Anda di halaman 1dari 2

FEUERBACH

Il rovesciamento dei rapporti di predicazione


La maggiore figura della Sinistra hegeliana quella di Feuerbach, il fondatore dellateismo
filosofico ottocentesco. La filosofia di Feuerbach muove dallesigenza di cogliere luomo e la
realt nella loro concretezza e ha come presupposto teorico e metodologico una critica radicale
della maniera idealistico-religiosa di rapportarsi al mondo. Maniera che, secondo Feuerbach,
consiste in uno stravolgimento dei rapporti reali fra soggetto e predicato, concreto e astratto.
Lequivoco di fondo dellidealismo quello di fare del concreto (dellessere, della natura,
delluomo) un predicato o un attributo dellastratto (del pensiero, di Dio). Il programma
feuerbachiano consiste in uninversione radicale dei rapporti fra soggetto e predicato.
La critica alla religione
Feuerbach afferma che non Dio ad aver creato luomo, ma viceversa. Dio, infatti, non altro che
la proiezione illusoria di qualit umane, in particolare della ragione e della volont. In altri termini,
il divino nientaltro che lumano in generale, proiettato in un mitico aldil e adorato come tale.
Il mistero della teologia quindi lantropologia. Proprio in quanto antropologia capovolta, la
religione costituisce la prima autocoscienza delluomo.
Feuerbach tende a porre lorigine dellidea di Dio nel fatto che luomo, a differenza dellanimale, ha
coscienza di se stesso non solo come individuo, ma anche come specie. E, se come individuo si
sente limitato, come specie si sente infinito. Da ci la figura di Dio, il quale nientaltro che una
personificazione immaginaria delle qualit della specie.
Lalienazione e lateismo
La religione alienazione, cio quello stato patologico per cui luomo, scindendosi, proietta fuori
di s un potenza superiore (Dio) alla quale si sottomette. Ma se la religione il frutto di
unoggettivazione alienata e alienante, in virt della quale luomo tanto pi pone in Dio quanto
pi toglie a se stesso, lateismo si configura non solo come un atto di onest filosofica, ma anche
come un vero e proprio dovere morale. Secondo Feuerbach, venuto il tempo che luomo recuperi
in s i predicati positivi che egli ha proiettato fuori di s in quello specchio illusorio della propria
essenza che Dio. Quindi ci che nella religione soggetto, deve ridiventare predicato: la
sapienza, la volont e lamore umano (soggetto) sono divini (predicato). Di conseguenza il
compito della filosofia quello di porre linfinito nel finito (ossia di risolvere Dio nelluomo).
La critica a Hegel
Se la religione unantropologia capovolta, lhegelismo si configura come una teologia mascherata.
LIdea o lo Spirito di Hegel, analogamente al Dio della Bibbia, non altro che un fantasma di noi
stessi, ovvero il frutto di unastrazione alienante. E poich Hegel, secondo Feuerbach, rappresenta il
compimento della filosofia moderna, ovvero il termine ultimo di unevoluzione di pensiero, la
cui caratteristica comune lo smarrimento delluomo, la critica a Hegel equivale alla fondazione
di una nuova filosofia incentrata sulluomo.
Umanismo e filantropismo
La nuova filosofia delineata da Feuerbach nellultima fase del suo pensiero, ha la forma di un
umanismo naturalistico. Umanismo, poich fa delluomo loggetto del discorso filosofico;
naturalistico, perch fa della natura la realt primaria da cui tutto dipende. Si nota un rifiuto di
considerare luomo come astratta spiritualit o razionalit, ma condizionato dal corpo e dalla
sensibilit. Lessenza sociale delluomo deriva dal fatto che lio non pu stare senza il tu, in quanto
luomo ha bisogno dei propri simili, in tutti gli aspetti della sua vita. Lamore per lumanit
costituisce uno degli aspetti pi caratteristici dellateismo positivo di Feuerbach, che si propone di
sostituire lamore per Dio con lamore per luomo.