Anda di halaman 1dari 55

FATIMA, LAPOCALISSE, LANTICRISTO

Padre Bartolomeo Holzhauser

In cielo e in terra ci sono molte cose, pi di quante immagini la filosofia. William Shakespeare, da Amleto

Il Santo Padre attravers una grande citt mezza in rovina e mezzo tremulo con passo vacillante, afflitto di dolore e di pena, pregava per le anime dei cadaveri che incontrava nel suo cammino; giunto alla cima del monte, prostrato in ginocchio ai piedi della grande Croce, venne ucciso. dal Terzo Segreto di Fatima

INTRODUZIONE Apocalisse e Fatima. Due parole che risuonano di frequente in questi ultimi tempi, gli inizi del terzo millennio della storia umana, computata a partire dalla nascita delluomo chiamato Ges. Apocalisse il titolo dato allultimo dei libri del Nuovo Testamento, attribuito a Giovanni, forse uno dei dodici apostoli, quello cui Ges era affezionato in modo particolare. Giovanni scrisse lApocalisse durante il suo esilio a Patmos, una piccola isola di fronte alle coste della Turchia. Fatima una localit del Portogallo, sconosciuta al resto del mondo fino agli inizi del XX secolo, cio fino a quando tre ragazzini, semplici pastori, furono protagonisti di un avvenimento che avrebbe segnato per sempre la storia della Chiesa. LApocalisse un testo oscuro. San Gerolamo, vissuto fra il IV e V secolo, scrisse che essa conteneva tanti segreti quante erano le sue parole. Il libro, la cui composizione definitiva risale alla fine del I secolo della nostra era, stato e rimane ancora oggi un rebus per teologi, studiosi, commentatori. Qual il reale contenuto dellApocalisse cristiana? Racconterebbe davvero, come credono alcuni, la storia dellepoca in cui visse Giovanni? Narrerebbe in definitiva solo i rapporti fra la Chiesa e Roma da un lato, e fra ebrei rimasti fedeli alla sinagoga e quelli convertiti a Cristo dallaltro? Oppure, come credono altri, Giovanni predirebbe vicende future, quelle che dovrebbero accadere prima della fine del mondo? Oppure, infine, come altri ancora sostengono, Giovanni racconterebbe lintera vicenda terrena della Chiesa, tappa dopo tappa, epoca dopo epoca, fino al tramonto della storia e al ritorno di Cristo, nascondendola dietro un indecifrabile groviglio di simboli? Tanti segreti, tanti misteri per un libro che sembra destinato a rimanere incomprensibile fino al giorno del Giudizio Universale.

Se di misteri si pu parlare menzionando lApocalisse, altrettanto si pu dire pronunciando la parola Fatima. Jacinta, Francisco e Lucia ebbero la fortuna di vedere la Vergine Maria per diverse volte, dal 13 maggio 1917. Anni dopo la morte di Jacinta e Francisco, Lucia rivela di essere la depositaria di un segreto che, secondo gradi e modalit differenti, era stato reso noto anche agli altri due veggenti.1 Dellesistenza di questo segreto si viene a sapere nel 1941, quando la suora ne fa menzione in modo esplicito, dicendo di aver finalmente ricevuto lordine di renderlo pubblico. Lucia lo riveler in due tappe, mettendo allinizio per iscritto solo le prime due parti e riservandosi la stesura dellultima in un secondo momento. Anche la rivelazione al mondo di questo triplice segreto seguir il destino della sua stesura. Per le prime due parti si dovettero attendere solo alcuni mesi, mentre per la terza e ultima interi decenni: scritta negli anni quaranta, fu resa nota sessantanni pi tardi, al principio del nuovo secolo (e del nuovo millennio). Una volta resa pubblica, tuttavia, questa terza parte (oramai nota come Terzo Segreto di Fatima) non ha smesso di smuovere le coscienze e la curiosit di credenti e non, convinti che quanto rivelato al mondo non chiuda definitivamente la questione Fatima. La ragione semplice. Le prime due parti della profezia di Fatima erano spiegate senza bisogno di interpretazioni: visione dellinferno e scoppio di due guerre mondiali. La terza, al contrario, era rivelata attraverso un complesso linguaggio simbolico che andava decifrato. Giunti a questo punto, il lettore si domander perch dedicare un breve scritto come questo a due cos grandi misteri, quello riguardante lApocalisse di Giovanni e quello rinchiuso nella profezia di Fatima. La risposta sta nelle parole pronunciate da suor Lucia. Durante una delle sue esternazioni, Lucia richiam esplicitamente lApocalisse di Giovanni per comprendere il (Terzo)
1

Infatti Francisco vedeva la Vergine ma non ne udiva le parole.

Segreto; in particolare, la suora menzion i capitoli ottavo e tredicesimo. In un altro momento, a unaltra persona rivel: Tutto nel Vangelo e nellApocalisse, leggeteli.2 Infine, discorrendo un giorno sui contenuti della terza parte del messaggio, cos disse alla nipote Maria Do Fetal: Ritornando a casa, rileggi con particolare attenzione il capitolo dodicesimo dellApocalisse e avrai tutto. Questo breve scritto cerca di capire quale reale collegamento esista fra i due dei testi. Il risultato, il lettore ne prender atto, costruito su una catena dindizi pi che su prove certe. Ci che conta, per, mostrare come questi stessi indizi, collocati entro un opportuno quadro, possano offrire una versione assai verosimile di come stiano le cose e di come siano andate (partendo da quel lontano 1917) e, soprattutto, dimostrare come questi stessi indizi possano offrire la vera interpretazione del Terzo Segreto di Fatima. Perch quel segreto non rivela per niente lattentato di cui fu vittima Giovanni Paolo II e non predice soltanto la morte di un papa. Questo breve testo apparir forse, agli esperti della questione Fatima, privo di approfondimento, ma cos s voluto pubblicarlo. Lascio a loro, ben pi esperti di me, unindagine accurata dellintera materia sulla base di quel poco che ho saputo e riporto, di quanto ho dedotto da quel poco che sapevo e di quel che ho dedotto sulla base delle ricerche altrui. Lidea di questo breve scritto mi era venuta in mente alcuni anni fa, dopo aver letto con una certa attenzione il libro di Antonio Socci, Il Quarto segreto di Fatima. La spiegazione del segreto, quella in circolazione oramai da cinque anni, in altre parole la predizione dellattentato a Giovanni Paolo XII, non convinceva. E tantomeno convincevano certi paralleli fra lApocalisse e Fatima individuati da fatimiti e predicatori. Per afferrare la relazione tra il libro di Giovanni ed il segreto di Lucia occorreva andare in unaltra direzione
2

Antonio Socci, Il quarto segreto di Fatima, Rizzoli, Milano 2006, p. 97

e un po pi in profondit. Il libro-inchiesta di Antonio Socci era molto accurato e, insieme ai libri di Marco Tosatti, non credo ci fosse (e ci sia) bisogno di ulteriori letture per approfondire largomento. Pi problematica era lindagine sullApocalisse. Quello di Giovanni un libro complicato, la cui dottrina espressa attraverso immagini simboliche. Per la loro decifrazione necessaria una conoscenza approfondita dellAntico Testamento che non pu certo essere improvvisata. Ho iniziato a leggere alcuni testi specifici, scritti da esperti esegeti, ma a malincuore ho verificato che questi si limitano a interpretazioni piuttosto vaghe dellopera giovannea. Poi, un giorno, scorrendo lennesimo voluminoso commento allApocalisse, ho notato che veniva menzionato il segreto di Fatima e si faceva notare una certa relazione fra Fatima, lApocalisse e la sua interpretazione secondo papa Benedetto XVI. Riassunto il contenuto del saggio in poche parole, per lattuale pontefice la storia umana una specie di circolo che si ripete, e certi orrori capitati secoli fa stanno per ripetersi di nuovo. Sia gli orrori gi accaduti sia quelli che stanno per accadere sono narrati in due punti precisi dellApocalisse, e, come vedremo, quelli che stanno per accadere costituiscono proprio il contenuto del Terzo Segreto di Fatima. LE PAROLE DI LUCIA Lucia, una delle tre veggenti di Fatima, ha affermato che per capire la terza parte del segreto necessario leggere alcuni precisi capitoli dellApocalisse ed i Vangeli. Riguardo lApocalisse, i capitoli sarebbero lottavo, il dodicesimo ed il tredicesimo, mentre per i Vangeli, a quanto mi risulta, la suora non ha indicato il passo relativo. Si potr obbiettare che, per linterpretazione del Terzo Segreto, lopinione della veggente rimane poco attendibile poich, come lei stessa aveva

ammesso, non le spettava linterpretazione del segreto:3 lultima parola era e doveva essere della Chiesa. Inoltre, quando ci aveva provato, aveva rischiato ogni volta di metterci anche un po di suo cosicch, come ha spiegato il cardinale Tarcisio Bertone durante una nota trasmissione televisiva italiana,4 non sempre si capisce bene ci che dice la Madonna e ci che dice Suor Lucia. Insomma, le parole pronunciate da Lucia contengono un messaggio proveniente dal cielo, seppure mescolato a opinioni personali (talvolta confuse e fuorvianti) della veggente. Stando cos le cose, per rintracciare il nesso fra lApocalisse e Fatima occorreva filtrare il contenuto delle parole pronunciate dalla suora e tenere ci che verosimilmente proveniva dalla rivelazione mariana di cui Lucia era stata beneficiaria. Che la terza parte del segreto di Fatima abbia agganci con lApocalisse fuori dubbio. Infatti lopinione dellallora cardinal Joseph Ratzinger, espressa immediatamente dopo il discorso di papa Giovanni Paolo II il 13 maggio 2000, era che la rivelazione di Fatima costitutiva la spiegazione di alcune profezie bibliche e di un piano divino. Lo stesso cardinale, nel commento teologico a corredo della rivelazione del Terzo Segreto, riprendeva un articolo del Catechismo della Chiesa Cattolica: ... anche se la Rivelazione compiuta, non per completamente esplicitata; toccher alla fede cristiana coglierne gradualmente tutta la portata nel corso dei secoli (n. 66). Dire questo significa sostenere che il segreto di Fatima esplicita in una qualche maniera i contenuti della Rivelazione. Tuttavia, essendo la Rivelazione contenuta nelle Scritture, il Terzo Segreto di Fatima esplicita in una qualche maniera ci che, da qualche parte, implicitamente, gi stato rivelato nelle Scritture stesse.
3 4

Tarcisio Bertone e Giuseppe De Carli, Lultima veggente di Fatima, Rizzoli, Milano 2007, p. 80 Porta a Porta, del 31 maggio 2007

FATIMA Fatima stato un momento particolare nella vita della Chiesa. Un momento forse unico, come ha scritto Hamish Fraser, ricordando che dalla predizione di Ges sul destino di Gerusalemme che il Cielo non metteva in guardia il mondo.5 Eppure, a pensarci bene, quale unicit presenta Fatima? Il nostro lettore sorrider, obiettando che forse chi scrive, ponendosi una simile domanda, non ha capito molto di Fatima. Risponderebbe immediatamente, riprendendo le parole di Hamish, che il Cielo ci sta mettendo in guardia, ed i tre segreti, o meglio le tre parti dellunico segreto non sono che un ammonimento profetico al mondo. Gi, i tre famosi segreti di Fatima, per i quali sono stati versati fiumi di inchiostro Nel 2000, quando fu rivelata la terza parte del segreto, il filosofo Emanuele Severino disse che con quel tipo di manifestazioni il cristianesimo rischiava di cadere (o ricadere) nella mitologia. Il professore proseguiva sostenendo come quel genere di religiosit, legata a manifestazioni miracolistiche, fosse un po fuori tempo.6 Le parole di Severino erano coraggiose per quella giornata, poich stonavano con il clima trionfalistico generale, alimentato da quanti leggevano nel Terzo Segreto la predizione dellattentato a papa Giovanni Paolo II. Eppure, da qualche parte, questo filosofo non aveva tutti i torti. Se guardiamo con una certa obbiettivit le tre parti del segreto, o i tre segreti come vengono generalmente indicati, c da dubitare del reale valore del messaggio di Fatima.

Citato da Antonio Socci, Il quarto segreto di Fatima, Rizzoli, Milano 2006, p. 9 Severino: Fatima? Mitologia destinata alla sconfitta, Felice Cavallaro, Il Corriere della Sera, 14 maggio 2000
6

Consideriamo il primo segreto. Esso consisterebbe nella visione dellinferno. Si pu davvero reputare la visione dellinferno come un segreto rivelato, visto che la tradizione cristiana ne conosce lesistenza da duemila anni (a titolo desempio: Matteo 25,41)? Certo, salter fuori qualche predicatore della prima o dellultima ora che, per perorare la causa (la sua), obbietter che la Vergine venuta a ricordare ad un mondo distratto lesistenza dellinferno e la possibilit della dannazione. Un conto per, sarete daccordo, una verit da ricordare, un altro conto un segreto da rivelare. Consideriamo ora il cosiddetto secondo segreto. Esso consisterebbe nella rivelazione dello scoppio di due guerre. Il contenuto del messaggio pare essere effettivamente profetico. Peccato per che, come scrive il buon Luigi Accattoli nel suo blog, un segreto del genere lascia aperti numerosissimi dubbi:
Le tre parti del segreto sarebbero state rivelate a Lucia nellapparizione del 13 luglio 1917, ma lei mette per iscritto le prime due nel 1941 e lultima nel 1944, cio 24 e 28 anni dopo, essendo passata - lei - dai dieci ai 40-44 anni: che cosa ricordava e che cosa invece aveva rielaborato, o aggiunto? Nella seconda parte del segreto si legge che la guerra sta per finire e finir, infatti, lanno seguente, 1918, ma Lucia lo scrive nel 1941: cio la profezia viene messa per iscritto post eventum. Il fatto che nel frattempo quella guerra sia finita e ne sia venuta unaltra ancora peggiore (parole sempre della seconda parte del segreto) non avr influenzato la memoria della veggente che custodiva il segreto nel suo cuore? Anche laurora boreale e linizio della seconda guerra mondiale dopo di essa sono scritti post eventum. E vi si dice che la nuova guerra inizier durante il pontificato di Pio XI: cio la Madonna nel 1917 avrebbe specificato sotto quale papa a venire sarebbe venuta la guerra? E come la mettiamo con il fatto che invece la guerra inizia nel settembre del 1939, quando papa Pio XII? E lei scrive nel 1941: insomma, non solo vengono dubbi sulla profezia dopo il fatto ma anche sulla cronologia di fatti gi avvenuti e notissimi a tutti - Queste sono le difficolt storiche, a non citare quelle sulla conversione della Russia, annunciata a bambini che non sapevano niente della Russia e del comunismo che in Russia non cera ancora e che viene scritta quando invece tutto il mondo sa

Accattoli continua dicendo:


Insomma Fatima Fatima, o la prendi com, o non ne esci sano. Io la prendo com e me ne sto quieto. Lucia aveva let della mia mamma e ambedue sono arrivate ai 97 anni, da contadinelle semianalfabete quali erano ambedue nel 1917. Alla mia mamma io non sarei mai andato a contestare le date e le parole usate un giorno e un altro della sua lunga

vita e non lo faccio neanche con Suor Lucia. Ma da qui a dire che tutto assodato e chiarito ce ne corre. Si noti che ho elencato solo le incongruenze e le difficolt pi eclatanti, ma se uno cerca di mettere in fila le quattro memorie principali stese da Lucia nei decenni ne incontra altre dozzine. Io mi affido al credito che a Lucia hanno dato Pio XII, Paolo VI e Giovanni Paolo II, nonch il cardinal Ratzinger e non sto a discutere.7

Migliori parole di quelle del nostro bravo giornalista non si possono trovare per avanzare legittimi dubbi sullattendibilit delle profezie che Lucia intendeva rivelare allumanit. E veniamo infine al famoso Terzo Segreto. Anche questo, vedendolo con la lente dingrandimento, lascia aperti molti dubbi sulla sua interpretazione. Una profezia che parla di un papa ucciso e che avrebbe rivelato in anticipo lattentato a Giovanni Paolo II. Un papa che per non morto in seguito a quellattentato. Come risolvere allora la contraddizione fra attentato e profezia? La Vergine avrebbe rivelato una mezza verit? Risolta la contraddizione! Sarebbe stata la Vergine in persona a deviare la mortifera pallottola! A questo punto per, ci si perdoner limpudenza, non sarebbe stata pi credibile una profezia che avesse predetto il tentativo di uccidere un papa e il salvataggio della sua vita da parte della Vergine? E allora, per spiegare la contraddizione fra profezia e attentato si scomodano lambiccate quanto improbabili giustificazioni teologiche. Una fra queste consisterebbe nel ritenere il Segreto di Fatima una profezia nel senso letterale e biblico del termine. Nella Bibbia il profeta non propriamente colui che prevede il futuro ma un uomo per parla per conto di Dio. Tuttavia, come nel caso della profezia biblica sulla citt di Ninive, il profeta predice la distruzione della citt e quindi la sua profezia contiene una previsione del futuro. La profezia, per, non implica necessariamente la realizzazione di quanto preannunciato. Essa ha sempre un valore ipotetico: Se non ti ravvedi, allora io ti punir. Esiste sempre un margine dincertezza fra quanto predetto e quanto
7

http://www.luigiaccattoli.it/blog/?p=421

effettivamente si compir. E infatti Ninive non fu distrutta. Nel caso della profezia apocalittica, invece, ineluttabile che accada quanto predetto. Questo ad esempio il caso di unaltra famosa profezia, quella su Gerusalemme pronunciata da Ges. L non sarebbe stato possibile mutare il corso degli eventi predetti. E allora, per quanto riguarda il Terzo Segreto, siamo di fronte ad una profezia biblica o ad una rivelazione apocalittica? Il Terzo Segreto, a differenza del Secondo, una predizione apocalittica, e perci deve accadere quanto rivelato, senza possibilit di mutare il corso degli eventi. Mentre la Vergine chiedeva ai preti la consacrazione della Russia per impedire la diffusione del comunismo, indicando la via estrema affinch la profezia non si avverasse, per il Terzo Segreto ci ha lasciato la predizione nuda e cruda: quello che scritto deve (nel senso che non pu non) accadere. Tornando alla vicenda del papa, vediamo come non accaduto ci che era stato predetto. Come si vede, ci sono pi motivi per dubitare di Fatima che ragioni per darle credito. Cos, al povero fedele, almeno a quello sinceramente affezionato al mistero portoghese, rimangono due possibilit: credere che Fatima sia una montatura oppure credere, un po ciecamente come fa il nostro buon Accattoli, che se tanti papi hanno non hanno messo in dubbio Fatima, Fatima veramente un grande segnale proveniente dal Cielo. Se accettiamo la posizione di Accattoli, possiamo concludere il presente scritto. Se invece cerchiamo di capire meglio perch Fatima, nonostante contraddizioni ed incongruenze, sia un momento fondamentale nella storia della Chiesa, non ci resta che indagare un po pi da vicino una delle manifestazioni mariane pi sconvolgenti della storia del cristianesimo.

INCONGRUENZE E CONTRADDIZIONI Analizzeremo ora il grande Segreto di Fatima in dettaglio, richiamando date e luoghi che lhanno riguardato. Non rifaremo tutta la storia della rivelazione di Fatima (storia che il lettore potr comodamente trovare in altri libri che si occupano dellargomento) ma solo evidenziare certi elementi utili per la nostra indagine. Tutto inizia quasi un secolo fa, in Portogallo, in una localit chiamata Cova da Iria, dove si trova il villaggio di Fatima. Il nome, curiosamente, non di origine cristiana ma musulmana, e sarebbe appartenuto a una giovane donna di origini arabe, di nome Fatma, alla quale nel corso di una battaglia fra cavalieri cristiani e musulmani fu risparmiata la vita da un cavaliere cristiano che laveva intercettata. La donna in seguito mor (tuttavia non uccisa dal cavaliere cristiano) e il cavaliere si fece monaco. Da quel momento la localit assunse il nome che ancora porta. Il 13 maggio 1917, a tre ragazzini andati a pascolare pecore, Lucia, Francisco, Jacinta, rispettivamente di dieci, nove e sette anni, apparve una bellissima Signora. Il 13 del mese seguente lapparizione si ripet. Il mese ancora successivo, luglio, nello stesso giorno, la Signora torn per incontrare i tre pastorelli. Stavolta per non si tratt di una semplice visita. Infatti, come affermer Lucia, fu quello il giorno fatale in cui la Vergine rivel ai tre il grande Segreto. Dopo quella data seguirono altre apparizioni, di solito il 13 di ogni mese, fino al famoso 13 ottobre, giorno in cui si assistette alla danza del sole, cio ad una serie di movimenti della sfera celeste apparentemente al di fuori di ogni legge fisica. Di questo Segreto, tutto ci che conosciamo proviene da una sola delle tre persone che ebbero la fortuna di assistere alle apparizioni, la pi grande, Lucia. E questo per tre precise ragioni.

La prima che i ragazzini ebbero ruoli qualitativamente diversi nellesperienza visionaria: Lucia dialogava con la Signora. Jacinta, pur vedendola, ne ascoltava la voce senza possibilit di comunicarle. Francisco poteva solo vederla. La seconda che due di loro, Francisco e Jacinta, morirono giovanissimi. La terza che, essendo tutti e tre i fanciulli degli illetterati, solo Lucia, che ebbe modo di studiare una volta adulta, pot tramandare per iscritto il contenuto del segreto e, pi in generale, di quellesperienza. Gi da questi primi accenni agli eventi di Fatima si pu cogliere bene un aspetto dellintera strategia divina: rendere testimoni delle apparizioni tre umili persone, rendere depositaria del segreto una sola persona. Come vedremo meglio, questo elemento sar utile per comprendere tutta la dinamica della rivelazione dei segreti e la loro stessa formulazione. LUCIA, UNICA DEPOSITARIA DEL SEGRETO Morti assai giovani due dei tre testimoni delle apparizioni, rimane in vita la sola Lucia, che nel 1925 si reca a Pontevedra, in Spagna, come postulante, e poi a Tuy, sempre in Spagna, dove diventa novizia. Il 2 ottobre 1928 pronuncia i suoi primi voti come sorella conversa, prendendo il nome di religiosa di suor Maria Lucia dellAddolorata. Dopo sei anni, il 3 ottobre 1934 pronuncia quelli perpetui. Il 25 marzo 1948 Lucia lascia lIstituto di Santa Dorotea e, a 41 anni, entra nel Carmelo di San Giuseppe a Coimbra con il nome di suor Maria Lucia del Cuore Immacolato. La scelta di un ordine di clausura strategica per preservarla dal fastidio causato dal gran numero di persone che intendono farle visita e per togliere dai riflettori un personaggio che, se dato in pasto a curiosi, giornali, televisioni, fatimologi e fatimiti, finirebbe per creare non pochi problemi.

Il 13 maggio 1949 lultima veggente di Fatima veste labito di S. Teresa; alla fine dello stesso mese fa la professione come carmelitana scalza. Coimbra rimarr la sua casa fino al termine della vita, il 13 febbraio 2005. Come gi anticipato, Lucia la sola depositaria del Segreto. Un segreto, si badi bene, di cui nessuno sapeva ufficialmente lesistenza fino al giorno in cui lei ne fece esplicitamente menzione. O meglio ufficiosamente, forse, cera gi qualcuno al corrente dellesistenza di questo Segreto, qualcuno allinterno delle alte sfere della Chiesa. Per comprendere meglio alcuni aspetti misteriosi di Fatima sar bene badare alle date riguardanti la rivelazione da parte di Lucia delle tre parti del Segreto alle autorit ecclesiastiche, alla loro messa per iscritto, alla loro rivelazione al mondo. Lucia afferma di aver ricevuto il grande Segreto dalla Signora, ma di aver contemporaneamente avuto lordine di non rivelarlo ad alcuno fino a una data stabilita. Nelle sue memorie lultima veggente scrive di aver avuto timore, durante gli interrogatori avviati nellambito del processo di riconoscimento ufficiale delle apparizioni (3 maggio 1922), di rivelare quello che lei sentiva dover ancora preservare come un segreto. Nei primi anni che seguirono alle apparizioni alla Cova da Iria non fu perci mai fatta esplicita menzione del Segreto. E in quegli anni Francisco e Jacinta erano gi volati in cielo (rispettivamente 4 aprile 1919 e 20 febbraio 1920). Con lavvio del processo di canonizzazione, dunque, Lucia rimaneva la sola a conoscenza del Segreto, quella che ne aveva condiviso in precedenza lesistenza con la sola Jacinta (dal momento che, come gi detto, Francisco non sentiva le parole delle visioni e delle apparizioni). Di questo Segreto non si saputo ufficialmente nulla per anni, poich, a quanto riferiscono le fonti, Lucia ne fece esplicita menzione solo nel 1941.

Lucia non vi fece il minimo accenno neanche nelle due prime memorie, risalenti rispettivamente agli anni 1935 e 1937. Solo pi tardi, dunque, Lucia rivela lesistenza di un segreto. Pi precisamente, la suora mette per iscritto le prime due parti del Segreto nello scritto datato agosto 1941 (cio nella terza memoria). Alcuni mesi pi tardi, infine, scrive la quarta memoria (8 dicembre 1941), nella quale ricopia esattamente la memoria precedente, tranne che per una frase aggiunta alla fine: Em Portugal se conservar sempre o dogma da f etc (in Portogallo si conserver sempre il dogma della fede etc). Le prime due parti del segreto verranno rese pubbliche lanno seguente dallallora pontefice Pio XII. Proprio la data della loro rivelazione per passata inosservata ai pi attenti esperti del fenomeno Fatima. Se consideriamo per un momento la differenza di trattamento fra le prime due parti e la terza, ci accorgiamo che qualcosa non va. Le prime due parti furono scritte nel 1941 e rese pubbliche meno di un anno dopo. La terza parte fu scritta dalla suora nel 1944, consegnata in Vaticano solo 13 anni pi tardi e resa pubblica ben 56 anni dopo. Non forse poco comprensibile una simile differenza di trattamento cui furono sottoposte le tre parti del Segreto? E poi, come mai Pio XII, cos sollecito nella pubblicazione dei primi due segreti, non lesse mai il terzo, secondo quanto affermato dal cardinale Oddi?8 Si dir, per rispondere alla prima domanda, che la rivelazione pubblica delle prime due parti fu agevolata dal fatto che gli avvenimenti narrati erano gi accaduti (Prima Guerra Mondiale) o in corso (Seconda). A questo punto, per, caliamoci nei panni di papa Pio XII. Dal Portogallo arriva la notizia, a Seconda Guerra Mondiale in corso, che la Vergine avrebbe rivelato, 24 anni prima, la fine di un conflitto mondiale e linizio di un secondo, pi catastrofico del precedente. Nei panni di Pio XII, chiunque di noi si sarebbe
8

Marco Tosatti, La profezia di Fatima, Piemme, Casale Monferrato (AL) 2007, p. 71

domandato che razza di segreto fosse quello il cui contenuto rivelava ci che stava accadendo davanti agli occhi di centinaia di milioni di persone. Solo quelli posseduti dal pi cieco fanatismo religioso potevano prendere sul serio le affermazioni di questa suora, che pretendeva di far credere al mondo che la Vergine Maria le avesse rivelato 24 anni prima lo scoppio di una guerra tragica come era quella che si stava combattendo, chiedendone per la rivelazione pubblica a guerra in corso. Un po come se una suora nel 2004, per spiegarci meglio, fosse andata da papa Giovanni Paolo II dicendo che la Madonna le aveva preannunciato nel 1980 lattacco delle Torri gemelle (avvenuto nel 2001), e che ora le aveva ordinato di mettere la profezia per iscritto e renderla infine pubblica. Credo che il papa lavrebbe considerata unesaltata o una squilibrata mentale e, seppure con molta eleganza e con grande diplomazia, da quel momento avrebbe evitato ogni contatto con lei. Cos non stato per Fatima e per Lucia. Che cosa accaduto perch Fatima fosse considerata cos presto degna di riconoscimento (le apparizioni furono ritenute vere dal vescovo di Leiria nel 1930, cio 13 anni dopo lavvenimento)? Che cosa spinse Pio XII a pubblicare le prime due parti del segreto dopo neanche un anno dalla loro stesura su carta da parte della suora, attribuendo ad esse il valore di predizione, quando descrivevano invece fatti oramai accaduti e perci noti? Come mai questo papa lasci pubblicare un testo che prediceva lo scoppio della Seconda Guerra mondiale durante il pontificato di Pio XI, mentre il conflitto trov sul soglio di Pietro un altro papa, proprio Pio XII? E come mai, a differenza del Terzo, le prime due parti furono divulgate senza un atto ufficiale del Vaticano, come ha evidenziato Socci, e col testo integrale pubblicato solamente in Portogallo?9 Non essendoci indizi tali da spiegare le ragioni, dovremmo fare come Luigi Accattoli umanamente suggerisce: rimetterci nelle mani di Santa Madre
9

Antonio Socci, Il quarto segreto di Fatima, Rizzoli, Milano 2006, p. 36

Chiesa e credere contro ogni turbamento della ragione. Oppure potremmo al contrario tentare di azzardare una risposta e dare una spiegazione logica a qualcosa altrimenti accettabile solo attraverso il mezzo della fede in Dio e della fiducia nella Chiesa. Come poteva un papa come Pio XII, salito sulla cattedra di Pietro nel 1939, consentire nel 1942 la pubblicazione di uno scritto risalente al 1941, il cui contenuto pretendeva essere la predizione di un fatto in realt avvenuto due anni prima? Come poteva un uomo come Eugenio Pacelli, di grandissima esperienza diplomatica e di estrema prudenza, esporsi al punto da rischiare di coprirsi di ridicolo? Se volessimo cercare una spiegazione logica, lunica che rimarrebbe in piedi sarebbe la seguente: le prime due parti del segreto erano note alle alte gerarchie della Chiesa prima ancora che fossero state annunciate al mondo come segreti e fossero messe per iscritto dalla suora nel 1941. Prima ancora, per dirla meglio, che i fatti accadessero Qualche lettore storcer ora forse il naso, perch questa ipotesi non pu essere suffragata da prove documentali. La quantit delle informazioni relative a Fatima inversamente proporzionale alla fama che il luogo e gli avvenimenti ad esso legati hanno assunto. La sola cosa da fare organizzare le poche informazioni a disposizione entro un quadro dotato della maggiore coerenza logica possibile. Immaginiamo di dover realizzare un puzzle composto di qualche migliaio di pezzi. Di norma, nelle scatole di montaggio c limmagine finale del puzzle. Esso serve ad aiutare a ricostituire limmagine frazionata nelle migliaia di pezzi a disposizione. Nel caso di Fatima limmagine finale non c. Occorrer perci tentare di ricostruire limmagine finale partendo dai soli pezzi del puzzle. Essa alla fine non sar perfetta, ma forse si avviciner abbastanza a quella.

PAROLE SCRITTE, NOTE E MENO NOTE Ammettendo esistente fin dal 1917 un canale informativo riservato fra Fatima e Roma, riusciamo a spiegare alcuni aspetti misteriosi della vicenda delle apparizioni e del grande Segreto rivelato. Se ipotizziamo che sia esistito un flusso di rivelazioni segretate, continuo e progressivo da Fatima in direzione di Roma, che ha avuto inizio dal giorno delle apparizioni, possibile spiegare bene alcuni aspetti altrimenti incomprensibili della materia sulla base dei soli dati a noi noti. Accanto al crescere della fama di Fatima, del culto mariano e della popolarit di Lucia davanti al popolo cristiano, lavvenimento delle apparizioni dovette in qualche modo spingere le istituzioni ecclesiastiche a darvi credito, attraverso degli atti che superassero la naturale e legittima diffidenza verso manifestazioni mistiche di tal genere. Questa credibilit fu costruita attraverso una catena di rivelazioni orali e scritte dirette in gran segreto verso Roma gi lindomani delle apparizioni del 1917. Lo scoppio della Rivoluzione Russa, quello stesso anno, potrebbe esser stata comunicata alle gerarchie dellepoca con anticipo e ci apparve un utile indizio della genuinit degli eventi accaduti alla Cova da Iria. Quando divamp la Seconda Guerra Mondiale, le profezie rivelate (segretamente) gi anni prima alle alte gerarchie cattoliche assunsero tutta la loro evidenza storica. Pio XI mor lanno dellinizio del secondo conflitto mondiale e non ebbe modo di verificare lattendibilit delle profezie di Fatima. Pio XII, che ne fu il successore, al contrario costat tutta la fondatezza di quelle rivelazioni. Quando nel 1941 Lucia annunciava ufficialmente al mondo lesistenza di un segreto, di cui si apprestava a rivelare le prime due parti, non faceva altro che comunicare al mondo parte di quel flusso di rivelazioni gi note dentro la Chiesa. Per questo Pio XII non

ebbe particolari problemi a divulgare le prime due parti del segreto lanno seguente la loro stesura su carta. Che sia questa una possibile verit intorno a Fatima sono alcuni indizi a dimostrarlo. Innanzitutto accertata lesistenza di questo flusso continuo di rivelazioni in direzione Roma. La suora continu ad avere apparizioni e dialoghi con la Vergine, come testimoniano le parole del nipote, frate salesiano, anche dopo il 1917.10 Inoltre lei stessa rivel come il 13 giugno 1929 la Vergine le fosse apparsa nel monastero spagnolo di Tuy chiedendo che il papa (Pio XI) consacrasse la Russia al suo Cuore Immacolato.11 Infine appartiene alla storia pi recente di Fatima laffermazione del cardinale Bertone nella trasmissione televisiva italiana Porta a Porta del 31 maggio 2007: non sempre si capisce bene ci che dice la Madonna e ci che dice Suor Lucia, segno che Lucia continuava a rivelare cose riguardanti la storia dellumanit ancora ai tempi di Giovanni Paolo II. E, infatti, come lo stesso cardinale Bertone aveva rivelato due anni prima (2005), la suora ebbe la sua ultima apparizione pubblica nel lontano 1984.12 Difficile credere a questo punto che la Vergine, apparendo a Lucia, non continuasse a rivelare qualcosa. Difficile infine credere che questo qualcosa rivelato non finisse immediatamente (e non dopo parecchio tempo) allorecchio delle alte personalit della Chiesa. Un secondo elemento che comprova lattendibilit di questa ipotesi lintensa attivit epistolare della suora.13 Per citare quattro significativi esempi, baster ricordare quanto accadde a Giovanni Paolo II le due volte che si rec in pellegrinaggio al santuario portoghese: il 13 maggio 1982 il papa
10 11

Marco Tosatti, La profezia di Fatima, Piemme, Casale Monferrato (AL), 2007, p. 51 Marco Tosatti, La profezia di Fatima, Piemme, Casale Monferrato (AL), 2007, p. 124 12 Intervista al cardinale Bertone su La Repubblica del 17 febbraio 2005. Come ha osservato Antonio Socci, gi il fatto che questa apparizione sia stata considerata pubblica lascia intendere che ve ne siano state altre segretate, private (Socci Antonio, Il quarto segreto di Fatima, Rizzoli, Milano, 2006, p. 123) 13 Antonio Socci, Il quarto segreto di Fatima, Rizzoli, Milano 2006, pp. 113-114

ricevette una lettera scritta dalla stessa Lucia. Il 13 maggio 2000 la suora consegn al medesimo papa una busta, come not il vaticanista Luigi Accattoli. Anche Paolo VI ricevette diverse lettere: una consegnata da monsignor Joo Venncio durante ludienza concessa dal papa ai portoghesi il 27 settembre 1967; laltra certamente in occasione della visita del papa a Fatima il 13 maggio 1967. Proprio questultima lettera spinge a due successive considerazioni. La prima riguarda lintensit della corrispondenza. Tutte e tre le volte che i papi sono andati a Fatima arrivata puntuale una lettera da Lucia: questo un segno ben preciso dellintensit del rapporto epistolare fra Fatima e Roma. La seconda considerazione scaturisce dalla cronaca dellultimo avvenimento sopraccitato. Come riporta Marco Tosatti, ci fu un tentativo di consegna di questo messaggio direttamente da suor Lucia a Paolo VI nel corso della cerimonia pubblica. Il papa allora, con modi gentili secondo alcuni osservatori, bruschi secondo altri, le replic dicendo di consegnarla al vescovo che poi lavrebbe rigirata a lui. In questo comportamento fu intravista una certa insofferenza del pontefice nei confronti della veggente e di tutto il fenomeno Fatima. Ma le cose stanno veramente cos? Aveva veramente il papa una specie di generica avversione per i veggenti?14 E allora perch fu il primo papa a recarsi a Fatima? Solo per un obbligo imposto dalla circostanza, essendo quella visita avvenuta per ricordare il cinquantenario delle apparizioni? Una spiegazione differente potrebbe essere questa: la suora aveva platealmente mostrato ci che avveniva regolarmente, ma in silenzio, fra Fatima e Roma, violando la riservatezza ed il rispetto della regola non scritta: esisteva una comunicazione continua, seppure tenuta lontana dai riflettori della ribalta massmediatica fra il Portogallo e il Vaticano. Il che, in parole povere, significava che tutti i messaggi da Fatima dovevano passare attraverso il
14

Marco Tosatti, La profezia di Fatima, Piemme, Casale Monferrato (AL) 2007, p. 76

vescovo locale ed essere coperti dal maggior riserbo possibile, e non direttamente dalla veggente al papa, tanto meno in forma pubblica. Che questa catena di rivelazioni sia esistita, seppure circondata da molta riservatezza (e ieri certamente meglio di oggi), una notizia quasi insignificante resa nota da Luigi Accattoli sul suo blog ad testimoniarlo:
La partecipazione del cardinale Bertone gioved sera a Porta a porta ha fruttato uninformazione indicativa di che cosa fosse la regola del riserbo nel Vaticano di quarantanni addietro: il famoso Terzo Segreto non era conosciuto appena da tre o cinque persone, come si credeva finora, ma era stato letto a una plenaria del SantUffizio eppure mai nulla se ne seppe fino alla pubblicazione nel duemila. Ha detto dunque il cardinale segretario di Stato che era strano che il cardinale Alfredo Ottaviani, segretario del SantUffizio negli anni 60, avesse affermato in unoccasione che il testo del segreto era di 25 righe mentre di 62 perch il cardinale lo conosceva bene, avendolo mostrato a una plenaria del dicastero. Di questa consultazione e del voto contrario alla pubblicazione da essa espresso non si era mai saputo. Ho chiesto lanno alla segreteria del cardinale Bertone e mi ha fatto dire che quella plenaria si tenne il 1 marzo 1967 in vista del viaggio di Paolo VI a Fatima (13 maggio di quellanno). Finora si riteneva che prima di Giovanni Paolo e dei suoi collaboratori il segreto lavessero letto Giovanni XXIII e Paolo VI, assistiti dai rispettivi segretari e prefetti del SantUffizio e da un paio di interpreti portoghesi, qualcosa dunque come otto persone. Ora invece sappiamo che erano stati una trentina a conoscerlo. Eppure il segreto alla cui caccia erano devoti e medium, giornalisti e spie ha retto per oltre trentanni, calcolando a partire da quella plenaria e per un totale di 66 anni a contare dal scrittura di suor Lucia.15

Pare chiaro che sulla gestione della faccenda Fatima dentro le sacre mura del Vaticano si conosce veramente poco, se vero che nessuno mai venuto a sapere fino ad oggi di questa riunione tenuta nel 1967 n delle altre. LA TERZA PARTE DEL SEGRETO Lesistenza di un flusso di rivelazioni ed informazioni, non note pubblicamente e parallele ai cosiddetti tre segreti di Fatima, spiegherebbe anche la ragione per la quale siano circolate varie versioni a riguardo del Terzo Segreto prima che fosse divulgato nel 2000.

15

http://www.luigiaccattoli.it/blog/?p=421

Cos ad esempio si parlava, per il Terzo Segreto, di una rivelazione che dovesse riguardare il papa. Questa ipotesi, prima che il testo fosse reso pubblico nel 2000, trovava conferma nellatteggiamento di Giovanni Paolo II, che volle leggere il segreto immediatamente dopo lattentato subto. Perch un simile atto, peraltro formale, se non per il convincimento che le due cose fossero legate? Una seconda versione riguardava il tema di una possibile apostasia di una parte dei Cristiani. In questi termini, discutendo del Terzo Segreto, si era espresso il cardinale Alfredo Ottaviani, nel 1967, il quale rivelava lavvicinarsi di tempi difficili per la Chiesa e della necessit di pregare perch lapostasia non fosse troppo grande.16 Anche il cardinale Mario Luigi Ciappi aveva sostenuto la stessa tesi.17 Altri ritenevano che il segreto trattasse del rinnegamento della fede da parte di molte nazioni, di qualcosa di tragico sulla scia di quanto contenuto nella fine della seconda parte del Segreto.18 Inoltre anche il vescovo di Fatima, Alberto Cosme Do Amaral, si era espresso in tali termini durante una conferenza tenuta a Vienna nel 1984, mettendo in relazione Fatima con la caduta della fede in Europa.19 Pi di recente si addirittura pensato, sulla base delle parole del Segretario di Stato Vaticano, il cardinale Bertone, che il Segreto potesse avere a che fare con lattentato terroristico delle Torri gemelle.20
16

Rivista Fatima, anno 1, numero 7, 13 Novembre 1967. Lintervento si pu leggere anche in Marco Tosatti, La profezia di Fatima, Piemme, Casale Monferrato (AL) 2007, pp. 86-87 17 Marco Tosatti, La profezia di Fatima, Piemme, Casale Monferrato (AL) 2007, p. 76 18 Dove si dice che il dogma della fede si conserver in Portogallo e vi si aggiunge alla frase un etc.., a dire che forse in altre parti invece la fede sarebbe andata perduta del tutto. 19 Per la citazione completa si veda Antonio Socci, Il quarto segreto di Fatima, Rizzoli, Milano 2006, p. 83 20 Si leggano le sue affermazioni in occasione dellintervista rilasciata a La Repubblica il 17 febbrario 2005 (La profezia va sempre interpretata: basta pensare allApocalisse, ai segni nel cielo. Forse che questi non possono gi essere stati visti come quegli aerei che si schiantano sulle Due Torri?) e, ancor prima, nella dichiarazione redatta dopo lincontro con suor Lucia un paio di mesi dopo lattentato delle Torri gemelle: Nei mesi scorsi, soprattutto dopo il triste evento dellattentato terroristico dell11 settembre scorso, sui giornali italiani ed esteri sono comparsi articoli riguardanti presunte nuove rivelazioni di Suor Lucia, annunci di lettere monito al Sommo Pontefice, reinterpretazioni apocalittiche del messaggio di Fatima

Alcune di queste ipotesi sono forse completamente infondate, ma le restanti troverebbero la loro spiegazione solo attraverso la teoria di un costante flusso di notizie, cio di una serie di rivelazioni, provenienti dal Portogallo, cio da Lucia, e dirette a Roma, alla sola persona del papa. Il Terzo Segreto, o meglio la terza parte della rivelazione di Fatima, non sarebbe altro che la reale prosecuzione della seconda. Il testo tutto intero verrebbe poi spiegato al di fuori del Segreto rivelato pubblicamente e sarebbe corredato di altre informazioni, e tutti insieme questi documenti costituirebbero quel flusso di informazioni, continuo per parecchi decenni, in partenza dal Portogallo con destinazione Roma. LUCIA E LAPOCALISSE DI GIOVANNI Indaghiamo ora i rapporti che, almeno ad un livello superficiale, sembrano collegare Fatima allApocalisse, lultimo dei libri del Nuovo Testamento. Il genere di collegamento di tre tipi. Il primo deve essere inteso come un richiamo indiretto al libro di Giovanni. Il secondo come un richiamo diretto, il terzo riguarda la stretta relazione a livello di genere letterario e teologico fra i due testi. Il primo richiamo indiretto sembrerebbe risalire al 1967, anno in cui, ricorrendo il cinquantenario delle apparizioni, Paolo VI si reca a Fatima e pronuncia unomelia impostata sullinizio del dodicesimo capitolo dellApocalisse, in cui si parla di una donna vestita di sole. Gi nella donna descritta da Giovanni si riconosceva simboleggiata la Vergine Maria, che tradizionalmente viene raffigurata coronata da dodici stelle, quante sono quelle contate da Giovanni. Il richiamo al passo dellApocalisse sembra pu essere spiegato da due episodi: il primo, la nota danza del sole avvenuta alla Cova da Iria, cio il miracolo promesso dalla Madonna ai fanciulli, il 13 ottobre 1917. Il sole richiama il vestito della donna apocalittica:

Nel cielo apparve poi un segno grandioso: una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul suo capo una corona di dodici stelle (Apocalisse 12,1).

Il secondo richiamo indiretto risale alle parole pronunciate da Lucia un decennio prima, quando a padre Agostino Fuentes, postulatore della causa di beatificazione dei veggenti di Fatima Francisco e Jacinta, Lucia rispondeva che il diavolo era in procinto di ingaggiare una battaglia decisiva contro la Beata Vergine.21 Con simili parole dovette apparire inevitabile intravedere negli avvenimenti futuri riguardanti la Chiesa limmagine della donna apocalittica di Giovanni fronteggiata dal drago scarlatto:
Il drago si pose davanti alla donna che stava per partorire per divorare il bambino appena nato (Apocalisse 12,4).

Non perci un caso che la stessa citazione dellApocalisse fosse ripresa anche il 13 maggio 2000 a Fatima, nella messa per la beatificazione di Jacinta e Francisco. La stessa citazione, inoltre, era stata inserita nella lettera inviata da Giovanni Paolo II al vescovo di Fatima-Leiria nel 1997. Questa certa ossessivit ha fatto sostenere ad esempio a Paul Kramer, sacerdote canadese molto attivo nella diffusione dei messaggi di Fatima, lesistenza di una relazione ben precisa fra lApocalisse ed il Terzo Segreto.22 Anche il sacerdote italiano Luigi Bianchi, che ha scritto un libro su Fatima, ha avuto da Lucia in persona la conferma della relazione fra il libro di Giovanni e la terza parte del Segreto.23 Un altro richiamo indiretto allApocalisse fu fatto in una conferenza nel 1967 dal cardinale Ottaviani, che paragonava il Terzo Segreto alle profezie
21

Antonio Socci, Il quarto segreto di Fatima, Rizzoli, Milano 2006, p. 107 Paul Kramer, La battaglia finale del diavolo, The Missionary Association, Buffalo 2002-2004. p. 113 23 Si veda Luigi Bianchi, Il mistero di Fatima: oltre il segreto. Il passato, il presente, il futuro, Elvetica, Torino, 2005 e Andrea Tornielli, Il segreto svelato, Gribaudi, Torino 2005
22

contenute nel libro di Giovanni.24 Infine, un pi recente collegamento stato avanzato dal cardinale Bertone nel corso di unintervista a La Repubblica il 17 febbraio 2005, nella quale, con un linguaggio in verit assai poco accessibile (come faceva notare Antonio Socci),25 accostava la profezia mariana di Fatima, lApocalisse e lattentato dell11 settembre 2001. La conferma della relazione fra Fatima e lApocalisse proviene in ogni caso dalle parole di Lucia, e qui entriamo nel caso dei richiami diretti. Durante una delle sue rare esternazioni note, Lucia ha richiamato lApocalisse di Giovanni per comprendere la terza parte del Segreto; in particolare, ha menzionato i capitoli ottavo e tredicesimo. Ad unaltra persona ha rivelato: Tutto nel Vangelo e nellApocalisse, leggeteli.26 Infine, un giorno, parlando della terza parte del messaggio mariano, cos disse alla nipote Maria Do Fetal: Ritornando a casa, rileggi con particolare attenzione il capitolo dodicesimo dellApocalisse e avrai tutto. Il terzo caso, pi complesso ma meno cruciale per la nostra indagine (e sul quale, per questa ragione, mi soffermer poco), laffinit di genere letterario e teologico che lega Fatima allApocalisse. Nel documento ufficiale che la Santa Sede ha pubblicato a commento del cosiddetto Terzo Segreto, il cardinal Ratzinger spiegava in che maniera lanima della veggente era stata resa in grado di vedere il non visibile. Lucia aveva visto figure e cose reali con le modalit a lei accessibili di rappresentazione e di conoscenza, cio attraverso immagini, ed il linguaggio immaginifico di queste visioni proseguiva il cardinale - un linguaggio simbolico. Dopo questo lungo preambolo intellettuale un po tortuoso, il cardinale abbozzava una spiegazione del segreto:
24 25

Antonio Socci, Il quarto segreto di Fatima, Rizzoli, Milano 2006 p. 170 Antonio Socci, Il quarto segreto di Fatima, Rizzoli, Milano 2006 pp. 127-128 26 Antonio Socci, Il quarto segreto di Fatima, Rizzoli, Milano 2006, p. 97

Esaminiamo ora un poco pi da vicino le singole immagini. Langelo con la spada di fuoco a sinistra della Madre di Dio ricorda analoghe immagini dellApocalisse....

La citazione ci rivela quindi che Apocalisse e Terzo Segreto condividono la forma letteraria. Sia la prima sia il secondo adottano un linguaggio simbolico, il quale d la forma al contenuto della rivelazione. Per dirla in parole pi semplici, limmagine un po come il vestito della cosa rivelata. Loggetto della rivelazione si serve del simbolo, dellimmagine, per essere accessibile alla comprensione di chi riceve la rivelazione. Le analogie fra Apocalisse e Terzo Segreto sembrano per non limitarsi al piano formale e letterario ma vanno pi a fondo. Per afferrare la complessit del rapporto, vanno svolte alcune considerazioni sul testo dellApocalisse. Giovanni non ha completamente inventato le immagini del suo libro. Un esempio su tutti la bestia che emerge dal mare, descritta nel tredicesimo capitolo:
Vidi salire dal mare una bestia che aveva dieci corna e sette teste, sulle corna dieci diademi e su ciascuna testa un titolo blasfemo. La bestia che io vidi era simile a una pantera, con le zampe come quelle di un orso e la bocca come quella di un leone (Apocalisse 13,1-2).

Limmagine complessiva evoca la visione contenuta in Daniele 7:


Io, Daniele, guardavo nella mia visione notturna e ecco, i quattro venti del cielo si abbattevano impetuosamente sul Mar Mediterraneo e quattro grandi bestie, differenti luna dallaltra, salivano dal mare. La prima era simile a un leone e aveva ali di aquila. Mentre io stavo guardando, le furono tolte le ali e fu sollevata da terra e fatta stare su due piedi come un uomo e le fu dato un cuore duomo. Poi ecco una seconda bestia, simile ad un orso, la quale stava alzata da un lato e aveva tre costole in bocca, fra i denti, e le fu detto: Su, divora molta carne. Mentre stavo guardando, eccone unaltra simile ad un leopardo, la quale aveva quattro ali duccello sul dorso; quella bestia aveva quattro teste e le fu dato il dominio. Stavo ancora guardando nelle visioni notturne ed ecco una quarta bestia, spaventosa, terribile, di una forza eccezionale, con denti di ferro; divorava,

stritolava e il resto se lo metteva sotto i piedi e lo calpestava: era diversa da tutte le altre bestie precedenti e aveva dieci corna (Daniele 7, 2-7).

Lautore dellApocalisse ha rappresentato la bestia descritta allinizio del tredicesimo capitolo rimaneggiando il materiale simbolico contenuto in Daniele 7. Il materiale simbolico del profeta biblico perci, in un certo senso, il vestito delloggetto della visione di Giovanni. Il Terzo Segreto di Fatima, se analogo allApocalisse, quale vestito indossa? Per individuare la marca del vestito opportuno leggere un articolo di Umberto Eco a commento del Terzo Segreto:
Langelo con la spada di fuoco ricorda ad esempio langelo di Ap 9,8, quello della seconda tromba, il quale sparge fuoco per il mondo, anche se non in possesso di una spada. Poi appare un vescovo vestito di bianco; nellApocalisse di servi del signore biancovestiti, votati al martirio, ne appaiono in varie riprese (Ap 6,11; 7,9; 7,14). [] Il santo padre arriva in una citt mezzo in rovina, e incontra sul suo cammino le anime dei cadaveri: la citt menzionata in 11,8, cadaveri compresi, mentre crolla e cade in rovina in 11,13 e ancora, sotto forma di Babilonia, in 18,19. Il vescovo e molti altri fedeli vengono uccisi da soldati con frecce []: massacri con le armi, puntute, sono compiuti da cavallette con corazza di guerriero in 9,7, al suonare della quinta tromba. Si arriva finalmente ai due angeli che versano sangue con un innaffiatoio di cristallo. Ora di angeli che spargono sangue lApocalisse abbonda, ma in 8,5 lo fanno con un turibolo, in 14,20 il sangue trabocca da un tino, mentre in 16,3 viene versato da un calice.27

Umberto Eco ha scoperto il meccanismo di formazione delle immagini del segreto di Fatima: Lucia si servita dellApocalisse cos come Giovanni si era servito di Daniele 7 per realizzare limmagine della bestia nel tredicesimo capitolo. Un secondo collegamento fra segreto di Fatima e Apocalisse la concezione della storia che emerge dai due messaggi. Essa apocalittica. Alla base della concezione apocalittica stanno due semplici concetti: la storia umana gi stata scritta e alluomo non spetta che decidere da che parte stare, se dalla

27

Umberto Eco, Terzo Segreto di Fatima: ogni veggente vede quello che sa, in Scienza e Paranormale, 2000

parte di Dio o da quella di Satana. Questi due concetti sono presenti in parecchie esternazioni degli ultimi papi e della stessa Lucia. Durante un viaggio apostolico in Germania, Giovanni Paolo II pronunci delle parole che per lungo tempo furono credute il contenuto del Terzo Segreto:
Data la gravit del contenuto, per non incoraggiare la potenza mondiale del comunismo a compiere certe mosse, i miei predecessori nellufficio di Pietro hanno diplomaticamente preferito soprassedere alla pubblicazione. Daltra parte a tutti i cristiani pu essere sufficiente sapere questo: se c un messaggio in cui sta scritto che gli oceani inonderanno intere parti della Terra, e che da un momento allaltro milioni di uomini periranno, non davvero pi il caso di bramare tanto la divulgazione di un tale messaggio segreto. Molti vogliono semplicemente sapere, per curiosit e gusto del sensazionale, ma dimenticano che sapere comporta per loro anche una responsabilit. Si cerca pericolosamente soltanto lappagamento della propria curiosit se si convinti che nulla si pu fare contro il male, se non si disposti in pari tempo a far qualcosa.

Quindi, interrogato sulla Chiesa, avrebbe risposto:


Dobbiamo prepararci a subire tra non molto grandi prove, le quali potranno esigere da noi persino il sacrificio della vita e una dedizione totale a Cristo e per Cristo. Con la preghiera vostra e mia possibile mitigare questa tribolazione, ma non possibile evitarla, perch solo cos la Chiesa pu essere effettivamente rinnovata... Quante volte nel sangue spuntato il rinnovamento della Chiesa! Anche questa volta non sar diversamente. Dobbiamo essere forti, prepararci, confidare in Cristo e nella Sua Madre Santissima....

Queste parole sconvolgenti attribuite ad un papa furono riportate da una rivista tedesca. Come ha giustamente osservato Marco Tosatti, difficile credere che una rivista si sia inventata unesternazione pontificia del genere, col rischio di venire pubblicamente sbugiardata.28 E allora, anche accettando lidea che parole del genere siano difficili da immaginare sulla bocca di un pontefice e che fra linventarsi un discorso di sana pianta ed il riportarlo con

28

Marco Tosatti, Il segreto non svelato, Piemme, Casale Monferrato (AL) 2002, p. 88

totale fedelt ci sono vie di mezzo,29 la via di mezzo potrebbe essere la seguente: il pontefice, a cui qualche fedele cattolico domandava, forse un po insistentemente, se il Terzo Segreto riguardasse catastrofi planetarie, ha risposto, magari indispettito, che se si vuole sapere se quello il contenuto del segreto senza poi per far nulla, allora si solo schiavi della curiosit. Insomma pi che una rivelazione, quella del pontefice sembrata innanzitutto una provocazione: si vuole credere che quello sia il Terzo Segreto? Va bene, ma poi, una volta saputo, ci si adopera per far qualcosa o no? Se non si fa nulla, ci vuole dire che la domanda solo il frutto di vana e malefica curiosit. Qui non interessa indagare lattendibilit delle presunte affermazioni papali, quanto piuttosto rintracciare ci che di verosimile pu essere stato pronunciato dal Santo Padre. Il punto interessante una frase del discorso: con la preghiera vostra e mia possibile mitigare questa tribolazione, ma non possibile evitarla.... Una simile affermazione presuppone una concezione apocalittica della storia. La storia gi scritta. Ci che stato predetto accadere, non potr non accadere. Se si tratta di qualcosa di tragico, allora potr essere al massimo mitigato attraverso la preghiera, ma laffidamento alla preghiera implica lavere fatto gi una scelta di campo: occorre essere dalla parte di Dio e di Cristo. Come si vede, il passaggio contiene i due pilastri concettuali che sorreggono la visione apocalittica cristiana. Uno di questi due pilastri presente ad esempio in una delle esternazioni di Lucia al padre postulatore Agostino Fuentes. In un colloquio avuto con lui, Lucia rivela che il diavolo in procinto di ingaggiare una battaglia contro la Vergine Maria, da cui uno dei due contendenti uscir vittorioso e laltro sconfitto. Occorre, continua la Vergine, decidere fin da ora da che parte stare.30
29 30

Antonio Socci, Il quarto segreto di Fatima, Rizzoli, Milano 2006, p. 86 Antonio Socci, Il quarto segreto di Fatima, Rizzoli, Milano 2006, p. 109

Prima di proseguire oltre con la nostra analisi comparata dellApocalisse con il Terzo Segreto, mi si permetter una breve parentesi. Fin da ora emerge chiara limpressione che Lucia fosse una lettrice attenta (se non accanita) dellApocalisse. Simile evidenza porta per con s una domanda. singolare che una donna come Lucia, illetterata allepoca delle apparizioni, si sia cimentata da suora nella lettura ed interpretazione dellApocalisse (al punto da esserne influenzata quando chiamata a redigere il Terzo Segreto), un libro che forse il pi inaccessibile fra tutti quelli del Nuovo Testamento. Come mai tanto interesse di Lucia verso un libro del genere? La risposta stata data dalla stessa suora: Tutto nel Vangelo e nellApocalisse, leggeteli. Per comprendere il Terzo Segreto di Fatima occorre perci leggere lApocalisse di Giovanni. APOCALISSE Ci troviamo adesso ad affrontare un grande ostacolo: la comprensione del libro dellApocalisse. Il libro di Giovanni una specie di rompicapo, un vero enigma. San Gerolamo disse che esso nasconde tanti misteri quante sono le sue parole. Stando cos le cose, anche al pi determinato lettore dellApocalisse verrebbe la voglia di abbandonare limpresa. Per cercare di orientarsi e individuare dove lApocalisse spiegherebbe il Terzo Segreto di Fatima, bisogna fare un po come Pollicino nella famosa fiaba, seguire i sassolini bianchi per giungere a destinazione. I sassolini sono le tracce lasciate da chi conosce bene la documentazione del Segreto, cio i papi e tutti quelli che hanno avuto accesso alle carte di Fatima e, infine, Lucia. Partiamo cos dalle parole di Lucia. Come gi stato detto, la suora in persona ripeteva che per comprendere il Terzo Segreto di Fatima occorreva leggere lApocalisse e anzi suggeriva anche quali capitoli consultare. Nelle

due occasioni in cui vi avrebbe fatto riferimento, ha invitato alla lettura dei capitoli ottavo, dodicesimo e tredicesimo. Tuttavia le affermazioni della suora sono da prendere con cautela. Infatti, pi di una volta, ha ripetuto che non spettava a lei linterpretazione del segreto ma alla Chiesa.31 Sul versante gerarchico, Giovanni Paolo II afferm che lumanit stava vivendo quanto raccontato nel dodicesimo capitolo.32 A testimonianza delle sue parole stanno i ripetuti accenni proprio a quel capitolo nel corso di discorsi ed omelie. Prima di lui, anche Paolo VI recandosi a Fatima per il cinquantenario delle apparizioni impost unomelia sullinizio del dodicesimo capitolo dellApocalisse:
Nel cielo apparve poi un segno grandioso: una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul suo capo una corona di dodici stelle. Era incinta e gridava per le doglie e il travaglio del parto. Allora apparve un altro segno nel cielo: un enorme drago rosso, con sette teste e dieci corna e sulle teste sette diademi; la sua coda trascinava gi un terzo delle stelle del cielo e le precipitava sulla terra. Il drago si pose davanti alla donna che stava per partorire per divorare il bambino appena nato (Apocalisse 12,1-4).

Vista linsistenza dei pontefici su questo passaggio dellApocalisse, dovremmo dedurre che esso abbia collegamenti con il noto segreto di Fatima. A questo punto varr la pena rileggere per intero il testo della terza parte del segreto:
Dopo le due parti che gi ho esposto, abbiamo visto [...] un Angelo con una spada di fuoco nella mano sinistra; scintillando emetteva fiamme che sembrava dovessero incendiare il mondo; ma si spegnevano al contatto dello splendore che Nostra Signora emanava dalla sua mano destra verso di lui: lAngelo indicando la terra con la mano destra, con voce forte disse: Penitenza, Penitenza, Penitenza! E vedemmo in una luce immensa che Dio, qualcosa di simile a come si vedono le persone in uno specchio quando vi passano davanti, un Vescovo vestito di Bianco: abbiamo avuto il presentimento che fosse il Santo Padre. Vari altri Vescovi, Sacerdoti, religiosi e religiose
31

Suor Lucia, Gli appelli del messaggio di Fatima, Libreria editrice Vaticana, Citt del Vaticano 2001, p. 122 e Tarcisio Bertone e Giuseppe De Carli, Lultima veggente di Fatima, Rizzoli, Milano 2007, p. 80 32 Carlo Palermo, Il papa nel mirino, Editori Riuniti, Roma 1998, p. 42

salire una montagna ripida, in cima alla quale cera una grande Croce di tronchi grezzi come se fosse di sughero con la corteccia; il Santo Padre, prima di arrivarvi, attravers una grande citt mezza in rovina e mezzo tremulo con passo vacillante, afflitto di dolore e di pena, pregava per le anime dei cadaveri che incontrava nel suo cammino; giunto alla cima del monte, prostrato in ginocchio ai piedi della grande Croce, venne ucciso da un gruppo di soldati che gli spararono vari colpi di arma da fuoco e frecce, e allo stesso modo morirono gli uni dopo gli altri i Vescovi, Sacerdoti, religiosi e religiose e varie persone secolari, uomini e donne di varie classi e posizioni. Sotto i due bracci della Croce cerano due Angeli ognuno con un innaffiatoio di cristallo nella mano, nei quali essi raccoglievano il sangue dei Martiri e con esso irrigavano le anime che si avvicinavano a Dio

Una lettura comparata dei due testi, anche superficiale, sembra per non individuare alcun punto in comune. Quale collegamento potrebbe esserci fra un testo che raffigura due realt celesti, poste una di fronte allaltra (la donna prossima a partorire e il drago scarlatto, Satana), con quanto riportato nel resoconto di Lucia, che invece sembra descrivere una carneficina, una persecuzione, e in particolare una tremenda violenza commessa contro un pontefice, vittima sacrificale di un gruppo armato? A leggere e rileggere i due scritti, si giunge alla ragionevole conclusione che non vi alcun collegamento. Certo, salter fuori qualche predicatore, convinto di essere illuminato direttamente dallo Spirito Santo, il quale obbietter che il collegamento esiste e sarebbe la Vergine stessa. Ma nellApocalisse la donna non ingaggia alcuna battaglia col diavolo, n il diavolo con la donna. Il dodicesimo capitolo dellApocalisse narra della donna continuamente in fuga dal demonio e del demonio allinseguimento della donna. E del demonio, nel Terzo Segreto, non c traccia. Perci i conti non tornano. No, non ci siamo. A questo punto della nostra breve ricerca i casi sono due: il brano dellApocalisse corretto ma quello reso noto nel 2000 non il vero Segreto; oppure il testo del Segreto autentico ma non a quel passo dellApocalisse che esso fa riferimento.

Se, come si pu ragionevolmente credere, il testo divulgato effettivamente il Terzo Segreto rivelato dalla Vergine a Lucia, non corretto il passo dellApocalisse citato. Dove cercare allora il passo che vi dovrebbe corrispondere? Se rileggiamo bene i pochi indizi prima raccolti e presentati, sembra esserci una certa frequente ricorrenza del dodicesimo capitolo nelle citazioni di chi ha cercato di collegare Apocalisse e Fatima. Quindi sar opportuno iniziare la nostra ricerca proprio da quel capitolo. Daltra parte se, come aveva affermato Giovanni Paolo II, lumanit stava vivendo il dodicesimo capitolo dellApocalisse, da qualche parte in quel capitolo che occorre individuare i versi da collegare a Fatima. Ma dove? Non rimane che approfondire la lettura del dodicesimo capitolo. INTEPRETIAMO LAPOCALISSE Capire il libro di Giovanni, lApocalisse per intenderci, unimpresa difficile. Talmente difficile che ancora oggi gli studiosi non sono concordi sul significato ultimo dellopera. Tanti esperti o presunti tali provano affannosamente a spiegarla. Certo, se domanderete loro che cosa significhi il libro di Giovanni, sfodereranno quel sorriso tipico di chi la sa lunga, e con paternalistico atteggiamento, quello per intenderci che nasconde una gran considerazione di se stessi, vi improvviseranno una commovente predica dallalto del loro piedistallo di sapienza, e in due parole penseranno di avervi dato una risposta esauriente e vi rimanderanno a qualcuno dei loro libroni. Ma alla fine della predica-spiegazione, vi accorgerete di avere davanti a voi uno che brancola nel buio, n pi n meno di voi. Per non lasciare nulla dintentato e trovare questo benedetto collegamento fra lApocalisse ed il segreto di Fatima, rimane alla fine ununica soluzione: andare in libreria,

comprare quei libroni che tentano di spiegare il significato dellApocalisse e vedere di capirci qualcosa in pi. Di libri ve ne sono tanti. E tanti sono per soli esperti. Quelli per i meno esperti sono poi di poco aiuto per scovare leventuale collegamento fra il Terzo Segreto e lApocalisse, poich troppo superficiali. Tuttavia, con un po di pazienza, alla fine qualcosa si trova. Giovanni Paolo II aveva affermato che lumanit stava vivendo quanto raccontato nel dodicesimo capitolo. E allora utile criterio da seguire per evitare la lettura completa di questi mostruosi commenti, andare diretti allinterpretazione del dodicesimo capitolo. Uno di questi commenti, recentemente pubblicato, offre pi di un qualche indizio. La tesi centrale che la seconda parte del dodicesimo capitolo narri in forma simbolica (e perci velata) la storia dellumanit e della Chiesa dopo laffermazione del cristianesimo sullImpero romano. Riassunto il contenuto di questo studio sullApocalisse in poche parole, si pu dire che il dodicesimo capitolo sia parte di una storia pi ampia, che vede come protagonista il diavolo. Questa storia si estende per circa otto capitoli, dal dodicesimo al ventesimo, e pu essere suddivisa in tre parti: 1. Soggiorno celeste del diavolo (Apocalisse 12,1-12); 2. Soggiorno terrestre del diavolo (da Apocalisse 12,13 fino ad Apocalisse 20,3) 3. Regno messianico dei mille anni e soggiorno di Satana in un luogo sotterraneo (Apocalisse 20,3-6).

Di queste tre parti, quella di mezzo letterariamente pi estesa ed costruita attraverso una successione di immagini dinamiche:33 PRIMO PERIODO (Apocalisse 12,13-14)
Or quando il drago si vide precipitato sulla terra, si avvent contro la donna che aveva partorito il figlio maschio. Ma furono date alla donna le due ali della grande aquila, per volare nel deserto verso il rifugio preparato per lei per esservi nutrita per un tempo, due tempi e la met di un tempo lontano dal serpente.

SECONDO PERIODO (Apocalisse 12, 15-16)


Allora il serpente vomit dalla sua bocca come un fiume dacqua dietro alla donna, per farla travolgere dalle sue acque. Ma la terra venne in soccorso alla donna, aprendo una voragine e inghiottendo il fiume che il drago aveva vomitato dalla propria bocca.

TERZO PERIODO (Apocalisse 12, 17-18)


Allora il drago sinfuri contro la donna e se ne and a far guerra contro il resto della sua discendenza, contro quelli che osservano i comandamenti di Dio e sono in possesso della testimonianza di Ges. E si ferm sulla spiaggia del mare.

La fine della narrazione del terzo periodo corrisponde con la fine del dodicesimo capitolo. Con il tredicesimo capitolo sembra iniziare una nuova storia, la quale ha per soggetto principale non pi il diavolo ma una bestia che esce dal mare:
Vidi salire dal mare una bestia che aveva: dieci corna e sette teste, sulle corna dieci diademi e su ciascuna testa un titolo blasfemo. La bestia che io vidi era simile a una pantera, con le zampe come quelle di un orso e la bocca come quella di un leone.

Questa bestia, nella sua descrizione, richiama la quaterna di bestie raffigurate dal profeta Daniele nel settimo capitolo:

33

Claudio Doglio, Apocalisse di Giovanni, Messaggero di SantAntonio, Padova 2005, p. 144

Io, Daniele, guardavo nella mia visione notturna ed ecco, i quattro venti del cielo si abbattevano impetuosamente sul Mar Mediterraneo e quattro grandi bestie, differenti luna dallaltra, salivano dal mare. La prima era simile ad un leone e aveva ali di aquila. Mentre io stavo guardando, le furono tolte le ali e fu sollevata da terra e fatta stare su due piedi come un uomo e le fu dato un cuore duomo. Poi ecco una seconda bestia, simile ad un orso, la quale stava alzata da un lato e aveva tre costole in bocca, fra i denti, e le fu detto: Su, divora molta carne. Mentre stavo guardando, eccone unaltra simile a un leopardo, la quale aveva quattro ali duccello sul dorso; quella bestia aveva quattro teste e le fu dato il dominio. Stavo ancora guardando nelle visioni notturne ed ecco una quarta bestia, spaventosa, terribile, duna forza eccezionale, con denti di ferro; divorava, stritolava e il rimanente se lo metteva sotto i piedi e lo calpestava: era diversa da tutte le altre bestie precedenti e aveva dieci corna.

La bestia di Giovanni costruita mettendo insieme le forme delle quattro bestie di Daniele: il leone, la pantera o leopardo, lorso e le dieci corna della quarta. Inoltre la bestia di Giovanni possiede sette teste, cio la somma delle teste delle quattro bestie di Daniele (una testa per la prima bestia, una per la seconda, quattro per la terza, una per la quarta). A questo punto sar bene ricordare al nostro sprovveduto lettore dellApocalisse che Giovanni non ha mai diviso la sua opera in capitoli. Questa suddivisione fu fatta nel Medioevo. Pertanto fuorviante ritenere che, una volta concluso il dodicesimo capitolo, col capitolo seguente inizi tutta unaltra storia. La storia che Giovanni sta raccontando non si ferma al dodicesimo capitolo ma prosegue nel tredicesimo. Stando cos le cose, immaginiamo allora di leggere i due capitoli dellApocalisse come un unico continuo racconto. Che cosa ci suggerisce questa lettura? Andando un poco pi a fondo con la nostra ricerca, si comprende allora come tutta la struttura della narrazione di met del dodicesimo capitolo e di quello seguente organizzata secondo la struttura della profezia di Daniele 7.

I tre quadri contenuti nel dodicesimo capitolo dellApocalisse precedono il quarto, narrato nel capitolo seguente:

Fase I (Daniele 7,4)

Fase I (Apocalisse 12,13-14)

"La prima era simile ad un leone e aveva ali di aquila. Mentre io stavo guardando, le furono tolte le ali e fu sollevata da terra e fatta stare su due piedi come un uomo e le fu dato un cuore duomo.

Or quando il drago si vide precipitato sulla terra, si avvent contro la donna che aveva partorito il figlio maschio. Ma furono date alla donna le due ali della grande aquila, per volare nel deserto verso il rifugio preparato per lei per esservi nutrita per un tempo, due tempi e la met di un tempo lontano dal serpente.

Fase II (Daniele 7,5)

Fase II (Apocalisse 12, 15-16)

"Poi ecco una seconda bestia, simile ad un orso, la quale stava alzata da un lato e aveva tre costole in bocca, fra i denti, e le fu detto: Su, divora molta carne.

Allora il serpente vomit dalla sua bocca come un fiume dacqua dietro alla donna, per farla travolgere dalle sue acque. Ma la terra venne in soccorso alla donna, aprendo una voragine e inghiottendo il fiume che il drago aveva vomitato dalla propria bocca. Fase III (Apocalisse 12, 17-18)

Fase III (Daniele 7,6)

"Mentre stavo guardando, eccone unaltra simile a un leopardo, la quale aveva quattro ali duccello sul dorso; quella bestia aveva quattro teste e le fu dato il dominio" Fase IV (Daniele 7,7)

Allora il drago si infuri contro la donna e se ne and a far guerra contro il resto della sua discendenza, contro quelli che osservano i comandamenti di Dio e sono in possesso della testimonianza di Ges. E si ferm sulla spiaggia del mare. Fase IV (Apocalisse 13-19)

"Stavo ancora guardando nelle visioni notturne ed ecco una quarta bestia, spaventosa, terribile, duna forza eccezionale, con denti di ferro; divorava, stritolava e il rimanente se lo metteva sotto i piedi e lo calpestava: era diversa da tutte le altre bestie precedenti e aveva dieci corna.

"Vidi salire dal mare una bestia che aveva:dieci corna e sette teste, sulle corna dieci diademi e su ciascuna testa un titolo blasfemo.La bestia che io vidi era simile a una pantera,con le zampe come quelle di un orso e la bocca come quella di un leone...".

INTERPRETAZIONE DEL CAPITOLO DODICESIMO DELLAPOCALISSE Per capire che cosa voglia significare questa sequenza di quadri, bisogna conoscere il significato della profezia contenuta nel settimo capitolo del libro di Daniele. Quella profezia descriveva la successione degli imperi che nel mondo antico avevano sottomesso Israele: limpero babilonese, quello medo, quello persiano e infine limpero macedone di Alessandro Magno. Nel caso di Giovanni non si parla pi di imperi ma della Chiesa e dei suoi figli. Giovanni racconta in successione la storia della Chiesa. Come comincia questa storia? Essa comincia con una battaglia in cielo fra larcangelo Michele ed il diavolo, Satana:
Scoppi quindi una guerra nel cielo: Michele e i suoi angeli combattevano contro il drago. Il drago combatteva insieme con i suoi angeli, ma non prevalsero e non ci fu pi posto per essi in cielo. Il grande drago, il serpente antico, colui che chiamiamo il diavolo e satana e che seduce tutta la terra, fu precipitato sulla terra e con lui furono precipitati anche i suoi angeli. Allora udii una gran voce nel cielo che diceva: Ora si compiuta la salvezza, la forza e il regno del nostro Dio e la potenza del suo Cristo, poich stato precipitato laccusatore dei nostri fratelli, colui che li accusava davanti al nostro Dio giorno e notte. Ma essi lo hanno vinto per mezzo del sangue dellAgnello e grazie alla testimonianza del loro martirio, poich hanno disprezzato la vita fino a morire. Esultate, dunque, o cieli, e voi che abitate in essi. Ma guai a voi, terra e mare, perch il diavolo precipitato sopra di voi pieno di grande furore, sapendo che gli resta poco tempo. (Apocalisse 12,7-12)

Questa battaglia, spiega Giovanni, viene vinta grazie al sangue dellAgnelloCristo e grazie al martirio di cristiani.

Di quale persecuzione sta parlando Giovanni? Per capire di quale si tratti, delle tante che si sono succedute nella storia cristiana, facciamo riferimento alle parole del papa polacco. In relazione ai sopraccitati versi dellApocalisse, papa Giovanni Paolo II cos afferm durante ludienza generale tenuta il 26 maggio 2004 a Piazza San Pietro:

1. Il Cantico, che ora abbiamo elevato al Signore Dio Onnipotente e che viene proposto nella Liturgia dei Vespri, frutto della selezione di alcuni versetti dei capitoli 11 e 12 dellApocalisse. ormai squillata lultima delle sette trombe che risuonano in questo libro di lotta e di speranza. Ed ecco che i ventiquattro anziani della corte celeste, che rappresentano tutti i giusti della Antica e della Nuova Alleanza (cfr Ap 4,4; 11,16), intonano un inno forse gi in uso nelle assemblee liturgiche della Chiesa delle origini. Essi adorano Dio sovrano del mondo e della storia, pronto ormai a instaurare il suo regno di giustizia, di amore e di verit. In questa preghiera si sente pulsare il cuore dei giusti che attendono nella speranza la venuta del Signore a rendere pi luminosa la vicenda dellumanit, spesso immersa nelle tenebre del peccato, dellingiustizia, della menzogna e della violenza. 2. Il canto intonato dai ventiquattro anziani si modula sul rimando a due Salmi: il Salmo secondo, che un carme messianico (cfr 2,1-5) ed il Salmo 98, che celebra la regalit divina (cfr 98,1). In tal modo si raggiunge lo scopo di esaltare il giudizio giusto e risolutivo che il Signore sta per eseguire sullintera storia umana. Due sono gli aspetti di questo intervento benefico, come due sono i tratti che definiscono il volto di Dio. Egli giudice, s, ma anche salvatore; condanna il male, ma ricompensa la fedelt; giustizia, ma soprattutto amore. Significativa lidentit dei giusti, ora salvati nel Regno di Dio. Essi sono distribuiti in tre categorie di servi del Signore, cio i profeti, i santi, e coloro che temono il suo nome (cfr Ap 11,18). una specie di ritratto spirituale del popolo di Dio, secondo i doni ricevuti nel battesimo e fatti fiorire nella vita di fede e di amore. Un profilo che si compie sia nei piccoli sia nei grandi (cfr 19,5). 3. Il nostro inno, come si detto, elaborato anche con lutilizzazione di altri versetti del capitolo 12, che si riferiscono a una scena grandiosa e gloriosa dellApocalisse. In essa si scontrano la donna che ha partorito il Messia e il drago della malvagit e della violenza. In questo duello tra il bene e il male, tra la Chiesa e Satana, allimprovviso risuona una voce celeste che annuncia la sconfitta dellAccusatore (cfr 12,10). Questo nome la traduzione del nome ebraico Satn, dato a un personaggio che, secondo il Libro di Giobbe, membro della corte celeste di Dio, dove fa le parti del Pubblico Ministero (cfr Gb 1,9-11; 2,4-5; Zc 3,1).

Egli accusava i nostri fratelli davanti al nostro Dio giorno e notte, metteva cio in dubbio la sincerit della fede dei giusti. Ora il drago satanico fatto tacere e alla radice della sua sconfitta c il sangue dellAgnello (Ap 12,11), la passione e la morte di Cristo redentore. Alla sua vittoria associata la testimonianza del martirio dei cristiani. C unintima partecipazione allopera redentrice dellAgnello da parte dei fedeli che non hanno esitato a disprezzare la vita fino a morire (ibidem). Il pensiero corre alle parole di Cristo: Chi ama la sua vita la perde e chi odia la sua vita in questo mondo, la conserver per la vita eterna (Gv 12,25). 4. Il solista celeste che ha intonato il cantico, lo conclude invitando lintero coro angelico a unirsi allinno di gioia per la salvezza ottenuta (cfr Ap 12,12). Noi ci associamo a quella voce nel nostro rendimento di grazie festoso e colmo di speranza, pur in mezzo alle prove che segnano il nostro cammino verso la gloria. Lo facciamo ascoltando le parole che il martire san Policarpo rivolgeva al Signore Dio Onnipotente quando era ormai legato e pronto per il rogo: Signore Dio Onnipotente, padre del diletto e benedetto figlio tuo Ges Cristo, tu sia benedetto per avermi giudicato degno di questo giorno e in questora di prender posto nel novero dei martiri, nel calice del tuo Cristo per la risurrezione alla vita eterna di anima e corpo nellincorruttibilit dello Spirito Santo. Che io fra essi sia accolto oggi al tuo cospetto in qualit di pingue e gradito sacrificio, cos come tu, il Dio veritiero e alieno da menzogna, hai in precedenza disposto e manifestato e compiuto. Per questo al di sopra di tutto io ti lodo, ti benedico, ti glorifico tramite leterno e celeste tuo Sommo Sacerdote e diletto figlio Ges Cristo, mediante il quale sia gloria a te con lui e con lo Spirito Santo, ora e per i secoli a venire. Amen (Atti e passioni dei martiri, Milano 1987, p. 23).

Il papa ci spiega che i martiri in questione sono martiri cristiani. Ma quali martiri? Giovanni intende fare un generico riferimento ai martiri di tutte le epoche? A quanto pare no, visto che, lesito della battaglia celeste la caduta del diavolo e da quel momento la storia umana viene scandita dalla successione di quattro periodi storici, che Giovanni sviluppa secondo la struttura di Daniele 7. Se dovessimo andare indietro nel tempo, la prima grande persecuzione cristiana, degna di apparire iscritta nella storia della salvezza, non pu che essere quella sopportata sotto lImpero Romano. E di certo non casualmente il papa ha citato le parole di un grande martire dellantichit, San Policarpo.

Se quella la persecuzione descritta da Giovanni nei versetti in questione, le quattro epoche storiche seguenti, descritte da Giovanni, non possono che corrispondere a quattro periodi della storia del cristianesimo dopo le persecuzioni sotto Roma. LE TRE EPOCHE SUCCESSIVE: DUE PAPI, UNA STESSA

INTERPRETAZIONE Ci prepariamo ora a interpretare le tre epoche seguenti alla caduta del diavolo per opera dei martiri cristiani. Possiamo gi da ora immaginare come una di queste epoche non possa che corrispondere alla presente o, perlomeno, a quella individuata nelle parole di Giovanni Paolo II: Lumanit sta vivendo il dodicesimo capitolo dellApocalisse. Quali sono queste quattro epoche descritte da Giovanni? La prima vede la donna in possesso di ali daquila. La donna cos descritta richiama la figura della prima bestia descritta dal profeta Daniele: in questultima profezia il leone alato rappresentava un impero, quello babilonese. Nella profezia di Giovanni la donna alata pare rappresentare una specie di impero succeduto a quello Romano. Lera che Giovanni ha in visione, successiva allepoca di persecuzione sotto lImpero Romano il tempo della Chiesa medievale. La seconda fase narrata da Giovanni deve essere successiva allepoca medievale. Quale fu questepoca che vede la donna perseguitata dalle forze infernali, al punto da rovesciargli dietro una fiumana dacqua per affogarla? E quale la fase ancora successiva, che vede a questo punto non la donna, ma i suoi stessi figli oggetto della persecuzione satanica? Sfogliando un qualsiasi libro di storia del cristianesimo, la prima grande ferita inferta alla Cristianit fu leresia luterana e, dopo di essa, la grande rivolta alla Chiesa in epoca moderna che si concretizz con la Rivoluzione

Francese. Perci la seconda fase della persecuzione della Chiesa, come la descrive Giovanni, corrisponde alla grande frattura della Cristianit provocata dalla Riforma protestante, mentre la successiva ha inizio con la persecuzione della Chiesa nella Francia rivoluzionaria. Quanto attendibile pu essere questa interpretazione dei sopraccitati passi dellApocalisse? Joseph Ratzinger, prima ancora di diventare pontefice, pronunci un discorso in una conferenza tenuta a Berlino il 28 novembre 2000 in cui schematizzava i duemila anni di storia della Chiesa secondo queste tre fasi. Lallora cardinale scriveva che, in collegamento con il libro di Daniele, si considerava lImpero Romano rinnovato e trasformato dalla fede cristiana [...] come il permanente Sacrum Imperium Romanum.34 Questo momento pu essere considerato una fra le due fondamentali svolte storiche dellEuropa.35 La seconda svolta traumatica si colloca allepoca della Riforma,36 e si assiste alla nascita di una nuova, illuminata forma di cristianesimo.37 C poi una terza svolta: lepoca della Rivoluzione Francese.38 La persecuzione diabolica iniziata con la Rivoluzione Francese, che ci ha regalato la persecuzione dei cristiani in Vandea, ma poi proseguita con il tentativo di eliminazione della Chiesa in Messico, in Spagna e, dopo la Seconda Guerra mondiale, nei paesi comunisti. Cos, Giovanni Paolo II, il papa venuto proprio da quelle parti, ha voluto ricordare nella lettera apostolica Tertio Millennio Adveniente come al termine del secondo millennio la Chiesa sia diventata di nuovo Chiesa dei martiri e che nel
34 35

Joseph Ratzinger, Europa - I suoi fondamenti oggi e domani, San Paolo, Cinisello Balsamo (MI) 2005, p. 11 Joseph Ratzinger, Europa - I suoi fondamenti oggi e domani, San Paolo, Cinisello Balsamo (MI) 2005, p. 16 36 Joseph Ratzinger, Europa - I suoi fondamenti oggi e domani, San Paolo, Cinisello Balsamo (MI) 2005, p. 16 37 Joseph Ratzinger, Europa - I suoi fondamenti oggi e domani, San Paolo, Cinisello Balsamo (MI) 2005, p. 15 38 Joseph Ratzinger, Europa - I suoi fondamenti oggi e domani, San Paolo, Cinisello Balsamo (MI) 2005, pp. 16-17

nostro secolo sono ritornati i martiri, spesso sconosciuti, quasi militi ignoti della grande causa di Dio.39 Questo grande periodo di persecuzione, iniziato con la Rivoluzione Francese e prolungato nella Rivoluzione Russa stato preannunciato da due grandi segni celesti. Per il secondo stato proprio Fatima, mentre per il primo sono state le potenti apparizioni di Paray-le-Monial, avvenute cento anni prima dello scoppio della Rivoluzione Francese. In quelloccasione Ges apparve a Margherita Maria Alacocque e le affid un messaggio per il futuro re di Francia, Luigi XIV. Al sovrano fu richiesto di far dipingere limmagine del Sacro Cuore sui vessilli regali, cesellarla sulle armi, e infine costruire un tempio in onore del Sacro Cuore di Ges perch esso fosse adorato e venerato dal popolo e dai reali. Ma il sovrano non aveva la stoffa di Costantino n la lungimiranza del grande imperatore dellantichit. Cos, esattamente a cento anni di distanza, per le sue mancanze pag il nipote, Luigi XVI, ghigliottinato il 21 luglio 1793. Proprio a Fatima, a suor Lucia fu ricordato quellavvenimento accaduto un secolo e mezzo prima: Fai conoscere a miei ministri, visto che seguono lesempio del re di Francia, differendo ladempimento della mia richiesta [la consacrazione della Russia], che lo seguiranno nella sventura. Dopo lo faranno, ma sar ormai troppo tardi. La Russia avr gi sparso i suoi errori per il mondo, causando persecuzioni alla Chiesa.40 Le due grandi persecuzioni, luna che ha iniziato la terza fase e laltra che lha conclusa, hanno ricevuto due pesanti ammonimenti dal Cielo. PRIME CONCLUSIONI Giungiamo cos a trarre le nostre prime conclusioni riguardo il collegamento fra Fatima e lApocalisse. Se, come il cardinale Angelo Sodano, Segretario di
39

Citata in un articolo di Franco Peradotto Chiamati alla fedelt, in Vita Pastorale, n. 8-9/1997 In Frre Michel de la Saint Trinit, The whole truth about Fatima, Volume II, Immaculate Heart Pubblications, Buffalo, New York 1989, pp. 543-544
40

Stato, dichiar al termine della solenne Concelebrazione Eucaristica a Fatima per la beatificazione dei due pastorelli, Jacinta e Francisco, il segreto riguarda soprattutto la lotta dei sistemi atei contro la Chiesa e i cristiani e descrive limmane sofferenza dei testimoni della fede dellultimo secolo del secondo millennio, allora il segreto contenuto nei versi finali del dodicesimo capitolo. Detto in maniera pi appropriata, la grande visione di Fatima sarebbe la visione pi dettagliata di quanto, sommariamente, viene raccontato da Giovanni nelle poche scarne righe finali di quel capitolo, almeno per quanto riguarda le prime due parti del segreto. Queste conclusioni ci inducono pertanto a ritenere che suor Lucia facesse riferimento ai versi finali del dodicesimo capitolo dellApocalisse e non a quelli iniziali come molti, erroneamente, hanno creduto e continuano a credere. Ma a questo punto sorge ovvia una domanda. Come poteva suor Lucia conoscere la relazione fra Apocalisse e Terzo Segreto? Come poteva una tale donna, che aveva appena frequentato le scuole elementari, offrire uninterpretazione cos dirompente dellApocalisse, visto che tutti gli esegeti, di ogni epoca, hanno interpretato i passi in questione come una descrizione di persecuzioni dellepoca di Roma, se non precedenti? Nella mia personale ricerca solo una persona ha individuato nei passi in questione dellApocalisse, certo per caso, il collegamento con Fatima. Questa persona non per un esegeta di professione ma un giudice (Carlo Palermo, Il papa nel mirino, Editori Riuniti, Roma, 1998, p. 30). La ragione perch giudici o giornalisti riescano ad afferrare la verit meglio di teologi ed esegeti? Perch questi ultimi sono lontani dalla storia e dalla vita, esattamente come lOrazio nella tragedia dellAmleto, dove Amleto ricorda che ci sono pi cose in cielo e in terra che in certe costruzioni filosofiche (e, naturalmente, anche teologiche). E quando a certi preti, questi teologi lanciano accuse di essere

troppo pragmatici, troppo politici, troppo realisti, essi dovrebbero ogni tanto domandarsi se non sono loro a rischiare di apparire, con le loro mirabolanti costruzioni intellettuali, solo degli inguaribili teorici e ritrarre un cristianesimo che non esiste. Ma tornando a Lucia e allApocalisse, la risposta non pu che essere una soltanto: suor Lucia ebbe dalla Vergine la rivelazione della relazione fra il Terzo Segreto e lApocalisse. In altre parole, la Vergine svel alla veggente la corretta lettura del libro dellApocalisse. Essa fu evidentemente rivelata a Lucia nel corso di quelle apparizioni successive alle prime avute nel 1917. Essendo stata lultima (forse) nel 1984, questa rivelazione deve essere stata fatta, presumibilmente, un giorno dentro larco temporale di quei circa settantanni. In seguito la veggente inform le alte gerarchie della Chiesa del legame fra Fatima e lApocalisse. Appare scontato che simili rivelazioni appartengano a quel flusso dinformazioni di cui si parlato allinizio di questo breve scritto. Esse fanno parte del grande patrimonio religioso che Fatima ha trasmesso al mondo cristiano ma che la Vergine ha voluto comunicare, nel tempo dovuto, ai soli papi, forse attraverso le lettere personali. Quando fu rivelato questo legame fra Fatima ed il segreto dellApocalisse? Non possibile stabilirlo con una certa precisione. Tuttavia il libro di Giovanni fu messo per la prima volta in relazione con Fatima nel 1967, quando Paolo VI parl a Fatima dellapocalittica donna vestita di sole, ed forse da quellepoca che la Chiesa fu informata della sopraccitata relazione. In ogni caso, come si detto in precedenza, Lucia non doveva essere un tramite totalmente affidabile fra il Cielo e il papa, come ancora pochi anni fa aveva confermato il cardinale Bertone: non sempre si capisce bene ci che dice la Madonna e ci che dice Suor Lucia. Ci che diceva Lucia poteva non corrispondere del tutto al contenuto dei messaggi celesti. Cos ad esempio,

quando Lucia sosteneva che il segreto era contenuto nel capitolo ottavo dellApocalisse, probabile che questa fosse una sua personale idea. A partire perci da questa comunicazione dal Cielo, risalente a prima del 1967, Lucia avvert che i segreti rivelati a Fatima erano gi contenuti nel libro dellApocalisse. Resta in sospeso una domanda, che per non avr risposta. Nella Chiesa gi si conosceva questa interpretazione dellApocalisse che, lo ripetiamo, non presentata da alcun commentatore, studioso, o interprete?41 In altre parole, fu Lucia che spieg alle alte gerarchie della Chiesa Cattolica che il contenuto del segreto corrispondeva ad un passo preciso dellApocalisse, oppure una simile interpretazione era gi nota, e le parole della suora non fecero altro che confermare quanto gi si sapeva? Ci che certo, in questa storia, che Lucia conosceva la relazione fra il segreto di Fatima ed il libro dellApocalisse. IL CONTENUTO DEL TERZO SEGRETO DEVE COINCIDERE CON QUALCHE PASSO DELLAPOCALISSE Ma, allora, che cosa potrebbe significare il Terzo Segreto di Fatima? Per rendere linterpretazione pi facile, riprendiamo per un attimo la lettura che Umberto Eco fa del Terzo Segreto. Il testo di Lucia, sostiene il professore, allude a numerosi passi dellApocalisse ed i riferimenti da lui individuati paiono corrispondere tutti con una certa precisione. Tutti (forse), tranne (certamente) uno. Eco scrive che il passaggio nel testo in cui la suora dice di vedere vescovi e sacerdoti salire una montagna ripida preso da Apocalisse 6,12, laddove si dice che i potenti della Terra si nascondono tra le spelonche e i massi di un monte. proprio Apocalisse 6,12 il passo cui il segreto di Fatima potrebbe alludere? No.
41

Se non parzialmente nel libro da cui questa interpretazione dellApocalisse stata tratta.

E vediamo il perch. Umberto Eco ha letto forse un po superficialmente il passo dellApocalisse, o forse il Terzo Segreto di Fatima. Nel passo dellApocalisse Giovanni dice:
Quando lAgnello apr il sesto sigillo, vidi che vi fu un violento terremoto. Il sole divenne nero come sacco di crine, la luna divent tutta simile al sangue, le stelle del cielo si abbatterono sopra la terra, come quando un fico, sbattuto dalla bufera, lascia cadere i fichi immaturi. Il cielo si ritir come un volume che si arrotola e tutti i monti e le isole furono smossi dal loro posto. Allora i re della terra e i grandi, i capitani, i ricchi e i potenti, e infine ogni uomo, schiavo o libero, si nascosero tutti nelle caverne e fra le rupi dei monti; e dicevano ai monti e alle rupi: Cadete sopra di noi e nascondeteci dalla faccia di Colui che siede sul trono e dallira dellAgnello, perch venuto il gran giorno della loro ira, e chi vi pu resistere? (Apocalisse 6, 12-17).

questa la citazione che allorigine del passo del Terzo Segreto di Fatima? Nel testo si allude allapparizione dellAgnello ed alla fuga e nascondimento di ricchi, potenti, re della terra, capitani, liberi e schiavi dalla sua vista. Tutti, ma proprio tutti, si nascondono. Tutti si danno alla fuga e chiedono addirittura a monti e rupi di coprire il loro viso per non vedere il volto dellAgnello. La fuga generale, non di una sola classe sociale. Non sono solo i ricchi a fuggire n solo i potenti. Liberi e schiavi, anche loro fuggono dalla vista dellAgnello. Ed il testo di Giovanni aggiunge, a scanso di equivoci lespressione ogni uomo. Lo scenario descritto quello di unapparizione e di una fuga generale. Rileggiamo ora la parte del segreto di Fatima che vi alluderebbe:
Abbiamo visto un Vescovo vestito di Bianco: abbiamo avuto il presentimento che fosse il Santo Padre. Vari altri Vescovi, Sacerdoti, religiosi e religiose salire una montagna ripida, in cima alla quale cera una grande Croce di tronchi grezzi come se fosse di sughero con la corteccia; il Santo Padre, prima di arrivarvi, attravers una grande citt mezza in rovina e mezzo tremulo con passo vacillante, afflitto di dolore e di pena, pregava per le anime dei cadaveri che incontrava nel suo cammino; giunto alla cima del monte, prostrato in ginocchio ai piedi della grande Croce, venne ucciso da un gruppo di soldati che gli spararono vari colpi di arma da fuoco e frecce, e allo stesso modo morirono gli uni

dopo gli altri i Vescovi, Sacerdoti, religiosi e religiose e varie persone secolari, uomini e donne di varie classi e posizioni.

Non ci vuole molto ad afferrare la differenza formale e sostanziale fra i due testi. Nel primo compare misteriosamente lAgnello e tutti si danno alla fuga. Nel secondo si parla di una carneficina. La veggente, infatti, non solo descrive la morte di un uomo vestito di bianco, presumibilmente un papa. Alla morte violenta di questuomo Lucia associa quella di un gruppetto di vescovi, sacerdoti, religiosi e religiose, ed infine gente comune delle pi disparate classi e posizioni. Perci il tema trattato nel passo apocalittico menzionato da Eco differente dal brano del Terzo Segreto. Quei poveri disgraziati, martirizzati nella visione di Lucia, divengono dei volgari fuggitivi nellinterpretazione che ne d Eco. Evidentemente non quello il passo dellApocalisse cui fare riferimento. Non pu essere quello. Se effettivamente c, come ritiene Eco, un richiamo allApocalisse giovannea, quello non il passo in questione. Umberto Eco ha letto monte nel segreto, e allora, andando a cercare nellApocalisse di Giovanni, questo bravuomo ha fatto sosta presso il primo monte che ha trovato lungo la lettura, quello (o sarebbe meglio dire quelli) citato (citati) in Apocalisse 6. Ma oltre non andato. Se invece leggiamo un po tutto il libro di Giovanni, sulla base dellinterpretazione del testo che ne abbiamo tirato fuori dal commento allApocalisse prima citato,42 non ci vuole molto a concludere che il monte cui la veggente di Fatima potrebbe fare riferimento piuttosto quello descritto nel capitolo quattordicesimo dellApocalisse: Poi guardai ed ecco lAgnello ritto sul monte Sion e insieme centoquarantaquattromila persone che recavano scritto sulla fronte il suo nome e il nome del Padre suo (Ap 14,1). Che cosa rappresentano quelle immagini? Rappresentano una

42

Renato Ammannati, Rivelazione e Storia. Ermeneutica dell'Apocalisse, Transeuropa, Massa 2010

persecuzione.43 TRE SEGRETI, UN SOLO SEGRETO I segreti di Fatima, e soprattutto il terzo, hanno destato e continuano a destare curiosit fra i cattolici. Fatima un luogo venerato da loro, anche se, a quanto pare, meta di pellegrinaggio di persone appartenenti anche a fedi estranee al cristianesimo.44 Dopo la rivelazione del contenuto del Terzo Segreto, tutto doveva apparire pi chiaro di prima. Le gerarchie della Chiesa cattolica hanno reso pubblico il contenuto, abbozzato un criterio di lettura del testo ed un tentativo di interpretazione del segreto. Laffare Fatima poteva dirsi concluso. E invece sono pochi oggi quelli che credono che il segreto rivelato, lultimo sintende, appartenga ormai completamente al passato. Prima di entrare nel dettaglio, importante non leggere il Terzo Segreto come qualcosa di avulso dal resto della rivelazione mariana a Fatima. Infatti, in unintervista, padre Jos Dos Santos Valinho, nipote di suor Lucia, ha posto laccento su un aspetto che suona importante per la prosecuzione della nostra indagine sul Terzo Segreto di Fatima. Lintervista stata fatta per un programma andato in onda sulla Rete Tre della Televisione italiana, Enigma. Il frate ha ribadito nellintervista, riportata per iscritto da Marco Tosatti, quello che era stato confermato dalla stessa sua zia: Non ci sono tre segreti, c un unico segreto diviso in tre parti distinte, ma un unico segreto. E questa terza parte del segreto sta gi come insinuata nella prima e seconda parte. L si pu gi dedurre quello che viene di seguito.45
43

Come vedremo, la persecuzione cui il Terzo Segreto corrisponde ha il nellimmagine di Apocalisse 14 ma corrisponde alla persecuzione descritta in Apocalisse 13. 44 Cos sostiene Vittorio Messori, che spiega come non sia come indifferente musulmani 45 Marco Tosatti Franca Giansoldati, Apocalisse. La profezia di papa Wojtyla, Monferrato (AL), 2003, p. 97

suo modello letterario un preciso versetto di il numero di pellegrini Piemme Religio, Casale

Un unico segreto, non tre segreti. E la terza parte gi insinuata nelle prime due. Ma in che senso la prima gi insinuata nelle prime due? IL TERZO SEGRETO DI FATIMA: UN PAPA CHE MUORE? Torniamo cos da dove eravamo partiti, cio allintervista concessa dal filosofo Severino lindomani della divulgazione del Terzo Segreto di Fatima. Il segreto di Fatima? Mitologia destinata alla sconfitta? Roba fuori tempo? Avviciniamoci un po di pi al mistero contenuto nella terza parte del Segreto, e vediamo se possiamo dare della sezione storica dellintero Segreto, la seconda e terza parte, un inquadramento pi chiaro. Prima per di far questo, dobbiamo domandarci se effettivamente la terza parte del Segreto riguardi lattentato mancato a papa Giovanni Paolo II o meno. Nel corso degli anni che ci separano dalla sua divulgazione, non sono pi molti quelli convinti che il significato delle immagini in esso contenute faccia riferimento allattentato al pontefice polacco. Un papa che deve morire, secondo la profezia, ma che poi non morto nella realt dei fatti. Una mezza profezia? La Vergine avrebbe deviato la pallottola? E allora perch non rivelare attraverso Fatima quello che in realt sarebbe accaduto? La Vergine che sconfessa se stessa, rivelando prima che un papa sarebbe stato ucciso e poi, improvvisamente, nel momento dello sparo della pistola assassina, si prodiga per salvarlo? Un atto miracoloso che per ha smentito la profezia? E perch non rivelare, allora, che ci sarebbe stato un attentato e che Ella sarebbe miracolosamente intervenuta per strapparlo alla morte? E, dunque, poniamoci di nuovo la domanda fatale: la terza parte del segreto rivela lattentato a Giovanni Paolo II o no? La risposta no. La profezia parla di un papa ucciso e non di un papa ferito, seppure a morte.

Cominciamo quindi da questa prima risposta. La terza parte del segreto la rivelazione di un avvenimento drammatico non ancora accaduto. Ma allora perch rivelarlo e ostinarsi a sostenere la corrispondenza del suo contenuto con lattentato a papa Karol Wojtyla? Da un lato fu lo stesso papa polacco ad indirizzare linterpretazione in questa direzione, attraverso i suoi atti e le sue parole: subito dopo lattentato volle leggere (o rileggere)46 il contenuto della terza parte del segreto dopo. Poi, quando si rec a Fatima nel 2000, volle incastonare la pallottola sparata da Al Agca, il 13 maggio 1981 in piazza san Pietro, nella corona della statua della Vergine. Daltra parte, a suffragare lipotesi della coincidenza del contenuto del Terzo Segreto con lattentato a Giovanni Paolo II cera anche la data: 13 maggio 1981, lo stesso giorno in cui la Vergine era apparsa per la prima volta a Fatima (13 maggio 1917). A questo punto, per, mi si permetteranno due brevi seppur velenose riflessioni. Nonostante la coincidenza delle date, le differenze fra lattentato ed il testo del segreto non possono lasciare indifferenti. Nellattentato non morto nessuno e al papa non ha sparato un gruppo di persone in uniforme militare bens un solo individuo. Lunico dettaglio che pare collimare quello della citt in rovina. Lespressione potrebbe semplicemente lasciar intendere una citt antica, come daltra parte Roma, o potrebbe essere letta come una allegoria della Chiesa che, in questo modo, considerata dalla profezia di Fatima spiritualmente in rovina. Ma potrebbe benissimo rappresentare unaltra citt: Gerusalemme, ad esempio. Deve essere un altro fortuito caso quello che ha portato il pontefice Benedetto XVI a visitare Betlemme e Gerusalemme proprio il giorno 13 maggio 2009?

46

Rimane ancora aperta la questione della data esatta della venuta a conoscenza del segreto da parte del pontefice polacco. Esistono, infatti, due date differenti. Per lintera questione, ininfluente per gli scopi di questo libro, si rimanda alla lettura del libro di Antonio Socci su Fatima, gi citato, nelle pagine 26-27 e 146147

La seconda velenosa riflessione la strana coincidenza delle date: Karol Wojtyla stato ferito il 13 maggio, il giorno di Fatima. Ai pi apparsa una miracolosa coincidenza, il segno di una certa soprannaturalit dellavvenimento; a chi scrive, invece, sembrato il segno di qualcosa di troppo soprannaturale, al punto da apparire molto pi umano e diversamente spiegabile. Fatto incredibile, lattentato avvenuto proprio quel giorno, cio il giorno della prima apparizione di Fatima e, guarda caso, quel Terzo Segreto non ancora rivelato parlava proprio, neanche a farlo apposta, della morte violenta di un papa. Siccome a pensare male si fa peccato ma ci si azzecca spesso, come ebbe a dire un caro figlio di Santa Madre Chiesa, non escluso che il Terzo Segreto, rimasto segretato per tanto tempo ai pi, fosse in realt gi ben noto ai mandanti dellattentato, per vie pi o meno oscure.47 C tuttavia una seconda diversa considerazione da fare, pi complessa, che verte sullautenticit del contenuto del Terzo Segreto di Fatima e sulla sua attendibilit. Un documento pi facilmente considerato autentico se riconosciuto dallautore che lha scritto. In altre parole, se il Segreto fosse stato rivelato dopo la morte di Lucia, qualcuno avrebbe potuto avanzare il sospetto della non autenticit del documento. Invece, divulgato mentre Lucia vivente, nessuno ha osato metterne in dubbio lautenticit. Certo, si sono sollevate questioni intorno allo scritto, parso essere non esauriente, al punto che alle gerarchie cattoliche stato imputato di tener tuttora occultata parte del contenuto del Terzo Segreto e quindi della verit su Fatima. Lattentato a Karol Wojtyla stato da un certo punto di vista veramente provvidenziale, perch ha consentito di rivelare il segreto corredandolo di
47

Lo conosceva perfino lattentatore del papa (Carlo Palermo, Il papa nel mirino, Editori Riuniti, Roma 1998, pp. 106-107).

una verosimile di spiegazione. In questa maniera, tutta la tensione sprigionata dalla rivelazione della profezia stata assorbita dalla tesi che essa riguardasse lattentato al papa polacco. FATIMA E LA BESTIA Come gi ricordato in precedenza, il papa polacco aveva affermato che lumanit stava vivendo quanto raccontato nel dodicesimo capitolo dellApocalisse. Dallinterpretazione del testo di Giovanni, i passi che corrisponderebbero a questo periodo della storia sarebbero gli ultimi due versetti del dodicesimo capitolo, quelli nei quali Giovanni racconta che il diavolo and a far la guerra contro il resto dei figli della donna, quelli che conservano le norme di Dio e hanno la testimonianza di Ges (Apocalisse 12,17). Dallaffermazione del pontefice polacco sono passati poco pi di venti anni. Lumanit sta ancora vivendo quanto descritto nel dodicesimo capitolo dellApocalisse, oppure il nostro tempo corrisponde ad unaltra sezione dellenigmatico libro di Giovanni? E se non corrisponde pi a quel capitolo (o, meglio, ai versetti finali di quel capitolo), a quale altro capitolo potrebbe corrispondere? Uno, a rigor di logica, dovrebbe ragionare nella seguente maniera: se lumanit, ai tempi di Wojtyla stava vivendo quanto raccontato da Giovanni alla fine del dodicesimo capitolo, dallo stesso Wojtyla ha forse iniziato a vivere gli inizi del capitolo successivo, il tredicesimo. Dico forse, perch non detto che, morto un papa, si apra un altro capitolo. C poi unaltra questione. Se si leggono tutti i commenti di studiosi accreditati, si vede che il tredicesimo capitolo viene considerato come la descrizione di fatti accaduti durante il I secolo dopo Cristo. La bestia che esce dal mare simboleggia, secondo questa vulgata, lImpero romano. E,

quindi, sembra impossibile applicarla al presente. Qui per sta la novit. Come ho detto allinizio di questo libretto, mi capitata tra le mani uninterpretazione un po differente dellApocalisse. Questa interpretazione non identifica pi la bestia con lImpero romano ma con LOccidente. La persecuzione raccontata a met del dodicesimo capitolo si riferisce a quella serie di persecuzioni sopportate dai cristiani durante le fasi finali dellImpero romano. E, come abbiamo visto, proprio Wojtyla interpretava cos quei passi. In pi, sempre Wojtyla sosteneva che lumanit stesse vivendo, durante il suo pontificato, il dodicesimo capitolo dellApocalisse. Quindi, tutta la seconda met del dodicesimo capitolo racconta la storia della Chiesa dopo le persecuzioni di Roma contro i cristiani, mentre la fine del dodicesimo capitolo corrisponde alla fine del ventesimo secolo. Siccome questo un breve scritto, non perder tempo a fare tutto il ragionamento svolto da questo studioso circa linterpretazione del tredicesimo capitolo. Mi limiter a riprendere certi punti e spingermi pi in l di dove si spinto lui. La mia intenzione non interpretare lApocalisse. Il mio scopo rintracciare il significato del Terzo Segreto di Fatima. Se suor Lucia ha detto che occorreva leggere il tredicesimo capitolo dellApocalisse per scoprire il significato del segreto di Fatima, questo vuole dire che l dentro, da qualche parte, contenuta la spiegazione del Terzo Segreto. Ma dove? Dalla morte di papa Wojtyla non sono passati molti anni. Le cose a questo punto sono due. O stiamo vivendo ancora il dodicesimo capitolo, o siamo entrati in quello seguente. Leggendo il commento di questo studioso, saremmo entrati in quello seguente, e la bestia con le sue teste non rappresenta pi lImpero romano bens lOccidente. Ci significa che siamo ormai dentro il tredicesimo capitolo. E visto che non ci separano molti anni dalla morte di papa Wojtyla e che per siamo entrati in una nuova epoca

imperiale, viene da pensare che dovremmo stare vivendo quanto Giovanni racconta nei primi versi del tredicesimo capitolo. La bestia che sale dal mare simboleggia lapparizione di un nuovo impero, che non si piega davanti a nessuno48 come davanti a nessuno si era piegato il suo omologo romano secoli prima. Se le cose stanno in questi termini, il Terzo Segreto di Fatima potrebbe coincidere con quella misteriosa, estrema persecuzione intrapresa dalla bestia contro i santi di Dio: Alla bestia fu permesso di far guerra contro i santi e di vincerli (Apocalisse 13,7). Luomo vestito di bianco, i vescovi, i sacerdoti, i religiosi e le religiose e varie persone secolari, gli uomini e le donne di varie classi e posizioni di cui parla il Terzo Segreto di Fatima corrispondono ai santi di Apocalisse 13,7.49 Questa identificazione spiega anche una sibillina affermazione dellallora cardinal Ratzinger sullApocalisse di Giovanni. Intervistato, aveva detto che il libro di Giovanni rivela il corso circolare della storia, con orrori che si ripetono. Ma quali sono questi orrori? Leggendo linterpretazione dellApocalisse qui considerata, essi corrispondono ad una persecuzione simile a quella di cui rimase vittima anche lApostolo Pietro nel I secolo. La persecuzione che port alla morte Pietro descritta nel capitolo undicesimo dellApocalisse, dove la bestia sale dal mare e mette a morte i due testimoni (cio Pietro e Paolo e i rappresentanti della Chiesa di Roma Apocalisse 11,7). Di nuovo la bestia perseguita un nuovo Pietro in Apocalisse 13,7.

48

Marco Tosatti Franca Giansoldati, Apocalisse. La profezia di papa Wojtyla, Piemme Religio, Casale Monferrato (AL) 2003, p. 65 49 Naturalmente lApocalisse svela il mandante, non gli esecutori.