Anda di halaman 1dari 8

itinerario

76 AVIAZIONE SPORTIVA.IT
> I preparativi per la partenza a Montegiorgio

Elisa Astorri e Leonardo Melloni

IN PUGLIA
CON IL P-92

AVIAZIONE SPORTIVA.IT 77
itinerario
Prima di iniziare a raccontarvi di questo
bellissimo viaggio che ci ha fatto attraversa-
re la Puglia vorrei presentare brevemente i
partecipanti: Leonardo, 26 anni, ingegnere,
pilota; io, Elisa, 23 anni, studentessa di
medicina, copilota (anche se alla fine del
viaggio si erano invertiti i ruoli); il cosiddetto
“Briciola”, un P-92 Echo, 80 cavalli, bianco
e rosso, un aereo per me eccezionale, che
ci ha permesso di atterrare sempre in poco
più di 200 m portandoci ovunque e che mi
ha perdonato tanti errori durante “l’appren-
distato”.
> 1

> 2

> 3

> Foto 1 > Foto 2 > Foto 3


La pista di Vieste In volo su Vieste, Le saline del Gar-
è lunga poco più che si protende gano, popolate dai
di 200 metri ed nell’Adriatico fenicotteri
ovviamente Nando
Luceri vola uno
STOL

78 AVIAZIONE SPORTIVA.IT
tografare i fenicotteri che popolano tranquilli
16 Agosto le saline (mi dicono che il loro nome proprio
PARTENZA DA MONTE GIORGIO (AVIOSUPERFICIE sia “flamencos”). Leo ed il Sig. Tannoja
“GUIDO PACI” - FERMO) ORE 07:00; ARRIVO A almeno 15 minuti prima dell’atterraggio
VIESTE (GARGANO) ORE 08:50. cominciano a scambiarsi via radio brevi
Sveglia alle sei di mattina. Aperte le persiane messaggi su ogni singolo spostamento,
vediamo in lontananza, a nord, un fronte in un linguaggio forbito ed impeccabi-
carico di pioggia… uno sguardo attento alla le (secondo me sono messaggi un po’
meteo e corriamo al campo, preparando
l’aereo in fretta. La pista di Monte Giorgio è
inutili, ma Leo è felice come un bambino!).
Atterriamo sulla lunghissima ed ondulata
> 4
lunga 800 m ed il nostro decollo è un po’ più pista tra gli immancabili ulivi ed i mai visti
lungo del normale: siamo carichi di benzina, (almeno per noi) trulli. Mentre Leo si occupa
tenda, sacco a pelo, attrezzi, una sacca delle pratiche noiose (picchettare l’aereo
di vestiti, due giubbotti salvagente, due
macchine fotografiche e un numero non ben
e scaricare i bagagli) io me ne vado con il
sig. Tannoja a mangiare i fichi raccogliendoli
> 5
definito di carte nautiche e guide turistiche! dagli alberi! La masseria è bellissima: grap-
Voliamo sulle colline marchigiane con il sole poli di pomodori, cipolle ed origano appesi
che sale sul mare e ci lasciamo alle spalle al soffitto, grandi sale trasformate in museo
il fronte di nuvole grazie anche ad un vento con antichi strumenti agricoli. Il programma
in coda che ci fa viaggiare ad una ground prevede il pranzo e poi una gita al Castello
speed di 180 km/h (con un delta di 30 con le biciclette gentilmente prestateci.
km/h). In meno di 2 ore atterriamo a “Falchi Non abbiamo preventivato la quantità di
Grigi” in mezzo ai campi di ulivi, su una pista antipasti che normalmente vengono serviti al
di 230 m in erba a 2 km dal mare, tra le bel- ristorante della masseria… nonostante siano
lissime Peschici e Vieste. Siamo felicissimi, buonissimi non riusciamo neanche a finirli!
è cominciata una vacanza completamente Un po’ appesantiti e con le mollette sui pan-
nuova per tutti e due. “Vieste Car Rental” taloni partiamo tra i trulli verso il castello: gli
arriva come d’accordo alla pista alle 9:15
con una Megane grigia. Prima tappa per la
colazione sul mare, poi bagno tra le torri di > Foto 4 > 6
avvistamento dei famigerati Mori (e tra le Leo accanto al P92 sulla pista di Vieste
meduse). Nel pomeriggio decolliamo per un
volo sottocosta a Sud di Vieste fino a Baia > Foto 5
delle Zagare, il paesaggio è talmente bello La pista con la masseria Tannoja, ai
che decidiamo di percorrere nel pomeriggio piedi di Castel del Monte
lo stesso tratto anche in macchina (io guido
e Leo, stravolto dal viaggio, dorme!). Ce- > Foto 6
niamo a Peschici: cavatelli, sugo e ricotta, L’ingresso della masseria Tannoja
ma è l’olio che fa la differenza! Dormiamo a
casa di una signora che ci affitta una stanza > Foto 7
nei pressi del campo, ed è Nando Luceri, La pista di Nardò: che ci sarà di bello in
fotografo, pilota e musicista jazz, che ci una grande “strada tonda”?
ha assistito con la benzina e consigliato
l’alloggio.

17 Agosto > 7
PARTENZA DA VIESTE (GARGANO) ORE 10:30;
ARRIVO ALLA TENUTA TANNOJA (CASTEL DEL
MONTE) ORE 11:30.
Ha piovuto di notte, ma oggi c’è il sole,
restituiamo la macchina al campo verso le
10:00 e decolliamo indossando i giubbotti
salvagente autogonfiabili. Costeggiando
il Gargano in direzione Manfredonia Leo
esclama: “Ma che è quello? Un deltaplano
nero?”. Io non lo vedo nemmeno il Tornado
che vola a quota bassissima e ben distante
da noi… non facciamo in tempo a prendere
le macchine fotografiche che già se ne è
andato! Il resto del volo sul Gargano è un
po’ movimentato dal Maestrale che scende
turbolento dal promontorio sul mare; arrivati
sulle saline di Marina di Savoia già si vede
in lontananza il profilo del Castello. Dopo il
Maestrale “turbolento”, Leo rallenta per fo-

AVIAZIONE SPORTIVA.IT 79
itinerario

> 1
In volo al largo di Gallipoli, diretti verso sud

ultimi 3 km di salita sono ripidissimi, provo facciamo un breve volo fino all’aviosuper- > Foto 2
a lamentarmi inutilmente sperando in una ficie Falcone in Basilicata, sorvolando la L’antincendio a Macrì: una Bianchina
spinta o almeno in una sosta, fingo anche diga nei pressi di Minervino Murge. La cena pick up
di avere il cambio rotto, ma niente da fare! alla masseria è eccezionale e dopo il gran
Leo è implacabile e mi fa pedalare fino alla lusso culinario ci aspetta una camera quasi > Foto 3
porta del castello. Prima che il sole tramonti sontuosa (non ci sembra vero)! Pronti per il decollo al sorgere del sole

> 2 > 3

80 AVIAZIONE SPORTIVA.IT
> 4 > 5

> Foto 4 > Foto 5 > Foto 6 > Foto 7


L’alba in volo, uno spettacolo La costa del Salento illuminata Nei vicoli di Bari i banchetti di La pista asfaltata di Ostuni, affa-
unico dal primo sole vendita della pasta fatta in casa scinante, ma impegnativa

> 6 > 7

> Foto 8
Elisa indossa
il giubbotto
18 Agosto che non vede l’ora di atterrarci); tagliamo salvagente
PARTENZA DA CASTEL DEL MONTE ORE 10:00; nell’entroterra fino allo Ionio evitando i ben prima del
ARRIVO A MACRÌ (SUPERSANO – SALENTO)
noti spazi aerei vietati, almeno questo è decollo per le
ORE 12:00.
quello che mi è stato detto da Leo; ma la ve- Tremiti
Non è facile lasciare la Tenuta Tannoja, i rità è che dall’inizio del viaggio vuole vedere
suoi proprietari sono stati gentilissimi e la la famosa pista di Nardò... bah! Una enorme
focaccia è sicuramente la più buona della “strada tonda” e, come al solito, tanti ulivi.
Puglia… con la pancia piena decolliamo Proseguiamo sulla costa fino a Gallipoli. Si
verso est. Sorvoliamo Monopoli ed Ostuni vede il fondo del mare dall’aereo, il Salento
per “studiare” la pista che ci aspetta tra è un posto veramente romantico. Gallipoli è
qualche giorno (Leo già borbotta su quanto molto bella dall’alto: voliamo su Baia Verde
sia corta e nota un palo della luce giusto da dove ci vede un nostro amico, Roberto,
sull’angolo della testata 02, io però lo so che subito mi chiama; non ci può credere,

AVIAZIONE SPORTIVA.IT 81
itinerario
siamo proprio noi sulla sua testa. Mi aveva- Ultimo giorno in Salento, interamente e delle “strutture”, non una strada sterrata
no parlato di questa famosa Masseria Macrì dedicato al riposo: non ci svegliamo alle con un hangar “di latta”. Devo ammettere
e dell’accoglienza calorosa dei proprietari, 7:00, non corriamo da un posto all’altro, che non avevo grandi aspettative su Bari e
ma davvero non mi aspettavo tanto. Non non dobbiamo sbrigarci a far benzina o che mi sono dovuta ricredere. È una città
so da dove cominciare: la proprietaria ci a partire presto per evitare le termiche. bellissima, pulita, ordinata, luminosa, ricca
permette di usare la sua macchina e la sua Saremmo rimasti volentieri più a lungo, ma di storia (siamo rimasti stupiti dalla bellezza
casa per 3 giorni, ci cucina le orecchiette le previsioni meteo dell’aeronautica militare del centro storico che è stato di recente
con le rape; Fernando ci aiuta a fare ben- ci dicono che per l’indomani è prevista restaurato).
zina sotto il sole cocente, ci fa hangarare pioggia sull’estremità della Puglia, così
l’aereo perché il secondo giorno piove e decidiamo di anticipare il volo verso Bari. 21 Agosto
ci fa sempre compagnia quando siamo Faccio solo in tempo a scattare un paio di PARTENZA DA LA QUERCIA (BARI) ORE 16:00;
al campo; Manuel invece si occupa delle foto agli affreschi della masseria ed ai suoi ARRIVO A LAMASANTA PICCOLA (OSTUNI)
istruzioni “turistiche”: spiagge, ristoranti e proprietari, poi Leo mi trascina in aria. A Bari ORE 16:40.
locali notturni. Come prima cosa corriamo ci aspettano due amici: Nello e Vittoria. Nello Immancabile la sveglia alle 07:00. Voglia-
in spiaggia e lì poltriamo per qualche ora è stato compagno di master di Leonardo in
di fronte ad uno dei mari più limpidi e belli Inghilterra studiando full time turbine a gas
mai visti; più tardi raggiungiamo Roberto e aeronautiche (quegli strani oggetti che io
lo convinciamo a farsi un voletto: Leonardo, chiamavo “soli” suscitando da parte loro di-
che non riesce a stare fermo in spiaggia più sgusto ed ilarità). Non è stato facile per loro > 1
di un paio d’ore, è felicissimo e non vede trovare la pista della Quercia: è sperduta
l’ora di rimettersi in aria. La sera stessa ce- tra campi di mandorli e dei soliti ulivi; ci si
niamo con tutta la famiglia di Roberto, sono arriva con una strada sterrata e soprattutto
molto ospitali e gentili; servizio completo: non ci sono indicazioni. Inoltre i nostri amici,
buonissima cena di pesce e visita guidata di non essendo “ultraleggeristi”, si aspetta-
Gallipoli per digerire! vano una pista d’asfalto con un aeroporto

> Foto 1
In volo verso le isole, lasciando il Gargano
alle spalle
> 2
> Foto 2
Sulle Tremiti: uno splendido faro abban-
donato
> Foto 3
I capanni con i tralicci delle reti dei pesca-
tori

19 Agosto
Ci svegliamo la mattina alle 05:00 decisi a
vedere dall’aereo il sole sorgere sul mare. È
notte ancora e c’è un po’ di nebbia da con-
vezione (il giorno precedente aveva piovuto),
ma ad est si intravede una luce arancione.
Fernando, immancabile, è già al campo a
quell’ora! Decolliamo alle 05:50, la nebbia
è sparita, e la poca rimasta è confinata in
piccole “sacche” sotto i 30 metri. Sopra è
bellissimo! Il sole sorge sul mare e noi volia-
mo su e giù per la costa adriatica per circa
un’ora tra Otranto e S. Cesarea. Decidiamo > 3
quindi di visitare Otranto anche da terra e
di farci un bagno nel Salento adriatico. La
sera ceniamo alla masseria tutti insieme, è
quasi una cena in famiglia e ho l’onore di
assistere alla preparazione delle orecchiette
con le cime di rapa in una cucina veramente
particolare, strutturata su due piani, con un
grandissimo forno e il tetto a volta.

20 Agosto
PARTENZA DA SUPERSANO MACRÌ ORE 18:00;
ARRIVO A LA QUERCIA (BARI) ORE 19:00.

82 AVIAZIONE SPORTIVA.IT
mo visitare quanta più Bari possiamo in chiamiamo il numero di cellulare dipinto sul- terra solo perché ci aspettano gli spiedini al
un giorno. Tra i vicoli di Bari molte signo- l’hangar ed in meno di mezzora arriva uno concerto jazz, ma saremmo rimasti a volare
re lavorano a mano la pasta per farne dei soci del club che con un delicato lavoro per ore. Dormiamo nella tenda montata sul
orecchiette e cavatelli; vorrei comprarne di incastro ci aiuta a mettere l’aereo dentro, campo, accanto all’aereo.
chili, ma Leo insiste che siamo gia troppo tra altri aerei e deltaplani a motore. La nostra
pesanti… Ripartiamo verso Ostuni, Leo è meta è Montalbano Ionico, a circa 30 km 25 Agosto
molto emozionato all’idea di atterrare sulla dal campo di volo. Non posso fare a meno PARTENZA DA FALCHI GRIGI (VIESTE) ORE 09:00;
famosa pista sul mare con il lampione in di notare come sia diversa la terra, la vege- ARRIVO A GUIDO PACI (MONTE GIORGIO)
testata! Non c’è la radio a terra, ma Rocco tazione. Il paesaggio è più spoglio, ma allo ORE 12:00.
Gallone ci aiuta chiamandoci al cellulare. stesso tempo affascinante. Il meglio però La meteo è perfetta, smontiamo la tenda,
Non è facile atterrare: al primo tentativo deve ancora venire: la mamma di Francesco riusciamo a rimettere tutto nell’aereo e par-
Leo riattacca; il secondo è quello buono. Il ci ha preparato un pranzo indimenticabile… tiamo. Siamo costretti a fermarci a Termoli
campo di Ostuni è organizzato molto bene: seguito da un paio d’ore di riposo, tanto per fare benzina: il lungo volo di ieri alle
hangar grandissimi scavati nella roccia, fuori piove! Tremiti ci ha lasciato poco margine di auto-
pista e raccordi in asfalto, 2 maniche a nomia. Durante il viaggio di ritorno ripasso
vento, un bed&breakfast proprio a lato della 24 Agosto tutto quello che ho imparato del volo nella
pista e il mare a 200 metri. Incontriamo tre PARTENZA DA PISTICCI ORE 09:00; ARRIVO A vacanza: ho deciso che già il prossimo fine
dei soci che si occupano di noi, ci aiutano FALCHI GRIGI (VIESTE) ORE 10:30. settimana comincio le lezioni per l’attestato.
a far benzina, ci fanno hangarare l’aereo e Dopo una giornata dedicata alla Basilica- Il viaggio sta finendo, felici e stanchi comin-
soprattutto Rocco (istruttore di MB339) porta ta, con una visita alla splendida Maratea ciamo a ricordare i vari momenti di questa
Leo a fare un giro sul suo P-92 con motore (spiaggia nera ed acqua trasparente), vacanza che ci ha lasciato veramente tanto.
Limbach. Rimaniamo a chiacchierare di oggi decidiamo di spezzare il viaggio di A chi per la prima volta (come noi d’al-
aerei sulla pista finché non tramonta il sole ritorno e di passare un’altra notte a Vieste. tronde), vuole intraprendere questo tipo di
(se fosse per Leo rimarrebbe tutta la notte), Prima di partire chiamiamo Nando per viaggio in cui si vuole vivere il mare, il volo,
poi prendiamo un taxi e andiamo a cena ad chiedergli il favore di lasciarci nell’hangar gli amici e la buona cucina, vorrei far notare
Ostuni in un ristorante tipico. 20 litri di benzina; il nostro pilota/fotografo che una meticolosa e precisa organizzazio-
è gentilissimo e non si limita a farci trovare ne prima e durante il viaggio è assolutamen-
22 Agosto la benzina ma ci invita ad una serata jazz in te necessaria. Durante il viaggio nessuna
PARTENZA DA LAMASANTA PICCOLA (OSTUNI) ORE cui suona con il suo gruppo! Appena arrivati delle future mete era certa fino all’ultimo
12:00; ARRIVO A PISTICCI ORE 13:10. a Vieste andiamo al mare, a circa 15 minuti momento; tutto dipendeva ovviamente dalla
Per andare al mare la mattina del 22 ci basta a piedi dal campo di volo, e nel pomeriggio meteo, dalla disponibilità della benzina e
attraversare la pista e in 10 minuti siamo partiamo con i nostri salvagente gialli per dalla disponibilità dell’alloggio. Far “incastra-
con i piedi a mollo. Non rimaniamo molto un lunghissimo volo verso le isole Tremiti: re” tutto non è stato spesso facile. A noi è
perché, come al solito, le previsioni meteo rimaniamo in volo dalle 16:30 alle 19:00 e riuscito discretamente, tanto che ultima-
ci consigliano di sbrigarci. È un peccato c’è una luce bellissima sul mare! Voliamo mente stiamo già pensando alla meta per
soprattutto perché Rocco ha proposto in assenza totale di vento (addirittura si il prossimo viaggio: noi soli o, perché no,
a Leo un volo istruttivo nel pomeriggio. vedono dall’alto le solite meduse) e poi con chi abbia voglia di unirsi. Stiamo anche
Saremmo dovuti arrivare a Pisticci il giorno sulle tre isole incantate. È sicuramente la valutando la possibilità di partecipare ad
dopo quindi chiamo di corsa il nostro amico più bella giornata della vacanza! Torniamo a uno dei tanti raid organizzati. Sicuramente è
Francesco (che ci ospiterà) per avvertire un’occasione per imparare.
che tra un’ora soltanto saremo lì. Il volo è
perfetto (comincio ad imparare…) e Fran- Nota: pubblichiamo con piacere questo fresco racconto di viaggio che, rispetto ai raid
cesco arriva al campo puntuale. Volando che prevedono tratte di 500 e più km al giorno, con atterraggi di vere formazioni di velivoli
dalla Puglia alla Basilicata notiamo come anche su aeroporti internazionali, sembrerebbe “poca cosa”. In realtà descrive a perfezione
cambia il paesaggio: non più terra rossa, un modo sano e fantastico di vivere il volo da diporto: tratte non impegnative, accoglienza ed
ulivi e trulli, ma un alternarsi di aspre colline amicizia sulle varie aviosuperfici e campi di volo; una concezione del volo divertente e dav-
e ruscelli che scendono al mare. Al campo vero alla portata di tutti con un minimo di programmazione. Per contattare gli autori di questo
articolo: leoavio@hotmail.it - eastorri@hotmail.com

> Foto 4
A Vieste montiamo la tenda accanto
all’aereo
> 5
> Foto 5
La nave arenata sul tombolo di Lesina:
siamo sulla via del ritorno

> 4

AVIAZIONE SPORTIVA.IT 83