunning natural beauty. Theres an ultra-hip feel in Bree Street. The best place to start the day is Jasons Bakery, a coffee shop that is all about street-side caf culture. The best way to finish off the day is at &Union, which sells high-end craft beers and has live music every night. There are lots of things to see, including Chloe Townsends boutique Sababa (for leather accessories), the Kirsten Goss boutique (for one-off jewellery pieces) and the Liam Mooney showroom (for eco-friendly home furnishings and accessories). Or head to the studio of designer Porky Hefer, whose giant nests have been exhibited at Design Miami/ Basel. Another ultra-cool area is Woodstock, which has recently undergone major change. It all began with the market, which comprises around one hundred local farmers, bakers, artisans and designers, plus much more. There are also lots of permanent artisan stores here too and some fantastic award-winning bars and restaurants like the gourmet restaurant The Test Kitchen and The Pot Luck Club tapas bar, which is located at the top of the five-storey Silo Building at the Old Biscuit Mill. Both are the creative result of Luke Dale-Roberts, a rising name on the fine dining scene. Also worth a mention is the What If The World gallery, located in a former synagogue: its founders Justin Rhodes and Cameron Munro were behind the idea for the market that has helped revive the area. The Woodstock Foundry is another reclaimed industrial building and is home to Casamento (where Eve Collett recovers vintage furniture), the artistic foundry Bronze Age, and the John Vogel furniture store. Another major name is Gregor Jenkins, whose furniture and ultra-clean style have earned him a multitude of fans. Last but not least, try some local and globally sourced beers at the Devils Peak Brewing Company, which encapsulates that mix of nonchalance and passion that Cape Town is famous for. A Design Capital just waiting to be experienced.

At the heart of Paris, a house-gallery created among the spaces of a htel particulier. Majestic architectures and modern rigour, in a play of sobriety, detail and exclusive furniture designed ad hoc With its impressive shape, this wonderful nineteenth century htel particulier close to the Htel des Invalides certainly does not go unnoticed. But the curious thing is that once you enter, you cant help but wonder if you are in the same building. Large spaces, high ceilings, but no trace of the ornaments of the past. This building bore all the marks of the interventions implemented on it over the centuries, recall the designers Christophe Delcourt and Guillaume Terver of the Le Lad studio, so we completely reinvented it in a modern key. We had to mould the space to ensure it was grandiose without making it seem cold or imposing, explains Delcourt. The range of materials used was intentionally limited, in order to avoid any redundancies. All the main rooms have the same oak flooring, while the kitchen, bathroom and entrance hall floors are all made from white stone. This idea of uniformity is also reinforced by the walls, painted in the same shade of beige or covered in white oak panels. The furniture, designed entirely by Christophe Delcourt, includes many unique pieces and some created ad hoc. But the hallmark of Delcourt & Terver is particularly evident in the rigour of the lines and in the talent for details: sloped ceilings, bright grooves and shadowy areas replace the classic ornaments, among plays of perspective and light, in an unmistakable mix of lightness and a wonderful ability to combine majestic and minimal elements.

_nothing to hide p. 114


by Isis-Colombe Combras photos by Karel Balas/MILK/VEGA MG words by Sebastiano Brandolini The whole house in just one room, a large open space. Having pulled down the walls and partitions of a former, ordinary office, it is now bathed in the light of Istanbul Sefer Caglar, born in 1975, is one of the founders of the Autoban studio. With 35-strong workforce, Autoban identifies with the codes of modernism and operates on an international scale mainly in the hospitality sector, that is, hotels and restaurants, travel and food, business and holidays - a field in which architecture, interiors, furnishings, lifestyle and taste merge to form one single entity, material and immaterial at the same time. Even the apartment where Sefer lives with his wife and daughter is not easily put into one of those subcategories. First it was an ordinary office, yet bathed in light. As many walls as possible were demolished to create a sense of free space, and that very same freedom means the iconic Eames pieces can take their place beside Autoban prototypes. The feeling of comfort comes from the fact that all the objects, once selected (carefully), have been looked after and cherished. For Caglar,

_sumptuous minimalism p. 104


by Jrme Aumont - photos by Bruno Comtesse

there must be genuine empathy, mutual desire between an object and a person. He explains: A house must become the place where you feel at home. You must find what you love most there. It should reflect what you are and your experiences. The objects, of which many are second-hand, make this a place where you can breathe experience, journeys and memories.

_modern Flemish p. 124


photos by Juan Rodriguez and Didier Delmas words by Ruben Modigliani Traditional materials, contemporary vision. Vincent Van Duysen transforms an old farmhouse in Flanders. Revolutionising its interiors without changing its volumes. And opening them up to the landscape The simple lie of the land in Western Flanders in Belgium has always inspired buildings with a sober pondered style. This was the line of thought followed by architect Vincent Van Duysen, commissioned with turning an old farmhouse into a home. The building in its entirety was therefore developed following traditional Flemish rural architecture, made over in a new light. The result is a space that is part of tradition and at the same time completely transcends it. The farmhouse has faades in kalei bricks (plastered with a thick layer of clay) and a sloping roof. More careful observation however reveals the first contemporary elements, like the small skylights and transparent stretches of wall. A new layout has been inserted into the existing structure, hardly changing the exterior appearance at all: the main body houses the living areas on the ground floor and the bedrooms on the first; the barn and outhouses are home to a swimming pool, garage and utility room. All the materials and details are the result of reworked tradition: wooden floors, furniture made out of oak planks, basalt treated for a lived-in look. The furnishings are linear, in natural materials like wood and leather, often teamed with plant fibre rugs. Surfaces - wood, clay, stone - make you want to slide your hands over them. A detail that lends warmth to the whole.

on hotels as you can play a part in designing everything. I share the values of the brand: I, too, believe that respecting and developing the environment in which the hotel is located can take you on an exciting journey. I appreciate the art of the Thai welcome; I share the idea of considering the Spa to be the heart of the hotel. The design of the Point Yamu hotel is the result of my compelling research into local production: in the north of the country I came across craftsmen with an artistic streak who created lace-chandeliers and small ceramics factories able to give shape to my designs. Everyone worked determinedly, displaying real enthusiasm when they saw the end result. A small paradise, the Point Yamu, on a peninsula east of Phuket, with views of the Andaman sea. A happy and colourful haven, with vast spaces. The atmosphere reverberates with suggestions, the staff resonate with grace and beauty and the aesthetics shimmer with oriental traditions and Italian design. www.comohotels.com/pointyamu  elledecor.it

next trends 2014


40 pages of Elle Decor Italia predictions for this year. Where to find key ideas and inspiration, what events to pencil in on your calendar, the people to watch out for, work-in-progress projects, and emerging talent worth keeping your eye on. And not forgetting all the latest objects and the colours that will be defining our homes. Plus an invite to step off the page and into elledecor.it where you can check out our video interviews and photo gallery NEW VISIONS/ Wearable technologies are evolving more and more. First and foremost, the much anticipated Google Glass, augmented reality glasses that can perform one of many possible tasks by responding to the vocal command ok glass. Due to be released next year. www.google.com/glass/start/ WAITING FOR MARCHESI/ In autumn 2014 Gualtiero Marchesi will be opening his new resort at Agrate Conturbia Castle (Novara). Where did the idea come from to transform a 13th century residence? From my desire to create a place that could offer all-round hospitality that exclusively reflects my taste and my way of thinking. Who is in charge of the renovation project and the interior design? The architect, Marco Savorelli. My friend Ettore Mocchetti is helping me choose the furnishings and I also have some artist friends involved too. www.gualtiermarchesi.it  elledecor.it EMERGING TALENT/ The stars of this page are four young designers who are all of a similar age and have similar design sensibilities: Matteo Beraldi is busy with the Icon mirror (www.matteoberaldi.it), Tommaso Caldera is balanced on the Galatea chair for Valsecchi 1918 (www.tommasocaldera.eu), the Atipico Balloon lamp glides over the head of Giorgia Zanellato (www.giorgiazanellato. altervista.org) and Daniele Bortotto gets distracted

_refreshing Thai p. 134


by Rosaria Zucconi - photos by Giorgio Possenti Paola Navone once again displays her outstanding proficiency in researching and reinterpreting craftsmanship skill. To create the Point Yamu hotel in Phuket: a special destination for complete wellness Paola Navones encounter with the world of hospitality par excellence couldnt have been any more exciting, by reason of the client, Como Hotels and Resorts, and also the opportunity of working on two projects at the same time: one in Miami and the other in Thailand. What a wonderful adventure! It is fun working

by the Grasse diffusor fragrances (www.danielebortotto.com). DIGITAL COMFORT/ MyWorld, designed by Philippe Starck for Cassina, is for those who cannot live without the net. MyWorld is a living system complete with surfaces, containers and electrical charging stations (with integrated USB port and wireless connection). Then, just surround yourself with some extra special details: Passepartout wool and cashmere cushions and Byblos throw (both from Redaelli), Anastassiades lamps (Flos) and LED latex balloons (Magic Balloon), Project Debut Carbon Esprit record player (Pro-Ject audio Systems) amplified by BeoPlay A9 speakers (Bang & Olufsen). On the floor, Modern Kilim (Alberto Levi Gallery) and Masterpieces Decolorized (Golran) rugs. CHARLOTTES HOUSE/ At Design Miami 2013, thanks to Louis Vuitton, La Maison Au Bord De LEau, the collapsible house designed by Charlotte Perriand in 1934, was created for the first time. And to furnish it, some pieces were chosen from Cassinas I Maestri collection. But thats not all: Louis Vuitton and Cassina also offered, on that occasion, a limited edition of the LC4 CP chaise longue, combining sartorial detail with superior craftsmanship. www.louisvuitton.it, www.cassina.com, lccollection.cassina.com THE FLUID KITCHEN/ Fluidit (Fluidity) is the title of the second cookery book by the Alajmo brothers. Fluidity of the image: photographs of recipes were taken under a tub filled to the brim with water. Massimiliano and Raffaele Alajmo have three luxury gourmet restaurants and three bistros, and in 2014 will be opening a new restaurant in Paris in one of the citys most historic passages. Interior design by Philippe Starck. www.alajmo.it A STAR IS BORN/ David Adjaye is one of the fastest growing names on the international architecture scene. The Wall Street Journal named him Architecture Innovator of 2013 for the Smithsonian Museum of African American History and Culture in Washington. While designing this, Adjaye also developed his first collection of furniture: The Washington Collection comprises two chairs, a coffee table, an armchair and a side table and was produced by Knoll. knoll-int.com DOUBLE PALETTE 2014/ Pale powdery shades mixed with spots and stripes: all broken up with a flash of yellow. From left on the table, Adamo & Eva cotton velvet and Edimburgo Souris fabric, both by Dedar; Faber, Trevira satin by Rubelli and Alexander Bermude wool velvet by Dedar. Tokio jug by Mist-O, plate and bowl from Dep Design Store and Alessi ice cream goblet. On the wall, Yellow cake by Farrow&Ball on the right and Mademoiselle Oro silk satin on the left. Cec Casile frame with Almapura fabric by Designers Guild. Primary colours and glossy notes for the new years Summer trend. On the wall Sikkens colour EO.11.67. Frame by Cec Casile around Pearls Scarlet fabric by Christian Lacroix for Designers Guild. From left, on the table, Faber satin by Rubelli; Plaisir Divin pure linen, coll. Sortilge by Elitis. On the right, jacquard fabric for Vanuatu by Pierre Frey. Tokio jug by Mist-O, plate and bowl from Dep Design Store and Alessi ice cream goblet.

AMAZING JUNGLE/ A new jungle makeover as the leitmotiv for the summer. In the background animal-like prints on linen for Marabout and the Panthere de Somalie animalier pattern, both by Pierre Frey. Turquoise stool by Atelier Oi for Louis Vuitton. Mini baguette in mink and fox fur by Fendi, a cult from the winter. On the right, hyper realist style for the wild jungle by Christian Lacroix for Designers Guild (printed on Jardin ExoChic cotton and on Soft Jardin Exo velvet). On the floor, the Amiamo Il Serpente rug by Fornasetti and the Aneth panther by Koziel; little elephant in leather from laRinascente. Fire Torch and Fire Basket lamps by Norm for Menu. AN ICON, 10 YEARS ON/ Bourgie, Kartells iconic lamp designed by Ferruccio Laviani, is celebrating its tenth anniversary. I had to design an important lamp for Kartell. One evening I was listening to some music, when Ashford & Simpson began singing. I turned around and saw the lamp that was on my desk and had been there for goodness knows how many years. And that was that! I copied its outline and began to play about with it on the computer. And that was how Bourgie was created, and the sexy gold version. www.kartell.it  elledecor.it DESIGN AT THE MUSEUM/ Exhibition curated by Edward Barber and Jay Osgerby for the London Design Museum (until 4/5). 20 objects captured in their making: Because we have always been fascinated by the process of making, as an integral part of our work. Barber Osgerby will also be at the Cologne IMM trade show (13-19/1) presenting the Mews and Stamp tile collections for Mutina. www.barberosgerby.com, www.designmuseum.org  elledecor.it THE FOREST-GARDEN/ Our desire for paradise is going back to its roots. Every green space will be taken back to its natural origin - if possible without any visible outlines. The garden of the island of La Certosa has been done up, all barriers have been removed and mooring posts for boats exist alongside the lagoons nature restoration areas. Anna Zegna, grand-daughter of Ermenegildo, did not want to touch the 15-hectare beech wood in Trivero (Biella). Theres nothing human to the paths, and the nature garden is now bioenergetic. Today landscape architects aim to become protectors of the landscape and try to reclaim it if it has disappeared. Which is exactly what was done in Val di Ledro, where art is transitory. We are just moving through, but the trees are here to stay. GARDEN DESIGN/ Renaissance gardeners wanted to leave their mark. And to do this, all they had to do was make sure it could be seen from the windows of a villa. Today landscape designers want their mark to be seen from space. Jorge Rodriguez Gereda has literally changed the world as Google Earth sees it: his human face (Wish in Belfast) is so big that it can be seen only when you are in flight. Similarly, Dario Gambarin creates ploughs that draw enormous alien signs and Carlotta Brunetti carves out supersize human features in the natural landscapes of private parks and farm land. CULTURAL CROSS-OVER/ Designed for Porro by Swedish studio Front, the Mikado display unit draws on oriental culture but has a very Italian twist when it comes to the design. This

exquisite artisanal piece of furniture is created with cross-over slanted and staggered wooden slats, just like the Mikado pick-up-sticks game. But is Mikado really a unit? The more we look at it the more it intrigues us and in reality its exotic simplicity makes it an absolutely exquisite piece that is truly one of a kind. www.porro.com COLLABORATIVE INTELLIGENCE/ Open designed by Giorgio Fipaldini with Carla Parisi, Piergiorgio Mancone and Fabrizio Cosi, is not just a new concept for a bookshop in Milan, its also a new way of doing things together where each individual provides the others with their own skills. The interior planning is the result of this process of creative sharing and has been designed by Daniele Lago with Andrea Marcante and Adelaide Testa from UdA architects firm. And this is very much a work in progress. The co-working area will take centre stage over the next few months and we would like this white space to become a real idea activator, explain Andrea and Adelaide. www.openmilano.com  elledecor.it TERRACOTTA NUANCES/ The hues of the earth are the new neutrals, coming in unusual textures and materials. The Robin table, by Bruno Fattorini & Partners for MDF Italia. Above, from left, the Semp w103 light by Inga Semp for Wstberg, the Clover Pot vase by Kensaku Oshiro for Ligne Roset and Pallina sculpture-vase by Antonino Sciortino. Adobe Table Mirror by Ilaria Innocenti; behind, Mira vase by Giulio Iacchetti for Internoitaliano and Oggetti per la Tavola sculpture by Gum Design for Giuseppe Mazzotti. Unit of the Eur modular bookcase, Me Too collection, by G. Iacchetti for Magis; jug by Elena Salmistraro and Luminaire de Table lamp by A. Sciortino for Serax. Elephant chair by Neuland for Kristalia. Bricks, Building Center and Big Mat. elledecor.it BLACK IS BLACK/ The all-purpose colour for 2014, in matt tones or glossy shades. The same shade of deep black for the new version of the Lounge Chair and Ottoman, left, by Charles and Ray Eames (Vitra), and the Trez armchair, by Studio Zanini for Cappellini. The 606 Universal Shelving System from De Padova, designed by Dieter Rams 1960/1984, is reissued with a black painted finish; it contains the Kora vase, by Spotti Edizioni. Next to Trez, the Neto coffee table by Rodolfo Dordoni for Minotti, in the foreground, Element table by Tokujin Yoshioka for Desalto. On the floor, Dechirer Decor tiles by Patricia Urquiola for Mutina.  elledecor.it THE UNDER 30s/ A blog on Il Fatto Quotidiano and a book released on 9 January called Dopo gli anni Zero. Il nuovo design italiano (After the noughties. The new Italian design published by Laterza). Written by Chiara Alessi, class of 1981 and an authoritative design critic and curator. Dopo gli anni Zero is an attempt to investigate the field of Italian design from the start of the 21st century to the present. A journey that

describes places, communication, and people, plus alternative ways of creating design. www.chiaraalessi.com  elledecor.it SCHOOL OF MUSIC/ Milan has a new school and a new social project. To make music together, having fun, as upheld by one of the cornerstones of El Sistema (The System), the teaching model devised in Venezuela by Jos Antonio Abreu. The lady behind the founding of the venue was Giuseppina Antognini, life partner of the pianist-entrepreneur Francesco Pasquinelli. It was also Antognini who commissioned the architect Daniela Volpi to restore the apartment in which Pasquinelli was born, providing a home for the PYO-Pasquinelli Young Orchestra and the teaching activities of the System in Lombardy. www.fondazionepasquinelli.org  elledecor.it 250 YEARS OF STYLE/ In 1764 Luigi XV granted a village in Lorraine permission to open a crystal production factory. Since then, the village of Baccarat has been synonymous with style. Its history is described in Baccarat 1764, Two Hundred and Fifty Years 420 pages of stunning photos and descriptions by Murray Mossand Laurence Benam, published by Rizzoli New York. Joyeux anniversaire! www.baccarat.com ITS IMPERATIF: FIX-IT!/ Mend it: the new buzzword. It has given unexpected sex appeal to the well-known idea of recycling. It excites zippies, geeks and the techno-savvy in any field, engaged in a battle to find creative solutions that offer objects a second life. From the kitchen knife, to the pot-belied iMac from the nineties, to cracked porcelain plates. Right, fixer Jane ni Dhulchaontigh hanging upside-down from the ceiling, to prove the sticking power of a paste she invented that lets you repair anything, from a wooden spoon to your iPhone.  elledecor.it USEFUL WHITE/ Work tools become cult objects. Seemingly everyday accessories are revamped by talented Italian-Danish duo GamFratesi. Compass (designed for Casamania) is much more than a step ladder, and with Baffi (for Swedese) a simple brush becomes a sculpture. Filo a Piombo, an LED light by Sara Frattini for Davide Groppi, provides light in the form of a building site classic. Designed by Francesco Faccin for Officinanove, the Carry On wheelbarrow is all about the outdoors. Ceramic plate on the floor and tray on the wall by Kose. Overalls Diadora Utility. ABSOLUTE INDIA/ And a cow. These are the symbols of No-Mad, a new home decor brand created in India by Valrie Barkowski, who takes Indian colours, fabrics and techniques and transforms them into cushions, ottomans, duvet covers, candles and incense. Under the protection of a cow, which is both the logo and the label. www.no-mad.in

MAGAZINE INTERNAZIONALE DI DESIGN E TENDENZE ARREDAMENTO E STILI DI VITA ARCHITETTURA E ARTE _ENGLISH TEXT

next

LE TENDENZE DELLANNO IN 40 PAGINE

next /
ra it xt e decor. su elle

40 pagine di futuro, rmate da Elle Decor Italia. Dove trovare idee-chiave e ispirazioni, eventi da segnare in calendario, personaggi-rivelazione, progetti ancora in progress, talenti emergenti da seguire. Senza dimenticare gli oggetti-novit e i colori che disegneranno i nostri scenari domestici. E linvito ad andare oltre la pagina, su elledecor.it per scoprire videointerviste e photogallery
A cura della redazione - hanno collaborato: Grazia Baccari, Piera Belloni, Murielle Bortolotto, Paolo Campostrini, Marta Lavinia Carboni, Lisa Corva, Massimiliano Giberti, Arlene Hirst, Francesco Marchesi, Gloria Mattioni, Marzia Nicolini, Anna Scaravella

TENDENZE 2014

2ELLE DECOR

In principio fu il sensore Nike+ da indossare correndo, per monitorare percorsi e prestazioni. Ora che la vendita di smartphone e tablet sta superando quella dei pc, le tecnologie indossabili o wearables si evolveranno sempre di pi, mimetizzandosi sempre meno. Primi tra tutti gli attesissimi Google Glass, occhiali per una realt aumentata, che rispondono al comando vocale ok glass a cui far seguire una delle tante azioni possibili (per esempio take a photo). Oggi sono disponibili solo per un ristretto numero di sperimentatori, ma il loro lancio previsto per il prossimo anno. In risposta Apple pare presenter iWatch, orologio dal vetro flessibile in grado di gestire telefonate e geolocalizzazione, controllando nel frattempo la salute del corpo... Ma niente certo: forse, nel frattempo. qualcuno inventer una sofistica e supertecnologica bacchetta magica. www.google.com/glass/start

NUOVE VISIONI

ELLE DECOR 3

ASPETTANDO MARCHESI
Apre nellautunno 2014 il nuovo resort di Gualtiero Marchesi nel Castello di Agrate Conturbia (NO). Come nasce lidea di trasformare una dimora del 1200? Dalla volont di realizzare il sogno di un luogo dellospitalit a 360 che rispecchi il mio pensiero, il mio gusto, il mio stile, con la maturit piena della mia esperienza. Un ritorno alle origini (i miei avevano lalbergo Il Mercato) con gli strumenti e lesperienza di oggi. Come sar strutturato? 35 camere, alcune suite, una Spa naturale, 2 piscine, il mio ristorante, un parco di 11 ettari attorniato da altri 200 di boschi e prati e un campo da golf internazionale con 18 buche. A chi stato affidato il progetto? A un giovane architetto, Marco Savorelli. Per la scelta degli arredi mi sta aiutando ad attuare quello che ho in mente, lamico Ettore Mocchetti, che ha gi realizzato il Marchesino al Teatro alla Scala. E alcuni amici artisti. www.gualtieromarchesi.it elledecor.it

4ELLE DECOR

ARCHIVIO GUALTIERO MARCHESI

Non poi cos difficile trasformare lo spazio domestico in palcoscenico. Sono sufficienti fantasia, entusiasmo e una buona dose di equilibrio, quella che, proprio quando manca, ci permette di immaginare mondi magici. Protagonisti del gioco in pagina, quattro giovani designer tutti vicini per et (circa 30) e per sensibilit di progetto. Accade cos che mentre Matteo Beraldi, in posizione zen, impegnato a manovrare lo specchio Icons (in basso a destra, www. matteoberaldi.it), Tommaso Caldera si mantiene in bilico sulla sedia Galatea di Valsecchi 1918 (www.tommasocaldera. eu), quando sulla testa di Giorgia Zanellato sta per planare la lampadamongolfiera Balloon per Atipico (www. giorgiazanellato.altervista.org). Daniele Bortotto, distratto dalle fragranze cosparse dal diffusore Grasse (con lEcal di Losanna, www.danielebortotto.com), non perde laplomb... Teniamoli docchio!

SARANNO FAMOSI

STYLING PAOLA CARIMATI, FOTO VALENTINA SOMMARIVA

ELLE DECOR 5

VERO O FALSO

Marmo o effetto marmo? Originale o no, il prezioso materiale protagonista del nuovo anno. 1. Tobi-Ishi di E. Barber e J. Osgerby per B&B Italia. 2. In legno, lo sgabello cume di F. Babin. 3. Policromo, Marrakesh di Garbin & DellOrto, Porada. 4. Marble Box di M. Van Severen. 5. In ceramica, Marbre di J. Derian per Astier de Villatte. 6. Marble Chair n14 di Ai Weiwei. 7. Chopping Board di Fiammetta Marble. 8. Cuscino in seta, Marble di Ferm Living. 9. Smoking Roof di R. Gilad per Salvatori. 10. White Lies di N. Ross, marmo e vernice. 11. Di H. Hellstrm, Sedimentation Square in Jesmonite. 12. Affordances #1 di J. Zawada, in gomma, pietra e marmo. 13. Ipe quadro di J. Irvine per Marsotto Edizioni. 14. Carta Metamorfica-Change and Persistence, di Studio Fludd. 15. Origami di P. Urquiola per Budri, in marmo policromo. 16. In cucina, laccessorio Elementare di Studio Lievito per Opinion Ciatti. Come sfondo, Eco-linoleum Veneto Pale Pink di Tarkett.

10

11

12

13

14

15

16

6ELLE DECOR

STYLING STUDIOPEPE

MyWorld, disegnato da Philippe Starck per Cassina, dedicato a chi non pu fare a meno della rete (virtuale) e vive nel terrore che la batteria lo abbandoni. Pi di un divano, MyWorld un sistema living completo di piani di appoggio, contenitori e stazione elettrica di caricamento (con porta USB e wireless integrato). Basta circondarsi poi di pochi dettagli preziosi per avere il mondo in mano. E tra i cuscini Passepartout di lana e cachemire e il Plaid Byblos, entrambi di Ivano Redaelli, sospesi nella luce delle lampade di Michael Anastassiades per Flos e dei palloncini in lattice a sorgente Led di Magic Balloon, ascoltare la musica del giradischi Pro-Ject Debut Carbon Esprit di Pro-Ject audio Systems, amplificata dalla cassa acustica BeoPlay A9 di Bang & Olufsen, o leggere i libri di Neri Pozza Editore. A terra il calore dei tappeti Modern Kilim a scacchi avorio e nero da Alberto Levi Gallery e Masterpieces Decolorized di Golran.

COMFORT DIGITALE

STYLING STUDIOPEPE, FOTO ANDREA GARUTI, LOCATION E COSTRUZIONE SET DI SPAZIO 65 A MILANO

ELLE DECOR 7

STEPHANE MURATET COURTESY LOUIS VUITTON

8ELLE DECOR

LA CASA DI CHARLOTTE

Charlotte Perriand, musa e icona di stile evergreen, crea ancora una volta una liaison tra design, moda e architettura. A Design Miami 2013, grazie a Louis Vuitton, La Maison Au Bord De LEau, casa nomade smontabile da lei progettata nel 1934, stata realizzata per la prima volta. E per arredarla sono stati scelti alcuni pezzi nella collezione I Maestri di Cassina, unica azienda che possiede i diritti esclusivi mondiali per la produzione dei mobili dellarchitetto-designer. Ma non tutto: Louis Vuitton e Cassina hanno proposto nella stessa occasione unedizione limitata della chaise longue LC4 CP, coniugando finiture sartoriali e alto artigianato. Lultima edizione della relaxing machine ha dettagli molto curati, come il materasso autoportante in cuoio con cuciture handmade in giallo, i cinturini fashion e i colori naturali abbinati a contrasto. www.louisvuitton.it, www. cassina.com, lccollection.cassina.com

CUCINA FLUIDA

Fluire arrendersi alla vera bellezza. Cos dichiara lo chef Massimiliano Alajmo, e Fluidit infatti il titolo del secondo volume di cucina dei fratelli Alajmo, 569 pagine con 70 ricette, e soprattutto con foto fluide. A colori, dei piatti, firmate dal brasiliano Sergio Coimbra; in bianco e nero (quelle della famiglia, dei collaboratori) del newyorchese WoWe. Fluidit dellimmagine: le ricette sono state tutte fotografate utilizzando lacqua come lente aggiuntiva. Risultato: non solo un suggestivo effetto sub, ma anche lamplificazione macro degli ingredienti attraverso la loro diluizione. Massimiliano e Raffaele Alajmo, che hanno tre ristoranti gourmet (Le Calandre, La Montecchia e Ristorante Quadri) e tre bistrot, tra Padova e Venezia, apriranno nel 2014 in uno dei passages storici di Parigi. Linterior design stato affidato a Philippe Starck. www.alajmo.it
10ELLE DECOR

SERGIO COIMBRA, 2013 ALAJMO EDITORE

IL DEBUTTO DELLA STAR

Quello di David Adjaye, nato in Tanzania e residente a Londra da anni, uno dei nomi in pi rapida ascesa nel panorama internazionale dellarchitettura. Per lo Smithsonian Museum of African American History and Culture di Washington (che aprir nel 2015), il Wall Street Journal lha premiato come Architecture Innovator dellanno appena concluso. Lavorando a questo progetto Adjaye ha sviluppato anche una serie di arredi per i suoi interni: i suoi primi oggetti di design. La realizzazione stata affidata a Knoll, che ha chiesto di poterli inserire, dal 2014, nel suo catalogo. The Washington Collection, questo il nome, si compone di due sedie (Washington Skeleton, in alluminio pressofuso, e Washington Skin, in nylon rinforzato, a parete nella foto), un coffee table in bronzo e vetro in edizione limitata, una poltrona con poggiapiedi e un tavolino. Architetture dautore in miniatura. www.knoll-int.com, elledecor.it
ELLE DECOR 11

DOROTHY HONG/THE FINANCIAL TIMES LIMITED 2013 ALL RIGHTS RESERVED

DOPPIA PALETTE 2014

Super soft: il ct delicato sceglie toni chiari e polverosi, come rosa cipria e celeste pastello mescolati a pois interpretati in chiave pittorica e a nuove righe: il tutto spezzato da una nota giallo acceso. Da sinistra sul tavolo, il velluto di cotone Adamo & Eva scelto in Rosa Th accostato al tessuto maschile Edimburgo Souris double-face a righe sottili e impreziosito da una leggera calandratura, entrambi di Dedar. Scintillante, Faber, il raso Trevira firmato Rubelli in grigio azzurro come il velluto di lana Alexander Bermude di Dedar. Brocca Tokio di Mist-O, piatto e ciotola in grs in color cipria e lime da Dep Design Store, coppa gelato (del 1952) di Alessi, in acciaio. Sulla parete, a destra Yellowcake, il giallo 2014 di Farrow&Ball e a sinistra il raso di seta Mademoiselle Oro, di Dedar. Fulcro dellimmagine la cornice (1987) di Cec Casile (cm 50x50) con tessuto Almapura in cotone di Designers Guild.

12ELLE DECOR

STYLING BETTINA ROSSO E MURIELLE BORTOLOTTO, FOTO ADRIANO BRUSAFERRI

Strong energy: toni primari e note glossy per il Summer trend dellanno. Blu royal, verde smeraldo, rosso puro, un tocco di giallo. La parete tinteggiata con il colore EO.11.67 di Sikkens e per met rivestita da un acetato in tinta che le conferisce laspetto extralucido. Lessenziale cornice di Cec Casile, in legno intonacato e dipinto, racchiude il tessuto in cotone Pearls Scarlet, coll. 2014 Belles Rives di Christian Lacroix per Designers Guild, anche in altri 3 colori. Da sinistra, sul tavolo raso colorato blu Faber di Rubelli, in doppia altezza; puro lino lavorato a intreccio Plaisir Divin coll. Sortilge di Elitis. Il bagliore scintillante creato sovrapponendo un acetato verde a una carta argentata; sulla destra tessuto jacquard effetto spigato/bicolore per Vanuatu di Pierre Frey. Brocca Tokio di Mist-O, piatto e ciotolina in grs nei colori blu e lime, tutto da Dep Design Store, coppa gelato 400 di Alessi (1952).

ELLE DECOR 13

1.100 metri quadrati per Pinned Up, la pi ampia personale su Marcel Wanders, che si terr allo Stedelijk, Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Amsterdam (dal 1 febbraio al 15 giugno 2014). Amato e conosciuto per i suoi mobili magici (tra questi la Knotted Chair), per gli interni eclettici e per le sue originali art direction (Moooi), Wanders ora allapice di una carriera che dura da 25 anni. Ospitata nella nuova ala del museo, la mostra racconta il suo percorso dagli anni 80 a oggi attraverso 400 oggetti, ma anche prototipi, fotografie, disegni e lavori pi sperimentali suddividendoli in tre aree: la zona contraddistinta dal bianco racconta i temi pi ricorrenti di Wanders, quella di colore nero approfondisce invece i suoi lavori pi personali e infine una lounge dove esposto il suo lavoro come art director. www.stedelijk.n, elledecor.it

WANDERS SUPERSTAR

In Europa e negli States, per scoprire i must di mostre, eventi, progetti ecosostenibili che ci accompagneranno lungo il 2014

Pi che un ponte, un vero e proprio parco panoramico sospeso sullacqua. il progetto green proposto dallarchitetto Thomas Heatherwick in collaborazione con gli ingegneri di Arup e selezionato dal concorso indetto dalla Transport for London per il Garden Bridge che andr a unire South Bank e Covent Garden. Esclusivamente pedonale, interamente rivestito da arbusti, alberi e fiori: un vero polmone verde affacciato sul Tamigi. Un progetto che si inserisce nel pi ampio piano di riqualificazione e bonifica che sta interessando la riva sud del fiume, oggi molto trendy e in via di sviluppo. I lavori, che dovrebbero iniziare entro lanno, termineranno nel 2017. www.heatherwick.com, www.arup.com
14ELLE DECOR

UN PONTE COME UN GIARDINO

LORTO A SCUOLA

A Brooklyn (NY) stato da poco inaugurato un Edible Schoolyard, il primo dei quattro previsti nella citt di New York. Si tratta di un progetto etico ed educativo avviato 15 anni fa da Alice Waters e nato con lobiettivo di insegnare ai bambini a prendersi cura di s e degli altri, attraverso la coltivazione di orti e giardini. Ma non solo. Edible Schoolyard non unicamente un programma scolastico, ma un modo di vivere e di lavorare: sostenibile come gli spazi e le architetture dedicate. Disegnato dallo studio WORKac, ledificio che ospita gli studenti della scuola P.S. 216 completo anche di serra (foto). www.work.ac

Dalla Sala Bianca di Palazzo Pitti, cuore di Firenze, al Victoria & Albert Museum di Londra, la moda italiana presentata nei primi anni 50 oggi protagonista di The Glamour of Italian Fashion (dal 5/4 al 27/7). La mostra, realizzata col supporto di Bulgari, passa in rassegna la nascita delle sartorie nel dopoguerra, le Sorelle Fontana e Mila Schn, le primissime sfilate organizzate da Giovanni Battista Giorgini, le ambasciatrici hollywoodiane (Audrey Hepburn ed Elizabeth Taylor tra tutte), i materiali di lusso utilizzati, la perizia tessile e lincredibile produzione specialistica regionale. Non mancano poi 100 tra mise e accessori delle pi importanti maison di oggi (Armani, Missoni, Gucci, Prada) e interviste filmate ai personaggi chiave che hanno fatto lo stile italiano. www.vam.ac.uk

GLAMOUR ITALIANO A LONDRA

ARUP - IWAN BAAN - FOTO G.M. FADIGATI, GIORGINI ARCHIVE, FLORENCE

INTERNI MOBILI

Non solo una concept car: Citron C4 Cactus un manifesto programmatico, il punto di partenza dellevoluzione dei futuri modelli della linea C. Ha le dimensioni di una berlina compatta (lunga m 4,21 e larga m 1,75) ma con peso ridotto. La silhouette fluida e accogliente e gli interni ispirati al mondo della valigeria. Grande cura dei dettagli grafici: di fari (anteriori e posteriori a Led), Airbump grigio lama (pannelli in poliuretano contenenti camere daria scelte per proteggere le fiancate dagli urti) e passaruota goffrati color nero. In vendita da giugno. www.citroen.it
ELLE DECOR 15

AMAZING JUNGLE

Ispirata al visionario Henri Rousseau, la nuova lettura del jungle sar il leitmotiv dellestate. A sinistra, pattern di maschere zoomorfe stampate su lino per Marabout, e sullo sfondo il motivo animalier Panthere de Somalie su cotone, entrambi di Pierre Frey. In turchese, Stool da viaggio effetto origami in cuoio, di Atelier O per Louis Vuitton. Nel gioco tribale, la mini baguette in visone e volpe a intarsi coll. Monster di Fendi, cult dellinverno, si trasforma in una maschera etnica. A destra, tratto iperrealista per la giungla selvaggia di colori accesi a foglie macro di Christian Lacroix per Designers Guild: a sinistra stampata su cotone Jardin Exo Chic, a destra su velluto Soft Jardin Exo Chic. A terra il tappeto verde brillante in lana e seta annodato a mano Amiamo il Serpente di Fornasetti, e la pantera Aneth di Koziel; elefantino in cuoio da la Rinascente. Illuminano la notte tropicale Fire Torch e Fire Basket, di Norm per Menu.
16ELLE DECOR

ELLE DECOR 17

STYLING BETTINA ROSSO E MURIELLE BORTOLOTTO, FOTO ADRIANO BRUSAFERRI

UNICONA,10 ANNI DOPO

Dieci candeline per la Bourgie, la piccola grande lampada icona di Kartell, disegnata da Ferruccio Laviani (nel ritratto con una versione inedita, ovvero vestita per loccasione con una cagoule di lana). Bourgie non solo un gioco di parole con bougie (candela in francese), ma unispirazione disco soul di Ashford & Simpson. Bourgie per me era anche un compito a casa: dovevo pensare per Kartell a una lampada importante. Una sera stavo ascoltando un po di musica, quando proprio Ashford & Simpson hanno cominciato a cantare. Voltandomi, ho visto la lampada che avevo sulla scrivania e che era l da non so quanti anni, quasi dimenticata; il tipico candelabro antico montato ad abat-jour con il cappello di tessuto. Era fatta! Ne ho ricopiato il profilo, e ho cominciato a plastificarla e rimaneggiarla al computer. E cos nata la Bourgie. www.kartell.it elledecor.it
18ELLE DECOR

STYLING LAURA MAGGI, FOTO GIOVANNI GASTEL

DESIGN DA MUSEO

TITOLAOSDFLUIDO

Ovvero il fascino del fare: la mostra Making, curata da Edward Barber (a sinistra) e Jay Osgerby (qui ritratti davanti al Design Museum a Londra che la ospita fino al 4/5). 20 oggetti catturati nel loro divenire: dalla torcia (sono stati loro a disegnare quella per i Giochi Olimpici del 2012) a una sedia iconica Thonet. Perch siamo sempre stati affascinati dal processo del making, del fare, come parte integrante del nostro lavoro. E abbiamo cercato di congelare un momento del divenire di ogni oggetto scelto, svelandolo nel suo stato di non finito. Bello, a volte persino pi bello delloggetto realizzato. Barber e Osgerby sono stati anche a Colonia a Imm 2014 per presentare Mews e Stamp per Mutina, una collezione di piastrelle ispirate alle texture e ai pattern irregolari delle mews appunto, le case-scuderia londinesi, e ai muri della capitale. www.barberosgerby.com; www.designmuseum.org elledecor.it
ELLE DECOR 19

ANDREW MEREDITH

VERDE-BOSCO

20ELLE DECOR

MASSIMO VICENTINI/LEDRO LAND ART NEL COMUNE DI LEDRO

Il giardino dellEden non era un giardino, era un bosco. A Russell Page (Leducazione di un giardiniere, Umberto Allemandi & C.) sarebbe stato permesso, al pi, di mettere in piedi un frutteto. La nostra voglia di paradiso oggi tenta di ricondurre il verde alla propria matrice naturale, libera dal disegno visibile. A pochi chilometri da San Marco a Venezia, il giardino dellisola della Certosa stato ripristinato togliendo ogni barriera e gli approdi convivono con le aree della tradizione orticola lagunare (parcodellacertosa.it). A Trivero, nel Biellese, Anna Zegna non ha voluto toccare la sua faggeta di 15 ettari: i percorsi non hanno nulla di umano e il giardino natura bioenergetico (fondazionezegna.org). I paesaggisti puntano a diventare custodi del paesaggio, recuperandolo se sparito. Come in val di Ledro dove larte transitoria (foto, ledrolandart.it). Noi passiamo, gli alberi no.

VERDE DISEGNATO

COURTESY OF THE ARTIST AND OF THE 2013 ULSTER BANK BELFAST FESTIVAL AT QUEENS, DIRECTOR RICHARD WAKELY, WWW.BELFASTFESTIVAL.COM

I giardinieri del Rinascimento volevano lasciare un segno. Ma a loro bastava che si vedesse dalle finestre della villa. Oggi i disegnatori del paesaggio vogliono che il loro segno si noti dallo spazio. Jorge Rodrguez Gerada ha cambiato il mondo, cos come appare da Google Earth: il suo volto umano (Wish nel Titanic Quarter di Belfast, foto, dove si tiene lUlster Bank Festival at Queens, www. jorgerodriguezgerada.com), risultato dello spostamento di 2.000 tonnellate di sabbia e di 30.000 pali di legno, si vede solo in volo. Allo stesso modo Dario Gambarin fa quadri-campo, arature che creano enormi segni alieni (www.dariogambarin. com), e Carlotta Brunetti a Pordenone e in Camargue incide tracce umane sovradimensionate. Oggi la sfida tra uomo e creato non come nel Rinascimento (www.carlotta-brunetti.de). Opere effimere, destinate a sparire. Perch va bene sfidare la natura, ma per poco: ora sappiamo che molto pi fragile di noi.

TITOLAOSDFLUIDO

CROSSING CULTURALE

Il pensiero vola allOriente, alle bacchette di legno di bamb, alla grazia di certe strutture leggere e impalpabili. Mikado, il contenitore in legno di frassino olivato disegnato dallo studio svedese Front per Porro, ci riporta a quella cultura, riletta attraverso un modo tutto italiano di fare design. S, perch questo mobile nasce dallincrocio di una doppia fila di listelli di legno, inclinati e sfalsati, proprio come nel gioco dello Shanghai, e mette in luce il valore artigianale. Ma il sense of humour tipico delle tre designer che ancora una volta cattura la nostra attenzione per insinuarci il dubbio: Mikado davvero una madia? Pi la guardiamo e pi la scansione allapparenza casuale di pieni e di vuoti, di vedo non vedo ci intriga. Sar invece una di quelle meravigliose gabbie costruite per custodire creature fantastiche. In realt, nella sua esotica semplicit, un pezzo pregiato. Unico nel suo genere.
22ELLE DECOR

STYLING STUDIOPEPE, FOTO ANDREA GARUTI, LOCATION E COSTRUZIONE SET DI SPAZIO 65 A MILANO

INTELLIGENZA COLLABORATIVA

TITOLAOSDFLUIDO

Open, a Milano, in viale Monte Nero 6 (da unidea di Giorgio Fipaldini, Carla Parisi, Piergiorgio Mancone e Fabrizio Cosi), non solo un nuovo concept di libreria dove comprare, leggere libri e scoprire il mondo delle App dedicate, ma un nuovo modo di fare insieme, dove tutti mettono a disposizione le proprie competenze. Il progetto di interior, di Daniele Lago (in foto a sinistra) con Andrea Marcante e Adelaide Testa dello studio UdA, frutto di questo processo di condivisione creativa. Protagonista nei prossimi mesi, larea co-working: uno spazio bianco che vorremmo diventasse un attivatore di idee. Come? Non solo scrivanie e computer, ma anche una piccola cucina e una zona living dove fare yoga, raccontano Andrea e Adelaide. Perch? Crediamo nel valore della relazione linciso di Daniele. Niente barriere,solo vetrate per garantire permeabilit e contaminazione. www.openmilano.com, elledecor.it
ELLE DECOR 23

STYLING PAOLA CARIMATI, FOTO MAX ROMMEL

NUANCE COTTO
I toni della terra si affermano come i nuovi neutri, fra texture e materiali inediti. Il tavolo con piano in cemento terra di Siena Robin, di Bruno Fattorini & Partners per MDF Italia. Sopra, da sinistra, luce Semp w103 in alluminio di Inga Semp per Wstberg, vaso in terracotta Clover Pot di Kensaku Oshiro per Ligne Roset (cm 14,5h) e, appoggiata sui mattoni, vaso-scultura Pallina in filo di ferro di Antonino Sciortino. Sul bordo del tavolo, specchio Adobe Table Mirror di Ilaria Innocenti; dietro, in terracotta vaso Mira di Giulio Iacchetti per Internoitaliano (cm 19h) e scultura Oggetti per la Tavola di Gum Design per Giuseppe Mazzotti (cm 30h). Svetta il modulo della libreria componibile Eur, coll. Me Too, di G. Iacchetti per Magis; accanto, brocca di Elena Salmistraro e luce Luminaire de Table di A. Sciortino per Serax. Sedia monocolore Elephant di Neuland per Kristalia. Mattoni, Building center e BigMat. elledecor.it

24ELLE DECOR

STYLING STUDIOPEPE, FOTO ANDREA GARUTI, LOCATION E COSTRUZIONE SET DI SPAZIO 65 A MILANO

SOLO NERO
Vero colore passe-partout 2014, in vellutati toni matt o in nuance scintillanti, per riedizioni cult e pezzi al debutto. Scelgono lo stesso tono di nero profondo la nuova versione della Lounge Chair & Ottoman in frassino e pelle, a sinistra, un must di Charles e Ray Eames, 1956, prodotta da Vitra, e la poltrona Trez, quasi un segno grafico nello spazio in alluminio tagliato al laser, di Studio Zanini, 2013, per Cappellini. Nuova versione di un design storico, sul fondo, la libreria 606 Universal Shelving System di De Padova, progetto Dieter Rams, 1960/1984, rieditata in finitura nera; ospita il vaso Kora, di Spotti Edizioni. Accanto a Trez, il coffee table Neto in poliuretano con top in Mdf verniciato peltro, di Rodolfo Dordoni per Minotti, in primo piano tavolino Element, dacciaio laccato nero, di Tokujin Yoshioka per Desalto. A terra, maxi piastrelle Dchirer Decor in grs di Patricia Urquiola per Mutina. elledecor.it

STYLING STUDIOPEPE, FOTO ANDREA GARUTI, LOCATION E COSTRUZIONE SET DI SPAZIO 65 A MILANO

ELLE DECOR 25

BUON COMPLEANNO
Sono molti gli anniversari da segnalare nel 2014. Come il 60 del Compasso dOro: il premio di ADI che dal 1954 accompagna la storia del design italiano, questanno da Milano annuncer la sua 1 edizione internazionale (foto, Olivetti Lettera 22 di Nizzoli). O gli 80 anni di Molteni&C (foto, sedia Milano di A. Rossi, 1987) e di Bof, due emblemi del made in Italy nel mondo (foto, Minikitchen di J. Colombo, 1963). Ne festeggia 60 Zanotta: primo evento, una mostra a Parigi che ripercorre questi anni straordinari (foto, seduta Sacco di Gatti, Paolini, Teodoro, 1968). del 1954 anche Luminator, luce firmata Castiglioni, dal 1994 nella collezione Flos. 1964, anno mirabile: nascono Algol e RadioCubo di Zanuso/Sapper per Brionvega, ancora attuali; licona pop Fun Lamp, di Verner Panton per Verpan, e la geniale lampada Falkland, di Bruno Munari per Danese. Innovativo nel 2004, bellissimo oggi: Osorom, di Konstantin Grcic per Moroso.

FALKLAND

50

60

FUN LAMP

50

60

ZANOTTA

LUMINATOR

60

50
ALGOL

10

OSOROM

COMPASSO DORO

60

RADIOCUBO

50

MOLTENI&C

80

80
BOFFI
26ELLE DECOR

GENERAZIONE UNDER 30
Un blog su Il Fatto Quotidiano, un CV che raccoglie molteplici esperienze editoriali e un libro, il suo primo, uscito il 9/1/2014 e intitolato Dopo gli anni Zero. Il nuovo design italiano, Editori Laterza. Lei Chiara Alessi, classe 1981, giovanissima e gi autorevole curatrice e critica del design. Dopo gli anni Zero una mappa critica, un tentativo di ricognizione (durata due anni) condotta nel campo del design italiano tra il Duemila e gli anni Dieci. Un viaggio che attraversa il sistema del progetto nostrano per raccontare i luoghi (della produzione e dellistruzione), i modi alternativi di fare design (dallautoproduzione ai nuovi modelli distributivi), la comunicazione (on e offline) e le persone. Sono menzionati pi di 200 designer, la maggioranza under 30, riconducibili alle categorie: neopost, sulpezzisti e integrati, soft pop e rtro chic, messaggeri, rizomati, metonimici ed empiristi. www.chiaraalessi.com elledecor.it

DIEGO ALTO

ELLE DECOR 27

Due grandi mostre caratterizzeranno la prossima stagione espositiva nel capoluogo lombardo. La prima una vasta retrospettiva dedicata a Piero Manzoni perch, come ci spiega lassessore milanese alla Cultura, Filippo Del Corno, Primavera di Milano un palinsesto di eventi dedicati a chi ha fatto grande la nostra citt: personalit del mondo dellarte e della cultura che hanno vissuto e lavorato a Milano in quanto solo qui hanno trovato il terreno fertile per la loro creativit. Piero Manzoni uno di loro e Milano vuole omaggiarlo nella sua sede espositiva pi prestigiosa: Palazzo Reale. Il progetto, in collaborazione con la Fondazione Piero Manzoni, presenta oltre 100 lavori dellartista concettuale (foto, Corpo daria 28, 1959/60), sperimentatore al limite della provocazione. Inaugurazione a fine marzo proprio per farla coincidere con lapertura del Miart (dal 28 al 30/3, www.miart.it) e ampliare cos lofferta culturale della citt in un momento in cui si popola di appassionati darte e turisti. Per lo stesso motivo la seconda mostra a Palazzo Reale, dedicata a Luini, con lallestimento di Piero Lissoni, si inaugurer il 7 aprile insieme alla Design Week, conclude Del Corno. www.comune.milano.it/palazzoreale

PRIMAVERA DI MILANO

TIPOGRAFIA DAI-DA-TE

il progetto di Letterproeftuin, il laboratorio neoartigianale fondato da Yorit Kluitman, Timon van der Hijden e Jaron Korvinus a Rotterdam. Mossi dalla passione per la grafica, i tre designer olandesi hanno realizzato una tipografia mobile di dimensioni lillipuziane, ma perfettamente funzionante: stampa mini manifesti e libri. Non solo. Lallestimento itinerante, frutto della passione per la grafica, un invito a sporcarsi le mani e a considerare che tutto possibile, anche in spazi ristretti. www.letterproeftuin.com

Inaugurazione prevista in autunno per la Fondation Louis Vuitton di Parigi, edificio ideato dallarchistar canadese Frank Gehry, da sempre amante delle forme scultoree, non a caso riproposte anche per questo progetto costato la bellezza di 127 milioni di dollari. Sognavo di progettare un grande edificio-vascello a Parigi come simbolo della cultura francese, ha dichiarato Gehry, il quale ha infatti pensato a una struttura che per molti versi ricorda quella di un veliero, con grandi forme ondulate come modulate dal vento e leggere trasparenze vetrate. Situata nel Jardin dAcclimatation, nellarea ovest della citt, la Fondation ospiter una collezione permanente, pi vernissage ed eventi culturali sotto lo sguardo del curatore Suzanne Pag. www.foga.com, www.louisvuitton.it
28ELLE DECOR

FRANK GEHRY PER LOUIS VUITTON

MODERNIT ANOMALA

Ha ricevuto lincarico dal ministro Bray solo negli ultimi giorni del 2013; in pochi mesi larchitetto Cino Zucchi dovr organizzare la mostra che rappresenter il nostro Paese alla Biennale Architettura in programma a giugno in laguna. Milanese, classe 55, professore ordinario al Politecnico di Milano e visiting professor alla School of Design di Harvard, Zucchi si gi dichiarato in sintonia col tema generale proposto dal curatore capo Rem Koolhaas, Absorbing Modernity: 1914-2014, unesortazione a mostrare come il linguaggio moderno abbia contaminato le caratteristiche tipiche delle identit nazionali. Per Zucchi la modernit anomala dellItalia del secolo scorso un fenomeno di grande interesse: un architetto italiano non pu che includere il passato nel suo progetto fin dallinizio; non tanto in termini di linguaggio ma proprio per la realt fisica delle sue tracce materiali. Ma come sar il suo Padiglione Italia? Il sogno sarebbe stato quello di organizzare una mostra monotematica; ma forse questo un po prematuro per lItalia. Le Biennali di Architettura hanno spesso cercato un forte impatto sul pubblico, trasformando i padiglioni in installazioni. Questa scelta implica il coraggio di un gesto unico, con il rischio di scimmiottare idee e soluzioni appartenenti ad altre discipline. La realt italiana non sembra proporre oggi un singolo tema che meriti lonore del solista; questo per non significa che non si possano fare discorsi interessanti anche osservando pi fenomeni differenziati attraverso un punto di vista unitario. www.labiennale.org elledecor.it

Dalle anticipazioni di Cino Zucchi sulla Biennale Architettura 2014 al nuovo progetto parigino di Gehry, alla primavera milanese nel segno dellarte. Solo alcuni degli appuntamenti in calendario

COURTESY FONDAZIONE PIERO MANZONI, MILANO CINO ZUCCHI INTERVISTATO DA MARCO CASAMONTI, FOTO PIETRO SAVORELLI

La nuova BMW i3 non solo unauto elettrica (al 100%, la prima della casa tedesca). la prima al mondo collegata in rete grazie a una SIM card fissa per offrire al guidatore servizi incentrati sulla mobilit, dal sistema di navigazione alla possibilit di pianificare il proprio viaggio usando anche mezzi di trasporto pubblici come treni o autobus (consultando orari e coincidenze). Dialoga con gli smartphone: permette, per esempio, di controllare a distanza a che punto il processo di ricarica. agile: passa da 0 a 100 km/h in 7,2 secondi. I suoi materiali (alluminio, fibra di carbonio, magnesio, speciali plastiche rinforzate) le regalano una linea invidiabile e un peso extra light. E lo spazio interno, grazie allassenza della leva del cambio, fluido come in un mini living. www.bmw.it/i3
ELLE DECOR 29

GUIDA ELETTRIZZANTE

PROGETTO IN MUSICA

Milano ha una nuova scuola e una nuova iniziativa per il sociale. Per fare musica insieme divertendosi, come recita uno dei capisaldi di El Sistema: il modello di insegnamento ideato in Venezuela 40 anni fa dalleconomista e musicista Jos Antonio Abreu per avvicinare i ragazzi alla musica e allontanarli dalle strade. A volere fortemente la nascita della sede stata Giuseppina Antognini. Compagna di vita del pianistaimprenditore Francesco Pasquinelli, con passione e determinazione, ha promosso la fondazione che da lui prende il nome. Sempre lei ha commissionato allarchitetto Daniela Volpi il restauro dellappartamento in cui Pasquinelli era nato, dando una casa alla PYO - Pasquinelli Young Orchestra e alle attivit didattiche del Sistema delle orchestre e dei cori giovanili in Lombardia. Inaugurata da poco, la sede aperta e accessibile a tutti. www. fondazionepasquinelli.org elledecor.it
30ELLE DECOR

STEFANO PAVESI

IL PIBELLO DEL REAME

Il luogo pi adatto per custodire preziosi smart dress, la clutch con i cristalli, le adorate pump Jimmy Choo e poi camicie, giacche, pantaloni, e magari anche i gioielli: Backstage, lultimo progetto di Antonio Citterio per B&B Italia. Uno scrigno da scegliere nella inedita profondit di cm 85 (ma c anche di cm 66) e in tre larghezze fisse (cm 145/170/ 195), ognuna con due sole ante di cm 72,5/85/97,5 che si aprono scomparendo nella profondit e che svelano ripiani in pelle, cassetti, griglie, portacinture e portagioielli illuminati da luci a Led. Con dettagli sartoriali, come le maniglie in pelle impunturata, in legno o in 16 colori con finitura effetto gommalacca o satinata. Abiti, da sinistra, Ralph Lauren, Stephan Janson, Chanel, Cos, Daniele Carlotta, Blumarine, Brunello Cucinelli, Max Mara Sposa, Gianluca Capannolo. Accessori Tods, Chanel, Francesco Ballestrazzi, Fendi. www.bebitalia.it
32ELLE DECOR

STYLING MICAELA SESSA, FOTO GIOVANNI GASTEL, HANNO COLLABORATO SILVIA MASCIALE E NICOL MILELLA, HAIR E MAKE-UP ANTONELLA GAGLIO/CLOSE-UP

250 ANNI DI STILE

OLYCOM

Nel 1764 Luigi XV, re di Francia, concedeva il permesso a un villaggio della Lorena di aprire una fornace per la realizzazione del cristallo. Quel villaggio aveva (e ha tuttora) un nome che oggi sinonimo di stile: Baccarat. Una storia lunga 250 anni che viene raccontata da un volume pieno di immagini straordinarie (Baccarat 1764, Two Hundred and Fifty Years, 420 pagine, testi di Murray Moss e Laurence Benam, Rizzoli New York). Ci sono antiche incisioni e fotografie delle Esposizioni Universali di fine 800, la caraffa e i bicchieri Art Dco creati per il maharaja di Indore, i bicchieri realizzati per lo yacht di Aristotele Onassis (ritratto in questa foto con Maria Callas), il vaso monumentale acquistato nel 1909 dal negus dellAbissinia. Ma anche i flaconi per i profumi di Dior e i progetti del Gotha del design contemporaneo (De Lucchi, Urquiola, Starck, Wanders ecc.). Joyeux anniversaire! www.baccarat.com
ELLE DECOR 33

DESIGN BLOG: IL FUTURO ONLINE

Cool Hunting un must e monitora la creativit a livello globale con una rete internazionale di corrispondenti. Nato nel 2003 fa base a New York ed fonte di contenuti davvero originali come i mini documentari settimanali. Sei le voci del menu: design, tech, style, travel, culture, food+drink. www.coolhunting.com Core77

Creature Comforts Un layout che di per s un piacere visivo. Fondato e diretto dal 2006 dalla californiana Ez Pudewa, questo diario online punta la lente di ingrandimento sui piccoli dettagli che rendono la vita pi piacevole. Oltre al blog, Ez si diletta di fotografia e illustrazione. creaturecomfortsblog.com

lapripista dei blog di design. Dal 1995, seguito da design addicted, studenti, professionisti del settore e creativi. Con base a New York, pubblica articoli, forum di discussione, calendari di eventi, portfolio di talenti emergenti, annunci di lavoro, database di aziende e scuole. www.core77.com The Selby Stylish e un po voyeur. Uno dei blog cult, firmato dal fotografo Todd Selby. Davanti al suo obiettivo creativi e celebrity aprono stanze e perfino armadi. Lesordio del blog del 2008. Originale per grafica e illustrazioni, dello stesso Selby, fonte di ispirazione per molti interior magazine. theselby.com Life+Time Il design visto dal guru del rap e dellhip hop Jay-Z. Il suo blog, lanciato nel 2011, una delle migliori fonti di contenuti visivi sul web con leisure, style, arte, design, musica e molto altro. Supervisionato da Jay-Z in persona, curato, nella Grande Mela, da uno staff dedicato. lifeandtimes.com

34ELLE DECOR

Its Nice That Fondato da Will Hudson nel 2003 per sostenere la creativit attraverso larte e il design. Con almeno 9 nuovi articoli ogni giorno, mette in primo piano design e forme espressive contemporanee. Il successo online ha suggerito un magazine semestrale, mostre, eventi e talk. www.itsnicethat.com Confessions of a Design Geek Blog nato nel 2010 con leditor Katie Treggiden per scoprire, tenere sottocchio e ispirare nuovi designer. Si contraddistingue per il punto di vista autoriale e loriginale menu di navigazione che vede voci come Out and About, Creative Spaces o Heres One I Made Earlier. confessionsofadesigngeek.com

HALL OF FAME
# Dezeen

# # #

Fine Little Day Ispirazionale: cos il blog fondato nel 2007 a Gteborg dallartista Elisabeth Dunker, con libri, interni, artigianato, decorazione, arte, DIY. Un occhio femminile dallhandmade al design per i piccoli. Da non perdere lelenco dei suoi siti preferiti dalla A alla Zeta, con tanto di link. www.finelittleday.com Emmas Designblogg Dalla Scandinavia il blog di Emma Fexeus. Del 2005, il pi letto di Svezia con 130.000 visitatori unici al mese e la presenza nelle classifiche delle top ten dei blog di design di The Guardian, The Times e The Telegraph. Tra i premi ricevuti si segnala: lo Stora Bloggpriset nel 2009. emmas.blogg.se

Avviato nel 2006 da Marcus Fair, fondatore del magazine Icon, considerato per invenzione, grafica e contenuti una case history nel panorama digitale, con 3 milioni di visitatori al mese e un trend in crescita. Tra i suoi spin off Dezeen Watchstore, vetrina online sugli orologi dautore. www.dezeen.com # Designboom Tra i primi blog di design. Nato nel 1999, conta su un archivio di oltre 27.000 articoli. Aggiornato pi volte al d, da 14 anni pubblica sempre per primo le ultime notizie in fatto di architettura, design, tecnologia e arte. Dal 2011 esiste anche la versione cinese. diretto da Birgit Lohmann. www.designboom.com # MoCo Loco Canadese, del 2003, MoCo Loco un web magazine di architettura, interior design, product design. Il layout considerato uno dei pi originali e il suo contenuto uno dei migliori online. In pi, la sezione MoCo Mr dedicata allo shopping maschile: tecnologia, automotive, moda, vini www.mocoloco.com # Yatzer Voluto dal designer dinterni greco Costas Voyatzis, un blog di design incentrato sulla good life. I post sono moltissimi: dalle case pi belle della rete fino allalta moda, dai viaggi alla fotografia. Tutto con un punto di vista contemporaneo e uno spiccato senso dellestetica. www.yatzer.com # Apartment Therapy The Times lha decretato the best tra i 50 blog di design internazionali. Made in USA, utile ma anche ricco di ispirazioni, dal 2004 si occupa di ogni aspetto di arredo e dcor. Ideato dallinterior designer e life coach Maxwell Ryan, il blog ha dato il via a una serie di libri. www.apartmenttherapy.com

Fubiz Direttamente dalla Francia (Parigi) ma con versione in inglese. Dal 2005 dice la sua sulla creativit mondiale esplorando il meglio per quanto riguarda grafica, cultura, prodotto, video e arte digitale. Da poco si presentato ai suoi user in veste completamente rinnovata. Anche per la Tv. www.fubiz.net/en

L'IMPERATIVO 2014:FIX-IT!

Riparalo. Reinventalo, invece di buttarlo via. la nuova parola dordine. Il trend sostenibile pi glam del 2014. Ha reso improvvisamente sexy lormai risaputa idea del riciclaggio. Appassiona zippy, geek e techno-illuminati in ogni campo, in gara per trovare soluzioni creative che offrano una seconda vita agli oggetti di uso quotidiano. Dal coltello di cucina, dotato dimpugnatura ergonomica grazie a una pasta di gomma colorata, alliMac turchese e panciuto degli anni 90, elettronicamente riabilitato, ai piatti di porcellana crepati, redenti da venature doro zecchino. Repair! il anche il tema della mostra aperta sino al 2/2 al Vitra Design Museum Gallery (www.designmuseum.de). A destra, la fixer e guru Jane ni Dhulchaontigh appesa al soffitto a testa in gi, per dimostrare il potere di adesione di Sugru (www.sugru.com), pasta di sua invenzione malleabile, flessibile e impermeabile, che consente di riparare o trasformare qualsiasi cosa, dal mestolo da cucina alliPhone. elledecor.it
36ELLE DECOR

CHARLIE CLIFT

USEFUL WHITE

Strumenti di lavoro e attrezzi da bricolage, reinterpretati nel segno del design, si trasformano in oggetti cult. Il duo italodanese GamFratesi applica il proprio talento a oggetti apparentemente banali: nelle loro mani, una scala diventa speciale e nasce Compass per Casamania, in legno tinto bianco con dettaglio circolare in metallo che richiama il compasso; allo stesso modo una semplice scopa si trasforma in scultura: Baffi per Swedese, in massello laccato con preziose setole in crine di cavallo. Con lo stesso approccio un classico attrezzo da cantiere si fa luce: Filo a Piombo, lampada a Led di Sara Frattini per Davide Groppi con cavo lungo fino a 3 m e diffusore che emette luce puntiforme. Dedicata alloutdoor (ma non solo) Carry On, la carriola in metallo di Francesco Faccin per Officinanove. A terra, un piatto in ceramica quadrato e a parete, come un quadro, il vassoio, entrambi di Kose. Tute Diadora Utility.
38ELLE DECOR

STYLING BETTINA ROSSO E MURIELLE BORTOLOTTO, FOTO ADRIANO BRUSAFERRI

ABSOLUTE INDIA

TITOLAOSDFLUIDO

97% India. E una mucca. Sono questi i simboli di No-Mad, un nuovo brand di home dcor che nasce in India, grazie anche a una donna che una nomade: Valrie Barkowski. Nata in Belgio (ma poi viaggiatrice del gusto in Russia, Marocco e India, dove ha lavorato, vissuto, imparato), Valrie ha interpretato le tecniche, i tessuti, i colori e i cotoni indiani e li ha trasformati in cuscini (nella foto, dallalto, nei motivi Isayu, Gunjan, Navika declinati in misure e forme diverse), pouf e copripiumoni, candele speziate e incensi. Con grafismi rossi o neri. Non mancano sgabelli-tavolini leggeri e intrecciati a due colori, shopping bag, scatole E sotto la protezione di una mucca: sacra, ovviamente, visto che siamo in India. Che diventa logo ed etichetta. Lifestyle ludico, a cominciare dal nome: No-Mad, ovvero non-pazzo, ma anche nomade. no-mad.in
ELLE DECOR 39

TANIA PANOVA

INDIRIZZI/next 2014
A
ADI Associazione per il Disegno Industriale, www.adi-design.org Alberto Levi Gallery, via San Maurilio 24, Milano, t. 02.89011553, www.albertolevi.com Alessi, via privata Alessi 6, Crusinallo Omegna (Vb), tel. 0323.868611, www.alessi.com Antonino Sciortino, via Savona 97, Milano, tel. 339.6413175, www.antoninosciortino.com Astier De Villatte, www.astierdevillate.com www.davidegroppi.com De Padova, showroom corso Venezia 14, Milano, tel. 02.777201, www.depadova.it Dedar, showroom via Fiori Chiari 18, Milano, tel. 02.80581823, www.dedar.com Dep Design, via V Giornate 68, Como, tel. 031.240569, www.depdesignstore.com Desalto, via per Montesolaro, Cant (Co), tel. 031.7832211, www.desalto.it Designers Guild, per informazioni, www.designersguild.com Diadora Utility, via Montello 80, Caerano San Marco (Tv), tel. 0423.6581, www.utilitydiadora.it

J
Jonathan Zawada, www. zawada.com.au

Opinion Ciatti, via di Prato 80, Calenzano (Fi), tel. 055.887091, www.opinionciatti.com

K
Kose Milano, corso San Gottardo 22, Milano, tel. 02.8321883, www.kosemilano.com Koziel, www.koziel.fr Kristalia, via Calderano 5, Brugnera (Pn), tel. 0434.623678, www.kristalia.it

P
Pierre Frey Italia, c.so Re Umberto I 84, Torino, tel. 011.503424, www.pierrefrey.com Porada, via Bruno Buozzi 2, Cabiate (Co), tel. 031.766215, www.porada.it

L
La Rinascente Design Supermarket, piazza Duomo 7, Milano, tel. 02.88521, www.designsupermarket.it, www.larinascente.it Ligne Roset, corso Magenta 56, Milano, tel. 02.48514007, www.ligne-roset.it Louis Vuitton, www.louisvuitton.com

R
Rubelli, Palazzo Corner Spinelli, San Marco 3877, Venezia, tel. 041.2584411, www.rubelli.com

B
B&B Italia, Strada Provinciale 32, Novedrate (Co), numero verde 800.018370, www.bebitalia.com Bang&Olufsen, via Santa Maria Valle 3, Milano, numero verde 800.5144433, www.bangolufsen.com Bigmat, via Roma 74, Cassina de Pecchi (Mi), www.bigmat.it Boffi, via Oberdan 70, Lentate sul Seveso (Mi), tel. 0362.5341; show-room via Solferino 11, Milano, tel. 02.87909981, www.boffi.com Brionvega, viale Lino Zanussi 11, Pordenone, telefono 0434.383292, www.brionvega.it Budri, via di Mezzo 65, Mirandola (Mo), tel. 0535.21967, www.budri.com Building Center, via Piave 42, Cisliano (Mi), www.buildingcenter.it

S
Salvatori, via Aurelia 395/e, Querceta (Lu), tel. 0584.769200, www.salvatori.it Serax, per informazioni, www.serax.com Spazio65, via E. Forlanini 65, Milano, tel. 02 7560235, www. spazio65.it Spotti, viale Piave 27, Milano, tel. 02. 781953, www.spotti.it Statuaria Arte, via Ilice 15, Nazzano Carrara (Ms), www.statuaria-arte.it Studio Fludd, www.studiofludd.com Swedese distr. da Phorma, pettenasco (No), tel. 0323.89611, www.phorma. com, www.swedese.se

E
Elena Salmistraro, per informazioni, www.elenasalmistraro.com Elitis, via Savona 97, Milano, tel. 02.42296677, www.elitis.fr

M
Magis, z.i. Ponte Tezze, via Triestina Accesso E, Torre di Mosto (Ve), tel. 0421.319600, www.magisdesign.com Marsotto, via dellIndustria 22, Bovolone (Vr), tel. 045.6901001, www.marsotto.com Mazzotti Ceramiche 1903, viale Matteotti 29, Albissola Marina (Sv), www.gmazzotti1903.it Mdf Italia, via Morimondo, 5/7, Milano, tel. 02.81804100, www.mdfitalia.it Menu, www.menu.as Minotti, via Indipendenza 152, Meda (MB), tel. 0362.343499, www.minotti.com Molteni & C, via Rossini 50, Giussano (MB), tel. 0362.3591, numero verde 800.387489, www.molteni.it Mu Home, via Marghera 26, Milano, www.mumilano.it Mutina, via Ghiarola Nuova 16, Fiorano (Mo), tel. 0536.812800, www.mutina.it

F
Farrow & Ball, via San Michele del Carso 10, Milano, tel. 02.48029400, eu.farrow-ball.com Fendi, www.fendi.com Ferm Living distribuito da Trend House, customer service tel. 045.6200006, www.trend-house.it Ferreol Babin, www.ferreolbabin.fr Flos, via A. Faini 2, Bovezzo (Bs), tel. 030.24381, www.flos.com Fornasetti, corso Matteotti 1/A, Milano, tel. 02.89658040, www.fornasetti.com Fumi, London, www.galleryfumi.com

T
Tarkett, via S. Anna 6, Narni Scalo (Tr), www.tarkett.it Valerie Traan, per informazioni www.valerietraan.be

C
Cappellini, Cap Design, via Busnelli 5, Meda (MB), tel. 031.759111, www.cappellini.it Casamania by Frezza, via Ferret 11/9, Vidor (Tv), tel. 0423.6753, www.casamania.it Cassina, via Busnelli 1, Meda (MB), tel. 0362.3721, www.cassina.it Cec Casile, via Solari 23, Milano, tel. 02.89401049

V
Verpan, per informazioni, www.verpan.dk Vitra Collection distribuito da Unifor e Molteni & C, Giussano (MB), numero verde 800.505191, www.vitra.com

G
Golran, via Panzeri 11, Milano, t. 02.89405725, www.golran.com

I
Ilaria Innocenti, via Sciesa 9, Milano, tel. 02.36559584, www.ilariai.com Interno Italiano, viale Tibaldi 10, Milano, www.internoitaliano. com Ivano Redaelli, via Brianza 4, Lurago dErba (Co), tel. 031.607336, www.ivanoredaelli.it

D
Danese, via Canova 34, Milano, tel. 02.34939534, www.danesemilano.com Davide Groppi, via Belizzi 22-20/A, Piacenza, tel. 0523.571590,

N
Nick Ross, www.nckrss.com

W
Wstberg, Helsingborg, Sweden, www.wastberg.com

O
Officinanove, via Maremmana 8, Calcinaia (Pi), t. 0587.422192, www.officinanove.it

Z
Zanotta, via Vittorio Veneto 57, Nova Milanese (Mi), tel. 0362.4981, www.zanotta.it