Anda di halaman 1dari 20

Gli auguri dei

casalini
PERIODICO
cittadini
D’INFORMAZIONE
CHE ESCE QUANDO DEVE
copia gratuita del mondo
ANNO VIII n. 08 NELL’INSERTO
DICEMBRE 2012

Leggi per legittima difesa


2013: il popolo

deve riconquistare

le “conoscenze”

che nel ventennio

berlusconiano sono
GlobeGlotter
state offuscate

dalla competizione,

dall’individualismo e
Auguro un prospero anno alla mia città, ad ogni singolo angolo, strada,
piazza, marciapiede e casa,che ancora oggi continuo a guardare dal mito degli uomini
con gli stessi occhi di speranza di quando ero bambina.
Happy new year
Annarita Maggio (Reading, Great Britain) della provvidenza.
anno VIII numero 8
DICEMBRE 2012

16 dicembre 2012 puoi leggere il bimestrale


cartaceo su:
www.ilpeperoncinorosso.it

Concerto dei Cori Polifonici nella Parrocchia Santo Stefano


organizzato in occasione del 29° Anniversario della EDITORE
GlobeGlotter

Traslazione dei resti mortali del Servo di Dio REGISTRAZIONE


Iscriz. Reg. Periodici

P. Giuseppe Maria Leone da Pompei a Trinitapoli. Tribunale di Foggia


n. 414
del 31/03/2006

DIRETTORE
RESPONSABILE
Nico Lorusso

VICE DIRETTORE
Antonietta D’Introno

SEGRETARIA
DI REDAZIONE
Veronica Tarantino

DIREZIONE REDAZIONE
via Staffa 4
76015 Trinitapoli BT
t. 0883 634071
www.ilpeperoncinorosso.it
info@ilpeperoncinorosso.it

STAMPA
Grafiche Del Negro
via Cairoli 35
76015 Trinitapoli BT
Il coro della Madonna di Loreto diretto dal maestro Daniele Argento. t. 0883 631097
delnegrolina@virgilio.it

DISTRIBUZIONE
Gigino Monopoli

TESTI DI:
Ignazio Binetti
Marcello Cirillo
Antonino D’Ambrosio
Valeria De Iudicibus
Antonietta D’Introno
Gianfranco Gorgoglione
Mariella Lupo
Annarita Maggio
Marianna Maggio
Grazia Mazzone
Ciro Montagano
Arcangelo Sannicandro
Anna Maria Tarantino

FOTO DI:
Francesco Mele
Michel
Autori vari

Questo numero
è stato chiuso in redazione
Don Stefano Sarcina ricorda Padre Leone. il 19 dicembre 2012
Bocciati in catechismo Pubblichiamo la lettera che il consigliere Donato Piccinino
ha inviato all’assessore Giustino Tedesco sull’argomento.
Respinta la mozione che riconosce la
“Essere nati in Italia è una condizione necessaria ma non sufficiente”
cittadinanza italiana a tutti i bambini nati in Italia (Assessore Giustino Tedesco, 6/11/2012, Aula Consiliare Trinitapoli)

ARCANGELO SANNICANDRO partners di maggioranza! Più Caro Giustino Tedesco,


schietta la posizione di Lu- mi permetto di scriverti questa lettera aperta dopo aver ascoltato la dichiarazione
crezia Filannino, Nicoletta che hai rilasciato in Consiglio Comunale per giustificare il tuo voto contrario
espinta in consiglio Ortix e Marta Patruno: vo- alla mozione che abbiamo proposto per sostenere i disegni di legge per il diritto

R comunale la mozione
presentata dai gruppi
di opposizione per chiedere
tiamo contro perché è una
proposta di sinistra (sic!).
Non si rendevano con-
di cittadinanza italiana a chi nasce in Italia.
Mi sto interrogando ancora su cosa dovrebbe portare in dote un bambino
che nasce tra noi perchè possa essere riconosciuto italiano. I bambini non hanno
al parlamento di approvare to, le pie donne, che il una dote, ma doti e capacità sì.
la legge di iniziativa popo- complimento andava este- Frequentando i nostri asili nido imparano a parlare, a disegnare, a fare i
lare che riconosce la citta- so anche a larga parte del bastoncini e i cerchi, colorano le mani, iniziano a camminare e poi a correre
dinanza italiana a tutti i mondo cattolico molto at- e ballare con la nostra musica. Poi a scuola leggono e scrivono sui nostri testi,
bambini nati in Italia. tivo tra gli immigrati. Con seguono ciclicamente anche le nostre feste, conoscono il nostro credo, giocano,
Una mozione sostenu- il consueto brutale cinismo festeggiano, socializzano tutti insieme. Da oggi poi impareranno anche l’inno
ta dall’impegno anche di l’assessore Giustino Tede- di Mameli in classe e poi magari faranno sport giocando per una maglia in un
numerose associazioni e sco dichiarava che essere oratorio o in una società sportiva, sognando un giorno (ma spero prima dei 18
movimenti di ispirazione nati in Italia è condizione anni) di diventare come Mario Balotelli o conquistare una medaglia alle
cattolica, impegnati nel necessaria ma non suffi- Olimpiadi per l’Italia (e chissà per l’Europa).
mondo dell’immigrazione ciente, i neonati dovevano Sono gli stessi bambini che acquistano le cose che compriamo noi, negli
(Migrantes, Caritas, Pax dare qualche prova in più. stessi negozi, che mangiano e cucinano i nostri prodotti nelle mense scolastiche,
Christi, ecc.). Pare che dopo il consi- che utilizzano i mezzi di trasporto pubblici come gli scuolabus, che frequentano
La mozione, diceva- glio questa religiosa com- luoghi pubblici, vanno al cinema la domenica pomeriggio, che leggono, scrivono,
mo, è stata respinta con i briccola si sia recata in parlano in italiano (e credo conoscono anche qualche altra lingua).
voti contrari del Pdl e la chiesa speranzosa di otte- Rientrando a casa ho trovato questo messaggio di Antonella che mi ha
non partecipazione al voto nere un riconoscente ap- scritto: “I confini sono linee sottili ma potenti; linee che, separando, uniscono;
dell’Udc. prezzamento dal parroco. linee definitore che spesso non riusciamo a vedere perché non risiedono nelle
Grave l’espressione di Si racconta che il parroco, cose, ma solo nei segni a matita dei cartografi e nei vomeri immaginari degli
voto ma soprattutto le moti- indignato, abbia invitato amministratori, e dalle quali tuttavia dipende il nostro senso di appartenenza
vazioni: l’Udc si dichiara quei sepolcri imbiancati ad a un luogo. A volte la penna è davvero più forte della spada, ma quand’anche
favorevole in linea di prin- uscire dalla chiesa e a tor- fosse stata la spada a decidere questi confini, quegli stati non sarebbero mai
cipio ma preferisce non par- narvi solo dopo aver supe- esistiti se non si fossero tracciati” (Mark Monmonier).
tecipare al voto per non irri- rato l’esame di catechismo. Ti conosco per il metodo che cerchi di darti in ogni cosa e la caparbietà.
tare la…sensibilità dei Mi aspettavo da te che sei, uno tra più anziani in Consiglio Comunale per età
e anni di consiliatura, una capacità di approccio alla questione che spingesse
i tanti giovani presenti (nascosti e pietrificati dietro ideologie e chiusure
strumentali) a lanciare un messaggio di civiltà, di democrazia, di integrazione
e accoglienza.
Così non è andata e, proprio da te, ho ascoltato una frase che mi ha raggelato:
“nascere in Italia è una condizione necessaria ma non sufficiente” senza
immaginare, forse, che questo modo di pensare ha provocato fenomeni pericolosi
che iniettati in una società creano divisioni, steccati, fossati.
Oltre mezzo milione di bambini e ragazzi, con genitori immigrati, sono
nati in Italia: è il 10% della popolazione scolastica. Sono i nuovi italiani, non
quelli che, secondo la tua idea, per esserlo devono “dimostrare” qualcosa, nè
quelli che ci “tolgono valori” ma che, anzi, arricchiscono la nostra cultura.
Negare questo diritto è un’assurdità, ha ragione Giorgio Napolitano quando
dice che i bambini figli di immigrati hanno questa aspirazione. Hanno questo
sogno, che è la parola più bella di tutte.
Quella sera stessa, per fortunata coincidenza, Barack Obama, un afroame-
ricano, di colore, è stato riconfermato Presidente. Perchè i sogni si possono
Natale nella Chiesa di Sant’Anna di Trinitapoli.
Foto del prof. Antonio Capodivento. realizzare.

Caro Giustino,
Il nostro se fossimo stati ancora dalla stessa parte, condividendo idee e scelte, mi sarei
preoccupato e non poco. Ma hai evitato, scegliendo un’altra strada, che mi
augurio per il 2013: trovassi in questo dubbio atroce e ti ringrazio per aver fatto chiarezza.
regalare belle parole Rispetterò sempre le tue convinzioni, ma permettimi di dire che la tua
esuberante voglia di distinguerti sempre non ti ha fatto guadagnare punti alla
e abbattere il muro dell’indifferenza voce: cultura democratica.
e delle finzioni. Da http://abbecedario.ilcannocchiale.it/
Signori del comune affacciatevi alle finestre
Il parcheggio di Piazza Santo Stefano era essenziale nel centro storico, in un luogo dove si affacciano
due Chiese, il Comune e il Comando dei Vigili Urbani solitamente molto frequentati
ANTONIETTA D’INTRONO

on è necessario atten-
Notizie in breve
N dere l’esito dei lavori
di sistemazione di
Piazza Santo Stefano per
• Contributo per i festeggiamenti di San Francesco
di Assisi in favore della Parrocchia di Cristo La-
voratore: Euro 900,00.
• Contributo per i festeggiamenti in onore di San
osservare quali conse-
guenze negative avrà Vincenzo de’ Paoli in favore del Volontariato
l’eliminazione del par- Vincenziano: Euro 605,00.
cheggio sul traffico e sulla • Contributo in favore dell’Associazione Nazionale
vita degli abitanti del Carabinieri per la Festa Virgo Fidelis di euro 200.
quartiere. È sufficiente • Euro 2.700,00 per l’acquisto di n.10 porta innaf-
affacciarsi oggi alle fine- fiatoi, di n. 10 innaffiatoi, n. 5 portabici e n. 15
stre del comune per leg- metri di rete metallica per il cimitero.
gere lo scenario futuro. E • Impegno di spesa di Euro 3.000,00 in favore
non ci riferiamo soltanto Macchine parcheggiate in piazza Umberto I. dell'AVS e dell’AVIS per l’organizzazione della
al disagio quotidiano che settima 7ª edizione della Sagra del Carciofo.
già sopportano coloro che di essere in ritardo al felice Meglio imbattersi - • Impegno di spesa di euro 4.000,00 per l’acquisto
si recano per una qualche o triste appuntamento. So- pensano i malcapitati- in di n. 300 sacchi di mangime per il canile.
ragione al municipio o prattutto i forestieri non un vigile urbano zelante • Euro 2.722,50 cent. per lavori di automazione
negli uffici della polizia immaginavano la Via Cru- che non affrontare l’ira de- del cancello di ingresso del servizio di nettezza
urbana. cis che li attendeva. gli abitanti delle viuzze cir- urbana di via Orno.
Tragicomica si pre- Ma si sa che alla natura costanti esasperati per la • Impegno di spesa di Euro 400,00 per la campagna
senta la situazione in oc- non si può opporre resi- quiete sempre più spesso di informazione sul servizio di raccolta rifiuti
casione di matrimoni e stenza ed infatti, ormai, ad turbata da rumori molesti “Porta a Porta”.
funerali che vedono sbu- onta di qualunque ordi- e dell’aria appestata dai
care da ogni lato coppie nanza sindacale, agli invi- gas di scarico delle auto-
trafelate per aver perso tati ai matrimoni non resta vetture. cando e fermatevi fin prendete le distanze da
tempo a conquistare un che riversarsi inesorabil- Signori del comune af- quando siete in tempo. Al- questo progetto sbagliato
posto per parcheggiare mente davanti alla Chiesa facciatevi alle finestre, os- meno una volta tanto, un della vecchia amministra-
l’autovettura, preoccupati Matrice. servate cosa state provo- segno di discontinuità, zione.

Il piano del dimensionamento scolastico a Trinitapoli


ANTONIETTA D’INTRONO della scuola. L’assessore
regionale Alba Sasso è sta-
ta invitata ad una pubblica
l problema non era dei e affollata assemblea per
I più semplici; la soluzio-
ne richiedeva capacità
di ascolto e senso di re-
esporre a docenti e fami-
glie le linee guida impartite
dalla regione Puglia e per
sponsabilità. Dividere e ac- ascoltare le opinioni di in-
corpare istituti scolastici segnanti e genitori.
lascia sempre dietro di sé L’amministrazione comu-
scie di polemiche e malu- nale, con un atto di buon
mori. Eccellente il compor- senso, ha deciso alla fine
tamento dei consiglieri di di ritornare sui suoi passi,
opposizione che, benché ha abbandonato il prece-
esclusi dal sindaco da ogni dente progetto e ha accet-
riunione pubblica e istitu- tato l’opinione delle oppo-
zionale per assumere deci- sizioni di creare a
sioni condivise, hanno Trinitapoli due istituti com-
scelto la strada di estendere prensivi. La decisione è
il campo delle informazio- stata assunta all’unanimità.
ni e dell’ascolto del mondo Da sinistra: il Cons. Reg. A. Sannicandro, l’Ass. Reg. A. Sasso, i Cons. Com. A.M. Tarantino e D. Piccinino.
A colloquio con il Preside Carmine Gissi
Coerentemente con le linee guida deliberate dalla Regione Puglia, anche a S. Ferdinando sono stati proposti 2
istituti comprensivi che accorpano scuola elementare e scuola media
ANTONIETTA D’INTRONO mensionata, l’allora re le scuole, senza che si Enti locali, cioè a sogget- ficoltà legate a differenti
Commissario prefettizio potesse ritornare sulle ti istituzionali che hanno soluzioni operative. La
decise di applicare la leg- decisioni ormai assunte. nella loro mission quella costituzione di Istituti
San Ferdinando ge senza alcun rinvio e La media regionale di assumere, nelle loro comprensivi, la vertica-
A c’era già stato un
primo ridimensio-
namento degli istituti
fu creato un comprensivo
di 1632 alunni.
stabilita in Puglia è di
900 alunni che, diviso
per la popolazione scola-
decisioni, un punto di vi-
sta generale, senza la
prevalenza di interessi
lizzazione dei curricoli,
la rideterminazione degli
spazi esistenti con la ri-
scolastici, vero? Che cosa è successo in stica, determina un tetto particolaristici. qualificazione
Sì, l’anno scorso a seguito alla creazione di 706 Istituzioni scola- dell’edilizia scolastica,
seguito di una sciagurata di questi mega- stiche, 4 in più di quelle Ritiene valida l’idea dei infine la indicazione di
legge dell’ultimo Gover- comprensivi? esistenti. “comprensivi”? organici funzionali dei
no Berlusconi, che senza Successivamente, a Sì. Gli Istituti com- docenti per ogni scuola
consultare il mondo della “ridimensionamento” av- A chi è affidata ora la prensivi, nel I ciclo di autonoma possono, se
scuola stabilì obbligato- venuto, una sentenza del- programmazione della istruzione, costituiscono sono ben chiari i benefici
riamente la formazione la Corte costituzionale rete scolastica? un luogo e un potenziale culturali e pedagogici,
di Istituti comprensivi ha sancito l’illegittimità Per fortuna e con laboratorio per diventare importanti le-
con una popolazione di di una parte di quella leg- lungimiranza, la pro- l’innovazione e la speri- ve per introdurre dal bas-
minimo 1000 alunni. A ge, attribuendo alle Re- grammazione della rete mentazione di nuove mo- so cambiamenti innova-
San Ferdinando di Pu- gioni la competenza a scolastica sul territorio è dalità di apprendimento, tivi nella scuola
glia, in presenza di una stabilire il “numero” di stata affidata dal legisla- anche se bisognerebbe pubblica.
Scuola Media sottodi- alunni per ridimensiona- tore, sin dal 1998, agli superare una serie di dif-

Colpito il Diritto allo Studio a Trinitapoli


La competenza in materia di assistenza scolastica spetta ai Comuni che devono garantire
il diritto allo studio con fondi del proprio bilancio
ANTONIETTA D’INTRONO essendoci stato alcun apparire superflua ai let- pio, è la dichiarazione In queste poche pa-
stanziamento statale la tori ma siamo costretti a della consigliera Nico- role risiedono la superfi-
Regione Puglia ha ripeterla perché sembra letta Ortix che ha adde- cialità del politico e lo
a gente deve parteci- ugualmente erogato, an- che i consiglieri di mag- bitato alla Regione Pu- scarso rispetto nei con-
L pare maggiormente
al governo della
propria città. La delega
che se ridotti, contributi
per libri di testo, borse
di studio, università,
gioranza non abbiamo
ben chiari i confini delle
competenze degli Enti
glia la responsabilità di
non aver fatto organizza-
re la festa di fine anno
fronti della cittadinanza
che dovrebbe credere a
queste bufale.
in bianco premia gli progetti “Diritti a Locali. della Scuola Elementare
improvvisatori e riduce scuola” (corsi di Italiano Rivelatrice, ad esem- “Coloriamo i cieli”.
lo spessore del dibattito e Matematica pomeri-
politico. Un esempio? Il diani), abbonamenti,
Piano del Diritto allo scuole materne private,
Studio che ogni anno si
approva alla fine di
novembre. L’abbat-
mensa e trasporto scola-
stico.
Il Comune di Trinita-
Piano del diritto allo studio 2013
timento di tutti gli poli ha tagliato per il Spesa prevista Contr. richiesto alla Regione
ostacoli che limitano il 2013 ottantamila euro
diritto all’istruzione nel nuovo piano di dirit- Servizio Mensa € 98.223,00 € 12.240,00
spetta esclusivamente to allo studio e di conse- Servizio di trasporto € 39.231,49 € 3.000,00
alle amministrazioni guenza, come si può
comunali. La regione leggere dal prospetto, il Interventi vari € 270,00 € 270,00
interviene soltanto con contributo regionale sarà Scuole dell’Infanzia
un contributo che ogni minore. paritarie senza fine di
anno varia a seconda Ribadiamo che
dell’entità dei tagli che “Contributo” non signi- lucro e degli Enti Locali € 9.295,78 € 4.452,00
vengono fatti dal go- fica copertura della spe-
verno centrale. sa prevista. Questa pre-
Quest’anno, pur non cisazione potrebbe TOTALE € 147.020,27 € 19.962,00
I pugliesi tutti in bici
La legge approvata dal consiglio regionale su “Interventi per favorire lo sviluppo della mobilità ciclistica” prevede la realizzazione
di piste, itinerari, cicloposteggi, illuminazione ecc. che garantiscano l’uso agevole della bici e la sicurezza del ciclista

L’ Italia è il Paese con


il maggior indice di
motorizzazione pri-
vata in Europa, con 62 ve-
tica verticale e orizzontale,
specializzata per il traffico
ciclistico; e di segnaletica
integrativa dedicata agli
icoli ogni 100 abitanti, ri- itinerari ciclabili. Ovvia-
spetto ad una media euro- mente, per l’illuminazione
pea del 46%. dei tracciati e dei percorsi
La Puglia, che comun- ciclabili, saranno adottate
que tanto ha fatto negli ul- prioritariamente fonti
timi sette anni in tema di energetiche rinnovabili e
mobilità ciclistica, era co- metodologie di risparmio
munque ancora in forte ri- energetico. Fra gli inter-
tardo nella promozione venti obbligatori per i
della mobilità in bicilcetta. Comuni, poi, ci sono la
Dal 4 dicembre scorso, costruzione di ciclopo-
però, la Puglia pedalerà al steggi attrezzati e centri
fianco delle capitali euro- per il deposito, il noleggio
pee verso i nuovi standard e la riparazione di bici-
della mobilità sostenibile. clette vicino ai centri in-
Grazie all’appro- Il ciclista Nichi Vendola in giro per Bari. termodali di trasporto
vazione, da parte del Con- pubblico e in strutture
siglio regionale, della legge pubbliche. Oltre alla de-
“Interventi per favorire pio (piste, itinerari, vie ci- a vari livelli, realizziamo Europa”. stinazione, per il posteggio
lo sviluppo della mobilità clabili, interventi di mode- una classificazione puntua- Non è un caso, infatti, delle biciclette, di una quo-
ciclistica”, ora in Puglia la razione del traffico), anche le delle diverse tipologie che la legge preveda, fra ta non inferiore al 10 per
bicicletta sarà un mezzo di attività di promozione, co- di infrastrutture ciclabili a l’altro, che tutti i progetti cento dei posti auto previ-
trasporto imprescindibile municazione e servizi ai disposizione dei Comuni, di opere stradali possano sti.
e il suo utilizzo sarà irrime- ciclisti e ai cicloturisti. e incentiviamo il lavoro anche ridurre le emissioni
diabilmente legato a quello Per l’Assessore regio- culturale per promuovere inquinanti nell’intero Paese Quarant’anni dopo la
dei mezzi pubblici su gom- nale alla Mobilità, Gugliel- l’utilizzo della bici negli o beneficiare di finanzia- “crisi energetica” non è che
ma e su ferro, sia nei con- mo Minervini, la Puglia spostamenti quotidiani. Sta menti pubblici erogati dalla il nostro Paese se la passi
testi cittadini sia in quelli “ha avvertito la necessità crescendo in Puglia la Regione solo se, in osse- molto meglio: la crisi (da
extraurbani: così potrà re- di mettere ordine in una quantità di persone che quio al Codice della Strada, sovrapproduzione) econo-
alizzarsi la cosiddetta inter- materia, quella della mobi- scelgono di muoversi in saranno dotati di adeguate mica ed il costo del petro-
modalità, ovvero l’uso del- lità ciclisitica, che negli bici e chiedono di farlo in infrastrutture ciclabili tali lio rendono oggi proibitivo
la bici legato al trasporto ultimi anni ha subito uno sicurezza. Dunque, questa da consentire il transito in persino l’utilizzo dell’auto-
collettivo. sviluppo tumultuoso. Con legge coglie lo spirito del bicicletta in condizioni di mobile e dunque ogni mi-
La legge prevede, oltre la legge - rileva - interve- tempo e prova a recuperare sicurezza. Alla sicurezza sura che possa farci eman-
alla programmazione e alla niamo su tre ambiti: pro- il ritardo enorme sulle in- dei ciclisti, infatti, è dedi- cipare dal suo utilizzo è la
realizzazione di infrastrut- viamo a organizzare gli frastrutture ciclabili che cata grande attenzione, con benvenuta.
ture ciclabili in senso am- strumenti di pianificazione paghiamo rispetto al nord la realizzazione di segnale-

Export Puglia, +8,3%. Vendola: “Un altro segnale di fiducia”


ubblicato il report Istat dell’anno scorso. La Puglia La percentuale di cre- commentato il Presidente l’innovazione. Le abbiamo
P sulle esportazioni del-
le regioni italiane. Do-
po i dati sul Pil e
fa meglio dell’Italia, che
cresce del 3,5%, del Mez-
zogiorno che incrementa
scita della Puglia, più del
doppio rispetto a quella ita-
liana, colpisce per la diffe-
Vendola - sono diventati
uno sbocco sempre più ac-
cessibile e sempre più
accompagnate con la no-
stra capacità di spesa dei
fondi strutturali. Così oggi
sull’occupazione la Puglia l’export del 6,5% mentre renza con l’Italia meridio- sfruttato dalle nostre im- la Puglia – ha concluso
registra un nuovo segnale nel Nord-centro l’aumento nale dove la crescita è solo prese, che si fanno apprez- Vendola - benché abbia
positivo. delle esportazioni si ferma dello 0,1%. È il segnale di zare perché hanno impara- una strada ancora lunga da
I dati evidenziano, an- al 3,1%. Ma il dato puglie- come la Puglia stia lottan- to ad innovare e così sono percorrere, nel panorama
cora una volta, la crescita se spicca ancora di più se do tenacemente ed effica- diventate sempre più com- italiano e del Mezzogiorno
dell’export pugliese con paragonato alla performan- cemente contro una delle petitive. Le abbiamo ac- riesce a raccontare una sto-
un +8,3% da gennaio a set- ce dell’Italia meridionale crisi più buie compagnate con le nostre ria differente: di forza, di
tembre del 2012, rispetto dove la crescita è solo dello dell’economia mondiale. iniziative all’estero e con resistenza, di lotta, di
allo stesso periodo 0,1%. “I mercati esteri – ha i nostri incentivi per fiducia”.
Le politiche attive per la disabilità in Puglia. Progetti e risultati
In occasione della Giornata internazionale dei diritti delle persone disabili (3 dicembre), l’Assessore regionale
al Welfare Elena Gentile ha fatto il punto della situazione delle politiche regionali in tema di disabilità
a Puglia ha attivato persone disabili negli ultimi lità – annuncia la Gentile -
L negli ultimi anni
molteplici linee di
azione volte a favorire la
4 anni, per realizzare 91
nuove strutture in totale, tra
strutture residenziali e semi-
abbiamo appena avviato il
Progetto Qualify-Care SLA
Puglia per rifinanziare gli
piena integrazione sociale residenziali. Di questi, 51,9 Assegni di cura per la Sla
delle persone disabili e dei milioni di euro (circa il con importanti novità, prima
loro nuclei familiari: 65,8%) sono stati assicurati tra tutte la dimensione eco-
cominciando nel 2006 da contributi finanziari re- nomica: si andrà da un mi-
con il Progetto “Sax B” gionali (Fondi propri e FE- nimo di 500 euro mensili ad
per favorire la connetti- SR 2007-2013). un massimo di 1.000 euro,
vità sociale delle persone Sul totale degli investi- in base alla gravità della ma-
disabili e delle associa- menti il 62% cioè 49,7 mi- lattia, e con una disponibilità
zioni che ne promuovono lioni di euro di investimento di circa 5 milioni di euro per
i diritti, sono destinati alla creazione i prossimi 18 mesi”.
• proseguendo nel 2007 di 40 nuove strutture resi- Ma quella degli assegni
con il Piano di Azione denziali, il 38% cioè 29,3 di cura per le persone affette
“Diritti in Rete” per so- milioni di euro sono desti- da Sla, non è l’unica novità
stenere progetti specifici nati alla creazione di 51 messa in campo
di integrazione sociale e nuove strutture semiresiden- dall’Assessorato al Welfare:
scolastica di ragazzi con ziali (o centri diurni). “Sono già pronte altre quat-
disabilità, Tuttavia la creazione di tro importanti misure in fa-
• il finanziamento di pro- strutture dedicate, sebbene vore delle persone con disa-
getti sperimentali per la rappresenti una vera e pro- bilità e i loro nuclei familiari:
realizzazione di strutture la disabilità e di una rete l'inclusione”. pria rivoluzione sociale e • 14 milioni di euro di fondi
residenziali “dopo di noi” di 5 centri per la domotica E la Puglia è andata pro- sociosanitaria per la nostra FESR per i buoni servizio
per le persone prive del sociale prio in questa direzione, con Regione, da sola non può di conciliazione per soste-
necessario supporto fami- • la realizzazione di 2 edi- azioni concrete che tentano rispondere alle esigenze dav- nere le famiglie per il pa-
liare (risorse ex l. n. zioni biennali di INNO- di fornire risposte alle esigen- vero multiformi e complesse gamento delle rette dei
162/1998) VABILIA dedicata ze spesso complesse delle delle persone disabili e delle centri diurni (Avviso pub-
• il finanziamento di infra- all’innovazione tecnologi- persone disabili e delle loro loro famiglie. “È così – con- blico per il catalogo
strutture sociali e sociosa- ca per la qualità della vita. famiglie e che vanno dalla tinua la Gentile – che abbia- dell’offerta entro dicem-
nitarie, tra cui RSSA per Sullo sfondo, una chiara creazione di strutture adegua- mo creato in Puglia, dal nord bre 2012) e 2 Meuro per
persone con disabilità, intenzione politica della te, capaci di curare e sostene- al sud, 44 Centri per la con- sostenere la spesa per i
centri socio educativi e Giunta regionale: re le persone disabili e le loro nettività per mettere a dispo- ricoveri di sollievo brevi
riabilitativi, case famiglie “conseguire – chiarisce la famiglie, ai contributi diretti sizione delle persone disabili • 10 milioni di euro di FNA
con servizi per Gentile – gli obiettivi della per contenere il carico di cu- e dei loro nuclei familiari (Fondo nazionale non au-
l’autonomia, case per la Convenzione delle Nazioni ra, all’informatizzazione, ai una strumentazione assistiva tosuffcienza) per i progetti
vita (risorse di cui Unite sui diritti delle perso- buoni servizi per sostenere (per una o più disabilità) e di vita indipendente per
all’Asse III – Linea 3.2 ne con disabilità che la no- l’accesso ai centri diurni, alla contenere il rischio di esclu- l’inclusione sociale (Av-
del PO FESR 2007- stra Puglia ha ratificato nel sperimentazione dei progetti sione sociale”. Ai temi viso pubblico entro di-
2013) marzo 2009, per eliminare di vita indipendente. dell’infrastrutturazione del cembre 2012)
• la creazione di una rete di la discriminazione e Sono stati oltre 79 mi- territorio e dell’informatiz- • il rifinanziamento
centri di connettività so- l'esclusione e creare una co- lioni di euro i fondi investiti zazione, si sommano anche dell’ADI con 22,6 milioni
ciale a sostegno delle as- munità che valorizzi le dif- in Puglia per la realizzazio- quelli dedicati più pretta- di euro di FNA per
sociazioni di famiglie per ferenze, la diversità e ne di strutture dedicate alle mente alla cura delle disabi- l’ultima annualità (2013)
lità, come gli Assegni di cura del II Piano Sociale di Zo-
(ne beneficiano 5mila perso- na

Giovedì 27 dicembre ore 18,00 ne in Puglia) e l’Assistenza


indiretta personalizzata (oltre
1.500 i beneficiari), con uno
• 600mila euro per finan-
ziare per la prima volta in
Puglia le emittenti televi-
presso la Saletta de “La Dolce Vita” in Viale I maggio sguardo particolare al tema sive che introducano la
della Sla a cui la Puglia ha LIS per i rispettivi pro-
incontro in musica, parole, giochi e… focacce già riservato degli interventi
finalizzati.
grammi di informazione
televisiva (Avviso pubbli-
di giovani e vecchi diversamente abili a cura dei proprietari “Dopo avere introdotto
tra le prime regioni in Italia
co entro dicembre 2012).
“Insomma – chiosa la
della pizzeria, dell’associazione “Compagni di Viaggio” l’Assegno di Cura per i ma-
lati di SLA nel febbraio
Gentile parafrasando lo slo-
gan della Giornata – un gior-
e del Centro di Lettura “GlobeGlotter” 2010, finanziato con circa
2 milioni di euro per annua-
no all’anno per celebrare ma
ogni giorno per fare!”.
SEL cura la sopravvivenza Aspettando il
dei suoi iscritti sequestro della foto!
ANTONIETTA D’INTRONO ANNA MARIA TARANTINO grafica del povero sig. Mi-
ninni e di provvedere im-
mediatamente a cancellare
EL a Trinitapoli è un n un consiglio comuna- la foto. Il vigile ubbidisce.
S partito vivo e vegeto
che, oltre ad essere un
nucleo di socializzazione di
I le di un paio di mesi fa
accadde qualcosa di
surreale: il signor Michele
Allo scorso consiglio co-
munale, sempre dal pubbli-
co, il sig. Nicola di Feo
vecchi compagni e di nuovi Mininni, dal pubblico, scatta una foto ai consiglie-
amici, di domenica diventa scatta una fotografia ai ri di opposizione ed in tem-
anche un centro di salute consiglieri comunali. Con po reale (19/11/2012 ore
pubblica. grande stupore di tutti il 22.00) la pubblica sul pro-
Il sig. Mauro Scisciolo sindaco si indigna filo Fb dell’Udc di Trinita-
indossa il camice bianco e all’improvvisio adducendo poli con i soliti commenti
misura la pressione san- motivazioni di privacy e di da trivio. Siamo ancora in
guigna a tutti coloro che lo mancanza di autorizzazio- attesa dell’indignazione del
richiedono. Spesso le file ne a scattare foto. Non con- sindaco e del sequestro del-
sono lunghe, ma il “vice tento il sindaco ordina al la foto da parte della Poli-
primario”, come l’hanno vigile urbano presente di zia Municipale.
ribattezzato i suoi amici, non prendere la macchina foto-
si spazientisce mai e, tra una
battuta e l’altra, riesce a Il "viceprimario" Mauro con un compagno paziente.
mettere in guardia i pazienti
con problemi di pressione.
È vero, nella sede di Sinistra
Ecologia e Libertà non si
del mondo, però, tra la let-
tura del quotidiano, il tele-
giornale e la partitina a sco-
pravvivenza degli iscritti.
Chi vuole approfittare della
competenza di Mauro, lo
Il Menu di Capodanno
utilizza l’intera giornata per pone, ci sono pure momenti faccia. È tutto gratis. di Gianni Landriscina
lottare contro le ingiustizie salutari per assicurare la so-

“Vita” e morte insieme,


gioiosamente al cimitero! Antipasti:
ANTONIETTA D’INTRONO prato il suo parco giochi. del cimitero. Corre come Baccalà in Pastella e Capitone Fritto
Alcuni l’hanno chiamata una saetta tra le tombe e si Carpaccio di Manzo con filangé
Betty, ma per questa viva- ferma di botto, cercando di Funghi Champignon in Salsa Citronette
hissà. Deve aver se- cissima cagnetta è prevalso di attirare l’attenzione dei
C guito il carro funebre
del suo amatissimo
padrone e poi il cimitero è
il nome “Vita”, dopo aver
osservato l’energia e la vi-
talità con cui si rotola alle-
visitatori che le riservano
carezze e coccole. “Vita”
ha partorito di recente 4
Primi Piatti:
Risotto alle Capesante e Rape Stufate
con Pomodorino Candito
diventato la sua casa e il gramente sul prato verde cuccioli che sono stati Panciotti di Melanzane e Scamorza su vellutata
adottati senza grandi diffi- di Pomodoro e Pesto di Rucola
coltà da alcune signore,
intenerite dal loro sguardo Secondi Piatti:
pieno di fiducia nel genere Gamberoni in Crosta di Filetto di Orata al vapore
umano. Bisognerebbe vac- su Crema di Carciofi
cinarla e sterilizzarla per Zampone al vapore con Zuppa di Lenticchie
evitare che altre nascite
possano complicare la per- Dessert:
manenza in un luogo sacro. Semifreddo al Torroncino su Crema di Cacao
Ne è informato il vice Dolci tipici natalizi (calzoncelli, cartellate,
sindaco Andrea Minervino, sfogliatelle e mostoccioli)
che si è impegnato a dare a
Vita lo status di cane di Vini:
quartiere pulito, nutrito, vac- Malvasia - Negroamaro - Prosecco - Spumante
Vita, la simpatica cagnetta del cimitero. cinato e sterilizzato.
Gli auguri dei casalini cittadini del mondo
ANTONIETTA D’INTRONO alle persecuzioni fasciste, per continuare in marzo
con l’annuale approfondimento sulla condizione
femminile, in aprile con una delle ultime interviste

A
bbiamo avuto l’occasione di intervistare il del giornalista casalino Salvatore Giannella al
dott. Antonino D’ambrosio durante una sua poeta Tonino Guerra, morto nella scorsa primavera;
breve visita a Trinitapoli e le sue riflessioni per proseguire, poi, in giugno con le “idee in
ci hanno spinto a chiedere ai casalini che vivono fermento” del trentenne Michele Cognetti, corag-
altrove di inviare un pensiero augurale ai loro gioso fondatore del primo birrificio trinitapolese,
compaesani poiché da lontano si riescono a guardare in agosto con la scoperta del 13enne Samuel
luoghi e persone con la lucidità positiva del distacco. Labianca, il “divoratore di libri” più giovane di
Per esigenze di spazio, abbiamo privilegiato Trinitapoli, in settembre con l’allagamento del
gli scritti dei più giovani, riservandoci di pubblicare quartiere della Madonna di Loreto dopo il violento
in seguito la miriade di “pezzi” pervenutaci da nubifragio del 4 settembre 2012 e l’intasamento
quei casalini che di giovane hanno ancora la del canale di impluvio chiamato in dialetto “u
freschezza dei loro ricordi. La versione online de f’nnàun”, in novembre con il preannuncio delle
Il Peperoncino Rosso ha una gran quantità di elezioni primarie del centrosinistra che hanno
lettori che risiedono nel nord d’Italia o all’estero. avuto luogo il 25 novembre e che hanno registrato
È per questo che la redazione ha scelto di a Trinitapoli una delle percentuali più alte della
riproporre nell’inserto le foto e i titoli delle prime Puglia per il governatore Nichi Vendola.
pagine che rappresentano la sintesi sociale e storica Per finire in dicembre con l’albero di libri da
di una serie di eventi e di personaggi del “Casale”. prima pagina del centro di Lettura Globeglotter e
Il 2012 de Il Peperoncino Rosso incomincia con l’augurio per il 2013 di “leggere per legittima
Foto: sopra, Via Cairoli anni ’50, con la lezione di storia agli studenti del Liceo difesa”, come ha suggerito Woody Allen.
sotto, Via Cairoli dicembre 2012 (Foto Michel). Staffa del Prof. Marco Maestro, ebreo scampato
II

inserto dicembre 2012 Chiariamoci le idee!

NELL’INSERTO

Auguri da
Antonino D’Ambrosio, Roma Il fascismo perseguitò ed eliminò i “diversi”: omosessuali, zingari,
e non avessi legami poste. mia e la premitura delle testimoni di Geova, ebrei e tutti gli oppositori politici del regime

S di lavoro, verresti a
vivere a Trinitapoli? Quando torni in vacan-
olive sarebbero in grado
di generare una nuova

Foto: Walter Donatello


Penso che Trinitapoli za, noti qualche cambia- economia ed attirare un
potrà essere l'approdo na- mento in merito turismo diverso da quello
turale per un'altra stagio- all’assetto urbanistico, a cui siamo abituati.
ne della mia vita nella ai servizi pubblici, co-
quale potrò mettere al stumi e abitudini? Che cosa cambieresti tu,
servizio della nostra co- Il paese é cambiato e invece, alla luce della
munità ciò che ho avuto migliorato sotto il profilo tua esperienza di vita
la fortuna di imparare al- dei servizi e della vivibi- vissuta in altri contesti
trove. lità. Penso che ci sia mol- culturali?
In questo momento i to da fare per quello che Lascerei che giovani
legami familia- riguarda la valorizzazione capaci e promettenti,e ce
ri/lavorativi sono tali da delle risorse più impor- ne sono tanti, dessero vita
non poter neanche ipotiz- tanti che abbiamo: museo, ad un vasto movimento
zare un trasferimento in parco archeologico, zona civico in grado di fare
un luogo diverso da Ro- umida, ecc.. tesoro di quanto di positi- tali per guardare con fidu- vo anno?
ma. Lo sviluppo concre- vo viene dal passato e di cia al futuro. Spero che il prossimo
Il Casale é un luogo to di concetti come quello voltare pagina verso un anno porti nuove iniziati-
di fuga e di riflessione. È dell'albergo diffuso e la futuro. Idee e fantasia, in- Il più bel augurio che ve, turismo culturale e la
un luogo dell'anima che valorizzazione di momen- novazione e gioco di faresti al tuo ‘‘paese valorizzazione della no-
sfugge alle categorie im- ti topici come la vendem- squadra sono fondamen- dell’anima’’ per il nuo- stra ospitalità.

Auguri da Annarita Maggio, Great Britain


uon Anno a te che mi di tornare. Ai vecchi e buoni con-
B conosci e anche a te
che non mi conosci,
ma condividi le mie stesse
A chi sogna di poterci
rimanere.
E a chi come me, ne
sigli dietro ogni nuova idea.
Alle rinuncie e ai sa-
crifici di un anno intero
radici. porta il ricordo con sè, ormai passato.
Buon Anno a voi nuo- ovunque vada. Auguro un prospero
vi e “vecchi” artisti di A tutti quelli che pren- anno a questa Cittadina e Ricominciamo dalle donne e dalla loro energia vitale e creativa.
sempre. dono altre “vie”. ad ogni singolo angolo, Tra silenzi e grida, sottomissione e ribellione, sono sempre
Un augurio ai lavori A coloro che stanno strada, piazza, marciapie- state nel mondo le protagoniste più battagliere dei cambiamenti.
in corso e ai progetti che ancora aspettando e a chi de e casa, che ancora oggi
verranno. ha deciso che e’ giunta continuo a guardare con
Felice 2013 a chi ha l’ora di cambiare. gli stessi occhi di speranza
scelto di partire e a chi Alle belle promesse e di quando ero bambina.
invece non ha il permesso ai fatti.

Auguri da Marcello Cirillo, Roma


l mio augurio per Trini- fortuna di ascoltare. È la che dalla città?”
I tapoli lo rivolgo in par-
ticolare ai giovani, una
categoria sempre troppo
risposta che lo scrittore
Andrea Camilleri ha dato
ad una ragazza che in un
Camilleri ha rispo-
sto:”Affacciarsi alla vita
non significa nascere in
associata ai termini dibattito pubblico gli ha un particolare luogo, bensì
“precarietà” e chiesto: “Quali sono se- avere coscienza di
“disoccupazione”. condo lei i vantaggi e gli un’appartenenza e di una ria. so trampolinondi lancio.
Lo faccio riportando svantaggi per un giovane volontà del fare, e la vo- La periferia può essere È quello che si muove
un bel messaggio che lo che si affaccia alla vita lontà del fare è uguale tan- o il luogo dove affondi o dentro che ci sposta”.
scorso marzo ho avuto la dalla periferia piuttosto to al centro che in perife- il luogo di un meraviglio-
III

inserto dicembre 2012


Chiariamoci le idee!

Auguri da Mariella Lupo, Brescia


Il giornalista Salvatore Giannella regala a Trinitapoli
i auguro che Trinita- si usa” e “qui è giusto”. la voce”bombastica” inte-
uno scritto inedito di Tonino Guerra, da lui raccolto durante
un viaggio in Puglia con il poeta scomparso di recente. M poli diventi sempre
più viva cultural-
mente. Anche durante la
Mi auguro di sentire
sempre più nomi di giovani
che hanno fatto carriera,
riore che ti porta ad affron-
tare il buio.
Mi auguro che Trinita-
festa della matricola sareb- perché a Trinitapoli ci sono poli creda di più nei sogni,
be bello poter assistere a molte “menti vivaci”. non nei castelli in aria, ma
dibattiti e presentazioni di Spero di vedere meno nei progetti realizzabili, per-
libri e film letti e visti da gente infelice e che si la- ché nelle potenzialità del
studenti. menti solo per il gusto di singolo si vede veramente
Mi auguro che Trinita- lamentarsi, perché alla fine che sei tu, con mattoni, spor-
poli percepisca di essere un non ha semplicemente il candoti viso e mani, che co-
punto nell’universo e che coraggio di cambiare vita. struisci qualcosa di nuovo.
quello che pensa è certamen- Tutti, se vogliamo, possia- Auguri a tutti i casalini
te importante ma non è altro mo ripartire da zero e co- ed in particolare a tutte le
che uno dei miliardi di pen- struire: bisogna solo cre- persone che usano sempre
sieri possibili. Che il “si usa” derci. L’ignoto spaventa la testa e il cuore ben
o “è giusto” diventi un “qui chiunque, ma è la passione, “scecherati”.

Auguri da Marianna Maggio, Great Britain Intervista a Michele Cognetti


uguri Trinitapoli! schera bella non puo’ esse- finche tu possa essere
A Auguri Trinitapoli…
affinché ti sia rimossa
quella maschera che a
re indossata solo nei giorni
di festa! Dimostra che hai
sempre un sorriso ed un
capace di parlare alla
gente, a chi “ti vive” e a
chi viene da altre terre,
NELL’INSERTO

volte ti fa sembrare brutta abbraccio per chi ti rispetta non dimenticando mai di
agli occhi di chi non ti e non vive di frasi di circo- appartenere a TE! E Tu
conosce veramente! stanza! Trinitapoli non dimenti- La storia del biologo Michele Cognetti: dopo anni di formazione
Auguri perché la ma- Auguri Trinitapoli af- care mai che tutti noi TI in Italia e all’estero, oggi è il primo birraio di Trinitapoli.
apparteniamo!
Che lo sguardo di chi
non è con te ogni giorno
possa uguagliare quello di
chi ha la fortuna di guar-
A cura di
Luigi Panzuto
darti, di sentire la prote-
zione della propria fami-
NELL’INSERTO glia ogni singolo giorno!
Vorrei augurarti anche
di essere pulita…Gre-
Foto: F. Mele

en!...Insegna a tutti noi


quanto la tua bellezza
Samuel Labianca, possa dipendere anche dal
nostro comportamento e
12 anni, “divora” libri che una bottiglia di vetro
da quando ha imparato si ricicla anche quando
devi caricartela per rag- Michele Cognetti nel suo piccolo Birrificio, sorride con il malto tra le mani.

a leggere. Tra i capitoli giungere il cassonetto


di “Guerra e pace”, le messo a disposizione ap- sente nelle strade la dome- rare con te! Auguraci an-
positamente per riciclarla! nica mattina:significa che che tu qualcosa per il no-
note della sua chitarra, Ti auguro di avere siamo tutti ancora in grado stro 2013!
i giochi con i suoi l’estate calda che sogno di gustarti! Auguraci di non vergo-
ogni volta che vengo a Perchè dovrei augurar- gnarci mai delle nostre ori-
coetanei e lo studio trovarti e abbondanti e ti di cambiare? Vorrei solo gini, di non nascondere chi
trova anche il tempo necessarie piogge affinchè augurarti di essere sempre siamo, di non rinnegare le
la tua terra possa nutrirsi migliore. Tu sei così da nostre parole e la nostra
di scrivere testi e donarci il colore degli sempre e cambiarti non ti voce.
autobiografici di ulivi che ci invidiano in renderebbe giustizia! Tu Augurami di far parte
tutto il mondo! sei sempre stato “Il Casale” sempre del tuo mondo ed
grande efficacia Ti auguro sempre di e noi con te “I Casalini”. io ti auguro sempre di far
stilistica e lessicale. avere quel profumo di Migliora Trinitapoli! parte del mio!
“brasciole al sugo” che si Chiedi a tutti noi di miglio-
IV

inserto dicembre 2012

Auguri da
LibriAmo
Ciro Montagano, Great Britain
Duemiladodici
obert Frost compose propria famiglia. Mettendo doveri, dandogli la forza

ANNO VIII n. 06
SETTEMBRE 2012
Leggi come mangi

NELL’INSERTO
R questa poesia durante
l’inverno del ’22,
mentre si trovava nel New
da parte la sua coscienza e
le sue responsabilitá, Frost
affascinato dal paesaggio
di ritornare a casa.
In questo periodo cosí
difficile per molte persone,
Hampshire ed era di ritorno che lo circondava, lasció mi auguro che il Natale
da un mercato. In quel pe- andare il suo inconscio li- diventi un momento per
È solo ...un barcamenarsi riodo l’autore aveva gravi
problemi economici e pro-
bero per il bosco, metafora
dell’uomo che perde ogni
prendere coscienza ed es-
sere felici di quello che
Non Rinasce ancora nulla. Mentre scompaiono, prio tornando da questo speranza e si abbandona abbiamo piuttosto che la-
viaggio fu sopraffatto dallo alla depressione. Ma il suo sciarsi andare alla malinco-
giorno dopo giorno, le realizzazioni di un grande sconforto per non essere cavallo, simbolo della co- nia per i problemi che ci
riuscito neanche a compra- scienza, lo riportó alla re- affliggono.
passato che aveva visto nascere piazze, musei, re i regali di Natale per la altá della sua vita e dei suoi
scuole, interi quartieri e verde pubblico.
Fermarsi nel bosco in una notte innevata
Penso di sapere a chi appartenga questo bosco,
ma lui vive nel villaggio.
E non mi vedrà fermarmi qui
mentre guardo i suoi boschi riempirsi di neve.

Il mio giovane cavallo deve pensare che sia strano


stare qui, senza una fattoria vicino,
tra i boschi e il lago ghiacciato,
nella sera più fosca dell’anno
Scuote i sonagli delle sue briglie
per domandarmi se ci siamo persi.
Mentre l’unico altro suono che si sente é il soffio
leggero del vento e dei soffici fiocchi.
Incantevole é il bosco, scuro e intenso,
Ma ho promesse da mantenere,
e miglia da fare prima di riposare,
Il popolo è stanco di come vanno le cose in Italia? Si scelga, allora, e miglia da fare prima di riposare.
il candidato di sinistra che ha il coraggio di andare controcorrente

Un anno
di belle
parole
Foto F. Mele

La redazione de
Il Peperoncino
Rosso
Era forte come il ferro Che si aspetta:
La vita semplice e laboriosa di mastro
Michele, un artista del ferro
il prossimo nubifragio?
GRAZIA MAZZONE hanno trasformato la mate-
ria grezza e informe quale
il ferro in un’arte di bellez-
d un anno dall’im- za e creatività.
A provvisa scomparsa
di mio padre, vorrei
rendergli omaggio ricor-
Molti compaesani han-
no potuto apprezzare i suoi
lavori: balconi, cancelli, let-
dando a tutti la passione ti, tavoli, sedie ed utensili
per il suo lavoro. È stato vari per gli agricoltori trini-
un uomo che ha rappresen- tapolesi e dei paesi circo-
tato la grande tradizione stanti. Ha continuato a la-
dei fabbri ferrai. vorare anche quando la sua
Alla giovane età di 8 salute era diventata malfer-
anni, incominciò a lavorare ma, perché la sua profonda
nella bottega di Savino passione per il lavoro che
4 settembre 2012. Via XX Settembre allagata. (Foto F. Mele).
Sarcina, situata alle spalle svolgeva gli dava la forza
del Supercinema. Il rumore per andare avanti. Spesso
inequivocabile del martello noi figli lo paragonavamo ANTONIETTA D’INTRONO prossima piena mentre nes- efficienza sia il canale di
sull’incudine, credo che sia al ferro, essendo forte, resi- suna iniziativa registriamo Via Porta Pia che il così
rimasto nella memoria di stente, a volte intrattabile, da parte della civica ammi- detto canale dei 5 metri.
tutti coloro che sono affa-
scinati dall’arte del ferro
battuto. Il colore ardente
del fuoco e la grande abili-
ma era così…
Tutti noi familiari lo
ricordiamo con affetto:
moglie, figli, generi e ni-
S ono trascorsi già 3
mesi dal nubifragio
che ha allagato strade
e negozi provocando danni
nistrazione.
Eppure è di tutta evi-
denza che le acque torren-
ziali avranno ulteriormente
Molti cittadini, soprat-
tutto delle vie più esposte,
ci hanno fatto sapere che
condividono i nostri sugge-
tà della sua mano esperta, poti. e disagi soprattutto su Via intasato la cloaca di Via rimenti e che attendono un
XX Settembre, Corso Ga- XX Settembre con detriti qualche intervento della
ribaldi e Via Cavour. e rifiuti. Abbiamo già se- civica amministrazione.
I cittadini hanno pulito gnalato da queste colonne L’inverno è ormai arrivato
le loro case, alcuni in vista che è possibile fronteggiare e bisogna muoversi per
delle prossime piogge si le conseguenze dannose tempo prima della prossi-
stanno attrezzando per anche delle piogge più ab- ma alluvione.
fronteggiare al meglio la bondanti mantenendo in

Primarie del centrosinistra


IN PUGLIA A TRINITAPOLI
Bersani 61.106 39,3% Vendola 617
Vendola 58.061 37,4% Bersani 177
Renzi 31.276 20,1% Tabacci 140
Tabacci 3.357 2,2% Renzi 100
Puppato 1.557 1,0% Puppato 4

Ballottagio - Bersani 71,4% - Renzi 28,6%


IN PUGLIA A TRINITAPOLI
Bersani voti 87.513 Bersani 495
Renzi voti 35.096 Renzi 158

Il fabbro Michele Mazzone. Ilaria Poletti e Sergio Storelli, due dei giovani volontari scrutatori delle Primarie.
L’idea era di mettersi in… viaggio
I giovani Marco e Claudia organizzeranno viaggi e laboratori di artiterapie per le persone disabili
nel centro ricreativo che stanno aprendo in Via Martiri di Via Fani, accanto al bar Millennium
tra chiunque. Conosco una centro ricreativo dove sa-
persona che non lascereb- ranno attivati vari labora-
be il suo posto in bibliote- tori (manipolativi, teatrali,
ca nemmeno per il pranzo, di pittura, di musica, di
bloccata dalla timidezza. lettura) in diverse ore della
Ho un’amica che sente la giornata, in modo tale da
necessità di mantenere lo poter far scegliere
stesso identico posto in all’utente sia l’area
macchina o a tavola. d’interesse sia il momento
Ognuno di noi ha dei limi- in cui poter frequentare il
ti, più o meno gravi disa- laboratorio. “Compagni
bilità che ci condizionano di viaggio” porta nella no-
l’esistenza. Ma non è la stra realtà qualcosa che
diversità dell’altro la vera prima non c’era. Saranno
ricchezza? organizzate escursioni per
Alla luce di tutto que- riscoprire quei piccoli te-
sto, Claudia e Marco han- sori presenti nel nostro ter-
no compiuto ancora una ritorio. Ci si recherà a te-
scelta: dare vita ad atro, al cinema, nei musei
un’associazione. e ci saranno colonie mari-
Dopo aver letto il ban- ne per il periodo estivo.
do di Principi attivi 2012, Marco sottolinea:
e con la partecipazione di “Naturalmente il centro
un terzo socio, Vincenzo sarà aperto a tutti, non solo
Cervone, è nata l’idea di a persone con disabilità.
“Compagni di viaggio”. Crediamo fortemente nel
A vent’anni il cassetto concetto d’integrazione”.
Claudia Bizzocca e Marco Di Gilio e il loro mondo … di speranza. trabocca dei sogni che “Compagni di
quotidianamente vi met- viaggio” spera infatti di
VALERIA DE IUDICIBUS niente di speciale. Perché su 24 per quindici giorni tiamo. Con il passare del “contagiare” quante più
qualcuno dovrebbe fer- ragazzi con disabilit?, per- tempo, qualche sogno vie- persone possibili.
marsi a prendere un caffè mettendogli di godere a ne dimenticato e qualcun Ciò che maggiormen-
arco grosse con loro e interessarsi a pieno quei giorni di vacan- altro sopravvive. Magari te mi ha stupito è stata la
“M scarpe e poca
carne, Marco
cuore in allarme. Con sua
quello che hanno da dire?
Perché Claudia e Marco
hanno fatto una scelta.
za. Una bella prova, spe-
cialmente per chi, come
Marco, ha sempre pratica-
cambia forma, si modella
e cresce con noi.
In principio c’era
determinazione dei due
ideatori. Indipendente-
mente dall’esito del ban-
madre, una sorella, poca Tante scelte, in realtà. to forme diverse di volon- Marco con la passione per do, il progetto sta magica-
vita. Sempre quella. Se Quella di restare, prima tariato. i viaggi e l’idea di poter mente prendendo forma.
chiude gli occhi lui lo sa, fra tutte. E lo sappiamo L’esperienza con il viaggiare per lavorare e È meraviglioso vedere co-
lupo di periferia, Marco bene, qui non ci rimane Dinsi Une Man, lavorare per viaggiare. me una semplice idea si
col branco. Marco che più nessuno. E poi quella un’associazione di volon- Con in mente l’immagine sia trasformata, in poco
vorrebbe andar via.” di soffermarsi su una delle tariato di Tolmezzo (UD) del missionario nei posti tempo, in un posto. E co-
Da quando mi sono risorse più importanti che ha segnato in modo pro- dimenticati da Dio. E me, di conseguenza, un
messa in testa di scrivere abbiamo: le persone. Le fondo la vita di queste due c’era Claudia, per anni a posto qualunque sia diven-
questo articolo, mi ritrovo persone sono come le persone. Claudia mi ha ri- contatto con i malati di tato il posto. E il resto…
spesso a canticchiare que- piante, come il mare, biso- ferito: “Siamo arrivati a Alzheimer, che sognava il resto lo faranno le per-
sta canzone. L’avrete rico- gna nutrirle, bisogna aver- Bibione pensando di do- di lavorare a contatto con sone. Ovvero chiunque
nosciuta. È “Anna e ne cura. Bisogna che viva- ver aiutare qualcuno e sia- la gente, che ha scelto il vorrà “abitare” questo po-
Marco” di Dalla. no in condizioni ottimali mo tornati con la convin- settore sociale e sperava sto, portarci del proprio.
In questa vicenda un perché diano il meglio di zione di essere stati aiutati di vivere in un apparta- Chi sceglierà non solo di
Marco c’è, lei però è Clau- sé. noi per primi. Abbiamo mento per conto suo dedicarsi all’altro ma di
dia. Lui laureato in econo- Lo hanno provato sul- trovato degli amici”. (…senza l’incubo di arri- entrare in contatto con
mia, con indirizzo in la loro pelle, quest’estate. Credo sia profonda- vare a fine mese). l’altro, “scambiare” la pro-
Scienze Turistiche. Lei in Un giorno Claudia ha mente sbagliato partire dal Ora ci sono Marco e pria pelle con la sua.
Operatore dei Servizi So- chiamato Marco e gli ha presupposto che non ci si- Claudia, che dividono un “Ma dimmi tu dove
ciali, appartenente alla fa- chiesto: “Hai da fare le ano differenze tra chi è progetto e una speranza. sarò, dov’è la strada per
coltà di Scienze Politiche. prime due settimane di affetto e chi non è affetto “Compagni di le stelle? Mentre parlano,
Claudia Bizzoca e agosto?”. E così sono par- da una disabilità. Le diffe- viaggio” si occuperà di si guardano e si scam-
Marco Di Gilio, a vederli, titi. Sono andati a Bibione renze ci sono eccome. turismo e tempo libero per biano la pelle”.
distrattamente, non hanno (VE) per assistere 24 ore Esattamente come ci sono le persone disabili. Un
ProVocazione
Rassegna teatrale del 2013 promossa dal Centro di Lettura GlobeGlotter. Gli spettacoli si svolgeranno
nella sede di LibriAmo, tranne che per il primo, dedicato alla Shoà, che si terrà nell’Auditorium dell’Assunta

obbiamo attraversare teva continuare soltanto a mici che diventano politici allora silenzio: si spenga- briAmo in Via Cairoli, 23
D il guado di un diffici-
le 2013.
Come fare per rendere
coltivare emozioni. È ne-
cessario ridere, commuo-
versi ma anche pensare.
e dai politici che raccon-
tano barzellette.
Il teatro torna alla sua
no le luci e i telefonini.
La nostra vita va in
scena.
a Trinitapoli, tranne che
per il primo, dedicato alla
Shoà. Per la rassegna è
questo viaggio meno acci- Ognuno è chiamato a fare funzione primaria che è obbligatoria la tessera so-
dentato? Andiamo a teatro. la sua “parte” in questo quella di informare e di Gli spettacoli si ter- cio GlobeGlotter 2013.
Quest’anno non si po- mondo sconvolto dai co- creare consapevolezza. E ranno nella sede di Li-

27 gennaio Shemà – ascolta! La parola 22 febbraio Ab-uli-via, canto di un pen- 15 marzo Antigon…ing, tragicommedia
e la memoria nella Shoà (il Carro dei Comici siero non potato (il Carro dei Comici di per assetati di giustizia (Fattoria degli artisti
di Molfetta con il maestro Mastropirro e la Molfetta) di Barletta e Il Teatro degli Adriani di Bitonto)
compagnia giovanile Equilibrio Dinamico di
Fasano - testimonianza in forma teatrale delle
vite di Primo Levi e Anna Frank). Lo spet-
tacolo si terrà eccezionalmente
nell’Auditorium dell’Assunta alle ore
19.30. Ingresso libero, aperto anche ai non
tesserati della GlobeGlotter.

12 aprile Rosso Profondo, in punto di


1 marzo Cambio lavoro (Saverio Tom- morte (Teatro Insieme di Mola)
masi di Firenze)

15 febbraio Finanza Killer, non con i


nostri soldi (Itinerariateatro di Cologno Mon-
zese)

“Benvenuti a teatro, dove tutto


è finto ma niente è falso.”
8 marzo Storie di nostalgie immobili-
(G. Proietti) saluto a Fabrizio De Andrè (Pantaleo Annese 19 aprile Vita di Galileo (Il Carro dei
e Vito Vilardi) Comici di Molfetta)
In Italia aumenta la frequenza delle biblioteche pubbliche
ANTONIETTA D’INTRONO I numeri sono chiari e d’Italia. 24 ore su 24 è piuttosto che perderlo ve- vengono affittati dalle fa-
inequivocabili: in un anno possibile consultare eboo- dendolo impegnarsi in al- miglie.
nelle biblioteche gli iscritti ks e riviste da casa e af- tro. In italia il mercato del Se si conta che
orrow is the way” sono aumentati in media fiancando attività e inizia- libro cala del 3-4% an- l’11,7% degli italiani fre-

“B direbbe un anglo-
fono. Prendere in
prestito è diventato il ver-
del 40% con un picco di
325% a Cavriago (RE) in
una struttura
tive rivolte a fasce insolite
quali donne incinte e an-
ziani, si prevede un incre-
nualmente.»
A Torino la diminu-
zione di libri nuovi cozza
quenta le biblioteche (si
va dal 28,8% in Trentino
al 6,2 in Campania) e che
bo più amato dai lettori all’avanguardia che si im- mento finale degli iscritti con l’aumento del 3% dei il 7% fa almeno un presti-
italiani. Italiani che doven- pegna ad accogliere e attorno al 38%. prestiti. Paolo Messina, to tra le 6,700 biblioteche
do affrontare la crisi non coinvolgere i propri utenti Ai commenti entusia- direttore delle Biblioteche comunali, non stupisce la
rinunciano al piacere della tanto da divenire un punto stici si affiancano quelli civichedichiara che si ve- cifra di 52 milioni di pre-
lettura e che sono disposti di ritrovo; contemporane- analitici, come quello di dono facce nuove, come stiti all’anno con la fre-
al compromesso di non amente i prestiti toccano Gianni Stefani, direttore gli stranieri che imparano quenza dello 0,87 per abi-
veder crescere la propria il picco del 46% a Vallio del Consorzio sistema bi- lingue nuove, genitori che tante.
libreria casalinga pur di Terme (BS). bliotecario del Nord: «Pre- portano i figli in biblioteca Sarà uno dei rari effet-
continuare a sfamarsi (si, A Firenze l’apertura feriamo che il lettore porti piuttosto che al cinema e ti positivi della crisi?
ci si mangia) con la cultu- della Medialibrary ha mo- avanti gratuitamente nel fine settimana una
ra. strato la strada al resto l’abitudine di leggere, grande quantità di dvd

Leggere: una grande La biblioteca


opportunità ridotta a poche ore comunale di Trinitapoli
IGNAZIO BINETTI biamo una media di 30-40 libri alla volta) è meno dif- ANTONIETTA D’INTRONO mostre, laboratori ed in-
utenze al giorno, con picchi fuso della consultazione in contri con gli autori. Nel
di 60-70 -ci spiega una delle loco che, invece, riscontra 2003 il salone fu affianca-
a Biblioteca Comu- to da uno spazio intera-
L L
a biblioteca comunale responsabili- chi arriva in un discreto successo.
è frequentata soprat- biblioteca viene registrato Sono oltre 8000 i tomi nale, intestata mente dedicato alla biblio-
tutto da bambini delle e a fine stagione si stilano catalogati a cui si aggiunge all’arciprete Mons. teca ragazzi con scaffali
elementari e medie, che i dati e le statistiche della la consultazione internet Morra (morto il 25 feb- a vista. Il sogno di molti
hanno l’opportunità di stu- partecipazione» . gratuita, comprensiva di as- braio 1965) fu adeguata- bibliofili, però, si infranse
diare in gruppo. Le addette La biblioteca apre ogni sistenza personale per i mi- mente sistemata, dopo allorchè ne fu deciso il
ai servizi bibliotecari hanno anno i battenti a inizio otto- norenni. Per la stampa delle aver cambiato più sedi trasferimento in una pale-
registrato un aumento co- bre e chiude alla fine di ricerche si richiede un prez- provvisorie, nel grandis- stra che ha avuto il duplice
stante da quando nel 2008 maggio, coprendo a stento zo simbolico di 5 cent a simo salone a pianoterra effetto di far scomparire
sono state inaugurate la il periodo scolastico. foglio. di Palazzo Barisciano una struttura pubblica (la
nuova sede e la nuova ge- L’orario è esclusivamente I bambini della scuola dall’amministrazione palestra) e di mortificarne
stione, dopo un anno di pomeridiano dalle 15.30 al- media sono i più presenti Brandi. un’altra (la biblioteca) con
chiusura della struttura pub- le 19.30, dal lunedì al ve- in biblioteca nei giorni a Per più di tre lustri ha rumori, rimbombi e chiu-
blica. nerdì. orario prolungato. goduto di una grande po- sure nelle ore e nei mesi
«In questo periodo ab- Il prestito (30 giorni, 2 polarità tra i cittadini di più proficui per lo studio
Trinitapoli: conferenze, e la lettura.

Aspettando una “vera” biblioteca pubblica damente e tanti libri di


narrativa da scegliere.
3. aperta anche il
sabato e la domenica.
ANTONIETTA D’INTRONO A Trinitapoli la sede sentito che questa magia guente: come immagini 4. aperta d’estate con
inadeguata (una palestra “stregasse” frotte sem- la biblioteca ideale? Le l’aria condizionata.
rumorosa), l’orario ri- pre più numerose di let- risposte: 5. aperta la sera per
er i bambini e per dotto settimanale, la tori. 1. bella, colorata, si- discutere di libri e altro.
P gli anziani la biblio-
teca diventa un luo-
go magico, di studio, di
mancanza di nuovi libri
di narrativa per ragazzi
e di una emeroteca per
La domanda rivolta
ai frequentatori di libre-
rie, centri di lettura e bi-
lenziosa e con un giardi-
no.
2. con tanti cuscini e
Scriveremo una lette-
rina a Babbo Natale.

relax e di divertimento. adulti, non hanno con- blioteche è stata la se- divani per leggere como-
I bambini ci guardano
A Trinitapoli Bernard Friot, nella sede di LibriAmo, ha raccontato ai
bambini le storie paradossali di un mondo abitato da persone imperfette
ANTONIETTA D’INTRONO mente. Se da una parte ven- a “strofinarci” agli altri, a
gono presentate situazioni donare, a condividere, a
paradossali, che strappano perdere. Sperando, alla fi-
ei suoi libri ritrae lo anche una risata, dall’altra ne, di vincere.
N sfacelo di un mondo
adulto completamen-
te assente, facendo emer-
si ode il grido di aiuto dei
bambini e dei loro genitori.
Sento gli appelli
d’aiuto di bambini e geni-
tori, li metto in scena, li
Bernard Friot intervistato da Antonietta D'Introno. (Fonte: globeglotter.it)

gere con ironia la solitudine È un ritratto impietoso racconto ma accentuando- Del tempo per sognare. un legame con gli altri.
a cui è stata condannata della famiglia. Viene da ne i tratti con tenerezza. In Delle responsabilità, dei Dunque, tutto dipende
l’infanzia, soprattutto chiedersi: ma che adulti quanto adulto, vorrei pro- compiti, dei diritti. Voler dagli adolescenti: bisogna
quella ricca, piena di me- saranno domani? teggere i bambini, evitar cambiare la scuola, vuol innanzi tutto ascoltarli prima
rendine e giochi elettronici. Le mie storie non rac- loro la sofferenza, forse rin- dire voler cambiare il mon- di propor loro qualche cosa,
Gianni Rodari ci mo- contano sempre la realtà chiuderli in un mondo de- do. aiutarli a dire chi loro sono,
strava con le sue favole vissuta ma quella temuta. licato, morbido. Ma è im- Ma insisto: della bene- a mettere delle parole sulle
soluzioni possibili, come i Il bambino legge le storie possibile. Vivono in questo volenza. Quando un adulto loro emozioni. A volte la
cannoni che diventano per affrontare una paura, mondo, fragile, violento, guarda un bambino con be- letteratura pu? diventare un
campane, forse perché an- una angoscia: «e se i miei incerto. E magnifico, lumi- nevolenza, lo aiuta a cre- aiuto, altre no. Questo ho
che il tempo in cui è vissuto genitori non noso, generoso. Il gioco (e scere. Aiutandolo a guarda- imparato: per leggere bene,
Rodari sembrava rendere m’amassero…», «e se ri- la letteratura non è che una re con benevolenza il bisogna anche vivere bene.
tutto ancora possibile. manessi da solo…». forma di gioco), permette mondo, gli altri e se stesso.
I sogni sembrano re- L’umorismo aiuta allora ad di affrontare la realtà dimi- L’incontro e l’amore per
legati in un posto lontano, allontanare ciò che temia- nuendo i rischi e di diven- Friot che scrive e raccon- la poesia nascono sicura-
tutti sono concentrati su un mo. Allo stesso tempo, è tare più forte senza costru- ta un’adolescenza in cui mente dalla forza e pas-
io che sottrae spazio alla vero, ogni bambino fa ad irsi una corazza. il corpo si fa nemico (In sione messa dal cupido
comunità, allo scambio di un certo punto l’esperienza «Scrivere per i ragazzi un altro me, Topipittori che scocca la freccia. Se
idee, al piacere dell’ascolto. dell’abbandono, del rifiuto, vuol dire aiutarli a costruire editore), in cui il desiderio si sbaglia il tiro diventa
Questa è l’umanità anche se solamente per un il proprio mondo», dice lo maggiore che si avverte è noiosa o incomprensibile.
raccontata da Friot, breve istante. I genitori scrittore svizzero Franz quello di scomparire. La poesia è lo sguardo
un’umanità che si svela in non sono sempre disponi- Hohler. Sono sicuro che non L’adolescente sembra che riesce a immaginare
tutte le sue debolezze. bili e non sono perfetti, diventeranno degli adulti spesso trovare rifugio nei quel che c’è oltre la siepe.
hanno le loro preoccupa- peggiori di noi. E spero che libri, poi però urla tutta Lei ha scritto un prontua-
“Mamma mi stai ascoltando? zioni, i loro problemi. For- costruiranno un mondo pi? la sua rabbia per quel rio di poesia per giovani,
Perché non mi lasci mai? Vabbè tunatamente, altrimenti non bello di quello che noi gli mondo, che l’ha costretto da dove è nata questa sua
peggio per te, non te lo ripeterò lascerebbero nessuno spa- abbiamo lasciato. suo malgrado a rifugiarsi esigenza e come è stato
due volte.” zio ai loro figli, non per- in un mondo di carta. Ma accolto il suo lavoro?
metterebbero loro di costru- In Ricette per racconti a lei crede nel potere salvi- Credo profondamente
Questo è uno dei tanti irsi anche nelle difficoltà, testa in giù, domande e fico delle parole, della let- che la poesia è un linguag-
bambini che parlano in nel confronto con risposte giungono da un teratura? gio universale, che è il ge-
Racconti a testa in giù, l’insuccesso e la frustrazio- mondo al contrario. Quali libri, autori consi- nere letterario più accessi-
dove incontriamo genitori ne. L’esperienza sociale è Se dovesse scrivere una glierebbe ad un adole- bile. Ne ho fatto mille volte
distratti, presenti fisica- inevitabile: non viviamo ricetta per mettere mano scente? l’esperienza durante dei la-
mente ma assenti total- soli e dobbiamo imparare alla scuola, quali ingre- No, non credo al potere boratori di scrittura: la Po-
dienti utilizze- salvifico della letteratura, esia offre a tutti “le pouvoir
rebbe? poiché per esperienza pos- de dire le monde”, di par-
Della bene- so dire che può diventare lare di vita interiore, desi-
volenza, prima una prigione, o almeno il derio, sofferenza, d’amore,
di tutto. E mezzo con il quale separar- banalità e bellezza: tutto.
dell’immagi- si dal mondo e dagli altri. Per far questo ci vorrebbe
nazione. Dei Mi sarebbe piaciuto che poco, un incoraggiamento,
buoni pasti pre- qualcuno, all’epoca, mi qualche semplice strumen-
parati insieme e prendesse per mano e mi to, un ascolto attento e be-
condivisi. Del aiutasse ad affrontare la re- nevolo. È questo che io vo-
silenzio e alt? invece che farmi rifu- glio condividere.
dell’ascolto. giare in un “mondo di Il libro ha avuto un
Delle scienze, carta”. buon riscontro in Francia.
della letteratura, A volte, è più importan- Continua a vivere. Passa di
lingue e fale- te incontrare dei lettori piut- mano in mano. È stato tra-
gnameria, del tosto che dei libri. Altrimenti dotto negli USA e in Cina.
giardinaggio. detto: la letteratura non vale La poesia è un linguaggio
I bambini ascoltano incantati Bernard Friot nella sede di LibriAmo in via Cairoli. (Fonte: globeglotter.it) Degli incontri. nulla, se non è un incontro, universale, no?
Il “GAUDEAMUS” degli studenti in FERIAE
Durante la Sagra del carciofo 2012 gli universitari di Trinitapoli si sono esibiti in uno spettacolo satirico ispirato
da uno sketch del cantante Caparezza. Poi giurano: è solo l’inizio di una nuova grande festa della goliardia

Feriae Matricularum
degli anni 50/60
Le Feriae Matricularum degli anni 50/60
erano l’apice festaiolo di un anno dedicato allo
studio e all’organizzazione di attività culturali.
Gli universitari di quell’epoca avevano più occa-
sioni per incontrarsi, discutere e programmare
insieme.
Il corso e la villa erano i luoghi di ritrovo
consueti, dove si toccavano tutti gli argomenti:
le feste da ballo sulla terrazza, l’esame di Diritto
Costituzionale e di Anatomia, la milanese “bona”
in ferie a Trinitapoli, la conferenza, l’ultimo film
proposto nel cineforum. La “matricola”, pur tra
I giovani universitari durante la Sagra del Carciofo 2012.
frizzi e lazzi, era una cosa seria: una grande
festa, preparata con cura da giovani che anima-
IGNAZIO BINETTI cui si è consci di arricchir- vita: la Goliardia.
ne le fondamenta e i con- Subito dopo lo spetta- vano la vita culturale del paese per l'intero anno.
tenuti per le Feriae Matri- colo tutto il gruppo delle
ettersi in gioco, cularum degli anni a matricole è salito sul pal-
M mostrare personali-
tà, affrontare paure
e l’altrui pregiudizio e,
venire.
Partendo da uno
sketch di un concerto di
co e all together hanno
cantato, feluca alla mano,
il Gaudeamus, celeberri-
perché no, sentirsi padroni Caparezza, si è voluto fare mo inno internazionale
del palco: questo hanno satira politica, ma apartiti- studentesco. A seguire
dimostrato i nostri ragaz- ca. Come ha in seguito hanno percorso tutto il
zi… vi scrive colui che ha specificato il Priore si è corso intrattenendo gli in-
avuto il piacere e la fortu- scelto di giocare sulla pa- numerevoli visitatori e gli
na di dirigerli da vicino, rola “libertà”, perché è in esercenti di una riuscitis-
su quel palcoscenico su un contesto di libertà che sima Sagra del Carciofo,
cui “l’hanno fatta da vorrebbero realizzarsi...si i quali li hanno ripagati
padroni”. Il proposito di decanta e si parla di libertà con una libera offerta sim- 1957, in marcia il carro dell’Università degli Stu(pi)di, guidato dall’universitario
fare satira politica è una ma è solo un abuso e disu- bolica. Gino Filacaro.
delle prerogative della Go- so del termine, sia nella S’è conclusa, così, una
liardia, da sempre. realtà ecclesiastica che meravigliosa uscita pub-
Il luogo, gremito e di all’interno dei nomi di par- blica cui, noi della Feriae
grande impatto, è stato la titi, ormai vuoti a rendere, Matricularum nell’anno di
giusta vetrina per una ac- come nella realtà studen- grazia 1969+43, auspi-
colita di giovani volente- tesca. Sono sterili, almeno chiamo seguano varie altre
rosi e arrembanti. per chi, con occhio obiet- occasioni per dimostrare
A regnare era il clima tivo, non riesce a distin- alla gente e al comune di
di amicizia e di entusia- guere nell’effimero caro- Trinitapoli che ci siamo e
smo giovanile, l’orgoglio sello elettorale un reale siamo sempre vivi e viva-
di portare quelle feluche proposito di occuparsi dei ci.
e quei mantelli e sfoggiar- problemi degli studenti. Un mio personalissi-
le dall’alto, forti di avere Perché è ciò che sono, mo grazie di cuore alle
alle spalle una tradizione studenti che riempiono il matricole, orgogliosamen-
che si traduce allo stesso tempo libero facendo un te vostro. Tignazio 1959. Universitari sotto la grande mucca di cartapesta. Si riconoscono da
tempo in responsabilità gioco che è con il passare L’extracomunitario. sinistra: Gino Filacaro, Peppino Filipponio, Riccardo Nesta, Tonino Labianca,
ed onore, nel momento in del tempo una scuola di Mimino Pinto, Sabino Serlenga.
I giovanissimi degli anni ’60 e ’70
L’impegno e la preparazione di una generazione di grandi sognatori dettero il via alle leggi
più rivoluzionarie nel campo dei diritti civili, del lavoro e delle pari opportunità

Il segretario del Partito Comunista Vito Leonardo Del Negro (con il colbacco in testa) saluta
l'oratore Prof. Luigi Di Cuonzo.

Le “happy hours” dei 20enni di 40 anni fa


Si stenta a credere che gli “sbarbatelli”di non più di 20 anni,
negli anni ’70, organizzavano incontri partecipatissimi su tematiche
Il gruppo degli organizzatori del dibattito sulla “Libertà di stampa”. che riguardavano i diritti civili, la libertà di stampa, lo statuto dei
lavoratori, le pari opportunità e l’economia. Si moltiplicarono le
associazioni studentesche laiche, al di fuori della “protezione
parrocchiale”, che promossero un approccio dialettico alla realtà
politica e sociale dell’epoca. Vario e interessante fu il training che
movimenti studenteschi di varia ispirazione ideologica (Movimento
di Collaborazione Civica, Centro Culturale “Giovani”, le sezioni
giovanili dei partiti) offrirono ai giovanissimi degli anni ’70. Gran
parte, infatti, della classe politica degli ultimi 30 anni proviene da
quel vivaio culturale di cittadinanza attiva che ha prodotto le
realizzazioni migliori nella nostra città. Storico è restato il dibattito
sulla legge sul divorzio che un giovane studente, Arcangelo Sanni-
candro, e un giovane prete, don Giovanni Piomelli (insieme al
sindaco Nunzio Sarcina, all’avv. Bonifacio Pellegrini e al dott. L.
Fierro) animarono nella palestra della Scuola Media affollatissima,
come si può vedere dalla foto.
L’impegno e la preparazione di una generazione che sognava
il “sol dell’avvenire” dettero il via alle leggi più “rivoluzionarie”
nel campo dei diritti civili, del lavoro e delle pari opportunità, leggi
che oggi vengono messe in discussione dai nuovi barbari.

15 gennaio 1966. Conferenza-dibattito sul divorzio. Da sinistra: il dott. L. Fierro, l’universitario


A. Sannicandro, il sindaco Nunzio Sarcina, Don Giovanni Piomelli e l’avv. Bonificio Pellegrino. 15 gennaio 1966. Il pubblico numeroso assiste al dibattito nella nuova palestra della Scuola Media.
10 dicembre 2012: il Santuario B.M.V. di Loreto
ritorna ai suoi fedeli dopo il restauro
Le foto sono state gentilmente concesse da Michel