Anda di halaman 1dari 230

INDICE 0 Premessa..........................................................................................................................5 0.1Obiettivi della ricerca.................................................................................................5 0.2 Il lessico nellinsegnamento della L2........................................................................6 0.2.1 Quanto lessico si deve insegnare........................................................................

8 0.2.3Quale lessico si deve insegnare...........................................................................9 1Dizionari di frequenza e vocabolari di base................................................................11 1.1Il di ionario di !re"uen a..........................................................................................11 1.1.1#e!ini ione e ti$ologia......................................................................................11 1.1.2%recedenti storici...............................................................................................13 1.1.3&ree dinteresse.................................................................................................1' 1.1.3.1I re"uisiti del cor$us...................................................................................1' 1.1.3.1.1(a$$resentativit).................................................................................16 1.1.3.1.2*stensione............................................................................................1+ 1.1.3.1.3(i!erimento standard...........................................................................18 1.1.3.2La $arola come occorren a e come unit) lessicale.....................................19 1.1.3.2.1La $arola come unit) elementare dei testi...........................................19 1.1.3.2.2La $arola come unit) lessicale elementare..........................................20 1.1.3.3,re"uen a lessicale.....................................................................................21 1.1.3.3.1#i ionari di !re"uen a -gre a...........................................................22 1.1.3.3.2,re"uen a modi!icata da criteri distribu ionali -oggettivi.................22 1.1.'La struttura statistica del lessico........................................................................23 1.2Il vocabolario di base................................................................................................26 1.2.1#e!ini ione........................................................................................................26 1.2.2/toria della lessicogra!ia dei di ionari !ondamentali........................................2+ 1.2.2.1Le origini0 di ionari basati sulla !re"uen a................................................2+ 1.2.2.2,re"uen a e criteri aggiuntivi.....................................................................30 1.2.2.3La$$roccio comunicativo1$ragmatico......................................................32 1.2.2.'2n a$$roccio !re"uen iale1comunicativo...................................................3' 1.2.33i$i di lessici.....................................................................................................35 1.2.'%roblemi di a$$lica ione...................................................................................3+ 1.3Quali e "uante sono le $arole !ondamentali4...........................................................38 2I dizionari fondamentali e di frequenza della lingua italiana (1927 200!"...............#0 2.1&utori5 !inalit) e criteri di sele ione.........................................................................'0 2.26ronologia dei lessici !ondamentali e di !re"uen a.................................................'1 2.2.137om$son 8. *. 9192+: & /tud; in Italian <ocabular; ,re"uenc;5 2niversit; o! Io=a 8asters 37esis............................................................................'2 2.2.2>nease 3. 8. 91931: &n Italian ?ord List !rom Literar; /ources5 37e /tate 2niversit; o! Io=a5 3oronto5 3oronto 2. %...............................................'2 2.2.3/@inner L. A. 91935: & 6om$arative /tud; o! t7e <ocabular; o! ,ort; ,ive Italian 3eBtboo@s. In0 8odern Language Cournal5 DD5 Eovember5 25 $$. 6+18'..........................................................................................................'3 2.2.'8igliorini F. 919'3: #er grundlegende ?ortsc7at der Italienisc7en. #ie 1500 =esentlic7sten ?Grter5 8arburg5 *l=ert...................................................'3

2.2.5(usso H. &. 919'+: & combined Italian ?ord List. In0 8odern Language Cournal5 DDDI5 &$ril5 $$. 21812'0............................................................'' 2.2.6(usso C. &. 91962: &n Italian Idiom List. In0 8odern language Cournal5 DL<I5 Canuar;5 $$. 1'121.....................................................................................'' 2.2.+Hiovanelli %. 91966: Hrund1 und &u!bau=ortsc7at . Italienisc75 /tuttgart5 *. >lett...........................................................................................................'' 2.2.8Fortolini 2.5 3agliavini 6.5 Iam$olli &. 919+1: Lessico di !re"uen a della lingua italiana contem$oranea5 8ilano5 Har anti1IF8. 9LI,:..................'5 2.2.9Cuilland &.5 3raversa <. 919+3: ,re"uenc; #ictionar; o! Italian ?ords5 37e Aague5 8outon. 9,#I:...............................................................................'6 2.2.10&linei 8. 9a cura di: 919+3: /$ogli elettronici dellitaliano letterario contem$oraneo5 Fologna5 Il 8ulino. 9/*IL6:..........................................'+ 2.2.11(eis@e A. 919+': <A/1Italienisc7 2nterric7t und <A/1Ierti!i@at Italienisc75 ,ran@!urt5 %Jdagogisc7e &rbeitsstelle1#eutsc7er <ol@7oc7sc7ulverband. ...................................................................................................................'+ 2.2.12Faldelli I.5 8a etti &. 919+': <ocabolario minimo della lingua italiana $er stranieri5 ,iren e5 Le 8onnier...................................................................'8 2.2.13/ciarone &. H. 919++: <ocabolario !ondamentale della lingua italiana5 Fergamo5 8inerva Italica..........................................................................'8 2.2.1'#i ionario illustrato $er luso essen iale della lingua 919+8: 3orino5 /*I. 9#.I.L.:.......................................................................................................'9 2.2.15#e 8auro 3. et alii 91980:5 Il vocabolario di base della lingua italiana. In0 #e 8auro 3.5 Huida alluso delle $arole5 (oma5 *ditori (iuniti5 $$. 1'611+2. 9<dF:.........................................................................................................50 2.2.16Habrielli &. 9a cura di: 91981: Il mio $rimo di ionario illustrato5 8ilano5 8ondadori.................................................................................................52 2.2.1+Halli de %aratesi E. 91981: Livello soglia $er linsegnamento dellitaliano come lingua straniera. /trasburgo5 6onsiglio d*uro$a............................52 2.2.18Fatinti &.5 3renta ?. 91982: (icerc7e sul lessico di base dellitaliano contem$oraneo5 %erugia5 Huerra...............................................................5' 2.2.19#i ionario illustrato della lingua italiana $er la scuola dellobbligo 91986: 8ilano5 *ditrice %iccoliK8ondadori..........................................................55 2.2.20<ocabolario elettronico della lingua italiana. Il vocabolario del 2000 91989: 8ilano5 IF8 Italia. 9<*LI:.......................................................................55 2.2.216annella 8. 9a cura di: 91991: Il $rimo Ianic7elli. <ocabolario elementare di italiano5 Fologna5 Ianic7elli.....................................................................5+ 2.2.22>aterinov >.5 Foriosi >aterinov 8. 6.5 /ciarone &. H. 91991: 6alcolo di rendimento di liste base0 italiano $arlato5 italiano scritto5 livello soglia5 %erugia5 Huerra. 9>F/:.............................................................................5+ 2.2.23#e 8auro 3.5 8ancini ,.5 <edovelli 8.5 <og7era 8. 91993: Lessico di !re"uen a dellitaliano $arlato5 8ilano5 *taslibri. 9LI%:...........................58 2.2.2'8arconi L.5 Ott 8.5 %esenti *.5 (atti #.5 3avella 8. 9199': Lessico elementare. #ati statistici sullitaliano letto e scritto dai bambini delle elementari5 Fologna5 Ianic7elli. 9L*:.......................................................59 2.2.25Fertinetto %. 8.5 Furani 6.5 Laudanna &.5 8arconi L.5 (atti #.5 (olando 6.5 37ornton &. 91995: 6or$us e Lessico di ,re"uen a dellItaliano /critto 96oL,I/:....................................................................................................61 2.2.26/avino *. 9a cura di: 91995: Il mio $rimo vocabolario5 8ilano5 8ursia........62 2.2.2+#e 8auro 3.5 8oroni H. 91996: #i ionario di base della lingua italiana5 3orino5 %aravia. 9#IF:...............................................................................62

2.2.28#e 8auro 3.5 8oroni H. 9199+b: %rime $arole. #i ionario illustrato di base della lingua italiana5 3orino5 %aravia.........................................................63 2.2.29#e 8auro 3.5 8oroni H. 9199+a: #&I6. #i ionario avan ato dellitaliano corrente5 3orino5 %aravia...........................................................................63 2.2.30%ut er O. 9a cura di: 91998a: Filinguismo. I=eis$rac7ig@eit. Lessico di base. Hrund=ortsc7at 5 Fol ano5 &r@adia. %ut er O. 9a cura di: 91998b: Lessico a$$ro!ondito. &u!bau=ortsc7at 5 Fol ano5 &r@adia.................................6' 2.2.316resti *.5 8oneglia 8. 9a cura di: 9200': 6am$ionamento 6or$us /tammerLo7ann..........................................................................................6' 2.2.32(inaldi %.5 Farca L.5 Furani 6. 9200': 6aratteristic7e semantic7e5 grammaticali e di !re"uen a delle $arole del -%rimo <ocabolario del Fambino.. In0 %sicologia clinica dello svilu$$o5 85 $$. 11911'3..............65 2.2.33Faldelli I.5 8a etti &.5 ,alcinelli 8.5 /ervadio F. 92005: #i ionario !ondamentale della lingua italiana $er stranieri5 ,iren e5 Le 8onnier......66 2.33abella riassuntiva e com$arativa............................................................................66 2.'La $arola come segno linguistico nei lessici di !re"uen a e di base........................68 2.5(iassunto5 $ros$ettive...............................................................................................+0 $I dizionari fondamentali e di frequenza della lingua ung%erese (19$$ 200!"..........7# 3.1&utori5 !inalit) e criteri di sele ione.........................................................................+' 3.26ronologia dei lessici !ondamentali e di !re"uen a dellung7erese.........................+5 3.2.1Eemes I. 91933: & mag;ar $arlamenti n;elv legg;a@oribb s avai. & *g;sMges 8ag;ar H;orsNrOs >Gn;vtOra 66.5 / eged.................................+5 3.2.26ser C. 91939: & mag;ar g;erme@ s P@incse. H;a@orisOgi Ms @ors PtOr5 Fuda$est5 8ag;ar %edagPgiai 3OrsasOg....................................................+6 3.2.3Eemes I. 919'1: / Pstatis ti@a eg;milliP s Ptagot !elGlelQ RLsOgs Gvege@ ala$LOn. & *g;sMges 8ag;ar H;orsNrOs >Gn;vtOra 190.5 / eged...........++ 3.2.'6siri@nM 6 ac7es *.5 6siri@ C. 91986: SLsOgn;elvi g;a@orisOgi s PtOr. / eged5 Cu7Os H;ula 3anOr@M$ Q ,Qis@ola...........................................................+8 3.2.5,Tredi 8.5 >elemen C. 91989: & mai mag;ar n;elv s M$$rP ai g;a@orisOgi s PtOra 91965119++:5 Fuda$est5 &@adMmiai >iadP....................................80 3.2.6&radi &.5 *rdQs C.5 /turc I. 92000: >Ts Gbs int5 8ag;ar mint idegen n;elv. /trasbourg5 *urP$a 3anOcs........................................................................81 3.2.+6siri@nM 6 ac7es *.5 6siri@ C. 92002: 10116 Mves tanulP@ NrOsbeli s P@incsMne@ g;a@orisOgi s PtOra5 Fuda$est5 FI%.....................................83 3.2.8FOcsi C.5 >ere@es C. 92003: & elsQ os tOl;os olvasP@Gn;ve@ s Pan;agObPl @Ms Tlt g;a@orisOgi s PtOr0 -<an s P.. In0 8Pds ertani @G lemMn;e@5 '35 25 $$. 53158................................................................................................8' 3.2.9#i ionario di !re"uen a ?ord/=ord 9200':.....................................................8' 3.23abella riassuntiva e com$arativa............................................................................86 3.3(iassunto5 $ros$ettive...............................................................................................86 # &lcune a''licazioni dei lessici di frequenza e di base...............................................(( '.1Lessicogra!ia.............................................................................................................88 '.1.1La sele ione dei lemmi......................................................................................89 '.1.2La de!ini ione lessicogra!ica.............................................................................92 '.1.3#ati di !re"uen a e marc7e duso......................................................................96 '.1.'&cce ioni5 colloca ioni ed es$ressioni $olirematic7e.....................................102 '.2/tilometria e scrittura di testi di di!!icolt) controllata............................................106 '.2.2Il mensile due $arole.......................................................................................108 '.2.36odice di stile..................................................................................................110 '.3&$$lica ioni in!ormatic7e......................................................................................111

'.3.23rattamento automatico del linguaggio...........................................................112 '.3.33ecnologie della lingua $arlata.......................................................................116 5Il lessico nei sistemi di certificazione.........................................................................11( 5.1Hli a$$orti del 6onsiglio d*uro$a........................................................................118 5.1.1Livello soglia...................................................................................................118 5.1.2Il Quadro comune euro$eo $er le lingue.........................................................121 5.1.2.1La com$eten a lessicale nel Quadro comune...........................................12' 5.26erti!icati na ionali di italiano L2..........................................................................126 5.2.16erti!ica ione di Italiano come Lingua /traniera 96IL/:...............................126 5.2.26erti!icato di 6onoscen a della Lingua Italiana 96*LI:.................................128 5.2.36erti!icato di 6om$eten a della Lingua 9%LI#&:..........................................131 !Il lessico del manuale Progetto italiano 1..................................................................1$$ 6.1Il cor$us di ri!erimento...........................................................................................13' 6.2La reali a ione......................................................................................................13' 6.2.1(e$erimento dei dati........................................................................................135 6.2.2Lemmati a ione ed organi a ione dei dati..................................................13+ 6.3I risultati..................................................................................................................139 6.3.16aratteri "uantitativi del lessico......................................................................1'0 6.3.26aratteri "ualitativi del lessico........................................................................1'5 6.3.2.1/ostantivi..................................................................................................1'6 6.3.2.2<erbi.........................................................................................................1'8 6.3.2.3&ggettivi...................................................................................................1'9 6.3.2.'&vverbi.....................................................................................................151 6.3.2.5*sotismi....................................................................................................151 6.3.2.6Eomi $ro$ri..............................................................................................152 6.3.2.+Interie ioni e !onosimboli.........................................................................153 6.3.2.8%olirematic7e............................................................................................15' 6.3.2.96onclusioni...............................................................................................155 6.'6om$ara ione del glossario con il <dF.................................................................156 6.5Hrado di co$ertura del lessico................................................................................161 6.6&$$orti di un di ionario di base ung7erese............................................................16' 6.+/uggerimenti $er gli autori dei libri di testo...........................................................168 7)onclusioni...................................................................................................................171 *ibliografia.....................................................................................................................17$ &''endice.......................................................................................................................1(# Lista &18' Lista F 230 Lista 6 230

'

0 Premessa
Linsegnamento dellitaliano come lingua straniera in 2ng7eria 7a lung7e tradi ioni. &ttualmente sinsegna italiano in $iU di 250 scuole $rimarie 9elementari e medie secondo lordinamento italiano: e secondarie5 a $iU di 15.000 studenti.1 *sistono due licei bilingui5 il >odOl; IoltOn di %Mcs e il / ent LOs lP di Fuda$est in cui si $uV sostenere lesame di maturit) italiano. W inoltre in !un ione una se ione $rivata elementare1media italiana $resso una scuola di Fuda$est. 6oncentrandoci $rimariamente sullistru ione $ubblica5 non si enumerano le varie scuole di lingua5 s$arse su tutto il territorio na ionale5 in cui5 !ra laltro5 si insegna la lingua italiana. Lattivit) didattica dellitaliano come lingua straniera5 "uindi5 X e continua ad essere molto intensa. 6on la liberali a ione dellistru ione $ubblica nel 19895 X cambiata la $rassi di adottare in tutte le scuole $rimarie e secondarie gli stessi libri didattici5 $revisti dal 8inistero dellIstru ione %ubblica. #allora in $oi5 s$etta agli insegnanti di scegliere dallo!!erta degli editori ung7eresi ed interna ionali il libro didattico da usare. W una scelta c7e andrebbe o$erata in vista di una serie di criteri0 da un lato occorre tener $resente il livello di conoscen a5 le ca$acit)5 gli obiettivi dei discentiY dallaltro bisogna avere indica ioni $recise sulle com$eten e linguistic7e c7e gli allievi alla !ine del $eriodo di a$$rendimento dovrebbero $adroneggiare. 8entre il $rimo gru$$o di criteri ric7iede in ogni caso una valuta ione ad 7oc da $arte del docente5 la !issa ione degli obiettivi didattici nei vari livelli di conoscen a X una "uestione c7e va a!!rontata in modo sistematico. La mancan a di ric7ieste standardi ate5 in!atti5 causa diversi $roblemi5 non solo nelle scuole elementari e medie5 ma so$rattutto a livello universitario5 giacc7M il grado di conoscen a degli studenti c7e 7anno im$arato litaliano in diverse scuole su$eriori o licei del %aese5 $uV essere5 e s$esso X molto di!!erente. La standardi a ione dei re"uisiti X anc7e al centro delle varie certi!ica ioni di conoscen a delle lingue straniere5 tuttavia a livello na ionale non X ancora avvenuta nM larmoni a ione dei re"uisiti dei vari ti$i desame di lingua5 nM la normali a ione degli obiettivi didattici dellinsegnamento delle lingue straniere nelle scuole $rimarie e secondarie.

0.1

Obiettivi della ricerca

Questa tesi si $ro$one di o!!rire un aiuto teorico e $ratico agli insegnanti di lingua5 ma anc7e a coloro c7e si occu$ano di valuta ione e di certi!ica ione di conoscen a di lingue straniere. &mbedue i gru$$i si trovano in una situa ione di!!icile5 $oic7M non esiste un re$ertorio 9nM lessicale5 nM grammaticale: comunemente accettato c7e de!inisca con su!!iciente c7iare a5 di "uali elementi si $uV $retendere la conoscen a ad un determinato livello. La tesi mira a soddis!are esigen e sussistenti5 !ornendo delle $ro$oste concrete $er stabilire un lessico !ondamentale della lingua italiana5 c7e si $one come livello lessicale minimo a livello elementare5 ossia come livello di -entrata. $er ottenere un certi!icato di conoscen a di livello base 9&2: della lingua italiana. /i c7iariscono i criteri e i metodi della sele ione del materiale lessicale5 e tramite lanalisi
1

#ati ricavati dal sito dellIstituto Italiano di 6ultura di Fuda$est0 ===.iicbuda$est.esteri.it.

del lessico di uno dei manuali attualmente $iU di!!usi nellinsegnamento dellitaliano5 si !orniscono $ro$oste concrete in merito al materiale da inserire nella $rogetta ione eKo valuta ione. 6i occu$eremo esclusivamente del $roblema della sele ione del materiale linguistico5 c7e $recede tutte le altre attivit) didattic7e5 e c7e 7a la !un ione di identi!icare "uel nucleo di conoscen e c7e !unge da $unto di $arten a e di ri!erimento costante durante il $rocesso da$$rendimento eKo di valuta ione. La tesi si articola nel modo seguente. Questa $arte introduttiva 7a lo sco$o di de!inire gli obiettivi e i contenuti della ricerca. Eel ca$itolo 1 si $assa in rassegna levolu ione dei di ionari !ondamentali e di base5 due strumenti indis$ensabili c7e tuttoggi in!luen ano in modo determinante la sele ione del vocabolario !ondamentale. /co$o di "uesto $rimo ca$itolo X di situare la ricerca nel contesto bibliogra!ico interna ionale e di discutere alcune "uestioni !ondamentali. /eguono i ca$itoli 2 e 35 dedicati alla descri ione dei di ionari !ondamentali e di !re"uen a di cui dis$oniamo $er litaliano e $er lung7erese. /i con!rontano le loro caratteristic7e $rinci$ali 9destinatari5 cor$us e metodi di sele ione5 carico degli es$onenti ecc.:5 al !ine di re$erire "uei lavori c7e $ossono !ungere da $unti di ri!erimento $er la costru ione di un vocabolario !ondamentale $er litaliano L2. 2 Eel ca$itolo ' si !a un $iccolo eBcursus ris$etto allobiettivo originario del lavoro0 si $resentano alcune a$$lica ioni linguistic7e e in!ormatic7e dei lessici di !re"uen a e di base5 con $articolare riguardo ai risvolti lessicogra!ici. Eel ca$itolo 5 si descrivono le ini iative $rese a livello euro$eo in merito alla de!ini ione dei livelli di conoscen a delle lingue straniereY la seconda $arte X una $resenta ione dei re"uisiti lessicali $revisti da alcuni sistemi di certi!ica ione di com$eten a in italiano L2. Eel ca$itolo 6 si discutono i dati em$irici emersi dallanalisi del glossario di uno dei libri didattici $iU di!!usi nellinsegnamento dellitaliano L2 in 2ng7eria. Il Progetto italiano 1 di 3. 8arin e /. 8agnelli 92006: X uno dei $oc7i libri didattici c7e dic7iaratamente si orientano al Quadro comune europeo di riferimento per le lingue e alle ti$ologie delle certi!ica ioni italiane 9c!r. se . 5.2:. /i esaminano le caratteristic7e "uantitative e "ualitative del lessico insegnato5 successivamente si con!ronta il materiale lessicale $ro$osto con due liste di ri!erimento $er litaliano0 il Vocabolario di base della lingua italiana di #e 8auro et al. 91980: e il Lessico di frequenza dellitaliano parlato 9#e 8auro et al. 1993: e il vocabolario di base della lingua ung7erese 9&radi et al. 2000:. /i veri!ica il grado di co$ertura del lessico $ro$osto ris$etto ad alcuni eserci i della $rova di lettura dellesame di certi!ica ione 6*LI. Il ca$itolo termina con delle $ro$oste indiri ate agli autori dei manuali didattici5 in merito al lessico da includere e da escludere dai libri di testo. Lultimo ca$itolo riassume le conclusioni relative ai criteri di sele ione di un vocabolario !ondamentale5 $ensato $er linsegnamento dellitaliano L2. Il glossario allegato contiene il lessico incluso nel manuale Progetto italiano 15 integrato con delle indica ioni emerse dal con!ronto con le suddette o$ere.

0.2

Il lessico nellinsegnamento della L2

Eello svilu$$o della com$eten a comunicativa in una L2 "uale im$ortan a deve avere il !attore lessicale4 /i $uV intuire c7e il lessico 7a un ruolo non trascurabile nellac"uisi ione di una L2. Fasta $ensare al !atto c7e c7i va in un %aese di cui non conosce la lingua5 $er tentare di so$ravvivere linguisticamente5 si $rocura un vocabolario di "uella lingua5 non una grammatica.
2

%er L2 9lingua due: si intende una lingua c7e non X la lingua madre 96iliberti 199'0 21':.

Hiacalone (amat 919930 3'+: in uno studio sullac"uisi ione s$ontanea dellitaliano L2 individua nel $rocesso da$$rendimento tre !asi. Le variet) basic7e com$rendono i $rimi tentativi dei $arlanti di !arsi ca$ire e consistono $revalentemente di elementi lessicali e di $oc7i elementi !un ionali5 e non sono $resenti o$$osi ioni mor!ologic7e di nessun ti$o. La seconda !ase X caratteri ata dallaumento degli elementi lessicali5 mentre le varia ioni mor!ologic7e restano !enomeni casuali. Lac"uisi ione delle strutture della lingua darrivo avviene nelle !asi successive5 in cui la$$rendente ac"uisisce le classi di $arole insieme alle loro $ro$riet) mor!ologic7e. Il !attore lessicale 7a un ruolo decisivo nelle !asi ini iali della$$rendimento5 giacc7M la comunica ione in "uesto $rimo $eriodo X a!!idata esclusivamente alla carica semantica degli elementi lessicali. In realt)5 anc7e se il ra$$orto tra i due ti$i di a$$rendimento 9"uello s$ontaneo e "uello guidato: non X stato ancora c7iarito5 le ricerc7e 7anno dimostrato c7e -anc7e gli a$$rendenti guidati5 "uando devono usare la lingua in conversa ioni naturali e non in eserci i scolastici5 si com$ortano in maniera molto simile agli a$$rendenti stranieri. 9ivi5 $. 3'2:. Inoltre5 Fettoni 920010 61: osserva c7e $er!ino nei livelli $iU avan ati5 gli errori lessicali sono5 ris$etto a "uelli grammaticali5 notevolmente $iU comuni5 sono "uelli c7e i $arlanti nativi notano di $iU5 in!ine sono "uelli c7e recano $iU danno ai !ini comunicativi. %ertanto il lessico X della massima im$ortan a5 in tutti gli stadi della$$rendimento. Eel dibattito su metodi e a$$rocci di insegnamento delle lingue straniere esistono tenden e c7e mirano ad accentuare la $ortata del lessico. Il c.d. -a$$roccio lessicale. X emerso agli ini i degli anni Eovanta. *sso $arte dallidea c7e si $ossa arrivare alla com$eten a nella lingua straniera attraverso un insegnamento basato sul lessico5 e in $articolare c7e la stessa grammatica vada a$$resa contem$oraneamente e insieme al lessico5 $oic7M essa X integrata nel lessico.3 In una visione tradi ionale la$$rendimento del lessico riguarda lac"uisi ione delle $arole5 cioX del -vocabolario.. <ocabolario e grammatica sono due entit) se$arate0 da una $arte si studiano le regole della grammatica5 dallaltra si studiano i vocaboli. La lingua si identi!ica $revalentemente con la struttura grammaticale $iuttosto c7e con il lessico5 considerato come un insieme di -$acc7etti di signi!icato.. La$$roccio lessicale contesta "uesta conce ione5 in "uanto lo studio della grammatica va integrato in "uello del lessico5 $oic7M il lessico X esso stesso una com$onente $ortatrice di in!orma ione grammaticale. Le $arole non si combinano liberamente !ra loro5 ma seguono alcune $re!eren e di sele ione. Le colloca ioni sono s$eci!ic7e di ogni vocabolo e $ermettono di $revedere il signi!icato in base alla com$atibilit) !ra due $arole. 6erte $arole si $resentano con !re"uen e stabili accanto ad altre5 consentendo di individuare anc7e nel lessico as$etti sistematici c7e non sono regole vere e $ro$rie5 ma almeno tenden e. 2n contributo $ratico lo 7a !ornito il $rogetto 6OF2IL#5 basato sullanalisi di !re"uen a e di contesto di un cor$us dellinglese di ca. 20 milioni di occorren e. Il $rogetto 7a dato luogo a un di ionario5 una grammatica e un corso di lingua. La ricerca 7a !ornito non $oc7e sor$rese anc7e dal $unto di vista della veri!ica delle regole grammaticali generalmente di!!use nei materiali didattici. /embra5 in!atti5 c7e ci sia una correla ione tra la !re"uen a delle $arole e la !re"uen a delle strutture grammaticali in cui esse occorrono 9?illis 19900 <I:5 $ertanto concentrandosi sulle $arole $iU !re"uenti5 si $ossono illustrare tutti gli as$etti $rinci$ali della grammatica di base. Lessico e grammatica non vanno a$$resi se$aratamente5 visto c7e lidenti!ica ione corretta delle unit) lessicali com$orta anc7e unelabora ione dei nessi sintattici ed altri as$etti trattati tradi ionalmente dalla grammatica. Lim$ortan a del lessico X riconosciuta oggi sem$re di $iU5 e$$ure gli studi sul lessico sono relativamente $oc7i. 6iV si deve $rinci$almente a un motivo !ondamentale0 il
3

/ulla$$roccio lessicale si vedano /erra Forneto 91998: e Fettoni 92001:.

lessico5 assai $iU c7e la grammatica5 X un sistema a$erto5 di!!icile da ricondurre a regole5 $ieno di $oten ialit) creative.' %er "uesto a $rima vista a$$are $iU !acile esaminare la grammatica5 c7e $er sua natura tende ad essere $iU sistemati abile. Eon sor$rende "uindi5 c7e mentre $er la !onologia e $er la sintassi la didattica delle lingue straniere 7a ormai addottato i risultati degli studi in materia5 linsegnamento del lessico continua a seguire $iU il buon senso c7e le statistic7e derivanti da cor$ora. 3uttavia5 nonostante levidente di!!icolt) di ricondurre il lessico a generali a ioni5 si stanno !acendo $assi avanti nella dire ione di una maggiore consa$evole a del suo !un ionamento5 basta $ensare ai lavori di analisi di vasti cor$ora in tutte le $rinci$ali lingue del mondo. W stato !inalmente riconosciuto c7e $ro$rio $erc7M il lessico 7a unorgani a ione interna meno sistematica5 e $erciV nella$$rendimento $resenta minori regolarit) di svilu$$o5 le considera ioni esterne 9i criteri !ormali5 semantici e di contrastivit) tra L1 e L2: assumono nel caso del lessico unim$ortan a maggiore c7e non nel caso della grammatica.5

0.2.1 +uanto lessico si deve insegnare


Quando $ossiamo dire di conoscere il vocabolario di una lingua4 Il vocabolario di ogni lingua com$rende un numero considerevole di $arole. *cco alcuni esem$i5 $er limitarci ai testi $iU noti.
Dizionario della lingua italiana 9#evoto1Oli 200': Dizionario della lingua italiana per il terzo millennio 9#e 8auro 2000: Grande dizionario della lingua italiana 9Fattaglia 1961: Grande dizionario italiano delluso 9#e 8auro 1999: Dizionario italiano Sabatini Colletti 9/abatini16oletti 199+: Vocabolario della lingua italiana 9Iingarelli 2006: ingarelli minore 92001: Quante $arole ci sono nei vocabolari4 100.000 160.000 210.000 250.000 Z 100.000 es$ressioni $olirematic7e 153.500 136.000 56.000

Eumeri del genere sono $erV solo $rime a$$rossima ioni alla numerosit) del lessico0 la "uantit) di $arole c7e ciascun $arlante riconosce e sa usare varia da individuo a individuo5 secondo il livello distru ione5 le conoscen e5 le es$erien e5 gli ambiti $ro!essionali $raticati5 e $er!ino le conoscen e lessicali individuali cambiano nel tem$o. <aluta ioni intuitive sostengono c7e il lessico di una lingua di cultura com$renda ca. 200.000 $arole e insieme ai termini dei linguaggi s$eciali si arriva !acilmente a 500.0005 di cui il $arlante medio conosce ca. il 10[ 98er agora 19830 3':. & numeri simili giungono 6orda e 8arello 9199'0 29:0 dei circa 100.000 lemmi registrati dai di ionari duso un italiano conoscerebbe circa il 60180[. (is$etto a "uello ricettivo5 il vocabolario $roduttivo X di dimensioni molto in!eriori. Le $arole conosciute ricettivamente e $roduttivamente dalla maggior $arte dei $arlanti5 sarebbero5 secondo #e 8auro5 tra le 30.000 e le 50.000. Queste voci a$$artengono al c.d. !ocabolario comune c7e

'

Aallida; 9196'0 20+: $arla di sistemi c7iusi 9closed s"stems: a livello grammaticale e di serie a$erte 9open sets: a livello di lessico. 8artinet 919660 1+119: a $ro$osito delle unit) signi!icative della lingua5 7a distinto i mor!emi limitati di numero dai lessemi c7e sono invece di numero illimitato. 5 Eotiamo5 tuttavia5 c7e criteri esterni5 come la !re"uen a5 sono stati introdotti anc7e nellinsegnamento della !onetica e $er la sintassi 9#e 8auro 19+90 301335 >aterinov 19910 6:.

-$arecc7ie $ersone di $arecc7ie categorie abbastan a diverse tra loro $ossono ca$ire e $er!ino usare in "ualun"ue discorso5 con un interlocutore di "ualun"ue categoria $ro!essionale o regione. 9#e 8auro 19800 85:.

In realt)5 $er es$rimersi in modo c7iaro5 non X necessario un grandissimo numero di $arole. /econdo <erlMe 9195': le $ersone -sem$lici. non usano5 oltre una "uantit) variabile di termini tecnici5 $ro$ri del loro ambiente5 $iU di 2.000 $arole diverse5 mentre gli intellettuali usano correntemente '.00015.000 $arole.6 #ato c7e X im$ossibile dominare una lingua in "ualc7e anno di studio in $oc7e ore la settimana5 gli insegnanti si sono resi conto della $ossibilit) di cominciare linsegnamento del lessico di una lingua da un nucleo ristretto di $arole5 c7e $ermette al discente un livello minimo di com$rensione di "ualsiasi testo. 3uttavia5 data lassen a di ci!re a!!idabili sullestensione del lessico $roduttivo e ricettivo5 X di!!icile stabilire "uante $arole dovrebbe conoscere un $arlante straniero $er ca$ire un testo scritto o $arlato. Hli studi in materia segnalano solo c7e lac"uisi ione $rocede molto lentamente0 gli allievi c7e studiano una lingua alle scuole su$eriori5 7anno alla !ine un vocabolario ricettivo di 3.000 $arole e un vocabolario $roduttivo di circa 1.500 98arello 199'0 29:. Quante $arole bisogna im$arare $er comunicare in un livello elementare4 La gran $arte degli autori 9ad es. >T7n 19+95 /ciarone 19++5 Fettoni 2001: $arla di ca. 213.000 vocaboli della L25 c7e la$$rendente deve conoscere e sa$er usare5 insieme alle loro caratteristic7e !ormali5 sintattic7e e semantic7e.

0.2.$ +uale lessico si deve insegnare


Le $arole del vocabolario ricettivo e $roduttivo del $arlante straniero dovrebbero rientrare il $iU $ossibile nel -vocabolario di base. dellitaliano5 a "uel nucleo di $arole cioX5 c7e sono com$rensibili $er la maggioran a della $o$ola ione. 3uttavia5 $er stabilire "uali $arole deve a$$rendere uno studente straniero5 occorre c7iarire a "uale sco$o sta im$arando litaliano. Lobiettivo c7e ci si $re!igge determina la scelta tra lingua scritta o $arlata5 il livello di s$eciali a ione nei linguaggi settoriali5 ecc. Eella maggioran a dei casi5 lo sco$o $er cui si segue un corso di lingua5 X ac"uisire una com$eten a globale della lingua straniera5 $er essere in grado di ca$ire testi scritti e $arlati5 comunicare $er iscritto e oralmente nella lingua straniera. /e accettiamo c7e devono essere $osti dei limiti alla$$rendimento del lessico5 sar) o$$ortuno scegliere i vocaboli $iU utili $er il discente5 "uelli cioX c7e $otranno essere usate in un gran numero di circostan e. %er un ristretto numero di $arole \ !ra 500 e 1.000 \ X e!!ettivamente $ossibile dare un giudi io dim$ortan a5 il $roblema della sele ione di un vocabolario di base a!!iora invece $er le $rime migliaia di $arole5 $er le "uali non $ossiamo es$rimere un giudi io dim$ortan a a $rima vista.+ Oltre le $rime 500 $arole $iU !re"uenti si $ossono avere delle sor$rese5 a$$unto $er "uesto basarsi soltanto sulla $ro$ria im$ressione di $arlante nativo o di $arlante straniero es$erto non basta. <ale la $ena avvalersi anc7e dei calcoli di !re"uen a o delle indica ioni contenute in alcuni di ionari.
6

Huiraud 9195': 7a dimostrato c7e Faudelaire5 $ur dis$onendo di un vocabolario di ca. 25.000 $arole5 ne 7a usato solo '.000 ne Les fleurs du mal. *gli X giunto alla conclusione c7e la gran $arte degli scrittori non usa $iU di '.000 $arole5 $erV ciV non gli im$edisce di a!!rontare argomenti com$lessi. + /ciarone 919950 33: nota c7e mentre le $rime 500 $arole delle liste basate sulla sola !re"uen a 9ad es. /ciarone 19++: coincidono tenden ialmente con le $rime 500 $arole delle liste basate sulles$erien a degli autori 9ad es. (eis@e 19+'5 Faldelli e 8a etti 19+':5 con il diminuire della !re"uen a tale correla ione diminuisce $rogressivamente.

Eel $rossimo ca$itolo $resentiamo la storia e le $roblematic7e relative alla costitu ione e allutilit) dei di ionari di !re"uen a e di base.

10

Dizionari di frequenza e vocabolari di base

I di ionari di !re"uen a sono il naturale antecedente5 logico e cronologico5 dellelabora ione dei vocabolari !ondamentali. I vocabolari !ondamentali5 in!atti5 si identi!icano s$esso con la ona di massima !re"uen a duso delle $arole di una lingua. In "uesto ca$itolo si d) un breve $anorama della ti$ologia5 dello svilu$$o e delle $rinci$ali aree dinteresse di "uesti due ti$i di $rodotti lessicogra!ici5 in!ine si $assano in rassegna i $roblemi relativi alla loro a$$lica ione.

1.1

Il dizionario di frequenza

1.1.1 Definizione e ti'ologia


-I lessici di !re"uen a sono delle liste lemmati ate organi ate in ordine di !re"uen a decrescente. Lutilit) dei lessici di !re"uen a basati su grandi cor$ora di ri!erimento risiede nella $ossibilit) di !ornire un "uadro delle $rinci$ali !asce duso dei lessemi e della loro co$ertura testuale..

In con!ormit) alla de!ini ione di 67iari 9200+0 +5:5 non esamineremo liste di !re"uen a di !onemi5 mor!emi e strutture grammaticali anc7e se tali lavori a volte si $ossono c7iamare vocabolari. #al $unto di vista $rototi$ico5 gli elementi macrostrutturali di un di ionario di !re"uen a sono le $arole 9lemmi eKo !orme:5 mentre la sua microstruttura in!orma sugli as$etti !re"uen iali delle $arole tramite dati di !re"uen a ed altri valori. %er !re"uen a si intende il numero di volte c7e una $arola o altro !enomeno linguistico occorre in un testo. La !re"uen a 9,: $uV essere assoluta e si es$rime con il numero di volte c7e il !enomeno occorre5 o$$ure relativa5 ossia ri$ortata al totale delle $arole di un testo 9E: 9Feccaria 200'0 3'3:. La !re"uen a relativa 9,KE: si es$rime in decimale o in $ercentuale 9"uando il valore della !re"uen a relativa X molti$licato $er 100:. 2n estratto da un ti$ico di ionario di !re"uen a $otrebbe essere il seguente.
2/&H* 1 2 3 ' 5 6 + 8 di prep. il a. la a. e con#. a prep. in prep. uno a. essere !. 2'+98.22 213+5.36 21100.01 13329.33 10316.5' 8+2+.88 8'3'.+1 6623.0' ,(*Q2*E6] #I/%*(/IOE ,I(/3 ,I<* A2E#(*# di prep. 28659 dimenticato ad#. il a. 2'333 riconoscibile ad#. la a. 23663 rogo n. e con#. 1'658 vacan a n. in prep. 11'25 elante ad#. a prep. 10901 "uattro ad#. uno a. 9333' an i ad!. essere !. 819' $eso n.

100.000 100.000 100.000 100.000 100.000 95.60 95.30 95.2'

*stratto da Cuilland 919+30 '05:.

Eella $rima colonna X ri$ortato il rango di ogni lemma5 ovvero il $osto occu$ato da ciascun elemento nelle tre liste di uso5 !re"uen a e dis$ersione decrescente5 seguono $oi

11

in tre colonne i lemmi stessi con indica ione della categoria grammaticale e dei valori duso5 !re"uen a e dis$ersione5 ris$ettivamente. &ccanto ai dati di !re"uen a assoluta a$$aiono "uindi dati di distribu ione eKo di !re"uen a derivatiKmodi!icati5 come il coe!!iciente duso o la dis$ersione5 come vedremo $iU avanti nella se . 1.1.3.3. La seguente lista5 da trovare sem$re in Cuilland5 7a una microstruttura $iU dettagliata.
abile ad#. abile abili abilit, n. abilit) abisso n. abissi abisso #.1$ $ % 3 1 3 1 2.!# + 3 7.(0 1 1 ' 5 0 9 1 ! 1 0 1 7 0 1# % 0 2 ( 3 ' ' % 2 0 !(.(2 1 & 0 0 1 0 $7.7$ 0 0 55.!( ' & 2 2 0 0

*stratto da Cuilland 919+30 ':.

Eella tabella si trovano le seguenti in!orma ioni0 la $rima riga ri$orta in grassetto il lemma seguito dalla categoria lessicale5 mentre le ci!re ra$$resentano il coe!!iciente duso5 di !re"uen a e dis$ersione5 ris$ettivamente. La $rima ci!ra della seconda riga X il numero totale di occorren e5 segue $oi il numero delle occorren e in ogni genere di testo 9Cuilland 19+3: contiene cin"ue strati con 100.000 $arole ciascuno:. Le eventuali varianti mor!ologic7e sono men ionate nelle rig7e seguenti5 corredate delle stesse in!orma ioni della seconda riga. Le di!!eren e di macrostruttura risultano $iU di tutto dalla scelta lessicale e!!ettuata e dal grado di esaustivit) c7e il di ionario di $re!igge0 mentre le liste di !re"uen a generali5 come il Lessico di frequenza della lingua italiana di Fortolini et al. 919+1:5 sono nate $er !ornire dati statistici sullinsieme del lessico di una linguaY altri di ionari sono dedicati a lingue s$eciali o settoriali0 il lavoro di 8arconi et al. 9199':5 ad esem$io5 anali a il lessico dei bambini delle elementari. /i $ensi in!ine alle concordan e letterarie dedicate ad un singolo autore.1 & causa della varia ione delle lingue naturali5 i domini $iU im$ortanti di tale varia ione5 "uello geogra!ico5 sociale5 individuale5 tem$orale e di contenuto5 si ritrovano come restri ioni nella macrostruttura dei di ionari di !re"uen a. /trettamente legato ai suddetti X lam$ie a del cor$us c7e serve come base em$irica $er il di ionario 9c!r. 1.1.3.1:0 di norma $iU largo X il cor$us5 $iU elementi si trovano nella macrostruttura5 ma anc7e "ui si $uV e!!ettuare una sele ione. Cuilland 919+3:5 ad esem$io5 ri$orta i lemmi con un coe!!iciente duso su$eriore a 35 ottenendo cos^ 5.01' entrate. &ltre di!!eren e di macrostruttura riguardano la !orma e la dis$osi ione delle entrate. 3enden ialmente si distinguono tre solu ioni0 alcuni di ionari ri$ortano solo i lemmi5 ma non le ris$ettive !orme5 ad es. /ciarone 919++:5 altri invece5 elencano solo le !orme trovate nel cor$us 9)ordS*ord 200':. 3utte e due le $ossibilit) 7anno vantaggi e svantaggi. #ando solamente i lemmi5 si $riva il lettore di una serie di in!orma ioni grammaticali0 egli non verr) a sa$ere "uali !orme 9declinate o coniugate: delle $arole in oggetto sono $iU !re"uenti e come sono distribuiti. *lencando invece la sola !re"uen a delle !orme5 il lettore curioso della !re"uen a di un determinato lemma5 dovr) e!!ettuare ogni volta i conteggi necessari. La solu ione $iU !elice X di ri$ortare5 sotto ogni lemma anc7e le ris$ettive !orme come in Fortolini et al. 919+1:5 #e 8auro et al. 91993: e altri.
1

2na concordan a X la $resenta ione delle $arole di un testo con lindica ione della !re"uen a con la "uale la $arola occorre e il contesto linguistico $recedente e successivo 967iari 200+0 +2:. Le concordan e $ermettono di osservare i diversi usi di una $arola5 ed esaminare i contesti in cui a$$are.

12

Quanto alla dis$osi ione delle entrate5 esse $ossono essere sistemate in ordine al!abetico5 al!abetico inverso5 di !re"uen a decrescente5 $er lung7e a decrescente5 ecc. In Fortolini et al. 919+1:5 ad esem$io5 i lemmi e le ris$ettive !orme sono ordinati in ordine al!abetico 9$$. 9+1+16:5 mentre i soli lemmi sono ri$ortati in ordine duso decrescente 9$$. +1+1 852:. %ur $otendo ordinare una lista di !re"uen a in diversi modi5 lordinamento $iU utile resta "uello $er !re"uen aKuso decrescente5 conveniente so$rattutto $er individuare la distribu ione delle !asce di !re"uen aKuso. La $resenta ione macrostrutturale $uV includere non solo varianti mor!ologic7e5 ma anc7e varianti semantic7e. &d esem$io ?est 91953: nel suo + General Ser!ice List of ,nglis- )ords accanto ai -classici. dati di !re"uen a d) anc7e la $ercentuale doccorren a delle singole acce ioni delle $arole $olisemic7e. Hli esem$i di so$ra dimostrano c7e le di!!eren e tra i di ionari di !re"uen a $ossono essere ridotte a di!!eren e della macro1 e microstruttura.

1.1.2 Precedenti storici


La storia dei di ionari di !re"uen a X strettamente legata alla considera ione "uantitativa del linguaggio. La$$roccio "uantitativo risale agli antic7i Hreci e (omani. Lo$$osi ione !ra voci rare o -apa. da un lato5 e $arole di !re"uen a elevata dallaltro5 $ermetteva ai !ilologi lattribu ione dei testi ad un autore o ad un altro5 anc7e se in "uesto caso la !re"uen a !u un !attore assai soggettivo5 giacc7M basata sulles$erien a e sul senso linguistico dei singoli studiosi. Le $rime concordan e nascono nel medioevo $er i testi biblici0 $er ogni vocabolo sono stati ri$ortati tutti i contesti in cui esso a$$ariva. /uccessivamente a$$aiono concordan e di autori classici e moderni5 lessici s$eciali di o$ere $articolari di determinati autori. Il $resu$$osto di !ondo di tali lavori X c7e lo stile di uno scrittore si caratteri i essen ialmente come devia ione "uanti!icabile in ra$$orto a una norma linguistica standard e si mani!esta nelluso elevato di alcuni termini c7iave5 la cui !re"uen a nel cor$us oggetto $resenta uno scarto s$eci!ico ris$etto ai normali contesti duso 9Feccaria 200'0 '69:. %iU tardi si riconosce c7e lo scarto ris$etto alla !re"uen a standard X solo una delle $ro$riet) c7e contraddistinguono il linguaggio letterario. 8entre allini io i di ionari di !re"uen a erano strumenti $ensati $rimariamente $er sco$i linguistici eKo letterari5 nellera moderna si com$ilano liste di !re"uen a $er sco$i non linguistici. Il $rimo a$$roccio scienti!ico al $roblema della !re"uen a lessicale X stato adottato da ?illiam Hamble 9183011886:. Lo$era di Hamble 9/*o lists of selected c-aracters containing all in t-e 0ible and t*ent"1se!en ot-er boo2s3 /7ang7ai5 1861: X un conteggio di !re"uen a degli idiogrammi cinesi5 conce$ito come un aiuto $er il com$ositore c7e intendeva migliorare i metodi di stam$a. Il secondo e il $iU vasto studio di ti$o "uantitativo 911.000.000 occorren e: si deve a ?. >Jding 945ufig2eits*6rtebucder deutsc-en Sprac-e3 Ferlin5 1899:. 3rattandosi di una lista com$ilata $er lottimi a ione dei sistemi stenogra!ici5 lautore !ece a meno di una $rocedura di lemmati a ione0 la lista contiene solo le !orme riscontrate nel cor$us5 sen a i ris$ettivi lemmi. Oltre le 5.000 !orme $iU !re"uenti5 nel di ionario troviamo anc7e i gra!emi e le sillabe $iU di!!use. Il materiale lessicale elencato deriva dallo s$oglio di dibattiti $arlamentari5 testi amministrativi e commerciali5 giornali5 libri di storia5 classici della letteratura tedesca e straniera 9tradu ioni:5 documenti militari. >Jding dimostrV5 c7e le $rime 15 $arole $iU !re"uenti ra$$resentavano il 25[ delle occorren e totali5 e le $rime 66 voci co$rono circa il 50[ dei testi 9&rcaini 19+80 2'3:. Eegli anni _+0 la sua lista !u rielaborata dallIstituto Hoet7e $er sco$i glottodidattici 9c!r. /c7umac7er 1998:. 13

%ionieristico !u anc7e il lavoro di C. F. *stou$ 9Gammes st7nograp-iques3 %aris5 190+: c7e stabili uno dei $rinci$i !ondamentali della statistica linguistica5 veri!icato $iU tardi anc7e dal matematico Ii$! 919'9:5 ossia c7e la rela ione !ra il numero di occorren e di un termine e il suo rango nella serie delle $arole ordinate $er !re"uen a decrescente X costante5 in altre $arole rango e !re"uen a sono inversamente $ro$or ionali 9c!r. se . 1.1.':. 6on il crescente interesse verso linsegnamento delle lingue straniere5 X maturata lim$ortan a dei di ionari di !re"uen a. >eniston 91920: X stato il $rimo ad a$$licare i risultati delle statistic7e lessicali nellinsegnamento di una lingua straniera5 in "uesto caso lo s$agnolo5 e ben $resto il suo esem$io X stato seguito da altri autori $er le altre lingue. La vera svolta5 dal $unto di vista storico5 $er lelabora ione dei di ionari di !re"uen a !u la dis$onibilit) dei calcolatori elettronici $er automati are una buona $arte del $rocesso di s$oglio e analisi del materiale testuale. In Italia !ra gli anni _50 e _60 $ionieristico !u il lavoro di %adre Fusa5 con gli s$ogli elettronici dellintero cor$us di scritti di /. 3ommaso d&"uino5 $er un totale di 10 milioni di occorren e5 $resso il 6entro $er l&utoma ione dell&nalisi Linguistica di Hallarate5 creato $rinci$almente con !inan iamenti dellIF8 Italia. 6on lavvento dellin!ormatica e gra ie allo svilu$$o della linguistica durante gli ultimi decenni5 anc7e i di ionari di !re"uen a 7anno subito dei cambiamenti. I calcolatori 7anno !acilitato la crea ione e les$lora ione di larg7i cor$ora5 e ciV 7a $ro!ondamente in!luen ato la base em$irica sottostante dei lavori.2 Eon solo la linguistica com$uta ionale5 ma "uella teorica 7a dato nuovi im$atti agli studi di !re"uen a lessicale in generale e ai di ionari di !re"uen a in $articolare5 $oic7M 7a incoraggiato gli es$erti a trovare solu ioni migliori $er i $roblemi di base 9la "uestione del cor$us e lo status della !re"uen a lessicale:. Eei decenni $assati X cresciuta latten ione dedicata alla costru ione del cor$us5 sono stati $ubblicati $iU di ionari di !re"uen a di linguaggi settoriali c7e mai e sono stati elaborati nuovi a$$rocci alla !re"uen a lessicale. I dati di !re"uen a sono stati inclusi nei database lessicali e nei di ionari0 tutto ciV $uV essere considerato come conseguen a 9diretta o indiretta: della scena linguistica in !ase di tras!orma ione. Hra ie al crescente interesse dei linguisti $er il lessico e $er il ruolo c7e esso $uV avere nel trattamento in!ormatico delle lingue naturali5 si $revede c7e "uesta tenden a continuer) e nel $rossimo !uturo $orter) altri $rogressi.

1.1.$ &ree d-interesse


Eel $aragra!o seguente si anali ano tre aree c7e nella costru ione dei di ionari di !re"uen a si rivelano $roblematic7e0 le di!!icolt) concernenti la sele ione e lam$ie a del cor$usY la di!!icolt) di delimitare le unit) lessicaliY in!ine $assiamo in rassegna gli a$$rocci $rinci$ali alla !re"uen a lessicale. 1.1.$.1 I requisiti del cor'us

I di ionari di !re"uen a di norma devono in!ormare sulle caratteristic7e numeric7e dei lemmi. In molti casi la !re"uen a assoluta di tali elementi X considerata la data $iU im$ortante5 "uasi obbligatoria. /i as$etta "uindi5 di trovare accanto al lemma il numero delle occorren e con cui a$$are in un determinato cor$us. & titolo desem$io5
2

%er lo svilu$$o della linguistica com$uta ionale rinviamo a Fortolini et al. 919+1: e 6al olari 91992:.

1'

nel Lessico di frequenza della lingua italiana 9Fortolini et al. 19+1: deposito 15 signi!ica c7e deposito a$$are 15 volte in un cor$us di 500.000 $arole. %oic7M il cor$us men ionato intende essere ra$$resentativo dellitaliano scritto5 a ragione $ossiamo as$ettare c7e deposito a$$aia circa con la stessa !re"uen a in altri cam$ioni della stessa $o$ola ione statistica. 67e "uesto non sia evidente5 lo vedremo di seguito. 6onsultiamo il lemma corpus nel Grande dizionario italiano delluso 9H(&#I3:0 -raccolta com$leta e ordinata di scritti5 di uno o $iU autori5 riguardanti una certa materia. e come termine linguistico -campione di una lingua $reso in esame nella descri ione di una lingua. 9#e 8auro 19990 3'6:. 2n cam$ione X in ogni caso una se ione5 una sotto$arte della $o$ola ione. Eessun $roblema emerge se il cam$ione e la $o$ola ione da indagare coincidono5 $. es. "uando la $o$ola ione statistica si restringe alla $rodu ione orale o scritta di un unico individuo nellarco di un determinato $eriodo5 in ununica situa ione comunicativa5 o$$ure "uando si esaminano insiemi c7iusi5 come "uello dei !onemi. Lutili o dei cam$ioni diventa $roblematico dal $unto c7e si 7a davanti un insieme infinito e non omogeneo5 come il lessico. *merge il $roblema di come estra$olare dati da una $arte ristretta della $o$ola ione 9cam$ione5 cor$us: in modo c7e essi siano validi $er lintera $o$ola ione. /econdo Fortolini 919+10 10113: vi sono almeno due modi diversi di guardare la lingua come un universo statistico. La $rima conce ione $arte dallidea c7e le unit) del sistema linguistico sono caratteri ate5 oltre c7e da tratti "ualitativi5 anc7e dalle loro $robabilit) duso. &nc7e se "ueste $robabilit) non sono direttamente osservabili5 X c7iaro c7e le unit) ricorrono nei testi con !re"uen e relativamente stabili5 $ertanto le !re"uen e osservabili nei testi si considerano come a$$rossima ioni delle $robabilit) non osservabili del sistema. I ra$$resentanti $iU illustri di "uesta teoria erano %. Huiraud 9195': e H. Aerdan 9196':. Eel suo im$ortante contributo Aerdan s$iega c7e ogni unit) della langue X de!inita5 tra laltro5 dalla sua $robabilit) doccorren a nella parole.3 La rata di ri$eti ione di un determinato elemento del lessico in un certo cam$ione tenden ialmente e"uivale al numero delle occorren e nellintero universo e in "ualsiasi $arte di esso5 e "uesto indi$endentemente dalla larg7e a del cor$us. %iU tardi si X dimostrato c7e la !re"uen a non X un attributo stabile delle $arole5 ma varia da testo a testo in !un ione dello stile5 del tema ecc. La !re"uen a dei $rimi 1.00011.500 lemmi sembra abbastan a stabile5 ma a un livello di !re"uen a in!eriore i dati sono $iU legati alla scelta dei cam$ioni. 2na diversa cam$ionatura $otrebbe $ortare a s$ostamenti e addirittura a varia ioni di lemmi5 $ertanto la scelta del cor$us cam$ione a sotto$orre a s$oglio5 7a estrema im$ortan a. Eella seconda conce ione5 ra$$resentata da 8oreau 91962: non X es$ressa la $robabilit) come caratteristica intrinseca delle unit) del sistema linguisticoY luniverso statistico X de!inito come linsieme di tutti i testi $rodotti in un certo $eriodo. /i distinguono due categorie di $arole0 "uelle a$$artenenti a classi a$erte e "uelle a$$artenenti a classi c7iuse. #ella classe c7iusa !anno $arte termini $iU o meno comuni a tutti i soggetti e a tutte le situa ioni 9$arole -atematic7e.:5 il cui im$iego non varia sensibilmente nei diversi ti$i di testo5 "uindi la stima della loro !re"uen a in base a testi cam$ione non $one $roblemi. &lle classi a$erte invece5 a$$artengono $arole -tematic7e. la cui !re"uen a oscilla nei diversi testi. %er valutare la loro !re"uen a si $ro$one di strati!icare la lingua5 delimitando dei centri dinteresse5 allinterno dei "uali le $arole siano -tematic7e.. 6os^ $otranno essere messe in ordine di !re"uen a5 allinterno del loro
3

Aerdan 9196': !u il $rimo ad inter$retare la distin ione saussuriana di langue e parole in termini di $o$ola ione statistica e cam$ione0 lo$$osi ione tra cor$us e lingua non X altro c7e uno$$osi ione tra cam$ione e $o$ola ione statistica. La langue5 in "uanto linsieme delle abitudini linguistic7e della comunit)5 ra$$resenta il lessico della lingua in "uestione5 mentre la parole X luso individuale5 ra$$resentato a sua volta da cam$ioni.

15

centro dinteresse5 le $arole tematic7e. 3uttavia ci sono notevoli di!!icolt) relative alla determina ione dei centri dinteresse. 6i si c7iede se non si debbano cercare anc7e $er le $arole di !re"uen a bassa il centro dinteresse cui si ri!eriscono5 generando cos^ una straordinaria moltitudine di strati5 o$$ure se si debba de!inire a $riori un numero limitato di centri dinteresse e cercare $oi5 allinterno di ciascuno5 solo la !re"uen a di alcune $arole. /i giunge alla conclusione c7e $er alcune $arole X im$ossibile delimitare alcun centro dinteresse in cui ricorrono con una !re"uen a stabileY tali $arole coincidono $er larga misura con le c.d. $arole dis$onibili. Questo a$$roccio X stato utili ato $er lelabora ione del !rancese !ondamentale 9Hougen7eim et al. 196':. Lutilit) teorica dei $rocedimenti em$irici basati sulla raccolta di cor$ora linguistici X stata messa in dubbio dalla linguistica generativa. %er 67oms@; una linguistica dei cor$ora X inadeguata $erc7M un cor$us X !inito 9c7iuso:5 X incom$leto ed esclude enunciati $oten iali 9$ossibili ma non reali ati:5 X in!luen ato da !attori accidentali e $er la sua incom$lete a non $ermette di !are legittimamente delle $redi ioni sulla grammaticalit) delle !rasi5 ma ci d) solo indica ioni sulla !re"uen a5 con la "uale si mani!estano determinate caratteristic7e linguistic7e 967iari 200+0 30:. &nc7e Le$sc7; 919+80 56: X scettico nei con!ronti della ra$$resentativit) dei cor$us0
-2na lingua non X un insieme di testiY essa X $iuttosto un sistema !inito di regole c7e consentono di generare un numero in!inito di testi. Eon cX raccolta c7e $ossa essere $ienamente ra$$resentativa della lingua..

/ubito do$o aggiunge $erV c7e ciV non vuol dire c7e i conteggi di !re"uen a siano inutili5 ma dalla !re"uen a di una $arola in determinato cam$ione non si $uV trarre conseguen e dirette riguardo sua !re"uen a nella lingua. #a un lato tali critic7e sono incontrovertibili5 da un altro i dati testuali reali5 raccolti e organi ati in maniera articolata5 $er "uanto $ar iali5 ci $ermettono di estrarre dati $re iosi sulluso c7e i $arlanti !anno della lingua. W un dato di !atto c7e i cor$ora sono sem$re cam$ioni0 il nostro sco$o X di estendere le osserva ioni condotte sul cor$us allintera $o$ola ione. %er !are ciV5 i cor$ora devono mostrare "uattro caratteristic7e0 ra$$resentativit)5 estensione5 ri!erimento standard e !orma elettronica 9c!r. 67iari 200+:. %rima di entrare nel merito dei $rimi tre criteri5 vediamo cosa si intende con !orma elettronica. %er i cor$ora moderni X im$ortante c7e siano arc7iviati in !orma digitale e c7e siano consultabili attraverso so!t=are di interroga ione. I cor$ora elettronici $ermettono di conservare una "uantit) sem$re maggiore di dati5 daltra $arte consentono di e!!ettuare ricerc7e linguistic7e com$lesse. Ora vediamo $iU in $articolare i criteri relativi alla ra$$resentativit) e allestensione e al ri!erimento.

1.1.3.1.1

Rappresentativit

I testi sotto$osti allo s$oglio5 secondo le inten ioni dei com$ilatori5 si con!igurano come cam$ioni della lingua intesa "uale universo statistico. %ertanto da un lato occorre delimitare tale universo5 dallalto assicurarsi della ra$$resentativit) del cam$ione. 67iari 9200': elenca tre criteri volti ad assicurare la ra$$resentativit) del cor$us. %er $rimo5 il cor$us deve $resentare caratteristic7e simili 9anc7e "uantitativamente: a "uelle della $o$ola ione $er "uellas$etto c7e si intende investigare. In secondo luogo occorre garantire la ra$$resentativit) in senso matematico0 ogni $ossibile !enomeno linguistico deve avere la stessa $robabilit) di occorrere nel cam$ione e nella $o$ola ione. In ter o luogo bisogna assicurare la variet) ti$ologica 9"ualitativa: dei testi. %er !ar ciV5 occorre evitare i due estremi5 cioX di anali are lung7i $assaggi di alcuni autori5 ritenuti

16

ra$$resentativi della lingua in oggetto 9con $iU di 5.000110.000 occorren e secondo ,Tredi 19890 DII:5 o$$ure di esaminare brevi brani da $iU testi sele ionati casualmente. La maggior $arte dei di ionari di !re"uen a elabora brani non tro$$o lung7i5 di ca. 2.0001 3.000 occorren e ciascuno. Eotiamo tuttavia5 c7e sono rari i cor$ora c7e contengono $arti sele ionate dei testi in modo da ottenere5 arti!icialmente5 elementi co!rontabili $er es. $er lung7e a. I cor$ora cam$ionari 9sample corpora8 ric7iedono un intervento tro$$o !orte del linguista5 il c7e rende i dati estratti da tali cor$ora $oco a!!idabili. Eei veri e $ro$ri cor$ora testuali i testi sono $resi nella loro intere a5 sen a tagli o sele ioni. & "uesto $ro$osito Cuilland 919+30 DII: osserva c7e nella sele ione del cor$us bisogna trovare un e"uilibrio tra unit) 9omogeneit): e diversit) 9eterogeneit):0 le !onti devono essere abbastan a omogenei al !ine di ra$$resentare $iU di una meccanica agglomera ione di dati ricavati da diversi $eriodi o da diversi stiliY al contem$o devono essere abbastan a eterogenei $er essere ra$$resentativi della lingua standard5 non solo di un $articolare ti$o di testo o stile. ' >ornai et al. 92006: in uno studio recente distinguono tre ti$i di cor$ora in base alla coeren a interna dei com$onenti. 2n c.d. small1range cor$us X una raccolta statisticamente omogenea5 solitamente com$osto di o$ere di un singolo autore e raramente eccede lun milione di occorren e. Il medium1range cor$us contiene $oc7i ti$i di testi di vari autori5 in!ine il large1range cor$us include la maggiore variet) di testi5 generi e stili e ra$$resenta meglio luso linguistico standard5 di solito com$rende 11100 milioni di occorren e. %er "uanto riguarda la dicotomia della lingua scritta e $arlata5 i dati di <edovelli 919930 12+: e >aterinov et al. 919910 19: con!ermano c7e una lista di !re"uen a basata su cam$ioni scritti X valida anc7e $er la lingua $arlata5 salvo alcuni elementi s$eci!ici con !un ione di connessione discorsiva. La ra$$resentativit) X una caratteristica c7e varia secondo las$etto linguistico c7e si intende studiare0 un cor$us ra$$resentativo $er caratteristic7e lessicali $otrebbe non esserlo $ar caratteristic7e di ti$o stilistico o sintattico. In "uesto senso la ra$$resentativit) X un concetto dinamico e relativo 967iari 200+0 '':.

1.1.3.1.2

Estensione

Laltro $roblema da a!!rontare X lam$ie a del cor$us. Il $roblema dellin!init) del lessico a$$are5 a $rima vista5 $iU di carattere $ratico c7e teorico5 siccome la di!!eren a assoluta tra la !re"uen a di una $arola in un cam$ione e la sua $robabilit) nella $o$ola ione tende a ero con lallargamento del cam$ione. I com$ilatori dei di ionari di !re"uen a generali cercano di risolvere tale $roblema esaminando am$i cor$ora. In realt) la dimensione ideale di un cor$us di ri!erimento X tuttora una "uestione controversa. Heneralmente si X concordi sul !atto c7e con meno di 15.000 occorren e il cor$us non $uV essere considerato ra$$resentativo 9c!r. 67iari 200':. %er le lingue settoriali sembra accettabile costituire cor$ora di sole 100.000 occorren e5 giacc7M si tratta di uno strato ben delimitato del lessico5 in cui il numero dei $ossibili lemmi X assai ristretto. 8olti autori 9tra cui #e 8auro 19930 295 ,Tredi 19890 DIII: a!!ermano c7e $er accertare la $robabilit) di alcune $rime migliaia di lemmi il cam$ione ottimale sia di
'

37orndi@e in /-e /-eac-ers )ord 0oo2 919'': 7a usato le !onti $iU svariate5 dalla Fibbia e dalle o$ere di /7a@es$eare5 !ino alla corris$onden a $rivata e ai libri di scuola5 sen a s$iegare i motivi della scelta. <ander Fe@e nel suo 9renc- )ord 0oo2 91929: 7a s$ogliato 33 roman i5 13 drammi5 1' giornali e riviste5 13 o$ere scienti!ic7e e !iloso!ic7e5 16 o$ere storic7e e critic7e c7e vanno da Fal ac !ino a %roust e Fergson.

1+

500.000 occorren e5 $oic7M me o milione di -$arole gra!ic7e. sembra garantire la ra$$resentativit) e la stabilit) delle !re"uen e. &ltri 9/ciarone 19++0 135 Fortolini et al. 19+30 <II5 67iari 200+0 '5: 7anno avan ato delle critic7e alla dimensione -classica. di 500.000 occorren e5 in "uanto il cam$ione risente di !attori settoriali5 in $articolare $er i lemmi di !re"uen a in!eriore ai $rimi 1.00011.500 la stabilit) delle !re"uen e X molto variabile e diversi lemmi $ossono 9s:com$arire asseconda dei settori considerati.5 %er /groi 919820 8+: il minimo su!!iciente X il com$uto di almeno un milione di $arole. Quanto al limite su$eriore5 con lavvento dellera dellin!ormatica5 esso $uV essere !acilmente s$into verso su. 3uttavia si nota c7e solo i di ionari $ubblicati durante lultimo decennio 7anno ecceduto il cor$us di >Jding di 11 milioni di occorren e5 $ubblicato tra 189+11898.6 %er le lingue maggiormente studiate la media dellestensione di un cor$us linguistico di ri!erimento si aggira intorno ai 100 milioni di $arole 9ad es. il 0ritis- :ational Corpus $er linglese o il Corpus di italiano scritto contemporaneo5 altri cor$ora5 tra cui la 0an2 of ,nglis-5 raggiungono "uasi 500 milioni di occorren e:. (are sono $eraltro i cor$ora di estensione non !inita c7e $revedono laggiunta $eriodica di testi 9i c.d. monitor corpus:5 come il 0an2 of ,nglis- 96OF2IL# cor$us:5 la maggior $arte dei cor$ora X statica. In realt)5 sia lam$ie a5 sia la ra$$resentativit) del cor$us sono caratteristic7e relative c7e di$endono in larga misura dallas$etto linguistico c7e si intende indagare. %er giungere a risultati statisticamente attendibili5 la misura del cor$us va !issata in !un ione alla "uantit) di lemmi o !orme c7e si vuole estrarre. 67iari 9200+0 '': osserva giustamente c7e le estensioni di cor$ora $er analisi lessicali sono $iU am$ie di "uelle $er le analisi !onologic7e5 mentre i cor$ora $er analisi sintattic7e su$erano $er estensione "uelle $er analisi lessicali.

1.1.3.1.3

Riferimento standard

Il cor$us largo non garantisce in sM la ra$$resentativit) e la!!idabilit). Il !atto c7e la lingua X una $o$ola ione disomogenea5 rende di!!icile5 $er non dire im$ossibile5 di trarne un cam$ione ra$$resentativo e casuale. %rendendo litaliano come esem$io5 si $otrebbe dire c7e accanto allitaliano standard esistono numerose altre variet) $iU o meno vicine allo standard5 situate lungo un continuum. #i conseguen a5 se uno non de!inisce con c7iare a "uale $o$ola ione intende studiare5 non X $ossibile5 in termini statistici5 trarne un cam$ione ra$$resentativo. #altra $arte la varia ione della lingua non X casuale5 ma strutturata. Ogni lingua naturale varia in !un ione dellarea geogra!ica in cui X $arlata5 il gru$$o sociale c7e la usa5 la situa ione comunicativa e il tem$o in cui X utili ata5 il contenuto c7e es$rime. In vista di "uanto detto5 molti com$ilatori di di ionari di !re"uen a 7anno deciso5 al !ine di risolvere il $roblema dellin!init) e delleterogeneit) del lessico5 di usare un cor$us strati!icato come base em$irica $er i conteggi di !re"uen a. 8olti s!or i sono volti a ri$rodurre nella com$osi ione del cor$us cam$ione la com$lessit) di strati e di stili della lingua nel suo insieme. /i veda ad esem$io il Lessico di frequenza dellitaliano parlato 9LI%:5 in cui #e 8auro et al. 91993:
5

Eella linguistica "uantitativa si ritiene statisticamente attendibile "uella $arte delle liste di !re"uen a decrescente la cui varia ione non su$ererebbe il 30[ se si com$ilasse lo stesso di ionario di !re"uen a5 secondo gli stessi criteri5 con un cor$us di grande a uguale5 ma com$osto di altri testi 9c!r. ,Tredi 19890 DIII:. 6 %er litaliano lunico di ionario basato su un cor$us di tali dimensioni X il <*LI 91989: con 26 milioni di occorren e5 seguito dal 6oL,I/ 91995: tratto da 3 milioni di $arole5 mentre gli altri lavori come il LI, 919+3:5 ,#I 919+3: e il LI% 91993: si attestano tutti sulle 500.000 occorren e.

18

7anno cercato di creare un cam$ione ra$$resentativo dei diversi ti$i di $arlanti in base alla $rovenien a geogra!ica5 titolo di studio5 et)5 sesso e $ro!essione. Il ri!erimento standard segnala la $ossibilitO dei grandi cor$ora di diventare dei $unti di ri!erimento $er lo studio delle variet) c7e ra$$resenta5 attraverso les$licita ione delle metodologie di analisi5 !acilitando la com$ara ione tra cor$ora diversi ed evitando la necessit) di ri$etere i com$uti $er ogni analisi successiva 967iari 200+0 '+:. 8artin 919900 131+: suggerisce c7e in caso ideale si dovrebbe $artire da una strati!ica ione strutturata5 osservando non solo i $arametri men ionati 9geogra!ici5 sociali5 comunicativi5 tem$orali e di contenuto:5 bens^ anc7e "uello della modalit) 9scritto o $arlato: e della com$rensibilit) 9variet) generali5 letterari e tecnici:. &llinterno di "uesta struttura $luridimensionale si $ossono situare i testi del cor$us di ri!erimento. 1.1.$.2 .a 'arola come occorrenza e come unit, lessicale

I lessicogra!i conoscono da lungo le di!!icolt) di de!inire cosa sia la parola. 6iononostante5 non essendo direttamente interessati nelle "uestioni di !re"uen a e non dovendo esaminare dal $unto di vista "uantitativo luso di elementi lessicali5 si $otevano $ermettere di lasciare "uesti interrogativi in sos$eso. %er la statistica5 invece5 a!!inc7M sia im$eccabile5 occorre de!inire con c7iare a gli oggetti dellanalisi. 3ale ric7iesta $uV !are sembrare il lavoro con le parole unim$resa assai ardua5 $oic7M tuttoggi non esiste una de!ini ione soddis!acente di "uesto concetto. 3uttavia5 lo statistico lessicale5 ad un certo momento del suo lavoro deve arrivare ad una decisione ca$ace di eliminare ogni dubbio a "uesto riguardo.

1.1.3.2.1

La parola come unit elementare dei testi

Le tradi ioni ti$ogra!ic7e ed ortogra!ic7e suggeriscono "ui una solu ione c7e X accettabile nella maggioran a dei casi. /e sotto -unit) gra!ica. si intende un gru$$o di segni dellal!abeto5 se$arati da altri segni5 da uno s$a io o da un segno dinter$un ione5 si giunge "uasi sem$re alle"uivalen a 1 unit) gra!ica ` 1 $arola. + 3uttavia5 "uesta regola 7a le sue ecce ioni nei casi in cui lunit) gra!ica ra$$resenta $iU di una $arola5 e viceversa5 "uando una $arola sta $er $iU di una unit) gra!ia. &. ;nunit< grafica rappresenta pi= di una parola. &$$artengono "ui le $re$osi ioni articolate dellitaliano. 2no $uV decidere di anali are "ueste !orme nei loro costituenti5 riducendo lievemente la mole del vocabolario ed aumentando il numero delle occorren e5 $oic7M la !re"uen a di tali $arole si $otr) $er!ino raddo$$iare. 2n altro gru$$o di $arole5 la cui $resen a nella stessa se"uen a gra!ica crea dei dubbi5 X "uello delle $arole con a$ostro!o. Eelle es$ressioni come tuttoggi3 Sant+ndrea la se$ara ione delle due $arole signi!ica di s$e are "ueste es$ressioni in $arti c7e nella lingua non esistono autonomamente. /em$re un altro gru$$o $roblematico X costituito dai verbi accom$agnati da un $ronome clitico 9portami3 andarci5 dimmi:5 $oic7M la sem$lice se$ara ione del verbo dal $ronome s$esso $orta a risultati insoddis!acenti. F. ;nunit< grafica rappresenta una sola parola. I motivi $ossono essere sia di carattere mor!ologico o sintattico5 sia di ti$o lessicale. /i $ensi ad es$ressioni del ti$o sono !enuto o$$ure tener presente. 6ontare "uesti elementi come ununica unit)5 in $ratica non X una $rocedura molto !acile. %er "uanto riguarda i !enomeni mor!o1sintattici5 molti
+

6!r. Fortolini 919+10 35: -c7iamiamo parole 9o occorren e: le successive unit) gra!ic7e di cui X costituito in testo abc una o $iU lettere 9o caratteri e"uivalenti: tra s$a i o segni dinter$un ione..

19

com$ilatori sono inclini ad eliminare com$letamente dal conteggio le $arole grammaticali. (iguardo ai !enomeni lessicali5 bisogna distinguere tra gru$$i !ormati dal $arlante e gru$$i $reesistenti nella lingua5 ovvero tra combina ioni occasionali e "uelli c7e a$$artengono al lessico 9es$ressioni $olirematic7e:. I $rimi vanno contati secondo i loro costituenti5 mentre X meglio trattare i secondi come ununica unit).

1.1.3.2.2

La parola come unit lessicale elementare

&ssumendo c7e il $rimo $roblema sia stato risolto e il testo X stato diviso in -$arole.5 il loro numero totale ra$$resenta il numero di occorren e. &l !ine di conoscere lam$ie a del vocabolario5 dobbiamo riordinare le occorren e di ogni singola unit) lessicale5 dis$erse da$$ertutto nel testo. 6ome $rima5 "uando il criterio gra!ico e ortogra!ico X stato daiuto5 anc7e "uesta volta troviamo c7e nella grande maggioran a dei casi $ossiamo seguire la regola 1 unit) gra!ica ` 1 $arola. 3uttavia5 anc7e in "uesto caso ci sono ecce ioni alla regola5 tra cui alcune $iU serie di "uelle men ionate $rima. %rima di tutto occorre rilevare c7e $er i diversi ti$i di investiga ione vanno e!!ettuati diversi ti$i di conteggi. La distin ione $iU im$ortante a $ro$osito X se le indagini servono a sco$i didattici o$$ure linguistici. /e uno desidera esaminare le $ro$riet) del lessico come sistema di codi!ica ione5 allora gli interessa in $rinci$io la !orma delle $arole5 indi$endentemente dal loro signi!icato. #i contro5 $er es$lorare $arti del sistema lessicale $er obiettivi didattici5 X consigliabile di!!eren iare la !re"uen a degli elementi lessicali a seconda il signi!icato delle $arole. La lemmati a ione5 ovvero lo$era ione di ricondurre le varie !orme ad un unico es$onente e di se$arare le !orme identic7e risalenti a due es$onenti diversi5 X un lavoro c7e ogni lessicogra!o e ogni com$ilatore di un indice di !re"uen a deve a!!rontare. &. ;na parola > rappresentata da pi= forme. Lunit) semantica delle diverse !orme grammaticali5 dovute alla coniuga ione o alla declina ione di ununit) lessicale X !uori dubbio5 $ertanto le varie modi!ica ioni grammaticali di una $arola sono considerate come ra$$resentanti della stessa voce. Questo vale sen a restri ione $er verbi e aggettivi e anc7e $er le varie !orme declinate dei sostantivi. Aerdan 9196'0 +': avverte c7e nel caso dei sostantivi denotanti esseri viventi ed aventi diverse !orme secondo il sesso 9amico e amica:5 emerge la "uestione se trattare "ueste !orme come ra$$resentanti di due $arole diverse. Il !emminile di un sostantivo non X una !lessione nel senso stretto del termine5 $erciV la solu ione migliore sarebbe considerare "ueste !orme come ra$$resentanti di due $arole diverse. F. ;na forma rappresenta pi= parole. %er "uanto riguarda la se$ara ione delle $arole $olisemic7e da "uelle omonimic7e5 letimologia5 cioX il criterio seguito dai di ionari non X sem$re di grande aiuto. & livello sincronico Aerdan $ro$one di seguire il criterio semantico5 c7e nel caso delle $arole con $iU signi!icati $revede una "ualc7e legame tra le acce ioni. 3uttavia s$esso X veramente di!!icile stabilire se "uesto legame esiste oggettivamente5 e in "uesti casi X il di ionario a dare la ris$osta !inale. /i ricorda c7e5 in e!!etti5 X lo sco$o del conteggio di !re"uen a a determinare "uale im$ortan a attribuire alla se$ara ione dei signi!icati. 2n conteggio con sco$i didattici !avorir) un alto grado di di!!eren ia ione delle !orme secondo i ris$ettivi signi!icati5 mentre un conteggio di linguistica "uantitativa $uV $ermettersi di minimi are la di!!eren ia ione5 $er!ino di !arne a meno. 2n $roblema ti$ico X "uello degli omonimi sintattici0 nonostante il numero degli omonimi lessicali sia limitato5 "uello delle $arole con numerose !un ioni sintattic7e5

20

dovute al cambio di categoria grammaticale5 X in!inito 9ad es. tutti i $artici$i $assati $ossono essere classi!icati come !orme verbali o aggettivali:. In!ine5 le $arole grammaticali $ongono $roblemi cos^ numerosi e di!!icili c7e alcuni com$ilatori $re!eriscono eliminarle dai conteggi di !re"uen a. In "uesto modo si evita di dover classi!icare "uesti elementi5 cosa c7e s$esso causa di!!icolt) "uasi insu$erabili. Questa sem$li!ica ione crea tuttavia dei $roblemi5 $oic7M non esiste un netto con!ine tra elementi lessicali e $arole grammaticali. Fasti $ensare alluso sia $ronominale c7e aggettivale di alcuni elementi. 2n altro esem$io X "uello degli ausiliari c7e in una certa misura sono elementi lessicali a $iena ragione5 e solo in misura minore !un ionano come $arole grammaticali. Aerdan 9196'0 +5: osserva c7e lelimina ione delle $arole grammaticali dai conteggi $otr) $ortare alloscuramento di !atti linguistici e stilistici5 $ertanto in conteggi destinati ad un uso non s$eci!ico5 linclusione degli elementi grammaticali diventa un im$erativo. 6oncludendo5 occorre rilevare c7e "ualsiasi norma si adotti $er risolvere i $roblemi di so$ra5 essa deve essere sem$re es$licita 9c7e cos^ non X vedremo nella se . 2.': al !ine di $ermettere la com$arabilit) dei risultati. 1.1.$.$ /requenza lessicale

I di ionari di !re"uen a con il contenuto della loro microstruttura 9dati numerici: eKo con lorgani a ione della loro macrostruttura 9s$esso di !re"uen aKuso decrescente: creano lim$ressione di ordini stabili5 gerarc7ici. Questa convin ione diventa un $o meno !erma se si com$arano luno con laltro gli analog7i di ionari di !re"uen a5 $oic7M si trovano risultati s$esso con!ondenti e contraddittori. %rendiamo il rango di $arole $iuttosto comuni5 ricavate dal Lessico di frequenza della lingua italiana Fortolini et al. 919+1: 9LI,:5 dal Lessico di frequenza dellitaliano parlato 9#e 8auro et al. 1993: 9LI%:5 dal Vocabolario elettronico della lingua italiana 91989: 9<*LI: e dalla lista di >aterinov et al. 91991: 9>F/:.
rango .IP andare ritornare veramente bene $a$) !iglia 26 398 156 '5 1262 12'8 rango .I/ 39 5+' '82 63 +35 329 rango 01.I 66 2003 1'11 195 39'2 1 rango 2*3 3' 662 192 52 1 310

I dati $rovengono in $arte dal LI% 919930 129113':.

I dati variano secondo la lista di !re"uen a5 ad esem$io la $arola pap< non rientra tra le 2.000 $iU !re"uenti secondo il <*LI5 basato su un cor$us scritto di giornali con $revalen a di lingua !ormale5 e non com$are nemmeno nella lista >F/5 $robabilmente $erc7M non ricorre !ra gli argomenti del cor$us $arlato5 mentre risulta $iU !re"uente nel LI, c7e nel LI%. Queste di!!eren e vanno ricondotte al modo in cui X stato costruito il cor$us. 6on!rontando ancora le !re"uen e duso dei $rimi 100 lemmi del LI, e del ,#I5 basati entrambi su un cam$ione di 500.000 occorren e5 si costata c7e i valori sono assai diversi0
frequenza .I/ andare cosa !are no 2118 2020 '526 112+ frequenza /DI +8+ 6'5 2060 '28

21

sud

3'

9'9

Osservando i numerali da 1 a 305 troviamo c7e nel LI, sono $resenti tutti5 tranne il !entotto5 mentre nel ,#I mancano uno3 undici3 sedici3 diciotto3 dicianno!e3 !entuno3 !entidue3 !entisei3 !entisette3 !entotto3 !entino!e. ,ra i giorni della settimana nel LI, manca il mercoled?5 il ,#I d) solo il sabato e la domenica. Huardiamo ora una tavola a$$arecc7iata0
rango .I/ aceto coltello cucc7iaio !orc7etta olio $e$e sale tovaglia tovagliolo 1 185' 39'855 1 ++'55 1 188955 266' 1 rango .IP 1 1 '118 1 22+9 1 1551 3++0 '269 rango 0/ 1 2'38 1 1 1296 1 2098 1 1

/econdo "uesti risultati5 sulla tavola non si troverebbero una !orc7etta5 aceto5 $e$e e !orse neanc7e un tovagliolo. 6erte di!!eren e tra i lessici di !re"uen a di$endono dal !atto c7e i testi s$ogliati a$$artengono a $eriodi diversi. Eel LI, mancano le $arole a$$artenenti alla retorica u!!iciale del $eriodo 1920119'05 et) in cui i testi del cam$ione ,#I sono stati creati0 duce3 dinamico3 eroico3 eroismo3 inesorabile3 impero3 imperialeY o$$ure 7anno un numero doccorren e minore ris$etto al ,#I0 fascista LI, 265 ,#I 38Y nazione LI, '95 ,#I 111. 3utto "uesto sembra dimostrare c7e la !re"uen a lessicale sia una cosa instabile5 variabile c7e s$esso di$ende dallintui ione di c7i e!!ettua il conteggio. %er a!!rontare "uesti $roblemi i ricercatori 7anno assunto diverse attitudini c7e sillustreranno di seguito.

1.1.3.3.1

Dizionari di frequenza !rezza"

In "uesti di ionari la !re"uen a trovata nel cor$us di ri!erimento X ri$ortata sen a "ualsiasi modi!ica5 e le $arole sono classi!icate secondo coe!!icienti uguali o $ro$or ionali al numero delle loro occorren e nel cam$ione. Questi studi si basano sullassun ione c7e il numero delle occorren e di una $arola nel cam$ione ris$ecc7i il suo uso nella lingua. /i creV lim$ressione !allace di stabilit)5 la !re"uen a !u considerata la vera ri!lessione di una !issa $robabilit) doccorren a 9il c7e X una contraddi ione in termini:. In Italia les$onente $iU insigne di "uesto a$$roccio X /ciarone 919++:. %iU tardi si X sco$erto c7e i risultati basati su "uestidea non corris$ondono alle stime intuitive degli s$ecialisti5 e s$esso non soddis!ano i criteri $revisti. /o$rattutto i di ionari di !re"uen a $ubblicati $rima del 1960 a$$artengono a "uesta categoria5 anc7e se alcuni 9<ander Fe@e 1929: oltre alla !re"uen a $ubblicano in!orma ioni sulla dis$ersione 9il numero di !onti diverse in cui la !orma occorre:5 antici$ando il $rossimo a$$roccio. La $ubblica ione di studi !ondamentali di linguistica "uantitativa5 come Huiraud 9195': e Aerdan 9196': 7anno dato nuovi im$ulsi ai lavori di lessicologia "uantitativa.

1.1.3.3.2

#requenza modificata da criteri distri$uzionali o!!ettivi"


22

6on il miglioramento delle com$eten e statistic7e dei linguisti5 comincia a guadagnare terreno lidea c7e i dati gre i di !re"uen a necessitano di "ualc7e modi!ica $er ris$ecc7iare le $robabilit). /iccome le !re"uen e di una lista valgono $er i testi da cui esse sono tratte5 se vogliamo servirci della lista $er altre situa ioni5 dobbiamo calcolare in "uale misura la !re"uen a di$ende dal cor$us in base al "uale X stato calcolato5 in altre $arole5 bisogna calcolare la stabilit) della !re"uen a. %er ra$$resentare la variabilit) della !re"uen a nei vari ti$i di testi X stato introdotto il valore di dis$ersione 9distribu ione:5 misurato secondo diversi criteri $iU o meno com$lessi. La -dis$ersione. o -distribu ione. o -ri$arti ione. 9o raramente -rango.5 in inglese -range.: indica il numero dei testi o dei sottoinsiemi di un cam$ione in cui un termine X usato 9/groi 199'0 210:. %er misurare la dis$ersione X necessario suddividere il cor$us in $arti e calcolare le !re"uen e relative delle unit) $er ciascuna $arte del cor$us. /ciarone 919950 '': a!!erma a ragione c7e calcolare il numero di sottoinsiemi in cui la $arola com$are e $rendere tale numero come valore di distribu ione 9come X stato !atto5 tra laltro nel 9ran@ais fondamental:5 !ornisce un risultato ro o e a$$rossimativo5 giacc7M !ondato sul ra$$orto presenteAnon presente3 e $erc7M non si calcola "uante volte la $arola ricorre nei vari sottoinsiemi. 2na solu ione $iU so!isticata X $ro$osta in Cuilland e 67ang (odrigue nel 9requenc" Dictionar" of Spanis- )ords 9196':0 il coe!!iciente di dis$ersione misura la ri$arti ione delle occorren e nei singoli sottoinsiemi dellintero cor$us5 calcolando il ra$$orto tra la !re"uen a media nei 5 sottoinsiemi e lo scarto dalla media delle !re"uen e realmente trovate. La dis$ersione varia da 0 9!re"uen a accumulata in un solo sottoinsieme: a 1 9ri$arti ione $er!ettamente uni!orme della !re"uen a del lemma nei n sottoinsiemi:. 3ra due $arole di uguale !re"uen a la $iU nota avr) $robabilmente una dis$ersione maggiore5 $erc7M le $arole c7e com$aiono in testi di vari ti$i5 7anno $iU $robabilit) di essere incontrate. 67iari 9200+0 +9: osserva a $ro$osito c7e la scelta delle ri$arti ioni del cor$us X il momento $iU delicato del trattamento5 $erc7M da "uesto deriveranno la misura della dis$ersione e5 come si vedr)5 anc7e lindicatore delluso. #alla combina ione dei valori di !re"uen a e dis$ersione X nato il coe!!iciente duso5 introdotto anc7esso da Cuilland e 67ang (odrigue 9196':. Luso non X altro c7e la$$lica ione del coe!!iciente di varia ione5 conosciuto dalla matematica5 a !atti linguistici. 2na $arola con la stessa !re"uen a assoluta di unaltra5 ma con una distribu ione $iU omogenea5 avr) un valore duso $iU elevato5 $oic7M luso X $ari al $rodotto della !re"uen a e distribu ione. Lidea sottostante X c7e le occorren e c7e nei vari sottoinsiemi 7anno ottenuto un livello di !re"uen a consistente 9segnalato da un alto coe!!iciente di dis$ersione:5 si manterranno allo stesso livello di !re"uen a5 sen a brusc7e oscilla ioni5 se aggiungiamo nuovi sottoinsiemi o$$ure allarg7iamo "uelli esistenti del cor$us. &l contrario si su$$one c7e le occorren e c7e oscillano in larga misura nei vari sottoinsiemi5 non 7anno ancora -trovato. il loro livello naturale di !re"uen a5 e in un cor$us am$liato tenderanno a stabilirsi a un livello $iU basso 9Cuilland 19+30 DLII:. La no ione duso X centrale nella statistica lessicale5 $oic7M !ornisce una ra$$resenta ione "uantitativa della $resen a e!!ettiva dellunit) lessicale nelle diverse $arti del cor$us. Questi dati sono usati in una serie di di ionari curati da #e 8auro 919965 199+a5 199+b5 19995 2000:5 $er indicare le marc7e duso5 c7e corris$ondono in molti casi a indicatori statistici.

1.1.# .a struttura statistica del lessico

23

Hli indici di !re"uen a si basano sui $rocedimenti della statistica linguistica c7e $revede la$$lica ione di metodi statistici allesame dei !atti linguistici. 6itiamo le considera ioni es$oste da #e 8auro nell,nciclopedia Btaliana 919610820:0
-le unit) costitutive di una lingua 9!onemi5 $arole5 ecc.: so$rattutto considerate sotto il $ro!ilo della !re"uen a con cui a$$aiono nei testi5 costituiscono un ti$ico insieme di !enomeni di massa e sono $erciV suscettibili di indagini statistic7e $er rilevare le !re"uen e medie del loro distribuirsi nel discorso e5 nel tem$o5 le eventuali tras!orma ioni di tali !re"uen e..

#allesame delle !re"uen e delle $arole e dei !onemi sono state ricavate alcune leggi !ondamentali della statistica linguistica.8 Lanalisi di testi di vario ti$o 7a $ortato alla conclusione c7e0
dun numero molto ridotto di $arole sele ionate in modo o$$ortuno co$re la maggior $arte del testo ed X $ossibile com$ilare una lista in cui0 le $rime 100 $arole co$rono il 60[ di "ualsiasi testoY le $rime 1000 co$rono l85[ di "ualsiasi testoY le $rime '000 co$rono il 9+55[ di "ualsiasi testoY il resto co$re il 255[ di "ualun"ue testo. 9Huiraud 195+0 10:.

%er co$ertura di un lessico intendiamo la $ercentuale di occorren e del testo c7e sono contenute nel lessico. In sintesi5 le $rime 1.000 $arole co$rono $iU dell80[ del lessico di tutti i testi5 i seguenti 1.000 elementi ca. l8110[5 la ter a !ascia ne co$re ca. '[5 la "uarta e la "uinta 2[ ciascuno. %ertanto le $rime '.000 $arole costituiscono in media il 95[ del lessico di "ualsiasi testo5 la seconda !ascia di '.000 $arole co$re ca. 213[5 mentre il resto co$re meno del 2[ 9>ro7n 19920 11+:. Ini ialmente si su$$one non solo c7e "uesta distribu ione delle !re"uen e sia comune a tutti i testi5 ma anc7e c7e le $arole di maggiore !re"uen a siano $ressa$$oco le stesse in ogni testo. Ee deriverebbe dal $unto di vista glottodidattico c7e $er identi!icarle basterebbe s$ogliare un numero adeguato di testi5 e c7e converrebbe ini iare da "uesto elenco linsegnamento del lessico di una lingua. &$$rendendo "ualc7e centinaio di $arole5 teoricamente lallievo sarebbe in grado di com$rendere $iU dell80[ di "ualsiasi testo. #a "uesta!!erma ione X errato trarre la conclusione5 coma lo !a ,Pris 920020 29:5 c7e c7i conosce le 1.000 $arole $iU !re"uenti di una lingua5 ca$isce l80[ di "ualsiasi testo5 o$$ure l80[ di tutti i testi. 6onoscendo5 in!atti5 le sole $arole grammaticali 9articoli5 $re$osi ioni5 ecc.: di una lingua5 si dominerebbe in teoria $iU del 50[ di un testo5 sen a essere in grado di $ronunciare o di ca$ire una sola !rase in "uella lingua. Le $arole grammaticali 9dette anc7e !un ionali5 sinsemantic7e o vuote:5 in!atti5 es$rimono le rela ioni semantico1sintattic7e sussistenti tra le $arole autosemantic7e 9$iene:5 ma non trasmettono in!orma ioni cognitive sul contenuto del testo.9 &l !ine di ottenere risultati $iU attendibili5 >ro7n 919920 120: $ro$one di osservare nel calcolo del grado di com$rensione il $eso dei sostantivi e delle $arole autosemantic7e in generale. La com$rensione delle es$ressioni idiomatic7e ancor meno $uV essere resa con il numero delle $arole co$erte5 giacc7M il senso di "ueste strutture non X identico alla somma dei signi!icati degli elementi5 c7e le com$ongono. W5 in!atti5 molto di!!icile $restabilire la reale com$rensione dei testi in base alla sola conoscen a delle $arole $iU !re"uenti. W im$ortante c7e secondo Huiraud le mille $arole $iU !re"uenti5 c7e gra ie alle loro ri$eti ioni costituiscono l85[ di "ualsiasi testo5 !orniscono solo il 50[ delle in!orma ioni contenute nel testo.
8

/ulla statistica lessicale c!r. Huiraud 9195':5 #e 8auro 91961:5 Aerdan 9196':5 Aeilman 919+1: e le im$ortanti introdu ioni di Fortolini et al. 919+1:5 Cuilland 919+3:5 /ciarone 919++5 1995: ai ris$ettivi di ionari di !re"uen a. 9 Questa dicotomia risale ad &ristotele e si X $oi ri$resentata con diverse denomina ioni in molte o$ere linguistic7e. 2llmann $. es. $arla di parole piene o autonome5 aventi un signi!icato autonomo dal contesto5 e particelle o parole accessorie c7e5 essendo $ortatrici di una certa !un ione semantico1sintattica5 ac"uistano il loro signi!icato dal contesto in cui si trovano.

2'

/em$re in merito al grado di co$ertura e com$rensione5 /ciarone 919++0 93: nota c7e la $ercentuale di $arole diverse co$erte sia una misura di com$rensione $iU attendibile del valore di co$ertura delle occorren e5 $oic7M in un testo il numero delle $arole diverse aumenta $iU ra$idamente del valore di co$ertura. Le due $ercentuali 9$arole co$erte e $arole diverse co$erte: si congiungono intorno al 90[5 ne consegue c7e $er com$rendere un "ualsiasi testo dobbiamo dis$orre di una lista di $arole c7e lo co$ra $er circa il 90[. In sintesi si $otrebbe dire c7e nonostante il grado di co$ertura sia un valore oggettivo5 non X stato dimostrato c7e le!!icien a comunicativa 9ricettiva e $roduttiva:5 c7e ne X stata derivata5 $ossa essere misurata altrettanto oggettivamente. W "uindi o$$ortuno evitare di identi!icare il valore di co$ertura di un lessico con la sua utilit) comunicativa. La linguistica "uantitativa 7a !ormulato delle leggi e i$otesi sulla struttura del lessico. 2no dei risultati $iU interessanti X c7e5 un testo X di solito costituito $er larga $arte da un ristretto numero di $arole di !re"uen a elevata5 e in $arte minima da numerosissime $arole di bassa !re"uen a. Aeilmann 919+10 8+: arriva $er!ino a dire c7e il 9555[ circa degli elementi c7e costituiscono un testo X ra$$resentato dalle $arole e dalle !orme $iU !re"uenti. 3raducendo "uestosserva ione sul $iano della comunica ione si costata c7e le $arole $iU !re"uenti sono "uelle $iU generic7e. Il valore in!ormativo di una $arola decresce al crescere della !re"uen a5 mentre con il decrescere della $robabilit) doccorren a di una $arola cresce il suo valore in!ormativo5 ovvero la !re"uen a e la carica in!orma ionale di una $arola sono inversamente $ro$or ionali. %otremmo es$rimere "uesto concetto in una !orma molto banale5 a!!ermando c7e una $arola rara col$isce $iU di una voce comune. Le $arole grammaticali5 c7e di norma costituiscono il 30150[ $ercento di un testo5 essendo molto !re"uenti5 7anno un valore in!ormativo minore a "uello delle $arole lessicali legate a contesti s$eci!ici. Ii$! 919'9: !u uno dei $rimi a studiare i !enomeni di distribu ione delle $arole. 10 La sua legge $iU nota riguarda un !atto osservato $er la $rima volta da *stou$ 9190+:5 ossia c7e la rela ione !ra il numero doccorren e di un termine5 e il suo rango nella serie delle $arole ordinate $er !re"uen a decrescente X costante. %er veri!icare "uesta legge5 abbiamo estratto alcune delle $arole $iU !re"uenti del Lessico elementare 98arconi et al. 199':.
4ango 2+ 30 32 35 39 .emma "uesto vedere ci suo volere /requenza assoluta '.962 '.288 '.09' 3.935 3.'++ 4ango 5 frequenza 133.9+' 128.6'0 131.008 13+.+25 135.603

La legge di Ii$!0 il $rodotto del rango e della !re"uen a X $ressoc7M costante.

In base alla tabella $ossiamo rilevare c7e rango e !re"uen a sono inversamente $ro$or ionali e il loro $rodotto si aggira su 130.000. %iU tardi si X dimostrato c7e ciV non X vero in tutti i casi. Eel cor$us del Lessico elementare3 ad esem$io5 $er la $arola $iU !re"uente 9lo: il $rodotto del rango e della !re"uen a d) '8.2535 mentre $er la $arola dal rango 100 9certo: "uesto valore X 11'.200. Ii$! s$iega le regolarit) statistic7e delle lingue non come e!!etto del caso5 bens^ delle caratteristic7e di !inite a $sico1biologica dellessere umano 967iari 200+0 3+:. %er Ii$! ogni attivit) X governata dal principio del minimo sforzo5 c7e i$oti a un e"uilibrio tra i bisogni della comunica ione e liner ia delluomo5 la "uale $orta a usare un numero ristretto di unit) di valore $iU generale e di im$iego $iU !re"uente 98artinet 19660 1+1:. In "uestottica le situa ioni comunicative ti$ic7e della lingua $arlata s$ingono il $arlante
10

Le considera ioni di Ii$! sono state $ortate avanti da Huiraud 9195':5 8artinet 91966: e Aeilmann 919+1:.

25

a scegliere gli elementi di $iU vasta a$$licabilit) semantica. /i X anc7e dimostrato c7e gli elementi $iU !re"uenti sono generalmente "uelli $iU brevi 9legge di Ii$! e Huiraud:5 in altri termini5 il numero dei !onemi c7e com$ongono una $arola X direttamente $ro$or ionale al suo rango. #altra $arte5 la legge di Ii$! e 8artinet $revede c7e $iU un !onema X !re"uente5 meno netta X la sua articola ione. /i X osservato inoltre c7e gli elementi $iU !re"uenti sono "uelli $iU sem$lici 9di minor costo:5 $iU vecc7i5 si ri!anno ad un etimo $o$olare ed 7anno la maggiore estensione semantica5 mentre generalmente si tende ad evitare le $arole $iU com$lesse5 lung7e e di!!icili 9&rcaini 19+80 2'2:. 3ra !re"uen a e costo esiste lo stesso ra$$orto inverso c7e tra la !re"uen a e il valore in!ormativo0 le $arole $iU !re"uenti sono "uelle di minor costo5 mentre gli elementi di maggior costo si $resentano con una $ercentuale minore.

1.2

Il vocabolario di base

#i ionario di base 9#e 8auro e 8oroni 1996:5 di ionario !ondamentale 9Faldelli et al. 2005:5 vocabolario minimo 9Faldelli e 8a etti 19+':5 vocabolario !ondamentale 9/ciarone 19++:5 vocabolario di base 9#e 8auro et al. 1980:5 vocabolario elementare 96annella 1991:5 lessico elementare 98arconi et al. 199':5 lessico di base 9Fatinti e 3renta 1983: ecc. sono tutte denomina ioni del lessico di una lingua5 ridotto secondo criteri $restabiliti5 volto a !acilitare la$$rendimento della lingua in oggetto. La$$arente variet) di nomi $relude5 dal $unto di vista terminologico5 ad un $roblema !ondamentale della lessicogra!ia dei di ionari di base0 tutte "ueste liste di $arole5 diverse !ra loro $er il ti$o e la $ondera ione dei criteri di sele ione adottati5 $retendono di ra$$resentare le $arole $iU !re"uenti5 $iU utili o $iU im$ortanti $er la comunica ione.

1.2.1 Definizione
/econdo 8arello 919960 1'':5 il vocabolario !ondamentale di una lingua include0
-le $arole condivise da tutti i $arlanti della comunit) linguistica ed X !ormato da $arole comuni in acce ioni comuni5 non dovrebbe5 a rigore5 includere $arole ti$ic7e di una regione5 di un sottocodice o di uno strato s$eciale o di e$oc7e $assate..

%er 6ardinale 9199'0 185: il lessico !ondamentale X linsieme dei lemmi $resenti nellinterse ione dei vari idioletti dei $arlanti.11 3utti i concetti di lessico !ondamentale si basano5 almeno intuitivamente5 su una no ione della $sicologia della$$rendimento secondo cui allini io dellinsegnamento X im$ossibile insegnare e im$arare lintero lessico della lingua straniera. %ertanto5 sembra
11

#a "uanto detto emerge c7e il 0asic ,nglis- di Odgen 9193+: e (ic7ards non !a $arte di "uesta categoria. /i consideri c7e un vocabolario di base non X mai su!!iciente a sM stesso5 e 7a lo sco$o di costituire la $rima ta$$a nella$$rendimento di una lingua5 mentre il Fasic 9 0ritis-1+merican1Scientific1Bnternational1 Commercial: X una lingua semiarti!iciale c7e non $otrebbe servire da $rima ta$$a $er il $ossesso $er linglese5 tra laltro $erc7M '00 delle $arole inglesi $iU !re"uenti non ne !anno $arte. La lista contiene 850 $arole 9tra cui 18 verbi: $iU alcune regole grammaticali5 scelte con lintento di es$rimere con il minor numero di $arole il maggior numero $ossibile di $arole e concetti. Le !rasi dellinglese naturale sono tras$oste in modo analitico5 $. es. una $arola !re"uente come enter5 rimane esclusa dalla lista5 $erc7M $uV essere es$ressa mediante go into c7e 7a il vantaggio di essere usato anc7e in altre occasioni. Il valore di 0asic ,nglis- come me o versatile di comunica ione interna ionale5 X tuttoggi discusso.

26

logico lintento di o!!rire ai discenti un lessico $rescelto di utilit) e $raticit) universale. La gamma dei !attori di sele ione X molto vasta5 dal senso linguistico $ersonale del lessicogra!o 98igliorini 19'3:5 attraverso criteri comunicativo1$ragmatici 9Halli de %aratesi 1981:5 la neutralit) stilistica 9Habrielli 1981:5 la ca$acit) di !ormare com$osti e derivati 937orndi@e 1936:5 lim$ortan a e lutilit) $ratica 9%ut er 1998:5 !ino a criteri statistici come il valore duso 98arconi et al. 199':5 la dis$ersione 9(usso C. &. 1962: o la !re"uen a 9/ciarone 19++5 >aterinov 1991:.

1.2.2 3toria della lessicografia dei dizionari fondamentali


/ulla scia di >ro7n 91992: e >T7n 91990: nella storia della lessicogra!ia dei di ionari !ondamentali $ossiamo distinguere "uattro grandi !asi. &l criterio della !re"uen a5 dominante nei $rimi lavori nati agli ini i del DD sec.5 si associano ben $resto altri criteri $iU o meno oggettivi5 volti a migliorare lattendibilit) dei dati di !re"uen a. & $artire degli anni /ettanta si !a largo la$$roccio comunicativo c7e 7a dato nuovi contributi non trascurabili5 mentre nel $eriodo $iU recente si cerca di integrare la$$roccio statistico e "uello $ragmatico in un "uadro !re"uen iale1comunicativo. 1.2.2.1 .e origini6 dizionari basati sulla frequenza

Le ri!lessioni teoric7e e $ratic7e sulla de!ini ione del lessico di base 7anno le loro origini nella lessicogra!ica dei di ionari di !re"uen a. Eel $rimo $eriodo la com$ila ione dei di ionari di base X strettamente legata alla statistica linguistica5 i $rimi di ionari !ondamentali nascono5 in!atti5 come $rodotto di scarto delle ricerc7e sulla !re"uen a lessicale. I lessicogra!i dei di ionari di base 7anno assunto sen a critica i $rocessi e risultati dei di ionari di !re"uen a. 6on il criterio della !re"uen a 7anno $ensato di ridurre il lessico di una lingua alle $arole $iU !re"uenti5 ritenuti le $iU generali5 comuni5 usati5 !ondamentali e utili. Hra ie ai calcoli si $oteva con!erire al lessico !ondamentale un carattere oggettivo5 $oic7M la statistica $ermetteva di de!inire con metodi "uantitativi 9scienti!ici: la !re"uen a doccorren a di una $arola. &nc7e dal $unto di vista strutturale si sco$re una stretta correla ione e una certa di$enden a dai di ionari di !re"uen a. /$esso si tratta di $ure liste di $arole5 elencate in ordine di !re"uen a o al!abetico.
7so 160 161 162 163 16' 165 166 16+ 168 169 allora divertire correre riuscire sorella com'agno alcuno quale lasciare cui a!! ! ! ! sost sost aggApro n aggApro n ! pron +22.'+ +20.61 +13.05 +11.99 +11.5+ 698.65 692.96 685.63 682.8+ 682.83 4ango 160 161 162 163 16' 165 166 16+ 168 169

*stratto dal Lessico elementare di 8arconi et al. 9199'0 '3:. $re sos ver & &F&3* &FF&E#OE&(* 4ango 8 9''8 1360

2+

agg sos sos ver avv

&FF&E#OE&3O &FF&E#OEO &FF&//&8*E3O &FF&//&(* &FF&/3&EI&

30+6 331' 5600 2583 11+3

*stratto dal Vocabolario elettronico della lingua italiana 919890 255:.

Il $rimo di ionario !ondamentale vero e $ro$rio !u la lista dellamericano *ldridge 91911:5 redatto secondo il criterio della !re"uen a5 $er !acilitare la$$rendimento dellinglese da $arte di o$erai immigrati. Eon stu$isce c7e il $rimo tentativo sia stato com$iuto negli /tati 2niti. La !orte s$inta c7e viene a "uesto ti$o di ricerca X dovuta alla necessit) da$$rendimento dellinglese da $arte di $o$oli eB1coloniali ed altri5 attratti dalla $oten a $olitico1economica del mondo anglosassone. /em$re negli /tati 2niti5 do$o la$$ari ione del vocabolario di !re"uen a di >Jding 91898: F. Q. 8organ $ubblicV il suo lessico di base 9German 9requenc" )ord 0oo2. 0ased on C5dings D45ufig2eits*6rterbuc- der Deutsc-en Sprac-eE5 Ee= ]or@5 1928:. La lista di !re"uen a di >Jding costituisce il $unto di $arten a $er la costru ione di molti di ionari di base5 sia "uando i suoi conteggi di !re"uen a sono stati adottati direttamente 98organ 1928:5 sia "uando le sue liste sono state modi!icate e corrette 9Fa@on;i 193':. /ulle !ondamenta dei lavori di >Jding 91898: e 8organ 91928: dagli anni 3renta in $oi nascono una serie di di ionari di base5 so$rattutto negli /tati 2niti5 in cui il lessico !ondamentale X de!inito con il criterio della !re"uen a.12 Il $iU im$ortante !ra "uelli $ubblicati $er $rimi5 $er linglese X il lavoro di ,aucett5 %almer5 37orndi@e5 ?est 91936: Bnterim report on !ocabular" selection. I collaboratori intendono o!!rire un materiale suscettibile di essere utili ato nellinsegnamento0 lobiettivo X di delimitare un vocabolario c7iuso5 autosu!!iciente5 dal "uale consentire es$ansioni successive. 6on "ueste $remesse si arriva ad un elenco di utilit) generale5 ovvero il General Ser!ice List di ?est 91953: c7e consta di ca. 2.000 vocaboli !ondamentali5 $iU 2.00013.000 termini s$eciali. %er la com$ila ione sono stati adottati criteri come la !re"uen a5 il valore strutturale5 luniversalit) geogra!ica5 la s$eci!icit) semantica5 la ca$acit) di !ormare derivati e com$osti5 il valore stilistico. Oltre c7e contare la !re"uen a delle singole $arole nel cor$us di 5 milioni di occorren e5 ad ogni sotto1signi!icato X associato un numero $ercentuale c7e ra$$resenta la !re"uen a di "uel signi!icato ris$etto alle occorren e della $arola1lemma. 2naltra ini iativa interessante X "uella di *aton 9193':0 si tratta di una lista di !re"uen a com$arativa delle lingue inglese5 !rancese5 tedesco e s$agnolo. %er ogni lingua sono ri$ortate le 1.000 $arole $iU !re"uenti5 in $iU il corris$ondente di ciascun vocabolo in es$eranto. Fen $resto si X notato c7e $er ottenere liste veramente a!!idabili5 la sola !re"uen a5 il cui studio era ancora in !ase ini iale5 doveva essere integrata con altri criteri. Fuc7anan gi) nel 192+ $ro$ose di $rendere in considera ione la lingua $arlata5 ma $rima di tutti 8organ 91928: 7a riconosciuto alcune incongruen e della lista di >Jding 9dovuti in $rinci$io alla mancata lemmati a ione e distin ione degli omogra!i nella lista originale:. <ander Fe@e 91929: 7a introdotto il criterio della ri$arti ione513 37orndi@e
12

%er linglese c!r. 37orndi@e *. L. 91921: /-e /-eac-ers )ord 0oo25 Ee= ]or@Y ,aucett L. ?.5 %almer A. *.5 37orndi@e *. L.5 ?est 8. %. 91936: Bnterim report on !ocabular" selection for t-e teac-ing of ,nglis- as a foreign language5 London5 >ing and /onY 37orndi@e *. L.5 Lorge I. 919'': /-e /-eac-ers )ord 0oo2 of F&.&&& )ords 5 Ee= ]or@Y $er il !rancese Aenmon <. &. 6. 9192': + 9renc- )ord 0oo2 0ased on a Count of '&.&&& Gunning )ords5 8adisonY <ander Fe@e H. *. 91929: 9renc- )ord 0oo25 Ee= ]or@Y $er lo s$agnolo Fuc7anan 8. &. 9192+: + Graded Spanis- )ord 0oo25 3orontoY >eniston A. 91933: + 0asic List of Spanis- )ords and Bdioms5 67icago. %er ulteriori in!orma ioni si vedano &rcaini 919+80 2'312'+:5 Hougen7eim et al. 9196'0 19158:.

28

91936: 7a svilu$$ato criteri aggiuntivi5 come il rango di a$$licabilit) alle variet) di soggetti5 il c.d. sub#ect range. Hra ie alla stretta rela ione con gli studi di !re"uen a lessicale5 riguardo alla sele ione del lessico !ondamentale si X di!!usa unidea assai $ericolosa5 c7e $er!ino oggi gode di una certa $o$olarit)5 ovvero c7e le $arole $iU !re"uenti sono "uelle $iU utili $er linsegnamento delle lingue. 67e le $arole $iU utili $er la didattica non sono necessariamente "uelle $iU !re"uenti in un cor$us della lingua scritta5 X stato s$iegato $er la $rima volta da Fa@on;i 9193':0 egli 7a riconosciuto c7e le es$ressioni c7e servono $er dare istru ioni5 s$iega ioni durante linsegnamento non com$aiono nelle liste di !re"uen a. 3uttavia nella $rima !ase della lessicogra!ia dei vocabolari di base rimane valido il $rinci$io c7e $er ottenere gli elementi !ondamentali si conteggia tutto "uello c7e $uV essere conteggiato. (iguardo allutilit) dei lessici !ondamentali basati sulla !re"uen a5 dagli anni /ettanta in $oi $revalgono le o$inioni negative. La descri ione $iU com$leta5 insieme alla critica $iU !eroce dei di ionari di base orientati alla !re"uen a si trova in >T7n 919+9:. (icordiamo i $rinci$ali $unti discussi0 a livello lessicostatistico egli critica c7e i dati di !re"uen a ricavati sono diversi secondo il cor$us utili ato5 $ertanto sono ra$$resentativi solamente $er il cor$us in oggetto5 ma non $er la lingua standard 919+90 '3:Y i testi di ri!erimento5 a causa della loro et) e origine5 ra$$resentano s$esso un lessico obsoleto o $eri!erico 919+90 '3:Y giacc7M le de!ini ioni dellunit) statistica _$arola sono assai diverse5 X molto di!!icile condurre uno studio com$arativo dei di ionari di !re"uen a 919+90 '5:. & livello lessicosemantico egli critica c7e i conteggi statistici considerano il segno linguistico bi!acciale solo come signi!icante5 $ertanto non $ossono assegnare signi!icati alle singole !orme 919+90 '9:Y in alcuni cam$i lessicali il _$o$olamento lessicale 90esetzung: non X consistente5 $erciV ci sono delle lacune nel lessico !ondamentale5 ad esem$io mancano co$$ie di antonimia come caldo H freddo 919+90 52:Y non sono considerati su!!icientemente i ra$$orti sintagmatici5 ad esem$io lessemi a$$arentati come mangiare H !erdura non sono ra$$resentati in modo sistematico 919+90 55:. La maggior $arte degli esem$i citati da >T7n X ricavata dal di ionario di !re"uen a di >Jding5 "uindi >ro7n 919920 6+: osserva a ragione c7e si tratta di critic7e rivolte ad un certo ti$o di di ionario 9di base:5 c7e si cerca di sostenere con esem$i $resi da un di ionario di ti$o diverso 9di !re"uen a:. 6iononostante le critic7e di >T7n non sono in!ondate. & titolo desem$io5 alla scarsa ra$$resentativit) e al carattere obsoleto del cor$us sottostante si deve linclusione nel Vocabolario di base 9#e 8auro et al. 1980:5 basato a sua volta sul Lessico di frequenza della lingua italiana 9Fortolini et al. 19+1:5 di alcuni termini militari come a!iatore3 a!iazione3 bombardare3 brigadiere3 caporale3 comandante ecc. &nc7e nella ricostru ione dei cam$i lessicali si incontrano delle di!!icolt)0 nel <*LI 91989:5 tratto da un cor$us di 26 milioni di occorren e5 nella serie dei mesi dellanno X assente la $arola ottobre5 mentre nel Vocabolario fondamentale di /ciarone 919++:5 sebbene con rang7i assai diversi 9maggio 929 \ marzo 2058:5 ritroviamo tutti i nomi dei mesi e delle stagioni5 ma sono assenti cin"ue giorni della settimana a causa del loro basso valore di !re"uen a. /econdo lautore il sabato e la domenica sono due giorni s$eciali della settimana5 $ertanto X naturale c7e com$aiano nella lista5 mentre $er indicare gli altri giorni s$esso usiamo !ormule del ti$o _ieri5 _domani ecc. /c7umac7er 919980 163:5 in!atti5 7a osservato c7e se in un determinato cam$o semantico com$etono diversi elementi a$$artenenti alla stessa categoria grammaticale5 la $robabilit) c7e uno di essi a$$are nella !ascia di !re"uen a $iU alta5 sar)
13

<ander Fe@e nel suo 9renc- )ord 0oo2 c7iama range 9(: il numero di sottoinsiemi5 in cui lunit) lessicale X $resente0 $oic7M o$erava su 88 testi diversi5 ( variava da 1 a 88. Eel suo vocabolario di base 7a eliminato le unit) lessicali con un ( in!eriore a 5.

29

relativamente scarsa. In altre $arole5 $iU $arole grammaticalmente im$arentate stanno a dis$osi ione5 minore X la $robabilit) doccorren a di ognuno di essi. W ovvio c7e in sede didattica gli elementi mancanti delle serie c7iuse vanno aggiunti5 cos^ da dis$orre della serie com$leta. 6om$arando gli elementi lessicali ri$ortati in alcuni vocabolari di !re"uen a5 si giunge alla conclusione c7e $alesemente non X cos^ !acile stabilire "uali sono le $arole $iU !re"uenti e "uindi $iU utili. &d esem$io5 nel di ionario di /ciarone 919++:5 nella !ascia del vocabolario !ondamentale di #e 8auro et al. 91980: e nel LI% 9#e 8auro et al. 1993: con un rango duso su$eriore a 2.500 sono elencati alla lettera 2 '+ lemmi in totale5 c7e si suddividono come segue0 /ciarone 3+5 #e 8auro 255 LI% 30. /olamente 16 $arole com$aiono in tutte e 3 le liste 9uccidere3 ufficiale3 ufficio3 uguale3 ultimo3 unico3 unire3 uni!ersit<3 uno3 uomo3 urgente3 urlare3 usare3 uscire3 uso3 utile:5 16 $arole sono nominate in due liste e 1' com$aiono in una sola lista. /ono esotic7e le $arole nominate in una sola lista4 %erc7M si tratta in $revalen a di sostantivi4 Quale signi!icato X stato considerato4 (iassumendo5 la sostan a delle critic7e rivolte a "uesta $rima !ase della lessicogra!ia dei di ionari di base riguarda la convin ione c7e i conteggi statistici di !re"uen a costituiscano il criterio in assoluto $er la de!ini ione delle $arole $iU utili. 1.2.2.2 /requenza e criteri aggiuntivi

6ercando di utili are i risultati dei di ionari di !re"uen a nellinsegnamento del lessico5 si X sco$erto ben $resto c7e i di ionari di !re"uen a -gre a. non erano abbastan a in!ormativi. & causa di "ueste incongruen e e svantaggi si X cercato5 in un secondo tem$o5 da un lato di $er!e ionare la metodologia statistica5 daltro lato di introdurre altri $arametri nella de!ini ione del lessico !ondamentale. * di!atti merito del team di Hougen7eim di aver modi!icato dal $unto di vista "ualitativo i $rinci$i della de!ini ione del lessico di base. Hougen7eim5 8ic7Ma5 (ivenc e /auvageot ne L7laboration du fran@ais fondamental 9196': 7anno scelto $er $rimi come base $er la de!ini ione del minimo lessicale la lingua $arlata5 registrando conversa ioni di $ersone $oste in situa ione ti$ic7e della vita di ogni giorno. Il cor$us di ca. 312.000 $arole incluse 163 conversa ioni in!ormali5 con 8.000 voci di!!erenti5 raccolte $revalentemente nella regione $arigina.1' #o$o lidenti!ica ione delle 1.063 $arole con una !re"uen a $ari o su$eriore a 205 la lista conteneva so$rattutto termini grammaticali5 verbi5 aggettivi e "ualc7e sostantivo di carattere generale5 mentre mancavano molti nomi comuni5 legati $er lo $iU a temi e oggetti della vita "uotidiana. I sostantivi concreti5 in!atti5 7anno una !re"uen a molto instabile5 $oic7M in molte situa ioni i nomi concreti sono evocati $er me o di $ronomi5 e il nome stesso non viene $ronunciato. 8a una lista di !re"uen e non X un vocabolario di base5 e la !re"uen a coincide solo in $arte con lutilit) didattica5 "uindi5 in aggiunta alle liste di !re"uen a e di distribu ione della lingua $arlata5 sono stati introdotti due concetti0 la disponibilit7 e lempirisme rationnel. 6on disponibilit7 sintendeva la dis$onibilit) associativa di $arole intorno a determinati centres dint7rIt. Il vocabolario dis$onibile X costituito da $arole legate ad es$erien e "uotidiane e$$ure caratteri ate da una bassa !re"uen a e da una
1'

In merito alla scelta di basare il lessico !ondamentale su un cor$us della lingua $arlata5 vari autori 7anno avan ato le $ro$rie critic7e. /groi 919820 86: ricorda c7e un simile metodo di ricerca nasconde non $oc7i $ericoli5 come il numero ridotto di intervistati5 lam$ie a ridotta del cor$us5 la di!!icolt) di $rocedere a una cam$ionatura geogra!ica e sociale degli intervistati e lim$ossibilit) di con!erire alle conversa ioni un carattere s$ontaneo. In $iU5 la di!!eren a tra la lingua scritta e "uella $arlata non si colloca sul $iano del vocabolario5 $ertanto una lista estratta da testi scritti $uV sen altro dare risultati validi $er la lingua $arlata 9c!r. /groi 19++5 >aterinov 1991:.

30

!orte di$enden a dal contesto. %er individuare tali $arole5 sono stati elaborati 16 centri dinteresse. #i seguito5 a 900 allievi di licei !rancesi X stato c7iesto di scrivere le 20 $arole c7e sono venute immediatamente nella loro mente a $ro$osito di un determinato cam$o.15 6on lempirisme rationnel si intendevano aggiunte em$iric7e5 cioX intuitive. In "uesto modo si sono identi!icate le 1.'+5 $arole assenti dai $recedenti s$ogli. Eellelabora ione del !rancese !ondamentale sono state dimostrate $er la $rima volta le insu!!icien e del $uro metodo statistico nella reali a ione di un vocabolario destinato ad uso didattico. In "uesta seconda !ase della storia della lessicogra!ia dei di ionari !ondamentali accanto alla $resa in considera ione della lingua $arlata e il criterio della dis$onibilit) troviamo ulteriori criteri con cui si X cercato di modi!icare le sem$lici liste di !re"uen a0 -!amiliarit;. 9(ic7ards 19+0:5 -il !attore $edagogico. 9/ilia@us5 /c7lic@ 19650 '6152:5 -abitudini e conoscen e linguistic7e. 9Ierti!i@at #a, 19+20 16:5 -coverage1indeB. 98ac@e;5 /avard 196+0 3:5 -e!!icacia. 9<erlMe 195':. /i veda in $articolare il $rinci$io delle!!icacia introdotta da <erlMe 9195': e ri$ro$osta in una !ormula di Aerdan 9196':. Lidea di base X c7e certe $arole si riconoscono e si memori ano $iU !acilmente di altre5 $erc7M sono collegate a una radice c7e X stata in $receden a assimilata. Ee consegue c7e in un vocabolario limitato X necessario eviden iare i termini c7e generano altre $arole. /i $ro$one "uindi di aggiungere alla !re"uen a assoluta di un termine $roduttivo le !re"uen e dei derivati e com$osti !ormati con "uella base. &nalogamente5 secondo /groi 919820 8'19': bisogna seguire scru$olosamente tre $rinci$i !ondamentali di sele ione0 !re"uen a5 ri$arti ione ed e!!icacia 9cioX $roduttivit) e dis$onibilit):. %er $roduttivit) /groi intende la ca$acit) dei singoli lemmi di !ormare dei derivati eKo com$osti. #ue lemmi di !re"uen a uguale avranno "uindi rang7i diversi se uno di essi com$are sistematicamente in derivati eKo com$osti. 3rattandosi di criteri assai soggettivi5 non X !acile veri!icare "uale im$atto 7anno avuto sulla determina ione del lessico !ondamentale5 $oic7M sono di!!icilmente ado$erabili nel lavoro lessicogra!ico. Eon sor$rende c7e invece di s$eci!icare i criteri di sele ione adottati5 gli autori s$esso si accontentano di a!!erma ioni molto generic7e del ti$o0 il di ionario
-X nato dalles$erien a dell2niversit) Italiana $er /tranieri di %erugia. abc Eel Vocabolario minimo si trovano le $arole di uso $iU !re"uente della lingua italiana. 9Faldelli e 8a etti 19+':.

6aratteristica $er il secondo $eriodo X lado ione dei risultati della lessicostatistica moderna. Hra ie al di!!ondersi delle tecnic7e di elabora ione automatica dei dati5 i di ionari !ondamentali $otevano bene!iciare delle nuove $ossibilit) di s$oglio e di analisi statistica dei dati. I grandi di ionari di !re"uen a di Cuilland e i suoi collaboratori 9196'5 19655 19+05 19+3: divergono dalle tradi ionali liste di !re"uen a5 $oic7M ri$ortano $er ogni unit) lessicogra!ica lindice di dis$ersione5 calcolato alla base della devia ione standard e coe!!iciente di varia ioneY inoltre X ri$ortato il coe!!iciente duso5 ovvero il $rodotto del valore di dis$ersione e della !re"uen a. Il ra$$orto tra !re"uen a5 dis$ersione ed uso indica la$$artenen a di un elemento al lessico di base e il suo rango allinterno di una lista di $arole. Eonostante "ueste di!!eren ia ioni e modi!ic7e della !re"uen a
15

/ciarone 919950 28132: e /groi 919820 9219': criticano !ortemente il metodo utili ato da $arte degli autori del 9ran@ais fondamental $er la sele ione delle voci dis$onibili. %artiti dalla convin ione 9errata: c7e una lista di dis$onibilit) $uV !ornire molti nomi5 ma $oc7i verbi instabili5 gli autori 7anno c7iesto agli studenti coinvolti nellinc7iesta di scrivere5 a $ro$osito di numerosi centri dinteresse 9ad es. le parti del corpo3 !estiti3 mezzi di trasporto ecc.:5 soltanto sostantivi. 6onsiderando valide le $arole indicate da oltre il 50[ degli intervistati5 $er ogni centro dinteresse troveremo solo una do ina di $arole. Il re$erimento dei verbi dis$onibili5 condotto su un centro dinteresse assai vago 9i !erbi dazione usuali: 7a !ornito un risultato ancora $eggiore con soli 11 verbi indicati da $iU della met) degli intervistati.

31

lessicale5 la lessicogra!ia dei di ionari di base in "uesto secondo $eriodo della sua storia non trova una valida solu ione $er i $roblemi emersi5 in!atti5 tutte le liste di base si basano in $rinci$io sul criterio "uantitativo della !re"uen a lessicaleY i criteri "ualitativi aggiuntivi sono introdotti solo al !ine di ri$arare le lacune dei conteggi di !re"uen aY le solu ioni metodic7e $ro$oste rimangono nellambito della lessicostatistica e non danno origine a un nuovo concetto teoricoY le liste di base sono sincategorematic7e e non 7anno il carattere di un di ionario. 1.2.2.$ .-a''roccio comunicativo 'ragmatico

La svolta comunicativo1$ragmatica anc7e nella lessicogra!ia dei di ionari !ondamentali 7a $ortato ad un mutamento $aradigmatico5 gra ie al "uale i termini come $ragmatica5 comunica ione e com$eten a diventano concetti im$ortanti $er la sele ione lessicale. Eel tentativo di am$liare il lessico di alto uso ad un minimo lessicale atto ad ottenere determinati obiettivi didattici5 sono venuti meno i criteri di sele ione scienti!ici5 $erlomeno se con il termine -scienti!ico. si intendono i valori rigorosi delle scien e naturali. %er ovviare a "uesto dilemma5 ossia c7e le esigen e scienti!ic7e non sono com$atibili con lutilit) didattica delle liste lessicali5 si X cercato di de!inire con $iU c7iare a i criteri di sele ione -$ragmatici. e i $rocessi orientati ai gru$$i di discenti. Lobiettivo X di determinare dei minimi linguistici $er i bisogni comunicativi di vari gru$$i di a$$rendenti. W stato riconosciuto c7e sulla base degli obiettivi didattici bisogna de!inire il minimo lessicale5 c7e a sua volta deve concordare con le strutture grammaticali di base. 2n minimo lessicale di "uesto ti$o deve essere non solo c7iuso in sM5 ma deve ris$ecc7iare adeguatamente le strutture di base della lingua in oggetto5 deve soddis!are i bisogni comunicativi dei destinatari5 in!ine deve essere am$liabile in modo sistematico. %er c7iarire i bisogni s$eci!ici dei discenti5 si cercava di catalogare i temi5 le situa ioni5 i testi ed i $ossibili atti comunicativi c7e la$$rendente deve essere in grado di com$iere. Questi catalog7i 9come "uello ri$ortato in 6iliberti 199'0 991110: sono da intendere come elementi $er la determina ione degli obiettivi della$$rendimento5 considerando i "uali si $ossono com$ilare e veri!icare le liste di $arole. Il criterio statistico vi gioca un ruolo modesto. Eel 19+2 X uscita una lista di 2.000 $arole5 destinato come materiale desame $er lottenimento del certi!icato di tedesco come lingua straniera 9Ierti!i@at #a,: 9/teger0 19+2:. ,in dallini io si cercava di armoni are la sele ione lessicale con gli obiettivi didattici. La sele ione5 e!!ettuata sulla base di una lista di '.000 $arole estratte da testi didattici5 si !ondava sulla valuta ione di un gru$$o di es$erti5 e il criterio di !re"uen a 7a avuto solo un ruolo indiretto nel giudi io della commissione. Eel lavoro sono state considerate alcune categorie $ragmatic7e 9inten ioni5 temi e situa ioni comunicativi di base: c7e $ermettono al discente di $arlare di temi della vita "uotidiana. Eelle successive revisioni del 19++ e 1995 X stato sistematicamente veri!icato in "uale misura le situa ioni5 temi ed inten ioni si lasciano es$rimere con linventario lessicale $revisto. W stata $resa in considera ione la mor!ologia delle $arole0 sono state scartate le es$ressioni c7e si $ossono derivare tramite regole mor!ologic7e $roduttive. &ccanto a "uesto $erseguimento sistematico della$$roccio $ragmatico sono state osservate le rela ioni lessicali 9sinonimia5 i$onimia e antonimia: al !ine di alleggerire e rendere $iU consistente il vocabolario. Eelle versioni riviste la !re"uen a X stata reintrodotta come criterio di lavoro. Lutilit) della raccolta si X dimostrata veramente alta0 "uasi tutti i libri didattici a$$arsi dagli anni /ettanta in $oi si basano sulla lista I#a,.

32

2naltra ini iativa c7e $rende s$unto dalla$$roccio $ragmatico5 X il $rogetto Lingue moderne del 6onsiglio d*uro$a5 nellambito del "uale5 a $artire dal 19+15 si X cercato di de!inire il lessico !ondamentale !acendo ricorso al concetto di /-res-old Le!el5 ovvero Li!ello soglia5 a$$licato !inora a ventitrM lingue euro$ee.16 Il lessico del /-res-old Le!el5 il $rimo di una serie di lavori !inali ati alla sele ione del vocabolario !ondamentale5 X stato !issato in 1.000 unit) lessicali5 in $iU altre 500 $er luso solamente ricettivo. La$$roccio !ondamentale del $rogetto X la teoria degli atti comunicativi5 introdotta negli anni /essanta da &ustin e /earle. Il $rinci$io di base X c7e la gente5 $arlando5 com$ie degli atti linguistici e la struttura di un enunciato di$ende dal ti$o di atto c7e 7a reali ato. Questo ti$o di metodo comunicativo vuole dotare il $arlante straniero di me i linguistici necessari $er raggiungere un certo sco$o in una data situa ione comunicativa. %er de!inire il lessico !ondamentale bisogna considerare le situa ioni in cui si dovr) usare la lingua stranieraY i temi c7e $ossono emergere durante le discussioniY il ti$o di attivit) linguistica c7e il discente deve com$iere5 $. es. leggere5 $arlare5 ecc.5 le !un ioni c7e lallievo deve attuare5 $. es. comunicareY le es$ressioni generali di cui avr) bisogno5 $. es. le no ioni di luogo come da!anti3 dietroY le no ioni s$eci!ic7e5 legate ad un certo tema5 $. es. al tem$o meteorologico sono legate $arole come sole3 pio!ereY le concrete !orme linguistic7e di cui avr) bisognoY in!ine il livello di $resta ione del discente. /ulla$$roccio comunicativo1$ragmatico si basa anc7e la $ro$osta di >T7n 919+90 62:. %er sele ionare il lessico !ondamentale egli identi!ica una serie di criteri in cui dominano c7iaramente i com$onenti eBtralinguistici e $ragmatici della com$eten a comunicativa0
-di "uale materiale lessicale 9L8: della lingua standard 7a bisogno un $arlanteKuno scrittore 9/:5 $er com$iere con successo linten ione comunicativa 9>I: nella situa ione 9/it: sul tema 93: nel ruolo 9(: con laiuto di una determinata modalit) di comunica ione 9>8:4. 93radu ione nostra.:

2n minimo lessicale comunicativo dovrebbe $ertanto contenere le $arole c7e rientrano nel contesto dei temi rilevanti $er la comunica ione. I temi rilevanti $er la comunica ione sono "uelle c7e -costituiscono la maggioran a delle !orme scritte e orali della comunica ione. 919+90 68:. >ro7n 919920 +2: nota c7e con "uesta de!ini ione >T7n ri$ro$one il criterio di !re"uen a5 criticato con tanta veemen a5 anc7e se5 invece di un criterio di ricorren a lessicogra!ica5 "ui si o$era con un criterio di ricorren a tematica5 in cui la sele ione si basa sulla !re"uen a doccorren a dei temi nei singoli testi. &ltri !attori aggiuntivi sono0 nella gerarc7ia dei termini le $arole generic7e vanno $re!eriti a "uelle $iU s$eci!ic7eY si $re!eriscono le $arole mor!ologicamente sem$lici a "uelle com$osteY "uelle stilisticamente neutrali e $iU -utili. $er una determinata categoria di a$$rendenti. %ro$oste simili si ritrovano in un articolo di /c7arn7orst 91995:5 in cui lautore a$$lica alle diverse !asce del lessico i concetti di centro e $eri!eria5 introdotti negli anni /essanta dai linguisti $rag7esi. *gli giunge alla conclusione c7e il nocciolo 9lo strato centrale: del lessico X com$osto di $arole di origine indigena5 monomor!ematic7e5 stilisticamente neutrali5 di uso !re"uente5 a$$artenenti alla lingua standard. W vero5 in $arte5 c7e in un lessico !ondamentale bisogna includere le $arole aventi una struttura mor!ologica abbastan a sem$lice5 c7e servono come base $er la la crea ione di altri elementi lessicali5 ciononostante X c7iaro c7e non tutti i termini !ondamentali 7anno una struttura sem$lice5 e non tutte le $arole -sem$lici. sono !ondamentali o abbastan a !re"uenti $er !ar $arte del lessico di base. 2n altro $roblema X c7e al lessico !ondamentale a$$artengono non solo es$ressioni stilisticamente neutrali5 ma anc7e locu ioni marcati5 so$rattutto
16

%er il livello soglia dellitaliano c!r. 2.2.1+5 $er lung7erese si veda 3.2.65 $er il "uadro teorico generale del $rogetto si rinvia a 5.1.1.

33

nellambito della comunica ione orale 9c!r. alcune scelte di Halli de %aratesi in 2.2.1+:. In molti casi la decisione di assegnare una $arola al lessico !ondamentale di$ende dal $eso c7e si vuole attribuire ai singoli criteri. Quanto allutilit) dei termini5 $ro$osta da >T7n5 occorre valutare i limiti del concetto -lessico !ondamentale.5 giacc7M a voler rilevare i termini $iU utili $er ciascun gru$$o di a$$rendenti5 ci vorrebbero tanti lessici !ondamentali5 "uanti i gru$$i di destinatari stessi. %ertanto lunica $ossibilit) X di creare un c.d. lessico elementare5 il "uale5 anc7e se non $ermette di es$rimersi in modo c7iaro ed esauriente in tutti i contesti5 serve come nocciolo $er il lessico !ondamentale individuale di ciascun a$$rendente. Hli a$$rocci di ti$o $ragmatico testimoniano5 c7e il $unto di ri!erimento $er la determina ione del lessico !ondamentale non X $iU costituito dalle ricerc7e di !re"uen a lessicale5 la sele ione si basa ormai sulle!!ettivo uso comunicativo del lessico. In accordo con >T7n 91990: e /c7umac7er 91998: osserviamo $erV c7e la de!ini ione dei criteri orientati allutente e il loro utili o com$orti numerosi $roblemi5 dovuti in $articolare allo stato $oco uni!orme delle ricerc7e di $ragmatica linguistica. Eon X sem$re $ossibile $revedere "uali temi e situa ioni saranno indis$ensabili $er un determinato gru$$o di discenti. Inoltre5 $iU eterogeneo X il gru$$o degli a$$rendenti5 $iU di!!icile diventa la sele ione5 se al contem$o si $unta a un numero basso di elementi lessicali. >ro7n 919920 26: avverte c7e in molti vocabolari di base le concrete !orme lessicali seguono il catalogo degli atti linguistici5 di cui consegue c7e in molte liste abbondano le es$ressioni stereoti$ic7e5 atte ad a!!rontare determinate situa ioni e temi $restabiliti. Lutilit) di "uesti elementi in certe situa ioni standard non ci illude sul !atto c7e la $revedibilit) delle situa ioni ti$ic7e e delle !orme linguistic7e a$$ro$riate X limitata. La conoscen a di $arole e signi!icati generici5 non legati a determinati temi e situa ioni5 X una condi ione irrinunciabile $er la costru ione e $er lam$liamento di una com$eten a lessicale. W di!!icile valutare se i criteri orientati ai bisogni degli utenti e alla $ragmatica abbiano $rodotto lessici di base e!!ettivamente migliori5 !atto sta5 c7e un vocabolario !ondamentale basato su criteri $ragmatici costituisce uno strumento di comunica ione $iU legittimo ris$etto alle liste $recedenti. In "uestottica i vocabolari di base stesi utili ando il solo criterio della !re"uen a5 in!atti5 sono visti come $rodotti -semilavorati.. 1.2.2.# 7n a''roccio frequenziale comunicativo

La lessicogra!ia del $eriodo $recedente 7a dimostrato c7e i conteggi di !re"uen a non erano adatti ad o!!rire al discente un inventario lessicale delimitato ris$etto al lessico in!inito di una lingua5 c7e gli $ermetta di valutare la "uantit) del materiale da im$arare5 di ac"uisirlo in un modo sistematico e di !arsi ca$ire in situa ioni "uotidiane. La svolta $ragmatica nella de!ini ione del lessico di base 7a eliminato le lacune dovute alla sele ione orientata alla !re"uen a lessicale5 $onendo in $rimo $iano lutilit) comunicativa degli elementi lessicali5 tuttavia non 7a de!inito c7i e in "uali situa ioni ado$era un di ionario di base. 2ltimamente si cerca di integrare le due teorie o$$oste in un a$$roccio !re"uen iale1comunicativo. W !ondamentale da "uesto $unto di vista lam$ia monogra!ia di >ro7n 91992:5 in cui lautore discute gli as$etti metalessicogra!ici e didattici della struttura dei di ionari !ondamentali tedesc7i. *gli dimostra c7e la$$roccio !re"uen iale e "uello $ragmatico5 contrariamente a "uanto a!!ermato nel $assato5 7anno numerose caratteristic7e in comune 9ivi5 $$. 551+1:. Lobiettivo X di integrare i due a$$rocci in un unico "uadro !re"uen iale1

3'

comunicativo. Il $rinci$io basilare X c7e $er ottenere un lessico !ondamentale attendibile dal $unto di vista didattico5 i di ionari di !re"uen a vanno integrati con dei temi e situa ioni5 mentre i di ionari basati sulla $ragmatica non $ossono !are a meno dei dati di !re"uen a 9ivi5 $. +5:. /otto "ueste $remesse >ro7n !ornisce una -lista com$atta. c7e nasce dallinterse ione di sei liste di $arole0 due liste com$ilate secondo criteri comunicativo1$ragmatici e "uattro liste basate sulla sola !re"uen a. %er ottenere il minimo denominatore comune delle varie liste5 sono stati ammessi solo lessemi c7e !igurano in almeno "uattro delle sei liste. 3ra i 1.'50 lemmi troviamo $er lo $iU $arole sinsemantic7e 9articoli5 $ronomi5 $re$osi ioni e congiun ioni5 ossia $arole grammaticali c7e es$rimono rela ioni sintattic7e eKo semantic7e5 ma non 7anno !un ione re!eren iale autonoma: e autosemantic7e generali 9nomi5 verbi5 aggettivi c7e non $ossono essere associate5 nel senso del 9rame /-eor"5 ad un determinato concettoKtema5 ma com$aiono in tutti i ti$i di testi:5 mentre le $arole autosemantic7e legate a determinati temi sono in minoran a. 6iV si s$iega con il !atto c7e le divergen e tra i diversi lessici !ondamentali sono i minori nella classe c7iusa degli elementi sinsemantici5 aumentano nellambito dei lessemi autosemantici generici5 e il $iU evidentemente si mani!estano nella classe a$erta degli elementi autosemantici legati a determinati temi 9>ro7n 19920 109:. In "uesto senso il lessico -com$atto. ra$$resenta davvero il minimo denominatore comune5 giacc7M com$rende $arole sinsemantic7e e "uelle $arole autosemantic7e c7e sia nella lingua standard5 sia nei linguaggi s$eciali com$aiono. %er ottenere un lessico !ondamentale universale5 si $ro$one di recu$erare le $arole sinsemantic7e $iU im$ortanti tramite conteggi di !re"uen aY $er le voci autosemantic7e generali5 invece5 si dovrebbero ricorrere5 oltre ai dati di !re"uen a anc7e ai criteri della$$roccio comunicativo1 $ragmatico. Le $arole autosemantic7e s$eci!ic7e5 in!ine5 vanno sele ionate in vista degli obiettivi didattici5 !acendo uso dei criteri comunicativi e $ragmatici.

1.2.$ 8i'i di lessici


Il -lessico di base. X unes$ressione in!la ionata. In $rimo luogo5 sta ad indicare un lessico delimitato in "ualc7e modo5 e$$ure i limiti della sele ione sono assai di!!erenti0 $er litaliano >aterinov et al. 91991: 7a scelto 691 $arole di base5 $er 8igliorini 919'3: esistono 1.500 elementi lessicali !ondamentali5 Hiovanelli 91966: ri$orta ca. '.500 termini5 di cui 2.000 di base5 #e 8auro et al. 91980: 7a scelto ca. +.000 $arole5 il %iccoli 91986: e il <*LI 91989: com$rendono 10.000 vocaboli5 il Dizionario di base 9#e 8auro e 8oroni 1996: e il Lessico elementare 98arconi et al. 199': includono ambedue ca. 15.000 lemmi. %er!ino di ionari monolingui relativamente am$i5 come il Dizionario fondamentale della lingua italiana delleditore #e &gostini 92005: con '0.000 lemmi5 o$$ure il #evoto1Oli com$atto 9Le 8onnier5 2002: con 2'.000 voci a!!ermano di contenere il lessico italiano di base. In secondo luogo5 les$ressione -lessico di base. X usata sen a di!!eren ia ione5 sia $er di ionari !ondamentali destinati a $arlanti nativi5 sia $er "uelli conce$iti $er a$$rendenti di una lingua straniera. 2na distin ione tra lessici di base della lingua madre e di ionari didattici5 $ensati $er la$$rendimento di una L25 X aus$icabile $erc7M i due gru$$i target esigono di ionari con macro1 e microstrutture di!!erenti. &ttualmente sono c7iamati vocabolari di base tutti i -di ionari. \ contenenti liste dis$oste in ordine al!abetico \ destinati adi a$$rendenti di una lingua straniera. /c7umac7er 919980 161: avverte5 in!atti5 c7e la lessicogra!ia dei di ionari di base in senso stretto indica la codi!ica ione di lessici !ondamentali $er linsegnamento di una L2.

35

La macrostruttura dei vocabolari di base X molto variegata. >T7n 919900 1359: d) la seguente classi!ica ione dei lessici di base0 \ \
di ionari destinati allinsegnamento della L1 o di ionari $er bambini 9#e 8auro 199+b: o di ionari scolastici 9Habrielli 19815 #e 8auro 1996: di ionari destinati allinsegnamento della L2 o di uno dei linguaggi s$eciali o della lingua standard $lurilingui 9Faldelli e 8a etti 19+': bilingui 98igliorini 19'3: monolingui lemmi dis$osti in ordine al!abetico5 con de!ini ioni ed esem$i 96annella 1991: o sen a 9/ciarone 19++:

lemmi dis$osti in ordine tematico 9Halli de %aratesi 1981: lemmi ri$ortati in ordine di !re"uen a 9>aterinov 1991: lemmi ri$ortati in ordine duso 98arconi et al. 199': lemmi dis$osti in gru$$i di $arole sinonimic7e 9Hiovanelli 1966:

&lla classi!ica di >T7n abbiamo aggiunto altri due ti$i0 tra i vocabolari !ondamentali destinati allinsegnamento della lingua materna 9L1: conviene distinguere tra di ionari $er bambini e di ionari scolastici. I $rimi sono destinati a bambini !ino allet) di 8 anni5 $ertanto sono molto selettivi5 in!atti5 il numero dei lemmi varia da 200 a 2.000 9Aausmann 19900 1365:5 ed 7anno una microstruttura $articolare0 si rinunciano a de!ini ioni ed in!orma ioni lessicogra!ic7e tradi ionali5 i lemmi di solito sono illustrati da esem$i duso. Questo modo di de!inire X $iU simile al modo di de!inire del bambino c7e s$esso de!inisce la $arola $ortando esem$i concreti5 tratti dalla $ro$ria es$erien a $ersonale 98arello 19960 125:. I vocabolari scolastici5 invece5 sono di ionari veri e $ro$ri c7e $ur contenendo dei ri!erimenti didattici5 obbediscono alle conven ioni lessicogra!ic7e. I con!ini tra i due ti$i non sono netti5 e nemmeno i titoli dei di ionari sono indicatori a!!idabili. Bl mio primo dizionario illustrato di Habrielli 91981: $er esem$io5 con i suoi 10.000 lemmi non ris$etta i criteri di un di ionario destinato $er bambini5 in!atti5 X $ensato $er gli studenti delle elementari e $er "uelli della scuola media. Il lessico ri$ortato nei di ionari di base5 $ensati $er linsegnamento di una lingua straniera5 $uV ra$$resentare la lingua standard5 ma esistono anc7e vocabolari !ondamentali5 monolingui e $lurilingui5 delle lingue settoriali. I vocabolari $ossono essere monolingui5 bilingui o $lurilingui. I di ionari !ondamentali $lurilingui e bilingui si basano sul concetto rudimentale delle tradu ioni e"uivalenti5 e ri$ortano $er ogni lemma i ris$ettivi e"uivalenti nella lingua darrivoY i lemmi $ossono essere dis$osti in ordine al!abetico o tematico. I vocabolari monolingui si $ossono distinguerea seconda se ri$ortano "ualc7e ti$o di s$iega ione semantica 9come in /teger 19+2: o meno 9/ciarone 19++:. >T7n osserva a ragione c7e i vocabolari di base sen a s$iega ioni di signi!icato andrebbero c7iamati liste lessicali5 mentre "uelli con delle s$iega ioni si dovrebbero c7iamare di ionari di base. Eei vocabolari di base monolingui il lessico $uV essere ri$ortato in gru$$i tematici5 in base alla !re"uen a5 il valore duso o la sinonimia. In Hiovanelli 91966: le $arole di $er!e ionamento sono suddivise in 13 cam$i concettuali5 raggru$$ati in +3 sottoinsiemi. Eei di ionari di base !ondati sulla !re"uen a o valore duso5 gli elementi lessicali aventi lo stesso indice di !re"uen a eKo valore duso sono riuniti in gru$$i ed elencati in ordine al!abetico.

36

1.2.# Problemi di a''licazione


I com$ilatori e gli editori $ongono laccento sullutilit) dei vocabolari di base5 sostenendo c7e conoscendo un lessico !ondamentale di 2.000 elementi5 uno $uV ca$ire e !arsi ca$ire in una lingua straniera. #al $unto di vista statistico $uV ca$ire ca. l85[ di un testo non s$eciali ato e condurre dialog7i "uotidiani5 mentre conoscendo solo le 1.000 $arole $iU !re"uenti5 si ca$isce l80[ dei testi. Hli es$erti 9>T7n 19905 /c7umac7er 1998: avvertono c7e "ueste a!!erma ioni servano solo a $ubblici are i $rodotti lessicogra!ici5 $erc7M dal $unto di vista scienti!ico non sono sostenibili5 an i dic7iara ioni del genere con!eriscono un carattere $oco serio ed a!!idabile ai tentativi di estra ione dei lessici di base. Le considera ioni di so$ra creano lim$ressione errata c7e im$arando un lessico ristretto5 uno sia in $ossesso di una com$eten a comunicativa estesa. 2n altro $roblema cui allude il titolo5 X c7e la gran $arte dei di ionari !ondamentali !inora usciti non X utili abile come o$era di consulta ione5 $oic7M in contrasto ai di ionari normali sono tro$$o riduttivi in merito al lessico contenuto e s$esso non !orniscono de!ini ioni. Il Li!ello soglia 9Halli de %aratesi 1980:5 o$$ure il Lessico elementare 98arconi et al. 199': sono due liste dedicate agli insegnanti5 agli autori dei libri didattici5 a c7i $iani!ica i curricula5 "uindi5 non sono adatti alluso didattico. W im$ossibile5 in!atti5 utili are una lista di $arole in modo meccanico5 come !onte da cui memori are i lemmi. %resentare le $arole al di !uori di un testo rende $iU di!!icile la$$rendimento5 $erc7M le $riva del loro contenuto linguistico5 dato c7e il signi!icato di una lingua cambia a seconda del contesto. Questi lavori !ungono $iuttosto come una s$ecie di catalogo $er c7i si occu$a di didattica linguistica. #altra $arte5 con $oc7e ecce ioni5 tra cui il #IF 91996: di #e 8auro5 i lessici !ondamentali non sono adatti alle esigen e degli a$$rendenti5 giacc7M il lessico non X ben dis$osto dal $unto di vista didattico5 in!atti5 non sono ra$$resentate le strutture lessicali semantic7e5 nM i criteri della semantica contrastiva sono $resi in considera ione5 $ertanto non $ossono assumere il ruolo di una tradi ionale o$era di consulta ione. In!ine5 nella realt) linguistica non esistono i testi standard sterili e invariabili5 i$oti ati dai lessicogra!i. <isto c7e i conteggi di !re"uen a nella grande maggioran a dei casi si basano su testi letterari5 non sor$rende "uanto notato da >T7n 919900 1360:5 cioX c7e negli articoli dei "uotidiani ogni ottava $arola non !igura in nessuna delle liste di !re"uen a dis$onibili. >T7n 919900 1360: immagina il di ionario !ondamentale del !uturo come libro di studio e di esercita ione nello stesso tem$o5 il cui lessico X stato scelto in base a criteri $ragmatici c7e $ermettono di !arsi intendere in situa ioni comuni. %er rendere osservabili e anali abili anc7e i caratteri "ualitativi della lingua5 occorre $resentare il lessico !ondamentale tramite gru$$i eKo cam$i lessicali e $aradigmi. Hra ie a "uesta struttura semantica ogni singolo gru$$o di $arole costituirebbe un insieme da studiare5 $ermettendo di im$arare il lessico in modo sistematico5 tenendo conto anc7e delle rela ioni semantic7e. &nalogamente il /estle.i2on $ro$osto da >ro7n 919920 1'3: avrebbe lo sco$o di sincroni are in modo sistematico il vocabolario individuale della$$rendente con la "uantit) di elementi lessicali da im$arare. 2n altro $roblema X5 $er la$$lica ione didattica5 c7e le liste a$$rontate $er la ricerca scienti!ica non sono immediatamente utili abili nellinsegnamento. #ato c7e le $arole $iU !re"uenti sono anc7e le $iU $olisemic7e5 $er essere veramente utili5 le statistic7e dovrebbero ri!erirsi ai signi!icati5 invece delle !orme. I calcoli di !re"uen a5 in!atti5 $er ora non dicono "uale dei molti sensi della $arola X il $iU !re"uente. %er !are "ualc7e esem$io5 nel Grande dizionario italiano delluso 9#e 8auro 1999: in dare si distinguono 11 acce ioni5 in andare 1'5 in fare 30. 6on le acce ioni secondarie si arriva ai massimi di 3+

tenere con '15 fare con '3 e prendere con '8. Quali di "ueste acce ioni dovrebbero entrare nel bagaglio lessicale della$$rendente4 *sistono ormai so!t=are c7e calcolano la co1occorren a statistica dei termini5 cioX la $robabilit) c7e 7anno due $arole di essere associate in un determinato testo. 3ale calcolo consente di trovare lacce ione con cui X $iU $robabile incontrare una $arola in un testo. 3uttavia non esiste ancora $er litaliano un di ionario didattico5 come il 6OF2IL# inglese5 c7e sulla base dello s$oglio di un cor$us vastissimo ordina le acce ioni di un lemma $olisemico secondo le ris$ettive !re"uen e 9c!r. se . '.1.':. 2naltra "uestione X c7e al lessico a$$artengono es$ressioni idiomatic7e e !ormule !isse non scom$onibili5 c7e non sono sem$re introdotte organicamente nelle liste di !re"uen a. Quanto alla di!!eren a tra vocabolario attivo 9$roduttivo: e $assivo 9ricettivo:5 le es$erien e rivelano c7e non cX uno$$osi ione netta tra conoscen a ricettiva e $roduttiva del lessico. Eel corso della$$rendimento determinate $arole da vagamente !amiliari diventano note5 e in stadi successivi si im$ara a usarle con sem$re maggiore $ro$riet) 96orda e 8arello 19990 2+:. In alcuni vocabolari !ondamentali 9Halli de %aratesi 1981: sono segnalate le $arole c7e lallievo deve conoscere $roduttivamenteY ma esaminando $iU in dettaglio "ueste liste5 s$esso si vede c7e letic7etta -conoscen a $roduttiva. X data sem$licemente in base a un criterio di !re"uen a5 mentre non si $resta $articolare atten ione al consolidamento del lessico da usare in modo $roduttivo. Eella maggior $arte dei manuali ditaliano L2 non cX una distin ione tra lessico da im$arare $roduttivamente o ricettivamente0 gli autori su$$ongono5 in!atti5 c7e le $arole conosciute solo ricettivamente agli ini i del corso vengano man mano im$arate anc7e $roduttivamente. Lindividua ione dei lessici !ondamentali 7a avuto una certa utilit) nella $iani!ica ione dei curricoli didattici. La $iani!ica ione sem$re $iU di!!eren iata dei contenuti causa scelte lessicali sem$re $iU s$eci!ic7e5 basate sui bisogni dei vari gru$$i di destinatari 9so$rattutto adulti:. Occorre $erV sem$re tenere $resente c7e un vocabolario di base non X conce$ito $er limitare linsegnamento a "uel nucleo lessicale5 nM signi!ica c7e occorra $rima insegnare tutte le $arole di una $rima !ascia5 $oi \ e soltanto $oi \ tutte le $arole di una seconda !ascia. La delimita ione im$osta da un vocabolario di base signi!ica soltanto di im$arare da$$rima il maggior numero delle $arole scelte5 ricorrendo alle $arole di una !ascia seguente soltanto "uando X necessario $er les$ressione s$ontanea o "uando il contenuto di un testo $resentato lo ric7iede.

1.3

Quali e quante sono le parole fondamentali

In vista dei suddetti5 sembra c7e gli studiosi non siano ancora riusciti a delimitare un metodo di ricerca c7e dia tutte le garan ie $er ri$rodurre esattamente il !atto linguistico c7e si vorrebbe circoscrivere. I diversi metodi di ricerca danno risultati a volte sensibilmente diversi5 $ertanto le mille5 duemila $arole $iU usuali sembrano cambiare !orma secondo i criteri di sele ione adottati. Hiulio 6. Le$sc7; 919+80 59: 7a es$resso una critica severa nei con!ronti dei lessici !ondamentali0
d2n di ionario di !re"uen a $er $rinci$ianti c7e volesse limitarsi alle 5.000 $arole $iU comuni5 $iU usuali dellitaliano moderno5 sarebbe diverso se si basasse sul LI, o sul ,#I5 e in tutti e due i casi sarebbe $iuttosto insoddis!acente. Intanto5 sembra ragionevole basare la scelta $er i materiali didattici sul buon senso5 $iuttosto c7e sui calcoli statistici..

38

I risultati dei conteggi di !re"uen a $ossono $resentare delle strane e5 basta $ensare agli elementi delle serie c7iuse5 come i giorni della settimana5 ecc. W !acile correggere "ueste assen e5 $erV emerge un dubbio0 se la !re"uen a non ri!lette lutilit) degli elementi in "uesto caso5 $erc7M dovrebbe !arlo in altri4 Quanto X e!!icace basare la$$rendimento lessicale su criteri statistici4 %er garantire lattendibilit) della sele ione5 bisogna tener conto di numerosi criteri eBtra1 statistici0 il $roblema dinter!eren a della struttura lessicale della madrelingua5 la necessit) di includere elementi utili in classe5 scegliere $arole c7e si adottano alla metodologia5 escludere "uelle c7e $resentano $articolari di!!icolt). 6X inoltre lesigen a di conciliare linsegnamento del lessico con "uello della grammatica e della $ronuncia. Quindi5 nello stabilire lelenco delle $arole $iU utili $er c7i im$ara litaliano5 il criterio "uantitativo va integrato con "uello "ualitativo5 cioX con les$erien a dellinsegnante. 6ercando di dare una ris$osta allinterrogativo c7e !unge da titolo a "uesto $aragra!o5 si $uV dire c7e sia la "uantit)5 sia la "ualit) delle $arole c7e costituiscono il lessico !ondamentale varia secondo le esigen e e dellet) degli a$$rendenti5 ma le 2.00013.000 $arole risultanti come $iU !re"uenti dallo s$oglio di cor$ora bilanciati sono sicuramente "uelle !ondamentali $er comunicare in una comunit)5 siccome $ermettono di riconoscere ca. il 90[ del lessico usato nei testi. 6erto riconoscere il 90[ delle $arole non signi!ica necessariamente ca$irle al 90[5 ma in ogni caso costituisce un buon $unto di $arten a. (iguardo alla "uestione5 $er "uanto tem$o occorra attenersi al vocabolario di base5 non esiste una ris$osta valida $er tutti i casi. La ris$osta di$ende da numerosi !attori5 tra cui il tem$o dis$onibile5 la lingua insegnata5 la $arentela di "uesta lingua con "uella materna degli allievi5 let) degli allievi5 lestensione ric7iesta del vocabolario e certo le !inalit) dellinsegnamento. & titolo desem$io5 /groi 919820 10+: ammette c7e un corso di sei anni dovr) com$rendere "uattro anni dedicati so$rattutto 9ma non solo: allo studio di un vocabolario di base di ca. 3.000 $arole. 6irca la "ualit) di "ueste 2.00013.000 $arole siamo concordi con /groi 9199'0 23+: e /ciarone 919++0 101: sul !atto c7e le liste di !re"uen a reali ate con il su$$orto dellanalisi statistica su cor$ora5 anc7e se criticabili5 $ossono essere utili ate $er un insegnamento ra ionale se usate in modo non esclusivo5 ma arricc7ite da vari a$$orti lessicali e semantici suggeriti dalle concrete situa ioni e dagli interessi degli allievi.

39

2 I dizionari fondamentali e di frequenza della lingua italiana (1927-2006


%er la reda ione di "uesto ca$itolo ci siamo serviti di due saggi di /. 6. /groi 919815 199': in cui lautore $assa in rassegna i lessici !ondamentali e di base dellitaliano5 a$$arsi nel $eriodo 192+11980 e 192+11993 ris$ettivamente. %er una breve rassegna in lingua ung7erese c!r. ,Pris 920000 12511'35 20020 281355 81199:. /co$o di "uesto ca$itolo X di anali are i criteri "ualitativi e "uantitativi adottati dai vari autori $er la determina ione del lessico di base5 e di re$erire "uelle o$ere c7e $otrebbero !ungere da strumenti di ri!erimento $er la sele ione del lessico !ondamentale dellitaliano L2.

2.1

!utori" finalit# e criteri di selezione

/ele ionare le $arole $iU !re"uenti o "uelle c7e !anno $arte di un vocabolario di base5 X uno$era ione delicata c7e in Italia X stata a!!rontata $revalentemente sulla scia di studi simili condotti $er linglese e il !rancese. /groi 9199'0 209: osserva c7e i $rimi vocabolari !ondamentali e di !re"uen a dellitaliano sono o$ere di studiosi stranieri 937om$son 192+5 >nease 19315 /@inner 19355 Cuilland13raversa 19+35 (eis@e 19+'5 /ciarone 19++: o di italiani o$eranti allestero 98igliorini 19'35 H. &. (usso 19'+5 C. &. (usso 19625 Hiovanelli 1966: e solo recentemente di italiani in Italia 9Fortolini et al. 19+15 Faldelli18a etti 19+'5 #.I.L. 19+85 #e 8auro et al. 19805 Habrielli 19815 Halli de %aratesi 19815 Fatinti13renta 19835 %iccoli 19865 <*LI 19895 6annella 19915 >aterinov et al. 19915 #e 8auro et al. 1993 ecc.:. Questi testi a$$arsi tra il 192+ e il 2006 \ nellarco di ottantanni \ sono una trentina5 e $er gran $arte risalgono allultimo ventennio.1 8olte liste sono state elaborate $er esigen e $ratic7e0 $er rendere $iU e!!icace linsegnamento dellitaliano come lingua straniera 9ad es. 37om$son 192+5 >nease 19315 /@inner 19355 8igliorini 19'35 H. &. (usso 19'+5 C. &. (usso 19625 Hiovanelli 19665 (eis@e 19+'5 Faldelli18a etti 19+'5 /ciarone 19++5 Halli de %aratesi 19815 Fatinti1 3renta 19835 >aterinov et al. 19915 Faldelli et al. 2005: e solo recentemente $er litaliano come lingua madre 9#.I.L. 19+85 #e 8auro et al. 19805 Habrielli 19815 %iccoli 19865 6annella 19915 #e 8auro et al. 19935 8arconi et al. 199'5 %ut er 1998a5 1998b5 (inaldi et al. 200':Y $iU raramente $er esigen e non s$eci!icatamente glottodidattic7e 9Fortolini et al. 19+15 Cuilland13raversa 19+35 &linei 19+35 <*LI 19895 6oL,I/ 1995:. Le $rime liste sono state com$ilate in modo manuale 937om$son 192+5 >nease 19315 /@inner 19355 8igliorini 19'35 (usso 19'+:5 mentre "uelle $ubblicate dagli anni /ettanta in $oi 9Fortolini et al. 19+15 Cuilland13raversa 19+35 &linei 19+35 /ciarone 19++5 #e

W interessante c7e tra la reali a ione del $rimo vocabolario !ondamentale della lingua italiana 937om$son 192+: e la nascita del $rimo lessico !ondamentale com$ilato da un italiano 98igliorini 19'3: sono $assati 16 anni5 "uindi gli studiosi italiani 7anno riconosciuto relativamente tardi lim$ortan a di tali lessici.

'0

8auro et al. 19805 <*LI 19895 >aterinov et al. 19915 #e 8auro et al. 1993 ecc.: sono state com$ilate con lausilio di calcolatori elettronici. I criteri della com$osi ione variano a seconda gli obiettivi delle o$ere0 la scelta degli elementi si basa ora sulla sola es$erien a dei com$ilatori 9cos^ 8igliorini 19'35 Hiovanelli 19665 Faldelli18a etti 19+'5 (eis@e 19+'5 #.I.L. 19+85 Habrielli 19815 Halli de %aratesi 19815 %iccoli 19865 6annella 19915 /avino 19955 %ut er 1998a5 1998b:5 ora sulles$erien a e la dis$ersione 9C. &. (usso 19625 /@inner 1935:5 ora sulla !re"uen a e dis$ersione 937om$son 192+5 >nease 19315 Fortolini et al. 19+15 Cuilland13raversa 19+35 <*LI 19895 #e 8auro et al. 1993:5 ora sulla !re"uen a5 dis$ersione ed es$erien a 9H. &. (usso 19'+5 #e 8auro et al. 19805 Fatinti13renta 19835 #IF 19965 #e 8auro1 8oroni 199+b5 #&I6 199+5 Faldelli et al. 2005: o$$ure sulla sola !re"uen a 9/ciarone 19++5 >aterinov et al. 19915 6oL,I/ 19955 6resti18oneglia 200'5 (inaldi et al. 200': come vedremo di seguito. <a ricordato ancora c7e "uasi tutti i di ionari riguardano litaliano scritto5 mentre solo cin"ue 9Halli de %aratesi 19815 >aterinov 19915 #e 8auro et al. 19935 6resti18oneglia 200'5 (inaldi et al. 200': si ri!eriscono alla lingua $arlata.

2.2

$ronologia dei lessici fondamentali e di frequenza

Eella $resenta ione dei lessici si segue il criterio cronologico 9invece di "uello dellestensione5 com$osi ione5 am$ie a del cor$us ecc.:5 $oic7M esso ra$$resenta meglio delle altre solu ioni5 come cambiavano nel tem$o i vari $arametri della com$ila ione con lo svilu$$o dei metodi di ricerca5 man mano c7e gli studiosi riuscivano a !ornire descri ioni sem$re $iU !ondate e scienti!ic7e del lessico. 8olti sono i di ionari c7e mirano ad individuare il lessico -!ondamentale. dellitaliano5 non tutti $erV sono di ionari di base nel senso rigoroso del termine. 3ralasciamo "uindi nella nostra analisi le edi ioni ridotte dei vocabolari duso.2 Eon X il caso di entrare nel merito dei di ionari inversi5 s$esso basate su liste di !re"uen a53 e non esaminiamo le concordan e e i lessici di !re"uen a tratti da o$ere letterarie5 ad ecce ione del lavoro di
2

Iingarelli E. 92001: Lo ingarelli minore. Vocabolario della lingua italiana5 Fologna5 Ianic7elli5 $$. 1562Y Bl nuo!o dizionario italiano Garzanti 9198': 8ilano5 Har anti5 $$. 108+Y %ala i ,. 91982: Bl piccolo Palazzi dizionario della lingua italiana5 8ilano5 Aoe$li5 $$. vi1986Y 8elotti ,.5 /ordi &. 9a cura di: 91988: Dizionario italiano. Le J&.&&& parole della lingua di oggi3 8ilano5 (i oli5 $$. 1193Y #izionario Larus della lingua italiana 91990: Fergamo5 Larus5 $$. 1302Y /garbi <. 91993: Lo Sgarbino3 Dizionario della lingua italiana5 Fergamo5 Larus5 $$. viii11'12Y 6attana &.5 Eesci 8. 3. 9a cura di: 91995: Btaliano #unior. Dizionario della lingua italiana5 3orino5 Loesc7er5 $$. 111'Y Dizionario fondamentale della lingua italiana 92005: Eovara5 #e &gostini5 $$. 1100Y #evoto H.5 Oli H. 6. 92002: Dizionario De!oto1Kli compatto. Dizionario fondamentale della lingua italiana3 ,iren e5 Le 8onnier5 $$. 1568. &d un livello notevolmente in!eriore troviamo0 8iot H. 91980: Bl mio primo dizionario5 ,iren e5 Hiunti5 $$. vii1882Y 8artignon (. 9198+: Dizionario pratico della lingua italiana3 8ilano5 8ondadori5 $$. Bviii1998Y Hrassi 6. 91982: Dizionario della lingua italiana5 8ilano5 Har anti5 $$. 55'Y 6olombo %. 91989: Dizionario della lingua italiana5 8ilano5 6a$itol5 $$. 5'0Y <alle H. 919+9: Piccolo dizionario della lingua italiana5 Frescia5 La /cuola5 $$. 5''. 3 Il $rimo e $er lungo tem$o lunico lavoro di "uesto genere $er litaliano X il Dizionario in!erso italiano di &linei 91962:. Le '3.506 !orme sono state tratte dal Prontuario etimologico della lingua italiana di 8igliorini e #uro 93orino5 %aravia5 1950:. & "uesta monogra!ia $ionieristica si a!!ianca il Dizionario italiano in!erso di Hiuliano 8er 9dis$onibile on line sul sito 7tt$0KKculturitalia.uib@.ac.atK=bK?Feit.as$:5 contenente 129.'32 lemmi tratti da Bl dizionario della lingua italiana per il terzo millennio di #e 8auro 92000:.

'1

&linei 919+3: c7e doveva servire come base $er la costru ione di un di ionario di !re"uen a $er litaliano contem$oraneo. %er ogni di ionario si !orniscono i dati del cor$us sottostante5 i criteri di sele ione5 il numero di lemmi inclusi5 i gru$$i di destinatari ed altri dati rilevanti al !ine di $oter dare un $anorama delle divergen e e le convergen e delle liste in esame.

2.2.1 8%om'son 9. 1. (1927" % &tud' in Italian (oca$ular' #requenc': 7niversit; of Io<a 9aster-s 8%esis.
La lista della 37om$son5 destinata a studenti $rinci$ianti ditaliano5 X una tesi non $ubblicata5 ed X circolata !ra studiosi c7e 7anno condotto studi simili. 6om$rende 500 vocaboli5 ricavati da un cam$ione $resunto di 100.000 occorren e5 !ormato da 10 manuali di lettura $er stranieri5 $ubblicati negli /tati 2niti. I conteggi sono stati e!!ettuati manualmente ogni dieci $agine di testo5 sono stati ignorati gli articoli5 $ronomi5 $re$osi ioni5 congiun ioni5 aggettivi dimostrativi e $ossessivi5 numerali5 ma anc7e i nomi dei giorni5 dei mesi e delle stagioni5 i nomi $ro$ri e geogra!ici e le interie ioni di meno di "uattro lettere. &i lemmi non si assegna una categoria grammaticale5 tranne i c.d. -omonimi sintattici. 9bene avv. e bene n.:5 ma in alcuni casi manca letic7etta0 diritto 9sostantivo5 aggettivo o avverbio4:5 dolce 9sostantivo o aggettivo: ecc. Eon X c7iaro inoltre5 "uale signi!icato delle $arole $olisemic7e 9nome3 paese3 opera: X incluso5 $oic7M lo$era non ri$orta i traducenti inglesi. /ono stati inclusi i lemmi con una !re"uen a non in!eriore a 30. Oltre allindice di !re"uen a5 lautrice ricorre anc7e al valore del c.d. *eig-ted total5 una sorta di -uso. c7e si calcola combinando la !re"uen a con la dis$ersione.' La $rima $arte dello$era contiene i 500 lemmi ordinati $er !re"uen a decrescente5 con indica ione della categoria grammaticale solo "uando X necessario $er distinguere tra omonimi sintatticiY la seconda $arte !ornisce una lista al!abetica dei lemmi.

2.2.2 2nease 8. 9. (19$1" %n Italian )ord List from Literar' &ources: 8%e 3tate 7niversit; of Io<a: 8oronto: 8oronto 7. P.
Quattro anni do$o i conteggi $ionieristici della 37om$son5 la >nease 7a di!eso un lavoro $iU ambi ioso alla stessa universit). 8entre lelenco della 37om$son era destinato a studenti $rinci$ianti ditaliano5 la >nease si concentrava sui bisogni dei studenti a livello intermedio5 $untando a una lista di -some t=o t7ousand =ords. 9$. 13:5 $iU $recisamente 2.080 secondo H. &. (usso 919'+0 218:5 ma 2.09+ secondo Cuilland1 3raversa 919+30 DI:. /i basa su un cam$ione di '00.000 occorren e5 la stessa dimensione c7e Aenmon trovV soddis!acente $er + 9renc- )ord 0oo2 9192':. Il cor$us include racconti5 commedie5 $oesie5 critic7e di '0 autori letterari dal 1850 al 19305 sele ionati in base ad una lista $ubblicata nella rivista Btalica nel 1925.5 I conteggi sono stati e!!ettuati manualmente ogni cin"ue $agine di testo5 e5 sulla scia della 37om$son5 sono state
'

-37e =eig7ted total5 an interesting but "uestionable attem$t to combine !re"uenc; and dis$ersion5 =as establis7ed b; multi$l;ing t7e !re"uenc; b; t7e s"uare root o! t7e s"uare nearest to t7e number o! sources in =7ic7 t7e =ord occurred. ,or instance5 guardare 7ad 289 occurrences and =as !ound in ten sourcesY 289 =as multi$lied b; 35 t7e s"uare root o! ten to t7e nearest integer5 !or a =eig7ted total o! 86+. 9Cuilland1 3raversa 19+30 D:. 5 & ,ive ,oot /7el! on 8odern Italian Literature. In0 Btalica5 &ugust 19255 <ol. 25 Eo. 3.

'2

omesse le $arole grammaticali5 le $arole straniere5 i numerali e i nomi geogra!ici. La categoria grammaticale X $recisata solo $er gli omonimi sintattici. I lemmi sono com$resi !ra la dis$ersione e !re"uen a massima 9'0 e 9.600 ris$.: di essere5 e dis$ersione e !re"uen a minima 99 e 9: di augurare. &lla lista in ordine decrescente di dis$ersione e !re"uen a 9$$. 151'1: segue una lista in ordine al!abetico dei lemmi 9$$. '21+0:. Ogni lemma X seguito dal coe!!iciente di dis$ersione 9numero delle !onti in cui la $arola occorre: e di !re"uen a.6

2.2.$ 3=inner .. >. (19$5" & )om'arative 3tud; of t%e 0ocabular; of /ort; /ive Italian 8e5tboo=s. In6 *odern Lan!ua!e +ournal: ??: @ovember: 2: ''. !7 (#.
La lista di /@inner X tratta da un cam$ione di 19.800 voci di $arten a 9-root =ords. $. 69:5 !ormato con i glossari di 20 grammatic7e5 manuali e libri di testo e 25 antologie usate nelle scuole americane $er linsegnamento dellitaliano. Invece di contare le occorren e di ogni singola $arola5 lautore $rende in considera ione i vocaboli inclusi nel glossario di ogni libro5 scelta c7e incide negativamente sulla validit) dei risultati5 siccome in genere gli editori non concordano su "uali $arole includere nel glossario. %ertanto il verbo essere5 c7e ovviamente a$$are in ciascuno dei '5 !onti5 7a il rango '1 9Cuilland 19+30 DI:. & causa del metodo utili ato5 le 2.962 $arole !ondamentali 9le voci grammaticali sono state $ar ialmente omesse: sono state scelte in base alla dis$ersione 9-range.: com$resa !ra '5 e 10. Eotiamo c7e la dis$ersione non X un criterio su!!icientemente rigoroso5 se luniverso linguistico del cam$ione anali ato non si $resenta signi!icativamente am$io e vario. Il cam$ione di /@inner $erV5 costituito da grammatic7e e antologie $resenti nelle scuole americane5 di!!icilmente $uV essere considerato ra$$resentativo. Le tradu ioni inglesi e le categorie grammaticali accom$agnano i lemmi solo "uando ric7iesto $er la distin ione degli omonimi. 8anca una lista al!abetica com$rensiva di tutti i termini.

2.2.# 9igliorini *. (19#$" Der !rundle!ende )ortsc,atz der Italienisc,en. Die 1-.. /esentlic,sten )0rter: 9arburg: 1l<ert.
8igliorini 9$$. 2131: d) una lista di 1.500 voci !ondamentali 9 die *esentlic-sten )6rter: com$rensivi delle $arole grammaticali. La lista5 $ensata $er sco$i glottodidattici5 X stata com$osta unicamente sulla base del senso linguistico dellautore. Cuilland 919+30 DI: tuttavia assume c7e le scelte dellautore siano state guidate da conteggi $ar iali di !re"uen a. Eello$era5 !ra i 500 lemmi $iU im$ortanti si trovano molte voci legate alla situa ione $olitico1sociale delle$oca 9balilla3 corporati!o3 a!iere3 duce: ed altre c7e ris$ecc7iano as$etti stilistici e lessicali in decaden a.+
6

#a un ra!!ronto sommario della lista di >nease con il LI, risulta c7e nel $rimo siano $resenti $arole di colorito nettamente letterario c7e non com$aiono nel LI,. Fortolini 919+10 8: ri$orta !ra laltro le seguenti voci5 assenti nel LI,0 affogare3 agonia3 alito3 allegramente3 ambedue3 ardore3 arrisc-iare3 assiduo3 astrarre3 a!!edere3 balenare3 balzare3 berretto3 borbottare3 brontolare3 celare ecc. + Eon com$aiono nel LI,0 accampamento3 affogare3 annuncio3 ardore3 artiglieria3 atterrire3 automobilista3 a!iazione3 a!iere3 a!!edersi3 balilla3 codesto ecc. 9Fortolini 19+10 8:.

'3

I 500 lemmi $iU im$ortanti5 raccomandati $er gli studenti del $rimo anno5 sono stati stam$ati in grassetto. Le voci sono seguite dalla categoria grammaticale e dal loro corris$ondente tedesco con "ualc7e esem$io. I derivati si trovano sotto il lemma $rinci$ale. &ccanto a "uasi ogni lemma si trova la trascri ione della sua $ronuncia con i segni dell&l!abeto ,onetico Interna ionale.

2.2.5 4usso A. &. (19#7" & combined Italian Bord .ist. In6 *odern Lan!ua!e +ournal: ???I: &'ril: ''. 21( 2#0.
La lista com$rende 3.1+3 $arole dis$oste in ordine al!abetico 9$$. 22012'0:. Il cor$us di 5.0'3 $arole X costituito dalla somma del lessico di >nease 91931:5 ricco5 secondo (usso di 2.080 termini 9$. 219:5 an ic7M 2.09+5 e di /@inner 91935:5 com$rendente5 sem$re secondo (usso5 2.963 voci5 an ic7M 2.962 9c!r. so$ra:. #alla somma delle due liste sono state sottratte le 1.8+0 $arole in comune5 cos^ sono stati ottenuti i 3.1+3 termini. Ogni termine X seguito da un c.d. -merit number. c7e indica se esso X $resente in tutte e due le liste o in una sola5 e dal grado di di!!icolt) c7e indica la$$artenen a a uno dei 6 sottogru$$i di dis$ersione decrescente5 in cui sono state suddivise le due liste. #al con!ronto emerge c7e 909 voci 9dei 1.8+0 termini in comune: 7anno lo stesso -range.5 mentre 1.303 $arole sono esclusive di >nease o di /@inner5 in $articolare 210 di >nease e 1.093 di /@inner.

2.2.! 4usso C. &. (19!2" &n Italian Idiom .ist. In6 *odern lan!ua!e +ournal1 ?.0I: Canuar;: ''. 1# 21.
& di!!eren a di tutti gli altri testi "uello di C. &. (usso !ornisce una lista di locu ioni varie 9sintagmi5 modi di dire5 ecc.: e non gi) di singole $arole 9ridotte ad una decina:. I '52 -idioms. sono stati tratti da un cam$ione di 1.920 es$ressioni . Il cor$us X !ormato da testi $er linsegnamento dellitaliano0 -novels5 $la;s and s7ort stories. 9elencati a $. 21:5 usati nelle scuole americane5 risalenti al 19'0. Le locu ioni sono state sele ionate in base alla dis$ersione 9-range.:5 cioX in base alla loro $resen a nei 25 testi s$ogliati5 e5 siccome nessuna locu ione X $resente in tutti i testi5 la dis$ersione varia da 1 a 21. Hli idiomi sono stati ordinati in base alla dis$ersione 9$$. 1511+: e $oi al!abeticamente 9$$. 1+121:5 seguiti dallindice di dis$ersione.8

2.2.7 Aiovanelli P. (19!!" 2rund3 und %uf$au/ortsc,atz. Italienisc,1 3tuttgart: 1. 2lett.


Questo di ionario $ubblicato in Hermania5 include '.500 unit) seguite dal loro corris$ondente tedesco e da $oc7i esem$i. I lemmi sono ri$artiti in tre gru$$i0 lautore 7a identi!icato +' $arole grammaticali 9$$. 1311':Y 2.000 $arole di base 9Grund*ortsc-atz: con cui si $uV com$rendere l85[ di un testo non tecnico 9$$. 151108:5 e 2.500 $arole di $er!e ionamento 9+ufbau*ortsc-atz: con coi si $otr) com$rendere !ino al 95[ di un
8

/groi 9199'0 209: osserva c7e H. &. (usso e C. &. (usso 9Hiuse$$e e Cose$75 ris$ettivamente: sembrano essere la stessa $ersona5 dato c7e nella nota + di H. &. (usso 919'+0 220: si legge c7e lautore intende $ubblicare una lista degli idiomi italiani5 uscita 15 anni do$o col titolo +n Btalian Bdiom List 9(usso C. &. 1962:.

''

testo normale 9$$. 1091212:. Le $arole sono state sele ionate in base alles$erien a dellautore. I vocaboli di base sono dis$osti in ordine al!abetico5 mentre le $arole di $er!e ionamento sono suddivise in 13 cam$i concettuali5 raggru$$ati in +3 sottoinsiemi 9"uantit)5 tem$o5 universo5 uomo ecc.:. %er ogni sottoinsieme lautore ri$rende anc7e i relativi termini del lessico di base5 omettendo $erV il corris$ondente tedesco. La distin ione !ra lessico !ondamentale e lessico di $er!e ionamento5 e so$rattutto la scelta di raggru$$are i termini in cam$i concettuali5 rendono il di ionario di Hiovanelli molto simile ai di ionari $edagogici $iU moderni.

2.2.( *ortolini 7.: 8agliavini ).: Dam'olli &. (1971" Lessico di frequenza della lin!ua italiana contemporanea: 9ilano: Aarzanti I*9. (.I/"
W cronologicamente la $rima reali a ione lessicogra!ica mediante calcolatore della lingua italiana c7e vede la luce do$o la $ubblica ione di due o$ere im$ortanti0 9requenc" Dictionar" of Spanis- )ords 9Cuilland et al. 196': e 9requenc" Dictionar" of Gumanian )ords 9Cuilland et al. 1965:5 due o$ere c7e 7anno $osto le basi dei moderni conteggi di !re"uen a 9v. 2.2.9:. Il LI, 7a uno sco$o du$lice0 da un lato costituisce uno strumento di lavoro $er lo studio della lingua italiana contem$oranea5 dallaltro 7a un interesse $ratico $er linsegnamento dellitaliano sia come lingua materna5 sia come lingua straniera. La lista registra 5.356 lemmi 9com$rensivi delle $arole grammaticali:5 risultanti i $iU !re"uenti !ra i 15.+50 lemmi tratti dallo s$oglio di 500.000 occorren e. Il cor$us X costituito da testi a$$arsi !ra il 19'+ e il 19685 ri$artiti in 5 sottoinsiemi di dimensione uguale0 co$ioni teatrali. (oman i5 sceneggiature cinematogra!ic7e5 giornali 9"uotidiani e $eriodici:5 sussidiari $er la scuola elementare. Luso 92: X il valore in base al "uale i lemmi sono accettati o esclusi dal vocabolario di !re"uen a. &l !ine di garantire la con!rontabilit) dei dati5 il valore duso 92: X stato calcolato in base alla !ormula di Cuilland e 67ang (odrigue 5 combinando la !re"uen a 9,: con la dis$ersione 9#:0 2 ` , B # 9Fortolini et alii 19+10 32:. /ia luso c7e il coe!!iciente di dis$ersione sono stati $ro$osti $er la $rima volta da Cuilland e 67ang (odrigue nel 196' 9c!r. 1.1.3.3.2:. I 5.356 lemmi sono com$resi !ra uso massimo '5.0'1503 dellarticolo il ed uso minimo 15+8 di voci come abbrustolire3 abusare5 ecc. In $iU5 i lemmi inclusi sono $resenti in almeno 3 dei 5 sottoinsiemi esaminati. In "uesto modo i 1.500 lemmi $iU !re"uenti garantiscono una -co$ertura. dei testi $ari al 91513[ 9$. 5+:5 mentre con i $rimi 2.500 lemmi la co$ertura arriva al 9555[. Hli autori avvertono c7e5 a causa della grande a del cam$ione5 solamente la !re"uen a dei $rimi 1.00011.500 lemmi $uV essere considerata stabile5 $oic7M gli elementi di $iU basso rango $ossono variare secondo la com$osi ione del cor$us. Il volume include0 a: 2na $arte $rinci$ale in cui i lemmi e le !orme relative sono ordinati al!abeticamente 9$$. 991+16:. %er ogni lemma X s$eci!icata la categoria grammaticale5 $er ogni lemma e !orma !lessa sono $recisati0 lindice di !re"uen a $er sottoinsieme5 il valore di !re"uen a totale nei cin"ue sottoinsiemi5 il coe!!iciente di dis$ersione e il rango duso. b: In una seconda lista i soli lemmi 9non le !orme: sono ri$ortati in ordine duso decrescente 9$$. +191852:5 seguiti dalla categoria grammaticale5 lindice duso5 il rango5 ovvero il numero $rogressivo corris$ondente alla $osi ione di ogni lemma in

'5

"uesto ordinamento5 e i due rang7i c7e com$etono al lemma nellordinamento $er !re"uen a e dis$ersione decrescenti. Eotiamo c7e il LI, X stato il $rimo grande $rogetto di costitu ione di una lista di !re"uen a5 non tagliato su un singolo autore o su testi s$eci!icatamente letterari5 in $iU5 X stato il $rimo di ionario di !re"uen a reali ato con lausilio di calcolatori elettronici. Il LI, serve come base $er la costru ione del Vocabolario di base di #e 8auro et al. 91980:.

2.2.9 Cuilland &.: 8raversa 0. (197$" #requenc' Dictionar' of Italian )ords1 8%e >ague: 9outon. (/DI"
Il volume X stato $ubblicato nellambito del cosiddetto Gomance Languages Pro#ect dell2niversit) di %enns;lvania5 diretto da &. Cuilland5 c7e mirava a !ornire una descri ione dei lessici di tutte le lingue roman e. Il di ionario $er litaliano vede la luce do$o la $ubblica ione delle liste $er lo s$agnolo 9196':5 rumeno 91965: e !rancese 919+0:. La lista $er litaliano contiene 5.01' $arole5 tra cui anc7e "uelle grammaticali. Il cor$us X di 500.000 occorren e5 tratte da testi $ubblicati tra il 1920 e il 19'05 raggru$$ati in 5 se ioni di 100.000 $arole ciascuno0 o$ere teatraliY roman i e novelleY saggistica 9saggi5 memorie5 corris$onden e:Y $eriodici 9giornali e riviste:Y testi tecnici e scienti!ici 9$$. DII1 D<III:. Le voci sono com$rese !ra uso massimo 2'.+98522 e !re"uen a massima 28.659 della $re$osi ione di ed uso minimo 2539 di ascensione3 calce5 ecc. e dis$ersione minima '588 di strato. Il limite in!eriore X "uindi la !re"uen a su$eriore a '5 lindice di uso su$eriore a 35 e loccorren a in almeno 3 sottoinsiemi 9$. DL<I:. La dis$ersione X calcolata secondo la regola introdotta da Cuilland e 67ang (odrigue nel 9requenc" Dictionar" of Spanis- )ords 9196'0 DL<1L<:5 cioX in base al ra$$orto tra la !re"uen a media nei 5 sottoinsiemi e lo scarto dalla media delle !re"uen e realmente trovate. 6on 5 sottoinsiemi e una !re"uen a totale di 105 abbiamo una media di 2 $er sottoinsieme. 6on una distribu ione di 22222 lo scarto X di ero5 la distribu ione X considerata $er!etta5 avr) il valore 15 mentre nel caso di una distribu ione meno uni!orme lindice tende verso ero.9 W merito degli autori di aver introdotto5 sem$re nellelabora ione della lista dello s$agnolo5 lindice duso5 ossia un valore c7e nasce dalla combina ione della !re"uen a e distribu ione. Lassun ione di base X c7e le !re"uen e distribuite in modo uni!orme sono -dense.5 nel senso c7e non diminuiscono al crescere del cor$us5 mentre le !re"uen e mal distribuite sono -gon!ie. e in un cor$us $iU ra$$resentativo tendono a ridursi. &lla correla ione tra !re"uen a e distrobu ione /ciarone 919++0 5918+: dedica lintero ca$itolo "uarto del suo libro5 giungendo alla conclusione c7e $iU una $arola X !re"uente5 meglio X distribuita5 $ertanto il valore duso non serve $er ordinare le $arole secondo un criterio dim$ortan a. Hli stessi autori riconoscono5 in!atti5 c7e $iU numerose sono le occorren e5 $iU uni!orme X la loro dis$ersione5 "uindi laggiustamento causato dal valore duso sar) minore 9le $rime 100 $arole in ordine di !re"uen a decrescente sono identic7e alle $rime 100 $arole in ordine duso decrescente:Y mentre $iU bassa X la !re"uen a e meno uni!orme la distribu ione5 laggiustamento sar) $ro$or ionalmente maggiore 9Cuilland 19+30 DLI<1DL<:. 6iV suggerisce c7e il coe!!iciente duso X rilevante $er $revedere
9

/econdo /ciarone 919++0 61: il $unto critico X c7e la !ormula non $rende in considera ione il numero dei sottoinsiemi in cui la $arola X $resente5 anc7e se "uesto !atto sembra im$ortante $er la determina ione della distribu ione.

'6

loccorren a dei termini di !re"uen a media e bassa. La !ortuna dellindice X dimostrata dal !atto c7e lessici $restigiosi come il LI,5 il LI% o il L* 7anno scelto il valore duso in base al "uale es$ungere o immettere i lemmi nellelenco. Il di ionario consiste di due $arti0 a: *lenco al!abetico 9$$. 11'02: dei lemmi 9stam$ati in neretto: e le ris$ettive !orme. %er ogni lemma si $recisano lindice duso5 !re"uen a e dis$ersione5 il numero totale delle occorren e e il numero delle occorren e nei singoli sottoinsiemi. %er ciascun !orma si indicano le occorren e totali e le occorren e nei sottoinsiemi. b: La seconda $arte com$rende tre liste $arallele in cui i soli lemmi 9non le !orme: sono ordinati in tre colonne0 in ordine duso5 !re"uen a e dis$ersione decrescente5 e sono divisi in gru$$i da 500 lemmi 9$$. '031519:.

2.2.10 &linei 9. (a cura di" (197$" &po!li elettronici dell4italiano letterario contemporaneo: *ologna: Il 9ulino. (31I.)"
Il /*IL6 va segnalato $erc7M il $rogetto5 c7e continua i 20 volumi di Spogli elettronici dellitaliano delle origini e del duecento a cura dello stesso &linei 919681 19+8:5 mirava a dare -la $ossibilit) di reali are un di ionario di !re"uen a dellitaliano letterario contem$oraneo5 c7e risulti dalla !usione dei diversi s$ogli del /*IL6. 9vol. I5 $. <II:. Il $rogetto $revedeva lo s$oglio di altri -venti5 "uaranta roman i. $er -raggiungere un totale di circa due milioni di $arole. 9vol. I5 $. <III:. I tre volumi $ubblicati5 riguardanti 8oravia 9La ciociara5 195+:5 6alvino 9Bl sentiero dei nidi di ragno3 19'+: e 6assola 99erro!ia locale3 1968:5 sono strutturati in modo identico. Ognuno contiene0 a: il -!ormario.5 ossia una concordan a col rinvio alla $agina e alla rigaY le diverse !orme dis$oste in ordine al!abetico5 com$rendendo oltre allindica ione del luogo del contesto5 la !re"uen a assoluta e relativa se non in!eriore a 0501Y b: lindice inverso in ' colonne delle sole !ormeY c: tre liste in ordine decrescente di !re"uen a assoluta5 relativa e relativa cumulativa delle termina ioni in base allultimo trigramma5 lultimo digramma e lultimo monogrammaY d: la lista in ordine decrescente di !re"uen a assoluta5 relativa e relativa cumulativa delle !orme con somma totale delle occorren e dei ti$i lessicaliY e: la tabella di distribu ione delle !re"uen e5 c7e costituisce la -sintesi numerica della Lista di ,re"uen a delle ,orme. 9vol. I5 $. D<:. %urtro$$o il $rogetto non X stato $ortato a termine.

2.2.11 4eis=e >. (197#" (5&3Italienisc, 6nterric,t und (5&3 7ertifi8at Italienisc,: /ran=furt: PEdagogisc%e &rbeitsstelle Deutsc%er 0ol=%oc%sc%ulverband.
Il volume5 $re$arato e $ubblicato in Hermania $er lunione delle scuole $o$olari $er adulti5 registra circa 1.580 $arole ovvero 1.592 lemmi5 $recisa /ciarone 919++0 '5:5 tra cui i termini grammaticali 9$$. 3+11+0:. &ccanto ai lemmi5 scelti in base al criterio delles$erien a5 troviamo una ricca esem$li!ica ione e indica ioni grammaticali.10
10

O$ere simili sono "uelle di 8er 9Langensc-eidts Grund*ortsc-atz Btalienisc-5 198+: e #e7o 9Btalienisc-er Lindest*ortsc-atz3 1988:5 destinate entrambe ad a$$rendenti tedesc7i di italiano L2.

'+

2.2.12 *aldelli I.: 9azzetti &. (197#" (oca$olario minimo della lin!ua italiana per stranieri: /irenze: .e 9onnier.
Eato dalles$erien a dell2niversit) Italiana $er /tranieri di %erugia5 gli autori !orniscono un re$ertorio di 1.+'1 $arole e termini grammaticali5 -con !rasi ed esem$i di uso !re"uente e con tradu ione in inglese5 !rancese5 tedesco e s$agnolo.5 come $recisa il sottotitolo. %ur trattandosi di uno$era com$ilata sulla base delles$erien a degli autori5 si dic7iara c7e nel vocabolario -si trovano le $arole di uso $iU !re"uente della lingua italiana. 9$. 1:. Eella seconda edi ione 919+8: in a$$endice si allega un -#i ionarietto italo1somalo. a cura di Fruno %an a5 la ter a edi ione 91982: invece X arricc7ita da un -#i ionarietto arabo.. La scelta delle $arole X basata sulles$erien a degli autori5 $ertanto in molti casi si trova soltanto la $arola $iU -!re"uente. di una !amiglia lessicale5 si trova ad. es. regalo5 ma non regalare5 e delle $arole $olisemic7e si ri$orta solo i signi!icati $iU -!re"uenti.. Lo$era X conce$ita $er studenti stranieri e $er i loro bisogni s$eci!ici5 "uindi contiene molte $arole inerenti alla grammatica dellitaliano L2. &d esem$io5 la $resen a di termini come ausiliare3 a!!erbio3 participio ecc. sulla cui a$$artenen a del lessico !ondamentale cX almeno da dubitare5 X indubbiamente in!luen ata dallobiettivo del libro5 destinato allinsegnamento5 anc7e grammaticale5 dellitaliano5 agli stranieri. I lemmi5 dis$osti in ordine al!abetico5 sono seguiti dalla categoria grammaticale5 dal loro corris$ondente nelle "uattro lingue suddette5 dalle eventuali !orme irregolari e da esem$i 9!rasi5 idiomi5 $roverbi:5 la cui conoscen a5 secondo gli autori5 X su!!iciente $er im$arare la lingua duso. Il vocabolario X corredato di un inventario grammaticale contenente tutte le !orme degli articoli e $ronomi5 insieme alle $rinci$ali coniuga ioni verbali.

2.2.1$ 3ciarone &. A. (1977" (oca$olario fondamentale della lin!ua italiana: *ergamo: 9inerva Italica.
W una lista di 2.+26 termini e $arole grammaticali tratti da un cor$us di circa 1.500.000 occorren e. Il cor$us nasce dalla combina ione di tre cam$ioni5 ciascuno di 500.000 $arole. Il cor$us del LI, e del ,#I X stato integrato con un nuovo cam$ione di 500.000 occorren e5 diviso in 5 sottoinsiemi5 non ri$artiti in $arti uguali come nel LI, e ,#I5 ma secondo il $iU $lausibile $rocesso di contatto con la lingua da $arte di uno straniero. Lo straniero c7e deve a$$rendere litaliano5 cerc7er) nellambito della lingua scritta5 $rima i giornali 9da cui sono tratte 126.089 occorren e del cam$ione: e le riviste 9105.120 occorren e:5 $oi i racconti 9105.+39 occorren e: $er la loro brevit) e "uindi i roman i 9+'.312 occorren e: e i lavori teatrali 9+8.+50: 9/ciarone 19++0 53:. I testi di "uesto nuovo cam$ione sono stati $ubblicati tra il 1952 e il 19+'.11 La lista X stata com$osta in base alla sola !re"uen a5 $oic7M -la !re"uen a risulta essere il solo criterio valido $er !are una sele ione di vocabolario a sco$o didattico. e tutte le critic7e rivolte alla !re"uen a sono da s$iegare con le im$er!e ioni delle liste elaborate 9/ciarone 19++0 51:. Lam$ie a del cor$us garantisce in sM la stabilit) delle !re"uen e5 $er "uesto5 utili ando un cor$us di 1.500.000 occorren e5 la !re"uen a dei $rimi 2.500
11

/ciarone 919++0 52153: !ornisce solo le date di $ubblica ione dei testi utili ati $er il nuovo cam$ione5 sen a $recisare la data di $rima $ubblica ione5 nM "uella vera o $resunta di com$osi ione. /groi 9199'0 216: osserva5 c7e /ciarone non 7a $reso in considera ione5 come invece sarebbe stato utile5 i testi di 8oravia 9195+:5 6alvino 919'+: e 6assola 91968:5 com$uteri ati da 8. &linei 919+3: 9c!r. so$ra:.

'8

lemmi diventa stabile.12 Il !atto c7e lam$ie a del cor$us X direttamente $ro$or ionale alla stabilit) delle !re"uen e5 X dimostrato dalla legge dei grandi numeri5 secondo cui5 solo al crescere del numero delle $rove5 la !re"uen a di un evento tende a diventare uguale alla sua $robabilit) di occorren a. Questa legge -consente di calcolare in misura attendibile entro "uali limiti $uV variare una determinata !re"uen a. 9/ciarone 19++0 +5:. In "uestottica si distingue la !re"uen a reale 9e!!ettivamente trovata:5 da "uella -ricalcolata. secondo una !ormula statistica c7e $ermette di eliminare le varia ioni di !re"uen a dovute al caso. /i giunge alla conclusione c7e $iU una $arola X !re"uente5 meglio X distribuita5 mentre le !re"uen e basse $resentano varia ioni sensibili nei singoli contesti5 $ertanto esiste una !orte correla ione tra distribu ione e !re"uen a. 2n lessico di base contenente solo $arole molto !re"uenti sar) utile $er la com$rensione di "ualsiasi testo 9/ciarone 19++0 66:. In con!ormit) a veri!ic7e em$iric7e5 lautore costata c7e $er ca$ire un "ualsiasi testo occorre conoscere almeno il 90[ delle $arole c7e lo costituiscono. Il valore di co$ertura delle 2.+26 $arole contenute nella lista giunge !ino a 885+3[5 $ertanto manc7erebbero altre 500 $arole $er co$rire "uasi tutti i testi $ossibili. %er recu$erare le $arole mancanti5 /ciarone 919++0 93: suggerisce5 stranamente5 di a!!idarsi alles$erien a. I lemmi sono com$resi !ra la !re"uen a massima -ricalcolata. 165.2'0 9resa attendibile tramite la normali a ione dello scarto tra le !re"uen e trovate nei tre cor$ora: e !re"uen a massima -reale. 1+5.895 dellarticolo il5 e !re"uen a minima -ricalcolata. 10 e !re"uen a minima -reale. '05 non $erV attendibile5 di ala3 animo5 ecc. /ono state elaborate "uattro liste0 a: Lista generale in ordine decrescente 9$$. 1091163:0 i lemmi sono ordinati in due liste $arallele5 secondo !re"uen a ricalcolata e !re"uen a reale decrescenti. b: Lista $er classi di $arole in ordine decrescente 9$$. 16+1196:0 i lemmi sono raggru$$ati secondo la categoria grammaticale5 seguiti dal -rango secondo !re"uen a ricalcolata.. c: Lista $er classi di $arole in ordine al!abetico 9$$. 1981228:0 i lemmi raggru$$ati secondo la categoria grammaticale sono ordinati al!abeticamente5 con indica ione del rango -secondo !re"uen a ricalcolata. e del -rango secondo !re"uen a reale.. d: Lista generale in ordine al!abetico 9$$. 2311285:0 contiene i lemmi con -rango secondo !re"uen a ricalcolata. e -rango secondo !re"uen a reale.5 categoria grammaticale5 -!re"uen a atotalec ricalcolata.5 -!re"uen a atotalec reale.5 -!re"uen a ,#I.5 -!re"uen a LI,.5 -!re"uen a <I/. acioX del nuovo cam$ione a$$rontato da /ciaronec. La seconda edi ione aggiornata X uscita nel 1995 9Vocabolario fondamentale della lingua italiana5 %erugia5 Huerra:.

2.2.1# Dizionario illustrato per l4uso essenziale della lin!ua (197(" 8orino: 31I. (D.I..."
Questo di ionario5 ricco di circa 13.000 lemmi 9$rivo di termini grammaticali: va incluso !ra i lessici !ondamentali. #estinato ad un $ubblico di raga i5 7a sco$i dic7iaratamente didattici. I $rinci$i di reda ione erano l-estrema sem$licit) e c7iare a.
12

-Oltre la soglia delle 2.500 $arole5 la !re"uen a comincia a risultare meno attendibile $er linciden a del !attore _caso e del !attore _contesto. 2n lessico di 2.500 $arole X comun"ue5 a nostro avviso5 $iU c7e soddis!acente $er un corso di italiano di livello !ondamentale.. /i nota inoltre c7e i dati del LI,5 basati su un cor$us di 500.000 occoren e5 sono attendibili solo !ino ai $rimi 1.000 lemmi 9,reddi in /ciarone 19++0 15:.

'9

9$. 3:5 e si $recisa c7e il di ionario X -o$era di unM"ui$e di linguisti5 di studiosi di $sicolinguistica e di insegnanti. 9$. 2:. Hli autori tengono a sottolineare c7e i lemmi sono stati sele ionati con criteri scienti!ici0 -Loculata e attenta scelta dei vocaboli5 c7e 7a avuto come base la loro !re"uen a nelluso comune 9f: X il risultato di uno studio della lingua $arlata e scritta a livello medio 9vita sociale5 !amiliare5 testi scolastici5 narrativi5 ecc.:. 9$. 3:. %urtro$$o si s$eci!ica secondo "uali criteri di !re"uen a i vocaboli sarebbero stati sele ionati. Le illustra ioni -sono so$rattutto nelle voci tecnic7e e scienti!ic7e5 di ulteriore c7iarimento al testo. 9$. ':. Lo$era non X $riva di $reoccu$a ioni $uristic7e5 in!atti5 si $ro$one di -correggere gli errori $urtro$$o di!!usi. 9$. ':. 3rattandosi di un di ionario ad uso didattico5 ogni lemma X esem$li!icato e de!inito eKo s$iegato. Le in!orma ioni grammaticali5 se$arate nettamente dal resto della voce5 seguono gli esem$i duso5 in "uesta se ione sono ri$ortati anc7e i sinonimi e i contrari. Il volume desidera tener conto -del raggru$$amento di $iU vocaboli sotto un solo es$onente 9!amiglia di $arole:. 9$. ':5 ma ciV vale solo $er i su!!issati $iU immediati e non $er i $re!issati e $er i com$osti $arasintetici. /groi 9199'0 22+: osserva5 in!atti5 c7e gio!ane3 gio!anile e gio!ent= si trovano tutti a $. 3285 mentre ringio!anire X rimasto a $. 62'.

2.2.15 De 9auro 8. et alii (19(0"1 Il voca$olario di $ase della lin!ua italiana. In6 De 9auro 8.: 2uida all4uso delle parole: 4oma: 1ditori 4iuniti: ''. 1#! 172. (0d*"
Questa lista di 6.690 lemmi5 diventati +.0+' nella DI edi ione del 19915 com$rensivi delle $arole grammaticali X stata elaborata sulla base delle 5.356 9/groi 199'0 220: unit) di -maggiore uso. 9#e 8auro 19800 1'8: del LI,.13 La sele ione dei lemmi di $arten a X avvenuta combinando la !re"uen a con la dis$ersione5 utili ando lo stesso cor$us di 500.000 occorren e5 !ornito dal 6entro Ea ionale 2niversitario di 6alcolo *lettronico dell2niversit) di %isa5 c7e costituiva la base del LI,. La reale com$rensibilit) delle $arole X stata veri!icata da $arte di raga e e raga i di ter a media e di adulti con non $iU c7e la licen a media 919800 1'8:. 1' /ono state scartate "uelle non com$rese dalla met) degli interrogati5 cos^ le 5.000 $arole sono state ridotte dai collaboratori a '.93+ 9'.+50 nella D edi ione o $iU esattamente '.+'1 secondo Lucisano 19920 13':. /uccessivamente sono state aggiunte 1.+53 $arole di -alta dis$onibilit). 9diventate circa 2.300 nella D edi ione del 1989:5 assenti nel LI,5 il "uale5 lo ricordiamo5 7a !ornito la base $er lelabora ione del <dF. Il lessico di alta dis$onibilit) X costituito di0
-$arole c7e $uV accaderci di non dire nM tanto meno di scrivere mai o "uasi mai5 ma legate a oggetti5 !atti5 es$erien e ben noti a tutte le $ersone adulte nella vita "uotidiana. /ono le $arole c7e diciamo o scriviamo raramente5 ma c7e $ensiamo con grande !re"uen a.. 9#e 8auro 19800 1'8:

13

Il Vocabolario di base X uscito nella collana dei Libri di base5 avviata dagli *ditori (iuniti sotto la dire ione di 3ullio #e 8auro con lintento di creare una s$ecie di enciclo$edia scom$onibile5 scritta in un linguaggio molto sem$lice e c7iaro. Ogni volume era a!!idato ad uno s$ecialista5 e $rima della $ubblica ione5 il testo $rodotto dalles$erto X stato sotto$osto ad una riscrittura mirata a raggiungere la $iU alta leggibilit) e com$rensibilit). 1' Eel 1963 con lavvento della c.d. scuola dellobbligo X es$loso il $roblema dellitaliano lingua straniera in $atria5 ovvero -"uanta lingua. dovessero sa$ere gli allievi do$o otto anni di !re"uen a 98arello 19960 1'+:.

50

Eel vocabolario dalta dis$onibilit) rientrano $arole come abbottonare3 adolescenza3 alfabeto3 astuto3 cuffia3 pedale3 trag-etto ecc. Queste $arole risc7iano di restare !uori delle liste di !re"uen a e duso5 $erciV il criterio statistico "uantitativo va integrato con criteri "ualitativi. Il concetto di dis$onibilit) emerge $er la $rima volta negli studi di lessicologia !rancese negli anni 6in"uanta5 in $articolare nellelabora ione del francese fondamentale5 c7e mirava a !ornire un vocabolario e una grammatica di base $er linsegnamento del !rancese a stranieri 9v. se . 1.2.2.2:. Il <dF X il $rimo e tuttora lunico vocabolario di base $er litaliano in cui il concetto di -dis$onibilit). X stato integrato5 !acendo un ric7iamo es$licito al vocabolario $assivo5 $iU s$esso attivato nella comunica ione orale. %artendo dallesame dei di ionari dellitaliano comune5 si sono isolate le $arole di maggiore dis$onibilit)5 successivamente sono state controllate tramite linterroga ione di vari gru$$i di $arlanti. I tre livelli del Vocabolario di base sono i seguenti0 a: Il Vocabolario fondamentale 9<,: contiene le $arole di maggior uso5 2.000 termini 91.991 secondo Lucisano 19920 13': stam$ati in neretto5 tratte dalle $rime 2.001 $arole in ordine duso del LI,. Questi termini !ormano il nucleo $iU im$ortante allinterno del vocabolario di base. /i calcola5 in!atti5 c7e "ualun"ue discorso in media utili a $er il 90[ della sua estensione re$lic7e di "ueste 2.000 $arole5 con uninciden a variabile secondo gli sco$i della comunica ione0 si va da un minimo di 80[ nei testi $iU s$ecialistici ad un massimo di 9'195[ nei testi divulgativi. #el <, !anno $arte so$rattutto $arole grammaticali5 verbi dal signi!icato generale e nomi usuali nella vita "uotidiana. b: Il Vocabolario dalto uso 9<&2: include 2.93+ termini stam$ati in grassetto 9ridotti a 2.+50 nella D edi ione del 1989:. Queste $arole com$aiono nel LI, con ragno duso tra 2.002 e 5.001. La $ercentuale del <&2 in "ualsivoglia testo X intorno a 618[. c: Il Vocabolario dalta disponibilit< 9<&#: X costituito da 1.+53 termini 9diventati nella D edi ione ca. 2.3005 o $iU esattamente 2.33+ secondo Lucisano 19920 13': stam$ati in corsivo. Queste $arole non a$$aiono nel LI,5 o$$ure 7anno un rango duso su$eriore a 5.001. Lintero <dF !u sotto$osto a una veri!ica generali ata attraverso le $rocedure del Glotto2it 9Hensini5 <edovelli 1983: $er due motivi0 da un lato cera la volont) degli insegnanti di a$$licare a !ini didattici la lista del <dF5 dallaltro lato gli autori volevano controllarne la reale com$rensibilit)5 $erc7M avevano bisogno di con!erme riguardo la $untualit) di tale lista. Le rileva ioni sono state e!!ettuate su tutte le 6.690 $arole del <dF5 in varie scuole italiane5 sem$re nelle ter e medie5 $er un totale di 152 alunni. Le 2.000 $arole $iU !re"uenti sono conosciute e usate con sicure a da circa il 100[ degli allievi5 a "ueste dobbiamo aggiungere "uel migliaio di termini c7e nascono dallinterse ione del <&2 e del <&#. Eotiamo c7e "ueste $arole costituiscono il -cuore. del lessico italiano. /econdo gli autori usando le $arole del <dF $ossiamo avere buone $robabilit) di essere ca$iti da c7i 7a !re"uentato almeno la ter a media. 2sando invece le $arole del vocabolario !ondamentale5 $ossiamo s$erare di essere ca$iti dal 66[ della $o$ola ione italiana5 in altre $arole da "uelle $ersone c7e 7anno almeno la licen a elementare 919800 1'9:.15 La lista del <dF !u com$ilata originariamente $er de!inire "uel nucleo del lessico italiano5 c7e gli allievi do$o gli otto anni di scuola obbligatoria5 devono essere in grado di conoscere. La DII edi ione aggiornata del <dF 9199+:5 contenente 2.0'9 lemmi del <,5 2.5+6 del <&2 e 1.89+ voci del <&# $er un totale di 6.522 lemmi5 sta alla base di
15

%er avere unidea della ra$$resentativit) del <dF ris$etto allinsieme del lessico italiano5 si consideri c7e i $rimi 5.000 lemmi del LI,5 contenuti "uasi interamente nel <dF5 co$rono il 9958[ delle 500.000 occorren e del cor$us da cui il LI, X stato tratto 9c!r. i dati in Fortolini et al. 19+10 L:.

51

tre di ionari $edagogici 9v. se . 2.2.28130:. Lini iativa 7a una $ortata c7e su$era la !ascia det) cui si rivolge0 il <dF costituisce il $rinci$ale $unto di ri!erimento anc7e $er la de!ini ione dei livelli di conoscen a nella certi!ica ione ditaliano L2 9v. 5.2:. Oltre a sco$i didattici5 il <dF !u un $unto di ri!erimento $er la $rodu ione di testi dalta leggibilit) e com$rensibilit). 6on lausilio del <dF X stato avviato nel 1989 il $rimo $eriodico di !acile lettura in Italia 9v. '.2.2:Y e la D edi ione del <dF 91989: X allegata al Codice di Stile delle comunicazioni scritte ad uso delle amministrazioni pubblic-e5 $ubblicato nel 1993 9v. '.2.3:. & $artire dal <dF 9nella versione in #e 8auro 1991 11: X stata reali ata la base di dati F#<#F 937ornton5 Iacobini5 Furani 199+: c7e contiene i lemmi del <dF corredati di in!orma ioni di carattere ortogra!ico5 !onologico5 mor!ologico5 sintattico ed etimologico.

2.2.1! Aabrielli &. (a cura di" (19(1" Il mio primo dizionario illustrato: 9ilano: 9ondadori.
Il volume X la tradu ione del Golden 0oo2 Bllustrated Dictionar"5 $ubblicato nel 1962 a Ee= ]or@. Il di ionario5 -!atto $er gli alunni delle scuole elementari e $er "uelli delle medie. 9$. 9:5 contiene circa 10.000 $arole5 tra cui "uelle grammaticali. /arebbe interessante esaminare se sono stati omessi o aggiunti dei lemmi5 de!ini ioni5 $oic7M dal carattere dello$era X lecito $ensare ad un adattamento del testo originale 9$iU c7e ad una sem$lice tradu ione:5 anc7e $erc7M accanto ai nomi degli otto curatori inglesi delle illustra ioni troviamo anc7e due autori italiani. 6ome nel caso del #.I.L.5 ogni lemma X de!inito e seguito da esem$i in cui la -brevit). e la -c7iare a. sono le "ualit) essen iali 9$. 10:. Le oltre 3.000 illustra ioni a colori sono -$ronte a soccorrere con locc7io l) dove la mente $otrebbe in "ualc7e modo tardare. 9$. 11:. Lo$era tende ad assumere atteggiamenti normativi0 la$$endice -nutrita e agile. 9$. 11: !ornisce un riassunto delle regole grammaticali e stilistic7e $iU im$ortanti dellitaliano. /imilmente al #. I. L.5 la scelta dei lemmi si basa sulles$erien a5 in!atti5 i criteri sono de!initi -$ratici e logici5 naturalmente. 9$. 9:. /groi 9199'0 22': osserva c7e a giudicare dalle $arole dellautore "uesto non sembrerebbe un lessico -!ondamentale. dellitaliano5 ma un di ionario delle di!!icolt) $revalentemente lessicali. 6on!ormemente allim$ianto !ortemente $uristico dello$era5 sono registrate tre diverse classi di voci0 -$arole di di!!icile signi!icato.Y $arole c7e $ur avendo un signi!icato ben noto5 7anno altri signi!icati $oco conosciutiY in!ine le $arole di signi!icato comune5 c7e $erV $ossono $resentare delle di!!icolt) di scrittura5 $ronuncia5 mor!ologia e sintassi 9Habrielli 19810 9:.16

2.2.17 Aalli de- Paratesi @. (19(1" Livello so!lia per l4inse!namento dell4italiano come lin!ua straniera. 3trasburgo: )onsiglio d-1uro'a.

16

#a un mini1sondaggio di /groi 9199'0 22'122+: risulta c7e circa il '5[ dei lemmi5 cioX circa '.500 vocaboli del Habrielli 91981: sono comuni al #.I.L. 919+8:. Il lessico di #e 8auro 91980: concorda con il #.I.L. 919+8: $er il '656[5 in $ratica $er ca. 3.11+ lemmi5 e con Habrielli 91981: nella misura del ''51[5 ovvero in 2.950 voci. Le coinciden e lessicali tra la lista di #e 8auro 91980: e "uella del #.I.L. 919+8: e del Habrielli 91981: sarebbero del 3255[5 vale a dire circa 2.1+' $arole.

52

Lo$era X stata $ubblicata nellambito del $rogetto -Lingue moderne. del 6onsiglio $er la 6oo$era ione 6ulturale del 6onsiglio d*uro$a5 con lobiettivo di !ornire un livello di com$eten a minima5 $er c7i voglia a!!rontare situa ioni duso comune nelle $rinci$ali lingue euro$ee. Lorientamento teorico e lobiettivo generale di !ormulare un livello minimo di so$ravviven a linguistica costituiscono il "uadro generale5 in cui si collocano tutti i lavori del $rogetto.1+ /ono s$eci!ici del Li!ello soglia i gru$$i di destinatari5 lanalisi dei bisogni comunicativi e la concreti a ione del tutto in un re$ertorio di !orme dellitaliano. La $rima $arte dello$era X dedicata alla $iani!ica ione dei contenuti didattici5 in base ai "uali X stata elaborata la seconda $arte con le concrete !orme linguistic7e. In a$$endice il re$ertorio lessicale X ri$resentato in ordine al!abeticoY segue un inventario grammaticale c7e d) unindica ione sc7ematica delle strutture grammaticali e mor!ologic7e scelte. Il carico degli es$onenti X di ca. 1.500 unit) semantic7e di cui '00 solo $er la$$rendimento $assivo. /i nota5 c7e sotto la soglia di 1.500 unit) lessicali mancano gli strumenti linguistici necessari $er garantire ai destinatari scelti una soddis!acente intera ione sociale nelle situa ioni c7e dovranno a!!rontare 9$. 15:. & di!!eren a di "uanto accade $er le liste di !re"uen a basate su cam$ioni scritti5 $er lelabora ione del Li!ello soglia X stata $resa in considera ione la lingua $arlata. W destinato a -un $ubblico di visitatori tem$oranei adulti c7e devono trascorrere $eriodi non molto lung7i in Italia e c7e intendono abc intrattenere ra$$orti di ti$o non strettamente $ro!essionale con $arlanti nativi di italiano. 9$. 20:. Ferretta 919830 2'5: osserva c7e les$ressione -visitatori tem$oranei. taglia !uori a $riori gli immigrati5 i lavoratori stranieri e loro !amigliari5 $ro!ug7i e simili. I destinatari si suddividono in vari sottogru$$i0 visitatori tem$oranei in veste non $ro!essionaleY studenti stranieri c7e studiano litaliano in universit) allesteroY studenti stranieri 9non di italiano: di universit) italianeY !uturi tecnici e lavoratori stranieriY commerciantiY studiosi stranieri 9$$. 2312+:. Eel "uadro teorico !ortemente in!luen ato dalla $ragmatica5 le "uattro attivit) di base $ossono essere anali ate ulteriormente in termini $ragmatici5 secondo i bisogni comunicativi dei discenti. %er $rocedere a tale analisi5 occorre $artire dalla situa ione in cui si usa la lingua. I com$onenti di unintera ione linguistica 9situa ione: sono0 largomento5 su cui si comunicaY il ruolo5 legato al ruolo $sicologico e alle caratteristic7e sociali 9il grado di conoscen a reci$roca e i ra$$orti gerarc7ici: dei $arlantiY in!ine lambiente5 in cui la comunica ione si svolge 9$$. 28129:. Le situa ioni comunicative dello stesso ti$o5 aventi alcuni tratti $rinci$ali in comune5 !ormano i c.d. domini dintera ione. %er i gru$$i di destinatari $revisti 9v. so$ra: si $recisano "uattro domini $rinci$ali0 gru$$o dei $ariY servi i $ubbliciY trattative commercialiY istru ione. /i escludono alcuni domini come la !amiglia5 la vita $ro!essionale e i mass media c7e $ur essendo im$ortanti5 non rientrano nella com$eten a comunicativa dei discenti $rescelti.18 Il risultato X una descri ione $untuale5 in termini di intera ioni linguistic7e5 della vita "uotidiana ideale dello straniero in Italia0 si $resenta5 cerca casa5 viaggia5 !a ac"uisti5 ecc. Lautrice stessa ammette c7e le liste delle concrete !orme linguistic7e non sono esenti da un certo grado di arbitrariet)5 in "uanto basate sullintui ione e sulles$erien a 9$. '9:.19
1+ 18

%er il "uadro teorico comune dei vari livelli soglia si rinvia alla se . 5.1.1. &llinterno di ciascun dominio 9ad es. istru ione: si $recisano gli argomenti 9scambi tra i discenti e con gli insegnanti:5 ruoli sociali 9insegnanti e discenti: e $sicologici 9scambio cognitivo e non di ti$o $ersonale:5 ambienti 9locali dellistitu ione educativa:5 argomenti 9temi relativi alla vita dellistitu ione:5 attivit) linguistic7e 9uso attivo e $assivo della lingua orale5 uso $assivo della lingua scritta:5 atti comunicativi ti$ici 9domandare5 ris$ondere5 c7iedere s$iega ioni ecc.: e le $ossibili no ioni generali 9legate ai $rocessi di dedu ione5 s$iega ione ecc.: e s$eci!ic7e 9legate ai $articolari temi del corso: 9$$. 3+1 '8:.

53

I bisogni dei discenti sono tradotti in termini di atti linguistici5 considerati le unit) minime di a$$rendimento.20 Le concrete !orme linguistic7e si suddividono in no ioni s$eci!ic7e c7e si ri!eriscono a concetti $articolari in situa ioni concrete5 e no ioni generali c7e sono rilevanti nella maggioran a delle situa ioni. Questultima lista corris$onde5 $er gran $arte5 allinventario contenuto nel /-res-old Le!el5 le no ioni generali sono suddivise nei seguenti gru$$i0 entit)5 esisten a5 s$a io5 tem$o5 "uantit)5 "ualit)5 no ioni mentali5 ra$$orti 9$$. 1051130:. Le no ioni concrete sono raggru$$ate in base ai ti$i di intera ione c7e la$$rendente deve a!!rontare0 identi!ica ione $ersonaleY casaY vita $rivataY istru ione e carrieraY tem$o liberoY viaggiY ra$$orti con gli altriY salute e benessereY com$ereY mangiare e bereY servi iY luog7iY lingua stranieraY o$inioni $olitic7eY tem$o 9$$. 13111+8:. Eei due inventari X ri$ortato il concetto c7e il discente deve sa$er es$rimere5 $. es. -causa5 conseguen a.5 insieme alle !orme linguistic7e c7e si su$$one siano le $iU utili $er es$rimere tali concetti. Le no ioni generali e gli atti comunicativi tendono ad essere gli stessi $er i vari sottogru$$i di destinatari5 $oic7M si a$$licano in una vasta gamma di situa ioni5 $ertanto essi !ormano il -nucleo comune. dellinsegnamento 9il concetto risale originariamente a <an *@ 19+5:. #al materiale Ferretta 919830 2'+: ricava c7e -sembrano $re!eriti i termini $iU s$eci!ici contro i sovraordinati 9quadrato3 rotondo vs. ( forma $. 121:5 i termini di registro meno !ormale 9a!ere vs. ( possedere $. 1285 !ero vs. ( autentico $. 123:5 i termini meno marcati 9odore vs. ( puzzo $. 12':5 le es$ressioni analitic7e 9pi= grande vs. ( maggiore $. 12'5 piacere di pi= vs. ( preferire $. 9':. Eelle scelte di registro si nota un orientamento a es$ressioni molto collo"uiali 9andare matto per3 non poter !edere $. 1'05 fregarsene $. 9':. /i osserva c7e sarebbe stato meglio limitare "uesto criterio alla com$eten a $assiva5 restando $er la com$eten a attiva !edeli al criterio $iU usuale di !ornire $er $rime !orme di registro medio c7e meno es$ongono lo straniero a risc7i di errori -sociolinguistici.. Eonostante varie critic7e $are c7e lo$era costituisca tuttoggi un valido $unto di ri!erimento $er c7iun"ue voglia cimentarsi nellim$resa di stilare un sillabo di italiano L2.

2.2.1( *atinti &.: 8renta B. (19(2" Ricerc,e sul lessico di $ase dell4italiano contemporaneo: Perugia: Auerra.
Lobiettivo del lavoro X di -o!!rire agli o$eratori nel cam$o della ricerca linguistica materiale $er la descri ione dellitaliano5 e agli o$eratori nel cam$o della didattica dellitaliano L1 e L2 strumenti $er la valuta ione oggettiva dei libri di testo5 e materiale utile $er lelabora ione degli eserci iari. 9$. 19:. Hli autori 7anno messo a con!ronto tre o$ere dalle caratteristic7e diverse0 il Vocabolario di base di #e 8auro et alii 91980:5 il Vocabolario fondamentale della lingua italiana di /ciarone 919++: e il Vocabolario minimo della lingua italiana per stranieri di Faldelli e 8a etti 919+':. -W sembrato o$$ortuno integrare la com$onente socio1linguistica 9#e 8auro5 o$. cit.:5 la $ro$osta della linguistica com$uta ionale 9/ciarone5 o$. cit.: e "uella basata sulles$erien a 9Faldelli18a etti5 o$. cit.: $er trarne indica ioni utili sul $iano
19

Fisogna ri$etere le riserve avan ate subito do$o la $ubblica ione da Ferretta c7e in una lunga recensione notava come le liste a$$rontate dal L/ 9liste di bisogni comunicativi5 di situa ioni comunicative5 ecc.: $ur essendo -di molto buon senso e nellinsieme ragionevoli ed e"uilibrate.5 risultavano estremamente soggettive -da ogni $unto di vista. 9Ferretta 19830 2'5:. 20 Hli atti comunicativi $rinci$ali sono0 conven ioni sociali 9ini iare e c7iudere un contatto5 ringra iare5 congratularsi5 augurare5 !are le condoglian e5 scusarsi5 brindare:Y tecnic7e della comunica ioneY stati emotivi5 sentimentiY $rogetti di a ioneY comunica ioni e o$inioniY atti di ris$osta non s$eci!ici. 9$$. 81186.:

5'

descrittivo e a$$licativo. 9Fatinti13renta 19820 1':. Lintegra ione delle tre liste 7a $ortato a una lista di 6.933 unit). La somma delle tre liste d) in realt) 11.1'+ $arole 96.690Z2.+26Z1.+'1: ma '.22' sono voci comuni ai tre sottoinsiemi. %er ogni $arola X indicata la $resen a nei tre vocabolari5 $er il <dF si $recisa anc7e la$$artenen a ad una delle tre !asce del vocabolario. #alla combina ione dei tre lavori risultano varie liste0 voci $resenti in tutte e tre le liste5 lemmi inclusi in due delle tre liste5 $arole $resenti in una sola lista. Eelle inten ioni degli autori "ueste liste $ossono costituire un $unto di ri!erimento $er re$erire le 500 $arole mancanti in /ciarone5 21 necessarie $er co$rire "uasi tutte le situa ioni $ossibili. Eella seconda $arte della ricerca X stata controllata5 sul cor$us delle 6.933 $arole5 la $resen a e la distribu ione dei !onemi5 in $articolare di "uelli c7e in base alles$erien a degli autori costituiscono una di!!icolt) nella$$rendimento 9nessi consonantici5 "uantit) consonantica:. &d esem$io5 +86 sono le $arole sulle 6.9335 nelle "uali com$are il !onema KgK5 ossia 11533+[ sul totale 9$. 18:. Le tabelle o!!rono materiali $er un $rimo orientamento.

2.2.19 Dizionario illustrato della lin!ua italiana per la scuola dell4o$$li!o (19(!" 9ilano: 1ditrice PiccoliF9ondadori.
Il di ionario5 destinato alla scuola elementare5 registra -oltre 10.000 $arole. sele ionate in base alla !re"uen a intesa intuitivamente0 -sono solo "uelle c7e !acilmente ti $uV ca$itare di incontrare e di usare nella $rima $arte della tua vita di studente. 9%iccoli 19860 iB:. Ogni termine X illustrato con un esem$io5 seguito a sua volta da una breve de!ini ione5 con indica ioni !un ionali di sinonimi e contrari5 rinvii a derivati e com$osti. Eon mancano illustra ioni essen iali in bianco e nero.

2.2.20 (oca$olario elettronico della lin!ua italiana. Il voca$olario del 2... (19(9" 9ilano: I*9 Italia. (01.I"
Il <*LI nelle inten ioni degli autori doveva essere il $rototi$o di una nuova genera ione di vocabolari su su$$orto elettronico. %iuttosto c7e un vocabolario5 il <*LI si $uV de!inire un lemmario5 cui sono associate in!orma ioni di ti$o grammaticale. Il <*LI o!!re varie !un ioni0 X $ossibile indicare tutte le $ossibili !orme !lesse $er ciascuno dei 10.000 lemmi e5 inversamente5 ricondurre ciascuna !orma al lemma o ai lemmi cui !a ca$oY dividere le $arole in sillabe 9secondo la scansione ortogra!ica:Y indicare sinonimi e contrari5 ricercare ed elencare $arole c7e cominciano con una data stringa. Il $rogetto X stato reali ato dalla #ire ione (icerca /cienti!ica e 3ecnologica dellIF8 Italia con la consulen a scienti!ica di #e 8auro5 si tratta di uno$era !uori commercio5 distribuito esclusivamente !ra i linguisti. I lemmi sono stati ricavati dallanalisi di circa 26.100.000 occorren e tratte da !onti giornalistic7e 9Bl Londo3 ,uropeo3 Domenica del Corriere e materiali dellagen ia giornalistica &E/&:5 a$$arse nel biennio tra il settembre 1985 e il giugno 198+. W stato additato $iU volte 9/groi 199'0 2295 <edovelli 19950 61: c7e a causa della com$osi ione del cor$us risulta il <*LI $resenta le $arole di una lingua $iU !ormale ed in!ormativa5

21

Il valore di co$ertura delle 2.+26 $arole contenute nella lista giunge !ino all885'[5 $ertanto manc7erebbero altre 500 $arole $er co$rire "uasi tutti i testi $ossibili 9/ciarone 19++0 9':.

55

ricca di tecnicismi5 $ertanto non sor$rende c7e certe $arole legate a es$erien e "uotidiane restano !uori del di ionario. Le $arole sono state sotto$oste ad una serie di -!iltraggi. successivi 9$. 62 e seg.: $rima di giungere alla lista !inale di 10.000 lemmi. #alle occorren e ini iali si sono eliminate le $arole con !re"uen a 1 in ciascuno dei "uattro sottoinsiemi5 ottenendo cos^ un cam$ione di 2'.+62.136 $arole 9$. 68:. /i sono $oi estratte le 80.000 !orme $iU !re"uenti5 ovvero le 20.000 !orme $iU !re"uenti di ciascuno dei "uattro sottoinsiemi. #o$o aver eliminato le interse ioni dei "uattro sottoinsiemi5 le voci si sono ristrette a 32.8+6 di cui si sono estratte le 20.000 !orme $iU !re"uenti c7e 7anno $rodotto 18.+93 lemmi. #a "uestelenco sono stati eliminati '.558 nomi $ro$ri5 sigle5 altera ioni5 elisioni e troncamenti5 $arole straniere ed altri 5.235 lemmi 9la cui rimo ione non X c7iaramente giusti!icata: $er arrivare ai 10.000 $re!issati dagli autori. Eella scelta dei lemmi il criterio della !re"uen a assoluta X stato integrato con "uello delluso5 introdotto in base al LI, 9v. 2.2.8:.22 Le $arole sono com$rese tra -uso. 1.326.16+ 9con dis$ersione 059+: della $re$osi ione di e uso 65 9con dis$ersione 0532: dellaggettivo statuario. &ccanto alle 10.000 $arole cos^ sele ionate5 sono state inserite una trentina di $arole c7e $ur $resentando un valore duso in!eriore a "uello $revisto5 sono usate da <*LI $er i messaggi e le in!orma ioni di &iuto !ornite allutente. Questa scelta -corris$onde a una istan a di c-iusura in s7 del vocabolario. 9<*LI 19890 69:5 in!atti5 lutente deve $oter trovare allinterno del sistema le in!orma ioni relative ai vocaboli c7e il sistema utili a5 anc7e se sulla base della metodologia statistica essi non sarebbero entrati a !ar $arte del vocabolario stesso.23 La versione cartacea contiene varie liste. a: In a$$endice & i lemmi sono dis$osti in lordine decrescente duso 9$$. 851251:5 con indica ione della categoria grammaticale5 della !re"uen a in ogni sottoinsieme5 di dis$ersione e di uso. b: In a$$endice F X ri$ortato lo stesso elenco in ordine al!abetico 9$$. 2551331:5 i lemmi sono seguiti dalla categoria grammaticale e dallindica ione duso. c: La$$endice 6 contiene la lista delle 56' di!!eren e c7e si sarebbero $resentate nella lista dei 10.000 lemmi se si !osse utili ato5 come criterio ordinatore5 la !re"uen a com$lessiva5 invece del valore duso 9$$. 33'1339:. d: La$$endice # com$rende la lista dei lemmi c7e non sarebbero entrati sulla base della sola !re"uen a5 e c7e invece vi entrano avendo utili ato il valore duso 9$$. 3'113'+:. e: In a$$endice * !igurano i 58 lemmi stranieri5 di cui 2' gra ie allutili o del !attore duso rientrano !ra i $rimi 10.000 lemmi 9un sottoinsieme della$$endice #:5 mentre i restanti 3' sarebbero entrati usando la !re"uen a com$lessiva 9un sottoinsieme della$$endice 6: 9$$. 3'91351:. !: La$$endice , X un con!ronto tra i $rimi 2.000 lemmi del LI, e del <*LI 9$$. 3531 39+:.

22

-6lassi!icare i lemmi in base al numero delle loro occorren e sommate b X ingannevole b5 $erc7M una $arola5 le cui occorren e sono tutte o "uasi tutte nella stessa !onte5 si $uV $resumere sia di uso tro$$o s$ecialistico. <orremmo una misura combinata5 di "uanto bene la $arola sia dis$ersa !ra le varie !onti b e di "uanto sia !re"uente in assoluto- 9<*LI 19890 6616+:. 23 8arello 919960 122: avverte c7e uno dei di!etti de!initori da cui il lessicogra!o deve guardarsi X5 accanto alla circolarit) diretta5 luso di termini non de!initi a loro volta nel di ionario.

56

2.2.21 )annella 9. (a cura di" (1991" Il primo 7anic,elli. (oca$olario elementare di italiano: *ologna: Danic%elli.
Il vocabolario5 destinato agli alunni delle elementari5 registra -oltre 15.000 $arole. e secondo lannuncio $ubblicitario della casa editrice -$iU di 21.000 acce ioni. sele ionate secondo una !re"uen a -intuitiva.5 vale a dire le $arole -$iU !re"uenti nei libri di studio o di lettura $er raga i. 96annella 19910 3:. La "uarta edi ione del 200' com$rende5 secondo le a!!erma ioni delleditore -oltre 21.000 voci e 2+.000 acce ioni.5 $ertanto di!!icilmente $otrebbe essere c7iamato di ionario di base5 tuttavia gli autori non mancano a segnalare le '.300 $arole a$$artenenti allitaliano !ondamentale. In base a "uali criteri le $arole !ondamentali siano stati scelti5 non X s$eci!icato. Ogni $arola X illustrata come nel %iccoli 91986: con un esem$io duso5 seguito da una de!ini ione. Il volume include anc7e -5.000 illustra ioni a colori o in bianco e nero. c7e -insegnano nuove $arole5 !ra le "uali anc7e molte non com$rese !ra "uelle de!inite nel vocabolario. 9ivi:.

2.2.22 2aterinov 2.: *oriosi 2aterinov 9. ).: 3ciarone &. A. (1991" Calcolo di rendimento di liste $ase9 italiano parlato1 italiano scritto1 livello so!lia: Perugia: Auerra. (2*3"
I 691 lemmi sono stati tratti da cor$us $arlato di 150.000 occorren e5 raccolto tra il 198+ e il 1990 9$. 8:. I criteri adottati nella !orma ione del cor$us sono orientati alla didattica dellitaliano come lingua straniera 9dominiKargomenti5 ruoli socio1$sicologici5 et)5 sesso5 grado di istru ione5 classe sociale5 $ro!essione5 aree dialettali di a$$artenen a:5 sen a tener conto di una ti$ologia del $arlato come nel LI%. I domini 9temi: delle conversa ioni registrate e le $iU !re"uenti !un ioni comunicative 9$$. 9111: coincidono $er larga misura con "uelli $revisti da Halli de %aratesi 91981:. I testi sono stati $rodotti da $arlanti di ambedue i sessi5 dai 3 ai +0 anni di ogni grado di istru ione e di tutte le classi sociali5 di tutta lItalia 9$. 12:. La sele ione dei lemmi X basata sulla sola !re"uen a0 sono state sele ionate e lemmati ate automaticamente 9$$. 1'5 52153: le $arole aventi una !re"uen a da 20 in su 9$. 1':. /econdo gli stessi autori5 il cor$us X tro$$o $oco ra$$resentativo $er uno studio attendibile sulla !re"uen a5 $er "uesto la raccolta dei testi dovrebbe $roseguire !ino al raggiungimento di almeno 500.000 occorren e5 tuttavia -non cX motivo di ritenere c7e in seguito si $otranno osservare di!!eren e signi!icative $er "uanto riguarda le $rime +00 $arole $iU usate dellitaliano $arlato.5 c7e rientrano $eraltro in un minimo lessicale del )a"stage2' 9$. 15:. Le 691 $arole sono ordinate in due colonne $arallele5 $er !re"uen a decrescente e al!abeticamente 9$$. 23136:. %er ogni lemma X indicata la !re"uen a 9com$resa !ra 6.969 e 20:5 ma non la categoria grammaticale di a$$artenen a.25 Lo$era si $ro$one di individuare le strutture grammaticali e lessicali ti$ic7e del $arlato5 e di veri!icare li$otesi di $arten a5 ovvero c7e la grammatica del $arlato sia diversa da "uella della lingua scritta 9$$. 61+:. %er "uesto5 la seconda $arte contiene un con!ronto tra i 691 lemmi del $arlato e con le 2.+26 $arole dellitaliano scritto di /ciarone 919++: 9$$.
2'

<an *@ C. &.5 &leBander L. H.5 ,it $atric@ 8. &. 919++: )a"stage3 an Bntermediar" Kb#ecti!e 0elo* /-res-old Le!el3 /trasbourg5 6ouncil o! *uro$eY <an *@ C.&.5 3rim C.L.8. 91980: )a"stage ,nglis-5 %ergamon %ress. 25 /tranamente si trovano due lemmi dare con !re"uen a 3+' e 5+ 9$. 2' e 28:5 si trovano inoltre come lemmi5 an ic7M !orme0 mia 9!r. 200: e mio 9!r. 213:5 la 9!r. 3.'68: e lo 9!r. 6'8:5 lire 9!e. 32: e non lira.

5+

3+151:. Eella $rima colonna i lemmi sono ordinati $er !re"uen a decrescente 9secondo il >F/: con i ris$ettivi rang7i nel >F/ e nella lista di /ciarone5 mentre nella seconda colonna i lemmi !igurano in ordine al!abetico. #al con!ronto emerge c7e 651 termini sono comuni nelle due liste. In /ciarone mancano '0 termini di >F/0 + nomi geogra!ici 9+merica3 Capri3 Btalia3 Lilano3 :apoli3 Goma3 Sanremo: e 33 termini comuni 9aids3 antipatia3 appello3 be-3 buonasera3 buongiorno3 cancro3 codice3 cognata3 collegare3 cortesia3 diario3 dibattito3 espresso agg. e s.m.5 festi!al3 giornalismo3 glielo3 imputato3 innanzitutto3 mago3 ma-3 morto agg. e s.m.5 nucleare agg. e s.m.5 o!!iamente3 pistola3 pre!enzione3 reato3 sanit<3 soccorso3 sentenza3 sicuramente3 sieropositi!o agg. e s.m.5 tele!isi!o:.26 Il con!ronto dei 691 lemmi del $arlato con i 691 $iU !re"uenti di /ciarone 919++: d) una $ercentuale di 6'583[ di voci in comune 9$$. 15116:5 in assoluto '5' $arole. Questo numero relativamente basso si s$iega con il !atto c7e la varia ione della !re"uen a 9e dei rang7i occu$ati dalle singole $arole: X dovuta in $arte al caso5 $ertanto esaminando le $arole con un rango $iU basso nella lista di /ciarone5 il numero di $arole comuni aumenta in modo considerevole. Quindi5 in realt)5 la somiglian a !ra lessico del $arlato e lessico dello scritto -X maggiore di "uanto a$$aia a $rima vista. 9$. 16:.

2.2.2$ De 9auro 8.: 9ancini /.: 0edovelli 9.: 0og%era 9. (199$" Lessico di frequenza dell4italiano parlato1 9ilano: 1taslibri. (.IP"
Il lessico5 $re$arato dalla stessa M"ui$e del <*LI5 $resenta un elenco delle 15.6'1 $arole $iU !re"uenti della lingua italiana parlata. I lemmi sono stati ricavati da un cor$us di ri!erimento di '96.335 occorren e5 ossia '+5.883 !orme gra!ic7e 9$$. 3+5 112:. 3rattandosi del $rimo cor$us di $arlato raccolto secondo criteri es$liciti5 esso intende essere ra$$resentativo sia dal $unto di vista dei generi di $arlato5 sia dal $unto di vista geolinguistico. Il LI% X un tentativo di ra$$resenta ione statistica dellitaliano comune $arlato in tutto il territorio na ionale. Le registra ioni5 dalla durata com$lessiva di ca. 5+ ore5 sono state re$erite tra il novembre 1990 e il luglio 1992 9$. '5: in ' citt) italiane0 8ilano5 (oma5 ,iren e5 Ea$oli 9$. 31:Y 125.000 $arole $er citt)5 suddivise ulteriormente in $acc7etti di 25.000 occorren e $er ognuno dei cin"ue ti$i di discorso 9v. $iU avanti:.2+ I testi sono stati $rodotti da 1.653 $arlanti di ambedue i sessi 9$. 51:5 dai 6 anni in su5 ri$artiti $er sei !asce det) 9$. 51:. W stata $resa in considera ione la ri$arti ione $er titolo di studio e il livello di $ro!essione 9$. 52:. /i X considerato $arlato ogni $rodu ione !onica e s$ontanea. /ono stati identi!icati cin"ue ti$i di situa ioni comunicative su una scala c7e va da una maggiore ad una minore naturale a 9$. 35:0 a: scambio bidire ionale !accia a !accia con $resa di $arola libera 9conversa ioni:Y b: scambio bidire ionale non !accia a !accia con $resa di $arola libera 9tele!onate:Y c: scambio bidire ionale !accia a !accia con $resa di $arola non libera 9dibattiti5 interviste5 interroga ioni ecc.:Y d: scambio unidire ionale in $resen a di destinatari 9le ioni5 con!eren e5 rela ioni ecc.:Y e: scambio bi1 o unidire ionale a distan a
26

/groi 9199'0 231: giustamente osserva c7e gli autori indicano come assenti in /ciarone 919++: alcuni lemmi c7e in realt) vi sono $resenti0 perc-73 n7Y altri mancano solo in a$$aren a5 $erc7M lemmati ati sotto altra !orma0 oramai 9an ic7M ormai:5 mio 9an ic7M mia:5 lira 9an ic7M lire:5 lo 9an ic7M la:. 2+ La suddivisione omogenea dei testi in tutta lItalia ac"uista $articolare im$ortan a alla luce del !atto c7e litaliano X diventato lingua na ionale soltanto negli ultimi decenni5 e c7e i suoi dialetti ancor oggi godono di una grande vitalit). Le variet) regionali sono "uelle c7e e!!ettivamente sono $arlate5 e dato c7e si tratta di variet) locali dellitaliano5 esse di!!eriscono notevolmente una dallaltra5 anc7e se le!!etto uni!icatore dei mass media tende a ridurre "ueste di!!eren e.

58

9trasmissioni radio!onic7e o televisive:. %er ciascun ti$o di $arlato sono stati raccolti testi $er un totale di 100.000 occorren e 925.000 in ciascuna citt):5 e ogni genere di $arlato X suddiviso ulteriormente in sottoclassi orientative 9$$. '01'1:. & titolo desem$io $er il gru$$o a: si de!iniscono le seguenti sottoclassi0 conversa ioni in casaY conversa ioni sul luogo di lavoroY conversa ioni nellambito scolastico e universitarioY conversa ioni in luog7i ricreativi e sui me i di tras$orto. #al cor$us sono stati estratti i 15.6'9 lemmi $iU !re"uenti. 3ra le voci sono incluse oltre le $arole grammaticali e anc7e nomi $ro$ri 9$. 93:5 cognomi 9$. 90:5 nomi di ditte 9ibid.: e nomi geogra!ici 9$. 91:. & "uesti lemmi vanno aggiunti 35 !onosimboli 9$$. 531Y 921 93:. I lemmi statisticamente $iU attendibili sono "uelli con !re"uen a su$eriore a 2 9$. 121:5 vale a dire i $rimi +.213. 3ali unit) co$rono il 9+569[ dei testi registrati 9$. 116:5 ciV signi!ica c7e la co$ertura del restante 2531[ dei testi ric7iede la conoscen a degli altri 8.6'1 lemmi con !re"uen a in!eriore a 3. I 15.6'9 lemmi sono stati raggru$$ati in cin"ue liste0 a: /ono stati ordinati al!abeticamente i +.213 lemmi con almeno 3 occorren e e le 20.388 !orme relative 9$$. 1+11'00:. %er ogni lemma e !orma si indicano la categoria grammaticale5 la !re"uen a di ognuno dei cin"ue generi di discorso5 la !re"uen a totale e luso 9$rodotto della !re"uen a e distribu ione:. %er i soli lemmi5 non $er le !orme5 si indica anc7e il rango duso. b: /egue $oi una lista in ordine al!abetico di 8.'28 lemmi con meno di 3 occorren e 9$$. '011'35:. I lemmi sono stati tratti da 9.0'' !orme 9$. 11':. %er ogni lemma si indica la !re"uen a in ognuno dei cin"ue generi di discorso5 la !re"uen a totale e il rango duso. c: La ter a lista X "uella com$lessiva di tutti i 15.6'9 lemmi in ordine duso e di rango da 1 a 6.505 9$$. '361530:. %er ogni lemma X ri$ortata la categoria grammaticale5 la !re"uen a in ognuna delle "uattro citt) dinc7iesta5 la !re"uen a totale5 il valore duso nonc7M il rango duso. d: La "uarta X una lista di !re"uen a 9$. 531: dei 35 !onosimboli5 ciascuno accom$agnato dal numero delle occorren e nellintero cor$us. e: Lultima lista contiene in ordine di !re"uen a decrescente 1.933 es$ressioni $olirematic7e 9$$. 53215'0:5 $er un totale di 6.8+' occorren e 9$. 6'5 112:. I com$onenti delle $olirematic7e sono stati conteggiati sotto i lemmi delle $rime due liste 9$. 96:.28 &l volume sono stati allegati due disc7etti c7e $ermettono la consulta ione di tutti i testi delle registra ioni su cui si basa il LI%5 consentendo di veri!icare la $rovenien a della rileva ione5 il contesto duso e lesatta valen a semantica di ogni $arola1occorren a5 ovvero la $olisemia dei lemmi.

2.2.2# 9arconi ..: Gtt 9.: Pesenti 1.: 4atti D.: 8avella 9. (199#" Lessico elementare. Dati statistici sull4italiano letto e scritto dai $am$ini delle elementari: *ologna: Danic%elli. (.1"
Il Lessico elementare X il $rimo di ionario di !re"uen a italiano5 relativo al lessico dei bambini c7e !re"uentano la scuola elementare.29 /i basa su un cor$us di 1.088.+25 occorren e5 ricavate da $ubblica ioni $er allievi della scuola elementare e da
28

Eotiamo c7e "uestultima lista5 contenente es$ressioni come !a bene3 daccordo3 c-e cosa X di $articolare utilit) $er linsegnamento dellitaliano L2 9c!r. 6.5:. 29 I $rimi studi svolti nel cam$o del lessico dellin!an ia si devono a 37orndi@e 919215 19'':.

59

com$osi ioni scritte da scolari della stessa !ascia. Il $eriodo di ri!erimento X tra il 198+ e il 19895 i testi sono stati raccolti su tutto il territorio na ionale. W un lessico di !re"uen a della lingua scritta c7e com$rende varie liste0 a: Lessico ,lementare in ordine di frequenza 9$$. '1189:0 la lista delle 6.095 $arole $iU !re"uenti nei testi scritti da e $er bambini5 basato su un cor$us di 501.300 occorren e. Lo s$oglio dei testi globalmente 7a dato origine a 19.62' lemmi diversi5 di cui sono stati eliminati 13.529 con una !re"uen a in!eriore a 3598. Ogni lemma X corredato dalla categoria grammaticale5 indice duso e rango.30 b: Lessico di Lettura in ordine di frequenza 9$$. 911135:0 la lista delle 5.511 $arole c7e i bambini leggono di $iU. Lintero cor$us di "uesto settore X stato suddiviso in tre sottosettori0 libri di lettura e !iabe5 giornalini e !umetti5 libri di testo. %er ogni sottosettore sono stati scelti 100 testi5 da ciascuno dei "uali sono state estratte ca. 1.+00 $arole5 1+0.000 $arole $er sottosettore5 $er un totale di 58+.'25 occorren e. Eella lista in ordine di !re"uen a decrescente ogni lemma X corredato dalla categoria grammaticale5 !re"uen a duso e rango5 inoltre sindica leventuale assen a del lemma nel Lessico ,lementare5 nel Lessico di Scrittura o nellintero cor$us di scrittura. c: Lessico di Scrittura in ordine di frequenza 9$$. 13+116':0 la lista contiene le 3.5'3 $arole c7e i bambini scrivono di $iU5 ricavate da 5.000 temi diversi 91.000 $er ciascuna delle 5 classi elementari:5 anali ati in base allet) scolare5 sesso5 localit) di $rovenien a degli alunni. Largomento dei testi scritti dai bambini X stato lasciato volutamente libero5 al !ine di rendere il cor$us di ri!erimento il $iU vario $ossibile. Eella lista in ordine di !re"uen a decrescente ogni lemma X corredato dalla categoria grammaticale5 !re"uen a duso e rango5 inoltre sindica leventuale assen a del lemma nel Lessico ,lementare5 nel Lessico di Lettura o nellintero cor$us di lettura. d: Lessico ,lementare in ordine alfabetico 9$$. 16+1393:0 in "uesta se ione ogni lemma occu$a unintera riga di due $agine a!!iancate. La $agina di sinistra contiene le !re"uen e assolute dellintero cor$us5 dei due settori $rinci$ali 9lettura e scrittura: e degli otto sottosettori 9libri di testo5 libri di lettura5 giornalini e !umetti $er il lessico di letturaY temi delle cin"ue classi elementari $er il lessico di scrittura:. La $agina di destra contiene gli indici statistici utili ati0 rango5 uso5 dis$ersione e !re"uen a normali ata 9modi!icata dal valore duso: $er lintero cor$us e $er i due sottosettori. e: :omi propri in ordine alfabetico 9$$. 3951'16:0 si elencano i '95 nomi $ro$ri $iU !re"uenti del Lessico ,lementare3 la $resenta ione ricalca "uella della lista d:. !: +lcune liste in bre!e 9$$. '1+1'3+:0 si ri$ortano se$aratamente5 in ordine di !re"uen a decrescente5 le liste di sostantivi5 verbi e aggettivi a$$artenenti ris$ettivamente al Lessico di Scrittura e al Lessico di Lettura5 suddivisi in classi di !re"uen a di 500 lemmi. Il !atto5 c7e i $rimi 500 lemmi del Lessico di Scrittura co$rono "uasi l8'5'2[ di tutte le $arole usate nei temi5 d) unidea abbastan a c7iara della $overt) del lessico attivo degli alunni delle elementari. Il valore di co$ertura dei $rimi 500 nel Lessico di Lettura5 invece5 X $ari a +'539[ del totale delle occorren e5 il c7e dimostra una ca$acit) ricettiva $iU ricca 9$. 28:. &nc7e il ra$$orto !ra numero assoluto di lemmi e la $ercentuale di occorren e $rodotte ci !a ca$ire c7e il Lessico di Scrittura risulta molto $iU $overo ris$etto al Lessico di Lettura5 in!atti5 il 90[ delle occorren e X co$erto $er il settore Scrittura da +52 lemmi5 mentre $er il settore Lettura da 1.8295 cioX ben $iU del do$$io 9$. 32:. Le $rime 1.'05 $arole del Lessico ,lementare co$rono il 90[ del cor$us5 "uindi
30

2n con!ronto non sistematico !ra i 6.095 lemmi del L* e i +.050 del <dF mostra c7e i 2.000 lemmi !ondamentali si trovano in entrambi5 cos^ $ure "uelli di alto uso5 mentre gran $arte dei lemmi di alta dis$onibilit) non com$are nel L* 98arello 19960 1'9:.

60

sembra c7e meno di 1.500 lemmi ra$$resentino la "uasi totalit) degli strumenti usati $er la comunica ione scritta 9$. 31:.31 Hra ie alla $resenta ione se$arata del lessico di lettura e di scrittura5 il L* X uno degli strumenti c7e meglio $ermettono allinsegnante di !are $revisioni sulla di!!icolt) di com$rensione di una determinata $arola.

2.2.25 *ertinetto P. 9.: *urani ).: .audanna &.: 9arconi ..: 4atti D.: 4olando ).: 8%ornton &. (1995" Corpus e Lessico di #requenza dell4Italiano &critto ()o./I3"
Questo$era X stata reali ata da un gru$$o di linguisti5 col !inan iamento del 6onsiglio Ea ionale delle (icerc7e. Il cor$us di ri!erimento X com$osto di 3.150.0+5 occorren e. Eel cam$ionare i testi5 gli autori 7anno $onderato i dati dellI/3&35 relativi alle letture $re!erite dagli italiani5 $er ottenere un cor$us c7e !osse il $iU $ossibile ra$$resentativo di ciV c7e gli italiani e!!ettivamente leggono. La suddivisione dei 3 milioni di occorren e 7a dato luogo alla seguente ri$arti ione0 1.500.000 occorren e tratte da "uotidiani del $eriodo 19921199' 9La (e$ubblica5 La /tam$a5 Il 6orriere della /era:5 1.000.000 occorren e da $eriodici e 500.000 occorren e da libri5 considerando anc7e i libri letti $er motivi scolastici o $ro!essionali 9$er una descri ione $iU dettagliata del cor$us c!r. Laudanna et al. 1995:. Il lessico di !re"uen a include due sotto$arti0 un !ormario e un lemmario. a: Il !ormario contiene la !re"uen a di ciascuna delle 1'0.000 !orme $resenti nel cor$us5 sen a distinguere !ra i vari lemmi cui la !orma si $uV ricondurre. I !ile del !ormario contengono le !orme estratte dal cor$us di italiano scritto5 ciascuna corredata dalla !re"uen a assoluta con cui com$are nel cor$us e dal numero di caratteri di cui X costituita. I !ile di!!eriscono !ra di loro $er il carattere 9minuscolo5 maiuscolo5 numerico: e lordine 9al!abetico diretto5 al!abetico inverso5 numerico: in cui le !orme sono ri$ortate. b: Il lemmario contiene invece le !re"uen e delle !orme lemmati ate. Il lemmario indica inoltre la !re"uen a delle $arole $olirematic7e. I !ile del lemmario contengono le !orme 9ricondotte al lemma originario: e i relativi lemmi 9ca. 90.000:. Le !orme e i lemmi sono corredati da0 categoria grammaticaleY !re"uen a assoluta e relativa5 dis$ersione totale e $ar iale 9calcolata sui sottosettori c7e costituiscono il cor$us:Y rango dusoY numero di caratteri di cui la stringa X costituita. I diversi !ile di!!eriscono !ra di loro $er le in!orma ioni contenute 9solo !orme5 solo lemmi5 sia !orme c7e lemmi: e lordine 9al!abetico diretto5 al!abetico inverso: in cui le !orme e i lemmi vengono ri$ortati. /econdo gli autori5 i $unti di !or a di 6oL,I/5 ris$etto ai lessici di !re"uen a $recedentemente dis$onibili $er litaliano sono due0 il bilanciamento delle !onti c7e con!erisce un carattere di non casualit) alle rileva ioni numeric7e estraibili dallarc7ivio lessicaleY e la sua am$ie a. Eon esistono5 in!atti5 molti altri esem$i di cor$ora italiani di "ueste dimensioni. I !ile del lessico di !re"uen a sono dis$onibili $er il do=nload5 laccesso X gratuito 97tt$0KK===.istc.cnr.itKmaterialKdatabaseKcol!isK%resegen.s7tml:. Il cor$us 9limitatamente
31

La situa ione non X s$eci!ica del lessico dei bambini0 ciV emerge da un con!ronto con il LI, 919+1: e con il ,#I 919+3:. 8entre i $rimi 1.000 lemmi del L* co$rono l8658+[ delle occorren e5 nel LI, co$rono 8+533[ e nel ,#I 85559[5 ma gi) le $rime 10 $arole sono su!!icienti a co$rire ca. il 30[ in tutti e tre i cor$ora.

61

alla $arte $er cui sono state rilasciate le autori a ioni: e il di ionario sono consultabili $resso0 ===.ge.ilc.cnr.itKstrumenti.$7$.

2.2.2! 3avino 1. (a cura di" (1995" Il mio primo voca$olario: 9ilano: 9ursia.
Questo vocabolario registra ca. 5.000 lemmi5 tra cui anc7e $arole grammaticali. Eel vocabolario sono raccolte due categorie essen iali di lemmi0 le $arole di base 9ca. 2.000: consentono di -emettere e rece$ire messaggi com$leti 9e abbastan a com$lessi: nella normalit) delle varie situa ioni "uotidiane. 9$. III:Y le $arole a $iU alta !re"uen a -$ur non giungendo ad es$rimere contenuti settoriali o s$ecialistici5 $osseggono $erV unarea di signi!icati meno generali5 meno com$lessivi delle $arole di base. 9$. I<:. #el gru$$o delle $arole di base !anno $arte i termini grammaticali 9 articolo3 aggetti!o3 morfologia ecc.: c7e non a$$artengono al lessico !ondamentale5 ma devono essere inclusi in un lessico c7e 7a la !un ione di com$letare un testo di grammatica $er la scuola. Lo$era5 in!atti5 $rende s$unto dalla tradi ione didattica1linguistica anglosassone5 in "uanto si basa sul concetto di elementar" dictionar"5 ovvero di ionario di base5 i cui re"uisiti sono due0 registrare un numero ben de!inito di lemmi !ondamentaliY corredarli di s$iega ioni del signi!icato e delluso sem$lici e tras$arenti 9$. III:. La lettura del di ionario5 inteso come autentico -libro di testo. della lingua5 assicura agli studenti me i linguistici su!!icienti $er la corretta comunica ione "uotidiana. Quanto ai singoli lemmi5 $urtro$$o manca unindica ione sulla$$artenen a ad una delle due categorie 9$arole !ondamentali e dalta !re"uen a:5 cos^ come non sono s$eci!icati i criteri adottati $er la sele ione dei lemmi. Ogni lemma X accom$agnato dalla categoria grammaticale5 eventuali in!orma ioni mor!ologic7e5 de!ini ione e !raseologia es$licativa. 6ontrariamente a "uanto $romesso sul !ronte del libro5 non sono ri$ortati i sinonimi e i contrari.

2.2.27 De 9auro 8.: 9oroni A. (199!" Dizionario di $ase della lin!ua italiana1 8orino: Paravia. (DI*"
6ronologicamente "uesto X il $rimo nella serie dei di ionari $edagogici redatti con lausilio del Vocabolario di base 9#e 8auro et al. 1980: 9v. anc7e 2.2.28 e 2.2.29:. Questo volume5 dedicato a raga i da 8 a 11 anni5 X $er ora il $rodotto c7e $iU si avvicina a un di ionario didattico $er a$$rendenti stranieri. /i basa sulle stesse categorie del Vocabolario di base5 ma alle +.000 $arole del <dF sono state aggiunte altre 8.000 c7e in base alles$erien a didattica degli autori risultano indis$ensabili in una societ) moderna e com$lessa. *sso com$rende0 2.000 $arole !ondamentali 9com$rese le $arole grammaticali: contrassegnate da un cerc7iettoY 3.000 dalto uso5 indicate con un semicerc7ioY 2.000 di alta dis$onibilit) segnate con una lunetta e altre 8.000 aggiunte a $osteriori. %er ogni lemma 915.000 in tutto: X indicata la$$artenen a ad una delle categorie suddette. /eguono le in!orma ioni sulla $ronuncia5 sillaba ione5 categoria grammaticale ed etimologia. /ono de!initi i sensi !ondamentali di ciascun vocabolo e le !rasi ed es$ressioni in cui la $arola vive. /ono $oi indicate le $arole da cui essa deriva e "uelle c7e ne derivano5 in!ine segue un elenco dei sinonimi e dei contrari. Il #IF contiene $iU di 2.000 rinvii al c.d. Dizionario !isuale c7e include ca. 2.000 immagini a colori5 strutturate intorno a 8 grandi nuclei 9lo s$a io e la terra5 luomo e il suo cor$o5 le costru ioni5 il 62

lavoro5 i tras$orti5 le comunica ioni5 larte e le attivit) ricreative:. Le illustra ioni sono arricc7ite da 55 ri"uadri con +00 verbi di ri!erimento c7e suggeriscono le a ioni $ertinenti a ogni contesto. /egue in!ine un indice analitico di tutti gli oggetti ra!!igurati. Il #IF X inoltre accom$agnato da una guida didattica 96attaneo 1996:.

2.2.2( De 9auro 8.: 9oroni A. (1997b" :rime parole. Dizionario illustrato di $ase della lin!ua italiana: 8orino: Paravia.
Lo$era si inserisce in una serie di di ionari $edagogici5 destinati ai raga i delle scuole elementari e medie0 Prime parole. Dizionario illustrato di base della lingua italiana 9#&niello5 #e 8auro5 8oroni 199+: $er i raga i da 5 a + anni5 Dizionario di base della lingua italiana 9#e 8auro5 8oroni 1996: $er i raga i da 8 a 11 anni5 Dizionario a!anzato dellitaliano corrente 9#e 8auro5 8oroni 199+: $er i raga i da 12 a 15 anni. /i tratta di di ionari $rogressivamente commisurati alle crescenti ca$acit) ed esigen e dei destinatari. I tre di ionari redatti sulla base del Vocabolario di base 9#e 8auro 1980:5 mirano diventare strumenti essen iali $er c7iarire dubbi linguistici dallin!an ia !ino alladolescen a. In mancan a $er ora di di ionari $edagogici dellitaliano $ensati s$eci!icamente $er un $ubblico straniero5 "uesti di ionari restano le raccolte $iU vaste di $arole !re"uenti e dis$onibili corredate da de!ini ioni. Questo $rimo volume5 destinato $er bambini agli ini i della scuola 9agli allievi delle $rime due classi delle elementari: X un di ionario vivacemente illustrato in 608 $agine5 com$rensivo delle +.000 $arole del Vocabolario di base.

2.2.29 De 9auro 8.: 9oroni A. (1997a" D%IC. Dizionario avanzato dell4italiano corrente1 8orino: Paravia.
Questo di ionario destinato agli allievi delle scuole medie su$eriori 9raga i da 12 a 15 anni:5 contiene oltre le +.000 $arole !ondamentali del <dF5 altre 13.000 $arole -c7iave.5 tra cui es$ressioni s$ecialistic7e e termini delle $rinci$ali disci$line scolastic7e. /i tratta di $arole !un ionali5 c7e aiutano lorientamento degli alunni nella vita e negli studi5 !ornendo conoscen e tecnic7e e $roduttive. 6om$ilato $er sco$i didattici5 costituisce un am$liamento del #IF. La struttura del di ionario X identica a "uella del #IF. /ia il #IF c7e il #&I6 sono corredati di cd1rom5 la cui inter!accia di consulta ione X $articolarmente c7iara. Eellambiente $rinci$ale del $rogramma si $ossono visuali are la de!ini ione di un lemma5 la !ascia di !re"uen a a cui a$$artiene5 la sillaba ione5 i sinonimi e i contrari5 le $arole derivate5 la $ronuncia delle $arole straniere ed eventuali illustra ioni. /i $ossono scrivere note $ersonali5 abbinate a ciascun lemma e salvarle $er successive consulta ioni. /i $uV co$iare il testo del di ionario e tras!erirlo in un $rogramma di videoscrittura. /i $ossono cercare $arole intere e $arti e arrivare ai lemmi $artendo dalle !orme !lesse5 e ottenere la !lessione di ciascun lemma. /i tratta "uindi di o$ere ridotte $er mole5 ma con buone !un ionalit) in!ormatic7e. Il #&I6 contiene un esile $rontuario di grammatica5 cui si $uV accedere anc7e dai lemmi c7e sono termini grammaticali5 inoltre5 come il #IF5 X accom$agnato da una guida didattica.

63

2.2.$0 Putzer G. (a cura di" (199(a" ;ilin!uismo. 7/eisprac,i!8eit. Lessico di $ase. 2rund/ortsc,atz: *olzano: &r=adia. Putzer G. (a cura di" (199(b" Lessico approfondito. %uf$au/ortsc,atz: *olzano: &r=adia.
I due volumi sono stati $ubblicati su incarico della %rovincia &utonoma di Fol anoK&lto &dige $er su$$ortare la $re$ara ione allesame di bilinguismo.32 Il $rimo volume $resenta il -lessico di base.5 il secondo X dedicato al -lessico a$$ro!ondito.. Le voci sono state sele ionate con lausilio di liste di !re"uen a dellitaliano e del tedesco e di lessici di base esistenti5 tuttavia non si s$eci!icano le o$ere utili ate. /i X tenuti conto delle $eculiarit) della vita "uotidiana in $rovincia e delle !inalit) $articolari5 "uindi i glossari non sono esenti da scelte soggettive 9$. 8:. I due volumi5 $rivi di termini grammaticali5 sono interamente bilingui 9italiano e tedesco: e 7anno la stessa struttura. /ono divise in due se ioni5 italiano1tedesco e tedesco1italiano5 dedicati ris$ettivamente agli a$$rendenti di madrelingua italiana e tedesca. %urtro$$o le due raccolte non contengono alcunindica ione sul numero delle voci incluse5 $oic7M -la $eculiarit) della raccolta non risiede nel numero delle voci elencate5 bens^ nel modo in cui X stato trattato il lessico. 9$. 8:. /econdo i nostri calcoli5 il carico degli es$onenti si aggira attorno a 1.800 $er ciascun volume. %er ogni voce sono ri$ortate le $ossibili corris$onden e nellaltra lingua5 tuttavia gli autori avvertono c7e i traducenti vanno considerati sem$licemente come su$$orto agli esem$i di !rase c7e accom$agnano ogni lemma. Hli esem$i sono stati scelti in modo da ra$$resentare -contesti ti$ici o costru ioni $articolari in cui viene solitamente usata la $arola.5 9$. ':. &lcuni gru$$i di $arole -dal signi!icato corrente.5 i cui usi e signi!icati non variano nelle due lingue 9i giorni della settimana5 dei mesi5 delle !estivit)5 delle lingue ecc.: non sono stati inseriti nel vocabolario in ordine al!abetico5 ma in a$$osite tabelle nella $arte centrale dello$era5 tra le due se ioni italiano1tedesco e tedesco1 italiano. Ogni voce del glossario X accom$agnata da in!orma ioni grammaticali 9articolo e $lurale dei sostantivi e degli aggettivi5 ter a $ersona singolare del $assato $rossimo dei verbi:. /i indicano inoltre le locu ioni $iU comuni in cui la $arola in oggetto a$$are.

2.2.$1 )resti 1.: 9oneglia 9. (a cura di" (200#" Campionamento Corpus &tammer<o,ann.
Questa lista di !re"uen a tratta dal cor$us reali ato nel 1965 a ,iren e da Aarro /tammerLo7ann 9/tammerLo7ann 19+0:5 X consultabile al sito dell2niversit) di ,iren e0 7tt$0KKlablita.dit.uni!i.itKcor$oraKdescri$tionsKstamK. La raccolta ra$$resenta il $rimo esem$io di cor$us di $arlato s$ontaneo italiano. Il cor$us era stato trascritto dallautore solo $er $iccoli cam$ioni e non era !ino ad ora dis$onibile in nessun !ormato. Il cor$us X stato donato a *manuela 6resti5 $erc7M !osse arc7iviato e $oi di!!uso nella comunit) scienti!ica. Lintero cor$us X stato tras!erito in digitale5 ed X stato inserito nel 6or$us del $arlato s$ontaneo del Laboratorio Linguistico del #i$artimento di Italianistica
32

Le direttive concordate $er gli esami di conoscen a delle due lingue in &lto &dige $revedono un $atrimonio linguistico di base distinto $er carriere 9einfac-e Laufba-n vs. mittlere und ge-obene Laufba-n:. La Hiunta $rovinciale di Fol ano 7a $rovveduto alla sele ione dei vocaboli $er me o di alcuni es$erti guidati da %. >. *gger 919++:. I volumi contengono i vocaboli di entrambe le lingue5 necessari $er la carriera esecutiva e $er "uella direttiva5 tenendo $resente in $articolare la vita $ubblica5 i termini usati in loco5 $ertanto sono stati omesse le $arole relative alla vita $rivata. Questi due volumi a$$artengono alla stessa serie di manuali di bilinguismo5 di cui lo$era di %ut er 91998a5 1998b: !a $arte.

6'

dell2niversit) di ,iren e 9L&FLI3&:5 ma X anc7e dis$onibile in modo indi$endente nel sito del Laboratorio. Il cor$us di ca. 985.000 $arole X $ari a 30 sessioni registrate di varie lung7e e $er circa '101503' ore di registra ione. Le 30 sessioni sono state classi!icate secondo il canale0 broadcasting5 tele!ono5 $arlato naturaleY secondo il contesto sociale0 $rivato5 !amiliare5 $ubblicoY secondo la "ualit) dellintera ione0 libero5 regolatoY e la struttura dellevento comunicativo0 monologo5 dialogo5 conversa ione. La lista di !re"uen a contiene il rango5 la !re"uen a assoluta e la $arte del discorso di ciascuno dei 6.182 lemmi. 2n altro dato interessante X la 8isura di Lessico ,ondamentale. /i $arte dalla teoria5 c7e i lemmi $iU !re"uenti c7e saturano il 90[ delle !orme in un cor$us di ri!erimento sono considerati una stima valida $er lidenti!ica ione del lessico !ondamentale di una lingua. Il cor$us /tammerLo7ann 7a un lessico com$osto da solo 6.181 lemmi $roiettati su 100.000 occorren e elaborate. I lemmi $iU alti in rango5 c7e saturano il 90[ delle occorren e nel cor$us5 identi!icano un lessico !ondamentale di a$$ena 1.163 lemmi. Questi dati sono stati con!rontati con "uelli del cor$us di ri!erimento5 il 61O(&L1(O8 italiano.33 Il cor$us di ri!erimento X molto $iU am$io5 contiene 306.600 occorren e e 15.286 lemmi. /i nota c7e il numero maggiore di lemmi attestati nel cor$us di ri!erimento determina una maggiore varia ione di dominio semantico ris$etto al cor$us /tammerLo7ann. %arallelamente5 in 61O(&L1(O85 anc7e il lessico c7e satura il 90[ delle occorren e X $iU am$io 92380 lemmi:. #alla stima si deriva c7e il cor$us /tammerLo7ann non testimonia una varia ione di domini e "uindi un lessico su!!iciente5 $er essere considerato un cor$us di ri!erimento. Eondimeno5 anc7e in un cor$us con "ueste caratteristic7e5 X evidente la tenden a alla satura ione del lessico !ondamentale su una $or ione ridotta del lessico attestato nel cor$us0 circa 1K5 del lessico attestato in /tammerLo7ann e circa 1K6 del lessico attestato nel cor$us 61O(&L1(O8.

2.2.$2 4inaldi P.: *arca ..: *urani ). (200#" )aratteristic%e semantic%e: grammaticali e di frequenza delle 'arole del HPrimo 0ocabolario del *ambino.I In6 :sicolo!ia clinica dello sviluppo1 (: ''. 119 1#$.
Questa ricerca interessante5 dedicata al linguaggio dei bambini5 si basa sul "uestionario Bl Primo Vocabolario del 0ambino di 6aselli e 6asadio 91995:. /i tratta delladattamento italiano del 8ac&rt7ur 6#I 9Comunicati!e De!elopmental Bn!entor":5 un "uestionario adeguato a raccogliere dati $er la valuta ione della comunica ione e del linguaggio nei $rimi anni di vita. Lo strumento consiste in due sc7ede distinte c7iamate -Hesti e %arole.5 $er bambini tra gli 8 e i 1+ mesi5 e -%arole e ,rasi. $er "uelli tra i 18 e i 30 mesi. *sso $ermette di raccogliere dati sistematici sulla comunica ione e il linguaggio nei $rimi anni di vita5 di valutarli e con!rontarli con "uelli di altri bambini. La ricerca di (inaldi et al. 9200': si basa sulle $arole ri$ortate nel manuale di 6aselli e 6asadio 91995:5 raccolti con circa +00 bambini italiani attraverso luso di "ueste sc7ede. In un !ile eBcel 9sito0 7tt$0KK===.istc.cnr.itKmaterialKdatabaseK$vbvarless.7tm:5 sono contenuti $er 52+ $arole cam$ionate dal Primo Vocabolario del 0ambino5 indici relativi a diverse variabili lessicali. %er ogni $arola si indica la categoria grammaticaleY la $ercentuale di bambini c7e a 30 mesi la $roduce 9valori ricavati da 6aselli e 6asadio
33

Questo cor$us X stato reali ato nellambito del 5h $rogramma "uadro dell2nione euro$ea5 c7e intende !ornire alla comunit) linguistica una colle ione multilingue di risorse com$arabili di $arlato5 $er le $rinci$ali lingue roman e0 italiano5 !rancese5 $ortog7ese e s$agnolo. 61O(&L1(O8 X lacronimo roman o $er il titolo del $rogetto in inglese0 -Bntegrated Geference Corpora for Spo2en Gomance Languages..

65

1995:Y limmaginabilit)5 ovvero la !acilit) di una $arola ad evocare unimmagine mentale. I valori di "uesta variabile sono stati raccolti mediante "uestionari sotto$osti a 50 studenti universitari dai 20 ai 30 anni5 i valori vanno da 1 9$oco immaginabile: a + 9molto immaginabile:. /i $recisa anc7e la -!re"uen a nello scritto in!antile.5 tratta dal Lessico ,lementare 9L*: di 8arconi et al. 9199': 9v. 2.2.2':5 distinta in tre $arti0 !re"uen a totale nel cor$us di lettura e di scrittura5 !re"uen a delle $arole scritte e delle $arole lette dai bambini su un cor$us di 500.000 occorren e ciascuno. La !re"uen a nello scritto adulto X tratta dal 6oL,I/ 9c!r. Laudanna et al. 1995 e v. se . 2.2.25: ed X basata su un cor$us di 3 milioni di occorren e. La -!re"uen a nel $arlato. X tratta dal LI% 9v. 2.2.23:5 ed X basata su un cor$us di 500.000 occorren e. 2na tratta ione $iU dettagliata di "ueste variabili e del loro ruolo nel $rocessing lessicale X contenuta in (inaldi et al. 9200':. La $resente base di dati com$arativa 7a utilit) $er la ricerca sui $rocessi lessicali5 e !ornisce uno strumento $er lo studio delle caratteristic7e semantic7e5 grammaticali e di !re"uen a delle $rime $arole ac"uisite dai bambini.

2.2.$$ *aldelli I.: 9azzetti &.: /alcinelli 9.: 3ervadio *. (2005" Dizionario fondamentale della lin!ua italiana per stranieri1 /irenze: .e 9onnier.
Il di ionario X com$osto di circa 5.000 lemmi0
-scelti tra le $arole di $iU alto uso delle liste di !re"uen a dellitaliano scritto e $arlato5 ma anc7e $arole c7e5 $ur assenti o di bassa !re"uen a in tali liste5 sono di assoluta _necessit) $er gli studenti stranieri e $er gli stranieri c7e viaggiano in Italia.

come recita la $re!a ione. /imilmente al Vocabolario minimo5 uscito nel 19+' degli stessi autori Faldelli e 8a etti 9c!r. 2.2.12:5 il volume X nato $resso l2niversit) Italiana $er /tranieri di %erugia. &nc7e se lo$era non !a alcun ri!erimento al suo $redecessore5 vista la sua struttura5 X $lausibile c7e si !ondi sul Vocabolario di Faldelli e 8a etti5 cui sembra c7e siano stati aggiunti ca. 3.000 vocaboli dalta !re"uen a. Ogni lemma X seguito dallindica ione della categoria grammaticale5 dalla trascri ione !onetica e dalle tradu ioni in inglese5 !rancese5 tedesco5 s$agnolo e $ortog7ese. I traducenti si ri!eriscono sem$re al signi!icato illustrato nella $rima !rase 9ovvero allacce ione $iU -!re"uente.:Y in alcuni casi si d) una do$$ia tradu ione $er aiutare a ca$ire le diverse acce ioni. /eguono $oi le !orme irregolari5 gli esem$i 935.000 !rasi in tutto:5 le locu ioni5 i modi di dire5 i $roverbi 9ca. un migliaio5 secondo la $ubblicit) dello$era:. 3utte le !orme degli articoli e dei $ronomi $ersonali sono indicati nellordine al!abetico e sono $oi trattate nelle /c7ede Hrammaticali 920 $agine:5 c7e si trovano in !ondo al di ionario5 insieme alla coniuga ione dei $rinci$ali verbi. 3rattandosi di un di ionario destinato ad a$$rendenti ditaliano L25 vi troviamo una serie di es$ressioni grammaticali5 legate a contesti didattici5 c7e $ur non essendo di alta !re"uen a e di -assoluta necessit).5 a ragione $ossono essere inclusi in un vocabolario !ondamentale $er stranieri.

2.3

%abella riassuntiva e comparativa

66

%ossiamo sinteti are i risultati del ca$itolo $recedente 9escluso tuttavia il i 2.2.11: nella tabella seguente.
@. dei lemmiJ *aldelli: 9azzetti (197#" *aldelli et al. (2005" *atinti K 8renta (19(2" )annella (1991" )o./I3 (1995" )resti: 9oneglia (200#" D. I. .. (197(" D&I) (1997" De 9auro: 9oroni (1997L" DI* (199!" /DI (197$" Aabrielli (19(1" Aalli deParatesi (19(1" Aiovanelli (19!!" 2*3 (1991" 2nease (19$1" .1 (199#" .I/ (1971" .IP (199$" 9igliorini (19#$" Piccoli (19(!" Putzer (199(a: 199(b" 4eis=e (197#" 4inaldi et alii (200#" 4usso A. &. (19#7" 4usso C. &. (19!2" 3avino (1995" 3ciarone (1977" 3=inner (19$5" 8%om'son (1927" 1.+'1 5.000 6.933 15.000 9'.300: 90.000 6.182 91.163: 13.000 20.000 9+.000: +.000 15.000 9+.000: 5.01' 10.000 1.'00 ca. '500 92.000: 691 2.09+ 6.095 5.356 15.6'1 9+.213: 1.500 9500: 10.000 ca. 3.600 91.800: 1.592 52+ 3.1+3 '52 5.000 92.000: 2.+26 2.962 500 Defini zioni: esem'i esem$i5 traducenti esem$i5 traducenti lemmi de!ini ioni5 esem$i !ormario lemmario de!ini ioni5 esem$i de!ini ioni5 esem$i de!ini ioni5 esem$i de!ini ioni5 esem$i lemmario !ormario de!ini ioni5 esem$i lemmario esem$i esem$i5 traducenti lemmario lemmario lemmario lemmario !ormari !ormari !raseol.5 traducenti de!ini ioni5 esem$i esem$i5 traducenti esem$i lemmario lemmario idiomi de!ini ioni5 esem$i lemmario traduc. con omonimi lemmario Parole gramm. Z Z 1920K1989 Z Z Z 1 Z Z Z Z Z Z Z Z 1 Z Z Z Z Z 1 Z Z k 1 Z Z k 1 1.500.000 19.800 100.000 1920K19+' Z j 30 1..920 idiomi 19'0 199' ca. 9Z: Z Z Z j '0 j 10 9testi: Z Z 150.000 '00.000 1.088.+25 500.000 '96.335 198+K1990 1850K1930 198+K1989 19'+K1968 1990K1992 Z Z Z Z Z 9Z: Z l 21 9testi: Z 500.000 500.000 500.000 19'+K1989 19'+K1989 19'+K1989 1920K19'0 Z Z Z j 20 j9 j 3598 j3 j1 9j 3: j 9 9testi: Z j3 sottoinsiemi 9j 5+519: 5 generi ' citt) Z 3.150.0+5 100.000 1992K199' 1965 Z Z 9dis$onibilit): Z 9dis$onibilit): Z 9dis$onibilit): &m'iezza del cor'us 1t, del cor'us )riteri di selezione 1s'erienza Z Z Z Z Z Z Z Z Z Z j' Z Z Z j3 sottoinsiemi 9j '588: j 2539 Z Z Z /requenza Dis'ersion e 7so

6+

0d* (19(0" 01.I (19(9"

6.690 92.000: 10.000

lemmario lemmario !ormario

Z Z

500.000 26.200.000

19'+K1989 1985K198+

Z 9dis$onibilit):

Z Z

j3 sottoinsiemi j 0532

j 15+8 j 65

m 3ra $arentesi il numero di lemmi considerati -!ondamentali..

2.&

La parola come segno linguistico nei lessici di frequenza e di base

La !re"uen a di una $arola $uV variare moltissimo a seconda c7e si $renda in esame la $arola stessa nella !orma in cui X registrata nei di ionari 9il lemma:5 le sue !orme !lesse5 il signi!icato $rinci$ale o signi!icati secondari. Eellambito della lessicogra!ia dei di ionario di !re"uen a e di base esistono ed esistevano sin dai $rimi lavori5 due o$$oste tenden e ris$etto al trattamento dei lemmi. #a un lato gli statistici considerano il segno linguistico come entit) mono!acciale 9se"uen a gra!ica tra due s$a i:5 an ic7M \ con termine saussuriano \ bi!acciale e lo com$utano solo come -signi!icante. e non come -signi!icato.. (icordiamo c7e la >nease 919330 13: dic7iara0
-&s t7is stud; 7as as its aim onl; t7e establis7ment o! a =ord list5 t7e meanings o! t7e =ords 7ave not been considered..

Il !atto c7e molti di ionari di !re"uen a non $rendono in esame il signi!icato delle !orme lemmati ate5 costituisce un grosso limite ai !ini dellinsegnamento delle lingue straniere. In realt)5 nella maggior $arte delle liste di !re"uen a5 ma anc7e in molti lessici !ondamentali non si danno in!orma ioni sui signi!icati $iU usati delle $arole. EM 37om$son 9192+:5 nM /@inner 91935:5 nM H. &. (usso 919'+:5 nM C. &. (usso 91962:5 nM il LI, 919+1:5 nM il ,#I 919+3:5 nM /ciarone 919++:5 nM il <dF 91980:5 nM Fatinti13renta 91983:5 nM il <*LI 91989:5 nM il >F/ 91991:5 nM (inaldi et al. 9200': danno indica ione alcuna sui signi!icati dei lemmi sele ionati. /o!!ermiamoci sul <dF. #ue sono i cambiamenti notevoli avvenuti al suo interno. La $rima X c7e nel 1983 alle $arole X aggiunta la categoria grammaticale5 mentre nella $rima edi ione il <dF ne era com$letamente $rivo. Questo costituisce un avan amento5 ma non risolve il $roblema $iU im$ortante5 ossia la mancan a dellindica ione dellacce ione del lessema da ritenere !ondamentale. Lacce ionamento del <dF5 inteso come indica ione della marca duso non $er lemma5 ma $er ogni acce ione5 avviene $er la $rima volta nel Grande dizionario italiano delluso 91999:. In "uesto modo $ossiamo sa$ere "uali acce ioni di un determinato lemma $ossono essere ricondotte al <dF e a "uale !ascia a$$artengono. Hli altri lavori si limitano $er lo $iU alla disambigua ione degli omogra!i grammaticali e 9molto raramente: di "uelli lessicali. #elle 32 liste $rese in esame sono 12 96 di ionari !ondamentali e 6 di !re"uen a: c7e non $ermettono di re$erire il signi!icato degli elementi lessicali. #e 8auro 920030 1'': aveva eviden iato la $roblematicit) del mancato acce ionamento del vocabolario di base0
-La grande maggioran a delle $arole del vocabolario comune e di base 7a una $luralit) di acce ioni. 67i studia una lingua da un $unto di vista statistico5 7a $otuto stabilire c7e "uanto $iU una lingua X usata5 tanto $iU numerose sono le sue acce ioni. 6os^5 ogni $arola $uV essere !onte di e"uivoci..

I di ionari destinati ad uso didattico cercano di rimediare a "uesto $roblema. Faldelli1 8a etti 919+': e Faldelli et al. 92005: $recisano i signi!icati della loro lista di 1.+'1 lemmi5 ricorrendo a s$iega ioni interlinguistic7e con linglese5 il !rancese5 il tedesco5 lo 68

s$agnolo 9e il $ortog7ese nelledi ione del 2005:. /imilmente 8igliorini 919'3:5 Hiovanelli 91966:5 (eis@e 919+': e %ut er 91998a5 b: !orniscono traducenti in tedesco e contesti esem$li!icativi. Il %iccoli 91986: e 6annella 91991: danno una breve de!ini ione ed esem$i duso. Halli de %aratesi 91980: d) esem$i e contesti es$licativi. Il #IF 91996:5 il #&I6 9199+a: e le Prime parole di #e 8auro 9199+b: ri$ortano in!orma ioni grammaticali5 de!ini ioni ed esem$i duso. 3ra i di ionari di !re"uen a solo "uelli $iU recenti consentono di veri!icare i signi!icati dei lemmi registrati. Il LI% 91993: ri$orta in due disc7etti IF8 tutti i testi delle registra ioni trascritte ortogra!icamente5 ed i due cor$ora5 da cui sono state tratte le liste del 6oL,I/ 91995: e di 6resti e 8oneglia 9200':5 sono consultabili in Internet. *videntemente i com$ilatori si sono resi conto c7e la re$eribilit) dei signi!icati e dei contesti X una condi ione !ondamentale dellattendibilit) dei risultati. 2n altro as$etto $roblematico X la lemmati a ione delle voci estratte dal cor$us. Questa elabora ione X indis$ensabile $er il calcolo della distribu ione di diversi elementi del vocabolario secondo la !re"uen a5 $oic7M nessun conteggio $otr) !ornire risultati attendibili c7e manc7i di !are una distin ione tra avverbio ed aggettivo5 nome e verbo ecc. La lemmati a ione nelle o$ere $iU recenti X5 $er lo $iU5 automatica5 "uindi 7a la caratteristica di !ornire tutte le inter$reta ioni $ossibili di ogni !orma5 $er "uanto siano inverosimili nella realt)0 $. es. la !orma !enti rimanda non solo al numero e al sostantivo !ento5 ma anc7e al raro verbo !entare. #a "uesto $rocesso di lemmati a ione si raccolgono anc7e lemmi c7e non si desiderano avere nel vocabolario. %ertanto5 i criteri usati $er la classi!ica ione delle $arole 9a volte $rive di un contesto: sono s$esso divergenti e contraddittori. Hra ie alla lemmati a ione automatica nel <*LI5 ad esem$io5 sono considerati come lemmi se$arati 9an ic7M uno solo: alcune !orme0 eAed3 oA od3 qualAquale3 alcolAalcool3 unAunoAuna3 delAdelloAdellaAdeiAdegliAdelle3 oramaiAormai ecc. 6entrale X anc7e il trattamento degli omogra!i. #e 8auro 9199': ri!erisce $er litaliano un tasso di omogra!i c7e varia dal 38[ nei testi economico1!inan iari al '6[ nella lingua $arlata. Eel LI, gli omogra!i ma non omo!oni sono se$arati con laggiunta di un accento gra!icoY nel caso degli omogra!i a$$artenenti a classi diverse di $arole X stato su!!iciente indicare la categoria grammaticaleY nel caso degli omonimi e!!ettivi5 in cui una stessa !orma es$rime due o $iU signi!icati sen a c7e la !un ione mor!osintattica ne sia modi!icata5 gli autori 7anno seguito le suddivisioni date dal vocabolario 9sen a ricorrere alle indica ioni c7e il contesto avrebbe $otuto !ornire:. Il ,#I 919+3: nellintrodu ione dedica una lunga se ione 9$$. DDIII1DDD<: al trattamento degli omogra!i. /i distinguono i vari signi!icati degli omonimi lessicali in base al contesto5 mentre la categoria grammaticale degli omonimi sintattici X c7iarita in base alla loro !un ione svolta nella !rase. Eel L* 9199': gli omogra!i sono stati lemmati ati manualmente5 "uindi sono stati ri$ortati se$aratamente gli omogra!i !un ionali5 cioX i lemmi gra!icamente identici ma con do$$ia categoria grammaticale5 mentre non si X entrati nel merito dellomogra!ia semantica. *siste un numero inde!inito di $arole c7e $ossono essere classi!icate in $iU di una categoria grammaticale. %arole come abbondante3 brillante3 di!ertente ecc. a seconda dello$inione del ricercatore $ossono essere classi!icate come aggettivi o $artici$i $resenti. Il ,#I 7a o$tato $er la $rima solu ione5 il LI, $er la seconda. ,orme come abituato3 acceso3 agitato ecc. $ossono essere classi!icate come verbali 9LI,: o come aggettivi 9,#I:. Il ,#I im$iega la distin ione tra uso sostantivale e aggettivale di alto3 amante3 americano ecc.5 mentre il LI, non !a distin ioni del genere come nomi o$$ure come aggettivi. Eellinclusione delle $arole nella lista di !re"uen a e nella determina ione del loro rango5 i criteri di classi!ica ione e la coeren a nella loro

69

osserva ione a$$aiono determinanti. /e seguente5 ad esem$io5 X considerata una !orma del verbo seguire5 verr) a mancare laggettivo5 ma in com$enso il verbo seguire occu$er) un rango $iU alto. Eel L* 9199': la disambigua ione aggettivo1$artici$io $assato5 aggettivo1avverbio X stata risolta assegnando manualmente al termine la categoria grammaticale di a$$artenen a. 2naltra "uestione interessante X il trattamento delle locu ioni. Il <*LI 7a segnato -es$licitamente la locu ione5 invece del vocabolo5 se oltre la met) delle occorren e di "uella $arola avvenivano in "uella s$eci!ica locu ione. 9$. 55:. %er esem$io la locu ione in quanto non a$$are nel <*LI5 $oic7M5 $ur essendo molto !re"uente5 ciascuno dei vocaboli c7e la com$ongono 9in e quanto: 7anno una !re"uen a $iU c7e do$$ia di "uella della locu ione stessa5 in!atti5 a$$aiono come termini se$arati. Il L* 9199'0 19: 7a lemmati ato come locu ioni le $arole il cui signi!icato X dato dalla -com$osi ione stessa.5 e $oi sono state suddivise in locu ioni $re$osi ionali 9 a seconda di: e locu ioni avverbiali 9di solito:. Il LI, 7a riunito solo alcune locu ioni c7e nei testi s$ogliati avevano una gra!ia unita o se$arata5 del ti$o fin c-7 9finc-7: e "uelle in cui lelemento semanticamente $iU im$ortante non esiste $iU indi$endentemente5 come0 a galla3 a malapena. Eel LI% 919930 95:5 invece5 X stata adottata una de!ini ione $iU larga dei lemmi $olirematici. /i considerano es$ressioni $olirematic7e tutte le $arti di enunciato il cui uso si X cristalli ato 9opinione pubblica:Y il cui signi!icato non $uV essere scom$osto in "uello dei suoi membri 9faccia di bronzo:Y la cui !un ione grammaticale non X deducibile dalla classe grammaticale degli elementi c7e la !ormano5 ma X data dallinsieme dei suoi membri 9per quanto:. %ertanto il LI% registra ca. 6800 voci $olirematic7e. In!ine5 bisogna notare c7e sono $ro$rio i di ionari basati su criteri em$irici c7e di norma non contengono le $arole grammaticali5 il c7e com$orta la distin ione !ra $arole autosemantic7e e $arole sinsemantic7e. Lelimina ione degli elementi grammaticali5 $ur so$$rimendo lestrema di!!icolt) di classi!ica ione di "uesti elementi5 ne $one unaltra0 s$esso X veramente di!!icile tracciare un limite netto tra elementi signi!icativi ed elementi di rela ione. %er!ino "uesta rassegna breve e sc7ematica !a ca$ire c7e il trattamento delle $arole scelte X $oco uni!orme5 il c7e5 insieme alle divergen e dei criteri di sele ione5 s$iega le discre$an e tra le varie liste.

2.'

(iassunto" prospettive

&lla !ine di "uesto ca$itolo occorre rilevare5 c7e esiste un numero consistente di reali a ioni lessicogra!ic7e dedicate alla statistica linguistica e alla sele ione dei lessici di base. Le $arole $iU utili5 $iU essen iali $er la conoscen a della lingua sono state sele ionate in vari modi5 $er cui dis$oniamo di vari ti$i di raccolte. Eonostante i criteri di individua ione non siano sem$re omogenei5 cX unam$ia convergen a nella determina ione di "uesto $rimo stato della lingua c7e ne costituisce lo occolo duro. Il numero delle $arole !ondamentali tende ad oscillare intorno alle 2.000. 3ra un minimo di 1.'00 $arole di Halli de %aratesi 1981 e un massimo di ca. 3.200 voci di (usso 19'+ troviamo le o$ere di >nease 19315 /@inner 19355 8igliorini 19'35 Hiovanelli 19665 Faldelli e 8a etti 19+'5 (eis@e 19+'5 /ciarone 19++5 #e 8auro et al. 19805 %ut er 1998a.

+0

I lavori con un numero in!eriore di lemmi $resentano alcune $eculiarit)0 le liste di 37om$son 192+ e di >aterinov 19915 basate entrambe su calcoli di !re"uen a5 a causa della ristrette a del cor$us $resentano soli 500 e +00 lemmi5 ris$ettivamente. La lista di C. &. (usso 1962 X una raccolta di 500 locu ioni5 ricavate da manuali didattici $er litaliano L25 mentre "uella di (inaldi et al. 9200': X una lista di !re"uen a dei termini usati dai bambini dai 18 ai 30 mesi. %ertanto nessuno dei "uattro lavori men ionati $uV essere considerato ra$$resentativo del vocabolario !ondamentale5 bens^ $resentano una s$ecie di lessico elementare c7e certamente non X adatta a soddis!are le esigen e comunicative di $arlanti adulti. I lavori con $iU di 3.200 di lemmi5 sono di ionari scolastici dedicati a bambini con madre lingua italiana 9Hiovanelli 19665 #. I. L. 19+85 Fatinti e 3renta 19825 6annella 19915 Habrielli 19815 %iccoli 19865 /avino 19955 #IF 19965 #&I6 199+: o$$ure sono liste di !re"uen a 9LI, 19+25 ,#I 19+35 <*LI 19895 LI% 19935 L* 199'5 6oL,I/ 19955 6resti e 8oneglia 200':. Lunico esem$io di un di ionario !ondamentale destinato a studenti stranieri con $iU di 3.200 lemmi5 e $recisamente 5.000 X Faldelli et al. 92005:. 8entre nel caso dei vocabolari com$ilati sulla base delles$erien a non ci sono limiti $ratici dellam$ie a del vocabolario5 $er delimitare il lessico !ondamentale sulla base delle liste di !re"uen a5 occorre identi!icare i lemmi c7e 7anno una !re"uen a stabile5 "uelli cioX la cui !re"uen a relativa corris$onde alla $robabilit) di occorren a. Eei diversi di ionari di !re"uen a5 il numero dei lemmi di !re"uen a attendibile varia secondo la grande a del cam$ione utili ato. 6iV si s$iega con la legge dei grandi numeri secondo cui5 solo al crescere del numero delle $rove 9al crescere del cam$ione cor$us:5 la !re"uen a di un evento tende a diventare uguale alla sua $robabilit) di occorren a. Le $rime due liste c7e5 almeno $ar ialmente5 riescono a su$erare le di!!icolt) derivanti dalla scelta del cam$ione5 il LI, e ,#I5 basati entrambi su un cor$us di 500.000 occorren e5 di!!eriscono $oc7issimo nei $rimi 1.00011.500 lemmi0 la $ercentuale dei lemmi comuni X 8'595[ $er i $rimi 1.000 9>aterinov 1991016:. In base alla legge dei grandi numeri $erV5 dei circa 5.000 lemmi $resenti nei due insiemi5 meno di un ter o si $uV considerare ris$ondente alla de!ini ione lessico !ondamentale. Lelenco $iU am$io di lemmi5 la cui !re"uen a $uV considerarsi indi$endente dal ti$o di testi anali ati5 X "uello o!!erto da /ciarone5 c7e da un cor$us di 1.500.000 occorren e 7a estratto oltre 2.+25 lemmi. Questi lemmi con !re"uen a assoluta molto elevata si $ossono considerare a !re"uen a stabile 9tale cioX5 c7e la !re"uen a relativa sia vicina alla $robabilit) di occorren a:. /embra "uindi5 c7e $ur am$liando il cam$ione adottato5 la "uantit) di lemmi identi!icati come !ondamentali5 aventi una !re"uen a doccorren a stabile5 non cresce in misura $ro$or ionale al crescere del cor$us5 e continua ad oscillare attorno a 2.000. &llo stesso risultato si giunge se sulla scia di 6resti e 8oneglia 9200': riteniamo !ondamentale "uella se ione dei lemmi di alta !re"uen a c7e satura il 90[ di tutte le occorren e0 in un cor$us di 300.000 occorren e5 il 61O(&L1(O85 le $arole !ondamentali sono 2.3805 mentre nel L*5 tratto da 1.000.000 di occorren e5 le $arole c7e co$rono il 90[ di tutte le occorren e sono 1.'05 9si ricorda c7e si tratta di testi scritti da e $er bambini:. Eel LI, e nel LI% i $rimi 1.500 lemmi 9"uelli aventi una !re"uen a attendibile: co$rono 88521[ e 8950+[ del cor$us5 mentre i $rimi 2.000 9la !ascia c7e il Vocabolario di base di #e 8auro considera il lessico !ondamentale: lo co$rono $er il 90569[ e 91508[5 ris$ettivamente 9LI% 19930 122:. /ciarone5 $artendo dalla stessa idea c7e $er ca$ire un testo si deve dis$orre di una lista c7e lo co$ra $er il 90[5 $er la $ro$ria lista calcola un valore di co$ertura di 885+3[5 $ertanto5 $er ottenere la co$ertura desiderata5 occorrerebbe am$liare il lemmario5 aggiungendovi altre 500 $arole 9/ciarone 19950 +01+2:.

+1

%ossiamo dun"ue concludere c7e i di ionari !ondamentali5 basati su criteri in $arte soggettivi e in $arte costituiti con metodi $iU rigorosi5 sembrano concordare nel !atto c7e la !ascia del lessico !ondamentale sia costituita da circa 2.000 $arole. W "uanto rivelato da #e 8auro 91980:5 il $rimo studioso c7e in un sistematico lavoro 7a cercato di de!inire il lessico !ondamentale5 integrando la$$roccio !re"uen iale con "uello basato sulles$erien a. %ro$rio "uesta integra ione dei due a$$rocci diversi garantisce lattendibilit) dei lemmi ri$ortati nel Vocabolario di base della lingua italiana 91980:. Hra ie anc7e alle ri$etute veri!ic7e cui X stato sotto$osto5 "uesta raccolta ra$$resenta la sele ione $iU $lausibile del lessico !ondamentale dellitaliano. *ssa sta alla base di numerosi di ionari scolastici 9Prime parole5 #IF5 #&I6 \ si tratta dei di ionari c7e meglio si addicono alle esigen e degli a$$rendenti di italiano L2: e non 9Dizionario della lingua italiana per il terzo millennio5 %aravia5 2000Y Grande dizionario italiano delluso5 23*35 1999:5 inoltre !unge da vocabolario di ri!erimento $er la reda ione di testi di di!!icolt) controllata in Italia 9c!r. '.2:. %er tutti "uesti motivi5 costituisce una base valida $er sele ionare il lessico !ondamentale da insegnare agli a$$rendenti di italiano L2 da un lato 9c!r. 6.':5 e $er costruire $rove desame con cui valutare la com$eten a in italiano L2 come vedremo nella se . 5.2. Hra ie allo svilu$$o delle tecnic7e di elabora ione automati ata dei testi5 recentemente si sono creati larg7i cor$ora c7e $ermetteranno5 tra laltro5 la crea ione di nuovi di ionari di !re"uen a eKo di base. 2no di "uesti X il 6oL,I/ 9c!r. se . 2.2.25:5 il $rimo di cui X stata estratta anc7e una lista di !re"uen a5 ma esistono una serie di ini iative volte alla crea ione di database testuali della lingua scritta e orale. /en a voler !ornire un "uadro com$leto5 tra i cor$ora dedicati alla lingua scritta occorre ricordare il Corpus di Btaliano Scritto contemporaneo 96O(I/: elaborato tra il 1998 e il 2001 all2niversit) di Fologna. Il cor$us contiene 100 milioni di $arole5 tratte dalla narrativa $rodotta negli anni Ottanta e Eovanta e sar) aggiornato ogni due anni con nuovo materiale di controllo. &l 6oris si aggiunge il CKrpus Dinamico dellBtaliano Scritto 96O#I/: c7e $ermette la sele ione ed eventuale esclusione di sottocor$ora considerati non rilevanti $er s$eci!ic7e ricerc7e. Il cor$us X dis$onibile su cd1rom e $er consulta ione online. (icordiamo ancora la Letteratura Btaliana anic-elli 9LII: in cd1rom5 dis$onibile dal 1993 e il /esoro della lingua italiana delle origini 93LIO:. Questo database testuale5 nato nel 1995 e inaugurato nel 19985 X com$osto di circa 1.+80 testi $er circa 20 milioni di $arole5 tratte da scritti in lingua italiana $rima del 13+55 in $rosa e in $oesia. %er la lingua $arlata vanno men ionati i $rogetti di raccolta di materiale !onico s$ontaneo di lingua italiana5 cui 7anno $arteci$ato il laboratorio di linguistica della /cuola Eormale di %isa5 il 6I(&// e lOrientale di Ea$oli5 il %olitecnico di Fari e l2niversit) del %iemonte Orientale. /i tratta dei $rogetti &<I% 9+rc-i!io delle Variet< di Btaliano Parlato5 1999:5 &%I 9+rc-i!io di Btaliano Parlato 2001:5 6LI%/ 9Corpora e Lessici di Btaliano Parlato e Scritto5 2003:5 I%ar 9Btaliano Parlato5 2003:.3' %resso l2niversit) $er /tranieri di %erugia X in corso la crea ione del Corpus di Btaliano /ele!isi!o 96I3:5 mentre $resso il 6entro di /tudi di Hrammatica Italiana dell&ccademia della 6rusca X stato elaborato un $rogetto $er la reali a ione di Lessici di 9requenza dellBtaliano Gadiofonico 9LI(:. Occorre ricordare ancora il $rogetto 61O(&L1(O8 92005:5 gestito dal Laboratorio Linguistico del #i$artimento di Italianistica dell2niversit) di ,iren e5 c7e $revedeva la costru ione di cor$ora di ri!erimento della lingua $arlata $er le $rinci$ali lingue roman e. &ttualmente X in !ase di reali a ione anc7e un lessico di !re"uen a della Lingua dei segni italiana 9LI/: 9sui $roblemi metodologici relativi c!r. (usso 3. 2005:.
3'

%er una descri ione dei tre cor$ora &<I%5 &%I e 6LI%/ c!r. &lbano Leoni 92003:.

+2

6onsiderata "uesta !ervente attivit) di raccolta di cor$ora orali e scritti5 si $revede c7e nel !uturo si molti$lic7eranno le $ubblica ioni di linguistica statistica5 dedicate agli as$etti lessicali delluso linguistico. 6i auguriamo c7e delle nuove rivela ioni anc7e la lessicogra!ia dei di ionari !ondamentali $ossa trarre dei vantaggi.

+3

! I dizionari fondamentali e di frequenza della lingua ung"erese (19!!-2006


%er il nostro obiettivo5 ovvero $er delimitare il lessico di base da $ro$orre agli a$$rendenti ung7eresi ditaliano L2 nei $rimi anni dello studio5 a $rima vista $uV sembrare su$er!luo un esame a$$ro!ondito dei di ionari !ondamentali e di !re"uen a della lingua ung7erese. 8ovendo $erV dal $rinci$io c7e la lingua X !ondamentalmente un me o di comunica ione5 X im$ortante $recisare c7e un corso di lingua straniera reali a un du$lice sco$o0 da un lato -es$orta. il soggetto $arlante nel %aese straniero5 dallaltro -im$orta. la lingua e la cultura straniera nel %aese stesso della$$rendente. %ertanto5 se da un lato X vero c7e la$$rendimento di strutture linguistic7e autentic7e X necessario $er luso a$$ro$riato della lingua5 X altrettanto vero c7e occorre tener $resente anc7e il valore duso degli elementi lessicali nel %aese stesso dellallievo. Eon X5 in!atti5 o$$ortuno attribuire unim$ortan a esclusiva alle strutture autentic7e della L25 bens^ occorre c7e gli autori dei manuali e gli insegnanti considerino anc7e luso di una $arola anc7e nel %aese dorigine. * "ui ci ricolleg7iamo al concetto di dis$onibilit)5 $oic7M $arole altamente dis$onibili $er la$$rendente di una L2 non $ossono rimanere !uori del suo bagaglio lessicale. /co$o di "uesto ca$itolo X di trovare "uei lavori c7e $otrebbero servire come liste di ri!erimento5 $er arricc7ire il lessico !ondamentale dellitaliano L2 di "uegli elementi lessicali c7e gli a$$rendenti ung7eresi $ossono avere la necessit) di es$rimere.

3.1

!utori" finalit# e criteri di selezione

La $rima lista di !re"uen a dellung7erese5 $ro$rio come la $rima disamina "uantitativa della lingua tedesca 9>Jding 1899:5 nasce negli anni 3renta $er sco$i stenogra!ici 9Eemes 1933:5 $oco do$o la $ubblica ione della $rima lista di !re"uen a $er litaliano 937omson 192+:. In "uesto $eriodo escono altre due o$ere im$ortanti di 6ser 91939: e di Eemes 919'1:5 segue $oi una lunga !ase5 dagli anni Quaranta !ino agli anni Ottanta5 in cui gli studi sulla !re"uen a sembrano essere abbandonati dalla comunit) scienti!ica. La $ubblica ione della lista di 6siri@nM e 6siri@ nel 1986 7a rilanciato lelabora ione delle statistic7e lessicali5 ma uno svilu$$o intenso degli studi in materia si X veri!icato solo negli ultimi anni5 dal 2000 in $oi 96siri@nM e 6siri@ 2003Y FOcsi e >ere@es 20035 ?ord/=ord 200':. La maggior $arte delle liste X stata elaborata $er esigen e $ratic7e0 $er svilu$$are i sistemi stenogra!ici 9Eemes 1933 e 19'1:5 $er linsegnamento dellung7erese lingua materna 96ser 19395 6siri@nM e 6siri@ 2002Y FOcsi e >ere@es 2003:5 $er svilu$$are $rogrammi di controllo ortogra!ico e di analisi mor!ologica 9?ord/=ord 200': e solo raramente $er sco$i linguistici 96siri@nM5 6siri@ 1986Y ,Tredi5 >elemen 1989:. I cor$ora utili ati intendono essere ra$$resentativi del linguaggio $arlamentare 9Eemes 1933:5 di "uello in!antile 96ser 19395 6siri@nM5 6siri@ 2002Y FOcsi5 >ere@es 2003:5 giornalistico 9Eemes 19'1Y 6siri@nM5 6siri@ 1986:5 letterario 9,Tredi5 >elemen 1989: o del linguaggio di Internet 9?ord/=ord 200':. Le $rime liste sono state com$ilate in modo manuale

+'

9Eemes 19335 6ser 19395 Eemes 19'1:5 mentre dagli anni Ottanta in $oi i com$ilatori si sono avvalsi di calcolatori elettronici. Il criterio di sele ione adottato X5 in ogni caso5 9salvo &radi5 *rdQs e /turc 2000:5 la !re"uen a doccorren a assoluta o "uella modi!icata da altri !attori. Luno lessico !ondamentale della lingua ung7erese5 in!atti5 si basa sulles$erien a degli autori.

3.2

$ronologia dei lessici fondamentali e di frequenza dellung)erese

%resentiamo di seguito in ordine cronologico i di ionari di !re"uen a e lunico lessico !ondamentale della lingua ung7erese. %er la reda ione di "uesto ca$itolo ci siamo serviti di uno studio di Leng;elnM 8olnOr 92006:5 in cui lautrice $assa in rassegna i di ionari di !re"uen a $ubblicati in 2ng7eria. 3ralasciamo5 cos^ come labbiamo !atto anc7e nel caso dei lessici italiani5 i di ionari inversi ed altri lavori dedicati allanalisi !re"uen iale di strutture grammaticali5 !onemi5 lettere ecc.1 e le concordan e di o$ere letterarie.2 %er ogni di ionario si !orniscono i dati del cor$us sottostante5 i criteri di sele ione5 il numero di lemmi inclusi5 i gru$$i di destinatari ed altri dati rilevanti $er dare un $anorama delle divergen e e le convergen e delle liste $ubblicate.

$.2.1 @emes D. (19$$" % ma!'ar parlamenti n'elv le!!'a8ori$$ szavai. &z 1g;sMges 9ag;ar A;orsNrOs 2Pn;vtOra !!.: 3zeged.
La $rima statistica lessicale ung7erese si deve allo stenogra!o IoltOn Eemes. L&ssocia ione Ea ionale degli /tenogra!i 2ng7eresi nel 192+ 7a incaricato il segretario del di$artimento di stenogra!ia del %arlamento di com$ilare la $rima statistica dei su!!issi e delle desinen e della lingua ung7erese 9+ mag"ar n"el! 27pzM13 #el1 7s ragstatiszti2N#a. & *g;sMges 8ag;ar H;orsNrOs >Gn;vtOra 5+.5 / eged5 1932:. Il lavoro aveva uno sco$o $ratico0 sem$li!icare ed abbreviare il logogramma delle $arole $iU !re"uenti5 $er !acilitare il lavoro degli stenogra!i del $arlamento. Questa statistica lessicale $ubblicata in un secondo tem$o5 nel 19335 X stata ricavata dallo stesso cor$us c7e !ungeva come base $er la com$ila ione della statistica delle desinen e. Questa lista contiene le 505 $arole $iU !re"uenti del linguaggio $arlamentare5 tratte da una raccolta di '0.9++ occorren e5 vale a dire 6.5+1 !orme 9Eemes 19330 20:. Il cor$us di 100.000 sillabe X costituito da 200 brani di discorsi $arlamentari5 ciascuno di 500 sillabe.
1

Il di ionario inverso della lingua ung7erese5 $ubblicato nel 1969 a cura di ,. %a$$5 contiene in ordine al!abetico inverso i 58.323 lemmi del #i ionario enciclo$edico ung7erese 9 Lag"ar OrtelmezM SzPtNr 19591 1962: e include dati statistici sulla !re"uen a dei !onemi5 lung7e a e numero di acce ioni delle $arole. La $rima statistica delle lettere e dei !onemi ung7eresi si deve a /imon;i 91896:. / ende 919+3: nel suo lavoro 9SpontNn besz7dan"ag g"a2orisNgi mutatPi: anali a la !re"uen a e la distribu ione dei !onemi ung7eresi5 tratti da un cor$us di $arlato s$ontaneo di 18.000 occorren e. 2 /$icca tra "uesti lavori la concordan a di tutte le $oesie del $oeta /Ondor %etQ!i5 $ubblicato in "uattro volumi tra 19+31198+ 9a cura di HOldi5 e $oi /oltMs et al.:. Il re$ertorio al!abetico contiene 22.+19 $arole usate5 accom$agnate da un breve contesto recante lindica ione dei luog7i dove "ueste !igurano. &ltri autori la cui $rodu ione com$leta X stata elaborata dal $unto di vista lessicale sono H;ula Cu7Os 9Fen@Q 19+2:5 6so@onai 9Ca@ab5 FGlcs@ei 1993:5 CP@ai 9FalO s et al. 199': Falassi 9Ca@ab5 FGlcs@ei 2000:5 IrNn;i 9Fe@e 200':. %er le altre concordan e letterarie c!r. Leng;elnM 8olnOr 92006:.

+5

3rattandosi di un lavoro volto a migliorare i sistemi stenogra!ici5 ogni !orma X stata lemmati ata in modo $articolare0 tutte le $arole sono state anali ate in tema e desinen a 9!lessioni5 su!!issi:5 e i conteggi sono stati e!!ettuati $er ciascun tema e desinen a. <isto c7e nella stenogra!ia il logogramma di un tema $uV essere utili ato $er abbreviare tutte le !orme c7e ini iano con una determinata se"uen a gra!ica5 anc7e "uando la deriva ione diretta non X sostenibile dal $unto di vista mor!ologico eKo etimologico5 la lemmati a ione a volte 7a dato dei risultati assai strani. &d esem$io dal tema Nll1 si !a derivare Nllam3 NllNs3 NllandP5 da terem1 abbiamo term7szet3 termel5 ecc. Eella lista !igurano 26 temi c7e nella lingua non esistono come $arola autonoma. In $iU5 anc7e le voci com$oste sono state anali ate in costituenti0 ad esem$io la $arola mag"ar 9_ung7erese: occorre 218 volte nei testi5 di cui 1++ volte come $arola sem$lice5 3+ volte $rimo elemento di un com$osto5 3 volte come secondo elemento e una volta come ultimo costituente 9$. 21:. Quindi tutte le $arole com$oste e derivate sono anali ate nei loro costituenti5 tranne c7e esse abbiano una !re"uen a $ari o su$eriore a 25. Le 505 voci con una !re"uen a assoluta da 25 in su5 sono state dis$oste in ordine !re"uen iale 9$$. 2312+: e al!abetico 9$$. 281'1:. Eella lista ogni $arola X $receduta dal rango5 $oi segue la !re"uen a assoluta del tema e "uella delle sue !orme !lesse e derivate5 nellultima colonna si ri$ortano le !orme !lesse e derivate aventi una !re"uen a su$eriore a 10. &l carattere $articolare dei testi si deve lestrema !re"uen a di voci come primo ministro3 go!erno3 deputato ecc. /ono ri$ortate in una lista a$$osita anc7e le $arole c7e $iU !re"uentemente !igurano in com$osti 9$$. '21'3:. %er ogni $arola X indicato il numero doccorren a totale5 la !re"uen a come $arola sem$lice e il numero doccorren a in com$osti5 in cui la $arola X il $rimo5 secondo o lultimo elemento. /em$re dalla ti$ologia dei testi consegue c7e do$o i $re!issi verbali5 la $arola c7e $iU !re"uentemente entra in com$osti X ministro. #ai conteggi emerge c7e le $rime 111 $arole co$rono $iU del 50[ di tutte le occorren e5 e le 505 $arole della lista ra$$resentano il 665+3[ dei testi. Eemes 919330 '6: ne deduce c7e lung7erese sia una lingua $iU ricca di "uelle indoeuro$ee5 $oic7M esse si avvalgono di un numero in!eriore di $arole $er co$rire la stessa $ercentuale di testi.

$.2.2 )ser C. (19$9" % ma!'ar !'erme8 sz=8incse. 2'a8oris>!i ?s 8orsz=t>r: *uda'est: 9ag;ar PedagQgiai 8OrsasOg.
/i tratta del $rimo lavoro statistico dedicato al lessico dei bambini ung7eresi.3 Lobiettivo X di dare un ausilio in $articolare agli insegnati di lingua materna e straniera e agli autori dei libri didattici. In secondo luogo lo$era X dedicata a tutti coloro c7e si occu$ano di $ediatria5 $sicologia in!antile5 $sico$edagogia5 di di!esa dellin!an ia5 in!ine agli addetti ai tribunali minorili. &l !ine di trovare i vocaboli a$$artenenti al lessico attivo dei bambini5 lautore 7a condotto un es$erimento associativo5 $ro$osto $er la $rima volta nel 192+ dallamericano Fuc@ing7am. & '.'83 raga i tra i 10 e 1' anni 7anno c7iesto di scrivere in 15 minuti il maggior numero $ossibile di $arole c7e gli venivano in mente5 evitando di ri$etere le voci e di dare nomi $ro$ri5 articoli e $arole declinate o coniugate. In "uesto modo X nato un cor$us di '00.501 occorren e. %er lenorme "uantit) del materiale5 lautore 7a esaminato solo una $arte della raccolta0 esattamente 89.+05 occorren e5 $rodotte da
3

2n altro lavoro dedicato alle caratteristic7e !onologic7e e mor!olessicali del linguaggio dei bambini di tre anni X lo studio di HPs; 9198':. Eon si tratta di un di ionario di !re"uen a vero e $ro$rio5 ma lo$era include anc7e dati statistici sul linguaggio in!antile.

+6

1.000 bambini. Eella lista sono state incluse le voci scritte da almeno due raga i allinterno della stessa !ascia det). Eella $rima $arte dello$era5 i dati "uantitativi sono stati com$arati a "uelli delle ricerc7e condotte $er linglese americano 9#olc7 1931: e il tedesco svi ero 9%rescott 1929:. /i costata c7e sebbene i bambini ung7eresi in 15 minuti abbiano scritto meno $arole dei raga i americani e svi eri 9e "uindi5 secondo lautore sono $iU -lenti. dei loro coetanei stranieri:5 il numero di $arole diverse era sensibilmente $iU alto $resso i raga i ung7eresi. In altri termini5 nonostante loro abbiano scritto meno $arole5 esse erano $iU variegate5 dimostravano maggiori di!!eren e individuali e meno ri$eti ioni. Lautore sulla scia di Eemes 919330 '6: a!!erma c7e lung7erese sia $iU variegato delle lingue straniere5 $oic7M usa un maggior numero di $arole diverse. Lidea X sostenuta dal !atto c7e mentre nel cor$us di 6ser le $rime 3++ $arole5 aventi una !re"uen a $ari o su$eriore a 505 co$rono soltanto il 6'56[ di tutte le occorren e5 in >Jding le $rime 250 voci costituiscono il +5[ del cor$us. W stata veri!icata la distribu ione delle 3++ voci $iU !re"uenti tra i due sessi5 e nX stato ricavato c7e le $arole men ionate $iU s$esso dai masc7i erano legate a temi come larte militare5 le occu$a ioni5 gli animali5 la tecnica5 mentre tra le !emmine i temi $iU $o$olari erano luomo5 i cibi5 !iori5 colori5 abbigliamento5 casa5 arredamento. #a un sistematico con!ronto con %rescott 91929: emerge c7e le $arole $iU !re"uenti nelluso dei raga i svi eri sono legate alle stesse tematic7e5 e in molti casi $er!ino la !re"uen a dei singoli elementi tende a coincidere. Eella seconda $arte del volume troviamo due liste0 a: la $rima ri$orta in ordine al!abetico le 3.+6+ $arole aventi una !re"uen a assoluta di 2 o su$eriore. %er ogni voce si indica la !ascia det) in cui il vocabolo a$$are $er la $rima volta5 la !re"uen a assoluta tra raga i e raga e ris$ettivamente e la !re"uen a assoluta cumulata. b: La seconda lista contiene le 3++ voci $iU !re"uenti5 suddivise in tre !asce0 $arole con !re"uen a su$eriore a 2005 voci con !re"uen a tra 100 e 2005 in!ine vocaboli con !re"uen a tra 50 e 100. Occorre rilevare c7e lo$era ra$$resenta tuttoggi un $unto di ri!erimento valido $er c7i voglia cimentarsi nello studio del lessico dei bambini ung7eresi5 non solo $er la "uantit) di dati elaborati5 ma so$rattutto $er il rigore metodologico con cui X stato condotto lesame5 in une$oca in cui non si $oteva usu!ruire dellausilio di calcolatori elettronici.

$.2.$ @emes D. (19#1" &z=statiszti8a e!'milli= sz=ta!ot fel0lel@ A<s>!sz0ve!e8 alap<>n. &z 1g;sMges 9ag;ar A;orsNrOs 2Pn;vtOra 190.: 3zeged.
W il $rimo di ionario di !re"uen a dedicato al linguaggio giornalistico. Lautore voleva estendere i suoi esami $recedenti 9Eemes 19325 1933: ad un cor$us $iU vasto5 $erciV 7a raccolto '53.5+8 occorren e 9$. 12: 9'01.000 o 39+.956 secondo 6siri@nM e 6siri@ 19860 <III5 DLIY '+3.813 secondo / ende 19+30 55 ma sicuramente non 1.000.000 come lo a!!erma ,Pris 20020 11+:. Il numero di sillabe elaborate invece ammonta a un milione5 come lo annuncia il titolo dello$era. Il cor$us X stato tratto da articoli di ciascuno dei 26 giornali $ubblicati a Fuda$est nel $eriodo tra a$rile 1933 e a$rile del 1935 9$. 9:. %er un $eriodo di due anni lautore 7a elaborato mensilmente una o due co$ie di ogni giornale5 escludendo in "uesto modo le noti ie di attualit). Il lavoro 7a durato sei anni5 $oic7M lautore 7a s$ogliato manualmente lenorme cor$us la cui sola s!ogliatura ric7iedeva 1' ore intere5 mentre $er leggerla ci volevano 6+ ore 9Eemes 19'10 ++

8:. %er $rimo 7a registrato ogni !orma su una cartella5 successivamente le 7a ordinate al!abeticamente5 in!ine le 7a ricondotte ai loro costituenti. La lemmati a ione X stata condotta in maniera simile c7e in Eemes 91933:0 tutte le $arole sono state anali ate nei loro costituenti5 le !orme !lesse e derivate sono state ricondotte al tema5 i com$osti sono stati anali ati nelle loro $arti. &nc7e "ui a volte troviamo solu ioni inattese0 le $arole !etM3 !etendM3 !et7s3 !etemQlt3 !et2Mz ecc. sono state tutte ricondotte al tema !et. Hra ie a "uesto ti$o di lemmati a ione le 31.0+8 $arole diverse del cor$us sono state ridotte a 16.5+1 voci5 mentre sen a la scom$osi ione delle $arole com$lesse si sono ottenute 1+.599 termini. Lo$era si articola nel modo seguente0 a: La $arte $rinci$ale del volume ri$orta in ordine !re"uen iale le $arole aventi una !re"uen a doccorren a da 25 in su 9$$. '91+9:. Questa $rima lista si suddivide in due $arti0 $er le +31 $arole con !re"uen a su$eriore a 1005 si $recisa la !re"uen a doccorren a come $arola autonoma e "uella in com$osi ioni5 come $rimo5 secondo5 ter o elemento5 in!ine segue la !re"uen a totale. %er le altre 2.238 $arole5 con una !re"uen a su$eriore a 255 si indicano la !re"uen a assoluta e !ra $arentesi il numero di occorren e come $arola sem$lice. /i osserva c7e "ueste ca. 2.000 voci co$rono l8+5'[ del cor$us. b: La seconda X una lista al!abetica delle ca. +.650 $arole c7e !igurano almeno 5 volte nel cor$us 9$$. 801133:. Eella $rima colonna si ri$orta il numero di occorren e come $arola sem$lice e come costituente di una $arola com$osta. Eelle due liste non sono stati inclusi i nomi $ro$ri e i numerali. &ccanto alle due liste $rinci$ali nello$era troviamo la statistica delle $rime lettere delle $arole ung7eresi e straniere5 il numero di sillabe5 lung7e a delle $arole5 la distribu ione delle voci di origine straniera5 ecc. con e sen a la scom$osi ione delle $arole com$oste 9$$. 101'8:. &ltre tabelle 9$$. 13+1392: contengono le !orme !lesse e derivate $iU !re"uenti di ogni tema 9$$. 13+1261:5 la !re"uen a dei verbi $re!issati 9$$. 266130':5 la distribu ione delle $arole nelle varie !asce di !re"uen a secondo la struttura mor!ologica5 numero di sillabe5 i nomi $ro$ri $iU !re"uenti ecc.' 6oncludendo5 si tratta di uno$era $ionieristica nel suo genere5 $oic7M lautore non solo 7a elaborato manualmente una considerevole "uantit) di dati5 ma li 7a anali ati sotto ogni as$etto immaginabile5 rendendo tras$arente i metodi di sele ione adottati5 il c7e tuttora non X una $ratica comunemente di!!usa tra i com$ilatori dei lessici di !re"uen a 9e tra i lessicogra!i in genere:.

$.2.# )siri=nM )zac%esz 1.: )siri= C. (19(!" B<s>!n'elvi !'a8oris>!i sz=t>r. 3zeged: Cu%Osz A;ula 8anOr=M'zR /Ris=ola.
Il di ionario di !re"uen a del linguaggio giornalistico ung7erese X uscito in !ormato trilingue0 in ung7erese5 russo e inglese. W destinato $er essere utili ato nellinsegnamento della lingua materna5 nella didattica dellung7erese come lingua straniera5 in!ine a linguisti5 letterati e statistici c7e si interessano degli as$etti "uantitativi del lessico ung7erese 9$$. <I1<II:. Le liste sono state com$ilate da una co$$ia di coniugi5 es$erti di matematica e di $edagogia.
'

Eemes d) anc7e un $anorama interna ionale degli studi sulle !re"uen e5 men ionando c7e lunica ini iativa italiana delle$oca5 lim$resa di Hiovanni &li$randi5 non X stata $ortata a termine. &li$randi intendeva com$ilare una lista di !re"uen a sulla base di un milione di sillabe5 ma soltanto i risultati relativi alle lettere a3 e3 i3 o3 u3 b sono stati $ubblicati nel 0ollettino dell+ccademia Btaliana di Stenografia3 DI5 +5 1935.

+8

Il cor$us X com$osto di giornali e riviste con una tiratura su$eriore a 200.0005 di!!usi su tutto il territorio na ionale 9:7pszabadsNg3 9Qles3 Ludas Lat"i ecc.:. #i ogni giornale X stato anali ato un esem$lare intero5 ma s!ortunatamente non si s$eci!ica a "uale anno risale il materiale esaminato. Hli autori avevano linten ione di includere il maggior numero $ossibile di riviste destinate $er bambini5 ciononostante solo 3 9D6rm6gM D6m6t6r3 Cisdobos5 Pa#tNs: dei 1' giornali esaminati sono $ubblica ioni $er raga i. Lintero cor$us di 201.286 occorren e X stato lemmati ato manualmente5 in ogni caso tenendo conto del contesto della $arola5 e !acendo ricorso5 nei casi dubbi5 a Lag"ar 7rtelmezM 27ziszPtNr 9Fuda$est5 &@adMmiai >iadP5 19+2:. #allintero cor$us sono state estratte 25.852 $arole. La $arte introduttiva 9dis$onibile in ung7erese5 russo e inglese: X seguita da "uattro tabelle 9$$. DLI1DLID:. a: La $rima contiene i dati com$arativi di alcuni di ionari di !re"uen a $ubblicati delle lingue euro$ee5 ossia il numero totale delle occorren e del cor$us5 il ti$o di linguaggio5 la !re"uen a relativa della $rima $arola e il valore di co$ertura delle $rime 100 $arole. Ee emerge c7e $iU il cam$ione X variegato5 minore X il valore di co$ertura delle $rime cento $arole 9$. D<I:. In Eemes 919'1: e nella lista 6siri@nM e 6siri@ 91986:5 dedicati entrambi al linguaggio giornalistico5 il valore di co$ertura delle $rime 100 $arole X di 39508[ e 3+521[ ris$ettivamente5 mentre in Eemes 91933:5 lista del linguaggio $arlamentare5 esso arriva a '8569[. b: La seconda X una tabella com$arativa delle !asce di !re"uen a0 mentre le $rime 100 $arole co$rono il 3+521[ dellintero cor$us5 con le $rime 500 $ossiamo co$rire $iU della met) delle occorren e5 ossia 5'5+[. #alle $rime 500 $arole in $oi il valore di co$ertura delle singole !asce diminuisce $rogressivamente 9nella !ascia 50111.000 la co$ertura X di 856+[:5 in!atti5 arrivando a 3.000 $arole il valore di co$ertura si aggira attorno a +5[. c: La ter a tabella ci in!orma sulla distribu ione delle !re"uen e0 a ogni numero dordine 9rango: X associato il valore di !re"uen a assoluta 9ovvero il numero delle occorren e nel cor$us: e "uella cumulata 9numero totale delle occorren e delle $arole da un determinato rango in su:. d: Lultima tabella X dedicata alle !re"uen e delle singole $arti del discorso0 la classe $iU !re"uente X ovviamente "uella dei sostantivi 930589[ di tutte le occorren e sono sostantivi:5 seguiti a sua volta dai verbi 91356'[:5 dagli aggettivi 9135'9[: e dagli avverbi 99512[:. 6onsiderando invece la distribu ione dei lemmi della lista di !re"uen a5 troviamo c7e i sostantivi ne costituiscono il '8513[5 gli aggettivi il 20518[5 i verbi il 16510[ e gli avverbi il 25+2[. 6iV vuol dire c7e nel caso dei sostantivi e aggettivi la grande variet) di lemmi X accom$agnata da una minore !re"uen a doccorren a5 nel caso dei verbi il numero dei lemmi e "uello delle occorren e tendono a coincidere5 mentre sono gli aggettivi c7e con un esiguo numero di lemmi co$rono un largo numero di occorren e. La $rima $arte del volume si conclude con la$$endice delle abbrevia ioni e la bibliogra!ia. Eella seconda $arte del volume troviamo le liste di !re"uen a in ordine al!abetico 9$$. 31232: e di !re"uen a decrescente 9$$. 2331312:0 ogni lemma X accom$agnato dalla $arte del discorso e dal valore di !re"uen a assoluta. Lultima lista contiene le varie $arti del discorso in ordine di !re"uen a decrescente0 verbi5 sostantivi5 aggettivi5 numerali5 $ronomi5 avverbi5 $os$osi ioni5 congiun ioni5 interie ioni5 articoli5

+9

$artici$i ed altro5 9$$. 3151399:5 "ui5 accanto ad ogni lemma troviamo la !re"uen a assoluta.

$.2.5 /Sredi 9.: 2elemen C. (19(9" % mai ma!'ar n'elv sz?ppr=zai !'a8oris>!i sz=t>ra (19!5 1977": *uda'est: &=adMmiai 2iadQ.
Questo lavoro $ubblicato nel 1989 X tuttora !ondamentale $er la descri ione statistica del lessico ung7erese5 essendo lunico di ionario di !re"uen a basato su un largo cor$us5 com$ilato in con!ormit) con i risultati $iU recenti di statistica linguistica. /imilmente al lavoro di 6siri@nM e 6siri@ 91986: anc7e "uesto di ionario X uscito in !ormato bilingue5 in ung7erese e inglese5 ed X stato reali ato in $arte con lausilio di calcolatori elettronici. Il cor$us include 508.008 occorren e re$erite in 258 o$ere letterarie di 200 scrittori5 $ubblicate tra il 1965 e il 19++5 suddivise in "uattro categorie0 o$ere di $rosaY drammiY testi giornalistici e dei mass mediaY testi scienti!ici e divulgativi.6 #i ogni o$era X stato sele ionato un brano di ca. 2.000 occorren e. #alle 91.'+1 !orme diverse riscontrate nel cor$us5 sono stati estratti 33.196 lemmi5 di cui nel volume si X $otuto $ubblicare solo i 3.'10 $iU !re"uenti. 2nim$ortante novit) dello$era X di aver introdotto lindice duso 9c7iamato !re"uen a modi!icata:5 $ro$osto da Cuilland e 67ang (odrigue 9196': nel 9requenc" dictionar" of Spanis- )ords 9c!r. 2.2.9:. Questa !ormula X considerata un indicatore $iU a!!idabile del valore di !re"uen a assoluta5 $oic7M essa modi!ica la !re"uen a assoluta tramite la dis$ersione5 $ertanto le !orme aventi una distribu ione $iU omogenea5 avranno un valore duso su$eriore ris$etto alle !orme mal distribuite. %er il conteggio delle $arole X stata considerata la !orma gra!ica0 una se"uen a di lettere com$resa !ra due s$a i o segni dinter$un ione X considerata una $arola. /i X !atto ecce ione $er i verbi con -$re!isso. verbale. Il $unto di ri!erimento $er la lemmati a ione X stato il di ionario enciclo$edico della lingua ung7erese 9Lag"ar 7rtelmezM 27ziszPtNr3 Fuda$est5 &@adMmiai >iadP5 19+2:. Eellelabora ione X stata $resa in considera ione lomonimia5 ma non la $olisemia. Ogni lemma X "uindi identi!icato oltre c7e dalla !orma gra!ica5 dal codice di omonimia e dal codice di $arte del discorso. Lo$era contiene varie liste0 a: La $rima lista X "uella $iU dettagliata0 contiene 3.'10 -su$erlessemi. con i ris$ettivi lemmi e !orme in ordine duso decrescente 9$$. 11353:. I lemmi le cui !orme derivate a$$artengono a $iU di una categoria grammaticale eKo 7anno $iU di un signi!icato sono riuniti sotto un c.d. su$erlessema5 stam$ato in neretto. /otto i lemmi 9stam$ati in corsivo: sono elencate le ris$ettive !orme 9stam$ate in caratteri normali:5 ordinate anc7esse secondo il valore duso decrescente. &d es. sotto il su$erlessema 7pQl5 troviamo tre volte il lemma 7pQl0 esso d) luogo a !orme verbali R7pQlt3 7pQl3 7pQl-etett ecc.:5 in!initi 97pQlnie: e $artici$i 97pQlM3 7pQlt:. %er ogni su$erlessema X s$eci!icato il rango5 leventuale codice di omonimia5 il codice di categoria grammaticale5 il numero di sottoinsiemi 9o$ere letterarie: in cui il esso X $resente5 la !re"uen a assoluta5 la dis$ersione e luso 9!re"uen a modi!icata:. %er i lemmi ordinati sotto il su$erlessema si ri$ortano gli stessi dati5 tranne il rango5 mentre $er le !orme si $recisano la !re"uen a assoluta5 la dis$ersione e luso.
5

Eella categoria -altro. rientrano due lemmi0 la $articella interrogativa 1e 9simile alluso interrogativo e dubitativo della congiun ione se in $ro$osi ioni indirette:5 e la $articella fog5 usato come una s$ecie di ausiliare $er es$rimere a ioni !uture. 6 /i nota c7e ris$etto alla data ione dei testi il di ionario X stato $ubblicato relativamente tardi5 "uindi i suoi risultati risc7iano di non essere $iU validi $er la lingua ung7erese contem$oranea.

80

b: /egue la lista al!abetica dei 3.'10 su$erlessemi dal valore duso $iU elevato 9$$. 3551 38':. I dati elencati sono il rango5 leventuale codice di omonimia5 il codice di categoria grammaticale5 la !re"uen a assoluta e luso. 2na scelta originale5 ma molto utile tra laltro ai !ini dellinsegnamento5 X di aver $ubblicato la lista delle '.898 !orme aventi una !re"uen a assoluta da 10 in su 9$$. 3851'2':. Le !orme sono numerate $rogressivamente5 $er ciascuno si $recisa il rango del lemma cui a$$artiene5 il codice di categoria grammaticale del lemma5 la !re"uen a assoluta e il valore duso. c: In a$$endice sono ri$ortate altre liste 9$$. '251'36:0 i codici degli omonimiY la lista degli omonimi nel cui caso il codice di categoria grammaticale non d) in!orma ioni su!!icienti sul signi!icatoY i codici delle $arti del discorso 9$oic7M la classi!ica ione X $iU dettagliata di "uella c7e generalmente troviamo nei di ionari:Y le !re"uen e dei gra!emi nel cor$usY la distribu ione delle vocali nei testiY la distribu ione delle $arti del discorsoY la distribu ione delle !orme verbali !initeY la distribu ione dei modi verbali5 distribu ione delle !orme verbali de!inite e inde!inite 9aventi un oggetto e non:Y la distribu ione dei su$erlessemi secondo il numero di brani esaminati 9numero di su$erlessemi nuovi $er ogni nuova o$era anali ata:. 3enendo $resente c7e una $arte dellenorme lavoro X stato e!!ettuato manualmente5 X lodevole la variet) dei dati5 come anc7e i diversi criteri e il !ormato scelti $er la loro $resenta ione. Questa lista5 insieme al di ionario inverso di ,erenc %a$$ 91969:5 X alla base del t7esaurus di #ebrecen5 raggiungibile on line 97tt$0KKromanid.!ree=eb.7uK#32Kdt2.7tm:5 tuttavia "uesta versione non !ornisce dati di !re"uen a.+

$.2.! &radi &.: 1rdRs C.: 3turcz D. (2000" CDsz0$szint1 *a!'ar mint ide!en n'elv. 3trasbourg: 1urQ'a 8anOcs.
Il Li!ello soglia $er lung7erese X il ventesimo nella serie dei vari livelli soglia5 $ubblicati $er le lingue euro$ee dal 6onsiglio d*uro$a nel $eriodo 19+512005. Eella $re!a ione C. L. 8. 3rim accentua lim$ortan a di "uestini iativa di $ortata euro$ea5 c7e contribuisce a reintegrare l2ng7eria nella !amiglia dei $o$oli euro$ei do$o le vicissitudini degli ultimi cin"uanta anni 9$. +:. Eel $assato recente si X creata una dias$ora ung7erese notevole in tutto il mondo5 oltre c7e nei %aesi con!inanti con l2ng7eria5 $erciV il Li!ello soglia $er lung7erese vede tra i suoi destinatari non solo gli a$$rendenti stranieri5 ma anc7e i discendenti di !amiglie ung7eresi residenti allestero. Lo$era 7a due $arti0 la $rima X dedicata alla descri ione !un ionale del Li!ello soglia5 mentre la seconda contiene il sistema delle !orme linguistic7e. La $rima $arte X stata elaborata in base al lavoro di <an *@ e 3rim 91991:5 il /-res-old Le!el 1SS&. La descri ione del sistema grammaticale5 invece5 X $iU a$$ro!ondita ris$etto al modello originale5 $er due motivi. %rimo $erc7M la ricca mor!ologia della lingua ung7erese ric7iede una tratta ione $iU dettagliata5 secondo $erc7M la descri ione dellung7erese come lingua straniera non 7a una tradi ione $aragonabile a "uella delle altre lingue euro$ee5 $ertanto gli autori desiderano in!ormare lutente di una serie di "uestioni grammaticali alle "uali di!!icilmente $otr) trovare una ris$osta nei libri didattici esistenti 9$. 11:. Il libro X dedicato a turisti5 studenti5 lavoratori e commercianti c7e vogliono $assare $eriodi $iU o meno lung7i in 2ng7eria. La$$rendimento del materiale linguistico del
+

/ulla costitu ione del t7esaurus si veda %a$$ ,. 920060 25'1285:.

81

volume ric7iede ca. 360 ore di studio da $arte di un discente con madrelingua euro$ea5 non residente in 2ng7eria 9$. 13:. %unto di $arten a della descri ione dettagliata X "uindi la lista delle !un ioni linguistic7e 9atti:5 c7e il discente deve essere in grado di com$iere. 8 /egue $oi linventario delle no ioni generali 9concetti c7e com$aiono in "uasi tutte le situa ioni: c7e corris$onde5 $er gran $arte5 allinventario del /-res-old Le!el 9e "uindi del Li!ello soglia:. *sse sono suddivise nei seguenti sottogru$$i0 esisten a5 s$a io5 tem$o5 "uantit)5 "ualit)5 no ioni mentali5 ra$$orti5 ri!erimenti deittici 9$$. 6+191:. /imilmente le no ioni s$eci!ic7e 9concetti concreti da usare solo in determinate situa ioni: seguono $ressa$$oco le stesse categorie del /-res-old Le!el0 individuo e !amigliaY casa e ambienteY vita "uotidianaY tem$o libero e divertimentoY viaggiY ra$$orti con gli altriY salute e benessereY istru ioneY com$ereY mangiare e bereY servi iY luog7iY lingua stranieraY tem$o 9$$. 931136:. W interessante c7e manca la categoria -o$inioni $olitic7e. c7e invece X $resente nel Li!ello soglia $er litaliano. %er ogni no ione generale e s$eci!ica si $recisano le concrete !orme linguistic7e5 indicando le voci c7e vanno a$$rese solo in modo $assivo5 ricettivo. Le critic7e rivolte ai $recedenti lavori non sono state $rive di conseguen e.9 /i X reso conto c7e nelle reali situa ioni comunicative le singole !un ioni raramente si reali ano in entit) discrete5 $erciV gli autori del Li!ello soglia ung7erese 7anno ritenuto o$$ortuno inserire un ca$itolo dedicato ai modelli ti$ici di conversa ione. /i X cercato di abbo are le $ossibili combina ioni degli atti comunicativi in determinate situa ioni 9$$. 13+11'1:. /imilmente al /-res-old Le!el 1SS&5 un ca$itolo X riservato alla com$rensione dei testi $rodotti dai mass media. Hli autori $recisano c7e la$$rendente c7e abbia raggiunto "uesto livello5 !acendo uso delle strategie di com$ensa ione ed eventualmente di un di ionario5 deve essere in grado di ca$ire lessen a di "ualsiasi ti$o di testo5 sen a restri ioni relative al lessico. Le unic7e restri ioni riguardano lorgani a ione del testo0 esso deve avere una struttura c7iara con delle in!orma ioni es$licite 9$$. 1'311'5:. 6ontrariamente a "uanto visto nel caso del Li!ello soglia5 anc7e le ca$acit) di scrittura 7anno un certo rilievo. Eonostante il Li!ello soglia sia una ca$acit) di ti$o $revalentemente orale5 il discente deve essere in grado di com$letare moduli5 scrivere alcuni ti$i di lettere !ormali e lettere $rivate 9$$. 1'+11'8:. 2n intero ca$itolo X dedicato alle com$eten e socioculturali5 $oic7M le !un ioni linguistic7e di$endono in certa misura dalle conven ioni sociali $resenti in una determinata comunit) linguistica. /i $arla di es$erien e universali5 conven ioni sociali5 regole di cortesia 9$$. 1'91158:. 6onsa$evoli c7e nella realt) le conoscen e della$$rendente non corris$ondono ai re"uisiti $osti da molte situa ioni comunicative5 gli autori ric7iamano latten ione sulle strategie di com$ensa ione. Eelle situa ioni $iU -di!!icili. dal $unto di vista linguistico5 il successo della comunica ione di$ende dalla misura in cui il discente X in grado di attivare le $ro$rie strategie di com$ensa ione 9$$. 1591162:. Il ca$itolo dedicato ai metodi della$$rendimento non rientra strettamente nella s!era degli obiettivi $revisti dal Li!ello soglia5 tuttavia si X ritenuto o$$ortuno ric7iamare latten ione su alcuni as$etti del $rocesso di a$$rendimento. Il Li!ello soglia descrive le conoscen e linguistic7e c7e corris$ondono ai bisogni di un a$$rendente ideale5 tuttavia ogni discente deve essere consa$evole dei $ro$ri bisogni5 sele ionando tra i metodi e contenuti $ro$osti "uelli $iU adeguati 9$$. 1631166:. Eel ca$itolo dedicato al livello di
8

Le !un ioni linguistic7e $rinci$ali sono0 ric7iedere e dare in!orma ioni5 es$rimere e riconoscere attitudini5 convincere5 ini iare un contatto5 tecnic7e della comunica ione5 corre ioni comunicative 9$$. 35166:. 9 /econdo le critic7e avan ate da 6iliberti 9199'0 10': -la comunica ione X un $rocesso c7e si reali a in testi e non in insiemi di enunciati isolati. Le !un ioni identi!icate dai sillabi comunicativi sono entit) static7e5 discrete e a1contestuate5 sono in $ratica delle ideali a ioni..

82

com$eten a sono descritti i re"uisiti "ualitativi della comunica ione e!!iciente 9$$. 16+1 169:. In a$$endice alla $rima $arte troviamo la lista al!abetica delle unit) lessicali 9$$. 1+11 196:. %urtro$$o non si $recisa il carico degli es$onenti5 c7e secondo le nostre stime si aggirano attorno a 2.200 unit). /egue un elenco delle liste 9a$erte: delle no ioni concrete 9$. 19+: e un indice al!abetico delle !un ioni linguistic7e e delle no ioni generali e s$eci!ic7e 9$$. 1981205:. La seconda $arte dello$era X una vera e $ro$ria grammatica descrittiva della lingua ung7erese. Eei singoli ca$itoli sono trattate le caratteristic7e dei !onemi e lettere5 le $arole5 le es$ressioni $olirematic7e5 la !rase sem$lice e com$lessa5 lintona ione 9$$. 20+13++:. In a$$endice alla seconda $arte X ri$ortata una tabella riassuntiva delle coniuga ioni. Questo lavoro testimonia c7e5 nonostante diverse critic7e5 X $ossibile a$$licare il modello del Li!ello soglia a vari ti$i di lingue 9come il greco5 russo5 lettone5 lituano5 celtico5 arabo5 maltese:5 $er!ino a "uelle non indoeuro$ee 9lung7erese X stata la seconda do$o lestone in "uesta serie:. La$$roccio di !ondo5 $er cui si rinvia alla se . 5.1.15 si X rivelato utili abile5 $oic7M il concetto no ionale1!un ionale c7e nX alla base5 non $arte dalla struttura !ormale delle lingue5 ma si concentra sugli atti comunicativi c7e lutente deve com$iere nelle varie situa ioni "uotidiane.

$.2.7 )siri=nM )zac%esz 1.: )siri= C. (2002" 1.31E ?ves tanul=8 Fr>s$eli sz=8incs?ne8 !'a8oris>!i sz=t>ra: *uda'est: *IP.
In "uesto di ionario di !re"uen a del lessico di scrittura gli autori anali ano 2.1+0 com$osi ioni scritte da raga i dai 10 ai 16 anni5 sele ionate casualmente tra 8.6+0 lavori. Il cor$us com$leto conta 600.000 occorren e5 ed X raggiungibile anc7e on line5 allinterno della database / eged >or$us 97tt$0KK===.in!.u1s eged.7uK$roLectdirsK7ltK:. Lo$era X nata come $rodotto di _scarto di due $rogetti0 nel 1998 $resso l2niversit) di / eged si X condotto unindagine na ionale sulle com$eten e es$ressive di studenti dai 10 ai 16 anniY e una ricerca di linguistica com$uta ionale del Hru$$o di (icerca sullIntelligen a &rti!iciale dell2niversit) di / eged 9/I3*:5 dell&ccademia 2ng7erese delle /cien e 983&: e della societ) 8or$7oLogic >!t. sullanalisi mor!ologica automatica dei testi. Il di ionario !ornisce varie liste0 la $rima 9$$. 191103: contiene tutti i lemmi del cor$us con le loro !re"uen e assolute5 com$lessivamente 20.300 $arole diverse. La seconda X una lista al!abetica delle 1.000 voci $iU !re"uenti5 accom$agnati dallindica ione di categoria grammaticale e !re"uen a assoluta 9$$. 10'1116:. /eguono le liste di !re"uen a secondo categoria grammaticale 9$$. 11+1153:0 602 aggettivi5 106 congiun ioni5 88 interie ioni5 169 numerali5 599 sostantivi5 1'' $ronomi5 622 avverbi5 8' $ost$osi ioni5 3 articoli5 589 verbi5 1' abbrevia ioni. %er ogni lemma si $recisa la !re"uen a assoluta ma non il rango. %er le categorie $iU numerose 9aggettivi5 sostantivi5 avverbi5 verbi: si ri$ortano solo le 600 voci $iU !re"uenti5 mentre $er le altre classi sono ri$ortate tutte le voci trovate 9congiun ioni5 interie ioni5 numerali5 $ronomi5 $os$osi ioni5 articoli5 abbrevia ioni:. Il libro X un ottimo ausilio $er anali are il lessico in una certa !ascia det)5 $oic7M nella seconda $arte del volume le $arole $iU !re"uenti sono ri$artite anc7e secondo le classi scolastic7e 9$$. 1'812'8:. %er ogni anno scolastico 9"uarta5 sesta5 ottava e decima classe: oltre la lista al!abetica dei $rimi 500 lemmi si trova una suddivisione delle voci $er categoria grammaticale. &ccanto a ciascun lemma !igura il codice della categoria 83

grammaticale e il valore di !re"uen a assoluta 9sen a indica ione di rango:. Il numero delle occorren e e delle !orme diverse X ri$ortata in a$$osite tabelle 9$$. 2511253:. Lintero cor$us di 601.135 $arole registra 20.300 !orme diverse. Il numero di !orme diverse registrate nelle singole !asce det) aumenta $rogressivamente0 mentre gli alunni della "uarta classe si avvalgono di sole +.53' !orme5 "uelli della sesta classe di 8.+98 !orme5 "uelli dellottava classe usano 10.530 !orme e i raga i della decima classe 7anno usato 12.1+9 !orme diverse. I rang7i con le ris$ettive !re"uen e assolute si trovano alla !ine del volume 9$$. 25'1259:. /i tratta della statistica lessicale $iU recente c7e gra ie alla sua com$lete a e alle solu ioni adottate5 si $resta come strumento e!!icace $er lanalisi del linguaggio dei raga i.

$.2.( *Ocsi C.: 2ere=es C. (200$" &z elsR osztOl;os olvasQ=Pn;ve= szQan;agObQl =MszSlt g;a=orisOgi szQtOr6 H0an szQI. In6 *=dszertani 80zlem?n'e8: #$: 2: ''. 5$ 5(.
Questo di ionario X nato come risultato secondario dei lavori del so!t=are 0esz7dmester5 volto a migliorare le abilit) comunicative di bambini sordi e con di!etti di $ronuncia. 6ontiene le 2.000 $arole $iU !re"uenti dei 13 libri lettura5 utili ati nel $rimo anno della scuola elementare5 scelti dalla lista $ro$osta dal 8inistero dellIstru ione 9$. 5':. Lintero lessico dei libri X stato registrato in !orma elettronica5 successivamente si sono com$ilate tre liste 9$. 56:. a: La $rima elenca in ordine di !re"uen a decrescente tutte le 2+.293 !orme 9se"uen e di gra!emi: contenute nei libri di lettura. /ono state incluse anc7e se"uen e c7e $ur non !acendo $arte del lessico della lingua ung7erese5 sono indis$ensabili $er linsegnamento della lettura 9am3 ib3 pa ecc.:. b: %er la seconda lista gli autori 7anno isolato 12.226 !orme5 escludendo le $arole grammaticali come $re!issi verbali5 congiun ioni5 interie ioni5 ausiliari5 articoli e le se"uen e $rive di signi!icato. 3utte le !orme sono state ricondotte ad un lessema5 e ri$ortate in ordine di !re"uen a decrescente. c: %er la ter a lista sono state scelte le 1.953 $arole con una !re"uen a non in!eriore a 10. Queste costituiscono il database del so!t=are5 c7e riconosce5 anali a e visuali a i !onemi $ronunciati dai bambini. Hiacc7M lobiettivo del lavoro non X stato "uello di com$ilare una lista di !re"uen a5 sono stati $ubblicati solo i dieci verbi5 nomi $ro$ri5 nomi di animali e di $iante $iU !re"uenti. Eella lista accanto ad ogni $arola troviamo il suo rango nella lista di !re"uen a decrescente5 la !re"uen a assoluta e relativa. Il titolo dello studio mostra a$$unto c7e le due $arole $iU !re"uenti sono il verbo !an 9cX: e il sostantivo szP 9$arola:. Il so!t=are 0esz7dmester5 reali ato con il sostegno !inan iario del 8inistero dellIstru ione in collabora ione del #i$artimento dIn!ormatica dell2niversit) degli /tudi di / eged5 dalla ,acolt) di 8agistero Cu7Os H;ula e dalla /cuola dei Eon 2denti di >a$osvOr 7a ric7iesto la collabora ione di in!ormatici5 matematici5 $edagog7i. Il $rogramma X in vendita dal 20065 e i $rimi riscontri sono abbastan a $romettenti. Hli autori $revedono inoltre5 di $ubblicare in Internet un di ionario di !re"uen a vero e $ro$rio5 c7e -corris$onda a tutti i re"uisiti della lessicogra!ia. 9$. 58:.

$.2.9 Dizionario di frequenza )ord&/ord (200#"

8'

2no dei $iU grandi lavori ung7eresi di statistica lessicale X il $rogetto )ordS*ord 9/ Ps abl;a: del 6entro di ,orma ione e di (icerca dei 8edia 98Mdia O@tatP Ms >utatP >G $ont: dell2niversit) 3ecnica di Fuda$est. Il $rogetto X stato avviato nel mar o del 20035 e attualmente X consultabile sul sito0 7tt$0KKmo@@.bme.7u. Il lavoro com$rende lo svilu$$o di un $rogramma di controllo ortogra!ico e danalisi mor!ologica e la crea ione del di ionario di !re"uen a )ordS*ord. La base del di ionario X il $iU vasto cor$us elettronico dellung7erese0 la raccolta X considerata ra$$resentativa della lingua contem$oranea scritta5 $oic7M si basa su 355 milioni di siti =eb5 com$rensive di 1.'86 milioni di occorren e5 scaricati con laiuto dei motori di ricerca Origo e <i sla tra dicembre 2002 e lautunno del 2003.10 Innan i tutto si sono eliminati i testi ricorrenti $iU volte e i !ile $rivi di testi utili abili. /uccessivamente i testi sono stati sotto$osti ad un controllo linguistico $er me o del $rogramma di controllo ortogra!ico 4unSpell. La "ualit) del materiale raccolto $resentava oscilla ioni notevoli5 $erciV con il !iltraggio automatico dei siti sono stati se$arati ' cor$us diversi0 a: Lintero cor$us di 355 milioni di $agine si $uV considerare una raccolta ra$$resentativa della lingua dei siti ung7eresi0 essa com$rende 1.'86 milioni di $arole e 1951 milioni di !orme. b: 6on una soglia massima di '0[ di $arole non riconosciute dal $rogramma 4unSpell5 sono stati scartati i documenti scritti in una lingua diversa dallung7erese5 cos^ sono rimaste 35125 milioni di $agine5 1.310 milioni di occorren e e 155' milioni di !orme. c: &do$erando una soglia di 8[ di $arole sconosciute scom$aiono anc7e i siti sen a accento gra!ico5 ma rimangono i testi scritti in un linguaggio settoriale e in gergo0 sono rimaste 1.918 milioni di $agine con 928 milioni di occorren e e 1059 milioni di !orme. d: 6on la soglia minima del '[ sono state accettate solo $agine contenenti meno errori ortogra!ici di un "ualsiasi testo $ubblicato5 ottenendo 15221 milioni di $agine con 589 milioni di occorren e e +52 milioni di !orme. Questultimo cor$us sarebbe ra$$resentativo della lingua ung7erese standard. La lemmati a ione delle !orme X stata e!!ettuata tramite 4unStem5 un $rogramma c7e $roduce anc7e in!orma ione mor!ologica. 3uttavia i risultati ottenuti sono a$$rossimativi5 $erc7M allo stato attuale non sono state risolte le ambiguit) di lemmati a ione e domonimia. Il di ionario tratto dal cor$us d:5 contenente ca. 600 milioni di occorren e5 $uV essere scaricato dal =eb 97tt$0KKmo@@.bme.7uKresourcesK=ebcor$usKindeBe7tml:. Eella lista di !re"uen a ogni lemma X $receduto dal rango5 seguono $oi i dati di !re"uen a0 i "uattro numeri indicano la !re"uen a $er lintero cor$us 9a: e "uella $er gli altri tre cor$us 9b5 c5 d: costituiti con la soglia del '05 8 e '[ ris$ettivamente. /ono state messe a dis$osi ione due liste0 una X ordinata al!abeticamente5 laltra contiene i lemmi in ordine di !re"uen a decrescente. In $iU si $ossono scaricare le 100.000 $arole $iU !re"uenti 9con o sen a i dati di !re"uen a:5 c7e dovrebbero co$rire il 95[ dei testi. &d un esame $iU attento dei dati si rileva c7e !inora non si X riusciti ad eliminare com$letamente le $arole inglesi dal cor$us integrale5 e nemmeno la lemmati a ione delle !orme X risolta. Eonostante "ueste lacune5 la lista ?ord/=ord X unica sia $er la "uantit) di dati elaborati5 sia $erc7M X liberamente accessibile.

10

*merge la domanda se il =eb $uV essere considerato un cor$us di ri!erimento ra$$resentativo. 67iari 9200+0 5'15+: argomenta c7e gra ie allalto tasso di errori e $agine amatoriali il =eb d) una ra$$resenta ione molto sbilanciata delle caratteristic7e di una lingua5 $ertanto ci vuole molta cautela nellinter$reta ione dei risultati.

85

3.2

%abella riassuntiva e comparativa

%ossiamo sinteti are i risultati del ca$itolo $recedente nella tabella seguente.
@. dei lemmi &radi et al. (2000" *Ocsi: 2ere=es (200$" )ser (19$9" )zac%esz: )siri= (19(!" )zac%esz: )siri= (2002" /Sredi: 2elemen (19(9" @emes (19$$" @emes (19#1" Bord3<ord (200#" 2.200 1.953 3.+6+ 25.852 20.300 3.'10 505 2.969 9+.650: 100.000 Defini zioni: esem'i esem$i Parole gramm. Z 1 1 Z Z Z Z Z Z 12.226 89.+05 201.286 600.000 508.008 '0.9++ '53.5+8 589.000.000 20011 2002 ca. 1938 ca. 19801 1985 ca. 1998 19651 19++ 1930 ca. 19331 1935 20021 2003 &m'iezza del cor'us 1t, del cor'us )riteri di selezione 1s'erienza Z j 10 j2 j5 Z j 10 j 25 j 25 9j 5: Z Z Z /requenza Dis'ersion e 7so

3.3

(iassunto" prospettive

In 2ng7eria molti di ionari di !re"uen a sono stati estratti dalle concordan e di o$ere letterarie5 mentre $oc7e sono le statistic7e basate su un cor$us ra$$resentativo della lingua standard. Il di ionario di !re"uen a $er eccellen a X stato considerato $er lungo tem$o "uello di ,Tredi e >elemen 91989:5 basato su un cor$us di 500.000 occorren e5 tratte da o$ere letterarie. /i tratta del $rimo di ionario di !re"uen a moderno della lingua ung7erese5 $erc7M esso 7a utili ato $er la $rima volta i risultati della statistica linguistica 9introdu ione dellindice di dis$ersione e duso5 sele ione di un cor$us ra$$resentativo5 elabora ione automati ata:. W da notare $erV5 c7e siccome i testi elaborati risalgono a $iU di un trentennio !a5 i risultati della ricerca sono $oco ra$$resentativi della lingua ung7erese del DDI secolo. La reali a ione $iU recente di statistica linguistica5 la lista )ordS*ord $urtro$$o non costituisce unalternativa $er i ricercatori5 giacc7M essa non X un di ionario di !re"uen a vero e $ro$rio5 ma una lista di !orme gra!ic7e 9tra cui anc7e $arecc7ie $arole inglesi: non lemmati ate5 $rovviste di dati di !re"uen a. /embra c7e il lavoro si trovi alle !asi ini iali5 $ertanto nello stato attuale di!!icilmente si $resta come strumento valido $er le ricerc7e linguistic7e. Lunica raccolta $uV o meno ra$$resentativa della !ascia !ondamentale del lessico ung7erese X il lavoro di &radi et al. 92000:. %are tuttavia5 c7e $oca atten ione5 da $arte dei linguisti ed insegnanti5 X stata rivolta alla versione ung7erese del Li!ello soglia. Lunica recensione di >GvMrnM Eag;7O i X uscita "uattro anni do$o la $ubblica ione del volume5 nel 200'5 e non $are c7e esistano libri didattici dellung7erese L25 basati sulla $ro$osta di &radi e i suoi collaboratori. In assen a di altre o$ere5 sar) "uesta lista c7e $renderemo come $unto di ri!erimento $er integrare il lessico !ondamentale di italiano L25 destinato ad a$$rendenti ung7eresi. 6ome nel caso della lingua italiana5 anc7e $er lung7erese ci sono sem$re $iU ini iative volte a costituire larg7i cor$ora di ri!erimento c7e $ossono servire come base $er la reda ione di liste di !re"uen a. Il $iU illustre X il 6or$us na ionale ung7erese 9Lag"ar :emzeti Sz6!egtNr:5 raggiungibile sul sito 7tt$0KKcor$us.n;tud.7uKmns K5 contenente ca.

86

150 milioni di $arole5 raccolte dallIstituto di linguistica dell&ccademia ung7erese delle scien e tra il 199+ e il 2002. Il cor$us ra$$resenta la lingua ung7erese contem$oranea scritta5 ed X detto na ionale5 $oic7M i materiali derivano da cin"ue grandi aree geogra!ic7e in cui si $arla lung7erese0 l2ng7eria5 la 3ransilvania5 leB 2ng7eria meridionale 9oggi a$$artenente alla 6roa ia e alla /erbia:5 leB12ng7eria settentrionale 9oggi $arte della /lovacc7ia: e la (utenia subcar$atica 9l2craina occidentale:. /ono state $rese in esame +5 milioni di occorren e di testi giornalistici5 15 milioni di $arole di o$ere letterarie 9tratte dallarc7ivio dell&ccademia digitale di letteratura: e 20 milioni di $arole estratte dal database della Fiblioteca elettronica ung7erese. Il linguaggio amministrativo X ra$$resentato da materiali ministeriali e munici$ali5 mentre $er lo stile in!ormale sono stati esaminati i testi di vari !orum on1line del sito ===.indeB.7u 920 milioni di occorren e $er ciascuno dei due sotto1insiemi:. Il cor$us X accessibile a tutti do$o una registra ione. La raccolta5 $ur non contenendo dati di !re"uen a5 in!orma sul numero delle occorren e della $arola nel cor$us5 e !ornisce tutti i contesti in cui la $arola a$$are5 e le loro !onti5 $otr) "uindi servire come base $er la crea ione di nuove liste di !re"uen a. /ui dati ricavati dal cor$us si basano i dati di !re"uen a del #i ionario enciclo$edico ung7erese 9Lag"ar OrtelmezM C7ziszPtNr5 2003:. Laltra raccolta im$ortante X il 6or$us storico della lingua ung7erese 9Lag"ar /6rt7neti Sz6!egtNr5 dis$onibile sul sito ===.n;tud.7uK77cK:. Il cor$us5 costruito tra il 1985 e il 20055 raccoglie testi letterari5 scienti!ici5 divulgativi e giornalistici dal $eriodo 1++212000 e registra 2+ milioni doccorren e. Il Hrande di ionario della lingua ung7erese 9+ mag"ar n"el! nag"szPtNra:5 di cui il $rimo volume e il su$$lemento sono stati $ubblicati nel 2006 9con notevole ritardo ris$etto alla data $revista: conterr) ca. 110.000 lemmi5 c7e saranno ricavati5 !ra laltro5 dal suddetto cor$us. 6oncludendo5 la costitu ione di vasti cor$ora $ermetter) nel !uturo la com$ila ione di diversi di ionari di !re"uen a5 dedicati ai linguaggi settoriali e non. Lincremento del numero delle ricerc7e X $iU c7e $romettente5 $ertanto si $revede c7e nel !uturo saranno $ubblicati nuovi di ionari di !re"uen a5 tra cui alcuni $robabilmente si !onderanno sul 6or$us na ionale ung7erese.

8+

# $lcune a%%licazioni dei lessici di frequenza e di base


I lessici di !re"uen a e di base5 e in generale i dati di !re"uen a ricavati da larg7i cor$ora5 sono !onti im$ortanti $er varie disci$line. ,in dallini io le a$$lica ioni 7anno interessato tutti i cam$i disci$linari0 dagli studi di stenogra!ia5 crittogra!ia5 stilometria5 !ilologia5 linguistica teorica e tecnologia delle lingue5 attraverso la terminologia5 tradu ione com$uteri ata dei testi5 ricerc7e di $sicolinguistica e sociologia5 !ino alle scien e della comunica ione e al mar@eting5 $er non $arlare della didattica delle lingue. Henericamente si $uV a!!ermare c7e i di ionari di !re"uen a $ossono essere usati come strumenti linguistici di $ieno diritto in ogni caso5 in cui un gru$$o ristretto di $arlanti non $uV es$rimere un giudi io sicuro5 ed X "uindi meglio !are a!!idamento su dati o!!erti da un cor$us ra$$resentativo della lingua c7e si vuole descrivere. In "uesta breve rassegna non $ossiamo c7e tracciare in grandi linee alcune delle a$$lica ioni lessicogra!ic7e5 ci so!!ermiamo sulla$$orto c7e i lessici di !re"uen a e di base $ossono dare alla scrittura di testi di !acile lettura5 in!ine tratteremo "ualc7e a$$lica ione in!ormatica c7e !a uso di dati di statistica lessicale.

&.1

Lessicografia

-Il carattere e lestensione delle de!ini ioni5 la distin ione dei vari lemmi e signi!icati5 la scelta e la !re"uen a degli autori citati5 la misura e il taglio delle esem$li!ica ioni5 linclusione di voci duso rarissimo o di ti$o tro$$o arcaico5 laccoglimento di voci tecnic7e e scienti!ic7e5 la dosatura !ra antico e moderno5 lambito e i limiti dellindica ione etimologica sono $roblemi assai delicati c7e non sem$re X agevole mantenere ancorati ad una solu ione canonica5 giacc7M ogni volta as$irano a con!ormarsi secondo la $ersonale vicenda delle singole $arole..

6os^ ragiona Fattaglia nella %re!a ione al Grande dizionario della lingua italiana 93orino5 23*35 196112002:5 agli ini i degli anni /essanta. #alla $ubblica ione di "uesto$era5 singolare nel suo genere5 sono $assati "uasi cin"uantanni5 durante i "uali la lessicogra!ia5 nonc7M i settori connessi5 come la linguistica dei cor$ora e la lessicologia5 7anno com$iuto svilu$$i notevoli. I di ionari 9elettronici: avan ati $ossono contenere una gran "uantit) di in!orma ioni linguistic7e in $iU ris$etto a un di ionario tradi ionale0 oltre alla $ronuncia e la categoria grammaticale5 $ossono includere indica ioni sulle !re"uen e duso5 in!orma ioni lessicali5 mor!o1sintattic7e e semantic7e5 esem$i e colloca ioni tratti da cor$ora5 ecc. #altro lato5 nei di ionari moderni la sele ione dei dati inclusi X !rutto di una metodologia $iU coerente5 !ormulata in armonia con criteri $restabiliti. #i seguito si anali eranno alcuni di ionari duso5 $er veri!icare in "uale misura ricorrono a dati statistici ricavati da cor$ora di ri!erimento. <edremo in $articolare secondo "uali criteri avviene la sele ione e la de!ini ione dei lemmi5 leventuale inclusione dei dati di !re"uen a e la scelta delle marc7e duso5 lordinamento delle acce ioni5 la registra ione delle $olirematic7e e delle colloca ioni in alcuni di ionari duso.

88

#.1.1 .a selezione dei lemmi


Eella sele ione dei lemmi i vocabolari duso solitamente $untano alla lemmati a ione $iU com$leta $ossibile delle $arole della lingua. 3ra gli argomenti di vendita dei vocabolari5 in!atti5 occu$a uno s$a io costante il ri!erimento al numero delle $arole ed acce ioni contenute nello$era5 nonc7M la loro utilit) e indis$ensabilit) $er c7iarire tutti i $ossibili dubbi linguistici di ogni $ossibile utente0 il #evoto1Oli 2008 dic7iara5 ad esem$io5 di essere -un vocabolario di tutti e $er tutti.Y ecc. & "uesto $ro$osito emergono due $roblemi0 da un lato X comunemente noto c7e il solo numero dei lemmi non X segno dellalta "ualit) del di ionario in tutti i suoi as$ettiY daltro lato5 $iU universale X il di ionario5 $iU cresce la "uantit) delle in!orma ioni o!!erte5 e "uindi il $ericolo c7e non dia una s$iega ione 9esatta: alle concrete domande degli utenti. 1 /iamo concordi con #e 8auro e ,erreri 920050 299: nel ritenere c7e
-occorrerebbe ormai dare $er ac"uisito c7e lobiettivo di un di ionario non $uV essere "uello di adeguare la e!!ettiva "uantit) di lessemi utili ati nei testi e discorsi..

Queste considera ioni tuttavia stentano a !arsi strada tra editori5 autori di $ubblicit) di di ionari e giornalisti c7e5 nel tentativo di o!!rire al $ubblico un di ionario con "ualc7e lemma in $iU ris$etto agli altri concorrenti5 s$esso gon!iano le ci!re dei lemmi nei loro di ionari. 8olte volte anc7e il titolo delle o$ere lessicogra!ic7e X !uorviante $er "uanto riguarda la "uantit) di lemmi0 numeri dic7iarati e termini s$esso e"uivoci costituiscono un $roblema nella determina ione dellestensione dei lemmari 9c!r. anc7e se . 1.2.3:. La "uestione si $one non solo nel con!ronto tra lingue diverse5 ma anc7e allinterno di una stessa lingua e s$esso $ersino di una stessa casa editrice.2
/onte De!oto1Kli %&&T Dizionario della lingua italiana per il terzo millennio RDe Lauro %&&&8 Dizionario Btaliano Sabatini Colletti RDBSC3 1SS(8 Grande dizionario della lingua italiana 9Fattaglia5 21. voll.5 196112002: Grande Dizionario Btaliano dell;so 9H(&#I35 voll. 6 Z 15 1999: Grande dizionario italiano Garzanti 2008 ingarelli %&&T @umeri dic%iarati 100.000 $arole dautore 1'0.000 lemmi Z 30.000 $olirematic7e 138.000 voci 9108.000 nel 6#: 185.000 lemmi 251.000 lemmi Z 130.000 $olirematic7e 250.000 lemmi ed acce ioni 1'0.000 voci Z 3+5.000 signi!icati

Eumero di lemmi contenuti in alcuni di ionari duso.

%untando alluniversalit)5 i vocabolari duso indicano un numero s$ro$ositato di lemmi in essi elencati0 dal H(&#I3 9Grande Dizionario Btaliano dell;so: con i suoi 251.000 lemmi5 cui devono aggiungersi le 130.000 es$ressioni $olirematic7e5 si scende $ian $iano !ino ai 100.000 registrati dal #evoto1Oli 200+. La tabella mostra c7e i di ionari non adottano terminologie com$arabili. Quel c7e X ra$$resentato X c7iamato lemma3 !oce3 parola dautore e anc7e accezione3 polirematica3 significato. Eotiamo c7e sarebbe o$$ortuno !issare il termine di ri!erimento5 giacc7M0
-il carico memoriale X ben diversamente gravato se deve tendere al solo signi!icato $rinci$ale5 al signi!icato con il suo carico di acce ioni5 ai lemmi intesi come unit) singola o al lemma con tutti i suoi sotto1lemmi5 a $arole singole o a raggru$$amento di $iU membri con un signi!icato unitario. 9#e 8auro5 ,erreri 20050 303:.
1

(ubando la meta!ora a #e 8auro 920050 32:5 come una carta geogra!ica5 anc7e il di ionario risulta utile se da un lato X di dimensioni ridotte ris$etto a ciV c7e ra$$resenta5 daltro lato sono c7iare le scelte e le regole seguite nella sele ione e nella ra$$resenta ione dei !atti lessicali. 2 /ulla con!usione terminologica5 creatasi sul mercato dei di ionari monolingui e bilingui della lingua tedesca5 si veda ,Gldes 9200':. Lo studio con!erma c7e le denomina ioni utili ate nei titoli delle o$ere5 s$esso non sono indicatori a!!idabili della "uantit) 9e della "ualit): del materiale incluso.

89

W vero5 in!atti5 c7e a volte il numero delle acce ioni $uV essere sensibilmente su$eriore a "uello dei lemmi5 $ertanto "uestultimo sembra essere un indicatore $iU valido della mole dello$era. &d esem$io nello Iingarelli non X c7iaro se luniverso di ri!erimento sia ra$$resentato dalle 1'0.000 voci o dai 3+5.000 signi!icati. &ncora $iU con!ondente X lindica ine data dal Har anti0 non X c7iaro5 in!atti5 "uale in!orma ione vuole !ornire la somma dei lemmi e delle acce ioni. In $iU5 solitamente non X $recisato se sotto la stessa etic7ettatura di $arola o lemma si com$utano sia singole unit) lessicali5 sia agglomerati di $iU di un vocabolo. Lunica o$era lessicogra!ica ad aver immesso a lemma tutte le es$ressioni lessicali com$lesse 9$olirematic7e: X il H(&#I3 e un altro di ionario ad esso correlato 9#e 8auro 2000: 9c!r. anc7e se . '.1.':. %ossiamo concludere c7e luso e"uivoco delle designa ioni limita le $ossibilit) di com$ara ione. 3ornando alla sele ione dei lemmi5 consultando la $re!a ione dalcuni di ionari duso5 si rileva c7e comunemente non X es$licitato il criterio adottato $er individuare le $arole da includere 9cos^ nel Fattaglia5 nel #I/6 e nel #evoto1Oli:. W ovvio5 ed X stato additato in varie sedi5 c7e una lemmati a ione com$leta di tutte le voci5 acce ioni e locu ioni della lingua di cultura X in!attibile $er motivi $ratici e teorici. Eel $assato i lessicogra!i 7anno cercato di a!!rontare "uesto $roblema ricorrendo nella sele ione a lavori $recedenti5 integrandoli con altri di ionari e liste di $arole5 omettendo le voci obsolete o tro$$o rare. Eel caso dei di ionari le cui !onti sono esclusivamente altri vocabolari5 inc7ieste condotte dai com$ilatori o sc7ede $redis$oste5 "uesto $rocedimento X lunico $ossibile5 e il suo valore lessicogra!ico di$ende dalla c7iare a con cui sono stati de!initi i singoli $assi della sele ione. & titolo desem$io5 la base di tutte le versioni del #evoto1Oli X stata la $rimissima edi ione del 19+05 c7e nelle successive edi ioni X stata aggiornata ed am$liata 9lultima versione X ledi ione 2008 a cura di /erianni e 3ri!one:. 6ome nel di ionario originario non sono stati $recisati i $rinci$i della scelta dei lemmi5 cos^ neanc7e nelle successive edi ioni X c7iarito5 con "uali criteri sono stati sele ionati i lemmi nuovi ed esclusi "uelli obsoleti0 la $ubblicit) $arla di -lemmi $rovenienti dai giornali e dalla televisione.. Eella $re!a ione delledi ione 200'12005 9$. <: si tiene tuttavia a $recisare5 c7e0
-$er la $rima volta gli alterati sono stati sele ionati non sulla base della com$eten a del lessicogra!o 9o sul modello di altri di ionari $recedenti:5 ma veri!icando attraverso testi reali5 dis$onibili in rete5 "uali !ossero e!!ettivamente in circola ione5 magari in acce ioni $articolari..

#el resto5 $erV5 non si s$eci!icano le !onti utili ate $er integrare e rivedere le in!orma ioni grammaticali 9reggen e5 !raseologia:5 il lessico scienti!ico e le etimologie5 men ionati dalla $ubblicit).3 Il Har anti 200'12005 dic7iara di aver adottato5 nella sele ione5 un -criterio !un ionale.0 sono state incluse tutte le voci del lessico comuneY le voci antic7e c7e -7anno avuto un e!!ettivo rilievo nella tradi ione storico1culturale.Y termini tecnici della medicina5 biologia5 !isica5 ecologia5 in!ormatica5 diritto ecc.Y voci regionali5 dialettali e gergali c7e -7anno consistente di!!usione nella lingua comune.Y voci e locu ioni daltre lingue5 entrate in italiano in tem$i recentiY locu ioni latine tuttora -vive e signi!icative nelluso attuale. 9$. <:. 6iononostante non X es$licitato se esisteva un database5 cui "uesti criteri -!un ionali. sono stati ado$erati. 2n interessante e ben documentato $rocedimento di sele ione si riscontra nel H(&#I3. Il database ini iale X stato costituito da una serie di di ionari5 tra cui il Fattaglia5 lo Iingarelli e il #evoto1Oli ed altri 9c!r. #e 8auro 20050 '3:. #alla base di dati X $assato nel lemmario del H(&#I3 ogni vocabolo c7e sia $resente in tutte le o$ere del database5
3

&nc7e molto vaga sembra la dic7iara ione degli autori secondo cui -ciascuna avocec X registrata nella !orma $iU comune e moderna. 9$. <:.

90

in $iU5 ogni vocabolo del Fattaglia5 a condi ione c7e non !osse obsoleto5 e "uindi $resente solo nel Fattaglia. Lini iale base di dati X stata integrata con una serie di di ionari a destina ione commerciale eKo scolastico e di ionari di neologismi5 a$$arsi do$o il 1989 9$er lelenco com$leto c!r. #e 8auro 20050 '51'6:. & tutto ciV si sono aggiunte decine di migliaia di sc7ede lessicogra!ic7e5 $redis$oste da *doardo /anguineti5 tratte dalla lettura di testi italiani dogni secolo e genere. /ono state tenute !uori dal lemmario tutte le $arole occasionali5 $arole novecentesc7e duso tro$$o raro e vocaboli $resenti solo in scritti anteriori alla met) dellOttocento. /i tratta5 "uindi5 di un di ionario com$osto con criteri scienti!ici rigorosi5 $untualmente documentati in #e 8auro 92005:. #i "uesti $rocedimenti coerenti giova anc7e il $iU ridotto Dizionario della lingua italiana per il terzo millennio 9#e 8auro 2000:5 com$osto sulla base della base di dati del H(&#I3. In rela ione al $roblema della sele ione dei lemmi5 emergono in realt) due "uestioni !ondamentali0 "uanti e so$rattutto "uali lemmi dovrebbero essere inclusi. W ovvio c7e con $rinci$i come !ornire -tutte le voci delluso corrente. 9Dizionario medio italiano %&&(5 8ilano5 Har anti: o com$ilare -un vocabolario di tutti e $er tutti. 9De!oto1Kli 2008: non si $ossono $rendere decisioni c7iare. Lunico caso in cui X $ossibile garantire una s$ecie di sele ione _ideale X "uando si ricorrono a cor$ora c7iusi. Questo $rocedimento !inora era adottato in $revalen a ai di ionari storici e alle concordan e letterarie5 ma nel tentativo di $rivilegiare gli usi $iU !re"uentemente testimoniati nella lingua contem$oranea5 la scelta di includere o escludere determinati lemmi in molti moderni di ionari X !rutto di analisi sulle !re"uen e delle !orme nei cor$ora. Eotiamo c7e una sele ione !ondata su dati di !re"uen a $ermette di o$erare scelte coerenti anc7e riguardo allinclusione dei nomi $ro$ri5 sigle ed abbrevia ioni5 nomi geogra!ici5 !orme !lesse irregolari5 termini tecnici e dialettali5 $olirematic7e5 derivati5 neologismi5 $arole obsolete5 marc7ionimi ecc.5 la cui sele ione risente5 nella maggioran a dei casi5 delle $re!eren e individuali dei com$ilatori. I dati di !re"uen a andrebbero $oi integrate in modo da dis$orre di liste com$lete nel caso delle serie c7iuse 9colori5 numeri ecc.: e ogni volta "uando lo sco$o $reciso5 c7e il di ionario si X $re!isso5 lo ric7iede.' Il $rimo di ionario ricavato da cor$us !u il Collins Cobuild ,nglis- Language Dictionar" 9London5 Aar$er 6ollins5 198+15 199525 200135 2003'5 20065:. I lemmi sono stati estratti da oltre 52' milioni doccorren e della 0an2 of ,nglis-5 costituita dalleditore Aar$er 6ollins e dall2niversit) di Firming7am dagli anni Ottanta in $oi. /u "uesto cor$us si basano una serie di o$ere 9+d!anced Learners ,nglis- Dictionar"3 Hlasgo=5 Aar$er 6ollins5 20013U Concise Learners Dictionar"3 London5 Aar$er 6ollins5 20032 ecc.:5 accom$agnate da cd1rom5 in cui X incluso laccesso a una $arte della 0an2 of ,nglis-5 la cosiddetta )ord 0an2 9com$osta di testi scritti e $arlati con cin"ue milioni di occorren e: c7e 7a costituito la base della $rima edi ione e dei successivi aggiornamenti. Il criterio decisivo della sele ione dei lemmi X stata5 a$$unto5 la !re"uen a doccorren a5 $ertanto solo lemmi ricorrenti con una !re"uen a $restabilita sono stati ammessi nel di ionario. Eotiamo c7e $er adesso lo Iingarelli X lunico di ionario italiano5 c7e 9almeno: nei suoi aggiornamenti ricorre a dati lessicali ricavati da cor$ora. Eella com$ila ione si X !atto uso sistematico del Corpus Btaliano anic-elli5 un database costituito dalle $rinci$ali o$ere classic7e della letteratura italiana 9$ubblicate nel cd1rom LII '.05 curato da /to$$elli e %icc7i5 2001: da annate e $eriodici5 testi $rovenienti dalle !onti $iU svariate5
'

Inoltre5 Fergen7olt 919900 ++5: ric7iama latten ione sul !atto c7e tradi ionalmente alcuni ambiti5 come i termini della linguistica5 sono "uantitativamente $iU numerosi di "uelli degli altri cam$i5 ad esem$io le voci relativi alla sessualit) e non solo. 6on una lemmati a ione incentrata sullanalisi statistica di cor$ora $arlati5 oltre c7e scritti5 tali lacune $otrebbero essere eliminate.

91

com$reso Internet. Questi $rocedimenti o!!rono vantaggi decisivi5 $oic7M $ermettono una valuta ione $iU $recisa delluso corrente della lingua0 si $ensi allinserimento di numerose $arole della lingua $arlata o di linguaggi settoriali $resenti negli scritti giornalistici 9economia5 nuove tecnologie ecc.:. %are c7e in Italia5 non sia stata ancora creata una banca di dati linguistici basata su un cor$us continuamente aggiornato e incrementato5 dal "uale si $ossano trarre i materiali $er ricerc7e lessicologic7e o $er con!e ionare i $iU svariati $rodotti lessicogra!ici. 67e "uesta sia ormai una via obbligata della linguistica e della lessicogra!ia moderne5 emerge anc7e dal !atto c7e il di ionario enciclo$edico della lingua ung7erese 9+ mag"ar n"el! nag"szPtNra5 Fuda$est5 &@adMmiai >iadP5 2006:5 attualmente in !ase delabora ione5 si basa su am$i cor$ora. /i $revede c7e lintera o$era5 di cui !inora sono usciti il $rimo volume e il su$$lemento5 conterr) 110.000 lemmi. Il di ionario si !onda su un cor$us esteso c7e include tre ti$i di raccolte0 il cor$us storico della lingua ung7erese 9 Lag"ar /6rt7neti Sz6!egtNr:5 contenente 2+ milioni doccorren e5 ricavate da testi scritti tra il 1++2 e il 2000Y un arc7ivio cartaceo di 6 mila lemmi5 raccolti tra la !ine del DID secolo 9"uando nel 1898 emerse $er la $rima volta il $rogetto del di ionario: e lini io degli anni OttantaY $iU una raccolta di testi registrata su cd 9$er i dati bibliogra!ici delle o$ere racc7iuse nei tre cor$ora c!r. Itt Ms 20060 511+9+:. 6ome $rimo $asso5 i lemmi sono stati estratti dal database elettronico in base alla loro !re"uen a5 insieme alla data della $rima e lultima attesta ione. Questo $rocedimento 7a $ermesso di valutare lattendibilit) del cor$us0 si X arrivati alla conclusione c7e in base al solo cor$us storico non si $oteva reali are il di ionario5 $ertanto l7anno integrato con larc7ivio cartaceo e una raccolta di testi registrati su cd 9Itt Ms 20060 205 I vol.:. Ogni lemma e ciascunacce ione X attestata nel cor$us am$liato. &nalogamente ben documentata X lelabora ione della seconda edi ione aggiornata del di ionario enciclo$edico ung7erese 9Lag"ar OrtelmezM C7ziszPtNr3 2003:0 il lemmario della versione $recedente X stato arricc7ito con termini ricavati da una serie di di ionari $ubblicati dagli anni Eovanta in $oi 9c!r. $$. <1<II: e dal Corpus nazionale ung-erese5 com$rensivo di 150 milioni di occorren e5 ra$$resentativo della lingua ung7erese $arlata in 2ng7eria e nei %aesi con!inanti 9c!r. anc7e 3.3:. /embra "uindi c7e5 $er garantire la coeren a e lomogeneit) della sele ione 9e della $resenta ione: del materiale5 sia indis$ensabile ricorrere 9anc7e: a dati statistici ricavati da am$i cor$ora.

#.1.2 .a definizione lessicografica


Oggetto delle nostre considera ioni X la de!ini ione lessicogra!ica c7e tuttora solo in $arte risente dei risultati ottenuti dalla linguistica "uantitativa. /en a entrare nei dettagli sui vari $rocedimenti de!initori5 occorre rilevare c7e i due di!etti $rinci$ali da cui il lessicogra!o deve guardarsi nella !ormula ione delle de!ini ioni5 sono la circolarit) diretta 9cioX di de!inire la $arola & tramite la $arola F5 de!inita a sua volta con &: e luso di $arole non elencate come lemma. /i avverte c7e "uestultima regola vale non solo alla $arola come lemma5 ma anc7e ai suoi sensi s$eci!ici usati nelle de!ini ioni5 $erc7M s$esso X il caso c7e5 sebbene la $arola sia ri$ortata nel di ionario5 "uel senso s$eci!ico c7e X usato nella de!ini ione5 non X elencato.5 &l !ine di evitare de!ini ioni
5

Hli autori del di ionario enciclo$edico ung7erese 9Lag"ar OrtelmezM C7ziszPtNr3 2003: tengono a rilevare nella $re!a ione c7e nelle de!ini ioni si usano esclusivamente $arole c7e sono registrate come lemma5 tuttavia la e!!ettiva $resen a di tutti i sensi utili ati nelle de!ini ioni non emerge come criterio.

92

evidentemente circolari ed incom$rensibili5 alcune o$ere lessicogra!ic7e !anno uso del cosiddetto vocabolario de!initorio5 in altre $arole defining !ocabular". Il defining !ocabular" si ri!erisce al metodo di costruire le de!ini ioni del di ionario non da tutte le $arole della data lingua5 ma ricorrendo ad un insieme relativamente ristretto di $arole sele ionate $er tale sco$o. La de!ini ione lessicogra!ica5 a di!!eren a delle altre in!orma ioni metalinguistic7e sulla $arola X 9dovrebbe essere: unin!orma ione _!amiliare c7e a$$artiene ad un discorso di livello usuale. 3ale linguaggio _naturale dovrebbe garantire al lettore medio la com$rensibilit) della de!ini ione. &d esem$io ?est 91935: nel suo lavoro dim$ortan a !ondamentale 7a sele ionato su basi logic7e 1.'90 $arole $er de!inire 2'.000 elementi del vocabolario inglese. %er sele ionare il defining !ocabular"5 di solito i di ionari di !re"uen a costituiscono un $rimo $unto di $arten a5 $oic7M la _!amiliarit)5 uno dei criteri $rinci$ali c7e si $one nei con!ronti delle $arole de!initorie5 s$esso corris$onde a un certo grado di !re"uen a. 8entre la !re"uen a e la !amiliarit) $ossono dare suggerimenti ini iali $er la sele ione5 Eeubauer 919900 903: osserva c7e lutilit) lessicogra!ica5 vale a dire la ca$acit) de!initoria di una $arola 7a un ruolo altrettanto rilevante in "uesto $rocesso. Le o$inioni sulluso del defining !ocabular" sono controverse. La motiva ione $rinci$ale $er la loro a$$lica ione X di evitare di usare nella s$iega ione del lemma $arole ancora $iU di!!icili del lemma da s$iegare5 il c7e certamente !rustra non solo gli a$$rendenti di una lingua straniera5 ma anc7e gli utenti di madrelingua. *$$ure non tutti 9(udol! e Aartmann 19905 6ardinale 199': sono concordi nel ritenere c7e la restri ione del vocabolario delle de!ini ioni a un nocciolo centrale !aciliti automaticamente la com$rensione da $arte dellutente5 $oic7M "ueste $arole ad alta !re"uen a sono anc7e "uelle $iU $olisemic7e ed idiomatic7e. %ertanto5 usando un vocabolario ristretto le de!ini ioni $erdono necessariamente della loro accurate a. %ro$rio $er "uesto diventa $roblematica la de!ini ione dei termini tecnici5 ciononostante non mancano di ionari scienti!ici5 in cui le de!ini ioni sono !ormulate con un vocabolario de!initorio controllato.6 /i a!!erma $oi5 c7e la s$iega ione del signi!icato di un termine $uV giovarsi della com$eten a dellutente relativa a tutto il linguaggio5 $ro$rio $erc7M lac"uisi ione della com$eten a linguistica avviene in maniera globale. /econdo 6ardinale5 $er!ino nei di ionari !ondamentali a$$are arti!iciosa li$otesi5 !atta $ro$ria dal di ionario di !rancese di 5.000 $arole di 8atorM 91963:5 di !ar entrare nelle de!ini ioni solo il vocabolario di 5.000 $arole5 descritto con una $er!etta identit) tra metalinguaggio e linguaggio1oggetto5 c7e 7a im$osto agli autori un enorme eserci io di sem$li!ica ione e -$redis$one i lettori ad un innaturale accostamento alla lingua attraverso una gradualit) c7e non a$$artiene alla realt).. Eonostante tutte le critic7e5 "uesta$$roccio X diventato $articolarmente im$ortante con la divergen a dei di ionari monolingui generali in di ionari monolingui $er $arlanti nativi e di ionari monolingui $er a$$rendenti stranieri della lingua5 i cosiddetti di ionari $edagogici 9learners dictionar":. 2n esem$io di un $rogetto $ro!essionale condotto con lausilio di un defining !ocabular" X il Longmans +merican Bdioms dictionar" 92000: c7e de!inisce i '.000 idiomi $iU comuni dellinglese americano ed e!!ettivamente s$iega molti as$etti della cultura americana5 usando esclusivamente 2.000 $arole nelle loro acce ioni $iU comuni con i $re!issi e su!!issi $iU sem$lici. Eon X "uesto lunico di ionario della casa editrice c7e !a uso del Longman defining !ocabular"5 si vedano ad esem$io5 oltre ai di ionari $edagogici anc7e il Longman Dictionar" of +merican ,nglis- 92001:5 il Longman Dictionar" of Contemporar" ,nglis- 920052:5 com$rensivi ris$ettivamente di 52.000 e di
6

/i vedano ad es. Hra7am *. 91965: Science Dictionar" in 0asic ,nglis-5 LondonY ,lood ?. *.5 ?est 8. 91962: +n ,lementar" Scientific and /ec-nical Dictionar"5 London5 $ubblicato $er la $rima volta nel 1952 come +n ,.plaining and Pronouncing Dictionar" of Scientific and /ec-nical )ords5 London.

93

200.000 termini. Questi di ionari sono stati ricavati dal Longman Spo2en and )ritten ,nglis- Corpus di '0 milioni di occorren e. 67iari 9200+0 95: osserva c7e in "uesti di ionari basati su cor$ora5 anc7e i canoni di de!ini ione dei lemmi5 tradi ionalmente un $o ellittici5 e le s$iega ioni assumono il carattere di esem$i ra$$resentativi molto $iU immediati e meno simili a voci denciclo$edia.+ Eei di ionari monolingui Eeubauer 919900 900: osserva le seguenti strategie riguardo al controllo del vocabolario0 a: nessun controllo sulle $arole usate nelle de!ini ioniY b: si cerca di usare un _linguaggio sem$lice nelle de!ini ioni5 ma sen a restri ioni es$liciteY c: le $arole usate nelle de!ini ioni sono sele ionate da una lista s$eci!ica contenente il c.d. defining !ocabular"5 cioX le $arole $rescelte $er essere usate nelle de!ini ioni5 in $iU alcune $arole non contenute nel defining !ocabular" sono usate come rinvii e terminologia 9de!ini ione di ti$o misto:Y d: tutte le $arole occorrenti nelle de!ini ioni sono elencate nel di ionario e !anno $arte di un defining !ocabular" com$ilato es$licitamente $er "uesto sco$oY e: tutte le $arole occorrenti nelle de!ini ioni !anno $arte di un defining !ocabular"3 com$ilato es$licitamente $er "uesto sco$o5 in cui sono marcati tutti i sensi usati e solo i sensi elencati nel di ionario sono usati nelle de!ini ioni. %er illustrare in c7e modo luso di un defining !ocabular" in!luisce sulle de!ini ioni5 ri$ortiamo di seguito degli estratti da vari vocabolari c7e 7anno in comune dessere di ionari monolingui ditaliano in un volume. %er la com$ara ione 7o scelto lentrata macaco5 una voce a$$artenente al linguaggio della oologia c7e $otrebbe risultare sconosciuto $er!ino $er i $arlanti nativi. a" Definizione senza controllo di vocabolario
mac,co o 9raro: mac,cco a$ort. macaco5 vc. $roveniente dall&ngolaY 1+0' ca.c s. m. 9$l. 1c7i: 1 Henere di scimmie dei 6erco$itecidi con coda $endente non $rensile5 callosit) nelle natic7e e arti anteriori non $iU lung7i dei $osteriori 98acacus:. /IE. 8aimone. 2 9!. 1a: 9!ig.: 2omo go!!o e sgra iato5 o sciocco5 stu$ido. nn macacQne5 accr. *stratto da0 Iingarelli 920060 1030:

Questo X un c7iaro esem$io dellindi!!eren a verso la di!!icolt) del vocabolario al !ine di !ornire in!orma ioni $recise5 !acendo uso della terminologia corris$ondente 9una simile de!ini ione la $otremmo ricavare da un trattato di oologia:. 3uttavia $er un a$$rendente straniero5 c7e a$$arentemente non !a $arte del gru$$o dei destinatari di "uesto di ionario5 non X di grande aiuto lin!orma ione c7e il macaco a$$artenga alla !amiglia dei 6erco$itecidi5 nM il !atto di essere mandato da macaco a callosit<3 prensile e natica c7e $robabilmente gli sono sconosciuti "uanto macaco. W $lausibile inoltre5 c7e il vocabolario utili ato in "uesta de!ini ione causerebbe $roblemi di com$rensione $er!ino $er molti $arlanti nativi di limitata com$eten a linguistica5 o sem$licemente $oco es$erti di oologia. /embra giusti!icato $orre la domanda5 "uali siano le di!!eren e tra un articolo denciclo$edia e unentrata del di ionario. Eon X c7iaro se lutente consulter) un di ionario generale monolingue $er re$erire in!orma ioni scienti!ic7e e terminologic7e del genere.
+

Eotiamo con Eeubauer 919900 90': c7e le considera ioni !atte $er il vocabolario usato nelle de!ini ioni valgono anc7e $er "uello degli esem$i. Fenc7M la !un ione centrale delle !rasi sia "uello di in!ormare sulle caratteristic7e sintattic7e 9$iuttosto c7e semantic7e: dei lemmi5 a ragione lutente dovrebbe essere in grado di ca$ire le $arole usate negli esem$i5 il c7e non X $ossibile se essi contengono un vocabolario totalmente incontrollato.

9'

b" Definizione in un Hlinguaggio sem'liceI


macaco ama1c)1coc non com.5 s. m. a$l. 1c-ic 1 genere di scimmie grigio1brune dal cor$o to o5 con coda breve e talora del tutto assente e visiera so$raorbitale molto vistosa 9ord. %rimati: 2 9fig.: $ersona sciocca o go!!a. #al $ort. macaco5 da una voce a!ricana. *stratto da0 Har anti 2005 9cd1rom:

Il di ionario Har anti si $ro$one di o!!rire allutente -gli strumenti $er inter$retare con sensibilit) e rigore lo stato della lingua5 i suoi mutamenti5 le $ermanen e e le novit).. Hli autori 7anno !atto a meno della terminologia scienti!ica5 tuttavia $arole come sopraorbitale e !isiera sicuramente non !acilitano la com$rensione $er gli utenti. 6X da dubitare5 inoltre c7e la$$artenen a dei macac7i allordine dei %rimati costituisca $arte integrante di una de!ini ione lessicogra!ica. c" Definizione di ti'o misto
maTc,Tco s.m. 1a 83 ool. com.5 nome comune delle scimmie del genere 8acaca 1b G* 83 ool. macaca 2 )G !ig.5 sc7er .5 uomo go!!amente brutto e sciocco 0arianti0 macaco Polirematic%e macaco mulatto loc.s.m. 83 ool.com.5 scimmia del genere 8acaca 98acaca mulatta o 8acacus r7esus: di!!usa in India e nota $erc7M su di essa !urono condotti gli es$erimenti $er determinare il !attore (A del sangue maTc,Tca s.!.1 83 ool.5 scimmia del genere 8acaca5 di statura media e cor$oratura robusta5 di!!usa in &sia e &!rica comunemente detta macaco n con ini . maiusc.5 genere della !amiglia dei 6erco$itecidi 2 )G !ig.5 donna go!!amente brutta e sciocca *stratto da0 #e 8auro 2000 9versione on1line:

Il di ionario di #e 8auro si $ro$one di -unire la sem$licit) de!initoria con una certa essen ialit).. ,acendo uso $rimariamente delle $arole del vocabolario comune 9ca. 50.000 termini com$resi da c7iun"ue abbia un livello distru ione mediosu$eriore:5 $er de!inire i lemmi $iU com$lessi si ricorre anc7e a termini tecnici5 s$iegati a loro volta con $arole a$$artenenti al vocabolario comune. 2naltra caratteristica im$ortante X c7e tutte le $arole utili ate nelle de!ini ioni com$aiono a lemma5 ad ecce ione di alcuni raggru$$amenti tassonomici. Eella tratta ione dei nomi di $iante e animali molto conosciuti -si X $re!erito indicare an itutto i tratti legati alles$erien a comune ris$etto a "uelli legati alla $osi ione nella tassonomia scienti!ica.5 come recita la $re!a ione. Eel caso delle $arole a$$artenenti al <ocabolario di base 9$arole !ondamentali \ ,O5 di alto uso \ &2 e di alta dis$onibilit) \ &#:5 #e 8auro 92000: ri$orta una de!ini ione ris$ondente allutili o "uotidiano e al senso $iU $rossimo con cui lo si ado$era5 se$arando con una barra e introducendo la marca duso tecnico1s$ecialistico solo "uando introduce la de!ini ione s$eci!ica.
mamTmUTfeTro s.m. 1 &7 animale c7e $artorisce la $role e la alleva nutrendola con il $ro$rio latteY anc7e agg.0 la balena > un animale m. 2 83 ool.5 vertebrato omeotermo della classe dei 8ammi!eri5 con due $aia di arti atti alla locomo ione5 cute $rovvista di $eli5 caratteri ato da res$ira ione $olmonare5 circola ione sanguigna do$$ia e com$leta5 ri$rodu ione vivi$ara e dalla $resen a di g7iandole mammarie nella !emmina n $l. con ini . maiusc.5 classe del $7;lum dei <ertebrati5 cui a$$artiene anc7e luomo *stratto da0 #e 8auro 2000 9versione on1line:

95

Lordinamento delle de!ini ioni in base alla marca $ermette di es$licitare il signi!icato in modo da aderire al senso in cui la maggioran a dei $arlanti ado$era il vocabolo. Osserviamo con ,erreri 920060 138: c7e -la marca con la !or a degli usi di unintera comunit) im$one un ri$ensamento sulle de!ini ioni a$$rontate $er il di ionario. 9v. in!ra:. d" Definizione tramite un vocabolario di base
macaco 9ma.ca.co: s.m. scimmia di medie dimensioni ti$ica dell&sia orientaleY 7a una !olta $elliccia e talvolta $uV essere $riva di coda0 Bl macaco del Giappone la!a il cibo prima di mangiarlo. aAc $lur. macac%i. a1c dal $ortog7ese macaco5 da una voce a!ricana =a=u =a=u c7e imita il grido dellanimale. *stratto da0 #e 8auro 919960 +6+:

La de!ini ione evita ogni tecnicismo5 collocandosi $er!ettamente al livello di un $readolescente 9allievi delle elementari e medie5 cui il di ionario X destinato: o di un adulto di limitata com$eten a linguistica. /i evitano le $arole c7e non !igurino nel lemmario costituito di 15.000 voci5 di cui +.000 a$$artenenti al Vocabolario di base 9c!r. anc7e 2.2.2+:. /i X rinunciato a raggru$$amenti tassonomici5 alluso di termini tecnici5 e si X $re!erito indicare an itutto i tratti legati alles$erien a comune. Hli esem$i $rivilegiano5 in!atti5 gli as$etti no ionali 9"ual X il luogo di $rovenien a ti$ica del macaco4 il Hia$$one:5 mentre un di ionario $er adulti riterrebbe su$er!lua lesem$li!ica ione $er un lemma del genere. Eotiamo $oi5 c7e contrariamente agli altri tre di ionari5 "ui non X inclusa lacce ione !igurata del termine. 6oncludendo5 vogliamo rilevare lutilit) delluso di defining !ocabular" non solo nei di ionari destinati agli studenti eKo a$$rendenti stranieri5 bens^ anc7e in "uelli $ensati $er $arlanti di madrelingua5 giacc7M esso contribuisce alla ridu ione della circolarit)5 al contem$o migliora il grado di coeren a e com$rensibilit) delle de!ini ioni e5 in !in dei conti5 del di ionario stesso.

#.1.$ Dati di frequenza e marc%e d-uso


La tradi ione lessicogra!ica s$eci!ica con un a$$osito a$$arato di nota ioni gli usi marcati dei signi!icati delle $arole. ,ondandosi sul grado di distan iamento da una su$$osta normalit)5 il lessicogra!o assegna la marca duso $er lo $iU in base alla $ro$ria coscien a linguistica. Le scelte attuate nelle descri ioni lessicali a$$aiono "uindi assai soggettive5 non sostenute da dati oggettivi. Questo ti$o di $rocedimento em$irico X s$esso guardato con un certo sos$etto5 a volte X ritenuto $rescienti!ico o addirittura ascienti!ico. In alcuni di ionari moderni invece5 la marcatura si basa sulle in!orma ioni relative alle !re"uen e duso e $uV avere due !orme0 marc7e duso o dati "uantitativi estratti da cor$ora 967iari 200+0 85:. %er illustrare il valore in!ormativo dei dati di !re"uen a5 si cita &rcaini 919+80 2+2:0
-lin!orma ione in _a$rire X ben diversa da "uella $oniamo di _salassare o _solcare5 e ciV in base alla sua $robabilit) doccorrere in certi contesti. Questa $robabilit) concorre dun"ue a de!inire _a$rire ris$etto ad altri termini..

La !re"uen a "uindi fa parte della de!ini ione di un lemma. Inoltre5 i dati statistici sono im$ortanti non solo $erc7M in!ormano sulla !re"uen a duso delle $arole5 ma anc7e

96

$erc7M sono un im$ortante $unto di ri!erimento nella classi!ica ione dei vari signi!icati dei lemmi $olisemici5 come vedremo nella se ione successiva. #i ionari !amosi riediti negli ultimi anni e $er!ino il #I/6 9199+: $rendono in considera ione il criterio della !re"uen a c7e $ermette di eviden iare alcune migliaia di $arole5 a$$artenenti al vocabolario di base. Il vocabolario !ondamentale $uV assolvere ai $iU elementari bisogni comunicativi5 $erciV X giusto contrassegnarlo con $articolari caratteri gra!ici c7e $ermettono una ra$ida individua ione. /i tratta di unindica ione $articolarmente utile c7e consente allutente di scegliere5 in determinate circostan e comunicative5 vocaboli $iU noti e di!!usi ris$etto a "uelli meno noti. Eelledi ione curata da /erianni e 3ri!one del #evoto1Oli 9200'120055 $$. <1<I: si legge0
-Lindica ione delle diecimila $arole !ondamentali 9eviden iate in a urro: nasce dal con!ronto tra numerosi re$ertori 9lessici di base5 lessici di !re"uen a5 di ionari c7e contengono un numero ridotto di lemmi5 di ionari c7e segnalano i vocaboli di uso $iU comune:. Il lemmario derivante da tale com$ara ione X stato naturalmente integrato e modi!icato anc7e sulla base delles$erien a e della sensibilit) linguistica del lessicogra!o..

Eella Guida alluso del di ionario /abatini16oletti 9#I/6: alla voce La Ddisponibilit<E delle parole 9$. DIII: si trova "uanto segue0
-Aanno ricevuto il contrassegno di alta dis$onibilit) 9un !ondino grigio sotto il lemma: circa 10.000 lemmi5 scelti sulla base delle liste di !re"uen a oggi esistenti $er la lingua italiana 9da "uella di Fortolini13agliavini1Iam$olli 19+25 al LI% di #e 8auro18ancini1<edovelli1<og7era 1993:5 intervenendo $erV su di esse con valuta ioni $ersonali $er es$ungere o integrare5 considerando5 della singola $arola5 almeno la $iU comune delle acce ioni..

%iU c7iaro ed es$licito Iingarelli 920065 $. 8: c7e recita0


-I circa '500 lemmi di maggiore !re"uen a duso 9litaliano !ondamentale: sono $receduti da un $iccolo rombo 9o:0 "ueste $arole sono state scelte sulla base dei lessici di !re"uen a 9!ra cui il Lessico di frequenza della lingua italiana a cura di 2. Fortolini5 6. 3agliavini e &. Iam$olli5 Har anti5 19+25 il Lessico di frequenza dellitaliano parlato di 3. #e 8auro5 ,. 8ancini5 8. <edovelli5 8. <og7era5 *taslibri5 1993 e il Lessico elementare di L. 8arconi5 8. Ott5 *. %esenti5 #. (atti5 8. 3avella5 Ianic7eli5 199': e in base ad analisi statistic7e del Corpus Btaliano anic-elli..

I tre di ionari condividono lesigen a di indicare allinterno del lemmario un nucleo di $arole tra le $iU !re"uenti e usate. 3utti !anno ri!erimento ai lessici di !re"uen a5 alle liste duso ecc.5 ciononostante nM le scelte "uantitative5 nM le solu ioni terminologic7e adottate sono omogenee 9c!r. ,erreri 2006:. La tabella seguente eviden ia loscilla ione.
Iingarelli0 italiano !ondamentale #I/60 $arole dalta dis$onibilit) #evoto1Oli0 $arole !ondamentali '.500 lemmi 10.000 lemmi 10.000 lemmi

6om$ara ione dei sottoinsiemi dei lemmari

/or$rende an itutto la di!!eren a numerica delle $arole isolate5 da '.500 a 10.0005 ma col$iscono ancora di $iU le diversit) della terminologia ado$erata. La condivisione di una ci!ra \ diecimila \ 9#I/6 e #evoto1Oli: non signi!ica c7e le due !asce coincidano0 i due insiemi di 10.000 $arole5 come vedremo oltre5 non nascondono solo di!!eren e di $oco rilievo5 ma anc7e di!!ormit) sostan iali5 dovute a $rocedure diverse di sele ione. Lutili o dellaggettivo _!ondamentale non es$rime lo stesso concetto nelle o$ere c7e lo adottano 9Iingarelli e #evoto1Oli:. (icordiamo5 in!atti5 c7e la tradi ione di isolare il vocabolario !ondamentale dal resto dei lessemi in Italia X strettamente legata alla messa a $unto del Vocabolario di base 9<dF: 9#e 8auro et al. 1980:5 caratteri ato da una $untuale ri$arti ione in tre !asce. In "uesta $ro$osta5 le designa ioni !ocabolario di base5 9+

$arole fondamentali5 dalto uso e dalta disponibilit< non sono assolutamente intercambiabili5 $oic7M de!iniscono !asce di lessico c7e !anno ri!erimento a lemmi ben de!initi in base alla !re"uen a e delluso5 $er le $rime due !asce5 e alla dis$onibilit) $sicologica $er $arlanti con livelli distru ione medio1bassi $er la ter a !ascia 9c!r. 2.2.15:. 6iascuno dei tre di ionari !a ri!erimento ai lessici di !re"uen a5 anc7e in "uesto caso5 $erV5 sono necessarie ulteriori c7iarimenti. Lo Iingarelli $arla di '.500 lemmi tratti dai lessici di !re"uen a5 soglia c7e non corris$onde a "uella dei lessici di ri!erimento0 il LI, e il LI% includono 5.000 vocaboli5 mentre il L* contiene 6.000 lemmi. *merge "uindi5 un $rimo $roblema da c7iarire0 come e $erc7M sono state eliminate 500 $arole del LI, e LI% e 1.500 del L*. %er il resto5 tutti i di ionari rinviano a vocabolari $edagogici o di base5 sen a indicare tuttavia le !onti di ri!erimento. Eel #evoto1Oli e nel #I/6 sui dati oggettivi domina la sensibilit) linguistica del lessicogra!o5 come viene $eraltro dic7iaratamente es$resso 9v. so$ra:. Lo Iingarelli X lunico c7e5 secondo "uanto es$licitato5 non ammette tra i suoi criteri di sele ione la valuta ione soggettiva. Le varie designa ioni dei di ionari si $otrebbero considerare un elemento non essen iale5 c7e non modi!ica la struttura delle sele ioni e!!ettuate. 3uttavia il con!ronto diretto eviden ia di!!eren e notevoli c7e e!!ettivamente non X !acile ricondurre a $recise inten ioni dei lessicogra!i5 dal momento c7e la !ormula ione dei criteri adottati $er sele ionare i sottoinsiemi dei lemmari X insu!!iciente. %er illustrare "uanto detto5 si ri$ortano i dati risultanti da una com$ara ione da f a filosofo dei lemmi a$$artenenti allitaliano !ondamentale nel #evoto1Oli5 nel #I/6 e nello Iingarelli. (i$ortiamo i lemmi $resenti in solo uno dei tre di ionari5 nella colonna a destra con!ronto con le marc7e duso $resenti in #e 8auro 92000:.8
@. di lemmi Devoto Gli (200# 2005" !a 9s.m.: !acilmente !alsario !alsi!icare !amigerato !analino !anciulla !anta$olitica !antasticare !ante 9s.m.: !araona !ascina !asullo !atalmente !ato !attis$ecie !atturare !atturato 9s.m.: !a ioso !econda ione !emminilit) !emminismo !emminista !enicio !enomenale !eriale !ermamente !ermento !erramenta !errarese !ertili ante
8

DI3) (1997" !abbisogno

Dingarelli (200!"

!abbricante 9s.m.:

De 9auro (2000" (marc%e d-uso" &# 3/ 6O 6O 6O 6O 6O 6O OF 6O &2 6O 3/ 6O 6O 3/ 6O 3/ &2 6O 6O L* 3/ 3/ 3/ 6O 3/ 6O 6O 6O 3/ 6O &# 6O 6O 3/ 6O &2 6O

Il con!ronto con i di ionari #e 8auro 91999 e 2000: X reso obbligatorio dalla sistematica ado ione delle marc7e duso $er lintero lemmario.

98

!esseria !esteggiamento !etente !ettina !iancata !ica !igurina !ilamento !ilante s.m.: !ilastrocca !iliale 9agg. e s.!.: !ili$$ino !ilone 9agg. e

6O 6O 6O 6O 6O OF 3/ 6O OF 6O 6O 3/ 6O 3/ &# 6O 6O 6O 3/

6om$ara ione da f a filosofo dei lemmi a$$artenenti allitaliano !ondamentale nel #evoto1Oli 9200'12005:5 nel #I/6 9199+: e nello Iingarelli 92006:. Eella colonna a destra con!ronto con le marc7e duso $resenti in #e 8auro 92000:.

Eel $iccolo cam$ione esaminato si trovano com$lessivamente 218 lemmi5 a$$artenenti allitaliano _!ondamentale5 di cui 193 nel #evoto1Oli5 192 nel #I/6 e 98 nello Iingarelli5 il c7e dimostra una buona consisten a numerica. Le"uivalen a numerica d) la$$aren a illusoria di una sovra$$osi ione com$leta degli insiemi lessicali0 in realt)5 ci sono molte one di sovra$$osi ione ma anc7e vistose di!!eren e. <ocaboli elencati nel #I/6 come di _alta dis$onibilit) sono assenti nellinsieme delle _$arole !ondamentali del #evoto1OliY di contro5 "uestultimo include lemmi non marcati nel #I/6. I lemmi fabbisogno3 falsario3 famigerato3 fantapolitica3 ferramenta3 fertilizzante si trovano segnalati tra i diecimila nel #I/6 ed esclusi dai 10.000 !ondamentali del #evoto1Oli5 tra i "uali !igurano invece fantasticare3 fante3 fatturare3 fecondazione3 fiancata c7e laltro non segnala come !re"uenti. In alcuni casi $er!ino lo Iingarelli5 il cui lemmario X molto $iU ridotto 9'.500 contro i 10.000 lemmi del #I/6 e del #evoto1Oli: contiene alcuni termini c7e non !igurano in nessuno degli altri due di ionari. EM il #I/65 nM il #evoto1Oli marca fabbricante3 fenicio3 figurina3 filante c7e sono $resenti nello Iingarelli5 in cui la mole del lemmario non raggiunge nemmeno la met) degli altri due. Il di ionario #evoto1Oli immette !ra le $arole !ondamentali vocaboli "uali facilmente3 fantasticare3 fatalmente3 fazioso3 fenomenale3 filiale e alcuni termini tecnici5 come fatturare e fatturato. 6ontrollando la marcatura nel H(&#I3 si nota5 in!atti5 la $resen a della marca 3/5 giacc7M lambito nel "uale circolano i due lemmi X ti$icamente commerciale. &ltri lemmi5 come fante3 faraona3 fermento3 fiancata3 filamento3 filone5 nel H(&#I3 sono marcati con un do$$io contrassegno0 la marca 3/ X a!!iancata da 6O.
fer&m'n&to s.m. 1 () bioc7im.5 sostan a in grado di indurre un $rocesso !ermentativo0 fermenti acetici5 lattici n en ima 2 *+ !ig.5 s$ec. collo".5 stato di $articolare tensione5 di in"uietudine latente0 gli animi erano in f. per limminente battaglia5 in citt< c> f. per larri!o del presidente n !ervore creativo n anelito a nuovi valori e ideali c7e $romuovano il mutamento di una condi ione interiore o di un ordine costituito0 fermenti di ri!olta $ () st.relig.5 nei $rimi secoli cristiani5 la $articola delleucarestia c7e il $a$a mandava alle c7iese titolari della citt) come simbolo dellunit) ecclesiale Polirematic%e fermento lattico loc.s.m. () bioc7im.5 !ermento o en ima c7e degrada il lattosio in acido lattico e anidride carbonica5 utile in certe diete e tera$ie di a!!e ioni intestinali. *stratto da0 #e 8auro 2000 9versione on1line:

6ome si vede dallarticola ione in tre acce ioni distinte5 di cui due marcate 3/5 X di!!icile immaginare c7e siano !ondamentali tutte le acce ioni5 giacc7M rinviano ad alcuni sensi molto $articolari5 inconsueti nelluso "uotidiano. %oic7M ciascuno dei tre di ionari assegna la marca allentrata sen a distinguere tra le varie acce ioni5 non sor$rende c7e 99

molte volte anc7e signi!icati tecnici sono marcati come _!ondamentali. Le tre acce ioni della $arola di!!eriscono sostan ialmente nella loro s!era duso5 in!atti5 due sotto1 signi!icati su tre sono usati esclusivamente nellambito s$ecialistico5 ciononostante il #evoto1Oli non esita ad assegnare la marca _!ondamentale allentrata nel suo insieme. #altro lato mancano nel #evoto1Oli $arole a$$artenenti alla !ascia &2 9fanciulla3 ferrarese: ed &# 9feriale3 filastrocca:5 $resenti nel #I/65 di contro X stato incluso fato5 di carattere nettamente letterario. La sele ione e!!ettuata nel #I/6 sembra $iU e"uilibrata. 3enden ialmente sono omesse le $arole marcate 3/5 tuttavia anc7e "ui ci sono delle lacune. 8anca il vocabolo fascina5 marcato come &25 di contro X $resente fantapolitica5 sulla cui a$$artenen a al vocabolario !ondamentale cX da dubitare.
fan&ta&%o&l,&ti&ca s.f. *+ () lett.5 ti$o di narrativa c7e 7a $er soggetto lantici$a ione i$otetica di !atti $olitici e bellici trattati s$ec. in c7iave satirica e $aradossalen *+ fare della f.0 a ardare i$otesi $olitic7e inconsistenti5 assolutamente !antasiose e uto$istic7e *stratto da0 #e 8auro 2000 9versione on1line:

W curiosa la scelta degli autori di includere tra le $arole di base termini come femminilit<3 femminismo3 femminista5 o$$ure laggettivo famigerato5 marcato 6O OF. 2n a$$roccio meno $urista ris$etto al #evoto1Oli X testimoniato dallinclusione nel #I/6 di fica5 termine marcato 6O OF e volgare da #e 8auro. 3ra le $arole _!ondamentali dello Iingarelli5 sor$rende la $resen a di fenicio 93/: indicante oggetti e $ersone a$$artenenti alla ,enicia5 e di filante 96O 3/: c7e5 usato come sostantivo5 indica laltera ione del vino bianco5 causata da batteri. Hli esem$i discussi rendono evidente c7e la coscien a linguistica del lessicogra!o5 $er "uanto es$erto5 non $uV sostituire il rilevamento statistico degli usi di una comunit). /i X dimostrato c7e
-$er "uanto attento e colto5 il singolo studioso non $uV cogliere il com$ortamento medio di unintera comunit) di $arlanti c7e si rivela nella sua oggettivit) con s$ogli e registra ioni di entit) su!!icienti a garantire lattendibilit) dei risultati. 9,erreri 20060 12+:.

2na marcatura $iU analitica e $iU com$lessa si trova nella serie di di ionari di #e 8auro5 in $articolare nel H(&#I35 Grande dizionario italiano delluso 919995 23*3:5 nel Dizionario della lingua italiana per il terzo millennio 920005 %aravia: e nel Dizionario dei sinonimi e contrari 920025 %aravia:.9 6on uno$era ione insolita nella tradi ione lessicogra!ica italiana 9ed estera:5 #e 8auro5 ideatore e direttore del H(&#I3 in collabora ione con H. Le$sc7; ed *. /anguineti5 marca sia lintero lemmario di ca. 250.000 lemmi5 sia le acce ioni interne. /a$$iamo c7e non tutte le acce ioni di una $arola 7anno la stessa !re"uen a0 alcune sono assolutamente $eri!eric7e5 ris$etto ad alcuni sensi $iU ado$erati. #al $unto di vista della marcatura ciV im$lica lado ione di marc7e se$arate $er ciascun gru$$o di sensi5 altrimenti si $erderebbe a$$unto la signi!icativit) delle marc7e. /i X visto tuttavia5 c7e gli autori delle tre o$ere esaminate 9#evoto1Oli 200'120055 #I/6 199+ e Iingarelli 2006: non sembrano $reoccu$arsi di "uesto !atto0 marcano il lemma una sola volta5 estendendo la validit) dellindica ione a tutte le acce ioni incluse nel lemma. #i contro #e 8auro marca se$aratamente ogni acce ione 9c!r. so$ra la marcatura di fermento:5 mentre nei tre di ionari esaminati la
9

Oltre alle o$ere citate 9#e 8auro 2000 e 2002:5 ricordiamo c7e i tre di ionari $edagogici di #e 8auro e 8oroni 919965 199+a5 199+b: adottano nei loro lemmari la marcatura relativa alle tre !asce del Vocabolario di base0 ,O5 &25 &#. Eel #IF 91996: ad esem$io5 una me a luna $osta $rima del lemma indica le $arole dalta !re"uen aY altri simboli sono la luna $iena5 $er le $arole !ondamentali e il "uarto di luna $er le $arole dalta dis$onibilit). 3rattandosi di di ionari di mole ridotta5 non si marcano se$aratamente le acce ioni.

100

marcatura se$arata X riservata agli omonimi c7e !igurano come lemmi autonomi nel di ionario.10 Lo$era ione di marcatura nel H(&#I3 si !onda sullincrocio di "uattro diversi ti$i din!orma ioni $rovenienti dalla statistica linguistica5 da test $sicologici e $rove di com$rensione5 dalle aree di $rovenien a delle $arole e dai cam$i del sa$ere cui sono legate 9c!r. ,erreri 2006:.
,re"uen a e uso %rovenien a &$$artenen a 6om$rensibilit) ,O5 &25 F25 OF #I5 (*5 */ 3/5 L* &#5 6O

6riteri e marc7e adottati nel H(&#I3.

Il criterio connesso alla !re"uen a determina le due !asce del <dF0 le $arole !ondamentali 9,O: e "uelle dalto uso 9&2: da un lato5 e di basso uso 9F2: e obsolete dallaltro 9OF:Y il criterio della $rovenien a delle $arole $rima di stabili arsi nella lingua standard5 genera esotismi 9*/:5 dialettalismi 9#I:5 regionalismi 9(*:. #alla$$artenen a ad un cam$o del sa$ere deriva la marcatura 93/: delle $arole tecnico1 s$ecialistic7e5 con la s$eci!ica ione relativa al ti$o di sa$ere \ si tratta del settore $iU am$io con ca. 130.000 lemmi \5 e dei vocaboli duso esclusivamente letterario 9L*:. Il "uarto criterio X "uello della com$rensibilit)5 c7e d) luogo a $arole del vocabolario comune 96O: e di alta dis$onibilit) 9&#:. Le marc7e duso introdotte nel H(&#I3 e ri$rese in altre o$ere dello stesso autore5 si !ondano su molte$lici veri!ic7e5 e5 secondo la ,erreri 920060 128:5 -non 7anno margini s$orc7i.. Questo ti$o di marcatura X di!atti unico5 $erc7M rende visibili le strati!ica ioni delle $arole5 giacc7M $arte dagli usi c7e i $arlanti ne !anno.11 Quanto detto im$lica c7e le !onti sulla cui base si $rocede allattribu ione delle marc7e siano rese es$licite5 $ermettendo in "uesto modo la veri!icabilit) dellattribu ione delle marc7e. Eel H(&#I3 i testi $resi come base del lemmario e le !onti consultate $er giungere allattribu ione delle marc7e5 sono elencati meticolosamente in #e 8auro 920050 381'2:5 $er $ermettere ulteriori controlli. Occorre men ionare ancora due di ionari ung7eresi. &mbedue includono5 accanto alle marc7e duso5 dati statistici sulluso dei singoli lemmi5 ricavati da larg7i cor$ora. Eella versione aggiornata del di ionario enciclo$edico della lingua ung7erese 9Lag"ar 7rtelmezM 27ziszPtNr5 Fuda$est5 &@adMmiai >iadP5 2003: X stata inserita5 $er la $rima volta nella tradi ione lessicogra!ica ung7erese5 la !re"uen a dei singoli lemmi5 ricavata dal cor$us na ionale della lingua ung7erese 9Lag"ar :emzeti Sz6!egtNr: contenente ca. 150 milioni di $arole 9c!r. 3.3:. Il di ionario non d) il valore di !re"uen a assoluto5 ma classi!ica le $arole secondo una graduatoria di cin"ue !asce. %er ogni lemma sindica la !ascia di !re"uen a cui a$$artiene0 nel $rimo gru$$o rientrano i lemmi con rang7i 11 2.0005 seguono "uelli tra 2.001110.0005 tra 10.001130.0005 30.0001 e 60.0005 mentre allultimo gru$$o a$$artengono i lemmi con rang7i su$eriori a 60.000:. Hli autori rilevano c7e nonostante la $untuale annota ione del cor$us5 non X $ossibile una distin ione tra le varie acce ioni dei lemmi $olisemici5 giacc7M -i moderni sistemi di trattamento automatico del linguaggio non sono in grado di elaborare il signi!icato delle $arole. 9$. DI<:. I dati di !re"uen a5 in!atti5 si ri!eriscono sem$re allintero lemma5 sen a distinguere tra la !re"uen a duso delle varie acce ioni. 8entre gli omonimi !un ionali
10

&d esem$io il #I/6 marca come _!ondamentale lentrata fa come avverbio tem$orale5 ma non fa come sostantivo. 11 #i contro5 nel #evoto1Oli5 ad esem$io5 le marc7e duso sono -is$irate al criterio delluso e della coscien a linguistica contem$oranea. 9$. <:.

101

sono stati conteggiati automaticamente5 $er se$arare le !re"uen e degli omonimi assoluti5 si X $roceduto allanalisi manuale di cam$ioni ridotti5 in modo da $oter giungere ad una stima abbastan a $recisa sulle !re"uen e dei vari signi!icati. 12 Hli autori $revedono di $ubblicare una $arte dei dati di !re"uen a in un volume dedicato 9$. D<:. Laltro lavoro di $articolare im$ortan a X il grande di ionario della lingua ung7erese5 uscito nel 2006 a cura di Itt Ms 9+ mag"ar n"el! nag"szPtNra5 Fuda$est5 &@adMmiai >iadP:. *sso si basa sul cor$us storico della lingua ung7erese 9 Lag"ar /6rt7neti Sz6!egtNr: con 2+ milioni di occorren e5 dis$onibile sul sito ===.n;tud.7uK77cK 9c!r. 3.3:. #al cor$us X stata estratta una lista di !re"uen a dei lemmi5 contenente anc7e la data della $rima e lultima attesta ione. Ogni entrata X seguita 9oltre alla marca grammaticale e un codice c7e rinvia al $aradigma mor!ologico: da un cerc7ietto5 destinato ad indicare la$$artenen a ad una delle sei !asce di !re"uen a assoluta5 da 0 a 100.000. Il cerc7io X diviso in sei $arti5 e la misura in cui il cerc7io X colorato di nero5 mostra la !re"uen a doccorren a del lemma nel cor$us storico di ri!erimento. Il cerc7io vuoto segna c7e il lemma non !igura nel cor$us5 "uello $ieno indica una !re"uen a doccorren a su$eriore a 100.000. /e un sesto del cerc7io X riem$ito5 ciV indica c7e il lemma registra 119 occorren e5 con due sesti si segnano i lemmi aventi 10199 occorren e5 con tre sesti i lemmi a$$artenenti alla !ascia 10019995 con "uattro sesti la !ascia 1.00019.9995 con cin"ue sesti si indicano i lemmi aventi 10.000199.999 occorren e. &nalogamente a "uanto visto nel caso del di ionario enciclo$edico della lingua ung7erese5 $er gli omonimi sindica se$aratamente la !re"uen a di ciascunentrata5 mentre nel caso delle $arole $olisemic7e non si $recisa a "uale signi!icato si ri!erisce lindica ione di !re"uen a. %er stabilire le !re"uen e degli omonimi si X ricorso ad un $rogramma di analisi mor!ologica5 Aumor5 svilu$$ato $er lannota ione del cor$us. 3utti "uesti esem$i servono ad eviden iare c7e5 analogamente a "uanto abbiamo visto nella se ione dedicata alla sele ione dei lemmi5 la $rassi lessicogra!ica moderna non $uV !are a meno di dati statistici obiettivi5 derivanti dallanalisi di larg7i cor$ora c7e attestino gli usi reali della lingua da $arte dei $arlanti. /olo in "uesto modo X $ossibile garantire lattendibilit) dei dati di !re"uen a e delle marc7e duso $ro$osti dal di ionario.

#.1.# &ccezioni: collocazioni ed es'ressioni 'olirematic%e


I com$iti !in "ui elencati non esauriscono il lavoro del lessicogra!o c7e voglia s!ruttare i risultati ricavati dallanalisi delle !re"uen e. 2na "uestione im$ortante X legata alla $olisemia c7e genera entro uno stesso segno numerose acce ioni o !amiglie di sensi. La $olisemia $enetra gran $arte del lessico di una lingua5 e in $articolare le $arole duso $iU !re"uente. Eel ca$. 1 abbiamo visto5 c7e gli studi statistici con!ermano la correla ione tra !re"uen a di una $arola e svilu$$o di sensi entro un medesimo signi!icato.13 Eel H(&#I3 ad esem$io5 sono registrate oltre 50.000 $arole con $iU di unacce ione 9numero c7e corris$onde $ro$rio al vocabolario comune:5 mentre il numero di acce ioni e sotto1acce ioni arriva ai massimi con verbi generici come prendere 9'8: e fare 9'3:. W stato anc7e rilevato c7e non tutte le acce ioni una $arola sono ugualmente !re"uenti. Luso di dati statistici5 ricavati da cor$ora5 serve anc7e ad ordinare e
12

In un cam$ione sele ionato in modo casuale5 contenente tante volte 100 !rasi "uanti signi!icati lomonimo aveva 7anno se$arato manualmente i vari signi!icati5 $er stimare con una $recisione del 10[ le!!ettiva !re"uen a dei lemmi. 13 %er signi!icato si intende il valore com$lessivo c7e una $arola 7a in una data lingua5 mentre $er senso intendiamo la determina ione $articolare c7e una $arola 7a in una $articolare situa ione 9c!r. #e 8auro 20050 81:.

102

rintracciare usi nuovi e diversi da "uelli tradi ionalmente ri!eriti. I cor$ora servono $ro$rio nella !ase di studio e analisi dei signi!icati5 dei sensi5 delle colloca ioni e delle locu ioni idiomatic7e com$lesse c7e caratteri ano ogni lingua. 6onsultando la $re!a ione di alcuni di ionari duso5 $ossiamo rilevare c7e il Har anti 92005: e il #evoto1Oli 9200'12005: non es$licitano lordine con cui le diverse acce ioni sono $resentate. Lo Iingarelli 92006: d) una s$iega ione abbastan a vaga 9$. 9:0
-Lordinamento delle acce ioni allinterno della voce segue di solito un criterio c7e vuol essere logico e storico al tem$o stesso0 $recedono cioX le de!ini ioni dei signi!icati $ro$ri od originariamente $iU in uso e seguono "uelle dei signi!icati !igurati5 estensivi5 s$eci!ici ecc..

Il #I/6 invece5 adottando una solu ione $ionieristica5 gi) nel 199+ tiene a $recisare nella $re!a ione0
-Lordine delle acce ioni ris$etta la !re"uen a e lim$ortan a di "ueste5 ma viene modi!icato "uando lacce ione $iU comune o im$ortante X5 in modo ancora visibile5 uno svilu$$o !igurato di altra meno comune..

*ntrambi gli esem$i testimoniano di una "ualc7e im$ortan a attribuita alla !re"uen a nellordinamento delle acce ioni. Eel Grande dizionario italiano delluso anc7e $er la registra ione e $er la scansione delle acce ioni sono stati dic7iarati i criteri0 le acce ioni sono state ordinate secondo un criterio storico1cronologico5 ma in ogni caso5 in cui lacce ione avvertita come basilare si sarebbe trovata in !ondo alla struttura della voce5 il criterio storico X stato abbandonato a !avore di un ordinamento c7e colloca ai $rimi $osti le acce ioni $iU !re"uenti nelluso 9#e 8auro 20050 81182:. &tten ione alla !re"uen a duso sembra mostrare anc7e il grande di ionario della lingua ung7erese 9+ mag"ar n"el! nag"szPtNra:. Lordinamento delle acce ioni segue un criterio logico5 $iU raramente cronologico5 cercando ogni volta di dare $receden a alle acce ioni $iU !re"uenti5 $iU neutrali e di!!usi 9c!r. Itt Ms 20060 35 I. vol.:. In alcuni di ionari basati su cor$us5 come "uello del $rogetto 6OF2IL# 9Collins Cobuild ,nglis- Dictionar" for +d!anced Learners5 2003:5 le singole acce ioni sono elencate in ordine di !re"uen a5 ricavata dal cor$us.1' Questo ti$o di $rocedimento5 $ro$rio $erc7M basato su un criterio "uantitativo omogeneo5 o!!re vantaggi decisivi ris$etto ai di ionari tradi ionali. 67iari 9200+0 95: nota c7e il Cobuild X stato il $rimo di ionario inglese a citare come acce ione di senso $rinci$ale del termine ga"5 il signi!icato di _omosessuale $rima del senso _vitale e allegro. %er ri$ortare un altro esem$io5 la versione elettronica del Longman Dictionar" of Contemporar" ,nglis92005: $ermette la ricerca anc7e sele ionando le acce ioni $iU !re"uenti 9scritti o $arlati5 a scelta: di una $arola. In altri casi le in!orma ioni sulla !re"uen a e sulla dis$ersione $ossono anc7e non essere date allutente5 ma5 nei moderni di ionari rimangono alla base della $rogetta ione stessa della voce del lemma e delle sue gerarc7ie interne. #al $unto di vista lessicogra!ico X dim$ortan a !ondamentale la sistematica combinabilit) degli elementi lessicali5 le combina ioni $re!eren iali e il ti$o di contesto c7e ric7iedono. In alcuni casi le $arole $ossono occorrere con gran !re"uen a in molti contesti diversi5 in altri le $arole occorrono $er lo $iU in un determinato com$lesso di elementi. <i sono dun"ue diversi gradi dintensit) nel legame tra due o $iU $arole c7e co1 occorrono in un testo. Le combina ioni di $arole relativamente libere5 i cui com$onenti $erV co1occorrono con una certa !re"uen a5 si c7iamano colloca ioni. 3i$ic7e
1'

%er linglese esistono una serie di di ionari elettronici c7e $ermettono di e!!ettuare ricerc7e avan ate su categoria grammaticale5 !re"uen a5 derivati e basi5 sinonimi e note duso5 $ronuncia. /i vedano il 6#* Cambridge Bnternational Dictionar" of ,nglis- 92001:5 il Cambridge +d!anced Learners Dictionar" 92003: e lO*# K.ford ,nglis- Dictionar" 9200':.

103

colloca ioni sono ad esem$io0 compilare un modulo3 prescri!ere una ricetta ecc. Individuare le colloca ioni X im$ortante so$rattutto in un di ionario bilingue5 in cui i traducenti dei singoli elementi non sem$re trasmettono il signi!icato delles$ressione. Le $olirematic7e5 di contro5 sono es$ressioni com$oste di $iU di una $arola5 c7e tuttavia si com$ortano semanticamente e s$esso anc7e mor!ologicamente come un solo lessema5 $. es. scala mobile3 essere al !erde ecc. Le $iU di!!use $rocedure automatic7e usate $er estrarre le colloca ioni e le $olirematic7e sono misure di associa ione statistica5 come il mutual information 9in!orma ione reci$roca: e lo 1score 9$unteggio I:.15 Il $rimo sistema com$ara la co1occorren a e!!ettiva di una co$$ia di $arole con il valore di co1occorren a c7e le due $arole avrebbero se si trovassero vicine casualmente. Lo 1score5 invece5 $rende come unit) di con!ronto la !re"uen a doccorren a di una $arola5 com$arata alla !re"uen a attesa di co1 occorren a con altre $arole5 divisa $er la devia ione standard della $arola co1occorrente 967iari 200+0 ++1+8:. Quanto alle colloca ioni5 X un dato di !atto c7e in un di ionario X im$ossibile registrare tutte le colloca ioni di un lemma5 $ertanto il lessicogra!o X obbligato ad e!!ettuare una sele ione. <ediamo ora come la $rassi lessicogra!ica attuale a!!ronta la "uestione. *saminando cin"ue di ionari duso 9#evoto1Oli 200'120055 #I/6 199+5 #e 8auro 20005 Har anti 20055 Iingarelli 2006:5 si trovano com$lessivamente 59 colloca ioni diverse con laggettivo attributivo fresco5 di cui ri$ortiamo alcuni nella tabella sottostante.
Iingarelli 2006 925: B #I/6 199+ 930: B B B B B B B B B B B #e 8auro 2000 932: B B B B #evoto1Oli 200'12005 920: B Har anti 2005 92': B B

ac"ua aria atleta bevanda bibita bre a ca!!M camera carnagione carne

6olloca ioni del lemma fresco in alcuni di ionari duso.

Il numero delle colloca ioni contenute nei singoli di ionari varia da 20 9#evoto1Oli: a 32 9#e 8auro:5 mentre solo + 9carne3 fronte3 frutta3 latte3 pane3 pesce3 uo!o: !igurano in tutti e cin"ue i di ionari. (estano 28 contesti 9ca. la met) del totale: c7e sono $resenti esclusivamente in uno dei di ionari. #e 8auro ad esem$io5 $ro$one zona fresca5 piselli fresc-i5 il #I/6 invece ri$orta carnagione fresca e informazioni fresc-e. W sor$rendente c7e unicamente il #evoto1Oli ri$orta pasta tra le colloca ioni di fresco5 sebbene la pasta fresca a$$artenga strettamente alla realt) italiana. /embra "uindi5 c7e la sele ione delle colloca ioni sia $oco sistematica5 o addirittura casuale. La lessicogra!ia basata su cor$ora5 invece5 $uV giovarsi in modo $articolare della $ossibilit) di estra ione e sele ione automatica delle colloca ioni dai testi. *lencare solo "uei contesti duso c7e 7anno una certa !re"uen a nel cor$us di ri!erimento del di ionario5 osservando nella com$ila ione dellelenco lordine di !re"uen a5 $ermette di evitare le colloca ioni banali e casuali e trovare "uelle davvero caratteristic7e. Questa solu ione indurrebbe il lessicogra!o ad una registra ione sistematica5 e5 nello stesso
15

6!r. #e 8auro 920060 19:0 $er la colloca ione dei singoli lemmi occorre tener $resente5 !ra laltro5 -la !re"uen a delle occorren e5 la distribu ione nei testi5 insomma la strati!ica ione statistica del lessico e di ciascuna $arola in cor$ora ra$$resentativi della lingua..

10'

tem$o5 $ermetterebbe allutente di inter$retare in modo veloce e c7iaro il lemma in "uestione. Eei di ionari 6OF2IL# una delle maggiori novit)5 dovute allutili a ione del cor$us5 X a$$unto5 lestra ione delle colloca ioni $iU !re"uenti e $iU autentic7e. Eon solo i di ionari contengono le colloca ioni registrate con la maggiore !re"uen a nel cor$us5 ma il sito della casa editrice 97tt$0KK===.collins.co.u@K6or$usK6or$us/earc7.as$B: o!!re un accesso diretto alla versione demo del )ordban25 il cor$us da cui il di ionario X stato tratto5 in cui X $ossibile e!!ettuare una ricerca sulle $ossibili colloca ione di una $arola. #o$o aver digitato la $arola ricercata5 si $uV decidere se la misura di co1occorren a statistica deve essere calcolata in base al mutual information o lo 1score 9c!r. so$ra:. 6on la $arola *-ite5 ad esem$io5 X saliente c7e la colloca ione ben $iU !re"uente X -ouse5 e"uivalente di Casa bianca5 con una !re"uen a assoluta di 22.+52 nellintero cor$us di 56 milioni occorren e. %assiamo ora alle $olirematic7e. (icordiamo5 c7e dal $unto di vista semantico la caratteristica $iU im$ortante delle $olirematic7e X5 a$$unto5 lim$revedibilit)5 ovvero la non deducibilit) del suo signi!icato a $artire dal valore dei singoli com$onenti. %ertanto5 una registra ione coerente di "ueste es$ressioni X di $articolare im$ortan a. 6iononostante la $remessa del #evoto1Oli 9200'12005: e del Har anti 92005: non d) alcun ri!erimento sul trattamento delle es$ressioni com$lesse. Lo Iingarelli e il #I/6 $recisano nelle loro $re!a ioni c7e le locu ioni idiomatic7e sono ri$ortate allinterno di ciascunacce ione5 $recedute da una barra verticale. Il #I/6 aggiunge ancora0
-3rovano $osto tra le locu ioni comuni5 ma sono eviden iate con carattere neretto corsivo5 le unit) $olirematic7e di contenuto o con valore sostantivale non messe a lemma5 ma c7e si $ossono considerare $ressoc7M lessicali ate..

In realt)5 il H(&#I3 X stato il $rimo di ionario a dare autonomia ai lessemi com$lessi. *sso include5 accanto alle 250.000 entrate $rinci$ali5 oltre 130.000 sottolemmi $olirematici5 cui il settimo volume di su$$lemento aggiunge 3.'00 nuovi lemmi sem$lici e ca. 500 $olirematic7e.16 &nalogamente il #i ionario italiano $er il ter o millennio 9#e 8auro 2000: registra 130.000 lemmi costituiti da una sola $arola e 30.000 es$ressioni $olirematic7e. I lemmi c7e !igurano in locu ioni $olirematic7e dis$ongono5 do$o la !ine della tratta ione come lemma autonomo5 di una se ione dedicata alle $olirematic7e5 mentre un $iccolo gru$$o di es$ressioni $olirematic7e5 $er lo $iU locu ioni latine o di lingua straniera 9marcate */:5 le cui $arole costitutive non sono incluse come lemma sem$lice5 !ormano un lemma autonomo. Le $olirematic7e del $rimo ti$o sono lemmati ate sotto tutti gli elementi c7e le com$ongono 9tranne $re$osi ioni5 articoli e le congiun ioni e ed o:5 la de!ini ione X svolta sotto il $rimo elemento $ieno della $olirematica5 mentre sotto gli altri com$are un rinvio al lemma sotto il "uale X svolta la de!ini ione. Le $olirematic7e con de!ini ione sono ca. 63.000 9oltre 1.+53 date come lemmi autonomi:5 "uelle con rinvio oltre 6+.000. In #e 8auro 920050 88191: sono es$licitati i tre criteri in base ai "uali le unit) $olirematic7e sono state individuate0 a: lesisten a di uno s$eci!ico sovra$$iU semantico5 cioX la non ricostruibilit) del loro signi!icato in base alla sem$lice somma dei signi!icati dei singoli com$onenti monotematiciY

16

6ome risulta c7iaramente dal H(&#I35 le $olirematic7e sono in es$ansione nellitaliano contem$oraneo a causa di !attori diversi5 come i linguaggi tecnico1scienti!ici5 i !orestierismi5 i regionalismi 9it. sett. le!ati su _al ati: e anc7e il $arlato5 c7e $re!erisce !orme semanticamente tras$arenti.

105

b: la $iU o meno !orte cristalli a ione lessicale e sintattica5 ovvero c7e tenden ialmente non ammettono varia ioni lessicali e strutturali interneY c: la $resen a signi!icativa in linguaggi tecnico1s$ecialistici. Questultime5 ovvero le $olirematic7e tecnico1s$ecialistic7e costituiscono circa l8+[ di tutte le $olirematic7e de!inite. La $rassi lessicogra!ica ung7erese5 tuttavia5 sembra seguire la solu ione tradi ionale5 ovvero di registrare le $olirematic7e sotto il lemma c7e ne costituisce il com$onente semanticamente $iU im$ortante. Eel grande di ionario della lingua ung7erese 9+ mag"ar n"el! nag"szPtNra5 2006: i lemmi com$osti da $iU di un elemento si limitano ai verbi ri!lessivi5 costituiti dal verbo e dal $ronome ri!lessivo0 megmag2acsol#a magNt 9c!r. Itt Ms 20060 '11'3 vol. 1:5 mentre le $arole c7e !igurano esclusivamente in $olirematic7e sono registrate nel nominativo singolare5 con rinvio al lemma sotto il "uale les$ressione idiomatica X registrata. &llinterno dei lemmi5 ogni es$ressione idiomatica X esem$li!icata con !rasi estratte dal cor$us. &lla !ine di ciascun lemma si rinvia a tutte le es$ressioni $olirematic7e in cui il lemma !igura. Il di ionario enciclo$edico della lingua ung7erese 9Lag"ar 7rtelmezM 27ziszPtNr5 2003: registra sistematicamente le es$ressioni $olirematic7e dotate di un sovra$$iU semantico0 sotto le +0.000 entrate si trovano ca. 15.000 es$ressioni idiomatic7e. %are "uindi c7e i nuovi di ionari tendano a dare autonomia sia a $re!issi e su!!issi sia alle $olirematic7e5 innovando in "uesto la nostra tradi ione lessicogra!ica. &bbiamo visto c7e lordinamento delle acce ioni5 la sele ione delle colloca ioni e delle es$ressioni $olirematic7e sono o$era ioni delicate c7e ogni volta dovrebbero basarsi sugli usi di una comunit) linguistica. %er e!!ettuare scelte oggettive ed omogenee5 cX bisogno di una gran "uantit) di dati autentici5 il c7e consente di $rodurre un di ionario $iU !edele alla lingua in uso in un determinato $eriodo. I di ionari basati su cor$ora e sui dati di !re"uen a c7e se ne $ossono estrarre5 ra$$resentano una -rivolu ione lessicogra!ica.5 con le $arole della 67iari 9200+0 96:5 sia dal $unto di vista della $iani!ica ione del lavoro lessicogra!ico5 sia dal $unto di vista dellutente. I dati di !re"uen a ricavati dai cor$ora $ermettono di e!!ettuare scelte coerenti in vari cam$i0 nella sele ione delle voci da includere o escludere5 nella com$ila ione delle de!ini ioni con un lessico controllato ed esem$i autentici5 mediante linclusione di marc7e duso di ti$o statistico5 nella sele ione e ordinamento delle colloca ioni e delle es$ressioni idiomatic7e5 nellordinamento delle acce ioni di senso5 nella sele ione delle voci tecnic7e. #altra $arte lutente 7a la $ossibilit) di !ruire di "uesta maggiore aderen a agli usi5 e5 in alcuni casi5 anc7e di accedere a materiale non direttamente elaborato nel di ionario $er migliorare la sua com$rensione degli usi. Eotiamo5 in!ine5 c7e lestra ione delle colloca ioni e delle $olirematic7e non serve solo in lessicogra!ia5 ma anc7e in vari altri cam$i0 nella tradu ione automatica serve $er individuare traducenti cristalli ati ed arricc7ire le banc7e dati terminologic7e5 nel trattamento automatico del linguaggio5 $er o$erare corrette analisi sintattic7e5 ma anc7e nellinformation retri!al5 nella disambigua ione dei sensi di una $arola e nel riconoscimento e nella sintesi del $arlato5 come vedremo di seguito.

&.2 *tilometria e scrittura di testi di difficolt# controllata

106

I $rimi testi anali ati dal $unto di vista statistico sono state o$ere letterarie0 le $rime concordan e !urono a$$licate a studi biblici e risalgono a tem$i remoti. &llanalisi delle concordan e si sono dedicati numerosi studiosi con obiettivi diversi0 $er individuare le $eculiarit) delle scelte lessicali di un autore in un testoY $er determinare le caratteristic7e linguistic7e 9lessicali5 mor!o1sintattic7e: c7e di!!eren iano testi di ti$ologie diverseY $er $redis$orre strumenti di statistica c7e agevolano lattribu ione di uno$era ad un autore o ad un altro 9c!r. #e 8auro e 67iari 20050 3+3:. Lini iatore dellanalisi lessico1statistica di testi italiani !u $adre (oberto Fusa5 c7e nel 19'9 avviV la $re$ara ione delle concordan e dello$era di /. 3ommaso d&"uino con gli elaboratori a sc7ede $er!orate dellIF8. EellBnde. /-omisticus3 la sintesi del lessico di 3ommaso occu$V i $rimi dieci volumi 9su 56: $er com$lessive 11.500 $agine. Il successo !u immediato0 dagli anni _50 e _60 tutte le concordan e sono automati ate5 "ui ricordiamo solo i lavori di (osiello 91965: ed &linei 91968119+8:. In ambito interna ionale5 $ionieristico !u il lavoro di Huiraud 9195':. Il cuore della sua teoria X c7e i valori numerici degli as$etti "uanti!icabili del testo in!ormano sulle scelte lessicali e grammaticali dellautore. W centrale lidea di suddividere le $arole usate in !asce di !re"uen a ben delimitateY $er ricavare le s$eci!icit) di un testo5 basta esaminare in c7e misura esso devia dalla media trovata in altri testi. In un secondo $eriodo X nata lesigen a di trovare strumenti $er la misura ione degli indicatori stilistici o stilemi in un testo5 normalmente in !un ione di una s$ecie di norma5 ris$etto al "uale le eventuali devia ioni $ossono essere valutate. Hli studi di stilometria 7anno5 in!atti5 lobiettivo di creare strumenti $er la diagnosi delle di!!eren e individuali negli stili verbali. Lindice $iU !amoso X il ra$$orto ti$o1re$lica c7e mette in ra$$orto il numero delle occorren e 9re$lic7e: con il numero di $arole di!!erenti 9ti$i:. /i $revede un ra$$orto di $ro$or ionalit) diretta tra la varia ione lessicale e la "uantit) di ti$i0 maggiore X il numero di ti$i5 maggiore X la variet) lessicale. ,ondamentali sono stati su "uestargomento i lavori di *stou$ 9190+:. 3ra gli as$etti statistici del linguaggio oggi $iU studiati X lestensione 9o ricc7e a: del vocabolario5 am$iamente anali ata !in dagli anni 3renta e Quaranta5 "uando a$$aiono i $rimi di ionari di !re"uen a e di base.1+ 2n im$ortante cam$o da$$lica ione dei di ionari !ondamentali5 svilu$$atosi dagli studi di stilometria5 X la scrittura di testi di di!!icolt) controllata. Il $rimo a dic7iarare c7e la leggibilit) di un testo X un concetto misurabile5 X stato lo studioso americano (udol! ,lesc7 c7e nel 19'8 7a $re$arato il suo indice5 tarato sullinglese americano. Lindice calcola la leggibilit) di un testo dal numero medio di $arole $er !rase e dal numero di sillabe $er 100 $arole5 ed X com$reso tra 0 9leggibilit) minima: e 100 9leggibilit) massima:.18 La !ormula di ,lesc7 deve la sua di!!usione $ro$rio alla sua sem$licit)0 !u5 in!atti5 uno degli strumenti $iU utili ati nei $rimi studi sulla leggibilit) dedicati a testi in lingua italiana e dalla met) degli anni /ettanta ad oggi la !ormula di ,lesc75 nelladattamento di <acca del 19+25 X stata usata in varie sedi e diversi obiettivi 9c!r. 37ornton 19925 %iemontese 2005:.19
1+

Eelleditoria moderna le concordan e e gli indici delle !re"uen e sono strumenti indis$ensabili in varie !asi del lavoro !ilologico5 come in "uella della colla ione dei testimoni5 dellindividua ione delle varianti5 della de!ini ione delle $arentele tra codici attestanti una tradi ione5 !ino alla reali a ione delledi ione critica in senso stretto. 2n $rogramma di analisi testuale "uantitativa5 ca$ace di $rodurre concordan e5 liste di !re"uen a e statistic7e5 c7e al contem$o tratta correttamente $articolarit) editoriali X Intra3eBt5 svilu$$ato da Wulogos /$& 9c!r. 8astidoro e &ma oni 20050 '1+1'29:. 18 La !ormula di ,lesc7 $er la lingua inglese0 ,ase of Geading ` 2065835 1 0586' / 1 15015 ?5 in cui / ` sillabe di 100 $arole e ? ` media di $arole $er !rase. La !ormula di ,lesc7 adattata $er la lingua italiana da <acca0 ,acilit) di lettura ` 2061 0565 / 1 ? 9%iemontese 20050 3881389:. 19 <a men ionata la collana dei Libri di base degli *ditori (iuniti5 avviata nel 1980 sotto la dire ione di 3ullio #e 8auro. Lobiettivo dic7iarato era di soddis!are le esigen e culturali di un $ubblico molto vasto5 con almeno la licen a di scuola media. &l !ine di $rodurre testi di alta com$rensione nac"ue il lavoro di

10+

In seguito alla$$lica ione sistematica della !ormula emersero una serie di critic7e sulla sua validit). #a un lato la !ormula X stata $rogettata $er linglese ed X5 "uindi5 tarata sulla struttura mor!ologica e sillabica di "uesta linguaY laltro inconveniente X ra$$resentato dal $roblema del conteggio delle sillabe. Questo ti$o di calcolo si mostra $articolarmente com$lesso nellambito della lingua italiana5 $oic7M esso non X com$letamente !ormali abile mediante regole di $ortata generale5 se non ricorrendo a stime di ti$o statistico. Eel cam$o della sillaba ione le di!!icolt) maggiori sono $rodotte dallaccenta ione e dalla $resen a di dittong7i. /i X anc7e sco$erto c7e ci sono as$etti im$ortanti dei testi c7e in!luiscono am$iamente sulla loro com$rensibilit)5 ma non sono considerati dalla !ormula. %er stabilire se un brano 7a una buona leggibilit)5 in!atti5 occorre tener $resente anc7e la diversit) lessicale e il ti$o di $arole usate. &lla met) degli anni Ottanta5 un gru$$o di ricercatori e studenti dell2niversit) degli /tudi di (oma -La /a$ien a. 7a svilu$$ato un nuovo indice di leggibilit)5 tarato direttamente sulla lingua italiana. /ulla base dei risultati delle ricerc7e del Hru$$o universitario linguistico e $edagogico 9H2L%: X stata ideata la !ormula Gulpease. %er calcolare lindice si devono considerare la lung7e a delle $arole in lettere 9e non in sillabe: e la lung7e a delle !rasi in $arole. 6ome la !ormula di ,lesc75 anc7e il Gulpease $resenta una scala di valori com$resa !ra 1 e 1005 ma diversamente dalla !ormula di ,lesc75 il valore dellindice Gulpease X $roiettato su una scala di leggibilit) in ra$$orto al grado di scolari a ione del lettore0 elementare5 media e su$eriore 9c!r. %iemontese 20050 393:. Questa scala $ermette di valutare la di!!icolt) di un testo ris$etto a tre $o$ola ioni di ri!erimento. %er esem$io5 un testo con indice Gulpease 60 X molto di!!icile $er c7i 7a la licen a elementare5 di!!icile $er c7i 7a la licen a media5 !acile $er c7i 7a un di$loma su$eriore. &gli svilu$$i successivi della !ormula Gulpease e alla messa a $unto di un lemmati atore c7e utili a il Vocabolario di base 9#e 8auro 19805 c!r. 2.2.15: sono state dedicate le ricerc7e di due tesi di laurea0 luna di 8. &mi oni 91991: e laltra di E. 8astidoro 91991:. I due studi 7anno $ermesso di reali are in Wulogos /LI una versione in!ormati ata della !ormula Gulpease5 e di creare un $rogramma danalisi lessicale di un testo a $artire dal Vocabolario di base e di memori a ione di altri lemmi in vocabolari logici in modo da arrivare allanalisi anc7e di $arole di linguaggi settoriali 9c!r. 8astidoro 1992:. #a "uesti lavori mirati alla reali a ione di un algoritmo ca$ace di calcolare la leggibilit) dei testi e di anali arne il lessico5 X nato lattuale anali atore integrato5 della pulogos Censor 97tt$0KK===.eulogos.netKitKcensorK:. Il $rogramma anali a la leggibilit) di un testo secondo lindice Gulpease5 inoltre con!ronta le $arole del testo con i vocaboli del <dF5 !ornendo dati utili $er individuare le $arole da sostituire o da s$iegare. Lanalisi condotta da Censor restituisce oltre i dati di leggibilit)5 dati statistici e una ri$rodu ione del testo in cui ogni occorren a X $resentata con caratteri diversi5 secondo il livello di <dF. Il servi io !un iona $er $osta elettronica ed X gratuito. Il calcolo delle !orme di leggibilit) e il con!ronto sistematico con lessici di base5 $ermette di scegliere in modo $iU e!!icace i testi da inserire nelle $ubblica ioni didattic7e5 negli esami di certi!ica ione e non solo5 come vedremo di seguito.

#.2.2 Il mensile due parole

ricerca sulle liste di !re"uen a5 c7e $ortV alla $ubblica ione del Vocabolario di base3 in a$$endice a Guida alluso delle parole 9v. se . 2.2.15:. La leggibilit) dei testi X stata veri!icata $er me o della !ormula ,lesc75 adattata da <acca.

108

2n esem$io di a$$lica ione sistematica e $ro!essionale dellindice Gulpease e dei criteri della scrittura controllata X due parole 9===.due$arole.it:5 -mensile di !acile lettura.. La rivista X redatta dal Hru$$o A5 costituito da collaboratori e studenti della cattedra di ,iloso!ia del linguaggio dell2niversit) di (oma -La /a$ien a.5 guidati da 8aria *manuela %iemontese e 3ullio #e 8auro.20 &ccanto ai destinatari originari di due parole3 le $ersone con !orme lievi di ritardo mentale c7e costituiscono un 252[ della $o$ola ione 9%iemontese 199'0 2+5:5 troviamo studenti -normodotati. ma $oco avve i alla lettura5 raga i dislessiciY studenti stranieri c7e studiano litaliano in corsi elementari in Italia e allesteroY i !re"uentanti di corsi di al!abeti a ione $er adultiY stranieri immigrati di recente in ItaliaY an ianiY $ersone sorde e sordomute. #el gru$$o dei cosiddetti -lettori dimenticati. !anno $arte tutti coloro c7e5 avendo $roblemi s$eci!ici di lettura e di com$rensione5 7anno bisogno di unatten ione su$$lementare da $arte di c7i !a comunica ione5 in!orma ione5 !orma ione.21 Leggibilit) e com$rensibilit) dei testi5 in!atti5 nascono dalla combina ione dessen ialit)5 c7iare a e $recisione. %ertanto5 uno dei criteri $rinci$ali di reda ione X stato luso di un lessico s$eci!ico5 contenente 2.000 entrate5 sele ionate in base ad alcuni di ionari di base e di !re"uen a dellitaliano5 in $articolare il LI,5 il <*LI5 il LI% e il <dF. Questultimo X tuttoggi lo strumento !ondamentale $er controllare e migliorare la leggibilit) di un testo secondo criteri scienti!ici. I redattori 7anno delimitato le 2.000 $arole del lessico di due parole a $artire dal vocabolario !ondamentale del <dF5 aggiungendovi ca. '00 termini dalto uso5 130 $arole di alta dis$onibilit) e 180 termini non a$$artenenti al <dF. Il Lessico di Due Parole 9L#%: X stato $ubblicato in a$$endice a %iemontese 91998:. Luso di un lessico ben $reciso non vuol dire $erV c7e un testo ad alta leggibilit) sia c7iuso a nuove $arole5 ma signi!ica c7e "uando si usa un lemma non di base e so$rattutto "uando esso X im$ortante $er ca$ire il testo5 bisogna s$iegarne il signi!icato5 usando nella s$iega ione solo lemmi $resenti nel <dF.22
-2n discorso costruito tenendo docc7io le $arole dellelenco5 le _$arole di base5 $uV anc7e contenere $arecc7ie $arole !uori elenco5 $urc7M s$iegate con le $arole di base. 9#e 8auro 19800 138:.

2n testo altamente com$rensibile non 7a solo "uesta caratteristica0 le !rasi devono essere brevi5 ma ben collegate !ra loro sia dal $unto di vista linguistico c7e concettualeY sono da evitare le astra ioni e gli usi meta!orici della lingua. Inoltre5 la reda ione a$$lica anc7e altri criteri di leggibilit)5 attinenti alla gra!ica 9caratteri grandi5 le illustra ioni devono essere es$licative del testo sen a interrom$erlo5 ecc.: e al modo di dis$orre i contenuti 9ri"uadri di s$iega ione5 testo a nuova riga $er ogni !rase5 ecc.:.

20

I dati di "uesto ca$itolo sono stati ricavati da una conversa ione con la %ro!. %iemontese. %er ulteriori in!orma ioni c!r. %iemontese 91998:5 %iemontese e /a$onaro 6io!!i 9199':. 21 %arallelamente alla $ubblica ione di due parole5 alla !ine degli anni Ottanta e in $articolare agli ini i degli anni Eovanta sono usciti i $rimi giornali di !acile lettura in *uro$a0 dal 19855 in Felgio X $ubblicato in lingua !iamminga il giornale )ablieft -67e cosa dici4.3 disponibile anc7e on line0 ===.=ablie!t.be. Eel 1986 $er ini iativa del governo svedese X uscito T Sidor. :5ttl5sta :"-eter -8 $agine. Eoti ie di !acile lettura.5 settimanale destinato a $ersone adulte con danni intellettuali lievi 97tt$0KK8sidor.lattlast.se:. #al 198+ in #animarca esce il giornale PV Let Dans2 -Il danese !acile da leggere. 9===.$aaletdans@.d@:. Eel 1990 in ,inlandia X uscito il "uindicinale Sel2o1;utiset -Eoti ie c7iare. anc7esso $er ini iativa governativa 97tt$0KK$a$unet.netKsel@o:. #ate le caratteristic7e sociolinguistic7e della ,inlandia5 !u reali ata una versione svedese dello stesso giornale dal titolo LL10ladet -Hiornale di !acile lettura. 97tt$0KK===.$a$unet.netKllKll1bladet:. #al 19905 in Eorvegia alcuni giornalisti $ubblicano il settimanale Clar /ale -%arlare c7iaro. 9===.@lartale.no:. #al 19905 lassocia ione belga Lire et Ocrire e la 6omunit) !rancese reali arono nel Felgio !ranco!ono il mensile Lessentiel 97tt$0KKcours.!unoc.beKessentielK:. 22 /ulle in!orma ioni scienti!ic7e in due parole c!r. %iemontese 9199':.

109

Il mensile aveva uno sco$o tri$lice0 si volevano de!inire e s$erimentare tecnic7e di reda ione di testi di alta leggibilit) e com$rensibilit)Y sintendevano $rodurre testi scritti adeguati ai bisogni di $ersone con di!!icolt) di lettura e di com$rensioneY ed era $resente lobiettivo di insegnare agli studenti e studentesse della cattedra di ,iloso!ia del Linguaggio tecnic7e di analisi e di scrittura di testi di di!!icolt) controllata. In seguito ad un lungo $eriodo di s$erimenta ione e di !orma ione dei redattori5 tutti volontari5 il $rimo numero X uscito nella$rile del 19895 ed 7a avuto unaccoglien a $ositiva5 $erc7M do$o "uasi un anno il $eriodico aveva 630 abbonati s$ontanei. Il $rimo numero X uscito in !ormato tabloid con 8 $agine c7e $resentavano5 oltre alla noti ia $iU im$ortante del mese in $rima $agina5 noti ie di s$ettacoli5 $olitica italiana ed estera5 s$ort e cultura. La tiratura era di 3.000 co$ie mensili5 inviate gratuitamente a insegnanti5 o$eratori socio1sanitari5 genitori di disabili5 $ersone sorde5 ma anc7e a molti giovani con $roblemi di com$rensione. 3ra gli abbonati5 diventati alla !ine del 199' un migliaio5 vi troviamo scuole medie ed elementari5 centri di !orma ione5 associa ioni di volontari5 cittadini $rivati5 docenti ecc. 3uttavia si X notata la disatten ione a livello istitu ionale $er due parole5 ad ecce ione dell2niversit) di (oma -La /a$ien a. c7e ini ialmente lo !inan iava e !orniva la$$oggio istitu ionale. La $ubblica ione del mensile5 consentita da un $iccolo !inan iamento delluniversit) e dagli abbonamenti5 X il risultato dellim$egno volontario e gratuito dei redattori. #o$o otto anni di $ubblica ione a stam$a5 due parole X stato sos$eso nel 199+. Le $ubblica ioni si sono interrotte5 ma la reda ione non 7a mai smesso di lavorare $er ri$rendere il giornale in altre !orme. &lcuni redattori di due parole !ondarono nel 1998 -%arlar c7iaro. &ssocia ione $er la sem$li!ica ione della comunica ione di interesse $ubblico.. Obiettivo dell&ssocia ione X stato "uello di contribuire alla di!!usione della cultura della c7iare a e della sem$licit) linguistica in Italia. L&ssocia ione nel dicembre 2002 7a ri$reso la $ubblica ione del $eriodico5 anc7e in !ormato elettronico ad accesso gratuito. Lultimo numero ad oggi dis$onibile $erV X uscito nel maggio 20065 sembra "uindi5 c7e nonostante lenorme successo e lentusiasmo dei redattori5 sen a il sostegno !inan iario delle autorit)5 non sia stato $ossibile $ortare avanti il $rogetto.

#.2.$ Codice di stile


%arlando dei cam$i da$$lica ione delle tecnic7e di sem$li!ica ione linguistica5 %iemontese 919980 229: intu^ gli esiti !uturi di tali ini iative.23
-l.idea c7e anc7e in Italia si $ossa arrivare a im$orre $er legge il ris$etto di standard minimi di leggibilit) e com$rensibilit)5 almeno $er certi ti$i di testo5 come "uelli di interesse $ubblico abc non a$$are $iU del tutto $eregrina..

,rutto del lavoro di una M"ui$e di linguisti5 guidati da /abino 6assese5 il Codice di stile X stato $ubblicato nel 1993 su incarico del #i$artimento della ,un ione %ubblica della %residen a del 6onsiglio dei 8inistri. W la $rima $ubblica ione di "uesto genere $rodotta in Italia da organi dello /tato5 e $rende esem$io da testi analog7i gi) circolanti in altri %aesi 9come il Lanual de ,stilo del Lengua#e +dministrati!o in /$agna nel 1990:. Lo$era scaturisce dalla legge + agosto 19905 n. 2'15 intitolato -Euove norme in materia di $rocedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi.. La
23

#e 8auro 9199'0 11': addita c7e in 3+ dei 51 /tati degli 2/& le leggi $revedono san ioni $er tutti gli addetti a u!!ici $ubblici e $er!ino $er gli stessi legislatori. & tutti X stato ric7iesto di rivolgersi al $ubblico ris$ettando standard minimi di leggibilit)5 !issati a $artire dalle scale elaborate da ,lesc7. In alcuni /tati dis$osi ioni del genere si vanno estendendo anc7e a scritture $rivate5 come i contratti assicurativi.

110

legge $revede la sem$li!ica ione della ione amministrativa e il diritto daccesso dei cittadini ai documenti amministrativi. %er adem$ire tali re"uisiti non basta sem$li!icare i modi della ione amministrativa5 $er una reale tras$aren a e accessibilit)5 ovvero $er una reale democraticit) X indis$ensabile sem$li!icare e uni!icare il linguaggio con cui tale agire si es$rime. Il Codice di stile ra$$resenta il $rimo $asso di un $rogetto5 !inali ato alla reda ione di un vero manuale del linguaggio amministrativo e alla messa a $unto di $ercorsi !ormativi s$eci!ici $er il $ersonale delle $ubblic7e amministra ioni. /co$o del Codice di stile X dare alcuni elementi di base $er sensibili are la %ubblica &mministra ione sul $roblema della leggibilit)5 !ornendo anc7e indica ioni $ratic7e ed esem$i. Eella $arte $rima del Codice di stile X illustrato lo stretto ra$$orto tra diritti dei cittadini e c7iare a dei testi5 attraverso lanalisi del linguaggio delle leggi e delle %ubblic7e &mministra ioni. Questas$etto del ra$$orto /tato\cittadino costituisce5 secondo gli autori5 $er lItalia un $rimato negativo. Eella $arte seconda segue lambito da$$lica ione del Codice e le concrete raccomanda ioni $er la sem$li!ica ione del linguaggio e $er un uso non sessista e discriminatorio5 in!ine esem$i di moduli e documenti $ubblici5 riscritti secondo le regole del Codice. In a$$endice si ri$ortano alcuni dati sui livelli di al!abeti a ione in Italia5 X inoltre allegata la decima edi ione del Vocabolario di base di #e 8auro et al. 91989:5 "uale strumento di ri!erimento $er la sem$li!ica ione lessicale e $er il controllo della leggibilit) dei testi. #a "uestini iativa nasce nel 2003 il Lanuale di scrittura amministrati!a5 curato da ,. ,rancesc7ini5 $ubblicato dall&gen ia delle *ntrate in collabora ione con il #i$artimento di /tudi Italianistici dell2niversit) di %isa5 scaricabile interamente dal sito dell&gen ia. Il volume sinteti a i contenuti teorici ed esem$i signi!icativi dei testi riscritti durante una serie di corsi organi ati $resso l&gen ia delle *ntrate nel $eriodo 200112002 dal titolo -/crivere nella $ubblica amministra ione.. 6onsiderando la situa ione in 2ng7eria5 non $ossiamo non ri$etere le $arole di %iemontese 9199'0 2++:.
-la disatten ione totale $er "uesto ordine di $roblemi alla comunica ione mette in discussione la sostan iale democraticit) dellordinamento di un %aese c7e5 contraddittoriamente5 da una $arte riconosce e $roclama i diritti di una cos$icua !etta di cittadini5 daltra $arte5 $oi5 non !a tutto il necessario o il $ossibile $erc7M tali diritti siano $ienamente ris$ettati..

/or$rende "uindi5 c7e mentre $er linglese X stata elaborata una do ina di !ormule di leggibilit) diverse5 ancora nel $rimo decennio del ter o millennio5 non esiste una !ormula svilu$$ata a$$ositamente $er la lingua ung7erese5 tanto meno esistono $ubblica ioni $ensate $er un $ubblico con di!!icolt) di lettura5 $er non $arlare della sem$li!ica ione dei testi amministrativi.

&.3 !pplicazioni informatic)e


La rela ione tra statistica linguistica e linguistica com$uta ionale X sem$re stata molto stretta. Lo studio delle caratteristic7e "uantitative delle lingue naturali 7a !ornito strumenti !ondamentali $er lo svilu$$o delle a$$lica ioni della linguistica com$uta ionale. Lutili o di alcuni metodi di ti$o statistico ai dati linguistici 7a $ermesso la crea ione di strumenti "uali lo Statistical :atural Language Processing3 i sistemi di estra ione di in!orma ioni5 la tradu ione automatica5 ecc. /i tratta di

111

a$$lica ioni dictionar"1based 967iari 200+0 85:5 in cui il termine X usato $er descrivere re$ertori contenenti liste di $arole c7e servono a svolgere determinate o$era ioni0 disambiguare la categoria grammaticale5 riconoscere o $rodurre una !orma !onetica ecc. In "uesto senso il di ionario non contiene de!ini ioni dei signi!icati e degli usi di una $arola5 ma X un re$ertorio di lemmi o !orme !lesse associate a una serie di in!orma ioni linguistic7e su$$lementari5 dis$onibili allaccesso delle a$$lica ioni com$uta ionali. Il termine dizionario macc-ina indica a$$unto la rela ione stretta tra re$ertorio lessicale e a$$lica ioni com$uta ionali c7e svolgono o$era ioni !acendo ricorso a tale re$ertorio. 2na s$ecie di dizionario macc-ina X il lessico di !re"uen a c7e5 nato ini ialmente come strumento di $ura investiga ione linguistica5 X entrato a !ar $arte di numerose a$$lica ioni com$uta ionali di trattamento automatico del linguaggio. Le a$$lica ioni $iU di!!use sono il riconoscimento e la sintesi vocale5 la corre ione ortogra!ica5 il parsing sintattico e il tagging5 la tradu ione automatica5 e in generale tutte le a$$lica ioni c7e incor$orano un vocabolario.

#.$.2 8rattamento automatico del linguaggio


Il :atural Language Processing 9EL%:5 detto in italiano il trattamento automatico del linguaggio 93&L: X uno dei settori !ondamentali della linguistica com$uta ionale. Lobiettivo di "uesto a$$roccio5 legato strettamente allintelligen a arti!iciale5 X lo svolgimento di com$iti linguistici $roduttivi o ricettivi da $arte di sistemi in!ormatici. Il dominio $rinci$ale5 su cui si a$$lica X5 con!ormemente alla tradi ione generativa5 la sintassi5 tuttavia negli ultimi anni sono emersi alcuni altri cam$i di ricerca5 come lestra ione di conoscen e da documenti testuali o il re$erimento di s$eci!ici dati estratti da grandi database testuali. #allintegra ione dei $rogrammi tradi ionali con i metodi statistici X nato un nuovo cam$o di ricerca della linguistica com$uta ionale5 il c.d. Statistical :atural Language Processing5 volto a migliorare le ca$acit) di $rodu ione o di analisi di !rasi5 servendosi di dati statistici. Il $resu$$osto di base X c7e $arlando o ascoltando5 si ricorre5 inconsciamente5 a considera ioni sulle !re"uen e5 ad esem$io sulla !re"uen a con cui troviamo due $arole una accanto allaltra in se"uen a. I metodi statistici sono $articolarmente vantaggiosi in diversi settori della linguistica com$uta ionale5 come il tagging grammaticale e il parsing sintattico. Il parsin! sintattico. Il parsing X un $rocesso danalisi c7e associa ad una !rase di una lingua naturale una struttura c7e descrive la !rase da un certo $unto di vista 967iari 200+0 101:. Questo $rocesso X considerato il nucleo dellanalisi delle lingue naturali. Il termine parsing indica una segmenta ione linguistica0 esistono parser mor!ologici5 sintattici 9il ti$o canonico:5 semantici ecc. Lin$ut al solito X costituito da una !rase5 cui si a$$licano alcune regole c7e $ermettono di $rodurre lanalisi della sua struttura. %er ottenere lout$ut desiderato5 X necessario consultare un di ionario macc7ina5 in cui sono $resenti le $arole della lingua e la loro categoria grammaticale 9v. so$ra:5 e il con!ronto con una grammatica di ri!erimento c7e de!inisce le regole di buona !orma ione di una !rase in una data lingua. 2n parser sintattico individua "uindi le rela ioni tra i costituenti della !rase5 le loro gerarc7ie ed attribuisce ad ogni !orma della !rase unetic7ettatura di categoria grammaticale. Il $rimo parser sintattico $er litaliano 9&3E1/]/: X stato im$lementato nel 19+6 $resso lIstituto di Linguistica 6om$uta ionale del 6onsiglio Ea ionale delle (icerc7e a %isa. 3ra i suoi com$onenti $rinci$ali troviamo5 accanto ad una grammatica

112

com$lessa5 un largo di ionario di 1+.000 entrate0 un sottoinsieme del Dizionario Lacc-ina Btaliano 9#8I:5 sele ionato sulla base del LI,. Il parsing serve a numerosi sco$i5 una delle sue a$$lica ioni $iU interessanti X lannota ione automatica di grandi cor$ora. Il $rogetto $iU conosciuto di cor$us sotto$osto a parsing sintattico X il Penn /reeban2 dell2niverist) di %ennsilvania5 divenuto un $unto di ri!erimento $er la valuta ione delle!!icien a degli strumenti di parsing. 8entre il parsing sintattico di ti$o tradi ionale o$era con regole de!inite 9rule1based parsing:5 esistono tuttavia !orme di parsing $robabilistico5 in cui alle regole grammaticali sono aggiunte in!orma ioni relative alla $robabilit) doccorren a misurata sulla base di un cor$us di ri!erimento annotato. Questo ti$o di parsing usa algoritmi statistici $er determinare "uali etic7ette e gerarc7ie sono $iU $robabili in dati contesti 9c!r. 67iari 200+0 10':. Il ta!!in! grammaticale. Il %O/ 9part of speec-: tagging5 ossia letic7ettatura $er categorie grammaticali5 X5 ris$etto al parsing5 uno$era ione notevolmente $iU sem$lice. Il tagger non individua le categorie sintattic7e5 ma sem$licemente la $arte del discorso c7e una $arola rico$re in una data !rase 9c!r. 67iari 200+0 106:. &nc7e il tagger si serve di un di ionario c7e 7a lo sco$o di s$eci!icare "uali categorie grammaticali $ossono corris$ondere a ciascuna !orma gra!ica. La disambigua ione delle !orme omogra!ic7e $uV essere di due ti$i0 esistono tagger basati su regole e tagger di ti$o $robabilistico. I $rimi accedono ad una grammatica in cui sono !ormali ate le regole di !orma ione dei diversi $ossibili sintagmi di una lingua5 mentre i secondi si basano su statistic7e di !re"uen a delle $arti del discorso e delle loro se"uen e. 2' %er !ornire i dati sulle !re"uen e5 si usano dei cor$ora testuali annotati in modo manuale5 c7iamati training corpora5 giacc7M servono ad -allenare. il tagger a $rodurre delle $redi ioni corrette. &llenare vuol dire0 considerare una $ercentuale signi!icativa di testi del ti$o c7e si sta anali ando5 cui si attribuisce manualmente la marca grammaticale al !ine di insegnare al $rogramma "uale marca X $iU $robabile in determinati contesti. 67iari 9200+0 108: rileva c7e i tagger $robabilistici usati $er lanalisi di cor$ora inglesi5 raggiungono un grado di co$ertura corretta di etic7ette $ari al 9+199[ delle occorren e.25 /agger e parser $robabilistici sono stati svilu$$ati $er lannota ione del cor$us LI%. #e 8auro et al. 919930 6'1+6: 7anno svilu$$ato un $rogramma di analisi mor!o1sintattica5 basato su criteri statistici5 in cui lassegna ione delle categorie grammaticali si basa sulle !re"uen e con cui determinate se"uen e di classi grammaticali sono state osservate in un $articolare cor$us cam$ione. 2no dei so!t=are $iU $otenti di analisi mor!o1sintattica dei testi X IE3*D5 ideato in ,rancia nel 1993 da 8aB /ilber tein5 il cui modulo italiano X stato costruito nel 200' dall2niversit) di /alerno. IE3*D X un anali atore automatico di testi c7e consente di e!!ettuare o$era ioni di tagging e parsing5 information retrie!al5 di costruire grammatic7e5 di ionari elettronici5 concordan e5 ecc.26
2'

Il $rocesso di disambigua ione mor!ologica5 adottato nellanalisi del )ebcorpus ung7erese5 X $resentato in >ornai et al. 92006:. Lanalisi mor!ologica si basa sui dati statistici del $aradigma di !lessione nominale. In base alla $robabilit) doccorren a delle singole desinen e5 il modello X in grado di $redire "uanto grande deve essere il cor$us in cui una determinata !orma occorre almeno una volta. 25 Il 0ritis- :ational Corpus5 costituito da 100 milioni doccorren e X stato etic7ettato tramite il tagger $robabilistico 6L&?/ 9Constituent Li2eli-ood +utomatic )ord1tagging S"stem:Y $er individuare il cam$o semantico delle occorren e X stato costruito un sistema di tagging semantico c7iamato &6&/# 9+utomatic Content +nal"sis of Spo2en Discourse:. 26 Il modulo ung7erese X stato elaborato dallIstituto di Linguistica dell&ccademia 2ng7erese delle /cien e5 ed X dis$onibile dal 200' sul sito 97tt$0KKcor$us.n;tud.7uKIE3*DK:. 2n altro $rogramma danalisi mor!ologica5 svilu$$ata su basi euristic7e dalla societ) 8or$7ologic a$$ositamente $er la lingua

113

1strazione automatizzata di informazioni. Il tagging e il $arsing sono strumenti $oli!un ionali. &$$lica ioni di "uesto ti$o sono5 in!atti5 usate anc7e in una serie di settori di enorme interesse commerciale ed a$$licativo5 cui si accenna brevemente0 linformation retrie!al ed e.traction5 il te.t mining5 la summarisation. Lindici a ione automatica serve a $rodurre analisi ra$ide dei testi raccolti5 attraverso lidenti!ica ione delle $arole c7iave di un testo5 ricorrendo ad analisi sintattic7e e $robabilistic7e. &llindividua ione delle $arole c7iave X strettamente legato linformation retrie!al5 c7e $ermette di individuare5 da un insieme am$io di documenti5 "uelli c7e soddis!ano i nostri criteri di ricerca. In Italia &ntonio Iam$olli ini iV5 gi) nel _691+05 un $rogetto con la 6amera dei #e$utati $er la crea ione del Dizionario Lacc-ina Btaliano 9#8I: da usarsi $er sistemi di information retrie!al sulle leggi. Ormai sono molto di!!usi i so!t=are di recu$ero di in!orma ioni in grado di e!!ettuare ricerc7e su grandi colle ioni di testi sulla base di ric7ieste !ormulate come singole $arole o come !rasi0 lesem$io $iU comune $uV essere "uello dei motori di ricerca sul =eb. L information e.traction invece $ermette di cercare e sele ionare i contenuti dei documenti a$$artenenti ad un insieme. In maniera sc7ematica si $uV dire c7e linformation retrie!al sinteressa al documento nella sua globalit)5 in "uanto $ermette di scegliere5 da un insieme am$io di documenti5 "uelli c7e soddis!ano i nostri criteri di ricerca5 mentre linformation e.traction sele iona le in!orma ioni s$eci!ic7e allinterno del documento 9c!r. Folasco5 Fisceglia5 Falocc7i 200'0 31:. In "uesti ultimi anni5 suscita molto interesse nel !ilone statistico dellanalisi dei dati testuali5 il te.t mining0 si tratta di una delle a$$lica ioni indiri ate ad a iende e istitu ioni5 le "uali5 dovendo interagire con enormi masse di materiali testuali s$esso dis$onibili in rete5 7anno il $roblema di sele ionare5 allinterno di "ueste !onti smisurate5 i dati di loro interesse. Il te.t mining sintende come attivit) di scavare nei testi5 intesi come miniere di dati5 in cui cercare in!orma ioni di rilievo. /i tratta so$rattutto di $rocedure di categori a ione5 di classi!ica ione e di sele ione intelligente di testi o sub1 testi $er estrarre da basi documentali 9Folasco 20050 335:. &$$lica ioni ti$ic7e sono0 smistamento di $osta elettronica5 ricerc7e su basi documentali giuridic7e5 nelleditoria5 nelle telecomunica ioni5 ecc. La summarization consente di $rodurre automaticamente riassunti di testi o ra$$orti estratti da dati strutturati.2+ 3ali sistemi accettano come in$ut un testo in linguaggio naturale 9un articolo scienti!ico:5 insieme con le ric7ieste dellutente5 e $roduce come out$ut un sommario del ti$o s$eci!icato. Lestra ione automati ata si basa su dati statistici.28 Il correttore ortografico. 2na delle a$$lica ioni elementari dei dati di !re"uen a ricavati di larg7i cor$ora X la $rogramma ione dei strumenti di corre ione ortogra!ica. La maggior $arte dei correttori ortogra!ici !un iona mediante la com$ara ione con un
ung7erese5 X il so!t=are Aumor5 utili ato $er lannota ione del cor$us storico della lingua ung7erese 9Lag"ar /6rt7neti Sz6!egtNr:. 2+ 2na ricerca in corso $er lung7erese X "uella di Leng;elnM 8olnOr 92006:5 volta a creare un $rogramma di estra ione automati ata o!!1line5 c7e $ermetta agli scien iati di generare automaticamente riassunti di studi $ubblicati nel $ro$rio cam$o di ricerca. La base della$$lica ione sar) una lista di !re"uen a c7e contiene le radici delle $arole $iU rilevanti di un determinato cam$o scienti!ico. 28 /econdo la legge di Ii$! lambito delle $arole signi!icative non coincide con i termini $iU !re"uenti nei testi. &d esem$io in un eserci iario di matematica le $arole esercizio ed esempio5 $ur avendo un alto numero doccorren a5 non sono signi!icative dal $unto di vista in!ormativo. Il lessico s$eci!ico di un determinato settore si trova tuttal $iU nella !ascia intermedia delle liste di !re"uen a.

11'

di ionario di ri!erimento5 inteso come re$ertorio in cui !igurano anc7e le !orme !lesse delle $arole. Il correttore s$esso non dis$one di un di ionario com$leto5 ma solo di una lista di radici e una serie di regole di scom$osi ione mor!ologica c7e $ermettono di controllare la $lausibilit) della !orma 967iari 200+0 111:. Il $roblema $iU com$lesso X "uello dei suggerimenti $er la corre ione. %er $ro$orre la $arola giusta5 il correttore usa5 oltre allo s$oglio del di ionario di ri!erimento5 algoritmi c7e $revedono una serie di combina ioni di lettere al!abetic7e legittime e !re"uenti. Le analisi statistic7e di ti$o $robabilistico $ermettono di individuare i candidati migliori a ra$$resentare se"uen e $ossibili5 $robabili e !re"uenti e di anali are delle ti$ologie derrore $iU !re"uenti. %er la corre ione degli errori grammaticali si ricorre al tagging c7e $ermette di disambiguare le categorie grammaticali e individuare ad es. un mancato accordo. (imangono tuttavia $roblemi irrisolti5 come la mancan a di una $arola dal di ionario di ri!erimento5 o "uando il termine errato e!!ettivamente esiste5 $erciV non X riconosciuto. 2ninteressante ricerca $er aumentare il grado di co$ertura dei sistemi di controllo ortogra!ico X stata condotta da AalOcs; et al. 9200':. La base dei sistemi $rimitivi di controllo ortogra!ico X la lista delle !orme corrette5 $redis$oste in ordine di !re"uen a. Eellung7erese5 $er ottenere un grado di co$ertura del 50[5 bastano 3.00016.000 !orme 9$rendendo come base di ri!erimento il )ebcorpus ung7erese:. Questo metodo $erV 7a i suoi limiti5 giacc7M la maggior $arte delle !orme ricorre una sola volta nei testi5 si tratta "uindi di -apa.5 la cui inclusione nelle liste $redis$oste ric7iederebbe un enorme lavoro5 daltra $arte non migliorerebbe in misura corris$ondente il grado di co$ertura del $rogramma. %ertanto lanalisi mor!ologica X $articolarmente im$ortante nel caso di una lingua come lung7erese5 di cui X im$ossibile immaga inare tutte le !orme !lesse esistenti. W o$$ortuno c7e il sistema sia in grado di anali are le !lessioni5 "uindi nel $rogramma di controllo ortogra!ico va im$lementato anc7e un anali atore mor!ologico. %rima si $rocede dun"ue allimmissione delle radici $iU !re"uenti5 mancanti nella lista5 successivamente si anali ano le nuove radici con laiuto di Aun/tem5 un $rogramma di tagging mor!ologico. In accordo alla legge di Ii$! X stato veri!icato c7e do$o aver introdotto le 100.000 radici $iU !re"uenti5 la $ercentuale di !orme sco$erte era del 556[5 nel caso di 1 milione di radici 352[5 con 10 milioni 158[ e con 100 milioni 1[. /i conclude "uindi5 c7e lesatte a dei sistemi di controllo ortogra!ico di$ende in $rimo luogo dal numero di radici incluse5 ma con lam$liamento dellinventario5 a causa della legge di Ii$!5 lesatte a del $rogramma aumenta in misura decrescente. Il sistema 89. 2naltra a$$lica ione basata su dati di !re"uen a X 395 svilu$$ata dalla societ) 3egic5 $er !acilitare linserimento delle $arole tramite la tastiera del cellulare. 2tili ando un vocabolario integrato5 la tecnologia 39 X in grado di $revedere "uale $arola lutente sta scrivendo e $ro$one di com$letarla5 ris$armiando la $ressione dei tasti corris$ondenti alle lettere mancanti. In base ai testi da noi di solito inviati5 X !atta una scelta $revisionale circa la $arola $iU $robabile !ra le diverse $ossibili con la combina ione digitata. La nuova versione5 D39 X $ensato $er essere utili ato con tutti gli a$$arecc7i elettronici5 $almari5 com$uter e riconosce anc7e testi $arlati e scritti a mano sullo sc7ermo dei $almari. /ulla stessa idea si basa i3&%5 sistema $er limmissione !acilitata dei testi nei cellulari5 svilu$$ato da 8otorola. 8raduzione automatica dei testi. I $rogressi del trattamento automatico del linguaggio 9in $articolare il tagging e il parsing:5 negli anni /ettanta 7anno dato nuovo im$ulso ai $rogetti di tradu ione automatica. &l sem$lice con!ronto lessicale sono a!!iancate com$onenti danalisi mor!ologica5 sintattica e disambiguatori semantici. Il $rimo dei

115

grandi sistemi di tradu ione !u S"stran 9acronimo di S"stem /ranslation:5 svilu$$ato $er tradurre dal russo allinglese5 successivamente integrato con nuove co$$ie di lingue. In "uesto cam$o si sono im$egnati so$rattutto gli organismi interna ionali5 come l2e5 la Eato5 lOnu5 c7e oltre al $romuovere $rogetti di tradu ione automatica5 7anno elaborato banc7e dati terminologic7e5 contribuendo in tal modo alla standardi a ione delle tradu ioni tecnico1scienti!ic7e dei documenti. &ltre !onti di stimolo sono le grandi multina ionali c7e ric7iedono la tradu ione di manuali tecnici e vari documenti. La maggioran a delle a$$lica ioni oggi dis$onibili X $ensata5 a$$unto5 $er testi s$ecialistici 9tecnico1scienti!ici5 economici:5 giacc7M "uesti $resentano alcune caratteristic7e c7e $ermettono di garantire la "ualit) della tradu ione. I motivi del successo sono da cercare nelluso di un lessico ridotto e $revedibile5 di $olirematic7e e colloca ioni cristalli ate5 ti$ic7e del lessico s$ecialistico5 e di strutture sintattic7e $revedibili ed es$licite. I $rinci$ali modelli adottati $er $rogrammare i sistemi di tradu ione automatica si suddividono in due grandi ti$i. La $rima genera ione di a$$lica ioni X costituita da sistemi basati su regole5 nei "uali sono identi!icate alcune regole !ormali di descri ione e tras!orma ione delle unit). In una $rocedura di lavoro seriale5 ogni unit) testuale X anali ata e scom$osta dal $unto di vista mor!ologico !ino a individuare il suo corris$ondente diretto nella lingua darrivo. La seconda !amiglia di sistemi di tradu ione X costituita dai $rogrammi dim$ianto statistico 9$robabilistico:. Questi a$$rocci5 basati su dati ricavati da larg7i cor$ora5 si sono di!!usi dagli anni Eovanta in $oi. 2tili ando cor$ora $aralleli5 "uesti sistemi rilevano sulla base delle unit) da tradurre strutture gi) tradotte5 utili abili $er la tradu ione. %er scegliere il migliore candidato $er la tradu ione5 !anno uso di $arametri statistici5 come la $robabilit) di co1occorren a e la !re"uen a delle $arole nei cor$ora di ri!erimento. 67iari 9200+0 122: nota c7e i risultati dei sistemi di im$ianto statistico si sono rivelati $iU $romettenti ris$etto agli a$$rocci basati su regole5 s$ecialmente $er la solu ione di determinati $roblemi di tradu ione. I sistemi attuali di tradu ione automatica sono s$esso ibridi0 arricc7iscono le metodologie basate su regole con "uelle basate su cor$ora e introducono moduli c7e $ermettono lo svilu$$o di diverse strategie di risolu ione secondo lo s$eci!ico $roblema traduttivo da a!!rontare.29

#.$.$ 8ecnologie della lingua 'arlata


Le aree oggi in $iU !orte es$ansione della linguistica com$uta ionale sono "uelle legate alla tecnologia del $arlato5 so$rattutto gra ie alle loro a$$lica ioni commerciali. Le due aree c7e costituiscono il !ondamento delle tecnologie $iU avan ate5 sono la sintesi del $arlato e il riconoscimento automatico di testi $rodotti in $arlato s$ontaneo. La loro im$ortan a si deve alla necessit) di $re$arare strumenti c7e rendano il dialogo con la macc7ina il $iU naturale e sem$lice $ossibile5 daltro lato negli enormi bene!ici c7e derivano dalla$$lica ione di tali tecnologie in situa ioni di disabilit)5 ma anc7e nei contesti didattici. La sintesi del $arlato 9te.t to speac-: si occu$a della costru ione di $rogrammi in grado di $rodurre !rasi allo sco$o di !ar interagire la macc7ina con luomo. La conversione di un testo in !ormato elettronico in una se"uen a acustica5 $aragonabile alla voce umana5 X unattivit) molto com$lessa5 in cui i dati statistici 7anno un ruolo im$ortante5 so$rattutto nel parsing sintattico e $rosodico 9c!r. 67iari 200+0 13'11'0:. Hra ie ai risultati raggiunti
29

Eel settembre del 2006 X stato avviato il $rogetto ,uroLatri.5 il cui obiettivo X di creare nei $rossimi due anni un so!t=are ibrido c7e sia ca$ace di tradurre tra tutte le lingue euro$ee.

116

nel settore del trattamento automatico del linguaggio5 oggi "uesta tecnologia X avan atissima0 sono dis$onibili voci masc7ili o !emminili molto di!!icilmente distinguibili dalla voce umana5 con corretta $ronuncia delle $arole della !rase. Le a$$lica ioni sono innumerevoli ed aumentano ogni giorno. La sintesi del $arlato X una realt) o$erativa nelle telecomunica ioni5 ed esistono strumenti con cui utenti disabili $ossono $rodurre $arlato usando una tastiera5 i non vedenti $ossono ottenere la versione $arlata di un testo scritto ecc. 2n altro settore X costituito dalleduca ione linguistica $er la $redis$osi ione di strumenti $er la$$rendimento di una 9seconda: lingua 9c!r. se . 3.2.8:. Il riconoscimento del $arlato 9speec- recognition: racc7iude una serie di a$$lica ioni in grado di identi!icare le se"uen e del $arlato s$ontaneo5 convertirle in testo elettronico e $ermettere lintera ione con $rogrammi usando la voce. Questo settore nasce come deriva ione degli studi di sintesi di testi5 $erciV X detta anc7e speec- to te.t. Questi sistemi servono a diversi sco$i0 dettare testi e dati al com$uter5 dare comandi vocali 9si $ensi alla !un ione !oice dial dei cellulari:5 svilu$$are strumenti di scrittura $er disabili5 ecc. 9c!r. 67iari 200+0 1'211'5:. #agli anni Ottanta in $oi nascono i modelli di ti$o statistico c7e 7anno migliorato le $resta ioni mediante !asi di addestramento. Questi sistemi !anno uso di cor$ora di $arlato s$ontaneo5 sotto !orma di training corpus5 al !ine di garantire un adeguato trattamento di diversi in$ut linguistici. In genere5 durante la !ase di riconoscimento sono suggeriti diversi candidati $ossibili5 le cui caratteristic7e5 $er la $resen a di omo!onie $iU o meno estese5 sono com$atibili con lin$ut vocale. Eegli ultimi anni si sono svilu$$ati sistemi contenenti moduli $robabilistici c7e assegnano ad ogni $ossibile candidato diverse $robabilit) e sele ionavano la se"uen a $iU $robabile. #e 8auro 9199'0 116: avverte c7e il successo di tali o$era ioni X assicurato da due condi ioni0 c7e le reali a ioni siano scandite e com$lete5 !ormali 9ogni !orma deve avere un corris$ettivo !onico non ambiguo:Y e c7e il meccanismo identi!icatore $ossa avvalersi di una memoria dotata di istru ioni sulla $robabilit) doccorren a delle se"uen e. 6ome nel caso della tradu ione automatica5 la $resta ione aumenta con la $revedibilit) dellin$ut 9si $ensi ai linguaggi s$eciali:5 e decresce nel caso di testi c7e s$a iano su domini molto diversi. Eon sor$rende5 "uindi5 c7e tra le ti$ologie !un ionali del riconoscimento del $arlato il minor tasso derrore si registra nel caso dei comandi vocali5 $oic7M le $ossibilit) date allutente sono limitate a un numero ristretto di comandi.

11+

Il lessico nei sistemi di certificazione

In "uesto ca$itolo si $assano in rassegna le ini iative volte a de!inire il lessico necessario $er ottenere titoli di com$eten a in italiano come lingua straniera. Eella $rima $arte del ca$itolo si descrivono due $rogetti im$ortanti del 6onsiglio d*uro$a5 mentre nella seconda si anali ano i re"uisiti lessicali dei sistemi di certi!ica ione elaborati in Italia da vari enti di certi!ica ione.

'.1

+li apporti del $onsiglio d,uropa

2no degli obiettivi $rioritari del 6onsiglio d*uro$a !in dalla sua !onda ione nel 19'95 X stato "uello di incoraggiare e !avorire la conoscen a reci$roca tra i $o$oli euro$ei. 3ale conoscen a si attua anc7e attraverso la $romo ione di una $iU am$ia di!!usione delle lingue euro$ee moderne. 6ome recita il Quadro comune europeo 9$. 3:01
-solo una migliore conoscen a delle lingue euro$ee moderne riuscir) a !acilitare la comunica ione e lintera ione tra cittadini c7e $arlano madrelingue diverse e ad agevolare la mobilit)5 la com$rensione reci$roca e la coo$era ione in *uro$a5 su$erando $regiudi i e discrimina ioni..

Eegli anni /ettanta il 6onsiglio d*uro$a X stato la $rinci$ale agen ia comunitaria c7e 7a a!!rontato il tema della $olitica linguistica. 6iV era la conseguen a di una scelta ideale5 ma <edovelli 92002a0 31: avverte c7e accanto a "uesta motiva ione5 la necessit) di elaborare una $olitica linguistica comune X stata sollecitata anc7e dai $roblemi $osti dai movimenti migratori. Eegli anni settanta i lavoratori emigrati dall*uro$a del sud nei %aesi dell*uro$a settentrionale si sono ormai stabili ati5 e im$ongono agli /tati os$iti di a!!rontare $roblemi come linserimento scolastico delle seconde genera ioni5 e lo svilu$$o della com$eten a linguistica degli immigrati stessi. I $rogetti del 6onsiglio d*uro$a degli anni /ettanta mirano a gestire il contatto !ra le lingue dei %aesi os$iti e "uelle dei gru$$i di immigrati. Eel tentativo di risolvere "uesti $roblemi5 il 6onsiglio a!!ronta globalmente la "uestione della didattica delle lingue5 ri$ortando in $rimo $iano la ri!lessione su tali tematic7e.

5.1.1 .ivello soglia


W allinterno di "uesta ione linguistica5 !inali ata a creare una $olitica linguistica comune c7e $rende !orma il $rogetto Lingue moderne5 mirante alla di!!usione della conoscen a delle lingue euro$ee tra gli adulti della 6omunit) euro$ea. Il $rogetto 7a im$licato unim$ortante !ase di ri!lessione teorico1metodologico sullinsegnamento delle lingue5 di cui i vari -livelli soglia. sono i risultati concreti. Eelle $arole di C. &. <an *@ 919+90 5+:5 res$onsabile del citato $rogetto5 il Li!ello soglia X0
1

Quadro comune europeo di riferimento per le lingueW apprendimento3 insegnamento3 !alutazione 92002: 6onsiglio d*uro$a5 La Euova Italia \ OB!ord5 ,iren e. 93itolo originale0 Common ,uropean 9rame*or2 of Geference for LanguagesW Learning3 /eac-ing3 +ssessment 1SS$1%&&15 6ouncil o! *uro$e5 /trasbourg.:

118

-un livello di ca$acit) $redominantemente orale al "uale i discenti saranno in grado di so$ravvivere5 dal $unto di vista linguistico5 in un %aese straniero e di stabilire e mantenere contatti sociali con $arlanti della lingua straniera abc 6iV signi!ica c7e i nostri obiettivi minimi di a$$rendimento dovranno includere cose come la ca$acit) di scambiare in!orma ioni su se stessi e sugli altri5 sul $ro$rio lavoro5 sui $ro$ri interessi5 sulla $ro$ria $rovenien a sociale5 sul $ro$rio $aese5 ecc..

/i tratta di as$ira ioni !ondamentali nel "uadro della coo$era ione euro$ea. In "uanto obiettivi di insegnamentoKa$$rendimento delle lingue5 tuttavia5 sono relativamente diversi da "uelli tradi ionali5 so$rattutto da "uelli ti$ici dei curricoli scolastici. I normali corsi di lingue sono costituiti incentrando latten ione sulla lingua da insegnare5 mentre la -sensibilit) allutente. X bassa5 e tocca !orse solo il livello lessicale. Il $rinci$io alla base del $rogetto del 6onsiglio d*uro$a X invece $ro$rio la massima sensibilit) allutente5 cos^ da ca$ovolgere la gerarc7ia usuale nella sele ione del materiale linguistico. La$$roccio di !ondo del $rogetto X a$$unto il concetto di sistema di unit) 9unit s"stem:5 secondo cui le "uattro attivit) linguistic7e !ondamentali 9$arlare5 ascoltare5 leggere5 scrivere: e linsieme dei dati da ac"uisire $uV essere anali ato in unit) c7e messe insieme in modo graduale5 !ormano il cor$o organico della conoscen a. /i cita Halli de %aratesi 919810 28:.
-Hli obiettivi di un corso di lingua sono un insieme di forme di!erse atomizzate di competenza c7e $ermette ai discenti di !ornire delle $resta ioni attraverso la lingua ... nelle situa ioni c7e si su$$one $ossano scaturire dai loro bisogni.. 9corsivo nostro:

Le concrete !orme linguistic7e 9lessicali e grammaticali: da insegnare sono "uindi sele ionate non in base al loro valore nel sistema della lingua5 ma alluso c7e determinati gru$$i di $arlanti $ossono !arne in determinate situa ioni. La lingua X vista dun"ue come uno strumento sociale5 c7e $ermette di interagire con gli altri. Eel "uadro teorico !ortemente in!luen ato dalla sociolinguistica e dalla $ragmatica5 risulta centrale lidea c7e $er sele ionare in modo corretto le !orme e le strutture da insegnare5 bisogna $artire dallindividua ione di uno o $iU destinatari ti$o5 dei "uali !osse necessario anali are i bisogni comunicativi5 dun"ue non solo le situa ioni di uso reale della lingua5 i ruoli sociali dei $arteci$anti5 gli sco$i e gli argomenti dellintera ione 9orientamento !un ionale:5 ma anc7e i concetti e le no ioni c7e gli utenti i$oti ati avrebbero avuto bisogno di es$rimere nella L2 9orientamento no ionale:. Latten ione X indiri ata ad un $ubblico adulto5 s$esso gi) inserito nel mondo $ro!essionale5 c7e5 a di!!eren a dei giovani in !ase di !orma ione scolastica5 sanno con notevole $recisione c7e cosa devono im$arare. /i $arte "uindi dallassunto c7e gli individui adulti5 c7e intra$rendono lo studio di una lingua5 sono s$inti da motiva ioni ben $recise. 2na volta scelto lutente1ti$o5 i suoi bisogni comunicativi sono anali ati in termini !un ionali 9in "uali situa ioni5 con "uali ruoli5 circa "uali argomenti e con "uali sco$i si trover) ad interagire nella lingua in esame: e no ionali 9"uali -no ioni.5 ovvero "uali concetti dovr) $oter es$rimere eKo com$rendere:. Questa griglia !un ionale1 no ionale c7e nasce dallanalisi dei bisogni serve da !iltro di scelta dei materiali linguisticiY "uesti ultimi5 debitamente organi ati in modo se"uen iale5 e con lo$$ortuno a$$arato didattico5 !ormeranno i corsi di lingua 9c!r. 6iliberti 199'0 1001105:. La base $er la costru ione dei sillabi no ionali1!un ionali X la teoria degli atti linguistici5 introdotta negli anni /essanta da &ustin e /earle. %arlando com$iamo degli atti5 come ad es. $resentarsi5 c7iedere in!orma ioni ecc. Fisogna o!!rire al discente una com$eten a comunicativa c7e gli $ermetta di usare la lingua in un determinato contesto5 sele ionando tra tutte le es$ressioni linguistic7e a sua dis$osi ione "uella $iU adeguata a reali are un determinato atto linguistico. Eella descri ione dettagliata del Li!ello soglia3 in!atti5 le

119

concrete !orme linguistic7e 7anno un ruolo secondario ris$etto alle !un ioni 9atti:5 c7e il discente deve essere in grado di com$iere nella lingua straniera. 6iV si ris$ecc7ia anc7e nella struttura $ressa$$oco identica delle s$eci!ica ioni relative alle singole lingue0 la $rima $arte include una com$lessa e larga classi!ica ione degli atti linguistici5 seguita da un re$ertorio delle concrete !orme lessicali e grammaticali. Le liste delle concrete !orme linguistic7e non si $ongono come un insieme c7iuso5 bens^ sono da considerare come linee guida. %ertanto il Li!ello soglia non X altro c7e la !ormula ione di obiettivi generali c7e servono come guida $er lorgani a ione dellattivit) didattica5 sem$re in vista dei bisogni degli studenti. Il concetto di livello soglia non si $one5 in!atti5 come $olivalente a tutti i bisogni semantici5 ma come s$eci!ico dei bisogni comunicativi di determinati gru$$i di destinatari 9c!r. Halli de %aratesi 919810 15:. I vari livelli soglia sono il $enultimo stadio di "uesto $rocesso0 re$ertori di !orme e strutture5 nelle ris$ettive lingue5 sele ionati in base a criteri !un ionali e no ionali es$licitati5 criteri a loro volta motivati sulla base di un gru$$o target5 accuratamente de!inito. Queste o$ere ra$$resentano il $enultimo stadio $erc7M sono conce$ite $er utenti c7e o$erano nellorgani a ione dellinsegnamento dellitaliano come lingua straniera5 "uindi non sono intese $er essere usate direttamente dai discenti stessi. Qui bisogna notare unim$ortante caratteristica di tutti i livelli soglia5 ovvero la !lessibilit). Le descri ioni5 nel loro com$lesso5 $ossono essere adattati alle esigen e di s$eci!ici gru$$i di utenti5 variando ad esem$io il re$ertorio lessicale. Osserviamo c7e nonostante il numero limitato delle unit) lessicali 91.500 del /res-old Le!el e del Li!ello Soglia e ca. 2.200 della lista ung7erese: e la gamma ridotta delle strutture grammaticali da im$arare5 gli obiettivi didattici sono assai am$i0 dotare la$$rendente dei me i linguistici necessari $er cavarsela in "uasi tutte le situa ioni "uotidiane 9<an *@ 19++:. Le motiva ioni c7e 7anno indotto a scegliere il limite di carico non sono date5 Halli de %aratesi 919810 15: si limita ad osservare solo c7e0
-al di sotto di "uesta soglia mancano gli strumenti linguistici necessari $er garantire ai gru$$i di destinatari scelti una soddis!acente intera ione sociale nelle situa ioni c7e si troveranno ad a!!rontare..

'00 unit) lessicali del /res-old Le!el e del Li!ello Soglia e una "uantit) non $recisata delle !orme della lista ung7erese sono $ro$oste $er la$$rendimento $assivo. %urtro$$o non si s$iegano i criteri di scelta delle !orme ( 9es$ressioni c7e gli allievi devono usare solo -ricettivamente.: ris$etto alle altre. Eellambito del $rogetto5 tra il 19+5 e il 2005 sono stati messi a $unto una serie di sillabi5 a cominciare con /res-old Le!el $er linglese5 il concetto -livello soglia. X stato a$$licato a tutte le lingue euro$ee5 tra cui anc7e allitaliano5 dalla sociologa Eora Halli de %aratesi 91981: 92.2.1+: e allung7erese dai linguisti &radi5 *rdQs e /turc 9c!r. 3.2.6:.2 &ccanto al /-res-old Le!el 919+5 e lultima edi ione del 1991: $er linglese sono stati elaborati5 sem$re da 3rim e <an *@5 il )a"stage Le!el 91980: 9il livello in!eriore al
2

%er linglese vedi0 <an *@ C. &. 919+5: /-e/res-old Le!el ,nglis-3 /trasbourg5 6ouncil o! *uro$e 92a edi ione aggiornata 1990:Y <an *@ C. &.5 3rim C. L. 8. 91980: )a"stage ,nglis-5 /trasbourg 92a edi ione aggiornata 19905 6ambridge5 62%.:5 6ouncil o! *uro$eY $er il !rancese0 6oste #. et alii 919+6: ;n :i!eau Seuil5 6onseil de l*uro$e5 /trasbourgY $er lo s$agnolo0 /lagter %. C. 919+9: :i!el ;mbral3 6onseLo de *uro$a5 /trasbourgY $er il tedesco0 Faldegger 8.5 8Tller 8.5 /c7neider 8. 91980: Conta2tsc-*elle Deutsc- als 9remdsprac-e3 *uro$arat5 /trasbourgY $er litaliano0 Halli de %aratesi E. 91982: Li!ello soglia5 6onsiglio d*uro$a5 /trasburgoY $er le altre lingue si $ubblicano i ris$ettivi livelli soglia nellordine cronologico seguente0 danese 91983:5 olandese 91985:5 norvegese 91988:5 basco 91988:5 $ortog7ese 91988:5 gali iano 91993:5 gallese 9199':5 russo 91996:5 maltese 9199+:5 lituano 9199+ e 2000:5 estone 9199+:5 lettone 9199+:5 catalano 91999:5 greco 919995 20015 2003 e 2005: ung7erese 92000:5 ceco 92001:5 rumeno 92002:5 sloveno 9200':.

120

/-res-old con sole 500 unit) lessicali: e il $iU recente Vantage Le!el 91996: 9il livello su$eriore al /-res-old8 c7e ra$$resentano una continuit) sia nel senso di una $rogressione nella$$rendimento5 sia nel senso di una comune linea teorico1 metodologica. I destinatari del Vantage Le!el sono adulti c7e so!!rono di una certa !rustra ione5 $oic7M non dis$ongono degli strumenti linguistici 9in $articolare lessicali: adeguati a ris$ondere alle esigen e della vita "uotidiana5 e c7e desiderano ac"uisire un $iU com$leto controllo del $rocesso comunicativo. In generale5 si tratta di un livello5 il cui raggiungimento consente una maggiore -autonomia. nelluso linguistico. La struttura e la suddivisione in ca$itoli del Vantage Le!el corris$onde a "uelle del /-res-old Le!el. I criteri di sociolingistica e $ragmatica sono5 $er loro natura5 criteri danalisi in situa ioni date5 utili $er mettere in rela ione variabili linguistic7e rilevate con variabili delle situa ioni5 in modo da individuare regolarit) altrimenti nascoste. %ermettono di descrivere in modo $iU !ine ed organi ato la nostra conoscen a del mondo. Eotiamo con Ferretta 919830 2'5: c7e X $ro$rio "uesta maggiore !ine a ed organi a ione della descri ione c7e distingue i livelli soglia dai manuali di conversa ione $er turisti5 anc7essi basati sulla scelta e analisi delle situa ioni1ti$o in cui lutente si trover) ad usare la lingua. %ertanto nel Livello soglia le situa ioni meglio descritte sono le stesse c7e5 nella vita "uotidiana5 sono altamente standardi ate anc7e in termini di !ormule linguistic7e usate5 mentre le intera ioni $ersonali im$revedibili restano genericamente de!inite. W indiscutibile il merito della$$roccio di o!!rire una base comune5 concreta ed accessibile5 su cui insegnanti5 autori di manuali ed elaboratori di test $ossono creare dei materiali.3

5.1.2 Il Guadro comune europeo per le lin!ue


Lim$egno del 6onsiglio d*uro$a in "uesto cam$o non si X !ermato allelabora ione dei livelli soglia. Eel novembre 2001 $er ini iativa del Hoverno ,ederale /vi ero si X tenuto a (Tsc7li@on un convegno interna ionale dal titolo0 -/ransparenc" and Co-erence in Language Learning in ,uropeW Kb#ecti!es3 ,!aluation3 Certification.. Il congresso si inseriva nel contesto del $rogetto denominato0 Lodern Languages Pro#ect. Language Learning for ,uropean Citizens-ip 9198911996:. Hli es$erti decisero di svilu$$are un documento c7e $otesse diventare una sorta di "uadro di ri!erimento euro$eo in cui5 c7i dovesse svilu$$are curricoli5 materiali $er linsegnamento o $er la veri!ica5 $otesse trovare ri!lessioni teoric7e5 indica ioni5 s$unti es$ressi in !orma coerente. La $rima versione del 1995 X stata sotto$osta ad unaccurata revisione e nel 2001 X uscito il documento dal titolo0 Common ,uropean 9rame*or2 of Geference for Languages.' Questo documento ra$$resenta lultimo stadio di un $rocesso avviato nel 19+15 rivolta ad abbattere le barriere linguistic7e !ra i $o$oli euro$ei. /em$re nellambito delle ini iative del 6onsiglio d*uro$a vale la $ena di ricordare brevemente il $rogetto Portfolio ,uropeo delle Lingue R,urPpai :"el!tanulNsi :aplP85
3

2no dei manuali didattici elaborati a $artire dalla lista del Li!ello soglia $er litaliano X il libro di 67iUc7iU5 8inciarelli e /ilvestrini 91990:5 intitolato Bn italiano. ' La versione inglese X dis$onibile on line0 7tt$0KK===.coe.intKtKdg'KlinguisticK/ourceK,rame=or@e*E.$d! e in edi ione cartacea0 Common ,uropean 9rame*or2 of Geference for LanguagesW Learning3 /eac-ing3 +ssessment 92001: 6ouncil o! *uro$e5 /trasbourg. Il documento X stato tradotto in "uasi tutte le lingue euro$ee5 laltro in ung7erese0 C6z6s ,urPpai Geferencia2eretW n"el!tanXtNs3 n"el!tanulNs3 7rt72el7s 92002: *urP$a 3anOcs5 /trasbourg 9comunemente detto C,G:5 e in italiano0 Quadro comune europeo di riferimento per le lingue. +pprendimento3 insegnamento3 !alutazione 92002: 6onsiglio d*uro$a. /trasburgo 9comunemente c7iamato Quadro comune o 9rame*or2:.

121

uno strumento c7e sis$ira al Quadro comune europeo3 ma c7e X $ensato allo sco$o di descrivere la $rogressione di giovani e adulti nella conoscen a di una data lingua straniera. Lo studente sar) c7iamato a registrare le $ro$rie es$erien e linguistic7e e !ormative 9sia "uelle a$$rese in maniera sistematica in un ambiente istitu ionale5 sia "uelle non sistematic7e: nel Portfolio c7e a sua volta documenter) il $ercorso e il livello di a$$rendimento delle lingue da $arte dello studente5 !ornendogli una s$ecie di lascia$assare $er il lavoro o $er lo studio5 riconosciuto da tutti i %aesi euro$ei. Eel Portfolio si registreranno0 attestati e certi!icati conseguiti dalla$$rendenteY es$erien e di studio 9corsi di lingua: e di soggiorno allesteroY griglie $er lauto1osserva ione e lautovaluta ione continuaY $resta ioni $ersonali sotto osserva ione. <edovelli 92002a0 6': ricorda5 in!atti5 c7e $er rendere e!!ettivamente $ossibile lattua ione del Portfolio5 "uale biogra!ia linguistica dei cittadini euro$ei5 occorre un codice comune $er la tradu ione dei vari sistemi di valuta ione. La riconoscibilit) sul $iano euro$eo dei titoli e delle com$eten e registrate nel Portfolio X resa $ossibile a$$unto dai $arametri comuni di ri!erimento es$osti nel Quadro comune. /co$o del Quadro comune X di stabilire dei livelli comuni di com$eten a linguistica5 al !ine di $romuovere il riconoscimento transna ionale delle certi!ica ioni euro$ee. *sso 9$. 1: intende0
-!ornire una base comune $er lelabora ione di sillabi linguistici5 di linee guida $er costruire curricula5 esami5 libri di testo ecc. in *uro$a..

%er !ar "uesto5 descrive in modo esaustivo ciV c7e gli a$$rendenti devono im$arare a !are $er usare la lingua $er comunicare5 e "uali conoscen e e abilit) devono svilu$$are. La scala $ro$osta dal Quadro comune vuole !ornire uno strumento di lavoro basato sui criteri di stabilit) e di standardi a ione. Lo$era ri$rende lim$ianto originario5 gi) es$resso nei livelli soglia5 secondo cui al centro di ogni insegnamento linguistico sta la$$rendente con i suoi bisogni e lobiettivo $rimo X lo svilu$$o della com$eten a linguistico1comunicativa. Questa va a sua volta considerata una somma di $iU com$eten e0 a: una com$eten a $ragmatica 9ca$acit) di com$iere a ioni linguistico1comunicative adeguate ai bisogni5 dun"ue di agire in modo e!!icace nei diversi contesti:Y b: una com$eten a sociolinguistica 9ca$acit) di dominare le condi ioni socioculturali duso della lingua5 le conven ioni sociali5 i generi testuali5 le variet) di lingua $iU adeguate alle diverse situa ioni:Y c: una com$eten a linguistica 9ca$acit) di discriminare e scegliere gli elementi linguistici $iU o$$ortuni $er reali are le diverse inten ioni comunicative:. In "uesto gru$$o si inserisce loggetto del nostro esame5 ovvero la com$eten a lessicale c7e 9insieme a "uella grammaticale5 semantica5 !onologica5 ortogra!ica e ortoe$ica: costituisce un indicatore della com$eten a linguistica. 3utte "ueste 9sotto:com$eten e vanno svilu$$ate armonicamente5 vanno sele ionati e messi in se"uen a i contenuti ritenuti $iU idonei al raggiungimento degli obiettivi da$$rendimento $ertinenti ai vari livelli di com$eten a. Le attivit) linguistic7e 9rice ione5 $rodu ione5 intera ione e media ione: si attuano in "uattro domini s$eci!ici 9$ubblico5 $ersonale5 occu$a ionale ed educativo: c7e coincidono $er larga misura con "uelli del Li!ello Soglia.5 3utte le situa ioni c7e $ossono ricorrere nei vari domini sono descrivibili in termini di luogo in cui accadono5 di istitu ioni le cui norme ne determinavano landamento5 di $ersone coinvolte5 di oggetti animati e inanimati dellambiente5 di eventi c7e si veri!icano5 di a ioni eseguite dalle $ersone coinvolte e di testi orali o scritti c7e X necessario ca$ire o $rodurre. %er ogni dominio X stata elaborata
5

6!r. i domini del L/0 gru$$o dei $ariY servi i $ubbliciY trattative commercialiY istru ione.

122

una tabella di no ioni5 alle "uali dovrebbero corris$ondere i contenuti di lingua straniera di un sillabo scolastico.6 I livelli di com$eten a sono scanditi dal 6onsiglio d*uro$a in 6 diverse !asce indicate con le sigle &15 &25 F15 F25 615 62 c7e corris$ondono ris$ettivamente al livello di conoscen a di un utente basico5 indi$endente e com$etente. La tri$arti ione dei $ro!ili ri!lette la distin ione e!!ettuata dal 6onsiglio d*uro$a alla !ine degli anni /ettanta.
I livelli del Guadro comune &1 2tente Frea@t7roug7 &2 basico ?a;stage F1 2tente 37res7old F2 indi$endente <antage 61 2tente %ro!icienc; 62 com$etente 8aster; Livelli di com$eten a del Quadro comune europeo

In due ricerc7e5 condotte tra il 1993 e il 1996 con la $arteci$a ione di "uasi 300 insegnanti e 2.800 studenti5 sono stati elaborati i c.d. descrittori c7e $ermettono di de!inire5 $er ognuno dei sottolivelli $revisti5 sia le attivit) corris$ondenti ai vari ambiti di abilit)5 sia ciV c7e ad un certo livello la$$rendente deve sa$er !are. I descrittori di com$eten e5 ri$ortati nella tabella sottostante5 servono a dare un "uadro globale. 2nanalisi di !un ioni5 no ioni5 grammatica e lessico necessari $er $ortare a termine i com$iti comunicativi descritti nelle scale $otrebbe !ar $arte dellelabora ione di nuovi re$ertori di s$eci!ica ioni linguistic7e relative alle singole lingue.
&1 (iesce a com$rendere e utili are es$ressioni !amiliari di uso "uotidiano e !ormule molto comuni $er soddis!are bisogni di ti$o concreto. /a $resentare se stessoKa e altri ed X in grado di $orre domande su dati $ersonali e ris$ondere a domande analog7e 9il luogo dove abita5 le $ersone c7e conosce5 le cose c7e $ossiede:. W in grado di interagire in modo sem$lice $urc7M linterlocutore $arli lentamente e c7iaramente e sia dis$osto a collaborare. &2 (iesce a com$rendere !rasi isolate ed es$ressioni di uso !re"uente relative ad ambiti di immediata rilevan a 9ad es. in!orma ioni di base sulla $ersona e sulla !amiglia5 ac"uisti5 geogra!ia locale5 lavoro:. (iesce a comunicare in attivit) sem$lici e di routine c7e ric7iedono solo uno scambio di in!orma ioni sem$lice e diretto su argomenti !amiliari e abituali. (iesce a descrivere in termini sem$lici as$etti del $ro$rio vissuto e del $ro$rio ambiente ed elementi c7e si ri!eriscono a bisogni immediati. *1 W in grado di com$rendere i $unti essen iali di messaggi c7iari in lingua standard su argomenti !amiliari c7e a!!ronta normalmente al lavoro5 a scuola5 nel tem$o libero ecc. /e la cava in molte situa ioni c7e si $ossono $resentare viaggiando in una regione dove si $arla la lingua in "uestione. /a $rodurre testi sem$lici e coerenti su argomenti c7e gli siano !amiliari o siano di suo interesse. W in grado di descrivere es$erien e e avvenimenti5 sogni5 s$eran e5 ambi ioni5 di es$orre brevemente ragioni e dare s$iega ioni su o$inioni e $rogetti. *2 W in grado di com$rendere le idee !ondamentali di testi com$lessi su argomenti sia concreti sia astratti5 com$rese le discussioni tecnic7e nel $ro$rio settore di s$eciali a ione. W in grado di interagire con relativa sciolte a e s$ontaneit)5 tanto c7e lintera ione con un $arlante nativo si svilu$$a sen a eccessiva !atica e tensione. /a $rodurre testi c7iari e articolati su unam$ia gamma di argomenti e es$rimere uno$inione su un argomento di attualit)5 es$onendo i $ro e i contro delle diverse o$ ioni. )1 W in grado di com$rendere unam$ia gamma di testi com$lessi e $iuttosto lung7i e ne sa ricavare anc7e il signi!icato im$licito. /i es$rime in modo scorrevole e s$ontaneo5 sen a un eccessivo s!or o $er cercare le $arole. 2sa la lingua in modo !lessibile ed e!!icace $er sco$i sociali5 accademici e $ro!essionali. /a $rodurre testi c7iari5 ben strutturati e articolati su argomenti com$lessi5 mostrando di sa$er controllare le strutture discorsive5 i connettivi e i meccanismi di coesione. )2 W in grado di com$rendere sen a s!or o $raticamente tutto ciV c7e ascolta o legge. /a riassumere in!orma ioni tratte da diverse !onti5 orali e scritte5 ristrutturando in un testo coerente le argomenta ioni e le $arti in!ormative. /i es$rime s$ontaneamente5 in modo molto scorrevole e $reciso e rende distintamente sottili s!umature di signi!icato anc7e in situa ioni $iuttosto com$lesse.
6

Eel dominio $ubblico5 sono indicati come luog7i le strade5 i nego i5 le sale teatrali ecc.Y come istitu ioni gli organismi sanitari5 i $artiti $olitici ecc.Y come $ersone i $ubblici u!!iciali5 i religiosi5 i camerieri5 i commessi ecc.Y come oggetti il denaro5 i beni5 i documenti ecc.Y come a ioni gli ac"uisti5 i viaggiY come testi gli annunci $ubblici5 le etic7ette5 i menu5 ecc. 9c!r. 8a otta 20020 12:.

123

#escrittori di com$eten e $ro$osti dal dal Quadro comune europeo di riferimento 93ab. 6:

Il Quadro comune europeo si limita dun"ue a suggerire una cornice comune5 un "uadro teorico di ri!erimento utile nella $iani!ica ione curricolare5 cui seguiranno sillabi di!!eren iati $er lingua. Linter$reta ione degli indicatori sulla com$eten a di un a$$rendente di un dato livello X lasciata agli addetti del settore5 $ro$rio $erc7M non si tratta "uindi di un $rogramma5 ma di uno strumento $er svilu$$are $rogrammi 9<edovelli 2002a0 82:.+ %resso l2niversit) $er /tranieri di %erugia X in corso un $rogetto !inali ato alla descri ione dei contenuti linguistici $er la lingua italiana5 ra$$ortati ai livelli &1 \ F2 del Quadro 6omune di (i!erimento *uro$eo $er le Lingue. Il $rogetto si colloca allinterno della ione $romossa dalla #ivisione $er le %olitic7e Linguistic7e del 6onsiglio d*uro$a. 8odelli di ri!erimento riconducibili al $rogetto italiano sono gi) stati reali ati5 o sono in corso di reali a ione5 $er altre lingue euro$ee. Oltre al $rogetto $er la de!ini ione dei materiali re!eren iali5 X in corso un altro $rogetto interna ionale5 c7e intende creare $rocedure comuni e condivise al !ine di validare la correla ione di esami linguistici ai livelli del Quadro 6omune di (i!erimento *uro$eo. L2niversit) $er /tranieri di %erugia X lunica istitu ione $er la lingua italiana coinvolta in entrambi i $rogetti. I contenuti linguistici $er litaliano5 ra$$ortati ai livelli &1 \ F2 del Quadro 6omune *uro$eo5 vengono de!initi in base alle seguenti categorie descrittive0 generi discorsiviY !un ioniY no ioni generaliY no ioni s$eci!ic7eY elementi grammaticaliY elementi !onetici e $rosodici. Hli inventari saranno raccolti in un 6# (O8 $er !acilitarne la consulta ione. Lo$era sar) $oi corredata di un su$$orto cartaceo contenente saggi ed a$$ro!ondimenti relativi a0 metodi e $rocedure adottati $er la reali a ione degli inventari5 strategie di a$$rendimento5 com$eten e culturali. La $ubblica ione dei materiali X $revista $er la seconda met) del 200+. 5.1.2.1 .a com'etenza lessicale nel Guadro comune

Occorre c7iarire innan i tutto c7e la com$eten a lessicale !a $arte del gru$$o $iU am$io delle com$eten e linguistic7e 9c!r. so$ra:. La com$eten a lessicale stessa si suddivide in due sottogru$$i0 elementi lessicali e grammaticali. Li ri$ortiamo di seguito 9Common ,uropean 9rame*or25 20010 11011115 tradu ione nostra:.
Hli elementi lessicali includono0 a: Locu ioni !isse5 consistenti di $iU di una $arola5 c7e vanno a$$rese nel loro insieme. & "uesto gru$$o a$$artengono0 \ !ormule senten iali5 come saluti5 $roverbi5 arcaismi relitti c7e reali ano delle !un ioni linguistic7e \ idiomi5 come meta!ore semanticamente o$ac7e5 in!ensi!icatori il cui uso X ristretto dal $unto di vista contestuale e stilistico \ strutture !isse5 im$arati e usati come insiemi non anali abili in $arti \ colloca ioni !isse5 consistenti di $arole usate s$esso insieme b: %arole singole. 2na certa $arola $uV avere una serie di signi!icati diversi. Qui a$$artengono le voci delle classi di $arole a$erte0 sostantivi5 verbi5 aggettivi5 avverbi5 a volte anc7e serie c7iuse 9nomi dei giorni della settimana5 nomi dei mesi dellanno5 unit) di misura ecc.:
+

%er veri!icare il livello di conoscen e linguistic7e secondo la scala del Quadro comune > stato messo a $unto un sistema com$uteri ato 9===.dialang.org: c7e $ermette la valuta ione della com$eten a linguistica in una L2 tra 1' lingue euro$ee5 tra cui litaliano. Il sistema non solo indica c7e cosa X stato sbagliato dal soggetto5 ma suggerisce "uali sono i suoi $unti di !or a e di debole a e consiglia strategie $er migliorare le $ro$rie abilit).

12'

Hli elementi grammaticali !anno $arte delle serie c7iuse 9almeno in inglese:5 "ui a$$artengono0 articoli5 "uanti!icatori5 dimostrativi5 $ronomi $ersonali5 interrogativi e relativi.

W interessante notare c7e allinterno della com$eten a $ragmatica5 il Quadro comune ric7iama alla conoscen a di $roverbi5 detti celebri e $o$olari5 la cui !or a risiede nel loro signi!icato traslato c7e rimanda a uneredit) culturale condivisa da una comunit) linguistica. %ur essendo strumenti $re iosi $er la !orma ione della com$eten a $ragmatica5 in realt) s$esso gli idiomi e i modi di dire $o$olari sono tralasciati dagli insegnanti di lingue. La $adronan a del vocabolario si misura sotto due as$etti0 lestensione e il controllo del vocabolario. (i$ortiamo di seguito5 in inglese5 $er garantire una maggiore $recisione5 i descrittori relativi ai singoli livelli. 3ralasciamo i descrittori relativi al controllo e ri$ortiamo solo "uelli dellestensione del vocabolario 9Common ,uropean 9rame*or25
20010 112:0
&1 Aas a basic vocabular; re$ertoire o! isolated =ords and $7rases related to $articular concrete situations. Aas a basic vocabular; re$ertoire o! isolated =ords and $7rases related to $articular concrete situations. &2 Aas a su!!icient vocabular; !or t7e eB$ression o! basic communicative needs. Aas a su!!icient vocabular; !or co$ing =it7 sim$le survival needs. *1 Aas a su!!icient vocabular; to eB$ress 7imK7ersel! =it7 some circumlocutions on most to$ics $ertinent to 7isK7er ever;da; li!e suc7 as !amil;5 7obbies and interests5 =or@5 travel5 and current events. Aas su!!icient vocabular; to conduct routine5 ever;da; transactions involving !amiliar situations and to$ics. *2 Aas a good range o! vocabular; !or matters connected to 7isK7er !ield and most general to$ics. 6an var; !ormulation to avoid !re"uent re$etition5 but leBical ga$s can still cause 7esitation and circumlocution. )1 Aas a good command o! a broad leBical re$ertoire allo=ing ga$s to be readil; overcome =it7 circumlocutionsY little obvious searc7ing !or eB$ressions or avoidance strategies. Hood command o! idiomatic eB$ressions and collo"uialisms. )2 Aas a good command o! a ver; broad leBical re$ertoire including idiomatic eB$ressions and collo"uialismsY s7o=s a=areness o! connotative levels o! meaning. #escrittori di com$eten e $ro$osti dal Quadro comune europeo di riferimento 93ab. 6:

/ono dun"ue "uesti i criteri5 !ormulati in modo olistico5 in base ai "uali gli addetti ai lavori dovranno com$iere le $ro$rie scelte. &!!inc7M non si arrivino a risultati del tutto soggettivi5 nella guida $er lo svilu$$o delle descri ioni re!eren iali 9Geference Le!el Descriptions for :ational and Gegional Languages5 20050 6: si raccomanda5 $rima di altri criteri5 il ricorso a indici di !re"uen a5 con $articolare riguardo ai dati ricavati da testi oraliY cor$ora costituiti da testi $rodotti da a$$rendenti in situa ioni di valuta ione. In con!ormit) a "uesti criteri5 $er elaborare gli es$onenti lessicali e grammaticali $er la lingua inglese5 sono $resi in considera ione i dati del Cambridge Learner Corpus5 com$rensivo di 26 milioni di occorren e. Il team dell2niversit) $er /tranieri di %erugia5 ente cui X stata a!!idata lelabora ione dei materiali re!eren iali $er litaliano5 anali ano dati autentici raccolti dalle esecu ioni di candidati agli esami 6*LI. W evidente "uindi5 c7e lelabora ione delle s$eci!ica ioni5 ovvero la sele ione delle concrete !orme lessicali e grammaticali5 deve basarsi su dati oggettivi ricavati da materiali di ri!erimento come liste di !re"uen a e cor$ora. Eon X un caso5 "uindi5 c7e la com$eten a linguistica $ersonale dei valutatori e docenti5 come $arlanti nativi o "uasi nativi5 X raccomandato in ultimo luogo tra i criteri da seguire.

125

'.2

$ertificati nazionali di italiano L2

Lo sco$o di "uesto ca$itolo X di esaminare dal $unto di vista dei re"uisiti lessicali le certi!ica ioni u!!iciali di com$eten a attualmente esistenti $er litaliano L2. La di!!usione di "uesti certi!icati serve a !issare delle soglie5 anc7e $er lam$ie a del lessico5 sotto le "uali non scendereY daltra $arte5 conoscere "uali materiali di ri!erimento sono stati utili ati $er la sele ione del lessico ric7iesto $uV avere risvolti concreti $er la didattica. In Italia le certi!ica ioni di italiano L2 u!!icialmente riconosciute sono attualmente "uattro. La Certificazione di Btaliano come Lingua Straniera 96IL/: dell2niversit) degli /tranieri di /iena5 il Certificato di Conoscenza della Lingua Btaliana 96*LI: dell2niversit) $er /tranieri di %erugia e il Certificato di Competenza della Lingua 9%LI#&: rilasciato dalla /ociet) #ante &lig7ieri. 6iascuno di "uesti esami X articolato in 6 livelli 9&1162:5 in con!ormit) alle raccomanda ioni del Quadro comune europeo. Il Certificato per la Conoscenza dellBtaliano come L% 9I3: dell2niversit) (oma tre 7a un unico livello5 decisamente alto o avan ato 961162:. Il livello $iU basso X ra$$resentato dal Certificato di competenza elementare in italiano come lingua straniera 9ele1I3:5 c7e misura la com$eten a in italiano al livello F1. In "uesto ca$itolo ci concentriamo sui re"uisiti lessicali de!initi $er le certi!ica ioni 6IL/5 6*LI e %LI#&.8

5.2.1 )ertificazione di Italiano come .ingua 3traniera ()I.3"


La certi!ica ione 6IL/5 nata nel 19935 com$rendeva originariamente "uattro livelli5 cui si sono aggiunti i due nuovi livelli 6IL/ &1 e 6IL/ &2. La crea ione di "uesti nuovi livelli5 c7e testano una com$eten a in!eriore a "uella $revista dal livello 2no5 $ermettono c7e il sistema co$ra tutti i livelli di com$eten a $revisti dal Quadro comune.
6IL/ &1 6IL/ &2 6IL/ 2EO 6IL/ #2* 6IL/ 3(* 6IL/ Q2&33(O &1 &2 F1 F2 61 62

6orris$onden a tra i livelli 6IL/ e stadi di a$$rendimento del Quadro comune.

%er "uanto riguarda la struttura e lorgani a ione linguistica dei materiali delle $rove5 X necessario sottolineare c7e i test e le $rove $artono sem$re da un testo c7e costituisce il centro della comunica ione. I testi dei vari livelli 7anno un grado diverso di leggibilit)5 controllata mediane la !ormula Hul$ease 9v. se . '.2: e a$$osite !ormule statistic7e5 diversi livelli lessicali e mor!osintattici. %er il controllo lessicale si utili ano il Vocabolario di base della lingua italiana 9<dF: 9#e 8auro et al. 1980: e il Lessico di frequenza dellitaliano parlato 9LI%: 9#e 8auro et al. 1993:5 due strumenti c7e $ermettono di -valutare realmente "uale lessico usano gli italiani5 sia nella lingua scritta c7e in "uella $arlata. 9Far@i et al. 20030 121:.9
8 9

%er una storia delle certi!ica ioni di italiano come L2 si rimanda a <edovelli 92002b. 1891208:. /i cita ancora Far@i et al. 920030 121:0 -Il LI% X la lista di !re"uen a $iU com$leta e ra$$resentativa delluso della lingua $arlata dagli italiani e la sua im$ortan a X da atribuirsi al !atto c7e _!otogra!a la realt) del $arlato contem$oraneo5 sem$re $iU staccata dalla lingua scritta codi!icata dalle grammatic7e..

126

I risultati delle ricerc7e condotte $resso l2niversit) $er /tranieri di /iena relative alla -analisi delle caratteristic7e delle !asi ini iali della$$rendimento dellitaliano da $arte degli stranieri. sono $resentati in Far@i et al. 920030 23:. 3ale analisi X accom$agnata sia da una $ro$osta classi!icatoria $er i $rimi due livelli di com$eten a 9&1 e &2: !atta secondo i criteri del Quadro comune5 sia dallindividua ione di diversi $ubblici di a$$rendenti e da un tentativo di de!ini ione dei sillabi relativi. La %re16IL/ 9nome riassuntivo $er le certi!ica ioni di livello &1 e &2: si articola in moduli certi!icatori c7e 7anno una struttura ed un !ormato simili ma sono diversi $er contenuti5 ti$ologie e generi testuali5 contesti comunicativi. %er ciascuno dei moduli sono stati creati sillabi e test di veri!ica e valuta ione seguendo le medesime $rocedure e adottando gli stessi criteri riassunti dal Quadro comune. %er il momento esistono sei moduli certi!icatori $er un totale di nove $ubblici 9/trambi 200':. In con!ormit) alla$$roccio centrato !ondato sulla$$rendente ed orientato allagire comunicativo del Quadro comune3 gli atti comunicativi sono suddivisi in base ai "uattro domini $rinci$ali di comunica ione 9$ersonale5 $ubblico5 occu$a ionale5 educativo: ed in base ai contesti c7e de!iniscono le situa ioni comunicative 9luog7i dove avviene lintera ione5 istitu ioni5 $ersone e oggetti coinvolti5 eventi c7e intercorrono5 a ioni c7e si svolgono:. %er ogni modulo X stata creata una tabella c7e individua i domini ed i contesti della comunica ione c7e "uella s$eci!ica categoria di a$$rendenti5 cui il modulo X destinato5 riesce a gestire. ,acendo ri!erimento alle tabelle di domini e contesti duso della lingua e alla descri ione o sillabo delle abilit) di ciascun $ubblico sono stati individuati i ti$i di testi da $ro$orre nei test del modulo ed il lessico di ri!erimento.
&1 La sele ione dei testi desame si basa su un re$ertorio lessicale di circa 850 $arole5 di cui ca. 600 rientrano nel Vocabolario di base della lingua italiana 9$er l82[ nel <ocabolario !ondamentale: e 250 sono raccolte in cam$i semantici relativi ai domini e contesti duso dello s$eci!ico $ubblico cui il modulo X destinato. I testi $otranno contenere un ulteriore 10[ di $arole c7e non !anno $arte del Vocabolario di base5 ma il cui signi!icato risulter) desumibile dal cotesto. &2 La sele ione dei testi desame si basa su un re$ertorio lessicale di circa 1200 $arole5 di cui ca. +50 rientrano nel Vocabolario di base della lingua italiana 9$er l80[ nel <ocabolario !ondamentale: e '50 sono raccolte in cam$i semantici relativi ai domini e contesti duso dello s$eci!ico $ubblico cui il modulo X destinato. I testi $otranno contenere un ulteriore 10[ di $arole c7e non !anno $arte del Vocabolario di base5 ma il cui signi!icato risulter) desumibile dal cotesto. (e"uisiti lessicali dellesame 6IL/ nei livelli &11&25 ricavato da0 /trambi 92001:.

Eel caso di "uesti $rimi livelli5 trattandosi di a$$rendenti non autonomi5 la scelta del lessico -attivo. risulta $articolarmente $roblematica5 $oic7M il lessico deve essere ridotto e al contem$o ra$$resentativo dei contesti duso in cui gli a$$rendenti $otrebbero trovarsi a dover comunicare. La tabella seguente ra$$resenta la com$ara ione del lessico generale del livello 6IL/ &1 con il <dF0
0d* Vocabolario fondamentale Vocabolario di alto uso Vocabolario di alta disponibilit< :on Vd0 3otale @umero di lemmi 500 65 26 13 60' Percentuale 825+8[ 105+6[ '53[ 2515[ 100[

Lessico generale del livello 6IL/ &1 com$arato con il <dF 9tratto da Far@i et al. 20020 122:.

Il lessico c7e non X com$reso nel <dF riguarda lemmi c7e recentemente sono diventati molto !re"uenti come cd3 cellulare3 centesimo3 euro3 supermercato3 !ideo ecc. $ertanto

12+

non $otevano rimanere !uori dalla lista. Quanto al livello &25 il lessico -attivo. sale a 800 lemmi. La tabella $resenta la com$ara ione del lessico generale del livello 6IL/ &1 con il <dF0
0d* Vocabolario fondamentale Vocabolario di alto uso Vocabolario di alta disponibilit< :on Vd0 3otale @umero di lemmi 651 9+ 38 1' 800 Percentuale 81538[ 12531[ '5+5[ 15+5[ 100[

Lessico generale del livello 6IL/ &2 com$arato con il <dF tratto da Far@i et al. 920020 122:.

Le due liste dei lemmi concreti sono $resentati in Far@i et al. 920030 12311265 12+1131:. Osserviamo c7e i lemmi nuovi ris$etto al livello &1 a$$artengono so$rattutto alla !ascia !ondamentale e5 in misura decrescente al vocabolario dalto uso e di alta dis$onibilit). <ediamo ora "uali sono i re"uisiti lessicali relativi ai livelli $iU alti. Le indica ioni sono contenute nelle Linee guida CBLS5 $ubblicate a cura di <edovelli 92006:5 dis$onibile in !ormato elettronico sul sito delluniversit)0
*1 Il candidato deve ca$ire il senso generale di testi contenenti $arole del Vocabolario di base della lingua italiana5 $iU una eventuale $arte di lessico comune !ino al 5[. Eella $rodu ione orale e scritta il candidato dovr) sa$er usare $arole del lessico !ondamentale e $arte del lessico di alta dis$onibilit). *2 Il candidato deve sa$ersi orientare in testi contenenti $arole del Vocabolario di base della lingua italiana5 ma anc7e altri livelli di lessico 9!ino al +[ maB.:. Eella $rodu ione orale e scritta dovr) sa$er usare $arole del lessico !ondamentale e anc7e $arte del lessico di alta dis$onibilit). )1 Il candidato deve sa$ersi orientare in testi contenenti $arole del Vocabolario di base della lingua italiana5 ma anc7e altri livelli di lessico 9!ino al 15[ maB.:. Eella $rodu ione orale e scritta dovr) dimostrare di $ossedere un bagaglio lessicale contenente le $arole del lessico !ondamentale e di alta dis$onibilit)5 e sa$er usare anc7e $arole a$$artenenti al lessico di alto uso. )2 Il candidato deve $ossedere un bagaglio lessicale molto am$io e deve dimostrare di sa$er utili are le $arole in modo adeguato5 $ertinente e $reciso. #eve essere ca$ace di $rodurre sinonimi in registri linguistici di!!erenti e identi!icare la colloca ione sociale5 culturale e storica delle $arole al !ine della loro adeguata utili a ione. (e"uisiti lessicali dellesame 6IL/ nei livelli F11625 ricavato da0 <edovelli 92006:.

Eellambito dei "uattro livelli 96IL/ 2EO \ Q2&33(O: il re$ertorio lessicale $resente nei testi X costituito dalle $arole del <dF5 $iU una $ercentuale di lessico comune c7e varia dal 5[ del livello 2no 9F1: al 15[ del livello 3re 961:. %er il livello successivo non si $recisa la $ercentuale di vocaboli del lessico comune5 giacc7M "uesto livello avvicina le com$eten e lessicali di un $arlante nativo.10 Quanto alle $arole di cui X ric7iesta la conoscen a attiva5 si $arte da un insieme di 60' $arole c7e nascono dallinterse ione delle tre !asce del <dF 96IL/ &1:5 $er arrivare a $ossedere un -bagaglio lessicale molto am$io. c7e com$rende tutto il <dF 96IL/ Q2&33(O:.

5.2.2 )ertificato di )onoscenza della .ingua Italiana ()1.I"

10

Far@i et al. 920030 52: tengono a $recisare c7e se il lessico $resente in un testo non rientra nel sillabo $revisto $er "uel determinato livello 6IL/5 il suo valore deve comun"ue essere deducibile c7iaramente dal contesto.

128

Hli esami 6*LI $revedono 5 livelli $rogressivi0 dallelementare allavan ato5 cui si aggiunge5 in vista dei criteri del Quadro comune5 il $rimissimo livello5 6*LI Im$atto5 volto a veri!icare una com$eten a in!eriore a "uella $revista da 6*LI 1. (i$ortiamo le corris$onden e tra i livelli 6*LI e "uelli del Quadro comune.
6*LI Im$atto 6*LI 1 6*LI 2 6*LI 3 6*LI ' 6*LI 5 &1 &2 F1 F2 61 62

6orris$onden a tra i livelli 6*LI e stadi di a$$rendimento del Quadro comune.

I materiali dellesame sono sele ionati da un gru$$o di insegnanti es$erti5 coordinato da un team leader c7e cura la sele ione del materiale $er ogni livello desame. /ul sito dellassocia ione &L3* 9+ssociation of Language /esters in ,urope: 9===.alte.org:5 di cui l2niversit) $er /tranieri di %erugia X lunico membro italiano5 si tiene a $recisare c7e nella sele ione dei testi $rovenienti dalle !onti $iU svariate5 si !a continuo ri!erimento alle liste di !re"uen a dellitaliano5 tuttavia non sono date indica ioni $recise. I ri!erimenti relativi al livello di vocabolario $revisto nei vari livelli non com$aiono $er niente sul sito dell2niversit) $er /tranieri 9===.unistra$g.it:5 il c7e sicuramente non agevola la $re$ara ione agli obiettivi di a$$rendimento ric7iesti dal livello del certi!icato. 3uttavia in una $ubblica ione a$$osita 9Hrego Folli e /$iti 2000: si trovano indica ioni interessanti riguardo il livello di lessico $revisto. %urtro$$o lo$era non contem$la5 !ra i livelli di certi!ica ione5 il livello 6*LI Im$atto 9&1:5 introdotto recentemente5 a!!inc7M il sistema co$ra tutti i livelli $revisti dal Quadro comune. *cco i re"uisiti lessicali relativi ai cin"ue livelli dellesame 6*LI0
&2 Il candidato deve essere in grado di ca$ire testi contenenti $arole del vocabolario !ondamentale e di alto uso5 oltre c7e alcune $arole di maggior uso allinterno del vocabolario di alta dis$onibilit). #eve dimostrare inoltre di conoscere le $arole di uso $iU comune5 contenuti nel vocabolario !ondamentale. *1 Il candidato deve essere in grado di ca$ire testi contenenti $arole del vocabolario di base5 $iU una minima $ercentuale di $arole del lessico comune. Il candidato deve avere una su!!iciente conoscen a del vocabolario !ondamentale. *2 Il candidato deve essere in grado di ca$ire testi contenenti $arole del vocabolario di base5 $iU una $arte di lessico comune !ino al 10[. Il bagaglio lessicale del candidato deve com$rendere5 oltre al vocabolario !ondamentale5 anc7e alcune 9intorno al 10[: delle $arole com$rese nel vocabolario di alto uso. )1 Il candidato deve essere in grado di ca$ire testi contenenti oltre a $arole del vocabolario di base5 alcune $arole non tecnic7e5 ma a$$artenenti alle aree di base dei lessici s$ecialistici $iU comuni e $iU una $arte di lessico comune 15[. Il re$ertorio lessicale del candidato deve corris$ondere a tutto il vocabolario !ondamentale $iU il 60[ circa delle $arole com$rese nel vocabolario di alto uso. )2 Il candidato deve essere in grado di ca$ire5 testi contenenti oltre a $arole contenute nel vocabolario di base5 $iU una $arte di lessico comune !ino 25[. Il candidato dovr) sa$er usare in maniera adeguata il vocabolario !ondamentale e il vocabolario di alto uso5 $roducendo sinonimi su registri di!!erenti ed usando i meccanismi di !orma ione del lessico. (e"uisiti lessicali dellesame 6*LI nei vari livelli5 ricavato da0 Hrego Folli e /$iti 92000:.

Eellambito dei cin"ue livelli 96*LI 1 \ ': il re$ertorio lessicale $resente nei testi X costituito dalle $arole del <dF5 $iU una $ercentuale di lessico comune c7e varia da -una minima $ercentuale. del livello 1 9F1: al 25[ del livello ' 962:. Quanto alle $arole di cui X ric7iesta la conoscen a attiva5 si $arte dalle -$arole di uso $iU comune. del vocabolario !ondamentale 96IL/ 15 livello &2:5 $er arrivare al vocabolario !ondamentale e "uello dalto uso a livello ' 962:.

129

6onsultando le tabelle sui re"uisiti lessicali degli esami 6IL/ e 6*LI5 diventa evidente c7e ci sono am$ie one di sovra$$osi ione5 ma anc7e alcune di!!eren e sostan iali. 2n essen iale $unto comune X c7e entrambi i lavori utili ano5 come strumento di ri!erimento5 il Vocabolario di base della lingua italiana 9#e 8auro et al. 1980: e in genere im$iegano la terminologia lessicogra!ica elaborata da #e 8auro ed il suo team. /i $ensi in $articolare alla strati!ica ione del lessico cui le marc7e duso adottate nei vari di ionari5 come il H(&#I3 o il Dizionario per il terzo millennio !anno ri!erimento. In ciascuna delle due s$eci!ica ioni il lessico $assivo X descritto in termini di $arole a$$artenenti al <dF e di una certa $ercentuale di voci a$$artenenti al vocabolario comune 9da un minimo del 5[ delle $arole dei testi a livello F1 ad un massimo del 25[ delle $arole dei testi a livello 61:. %are "uindi c7e non ci siano di!!eren e sostan iali in "uestambito tra le due certi!ica ioni. W interessante5 tuttavia5 c7e a livello 61 il 6*LI $revede la conoscen a di alcune $arole tecnic7e5 sem$re a $atto c7e a$$artengano -alle aree di base dei lessici s$ecialistici $iU comuni.. Il $unto cruciale X $iuttosto luso diverso c7e i due istituti !anno del <dF $er determinare il lessico ad uso attivo.
&2 *1 *2 )1 )2 )I.3 800 lemmi5 di cui 81[ <,5 12[ <&25 5[ <&# e 2[ non <dF <, Z $arte del <&# <, Z $arte del <&# <, Z <&# Z $arte del <&2 bagaglio lessicale am$io )1.I le $arole $iU comuni del <, <, <, Z 10[ del <&2 <, Z 60[ del <&2 <, Z <&2

Lessico attivo $revisto dalle certi!ica ioni 6IL/ e 6*LI.

Le di!!ormit) si mani!estano !in dal livello &20 mentre $er sostenere il 6IL/ X ric7iesta la conoscen a di un vocabolario di 800 lemmi c7e nascono dallinterse ione del <,5 <&2 e <&# e alcuni termini non com$resi nel <dF5 il 6*LI ric7iede lac"uisi ione di un numero non s$eci!icato di $arole !ondamentali. Questo disinteresse nei con!ronti delle altre !asce del <dF si riscontra anc7e al livello F15 livello dellautonomia linguistica5 in cui5 $er il 6*LI5 X su!!iciente la conoscen a del <,5 contrariamente ai re"uisiti del 6IL/5 secondo cui il candidato deve sa$er usare anc7e una $arte del <&#. /i osserva c7e nei vari livelli 6IL/ lim$ortan a del vocabolario di alta dis$onibilit) aumenta sistematicamente. Far@i et al. 920030 122: tengono a sottolineare c7e la conoscen a di "uesti termini5 in "uanto ri!eriti ad oggetti c7e un $arlante nativo non nomina5 ma usa "uotidianamente5 X di vitale im$ortan a $er c7i a$$rende litaliano L2. La scelta di $ro$orre un vocabolario di alta dis$onibilit) non X dun"ue casuale5 ma tiene conto della sua rilevan a come $arte del sa$ere linguistico di un $arlante 9<edovelli 1995:. W in "uestottica c7e la conoscen a attiva del vocabolario di alta dis$onibilit) $recede la$$rendimento del vocabolario di alto uso5 c7e entra tra le ric7ieste $er la $rima volta a livello 615 mentre una conoscen a dellintero vocabolario di alto uso X $revista solo $er il livello $iU alto5 62.11 & "uesto $unto X legittimo domandarsi se il disinteresse dimostrato dai valutatori del 6*LI nei con!ronti di "uesta !ascia del lessico sia una scelta !ondata su ragioni scienti!ic7e o meno. W davvero realistico aggiudicare il certi!icato di livello 625 livello c7e attesta di avere com$eten e di un $arlante "uasi nativo5 ad un candidato c7e conosca le ca. 5.000 $arole del <, e <&25 ma non com$renda $arole del <&# come5 ad esem$io5 mestolo4

11

/ullim$ortan a dei vocaboli di alta dis$onibilit) nella$$rendimento di una L2 c!r. anc7e se . 6.'.

130

5.2.$ )ertificato di )om'etenza della .ingua (P.ID&"


I re"uisiti lessicali di sotto sono stati elaborati $er sostenere lesame %LI#& della /ociet) #ante &lig7ieri di ,iren e. Eel 200' lente 7a $rovveduto a creare un sillabo5 a cura di %atota e %i oli 9200': c7e com$renda tutto ciV c7e occorre conoscere e sa$er !are $er su$erare le $rove desame dalla !ase ini iale 9&15 &2:5 $assando $er litaliano !ondamentale 9F15 F2:5 !ino ad arrivare ai $iU alti gradi di com$eten a $revisti $er litaliano $ro!essionale 9615 62:. Il sillabo X dis$onibile sul sito della /ociet) 9===.ladante.it:. Eel documento oltre alla struttura dellesame5 sono descritti in modo dettagliato i re"uisiti grammaticali e lessicali relativi ai sei livelli del %LI#&. (i$ortiamo di seguito le s$eci!ica ioni relative al lessico0
&1 %arti del cor$o \ 6olori \ %rinci$ali ca$i dabbigliamento \ La !amiglia \ 8omenti della giornata5 ore5 giorni della settimana5 stagioni5 mesi \ La casa \ La citt) 9via5 $ia a5 ecc.: \ Eomi di nego i e di alcuni luog7i $ubblici \ #ire ioni \ 8e i di tras$orto \ 6ibi \ 3ele!ono e comunica ione tele!onica. &2 Eomi di $aesi e aggettivi di na ionalit) \ 3em$o atmos!erico \ <iaggio 9alloggi5 tras$orto5 ecc.: \ %esi e misure \ Eego i0 costo degli articoli5 ac"uisti \ Eomi di oggetti di uso "uotidiano \ Eomi di mestieri comuni \ &bbigliamento. *1 Eomi di animali \ &ttivit) legate alle vacan e \ &ttivit) legate al $ro$rio ambito di studio5 di lavoro o di interesse. *2 Lessico riguardante anc7e argomenti non "uotidiani \ Lessico s$ecialistico relativo al $ro$rio ambito di studio5 lavorativo o di interesse. )1 Qualc7e conoscen a del lessico s$ecialistico di disci$line a!!ini alla $ro$ria. )2 %adronan a lessicale am$ia e variata anc7e in ambiti di interesse lontani dal $ro$rio \ Qualc7e conoscen a dei lessici s$ecialistici di ti$o $iU comune 9lingua del commercio e della !inan a5 della medicina5 del diritto e della burocra ia:. (e"uisiti lessicali dellesame %LI#& nei vari livelli5 ricavato da0 %atota e %i oli 9200':.

6ome emerge dalla tabella5 la sele ione dei concreti elementi lessicali avviene sulla base di temi de!initi in modo generico. W o$inabile se "ueste indica ioni sommarie siano su!!icienti $er garantire una sele ione oggettiva dei materiali di certi!ica ione da un lato5 e di valutare le $rodu ioni scritte e orali del candidato dallaltro. %er !are un esem$io banale5 si $uV $retendere dal candidato la com$rensione della voce filobus a livello &15 siccome $er "uesto grado X $revista la conoscen a dei me i di tras$orto5 o$$ure deve conoscere solo "uei me i c7e egli stesso utili a4 Quanto al tem$o atmos!erico5 deve conoscere $arole come precipitazione3 ro!escio o dilu!io4 O ci accontentiamo della ben $iU generica pioggia4 * si $otrebbe continuare ancora. %are "uindi5 c7e in assen a di un re$ertorio delle concrete !orme lessicali5 gli elenc7i tematici del genere abbiano scarsa utilit) $ratica. W ovvio c7e un buon sistema di certi!ica ione non X tale $er le sue risorse organi ative o gestionali5 ma so$rattutto X valido $er la sua ca$acit) di !ondare la certi!ica ione su una solida base scienti!ica. 6iV im$lica una sistematica de!ini ione dei criteri e metodi adottati5 anc7e in vista di un cam$o cos^ di!!icilmente a!!errabile5 come il lessico. 3ra le tre certi!ica ioni esaminate5 solo il 6IL/ e il 6*LI ricorrono nella de!ini ione dei re"uisiti lessicali a strumenti "uali i di ionari di base e di !re"uen a. Il %LI#&5 di contro5 !ornisce una descri ione molto generica di "uelle tematic7e c7e il discente deve a!!rontare5 sen a scendere in dettagli riguardo il ti$o e lam$ie a del lessico da utili are. 3uttavia X stato visto c7e nemmeno luso degli stessi materiali di ri!erimento garantisce in ogni caso lomogeneit) della sele ione. %er una standardi a ione delle

131

ric7ieste lessicali ci vorrebbero !ondamenta teoric7e condivise da tutti gli enti valutatori5 anc7e in merito alla misura ione delle com$eten e lessicali. Eella nuova ottica $ro$osta dal 6onsiglio d*uro$a5 occorre "uindi rivedere non solo curricoli didattici5 ma anc7e i sistemi di valuta ione allo sco$o di garantire la riconoscibilit) delle conoscen e linguistic7e dei cittadini euro$ei.12 &l momento la di!!ormit) dei criteri daccertamento adottati dagli /tati na ionali e $er!ino allinterno di uno stesso %aese5 rendono di!!icile il riconoscimento reci$roco delle conoscen e. %er essere riconosciuti sul $iano euro$eo5 i di$lomi e i certi!icati desame elencati nel Portfolio di ogni alunno5 in!atti5 devono ri$ortare una "uali!ica con!orme alla scala globale data dal Quadro comune.

12

In 2ng7eria tale $rocesso di revisione X stato avviato nel 20050 entro il 1 gennaio 200+ ogni ente istitu ionalmente autori ato a rilasciare certi!icati di lingua riconosciuti dallo /tato ung7erese5 7a dovuto veri!icare la com$atibilit) del $ro$rio sistema di valuta ione con "uello del Quadro comune.

132

6 Il lessico del manuale -rogetto italiano 1


Il $resente ca$itolo X dedicato allanalisi del lessico contenuto nel manuale Progetto italiano 1 98arin e 8agnelli 2006:5 libro didattico $er linsegnamento dellitaliano come lingua straniera a livello elementare. La scelta del manuale si $uV motivare con tre !attori di natura diversa. In $rimo luogo5 si tratta di uno dei manuali attualmente $iU usati nellinsegnamento dellitaliano come lingua straniera in 2ng7eria0 X utili ato non solo nei corsi organi ati $resso varie scuole di lingua5 tra cui /tudio Italia5 il distributore del libro $er l2ng7eria5 ma anc7e in molti licei ed istitu ioni universitarie.1 /econdo le stime del distributore stesso5 H. /alusins @;5 ca. due ter i degli istituti di istru ione $ubblica basano i $ro$ri corsi di lingua italiana $er $rinci$ianti su Progetto italiano 1. In secondo luogo5 il libro !a ri!erimento ai criteri stabiliti dal Quadro comune europeo e dalle certi!ica ioni ditaliano0 si dic7iara5 in!atti5 di ra$$resentare i livelli di conoscen a &11&25 il c7e rende legittimo un con!ronto diretto tra il lessico $ro$osto e "uello $revisto dagli esami di lingua. In ter o luogo5 il manuale dis$one di un glossario $ro$rio5 tradotto5 tra laltro5 in ung7erese5 gra ie al "uale diventa $ossibile la com$ara ione dei traducenti ung7eresi con uno dei lessici di !re"uen a della lingua ung7erese. Questi motivi 7anno reso Progetto italiano 1 il manuale adatto $er le nostre ricerc7e. /co$o del $resente ca$itolo X "uindi di veri!icare in "uale misura il lessico $ro$osto nel manuale Progetto italiano 1 corris$onde al lessico $revisto come !ondamentale dai di ionari di !re"uen a e di base. /i X $re!erititi restringere la ricerca sul vocabolario minimo5 in altre $arole sul lessico base c7e garantisce una comunica ione di livello elementare. 6iV in vista del !atto c7e "uesto $rimo livello com$orta un insieme lessicale relativamente stabile e comune5 mentre il lessico dei livelli $iU avan ati varier) necessariamente secondo le esigen e5 la cultura5 les$erien a e le circostan e scolastic7e eKo $ro!essionali degli allievi. Im$ostando la ricerca sulla $rima !ascia del lessico5 si $revede unam$ia corris$onden a tra le $arole $iU usuali secondo i vocabolari di !re"uen a e di base da un lato5 e tra il lessico $ro$osto dal manuale dallaltro. Laltro obiettivo X di testare se la$$rendente5 conoscendo il lessico del manuale5 sia e!!ettivamente in grado di su$erare un esame ditaliano di ti$o &25 livello c7e il manuale dic7iara di ra$$resentare 9c!r. i livelli del Quadro comune europeo nella se . 5.1.2:. 3rattandosi di un manuale dedicato ad a$$rendenti di madrelingue varie5 destinato cioX ad un $ubblico interna ionale5 X im$ossibile $retendere c7e esso tenga conto delle di!!icolt) e delle necessit) $articolari5 $ro$ri degli allievi ung7eresi. * noto $erV c7e i bisogni linguistici5 e in $articolare lessicali5 degli allievi variano non solo secondo la loro et)5 $ro!essione5 grado di scolari a ione5 ecc. ma anc7e secondo la loro na ionalit). & livello lessicale ciV signi!ica c7e $arole altamente dis$onibili $er motivi socio1culturali nel %aese di $rovenien a dello studente non $ossono rimanere !uori dal suo $atrimonio lessicale. %er veri!icare se un manuale destinato ad un $ubblico $lurilingue soddis!a i bisogni lessicali degli allievi ung7eresi5 si $rocede al con!ronto tra il lessico $ro$osto nel
1

/cuole di lingua c7e basano i $ro$ri corsi su Progetto italiano 1 sono5 a titolo desem$io0 Iilon5 Fonus5 %olibella5 Aaussc7ule5 %eregrinus5 AaLtPmq5 Farcelona5 8Mtis 5 81%ros$ect. 3ra le scuole medie su$eriori si men ionano il liceo #ugonics &ndrOs degli /colo$i di / eged5 il liceo rr$Od di %Mcs5 il liceo e scuola $ro!essionale / abP *rvin5 numerosi licei di Fuda$est ed universit) come la !acolt) di Hiuris$ruden a delluniversit) *L3*5 l2niversit) 3ecnica5 lIstituto /u$eriore Aeller ,ar@as5 le universit) di H;Qr5 / eged e <es $rMm ecc.

133

manuale e "uello incluso in un vocabolario di base della lingua ung7erese. In "uesto modo si ottengono indica ioni utili riguardo alleventuale necessit) dintegra ione del lessico $ro$osto5 in vista dei bisogni lessicali s$eci!ici degli allievi ung7eresi.

..1

Il corpus di riferimento

Progetto italiano 1 X il $rimo livello di un corso multimediale ditaliano5 reali ato dalleditore *dilingua. #o$o la $rima $ubblica ione nel 20005 la nuova edi ione del 2006 X !rutto di una revisione. Il nuovo Progetto italiano 1 si rivolge a studenti adolescenti e adulti !ornendo circa 901100 ore di le ione in classe5 e si com$one di un Libro dello studente e un Quaderno degli esercizi5 articolati entrambi in 12 unit) didattic7e5 e un cd1rom interattivo. Il manuale X integrato5 !ra laltro5 da su$$lementi in varie lingue con la tradu ione del lessico e brevi note grammaticali. 6onsultando la $remessa del Libro dello studente5 si nota con dis$iacere c7e manca un rimando ai criteri utili ati $er la sele ione del lessico. Lunica $recisa ione si ri!erisce al !atto c7e nelledi ione aggiornata cX una maggiore coeren a tra il lessico del Libro dello studente e "uello del Quaderno degli esercizi. ,ortunatamente $erV5 durante un =or@s7o$ organi ato dalleditore a Fuda$est5 abbiamo avuto loccasione di incontrare di $ersona uno degli autori5 3elis 8arin. /iamo venuti a sa$ere c7e durante la 9ri:scrittura del manuale non si X !atto uso sistematico di di ionari di !re"uen a o di base5 ci si X a!!idati5 invece5 sul senso linguistico degli autori. 3utte le volte $erV5 "uando sono emersi dei dubbi riguardo linclusione di una determinata $arola nel libro5 si X consultato il Lessico di frequenza dellitaliano parlato 9#e 8auro et al. 19935 c!r. 2.2.23:. & "uesto $unto emerge una domanda0 $erc7M gli autori non 7anno ritenuto "uesto !atto degno di essere men ionato nella $remessa4 La scarsa atten ione dedicata alla $recisa ione dei criteri di sele ione5 e so$rattutto il mancato cenno alluso di uno strumento di controllo cos^ rinomato X ino$$ortuno almeno $er due motivi. #a un lato $erc7M toglie allo$era $regi come la scienti!icit) e loggettivit) della sele ione del materiale lessicale inclusoY daltro lato $erc7M lo strumento di veri!ica utili ato5 il LI%5 "uale lista di !re"uen a $iU recente e $iU ra$$resentativa dellitaliano $arlato5 $uV essere vista da molti utenti come una garan ia $er lattendibilit) della sele ione e!!ettuata.

..2

La realizzazione

%articolarmente !elice5 dal $unto di vista del nostro esame5 X la scelta delleditore di $ubblicare in un su$$lemento a$$osito la lista delle $arole ed es$ressioni utili ate nel Libro dello studente e nel Quaderno degli esercizi. La versione elettronica del glossario5 dis$onibile on1line sul sito delleditore 9===.edilingua.it:5 7a costituito la base della ricerca. #al momento $erV c7e "uesto !ile5 destinato ad un $ubblico interna ionale5 non contiene i traducenti delle es$ressioni5 X stato necessario integrare la lista con la versione italiano1ung7erese del glossario 9Klasz1mag"ar szPszedet:5 $ubblicato nel 2006 a cura di /tudio Italia. Questo su$$lemento5 il cui autore stranamente non X s$eci!icato5 include le $arole ed es$ressioni c7e !igurano nei due volumi del manuale5 insieme con un breve riassunto grammaticale al termine dogni unit). 13'

6ome rilevato5 base del cor$us di ri!erimento X stato il !ile scaricabile dal sito delleditore. Questo documento si com$one di due liste0 nella $rima $arte sono elencati i vocaboli5 suddivisi $er unit)5 volume e se ioneY nella seconda $arte i termini sono $resentati in ordine al!abetico5 con rimando allunit)5 al volume e alla se ione in cui X stata usata5 -in modo da $oter calare il termine nel giusto contesto.. La seconda X una $ura lista al!abetica con rinvii alla !onte5 mentre la $rima 7a alcune caratteristic7e di un di ionario0 la vocale tonica X indicata con un trattino "uando la sillaba accentata non X la $enultima e in tutti i casi dubbi 9ad es. farmacia:Y $er alcuni nomi si $recisa il genere eKo larticoloY nel caso dei verbi si danno i $artici$i $assati irregolari e la $rima $ersona singolare $resente dei verbi in 1iscY sindicano gli avverbiY in!ine $er alcuni vocaboli si $recisano le reggen e. Le voci $recedute da un asterisco5 a$$artengono ai brani audio non stam$ati. La nostra analisi si basa sulla $rima lista5 in cui i vocaboli sono suddivisi $er unit). I motivi di scegliere "uesta lista come base5 sono stati tre5 ciascuno di carattere $ratico. Il $rimo X c7e il su$$lemento ung7erese !ornisce i corris$ondenti solo $er la $rima lista5 organi ata $er unit)5 "uindi5 $er aggiungere a ciascun vocabolo il suo traducente X stato inevitabile $artire da "uesta lista. Il secondo X c7e solo la lista $er unit) contiene in!orma ioni lessicogra!ic7e 9genere5 articolo5 $arte del discorso: c7e $ermettono di disambiguare gli omonimi grammaticali. Il ter o motivo X c7e certe es$ressioni $resenti nella lista $er unit)5 non sono incluse nella lista globale. /i X rilevato c7e mentre la lista organi ata $er unit) X ricca di 3.851 termini ed es$ressioni5 "uella com$lessiva com$rende solo 2.966 voci. Ee deriva c7e 885 termini !igurano solo nella lista $er unit)Y si tratta so$rattutto di nomi $ro$ri5 $arole di origine straniera ed es$ressioni !ormate con $arole elencate come entrate autonome. &d es. mentre nella $rima lista sotto unit) ' troviamo il nesso colloquio di la!oro5 nella lista globale troviamo colloquio e la!oro5 ma non les$ressione. %er i suddetti motivi abbiamo $re!erito $rendere come $unto di $arten a la lista dis$osta $er unit).

!.2.1 4e'erimento dei dati


2na volta scaricato il glossario elettronico dal sito delleditore5 e do$o aver rivelato c7e la lista organi ata $er unit) X "uella $iU adatta $er la nostra ricerca5 abbiamo $roceduto allimmissione manuale dei traducenti ung7eresi. Ini ialmente $ensavamo c7e si trattasse di uno$era ione ri$etitiva5 ma e!!ettuabile sen a $articolari $roblemi. Eel corso del lavoro invece abbiamo notato c7e non cX una corris$onden a $er!etta tra la lista dis$onibile on1line e "uella contenuta nel su$$lemento ung7erese. Le discre$an e riguardano da un lato lesclusione e limmissione dalcuni lemmi da $arte degli autori ung7eresi5 come la mancan a dei sostantivi dolce3 mano3 ecc. nel su$$lementoY daltro lato alcune voci lemmati ate se$aratamente nel glossario originale5 sono state riunite in sintagmi. Il !atto c7e gli autori 7anno evitato di lemmati are le $re$osi ioni5 riunendoli ogni volta al sostantivo o al verbo con cui a$$aiono nel contesto5 X una scelta s$iegabile con le $eculiarit) della lingua ung7erese5 c7e5 come noto5 non dis$one di $re$osi ioni. &d esem$io5 invece di ri$ortare autonomamente le $re$osi ioni a ed in5 come avvenuto nel glossario originale5 $er !acilitare la tradu ione5 si X $re!erito ri$ortarle allinterno delles$ressione in cui com$aiono0 in coppia3 a queste parole. Eon tutte le solu ioni adottate sono $erV riconducibili a ragioni linguistic7e. Oltre a una serie di errori ti$ogra!ici 9come lassen a del carattere ung7erese M ed altri5 caratteri strani nelle $arole ung7eresi5 c!r. $$. 285 355 '15 '25 '': $ossiamo rilevare non $oc7i

135

errori di ortogra!ia ung7erese 9cappuccino $. 53 n"it!atartNs $. 113 mobil telefon $. 233 D7l KlaszorszNg $. 2'3 quXz $. 2+3 #uice $. 313 0ud-a $. '+3 PP SX2sNg $. 515 96ld26zi tenger $. 59 ecc.: e $er!ino di tradu ione. Quanto ai termini grammaticali5 partiti!o in ung7erese non si traduce n7!mNs 9$. 2':5 nM larticolo partiti!o X r7szelM n7!mNs 9$. 2':5 cos^ come pronome partiti!o non X r7szes n7!mNs 9$. '9:. In $iU5 analisi non X essz7 e a tesi non corris$onde la $arola elemz7s5 bens^ viceversa 9$. 9:Y professore nella maggioran a dei contesti non signi!ica professzor 9$. 10:5 ma sem$licemente tanNr 9del resto a professoressa si !a corris$ondere sia tanNrnM c7e professzor asszon"3 $. 26:Y infanzia signi!ica g"erme22or5 ma non g"erme22orYa2 9$. 26:Y spuntino non X !illNsreggeli 9$. '2:5 sottocultura non X alacson" szXn!onalY 9$. 58: ecc. &ltre volte il signi!icato X corretto5 e la classe grammaticale X sbagliata0 al sostantivo personale non corris$onde laggettivo szem7l"i 9$. 38:5 al sostantivo comportamento non corris$onde il verbo !isel2edni 9$. '0:5 allaggettivo psicologico non ris$onde il sostantivo pszic-olPgus 9$. '5: ecc. %reoccu$ante X anc7e la mancata congruen a nella ra$$resenta ione delle in!orma ioni grammaticali0 mentre allini io si tende ad indicare larticolo dei sostantivi5 sia in casi dubbi 9cinema3 il8 sia in "uelli regolari 9alfabeto3 l:5 verso la !ine della lista larticolo non com$are nemmeno "uando a ragione lo $otremmo as$ettare 9condizionale3 serie3 sede8. %oco sistematica5 e $er lo $iU assente X lindica ione del genere grammaticale0 $er ospedale3 arte si $recisa il genere5 $er amore3 ascensore no. &nalogamente nellunit) ' $er i verbi si ri$ortano5 accanto allin!inito anc7e i $artici$i $assati irregolari 9a volte nella $rima5 altre volte nella ter a $ersona singolare:5 nelle altre unit) "uesta $ratica viene meno. Eellunit) +5 ad esem$io5 $ur trattandosi di una !orma irregolare5 non si s$eci!ica il $artici$io $assato del verbo porre. #al $unto di vista didattico5 invece5 la solu ione $iU $articolare X "uella di lemmati are le voci nella stessa !orma in cui occorrono nel testo. Hran $arte dei sostantivi e degli aggettivi X lemmati ata al $lurale eKo al !emminile5 sen a "ualsiasi contesto5 e solo casualmente com$are5 tra $arentesi5 la loro !orma singolare. In $iU5 a volte la tradu ione ung7erese dei termini ri$ortati al $lurale X al singolare0 a rose si !a corris$ondere rPzsa3 prodotti si traduce term72 9$. '':5 oneste diventa Mszinte 9$. 6':Y altre volte le voci al $lurale sono tradotte al $lurale0 ricordiW eml72e2 9$. '5:5 esigentiW ig7n"ese2 9$. 60:. La mancata coeren a nella ra$$resenta ione $uV !ar $ensare alla$$rendente c7e la !orma ri$ortata nel glossario sia il singolare del termine 9"uindi si avrebbe rose al singolare e al $lurale rosi5 oneste al singolare e al $lurale onesti:. Questo $rocedimento X !uorviante non solo $erc7M la$$rendente $uV ricavarne conclusioni errate5 ma anc7e $erc7M5 ri$ortando le voci al $lurale5 lo studente non incontra5 "uindi non im$ara la !orma base delle voci5 di conseguen a non sar) ca$ace di usarle in modo corretto. I verbi com$aiono $er lo $iU allin!inito5 "uelli coniugati !igurano allinterno di es$ressioni c7e a$$arentemente 7anno la !un ione di illustrare il contesto duso 9non > c-e non !oglio5 $. 18:. Eon si X riusciti a decidere se dare come corris$ondente ung7erese lin!inito o$$ure la ter a $ersona singolare dei verbi. &ccanto ai verbi ri!lessivi troviamo tenden ialmente "uestultima solu ione 9coprirsiW beta2arPzi25 $. 6':5 in altri casi !igura lin!inito 9sperareW rem7lni5 $. 19:. In!ine5 anc7e lindica ione delle reggen e verbali X a!!idata al caso0 si 7a abituarsi Ra8 ed innamorarsi Rdi85 ma non si $recisano le reggen e di arrabbiarsi3 fidarsi3 preoccuparsi e di tanti altri verbi5 an i5 sembra c7e la maggior $arte delle volte la reggen a sia del tutto assente. Lo stesso discorso vale $er le reggen e degli aggettivi. Hiacc7M lobiettivo $rinci$ale di "uesta ricerca non X di valutare il su$$lemento ung7erese5 terminano "ui le nostre osserva ioni di riguardo5 notiamo5 tuttavia5 c7e la

136

corre ione degli errori di so$ra 7a ric7iesto un im$egno non trascurabile da $arte di c7i scrive.

!.2.2 .emmatizzazione ed organizzazione dei dati


/uccessivamente allimmissione dei corris$ondenti ung7eresi5 abbiamo $roceduto alla lemmati a ione. %er lemmati a ione intendiamo il $rocesso con cui abbiamo ordinato le $arole ed es$ressioni della lista organi ata $er unit) in un elenco al!abetico globale. Obiettivo di "uesto $rocesso X stato "uello di eliminare e riunire in una lista a$$osita tutti i nomi $ro$ri e !onosimboliY cancellare le es$ressioni i cui costituenti !igurano autonomamente nella lista e mantenere solo "uelle c7e contengono elementi nuovi ris$etto allelencoY ricondurre le diverse !orme !lesse alla loro baseY individuare e lemmati are come entrate autonome le es$ressioni $olirematic7eY assegnare ad ogni lemma una marca grammaticaleY in!ine ri$ortare accanto a ciascun lemma il suo rango duso nel LI%. %rima di ini iare la lemmati a ione5 abbiamo dovuto cancellare le ri$arti ioni interne della lista dis$osta $er unit). Ogni vocabolo X ri$ortato sotto lindica ione della se ione in cui X stata usata0 $er !acilitare lorientamento5 in!atti5 gli autori 7anno diviso ciascununit) del Libro dello studente in se ioni5 segnate con le lettere maiuscole5 da & ad A5 e una $arte dedicata alla civilt) italiana5 dal titolo Conosciamo lBtalia. Le se ioni di civilt) contengono anc7e un $iccolo Glossario5 volto a !acilitare la com$rensione dei testi. #o$o le $arole della se ione civilt) e il glossario relativo5 seguono i termini degli eserci i di autovaluta ione c7e c7iudono ogni unit)5 in!ine le $arole della$$endice grammaticale5 in cui sono ri$ortate le !orme irregolari $iU rare. Le $arole del Quaderno degli esercizi si suddividono in tre se ioni0 voci utili ate negli eserci iY $arole dei test !inali c7e c7iudono ogni unit) e termini dei test di rica$itola ione c7e si ri$etono ogni tre unit). Le $arole dei test di rica$itola ione sono elencate sem$re sotto "uellunit)5 al termine della "uale il test va eseguito. &llinterno di ciascuna se ione le $arole sono dis$oste nellordine della loro a$$ari ione.
3truttura delle unit, Li$ro dei testi Guaderno de!li esercizi /e ioni &1A . *serci i relativi allunit) 6onosciamo lItalia 3est !inale Hlossario 3est di rica$itola ione &utovaluta ione &0 9ogni 3 unit): &utovaluta ione generale &0A 3est !inale generale &$$endice grammaticale &P

+ 8/ 84 8/A

/truttura delle unit) del manuale Progetto italiano 1 e le ris$ettive marc7e.

%er !acilitare il re$erimento delle $arole5 abbiamo conservato alcuni ri!erimenti0 a ciascun vocabolo X stato assegnato il numero dellunit)5 e le marc7e L o Q a seconda se X usato nel Libro o nel QuadernoY in $iU sono state indicate le $arole c7e com$aiono nei test di autovaluta ione 9&< e &<H: e nelle a$$endici grammaticali 9&%: del Libro o$$ure nei test !inale 93, e 3,H: o di rica$itola ione 93(: del Quaderno. &llinterno dogni unit) un gru$$o di $arole5 contrassegnate da un asterisco5 X usato esclusivamente nei brani audio5 "ueste voci 7anno la marca &. &d es. una voce usata in un brano audio dellunit) 6 X contrassegnata da 6L&. 2na volta assegnate le marc7e5 sono stati estratti e riuniti in una lista a$$osita tutti i nomi $ro$ri. /ono stati cancellati i nomi $ro$ri di $ersona5 "ualora indicavano $ersonaggi 13+

!itti i dei dialog7i 9Laria3 Zennifer3 Luca3 Sa!erio ecc.:5 di contro sono stati conservati i nomi di $ersonaggi !amosi5 i nomi geogra!ici5 nomi di marca5 ecc. In una lista a$$osita abbiamo riunito anc7e un sottogru$$o di interie ioni5 i !onosimboli5 $rivi di un corris$ondente ung7erese. Il $asso successivo X stato di assegnare ad ogni lemma la categoria grammaticale corris$ondente. %er attribuire le categorie grammaticali5 abbiamo esaminato il contesto i cui la $arola X stata usata5 e "ualora era necessario5 abbiamo !atto ricorso al Dizionario italiano per il terzo millennio di #e 8auro 92000:. &nc7e le es$ressioni $olirematic7e sono state classi!icate in base alla classe grammaticale da$$artenen a0 avverbiale 9daccordo:5 congiun ionale 9come mai:5 $re$osi ionale 9rispetto a:5 aggettivale 9in gamba:5 interiettiva 9!a bene:5 $ronominale 9c-e cosa:5 sostantivale 9posta elettronica: e verbale 9prendere il sole:. Le classi grammaticali sono state codi!icate con lettere secondo la tabella seguente0
&g &rt &vv ) I @u P Pz 3 0 aggettivo articolo avverbio congiun ione interie ione numerale $ronome $re$osi ione sostantivo verbo &gPr &vPr )Pr IPr PPr PzPr 3Pr 0Pr $olirematica avverbiale $olirematica aggettivale $olirematica congiun ionale $olirematica interiettiva $olirematica $ronominale $olirematica $re$osi ionale $olirematica sostantivale $olirematica verbale

6odici delle classi grammaticali nella lista al!abetica.

/uccessivamente abbiamo ricondotto ogni !orma alla sua base5 giacc7M molte volte i sostantivi5 verbi ed aggettivi sono stati lemmati ati nella loro !orma !lessa. I sostantivi elencati nel glossario al $lurale sono stati lemmati ati al singolare5 solo $er i pluralia tantum com$are a livello di lemma la !orma $lurale 9es. terme:Y in tutti i casi dubbi X indicato larticolo. I sostantivi alterati non sono stati ricondotti alla loro !orma base. Hli aggettivi sono stati lemmati ati sotto la !orma del singolare masc7ileY i su$erlativi non sono stati ricondotti alla base. I verbi coniugati sono stati ricondotti allin!into5 i verbi ung7eresi5 in accordo con la $rassi lessicogra!ica5 sono ri$ortati alla ter a $ersona singolare. Quanto agli omogra!i5 sono stati lemmati ati se$aratamente non solo "uelli grammaticali5 ma anc7e i casi domogra!ia lessicale5 $ro$rio al !ine di con!erire una maggiore $recisione allanalisi. In "uesto modo X diventato $ossibile assegnare a ciascun signi!icato traducenti e !onti se$arati. Eel !rattem$o abbiamo notato c7e molte es$ressioni !igurano $iU di una volta5 evidentemente $erc7M sono state lemmati ate non solo sotto lunit) in cui sono introdotte5 ma anc7e altre volte. Queste $arole sono state riunite in modo sistematico in ununica entrata. 2n $roblema s$eciale X "uello delle es$ressioni $olirematic7e. /ulla scia di #e 8auro et al. 91992: abbiamo adottato una de!ini ione larga di $olirematic7e5 considerando tali0 le locu ioni il cui signi!icato non $uV essere scom$osto in "uello dei suoi membri 9 acqua in bocca:Y le locu ioni il cui uso X cristalli ato 9mettere da parte:Y tutte le es$ressioni la cui !un ione grammaticale non X deducibile dalla classe grammaticale cui a$$artengono le $arole c7e la !ormano5 ma X data allinsieme dei suoi membri 9 per forza:. 3enden ialmente le es$ressioni non idiomatic7e sono state scom$oste e lemmati ate ogni volta sotto gli elementi c7e le com$ongono5 mentre le $olirematic7e sono state conservate e ri$ortate come entrate autonome. Eonostante c7e allini io del lavoro avessimo c7iarito i criteri $er identi!icare le $olirematic7e 9c!r. so$ra:5 non sem$re X stato !acile decidere se $rocedere ad una lemmati a ione autonoma5 e "uindi considerare les$ressione una $olirematica5 o$$ure di dividerla in costituenti. Eei casi 138

dubbi ci siamo serviti del Dizionario italiano per il terzo millennio di #e 8auro 92000: c7e registra e marca sistematicamente le locu ioni $olirematic7e. %er "uesto5 le nostre scelte non sem$re corris$ondono a "uelle $ro$oste dagli autori di Progetto italiano 15 so$rattutto $erc7M nellelenco $ro$osto sono state registrate anc7e es$ressioni ad 7oc5 come in coppia3 a Goma3 al binario3 cioccolata in tazza c7e5 in e!!etti5 non sono $olirematic7e. In base a "uali criteri "ueste es$ressioni sono state lemmati ate come entrate autonome5 non X c7iarito dagli autori5 si $uV solo $ensare c7e5 trattandosi $er lo $iU di sintagmi $re$osi ionali5 essi $ossano causare $articolari di!!icolt) $er lo studente5 $erciV gli si $ro$one di a$$rendere il sostantivo insieme alla $re$osi ione con cui nella maggioran a dei casi co1occorre. 2no$era ione assai gravosa X stata di veri!icare la $resen a di ciascun lemma nel LI%5 e di ri$ortare $er ogni entrata il rango duso nella lista di !re"uen a decrescente. Eel LI% i sostantivi ed aggettivi alterati5 i su$erlativi e i verbi ri!lessivi sono registrati come !orma5 ma non come entrata. %er tutte "ueste categorie abbiamo assegnato il rango del lemma cui X stato ricondotto nel LI%. %er la veri!ica della !re"uen a delle locu ioni abbiamo utili ato la lista n. 5 del LI% c7e registra 1.933 $olirematic7e 9$$. 53215'0:. #elle es$ressioni $olirematic7e il LI% non $recisa il rango duso5 !ornisce solo la !re"uen a assoluta5 "uindi $er le locu ioni abbiamo dato "uesto indice. /e il LI% X stato il $rimo a registrare sistematicamente tali unit)5 oggi dis$oniamo di vari altri strumenti $er veri!icare le!!ettivo uso delle es$ressioni $olirematic7e5 si $ensi in $articolare alla serie di di ionari legati al nome di #e 8auro 919995 20005 20025 2003:. 2n ulteriore strumento di $articolare utilit) $er lanalisi delle $olirematic7e X "uello della societ) Wulogos 9===.eulogos.net:. Le es$ressioni5 organi ate al!abeticamente e $er rango duso5 sono state raccolte nel corso di analisi di vari testi e cor$ora.2 &bbiamo $re!erito ricorrere5 oltre al LI%5 alla lista Wulogos non solo $erc7M laccessibilit) on line 7a veramente !acilitato il lavoro5 ma so$rattutto $erc7M lelenco registra un numero consistente di $olirematic7e non $resenti nel LI%. Queste locu ioni sono state contrassegnate nellelenco da una B.

..3

I risultati

Lam$ie a totale del lessico X di 2.819 lemmi5 esclusi i nomi $ro$ri ed i !onosimboli. Eotiamo c7e in "uesto numero sono inclusi anc7e gli omogra!i grammaticali e lessicali5 c7e com$aiono in due o $iU record con diversa categoria grammaticale eKo signi!icato5 inoltre si $resentano come lemma autonomo anc7e le es$ressioni $olirematic7e. Lo s$oglio dei due volumi del manuale 7a dato origine alla seguente ri$arti ione0 2.'5+ lemmi ricavati dal Libro dei testiY 362 tratti dal Quaderno degli esercizi. Il cor$us contiene anc7e 86 nomi $ro$ri 9+3 tratti dal Libro e 13 dal Quaderno:5 ri$ortati in a$$endice5 scor$orati ris$etto al lessico del manuale5 insieme ai !onosimboli. In "uesto ca$itolo cerc7iamo di a$$ro!ondire5 $er "uanto $ossibile5 i due as$etti legati alla "uantit) e alla ti$ologia di $arole c7e !anno $arte del lessico $ro$osto nel manuale Progetto italiano 1. %roviamo ad anali are5 da un lato la dimensione e la ri$arti ione del lessico allinterno del manuale5 dallaltro le caratteristic7e ti$ologic7e dei termini $ro$osti.
2

Eelle tabelle X ri$ortato anc7e il con!ronto con le liste delle $olirematic7e del LI% e con le liste delle $olirematic7e del Lessico di Due Parole 9L#%:5 $ubblicato in a$$endice a %iemontese 91998: 9c!r. '.2.2:.

139

!.$.1 )aratteri quantitativi del lessico


La nostra lista al!abetica globale com$rende 2.585 $arole e 23' es$ressioni. Il gra!ico sottostante ra$$resenta landamento dellac"uisi ione del lessico $ro$osto. %artendo dai 329 termini ac"uisiti nellunit) introduttiva5 alla !ine dellunit) 11 la$$rendente dovrebbe conoscere 2.819 $arole ed es$ressioni. Il lessico risulta5 come si legge nel gra!ico5 distribuito relativamente bene0 do$o aver su$erato le $rime tre unit) 901 2:5 la$$rendente conosce 850 termini 930[ del totale:Y do$o le $rime sei le ioni 9015:5 cioX do$o la met) del libro5 ne conosce 1669 959[:Y su$erate le $rime nove unit) 9018:5 sa 2.319 $arole 982[ del totale:Y arrivando alla !ine del manuale a 2.819 voci 9100[:.
.umero cumulato di %arole a%%rese
3000 .umero di %arole a%%rese 2500 2000 1500 1000 500 0 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 /nit0 Numero cumulato totale Numero cumulato di parole del Libro Numero cumulato di parole del Quaderno

& meglio guardare5 ma anc7e solo considerando c7e su$erata la met) del libro5 lallievo conosce $iU del 50[ del lessico $ro$osto 9esattamente il 59[:5 si osserva una lieve !lessione nel ritmo dellintrodu ione del lessico nella seconda $arte del volume5 !atto $rovato anc7e dalla !igura sottostante. Il gra!ico ra!!igura il numero di lemmi nuovi in ciascununit)5 indicando anc7e la ri$arti ione del lessico tra il Libro e il Quaderno. 3enuto alto il numero di termini nuovi nelle $rime sei unit)5 nellunit) + si nota un calo abbastan a notevole0 il lessico nuovo "ui si riduce del 30[ ris$etto al re$ertorio dellunit) 6 918+ termini $ro$osti5 contro i 262 dellunit) 6:5 e nelle unit) successive si stabilisce attorno a 180 termini. In sintesi5 mentre le unit) 016 contengono il 68[ del lessico totale5 le le ioni +111 ne includono solo il 32[. /embra "uindi5 c7e la maggior $arte del carico lessicale sia concentrata nella $rima met) del manuale. La di!!eren a "uantitativa tra il lessico dellunit) $iU ricca di vocaboli nuovi5 "uella introduttiva5 contrassegnata da ero5 e la le ione contenente il numero minimo di $arole sconosciute5 lunit) 115 X $iU del do$$io5 9329 vs. 1'1:. Questa solu ione X contestabile in vista del !atto c7e nelle $rime unit)5 e so$rattutto in "uella introduttiva5 lac"uisi ione della $ronuncia5 delle regole ortogra!ic7e e delle strutture grammaticali ric7iede uno s!or o notevole da $arte della$$rendente5 $erciV sembra $oco ragionevole $ro$orgli una "uantit) eccessiva di elementi lessicali. 2na volta ac"uisite le strutture grammaticali !ondamentali5 invece5 occorrerebbe $orre maggior accento sullarricc7imento lessicale.

1'0

.um e ro di %arole %e r unit0 400 300 200 100 0 0 1 2 3 4 5 6 /nit0 7 8 9 10 11 Parole del Libro Parole del Quaderno

Quanto consistenti sono le di!!eren e "uantitative !ra il lessico $ro$osto nel Libro e nel Quaderno4 #ai 2.819 lemmi in totale 2.'5+ 98+515[: sono contenuti nel Libro e 362 912585[: nel Quaderno. Il lessico del Libro risulta5 come si legge nel gra!ico5 molto $iU ricco di "uello del Quaderno. (is$etto alledi ione $recedente del manuale5 gli autori 7anno ridotto il numero di lemmi introdotti eB1novo nel Quaderno5 $ro$rio al !ine di garantire -una maggiore coeren a tra il lessico del Libro dello studente e "uello contenuto nel Quaderno degli esercizi.5 come recita la $re!a ione. In ciascuna le ione il numero di $arole $ro$oste nel Quaderno oscilla attorno ai 30 lemmi5 in $articolare esso varia dai 15 lemmi dellunit) 2 ai '5 lemmi dellunit) 9. #a unanalisi $iU a$$ro!ondita ris$etto ai dati ri$ortati nel gra!ico5 emerge $erV c7e la distribu ione X molto meno omogenea di "uanto sembra in base ai soli numeri assoluti. (a$$ortando il numero di $arole contenute nel Quaderno alla "uantit) di voci nuove incluse in una determinata unit)5 la $ercentuale di $arole $ro$oste nel "uaderno varia dal 6[ 9unit) 0 e 2: al 2652[ 9unit) 11:. W c7iaro c7e non sem$re si X riusciti ad osservare il criterio di coeren a lessicale tra il Libro e il Quaderno5 s$iccano5 sotto "uestas$etto5 lunit) 9 92'55[: e lunit) 11 92652:5 in cui il numero di $arole introdotte eB1novo nel Quaderno raggiunge un "uarto del carico lessicale totale.3 <ediamo ora "uante $arole sono contenute nei brani audio non scritti.
Dis tribuzione de lle %arole audio 40 30 20 10 0 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 /nit0 Parole audio nel Libro Parole audio nel Quaderno

/i rileva c7e la maggior $arte dei vocaboli $ro$osti negli eserci i di com$rensione auditiva si trova nel Libro 9125 termini:5 mentre meno della met) X com$resa nel Quaderno 950 voci:. La distribu ione di "ueste $arole5 consigliate $er la$$rendimento $assivo5 non X molto e"uilibrata5 esse si concentrano $er lo $iU nelle unit) 05 5 e 6. &nc7e
3

#al $unto di vista didattico X anc7e discutibile "uanto X o$$ortuno introdurre vocaboli nuovi nei test !inale e di rica$itola ione5 volti a veri!icare le conoscen e ac"uisite nelle unit) $recedenti5 e c7e5 in teoria5 non dovrebbero contenere materiale nuovo.

.umero di %arole audio

.umero di %arole

1'1

in "uesto caso5 tra il numero maggiore di $arole audio nellunit) 0 929 termini: e il numero minimo 95 $arole: nellunit) ' vi X una di!!eren a notevole. 2na ri$arti ione $iU omogenea dal $unto di vista "ualitativo $otrebbe !avorire lam$liamento costante del vocabolario $assivo. #o$o le considera ioni dedicate alla "uestione del ritmo con cui sintroduce il nuovo vocabolario5 vediamo ora come sono ri$artite le categorie grammaticali. %er calcolare la distribu ione delle classi grammaticali abbiamo conteggiato anc7e le es$ressioni $olirematic7e5 sem$re sotto la categoria cui a$$artengono.
)ategoria grammaticale sostantivo aggettivo verbo avverbio altre categorie Percentuale di lemmi nel glossario 51[ 19[ 18[ +[ 5[

#istribu ione delle categorie grammaticali nel lessico del Progetto italiano 1.

I sostantivi sono indubbiamente la categoria grammaticale $iU rilevante5 in!atti5 co$rono il 51[ dellintero lessico5 mentre la $ercentuale di verbi ed aggettivi X molto simile tra loro e notevolmente su$eriore a "uella degli avverbi. 3utte le altre classi grammaticali 9congiun ioni5 interie ioni5 $ronomi5 numerali5 articoli5 $re$osi ioni: costituiscono insieme circa il 5[ del lessico. La !orte $resen a di nomi non deve meravigliare5 considerato il carattere no ionale e denotativo di "uesta categoria5 e lam$io uso c7e se ne !a nei $rinci$ali costrutti scienti!ici in ogni ambito duso della lingua. %iU sor$rendente X lalta $resen a degli avverbi5 dovuta $er gran $arte alla scelta di lemmati are come entrate autonome le es$ressioni $olirematic7e5 a$$artenenti5 $er lo $iU5 al ti$o avverbiale. W $ossibile con!rontare la distribu ione dei lemmi nelle diverse categorie grammaticali con "uella di un $iU am$io cam$ione del lessico italiano5 basandosi sui dati relativi al Vocabolario di base 9#e 8auro 1980: ri$ortati in 37ornton5 Iacobini e Furani 9199+0 68:. La $ercentuale di lemmi a$$artenenti alle diverse categorie grammaticali $uV essere valutata sia considerando il lemmario <dF come un insieme5 sia valutando la distribu ione delle categorie nelle tre !asce di !re"uen a in cui X suddiviso il <dF.
)ategoria grammaticale sostantivo verbo aggettivo avverbio $ronome congiun ione $re$osi ione interie ione numerale articolo 0ocabolario fondamental e '65+[ 2558[ 1'59[ 55'[ 255[ 155[ 153[ 055[ 151[ 051[ 0ocabolario di alto uso 5856[ 205+[ 1852[ 1[ 0503[ 053[ 052[ 056[ 053[ 1 0ocabolario di alta dis'onibilit, +55'[ 1258[ 1153[ 052[ 050'[ 050'[ 051[ 050'[ 052[ 1 0ocabolario di *ase 605+[ 1956[ 1'59[ 2[ 058[ 056[ 055[ 05'[ 055[ 0502[ .essico :ro!etto italiano 1 505+3[ 1+5+5[ 19502[ +503[ 153'[ 155[ 151[ 1503[ 05'3[ 050+[

#istribu ione $ercentuale dei lemmi del <dF e del glossario del manuale Progetto italiano 1.

6ome si $uV rilevare dalla tabella5 il sostantivo X la categoria la cui $resen a $ercentuale X nettamente su$eriore nei due lemmari5 ma i nomi sono ra$$resentati in termini $ercentuali $iU nel <dF 9605+[: c7e nel nostro elenco 9505+3[:. 6onsiderando la ri$arti ione interna del <dF5 si osserva il tenden iale incremento dei sostantivi5 con 1'2

$articolare riguardo alla !ascia dalta dis$onibilit). In base alla $ercentuale di sostantivi5 trovata nel nostro elenco5 il lessico in analisi si colloca tra la !ascia del vocabolario !ondamentale e "uello dalto uso. La $ercentuale di verbi decresce c7iaramente nelle tre !asce0 nella !ascia dalta dis$onibilit) 91258[: X $ari circa alla met) della $ercentuale di verbi del vocabolario !ondamentale 92558[:. Eel nostro glossario la $resen a di verbi si aggira su 1852[5 il c7e corris$onde $ressa$$oco alle caratteristic7e di distribu ione della !ascia dalto uso. 2nim$ortante di!!eren a si nota !ra la $ercentuale di aggettivi e verbi. Eel <dF i verbi 91956[: sono $iU $resenti degli aggettivi 91'59[:5 mentre nel nostro elenco la $resen a degli aggettivi 919502[: X $ari circa alla $ercentuale di verbi 91+5+5[:. &nc7e sotto "uestas$etto la nostra lista $resenta caratteristic7e simili a "uelle del vocabolario dalto uso5 in cui gli aggettivi costituiscono il 1852[ del lemmario5 contro le $ercentuali notevolmente $iU ridotte delle altre due !asce. Quanto alla $resen a di avverbi5 la bassa $ercentuale nel <dF si s$iega con il !atto c7e esso di regola non registra gli avverbi in 1mente 9sono $resenti solo talmente e solamente:5 benc7M nel LI, siano $resenti molti altri avverbi in 1mente entro la !ascia duso considerata $er costituire il <dF. Linciden a degli avverbi nel lessico di base italiano X "uindi sottostimata nel <dF. Occorre anc7e ricordare c7e lalta $ercentuale di avverbi e di interie ioni nella nostra lista X dovuta al !atto c7e sono stati registrati come lemmi autonomi tutte le es$ressioni $olirematic7e5 di cui una $arte notevole X di ti$o avverbiale5 come vedremo di seguito. 6ome era $revedibile5 la $resen a $ercentuale delle categorie minori 9$ronome5 congiun ione5 $re$osi ione5 interie ione5 numerale5 articolo:5 gi) bassa nel nostro elenco5 si riduce ulteriormente nel <dF0 si tratta5 in!atti5 di categorie costituite da un insieme "uasi c7iuso di elementi di alta !re"uen a5 concentrate nel vocabolario !ondamentale5 la cui $resen a $ercentuale diminuisce con lincremento del numero di lemmi $resi in considera ione. /or$rende lalta inciden a delle interie ioni nel glossario. 6ome nel caso degli avverbi5 la $arte del leone X costituita dalle interie ioni $olirematic7e5 registrate come lemma autonomo. <alutando la $resen a delle categorie minori nel nostro elenco5 si con!erma "uanto detto5 cioX c7e in base ai dati di distribu ione5 oltre c7e sulla base dellestensione del lemmario5 il lessico del manuale si colloca tra il vocabolario !ondamentale e "uello dalto uso. Il glossario registra 23' $olirematic7e in tutto5 "uindi circa l8[ dei lemmi X costituito da locu ioni. Le $iU numerose sono le $olirematic7e avverbiali con +2 lemmi5 cui seguono nellordine le locu ioni sostantivali con 63 lemmi5 le $olirematic7e verbali con '6 lemmi5 le locu ioni $re$osi ionali con 20 lemmi5 le locu ioni aggettivali con 16 lemmi5 le locu ioni interiettive e congiun ionali entrambe con 8 lemmi5 ed una $olirematica $ronominale.
Dis tribuzione de lle %olire m atic"e s e condo clas s i gram m aticali AgPr A !Pr "pr PPr P#Pr $Pr %Pr Pr

1'3

W un dato interessante c7e la categoria $iU ra$$resentata tra le $olirematic7e sia "uella degli avverbi. La massiccia $resen a degli avverbi X5 in $arte5 una conseguen a delle caratteristic7e mor!ologic7e dellitaliano0 $er !ormare $arti del discorso con valore avverbiale5 solo in determinati casi X $ossibile ricorrere alla deriva ione in 1mente3 e in tutti gli altri si $rocedono alla crea ione di sintagmi avverbiali5 c7e noi c7iamiamo5 a$$unto $olirematic7e. In genere5 il $arlato $re!erisce le costru ioni avverbiali analitic7e alla deriva ione0 a mano invece di manualmente5 a lungo e non lungamente5 allinizio invece di inizialmente ecc. Inoltre5 ricordiamo con <edovelli 919930 131: c7e il numero elevato di avverbi X una s$eci!icit) della lingua $arlata5 in cui "uesti elementi tendono ad assumere una !un ione c7e contribuisce alla struttura ione s$eci!ica del testo $arlato. Eei testi $arlati gli avverbi s$esso $rendono una !un ione discorsiva5 connettiva o riem$itiva5 si $ensi alle es$ressioni come0 ad un certo punto3 di solito3 in ogni caso3 in particolare ecc. /eguono le tabelle c7e in!ormano sulle $ercentuali di lessico co$erte dal LI%. Il $rimo gra!ico ra$$resenta la $ercentuale di $arole1lemma contenute nel LI%.
Dis tribuzione de lle %arole de l glos s ario ne l 1IP

13& 11&

Lemmi a''enti nel L"P Lemmi con meno di 3 occorren#e Lemmi con almeno 3 occorren#e

76&

#al gra!ico emerge c7e il +6[ delle $arole non $olirematic7e c7e !igurano nel glossario5 X com$resa tra i +.213 lemmi del LI% con almeno tre occorren e5 mentre l11[ registra una !re"uen a assoluta in!eriore a tre e il 13[ X com$letamente assente nel LI%. In con!ormit) a "uesti dati si $revede5 c7e circa un "uarto del glossario X costituito da vocaboli la cui a$$artenen a alla !ascia !ondamentale X almeno discutibile. Quanto alle $olirematic7e5 la situa ione si ca$ovolge5 come si legge nel gra!ico. /oltanto il 26[ di tutte le locu ioni com$are nel LI%5 mentre il +'[ ne X assente. Le es$ressioni con una !re"uen a assoluta su$eriore a tre costituiscono il 1'[ dellelenco. Questo dato mostra da un lato le lacune c7e si riscontrano nella registra ione delle $olirematic7e nel LI% c7e5 ricordiamo5 X stata la $rima lista di !re"uen a a ri$ortare in un elenco a$$osito le locu ioni5 daltro lato dimostra c7e gli autori non 7anno consultato i relativi dati del LI%.

1''

Dis tribuzione de lle %olire m atic"e de l glos s ario ne l 1IP Polirematic(e a''enti nel L"P Polirematic(e con meno di 3 occorren#e 74& Polirematic(e con almeno 3 occorren#e

14& 12&

Lultimo gra!ico ra$$resenta la suddivisione del lessico in classi di !re"uen a5 $er dare unidea migliore della diversa rilevan a dei singoli lemmi allinterno del glossario. /e si suddividono5 adottando la metodologia seguita da Cuilland 919+3:5 /ciarone 919++: e dal LI, 919+1: i lemmi $iU !re"uenti in classi di 5005 in base alla loro !re"uen a duso5 si vede c7iaramente come il $rimo gru$$o di 500 sia di gran lunga il $iU rilevante.
1emmi raggru%%ati %er classi di frequenza
500 .umero di lemmi a%%artenenti 400 300 200 100 0
50 0 10 00 15 00 20 00 25 00 30 00 35 00 40 00 45 00 50 00 55 00 60 00 65 00 70 00

*las s i di fre que nza

Eel gra!ico si legge a$$unto "ual X il numero di voci del glossario5 co$erte dai lemmi del LI%5 suddivisi in classi di 500 unit)5 in base alla loro !re"uen a duso. #a unanalisi a$$ro!ondita risulta c7e i lemmi c7e com$aiono tra i $rimi 500 del LI%5 costituiscono il 1+[ dei lemmi non $olirematici5 daltro canto5 i lemmi c7e a$$aiono agli ultimi $osti5 tra 6500 e +0005 costituiscono l11[. & "uestultimi vanno aggiunti "uei lemmi 9il 13[ del totale: c7e non com$aiono a!!atto nel LI%. I lemmi assenti nel LI%5 insieme a "uelli aventi un rango $iU elevato5 in $articolare da 5000 in su5 saranno oggetto della nostra analisi nella se ione successiva.

!.$.2 )aratteri qualitativi del lessico


& "uesto $unto viene da c7iedersi5 "uali $arole com$ongono5 concretamente5 il lessico $ro$osto nel manuale4 /i tratta delle $arole $iU note5 le $iU utili ate5 insomma le $iU indis$ensabili4 %er veri!icare le!!ettiva rilevan a delle $arole nella lingua duso5 abbiamo condotto un con!ronto sistematico tra il glossario e il lemmario del LI% 9#e 8auro et al. 1993:5 lista di !re"uen a c7e gli autori 7anno dic7iarato di aver consultato in tutti i -casi dubbi.. 1'5

3ra le diverse con!igura ioni ci sembra utile concentrare latten ione sulla lista c7e de!inisce il rango duso5 vale a dire5 la $osi ione nella lista de!inita dal $rodotto !ra la !re"uen a normali ata nelle diverse liste e la dis$ersione nei sottocor$ora. (is$etto alla lista di !re"uen a assoluta5 lelenco di rango duso $ermette di !are una valuta ione $iU accurata5 $oic7M il valore duso eviden ia meglio le tenden e generali del cor$us com$lessivo 9c!r. #e 8auro et al. 1992: 3ralasciamo5 nella nostra analisi5 "uelli c7e $ossono essere gli elementi $rimi5 im$rescindibili nella$$rendimento di una lingua. Hli articoli5 le congiun ioni5 i $ronomi e le $re$osi ioni sono $arole !un ionali c7e ra$$resentano i legami necessari allinterno di una !rase5 a$$artengono a delle classi c7iuse e registrano una !re"uen a elevata e una distribu ione normale in "uasi tutti i ti$i di testi. Eon abbiamo anali ato inoltre la classe5 sem$re c7iusa5 dei numerali. La nostra atten ione si X so!!ermata $revalentemente su sostantivi5 verbi5 aggettivi5 avverbi5 esotismi5 nomi $ro$ri5 interie ioni e !onosimboli e in $articolare sulle es$ressioni $olirematic7e. !.$.2.1 3ostantivi

La categoria grammaticale $iU consistente in assoluto com$rende 1.366 sostantivi. 6ome si $oteva $revedere in base alla sola numerosit) di "uesta classe5 X "ui c7e troviamo il maggior numero di lemmi assenti nel LI%. Li elenc7iamo di seguito0
abbonato3 abitante3 aceto3 aggiunta3 alimento3 alluminio3 antenna3 aperiti!o3 arc-eologia3 arc-eologo3 aroma3 arrosto3 balcone3 banana3 basilica3 biglietteria3 birreria3 brusc-etta3 bufala3 bugia3 caffelatte3 caimano3 calzatura3 camino3 camomilla3 carbonara3 ca!atappi3 cenone3 cereale3 ciclone3 cioccolata3 colapasta3 coltello3 combinazione3 concorso3 condimento3 consumazione3 contenitore3 contorno3 contro3 cosmetico3 costiera3 cubetto3 decodificatore3 detersi!o3 dicembre3 dietologo3 disaccordo3 disappunto3 di!orzio3 dormita3 ,pifania3 etto3 euro3 fettuccina3 finezza3 focaccia3 furto3 fusillo3 gambero3 giostra3 giubbotto3 giungla3 gnomo3 grattugia3 guanto3 idolo3 incendio3 insegna3 in!oltino3 ipermercato3 irregolarit<3 lancetta3 lasagna3 legionario3 linguina3 liquore3 locandina3 macc-inetta3 mappa3 marinara3 mazzo3 mensa3 mestolo3 meteo3 metro3 miele3 miopia3 modella3 momento3 montatura3 mulino3 musicista3 nazista3 nebbia3 neorealismo3 nipotino3 notiziario3 nu!ola3 nu!olosit<3 occ-ietto3 ombelico3 pancetta3 pandoro3 panetteria3 panettone3 paninoteca3 pannacotta3 passante3 pesci!endolo3 pianista3 pillola3 pirateria3 portacenere3 postino3 primo3 prosciutto3 pugno3 radiotele!isione3 raffinatezza3 rag=3 rammarico3 rapido3 regata3 ricotta3 rigatone3 ripostiglio3 ristorazione3 ristretto3 salame3 salatura3 salita3 sc-iuma3 scompartimento3 scontrino3 sottocultura3 spumante3 spuntino3 stecc-ino3 storiella3 stracciatella3 studentessa3 supplemento3 tabacc-eria3 tabacco3 tacc-ino3 tagliatella3 tagliere3 tango3 tassista3 tastiera3 tatuaggio3 telefonia3 tele!endita3 tiramis=3 tortellino3 tramezzino3 tra!ersa3 tubetto3 !ariet<3 !asetto3 !iabilit<3 !ideogioco3 !olume.

& "uesti 16' lemmi vanno aggiunti i 19 termini grammaticali o legati in ogni caso allinsegnamento c7e $ur non essendo indis$ensabili $er la comunica ione5 di certo non $ossono mancare in un manuale del genere. /i tratta di0
abbre!iazione3 ausiliare3 auto!alutazione3 congiunti!o3 congiunzione3 consonante3 desinenza3 enfasi3 glossario3 imperati!o3 imperfetto3 indicati!o3 perifrasi3 plurale3 preposizione3 pronome3 ricapitolazione3 sillaba3 singolare.

Il $rimo gru$$o include so$rattutto sostantivi concreti5 legati a determinati cam$i lessicali classici0 animali 9bufala3 caimano3 tacc-ino:5 !enomeni meteorologici 9nu!ola3 nebbia3 temporale:5 vestiti 9guanto3 giubbotto:5 unit) di misura 9etto:5 $ro!essioni 9arc-eologo3 dietologo3 musicista3 pesci!endolo3 postino3 tassista:5 utensili e oggetti della vita "uotidiana 9ca!atappi3 contenitore3 cosmetico3 grattugia3 mestolo3 pillola3 stecc-ino ecc.:. Il gru$$o $iU !olto X "uello dei cibi e delle bevande 9 brusc-etta3 caffellatte3 carbonara3 cioccolata3 contorno3 camomilla e tanti altri:.

1'6

6i sono $oi alcuni nomi5 c7e sono entrati a !ar $arte della nostra "uotidianit) $ro$rio in "uei "uindici anni c7e sono $assati dalla $ubblica ione del LI% 91993:. La $arola euro ed i termini legati alle telecomunica ioni come decodificatore3 telefonia3 !ideogioco erano sicuramente meno usati in "uelle$oca. Osserviamo tuttavia c7e se gli autori avessero consultato il LI%5 avrebbero dovuto includere decoder5 invece di decodificatore5 c7e $ur essendo un esotismo5 X attestato nel LI%. &gli ini i degli anni Eovanta non si $arlava di ipermercati3 nel LI% troviamo5 in!atti5 solo supermercato. Eemmeno tele!endita era una delle $arole $iU essen ialiY se lo X adesso5 X discutibile. In #e 8auro 92000: X marcato5 in!atti5 3/ 9tecnico1s$ecialistico:. W o$$ortuno citare alcuni casi bi arri5 tra i lemmi assenti nel LI%0 di legionario il minimo c7e si $uV dire di rilevarne lanacronisticit)Y anc7e la scelta di includere lancetta _PramutatP X singolareY sottocultura X un termine tecnico dellantro$ologiaY !iabilit< e tra!ersa sono $arole di alta s$eci!icit)5 sostituibili con dei termini $iU generici e comuni5 come circolazione e !ia secondaria. Eon si ca$isce il motivo $er cui si X deciso di usare una $arola come sottocultura5 termine tecnico dellantro$ologia. Eellunit) dedicata al cinema italiano 9+: si trovano termini come caimano3 ciclone3 neorealismo3 idolo3 tangoY nellunit) in cui si $arla dabbigliamento 98: troviamo miopia e montaturaY in!ine nellunit) in cui il tema $rinci$ale X la ristorazione5 a$$unto5 X introdotta uneccessiva "uantit) di termini legati allalimenta ione e alla cucina. Questi andrebbero rivisti anc7e dal $unto di vista del valore duso. Salatura5 ad esem$io5 X un termine $rettamente tecnico. In alcuni casi abbiamo due termini sinonimici5 di cui uno ben $iU usato dellaltro0 consumo e consumazione5 dispiacere e rammarico5 gusto e aroma5 concorso e gara5 proposta e suggerimento3 succo e spremuta3 marca e marc-io5 procedura e processo5 spot e pubblicit<3 maglietta e t1s-irt ecc. Eel segno delleconomicit)5 in ogni caso uno dei due termini andrebbe cancellato5 s$ecialmente "uando uno 7a una !re"uen a notevolmente in!eriore a "uella dellaltra. Quanto agli alterati5 nella lista si trovano "uasi solo diminutivi5 in $articolare tra i nomi di $arentela0 fratellino3 nipotino3 sorellina3 ma non solo0 bacione3 cubetto3 cenone3 cioccolatino3 macc-inetta3 occ-ietto3 oretta3 scatoletta3 storiella3 tazzina3 tubetto3 !asetto. &lcuni di "uesti li ritroviamo sulla lista dei lemmi assenti nel LI%5 in "uanto non ri$ortate come !orma sotto il sostantivo1lemma corris$ondente. I sostantivi del glossario sono concentrati $er lo $iU nella !ascia !ino al rango 20000 la $resen a X !itta in $articolare !ino al rango 10005 $er il resto5 le voci del glossario sono s$arse in ogni !ascia di !re"uen a5 in!atti5 non sono $oc7i i lemmi con rang7i $ari a 65050
aerobica3 age!olazione3 aglio3 alfabeto3 altare3 antipasto3 appartamento3 arancia3 aranciata3 arredamento3 ascensore3 ascesa3 aspirina3 attrice3 a!!erbio3 bancomat3 barba3 barista3 be!anda3 bibita3 biro3 biscotto3 cabina3 caffettiera3 calamit<3 calciatore3 cameriere3 campanile3 campionato3 cantautore3 Capodanno3 cappotto3 cappuccino3 cappuccio3 carbone3 Carne!ale3 carriera3 carrozza3 cesto3 c-irurgo3 c-itarra3 cioccolatino3 cioccolato3 clientela3 commessa3 completo3 condizionale3 conduttore3 congratulazione3 con!alida3 cornetto3 cottura3 crociera3 cruci!erba3 dentifricio3 dizionario3 documentario3 edicola3 espresso3 facilit<3 facilitazione3 fantascienza3 farmacia3 fermata3 9erragosto3 fioraio3 forc-etta3 forno3 francobollo3 frigorifero3 frutti!endolo3 gallina3 gel3 genio3 giornalaio3 gnocco3 gonna3 illustrazione3 incrocio3 inserto3 lattina3 lattuga3 la!anderia3 leggenda3 lente3 libreria3 lotto3 macellaio3 marg-erita3 maturazione3 medicinale3 mittente3 monaco3 mortadella3 mozzarella3 nuoto3 oceano3 osteria3 palestra3 palio3 paradiso3 parentela3 parmigiano3 parodia3 parrucc-iere3 passatempo3 passeggero3 pasticceria3 patria3 pecorino3 penisola3 pepe3 pesto3 pizzaiolo3 pneumatico3 poliziotto3 pollice3 portineria3 presentatrice3 presepe3 pronuncia3 pro!erbio3 pulsante3 puntata3 rabbia3 Ginascimento3 riquadro3 ritro!o3 sacc-etto3 saldo3 salmone3 scaloppina3 sciarpa3 scri!ania3 serenata3 settimanale3 sfilata3 simpatia3 sinonimo3 sito3 soccorso3 somiglianza3 sostanti!o3 spag-etti3 spremuta3 stagionatura3 stilista3 sti!ale3 stomaco3 tacco3 talento3 t>3 tegame3 telecomunicazione3 telefilm3 temporale3 tenore3 terme3 tigre3 tonnellata3 totocalcio3 tram3 trio3 turco3 utensile3 u!a3 !aligia3 !ecc-ietta3 !ignetta3 !irt=3 !iscosa3 !itamina3 !olto3 "ogurt3 zabaione.

1'+

/$iccano5 anc7e in "uesta categoria5 i termini legati allalimenta ione0 antipasto3 arancia3 aranciata3 gnocco3 mortadella3 parmigiano ecc. <i troviamo alcuni nomi di $ro!essione0 barista3 calciatore3 c-irurgo3 commessa3 giornalaio3 parrucc-iere3 pizzaiolo3 poliziotto3 presentatrice3 stilistaY oggetti della vita "uotidiana0 aspirina3 ascensore3 caffettiera3 dizionario3 ecc. %articolarmente strana X la $resen a di ritro!o5 accanto ad incontro5 !olto invece della ben $iU !re"uente faccia5 $er non $arlare di maturazione3 stagionatura5 termini tecnici dellindustria alimentare. /or$rendono $oi i termini sinonimici age!olazione e facilitazione5 entrambi assenti nel LI%. Eon X c7iaro $erc7M il discente debba a$$rendere due termini marcati entrambi 3/ in #e 8auro 92000:5 c7e $eraltro in ambito non tecnico $ossono essere sostituiti con il ben $iU !re"uente sconto5 del resto attestato nel manuale. /ono "uesti i termini5 insieme a "uelli assenti nel LI%5 sulluso dei "uali sarebbe utile ri!lettere. (a$$ortando la somma dei termini mancanti nel LI% e di "uelli aventi una !re"uen a in!eriore a tre5 al numero totale di sostantivi del glossario5 si osserva c7e circa il 25[ dei nomi 7a una !re"uen a bassa5 vale a dire c7e linclusione di un sostantivo su "uattro X discutibile. 3ornando al con!ronto con il LI%5 della $rima !ascia dal rango in!eriore a 500 mancano $oc7i lemmi5 tutti dim$ortan a !ondamentale $erV. /i tratta di0
legge3 discorso3 questione3 politica3 rispetto3 dio3 diritto3 fondo3 effetto3 titolo3 iniziati!a3 roba3 maniera3 !alore3 confronto3 iniziati!a.

#ella !ascia successiva da 500 a 1000 ricordiamo solo le lacune $iU im$ortanti0
la!oratore3 comune3 condizione3 cultura3 fase3 ricerca3 struttura3 compito3 materia3 lettura3 dibattito3 associazione3 capacit<3 istituzione3 direzione3 !olont<3 fenomeno3 segnale3 comunit<3 opinione3 ecc.

/ono tutte $arole assai usate c7e avrebbero il diritto di com$arire in un manuale $er $rinci$ianti. !.$.2.2 0erbi

6on!rontando sistematicamente i '53 verbi del glossario con "uelli del LI%5 emerge c7e alcuni verbi $ur essendo assenti nel LI%5 strumento di veri!ica utili ato dagli autori5 sono stati inclusi nel manuale. /i tratta di0
abbellire3 addobbare3 affettare3 assaporare3 digitare3 drammatizzare3 masc-erarsi3 pettinarsi3 pranzare3 raddoppiare3 scolare3 tardare3 timbrare3 trionfare.

8entre nel caso di affettare3 pranzare3 pettinarsi e !orse digitare3 nonostante la bassa !re"uen a duso5 la dis$onibilit) lessicale X abbastan a alta5 $erciV $uV essere ragionevole includerli nel manuale5 $er gli altri lemmi non si $uV dire altrettanto. I verbi assaporare3 tardare3 trionfare $otrebbero essere sostituiti da altri ben $iU !re"uenti5 e del resto5 com$resi nel glossario. /cegliendo sinonimi meno ra!!inati e $iU usuali5 come pro!are3 fare tardi e !incere5 la$$rendente avrebbe la $ossibilit) di im$arare termini con un am$io ambito semantico. W c7iaro come tale ricc7e a di vocaboli disorienti il discente e non rin!or i la$$rendimento delle es$ressioni di $iU vasta a$$licabilit) semantica. &ltri termini sono stati inclusi nonostante abbiano una !re"uen a assoluta in!eriore a tre0
ammirare3 annoiarsi3 appendere3 baciare3 celebrare3 cenare3 certificare3 coccolare3 con!alidare3 differire3 esportare3 grattugiare3 imbucare3 mescolare3 passeggiare3 ri!i!ere3 rosolare3 sbrigarsi3 sospettare3 stimare.

1'8

&bbiamo elencato solamente i lemmi con un rango duso $ari a 65055 ma se avessimo $reso come limite il rango duso di 30005 il numero di lemmi inclusi nel glossario5 la lista sarebbe stata molto $iU lunga. Qui a$$artiene anc7e una serie di verbi c7e $ur non avendo una !re"uen a molto elevata5 sono usati nei testi distru ione. 3ra $arentesi il rango duso0 abbinare 93309:3 commentare 9360+:3 formulare 932++:3 pronunciare 9'1+2:3 localizzare 9'081: e anc7e drammatizzare c7e nel LI% non !igura $er niente. /i citano ancora tradire 95623:5 distrarre 95505:5 premiare 9535+:5 indossare 95008:5 attrarre 95285: soddisfare 9'83+:5 trascorrere 9'+28:5 appassionare 93'60:. <iene da c7iedersi dun"ue5 se "uesti verbi a$$artenevano ai casi -dubbi. in cui gli autori 7anno consultato la lista LI%5 e se la ris$osta X a!!ermativa5 sarebbe interessante sa$ere se X stato !issato un rango duso oltre al "uale res$ingere le $arole. 6on!rontando i verbi del glossario con la !ascia di $iU alta !re"uen a del LI%5 in $articolare con i verbi aventi un rango duso in!eriore a 5005 notiamo c7e5 !ortunatamente5 mancano solo intendere3 !alere 9$resente $erV nelles$ressione !ale la pena: e pigliare5 c7e invece ra$$resenta una variet) !amiliare di prendere e $er "uesta sua caratteristica stilistica X ragionevole c7e rimanga esclusa. Eella !ascia successiva5 da 500 a 1000 i verbi mancanti sono0
inter!enire3 riportare3 buttare3 rifare3 dimostrare3 ric-iamare3 definire3 capitare3 le!are3 attaccare3 stabilire3 comprendere3 costruire3 occorrere3 pregare3 staccare3 tentare.

Eaturalmente5 aumentando i rang7i duso5 il numero di verbi assenti nel glossario cresce in maniera es$onen iale5 ciononostante tra i verbi a$$artenenti alla !ascia da 1000 a 1500 a ragione $otremo as$ettare di trovare nel glossario0
appro!are3 consentire3 deri!are3 fregare3 dic-iarare3 s!iluppare3 fissare3 basare3 curare3 bloccare3 sommare3 compiere3 abbandonare3 determinare3 combattere3 rispettare3 scappare3 raggiungere3 domandare ecc.

In sintesi va rilevato c7e oltre ad un $iccolo nucleo di verbi5 assenti o aventi una bassa !re"uen a duso nel LI%5 il rimanente X caratteri ato da una sele ione abbastan a accurata5 $er gran $arte con verbi di alta !re"uen a. !.$.2.$ &ggettivi

Hli aggettivi costituiscono5 con 520 elementi la seconda classe grammaticale $iU numerosa nel nostro glossario. (i$ortiamo gli aggettivi assenti nel LI%5 ma $resenti nel glossario0
abbottonato3 abituale3 accogliente3 adattato3 affumicato3 africano3 altrui3 amalfitano3 amaro3 amic-e!ole3 analfabeta3 antic-issimo3 apprezzato3 assegnato3 autobiografico3 cappuccino3 caprese3 caratterizzato3 castano3 cileno3 concluso3 confermato3 coordinato3 cremoso3 decaffeinato3 determinati!o3 digitale3 egizio3 elencato3 energetico3 e.tra!ergine3 farcito3 fenomenale3 finanziato3 fondato3 geniale3 gestito3 graduale3 grattugiato3 gustoso3 idratante3 impaziente3 impensabile3 impersonale3 importato3 indeterminati!o3 informato3 intransiti!o3 irlandese3 irrinunciabile3 italo1 americano3 la!orato3 leggendario3 londinese3 luminoso3 lussuoso3 melodico3 mite3 modale3 mosso3 multicolore3 nutriti!o3 nutrizionale3 nu!oloso3 parabolico3 partiti!o3 pendente3 post1laurea3 pubblicizzato3 raggiungibile3 realizzabile3 reclamizzato3 restante3 ric-iesto3 riconosciuto3 riflessi!o3 rinomato3 ripetuto3 ritmico3 ri!estito3 rossastro3 rumoroso3 saporito3 saracino3 satellitare3 singolo3 sottostante3 spericolato3 spiritoso3 stressato3 terzultimo3 transiti!o3 trascorso3 tricolore3 usato3 !edente3 !eneziano.

La lista contiene ben 9+ aggettivi5 da cui $ossiamo concludere c7e $iU del 18[ degli aggettivi X assente nel LI%f 6iV signi!ica in $ratica c7e un aggettivo su cin"ue non com$are nella comunica ione orale.

1'9

&lcune scelte lessicali degli autori5 nonostante non siano $resenti nel LI%5 sono da di!endere. La mancan a di determinati!o3 impersonale3 indeterminati!o3 intransiti!o3 modale3 partiti!o3 riflessi!o3 transiti!o si deve al loro carattere nettamente grammaticale. /ono $arole c7e $ur non avendo una !re"uen a elevata5 a ragione sono incluse in un libro didattico. 3uttavia non mancano le scelte lessicali bi arre. &d esem$io satellitare e digitale sono termini a$$artenenti al mondo delle telecomunica ioni. &ltamente tecnici sono nutrizionale3 e.tra!ergine3 post1laurea c7e ben di!!icilmente uno straniero avr) occasione di usare. 6i sono $oi alcuni aggettivi c7e mancano nel LI% $er la loro ricercate a. 2no straniero non 7a un bisogno $ressante di im$arare5 almeno nei $rimi stadi della$$rendimento5 $arole come irrinunciabile5 rinomato3 saporito3 fenomenale e geniale3 anc7e $erc7M li $uV !acilmente sostituire con termini $iU comuni c7e $eraltro !anno $arte del glossario 9necessario3 famoso3 gustoso3 fantastico:. Lo stesso vale $er rossastro0 ad un livello elementare il discente non 7a bisogno di es$rimere s!umature del genere. La mancata economicit) si nota nellinclusione di due aggettivi del tutto sinonimici5 reclamizzato e pubblicizzato5 di cui nM luno nM laltro !igura nel LI%. *merge $oi una serie di aggettivi denominali5 derivati da nomi $ro$ri0 cileno3 amalfitano3 londinese3 !eneziano3 sulla cui inclusione in un manuale di $rimo a$$rendimento occorrerebbe ri$ensare5 so$rattutto $erc7M lo stesso contenuto semantico $uV essere es$resso con un sintagma $re$osi ionale tras$arente 9es. del Cile3 di Londra:5 nei "uali il nome 7a unevidente $riorit) semantica ris$etto allaggettivo e5 solitamente5 $iU alta !re"uen a. &ltrettanto $arecc7i sono gli aggettivi $resenti nel glossario5 ed aventi nel LI% un rango duso $ari a 65050
accompagnato3 affollato3 agitato3 agroalimentare3 ammirato3 argentino3 australiano3 austriaco3 a!!enuto3 banale3 bolognese3 canadese3 controllato3 cotto3 creato3 deserto3 desiderato3 entusiasta3 esigente3 esistente3 esti!o3 etrusco3 ferro!iario3 forestale3 geloso3 grammaticale3 ignoto3 illuminato3 indeciso3 indimenticabile3 infelice3 influenzato3 interregionale3 interrotto3 interurbano3 irregolare3 lirico3 marocc-ino3 marrone3 mini3 moderato3 morbido3 numerato3 offerto3 offeso3 ospitale3 parlato3 penultimo3 possessi!o3 preferito3 proposto3 protetto3 raffinato3 ripieno3 riposato3 rispetti!o3 roseo3 scortese3 situato3 sorpreso3 spettacolare3 stressante3 tardo3 terrestre3 ung-erese3 utilizzato3 !erticale.

8olte assen e e !re"uen e basse nel LI% si trovano tra i $artici$i $assati5 usati e lemmati ati nel manuale con valore aggettivale. &nc7e in "uesto gru$$o non mancano gli aggettivi denominali0 argentino3 australiano3 austriaco3 bolognese3 canadese3 marocc-ino3 ung-erese. (i$etiamo le osserva ioni di so$ra0 X inutile caricare la memoria della$$rendente di aggettivi c7e egli non 7a un bisogno $ressante di im$arare dal momento c7e !acilmente li $uV sostituire con dei sintagmi $re$osi ionali. Le stesse considera ioni valgono $er aggettivi come esti!o3 forestale3 terrestre. /traordinario X luso del termine agroalimentare5 marcato 3/ in #e 8auro 92000:Y risentono di tro$$a ricercate a stilistica i termini ignoto3 roseo 9"uestultimo com$are accanto a rosa e rossastro:. W anc7e strano luso aggettivale del $re!issoide mini. Eonostante una $arte notevole di aggettivi sia assente o abbia una bassa !re"uen a nella lista LI%5 $er gli aggettivi aventi un rango in!eriore a 10005 la consisten a tra il LI% e il nostro glossario X im$ressionante. 8ancano solo alcuni aggettivi0
proprio3 pubblico3 tale3 attuale3 determinato3 tecnico3 fisico3 !alido3 superiore3 specifico3 con!into.

La !ascia successiva5 dal rango 1000 a 15005 invece5 avrebbe $otuto contribuire notevolmente allarricc7imento della classe degli avverbi. Invece dei 90 lemmi assenti nel LI%5 sarebbe stato o$$ortuno includere i seguenti aggettivi5 tutti con rango tra 1000 e 15000

150

cristiano3 fondamentale3 unito matrimoniale3 puro3 concreto3 santo3 lontano3 qualunque3 corrente3 pratico3 teorico3 zitto3 definiti!o3 disponibile3 immediato3 continuo3 ulteriore3 complessi!o3 morale ecc.

W "uesta la categoria grammaticale i cui es$onenti ric7iederebbero la revisione $iU $ro!onda5 da un lato tramite les$un ione di gran $arte dei lemmi assenti nel LI% o attestati con un basso valore duso5 daltro lato immettendo gli aggettivi con un rango duso in!eriore a 2000. !.$.2.# &vverbi

La categoria degli avverbi X di solito una delle $iU $roblematic7e5 $erc7M vi sono assegnate molte $arole la cui !un ione non X !acilmente riconducibile ad una delle altre $arti del discorso 9c!r. #e 8auro et al. 19930 89:. Eel nostro caso gli autori 7anno $rovveduto $er risolvere "uesto $roblema0 lunica classe grammaticale5 indicata abbastan a sistematicamente nel glossario originale X "uella degli avverbi. La relativa numerosit) di "uesta categoria si deve al !atto c7e accanto ai 126 avverbi troviamo ben +2 locu ioni avverbiali5 c7e $erV saranno esaminati $iU avanti. %er adesso si vedano gli avverbi non $olirematici. /oltanto due sono i lemmi assenti nel LI%0 dettagliatamente e distrattamente5 mentre gli avverbi do!e e quando sono lemmati ati come congiun ioni5 "uindi mancano5 nella loro !un ione avverbiale5 nel LI%. 3ra gli avverbi $iU usati nel cor$us LI%5 in $articolare tra i $rimi 500 mancano solo completamente3 c-iaramente3 mo3 neanc-e. #i mo occorre rilevare c7e !a $arte della variet) centro1meridionale dellitaliano5 e "uindi X com$rensibile la scelta degli autori di escluderla come voce marcata dal $unto di vista geogra!ico. &vverbi $resenti nel glossario ma aventi un rango $ari a 6505 nel LI% sono0 elegantemente3 raramente. #ella !ascia da 500 a 1000 andrebbero inseriti esatto3 giustamente3 e!identemente3 effetti!amente3 e!entualmente3 nulla3 normalmenteY continuando con la !ascia tra 1000 e 1500 avremmo anc7e immediatamente3 personalmente3 giusto3 estremamente3 perfettamente3 sinceramente ecc. /i tratta $er lo $iU di aggettivi derivati in 1mente. *ssendo "uesta regola di !orma ione di $arola com$letamente $roduttiva in italiano5 non sarebbe $roblematica lassen a nel manuale di numerosi aggettivi in 1mente5 se gli autori avessero ric7iamato latten ione dellallievo sul !atto c7e in $ratica da ogni aggettivo X $ossibile derivare avverbi tramite "uesto su!!isso. 2na nota del genere sarebbe aus$icabile so$rattutto in vista del !atto c7e la base aggettivale di "uasi tutti gli avverbi assenti nel glossario5 ma !re"uenti nelluso5 X inclusa nel manuale. 6onsiderati i risultati di so$ra5 si conclude c7e gli avverbi im$iegati 7anno una loro legittimit) riscontrabile nel LI% e cos^ la classe degli avverbi risulta "uella $iU e"uilibrata. !.$.2.5 1sotismi

Hli esotismi sono termini dorigine straniera5 ovvero $restiti da altre lingue5 marcati */ nel di ionario di ri!erimento usato 9#e 8auro 2000:. Eel glossario si trovano '3 esotismi5 9di cui + es$ressioni $olirematic7e:5 $ari all155[ del totale dei lemmi. Questa $ercentuale sembra elevata so$rattutto in vista del !atto c7e nel LI% gli esotismi costituiscono solo 053[ del totale dei lemmi 9#e 8auro et al. 19930 150:. I sostantivi sono la categoria grammaticale cui la "uasi totalit) degli esotismi a$$artiene5 ad ecce ione dellaggettivo e.tralarge. La stragrande maggioran a degli esotismi X

151

anglicismo5 mentre s$oradica X la $resen a di !rancesismi. &ccanto a $arole ormai ben radicate e attestate con rang7i $iU o meno elevati anc7e nel LI%5 come0
computer 9212+:3 spot 92'18:5 test 92895:5 standard 92915:5 mass1media 9'825:3 s-o* 95328:3 #eans 9'02':3 bo. 9'326:3 depliant 93039:3 record 9'395:3 soap opera 9con la !re"uen a assoluta 2:5

troviamo altrettanti lemmi con !re"uen a assoluta in!eriore a tre 9rango 6505:0
derb"3 fan3 men=3 manager3 picnic3 scooter3 slogan3 tailleur3 zapping3 e.tralarge.

(i$ortiamo i termini e le locu ioni assenti nel LI%0


bacon3 brioc-e3 c-ef3 comfort3 designer3 discount3 e1mail3 festi!al3 franc-ising3 pullo!er3 realit"3 s-ampoo3 s-o*man3 sou!enir3 sponsor3 t-riller3 tourn7e3 t1s-irt3 call center3 internet point3 self ser!ice3 spag-etti *estern3 tal2 s-o*.

W da notare c7e la met) delle $arole ed es$ressioni straniere non X $resente nel LI%. 3ra i termini assenti troviamo da un lato voci $resenti nellitaliano da un certo $eriodo5 anc7e se con bassi indici duso 9c-ef3 festi!al3 s-ampoo:Y daltro lato ci sono termini entrati nella lingua negli ultimi "uindici anni5 $assati dalla $ubblica ione del LI%. &d esem$io5 assente nel LI%5 tuttavia ormai $arte della vita "uotidiana sono le voci e1mail ed internet point3 il cui uso si X consolidato $ro$rio in "uesti ultimi anni5 $ertanto da un lato X com$rensibile c7e non !accia $arte del LI%5 daltro lato X giusto c7e sia insegnato anc7e a livello elementare. %er il resto si tratta "uasi esclusivamente di termini5 la cui a$$artenen a al lessico italiano di base X almeno dubitabile. 6i si c7iede "uando mai lallievo avr) il bisogno di dire o di ca$ire le $arole franc-ising e discount3 marcati entrambi 3/ 9tecnico1s$ecialistico: in #e 8auro 92000:. %ur trattandosi di $arole ormai di!!use a livello interna ionale5 la loro s!era duso rimane "uello delleconomia e del commercio5 "uindi a maggior ragione "uesti termini dovrebbero !igurare in un manuale di linguaggio economico. 6onsidera ioni identic7e valgono $er la $arola sponsor. /iccome il ris$ettivo verbo sponsorizzare X attestato nel LI% con il rango duso ''0+5 X lecito c7iedersi $erc7M il sostantivo 7a avuto la $receden a. Lintrodu ione di altre $arole 9spot3 s-o*3 fan3 brioc-e3 derb"3 scooter3 s-o*man3 sou!enir3 bacon3 t1s-irt3 pullo!er : X altrettanto incom$rensibile in vista del !atto il loro corris$ondente italiano5 oltre ad avere un valore duso ben $iU elevato5 $er la maggior $arte5 X incluso anc7e nel glossario. %are5 "uindi5 c7e il linguaggio utili ato dagli autori sia modellato su "uello dei mass media5 in cui5 sa$$iamo5 la di!!usione degli anglicismi X un !enomeno massiccio. 3emiamo $erV c7e il !ascino c7e "uesti anglicismi 7anno esercitato sugli autori sia dovuto alla loro relativa di!!usione nel $arlato di alcune $ersone5 di solito $oco es$erte di lingue straniere5 e nello scritto di giornalisti desiderosi di stu$ire il lettore con luso di termini $oco consueti. & "uesto $unto invece emerge una domanda0 non sarebbe $iU o$$ortuno evitare di !ar im$arare agli allievi termini stranieri il cui successo nella lingua italiana X assolutamente im$revedibile4 /i $ensi in $articolare a designer e realit". /icuramente sarebbe $iU utile introdurre solo "uegli esotismi c7e sono entrati stabilmente nella lingua italiana5 e "uindi 7anno una certa !re"uen a nelluso5 sem$re a $atto c7e non abbiano un loro corris$ondente italiano. !.$.2.! @omi 'ro'ri

,anno $arte di "uesto gru$$o i nomi di ditte e marc7e5 i nomi geogra!ici5 le denomina ioni di monumenti5 $ersonaggi !amosi ecc. Lo s$oglio 7a dato origine a 86 nomi $ro$ri5 di cui +3 tratti dal Libro e 13 dal Quaderno. 3ra i +5 nomi $ro$ri del Libro5 solo ' sono $ro$osti nei brani audio. La categoria $iU numerosa X "uella dei nomi

152

geogra!ici5 in $articolare i nomi di %aesi 918: e citt) 926:. /ono $resenti i seguenti %aesi con le ris$ettive ca$itali0 lBtalia 9anc7e col nome 0elpaese:5 la 9rancia3 lBng-ilterra3 la Spagna3 il Portogallo3 la S!izzera3 mentre sen a le loro ca$itali sono nominate la Germania3 lKlanda3 il 0elgio3 l;ng-eria5 la Gussia3 il Larocco5 e tra i %aesi doltremare gli Stati ;niti3 la Cina3 l+ustralia3 il 0rasile e l+rgentina. /or$rende la $resen a dell;ng-eria5 c7e com$are come unica tra i %aesi dell*uro$a centro1orientale5 so$$iantando $er!ino la Slo!enia5 c7e $ur essendo con!inante con lItalia5 rimane assente. Eon cX da meravigliarsi dellinclusione del Larocco5 giacc7M la sua $resen a X giusti!icata da evidenti ragioni socio1$olitic7e della realt) italiana5 nM della Cina5 scelta $robabilmente motivata dalle enormi $oten ialit) economic7e di "uesto $aese. Quanto all+rgentina e al 0rasile5 X cosa nota c7e in entrambi i %aesi vive una numerosa comunit) italiana5 in cui litaliano X $arlato ed a$$reso come lingua seconda. 6onsiderando i nomi delle citt)5 troviamo 8 nomi di citt) non italiane5 tra cui oltre a "uelle euro$ee anc7e 4oll"*ood e Cartagine5 e 18 nomi di citt) italiane5 di cui sono men ionati nel glossario $iU di una volta Goma3 Lilano3 :apoli3 9irenze3 Pisa3 Perugia. 3ra i nomi geogra!ici troviamo i mari c7e circondano lItalia e le +lpi5 ma non l+ppennino. 3redici sono i nomi di $ersonaggi di cui solo due5 Verdi e 0occaccio5 sono legati alla cultura italiana5 del resto si tratta $er lo $iU di $ersonaggi storici5 come Cesare3 Cleopatra3 Gomolo3 Gemo3 +nnibale ecc. &bbiamo inoltre il nome di Cristo e della Vergine Laria5 e in segno di un "ualc7e universalismo religioso5 anc7e di 0udda. /ono relativamente numerosi i marc7ionimi0 accanto a 9errari3 +prilia3 Lancia3 abbiamo Parmigiano Geggiano3 Grana Padano e Lo2a5 mentre i nomi di monumenti italiani si restringono al Colosseo3 al Lasc-io +ngioino e alla Scala. 3ra i nomi distitu ioni s$iccano due s"uadre di calcio5 la Zu!e e il Lilan e certamente non $uV mancare l;nione ,uropea. !.$.2.7 Interiezioni e fonosimboli

6ome rilevato <og7era nel LI% 919930 91: le interie ioni non corris$ondono ad una classe grammaticale de!inita mor!ologicamente o !un ionalmente0 si tratta $iuttosto di segni c7e reali ano un atto linguistico intero5 sen a integrarsi in ununit) di rango maggiore. /ono5 in!atti5 classi!icate come interie ioni $arole o es$ressioni molto diverse tra loro $er signi!icato e $er !orma. %ossono essere usate come interie ioni $arole a$$artenenti a categorie grammaticali diverse0 prego 9verbo:5 bene 9avverbio:5 peccato 9sostantivo:5 forte 9aggettivo:. Lattribu ione della marca -interie ione. X avvenuta in ogni caso in base al valore $ragmatico della $arola nel contesto in cui X stata usata. La nostra lista contiene 29 interie ioni c7e si suddividono in 22 interie ioni sem$lici e + $olirematic7e interiettive5 in $iU 3 !onosimboli. 3ra le interie ioni X $articolarmente numeroso il gru$$o di $arole ed es$ressioni di saluto5 la cui !un ione X di marcare lini io o la !ine di unintera ione verbale0 buongiorno3 ciao3 sal!e3 a stasera. #el resto le interie ioni es$rimono disa$$unto5 dis$iacere0 uffa3 mannaggia3 accidenti3 fa sc-ifoY $iacere0 c-e bello3 daccordo3 !a beU sor$resa0 macc-7U ma dai3 per[Y o$$ure ringra iamento0 grazie3 di niente3 prego. &bbiamo inoltre isolato un $iccolo sottoinsieme dei !onosimboli. /ono se"uen e !onic7e c7e non 7anno un signi!icato lessicale5 ma $ossono avere diverse letture olo!rastic7e. 3re sono i !onosimboli lemmati ati nella nostra lista5 trascritti come be-3 ma-3 e-i. W di!!icile dare un traducente $er "ueste se"uen e5 in!atti5 non sono incluse nel glossario italiano1ung7erese5 $erciV si X deciso di individuare la loro !un ione discorsiva $revalente. In mancan a di un inventario esauriente dei !onosimboli usati in italiano5 si X

153

!atto uso della lista di !re"uen a dei !onosimboli5 contenuta nel LI%. /i X rivelato c7e ciascuna delle tre se"uen e X contenuta tra i 36 !onosimboli del LI%0 la $iU !re"uente X be-5 trascritta $erV be5 come segnalatore dellini io di un turno di conversa ione5 c7e registra 266 occorren e nel cor$us LI%Y seguita da ma-5 c7e secondo il LI% es$rime incredulit) e !igura +1 volte nel cor$usY in!ine segue e-i5 voce di ric7iamo o di saluto5 con 9 occorren e 9c!r. LI%0 921935 531:. 6onsiderata lalta inciden a dei !onosimboli nel linguaggio $arlato5 X lodevole il tentativo degli autori di !ar conoscere alla$$rendente "ueste se"uen e tanto im$ortanti dal $unto di vista $ragmatico. !.$.2.( Polirematic%e

/i X deciso di riservare una se ione a $arte allanalisi delle es$ressioni $olirematic7e5 giacc7M esse costituiscono una $arte non trascurabile del vocabolario $ro$osto. /ullim$ortan a delle es$ressioni $olirematic7e nellinsegnamento delle lingue 7anno ric7iamato latten ione vari autori 9c!r. ,Pris 20020 905 <edovelli 19930 119:5 ma lidea $iU interessante tra tutti X "uella di #e (en o c7e nel suo contributo $ro$one di revisionare la !ascia dalta dis$onibilit) considerando le es$ressioni $olirematic7e5 c7e -!anno $arte di "uella "uotidianit) linguistica5 c7e costituisce il $rinci$io su cui si !onda il vocabolario di base. 9#e (en o 20050 232:.' In base ad un con!ronto sistematico con la lista Wulogos e con il LI% 9c!r. 6.3.2:5 si rileva c7e $iU della met)5 esattamente il 5+[ delle locu ioni del glossario non com$are in nessuna delle due liste. Ee ri$ortiamo alcune0
al forno3 allarrabbiata3 allitaliana3 di pro!incia3 in gamba3 !ero e proprio3 a lungo3 a pezzi3 al massimo3 allitaliana3 alla grande3 alla spina3 daltra parte3 di conseguenza3 da parte3 da solo3 in altri termini3 in continuazione3 in particolare3 laltro ieri3 per forza3 per niente3 s? e no3 tempo fa3 a stasera3 frutto di stagione3 albero genealogico3 cassetta per le lettere3 call center3 buca delle lettere3 c-ilometro orario3 codice da!!iamento fiscale3 prezzo fisso3 centro commerciale3 c-ilometro orario3 la!oro pubblico3 protezione ci!ile3 ufficio postale3 mettersi in testa3 !acanza studio3 treno ad alta !elocit<3 a!ere intenzione3 essere in giro3 a!ere torto3 mettersi insieme3 self ser!ice3 spag-etti *estern3 fare il filo3 stare insieme3 tenere compagnia3 ecc.

*lenc7iamo di seguito le locu ioni assenti nel LI%5 ma $resenti nella lista Wulogos0
alla moda3 alla rinfusa3 in pratica3 in punto3 a letto3 allinterno3 in base3 frutto di stagione3 albero genealogico3 abito da sera3 alta societ<3 caff> corretto3 fetta biscottata3 gioc-i olimpici3 grande sc-ermo3 occ-iali da sole3 occ-iali da !ista3 pentola a pressione3 participio passato3 posto di la!oro3 !igile del fuoco3 a!ere paura3 fare quattro passi3 mandare a quel paese3 prendere il sole.

Le es$ressioni di "uestultimo gru$$o5 $ur essendo assenti nel LI%5 sono state ricavate da vasti cor$ora5 e "uindi sono ben attestate nelluso corrente5 il c7e $uV legittimare il loro uso nel manuale. Lo stesso vale $er una serie di termini strettamente legati alla didattica dellitaliano0 passato prossimo3 periodo ipotetico3 numero ordinale ecc. Eon si $uV dire altrettanto $er le locu ioni esotic7e5 assenti sia nel LI% sia nella lista Wulogos5 come tal2 s-o*3 internet point3 call center3 self ser!ice3 spag-etti *esternY $er i termini sinonimici5 di cui5 in con!ormit) con il $rinci$io delleconomicit)5 uno dei due andrebbe cancellato0 buca delle lettere e cassetta per le lettere3 punto dincontro e punto di ritro!o. /ingolare ci X $arso il bisogno c7e gli autori 7anno sentito di im$iegare le es$ressioni la!oro pubblico5 protezione ci!ile5 codice di a!!iamento postale3 ciascuno di
'

#e (en o 920050 231: 7a rilevato c7e in un cam$ione di venti libri di lettura della scuola elementare5 $ubblicati tra il 1993 e il 20015 si contano 1.332 $olirematic7e5 la cui stragrande maggioran a X indicata nel H(&#I3 come !acente $arte della !ascia del vocabolario comune 96O:5 mentre solo due sono le $olirematic7e registrate come <dF. /i argomenta c7e "ueste es$ressioni5 insieme agli esotismi di!!usi negli ultimi decenni e ben note alla maggioran a degli allievi5 $otrebbero contribuire ad una revisione a$$ro!ondita del Vocabolario di 0ase.

15'

carattere tecnico1s$ecialistico. &nc7e lintrodu ione di albero genealogico andrebbe evitato in un libro $er $rinci$ianti. (isentono di ricercate a stilistica le es$ressioni come in altri termini3 di conseguenza3 in particolare3 c7e in un manuale $er $rinci$ianti dovrebbero essere $ro$osti al massimo $er la$$rendimento $assivo5 ma sicuramente non come es$ressioni utili $er scrivere una lettera5 come avviene nel manuale alla !ine dellunit) 3. /o!!ermiamoci sul caso di alla rinfusa. W da rilevare c7e oltre a non a$$arire nel LI%5 tale es$ressione X usata raramente in italiano. /e gli autori avessero voluto suggerire unes$ressione $iU corrente5 avrebbero $otuto s!ruttare il $iU !re"uente senza ordine. Questa locu ione5 se X meno caratteristica5 o!!re $erV il vantaggio delluso di due termini aventi una ricca !re"uen a5 mentre la voce rinfusa X usata5 oltre alla locu ione in oggetto5 solo in ambito tecnico1s$ecialistico. Lo studente 7a cos^ memori ato una voce c7e non avr) 9"uasi: mai occasione di usare e di sentire. 6on!rontando ancora il glossario con le voci di !re"uen a su$eriore a 12 della lista LI%5 si nota c7e la maggior $arte di essi !igura nel nostro glossario5 mentre si reclama lassen a di es$ressioni come0
senzaltro3 punto di !ista3 rendersi conto3 in effetti3 ogni tanto3 in modo c-e3 senzaltro3 a parte c-e3 tutto sommato3 daltra parte3 a !olte3 essere in grado3 carta didentit<3 dopo di c-e3 a proposito.

Fenc7M lassen a di "uesti termini sia un di!etto im$ortante5 X lodevole la scelta degli autori di includere alcuni termini legati strettamente alla realt) "uotidiana5 come !igile del fuoco3 !igile urbano3 centro commerciale3 settimana bianca3 caff> corretto. In sintesi5 mentre $er circa la met) delle es$ressioni non si $uV c7e a$$rovare la scelta degli autori5 laltra met) della lista andrebbe rivista sotto il $ro!ilo della !re"uen a duso5 con $articolare riguardo alle locu ioni avverbiali e verbali. 2no strumento $re ioso $er il controllo $otrebbe essere a$$unto la lista Wulogos5 ma so$rattutto il H(&#I3 o il Dizionario per il terzo millennio di #e 8auro 92000: c7e registrano entrambi sistematicamente le locu ioni insieme alla loro marca duso. !.$.2.9 )onclusioni

(i$ortiamo di seguito le $ercentuali di lemmi assenti nel LI% o aventi una !re"uen a doccorren a in!eriore a tre5 distribuiti secondo categorie grammaticali. 6ome si legge nella tabella5 tra le categorie maggiori sono i sostantivi e gli aggettivi c7e ric7iederebbero la revisione $iU $ro!onda.
3ostantivi &ggettivi 0erbi &vverbi 1sotismi Polirematic%e %ercentuale di lemmi assenti nel LI% 135'[ 185+[ 351[ 352[ 50[ +355[ 95'5+[:m %ercentuale di lemmi con !re"uen a s 3 125+[ 1259[ '5'[ 156[ 26[ 125'[ m3ra $arentesi X ri$ortata la $ercentuale di lemmi assenti sia nel LI% c7e nella lista Wulogos. %ercentuale di lemmi assenti o aventi una !re"uen a in!eriore a tre

/$iccano le $ercentuali di aggettivi0 un aggettivo su cin"ue X com$letamente assente nel LI%5 e sommandovi la $ercentuale di aggettivi di bassa !re"uen a5 si ottiene c7e "uasi ogni secondo aggettivo andrebbe riconsiderato in base al LI%. /eguendo lidentico ragionamento5 ogni "uarto sostantivo ric7iederebbe una veri!ica. 6ome era $revedibile5 la maggiore corris$onden a tra i dati del LI% e i lemmi del glossario si riscontra nel caso degli avverbi e verbi5 in entrambi di "ueste categorie la $ercentuale di lemmi $oco !re"uenti X esigua. In base al LI% andrebbero eliminati tre "uarti degli esotismi5 mentre nel caso delle $olirematic7e "uesto valore X ancora $iU elevato5 anc7e se5 come X stato

155

osservato5 esistono ormai altri strumenti di veri!ica c7e ra$$resentano meglio del LI% il valore duso delle locu ioni. 6i $are di $oter a!!ermare c7e il manuale X stato reali ato $iU sulla base della com$eten a linguistica $ersonale degli autori5 e non tanto in base ai $uri dati di !re"uen a. /embra c7e luso c7e gli autori 7anno !atto del LI% X stato assai s$oradico5 $er non dire casuale.

..&

$omparazione del glossario con il /d0

In "uesta se ione si leggono i risultati del con!ronto del nostro glossario con il Vocabolario di base della lingua italiana 9<dF: di #e 8auro et al. 91980:. Il <dF ra$$resenta il $iU $otente $unto di ri!erimento $er il lessico di base della lingua italiana5 essendo tuttora lunico di ionario di base dellitaliano c7e oltre al criterio della $ura !re"uen a !a uso anc7e di criteri soggettivi $er re$erire le $arole dalta dis$onibilit). 6ome es$licitato nella se . 2.2.155 la scelta dei lemmi del <dF X stata veri!icata in varie sedi5 sia da $arte di allievi delle elementari5 c7e da $arte di $ersone adulte con un ritardo mentale lieve o$$ure di!!icolt) di lettura o di scrittura. I controlli sistematici 7anno con!ermato c7e il <dF costituisce un !ondamento saldo del lessico dei $arlanti nativi5 e5 nello stesso tem$o5 X $unto di ri!erimento $er la valuta ione delle com$eten e lessicali in italiano L2 in sistemi di certi!ica ione "uali il 6IL/ e il 6*LI 9v. se . 5.2.15 5.2.2:. /i $uV i$oti are c7e le unit) lessicali $ro$oste del glossario $ossano essere misurate in ra$$orto alle !asce del <dF. /e la !ascia del vocabolario !ondamentale 9<,: X "uella c7e co$re la maggior $arte dei contesti5 allora le unit) lessicali $ro$oste dovranno a$$artenere innan itutto a "uesta !ascia5 $er !ornire alla$$rendente un in$ut corretto5 sen a distorsioni. /i $uV i$oti are5 $oi5 c7e la !ascia del vocabolario dalto uso 9<&2:5 c7e co$re unarea di usi in!eriore5 dovr) essere $resente in misura molto minore negli stadi ini iali del $rocesso di a$$rendimento. La $resen a o lassen a di $arole del <&25 in!atti5 dovrebbe essere il vero elemento discriminante tra i livelli di com$eten a lessicale. Il $roblema diventa com$lesso nel caso del vocabolario dalta dis$onibilit) 9<&#: c7e5 lo ricordiamo5 7a una bassa !re"uen a doccorren a ed X legato ad es$erien e molto !amiliari. 3rattandosi di un contesto da$$rendimento !ormale 9guidato:5 la$$rendente $uV elaborare il <&# se "uesto X $resente nellin$ut5 gra ie alle scelte o$erate nei materiali didattici5 mentre nei contesti s$ontanei il risc7io di non occorren a del lessico &# X maggiore. /i $revede "uindi c7e le $arole &# abbiano una $resen a massiccia5 $aragonabile a "uella del <&2. %er il con!ronto abbiamo utili ato il servi io Censor della societ) Wulogos. Il $rogramma5 dis$onibile sul sito 7tt$0KK===.eulogos.netKitKcensorK5 oltre ad anali are la leggibilit) dei testi 9c!r. '.2:5 con!ronta le $arole del testo con i vocaboli del <dF. %er usu!ruire del servi io5 X su!!iciente mandare $er e1mail il testo da anali are in !ormato testo sem$lice5 e in un $aio di giorni si ricevono i dati ric7iesti. #allanalisi si ricava c7e il glossario com$rensivo di 2.819 lemmi 9$arole ed es$ressioni: contiene 3.226 occorren e in tutto 9com$resi gli eventuali articoli e le indica ioni del genere grammaticale:5 di cui 2.51+ voci diverse. #elle 3.226 occorren e '2'5 $ari al 1351'[ del totale sono assenti nel <dF. (a$$ortando il numero di $arole diverse non <dF 939+: al totale di voci diverse del glossario 92.51+:5 la $ercentuale di $arole assenti nel <dF raggiunge il 1558[.

156

La tabella sottostante ra!!igura la ri$arti ione delle voci com$rese nel <dF. I dati ri$ortati si ri!eriscono sem$re al numero di occorren e totali. La ter a colonna ra$$resenta la distribu ione dei lemmi a$$artenenti al <dF nelle tre !asce5 mentre lultima colonna ra!!igura la ri$arti ione interna di "uelle $arole del glossario c7e !anno $arte del <dF.
.ivello del 0d* @umero di 'arole ,ondamentale 20'0 &lto uso 563 &lta dis$onibilit) 199 3otale $arole <dF 2802 V 'arole V 'arole tra le 'arole 0d* 6352' +2581 1+5'5 20509 651+ +510 86586 100

#istribu ione delle $arole riconducibili al <dF.

Questi risultati corris$ondono alle nostre attese solo in $arte. 6ome $revisto5 la stragrande maggioran a dei vocaboli a$$artiene alla !ascia del <,5 tuttavia sor$rende lalta $ercentuale di $arole &2 e lesigua $resen a di $arole &#. 3rattandosi del $rimissimo livello da$$rendimento5 X singolare la $resen a massiccia dei vocaboli &2 9attorno al 20[ delle occorren e:5 giacc7M5 come detto5 $ro$rio la misura di $arole &2 X il !attore di!!eren iante tra i vari livelli di com$eten a lessicale. (icordiamo5 in!atti5 c7e secondo i re"uisiti lessicali relativi al lessico attivo necessario $er sostenere lesame 6IL/ di livello &25 la $ercentuale di $arole &2 X del 12[. I due dati si ri!eriscono $erV a due realt) diverse0 i nostri dati descrivono la $ercentuale di termini &2 di tutte le occorren e del glossario5 mentre "uelli relativi allesame 6IL/ ra$$resentano la $ercentuale di termini &2 nel lessico attivo c7e la$$rendente deve sa$er usare a livello &2. /embra tuttavia5 c7e la $resen a del <&2 nel glossario sia in una certa misura sovradimensionata5 a sca$ito delle $ercentuali di $arole del <, e so$rattutto del <&#. 67e i vocaboli del <, vadano a$$resi $rima degli altri5 X indiscutibile. 6iV c7e ric7iede una discussione $iU a$$ro!ondita X la bassa $ercentuale di $arole &# ris$etto alle altre due !asce. %rima di valutare "uesto dato5 occorre !are alcune annota ioni. Le tre !asce del <dF sono s$esso ra!!igurate come tre cerc7i concentrici0 il cerc7io $iU esteriore contiene le $arole !ondamentaliY "uello intermedio include il <&2Y il cerc7io $iU $iccolo com$rende il <&#. In un suo contributo #e (en o 920050 216: 7a additato c7e5 in realt)5 la meta!ora dei cerc7i concentrici 9c!r. <edovelli 19950 62:5 non ritrae e!!icacemente il <dF. Le tre !asce5 in!atti5 non si $resentano se"uen ialmente0 lac"uisi ione del <&# non giunge necessariamente do$o le $arole !ondamentali o dalto uso. Lo stesso $ensiero X stato avan ato da 3ullio #e 8auro in un dialogo condotto con c7i scrive all2niversit) di (oma -La /a$ien a.5 in occasione di un viaggio di studio0 a !or a di mantenere basso il numero di $arole $resenti nellin$ut didattico5 bisogna sacri!icare il <&2 $iuttosto c7e il <&#. %er costruire un lessico di circa cin"uemila $arole5 #e 8auro 7a consigliato di utili are lintera la !ascia del <, e del <&#5 in $iU le $arole $iU usuali del <&25 sele ionate in base ai dati di !re"uen a del LI%. Le $arole dis$onibili !anno $arte delle strutture abituali di $ensiero e di com$ortamento5 ra$$resentano5 a$$unto5 la $arte $iU viva della lingua. W evidente dun"ue c7e5 $er c7iun"ue voglia comunicare con i $arlanti di un dato $o$olo5 emerge la necessit) di assimilare $recisamente "uesto vocabolario5 c7e ne costituisce il vero strumento des$ressione. Queste $arole sono di vitale im$ortan a $er gli a$$rendenti ditaliano L25 $oic7M sono ri!erite ad oggetti c7e un $arlante nativo non nomina5 ma usa "uotidianamente. Les$erien a rivela c7e anc7e $ersone c7e sarebbero tenute a conoscere un certo vocabolario5 suscettibile di a$$arire nella lingua $arlata dogni giorno5 ignorano elementi della L25 addirittura banali nella L1. 6i si

15+

ri!erisce alle situa ioni "uando uno non trova le"uivalente in lingua straniera di es$ressioni banali c7e nella L1 non !anno nessun $roblema. %er avvalermi dellesem$io di #e 8auro5 -uno straniero non $uV non conoscere la $arola peperoncino..5 Qualora "uesti termini non com$aiano sulle $agine del libro didattico5 la$$rendente non 7a la minima $ossibilit) di im$arare i vocaboli &#. %aragonando la $ercentuale di voci &# nel glossario 9+51[: alla $ercentuale di termini &# di cui X ric7iesta la conoscen a attiva $er sostenere lesame 6IL/ 9'5+5[:5 si costata c7e la $rima su$era la seconda. 6iV tuttavia non deve ingannare sul !atto c7e i vocaboli &# siano tro$$o $resenti nelle $agine del manuale5 ma al contrario0 $er garantire c7e una certa $arte di "uesta !ascia entri a !ar $arte del vocabolario attivo del discente5 X indis$ensabile c7e la $ercentuale dei termini c7e vi a$$artengono5 nellin$ut didattico su$eri la soglia $revista $er luso attivo. La $resen a di termini &# X di $articolare im$ortan a nellin$ut di livello elementare. 3rattandosi di !atti5 es$erien e e oggetti della vita di tutti i giorni5 "uesti termini occorrono "uasi esclusivamente nei livelli ini iali5 mentre nei livelli su$eriori tendono a scom$arire5 man mano c7e i temi di vita "uotidiana vengono abbandonati. Fini 9199+0 18: osserva c7e la $robabilit) doccorren a nellin$ut di termini come la!atrice3 pentola3 postino diminuisce notevolmente5 $oic7M si tratta di $arole molto legate al contesto e di basso rendimento. Eello stesso tem$o5 le situa ioni routine5 in cui "ueste $arole com$aiono5 sono stranote agli studenti5 $erciV le $arole &# non col$iscono molto la loro immagina ione. Le $arole &#5 in!atti5 entrano di!!icilmente nel vocabolario degli studenti5 indi X o$$ortuno garantire c7e esse siano $resentate in modo sistematico nellin$ut !in dai $rimi stadi di a$$rendimento. In vista dei suddetti5 a livello elementare lo sco$o centrale dovrebbe essere la$$rendimento della maggioran a dei vocaboli della !ascia !ondamentale5 $iU una$$osita interse ione tra <&# e <&25 attribuendo $articolare $eso ai termini del <&#.6 8entre $er la sele ione dei vocaboli &2 il LI% $uV !ornire un aiuto e!!ettivo5 non si $uV dire altrettanto $er le voci &#. #e %alo 9199+0 396: 7a reso evidente c7e il +35+[ del <&2 X com$reso nel LI%5 di cui 3'0 lemmi com$aiono addirittura tra i $rimi 2000 del LI%. Eel caso del <&#5 invece5 laiuto c7e il LI% $uV !ornire X meno immediato0 il 5+55[ del <&# X assente nel LI%5 del restante '255[ c7e X $resente5 il 256[ com$are tra i $rimi 2000 lemmi del LI%Y il 105+[ com$are nella !ascia da 200 a 5000Y 653[ nella !ascia 50011+000Y e 2259[ nella !ascia con rango su$eriore a +000.+ Hli stessi dati s$iegano la ridotta $resen a di termini &# nel nostro manuale in cui la sele ione lessicale5 almeno teoricamente5 X basata sui dati di !re"uen a del LI%. 6onsideriamo ora le $arole del glossario c7e sono assenti nel <dF. W stato additato c7e il 12509[ di tutte le occorren e e 1551[ dei termini anali ati non !a $arte del <dF. %rima di $rocedere allanalisi di "ueste voci5 occorre c7iarire c7e nel <dF non sono ri$ortati0 i sostantivi alteratiY la !orma alterata e il su$erlativo di aggettivi e avverbiY gli avverbi derivati in 1menteY gli esotismiY le es$ressioni $olirematic7eY i nomi $ro$ri e le sigleY le abbrevia ioni e le !orme con a$oco$e. 8entre le abbrevia ioni mancano anc7e nel nostro
5

/u "uesto argomento v. <edovelli e Hensini 919830 1+91196: e <edovelli 919930 1'011'+:. /i vedano anc7e le considera ioni nostre es$oste alla !ine della se . 5.2.2. 6 <a anc7e rilevato c7e il <&#5 a$$unto $erc7M legato a situa ioni5 es$erien e5 ambienti e oggetti della vita "uotidiana c7e sono suscettibili di sensibili mutamenti nel corso degli anni5 X $iU es$osto al variare della cultura materiale e ric7iede aggiornamenti relativamente !re"uenti 9#e 8auro 19990 DD:. #allini iale elabora ione del <dF5 risalente al 19805 il <&# X stato sotto$osto a diverse veri!ic7e em$iric7e5 le "uali 7anno $ortato alla con!igura ione attuale del 199+5 contenente 2.33+ $arole &#. + Questi dati con!ermano "uanto additato da #omenico (usso 920050 2'6:5 ovvero c7e la natura del <&# X tale da attraversare tutti gli intervalli di valore duso dei lemmi delle liste di !re"uen a5 il <&# si $uV immaginare come -una sorta di basso continuo lessicale sotteso allintero lemmario..

158

glossario5 vi troviamo una "uantit) non trascurabile di alterati5 su$erlativi5 avverbi in 1mente5 esotismi e "ualc7e !orma con a$oco$e5 $ertanto i risultati ricavati dal con!ronto con il <dF vanno inter$retati tenendo conto di "ueste $remesse. (i$ortiamo5 innan i tutto5 i sostantivi 9sottolineati gli esotismi:0
abbinamento3 abbonamento3 abbre!iazione3 accessorio3 aerobica3 age!olazione3 aggetti!o3 alternati!a3 antipasto3 appendice3 arc-eologia3 arc-eologo3 aroma3 ascesa3 aspirina3 ausiliare3 automobilismo3 auto!alutazione3 a!!erbio3 bacon3 bancomat3 basilica3 biro3 birreria3 bo.3 brano3 brioc-e3 brusc-etta3 bufala3 caffelatte3 caffettiera3 caimano3 calamit<3 call3 canone3 carbonara3 cellulare3 center3 centesimo3 cereale3 c-ef3 ciclone3 clientela3 colapasta3 collezione3 comfort3 compositore3 condimento3 condizionale3 conduttore3 congiunti!o3 congratulazione3 coniugazione3 consumatore3 contenitore3 con!alida3 cosmetico3 costiera3 crociera3 cruci!erba3 cucc-iaino3 decodificatore3 denominazione3 depliant3 derb"3 descrizione3 designer3 desinenza3 destinatario3 destinazione3 detersi!o3 dietologo3 diminuzione3 disaccordo3 disappunto3 discoteca3 discount3 docente3 documentario3 dollaro3 duomo3 e1mail3 enfasi3 euro3 ,urostar3 e!ento3 fantascienza3 fascicolo3 ferragosto3 fettuccina3 filosofo3 finezza3 focaccia3 foto3 franc-ising3 frutti!endolo3 fusillo3 gel3 giornalaio3 giungla3 glossario3 gnocco3 gnomo3 golf3 granc->3 grattugia3 imperati!o3 imperfetto3 impero3 indicazione3 ingrediente3 inserto3 Bntercit"3 internet3 in!oltino3 ipermercato3 irregolarit<3 #eans3 lancetta3 leggenda3 legionario3 locandina3 maglietta3 manager3 mappa3 marc-io3 marinara3 mass3 medicinale3 medioe!o3 mensile3 men=3 meteo3 metr[3 miglioramento3 miopia3 modalit<3 montatura3 mortadella3 mozzarella3 nazista3 neorealismo3 notiziario3 nu!olosit<3 occ-iale3 opportunit<3 ordinazione3 ortopedico3 palio3 pandoro3 panettone3 paninoteca3 pannacotta3 pantalone3 parmigiano3 parodia3 participio3 particolarit<3 pecorino3 penisola3 percentuale3 perifrasi3 pesci!endolo3 pianista3 picnic3 pirateria3 pizzaiolo3 point3 possessi!o3 prefisso3 preposizione3 presentatrice3 presepe3 pro3 pronome3 pulsante3 quiz3 radiotele!isione3 raffinatezza3 rammarico3 realit"3 regata3 regia3 ricapitolazione3 rigatone3 rinascimento3 rinfusa3 rinno!amento3 ripostiglio3 riquadro3 risotto3 ristorazione3 salatura3 scaloppina3 sc-ema3 scooter3 self3 ser!ice3 s-o*3 s-o*man3 sinonimo3 sintesi3 slogan3 soap3 sostanti!o3 sottocultura3 sou!enir3 specialit<3 spettatore3 sponsor3 spot3 stagionatura3 statistica3 stecc-ino3 stereo3 stilista3 stracciatella3 supermercato3 supplemento3 tabacc-eria3 tagliere3 tailleur3 tal23 tango3 tass?3 tassista3 tatuaggio3 tecnologia3 telecomando3 telecomunicazione3 telefonia3 telegiornale3 telespettatore3 tele!endita3 tematica3 terme3 test3 testata3 t-riller3 tiramis=3 tortellino3 totocalcio3 tourn7e3 tramezzino3 trapassato3 trattoria3 trio3 t1s-irt3 utensile3 !erbo3 !iabilit<3 !ideogioco3 !iscosa3 *estern3 "ogurt3 zabaione3 zaino3 zapping3.

6ome era intuibile5 la maggioran a delle voci assenti nel <dF a$$artiene alla categoria dei sostantivi. &llinterno di "uesto gru$$o s$iccano gli esotismi. Eella se ione $recedente abbiamo veri!icato c7e il glossario com$rende '3 esotismi in tutto5 "ui ne ritroviamo esattamente 3+ 9sottolineati:. /oltanto sei sono i termini stranieri entrati a !ar $arte del <dF0 fan 9&2:5 record 9&#:5 s-ampoo 9&#:5 festi!al 9&#:5 pullo!er 9&#: e computer 9&#:. Questo risultato costituisce unulteriore $rova della necessit) di rivedere e di ridurre gli esotismi contenuti nel manuale. I sostantivi assenti nel <dF $ossono essere raggru$$ati attorno ad alcuni temi s$eci!ici0 termini grammaticali 9ausiliare3 enfasi3 participio3 trapassato: e didattici 9ricapitolazione3 auto!alutazione3 sintesi:Y relativi allalimenta ione 9brusc-etta3 panettone3 risotto3 ristorazione3 salatura3 stracciatella3 stagionatura:Y alle telecomunica ioni 9cellulare3 decodificatore3 prefisso3 radiotele!isione3 pulsante3 spot3 s-o*3 telecomando3 telefonia:Y al commercio 9age!olazione3 clientela3 centesimo3 franc-ising3 ipermercato3 tele!endita:Y alle $ro!essioni 9tassista3 arc-eologo3 ortopedico3 dietetico3 pizzaiolo3 pianista ecc.:Y agli utensili 9biro3 caffettiera3 grattugia3 tagliere:. /ono in minoran a i sostantivi astratti come abbinamento3 calamit<3 e!ento3 irregolarit<3 leggenda3 sc-ema3 sottocultura3 tematica ecc. 8entre in ra$$orto al LI% il 135'[ dei sostantivi del glossario X assente5 con!rontando il glossario con il lemmario del <dF5 "uesta $ercentuale sale a 18[. 6onsiderate le caratteristic7e di distribu ione dei due lemmari5 ovvero la $iU alta $ercentuale di aggettivi nel glossario ris$etto al <dF 9c!r. se . 6.3.1:5 X lecito attendersi c7e $er "uanto riguarda gli aggettivi5 vi sia una certa discre$an a !ra il <dF e il nostro glossario. *cco gli aggettivi assenti nel <dF0

159

agroalimentare3 amalfitano3 amatissimo3 amic-e!ole3 autobiografico3 balsamico3 ben!enuto3 biologico3 biscottato3 caprese3 caratterizzato3 castano3 condizionato3 coordinato3 cremoso3 cronologico3 decaffeinato3 determinati!o3 digitale3 egizio3 energetico3 equilibrato3 etnico3 e.tralarge3 e.tra!ergine3 famigliare3 farcito3 fenomenale3 finanziato3 forestale3 genealogico3 gestito3 gio!anile3 globale3 graduale3 grammaticale3 grattugiato3 gratuito3 gustoso3 idratante3 igienica3 impensabile3 impersonale3 indeterminati!o3 indicati!o3 influenzato3 informale3 interregionale3 interurbano3 intransiti!o3 introdutti!o3 ipotetico3 irrinunciabile3 italo1americano3 leggendario3 lirico3 lussuoso3 melodico3 mini3 modale3 nutriti!o3 nutrizionale3 olimpici3 orale3 ordinale3 ospitale3 parabolico3 partiti!o3 penultimo3 pessimista3 post1laurea3 preferibile3 prestigioso3 pro!ocatorio3 pubblicizzato3 raggiungibile3 realizzabile3 reclamizzato3 riflessi!o3 rispetti!o3 ritmico3 saporito3 saracino3 satellitare3 sonora3 sottostante3 spericolato3 spettacolare3 stabile3 stressante3 stressato3 tele!isi!o3 terzultimo3 transiti!o3 !ariabile.

Hli aggettivi sono di carattere grammaticale 9determinati!o3 indicati!o3 partiti!o:Y relativi allalimenta ione 9balsamico3 biscottato3 decaffeinato3 farcito3 e.tra!ergine3 nutriti!o3 nutrizionale3 saporito:Y vi sono aggettivi denominali 9amalfitano3 caprese3 egizio:Y in!ine alcuni aggettivi non s$eci!ici 9ritmico3 stressante3 cronologico3 amic-e!ole3 ospitale3 raggiungibile ecc.:. /embra c7e contrariamente al <dF5 i cui lemmi sono caratteri ati da un am$io s$ettro semantico5 il glossario tende a registrare aggettivi i "uali es$rimono lessicalmente signi!icati ricavabili dai vocaboli com$resi nel glossario stesso. 6ome rilevato in $receden a5 la !un ione "uali!icativa degli aggettivi $uV essere es$ressa5 oltre c7e da distinti lessemi5 anc7e tramite lim$iego di sintagmi 9lussuoso H di lusso3 forestale H relati!o alla foresta3 decaffeinato H senza caffeina:5 in cui il sostantivo 7a una $iU vasta a$$licabilit) semantica ris$etto allaggettivo. I dati numerici danno una $recisa con!erma di "uanto rilevato nella se ione $recedente. %rendendo come $unto di ri!erimento il LI%5 il 18[ degli aggettivi andrebbe eliminatoY $artendo dal <dF "uesta $ercentuale rimane "uasi inalterata al 1+[. /ono in netta minoran a i verbi assenti nel <dF0
abbellire3 abbinare3 addobbare3 coccolare3 con!alidare3 digitare3 drammatizzare3 formulare3 grattugiare3 imbucare3 indi!iduare3 inter!istare3 localizzare3 moti!are3 pranzare3 ri!i!ere3 timbrare3 trionfare.

Questi verbi !igurano ti$icamente nei testi distru ione 9abbinare3 drammatizzare3 formulare3 indi!iduareU localizzare3 moti!are:Y altri sono verbi generici 9addobbare3 pranzare3 ri!i!ere:. &nc7e nel caso dei verbi trovano con!erma le rileva ioni della se ione $recedente0 la $ercentuale di verbi assenti nel LI% si aggira sul 3[5 nel caso del <dF X del 356[. /eguono in!ine i $oc7i avverbi assenti nel <dF0
dettagliatamente3 distrattamente3 gratuitamente3 oralmente.

La $ercentuale di avverbi assenti nel <dF corris$onde grosso modo a "uella di voci non com$rese nel LI%5 !ornendo unulteriore $rova della !ondate a della sele ione o$erata nel cam$o degli avverbi. W s$oradica lassen a di altre categorie nel <dF. (icordiamo le interie ioni arri!ederla3 mannaggiaY i numerali miglialio3 !entinaY il $ronome altruiY la $re$osi ione tramite. (i$ortiamo in una tabella a$$osita la $ercentuale di lemmi assenti nel LI% e nel <dF5 ri$artite $er categoria grammaticale 9del conteggio sono escluse le $olirematic7e e le categorie minori:0
Percentuale di lemmi assenti /ostantivi &ggettivi <erbi &vverbi 135'[ 185+[ 351[ 352[ 1+59[ 1+5+[ 356[ 2[

LI% <dF

%ercentuale di lemmi assenti nel LI% e nel <dF5 ri$artite secondo categoria grammaticale

160

3utto "uesto con!erma non solo a livello delle singole voci5 ma anc7e sotto una $ros$ettiva $iU am$ia "uanto osservato nella se ione $recedente5 ossia c7e le due categorie c7e $iU necessitano di un controllo a$$ro!ondito5 sono i sostantivi e gli aggettivi5 mentre $er le altre classi grammaticali le voci $ro$oste sono e!!ettivamente "uelle $iU !ondamentali. Fasare le scelte lessicali di un manuale sulla sensibilit) linguistica degli autori 7a il $regio di $ermettere linclusione di una serie di $arole c7e $ur non avendo unaltissima !re"uen a nei testi scritti e $arlati5 sono ben note a tutti gli italiani5 a$$artengono cioX alla classe delle $arole dalta dis$onibilit)5 come vedremo di seguito. #altra $arte $erV5 a "uesta sensibilit) $er le conoscen e lessicali dei $arlanti nativi non si X associato il tentativo di seguire5 almeno in "uesta $rimissima !ase della$$rendimento5 il criterio del -minimo s!or o.5 c7e im$one di sele ionare i termini dim$iego $iU !re"uente e di $iU vasta a$$licabilit) semantica c7e meglio si combinano con altre $arole. Eon si X riusciti5 in!atti5 ad escludere del tutto i tecnicismi5 gli esotismi ed i termini di bassa !re"uen a. &ccanto ad una notevole "uantit) di termini generici nel glossario si trovano voci dalta $re iosit) linguistica5 ben sostituibili con $eri!rasi o altre $arole $iU sem$lici e $iU usati. /otto "uestas$etto andrebbero rivisti in $articolare gli aggettivi e i sostantivi5 con $articolare riguardo a "uelli di origine straniera.

..'

+rado di copertura del lessico

%er veri!icare le!!ettiva utilit) del manuale Progetto italiano 1 $er la $re$ara ione di un esame di lingua di livello &25 abbiamo controllato il grado di co$ertura dei lemmi del glossario ris$etto ad una $rova di lettura calibrato a livello &2.8 (icordiamo5 c7e "uesto X il livello c7e gli studenti5 secondo linten ione degli autori di Progetto italiano 15 dovrebbero $adroneggiare do$o aver im$arato le strutture contenute nel libro. /co$o del nostro conteggio X di vedere5 "uante !ra le $arole utili ate nella $rova di lettura sono contenute nel glossario5 e di cercare di veri!icare se lallievo in $ossesso del lessico o!!ertogli come in$ut sia e!!ettivamente in grado di a!!rontare lesame. Eella se . 1.1.' abbiamo ric7iamato latten ione sul !atto c7e il grado di co$ertura di un lessico non va identi!icato con la sua utilit) comunicativa. In "uestottica $recisiamo c7e lobiettivo del conteggio X di veri!icare il grado di coeren a tra lin$ut didattico e i re"uisiti lessicali in sede di certi!ica ione5 sen a voler misurare le!!icien a comunicativa del lessico $ro$osto. %er la veri!ica abbiamo scelto lesame 6*LI 1 dell2niversit) $er /tranieri di %erugia5 livello c7e corris$onde ad una conoscen a di grado &2 della lingua italiana. Le ca$acit) ric7ieste ad un candidato del 6*LI 1 si basano sulle ca$acit) ti$ic7e del livello &2 del Quadro comune di riferimento europeo0 -il candidato deve aver svilu$$ato le abilit) linguistic7e necessarie $er la _so$ravviven a cioX $er $oter ini iare ad interagire nella vita sociale e lavorativa in un contesto dove ci si es$rima in italiano..9 6os^ come gli altri esami 6*LI5 anc7e il 6*LI 1 co$re le "uattro $rinci$ali abilit) linguistic7e0 leggere5 scrivere5 ascoltare5 $arlare. %er i nostri obiettivi abbiamo ritenuto o$$ortuno $rendere

8 9

%er co$ertura sintende la $ercentuale doccorren e c7e sono contenute nel glossario. (icavato dal sito del 6entro $er la <aluta ione e la 6erti!ica ione Linguistica dell2niversit) $er /tranieri di %erugia 9===.cvcl.it:.

161

come testo di ri!erimento gli eserci i di com$rensione scritta. %er i re"uisiti lessicali relativi al livello &2 si rinvia alla se . 5.2.2. I testi utili ati $er la $rova di lettura sono in genere brevi5 ad es. avvisi $ubblici5 istru ioni5 messaggi $ubblicitari di interesse generale. I candidati devono -dimostrare di sa$er com$rendere il signi!icato generale e alcuni dettagli di ti$o $ratico.. Il vocabolario di "uesti testi com$rende -alcuni interna ionalismi e le $arole di $iU alta !re"uen a.. La $rova include cin"ue brevi testi5 ciascuno accom$agnato da un test di scelta multi$la. I testi sui "uali abbiamo calcolato il grado di co$ertura del glossario sono state tratte da un cd $ubblicato dal 6onsiglio d*uro$a 9/7eils 2005:5 c7e registra $rove desame calibrate secondo i livelli del Quadro comune di riferimento europeo. %er motivi di s$a io abbiamo sotto$osto alla veri!ica ogni secondo eserci io5 cioX gli item n. 15 3 e 5. %ro$oniamo i testi in due versioni. Eella $rima versione abbiamo tolto tutte le $arole tranne "uelle com$rese nel glossario del manuale Progetto italiano 1Y nella seconda X ri$ortato il testo integrale. &ccanto ai testi $resentiamo le ris$ettive domande. *serci io n. 1
*lio0 -(icordo la $rima vacan a a 16 anni5 in giro $er le isole *olie0 $er me5 c7e sono di 8essina5 non X stato un grande viaggio. 8a allora mi X m di essere arrivato in &merica. 6on tre amici 9anc7e una m: abbiamo girato5 abbiamo anc7e dormito in m5 abbiamo vissuto in unatmos!era mf 3anti anni do$o sono tornato l) a cercare i sa$ori e i colori di "uella vacan a5 ma non 7o $iU m "uellatmos!era.. *lio0 &: descrive una vacan a in m F: ricorda le m di una vacan a 6: $arla di un viaggio tra 8essina e l&merica

La solu ione del $rimo eserci io ric7iede la conoscen a di $oc7i vocaboli non ancora $resentati alla$$rendente0 il grado di co$ertura del testo e delle a!!erma ioni X in!atti del 93[. La "uestione $rinci$ale $erV X se conoscendo il 93[ dei termini lo studente X in grado di ca$ire largomento5 e di sele ionare la ris$osta giusta. Il testo 7a un tema molto generale0 il ricordo di una vacan a5 "uindi $er la sua com$rensione basta conoscere alcune $arole dalta !re"uen a5 come !iaggio3 campeggio3 tenda3 emozione3 atmosfera. &nc7e se di "uesti elementi solo il $rimo e lultimo !igurano nel glossario5 sembra c7e lo studente abbia buone $robabilit) di trovare la ris$osta giusta 9F:. 2na volta ca$ite le $arole !acanza3 !iaggio3 girare da un lato e atmosfera3 sapore3 colore dallaltro5 si intuisce c7e "ui si tratta a$$unto delle emo ioni c7e "uella vacan a 7a suscitato. *cco il testo integrale.
*lio0 -(icordo la $rima vacan a a 16 anni5 in giro $er le isole *olie0 $er me5 c7e sono di 8essina5 non X stato un grande viaggio. 8a allora mi X sembrato di essere arrivato in &merica. 6on tre amici 9anc7e una !idan atina: abbiamo girato5 abbiamo anc7e dormito in tenda5 abbiamo vissuto in unatmos!era elettri antef 3anti anni do$o sono tornato l) a cercare i sa$ori e i colori di "uella vacan a5 ma non 7o $iU res$irato "uellatmos!era..

*lio0 &: descrive una vacan a in cam$eggio F: ricorda le emo ioni di una vacan a 6: $arla di un viaggio tra 8essina e l&merica

*serci io n. 3

162

/ono m0 le tenete sotto la $ioggia $oi le m e sono buone come $rima. /i a$rono e si m con !acilit). /tanno bene in m. Le m turistic7e della #e &gostini segnano un bel $asso avanti nella m di "ueste m e$$ure grandi com$agne dei nostri m. Il testo descrive0 &: un abito m F: una cartina turistica 6: un libro m

La co$ertura X dell8+[5 ma X evidente c7e le $arole sconosciute sono essen iali $er ca$ire il messaggio del testo. %er risolvere leserci io con successo5 lallievo deve attivare non solo le $ro$rie conoscen e lessicali5 bens^ anc7e "uelle culturali. #eve essere in grado di dedurre il signi!icato dal contesto sen a ca$ire tutte le $arole c7iave5 $ortatrici del messaggio del testo0 impermeabile3 tasca3 pianta3 compagna3 tascabile. Il nome delleditore #e &gostini $uV essere daiuto5 sem$re a $atto $erV5 c7e lo studente riconosca c7e si tratta di un editore. * tuttavia dubitabile c7e una$$rendente di livello elementare c7e studia litaliano nel $ro$rio %aese5 abbia molte $ossibilit) di !ar conoscen a delleditoria italiana. 8ettiamo $ure c7e lallievo riconosce il nome. & "uesto $unto gli rimangono sem$re due scelte5 F e 65 giacc7M "uesta casa editrice $ubblica sia libri c7e cartine. %er sele ionare la ris$osta giusta 9F: X5 in!atti5 indis$ensabile conoscere oltre a cartina5 anc7e il suo sinonimo c7e !igura nel testo5 pianta. /en a ca$ire pianta5 ed X "uesto il nostro caso5 lunica c7ance dellallievo X di intuire5 in base a $arole come turistico e pioggia5 c7e "ui non si tratta di libri5 ma di ma$$e. /egue il testo integrale.
/ono im$ermeabili0 le tenete sotto la $ioggia $oi le scrollate e sono buone come $rima. /i a$rono e si ri$iegano con !acilit). /tanno bene in tasca. Le $iante turistic7e della #e &gostini segnano un bel $asso avanti nella conce ione di "ueste umili e$$ure grandi com$agne dei nostri s$ostamenti. Il testo descrive0 &: un abito im$ermeabile F: una cartina turistica 6: un libro tascabile

*serci io n. 5
%er decisione dellm euro$ea5 i nuovi m di m in euro sono diversi da "uelli in m $er colore e disegno. I vecc7i m in m devono essere consegnati in banca o distrutti. * m anc7e correggere i vecc7i m in m e tras!ormarli in euro. Il testo contiene s$iega ioni su come0 &: scrivere un m in euro F: com$ortarsi con i m di m in m 6: tras!ormare i vecc7i m in m

In "uesto testo il grado di co$ertura del glossario X $ari al +9[. Il com$ito $resu$$one la conoscen a di vocaboli come autorit<3 assegno3 carnet3 lira3 !ietato5 nessuno dei "uali X $resente nel glossario. In teoria si $otrebbe i$oti are c7e la $arola lira sia stranota a tutti gli adulti da una certa et) in su5 ma non bisogna dimenticare c7e esiste una genera ione giovane c7e non X mai venuta in contatto con la vecc7ia moneta5 $erc7M sono ormai cin"ue anni c7e il me o di $agamento dellItalia X leuro. %er "uesto gru$$o di discenti la lira rimarr) sconosciuta5 se non $ro$osta a livello dellin$ut didattico. Laltra $arola c7iave X assegno5 c7e $ur essendo marcato &2 nel <dF5 non !igura nel glossario. &nc7e in "uesto caso $are c7e le $robabilit) del discente di sele ionare la!!erma ione giusta5 non di$ende tanto dal grado con cui 7a assorbito il lessico contenuto nel manuale5 invece 163

da altri !attori5 come le conoscen e sul mondo5 la logica5 la ca$acit) deduttiva5 ecc. (i$ro$oniamo la versione integrale del testo.
%er decisione dellautorit) euro$ea5 i nuovi carnet di assegni in euro sono diversi da "uelli in lire $er colore e disegno. I vecc7i carnet in lire devono essere consegnati in banca o distrutti. * vietato anc7e correggere i vecc7i assegni in lire e tras!ormarli in euro. Il testo contiene s$iega ioni su come0 &: scrivere un m in euro F: com$ortarsi con i m di m in lire 6: tras!ormare i vecc7i m in lire

W interessante osservare come diminuisce il grado di co$ertura del glossario5 man mano c7e il tema dei testi diventa $iU caratteristico. #a una co$ertura massima del 93[ del $rimo eserci io si scende a +9[ nellultimo com$ito. Eonostante "uesta !lessione5 il grado di co$ertura rimane relativamente elevato5 e in teoria dovrebbe garantire la com$rensione di tutti i testi. /a$$iamo c7e i testi sono costituiti da un elevato numero di $arole di alta !re"uen a e un numero ridotto di voci meno !re"uenti. Il $roblema X c7e gran $arte del messaggio dei testi X a!!idata $ro$rio a "ueste $arole di bassa !re"uen a. In generale $ossiamo a!!ermare c7e $iU largomento X s$eci!ico5 maggior $arte del messaggio X $ortato dalle $arole meno !re"uenti. La com$rensione di "ueste voci crea $roblemi agli studenti5 $oic7M esse non !igurano nellin$ut didattico di livello elementare 9&2:. %are "uindi c7e lo studente c7e abbia im$arato il lessico del manuale Progetto italiano 1 7a buone $robabilit) di ca$ire tutti i testi dallargomento generale5 mentre si trova in di!!icolt) e $uV contare solo sulle $ro$rie conoscen e non strettamente linguistic7e "ualora incontri un testo dallargomento s$eci!ico.

...

!pporti di un dizionario di base ung)erese

Occorre c7iarire $rima di tutto5 "uali a$$orti un di ionario di base ung7erese $uV dare alla sele ione del lessico in un manuale didattico della lingua italiana. (inviando a "uanto es$osto agli ini i del ca$. 35 si osserva c7e la ris$osta X da cercare nelle di!!eren e socio1culturali c7e $ossono sussistere $er!ino tra due %aesi non tro$$o distanti nM geogra!icamente5 nM culturalmente. W stato anc7e eviden iato c7e la$$rendimento di una lingua straniera 7a due risvolti im$ortanti0 oltre c7e la$$rendente viene a conoscen a con la cultura del %aese straniero5 egli deve essere ca$ace di descrivere nella lingua straniera gli as$etti s$eci!ici della cultura del $ro$rio %aese. In termini $iU generici5 egli deve essere in grado di es$rimere i concetti e denominare gli oggetti c7e nel $ro$rio %aese dorigine !anno $arte della cultura eKo della "uotidianit). Queste $arole5 c7e $eraltro non necessariamente coincidono con le voci $iU usuali della L25 non dovrebbero rimanere !uori del suo vocabolario di L25 anc7e $erc7M tra i temi degli esami orali di italiano L25 organi ati $resso enti di certi!ica ione ung7eresi5 !igurano vari temi legati alla cultura e alla "uotidianit) ung7erese 9$iatti ti$ici5 monumenti e curiosit)5 organi a ione $olitica5 sistema scolastico5 sistema $ensionistico ecc. dell2ng7eria:. W legittimo c7iedersi come si $uV garantire c7e "uesto lessico entri a !ar $arte delle conoscen e degli allievi4 La solu ione migliore5 sotto "uesto as$etto5 X di adottare un libro didattico conce$ito s$eci!icatamente $er utenti di madrelingua ung7erese. 3ra "uesti si ricordano i manuali di 8Pric e / abP 919935 199': e di &ngelini e 8Pric

16'

91983: c7e oltre a contenere il lessico italiano di base5 sele ionato in con!ormit) ai dati del LI,5 com$rendono una serie di vocaboli im$ortanti $er lutente ung7erese.10 /i $ensi in $articolare ai termini legati alla civilt) ung7erese0 nomi di monumenti 9Ponte delle Catene3 0astione dei Pescatori:5 nomi geogra!ici 9bacino dei Carpazi3 Danubio:5 nomi di $iatti ti$ici 9coniglio alla papri2a:5 !igure della storia ung7erese 9buttero3 cer!o fatato3 trib=: ed altri. 2tili ando invece un manuale destinato ad un $ubblico $lurilingue5 ossia ad a$$rendenti di madrelingue varie5 s$etta al docente di adattare il libro alle esigen e degli allievi. Ladattamento in "uesto caso vuol dire arricc7imento5 tramite lintrodu ione di termini meno comuni in Italia5 ma ben noti a tutti i $arlanti di madrelingua ung7erese. & "uesto $unto $ossiamo !ormulare la nostra i$otesi di lavoro0 ci as$ettiamo di trovare \ con!rontando sistematicamente i termini del glossario con una lista di !re"uen a ung7erese \ un certo numero di voci !amiliari $er la$$rendente ung7erese5 ma assenti nel lessico del manuale Progetto italiano 1. In assen a di una recente lista di !re"uen a ra$$resentativa5 abbiamo ritenuto o$$ortuno di e!!ettuare il con!ronto con lunico di ionario !ondamentale della lingua ung7erese. %er la descri ione di "uesto elenco rinviamo alla se . 3.2.65 "ui ricordiamo soltanto c7e i lemmi sono stati sele ionati in base alles$erien a degli autori5 in con!ormit) ai bisogni comunicativi di turisti5 studenti5 lavoratori e commercianti c7e vogliono $assare $eriodi $iU o meno lung7i in 2ng7eria. La lista contiene "uindi il lessico c7e c7iun"ue voglia cavarsela con la lingua ung7erese5 deve conoscere. /!ortunatamente gli autori non $recisano il carico degli es$onenti5 ma secondo le nostre stime esse si aggirano attorno a 2.200 unit)5 il c7e $ermette un con!ronto diretto con il glossario del manuale5 com$rensivo di 2.819 $arole ed es$ressioni. I vocaboli5 sele ionati sulla base del concetto no ionale1!un ionale5 sono organi ati in due gru$$i0 no ioni generali5 ovvero concetti c7e a$$aiono in tutte le situa ioniY e no ioni s$eci!ic7e5 ossia termini legati a determinati temi e situa ioni. /i $revede c7e sar) so$rattutto "uesto secondo gru$$o a contenere termini assenti nel manuale5 anc7e $erc7M le no ioni generali corris$ondono5 $er gran $arte5 allinventario contenuto nel /-res-old Le!el. %er il con!ronto abbiamo utili ato la lista al!abetica in a$$endice alla $rima $arte5 contenente tutte le unit) lessicali5 sia le no ioni s$eci!ic7e5 sia "uelle generali 9$$. 1+11 196:. <ediamo ora i risultati concreti. Eella lista dei sostantivi abbiamo trovato 2+8 termini assenti nel glossario. %er agevolare linter$reta ione dei risultati5 ri$ortiamo i sostantivi raggru$$ati secondo largomento cui sono legati. 6ominciamo con gli alimenti0
csusza3 fel!Ngott3 fMzel723 gombale!es3 gul"Ns3 gul"Nsle!es3 -alNszl73 -Ysle!es3 2rumplile!es3 liszt3 margarin3 mustNr3 pNlin2a3 papri2a3 p6r26lt3 rNntotta3 te#f6l3 !irsli3 z6lds7gle!es3 zsXr.

W in "uesto gru$$o c7e si trova il maggior numero di lemmi c7e di!!icilmente $ossono essere tradotti in italiano5 giacc7M i loro re!erenti sono inesistenti o $er lo meno $oco conosciuti in Italia. /i $ensi in $articolare a csusza3 fMzel723 pNlin2a c7e non avendo un loro corris$ondente italiano5 $ossono essere $ara!rasati come una specie di tagliatelle3 contorno di !erdure3 una specie di grappa. I termini gulasc- e papri2a sono ormai entrati nel lessico italiano5 e anc7e gli altri cibi sono ben conosciuti in Italia5 anc7e se non a$$artengono al gru$$o degli alimenti $rinci$ali.

10

W o$$ortuno $orre in rilievo il carattere $ionieristico di "uesto manuale5 $oic7M si tratta del $rimo5 e !inora lunico libro didattico destinato ad a$$rendenti ung7eresi5 c7e !accia ri!erimento ad una lista di !re"uen a della lingua italiana.

165

&ccanto a bevande e $iatti ti$ici si trovano !rutti e verdure e i nomi di carni e $esci0
bab3 barac23 borsP3 csereszn"e3 eper3 2Nposzta3 2arfiol3 mNlna3 Mszibarac23 sNrgabarac23 sNrgar7pa3 szil!a3 szMlM3 ubor2a3 z6ldbab3 z6ldborsP3 bir2a-Ys3 2ara#3 2eszeg3 liba3 mar-a-Ys3 sert7s3 sert7s-Ys3 pont".

3utti "uesti alimenti sono di!!usi anc7e in Italia5 la di!!eren a sta nellim$ortan a c7e essi 7anno nellalimenta ione "uotidiana. I $esci dac"ua dolce come labramide o la carpa non sono sicuramente tra "uelli $iU consumati. /ono numerose le $ro!essioni ed attivit)0
NpolPnM3 balett1tNncos3 bXrP3 edzM3 fotPm\!7sz3 gazdNl2odP3 g7pXrPnM3 -entes3 -ordNr3 idegen!ezetM3 27p!iselM3 #eg"szedM3 26zgazdNsz3 26rn"ezet!7dM3 minisztereln623 miniszter-el"ettes3 mun2an7l2Qli3 mun2Ns3 nag"26!et3 P!PnM3 pap3 paraszt3 p723 szobrNsz3 teremMr.

In "uale misura "ueste $ro!essioni ricalcano la societ) ung7erese attuale5 X discutibile5 tuttavia lelenco $otrebbe dare dei suggerimenti sulleventuale immissione di alcune $ro!essioni. 6i sono alcuni nomi di oggetti della vita "uotidiana0
ba#usz3 ban2#eg"3 bizon"Xt!Nn"3 bogNr3 bomba3 borda3 cd1le#NtszP3 ceruza3 cigaretta3 7rme3 fe-7rnem\3 fog2efe3 fol"Pirat3 fQgg6n"3 fQrdM2Nd3 -a#2efe3 -a#szNrXtP3 -amutartP3 -eged\3 2anap73 2ancsP3 2efe3 lemez#NtszP3 lepedM3 m\an"ag3 6ng"Y#tP3 pipa3 ro!ar3 te.til3 t6rQl26zM3 \rlap3 !ideP3 zseb.

/i vedano i numi di luog7i ed istitu ioni0


+0C3 Nllat2ert3 Nru-Nz3 belg"Pg"Nszat3 benzin2Yt3 bXrPsNg3 borozP3 b6rt6n3 bQf73 cir2usz3 csomagmegMrzM3 diN2szNllP3 eb7dlM3 eg"esQlet3 elMszoba3 7t2ezM2ocsi3 fol"osP3 f6ldszint3 fMis2ola3 -alastP3 -NlP2ocsi3 2amra3 2emping3 26z7pis2ola3 2i26tM3 m\-el"3 nag"26!ets7g3 pN-ol"3 peron3 P!oda3 padlNs3 seb7szet3 sza2szer!ezet3 szNntPf6ld3 szem7szet3 terminNl3 !NrPterem3 !ideot72a3 !7sz2i#Nrat3 !6lg".

(ic7iamiamo latten ione sugli istituti di !orma ione come asilo 9P!oda:5 scuola media superiore 926z7pis2ola:5 istituto superiore 9fMis2ola:Y ma anc7e su enoteca 9borozP:5 c7e $ur essendo conosciuto anc7e in Italia5 nel LI% X registrato con rango 6505. *cco i sostantivi legati alla circola ione0
autPYt3 beszNllP2Nrt"a3 f723 felQl#NrP3 g"alogos3 -el"#eg"3 #elzMtNbla3 2amion3 2er72pNros3 26rforgalom3 sebess7g2orlNtozNs3 trolibusz3 Qzeman"ag3 zebra.

Il me o filobus 9trolibusz:5 ad esem$io5 circola in $oc7e citt) italiane5 in!atti5 nel LI% non X registrato. (elativamente nutrito X il gru$$o dei termini relativi alla criminalit)0
Nldozat3 bet6r7s3 b\n6zM3 bQntet7s3 emberrablNs3 emberrablP3 g7pelt7rXt7s3 g7pelt7rXtM3 g7prablP3 g"il2os3 Xt7let3 2NbXtPszer12eres2edM3 tanY3 terrorizmus3 terrorista.

Eon mancano i vari ti$i di s$ort0


atl7ti2a3 bir2PzNs3 bo2sz3 27zilabda3 6ttusa3 r6plabda3 sa223 tenisz3 !itorlNzNs3 !X!Ns3 !Xzilabda.

/ono ovviamente le attivit) s$ortive $iU $raticate5 e "uelle in cui gli ung7eresi sono di tradi ione talentati. 3ra le unit) di misura vanno men ionati0
deciliter3 decim7ter3 de2agramm3 26bcentim7ter3 26bm7ter3 mNzsa3 millim7ter3 n7g"zetcentim7ter3 n7g"zetm7ter3 n7g"zet2ilom7ter.

166

(ic7iamiamo latten ione su quintale 9mNzsa:5 avente un rango 6505 nel LI%. &bbiamo alcuni nomi di malattie0
+BDS3 g"omorrontNs3 -Nn"inger3 influenza3 nNt-a3 rN23 tQdMg"ulladNs.

In!ine si ri$ortano una serie di sostantivi dal signi!icato astratto0


Nllam!izsga3 Nrfol"am3 Nrn"723 balesetbiztosXtNs3 bar2NcsolNs3 b7l"egg"\#t7s3 betegbiztosXtNs3 bet7t3 biztosXtNs3 borra!alP3 demo2rNcia3 dzsessz3 7letra#z3 ellNtNs3 7!tized3 ezQst3 fag"3 fag"pont3 f7lpanziP3 fel!7teli3 fogadNs3 fogalom3 forint3 forrPsNg3 gazdasNg3 -a#l72talan3 -ard!er3 -Nzigazda3 -obbi3 -orgNszat3 -ullad723 illat3 2abar73 2NbXtPszer3 2Nni2ula3 27mia3 27pzMm\!7szet3 2eresztn7!3 2ert7sz2ed7s3 27zimun2a3 26rn"ezet!7delem3 mun2an7l2Qlis7g3 musical3 nemzetis7g3 n7!nap3 n7pzene3 n"ugdX#3 o2tatNs3 6z!eg"3 postafiP23 prPza3 szeg7n"s7g3 szenn"ez7s3 szobrNszat3 szoft!er3 szolgNltatP3 tNmadNs3 tNmadP3 tNmogatNs3 tNpp7nz3 tNrsadalombiztosXtNs3 testne!el7s3 tisztelet3 to!Nbb27pz7s3 Qg"elet3 !NlasztNs3 !allNs3 !eres7g3 zNrP!izsga.

/egniamo in "uestultimo gru$$o la $arola fiorino5 c7e ovviamente la$$rendente ung7erese deve conoscere. W interessante e caratteristico delle condi ioni climatic7e dell2ng7eria la $resen a simultanea dei termini gelo e canicola. %arte integrante della civilt) ung7erese X la musica folcloristica5 ma anc7e lusan a di !esteggiare lonomastico. Eotiamo ancora c7e tra le $arole assenti nel glossario $rimeggiano i vocaboli legati alla vita $ubblica ed u!!iciale5 alla vita civile e $olitica. W strano c7e tra le 2.800 $arole ed es$ressioni $ro$oste nel manuale non si trovino termini come disoccupazione3 senzatetto3 droga3 curriculum3 -obb"3 nazionalit<3 democrazia3 inquinamento ecc. %er non $arlare delle istitu ioni come ambasciata3 magazzino3 porto3 campeggio3 asilo. Il gru$$o degli aggettivi X davvero ridotto ris$etto a "uello dei sostantivi0
an"agi3 bolgNr3 bQd6s3 demo2rati2us3 do-Nn"zP3 drogos3 dur!a3 eg"irNn"Y3 -olland3 -\!6s3 illatos3 #PmPdY3 2NbXtPszeres3 27ptelen3 2Ql6n7lM3 liberNlis3 lila3 m\sza2i3 narancssNrga3 nMtlen3 Plommentes3 papri2Ns3 pisz2os3 ra2ott3 rNntott3 rendszeres3 romNn3 s7rQlt3 so!Nn"3 szenn"ezett3 szenn"ezM3 szocialista3 sz6gletes3 tilos3 tisztelt3 !astag.

(ic7iamiamo latten ione sugli aggettivi relativi allalimenta ione 9alla paprica3 sporco3 stufato3 fritto:Y nomi di na ionalit) 9rumeno3 bulgaro3 olandese:Y colori 9arancio3 !iola:Y aggettivi relativi alla $olitica 9socialista3 democratico:Y e $oi una serie di aggettivi dal signi!icato generico 9materiale3 puzzolente3 fumatore3 drogato3 rozzo3 a senso unico3 fresco3 profumato ecc.:. I verbi sono 51 in tutto0
alNXr3 atletizNl3 Ntutal3 becsomagol3 bet6m3 bet6r3 bet\z3 bir2Pzi23 bo2szol3 d6r6g3 edz3 elromli23 elront3 elsza2ad3 el!Nmol3 fag"3 felrobbant3 g"Pg"Xt3 -egedQl3 27zilabdNzi23 leporol3 letartPztat3 lop3 megbetegszi23 megerMsza2ol3 megbu2i23 megbQntet3 meg7get3 megfNzi23 meg#a!Xt3 megoperNl3 meg6l3 megszagol3 megtNmad3 megtilt3 megt6lt3 megQt3 megg"Pg"Xt3 megg"Pg"ul3 mosogat3 6ttusNzi23 r6plabdNzi23 sa22ozi23 sQll"ed3 ta2arXt3 teniszezi23 t6n2remeg"3 t6n2retesz3 !illNmli23 !X!3 !XzilabdNzi23

3roviamo verbi legati ad attivit) s$ortive0 praticare latletica3 il pugilato3 il bo.3 il pentat-lon3 la sc-erma3 allenarsi3 giocare a pallamano3 a palla!olo3 a scacc-i3 a tennis3 pallanuotoY e una serie di verbi generici come firmare3 !ersare3 incartare3 otturare3 irrompere3 fare lo spelling3 tuonare3 guastarsi3 guastare3 strapparsi ecc. /eguono in!ine due avverbi0 -iNba3 !7geredm7n"ben5 di cui so$rattutto il $rimo $uV essere utile $er la$$rendente5 in!atti5 nel LI% X registrato col rango 351'. #alle liste emerge c7e relativamente $oc7e sono le $arole di ri!erimento $rettamente ung7erese5 ed esse si limitano "uasi esclusivamente alla categoria dei sostantivi 9$iatti ti$ici5 "ualc7e !esta5 la moneta na ionale5 i nomi di istituti di !orma ione:. #el resto5 e !orse "uesto X las$etto $iU im$ortante5 si nota uno slittamento nel valore duso di certe $arole ed es$ressioni. 2n libro didattico $er linsegnamento dellitaliano ad ung7eresi5 16+

costruito a $artire delle $arole !ondamentali della lingua ung7erese5 conterrebbe5 in!atti5 un lessico leggermente diverso da "uello dei manuali destinati ad un $ubblico $lurilingue. %er !are un esem$io5 le $arole zoo e circo5 registrati nel LI% con rang7i 6505 e 33615 ris$ettivamente5 avrebbero $oca $robabilit) di entrare in un libro didattico di $rimo livello. 8uovendosi invece dalle $arole c7e gli $arlanti conce$iscono come !ondamentale nella $ro$ria madrelingua5 "ueste voci dovrebbero !igurare tra le 3.000 $arole $iU im$ortanti. I concetti so$raelencati sono $resenti nel vocabolario attivo degli studenti5 c7e "uindi in caso ideale dovrebbero essere in grado di es$rimerle anc7e nella lingua straniera. /e "uesti elementi lessicali non com$aiono a livello del libro di testo5 come non !igurano nel Progetto italiano 15 s$etta allinsegnante di inserirli nel $rogramma didattico5 anc7e $erc7M durante gli eserci i di $rodu ione scritta ed orale gli alunni5 $arlando delle $ro$rie es$erien e5 c7iedono in ogni caso allinsegnante5 come si c7iama un determinato concetto in italiano. %are "uindi5 c7e i manuali scritti $er utenti $lurilingui vadano integrati in con!ormit) alle caratteristic7e lessicali e culturali del %aese di $rovenien a degli a$$rendenti.

..1

*uggerimenti per gli autori dei libri di testo

%otr) sembrare c7e il manuale sia criticato $er alcune scelte lessicali. In realt) non si $uV dire c7e la scelta di certe $arole !osse sbagliata in "uel $reciso contesto5 ma si vuole ri!lettere se un determinato ti$o di scelte5 basate sulla com$eten a degli autori5 sia !un ionale in una grammatica di $rimo a$$rendimento di una L25 o se $iuttosto non si debbano ri!are a liste di !re"uen a eKo vocabolari di base5 $er evitare gli s!or i im$roduttivi da $arte della$$rendente. Il <dF $uV costituire uno strumento utile $er rie"uilibrare il lessico dei libri di testo5 non soltanto a livello elementare5 ma so$rattutto in "uelli su$eriori. #al con!ronto con il <dF $otrebbero nascere alcuni interventi sul lessico0 bisognerebbe eliminare certi lemmi5 immettere altri5 in!ine riconsiderare lim$ortan a di alcuni. Il !atto c7e il 15[ del glossario X costituito da $arole non com$rese nel <dF c7e include le circa +.000 $arole !ondamentali della lingua italiana5 $one in rilievo alcuni $roblemi. #a un lato nel manuale si trova un numero consistente di vocaboli ed es$ressioni5 "uindi sarebbe aus$icabile les$un ione di alcuni terminiY daltro lato mancano $arole im$ortanti c7e gi) in un $rimo livello di conoscen a dovrebbero entrare a !ar $arte del $atrimonio lessicale dei discenti. %rima di tutto bisognerebbe esaminare le voci non a$$artenenti al <dF0 una gran $arte di esse5 in "uanto tecnicismi5 esotismi o sem$licemente di tro$$o bassa !re"uen a duso5 dovrebbe essere eliminata. /i tratta dei termini contrassegnati da una crocetta nella lista al!abetica in a$$endice. * ovvio c7e le $arole relative alla grammatica e allinsegnamento in classe non $ossono non !ar $arte di un manuale didattico5 anc7e se5 magari5 sono $arole $oco usate nella vita "uotidiana. *$$ure esiste una serie di termini assenti nel <dF5 la cui utilit) nella $rima !ase della$$rendimento andrebbe riconsiderata. #altra $arte il <dF $uV essere !onte anc7e di immissioni di lemmi. Queste aggiunte $erV non vanno e!!ettuate in modo meccanico. Eon X detto c7e la$$rendimento delle tre !asce del <dF deve avvenire in modo se"uen iale5 ma o$erando una sele ione a$$ro$riata tra i lemmi a$$artenenti alle tre !asce. Ovviamente5 le $oc7e $arole 168

!ondamentali mancanti vanno inserite nel manuale5 $oic7M X "uesta la !ascia alla "uale occorre rivolgersi $rimariamente nella !orma ione di livello elementare. (ia!!ermiamo la $ro$osta avan ata nella se . 6.' e con!ermata anc7e da <edovelli 919950 +6:5 secondo cui la seconda !ascia da $rendere come ri!erimento sarebbe il <&#5 $ro$rio $er la sua rilevan a come com$onente del sa$ere linguistico dei $arlanti e $er il !atto di es$rimere no ioni delles$erien a "uotidiana5 mentre il lessico &2 dovrebbe diventare oggetto di a$$rendimento solo do$o il consolidamento dei due livelli $recedenti. 2na $ro$osta concreta X di integrare il glossario con "uelle $arole del <&#5 c7e5 in base alla veri!ica della ricc7e a ricettiva del <dF5 risultano conosciute dalla stragrande maggioran a degli alunni della ter a media. <edovelli e i suoi collaboratori in una ricerca 7anno sotto$osto lintero <dF ad una veri!ica generali ata5 la "uale 7a $ermesso di identi!icare un nucleo centrale del lessico italiano. 11 *sso nasce dalla somma dei 2.000 termini !ondamentali5 $iU 1.100 voci c7e risultano dallinterse ione del <&2 e del <&# e sono conosciute dal 10019+58[ degli alunni della ter a media. #a un con!ronto non sistematico del glossario con i vocaboli di alta dis$onibilit)5 ri$ortati in Hensini e <edovelli 919830 1881196: risulta c7e numerose sono le $arole assenti. *cco alcune $arole &# assenti nel glossario5 ma conosciute dalla "uasi totalit) 99+1100[: degli allievi0
agnello3 albicocca3 ambulanza3 appendicite3 apriscatole3 berretto3 bidello3 campeggio3 capra3 cascata3 casalinga3 colla3 coperc-io3 cuccia3 disinfettare3 distributore3 elettricit<3 garofano3 gatta3 graffiare3 incartare3 incollare3 la!apiatti3 macellaio3 matita3 materasso3 muratore3 nuoto3 pallacanestro3 parare3 pedalare3 pettinatura3 pigiama3 pollice3 raffreddore3 ragno3 ri!incita3 scalzo3 scoglio3 secc-io3 sorpasso3 spigolo3 stampo3 trapano3 tuono ecc.

Lelenco si $otrebbe continuare a lungo5 man mano c7e si scende con le $ercentuali di com$rensione. Questi termini $otrebbero contribuire ad arricc7ire il lessico degli studenti $rinci$ianti. & "uesto $unto X legittimo c7iedersi se un lessico revisionato sulla base del <dF !osse il $iU a$$ro$riato $er sco$i didattici. Il <dF5 in realt)5 ra$$resenta una $otente base di ri!erimento $er determinare il vocabolario !ondamentale5 ma non vogliamo a!!ermare c7e esso basti $er determinarlo. %er sa$ere c7e lingua insegnare agli studenti non italiani5 ci vuole il <dF e "ualcosaltro. In un articolo c7e mette a con!ronto il LI% con il <dF #e %alo 9199+0 3951'11: osserva c7e alcuni risultati del LI%5 so$rattutto "uelli $rovenienti da conversa ioni !accia a !accia e da "uelle tele!onic7e5 $otrebbero contribuire a rie"uilibrare il <dF. Le integra ioni al <dF dovrebbero $rovenire da lemmi con rango !ino a 22005 con un uso su$eriore a 6. In "uesto modo alcuni lemmi $resenti nel glossario ma assenti nel <dF si sarebbero -salvati.. (i$ortiamo lelenco delle voci attestati nel LI% con uso su$eriore a 6 nelle conversa ioni tele!onic7e e !accia a !accia. /i tratta in $articolare di sostantivi 9tra $arentesi luso:0
aggetti!o 96:3 brano 915:5 ascolto 912:3 cassetta 916:3 descrizione 911:3 diretta 9113 discoteca 9+:3 foto 922:3 indicazione 928:3 moto 9+:3 percentuale 911:3 sc-ema 915:3 sintesi 99:Y degli aggettivi cronologico 96:3 specializzato 99:3 tele!isi!o 96:Y dei verbi indi!iduare 926:3 tutelare 915:Y degli avverbi assolutamente 9+6:3 certamente 981:3 direttamente 965:3 praticamente 91+2:3 probabilmente 9113:3 sicuramente 9115:3 !eramente 92'3:5 ormai 91'8:.

& tutto "uesto va aggiunto c7e il <dF andrebbe integrato non solo con i lemmi del LI% c7e $iU massicciamente sono attestati nelle intera ioni orali e in!ormali5 ma anc7e con le voci c7e levolu ione tecnica e sociale 7a reso di!!usi negli ultimi venti5 "uindici anni5 come ad es. euro3 ipermercato3 e1mail3 tele!endita3 ecc.
11

%er i dettagli della ricerca si rinvia a Hensini e <edovelli 919830 1+9118+:.

169

%er ottenere "uindi un lessico e"uilibrato $are "uindi c7e non basti !are a!!idamento solamente al LI%5 nM al <dF5 ma ci vuole luso combinato dei due strumenti5 integrati5 "ualora necessario5 da altre liste "uali il L*5 il <, o il LI,. Eella scrittura dei libri di testo occorre considerare molti !attori5 di cui il valore di !re"uen a degli elementi lessicali X solo uno. Eon bisogna $erdere di vista alcuni $rinci$i teorici generali0 immettere nella lista solo $arole c7e servono veramente alla verbali a ione di situa ioni comunicative "uotidianeY non includere5 come avviene nel nostro glossario5 $arole c7e sen a un loro corris$ettivo ben de!inito 7anno basso valore semantico 9fumare sen a sigaretta:Y evitare di inserire voci c7e si $ossono !acilmente sostituire o $ara!rasare Rt1s-irt vs. maglietta3 tra!ersa vs. !ia secondaria3 cileno vs. del Cile ecc.:Y $re!erire i termini di registro meno !ormale 9finire vs. terminare:Y i termini meno marcati stilisticamente 9prendere vs. pigliare:. <a rilevata lim$ortan a di introdurre anc7e "uelle !ormule !isse o semi!isse c7e5 come abbiamo visto5 costituiscono una $arte non marginale della comunica ione5 e la cui ac"uisi ione X im$ortante $er un uso idiomatico e naturale della lingua. *sistono $oi delle $arole magari $oco !re"uenti nella L25 s$eci!ic7e della cultura o civilt) del %aese di $rovenien a dellallievo c7e !anno $arte del suo bagaglio lessicale !ondamentale di L1. 2n manuale davvero !un ionale dovrebbe includere anc7e "uesti termini. In sintesi5 la scelta lessicale in un buon manuale didattico andrebbe o$erata tenendo $resente almeno tre criteri0 lobiettivo $iU im$ortante X c7e il libro ra$$resenti le strutture lessicali c7e sono e!!ettivamente le $iU usuali nella L2. Hli strumenti $iU utili5 $er ovviare a "uesto $roblema5 sono a$$unto i lessici !ondamentali e di !re"uen a. In secondo luogo occorre considerare le indica ioni relative ai livelli di com$eten a lessicale5 $revisti dagli enti di certi!ica ione. /olo in "uesto modo X $ossibile la coeren a tra gli obiettivi didattici e "uelli !ormulati in sede di certi!ica ione. In ultimo luogo5 bisogna $rendere in considera ione i bisogni lessicali dei destinatari. Eei libri destinati ad un $ubblico multilingue5 "uesto criterio viene meno5 e in "uesti casi s$etta allinsegnante di $rovvedere allintrodu ione delle strutture lessicali c7e corris$ondono a oggetti e concetti altamente dis$onibili nella L1 dei $ro$ri studenti.

1+0

7 *onclusioni
Le considera ioni sovra es$oste nascono dallintento5 del tutto $ratico5 di com$iere una $rima es$lora ione su "uello c7e si $otrebbe concretamente !are $er la sele ione del lessico !ondamentale dellitaliano L25 !acendo ri!erimento al $atrimonio lessicale di una grammatica italiana $er stranieri5 messa a con!ronto con alcuni degli strumenti o!!erti dalla linguistica teorica e matematica. Eella $arte introduttiva della tesi abbiamo argomentato c7e nella didattica dogni materia c7e $resenti una certa vastit) e com$lessit)5 si cerca ragionevolmente5 da $arte dei docenti5 il sistema $iU sem$lice c7e5 a $arit) di s!or i a $arte della$$rendente5 dia i risultati migliori ris$etto a tutti gli altri. La$$rendimento di una lingua X un $rocesso5 a$$unto5 c7e im$lica di!!icolt) tali c7e ben si com$rende il tentativo di ridu ione. 8entre gran $arte degli studiosi di linguistica a!!rontV il $roblema generale della ra ionali a ione delle conoscen e circa la struttura dalla lingua5 do$o le $rime ini iative degli anni <enti negli /tati 2niti5 dagli anni 6in"uanta in $oi anc7e in *uro$a si !ece largo il tentativo di sem$li!icare la $arte $iU !astidiosa $er il discente5 il lessico. Il $rimo ca$itolo X dedicato alla descri ione di due ti$i di o$ere lessicogra!ic7e0 i di ionari di !re"uen a e i lessici !ondamentali5 di cui i $rimi costituirono lantecedente $ratico e teorico. Eella seconda e ter a $arte si $resentano diverse liste di !re"uen a e di base della lingua italiana e dellung7erese5 al !ine di collocare dal $unto di vista glottodidattico il ruolo di "uesti strumenti !ra i ri!erimenti utili abili dallinsegnante nella $rogramma ione della $ro$ria attivit)5 e nella de!ini ione degli obiettivi di com$eten a degli allievi. Eel ca$itolo ' abbiamo additato c7e i dati di !re"uen a $rovenienti dallanalisi di larg7i cor$ora5 $ossono avere una serie di a$$lica ioni di notevole utilit)5 in $articolare $ossono contribuire al miglioramento della "ualit) dei $rodotti lessicogra!ici di uso comune. #i seguito abbiamo $resentato le ini iative $rese dal 6onsiglio d*uro$a $er lomologa ione delle com$eten e linguistic7e relative ai singoli stadi da$$rendimento5 e abbiamo es$osto come si con!igurano concretamente i re"uisiti lessicali5 stabiliti da enti di certi!ica ione italiani. W emerso c7e $er dare una de!ini ione concreta delle com$eten e $reviste X indis$ensabile ricorrere a strumenti di ri!erimento "uali di ionari !ondamentali e di !re"uen a5 altrimenti ci si trova di !ronte ad una serie di criteri molto vag7i5 in sostan a inutili abili $er la valuta ione e $er la $rogramma ione. Eel sesto ca$itolo5 in!ine5 si X cercato di esaminare le caratteristic7e "uantitative e "ualitative del lessico $ro$osto da uno dei manuali $iU di!!usi nellinsegnamento dellitaliano L2 in 2ng7eria. &bbiamo argomentato c7e sen a luso sistematico di strumenti di ri!erimento lessicali5 nonostante la $ers$icacia degli autori non X $ossibile o$erare scelte c7e ris$ecc7iano luso c7e i $arlanti nativi !anno della $ro$ria lingua. 2n dato rilevante X c7e ca. un "uarto degli elementi lessicali $ro$osti X assente o registra meno di tre occorren e nel cor$us LI%. W stato anc7e eviden iato c7e il lessico contenuto nel glossario non garantisce il su$eramento della $rova di lettura di un esame di certi!ica ione calibrato a livello &2. %er rie"uilibrare il lessico5 abbiamo !atto delle $ro$oste concrete riguardo limmissione e les$un ione di alcuni lemmi. In de!initiva5 X !ondamentale c7e i $rocessi di a$$rendimento si nutrano di un in$ut c7e $oten ialmente X testimone della struttura generale della lingua obiettivo. %oic7M le strutture lessicali di una lingua si de$ositano nelle liste di !re"uen aKuso e nelle loro inter$reta ioni costituite dal vocabolario di base5 sono $ro$rio tali lavori c7e vanno $rese come elementi di ri!erimento durante il $rocesso di svilu$$o lessicale e5 di conseguen a5 1+1

in sede di valuta ione delle com$eten e lessicali. Eonostante non vi sia accordo tra i ricercatori nM sulla classi!ica ione delle diverse voci5 nM sui modi migliori $er sele ionarle5 nM sulla loro utilit) $er diversi ti$i di studenti5 a$$are molto im$ortante $er gli insegnanti avere !amiliarit) con "uesto settore $er ricercarvi non certe e5 ma accresciuta consa$evole a dei $roblemi5 $iU realistic7e as$ettative nei con!ronti della$$rendimento5 magari una con!erma delle intui ioni e suggerimenti elaborati nella $ratica didattica. /i tratta di un settore dinamico e a$erto c7e o!!re molti stimoli allinsegnante c7e sa$$ia adattarlo al suo contesto dinsegnamento. Quale5 "uindi5 tra le liste di !re"uen a e di base5 andrebbe $reso come strumento di veri!ica $er de!inire gli obiettivi5 controllare i testi5 $re$arare $rove di veri!ica ecc.4 & nostro $arere il $rimo strumento rimane il <dF5 nonostante siano $assati ormai $iU di un ventennio dalla sua $rima $ubblica ione. W stato dimostrato c7e5 $ur trattandosi di una lista basata su un re$ertorio dellitaliano scritto5 "uale il LI,5 i suoi risultati rimangono validi anc7e $er la lingua $arlata5 come dimostrato da vari contributi c7e mettono a con!ronto i lemmi del <dF con il LI% 9c!r. ad es. <edovelli 1995:. In $iU5 nel <dF la !ascia del lessico di alta dis$onibilit) X scelta in modo a$$ro$riato $er $resentare ciV c7e X vivo nella coscien a linguistica di un $arlante italiano5 ma s$esso assente nei testi scritti o $arlati. Il <dF dun"ue5 si $resenta come il $iU ra$$resentativo strumento $er accedere al nucleo del lessico italiano duso comune contem$oraneo. %ro$rio la sua articola ione interna in !asce $uV consentire la sua utili a ione didattica. Eon crediamo c7e una lista lessicale debba essere utili ata meccanicamente come elenco di $arole da a$$rendere in modo meccanico5 ovvero !uori dei testi e delle situa ioni comunicative in cui esse vivono. ,atta "uesta $remessa5 $erV5 ribadiamo la centralit) di strumenti come le liste di !re"uen a e lessici !ondamentali in rela ione a $roblemi della didattica dellitaliano. Il docente 7a il dovere di conoscere tali liste $er conoscere la dimensione lessicale della lingua c7e insegna. Eellinsegnamento scolastico la sele ione del materiale 9lessicale: X o$erata a livello di libro di testo5 e il successo del lavoro dellinsegnante di$ende5 !ra laltro5 dalla c7iare a dei criteri c7e 7anno guidato le scelte degli autori dei libri di testo5 X "uindi im$ortante c7e gli insegnanti siano in grado di valutare criticamente tali scelte. #altra $arte5 ris$etto al $assato5 i testi $ro$osti in classe c7e !ungono da in$ut alla$$rendimento sono molto vari5 cui si aggiunge una $luralit) di !onti5 tra cui Internet e i mass media. Occorre5 "uindi5 servirsi di tali liste come termini di ri!erimento5 e di strumenti come i $rogrammi c7e calcolano automaticamente il grado di leggibilit) di un testo5 $er veri!icare se i testi scelti $er il $rocesso didattico siano e!!ettivamente ra$$resentativi delluniverso lessicale. #elle liste di !re"uen a e dei vocabolari !ondamentali bisogna ancor $iU tener conto5 se si vuole stabilire il lessico attivo da raggiungere alla !ine del corso. 3ali liste5 con i loro diversi livelli5 segnalano diverse gerarc7ie di rilevan a e di !un ionalit) del lessico. Questi livelli andrebbro $resi come $unti di ri!erimento $er stabilire gli obiettivi e $er veri!icare gli esiti del $rocesso !ormativo5 e5 di conseguen a5 $er !issare i livelli di lessico da coinvolgere in sede di certi!ica ione linguistica.

1+2

2ibliografia
&LF&EO L*OEI ,. 92003: 3re $rogetti $er litaliano $arlato. In0 8&(&/6AIO E.5 %OHHI /&L&EI 3. 9a cura di: &tti del DDDI< 6ongresso /LI5 Btalia linguistica anno mille3 Btalia linguistica anno duemila3 (oma5 Ful oni5 $$. 6+51683. &8IIIOEI 8. 91991: Calcolo automatico della leggibilit<W lindice G;LP,+S,. 3esi di laurea5 cattedra di ,iloso!ia del linguaggio5 Istituto di ,iloso!ia5 2niversit) degli /tudi di (oma -La /a$ien a.5 (oma. &EH*LIEI 8.5 8t(I3I H]. 91983: Klasz n"el! BB.3 Fuda$est5 3an@Gn;v@iadP. &(6&IEI *. 919+8: ,ducazione linguistica come strumento e come fine5 8ilano5 ,eltrinelli5 $$. 2'0125+. F&(#*L 6.5 E]/3*#3 C. 9a cura di: 92006: Progetto dizionario s!edese. +tti del primo colloquio5 Intellecta #ocus;s5 /toccolma. F&(>I %.5 HO(*LLI /.5 8&6A*33I /.5 /*(HI&6O8O 8. %.5 /3(&8FI F. 92003: Valutare e certificare litaliano di stranieriW i li!elli iniziali3 %erugia5 Huerra. F*66&(I& H. L. 9a cura di: 9200': Dizionario di linguistica5 3orino5 *inaudi. F*E266I &. 9199': Litaliano delle grammatic7e italiane $er stranieri. In0 Hiacalone (amat &.5 <edovelli 8. 9a cura di: &tti del DD<I 6ongresso /LI5 Btaliano lingua seconda A lingua straniera5 (oma5 Ful oni5 $$. 1651189. F*(H*EAOL3I A. 91990: %robleme der /ele@tion im allgemeinen eins$rac7igen ?Grterbuc7. In0 A&2/8&EE ,. et alii 9a cura di:5 $$. ++21++9. F*((*33& 8. 91983: (ecensione a0 Eora Halli de %aratesi5 Li!ello soglia per linsegnamento dellitaliano3 /trasbourg5 6onsiglio d*uro$a5 1981. In0 -<oB (omanica.5 '25 $$. 2'312'+. F*((*33& 8. 91996: La componente pragmatica nei modelli linguistici e le sue implicazioni per linsegnamento delle lingue5 3orino5 Hia$$ic7elli5 $$. '9169. F*33OEI 6. 92001: Bmparare unaltra lingua5 (oma5 Later a5 $$. 5'1115. FIEI 8. 9199+: Le $arole di -alta dis$onibilit). nellitaliano lingua straniera. In0 #* 8&2(O 3.5 LO 6&/6IO <.5 Lessico e grammatica 1 /eorie linguistic-e e applicazioni lessicografic-e5 Ful oni5 (oma5 $$. 1+12'. FOL&/6O /. 92005: La reperibilit< statistica di tendenze diacronic-e nelluso delle parole. In0 #* 8&2(O 3.5 6AI&(I I. 9a cura di: $$. 335135'. FOL&/6O /.5 FI/6*HLI& F.5 F&LO66AI ,. 9200': *stra ione automatica din!orma ione dai testi. In0 Londo digitale5 I<5 25 $$. 2+1'3. adis$onibile on1line sul sito 7tt$0KK===.mondodigitale.netK(ivistaK0'enumeroedueKFolascoe$.2+1'3.$d!c 6&LIOL&(I E. 91992: Linguistica com$uta ionale. In0 8IOEI &.5 6O(3*L&IIO 8. 9a cura di: La linguistica italiana degli anni 1S($11ST$5 (oma5 Ful oni5 $$. '091'33. 6&(#IE&L* 2. 9199': Lutilit) del di ionario !ondamentale nel $anorama lessicologico contem$oraneo. In0 +tti del seminario internazionale di studi sul lessico5 Fologna5 *ditrice 2niversitaria5 $$. 1831193. 6&//*/* /. 9a cura di: 91993: Codice di stile delle comunicazioni scritte ad uso delle amministrazioni pubblic-e. Proposta e materiali di studio5 (oma5 Istituto %oligra!ico e Iecca dello /tato. 6AI&(I I. 9200': Bnformatica a lingue naturali. /eorie e applicazioni computazionali per la ricerca sulle lingue5 (oma5 &racne. 6AI&(I I. 9200+: Bntroduzione alla linguistica computazionale5 (oma5 Later a. 6AIu6AIu &.5 8IE6I&(*LLI ,.5 /IL<*/3(IEI 8. 91990: Bn italiano5 %erugia5 Huerra.

1+3

6ILIF*(3I &. 9199': Lanuale di glottodidattica3 9irenze5 La Euova Italia5 199'5 $$. 551 150. 6O(#& &.5 8&(*LLO 6. 91999: Bnsegnare e imparare il lessico3 3orino5 %aravia. #&##IO 6OLO/I8O ?. 919+6: Lingua straniera e comunicazione. Problemi di glottodidattica5 Fologna5 Ianic7elli. #* 8&2(O 3. 91961: /tatistica linguistica. In0 ,nciclopedia Btaliana3 &$$endice III. 2. vol.5 (oma5 $$. 8201821. #* 8&2(O 3. 919+9: Scuola e linguaggio3 (oma5 *ditori (iuniti5 $$. 2+135. #* 8&2(O 3. 91980: Guida alluso delle parole3 (oma5 *ditori (iuniti. a1989105 1991115 199+12c #* 8&2(O 3. 91990: Linisemantica5 (oma5 Later a5 $$. 10511'1. #* 8&2(O 3. 9199': Capire le parole3 Goma1Fari5 Later a. #* 8&2(O 3. 92005: La fabbrica delle parole. Lessico e problemi di lessicologia3 3orino5 23*3. #* 8&2(O 3. 92006: #i ionari tra teorie e $ratica. In0 F&(#*L 6.5 E]/3*#3 C. 9a cura di:5 $$. 13122. #* 8&2(O 3. 9a cura di: 9199': Come parlano gli italiani3 9irenze5 La Euova Italia. #* 8&2(O 3.5 6AI&(I I. 9a cura di: 92005: Parole e numeri. +nalisi quantitati!e dei fatti di lingua3 Goma5 &racne. #* 8&2(O 3.5 #* %&LO 8.5 #* (*EIO ,.5 ,&(*/ %.5 8&E6IEI ,.5 <*#O<*LLI 8.5 <OHA*(& 8. 91992: Il lessico di !re"uen a dellitaliano $arlato0 LI%. In0 &tti del DD< 6ongresso /LI5 Linee di tendenza dellitaliano contemporaneo5 (oma5 Ful oni5 $$. 83111+. #* 8&2(O 3.5 ,*((*(I /. 92005: Quantit) di lemmi nei di ionari. In0 #* 8&2(O 3.5 6AI&(I I. 9a cura di: $$. 29+1306. #* %&LO 8. 9199+: Il <ocabolario di base a con!ronto con il Lessico italiano del $arlato. In0 #* 8&2(O 3.5 LO 6&/6IO <.5 Lessico e grammatica. /eorie linguistic-e e applicazioni lessicografic-e5 (oma5 Ful oni5 $$. 3951'11. #* (*EIO ,. 92005: Euove rileva ioni sul vocabolario di base. In0 #* 8&2(O 3.5 6AI&(I I. 9a cura di: $$. 2151232. #*LL& 6&/& 8. 91993: Insegnare la grammatica. In0 6O(EO #. 9a cura di: Vademecum delleducazione linguistica5 ,iren e5 La Euova Italia5 $$. 5112. #*LL& <&LL* <. 92005: Dizionari italianiW storia3 tipi3 struttura5 (oma5 6arocci. #I&#O(I %. 92001: Bnsegnare italiano a stranieri5 ,iren e5 Le 8onnier. ,. ,(&E6*/6AIEI 9a cura di: 92003: Lanuale di scrittura amministrati!a5 (oma5 &gen ia delle entrate. a#is$onibile anc7e sul sito dell&gen ia delle entrate0 7tt$0KK===1.agen iaentrate.itKdocumenta ioneKguideKscritturaeamministrativaKi ndeB.7tmc ,*((*(I /. 92006: /ervono le marc7e duso in un di ionario bilingue4 %roblemi5 com$iti5 a$$lica ioni. In0 F&(#*L 6.5 E]/3*#3 C. 9a cura di: $$. 11911''. ,vL#*/ 6/. 9200': & s PtOra@ nag;sOgrendi os tOl;o OsOrPl Ms elneve MsMrQl. In0 ,t(I/ r.5 %rL,] 8. 9a cura di: + le.i2ogrNfia Lag"arorszNgon5 Fuda$est5 3inta >iadP5 $$. 29138. ,t(I/ r. 92000: Olas g;a@orisOgi s PtOra@. In0 3&//OEI L.5 ,t(I/ r. 9s er@.:5 Klasz n"el!i tanulmNn"o25 %Mcs5 Is@ola@ultRra5 $$. 12511'3. ,t(I/ r. 92002: SzPtNr 7s o2tatNs5 %Mcs5 Is@ola@ultRra. H*E/IEI /.5 <*#O<*LLI 8. 91983: /eoria e pratica del glotto12it5 8ilano5 ,ranco &ngeli. HI&6&LOE* (&8&3 &. 91993: Litaliano di stranieri. In0 /OF(*(O &. 9a cura di: Bntroduzione allitaliano contemporaneo5 (oma1Fari5 Later a5 $$. 3'11'10.

1+'

HI2LI&EI &.5 I&6OFIEI 6.5 3AO(E3OE &. 8. 92005: La strati!ica ione diacronica del <ocabolario di base. In0 #* 8&2(O 3.5 6AI&(I I. 9a cura di: $$. 1931213. HO2H*EA*I8 H.5 8I6Ap& (.5 (I<*E6 %.5 /&2<&H*O3 &. 9196': L7laboration du fran@ais fondamental5 %aris5 #idier. H(*HO FOLLI H.5 /%I3I 8. H. 92000: La !erifica delle competenze linguistic-e. Lisurare e !alutare nella certificazione C,LB5 %erugia5 Huerra. H2I(&2# %. 9195': Les caract>res statistiques du !ocabulaire5 %aris. A&Lr6/] %.5 >O(E&I &.5 Ep8*3A L.5 (2EH &.5 /I&>&#r3 I.5 3(tE <. 92003: / Pg;a@orisOg Ms 7el;esNrOs1ellenQr Ms. In0 Proceedings of t-e 1st 4ungarian Computational Linguistics Conference5 / eged5 / egedi 3udomOn;eg;etem5 $$. 211121+. A&Lr6/] %.5 >O(E&I &.5 Ep8*3A L.5 (2EH &.5 /I&>&#r3 I.5 3(tE <. 9200': 6reating o$en language resources !or Aungarian5 In0 Proceedings of t-e 't- Bnternational Conference on Language Gesources and ,!aluation RLG,C%&&'85 Lisbon. adis$onibile sul sito ===.mo@@.bme.7u c A&2/8&EE ,. C. 91990: #as >inder=Grterbuc7. In0 A&2/8&EE ,. et alii 9a cura di: $$. 136511368. A&2/8&EE ,. C.5 (*I6A8&EE O.5 ?I*H&E# A. *.5 IH2/3& L. 9a cura di: 9198911991: )6rterbQc-er3 Dicionaries3 Dictionnaires. ,in internationales 4andbuc- zur Le.i2ograp-ie. +n international ,nc"clopedia of Le.icograp-". ,nc"clop7die internationale de leci.ograp-ie3 !oll. B1BBB. Ferlin 1 Ee= ]or@5 ?alter de Hru;ter. A*IL8&EE L. 919+1: Corso di linguistica teorica5 8ilano5 6*L26. A*(#&E H. 9196': Quantitati!e Linguistics5 London5 Futter=ort7 w 6o. atrad. it. 19+15 Fologna5 Il 8ulino.c I&6OFIEI 6. 91999:5 #i ionari della lingua italiana su cd1rom. In0 Lingua e stile5 DDDI<5 '5 $$. 5'11568. >&3*(IEO< >.5 FO(IO/I >&3*(IEO< 8. 6. 9199': Le strutture della mor!osintassi del lessico dellitaliano $arlato. Im$lica ioni didattic7e $er litaliano L2. In0 HI&6&LOE* (&8&3 &.5 <*#O<*LLI 8. 9a cura di: &tti del DD<I 6ongresso /LI5 Btaliano lingua seconda A lingua straniera5 (oma5 Ful oni5 $$. 191119+. >O(E&I &.5 A&Lr6/] %.5 E&H] <.5 O(&<*6I 6/.5 3(tE <.5 <&(H& #. 92006: ?eb1based !re"uenc; dictionaries !or medium densit; languages. In0 >ILH&((I,, &.5 F&(OEI 8. Proceedings of t-e %nd Bnternational )or2s-op on )eb as Corpus3 &6L1 065 $$. 119. C6z6s ,urPpai Geferencia2eretW n"el!tanXtNs3 n"el!tanulNs3 7rt72el7s 92002: /trasbourg5 *urP$a 3anOcs. >(OAE #. 91992: Grund*ortsc-5tze und +us*a-l2riterien. Letale.i2ograp-isc-e und fremdsprac-endida2tisc-e Studien zur Stru2tur und 9un2tion deutsc-er Grund*ortsc-5tze5 HGteborg5 &cta 2niversitatis Hot7oburgensis. >xAE %. 919+9: Der Grund*ortsc-atz. 0estimmung und S"stematisierung5 3Tbingen5 Eieme;er. >xAE %. 91990: #as Hrund=ortsc7a! =Grterbuc7. In0 A&2/8&EE ,. et alii 9a cura di:5 $$. 13531136'. L*EH]*LEp 8OLEr( 3. 92006: H;a@orisOgi s PtOra@. 8ag;arors Ogi 7el; et@M$. In0 C6n"!tNri 9ig"elM3 2006K15 $$. '5158. L*%/6A] H. 6. 919+8: Le $arole $iU comuni4 In0 Saggi di linguistica italiana5 Fologna5 Il 8ulino5 $$. 55159. LO 6&/6IO <. 9199': (icc7e a e $overt) dellitaliano $arlato in Italia e allestero. In0 #* 8&2(O 3. 9a cura di: Come parlano gli italiani3 ,iren e5 La Euova Italia5 $$. 51169.

1+5

LO #26& 8. H. 9200': Lingua italiana ed educazione linguistica3 (oma5 6arrocci. L26I/&EO %. 9a cura di: 91992: Lisurare le parole5 (oma5 >e$os. 8&6>*] ?. ,.5 /&<&(# C. H. 9196+: 37e Indices o! 6overage0 & Ee= #imension in LeBicometrics. In0 I(&L 55 +11121. Lag"ar 7rtelmezM 27ziszPtNr 92003: Fuda$est5 &@adMmiai >iadP. 8&(*LLO 6. 9199': Lessico5 lessicologia5 di ionari0 un $anorama italiano. In0 +tti del seminario internazionale di studi sul lessico5 Fologna5 *ditrice 2niversitaria5 $$. 1611166. 8&(*LLO 6. 91996: Le parole dellitaliano. Lessico e dizionari3 0ologna5 Ianic7elli. 8&(IE 3.5 8&HE*LLI /. 92006: Progetto italiano 1. Corso multimediale di lingua e ci!ilt< italiana5 (oma5 *dilingua. 8&(3IE ?. 91990: 37e !re"uenc; dictionar;. In0 A&2/8&EE ,. et alii 9a cura di: $$. 131'1 1322. 8&(3IE*3 &. 91955: ,conomie des c-angements p-on7tiques5 Ferne5 ,ran@. 8&(3IE*3 &. 91966: ,lementi di linguistica generale3 Later a5 Fari. 8&/3I#O(O E. 91991: Gile!amento automatico del tasso di !ocabolario di base. 3esi di laurea5 ,acolt) di Lettere e ,iloso!ia5 2niversit) degli /tudi di (oma -la /a$ien a.5 (oma. 8&/3I#O(O E. 91992: Il sistema Wulogos $er la valuta ione automatica della leggibilit). In0 L26I/&EO %. 9a cura di:5 $$. 12511'1. 8&/3I#O(O E.5 &ma oni 8. 92005: /trumenti automatici di analisi e gestione testuale. In0 #* 8&2(O 3.5 6AI&(I I. 9a cura di: $$. '1+1'38. 8&IIO33& %. 9a cura di: 92002: ,uropa3 lingue e istruzione primaria. Plurilinguismo per il bambino italiano1europeo3 3orino5 23*3. 8*(I&HO(& H. 8. 91983: La lessicografia3 Fologna5 Ianic7elli. 8IHLIO(IEI F. 91951: C-e cos> un !ocabolario]3 ,iren e5 Le 8onnier. 8I/&EO H.5 6O//233& ,. 919++: 6ontributi ad una indagine del lessico italiano di base. In0 *FE*3*( 3. 9a cura di: Btaliano doggi. Lingua nazionale e !ariet< regionali5 3rieste5 LIE35 $$. 2831293. 8O(*&2 (. 91962: &u suLet de lutilisation de la notion de !rM"uence en linguisti"ue. In0 Ca-iers de le.icologie5 35 $$. 1'01158. 8t(I3I H].5 /I&Ft H]. 91993: B primi due passi 1A+5 Fuda$est5 3an@Gn;v@iadP. 8t(I3I H].5 /I&Ft H]. 9199': +rri!ederci 1A05 Fuda$est5 3an@Gn;v@iadP. E*2F&2*( ,. 91990: <ocabular; 6ontrol in t7e #e!initions and *Bam$les o! 8onolingual #ictionaries. In0 A&2/8&EE ,. et alii 9a cura di: $$. 8991905. O#H*E 6. >. 9193+: + S-ort Guide to 0asic ,nglis-3 6ambridge5 Ort7ological Institute. Klasz1mag"ar szPszedet. Supplemento per studenti ung-eresi 92006: (oma5 *dilingua. %&%% ,. 92006: & debreceni t7Ms aurus . In0 >L&2#] >. 9a cura di: Papp 9erenc ol!asP26n"!5 Fuda$est5 3inta >iadP. %&3O3& H.5 %IIIOLI L. 9200': PLBD+. Progetto Lingua Btaliana Dante +lig-ieri3 9irenze3 Societ< Dante +lig-ieri. adis$onibile sul sito ===.ladante.itc %I*8OE3*/* 8. *. 91998: Capire e farsi capire. /eorie e tecnic-e della scrittura controllata5 3ecnodid5 Ea$oli. %I*8OE3*/* 8. *. 92005: 8isura ioni "uantitative degli stili $ersonali e indici di leggibilit)5 In0 #* 8&2(O 3.5 6AI&(I I. 9a cura di: $$. 3++.39+. %I*8OE3*/* 8. *.5 /&%OE&(O 6IO,,I &. 9199': Lin!orma ione scienti!ica in -#ue %arole. In0 #* 8&2(O 9a cura di: Studi sul trattamento linguistico dellinformazione scientifica5 (oma5 Ful oni5 $$. 2+3129+. %(&3 I&H(*F*L/>] 8. 3. 91998: Lessico e apprendimento linguistico5 Quaderni del L*E#5 135 ,iren e5 La Euova Italia.

1+6

Quadro comune europeo di riferimento per le lingue. +pprendimento3 insegnamento3 !alutazione. /trasburgo5 6onsiglio d*uro$a. Geference Le!el Descriptions for :ational and Gegional Languages 92005: /trasbourg5 6ouncil o! *uro$e. (O/I*LLO L. 91965: 6onsisten a e distribu ione statistica del lessico $oetico di 8ontale. In0 Gendiconti5 115 $$. 39+1'21. (2#OL, (.5 A&(38&EE >. 91990: /-e Dictionar" as an +id to 9oreign1Language /eac-ing. In0 A&2/8&EE ,. et alii 9a cura di:5 $$. 1811189. (2//O #. 92005: La rileva ione dei gradi di notoriet) dei lemmi del <ocabolario &#. In0 #* 8&2(O 3.5 6AI&(I I. 9a cura di: $$. 23312'6. (2//O 3. 92005: 2n lessico di !re"uen a della LI/. In0 #* 8&2(O 3.5 6AI&(I I.9a cura di: $$. 2++1290. /6A&(EAO(/3 C. 91995: #er ?ortsc7at unter dem &s$e@t von Ientrum und %eri$7erie. In0 %OAL I.K*(A&(#3 A. 9A(/H.:0 )ort und )ortsc-atz. 0eitr5ge zur Le.i2ologie3 3Tbingen5 Eieme;er5 $$. 631+5. /6A28&6A*( A. 91998: xber den Eut en von Hrund=ortsc7Jt en. In0 C2EH 2.5 Pra2tisc-e 4andreic-ung fQr 9remdsprac-enle-rer5 Ferlin5 %eter Lang5 $$. 1611168. /*(I&EEI L. 91999: Dizionari di ieri e oggi5 Har anti5 8ilano. /*((& FO(E*3O 6. 91998: Cera una !olta il metodo. /endenze nella didattica della lingue straniere3 Goma5 6arracci. /H(OI /. 6. 91981: I lessici !ondamentali e di !re"uen a della lingua italiana 9192+11981: In0 Quaderni di semantica3 II5 25 $$. 2811295. /H(OI /. 6. 91982: La linguistica e linsegnamento delle lingue straniere3 (oma5 &rmando5 $$. +91115. /H(OI /. 6. 9199': I lessici !ondamentali e di !re"uen a della lingua italiana 9192+11993: In0 Diglossia3 prestigio e !ariet< della lingua italiana3 *nna5 Il Lunario5 $$. 20+12'5. /A*IL/ C. 92005: 9a cura di: Gelating Language ,.aminations to t-e Common ,uropean 9rame*or2 of Geference for Languages. Geading and Listening Btems and /as2s. Pilot Samples. /trassbourg5 6ouncil o! *uro$e. /3&88*(COA&EE A. 9199': Litaliano L20 dalla descri ione alla didattica. In0 #* 8&2(O 3. 9a cura di:5 $$. +1181 /3O%%*LLI %.5 %I66AI *. 92001: Letteratura italiana anic-elli. 6#1(O85 Fologna5 Ianic7elli. /3(&8FI F. 9200': /trumenti di veri!ica delle com$eten e linguistic7e e comunicative degli: a$$rendenti ini iali. In0 L. 8&##II 9a cura di:5 +pprendimento e insegnamento dellitaliano L% in et< adulta3 &tene5 *dilingua5 $$. 1891201. 3AO(E3OE &. 8. 91992: Hli studi sulla leggibilit) e la riscrittura in Italia. In0 L26I/&EO %. 9a cura di:5 $$. '5153. 3AO(E3OE &. 8.5 I&6OFIEI 6.5 F2(&EI 6. 9199+: 0DVD0 H una base di dati sul !ocabolario di base della lingua italiana3 (oma5 Ful oni. a2a edi ione riveduta ed am$liatac 3(I85 C. 8. L. 919+8: De!eloping a ;nitACredit S"stem of +dult Language Learning3 /trasbourg5 6ouncil o! *uro$e <*#O<*LLI 8. 91993: Confronti fra il LBP e le altre liste di frequenza dellitaliano. In0 #* 8&2(O et alii3 $$. 11911'+. <*#O<*LLI 8. 9199': Litaliano $arlato dagli italiani e litaliano a$$reso dai non italiani. In0 #* 8&2(O 3. 9a cura di:5 $$. 8+198. <*#O<*LLI 8. 91995: La lingua italiana duso. Bl lessico del parlato5 /age$5 Henova.

1++

<*#O<*LLI 8. 92002a: Guida allitaliano per stranieri. La prospetti!a del Quadro comune europeo per le lingue3 (oma5 6arrocci. <*#O<*LLI 8. 92002b: Litaliano degli stranieri. Storia3 attualit< e prospetti!e3 (oma5 6arrocci. <*#O<*LLI 8. 9a cura di: 92006: Linee Guida CBLS5 %erugia5 Huerra. adis$onibile sul sito ===.unistrasi.itc ?ILLI/ #. 91990: /-e Le.ical S"llabus. + :e* +pproac- to Language /eac-ing5 London1 Hlasgo=5 6ollins. II%, H. >. 919'9: 4uman 0e-a!iour and /-e Principle of Least ,ffort5 6ambridge5 8ass. Dizionari italiani &LIE*I 8. 91962: Dizionario in!erso italiano. Con indici e liste di frequenza delle terminazioni5 37e Aague5 8outon. &LIE*I 8. 919681+8: Spogli elettronici dellitaliano delle origini e del duecento3 Fologna5 Il 8ulino5 20 voll. &LIE*I 8. 919+3: Spogli elettronici dellitaliano letterario contemporaneo3 vol I.0 8oravia &.5 La ciociara5 vol. II0 6alvino I.5 Bl sentiero dei nidi di ragno5 vol. III0 6assola 6.5 9erro!ia locale5 Fologna5 Il 8ulino. F&L#*LLI I.5 8&II*33I &. 919+': Vocabolario minimo della lingua italiana per stranieri3 ,iren e5 Le 8onnier. a19+82 con -#i ionarietto italo1somalo.Y 19823 con -#i ionarietto arabo.c F&L#*LLI I.5 8&II*33I &.5 ,&L6IE*LLI 8.5 /*(<&#IO F. 92005: Dizionario fondamentale della lingua italiana per stranieri3 ,iren e5 Le 8onnier. F&3IE3I &.5 3(*E3& ?. 91982: Gicerc-e sul lessico di base dellitaliano contemporaneoW contributo allinsegnamento dellitaliano come lingua prima e come lingua seconda5 %erugia5 Huerra. F&33&HLI& /.5 F&(F*(I /Q2&(O33I H. 9196112002: Grande dizionario della lingua italiana5 3orino5 23*3. F*(3IE*33O %. 8.5 F2(&EI 6.5 L&2#&EE& &.5 8&(6OEI L.5 (&33I #.5 (OL&E#O 6.5 3AO(E3OE &. 91995: Corpus e Lessico di 9requenza dellBtaliano Scritto 96oL,I/: adis$onibile sul sito0 7tt$0KK===.istc.cnr.itKmaterialKdatabaseKcol!isKc FO(3OLIEI 2.5 3&HLI&<IEI 6.5 I&8%OLLI &. 919+1: Lessico di frequenza della lingua italiana contemporanea3 8ilano5 Har anti1IF8. 6&EE*LL& 8. 9a cura di: 91991: Bl primo anic-elli. Vocabolario elementare di italiano5 Fologna5 Ianic7elli. 6&/*LLI 8. 6.5 6&/&#IO %. 91995: Bl Primo Vocabolario del 0ambino. Guida alluso del questionario Lac+rt-ur per la !alutazione della comunicazione e del linguaggio nei primi anni di !ita3 8ilano5 ,ranco &ngeli. 6&33&E*O &. 91996: Guida didattica DB0 Dizionario di base dellalingua italiana5 3orino5 %aravia. 6(*/3I *.5 8OE*HLI& 8. 9a cura di: 9200': Campionamento Corpus Stammer#o-ann. a6onsultabile al sito0 7tt$0KKlablita.dit.uni!i.itKcor$oraKdescri$tionsKstamKc #* 8&2(O 3. 91999: Grande dizionario italiano delluso5 6 voll5 3orino5 23*3. 9H(&#I3: #* 8&2(O 3. 92000: Bl dizionario della lingua italiana per il terzo millennio5 3orino5 %aravia. #* 8&2(O 3. 92002: Bl dizionario dei sinonimi e contrari5 3orino5 %aravia.

1+8

#* 8&2(O 3. 92003: :uo!e parole italiane delluso3 <II vol5 3orino5 23*35 /u$$lemento a #* 8&2(O 91999:. #* 8&2(O 3. et alii 91980: Bl !ocabolario di base della lingua italiana . In0 #* 8&2(O 3.5 $$. 1'611+2 a1989105 1991115 199+12Y rist. in Codice di stile 19930 1181152c #* 8&2(O 3.5 8&E6IEI ,.5 <*#O<*LLI 8.5 <OHA*(& 8. 91993: Lessico di frequenza dellitaliano parlato3 8ilano5 *taslibri. #* 8&2(O 3.5 8O(OEI H. 91996: Dizionario di base della lingua italiana3 /orino5 %aravia. 9` #IF: #* 8&2(O 3.5 8O(OEI H. 9199+a: D+BC. Dizionario a!anzato dellitaliano corrente3 /orino5 %aravia. #* 8&2(O 3.5 8O(OEI H. 9199+b: Prime parole. Dizionario illustrato di base della lingua italiana5 3orino5 %aravia. #*AO #. 91988: Btalienisc-er Lindest*ortsc-atz. Die *ic-tigsten )6rter und )ort!erbindungen zum Lernen und :ac-sc-lagen3 Ismaning5 Aueber. #*<O3O H.5 OLI H. 6. 92002: Dizionario De!oto1Kli compatto. Dizionario fondamentale della lingua italiana3 ,iren e5 Le 8onnier. #*<O3O H.5 OLI H. 6. 9200': Dizionario della lingua italiana. ,dizione %&&'1%&&J con cd1rom5 /*(I&EEI L.5 3(I,OE* 8. 9a cura di:5 ,iren e5 Le 8onnier. #*<O3O H.5 OLI H. 6. 9200+: Dizionario della lingua italiana. ,dizione %&&T3 /*(I&EEI L.5 3(I,OE* 8. 9a cura di:5 ,iren e5 Le 8onnier. Dizionario fondamentale della lingua italiana 92005: Eovara5 #e &gostini. Dizionario illustrato per luso essenziale della lingua 919+8: 3orino5 /*I. 9`#.I.L.: Dizionario medio italiano 9200+: 8ilano5 Har anti. *HH*( %. >. et alii 919++a: Grund*ortsc-atz der italienisc-en ;mgangssprac-eW fQr die einfac-e Laufba-n3 Fo en5 &t7esia. a1985'c *HH*( %. >. et alii 919++b: Grund*ortsc-atz der italienisc-en ;mgangssprac-eW fQr die mittlere und ge-obene Laufba-n3 Fo en5 &t7esia. a199+9c H&F(I*LLI &. 91981: Bl mio primo dizionario illustrato5 8ilano5 8ondadori. a3radu ione del Golden 0oo2 Bllustrated Dictionar" 91962: Ee= ]or@5 ?estern %ublis7ing 6om$an;.c H&LLI #* %&(&3*/I E. 91981: Li!ello soglia per linsegnamento dellitaliano come lingua straniera5 /trasbourg5 6onsiglio d*uro$a. HIO<&E*LLI %. 91966: Grund1 und +ufbau*ortsc-atz. Btalienisc-5 /tuttgart5 *. >lett. Grande dizionario italiano %&&T 9200+:5 8ilano5 Har anti. Guida didattica D+BC. Dizionario a!anzato dellitaliano corrente 9199+: 3orino5 %aravia. Bl grande dizionario Garzanti della lingua italiana 92005: 8ilano5 Har anti. C2ILL&E# &.5 3(&<*(/& <. 919+3: 9requenc" Dictionar" of Btalian )ords3 37e Aague5 8outon. >&3*(IEO< >.5 FO(IO/I >&3*(IEO< 8. 6.5 /6I&(OE* &. H. 91991: Calcolo di rendimento di liste baseW italiano parlato3 italiano scritto3 li!ello soglia. Gicerc-e di linguistica computazionale3 %erugia5 *di ioni Huerra. >E*&/*5 3. 8. 91931: +n Btalian )ord List from Literar" Sources5 37e /ate 2niversit; o! Io=a5 3oronto5 3oronto 2. %. L&2#&EE& &.5 3AO(E3OE &.5 F(O?E H.5 F2(&EI 6.5 8&(6OEI L. 91995: 2n cor$us dellitaliano scritto contem$oraneo dalla $arte del ricevente. In FOL&/6O /.5 L*F&(3 L.5 /&L*8 &. 9a cura di:5 BBB Giornate internazionali di +nalisi Statistica dei Dati /estuali. <ol. I5 (oma5 6I/25 $$.1031109.

1+9

8&(6OEI L.5 O33 8.5 %*/*E3I *.5 (&33I #.5 3&<*LL& 8. 9199': Lessico elementare. Dati statistici sullitaliano letto e scritto dai bambini delle elementari3 Fologna5 Ianic7elli. 8*(I H. 9198+: Langensc-eidts Grund*ortsc-atz Btalienisc-5 8Tnc7en5 Langensc7eidt. 8IHLIO(IEI F. 919'3: Der grundlegende )ortsc-atz der Btalienisc-en. Die 1J&& *esentlic-sten )6rter3 8arburg5 *l=ert. %23I*( O. 9a cura di: 91998a: 0ilinguismo. *eisprac-ig2eit. Lessico di base. Grund*ortsc-atz5 Fol ano5 &r@adia. %23I*( O. 9a cura di: 91998b: 0ilinguismo. *eisprac-ig2eit. Lessico approfondito. +ufbau*ortsc-atz5 Fol ano5 &r@adia. (*I/>* A. 919+': V4S1Btalienisc- ;nterric-t und V4S1 ertificat Btalienisc-5 ,ran@!urt5 %Jdagogisc7e &rbeitsstelle1#eutsc7er <ol@7oc7sc7ulverband. (IE&L#I %.5 F&(6& L.5 F2(&EI 6. 9200': 6aratteristic7e semantic7e5 grammaticali e di !re"uen a delle $arole del -%rimo <ocabolario del Fambino.. In0 Psicologia clinica dello s!iluppo3 T3 11911'3. ala lista di !re"uen a X scaricabile dal sito0 7tt$0KK===.istc.cnr.itKmaterialKdatabaseK$vbvarless.7tmc (O//*LLI (.5 *]E&(# (. 91996: Dizionario di base della lingua italiana. Con sinonimi1 contrari3 sc-ede didattic-e3 3orino5 /*I. (2//O H. &. 919'+: & combined Italian ?ord List. In0 Lodern Language Zournal5 DDDI5 &$ril5 19'+5 $$. 21812'0. (2//O C. &. 91962: &n Italian Idiom List. In0 Lodern Language Zournal3 DL<I5 Canuar;5 19625 $$. 1'121. /&F&3IEI ,.5 6OLL*33I <. 9199+: Dizionario italiano Sabatini Colletti. DBSC5 ,iren e5 Hiunti. /&<IEO *. 9a cura di: 91995: Bl mio primo !ocabolario5 8ilano5 8ursia. /6I&(OE* &. H. 919++: Vocabolario fondamentale della lingua italiana3 Fergamo5 8inerva Italica. /6I&(OE* &. H. 91995: Vocabolario fondamentale della lingua italiana3 %erugia5 Huerra. />IEE*( L. A. 91935: & 6om$arative /tud; o! t7e <ocabular; o! ,ort; ,ive Italian 3eBtboo@s. In0 Lodern Language Zournal5 DD5 Eovember5 19355 25 $$. 6+18'. /3&88*(COA&EE A. 919+0:5 Stru2turen der Gede. 0eobac-tungen an der ;mgangssprac-e !on 9lorenz/tudi di ,ilologia Italiana5 DD<III5 $$. 295139+. 3AO8%/OE 8. *. 9192+: + Stud" in Btalian Vocabular" 9requenc"5 2niversit; o! Io=a 8asters 37esis 9non $ubblicato:. Vocabolario ,lettronico della lingua italiana. Bl !ocabolario del %&&& 91989: 8ilano5 IF8 Italia. 9`<*LI: IIEH&(*LLI E. 92001: Lo ingarelli minore. Vocabolario della lingua italiana5 Fologna5 Ianic7elli. IIEH&(*LLI E. 92005: Vocabolario della lingua italiana %&&$5 Fologna5 Ianic7elli. IIEH&(*LLI E. 9200+: Vocabolario della lingua italiana %&&T5 Fologna5 Ianic7elli. Dizionari ung%eresi &(&#I &.5 *(#y/ C.5 /32(6I I. 92000: CQsz6bszint. Lag"ar mint idegen n"el!3 /trasbourg5 *urP$a 3anOcs. Fr6/I C.5 >*(*>*/ C. 92003: & elsQ os tOl;os olvasP@Gn;ve@ s Pan;agObPl @Ms Tlt g;a@orisOgi s PtOr0 -<an s P.. In0 LPdszertani 26zlem7n"e25 '3. Mv!. 2. s . $. 53158.

180

F&LrI/ H.5 %. *y(] <.5 >I// H.5 C. /OL3p/I >.5 3. /O8OH]I 8. 9199': ZP2ai szPtNr5 Fuda$est5 2ni@ornis >iadP. F*>* C. 9s er@.: 9200': rXn"i Li2lPs mag"ar 7letm\!7ne2 szP27szlete5 Fuda$est5 &rgumentum. F*E>y L. 919+2: Zu-Nsz G"ula 26ltMi n"el!7ne2 szPtNra5 Fuda$est5 &@adMmiai >iadP. 6/*( C. 91939: + mag"ar g"erme2 szP2incse. G"a2orisNgi 7s 2orszPtNr5 Fuda$est5 8ag;ar %edagPgiai 3OrsasOg. 6/I(I>Ep 6I&6A*/I *.5 6/I(I> C. 91986: ^#sNgn"el!i g"a2orisNgi szPtNr5 / eged5 Cu7Os H;ula 3anOr@M$ Q ,Qis@ola. 6/I(I>Ep 6I&6A*/I *.5 6/I(I> C. 92002: 1&11$ 7!es tanulP2 XrNsbeli szP2incs7ne2 g"a2orisNgi szPtNra5 Fuda$est5 FI%. ,x(*#I 8.5 >*L*8*E C. 91989: + mai mag"ar n"el! sz7pprPzai g"a2orisNgi szPtNra R1S$J1 1S((:5 Fuda$est5 &@adMmiai >iadP. Ht/] 8. 9198': 4angtani 7s szPtani !izsgNlato2 -Nrm7!es g"erme2e2 n"el!7ben5 Fuda$est5 &@adMmiai >iadP. I33Ip/ E. 9a cura di: 92006: + mag"ar n"el! nag"szPtNra5 Fuda$est5 &@adMmiai >iadP. C&>&F L.5 FvL6/>*I &. 91993: Cso2onai1szP2incstNr5 #ebrecen5 >ossut7 LaLos 3udomOn;eg;etem. C&>&F L.5 FvL6/>*I &. 92000: 0alassi1szPtNr5 #ebrecen5 >ossut7 LaLos 3udomOn;eg;etem. C2Ar/I C.5 /Iy>* I.5 O. E&H] H.5 >O<&LO</I>] 8. 9s er@.: 919+2: Lag"ar 7rtelmezM 27ziszPtNr5 Fuda$est5 &@adMmiai >iadP. >v<p(Ep E&H]ArII F. 9200': &radi &.5 *rdQs C.5 /turc I.5 CQsz6bszintW mag"ar mint idegen n"el! RrecenziP8. In0 4ungarolPgiai O!26n"! J5 $$. 2+212+9. Lag"ar :emzeti Sz6!egtNr 96or$us na ionale ung7erese: 7tt$0KKcor$us.n;tud.7uKmns K Lag"ar /6rt7neti Sz6!egtNr 96or$us storico ung7erese: ===.n;tud.7uK77cK E*8*/ I. 91932: + mag"ar n"el! 27pzM13 #el1 7s ragstatiszti2N#a5 & *g;sMges 8ag;ar H;orsNrOs >Gn;vtOra 5+.5 / eged. E*8*/ I. 91933: + mag"ar parlamenti n"el! legg"a2oribb sza!ai. & *g;sMges 8ag;ar H;orsNrOs >Gn;vtOra 66.5 / eged. E*8*/ I. 919'1: SzPstatiszti2a eg"milliP szPtagot fel6lelM Y#sNgsz6!ege2 alap#Nn. & *g;sMges 8ag;ar H;orsNrOs >Gn;vtOra 190.5 / eged. %&%% ,. 9a cura di: 91969: + mag"ar n"el! szP!7gmutatP szPtNra5 Fuda$est5 &@adMmiai >iadP. %2/I3&I ,. 9s er@.: 92003: Lag"ar 7rtelmezM 27ziszPtNr5 Fuda$est5 &@adMmiai >iadP. /I8OE]I I/. 91896: & betq@ Ms 7ango@ elQ!ordulOsOna@ arOn;a. In0 Lag"ar :"el!Mr. DD<. $. 325. /OL3p/I >.5 /I&Ft #.5 ?&6A& I.5 HrL#I L. 9a cura di: 919+31198+: PetMfi SNndor 7letm\!7ne2 szP27szlete B1BV.5 Fuda$est5 &@adMmiai >iadP. /I*E#* 3. 919+3: SpontNn besz7dan"ag g"a2orisNgi mutatPi5 Fuda$est5 &@adMmiai >iadP. SzPszabl"a g"a2orisNgi szPtNr 9#i ionario di !re"uen a ?ord/=ord: F8* / ociolPgia Ms >ommuni@OciP 3ans M@ 1 8Mdia O@tatP Ms >utatP >G $ont 96entro di ,orma ione e di (icerca dei 8edia della 6attedra di /ociologia e 6omunica ione dell2niversit) 3ecnica di Fuda$est: 7tt$0KKmo@@.bme.7uKresourcesK=ebcor$usKindeBe7tml Dizionari di altre lingue +d!anced Learners ,nglis- Dictionar" 92001: Hlasgo=5 Aar$er 6ollins.

181

F&>OE]I A. 9193': Die gebr5uc-lic-sten )6rter der deutsc-en Sprac-e fQr 9remdsprac-enunterric-t stufenm5_ig zusammengestellt3 8Tnc7en. F&L#*HH*( 8.5 8xLL*( 8.5 /6AE*I#*( H.5 Ez, &. 91980: Conta2tsc-*elle Deutsc- als 9remdsprac-e. Ferlin5 Langensc7eidt. F26A&E&E 8. &. 9192+: + Graded Spanis- )ord 0oo25 3oronto. Cambridge +d!anced Learners Dictionar" 92003: 6ambridge5 6ambridge 2niversit; %ress. Cambridge Bnternational Dictionar" of ,nglis- 92001: 6ambridge5 6ambridge 2niversit; %ress. Collins Cobuild ,nglis- Dictionar" for +d!anced Learners 92003: London5 Aar$er 6ollins. Collins Cobuild ,nglis- Language Dictionar" 9198+: London5 Aar$er 6ollins. a199525 200135 2003'5 20065c Concise Learners Dictionar" 92003: London5 Aar$er 6ollins. 6O/3* #.5 6O2(3ILLOE C.5 ,*(*E6II <.5 8&(3IE/1F&L3&( 8.5 %&%O *. 919+6: ;n ni!eau1 seuil5 /trasbourg5 6onseil de l*uro$e. #OL6A *. ?. 91931: Hrade <ocabularies. In0 Zournal of ,ducational Gesearc-5 165 15 $$. 16126. *&3OE A. /. 9193': Comparati!e 9requenc" List. Ee= ]or@5 International &uBiliar; Language &ssociation. *L#(I#H* (. 6. 91911: Si. /-ousand Common ,nglis- )ords5 Eiagara ,alls. */3O2% C. F. 9190+: Gammes st7nograp-iques5 %aris. ,&26*33 L. ?.5 %&L8*( A. *.5 3AO(E#I>* *. L.5 ?*/3 8. %. 91936: Bnterim report on !ocabular" selection for t-e teac-ing of ,nglis- as a foreign language 5 London5 >ing and /on. ,LOO# ?. *.5 ?*/3 8. 91962: +n ,lementar" Scientific and /ec-nical Dictionar"5 London. H&8FL* ?. 91861: /*o lists of selected c-aracters containing all in t-e 0ible and t*ent"1se!en ot-er boo2s3 /7ang7ai. HO2H*EA*I8 H. 91958: Dictionnaire fondamental de la langue fran@aise5 %aris. H(&A&8 *. 91965: Science Dictionar" in 0asic ,nglis-5 London. A*E8OE <. &. 6. 9192': + 9renc- )ord 0oo2 0ased on a Count of '&&.&&& Gunning )ords5 8adison. C2ILL&E# &.5 F(O#IE #.5 #&<I#O<I36A 6. 919+0: 9requenc" Dictionar" of 9renc- )ords3 %aris5 8outon. C2ILL&E# &.5 6A&EH (O#(IH2*I *. 9196': 9requenc" Dictionar" of Spanis- )ords. 37e Aague5 8outon. C2ILL&E# &.5 *#?&(#/ 8. A.5 C2ILL&E# I. 91965: 9requenc" Dictionar" of Gumanian )ords3 37e Aague5 8outon. >z#IEH ,. ?. 91899: 45ufig2eits*6rtebuc- der deutsc-en Sprac-e3 Ferlin5 /teglit . >*EI/3OE A. 91920: 6ommon =ords in /$anis7. In0 4ispanica F5 $$. 85196. >*EI/3OE A. 91933: + 0asic List of Spanis- )ords and Bdioms5 67icago. Longman Dictionar" of +merican ,nglis- 92001: Ee= ]or@5 Longman. Longman Dictionar" of Contemporar" ,nglis- 92005: London5 Longman. 8&3O(p H. et alii 91963: Dictionnaire du !ocabulaire essentiel. Les J&&& mots fondamentau.5 %aris. 8O(H&E F. Q. 91928: German 9requenc" *ord 0oo2. 0ased on C5dings D45ufig2eits*6rterbuc- der Deutsc-en Sprac-eE5 Ee= ]or@. K.ford ,nglis- Dictionar" 9200': OB!ord5 OB!ord 2niversit; %ress.

182

%(*/6O33 #. &. 91929: Le <ocabulaire des *n!ants et des 8anuels de Lecture. In0 ,.trait des +rc-i!es de Ps"c-ologie5 215 $$. 8318'. /ILI&>2/ A. C.5 /6ALI6> ?. 91965: 2ntersuc7ungen ur deutsc7en ?ort7Ju!ig@eit. In0 Deutsc-unterric-t fQr +usl5nder 155 '6152. /L&H3*( %. 91980: ;n ni!el umbral5 *strasburgo5 6onseLo de *uro$a. /3*H*( A.5 >*IL 8. 919+2: ?ortliste. In0 /3*H*( A. 9a cura di: Das ertifi2at Deutsc- als 9remdsprac-e5 FonnK,ran@!urt5 #<<5 $$. 1316'. /3*(E >. 9ed.: 92000: Longman +merican idioms dictionar"5 Ee= ]or@5 Longman. 3AO(E#I>* *. L. 91921: /-e /eac-ers )ord 0oo25 Ee= ]or@. 3AO(E#I>* *. L.5 LO(H* I. 919'': /-e /eac-ers )ord 0oo2 of F&.&&& )ords5 Ee= ]or@. <&E*> C. &. 919+9: /-e /-res-old Le!el in a ,uropean ;nitACredit S"stem for Lodern Language Learning b" +dults5 London5 Longman. <&E*> C. &.5 &L*D&E#*( L. H. 919+5: /-e /-res-old Le!el ,nglis-3 /trasbourg5 6ouncil o! *uro$e. <&E*> C. &.5 &L*D&E#*( L. H.5 ,I3I%&3(I6> 8. &. 919++: )a"stage3 an Bntermediar" Kb#ecti!e 0elo* /-res-old Le!el3 /trasbourg5 6ouncil o! *uro$e. <&E*> C. &.5 3(I8 C. L. 8. 91980: )a"stage ,nglis-5 %ergamon %ress. <&E*> C. &.5 3(I8 C. L. 8. 91991: /-res-old Le!el 1SS&5 6ambridge5 62%. <&E*> C. &.5 3(I8 C. L. 8 91996: Vantage Le!el5 /trasbourg5 6ouncil o! *uro$e. <&E#*( F*>* H. *. 91929: 9renc- )ord 0oo25 Ee= ]or@. <*(Lp* L. 9195': 0asis1)oordenboe2 !oor de 9ranse /aal5 &msterdam. ?*/3 8. 91935: Definition Vocabular"5 2niversit; o! 3oronto5 #e$artment o! *ducational (esearc7. ?*/3 8. 91953: + General Ser!ice List of ,nglis- )ords3 London5 Longman.

183

$%%endice

Lista !
Questa lista contiene in!orma ioni sui 2.819 lemmi ricavati dal glossario italiano1 ung7erese5 a$$artenente al manuale Progetto italiano 1 98arin e 8agnelli 2006:. 3ra i lemmi si trovano $arole ed es$ressioni $olirematic7e5 ri$ortati in ordine al!abetico. Le in!orma ioni sui lemmi sono ri$ortate in otto colonne. \ in colonna 1 il lemma. /ono stati registrati come entrate se$arate gli omonimi grammaticali. %er la distin ione degli omonimi lessicali bisogna consultare i traducenti ung7eresi. W indicato inoltre laccento5 "ualora "uesto non cade sulla $enultima sillaba5 larticolo eKo il genere grammaticale dei sostantivi nei casi dubbi. Le abbrevia ioni f. e m. indicano5 ris$ettivamente5 il genere !emminile e masc7ile. \ in colonna 2 il traducente ung7erese. Eel caso dei lemmi $olisemici e omonimi lessicali5 le acce ioni o signi!icati sono se$arati da $unto e virgola. \ in colonna 3 la categoria grammaticale5 codi!icata con lettere secondo la tabella seguente0
&g &rt &vv ) I @u P Pz 3 0 aggettivo articolo avverbio congiun ione interie ione numerale $ronome $re$osi ione sostantivo verbo &gPr &vPr )Pr IPr PPr PzPr 3Pr 0Pr $olirematica avverbiale $olirematica aggettivale $olirematica congiun ionale $olirematica interiettiva $olirematica $ronominale $olirematica $re$osi ionale $olirematica sostantivale $olirematica verbale

in colonna ' lunit) in cui il lemma a$$are $er la $rima volta. Eel caso dei lemmi $olisemici e omonimi lessicali5 le indica ioni relative alla !onte seguono lordine delle acce ioni o signi!icati e sono se$arati da $unto e virgola. Le marc7e utili ate $er rinviare alla !onte5 sono riassunte nella tabella sottostante0
3truttura delle unit, 0 11 Li$ro dei testi Guaderno de!li esercizi /e ioni &1A . *serci i relativi allunit) 6onosciamo lItalia 3est !inale Hlossario 3est di rica$itola ione &utovaluta ione .&0 9ogni 3 unit): &utovaluta ione generale .&0A 3est !inale generale &$$endice grammaticale .&P

+ +8/ +84 +8/A

2n termine c7e !igura nella$$endice grammaticale allunit) 65 avr) "uindi la marca 6L&%. 3utte le voci c7e com$aiono nei brani audio del Libro o del Quaderno5 sono stati stam$ati in corsivo e sono segnalati come L& o Q&5 ris$ettivamente. in colonna 5 troviamo il rango duso dei lemmi secondo il LI% 9#e 8auro et al. 1993:. Eel caso dei lemmi $olirematici5 invece del rango duso5 X ri$ortata la

18'

!re"uen a assoluta registrata nel cor$us LI%. /ono state contrassegnate con una B le $olirematic7e assenti nel LI%5 ma $resenti sulla lista della societ) Wulogos. in colonna 6 sono indicati con una crocetta 9{: i lemmi 9solo $arole sem$lici5 non $olirematic7e: assenti nel <dF 9#e 8auro et al. 1980: mmm

a bocca aperta: a causa di: a dire la verit: a fiori: a letto: a livello: a lu# o: a ma#o: a pezzi: a piedi: a posto: a presto: a prima vista: a ri $e: a stasera: a testa: a tur#o: a: abbassare: abbasta#za: abbellire: abbi liame#to: abbi#ame#to: abbi#are: abbo#ame#to: abbo#ato: abbotto#ato: abbracciare: abbreviazio#e: abilit: abita#te, l (m.): abitare: abitazio#e: abito da sera: abito: abituale: abituarsi 7a8: abitudi#e, l 7f.8: acca#to 7a8: acce#dere: acce#to: accessorio: accettare: accide#ti:: acco lie#te: accompa #are: accompa #ato: accordo: accor ersi: aceto balsamico: aceto: ac;ua i# bocca:

ttott szjjal, csodlkozva miatt az i azat me vallva vir os "ba valamil"e# szi#te# $osszasa# k%zzel darabokba# "alo re#dbe# $amarosa# els) ltsra cs+kos viszlt ma este feje#k%#t felvltva .#ak, .#ek/ .ba, .be/ .ba#, .be#/ .ra, .re/ .o#, .e#, .0#/ .$oz, .$ez, . $0z/ .i / .kor lejjebb vesz, cs0kke#t el% %, me le$et)se# d+sz+t ru$zat pros+ts 0sszepros+t el)fizet%s el)fizet) be ombolt me 0lel, t0lel r0vid+t%s k%pess% lakos lakik lak$el" est%l"i ru$a ru$a szoksos $ozzszokik valami$ez szoks valami mellett bekapcsol, me "9jt $a# s9l" kie %sz+t) elfo ad a fe#%be kellemes, barts os elk+s%r valami ltal k+s%rt e "et%rt%s %szrevesz balzsamecet ecet e " sz<t se r<la

AvvPr PzPr AvvPr A Pr PzPr AvvPr AvvPr AvvPr AvvPr AvvPr AvvPr AvvPr AvvPr A Pr ,pr AvvPr AvvPr Pz 2 Avv 2 5 5 2 5 5 A 2 5 5 5 2 5 5Pr 5 A 2 5 PzPr 2 5 5 2 , A 2 A 5 2 5Pr 5 AvvPr

7L 2L 2L !L 2L 7L 7L &L &L 2L 'L (L !* !L 2* -* (L 1L &* (L -L 6L 'L 1L (1L (1L !L 6L 6L 6L 6L (L 2LA2 &L 6L 7L !* 1LAP (L 3L 1LAP !L 2L &L 3L &L 7L 7L !* &L 'L !L

x x x x

2 ( x

2 x 2(3( 2-& 4 -(1( '-1- 4 661! 4 '1'! 4

2(&4 2-(' &11 2733 x 2!6! (2122!& x (!31 6''2 3-77 4 7'' 6766 (12& '-1(!' &77

185

ac;ua: ac;uistare: ac;uisto: ad alta voce: ad esempio: ad essere si#cero: ad u# certo pu#to: adattato: adatto: addirittura: addobbare: addorme#tarsi: adesso: adulto: aereo: aerobica: aeroporto: affasci#a#te: affatto: affermazio#e: affettare: affittare: affitto: affollato: affro#tare: affumicato: africa#o: a e#da: a e#te, l 7m.Bf.8: a e#zia: a evolazio#e: a ettivo: a iu# ere: a iu#ta: a itato: a lio: a osto: a ricolo: a roalime#tare: ai ferri: aiutare: aiuto: al ce#to per ce#to: al co#trario: al de#te: al for#o: al massimo: al piC presto: al posto 7di8: al solito: alba: alber o: albero e#ealo ico: albero: alcu#o: alfabeto: alime#tare: alime#tazio#e: alime#to: allDarrabbiata: allimprovviso: allDi#ter#o 7di8: allDitalia#a:

v+z vsrol me vsrls $a# osa# p%ldul )szi#t%# sz<lva e " bizo#"os po#to# talak+tott me felel), alkalmas e "e#ese# feld+sz+t elalszik most fel#)tt rep@l) aerobik rept%r elbAv0l) e "ltal# #em ll+tsok felszeletel kib%rel alb%rleti d+j zs9folt szembe#%z valamivel f@st0lt afrikai $atrid)#apl< @ "#0k @ "#0ks% , iroda kedvezm%#" mell%k#%v $ozzad kie %sz+t%s vi$aros fok$a "ma au usztus mez) azdas i mez) azdas i %s %lelmiszeripari rosto#s@lt se +t se +ts% szz szzal%ki ellekez)le fo raval< t%szta s@t)be# k%sz@lt le feljebb mi#%l $amarabb valaki $el"%be# ltalba# $aj#al szlloda csaldfa fa #%$#" b%c% tpllkozsi %tkez%s %lelmiszer arrabbiata m<dra 7cs+p)se#8 $irtele# valami# bel@l olasz m<dra

5 2 5 AvvPr AvvPr AvvPr AvvPr A A Avv 2 2 Avv 5 5 5 5 A Avv 5 2 2 5 A 2 A A 5 5 5 5 5 2 5 A 5 5 A A A Pr 2 5 AvvPr AvvPr A Pr A Pr AvvPr AvvPr PzPr AvvPr 5 5 5Pr 5 P 5 A 5 5 AvvPr AvvPr PzPr AvvPr

6* -L 2L ((L 3L (1L &L ((*=>? (L 7L -L !L 1L -L 1L ((L 2L 7L 'L (L 'L '* 2L -L 3L 'L (* 2L 3L (L -L 1L 'L 6L -L 'L 6L &L &L 'LA &L 6L 6* 6L 3L 'L 'L '* ((L 3* ((L 1LAP 'L 1L 1L 1L 6L &L &L 'L -LA -L 7L

37! ((-3 (321 x

2123 6&6 4 232' !3 3112 (&(6 '-1- 4 3&-! 3--('16 2&(' 2-2' 3'6! '-1'32

63'' 61(1 (313 '-1- 4 2-61 4 '7( '-1'-121!' 6(!! '-1- 4 332 (22' (

'(33 (32( x (7!'(2 '-166(6 3('&

186

allDora: alla bolo #ese: alla fi#e: alla ra#de: alla moda: alla ri#fusa: alla spi#a: alle ria: alle ro: allo stesso tempo: allora: allumi#io: alme#o: alta societ: altare, l 7m.8: alter#ativa: altissimo: alto: altretta#to: altrime#ti: altro: altro: altrui: alzarsi: amalfita#o: amare: amaro: amatissimo: ambie#te, l 7m.8: americano: amica: amic$evole: amicizia: amico: ammettere: ammi#istrazio#e: ammirare: ammirato: amore, l 7m.8: a#alfabeta: a#alisi, l 7f.8: a#c$e se: a#c$e: a#cora: a#dare a ruba: a#dare dDaccordo: a#dare i# o#da: a#dare matto 7per8: a#dare via: a#dare: a#data e ritor#o: a# olo: a#imale, l 7m.8: a##iversario: a##o: a##oiarsi: a##u#ciare: a#te##a: a#tic$issimo: a#tico: a#tipasto: a#tipatico: a#zi:

<r#k%#ti bolo #ai m<dra a v% %# #a "szerAe# divatos 0mlesztve csapolt vidms vidm e "szerre $t akkor, #os alum+#ium le albb fels) r%te ek oltr vlasztsi le$et)s% #a "o# ma as ma as szi#t%#, $aso#l<k%pp k@l0#be# msik ms, e "%b ms% felkel Amalfi k0r#"%ki szeret keserA #a "o# kedvelt k0r#"ezet amerikaiak bart#) barti, barts os barts bart bevall i az ats csodl csodlt szerelem a#alfab%ta a#al+zis, elemz%s #o$a, $abr is m% "orsa# elkel j<l kij0# e "mssal adsba ker@l bolo#dul valami%rt elme " me " me#ett%rti sarok llat %vfordul< %v u#atkozik bejele#t a#te##a #a "o# r% i r% i el)%tel elle#sze#ves s)t

A Pr AvvPr AvvPr AvvPr AvvPr AvvPr AvvPr 5 A AvvPr E 5 Avv 5Pr 5 5 A A Avv Avv A P A 2 A 2 A A 5 A 5 A 5 5 2 5 2 A 5 A 5 EPr E Avv 2Pr 2Pr 2Pr 2Pr 2Pr 2 A Pr 5 5 5 5 2 2 5 A A 5 A E

-L 'L 1L !* !L 7* 3L &*=? (L &L (L 'L 6L !L (1L 'L (1L 1L !L (1L 'L 1L ((L 3L -*=? 2L 1LAP ((L 'L 1LA (L 6L !L 1LA 3LAP (1L &* 7L 1* ((*=>? 1LAP -L (L (L ((L (1* (1L ((L 3L (L -L 'L &L -L 1L !* &L (1L &L 3L 'L (L 3L

x x 67'3--6! 2'& x '-1(&37 4 '-1331 (!&6 --( -3 77 4 -11 4 !7--(' 4 &-( (67( (('' 4 (671 (3!7 (!3& 77! '-1'-13'! (163 2& !( 2 ( 2 2' ( (3'3 (31& 6(-7 7'-126(&

(6!! '-1- 4 32&( 67'

18+

a#zia#o: a#zic$%: a#zitutto: aperitivo: aperto: apertura: apparecc$io: appartame#to: apparte#ere 7a8: appassio#are: appe#a: appe#a: appe#dere: appe#dice, l 7f.8: apprezzare: apprezzato: appu#tame#to: appu#to: appu#to: aprile, l 7m.8: aprire: arabo: ara#cia: ara#ciata: arc$eolo ia: arc$eolo o: arc$itetto: arc$itettura: ar e#ti#o: ar ome#to: aria co#dizio#ata: armadio: armato: aroma: arrabbiarsi: arrabbiato: arredamento: arricc$ire: arrivare: arrivederci: arrivederLa: arrivo: arrosto: arte, l 7f.): articolo: arti ia#ale: artista: artistico: asce#sore: ascesa: ascoltare: ascolto: aspettare: aspetto: aspiri#a: assa iare: assaporare: asse #ato: assistere: assolutame#te: assoluto: assomi liare: assumere:

id)s $el"ett mi#de#ekel)tt aperitif #"itott #"its k%sz@l%k laks tartozik vala$ova fellelkes+t, felkavar %ppe# ami#t kif@ eszt, fell< at f@ el%k %rt%kel kedvelt, amit %rt%kel#ek tallkoz< po#tosa#, a$o " mo#dod je "zet prilis #"it arab #ara#cs #ara#csl% r% %szet r% %sz %p+t%sz %p+t%szet ar e#t+# t%ma, tr " l% ko#dicio#ls szekr%#" fe "veres aroma me $ara szik, feld@$0dik m%r es b9torzat, bere#dez%s azda +t %rkezik viszo#tltsra viszo#tltsra 70#0z) forma8 %rkez%s s@lt mAv%szet #%vel)/ cikk k%zmAves mAv%sz mAv%szeti lift felemelked%s, me##"beme#etel $all at $a# a#"a vr me jele#%s/ szempo#t aszpiri# me k<stol me +zlel kijel0lt r%szt vesz mi#de#f%lek%ppe# abszol9t $aso#l+t felvesz

A E Avv 5 A 5 5 5 2 2 Avv E 2 5 2 A 5 Avv 5 5 2 A 5 5 5 5 5 5 A 5 5Pr 5 A 5 2 A 5 2 2 , , 5 5 5 5 A 5 A 5 5 2 5 2 5 5 2 2 A 2 Avv A 2 2

-L -L 3L 3L 1L 6L (1L 2L 3L ((L 2L -L 3LAP 1L 'L 'L 2L 6L 6L 6L (L 'L 3L &* ((*=>? 1LAP -L 7*=? 1L 6L ((*=>? 6L -L 3L !L 'L (1*A 'L (L (L (L 3* -L 1L 1L/ !L &L 7L 'L 2L -L 1L 6L (L (L/ &L 6* (1* &L -L ((L &L &L 'L (L

2-'2(67 '312 '61 22&& (2!7 '-1(3!& 63'1 -&' 277' '-1-!(3 4 (7'! !&1 (23 !33 (277 662 612( '-1'-14 4 6!'& 37(! '-131! ( 26!& 6621 4 (-231-3 '-1613( (1& '6' '-1- 4 2(63 '-( 3&3 -3(! (717 2121 '-1'-1- 4 66( ('(& (71 33'-1- 4 63&3

(1-3 3(& ((-7 -'31 (1&(

188

assu#zio#e: atmosfera: atte#to: atte#zio#e: attesa: attimo: attivit: attivo: attore, l 7m.8: attrarre: attraversare: attraverso: attrice, l 7f.8: attualit: au urare: au urio: aula: aume#tare: aume#to: ausiliare, l 7m.8: australia#o: austriaco: auto, l (f.): autobio rafico: autobus, l (m.): automatico: automobilismo: autore, l (m.): autostrada: autovalutazio#e: autu##o: ava#ti Eristo 7a.E.8: ava#ti: avere bisogno (di): avere da fare: avere fame: avere fretta: avere i# me#te: avere i#te#zio#e 7di8: avere paura: avere ra io#e: avere sete: avere torto: avere vo lia: avere: avve#ime#to: avve#ire: avve#tura: avve#uto: avverbio: avvici#arsi: avvocato: azie#da: azio#e: azzurro: baciare: bacio: bacio#e: baco#: ba a lio: ba #o: balco#e: ballare:

me##"beme#etel l% k0r fi "elmes, <vatos fi "elem vrakozs pilla#at feladat mAk0d) sz+#%sz vo#z tszel, kereszFG-1!t@l me " kereszt@l sz+#%sz#) aktualits k+v# j<k+v#s terem me #0vekedik, #) emelked%s, #0veked%s se %di e ausztrl osztrk %pkocsi 0#%letrajzi busz automata aut<verse#"z%s szerz) aut<pl"a, sztrda 0#%rt%kel%s )sz id)szm+ts el)tt el)re sz@ks% e va# valamire dol a va# %$es siet o#dol valamire sz#d%kozik f%l i aza va# szomjas t%ved kedve va# va# valamije t0rt%#%s, esem%#" bek0vetkezik, me t0rt%#ik kala#d me t0rt%#t $atroz< k0zeledik @ "v%d vllalat cselekv%s, tett k%k cs<kol cs<k cs<k a# olszalo##a po "sz f@rd)szoba erk%l" t#col

5 5 A 5 5 5 5 A 5 2 2 E 5 5 2 5 5 2 5 5 A A 5 A 5 A 5 5 5 5 5 A Pr Avv 2Pr 2Pr 2Pr 2Pr 2Pr 2Pr 2Pr 2Pr 2Pr 2Pr 2Pr 2 5 2 5 A 5 2 5 5 5 A 2 5 5 5 5 5 5 2

-L 2L -* 1L -L 'LA2 1L -L 1LAP 2LAP 7LA2 7L 7L (1L -L 7* 3L &L -L 3L 1L 1*=? 1L 7L 1L 2L (1L ((L ((L (LA2 6L 'L -L 'LA 2LA 3L 'L ((L !L -* (L 3L ((LA2 2L 1L 3L 7L 7L 3L 3L !* 6LA2 3* 1L 1L 6L 6L 6L 'L -L 1L 2L 2L

66!! 23&3 '1( 67( (7&! 2(1 '(6 6(21 (!2& -2&2!7( 376 '-1('3(166 (2-7 (7((62! (1-! 4 '-1'-12'-' 4 2!(6 2'&6 '2(1 4 '3! 3(-6 4 -6-7 2(3 x

6 (6 (723 6-'3 2733 '-1'-1- 4 (726 3!7 &'1 !!2 (7&7 '-1&27 &27 4 -21((-6 2(&6

189

bambi#o: ba#ale: ba#a#a: ba#ca: ba#co: ba#comat: ba#diera: bar: barba: barca: barista, ilBla: basato 7su8: base, la: basilica: basilico: basso: bastare: battere: batteria: battesimo: battuta: beD: beato: bellezza: bellissimo: bello: be# arrivato: be#e: be#issimo: be#ve#uto: be#zi#a: bere: beva#da: bia#co: bibita: biblioteca: bicchiere: bici, la: bicicletta: bi lietteria: bi lietto dDau uri: bi lietto: bi#ario: biolo ico: bio#do: biro, la: birra: birreria: biscotto: biso #are: biso #o: bistecca: blu: bocca: bolo #ese: bordo: borsa: bottiglia: box: braccio: bra#o: brasilia#o: bravissimo:

"erek ba#lis ba## ba#k pult k%szp%#zautomata zszl< br szakll brka pultos valami# alapul< alap bazilika bazsalikom alacso#" el% me d0#t dobfelszerel%s keresztel) mo#dat #os j< #eki sz%ps% "0#"0rA sz%p iste# $ozott j<l #a "o# j<, kivl< ,ste# $ozott be##eteket be#zi# iszik ital fe$%r @d+t) k0#"vtr po$r bicikli ker%kpr je "p%#ztr @dv0zl)lap je " v #" bio sz)ke ol"<stoll s0r s0r0z) keksz kell, sz@ks% es sz@ks% bifsztek k%k szj bolo #ai utast%r tska @ve boksz, f@lke kar r%szlet brazil #a "o# j<, #a "o# @ "es

5 A 5 5 5 5 5 5 5 5 5 A Pr 5 5 5 A 2 2 5 5 5 , A 5 A A A Pr Avv Avv A 5 2 5 A 5 5 5 5 5 5 5Pr 5 5 A A 5 5 5 5 2 5 5 A 5 A 5 5 5 5 5 5 A A

(*=? ((L &L 2L 3L 7* 'L (L !* -L 1LAP !L 'L 7LA2 'L (L &L 7L ((L ((*=H (1L 3L 3*A 7L -L 1L (L (L 3L 1L -* 2L 3L 3L 3L (L 1LA 'L 2L -L (1* 2L -L &L (L ((L 2*=H 6* 'L 6L -L 'LA (* (L 'L -L 1L 1LA 6L (L -L 1L -L

271 '-1776 (223 '-1- 4 6621 21(( '-1221! '-16&& 4 '2(1 (&23 (!(1-( 6'!2 32&& !36 '-1- 4 2!(3 (-'( (2' (2' 33--(' 4 3!6( (-&3 '-1'1' '-1(!73 263! 37-! 37-!

!&! 26'& -7!! 4 6!6! '-1- 4 32&( 4 '-1(-2 2&& -3(! 22!3 27'! '-133&1 !&2--' 362' 4 2271 (6&3 4 -(36((

190

bravo:: breve: breveme#te: brioc$e: bru#o: brusc$etta: brutto: buca delle lettere: bufala: bu ia: buonanotte: buonasera: buongiorno: buo#o: burro: busta: cabi#a: cadere: caffI corretto: caffI macc$iato: caffI: caffelatte: caffettiera: caima#o: calamit: calciatore: calcio: calcolare: caldo: call ce#ter: calma: calmo: calza: calzatura: calzo#e: cambiare: cambiarsi: camera da letto: camera: cameriere: cameri#o: camicetta: camicia: cami#o: cammi#are: camomilla: campa #a: campanile: campio#ato: campio#e: campo: ca#adese: ca#ale: ca#didato: ca#e: ca#o#e: ca#ta#te: ca#tare: ca#tautore: ca#zo#e, la: capace: capello:

@ "es, j<l va# r0vid r0vide# bri<s bar#a fok$a "ms pir+t<s paradicsommal %s bazsalikommal cs9#"a postalda bival" $azu s j< %jt j< est%t j<#apot j< vaj bor+t%k f@lke esik kv% lik)rrel kv% kis tejjel kv%/ kv%$z tejeskv% kv%f)z) kaljm#, ali tor csaps, katasztr<fa futballista foci kiszm+t mele telefo#os @ "f%lszol lat #"u alom #"u odt $aris#"a cip), lbbeli t0lt0tt pizzatska vltoztat, vltozik t0lt0zik $l<szoba szoba pi#c%r pr<baf@lke bl9z i# ka#dall< "alo ol kamilla vid%k $ara #toro#" baj#oks baj#ok t%rs% , mez), t%r ka#adai csator#a jel0lt kut"a d+j %#ekes %#ekel %#ekes dalszerz) dal k%pes $aj

, A Avv 5 A 5 A 5Pr 5 5 , , , A 5 5 5 2 5Pr 5Pr 5 5 5 5 5 5 5 2 A 5Pr 5 A 5 5 5 2 2 5Pr 5 5 5 5 5 5 2 5 5 5 5 5 5 A 5 5 5 5 5 2 5 5 A 5

(L 1L -L 'LA2 (L 'L (L 6L &L 3L (LA (LA 1LA (L 'L 6L 6L 1LAP 3L 3L 1L/ 3L 3L 3L 7L 6L 7* 1L !*A 2* -L 7* -L -L !L 'L (*=? !L 2L 2L 3L !L !L !L 6L 3L 3L 2L 6*A 3L 1* 6LA2 (* 6L 7L 1* (1L 2L -* ((L 1L ((*=>? (L

'-17&' (!(! 4 6(16 4 '26 4 (&'& -7' 31' ('' '622 ('27 '-1-6! x '!! 4 '-1- 4 4 '-1- 4 '-1((22'1' 7-612! -'31 2&(7 ---2 23( 23( -'( '-1'312 '(33 221' (--3 '('-1'-1236& --1 '-1(6-6 622& -&! 3'(- 4 6623 23!6 '-1(673 (127 ('33

191

capire: capo: Eapoda##o: capolavoro: cappotto: cappucci#o: cappucci#o: cappuccio: caprese: carabi#iere: carattere: caratteristica: caratterizzato: carbonara: carbo#e: cari#o: carissimo: carne, la: Ear#evale: caro: carriera: carrozza: carta di credito: carta i ie#ica: carta: carti#a: cartoli#a: carto#e a#imato: casa: caso: cassa: cassetta per le lettere: cassetta: cassetto: casta#o: castello: cate oria: cattivo: cattolico: causa: cavaliere: cavallo: cavatappi: cavolo: celebrare: celebre: celeste: cellulare: ce#a: ce#are: ce#o#e: ce#tesimo: centinaio: ce#trale: ce#tro commerciale: centro: cercare 7di8: cereale: certame#te: certificare: certo: cesto: c$e bello::

%rt ru$adarab 9j%v remekmA kabt kapuci#us kapucs+#< kapucs+#< capri cse#d)r jellem, szem%l"is% jelle zetess% valami ltal jellemzett carbo#ara t%szta sz%# $el"es dr a $9s kar#evl, farsa# kedves, dr a karrier kocsi $itelkrt"a JE.pap+r krt"a t%rk%p k%peslap rajzfilm $z, ott$o# eset p%#ztr postalda kazetta fi<k bar#a vr, kast%l" kate <ria rossz katolikus ok lova l< du <$9z< kposzta @##epel $+res vil osk%k mobiltelefo# vacsora vacsorzik @##epi vacsora ce#t kb. szz k0zpo#ti bevsrl<k0zpo#t k0zpo#t keres/ pr<bl abo#af%l%k bizo#"ra i azol persze kosr de j<:

2 5 5 5 5 A 5 5 A 5 5 5 A 5 5 A A 5 5 A 5 5 5Pr 5Pr 5 5 5 5Pr 5 5 5 5Pr 5 5 A 5 5 A A 5 5 5 5 5 2 A A 5 5 2 5 5 5 A 5Pr 5 2 5 Avv 2 Avv 5 ,pr

(L !L -L 7L !L 3L 1L 3L 'L 6L (L (1L 'L 'LA -L (L 6L 'LA -L (L 2L -L 6* &L 3L (L 3L !* 1L 6L 3L 6L (1L 6L (L 6*A (1L -L -L 2L -L -L 'L &L -L 7L 7L 6L 1L 2*=H -L -L (1LA 6* &* 1LA (*/ 2L 'L 6* &L 2L ((*=>? (L

'7 -!1 '-1'622 '-1'-1'-14 6-23 ((3& (1'' 4 4 '-1(126 322 ((1! '-1322 '-1'-1( ' 6&3 6(&& 2'17 26 ((7 (3( ('(3 (66& (!34 6'3' '&2 ((2! -2-6 '!7 '2(1 (('1 2-16 '-13!-( 6&-' 2&(6 4 (('7 '-1'2(1 4 372& 7!3 33! (-! 4 6!6 '-1((2 '-1-

192

c$e cosa: c$e: c$e: c$e: chef, lo: chi: c$iacc$ierare: c$iamare: c$iamarsi: c$iamata: c$iarire: c$iaro: c$iave, la: c$iedere: c$iedersi: c$iesa: c$ilo: c$ilometro orario: c$ilometro: c$irur o: c$iss: c$itarra: c$iudere: c$iuso: ci: ciao: cibo: ciclo#e: cielo: cile#o: ci#ema: ci#emato rafico: ci#ese: ci#tura: ciK: cioccolata: cioccolati#o: cioccolato: cioI: circa: circolazio#e: circosta#za: citare: citt: cittadi#o: civile: classe, la: classico: classifica: clie#te: clie#tela: clima: coccolare: codice di avviame#to postale, il: co liere: cognome: coi#vol ere: colapasta: colazio#e: collaborare: collaborazio#e: colle a, la/il: colle are:

mi, mit mel"ik, mil"e# amel" mi, micsoda ko#"$af)#0k ki, kicsoda cseve $+v $+vjk vala$o "a# $+vs tisztz vil os, e "%rtelmA kulcs k%rdez felte# ma #ak a k%rd%st templom kil< kilom%ter per <ra kilometer seb%sz ki tudja itr zr csukott ott, oda szia %tel ciklo# % c$ilei mozi mozival, filmekkel kapcsolatos k+#ai 0v kaka< bo#bo# csokol%d% azaz, 9 "mi#t k0r@lbel@l for alom k0r0lm%#" id%z, me eml+t vros pol r pol ri osztl" klasszikus sl erlista @ "f%l, vsrl< vev)k0r kl+ma, % $ajlat d%del et postai ir#"+t<szm szed, me ra ad vezet%k#%v %ri#t t%sztaszAr) re eli e "@ttmAk0dik e "@ttmAk0d%s koll% a 0sszek0t

PPr A E P 5 P 2 2 2 5 2 A 5 2 2 5 5 5Pr 5 5 Avv 5 2 A P , 5 5 5 A 5 A A 5 P 5 5 5 E Avv 5 5 2 5 5 A 5 A 5 5 5 5 2 5Pr 2 5 2 5 5 2 5 5 2

(L (L 1L 1L 'LA 1LA 3L 6L 1L 6L (L 7L 1L 1L !* 6L 3L -L -L 1LAP -* 3* (L 7L 2L 1L 3L 7L -L 7L 1L 7* (1L 3* &L 3L 7L 3L (L 6*=? 3L ((L 7L 1LAP 6L 6L 1L (* ((L &L !L 1LAP (1L 6L 2LAP 1LA ((L 'L 2L 7L &L 1L -L

671 72 (2 (1 4 7! 322& !!(3-(-!6 617 (-&! (22 (22 (132 !3( 22(7 '-1(1(! '-132& (62( (& (-6 3'17 4 (-16 (161 -!(3 2!167&6 3!& '-1'-1-( !7( (27' 233! (1-7 3(2'(&1( 31( (1-' 63!3 (371 '-1- 4 21!6 '-1- 4 (6&! (1(( ((73 4 ('12 (&&2(-1 '63 (-!'

193

collezio#e: collo;uio: colo##a so#ora: colo##a: colorato: colore: coloro: colpa: coltello: combi#azio#e, la: come mai: come #o: come: come: comfort: comico: comi#ciare: commedia: comme#tare: comme#to: commerciale: commercio: commessa: comodame#te: comodit: comodo: compa #ia: compa #o: compleanno: completare: completo: completo: complime#to: comporre: comportame#to: comportarsi: compositore: composto: comprare: compre#sio#e: compreso: computer: comu#ale: comu#e: comu#icare: comu#;ue: co#: co#cedere: co#certo: co#cludere: co#cluso: co#corso: co#dime#to: co#dizio#ale, il: co#duttore, il: co#fere#za: co#ferma: co#fermare co#fermato: co#fezio#e: co#fro#tare: co# iu#tivo: co# ratulazio#e:

"Ajtem%#", vlo ats i#terj9 filmze#e oszlop, $asb sz+#es sz+# azok, akik $iba k%s kombi#ci< $o " $o " $o "#e $o "a# mi#t komfort komikus elkezd kom%dia, v+ jt%k komme#tl me je "z%sek kereskedelmi kereskedelem elad<#) k%#"elmese# k%#"elem k%#"elmes trsas trs sz@let%s#ap kit0lt teljes 0lt0#" ratullok, elismer%sem ze#%t szerez, sz0ve et +r viselked%s viselkedik ze#eszerz) 0sszetett ve##i sz0ve %rt%s ma ba fo lalva szm+t< %p vrosi, 0#korm#"zati k0z0s kommukl mi#de# esetre .val, .vel te# ed ko#cert befejez,lezr befejezett, lezrt verse#" +zes+t%s felt%teles m<d mAsorvezet) el)ads me er)s+t%s, visszai azols elle#)riz me er)s+tett csoma ols, kiszerel%s 0ssze$aso#l+t k0t)m<d ratulci<

5 5 5Pr 5 A 5 P 5 5 5 EPr AvvPr Avv E 5 5 2 5 2 5 A 5 5 Avv 5 A 5 5 5 2 A 5 5 2 5 2 5 A 2 5 A 5 A A 2 E Pz 2 5 2 A 5 5 5 5 5 5 2 A 5 2 5 5

((L 3L 7L (L &*=? 2L ((*=? 'L 'L 1L 3L -L (L 1L -L 7L 1LAP 7LA (1L (1* 6L 3L !L -L -L 2L 6*=? 1L 2LA 1L 3L !L (L ((L 'L 7L 7L -L 2L !L 6L -LA2 6L (L 6L 6L 1L 3LAP 2L 6L 7L (1L 'L ((L (1L 'L -L 2L ((L &L (1L !L (1L

'2(1 4 226( ' '1'! 6&2' 326 (633

32! 7& 6& 4 -'26 2(2((& 6'17 ('22 (26! 21&'-1-3(! 66&! (6(& (3(! -1-1 (&-7 6('( ((!2 '-121(7 ('2! 736 (2!! -'26 4 -!(3 3763'7 2('1 2(27 (116 &6& !'& !2 27 (-(1 (2(3 &67

4 '-1- 4 '-1- 4 (3&! 6137 &!1 6(1212' 4 '-1- 4

19'

co#iu azio#e: co#osce#za: co#oscere: co#;uistare: consegnare: co#se ue#za: co#servare: co#servarsi: co#siderare: co#siderarsi: co#si liare: co#si lio: co#so#a#te, la: co#sultare: co#sumare: co#sumatore: co#sumazio#e: co#sumo: contare: co#tempora#eo: co#te#ere: co#te#itore: co#te#to: co#te#uto: co#testo: co#ti#e#te, il: co#ti#uame#te: co#ti#uare: co#to: contorno: co#trario: co#tratto: co#tro: co#trollare: co#trollato: co#trollo: co#valida: co#validare: co#ve#ie#te: co#versazio#e: co#vi#cere: co#vivere: coordi#ato: coperto: copia: coppa: coppia: coprire: coprirsi: cora io: cor#etto: corpo: corre ere: correre: corretto: corrispo#dere: corsa: corso: cortesia: corto: cosa: cosa: coscia:

i era ozs ismerets% ek ismer me $<d+t bead, tad k0vetkezm%#" trol elll tart, v%l tartja ma t valamil"e##ek ta#csol ta#cs mssal$a# z< i %#"be vesz, se +ts% @l $+v fo "aszt fo "aszt< fo "aszts fo "aszts szm+t e "idejA tartalmaz tart<, ed%#" el% edett tartalom ko#textus, sz0ve k0r#"ezet ko#ti#e#s fol"amatosa# fol"tat szmla k0ret elle#kez) szerz)d%s valami elle# sz<l< %rv elle#)riz elle#)rz0tt elle#)rz%s %rv%#"es+t%s %rv%#"es+t, kezel kedvez) besz%l et%s me ")z valakit valamir)l e "@tt %l koordi#lt borult 7% 8 msolat, p%ld#" ke$el" pr lefed betakar<zik btors croissa#t test@let kijav+t fut 7futott8 $el"es tartozik 9t, utazs ta#fol"am udvariass r0vid mi, micsoda dolo comb

5 5 2 2 2 5 2 2 2 2 2 5 5 2 2 5 5 5 2 A 2 5 A 5 5 5 Avv 2 5 5 A 5 5 2 A 5 5 2 A 5 2 2 A A 5 5 5 2 2 5 5 5 2 2 A 2 5 5 5 A P 5 5

(L 'L 1L 'L &LA 6L &L &L 'L !* 6L 3L 1L 1* &* ((*=? 3L 3L ((*A 7L -L &L (L &L !L (1L &L (L '* 'LA (LA2 7L (1L (LA2 &L -L 2L 2L &L (1L &L ((* 6L -L &* 3L 1L -L ((*=H ((* 3L 6L 3L 3L 1L 1L 2L 1LA (L (L 1L (L &L

4 7-6 (-3 2&'( (62( !(7 2--! 2--! 6'7 6'7 (22! -31 2623 2(22 21'7 4 3&(2 (('3 2(&1 (-67 4 711 (12! 2(66 6&1' (!22!( 21( (73! 33! &2' '-17!' '-1- 4 '-1- 4 6(17 26(3 (263 2'37 4 3(-' (7'3'21 2(-& (2&6 (2&6 ('72 '-1(117 (!3' ((!3 (&63 2311 2!1 (((' (-73 (13 3( 663!

195

cos: cosL: cosiddetto: cosmetico: costare: costiera: costituire: costo: costoso: costume da ba #o, il: costume, il: coto#e, il: cotto: cottura: cravatta: creare: creato: credere: credito: crema: cremoso: crescere: crisi, la: critica: crociera: cro#aca: cro#olo ico: cruciverba, il: crudo: cubetto: cucchiaino: cucc$iaio: cuci#a: cuci#are: cuffia: cu i#o: culturale: cuocere: cuore, il: cura: cusci#o: dDaccordo:: dDaltra parte: da #essu#a parte: da parte: da ;ualc$e parte: da solo: da: dal vivo: dappertutto: dare del Lei: dare del tu: dare fastidio 7a8: dare u#a ma#o: dare: data: dato: dava#ti 7a8: dava#ti: davvero: debole:

+ " + " 9 "#evezett kozmetikum ker@l valame##"ibe te# erpart %p+t r dr a f@rd)ru$a jelmez/ szoks, %letm<d pamut f)tt f)z%s #"akke#d) alkot me alkotott, tervezett $isz $itel kr%m kr%mes #), #evel kr+zis kritika te# eri k0rutazs rovat id)re#di keresztrejtv%#" #"ers kockkra kiska#alak ka#l ko#"$a f)z f@l$all at< u#okatestv%r kulturlis f)z sz+v@ "ek odafi "el%s pr#a re#dbe#: msr%szr)l se$ova f%lre vala$ov e "ed@l <ta/ .t<l, .t)l/ .b<l, .b)l/ .$oz, . $ez, .$0z/ .#l, .#%l %l)be# mi#de#@tt ma z te ez ide es+t se +t valaki#ek ad dtum, id)po#t adat valami el)tt el)tt i az# "e# e

Avv E A 5 2 5 2 5 A 5Pr 5 5 A 5 5 2 A 2 5 5 A 2 5 5 5 5 A 5 A 5 5 5 5 2 5 5 A 2 5 5 5 ,pr EPr AvvPr AvvPr AvvPr AvvPr Pz AvvPr Avv 2Pr 2Pr 2Pr 2Pr 2 5 5 PzPr Avv Avv A

(LA 6L -L &LA2 2L -*=? 1L 6L 2L 7L -L/ (1*A !L 3*A 'L !L 3L -L 6L 6* 3L &L 3LAP 1LAP -* -L (1L &L (*=? 3L 'L 3*A 'L 1L -L ((L 'L 'L 'L 'L 3* 6L 2L 6L 'L 'L -L 2L (L ((L -L (L (L (1L 6* (L 3L 1L 6L 6L 1L -L

'3'2 (2&3 4 724 &!1 ((3! -7!! ( (&21 2'&! '-1'-1-''! -71 '-1(1' 3217 3!'1 4 !31 (273 (-(7 '-1- 4 2(7' 2327 4 '-1- 4 '(33 62(' 4 3((& (3'1 2-'& 3-3( 2-'( !13 3--&1& (!11 3(&2 (&6 (3

(! ( 2222 2 -' -&3 '1! x 371 '(3 (&3&

196

decaffei#ato: decidere: decidersi: deci#a: decisio#e: deciso: decodificatore, il: dedicare: defi#izio#e: del tutto: delicato: deludere: de#omi#azio#e: de#te, il: de#tifricio: de#tista: de#tro: depliant, il: derb", il: descrivere: descrizio#e: deserto: deserto: desiderare: desiderato: desiderio: desi #er: desi#e#za: desti#atario: desti#azio#e: destra: determi#ativo: detersivo: detta liatame#te: di co#se ue#za: di #ie#te: di #uovo: di provi#cia: di seco#da ma#o: di solito: di: di: dialo o: diario : dicembre, il: dieta: dietolo o: dietro: dietro: dife#dere: dife#dersi: difetto: differe#za: differire: difficile: difficolt: diffo#dersi: diffusio#e: diffuso: di itale: di itare: dima rire:

koffei#me#tes d0#t d0#t, elsz# ma t kb. t+z d0#t%s $atrozott dek<der sz# valamit valamire defi#+ci<k teljese# fi#om csal<dst okoz el#evez%s fo fo kr%m fo orvos valami# bel@l prospektus itt: k@zdelem le+r le+rs ki$alt sivata k+v#,<$ajt k+v#t k+v#s formatervez) v% z)d%s c+mzett 9ti c%l jobb 7oldal8 $atrozott mos<szer r%szletekbe me#)e# k0vetkez%sk%ppe# #i#cs mit, sz+vese# 9jra, ism%t vid%ki $asz#lt ltalba# #%$#" .r<l, .r<l/ .b<l, .b)l/ .#ak a, .#ek a .#ak a/ .% prbesz%d #apl< december %tre#d dietetikus m0 0tt m0 0tt, m0 % me v%d me v%d ma t $iba k@l0#bs% k@l0#b0zik #e$%z #e$%zs% elterjed elterjed%s, terjeszt%s elterjedt di itlis trcszik, bille#t"Azik lefo "

A 2 2 Mu 5 A 5 2 5 AvvPr A 2 5 5 5 5 Pz 5 5 2 5 A 5 2 A 5 5 5 5 5 5 A 5 Avv EPr ,pr AvvPr A Pr A Pr AvvPr Art Pz 5 5 5 5 5 Avv Pz 2 2 5 5 2 A 5 2 5 A A 2 2

3L 3L !* (1L 3* 3L (1L (1L 2*=? 'L &L 3LAP &L 3L &L 3L 6L -*A 6* (L 2L 7L 7L 'L 6L 'L -L 1L 6L -L (L 1L &L !L 6L 6L 1L 3L 3L (* 6L 1L 1L (L 6L &L ((L 6L 6L 3LAP !L ((*=>? (L -L 1L 6L 'L (1L 6L (1L 6L ((L

4 362 362 (621 (!(& 4 (26' (23! ( 23&& 6!6! 31-3 2736 '-137&3-' 3&!3 '-1((-2 (7-6 '-126-6 2(2( '-16366

4 4 4

4 4 3-&- 4 362' 4 -3( 4 4 4 6

x 6&2' 2 ('!1 -126 (3(3 4 733 7-! (113 (113 6'!! 3!' '-1- 4 6'3 --3 2667 2667 223! 4 4 6&&7

19+

dime#ticare: dime#ticarsi 7di8: diminuzione: dipe#dere: dire: direttame#te: diretto: direttore, il: direttrice, la: diri ere: disaccordo: disappu#to: disco: discoteca: discou#t: discussio#e: discutere: dise #are: dise #o: dispiacere, il: dispiacere: dispo#ibilit: disporre 7di8: disposto: dista#za: disti# uere: distrarre: distrattame#te: distratto: distru ere: distrutto: disturbare: dito: diva#o: dive#tare: diversame#te: diverso: diverte#te: divertirsi: dividere: dividersi: divorzio: dizio#ario: doccia: doce#te, il: docume#tario: docume#to: dolce, il dollaro: doma#da doma#i: domatti#a: dome#ica: domestico: do##a: do#o: dopo: dopo: dopodoma#i: doppio: dormire: dormita: dottore, il:

elfelejt elfelejtkezik valamir)l cs0kke#%s f@ valamit)l mo#d k0zvetle#@l k0zvetle# i az at< i az at<#) ir#"+t, vezet e "et #em %rt%s csal<dotts lemezek diszk< diszko#ru$z vitk, veszeked%sek vitatkozik rajzol rajz saj#lkozs saj#l le$et)s% re#delkezik valamivel $ajla#d< tvols me k@l0#b0ztet elvo#, elterel fi "elmetle#@l, sz<rakozotta# sz<rakozott lerombol let0rt, fradt zavar ujj d+v#" vlik valamiv% elt%r)e# k@l0#f%le sz<rakoztat< sz<rakozik, mulat elvlaszt, sz%toszt sz%toszlik vls sz<tr zu$a#" ta#r, oktat< dokume#tumfilm dokume#tum %dess% dollr k%rd%s $ol#ap $ol#ap re el vasr#ap $zi #) aj#d%kok ut# ut# $ol#aput# dupla alszik alvs doktor

2 2 5 2 2 Avv A 5 5 2 5 5 5 5 5 5 2 2 5 5 2 5 2 A 5 2 2 Avv A 2 A 2 5 5 2 Avv A A 2 2 2 5 5 5 5 5 5 5 5 5 Avv 5 5 A 5 5 Avv Pz Avv A 2 5 5

3* !* -LA 3L (L -LA2 -L (L 3L 3LAP 7L &L -*=H (L &L 3* 3L 2L 1L (1L 2L !L (1L !L 6* 3LAP 2LAP (1*=? 7L 3LAP 'LA 6L (L 6L 3L 7* 6L 3L !L 3LAP !L 7L 'L 1LA !L (1L &* 3L 7L 1L (L (1L 2L 3L (L -L (L 6L 2* 1L (L !* 6L

3!3 3!3 -371 4 3!(' 3-! (177 !37 67&6 (!'2 4 4 (!'& 261! 4 4 '3' 732 (77' --& '2'-1(626 26'' 3((3 ((-22&6 --14 -2-6 (-(! 3!6( 2(72 2-62 3-722' (!'! ('3 ((-& &&-&-&'-16-366(6 4 '-1- 4 -!3!6( 32(3 4 23! 27(2 2132 3'& 21-' 22! 63(' (!3 ('7 23-6 6(1& -'7 '&1

198

dove: dove: dovere: dozzi#a: drammatizzare: dritto: dubbio: due: du#;ue: duomo: dura#te: durare: duro: e: eccetera: eccezio#ale: eccezio#e: ecco: eco#omia: eco#omico: edicola: e izio: ele a#te: ele a#teme#te: ele a#za: eleme#tare: eleme#to: ele#cato: elettro#ico: elimi#are: e.mail, la: emer e#za: e#er etico: e#fasi, l 7f.8: e#orme: e#te, l 7m.8: e#trambi: e#trare: e#trata: e#tusiasmo: e#tusiasta: Npifa#ia: episodio: eppure e;uilibrato: ereditare: errore, l 7m.8: esa erare: esa erato: esame, l 7m.8: esattame#te: esatto: escludere: esempio: esercizio: esi e#te esi e#za: esiste#te esistere: esperienza: esplodere: espo#e#te: esporre:

$ol a$ol kell tucat eljtszik e "e#es k%tel" kett) te$t d<m valami k0zbe# tart id)be# kem%#" %s stb. kiv%teles kiv%tel +me k0z azdas ta# olcs< 9js rus b<d%, kioszk e "iptomi ele #s ele #sa# ele a#cia ltal#os, elemi elem, sz< felsorolt elektro#ikus kik@sz0b0l e.mail v%sz$el"zet e#er iad9s #"omat%k 7besz%dbe#8 $atalmas, <risi i#t%zm%#"ek, szervezetek mi#dkett) bel%p, beme " bejrat lelkesed%s rajo# < 2+zkereszt epiz<d, r%sz pedi kie "e#s9l"ozott 0r0k0l $iba t9loz#i t9lzott vizs a po#tosa# i az, $el"es kizr p%lda "akorlat i %#"es i %#" l%tez) l%tezik tapasztalat, %lm%#" felrobba# k%pvisel) kifejt, kill+t

Avv E 2 Mu 2 A 5 Mu E 5 Pz 2 A E Avv A 5 Avv 5 A 5 A A Avv 5 A 5 A A 2 5 5 A 5 A 5 A 2 5 5 A 5 5 E A 2 5 2 A 5 Avv A 2 5 5 A 5 A 2 5 2 5 2

1L 2L 2L &L 3L (1LA 6L 1L 6L 6*A -L 3L 7L 1L 1LAP 7L 1LAP 1L 3L 'L (L 'L !L !L !L 3L 3L ((L 6L -L (L 6L &L 1LAP 'L 6L 7L 2L 6* 7* &* -L (1L 7LA &L !L 1L !L ((L 2L 3*=? 2L 3LAP 1L 1LA (1L -L 2L (L -*A 3LAP ((L 2LAP

&' 6' '-14 672! 7&-& 26( 6!&1 4 --! !3' (233 ' (&3 (&3& -6-7 -&&7 3&( '-14 6('7 '-13737 233( -1'(33 !7& 4 6212 4 4 (622 (-1' 2!3(!! (7&3 61&( '-122'1 (3-' 3-3( 4 -!(3 &&! 6(!6 -(&! 3&6 !&3 7'2 ((6! (((!32 '-1&23 '-1676 3!1 3(36 62&3 6122

199

esportare: esportazio#e: espressio#e: espresso: esprimere: esprimersi: essere essere abituato 7a8: essere costretto 7a8: essere gi: essere i# iro: essere stufo 7di8: esso: estate, l 7f.8: ester#o: estero: estivo: estra#eo: et: et#ico: etrusco: etto: euro: europeo: Nurostar, l (m.): eve#to: eve#tuale: evide#te: evitare: extralar e: extraver i#e: fa sc$ifo:: fa: facile: facilit: facilitazio#e: facilme#te: falso: fame da lupi: fame, la: fami lia: fami liare: familiare, il: famoso: fa#: fa#tascie#za: fa#tasia: fa#tastico: farcito: fare di testa sua: fare il filo 7a8: fare le ore piccole: fare lo zappi# : fare male: fare parte di: fare ;uattro passi: fare: farfalla: farmacia: farsi la barba: farsi male: fascicolo: fatto:

exportl export kifejez%s eszpressz< kifejez kifejezi ma t va#, l%tezik $ozz va# szokva valami$ez k%#"tele# valamit csi#l#i let0rt az utckat jrja ele e va# valamib)l az #"r ki#t k@lf0ld #"ri ide e#, oda #em ill) %letkor et#o etruszok t+z deka ramm eur< eur<pai eurostar esem%#" esetle es #"ilv#val<, evide#s elker@l OL.es m%retA extraszAz u#dor+t<: ezel)tt k0##"A k0##"As% k0##"+t%s, e# edm%#" k0##"e# $amisak farkas%$s% %$s% csald csaldi csaldta , roko# $+res rajo# < sci.fi fa#tzia, k%pzelet fa#tasztikus t0lt0tt a sajt feje ut# me " udvarol valaki#ek %jszakzik kapcsol at a csator#k k0zt me rt r%szt vesz valamibe# s%tl e " kicsit tesz, csi#l olasz t%sztaf%le "< "szertr borotvlkozk me s%r@l f@zet dolo

2 5 5 5 2 2 2 2Pr 2Pr 2Pr 2Pr 2Pr P 5 A 5 A A 5 A A 5 5 A 5 5 A A 2 A A ,pr Avv A 5 5 Avv A 5Pr 5 5 A 5 A 5 5 5 A A 2Pr 2Pr 2Pr 2 2Pr 2Pr 2Pr 2 5 5 2Pr 2Pr 5 5

'L !L (L 1L 6L !L 1L 7* (1*=? 7L 7L (1L (1L 6L 3L 2L -L 6LA2 (L ((L 'L &L 2L '* -L 7L 3* ((L 6L !LA2 'L (1L 3L 1LA !* -L !* (L 'LA 1* 1L 3L ((* (L (1L 7L 'L 'L -L 2L 'L !L (1L 6* 3L ((LA2 (L 'L (L !* !* (1L !*

'-1---2 (!63 '-1-22 -22 6

33 ((27 2(&( 61'' '-16(!6 &61 6-!6 4 '-14 !6& 4 2(!7 4 (16! (6'2 (1&'-1- 4 4 2!' -1( '-1'-1(!1& (!7x (2'6 677 (-2& 4 677& '21 '-1'-1- 4 613(332 4

33 (---2 '-1x 3372 4 (6!

200

favore: febbraio: febbre, la: fedele: felice: felicit: femmi#ile: fe#ome#ale: ferie, le: fermarsi: fermata: fermo: ?erra osto: ferroviario: festa: feste iare: festival: fetta biscottata: fetta: fettucci#a: fiaba: fida#zato: fidarsi 7di8: fiducia: fi lia: fi lio: fi urarsi: fila: filetto: film, il: filosofia: filosofo: fi#ale, la: fi#ale: fi#alme#te: fi#a#ziato: fi#e settima#a, il: fi#e, la: fi#estra: fi#ezza: fi#ire: fi#o 7a8: fi#ora: fioraio: fiore, il: firma: firmare: firmato: fisso: focaccia: fo lia: fo#dare: fo#dato: fo#ta#a: forc$etta: forestale: forma: forma io: formale: formare: formazio#e: formulare:

sz+vess% februr lz $A boldo boldo s #)#em fe#ome#lis szabads me ll me ll< mozdulatla#, ll< au usztus (-., Pria me##"beme#etele vas9ti @##ep, buli @##epel fesztivl k%tszers@lt, pir+t<s szelet olasz t%sztaf%le mese v)le %#" b+zik valakibe# bizalom l#"a valaki#ek fia valaki#ek elk%pzel, o#dol sor vesepecse#"e film filoz<fia filoz<fus d0#t) zr< v% re fizetett $%tv% e v% e valami#ek ablak fi#oms , kifi#omults befejez valameddi eddi vir rus vir c% je "ez mrks fix, stabil lep%#"f%le falev%l alap+t alap+tott k9t villa erd%szeti alak, forma sajt formlis, $ivatalos alkot, k%pez k%pz%s alkot, k%pez

5 5 5 A A 5 A A 5 2 5 A 5 A 5 2 5 5Pr 5 5 5 5 2 5 5 5 , 5 5 5 5 5 5 A Avv A 5Pr 5 5 5 2 PzPr Avv 5 5 5 2 A A 5 5 2 A 5 5 A 5 5 A 2 5 2

2L 6L (1* &*A 7L &*=? 1L 7L -*=? -L 1L (1* -L -L 2L -L 3L 'L 'L 'L (1L (L !L (1L 6* 'L 6L (1LA 'L 1LAP '* (1L (1L 1L 2*=H (1L 2L 1L 1L !L (L 6L 'L &L '* !L !L !L 6L 'L 6* (1L (1L (LA2 'L &L 1LAP 'L (L 1L 3L 2L

336 (337 2636 6('( (67& -6-7 6-36 4 2-16!! '-1((&3 '-1- 4 '-1-&& ('1' x 6-12 4 6166 61&1 2176 (17(2&3 2'6 &3' (!2( 3&!3 2!! (232 6(76 4 3!6! (176 (&(( 4 2 221 2(2& 4 (7' ( (7'6 '-1((72 (667 &37 6226 (''! 4 -1&& (&&( 6372 '-1'-1- 4 -66 (&-2 23-& (27& !6! 6277 4

201

for#ire: for#o: forse: forte:: forte: fortu#a: fortu#ato: forza:: foto, la: foto rafia: fra lDaltro: fra: fra#cese: fra#c$isi# : fra#cobollo: frase, la: frate, il: fratelli#o: fratello: freddo: fre;ue#tare: fresco: fretta: fri ere: fri orifero: fro#te, la: frutta: fruttive#dolo: frutto di mare: frutto di sta io#e: frutto: fumare: fungo: fu#zio#are: fuoco: fuori citt: fuori: furto: fusillo: futuro: futuro: galleria: alli#a: ambero: ara: ara e, il: ara#zia: atto: gel, il: elato: eloso: e#erale: e#eralme#te: e#ere, il: e#iale: e#io: e#itore, il: e##aio: e#te, la: e#tile: e#ui#o: eo rafico: estito 7da8:

me ad s@t) tal# #em semmi: er)s szere#cse szere#cs%s $ajr: fot< f%#"k%p t0bbek k0zt k0z0tt/ m9lva fra#cia fa#c$isi# b%l"e mo#dat szerzetesek 0ccs fi9 testv%r $ide jr vala$ova, valaki$ez friss siets% olajba# s@t $At)szekr%#" $omlok "@m0lcs z0lds% es a te# er "@m0lcse id%#" "@m0lcs "@m0lcs do$#"zik omba mAk0dik tAz vroso# k+v@l brba#, #em ott$o# lops olasz t%sztaf%le j0v)beli j0v) al%ria, k%ptr t"9k rk verse#" arzs ara#cia macska zsel% fa "lalt f%lt%ke#" ltal#os ltalba# mAfaj zslis %#iusz, zs sz@l) ja#ur emberek kedves term%szetes f0ldrajzi valaki ltal @zemeltetett

2 5 Avv , A 5 A , 5 5 AvvPr Pz A 5 5 5 5 5 5 A 2 A 5 2 5 5 5 5 5Pr 5Pr 5 2 5 2 5 AvvPr Avv 5 5 A 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 A A Avv 5 A 5 5 5 5 A A A A

-L 'L (L 7L 3L 2L (L (1L 1L (1L !L (L/ -L 1* !L 6L 1L 3L 'L 1L 3L 'L 'L 3L 'L 7L (L 'L &L 'L 'L 'L (* 'LA -L 1LAP &L 3L 3L 'L -L -L 6*A ((*=>? &L -L 6* &L 1L &*A 1L '* 6L 6L 7L 7L 7L 2L 6L 2L (L &L &L 6L

!!6 '-1(6-(! &76 ('67 (17& 4 -6& (& (&' ((64 '-1713 ---2 ---2 '-' (71' (7-2 3!6! 22!! 6372 '-1-3! (72' '-1- 4 x (&2(677 6'!! -67 (-3216 4 2&11 (1&3 3!(6 '-1(3(' 3372 (!&' !22 '-1- 4 3&(2 '-1(1'3 217! 6(1 '-1&-7 (363 (7227& -(1( 2377 4

202

$iaccio: i: iacca: iallo: iappo#ese: iardi#o: i##astica: i#occ$io: iocare: iocatore, il: >ioc$i Qlimpici: ioia: ioiello: ior#alaio: ior#ale, il: ior#aliero: ior#alista: ior#ata: ior#o: iostra: iova#e: iova#ile: iovedL, il: irare: iro: ita: iC: iubbotto: iu #o: iu# ere: giungla: iustificare: iusto: lobale: lorioso: lossario: #occo: #omo, lo: odere 7di8: ola: olf, il: olfo: o##a: over#o: graduale: rammaticale: rammo: >ra# Premio: granch: ra#de sc$ermo: ra#de: rasso: rattu ia: rattu iare: rattu iato: ratuitame#te: ratuito: rave: razie 7a8: razie: reco: ri io: rosso:

j% mr bl%zer sr a/ krimi jap# kert tor#a t%rd jtszik jt%kos olimpiai jt%kok 0r0m %kszerek 9js rus 9js #api 9js +r< #ap #ap lova i tor#a fiatal fiatalos cs@t0rt0k fordul/ for at k0r kir#duls le dzseki, kabt j9#ius el%r, me %rkezik dzsu# el ma "arz $el"es, i az loblis dics) sz<szedet bur o#"s aluska t0rpe %lvez valamit torok kardi # 0b0l szok#"a korm#" fokozatos #"elvta#i ramm #a "d+j valami #a " dolo mozivszo# #a " zs+ros reszel) reszel reszelt i# "e# i# "e#es komol" valami#ek k0sz0#$et) k0sz0#0m 0r0 sz@rke #a "

5 Avv 5 A A 5 5 5 2 5 5Pr 5 5 5 5 A 5 5 5 5 5 A 5 2 5 5 Avv 5 5 2 5 2 A A A 5 5 5 2 5 5 5 5 5 A A 5 5Pr Avv 5Pr A A 5 2 A Avv A A PzPr , 5 A A

3L (L !L 1L/ 7L 6* (* -*=H &L 2L (* 3L &L !L 6L 1L 3L 2L 1* (L -L 1L !L 2L 2L/ 7L -L 2L '* !L 6L 3L ((*A 'L 1L 1L 7L 2L 'L 1LAP 3L 1* !L 6* 1L (1L -LA 1LAP 'L (1L 7L 7L (L &L 'L 'L 'L (1L 6L 2L 'L (L 1LAP 'L &L

(!!2 &2&'1 2616 23&2 2''' -(1( 67-! --7 (-12 x ((!3 3726 '-1- 4 6(3 3!!& (71( 3-6 (11 &21 6117 4 7(''3&! 212& 673 7!( (-&1 4 2!73 233 3(6( 4 -!(3 4 '-1- 4 4 3!!& -''! 6766 4 (13' '-1-!! 4 '-1- 4 (!'( ( 6-36 4 x (2-762 4 '-14 3!(6 4 -'31 4 &-(7 (61 2'!& ('-7 2&3

203

ruppo: uada #are: ua#to: uardare: uerra: uidare: usto: ustoso: idea: ideale: idolo: idratante: ieri: i #oto: illumi#ato: illustrazio#e: imbucare: imma i#are: imma i#e, l 7f.8: imparare: impazie#te: impe #ato: impe #o: impe#sabile: imperativo: imperatore: imperfetto: impero: imperso#ale: impie ato: importa#te: importa#za: importare: importato: impossibile: improvviso: i# altri termi#i: i# assoluto: i# base 7a8: i# co#ta#te: i# co#ti#uazio#e: i# corso: i# diretta: i# fo#do: i# fretta: i# amba: i# e#ere: i# media: i# o #i caso: i# particolare: i# piedi: i# pratica: i# pu#to: in ualche modo: i# tutto: i#: i#carico: i#casso: i#ce#dio: i#certezza: i#cide#te, l 7m.8: i#cludere:

csoport p%#zt keres keszt"A #%z $bor9 vezet 7jrmAvet8 +zl%s +zletes o#dolat, 0tlet idelis blv#" $idratl< te #ap ismeretle# kivil +tott illusztrci< bedob 7levelet postaldba8 elk%pzel k%p me ta#ul t@relmetle# elfo lalt elfo lalts elk%pzel$etetle# felsz<l+t< m<d csszr imperfetto 7i eid)8 birodalom szem%l"tele# alkalmazott fo#tos fo#toss szm+t, fo#tos importlt le$etetle# $irtele# ms sz<val abszol9t, e "%rtelmAe# valami alapj# k%szp%#zbe# fol"to# fol"amatba# l%v) e "e#es adsba# $tul "orsa#, sietve beleval<, @ "es ltalba# tla osa# mi#de# esetbe# k@l0#0se# llva "akorlatba# po#tosa# vala$o "a# 0sszese# .ba, .be/ .ba#, .be#/ .ra, .re/ .o#, .e#, .0#/ alatt 7id)8 me b+zs bev%tel tAzeset bizo#"tala#s baleset ma ba fo lal

5 2 5 2 5 2 5 A 5 A 5 A Avv A A 5 2 2 5 2 A A 5 A 5 5 5 5 A 5 A 5 2 A A A EPr AvvPr PzPr AvvPr AvvPr A Pr AvvPr AvvPr AvvPr A Pr AvvPr AvvPr AvvPr AvvPr AvvPr AvvPr AvvPr AvvPr AvvPr Pz 5 5 5 5 5 2

6LA2 &*=H 6L (L -L '* 1L &L 1* 2L ((L &*A 3L 7L -L 3L 6L (L 1L (* 7L !L 2L 3L (1L 7L 7L !L &L -L (L ((L &L 3L 2LA 6L 6L &L 'L !L 7L 7L (1L !L 3L (1L 2L (1L 'L 6L 3L 3L 3L &LA 3L 1L 1LAP 7L 6L 6L 7* -L

277 (2-6 !1 2!3 26(1 62-6 4 2'! (!6( 4 2&2 '-1'-1'-1'-1- 4 '6& -37 (1327'! 71& 4 4 3'-2 4 (&'1 4 4 23&6 (-& 717 !63 (1(1 237-

(-

( x x

! 2!6( 6(766-1 2(7! 23(1

20'

i#co#trare: i#co#tro: i#credibile: incrocio: i#da i#e, l 7f.8: indeciso: i#determi#ativo: i#dicare i#dicativo: i#dicazio#e: i#dietro: i#dime#ticabile: i#diretto: i#dirizzo: i#dividuare: i#dossare: i#fa#zia: i#fatti: i#felice: i#fi#e: i#fi#ito: i#flue#za: i#flue#zato: i#formale: i#formare: i#formarsi: i#formato: i#formazio#e, l (f): i# e #ere: i# lese: i# redie#te, l 7m.8: i# resso: i#iziale: i#izialme#te: i#iziare: i#izio: i##amorare: i##amorarsi 7di8: i#oltre: insalata: i#se #a: i#se #a#te: i#se #are: i#serire: i#serto: i#sieme 7a8: i#sieme: i#sistere: i#somma: i#ta#to: i#telli e#te: i#te#so: ,#tercit", l (m.): i#teressa#te: i#teressare 7a8: i#teressato: i#teresse, l 7m.8: i#ter#azio#ale: i#ter#et poi#t: i#ter#o: ,#ter#o: i#tero:

tallkozik tallkozs $i$etetle# keresztez)d%s kutats, felm%r%s bizo#"tala# $atrozatla# mutat kijele#t) m<d jelz%s $tra, vissza felejt$etetle# r%szes lakc+m me k@l0#b0ztet visel, $ord "ermekkor val<ba# boldo tala# v% @l f)#%vi i e#%v $ats, befol"s befol"solt i#formlis, laza, barti tj%koztat tj%koz<dik j<l %rtes@lt i#formci< m%r#0k a# ol $ozzval< bejrat kezdeti kezdetbe# elkezd kezdet szerelmet kelt beleszeret valakibe tovbb salta felirat ta#r ta#+t beilleszt mell%klet valakivel e "@tt e "@tt ra aszkodik valami$ez v% eredm%#"be# k0zbe# %rtelmes moz almas i#tercit" %rdekes %rdekel valakit %rdekelt %rdekl)d%s/ %rdek #emzetk0zi i#ter#et kv%z< bels) bel@ " e %sz, teljes

2 5 A 5 5 A A 2 5 5 Avv A A 5 2 2 5 E A Avv A 5 A A 2 2 A 5 5 A 5 5 A Avv 2 5 2 2 Avv 5 5 5 2 2 5 PzPr Avv 2 E Avv A A 5 A 2 A 5 A 5Pr A 5 A

2*=? (L 3L (1LA ((L 'LA (L 1LAP (L &L 7* 7L (1L '* &L !L 6L 3L !* 2L 2L ((L ((L (L &L !LA2 6L (L 6L 1L 'L ((*=>? -L ((LA2> 2*=H (L 7L !L 2L 'L 3L (L (1L (L (1L 3L 2L 3LAP 3L -* (L 3L -L (L (1L 6L 7*/ &*=H 7L 6L -L 6L 3L

-33 --76( '-1(727 '-14 '6( 4 &&' 4 !1' '-13('&6! !23 -11& 6&(1 (66 '-122(' 2&36 623'-1- 4 -!(3 4 &'7 &'7 3&2 (&26 (!2' 6621 4 (!6& (&!3 2('' 337 3(1 -(1( -(1( (!(1 26!3 &!6 '22 771 '-1- 4 x 2-( (2(' 7( 6&' (3&-62& 4 7(' 63( (&!! 36((72 72! 313 (612

205

i#terpretare: i#terpretazio#e: i#terprete, l (m./ f.): i#terre io#ale: i#terrompere: i#terrotto: i#terurba#o: i#tervallo: i#terve#to: i#tervista: i#tervistare: i#timo: i#tor#o 7a8: i#tra#sitivo: i#trodurre: i#troduttivo: i#utile: i#vece 7di8: i#vece: i#ve#tare: i#ve#zio#e: i#ver#ale: i#ver#o: i#vestire: i#viare: i#vitare: i#vito: i#volti#o: io: ipermercato: ipotesi, l 7f.8: ipotetico: irla#dese: iro#ico: irre olare: irre olarit: irri#u#ciabile: iscriversi: isola, l: istruzio#e: italia#o: italia#o: italo!americano: jea#s, i: lDaltro ieri: l: ladro: la o: lame#tarsi: lampada: la#a: la#cetta: lasagna: lasciare: lasciarsi: lato: latte, il: latti#a: lattu a: laurea: laurearsi: laureato: lava#deria:

alak+t alak+ts, sz+#%szi jt%k el)ad< tartom#"ok k0zti me szak+t me szak+tott tvols i $+vs sz@#et beavatkozs, k0zbel%p%s i#terj9 i#terj9t k%sz+t le k0zelebbi valami k0r@l tr "atla# bevezet bevezet) felesle es, $ibaval< valami $el"ett viszo#t feltall tallm#" t%li t%l el@t, el zol elk@ld me $+v me $+vs 0# "0lt $9s %# $ipermarket $ipot%zis, felt%telez%s felt%teles +r iro#ikus re#d$a "< szabl"tala#s amir)l #em le$et lemo#dami beiratkozik szi et utas+ts olasz olasz olasz.amerikai farmer te #apel)tt ott tolvaj t< pa#aszkod#i lmpa "apj9 <ramutat< lasa #e $a "#i el$a " e "mst oldal tej alum+#ium italdoboz salta diploma diplomt szerez diploms mosoda

2 5 5 A 2 A A 5 5 5 2 A PzPr A 2 A A PzPr Avv 2 5 A 5 2 2 2 5 5 P 5 5 A A A A 5 A 2 5 5 A 5 A 5 AvvPr Avv 5 5 2 5 5 5 5 2 2 5 5 5 5 5 2 A 5

7L 7L 7L -L (1L 7L 6L (1L 6L 2L 2L 2L 6L 3L 'L 1L !L 3L 2L 3L 'L 3L 6L 7LA2 (1L 2L 2L 'L 1L &L 1LAP -L (* 7L 1L ((L 3L !* 1LA 'L 1L (L ((*A 7L 3L !L 7L 2L (1L 6L !L 2L 'LA 2L !L (1L 1LA 3L &L -L !* 3L '*

(2-1 6733 -6-7 '-1- 4 (6-3 '-1'-1- 4 '2(1 36& ('6' 6331 4 62(' x 4 (6'1 3322 4 &22 !! &36 6-(3 3(!& 2&66 21'(766 7-1 211! 4 (( 4 &31 ---2 4 -!(3 '-14 4 (--! 617& 6273 62366 4 3123 4 ('& 231( 3(23 (3&3 3&'& 2''& 4 ('1 ('1 7-2 26-( '-1'-1(-26 -762 -(77 '-1-

206

lavarsi: lavatrice, la: lavorare: lavorato: lavorazio#e: lavoro pubblico: lavoro: le ato: le e#da: le e#dario: le ere: le ero: le io#ario: lei: lente, la: le#to: lettera: letteratura: Lettere, le: letto: lettore, il: lezio#e: lL: liberarsi: libero: libert: libreria: libro: liceo: limite, il: li#ea: li# ua: linguaggio: li# ui#e: li;uore, il: lirico: lista: listi#o: liti are: litro: livello: locale, il: locale: localit: localizzare: loca#di#a: lo ico: lo#di#ese: lo#ta#o 7da8: lo#ta#o: loro: lotto: luce: luglio: lui: lumi#oso: lu#edL, il: lu# o: luo o: lupo: lusso: lussuoso: ma dai::

me mosakszik mos< %p dol ozik me mu#klt feldol ozs llami beru$zs mu#ka 0sszetart< le e#da le e#ds olvas k0##"A l% io#rius ) 7#)#em8/ R# le#cse lass9 lev%l irodalom b0lcs%szkar " olvas< ta#<ra ott me szabadul szabad szabads k0#"vespolc k0#"v im#zium korlt vo#al #"elv #"elvezet olasz t%sztaf%le lik)r opera. lista rlista veszekszik liter szi#t $el"is% $el"i $el"s% el$el"ez, le+rja a $el"zet%t plakt lo ikus lo#do#i tvol valamit)l tvol )k lott< f%#" j9lius ) 7$+m#em8 vil os $%tf) $ossz9 $el" farkasok luxus luxus #a me#j mr:

2 5 2 A 5 5Pr 5 A 5 A 2 A 5 P 5 A 5 5 5 5 5 5 Avv 2 A 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 A 5 5 2 5 5 5 A 5 2 5 A A Avv A P 5 5 5 P A 5 A 5 5 5 A ,pr

3L &*A 1L !L &L 6L (L 'L 'L 3L 1L 1LA (1L 1L/ (LA !*A 'L 1L ((*=>? (L 2L (1* (* 3L !* 2L 3* 1L 1L '* !L 2L 1L (1*A 'L 3L &L 3L 3L 3* 7L -L 3L -L 6LA2 3LA2 ((L (1L !* -L (*=? 1L -L 1L 7L 1L 2L 1L (L 2L 'LA !L (L 2L

&'2 2&13 (73 -16' ((& 2--& '-1- 4 4 (&6 (3-! 4 '-122& 6-7 (1(2 2-!3 7'2(3''6 ((1 ('-( 6!7 &2( '-12'3 (63! ''3 6-' 37& '33

'-1- 4 (67' 2-!7 2&12 -2-6 3(6 213!-1 6-76 31&( 4 4 !((7(( (1&7 2-2 '-1!61 (-11

-&6 6&'2' 6!6! -(-& 4

20+

ma: macc$%:: macc$i#a: macc$i#etta: macellaio: madre, la: maestro: ma ari: ma io: ma iore: ma ico: ma lia: ma lietta: mai: male, il: male: mal rado: mamma: ma#a er: ma#ca#za: ma#care: ma#dare a ;uel paese: ma#dare: ma# iare: ma#ica: ma#iera: ma##a ia:: mano, la: ma#te#ere: mappa: marca: marc$io: marciapiede, il: mare, il: mar $erita: mari#ara: marito: marmellata: marocc$i#o: marro#e: martedL, il: marzo: masc$era: masc$erarsi: masc$ile: masc$io: mass media, i: massimo: matematica: matrimo#io: matti#a: matto: maturazio#e: maturo: mazzo: mecca#ico: Pedici#a: medici#ale, il: medico: medio: Pedioevo: mediterra#eo: me lio:

de u "a# mr: aut<, bere#dez%s bere#dez%s $e#tes a#"a mesterek esetle mjus #a "obb varzs., varzslatos pul<ver p<l< so$a fjdalom rosszul valami elle#%re mama me#edzser $i#" $i#"zik elk@ld mele ebb % $ajlatra k@ld eszik ru$aujj m<dszer a fra#cba k%z eltart, me tart t%rk%p mrka mrka jrda te# er mar ar%ta pizza te# er%sz m<dra f%rj lekvr marokk<i bar#a kedd mrcius maszk larcot 0lt, be0lt0zik $+m#em vrtoro#" t0me kommu#ikci<s eszk0z0k le #a "obb matematika $zass , esk@v) re el bolo#d %rlel%s %rett csokor aut<szerel) orvostudom#" "< "szer orvos k0zepes k0z%pkor mediterr# le jobb

E , 5 5 5 5 5 Avv 5 A A 5 5 Avv 5 Avv Pz 5 5 5 2 2Pr 2 2 5 5 , 5 2 5 5 5 5 5 5 5 5 5 A A 5 5 5 2 A 5 5Pr A 5 5 5 5 5 A 5 5 5 5 5 A 5 A 5

1L 3L 1L 2L &LA2 2L 'L 1LA 6L !L (1L !L 7L (* 3L 1* (1L 1L 7L 'L (L ((L 6L (L !L &L 7L 1LA 2LAP -L &L &L 3L 2L 1L 'L 'L &L 1L !L 2L 6L 1L -L 1L 6*A (1L 'L 3* '* (L ((L &L &L &L 6L (L &L 1LAP 3L 'L 7L 1LA

26 6'1613 '-13&' 377( 631 &!''! 6-33737 6&&7 4 (63 '&! 6(2 '-12&6 '-1- 4 ((76-6 2(2 21' '(33 6-1 (-32 4 261 '64 (!13'!- 4 -21'&' '-14 &2'622 '-1'-1(13( (2(1 -''! 4 37!2 6-61 ( 2'31 (!((373 367 2&6( '-1'2(1 3-(& 23!( '-1- 4 (&'3 &733-- 4 -!(3 63('

208

meglio: mela: melodico: membro: me#o male: me#o: me#sa: mensile, il: me#te, la: me#tre: me#C: meravi lioso: mercato: mercoledL, il: mere#da: mescolare: mese, il: messa io: mestolo: met: metallo: meteo: metodo: metro: metrK: metropolita#a: mettere: mettersi 7a8: mettersi dDaccordo: mettersi i# testa: mettersi i#sieme: mezza#otte: mezzo: mezzo: mezzo ior#o: mica: microfo#o: miele, il: mi lialio: miglioramento: mi liorare: mi liore: mila#ese: mi#erale: mi#i: mi#istero: mi#istro: mi#uto: mio: miopia: miracolo: mistero: misto: mite: mitte#te, il: mobile, il: mobile: moda: modale: modalit: modella: modello: moderato:

jobba# alma dallamos csaldta m% j< kev%sb% me#za $avilap elme, %sz m+ , mialatt, mik0zbe# me#@ csodlatos piac szerda uzso##a kever $<#ap @ze#et mer)ka#l fele valami#ek f%m id)jrsjele#t%s m<dszer m%ter metr< metr< tesz, rak felvesz ru$t/ elkezd me e "ezik a fej%be vesz valamit 0sszej0# %jf%l f%l eszk0z d%l e "ltal#, m mikrofo# m%z kb. ezer javuls javul le jobb mil#<i sv#"i, sv#". mi#i, r0vid mi#iszt%rium mi#iszter perc e#"%m r0vidlts csoda rejt%l" ve "es e#"$e felad< b9tor mobil divat m<dbeli m<d modell, ma#0ke# p%lda k0zepes

Avv 5 A 5 ,pr Avv 5 5 5 E 5 A 5 5 5 2 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 2 2 2Pr 2Pr 2Pr 5 A 5 5 Avv 5 5 Mu 5 2 A A A A 5 5 5 A 5 5 5 A A 5 5 A 5 A 5 5 5 A

&L 'L ((L 'L &L 2L 3L (1*A ((L 2L 3L ((L &L 2L 'L 'L 2L -* 'L '*=? !*A -LA &L (1L (L 2L 1L 7LA/ !L !* ((*=>? !L 2L 1L (L 2L &L ((L 'L (1L -LA -* (L 3L 3L 1L 6L (1* (L (L !*A (1LA2 !* 'L &L 6L 6L 3* 1L 1L 2L (* 1* -L

(&7 6!-& 4 6'-2 ( (62 37(( 4 &'6 623 '-1- 4 (3!' -2' (((1 6'32 '-1(!6 7!1 !&7 -11& 4 (1(7(6 4 3&1! '& '& x

(76! 3-( 262 (-1& 32(2(2 2'(- 4 2!!3 4 (23& -'& 627( 3--'-1- 4 (12(!7! 31!& 4 3''1 6(27 (1(' '-12'71 6323 2323 4 63-1 4 3(( '-1-

209

moder#o: modo: mo lie, la: molto: molto: mome#to: mo#aco: mo#diale: mo#do: mo#ta #a: montatura: monumento: morbido: morire: mortadella: mosso: mostra: mostrare: mostro: motivare: motivo: moto, la: motori#o: movime#to: mozzarella: mucca: muli#o: multicolore: muovere: muoversi: museo: musica: musicale: musicista: #apoleta#o: #ascere: #ascita: #asco#dere: #ascosto: #aso: Matale, il: #atura: naturale: #aturalme#te: #ave, la: #azio#ale, la: #azio#ale: #azio#e: #azista, il: #e: #%: nebbia: #ecessario: #ecessit: #e ativo: #e ozia#te: #e ozio: #emico: nemmeno: #eorealismo: neppure: #ero: #ervoso:

moder# m<d feles% sok #a "o# pilla#at szerzetes vil . vil $e " szem@ve keret mAeml%k, ltv#"oss pu$a me $al mortadella felv ott $ullmos kill+ts me mutat sz0r#" i#dokol ok motor robo < moz s mozzarella sajt te$%# malom soksz+#A moz at mozo m9zeum ze#e ze#ei ze#%sz #pol"i sz@letik sz@let%s elb9jtat, elrejt rejtett orr karcso#" term%szet term%szetes term%szetese# $aj< vlo atott #emzeti #emzet #ci arr<l, abb<l sem k0d sz@ks% es sz@ks% ta ad< elad< @zlet elle#s% sem #eorealizmus sem fekete ide es

A 5 5 A Avv 5 5 A 5 5 5 5 A 2 5 A 5 2 5 2 5 5 5 5 5 5 5 A 2 2 5 5 A 5 A 2 5 2 A 5 5 5 A Avv 5 5 A 5 5 P E 5 A 5 A 5 5 5 Avv 5 Avv A A

1L 3L 6* 1L (L 2L 3L -L 6L 2L !*A 6*A !L 2LAP &L -L 2L ((*=H 7L 7L (L 1LAP 2L 3L 3L &L &L !L 3LAP !* 1LA 1L 'L ((L (* 3L 6L 3LAP (LA2 (L -L 2L 'LA -L -L 2L -L (1L 7L 2L 7* -LA 2* -L (1L &L 2L 7L -LA 7L 7LA (L 7L

(33! (27 -(( 217 76 '-1-2-6 6(! (6'7 4 3-&6 '-1621 '-1- 4 22'(!-2 31&( 3!'1 3'226' 3&67 -62 '-1- 4 27'7

'3'3266'-2 2''! (2-' 3(' ((!1 (316 2'13 2'3& (6!' !71 !7' 63' 2632 6''( -6(&33 4 '! 317 772 &!& !!& 3(!( ((71 326( 2!34 3112 '16 26&3

210

#essu#o: #essu#o: #eve, la: #evicare: #ie#te: #ipote, il/la: #ipoti#o: #o: #obilissimo: #oi: #ome, il: #o#: #o##a: #o##o: #o#osta#te: Mord, il: #ormale: #ota: #otare: #otizia: #otiziario: #oto: #otte, la: #ovembre, il: #ovit: #umerato: #umero cardi#ale: #umero ordi#ale: #umero: #umerosissimo: #uoto: #uovame#te: #uovo: #utritivo: #utrizio#ale: nuvola: nuvolosit": #uvoloso: o: obbli o: occasio#e: occ$iale, l (m.): occ$iali da sole: occ$iali da vista: occ$iata: occ$ietto: occ$io: occuparsi 7di8: occupato: ocea#o: offe#dere: offe#dersi: offerta: offerto: offeso: offrire: o etto: o i: o #i: o #u#o: olio: oliva: oltre 7a8:

semmil"e# semmi, se#ki, e " se $< $avazik semmi u#oka, u#oka0ccs, u#oka$9 kisu#oka #em #emes mi #%v #em #a "mama #a "papa valami elle#%re %szak #ormlis me je "z%s/ $a# je " %szrevesz $+r $+rmAsor ismert %jszaka #ovember 9jso#s szmozott t)szm sorszm szm szmos 9szs 9jb<l 9j tpll< tpllkozsi fel$) fel$)ss% fel$)s va " k0telezetts% alkalom szem@ve #apszem@ve lt<szem@ve pilla#ts szemecske szem fo lalkozik valamivel me szllt <ce# me s%rt me s%rt)dik akci<, aj#lat k+#lt s%rtett k+#l tr " ma mi#de#, mi#de "ik mi#de#ki olaj ol+vabo "< valami# t9l

A P 5 2 P 5 5 Avv A P 5 Avv 5 5 E 5 A 5 2 5 5 A 5 5 5 A 5Pr 5Pr 5 A 5 Avv A A A 5 5 A E 5 5 5 5Pr 5Pr 5 5 5 2 A 5 2 2 5 A A 2 5 Avv A P 5 5 PzPr

(* 6L -L 3L 6L 'L 'L 1L &L 1L 1L (L 1L 'L 7*=? 6* 7* 1L/ 1L 1L (L (1L -L 1L 6L 6* 1L 2L 2L 1L ((L ((L -L 1L 'L &L -LA -LA -L 1L 1LAP 'L '* 7* (L ((L &*=? (L !L 7L 7L 3LAP !* -L -L ((L (L 1L (L 1L 3L 'L 'L -L

6'! 26& 266! 3--23& 2(1& 23'6! 2! 2(7 & 2131 21-& 237! '72 -72 (323 72( -&1 4 26-1 '2& 22&3 (1''-1-

(3' 2((6 '-167&6 (7( 4 4 4 -6 ('23 &!! 3&-! 4 x x 2361 373 32! 2!36 '-122&2 22&2 (2-( '-1'-173(('2 (26 ('2 '17 227! 6((7 x

211

ombelico: ombrello: o#esto: opera: opportu#it: opportu#o: opposizio#e: oppure: ora: ora: orale: oralme#te: orario: ordi#are: ordi#azio#e: ordi#e, l 7m.8: orecc$i#o: oretta: or a#izzare: or a#izzazio#e: or a#o: or o lioso: ori i#ale: ori i#e, l 7f.8: orizzo#tale: ormai: oro: orolo io: ortopedico: ospedale, l 7m.8: ospitale: ospitare: ospite, l (m. / f.): osservare: osteria: otte#ere: ottimista: ottimo: ottobre, l 7m.8: ovvero: ovviame#te: pacc$etto: pacco: padre, il: paese, il: pa ame#to: pagare: pa i#a: paio: palazzo: palcosce#ico: palestra: palio: pa#cetta: pa#cia: pa#doro: pa#e, il: pa#etteria: pa#etto#e, il: pa#i#o: pa#i#oteca: pa##a: pa##acotta:

k0ld0k eser#") )szi#te, tisztess% es opera/ alkots le$et)s% , alkalom me felel) elle#t%t, szembell+ts va " most <ra sz<beli sz<ba# #"itva tarts, id)beoszts re#del re#del%s sorre#d, re#d f@lbeval< szAk <ra szervez, re#dez szervezet kiadv#" b@szke eredeti eredet v+zszi#tes immr ara#" <ra ortop%d szakorvos k<r$z ve#d% szeret) ve#d% @l lt ve#d% me fi "el pub, ve#d% l) el%r optimista kitA#) okt<ber va "is #"ilv#val<a# csoma csoma apa orsz fizet%s fizet oldal pr %p@let sz+#pad edz)terem l<verse#" 5ie#ba# szalo##a $as vero#ai ku l<f ke#"%r p%ks% pa#etto#e, karcso#"i ku l<f sze#dvics sze#dvicsbr tejsz+#, tejsz+#$ab tejsz+#pudi#

5 5 A 5 5 A 5 E Avv 5 A Avv 5 2 5 5 5 5 2 5 5 A A 5 A Avv 5 5 5 5 A 2 5 2 5 2 5 A 5 E Avv 5 5 5 5 5 2 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5

((L -LA2 ((*=>? 1L/ 7L (1L 7* 6L (L (L (L 3L (L (L 3L 'L 1L &L 6* 2L !L (1L ((L 7L 1L 2LA2 '* &L (* ((L 2L 3L 3L 7L 1L 'L 'L !L 2L 2L (1L 2L 1L 6L 3* 2L 3L 1LA 1L &L (L ((L (L -L 'L 'L -L 'L &L -L 1L 'L 3L 3L

66-3 6716 &(1 (362 (672171 (!7 (2& (77 2-7' 3(72 73' 626'(33 676&3( (77 3'' 3'1 (73-3(! 6-1' (3-6 6'76 236 (-3( 23(2 -21!!' '-12(2' 6((6 ('-1 '-1727 31-3 (1(7 (&7( 27!( 6!3 3!'1 ('36 '(' 6-& (1&1 22& 363 72' !11 6(!' '-1'-12(76

4 4

4 4

4 (77& 4 2-(1 4 '(33 4

212

pa#orama, il: pa#talo#e, il: pap, il: parabolico: paradiso: parc$e iare: parc$e io: parco: parecc$io: parecc$io: pare#te, il/la: pare#tela: pare#tesi, la: parere, il: parete, la: pari 7a8: parlare: parlato: parmi ia#o: parodia: parola: parrucc$iere, il: parte, la: partecipare 7a8: parte#za: participio passato: particolare: particolarit: particolarme#te: partire 7per8: partita: partitivo: partito: Pas;ua: passa#te: passaporto: passare: passatempo: passato prossimo: passato: passe ero: passe iare: passe iata: passio#e: passo: pasta: pasticceria: pasto: patata: pate#te, la: patria: patrimo#io: paura: pausa: pazie#za: peccato: pecori#o: pe io: pelle, la: pelliccia: pendente: penisola: penna:

pa#orma, kilts #adr papa parabola paradicsom parkol parkol< park j<csk# szmos, sok roko# roko#s zr<jel vlem%#" fal valami#ek me felel) besz%l besz%lt parmez# sajt par<dia sz< fodrsz r%sz r%szt vesz valamibe# i#duls befejezett mell%k#%vi i e#%v k@l0#le es, elt%r) k@l0#le ess% , elt%r%s k@l0#0se# i#dul, elutazik meccs, m%rk)z%s r%szel) prtok $9sv%t jr<kel) 9tlevelek elt0lt 7id)t8 szabadid)s tev%ke#"s% ek k0zelm9lt m9lt utas s%tl s%ta sze#ved%l" l%p%s t%szta cukrszda %tkez%s bur o#"a jo os+tv#" $aza va "o#, 0r0ks% f%lelem sz@#et t@relem kr ju$sajt rosszabb b)r sz)rme ferde f%lszi et toll/ t%sztaf%le

5 5 5 A 5 2 5 5 Avv A 5 5 5 5 5 PzPr 2 A 5 5 5 5 5 2 5 5Pr A 5 Avv 2 5 A 5 5 5 5 2 5 5Pr 5 5 2 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 , 5 Avv 5 5 A 5 5

1LAP !L 'L (1L 7L 6*=? 2L -*=H !L 'L -L 'L !L 'LA 6L 3L (L 3L 'L 7L 1L (1* (L (1L -L 3L 1L 2L -L (L (L 6L (1L -L ((L '* 2L (1L 3L 3L 2L 3L 3*=? 3L ((LA2 'LA &L 3L &L '* (1L &L -* 'L !L 7L &L ((L !L !L 6*A -LA 1LA/ 'L

32&& 32'! 4 (2'2 4 '-1-216-!1 ('71 6-1& (1!1 (7'& '-1(1-1 ((-1 2-(3 '2 '-1'-1- 4 '-1- 4 26' '-1&( ''2 (&(3 x 6(--(' 4 (23' 2(' (1'& 4 &12 (-&& 2&!1 (-( '-1(37! '-1'-16-327&3 76(-'1 '-121&3 (!!( 3372 '-16'!-3' 6(31 !1! (2'& '-1- 4 ('(21'! (!6 '-1- 4 2(6(

213

pe#sare: pe#siero: pe#tola a pressio#e: pe#tola: pe#ultimo: pepe, il: per caso: per esempio: per favore: per fortu#a: per forza: per #ie#te: per piacere: perce#tuale, la: perc$%: perciK: perdere: perdersi: perdo#are: perfetto: pericolo: pericoloso: periferia: perifrasi, la: periodo ipotetico: periodo: permesso: permettere: permettersi: perK perK:: perso#a: perso#a io: perso#ale, il: perso#ale: pesa#te: pescare: pesce, il: pescive#dolo: pessimista, ilBla: pesto: petti#arsi: pezzo: piacere, il: piacere: piacevole: pia# pia#o: pia# ere: pia#ista: pia#o: pia#o: pia#oforte, il: pia#ta: pia#ura: piatto: piazza: picca#te: piccolo: pic#ic, il: piede, il: pie#o 7di8: pillola: pioggia:

o#dol o#dolatok kuktafaz%k faz%k utols< el)tti bors v%letle#@l p%ldul k%rem, le "e# sz+ves szere#cs%re m% j< e "ltal# #em k%rem szzal%kos ar#" mi%rt ez%rt elvesz+t elt%ved me bocst t@k%letes vesz%l" vesz%l"es k@lvros k0r@l+rs felt%teles mo#dat id)szak e# ed%l" me e# ed me e# edma #ak de, azo#ba# #em mo#dom, ez i e#: szem%l" szem%l"is% szem%l"zet szem%l"es #e$%z $or szik $al $albolt pesszimista bazsalikomos sz<sz f%s@lk0dik darab 0r0m tetszik kellemes, barts os apr#k%#t s+r zo# orista lassa# emelet zo# ora #0v%#" s+ks , alf0ld t#"%r/ fo s t%r cs+p)s kicsik pik#ik lb tele tabletta, pirula es)

2 5 5Pr 5 A 5 AvvPr AvvPr AvvPr AvvPr AvvPr AvvPr AvvPr 5 E E 2 2 2 A 5 A 5 5 5Pr 5 5 2 2 E , 5 5 5 A A 2 5 5 5 5 2 5 5 2 A AvvPr 2 5 Avv 5 5 5 5 5 5 A A 5 5 A 5 5

2L !* 'L 'L 1LAP 'L 3*=? (L 2L 2L &L '* ((L 6L (L 6L 3L !* ((* 6L 6L ((*=H 2L 1LAP -L -L 'L (L !L 6L -L (L 7L -L (L (L 2L 1L &L 1LAP 'L !* 1L 1L (* 3L !L 3L 7L 2L 2L ((L 6L &L -*/ 'L 6LA2 'L 1L -* &*=? 3L &L 1LA

7' ((2& x -''! '-1- 4 '-1( 3! 6 ( 6 ('72 4 2( (16( 2-2-6126 &63 (7(! 222' 6-!6 4 626 ('!6 -'6 -'6 -2 ((6 &'( (&!2 7&& (663 67&1 (!3! 4 31-3 4 '-13-2 -(6 2'2-6' (( (6'3 4 763 63& -3(! (2&( -!(3 (2(6 -(& -&'7 (&! '-1- 4 '67 !12 2261

21'

piovere: pirateria: pisci#a: pittore: piC c$e altro: piC o me#o: piC: piC: piuttosto: pizza: pizzaiolo: pizzeria: plurale, il: p#eumatico, lo: poc$i#o: poc$issimo: poco: poco: poesia: poeta, il: poi: poic$%: polemica: politico: polizia: poliziotto: pollice, il: pollo: poltro#a: pomeri io: pomodoro: po#te, il: popolare: popolo: porre: porta: portace#ere, il: portare: portata: porti#eria: positivo: posizio#e: possessivo: possesso: possibile: possibilit": posta elettro#ica: posta: posti#o: post.laurea: posto di lavoro: posto: pote#te: potere: povero: pra#zare: pra#zo: pratica: praticame#te: precede#te: precisare: preciso: preferibile:

esik kal<zkods mede#ce, uszoda fest) le i#kbb k0r@lbel@l, t0bb%.kev%sb% t0bb% t0bb, t0bb% i#kbb, me le$et)se# pizza pizzas@t) pizz%ria t0bbes szm umiabro#cs kev%ske #a "o# kev%s kev%ss% kev%s k0ltem%#" k0lt) azt# mivel vita politikai re#d)rs% re#d)r $@vel"k 7m%rt%ke "s% 8 csirke fotel d%lut# paradicsom $+d #%pi #%p $el"ez, tesz ajt< $amutart< $oz/ visel %tel, fo s portsf@lke pozit+v $el" birtokos birtokls le$ets% es le$et)s% elektro#ikus posta posta posts dimploma ut#i, poszt radulis mu#ka$el" $el" $atalmas, er)s k%pes, tud, .$at, .$et sze %#" eb%del eb%d "akorlat "akorlatila el)z) po#tos+t po#tos jobb, aj#lott

2 5 5 5 EPr AvvPr A Avv Avv 5 5 5 5 5 Avv A Avv P 5 5 Avv E 5 A 5 5 5 5 5 5 5 5 A 5 2 5 5 2 5 5 A 5 A 5 A 5 5Pr 5 5 A 5Pr 5 A 2 A 2 5 5 Avv A 2 A A

-L ((*=? !* '* 3L 3L (L 1L -L 1L 'L 'L 1L 1LAP (1* 3L (* 2L ((L 7L (L ((L !L &L 6L (1* (1L -L 6L (L 3L 2LA2 -L 'L 2LAP 1* &L (L/ &L 'L ((*=>? (1L 3L 6L 'LA2 (L -L 6L 6L 7L ((L 3L 3L !L 1L 'L 6L 2L 3L 7L 1* &L 3L &L

2!1( 4 6'66 6((2 (6 (('( 36 '2( (7!( '-1- 4 632' '-1'1 3-7 '1 (7&3 (37( 6(!6 67 (!'1 (2(& 2&1 (7(7 '-1'-163'1 2!66 3!( 6176 2162 (226 &(( 3(2 -13 (12 2(&3 '-17(3 --6 '-1- 4 2&6& 362' 637 666& 4 x 2'1 -(-& 6( -!( 4 (-(' -!' 22( 7-3 2'!'6! '2(1 4

215

preferire: preferito: prefisso: pre o: premere: premiare: premio: pre#dere il sole: pre#dere i# iro: pre#dere parte 7a8: pre#dere: pre#otare: pre#otazio#e: preoccuparsi: preparare: prepararsi: preparazio#e: preposizio#e articolata: preposizio#e: prese#tare: prese#tarsi: prese#tatrice: prese#te, il: prese#te: presepe, il: preside#te, il: pressio#e: presso: prestare: presti ioso: prestito: presto: prevedere: previsio#e: previsto: preziosissimo: prezzo fisso: prezzo: prima 7di8: prima: primato: primavera: primo: primo: pri#cipale: privato: pro: probabilme#te: problema, il: procedura: processo: prodotto: produrre: produttore: produzio#e: professore, il: professoressa: profumo: pro etto: pro ramma, il: promessa: promettere: pro#ome diretto:

el)#"be# r%szes+t, szeret kedve#c el)$+v<szm k%rem me #"om d+jaz d+j #apozik u rat r%szt vesz valamibe# fo , vesz el)je "ez, lefo lal $el"fo lals a <d+k elk%sz+t felk%sz@l, elk%sz@l elk%sz+t%s #%vel)s el0ljr<sz< el0ljr<sz< bemutat bemutatkozik bemo#d<#) jele# jele# l%v) jszol, betle$em el#0k #"oms .#l, .#%l #"9jt, k0lcs0#0z ra# os k0lcs0# $amar, "orsa# el)relt el)rejelz%sek, j<slatok el)re ltott, el)re tervezett #a "o# %rt%kes fix r r valami el)tt el)bb, korbba# els)bbs% tavasz els) els) fo s f)bb ma # valami mellett sz<l< %rv val<sz+#Ale probl%ma eljrs fol"amat term%k termel, "rt termel), "rt< "rts, el)ll+ts ta#r/ professzor ta#r#), professzor asszo#" parf@m/ illat terv pro ram + %ret me + %r tr "as #%vms

2 A 5 , 2 2 5 2Pr 2Pr 2Pr 2 2 5 2 2 2 5 5Pr 5 2 2 5 5 A 5 5 5 Pz 2 A 5 Avv 2 5 A A 5Pr 5 PzPr Avv 5 5 Mu 5 A A 5 Avv 5 5 5 5 2 5 5 5 5 5 5 5 5 2 5Pr

1L 3L 6L (L ((L ((L 7L 7* (1L 7L (L -L 6L 3* 3L !L 3L 6L 2L 1L !* (1L (L 6L -L ((L 'L -L 6* ((L &* (L -L -L ((L &L !L 6L 2L (* &L 6L 6L 'LA -L 2L (1L 6L 1LAP &L &L 'L 2LAP !L &L 1*/ 2L 6L 2*/ 3L -L 1LAP -L 3L &L

'7'-1372& 4 -2( 3771 -6-7 (76( ' x !' 2(32 6226 716 -1& -1& (--6 4 237 237 '-1- 4 2(36 32' '-1- 4 -26 (-&7 (-2( ('6& 66'( 4 2'7( '7& 7(7 -1-1 23(' -(1( 6&7 3( !7 '312 3737 !6 (2!6 (6'7 '622 4 61&7 (-21 '(& '37 '&3 6127 ((167& (1'6 3(!3 '77 -32 3-27 2&7(

216

pro#ome partitivo: pro#ome, il: pro#to:: pro#to: pro#u#cia: pro#u#ciare: proporre: proposta: proposto: propriet: proprietario: proprio: proprio: prosciutto: prossimo: prota o#ista, il/la: protetto: protezio#e civile: protezio#e: provare: prove#ire: proverbio: provi#cia: provocatorio: provvedere: psicolo ico: psicolo o: pubblicit: pubblicitario: pubblicizzato: pu #o: pulire: pulito: pullma#, il: pullover, il: pulsa#te, il: pu#tata: pu#to di i#co#tro: pu#to di ritrovo: pu#to: pu#tuale: puK darsi: pure: pure: purtroppo: ;ua: ;uader#o: ;uadro: ;ualc$e: ;ualcosa: ;ualcu#o: ;uale: ;uale: ;ualit: ;ualsiasi: ;ua#do: ;ua#do: ;ua#tit: ;ua#to: ;ua#to: ;uasi: ;uello: ;uello:

r%szel) #%vms #%vms $al< "ors, azo##ali kiejt%s kiejt javasol javaslat, bemutatkoz< aj#lott, javasolt tulajdo# tulajdo#os %ppe#, po#tosa# sajt so#ka k0vetkez) f)szerepl) v%dett pol ri v%delem v%delem me pr<bl szrmazik, ered k0zmo#ds k0rzet provokat+v o#doskodik valamir)l pszic$ol< iai pszic$ol< us reklm reklm. reklmozott marok, 0k0l takar+t, tiszt+t tiszta turistabusz pul<ver omb r%sz 7fol"tatsos t%v%filmbe#8 tallkoz<$el" tallkoz<$el" feladat po#tos le$et is/ csak #"u odta# is saj#os itt f@zet k%p #%$#" valami valaki mel" mel"ik mi#)s% brmel"ik mikor amikor me##"is% $#", me##"i $#" majd#em az az

5Pr 5 , A 5 2 2 5 A 5 5 Avv P 5 A 5 A 5Pr 5 2 2 5 5 A 2 A 5 5 A A 5 2 A 5 5 5 5 5Pr 5Pr 5 A 2Pr Avv E Avv Avv 5 5 A P P A P 5 A Avv E 5 A P Avv A P

&L (L (L (L 1L 1L 2LAP ((L 1L (1L &L 3L 6L 3L 2L (L &L 6L 6L 6L 7L -L 6L !L -L 7L 1LAP 7L (1L 7L 7L (L 2L -LA2 !L ((L (1L 3L 3L 2L -LA2 3LA2 -*/ (1L ((L (L 6L 1* 6L 2L 2L (L 1L 1L -L 'L (L 2L -L 1L -L (* 'L (L

4 6!723 '-13(72 3'6 3&1 '-1(22& (1!7 &1 36-1 627' 2(23 '-1661' 6(6 2!(& '-1'&6&2' 4 (!22 ('(2 3'7( (6(1 2-6! 4 (733 6123 2-2( '-1- 4 '-1-

(17 '1'! (3& (1-& 2!(1( 2226 7-' ((3 (&267 6&& (2! &!7 '3( -! (2&1 2!6 (67 2-! '3 66

21+

;uesto: ;uesto: ;ui: ;ui#di: ;ui#to: uiz, il: ;uotidia#o: ;uotidia#o: rabbia: racco liere: raccolta: raccomandarsi: racco#tare: racco#to: raddoppiare: radio, la: radiotelevisio#e: raffi#atezza: raffi#ato: ra azza: ra azzo: ra iu# ibile: ra io#e, la: ragionevole: ra C: rammarico: rapido: rapido: rapporto: rapprese#tare: rarame#te: rata re, il: rea ire: reale: realit": realizzabile: realizzare: realt: reciproco: recitare: reclamizzato: record: redazio#e: re alare: re alo: re ata: re ia: re i#a: re io#ale: re io#e, la: re ista, ilBla: re istrazio#e: re ola: re olare: re olarme#te: relativame#te: relativo 7a8: relazio#e: reli ioso: re#dere: reparto: repubblica:

ez ez itt te$t 0t0dik kv+z mi#de##api #apilap d@$ "Ajt "Ajtem%#", vlo ats aj#l elmes%l elbesz%l%s me kett)z rdi< rdi< %s telev+zi< kifi#omults , vlaszt%koss kifi#omult l#" fi9 el%r$et) %rtelem kedvez) ra u saj#lkozs "orsvo#at "ors kapcsolat k%pez ritk# r%szlet 70ssze 8 kirl" rea l val<sz+#Ale val<s me val<s+t$at< me alkot k0lcs0#0s jtszik 7szerepet8 reklmozott rekord szerkeszt)s% aj#d%koz aj#d%k evez)s verse#" re#dez%s kirl"#) $el"i, adott tartom#"ra jellemz) tartom#" re#dez) $a# felv%tel szabl" szabl"os re#dszerese# viszo#"la valamire vo#atkoz< kapcsolat vallsi valamil"e##% tesz r%szle k0ztrsas

A P Avv E Mu 5 A 5 5 2 5 2 2 5 2 5 5 5 A 5 5 A 5 A 5 5 5 A 5 2 Avv 5 5 2 A 5 A 2 5 A 2 A 5 5 2 5 5 5 5 A 5 5 5 5 A Avv Avv PzPr 5 A 2 5 5

-L 1L (L 2L 2L 6*A 2L (1L &L 2LAP 'L ((L 2L 7L (1L 3L (1L !L -L 1L 1L 6L (L -*A 'L &L -L -L 'L 7L ((L &L 1LAP ((L 6L (1L ((L 7L 7L !L 7L &L 7L (1L 7L 1L -L 7L 'L -L (L 1LAP &L 1L 2L ((L !L 6L 3L 3L 'L &*A 3L

21 61 '( 6212 '&6 2'!( 4 (3&& 66'( '-1&2& (7-& !-3 36! ('2( --' 4 4 '-13!! 26! 4 6(& '1'! 4 (737 2&7 7&! '-167'& ('-' 62&3 '!2 4 4 !-& 6'3&'& 2-72 4 36!-&'7 -&( (-(& 4 2('3 4 --(' (137 '13 2('7 -3(! (1(6 (&7' 2&&23!3 7(( 2'12 666 2127 !('

218

respo#sabile: resta#te: restare: resto: rete, la: riassumere: riassu#to: ricapitolazio#e: ricco: ricetta: ricevere: ricevuta: ric$iedere: ric$iesto: rico#oscere: rico#oscime#to: rico#osciuto: ricordare: ricordarsi 7di8: ricordo: ricostruire: ricotta: ridare: ridere: ridurre: rie#trare: riferire: riferirsi: rifiutare: riflessivo: riflettere: ri a: ri ato#e, il: riguardare: rima#ere: Hi#ascime#to: ri# raziame#to: ri# raziare: ri##ovame#to: ri#omato: ri#u#ciare: ripartire: ripe#sare: ripetere: ripetuto: ripie#o: riposarsi: riposato: riposti lio: ripre#dere: ri;uadro: risata: risolvere: risotto: rispettivo: rispetto 7a8: rispo#dere: risposta: ristora#te, il: ristorazio#e: ristretto: risultato: ritardo:

felel)s marad%k marad a t0bbi, a marad%k $l<zat, $l</ tv.csator#a 0sszefo lal 0sszefo lals ism%tl%s azda recept me kap/ fo e " pro ramot szmla i %#"el, i %#"be vesz k%rt felismer elismer%s elismert eml%kszik eml%kszik eml%k talak+t, 9jraalkot t9r< visszaad #evet cs0kke#t 9jra bel%p, beme " beszmol utal valamire visszautas+t vissza$at< o#dolkodik sor/ cs+k olasz t%sztaf%le vo#atkozik valamire marad re#esz#sz k0sz0#et me k0sz0# 9j+ts $+res lemo#d eli#dul vissza vissza o#dol me ism%tel ism%tl)d) t0lt0tt pi$e# kipi$e#t trol<$el"is% 9jrakezd tblzat, #% "zet$l< #evet%s me old rizott< odatartoz< valami$ez k%pest vlaszol vlasz %tterem %tkeztet%s #a "o# er)s kv% eredm%#" k%s%s

5 A 2 5 5 2 5 5 A 5 2 5 2 A 2 5 A 2 2 5 2 5 2 2 2 2 2 2 2 A 2 5 5 2 2 5 5 2 5 A 2 2 2 2 A A 2 A 5 2 5 5 2 5 A PzPr 2 5 5 5 5 5 5

((*=? 3L 2L 6L -L/ (1L 6L 3L 2*=H 'L 'L 6L/ (1L 3L 6L 'L 'L &L ((L (LA2 -L 7L (1L &L (1* (* 2LAP 3L 1L 3L 2L 3L &L 7L/ !L 'L (1*A 2LAP 'L 6L 6L 'L &L -L -L 7L 1L 7L -L (1* !* 2L 7* !LA2 7L (*=? 'L !L &L 1L 1L 1L -L 3L 7L 6L

('-! -1' -!3 (&11 2-&7 6(12 4 (236 2(&7 !&6 (-3! !(! 33' ((67 ((' ((' (!-3 2(12 (7&6 &3! ((66 (('7(1 7(1 (!-( 4 (-'7 (2'1 4 222 (&1 '-1- 4 32&& 2!2 6&1' 4 (7&( 6!(3 2'66 67! '-16117 '-14 ''1 '-1- 4 33'& -17 -(1( 4 '-1- 4 &2 6637' (7-! 4 -6' (-((

219

rite#ere: ritirare: ritiro: ritmico: rito: ritor#are: ritor#o: ritrovare: ritrovarsi: ritrovo: riuscire 7a8: rivedersi: rivelare: rivestito: rivista: rivivere: rivol ersi: roma#o: roma#tico: roma#zo: rompere: rosa: rosa: roseo: rosolare: rossastro: rosso: roto#do: rovi#a: rumore, il: rumoroso: ruolo: ruota: russo: sabato: sacc$etto: sacco: sacro: sala: salame, il: salato: salatura: saldo: sale, il: salire: salita: salmo#e, il: salo#e, il: salotto: saltare: salutare: saluto: salve: sa#itario: sa#o: sapere sapore, il: saporito: saraci#o: satellitare: sba liare: sba liato: sbattere:

tart valamit valamil"e##ek tvesz tv%tel ritmusos r+tus visszat%r visszat%r%s tall tallkozik tallkoz<$el" siker@l 9jra tallkozik felfed, elrul bevo#t ma azi# 9jra%led fordul valaki$ez r<mai roma#tikus re %#" t0r r<zsasz+# r<zsa r<zsasz+#A pir+t v0r0ses v0r0s kerek rom zaj zajos szerep ker%k orosz szombat zacsk<, szat"or zskok sze#t terem szalmi s<s s<zs rleszll+ts s< felszll felme#etel lazac szalo# #appali 7#a ", ele #s8 ki$a " @dv0z0l @dv0zl%s, k0sz0#%s @dv e %szs% @ "i e %szs% es tud +z +zletes szarac%# mA$oldas el$ibz, elt%veszt t%ves, $ibs felver

2 2 5 A 5 2 5 2 2 5 2 2 2 A 5 2 2 A A 5 2 A 5 A 2 A A A 5 5 A 5 5 A 5 5 5 A 5 5 A 5 5 5 2 5 5 5 5 2 2 5 , A A 2 5 A A A 2 A 2

2LAP 3L -L ((L 3L 3L -L &L !* 3L 6L !L !L !L 2L 6* !L 'L -* ((L 3LAP !L '* &L 'L 'L 1L 'L ((*=>? 3L !* (L (1L 1*=? 2L &* 3L 3L 3L 'L 'L &L !L 'L 2L -L 'L 6* 2L 'L (L (L (L 6L (1L 1L 1LAP 'L -L (1L 2L &LA2 'L

-61 &-6 3((3 4 373( 6!& ((22 (167 (167 '-1(-&66 6113 (-66 '-1- 4 (16' !2( ---2 !2' 721 6(-2 3737 '-1'-1-76 (762 -''! 267& &1' 6&2' -21'&( '-177( 2317 ((&' 2-1' 4 '-1(--( (11! '-1671' (71((!( '-6 !&2 22&( 2213 ('63 37 622& 4 4 4 3!6 !6' 23--

220

sbri arsi: scadere: scaloppi#a: scambiarsi: sca#dalo: scaricare: scarpa: scatoletta: sce liere: scelta: sce#a: sce#dere: sc$eda: sc$ema, lo: sc$ermo: sc$erzare: sc$erzo: sc$iuma: sciare: sciarpa: sciopero: scolare: scomparire scompartime#to: sco#to: sco#tri#o: scooter, lo: scoperta: scoppiare: scoprire scorso: scortese: scritta: scritto: scrittore: scriva#ia: scrivere: scuola: scusare: scusarsi: se: s%: secco: secolo: seco#do: seco#do: seco#do: sede: sedere: sedersi: sedia: se #are: se retaria: se reteria telefo#ica: se reto: se reto: se ue#te: se uire: se uito: 5elf 5ervice: sembrare: semplice: sempliceme#te:

i "ekszik, siet lejr borj9szelet cser%l, vlt botr#" let0lt cip) ko#zerv vlaszt vlaszts jele#et leme ", leszll krt"a vzlat, s%ma vet+t)vszo#, k%per#") viccel, viccel)dik tr%fa $ab s+el sl sztrjk leszAr el$u#", eltA#ik vo#atf@lke kedvezm%#" blokk robo < felfedez%s kit0r, kirobba# me tall, felfedez m9lt udvariatla# felirat +rt +r< +r<asztal le+r, +r iskola me bocst el#%z%st k%r $a/ .e ma a szraz szzad msodik szeri#t msodik fo s sz%k$el" le@l le@l sz%k be+r, bejel0l titkr#) @ze#etr0 z+t) titkos titok k0vetkez) k0vet fol"tats automata tA#ik e "szerA e "szerAe#

2 2 5 2 5 2 5 5 2 5 5 2 5 5 5 2 5 5 2 5 5 2 2 5 5 5 5 5 2 2 A A 5 A 5 5 2 5 2 2 E P A 5 Mu Pz 5 5 2 2 5 2 5 5Pr A 5 A 2 5 5Pr 2 A Avv

!L &*A 'L 3L ((L ((*=? &L 2LAP 1*=? 1LA 3L 1L 6L 1L 7L 3L -L 3L -*A !L 6L 'L 7L -L 3LA2 3L 6L 6L 7LA2 1L 3L (L 3L 3L 3* 6L 1L 1L 1L (1* (L/ 3L 7L 'L 'L (L (L 'LA (1L 2LAP 3L 6L 2L 7* -* 7L 7L 1* 1L ((L -L (L 6L 3L

'-163(( '-1- 4 2('( 36!21-3 2172 ((&( 6!2 -16 (1-6 737 (66' (676 4 27&2 (32! 3217 '622 '-1(-!2 (7&' (--1 '-1- 4 2'(23&( &'& 3-3 '-16!(! (''1 267( '-1(6& 26(31 (31 62 (&(7 (-!7 2(6 (72 (-'! 7(! (662 (662 2'&2 &(6&(' 3 2!16 6'36 22(6 6-!-7 x (-1 -'3 7-&

221

sempre: se#so: sentimentale: se#tire: se#tirsi: se#za: separarsi: sera: serata: sere#ata: sere#it: sere#o: seriame#te: serie, la: servire 7a8: servizio: seta: sete, la: settembre, il: settima#a bia#ca: settima#a: settima#ale, il: settore: sezio#e: sfilata: sfortu#ato: sfruttare: shampoo: s$oS, lo: s$oSma#: sL e #o: sL: sia: siccome: sicilia#o: sicurame#te: sicuro: si la: si #ificare: si #ificato: signora: signore, il: si #ori#a: sile#zio: sillaba: simbolo: simile 7a8: simpatia: simpatico: si#cero: si# olare, il: si# olo: si#istra: si#istro: si#o#imo: si#tesi, la: sistema, il: sito: situato: situazio#e: slo a#, lo: smettere 7di8:

mi#di %rtelem sze#time#tlis, %rzelmes $all %rzi ma t vala$o " #%lk@l k@l0#k0lt0zik este este szere#d derA der@lt komol"a# sor/ sorozat kell, szol l valamire szol ltats/ k%szlet sel"em szom9s szeptember s+sz@#et $%t $etilap szektor kate <ria divatbemutat< balszere#cs%s ki$asz#l sampo# s$oS s$oSma# k0r@lbel@l i e# mi#d . mi#d, is . is mivel szic+liai bizo#"osa# biztos r0vid+t%s, betAsz< jele#t valamit jele#t%s $0l ", asszo#" 9r kisasszo#" cse#d sz<ta jelk%p $aso#l< roko#sze#v, szimptia roko#sze#ves )szi#te e "es szm e "es baloldal bal szi#o#oma szi#t%zis, 0sszefo lals re#dszer $o#lap el$el"ezve $el"zetek, szituci<k szlo e# abba$a "

Avv 5 A 2 2 Pz 2 5 5 5 5 A Avv 5 2 5 5 5 5 5Pr 5 5 5 5 5 A 2 5 5 5 AvvPr Avv E E A Avv A 5 2 5 5 5 5 5 5 5 A 5 A A 5 A 5 A 5 5 5 5 A 5 5 2

2L ((L ((*A (L !L (L ((* 2L (L ((L &*=? -L !L 1LAP/ 2L 2LA 2L/(1L !L 3L 6L -L 1L (1L &L 3L !L ((L (1L &*A (1L 1L 2L 1L 3L 'L -* -* 6L 6L -* 6L (LA (LA (L (1* 1LAP 3L (L &* (L (1L 1L ((*=>? 2L 2L !L 1LAP &L -L 3L (L (1L -L

71 ('3('1 73 73 (33 (!!& 27' (6-' '-1---2 2(!2(!& 316 2-1 6!' 3-!( -!(3 21(! 2 2&! '-1-63 ('3( '-12!62 !-' -62& 4 4 2 23 6(7 2'' 31(( 2!' '-& 6'(( 661 ((-! (&& (!2 '&& (&1' (!7' (62& '-1(1&' 2'66

3'7 -1-1 '-1- 4 (!'3 4 3(! '-1'-1211 '-1- 4 !16

222

soap opera: soccorso: sociale: societ: soddisfare: soddisfatto: soffrire: so etto: so ior#o: so #are: so #o: solame#te: soldo: sole, il: solito: solitudi#e, la: solo: solta#to: soluzio#e: somi lia#za: somma: sopra: soprattutto: sorella: sorelli#a: sorpresa: sorpreso: sorriso: sorta: sospettare: sosta: sosta#tivo: sostituire: sottile: sotto lDaspetto: sotto: sottocultura: sottoli#eare: sottosta#te: souve#ir, il: spa $etti Sester#: spa $etto, lo: spa #olo: sparire: spave#toso: spazio: specc$io: speciale: specialit: specializzato: specialme#te: specie, la: specificare: spedire: spe #ere: spe#dere: sperare: spericolato: spesa: spesso: spessore, lo: spettacolare:

szappa#opera se %l" trsadalmi trsadalom/ trsas kiel% +t el% edett sze#ved ala#" #appali/ tart<zkods lmodik lom csup# p%#z #ap szoksos ma #" csak csak me olds $aso#l<s 0ssze f0l0tt els)sorba#, f)le l#"testv%r $9 me lepet%s me lepett mosol" fajta, f%le "a#9s+t me lls, tart<zkods f)#%v $el"ettes+t v%ko#" valamil"e# szempo#tb<l alatt szubkult9ra al$9z albbi szuve#ir olasz vad#"u ati film spa etti spa#"ol eltA#ik ijeszt) t%r, $el" t@k0r k@l0#le es specialits, k@l0#le ess% specializl<dott k@l0#0se# faj me $atroz, po#tos+t k@ld leolt, kikapcsol p%#zt k0lt rem%l vakmer) bevsrls "akra# vasta s ltv#"os

5Pr 5 A 5 2 A 2 5 5 2 5 Avv 5 5 A 5 Avv Avv 5 5 5 Avv Avv 5 5 5 A 5 5 2 5 5 2 A PzPr Pz 5 2 A 5 5Pr 5 A 2 A 5 5 A 5 A Avv 5 2 2 2 2 2 A 5 Avv 5 A

(1L 6L (1L 7*=?/ !L (1L (LA2 3L !L 2L/ &L 6L (1L (1L 6* 6* 3L ((L (L -*=H (LA2 6L 7L 6L 3L 1L 'L -L 'L (1*A 'L 3L 3L 1L (L 'L &L 6L (1L (L &L -* 7L 1L 1L 7L &L 3LA2 6L (L -L -*A '* 1LAP !L (L 2LAP 3L 2L ((L 2L (* 'L ((L

2 '-1-!2 6!( 3&67 6111 (6(731 -2-6 6'-7 22'6 '27 2&((31 --2 6'-2 &3 (!1 7'1 '-1(-71 -!6 27! ((1& ((1& 2661 '-1-(1( (331 '-1-''! '-1- 4 (13! 2612 6-2 4 ((7& 4 4 '-1---2 (61! 6'71 -'2 31&! (262 3-3( 4 (!77 ((-( &!3 2!'! (&1! (&3( '7' 2!& 4 &(' 3'( 3&!2 '-1- 4

223

spettacolo: spettatore, lo: spiacere: spie are: spie azio#e: spi# ere: spiritoso: spo liarsi: spo#sor, lo: sport, lo: sportello: sportivo: sposare: sposarsi: spostare: spot, lo: spremuta: spuma#te, lo: spu#ti#o: s;uillare: stabile: stadio, lo: sta io#atura: sta io#e: stamatti#a: stampa: stampare: sta#carsi: sta#co: sta#dard: sta#za: stare a dieta: stare atte#to 7a8: stare i#sieme: stare: stasera: statale: statistica: statua: stazio#e: stecc$i#o: stella: stereo: stesso: stesso: stile, lo: stilista: stimare: stipe#dio: stivale, lo: stoffa: stomaco: storia dellDarte: storia: storico: storiella: stracciatella: strada: stradale: stra#iero: stra#o: straordi#ario:

el)ads #%z) saj#l kifejt, elma "arz ma "arzat l0k, tol vicces, szellemes vetk)zik szpo#zor, tmo at< sport ablak, kassza sportos feles% @l vesz valakit, f%rj$ez me " valaki$ez 0ssze$zasodik arr%b besz reklmfilm dzs9sz pezs ) k0##"A, "ors %tkez%s cs0r0 7telefo#8 lla#d< stadio# %rlel%s %vszak ma re el sajt< #"omtat elfrad fradt sta#dard, szi#t szoba fo "<k9rzik odafi "el jr valakivel va#, ll ma este llami statisztika szobor lloms fo piszkl< csilla sztere<ma #< u "a#az u "a#az st+lus divattervez) #a "ra becs@l, tisztel fizet%s, kereset csizmk a#"a "omor mAv%szett0rt%#et t0rt%#et t0rt%#elmi kis t0rt%#et sztracsatella 9t, utca utcai k@lf0ldi furcsa, k@l0#0s kiv%teles

5 5 2 2 5 2 A 2 5 5 5 A 2 2 2 5 5 5 5 2 A 5 5 5 Avv 5 2 2 A 5 5 2Pr 2Pr 2Pr 2 Avv A 5 5 5 5 5 5 A P 5 5 2 5 5 5 5 5Pr 5 A 5 5 5 A A A A

3* ((L &L (L 'L 3LAP (1L !L (1L 1L -L 2L -LA2 7L (1L (1L 3L -L 'L 7L -L 2L &L 6L 3L 7L -L !* 2L -L 2L ((L &L 7L (L 2L (1L (1L 3* 2L 7L 1LA (1L 1L 1L !L !L 7L (L 1L !L 1LAP 2*=H (L -L 7L 3L 1L (1LA2 1L 'L 7L

2(7& 31-3 4 66-3 611 (-'2 ('!( 61&( 4 (7-3 3!-( 2673 (171 (171 '7! 23(& 4 '-1-

662& 6!11 4 (711 '-1- 4 6136 76' 7-( (6&( 272( 2333 2!(- 4 2113

3& -36 36&7 667' 4 6&&(((3 4 2-7! 3123 4 (6' ''' 26(! '-1- 4 '-1(17( '-131-3 '-1(!( '(7 4 3!2 3&2(272 -2& (21!

22'

strappare: stressa#te: stressato: stretto: strume#to: stude#te, lo: stude#tessa: studiare: studio, lo: stupe#do: stupido: su: subito: succedere: successivo: successo: succo: 5ud, il: sufficie#te: su erime#to: suggerire: su o: sul serio: suo: suocero: suo#are: superare: supermercato: suppleme#to: suscitare: sve lia: sve liarsi: sviluppato: svizzero: svol ere: svol ersi: tabacc$eria: tabacco: tabella: tacc$i#o: tacco: ta lia: ta liare: tagliatella: ta liere, il: tailleur, il: tale#to: talk s$oS: ta# o: ta#tDI vero c$e: ta#tissimo: ta#to: ta#to: tappeto: tardare: tardi: tardo: tariffa: tassL, il: tassista, ilBla: tastiera: tatua io: tavola:

kit%p ide es+t) fesz@lt szoros $a# szer dik, ta#ul< ta#ul<, e "etemi $all at< l#" ta#ul dol oz<szoba csodlatos $@l"e, buta .ra, .re/ .o#, .e#, .0#/ .r<l, .r)l r0 t0#, azo##al t0rt%#ik k0vetkez) siker "@m0lcsl% d%l ele e#d) javaslat, 0tlet javasol, su almaz sz<sz komol"a# 0v% ap<s $a# szere# jtszik/ me sz<lal tme ", leteszi a vizs t szupermarket p<tje ", $el"je " kelt %breszt)<ra fel%bred fejlett svjci zajlik, t0rt%#ik zajlott trafik do$#" tblzat pul"ka sarok m%ret felv , v olasz t%sztaf%le v <deszka koszt@m te$ets% talk s$oS ta# < val< i az #a "o# sok sok #a "o#, a##"ira sz0#"e k%sik k%s)# k%s) r, tarifa taxi taxis, taxisof)r bille#t"Azet tetovls asztal

2 A A A 5 5 5 2 5 A A Pz Avv 2 A 5 5 5 A 5 2 5 AvvPr A 5 2 2 5 5 2 5 2 A A 2 2 5 5 5 5 5 5 2 5 5 5 5 5Pr 5 EPr A A Avv 5 2 Avv A 5 5 5 5 5 5

(1L !*=? &L !L ((LA2 1L 1* (L 2L 'L (1L 2L 2*=H 3L 3L '* &L 6L -L !L (1*A 'L &L 1L 7L 3*/ 7L 2L (LA -L !L ((L 3L !L (L -L &L 2L 2L 1L -L !L !L 'L 'LA 'L !L 7L &* 7L 7L 3L (L (L 6L 7* (* (1L -L 2L 1LAP ((L 6* -L

2&26 '-1- 4 4 (636 7'! 71' 6-3 632 ('!2 62-! 3' 2-6 231 (-1( (732 -7!! '!( !&& 2'(2((( -(77 2 &2 -762 ((2' '!1 67(( 4 4 2!&( -762 2126273 676' !6( !6( 4 212& '-13'16 &13 4 '-1- 4 '-14 ('2 ('2 (76 2(21 (2!3 '-1'1'! 31(( 4 4 4 213&

225

tavoli#o: tavolo: taxi, il: tazza: tazzi#a: tI, il: teatrale: teatro: tec#ico: tec#olo ia: tedesco: te ame, il: telecoma#do: telecomu#icazio#e: telefilm: telefo#are: telefo#ata: telefo#ia: telefo#ico: telefo#i#o: telefo#o: tele ior#ale, il: tele ramma, il: telespettatore, il: televe#dita: televisio#e, la: televisivo: televisore, il: tema, il: tematica: temperatura: tempo fa: tempo: temporale, il: te#ere compa #ia: te#ere: te#ero: te#ersi: te#ore: te#tativo: teoria: terme, le: termi#are: termi#e, il: terra: terrestre: territorio: terzo mo#do: terzo: terzultimo: tesi, la: tesoro: tessuto: test fi#ale: test, il: testa: testata: testimo#e, il: testo: t$riller, il: ti re, la: timbrare: timido:

kis asztal, do$#"z<asztal asztal taxi cs%sze kis cs%sze tea sz+#$zi sz+#$z mAszaki szakember tec$#ol< ia #%met lbos tvir#"+t< tvk0zl%s t%v%film telefo#l telefo#$+vs telefo#ok, telefo#$l<zat telefo#., telefo#os mobiltelefo# telefo# t%v%$+rad< tvirat t%v%#%z) telev+zi<s marketi# t%v% t%v%s t%v%k%sz@l%k t%ma t%ma $)m%rs%klet j< ideje id) zivatar trsas ot #"9jt tart l ", pu$a zajlik te#or k+s%rlet, pr<blkozs elk%pzel%s, te<ria f@rd) v% z)dik sz<, kifejez%s f0ld f0ldi ter@let $armadik vil $armadik $tulr<l a $armadik dol ozat, essz% dr m sz0vet zr<teszt teszt fej 9js ta#9 sz0ve t$riller tii ris b%l"e ez f%l%#k

5 5 5 5 5 5 A 5 5 5 A 5 5 5 5 2 5 5 A 5 5 5 5 5 5 5 A 5 5 5 5 AvvPr 5 5 2Pr 2 A 2 5 5 5 5 2 5 5 A 5 5Pr Mu A 5 5 5 5Pr 5 5 5 5 5 5 5 2 A

6L 6L 2L 3L 3L (*=? &L 2L ((*=>? 6L (* 'L (1L 6L (L 6L !L 6L 6L 6L (* &* (1L (1L (1L (L 7L 6L 1LAP (1L 6* 2L (L -L 2LAP 2LAP &L ((L ((L ((L 'L ((* 1L 6L 1L (1L -L ((L 1LAP 1LAP 1L 1L !L 1L 1* 1L (1L ((L (L (1L 7L 2L 7L

6'3( '(( 31(( 22!2 22!2 '-1-126 '121-( -6-7 4 (766 '-1'(33 4 '-1- 4 '-161! 71( 4 (7'1 3711 66! 32-& 4 62!7 -1&& 4 4 -1! 2633 4 2633(3 3(72 4 2212 ((( '-1(337'2 (3'-1(322 (21' '-1- 4 2331 323 312 '-1(66! (3 6'1 4 &32 (6'' 6(-! 2&!- 4 71! 3''3 4 2'31 -(2 4 '-14 6!22

226

tipico: tipo: tiramisC: tirare: toccare: to liere: to##ellata: to##o: tor#are: torre, la: torta: tortelli#o: tosca#o: totocalcio: tour#%e, la: tova lia: tova liolo: tra: tradire: tradizio#ale: tradizio#e: tradurre: traduzione: traffico: tragedia: tram, il: trama: tramezzi#o: tramite: tra#;uillit: tra#;uillo: tra#sitivo: trapassato prossimo: trarre: trascorrere: trascorso: trasformare: trasformarsi: trasmissio#e: trasporto: trattare: trattarsi 7di8: trattoria: traversa: treme#do: tre#o ad alta velocit: tre#o: tre#ti#a: tricolore: trio: trio#fare: triste: troppo: troppo: trovare: trovarsi: t.s$irt, la: tu: tubetto: tuo: turco: turista, ilBla: tur#o:

tipikus fajta, t+pus tiramisu f9j 7a sz%l8 me %ri#t levesz, le$9z to##a to#$al visszame ", visszat%r toro#" torta t0lt0tt t%sztaf%le toszk# tot< tur#% ter+t) szalv%ta k0z0tt me csal $a "om#"os $a "om#" ford+t ford+ts for alom, k0zleked%s tra %dia villamos cselekm%#" $romsz0 alak9 sze#dvics kereszt@l #"u alom #"u odt tr "as trapassato prossimo 7i eid)8 $9z, vo# elt0lt elt0lt0tt talak+t talakul k0zvet+t%s, mAsor k0zleked%s b# valakivel sz< va# valamir)l kisve#d% l) kereszt9t rette#etes, $atalmas #a "sebess% A vo#at vo#at mi#te " $armi#c $romsz+#A tri<, $rmas @##epel szomor9 t9l sok #a "o#, t9ls osa# tall tall$at< vala$ol p<l< te tubus tied t0r0k turista tur#us/ mAszak, mu#kaid)

A 5 5 2 2 2 5 5 2 5 5 5 5 5 5 5 5 Pz 2 A 5 2 5 5 5 5 5 5 Pz 5 A A 5Pr 2 2 A 2 2 5 5 2 2 5 5 A 5Pr 5 Mu A 5 2 A A Avv 2 2 5 P 5 A 5 5 5

3L (L 3L -L -* 2LAP 3L 3* (L 1L 3L 'L -*=? '* 2L 'L 'L 6L (1L -L &L 2LAP &LA 2L 7LA 2L 7L 3L !L &*=? 3L 3L 7L 2LAP -L 3L (* ((L (1L 2L &L 3L 'L (1LA 6L -L 1L &* 'L 7L 3L (L 6L (L 2L 2L !L 1L &L 1L 7L 1L (L/ -L

(&13 (37 4 333 -&7 377 '-1-762 2-3 36(7 2-2& 4 2'('-1- 4 4 6771 32'! (2( -'26 (76(327 (6(2 (6&6 (!67 2'76 '-1-6-7 4 (((( 4 212( &26 4 '!372& (2&! (2&! (17! (-77 667 667 '(33 4 (!1(661 '-1'-1- 4 4 6623 (31' 62! &6 &6 4 63 21! '-1-2-6 67'3

22+

tutelare: tutto: tutto: tv, la: uccidere: uffa: ufficiale: ufficio postale: ufficio, l: u uale: ultimame#te: ultimo: umido: umore, l (m.): u# poD: u# sacco 7di8: u# $erese: u#ico: u#io#e: u#ire: u#it: u#iversit: u#o: u#o: uomo: uovo: urba#o: urlare: usare: usato: uscire: uscita: uso: ute#sile, l (m.): utile: utilizzare: utilizzato: uva: va be#e: vacanza: vaca#ze studio: valere la pe#a: vali ia: valutare: va#ta io: variabile: variet, il: variet, la: vario: vasetto: vaso: vecc$ietta: vecc$io: vede#te: vedere: veloce: veloceme#te: velocit: ve#dere: ve#dita: ve#erdL: ve#ezia#o:

<v, v%delmez az e %sz mi#de#, mi#de#ki tv me 0l ej#"e $ivatalos posta$ivatal iroda u "a#ol"a#, e "forma az ut<bbi id)be# utols< #edves $a# ulat e " kicsit e " csom< ma "ar e "etle# u#i< e "es+t, 0sszek0t lecke/ e "s% e "etem e " e " f%rfi tojs vrosi kiabl, @v0lt $asz#l $asz#lt, i %#"be vett kime ", elme " kijrat $asz#lat eszk0z $asz#os alkalmaz, $asz#l sz)l) re#dbe# #"arals ta#ulm#"9t me %ri b)r0#d %rt%kel el)#" vltoz%ko#" variet%, s$oS.mAsor vlaszt%k k@l0#b0z) bef)ttes@ve , kis @ve vza a#"<ka 0re , r% i lt< lt "ors "orsa# "orsas elad elads p%#tek vale#cei

2 A P 5 2 , A 5Pr 5 A Avv A A 5 AvvPr A Pr A A 5 2 5 5 Art Mu 5 5 A 2 2 A 2 5 5 5 A 2 A 5 ,pr 5 5Pr 2Pr 5 2 5 A 5 5 A 5 5 5 A A 2 A Avv 5 2 5 5 A

&L (L (L 6L 3LAP 6L (1L (L (L (1L 3L 1L &L &L -L 3L 1L &L '* (L 1LAP/ -L 1LAP 1L 1L (L 3* 2L (1L 1L 2L 1L 1LAP 2L 'L 6L 6L &L &L -L 1L (1L 2L -L !*=? -L -L (1L 'L 2L &L 6L -L (L ((L 2L -L 3* 3L 2L 7L 2L -*=?

(6&1 3! '6 6'-1 (22( '-1((-' 672 3&7 (!&7 (!& 6'!( 3632 x 2 '-1-6-7 21&6 (6!& !21 73! 3 (1! 213 2&'( 23'' 23-2 6(' 266 21'1 ('1& '-1- 4 22-7 '1& '-1'-1(113 6612 7 '-1(2-! ('2' 3!!& 4 -6-7 27& 3&&& '-1(76' 32 (7(6 27-2 33-6-( (67! (271

228

ve#ire: ve#ti#a: vento: verame#te: verbale: verbo: verde: verdura: ver i#e: verificare: verit: vero e proprio: vero: verso: verso: verticale: vestire: vestirsi: vestito: vetri#a: via: viabilit: via iare: via io: vici#o 7a8: vici#o: vici#o: video ioco: vi ile del fuoco: vi ile urba#o, il: vi ile: vi #etta: villa: vi#cere: vi#o: virtC, la: viscosa: visita: visitare: viso: vista: visto c$e: vita: vitami#a: vitello: vivace: vivame#te: vivere: vocabolario: voce, la: volare: vole#tieri: volere be#e: volere: vol ere: volo: volta: volto: volume: vostro: vuoto: "o urt, lo: zabaio#e, lo:

j0# kb. $9sz sz%l i az#, val<ba# i ei i e# z0ld z0lds% elle#)riz, bizo#"+t i azs i azi, $amis+tatla# i az fel% sz0ve , vers f@ )le es 0lt0ztet 0lt0zk0dik ru$a kirakat 9t, utca jr$at<s utazik utazs valami$ez k0zel k0zel szomsz%d videojt%k tAzolt< re#d)r )r rajz villa #"er bor er%#" viszk<z lto ats me lto at arc lts mivel %let vitami# borj9 %l%#k #a "o#, sz+vb)l %l sz<tr $a# rep@l sz+vese# szeret akar ttesz, talak+t rep@l%s, rep@l)jrat alkalom arc $a# er) tietek @res jo $urt borsod<$oz $aso#l< %dess%

2 Mu 5 Avv A 5 A 5 5 2 5 A Pr A Pz 5 A 2 2 5 5 5 5 2 5 PzPr A 5 5 5Pr 5Pr 5 5 5 2 5 5 5 5 2 5 5 EPr 5 5 5 A Avv 2 5 5 2 Avv 2Pr 2 2 5 5 5 5 A A 5 5

2L -* -L 2L &L 1L (L 'L -L 1L 2L !L (L (L ((L 2LA2 !L !L 1L !L (L 6L 2L (L (L (L 6* 2L 6L !* 7L 7L (*=? 2L 2*=H 1LAP !L '* (L (L !* !*A 2L &LA2 'LA !L &L (* ((* ((L ((L 2L (1* 2L 3* -*A (L 7L &* (L &L 1LAP 3L

'' 63'1 4 71(-' 6'67 2713 4 726 27-7 2-3! (!! -'(36 27(-&2 '-1(&17 (&17 (627 -(-& 66' 4 -371 7&( x &62 2'62 4 x (2 61'( '-1(!(7 7'6 (7-7 '-1'-1- 4 (3(6 2(!2!6' 66& (3 227 '-13-'' -(1( 36-1 633 2(-3 32( (''(6(! 7 62&1' (7-&! '-1616 (23( '-1- 4 '-1- 4

229

zai#o, lo: zero: zia: zio, lo: zona: zucc$ero:

$tizsk #ulla #a "#%#i #a "bcsi vrosr%sz cukor

5 Mu 5 5 5 5

1L 1L 1L 1L 'LA 6L

-21- 4 6-! (&&3 (!23 622 3217

Lista 0
In "uesta $iccola lista sono riuniti i c.d. !onosimboli5 $rivi di un corris$ondente ung7erese. %er ciascun lemma si indica lunit) in cui com$are $er la $rima volta.
be$: ma$: e$i: 6L (L (L

Lista $
Questa lista contiene i nomi $ro$ri estratti dal glossario.
Adriatico Alpi, le America A#co#a A##ibale #prilia Arezzo Ar e#ti#a Aristo# Asti Australia Gabbo Matale Garcello#a Gari Gefa#a Gel io Gelpaese Goccaccio Golo #a Grasile, il Gudda Ea#arie, isole Ea##es Earta i#e Eesare Ei#a Eleopatra Eolosseo Eomo Eristo

230