Anda di halaman 1dari 3

LA TAVOLA DI AGNONE E' una tavoletta di bronzo, delle dimensioni di centimetri 28x16,5, munita di una maniglia.

Attualmente si trova al British Museum di Londra. E' la pi importante iscrizione in lingua osca, dopo il Cippo Abellano e la Tabula Bantina di maggiore lunghezza, risalente circa al 250 a.C. a giudicare dalla forma delle lettere. Le iscrizioni sulla tavola, ben leggibili ed incise profondamente, sono poste su ambedue le facciate. La prima contiene 25 righe e la seconda 23 righe. .. Interpretazione L'elemento di maggiore spicco l'importanza attribuita a Kerres. L'area sacra era a lei intitolata e tutti gli dei venerati in quel luogo erano gli stessi dell'Olimpo sannita ma in relazione alla funzione cui erano pregati di svolgere: guidati da Cerere, dovevano sostenerla nel propiziare la terra e proteggerne i frutti. Quindi Kerres il fulcro dei rituali religiosi che si svolgevano nell'Orto Sacro, inteso questo come simbolo di tutte le terre coltivate, e non una coincidenza che la Tavola sia stata ritrovata sull'altura che oggi viene chiamata Monte del Cerro ed stata realizzata in bronzo, un metallo che occupava un posto di rilievo nei rituali in onore di Cerere.
La prima facciata tratta di un recinto sacro, un santuario dedicato a Cerere, dove si svolgono cerimonie religiose. Questi culti hanno luogo durante il corso dell'anno in giorni stabiliti per 15 divinit elencate in seguito. Poi l'iscrizione rivela che all'interno di questo recinto sacro, ogni due anni, sull'ara del fuoco avr luogo la cerimonia. Quindi viene attestato che ogni anno, al tempo della Floralia, presso il santuario si deve sacrificare a quattro divinit.

Questa facciata nel suo insieme sembra indicare ci che accade o deve accadere nel santuario tanto da sembrare norme relative al suo funzionamento o un calendario rituale.
Nell'altra facciata viene precisato che al recinto appartengono gli altari dedicati alle divinit che vengono venerate all'interno del santuario. Poi si afferma che il saahtum tefurum deve essere sull'aria ignaria. Quindi viene attestato che il santuario appartiene a coloro che pagano la decima. Quest'altra facciata elenca, come un inventario, ci che di propriet del santuario e le persone che possono frequentarlo e che lo gestiscono. Il boschetto di Agnone doveva essere situato nelle vicinanze del Monte del Cerro, fra Capracotta ed Agnone, dove venne trovata la tavoletta pi di un secolo fa (1). La localit (Fonte del Romito) veniva chiamata ancora con il termine dialettale Uorte cio Orto, Hortus in latino e Horz sulla tavoletta. Questo luogo era dedicato a Kerres (Cerere) ed i fedeli pagavano una decima per la sua cura. Si svolgevano processioni sacre in periodi ben definiti. Per compiere riti lustrali venivano effettuate soste presso ognuno dei quindici altari presenti all'interno dell'Orto sacro. Ogni due anni si manteneva acceso un fuoco e si facevano offerte su un altare sacrificale. Cerimonie al di fuori dell'Orto sacro venivano celebrate per Flora, processioni con soste rituali in onore di quattro divinit. La tavola di Agnone menziona diciasette divinit e tale numero la prova evidente che i Sanniti tendevano alla polilatria. Tutte le divinit hanno un nesso con l'agricoltura, il raccolto ed i frutti della terra, sottolineato dall'epiteto Kerriiais (Cereale) che si trova dopo il nome di alcuni di essi.Di seguito vengono elencate le divinit nominate sulla tavoletta:
Kerres - Cerere, la divinit a cui era dedicata l'area sacra; Vezkei Evklui - Mercurio oppure Ade, fratello di Giove; Futrei Kerriiai - Persefone figlia di Demetra; Anter Statai - Stata Mater dei Marsi; Ammai Kerriiai - Demetra; Diumpais Kerriiais - Le Ninfee delle sorgenti; Liganakdikei Entrai - Divinit legata alla vegetazione ed ai frutti; Anafriis Kerriiuis - Le Ninfee delle piogge; Maatuis Kerriiuis - Dea italica dispensatrice di rugiada per i raccolti; Diuvei Verehasiui - Giove Virgator; Diuvei Regaturei - Giove Pluvio; Hereklui Kerriiui - Ercole; Patanai Piistiai ; Deivai Genetai - Mana Geneta;

Pernai Kerriiai ; Fluusai - Flora protettrice dei germogli.

Minat Terkait