Anda di halaman 1dari 2

ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLE dell’INFANZIA, PRIMARIE

“Gotis di rosade” è l’intrigante titolo di


e SECONDARIA DI I GRADO - FAGAGNA
uno spettacolo in cui la magia dell’acqua e
l’incredibile fascino della musica e delle villotte
come per incanto si incontrano, si riconoscono
e si fondono in un viaggio ideale attraverso i
canti popolari della nostra terra.
Le gocce di rugiada prendono così la forma di
tante piccole note, di tanti suoni che i ragazzi Gotis di rosade
della Scuola secondaria di 1° grado propongono
attraverso i loro strumenti rileggendo in
forma creativa e significativa quelle villotte
Cjantà e sunà par furlan
che da sempre sono l’espressione spontanea
dell’anima e della cultura friulana.
“Gotis di rosade” è parte integrante di “Cjantà
e sunà par furlan”, un progetto che persegue
l’obiettivo di guidare i ragazzi, attraverso la Spettacolo musicale
conoscenza dei canti e della musica popolare, a conclusione di un progetto sull’analisi,
alla scoperta dei valori e delle emozioni che si la rielaborazione e l’interpretazione
nascondono nelle parole e nelle tonalità delle della villotta friulana
villotte per non dimenticare un passato che ci

martedì 3 marzo 2009 - ore 20.30


appartiene.

Fagagna - Sala Vittoria


Progetto realizzato con il finanziamento ministeriale L. 482/99. Partecipano alunni
della Scuola secondaria di 1° grado di Fagagna

depliant fagagna 03_03_09.indd 1 24/02/2009 12.16.29


Mariutine ’e lade ad aghe E pessonòno e schila Quan che il cîl al è nulât,
Mariutine ’e lade ad aghe cun qualchi masoneta e la ploe e cole, e cole
jo i’ai dît di no stâi trop. al met al det ta speca cun chel estro disperât.
J’ere lade a la matine e ’l trata d’imbroja. Oh, ’ne grazie, sì, domandi
Mariutine ’e lade ad aghe Je tornade a miezegnot. E pessonòno e schila
cun qualchi angudela
Nome chê, pa l’ultin dì:
che ’l soreli un rai mi mandi
al cjapa la sestela sun chel pont ch’o ài di murî.
O ce buino l’ago frescjo e ’l torna a Paparian.
O ce buino l’ago frescjo O ce buino l’ago frescjo Devi partì
di Ludario e Rigulât. Madonnina del Mare Se chest timp ’a nol fâs ploje,
Volin toli uno botacio Al primo sole si desta jo domàn ài di partì;
Cui mi dîs par puartâlu a Cividât.
Cividât no je uno vilo
la cittadella marina
ed un bel giorno risuona
Jo partìs di male voje,
e il miò cûr t’al lassi a ti.
ma uno ponto di citât. la dolce campana vicina.
E partî, partî jo devi,
Gno morôs no l’è di chenti Mentre sul mare d’argento
La rosade ma à la cjaso a Cividât.
Al ven su nomo la fiesto
va il pescatore contento
passa, s’inchina alla sua
e partî, partî jo scuen;
e partî nol conte nuje,
lunc e sec come un sorgjâl. Madonnina dicendole piano così: pur che tu mi vuelis ben.
Madonnina del mare
Tumburus non ti devi scordare di me! Sul puint di Braulins
Cui mi dîs Vado lontano a vogare Sul puint di Braulins
Cui mi dîs ce tantis stelis ma il mio pensiero è per Te! al è passât un asìn
cu la cussute plene di luvìns.
Madonnina del mare ch’a son là tal orizont?
Ce tanc’ nui, cui sa, che zirin
Canta il pescatore che va:
Madonnina del mare Trop ju vendeiso,
ogni dì parsore il mont? con Te questo cuore sicuro sarà! trop ju vendeiso paròn?
Ogni nûl sa la sô strade, Une palanche, plene la sedon.
Scjarazule marazule ogni stele ’e jé contade:
il Signôr ten cont di dut.
Scjarazule marazule
Scjarazule Marazule
Oh ce beveiso,
oh ce beveiso paròn?
Duc’ i pes ta l’aghe frescje, La lusigne e la cracule O blanc o neri baste ch’al sedi bon.
lis pavesi fûr in tai prâz, La pizule si nizule E cuant tornaiso,
Al è gnot e scûr di ploe ogni arbul, ogni plante Di polvar e’ si tacule cuant mai tornaiso a vignî?
il Signôr ju à contâz. O Scjarazule Marazule doman di sere prime da l’imbrunì.
E chê grande companìe Cun la rucule e la cotule E la gnôt dopo
Plôf vîf e cres in allegrie.
Cjante i laus al Creatôr.
La fantate e’ jé une trapule
Il fantàt un trapolon.
cuant che l’arsin a è tornât
fin lis stelutis dutis i an cimiât.

Aghe nò
Devi partì La rosade
La rosade da la sere
Al è gnot e scûr di ploe
Al è gnot e scûr di ploe
Aghe nò, sol che vin neri!
bagne ’l flòr dal sentiment. e jo torni jù in paîs
Jo us doi la buine sere
La rosade de matine par lâ a viodi dal gno zovin
Sul puint di Braulins bagne ’l flôr dal pentiment. s’al è muart o s’al è vîf.
Jo us doi la buine sere
jo us doi la buine gnot,
S’al è vîf vuei lâ a cjatâlu,
s’al è muart vuei lâj daûr. tornarìn doman di sere
plui adore di usgnot.
Aghe nò Tumburus
E Tumburus a schila
S’al è za te sepolture
vuei tornâlu a sgarfâ fûr. Jo us doi la buine sere
sintât s’un t’una ara us auguri un bon durmì,
al pescja e al svuatara Plôf meteit la man ta l’aghe sante
Jo us doi la buine sere al cjapa e al met tal cos.
Rivât su la Levada
Plôf. ’E sune ’ne cjampane
Da lontan, cui sa dulà.
contentaisi di cussì.
Perdonainus, compatiinus
sintât sun grun di gleria Jè di ziart ’ne vite umane se cjantà no vin savut,
al clama la miseria Che finìs di tribulâ. tornarin un’altre sere
che vegnin a compra. Jè lancûr murî t’un ’ore cjantarin a uestri mut.

depliant fagagna 03_03_09.indd 2 24/02/2009 12.16.32