Anda di halaman 1dari 163

Appunti di Analisi Matematica

Stefano Meda e Alberto Peretti


Appunti per il corso di Matematica I
I semestre, a.a. 2001/2002
Facolt` a di Scienze Statistiche
Universit` a di Milano-Bicocca
c _ Stefano Meda e Alberto Peretti, 2000
Appunti di Analisi Matematica
Stefano Meda e Alberto Peretti
Appunti per il corso di Matematica I
I semestre, a.a. 2001/2002
Facolt` a di Scienze Statistiche
Universit` a di Milano-Bicocca
c _ Stefano Meda e Alberto Peretti, 2000
Edito in proprio.
Sono stati adempiuti gli obblighi di legge,
in ottemperanza allart. 1, D. Lgs. Lgt. n. 660/1945
in data 29/09/2000.
Tutti i diritti sono riservati.
`
E vietato lo sfruttamento a ni commerciali.
A Gianni e Guido
con aetto
Indice sistematico
Prefazione i
Simbologia iii
Capitolo 1 Insiemi numerici
1.1 Numeri razionali 1
1.2 Ordinamenti 2
1.3 Strutture algebriche e dordine 5
1.4 Numeri reali 6
1.5 Linsieme dei numeri reali esteso 7
1.6 Binomio di Newton 10
1.7 Propriet` a metriche dei numeri reali 11
1.8 Propriet` a aritmetiche dei numeri reali 13
1.9 Potenze con esponente reale 15
Capitolo 2 Limiti
2.1 Limiti da sinistra 21
2.2 Limiti da destra e limiti bilateri 26
2.3 Limiti e ordinamento 27
2.4 Limiti di alcune funzioni elementari 31
2.5 Caratterizzazione del limite 33
2.6 Algebra dei limiti 35
2.7 Massimo e minimo limite 38
2.8 Confronto locale di funzioni 44
2.9 Asintoti 47
Capitolo 3 Funzioni continue
3.1 Funzioni continue: definizione e prime propriet` a 49
3.2 Funzioni continue in un intervallo 52
3.3 Funzioni continue in intervalli e monotonia 56
3.4 Limiti di funzioni composte 56
3.5 Il numero e 58
Capitolo 4 Derivate
4.1 Derivata: definizione e prime propriet` a 61
4.2 Calcolo di derivate 64
4.3 Studio del comportamento locale di una funzione. I 68
4.4 Il teorema del valor medio 70
4.5 Derivate successive 74
Capitolo 5 Primitive
5.1 Primitiva: definizione e prime propriet` a 75
5.2 Tecniche di integrazione: I 77
5.3 Techniche di integrazione: II. Funzioni razionali 79
Capitolo 6 Lintegrale di Riemann
6.1 Definizione di integrale di Riemann 87
6.2 Partizioni diadiche 90
6.3 Condizioni di esistenza dellintegrale di Riemann 92
6.4 Propriet` a dellintegrale di Riemann 93
6.5 Calcolo degli integrali 96
6.6 Lintegrale di Riemann generalizzato 99
6.7 Criteri di convergenza per integrali generalizzati 101
6.8 La distribuzione normale 108
Capitolo 7 Successioni e serie
7.1 Limiti di successioni 111
7.2 Serie 114
7.3 Relazioni tra serie e integrali 118
7.4 Criteri per serie a termini non negativi 122
7.5 Criteri per serie con termini di segno non costante 125
Capitolo 8 Formula di Taylor
8.1 Polinomi 129
8.2 Polinomio di Taylor 131
8.3 Formula di Taylor 133
8.4 Studio del comportamento locale di una funzione. II 141
8.5 Funzioni convesse 144
Bibliografia 151
Prefazione
Queste dispense sono pensate come supporto per un corso di circa 60 ore, che si
propone di fornire solide conoscenze di base della teoria delle funzioni a valori reali denite
su intervalli della retta reale. Il vincolo del numero di ore ha imposto una scelta degli
argomenti trattati, che sono: numeri reali, limiti, derivate, primitive, integrale di Riemann,
serie numeriche e formula di Taylor.
La teoria delle funzioni reali di variabile reale dipende, in ultima analisi, dalla struttura
dordine e dalla propriet` a dellestremo superiore di R. Abbiamo cercato di rendere il pi` u
possibile esplicita tale dipendenza nel testo: questo intento, a nostro parere, distingue
queste dispense dai numerosi testi in commercio.
I prerequisiti necessari per un uso procuo di questi appunti sono contenuti, ad esem-
pio, nel testo di P. Boieri e G. Chiti citato in bibliograa.
Il testo non ha pretesa di completezza; non abbiamo perci` o esitato ad omettere di-
mostrazioni di risultati anche importanti. Ci siamo, per` o, fatti scrupolo di fornire un
dettagliato riferimento bibliograco, rimandando i Lettori interessati ai testi di A. Bac-
ciotti e F. Ricci e di W. Rudin, citati in bibliograa.
In questa versione non abbiamo abbondato in esempi; questi, insieme a molti esercizi,
si possono ricavare da un buon eserciziario, che riteniamo strumento ausiliario indispens-
abile per lo studio della materia. Tra i molti in commercio, segnaliamo i testi di G. Monti,
A. Peretti e R. Pini e di L. De Michele e G. Forti, citati in bibliograa. Il secondo `e, a nos-
tro parere, molto utile se si desidera rinire la preparazione, ed `e un ottimo complemento
del primo.
Questa versione `e, per il momento, priva dellindice analitico, che `e strumento molto
utile per la consultazione del testo; la Simbologia pu` o in alcuni casi essere un suo accettabile
sostituto. Ad esempio, essendo interessati alla denizione di minimo limite, nella simbolo-
gia (colonna centrale) si trova che essa corrisponde alla Def. 2.1.3, e quindi `e contenuta
nella Sezione 2.1.
Teoremi, denizioni ed esempi hanno una numerazione comune, progressiva allinterno
di ogni sezione; ad esempio, la Denizione 1.2.1 rimanda alla Sezione 2 del Capitolo 1 e
precede il Teorema 1.2.2 e gli Esempi 1.2.3.
Alla ne di ogni sezione abbiamo collocato una serie di esercizi, che sono numerati
progressivamente.
Abbiamo reso disponibile il testo in linea allindirizzo
http://www.statistica.unimib.it/utenti/matematica/
da un lato per favorire gli studenti che potranno stamparlo, utilizzando il programma Acro-
bat Reader, che `e disponibile gratuitamente allindirizzo http://www.adobe.com/acrobat,
dallaltro perche colleghi e amici possano prenderne visione.
Saremo molto grati a coloro che vorranno segnalarci errori, suggerire migliorie, o
esprimere critiche a uno dei seguenti indirizzi di posta elettronica:
stefano.meda@unimib.it
alberto.peretti@unimib.it.
Milano, 30 settembre 2001
Gli Autori
ii
Simbologia
a| . . . . . . . . . . . . . . . parte intera di a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sez. 1.7
(([a, b]) . . . . . . . . . . classe delle funzioni continue in [a, b] . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sez. 3.2
(
n
([a, b]) . . . . . . . . . classe delle funzioni con derivata
n-esima continua in [a, b] . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 4.5.2
d(x, y) . . . . . . . . . . . . distanza euclidea tra x e y . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 1.7.3
Df(y) . . . . . . . . . . . . derivata di f in y . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 4.1.2
D

f(y) . . . . . . . . . . derivata sinistra di f in y . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 4.1.2


D
+
f(y) . . . . . . . . . . derivata destra di f in y . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 4.1.2
D
n
f(y) . . . . . . . . . . . derivata n-esima di f in y . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 4.5.1
e . . . . . . . . . . . . . . . . . lim
h0
(1 +h)
1/h
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.5.0
E
f
. . . . . . . . . . . . . . . epigraco di f . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 8.5.2
f

(y) . . . . . . . . . . . . . derivata di f in y . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 4.1.2


f

(y) . . . . . . . . . . . . derivata sinistra di f in y . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 4.1.2


f

+
(y) . . . . . . . . . . . . derivata destra di f in y . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 4.1.2
inf E . . . . . . . . . . . . . estremo inferiore di E . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 1.2.5
liminf
xb
f(x) . . minimo limite di f per x tendente a b da sinistra . . . . . Def. 2.1.4
limsup
xb
f(x) . massimo limite di f per x tendente a b da sinistra . . . . Def. 2.1.4
lim
xb
f(x) . . . . . limite di f per x tendente a b da sinistra . . . . . . . . . . . . . Def. 2.1.4
a
f(x) . . . . . . . . . . . . massima minorante non crescente
di f per x a
+
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sez. 2.2 Es. 2
a
f(x) . . . . . . . . . . . . minima maggiorante non decrescente
di f per x a
+
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sez. 2.2 Es. 2
f
b
(x) . . . . . . . . . . . . . massima minorante non decrescente
di f per x b

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 2.1.2
f
b
(x) . . . . . . . . . . . . . minima maggiorante non crescente
di f per x b

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 2.1.2
N . . . . . . . . . . . . . . . . numeri naturali 0, 1, 2, . . .
N

. . . . . . . . . . . . . . . N 0
n! . . . . . . . . . . . . . . . . fattoriale di n . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 1.6.1
n!! . . . . . . . . . . . . . . . semifattoriale di n . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sez. 8.3 Es. 4
_
n
k
_
. . . . . . . . . . . . . . . coeciente binomiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 1.6.2
o, O, , . . . . . . . simboli di Landau . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 2.8.1
T([a, b]) . . . . . . . . . . insieme delle partizioni di [a, b] . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 6.1.1
p
n,y
. . . . . . . . . . . . . . polinomio di Taylor di grado n centrato in y . . . . . . . . . . Def. 8.2.1

n
i=1
a
i
. . . . . . . . . . a
1
a
n
Q . . . . . . . . . . . . . . . . numeri razionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sez. 1.1
Q

. . . . . . . . . . . . . . . Q 0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sez. 1.1
Q
+
. . . . . . . . . . . . . . . numeri razionali positivi q Q : q > 0 . . . . . . . . . . . . . . . Sez. 1.1
R . . . . . . . . . . . . . . . . numeri reali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sez. 1.4
R

. . . . . . . . . . . . . . . R 0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sez. 1.4
R
+
. . . . . . . . . . . . . . . numeri reali positivi r R : r > 0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Sez. 1.4
R

. . . . . . . . . . . . . . . insieme esteso dei numeri reali R . . . . . . . Sez. 1.5


1([a, b]) . . . . . . . . . .classe delle funzioni integrabili in [a, b] . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 6.1.2
R
y
. . . . . . . . . . . . . . . rapporto incrementale di f centrato in y . . . . . . . . . . . . . Def. 4.1.1

n
i=1
a
i
. . . . . . . . . . a
1
+. . . +a
n
sup E . . . . . . . . . . . . estremo superiore di E . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 1.2.5
s(f, P) . . . . . . . . . . . somma inferiore di Riemann di f . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 6.1.2
S(f, P) . . . . . . . . . . . somma superiore di Riemann di f . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 6.1.2
x y . . . . . . . . . . . . x precede y . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 1.2.1
x _ y . . . . . . . . . . . . x precede y o coincide con y . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 1.2.1
Z . . . . . . . . . . . . . . . . numeri interi relativi . . . , 2, 1, 0, 1, 2, . . .
Z

. . . . . . . . . . . . . . . Z 0
(a, b) . . . . . . . . . . . . . x R : a < x < b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 1.5.3
[a, b) . . . . . . . . . . . . . x R : a x < b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 1.5.3
(a, b] . . . . . . . . . . . . . x R : a < x b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 1.5.3
[a, b] . . . . . . . . . . . . . . x R : a x b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 1.5.3
(, b) . . . . . . . . . . x R : x < b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 1.5.3
(, b] . . . . . . . . . . x R : x b . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 1.5.3
(a, ) . . . . . . . . . . . . x R : a < x . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 1.5.3
[a, ) . . . . . . . . . . . . x R : a x . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 1.5.3
_
b
a
f . . . . . . . . . . . . . . integrale inferiore di Riemann di f in [a, b] . . . . . . . . . . . Def. 6.1.2
_ b
a
f . . . . . . . . . . . . . . integrale superiore di Riemann di f in [a, b] . . . . . . . . . . . Def. 6.1.2
_
b
a
f . . . . . . . . . . . . . . integrale di Riemann di f in [a, b] . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 6.1.2
_

f . . . . . . . . . . . . integrale generalizzato di f in R . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 6.6.1


_
f . . . . . . . . . . . . . . . integrale indenito di f . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Def. 5.1.3
. . . . . . . . . . . . . . . . . simbolo di composizione di funzioni
Il simbolo A =
def
B denisce A.
iv
1 Insiemi numerici
1.1 Numeri razionali
Indicheremo con Q linsieme dei numeri razionali. Introduciamo in Q le operazioni
di somma + : QQ Q e di prodotto : QQ Q, denite da
a
b
+
c
d
=
def
ad +bc
bd
a, c, b, d Z
e
a
b

c
d
=
def
ac
bd
a, c Z b, d Z

.
Siano r in Q e a/b una sua rappresentazione. Indichiamo con r il razionale che
ammette la rappresentazione (a)/b; r si chiama lopposto di r.
1.1.1 Denizione. Diciamo che il numero razionale a/b `e positivo se ab > 0
(supponiamo nota la relazione dordine usuale in Z). In tal caso scriviamo a/b > 0.
Siano a, c Z, b, d Z

. Diciamo che a/b `e minore o uguale di c/d se


c
d

a
b
> 0 oppure
c
d

a
b
= 0.
In tal caso scriveremo
a
b

c
d
. Poniamo Q
+
=
def
q Q : q > 0.
1.1.2 Teorema (struttura di Q). Valgono le seguenti propriet` a:
(S1) (propriet` a commutativa) a +b = b +a a, b Q;
(S2) (propriet` a associativa) (a +b) +c = a + (b +c) a, b, c Q;
(S3) a + 0 = a a Q;
(S4) a + (a) = 0 a Q
(P1) (propriet` a commutativa) a b = b a a, b Q;
(P2) (propriet` a associativa) (a b) c = a (b c) a, b, c Q;
(P3) a 1 = a a Q;
(P4) per ogni a ,= 0, a a
1
= 1;
(D) (propriet` a distributiva) (a +b) c = a c +b c a, b, c Q;
(CO1) per ogni y, z Q tali che y < z, e per ogni x Q, si ha che x +y < x +z;
2 Capitolo 1. Insiemi numerici
(CO2) per ogni x, y Q tali che 0 < x e 0 < y, si ha che 0 < xy.
Dimostrazione. La dimostrazione consiste in una verica diretta delle propriet` a S1S4,
P1P4, D, CO1 e CO2. .
Tra due razionali ci sono inniti razionali.
Basta mostrare che fra due razionali ce n`e sempre un altro. Siano r, s Q tali che
r < s. Si verica facilmente che se `e un numero razionale tale che 0 < < 1, allora
r < r +(s r) < s.
1.2 Ordinamenti
1.2.1 Denizione. Sia E un insieme. Un ordinamento in E `e una relazione, che
indicheremo con , tale che
(i) se x, y E, allora vale una e una sola tra le tre relazioni
x y, x = y, y x;
(ii) (propriet` a transitiva) se x, y, z E, x y e y z, allora x z.
Un insieme dotato di un ordinamento si dice ordinato.
La scrittura x _ y signica x y oppure x = y.
1.2.2 Esempi.
Gli insiemi N, Z e Q sono ordinati rispetto allusuale relazione dordine.
Siano (x
1
, y
1
) e (x
2
, y
2
) due punti del piano. Diciamo che (x
1
, y
1
) (x
2
, y
2
) se x
1
< x
2
,
oppure se x
1
= x
2
e y
1
< y
2
. Linsieme dei punti del piano `e ordinato rispetto alla
relazione .
Sia E linsieme dei sottoinsiemi del piano; rispetto allinclusione propria E non `e
un insieme ordinato, ma solo parzialmente ordinato. Ad esempio, due circonferenze
distinte nel piano non sono confrontabili tramite la relazione di inclusione propria,
cio`e non vale alcuna delle tre relazioni della Denizione 1.2.1 (i).
1.2.3 Denizione. Siano E un insieme ordinato e B E, B ,= . Si dice che B `e
superiormente limitato se esiste un elemento E tale che
x _ x B.
Lelemento si chiama maggiorante di B.
Le denizioni di insieme inferiormente limitato e di minorante sono analoghe alle
precedenti.
Sezione 1.2 Ordinamenti 3
1.2.4 Denizione. Un sottoinsieme non vuoto di un insieme ordinato si dice limitato
se `e sia inferiormente, sia superiormente limitato.
I numeri interi non negativi sono un insieme inferiormente limitato, ma non superior-
mente limitato in Z. I numeri interi compresi tra 7 e 5 sono un sottoinsieme limitato
di Z.
1.2.5 Denizione. Siano E un insieme ordinato e B E non vuoto e limitato
superiormente. Un elemento E si chiama estremo superiore di B, e si scrive
= sup B, se
(i) `e un maggiorante di B
(ii) se , allora non `e un maggiorante di B.
Se B, si dice che `e massimo di B, e che B ammette massimo.
Lestremo superiore di un insieme B, se esiste, `e unico.
Supponiamo che e verichino le propriet` a (i) e (ii) della Denizione 1.2.5. Per la (i),
e sono entrambi maggioranti di B. Conseguentemente, per la Denizione 1.2.5 (ii)
non pu` o essere ne , ne . Perci` o = , perche E `e ordinato e quindi deve
valere una e una sola delle relazioni della Denizione 1.2.1, come richiesto.
1.2.6 Esempi.
Siano A = x Q : x 0 e B = x Q : x < 0. Osserviamo che:
(i) 0 `e un maggiorante di A e di B.
(ii) se y < 0, y non `e un maggiorante ne di A, ne di B, perche tutti i razionali tra y
e 0 sono sia in A, sia in B.
Perci` o, sup A = 0 = supB. Poiche 0 (A B), si ha che 0 `e il massimo di A, mentre
B non ha massimo.
Sia E =
def
1 1/n : n N

. Osserviamo che:
(i) 1 `e un maggiorante di E
(ii) sia x un razionale < 1. Allora
x 1
1
n
n
1
1 x
,
e quindi x non `e un maggiorante di E.
Perci` o supE = 1. Siccome 1 / E, 1 non `e massimo.
Sia E un sottoinsieme nito di Q. Allora E ha massimo.
1.2.7 Teorema. Valgono le propriet` a seguenti:
(i) linsieme p Q
+
: p
2
< 2 non ha estremo superiore in Q
(ii) lequazione p
2
= 2 non ha soluzioni in Q
+
.
Dimostrazione. Dimostriamo (i). Siano
E =
def
p Q
+
: p
2
< 2 e F =
def
Q
+
E.
4 Capitolo 1. Insiemi numerici
Osserviamo che:
ogni elemento di F `e un maggiorante di E.
Siano r E e s F. Mostriamo che r < s. Infatti, se fosse s r, si avrebbe
s
2
r
2
< 2, cio`e s sarebbe in E.
se p E, allora p non `e un maggiorante di E.
Infatti, il numero
r =
def
p
p
2
2
p + 2
=
2p + 2
p + 2
soddisfa le relazioni seguenti:
r > p, r
2
2 = 2
p
2
2
(p + 2)
2
< 0.
se q F, allora esiste un elemento di F pi` u piccolo di q.
Infatti, il numero
s =
def
q
q
2
2
q + 2
=
2q + 2
q + 2
soddisfa le relazioni seguenti
s < q, s
2
2 = 2
q
2
2
(q + 2)
2
> 0.
Lestremo superiore di E, se esistesse, sarebbe un razionale positivo. Poiche Q
+
=
E F, lestremo superiore dovrebbe appartenere a E oppure a F. Gli ultimi due punti
mostrano che ci` o `e impossibile.
Dimostriamo (ii). Se esistesse x Q tale che x
2
= 2, allora x / E e quindi x F.
Abbiamo mostrato sopra che esiste y F tale che y < x. Conseguentemente, avremmo
y
2
< x
2
= 2, cio`e y E; assurdo, perche E F = . .
Esercizi
1 Si diano le denizioni di insieme inferiormente limitato, di minorante e di estremo
inferiore di un insieme. Si dimostri poi che lestremo inferiore di un insieme, se esiste, `e
unico.
2 Siano B un sottoinsieme non vuoto di un insieme ordinato, m un minorante e M un
maggiorante di B. Si dimostri che m M.
3 Si dimostri che non esistono numeri razionali tali che x
3
= 2.
4 Si dimostri che lestremo superiore in Q dellinsieme n/(n + 1) : n N `e 1.
5 Sia q Q. Si calcolino, quando esistono, lestremo superiore e lestremo inferiore in Q
dellinsieme q
n
: n N.
6 Si calcolino lestremo superiore e lestremo inferiore in Q dellinsieme (1)
n
/n : n
N

.
Sezione 1.3 Strutture algebriche e dordine 5
1.3 Strutture algebriche e dordine
1.3.1 Denizione. Un insieme C `e un campo se sono denite due operazioni
+ : C C C e : C C C con le propriet` a seguenti:
(S1) (propriet` a commutativa) a +b = b +a a, b C;
(S2) (propriet` a associativa) (a +b) +c = a + (b +c) a, b, c C;
(S3) esiste un elemento 0 in C tale che a + 0 = a a C;
(S4) per ogni a in C esiste un elemento, detto opposto di a e indicato con a, tale che
a + (a) = 0;
(P1) (propriet` a commutativa) a b = b a a, b C;
(P2) (propriet` a associativa) (a b) c = a (b c) a, b, c C;
(P3) esiste un elemento diverso da 0, e indicato con 1, tale che a 1 = a a C;
(P4) per ogni a ,= 0 esiste un elemento, detto reciproco di a e indicato con a
1
, tale che
a a
1
= 1;
(D) (propriet` a distributiva) (a +b) c = a c +b c a, b, c C.
Se C `e un campo, la sottrazione e la divisione si deniscono come segue
a b =
def
a + (b) e
a
b
=
def
a b
1
se b ,= 0.
1.3.2 Denizione. Un insieme ordinato C `e un campo ordinato se `e un campo e
(CO1) per ogni y, z C tali che y < z, e per ogni x C, si ha che x +y < x +z
(CO2) per ogni x, y C tali che 0 < x e 0 < y, si ha che 0 < x y.
Gli elementi a C tali che a > 0 si chiamano numeri positivi; quelli tali che a < 0 si
chiamano numeri negativi.
Per il Teorema 1.1.2, Q `e un campo ordinato rispetto alle usuali operazioni di somma
e prodotto e allusuale relazione dordine.
Esercizi
1 Si dimostri che in un campo lelemento neutro rispetto alla somma e lelemento neutro
rispetto al prodotto sono unici.
2 Si dimostri che in un campo lopposto di un elemento e il reciproco di un elemento
non nullo sono unici.
3 Si dimostri che in un campo ordinato C valgono le propriet` a seguenti:
(i) a 0 = 0 per ogni a C;
(ii) (legge di annullamento del prodotto) se ab = 0, allora a = 0 oppure b = 0;
(iii) (a b) = a (b).
4 Si dimostri che in un campo ordinato C valgono le propriet` a seguenti:
(i) se a 0, allora a 0;
6 Capitolo 1. Insiemi numerici
(ii) se a b, allora b a 0;
(iii) se a b e c 0, allora a c b c;
(iv) per ogni a C, si ha che a
2
0. In particolare, 1 = 1 1 > 0.
1.4 Numeri reali
1.4.1 Denizione. Diciamo che un insieme ordinato E ha la propriet`a dellestre-
mo superiore se ogni suo sottoinsieme non vuoto superiormente limitato ha estremo
superiore in E.
Per il Teorema 1.2.7 (i), Q non ha la propriet` a dellestremo superiore.
1.4.2 Teorema. Esiste un unico (a meno di isomorsmi) campo ordinato con la
propriet` a dellestremo superiore. Esso contiene Q come sottocampo.
Dimostrazione. La dimostrazione `e lunga e la omettiamo. Si veda, p.es., [R, Thm 1.19].
.
1.4.3 Denizione. Il campo ordinato con la propriet` a dellestremo superiore con-
tenente Q come sottocampo, la cui esistenza `e assicurata dal Teorema 1.4.2, si chiama
campo dei numeri reali e si indica con R. Gli elementi di R sono detti numeri reali.
Gli elementi di R Q si chiamano numeri irrazionali.
Siano x un numero reale ed E
x
=
def
y R : y x. Vale la formula x = supE
x
.
Infatti, da un lato x `e un un maggiorante di E
x
. Dallaltro, se z < x, allora z non `e
un maggiorante di E
x
, perche x `e in E
x
ed `e > z.
1.4.4 Denizione. Siano A, B due sottoinsiemi non vuoti di R. Poniamo:
(i) A+B =
def
a +b : a A, b B
(ii) AB =
def
ab : a A, b B
(iii) A =
def
a : a A
(iv) se 0 / A, A
1
=
def
a
1
: a A.
1.4.5 Proposizione. Siano A, B due sottoinsiemi non vuoti di R. Valgono le
propriet` a seguenti:
(i) sup(A+B) = supA+ sup B
(ii) sup(A) = inf A
(iii) se A, B R
+
, allora sup(AB) = (sup A) (supB).
Dimostrazione. Dimostriamo (i).
sup A+ sup B `e un maggiorante di A+B.
Infatti, se a A e b B, allora a supA, b sup B e quindi a +b sup A+ sup B.
Sezione 1.5 Linsieme dei numeri reali esteso 7
Sia x < sup A+ sup B. Allora x non `e un maggiorante di A+B.
Posto = sup A + supB x, scriviamo x = (sup A /2) + (supB /2). Poiche
sup A /2 non `e un maggiorante di A e sup B /2 non `e un maggiorante di B,
esistono a A e b B tali che
sup A/2 < a < supA e supB /2 < b < sup B.
Quindi x = sup A/2 + sup B /2 < a +b, come richiesto.
Per le dimostrazioni di (ii) e (iii) si veda lEsercizio 2. .
Esercizi
1 Si dimostri che se r ,= 0 `e razionale e x `e irrazionale, allora r +x e rx sono irrazionali.
2 Si dimostri la Proposizione 1.4.5 (ii) e (iii).
3 Siano A, B due sottoinsiemi non vuoti di R. Si dimostrino le propriet` a seguenti:
(i) sup(AB) = supAinf B
(ii) se inf A > 0, allora sup
_
A
1
_
= 1/ inf A
(iii) se A, B R R
+
, allora sup(AB) = (inf A) (inf B).
1.5 Linsieme dei numeri reali esteso
1.5.1 Denizione. Chiamiamo insieme dei numeri reali esteso, e lo indichiamo
con R

, linsieme ordinato R+ in cui deniamo una relazione dordine che


coincide con quella di R quando ristretta a R e tale che
minR

= e max R

= +.
La gura qui sopra d` a unimmagine pittorica di R

.
Ogni sottoinsieme di R

`e inferiormente limitato da e superiormente limitato


da +.
Chiaramente R `e un sottoinsieme proprio di R

. Ricordiamo che abbiamo denito


lestremo superiore (risp. inferiore) di sottoinsiemi superiormente (risp. inferior-
mente) limitati di R. Estendiamo queste denizioni al caso di insiemi illimitati nel
modo seguente. Se E `e un sottoinsieme non vuoto di R non superiormente (risp. in-
feriormente) limitato, diremo che E ha estremo superiore + (risp. estremo inferiore
8 Capitolo 1. Insiemi numerici
), e scriveremo supE = + (risp. inf E = ). Con questa posizione, ogni
sottoinsieme non vuoto di R ha estremo inferiore e estremo superiore, eventualmente
inniti.
Deniamo in R

unalgebrizzazione parziale, ponendo:


(i) se x R,
x + (+) =
def
+, x + () =
def
,
x

=
def
0
x
+
=
def
0
(ii) se x `e un numero reale > 0,
x (+) =
def
+ e x () =
def

(iii) se x `e un numero reale < 0,


x (+) =
def
e x () =
def
+
(iv) (+) + (+) =
def
+ , () + () =
def
, (+) (+) =
def
+ ,
(+) () =
def
, () () =
def
+.
Se z e w sono in R

e z+w `e denita in uno dei paragra (i)(iv) del punto precedente,


poniamo w + z =
def
z + w; in maniera simile, se z w `e denita in (i)(iv), poniamo
wz =
def
zw. Con queste posizioni, le operazioni di somma e prodotto tra due elementi
di R

, quando denite, risultano commutative.


1.5.2 Proposizione. Non `e possibile denire la somma di e + in modo che
R

sia un campo ordinato contenente R come sottocampo ordinato.


Dimostrazione. La tesi segue dal Teorema 1.4.2. Infatti, se fosse possibile rendere R

un
campo ordinato contenente Q come sottocampo, R e R

sarebbero campi ordinati distinti,


con la propriet` a dellestremo superiore, contenenti Q come sottocampo, contro lunicit` a
asserita dal Teorema 1.4.2.
`
E istruttivo darne una dimostrazione diretta. Se R

fosse un campo ordinato, +


dovrebbe avere un opposto. Ora, lopposto di + non pu` o essere un numero reale oppure
+, perche abbiamo posto x+(+) =
def
+ per ogni x in R(+). Perci` o lopposto di
+ dovrebbe necessariamente essere . Ci` o implicherebbe la relazione (+)+() =
0. Ma, allora, dalla relazione
1 + (+) = +,
aggiungendo ad entrambi i membri, ed usando la propriet` a distributiva, si otterrebbe
1 = 0, relazione falsa in qualunque campo. .
Sia R. Loperazione /0 non `e denita, perche, per denizione di divisione,
leventuale risultato, moltiplicato per 0 dovrebbe dare ; ora, se ,= 0, ci` o `e impossibile,
mentre se = 0, allora ogni numero reale r soddisfa lequazione 0 = r 0.
Sezione 1.5 Linsieme dei numeri reali esteso 9
Pi` u in generale, si pu` o dimostrare che non `e possibile denire alcuna delle operazioni
sottoelencate in modo che R

sia un campo ordinato contenente R come sottocampo


ordinato:
() + (+), 0 (+), 0 (),

0
( R

),

.
Chiamiamo forma indeterminata una qualunque delle espressioni precedenti.
Per brevit` a, nel seguito scriveremo invece di +.
1.5.3 Denizione. Siano a, b R. Poniamo
(a, b) =
def
x R : a < x < b
[a, b) =
def
x R : a x < b
(a, b] =
def
x R : a < x b
[a, b] =
def
x R : a x b
(, b) =
def
x R : x < b
(, b] =
def
x R : x b
(a, ) =
def
x R : a < x
[a, ) =
def
x R : a x
(, ) =
def
R.
Si chiama intervallo di R, pi` u brevemente intervallo, uno qualunque degli insiemi sopra
deniti. Gli intervalli (a, b), (, b), (a, ) e (, ) si dicono aperti, gli intervalli [a, b],
(, b] e [a, ) si dicono chiusi, [a, b) si dice chiuso a sinistra e aperto a destra e
(a, b] si dice chiuso a destra e aperto a sinistra.
Esercizi
1 Siano A, B due sottoinsiemi non vuoti di R

. Si dimostri che valgono le propriet` a


seguenti:
(i) sup(A+B) = sup A+sup B (ad eccezione del caso in cui supA = e sup B = ,
o viceversa)
(ii) sup(A) = inf A
(iii) se A, B R
+
, allora sup(AB) = (sup A) (supB).
10 Capitolo 1. Insiemi numerici
1.6 Binomio di Newton
1.6.1 Denizione. Sia n N

. Chiamiamo fattoriale di n il numero


n! =
def
n(n 1)(n 2) 1.
Poniamo 0! =
def
1.
1.6.2 Denizione. Siano n e k in N. Chiamiamo coeciente binomiale (n su
k) il numero
_
n
k
_
=
def
n!
k! (n k)!
.
1.6.3 Teorema (potenza del binomio). Siano a e b in R, e n in N. Allora
(a +b)
n
=
n

k=0
_
n
k
_
a
k
b
nk
.
Dimostrazione. Una dimostrazione di carattere combinatorio di questa formula verr` a data
nei corsi di probabilit` a. .
Nei casi n = 2 e n = 3 ritroviamo le formule
(a +b)
2
= a
2
+ 2ab +b
2
e (a +b)
3
= a
3
+ 3a
2
b + 3ab
2
+b
3
.
Esercizi
1 Siano h > 0 e m N. Si dimostri che (1 +h)
m
1 +mh.
2 Utilizzando lEsercizio 1, si dimostri che se x > 1, allora linsieme x
n
: n N non `e
superiormente limitato. Linsieme (x)
n
: n N `e inferiormente limitato?
3 Si dimostrino le formule
0 =
n

i=0
(1)
i
_
n
i
_
e 2
n
=
n

i=0
_
n
i
_
.
Sezione 1.7 Propriet` a metriche dei numeri reali 11
1.7 Propriet`a metriche dei numeri reali
1.7.1 Denizione. La funzione [[ : R R, denita da
[a[ =
def
_
a se a 0
a se a < 0,
si chiama funzione modulo.
1.7.2 Proposizione. Siano x, y, z R. Valgono le propriet` a seguenti:
(i) [x[ 0 e [x[ = 0 se e solo se x = 0
(ii) [xy[ = [x[ [y[ (in particolare [x[ = [x[)
(iii) (disuguaglianza triangolare)

[x[ [y[

[x y[ [x[ +[y[.
Inoltre,

[x[ [y[

= [x y[ sse xy 0 e [x y[ = [x[ +[y[ sse xy 0.


Dimostrazione. Le dimostrazioni di (i) e di (ii) sono semplici e le omettiamo.
Dimostriamo la disuguaglianza di destra di (iii). Poiche le espressioni [x y[ e [x[ +[y[
sono simmetriche in x e y, possiamo, senza ledere la generalit` a, assumere che x y.
Abbiamo che
[x y[ = x y
(perche x [x[ e y [y[) [x[ +[y[ ,
come richiesto.
Inoltre,
x y = [x[ +[y[ [y[ y = [x[ x.
Poiche il secondo membro dellultima uguaglianza `e non negativo, anche il primo membro
deve esserlo; questo forza 0 y, cio`e y 0. Con queste restrizioni, il primo membro
dellultima uguaglianza `e nullo, ergo si deve avere [x[ x = 0, cio`e x 0. Ne consegue che
xy 0, come richiesto.
La disuguaglianza di sinistra e la relativa condizione di uguaglianza si dimostrano in
modo analogo. .
12 Capitolo 1. Insiemi numerici
1.7.3 Denizione. Chiamiamo distanza euclidea di due numeri reali x e y il
numero reale non negativo
d(x, y) =
def
[x y[ .
Siano E R non vuoto e x R. Chiamiamo distanza di x da E il numero
d(x, E) =
def
inf[x y[ : y E.
Siano a < b due numeri reali Osserviamo che
(a, b) = x R : d
_
x, (a +b)/2
_
< (b a)/2
e che
[a, b] = x R : d
_
x, (a +b)/2
_
(b a)/2.
Osserviamo che se x E, allora d(x, E) = 0.
Viceversa, d(x, E) = 0 non implica che x appartenga a E. Ad esempio, d
_
0, (0, 1]
_
= 0,
ma 0 / (0, 1].
Se E = y, allora d(x, E) = [x y[ = d(x, y).
Sia x R. La parte intera di x `e denita da
x| =
def
maxk Z : k x.
Per esempio,
3/2| = 2, 11/4| = 2, 9| = 9.
La mantissa di x, che indicheremo con mant(x), `e denita dalla formula
mant(x) = x x|,
Sezione 1.8 Propriet` a aritmetiche dei numeri reali 13
ed `e un numero reale in [0, 1).
Esercizi
1 Si disegni il graco della funzione x d(x, Z).
2 Sia f : R R. Si dimostri che condizione necessaria e suciente anche

[f(x)[ x

[f(x) x[ x R
`e che valga limplicazione seguente:
f(x) < 0 = x 0.
1.8 Propriet`a aritmetiche dei numeri reali
1.8.1 Proposizione. Valgono le aermazioni seguenti:
(i) (propriet`a di Archimede) dati a, b R
+
, esiste n N tale che na > b;
(ii) (densit`a di Q in R) dati a, b R, con a < b, esiste q Q tale che a < q < b;
(iii) (esistenza della radice n-esima aritmetica) dati y R
+
e n N

, esiste un
unico x R
+
tale che x
n
= y.
Dimostrazione. Dimostriamo (i). Osserviamo che
_
ba
1
_
ba
1
<
_
ba
1
_
+ 1, per le
propriet` a della funzione parte intera. Posto n =
def
_
ba
1
_
+1, abbiamo che n > ba
1
, cio`e
che na > b, come richiesto.
Dimostriamo (ii). Per (i), esiste un intero positivo n tale che n(ba) > 1, cio`e tale che
nb na > 1. Perci` o esiste un intero, che chiamiamo m, tale che na < m < nb. Dividendo
per n, otteniamo a < (m/n) < b, come richiesto.
14 Capitolo 1. Insiemi numerici
Dimostriamo (iii). Supponiamo y > 1. Sia E =
def
r Q
+
: r
n
< y; E `e superior-
mente limitato. Sia x =
def
supE. Mostriamo che x
n
= y.
Supponiamo per assurdo che x
n
< y. Siano r in E e N in N tali che
r < x < r +
1
N
e
1
N
n1

k=0
_
n
k
_
r
k
< y x
n
(la seconda relazione segue dalla propriet` a archimedea). Mostriamo che x
n
<
_
r +
1
N
_
n
<
y. Infatti,
x < r +
1
N
= x
n
<
_
r +
1
N
_
n
,
e
_
r +
1
N
_
n
=
n

k=0
_
n
k
_
r
k
N
kn
= r
n
+
n1

k=0
_
n
k
_
r
k
N
kn
(perche r < x) < x
n
+
1
N
n1

k=0
_
n
k
_
r
k
N
1+kn
(perche 1/N < 1) < x
n
+
1
N
n1

k=0
_
n
k
_
r
k
< x
n
+y x
n
= y.
Ma allora x non `e il sup E: assurdo.
Se fosse x
n
> y, si procede come nel caso precedente.
Sia ora 0 < y < 1. Allora y
1
> 1 e, per quanto appena dimostrato, esiste z R
+
tale che z
n
= y
1
. Perci` o
_
z
1
_
n
=
_
z
n
_
1
= y,
come richiesto. .
1.8.2 Denizione. Siano y R
+
e n N

. Lunico x R
+
tale che x
n
= y si indica
con y
1/n
e si chiama radice n-esima aritmetica di y se n > 2 e radice quadrata di y
se n = 2. Si usa anche la notazione
n

y invece di y
1/n
.

2 `e irrazionale.
Per denizione di radice quadrata abbiamo che
_
2
_
2
= 2. Per la Proposizione 1.2.7,
lequazione x
2
= 2 non ha soluzioni in Q, ergo

2 R Q, come richiesto.
Sezione 1.9 Potenze con esponente reale 15
1.9 Potenze con esponente reale
1.9.1 Denizione. Siano a R
+
, m Z. Poniamo
a
m
=
def
_
_
_
a a (m volte) se m > 0
1 se m = 0
a
1
a
1
(m volte) se m < 0.
Siano m, p Z e n, q N

tali che
m
n
=
p
q
. Allora
_
a
m
_
1/n
=
_
a
p
_
1/q
.
Dimostriamo la propriet` a richiesta nel caso in cui m 0 (e quindi anche p 0).
La dimostrazione nel caso in cui m < 0 `e simile. Per le denizioni di potenza con
esponente intero e di radice n-esima
_
_
a
m
_
1/n
_
nq
=
_
a
m
_
1/n

_
a
m
_
1/n
. .
. . .
_
a
m
_
1/n

_
a
m
_
1/n
. .
= a
mq
(perche mq = np) = a
pn
=
_
_
a
p
_
1/q
_
nq
;
lultima uguaglianza segue dalla denizione di potenza con esponente intero e di radice
q-esima. Quindi
_
a
m
_
1/n
=
_
a
p
_
1/q
, perche la radice (nq)-esima aritmetica di un
numero reale positivo `e unica.
1.9.2 Denizione. Siano a R
+
, m Z e n N

. Poniamo a
m/n
=
def
_
a
m
_
1/n
.

`
E una buona denizione per il punto precedente.
1.9.3 Proposizione. Siano a R
+
, x e y Q. Allora
a
x+y
= a
x
a
y
.
Conseguentemente, se m Z e n N

, allora
a
m/n
=
_
supa
q
: q Q, q m/n se a 1
_
a
1
_
m/n
se a < 1.
Dimostrazione. Supponiamo che x = m/n e che y = p/q, dove m e p sono in Z, e n e q
sono in N

. Per la propriet` a distributiva dei razionali


a
nq(x+y)
= a
mq+np
(per la Def. 1.9.1) = a
mq
a
np
(n fattori e q fattori) =
_
_
a
m
)
1/n

_
a
m
)
1/n
. .
_
q
_
_
a
p
)
1/q

_
a
p
)
1/q
. .
_
n
=
_
a
m/n
_
nq
_
a
p/q
_
nq
(commutativit` a del prodotto) =
_
a
m/n
a
p/q
_
nq
.
16 Capitolo 1. Insiemi numerici
Per lunicit` a della radice nq-esima, deduciamo che
a
x+y
= a
x
a
y
,
come richiesto.
Osserviamo che se a `e in (1, ) e se z `e un razionale positivo, allora a
z
> 1. Perci` o
la funzione che a x Q associa a
x
`e crescente (vd. la Denizione 2.1.1). Ergo, se a 1,
allora
a
m/n
= supa
q
: q Q, q m/n.
Considerazioni analoghe mostrano che questa formula vale anche se a (0, 1).
Ci` o conclude la dimostrazione della proposizione. .
1.9.4 Denizione. Siano a R
+
, x R. Poniamo
a
x
=
def
_
supa
q
: q Q, q x se a 1
_
a
1
_
x
se a < 1.
1.9.5 Proposizione (disuguaglianza di Bernoulli). Sia h (0, ). Valgono le
aermazioni seguenti:
(i) se 0 < x < 1, allora (1 +h)
x
1 +hx
(ii) se x > 1, allora (1 +h)
x
1 +hx.
Sia h (0, 1). Valgono le aermazioni seguenti:
(iii) se 0 < x < 1, allora (1 h)
x
1 hx
(iv) se x > 1, allora (1 h)
x
1 hx.
Dimostrazione. Dimostriamo (i). Supponiamo dapprima che x Q, x = m/n diciamo,
con m N e n N

e m < n. Dobbiamo mostrare che


(1 +h)
m/n
1 +
m
n
h.
Elevando ambo i membri alla potenza n, portando tutto al primo membro e usando la
formula della potenza di un binomio, otteniamo
(1 +h)
m

_
1 +
m
n
h
_
n
=
m

i=0
_
m
i
_
h
i

i=0
_
n
i
_
_
m
n
h
_
i
(sviluppando i conti) = 1 +mh +
m

i=2
_
m
i
_
h
i
1 n
m
n
h
n

i=2
_
n
i
_
_
m
n
_
i
h
i
(poiche m < n) =
m

i=2
_
_
m
i
_

_
n
i
_
_
m
n
_
i
_
h
i

i=m+1
_
n
i
_
_
m
n
_
i
h
i
.
Per dimostrare che questultimo membro `e negativo, `e suciente mostrare che per ogni
i 2, . . . , m vale la disuguaglianza
_
m
i
_

_
n
i
_
_
m
n
_
i
0.
Sezione 1.9 Potenze con esponente reale 17
Infatti, moltiplicando ambo i membri per n
i
i!, otteniamo
n
i
m(m1) (mi + 1) n(n 1) (n i + 1) m
i
=
i1

j=0
n(mj)
i1

j=0
m(n j)
(perche n(mj) m(n j) 0 per ogni j) 0,
come richiesto.
Sia ora x reale. Per denizione di esponenziale
(1 +h)
x
= sup(1 +h)
r
: r Q, r < x
(per la disuguaglianza gi` a provata) sup1 +rh : r Q, r < x
= 1 +xh,
concludendo la dimostrazione di (i).
Dimostriamo (ii). Se x > 1, allora per la (i) si ha
(1 +hx)
1/x
< 1 +hx
1
x
= 1 +h,
da cui, elevando alla x si ottiene 1 +hx < (1 +h)
x
.
Dimostriamo (iii). Sia dunque 0 < x < 1 e 0 < h < 1. Possiamo aermare che esiste
un t > 0 tale che 1 h = (1 +t)
1
, e risulta h =
t
1+t
. Allora si ha
(1 h)
x
= (1 +t)
x
=
(1 +t)
1x
1 +t
per la (i) <
1 +t(1 x)
1 +t
= 1
t
1 +t
x
= 1 hx.
Dimostriamo inne (iv). Siano x > 1 e 0 < h < 1. Osserviamo intanto che, se
1 hx 0, cio`e se x 1/h, allora la disuguaglianza `e vera in quanto il primo membro `e
positivo, mentre il secondo `e negativo o nullo.
Se invece 1 < x < 1/h, allora, con procedimento analogo a quello di (ii), possiamo
scrivere
(1 hx)
1/x
< 1 hx
1
x
= 1 h,
da cui, elevando alla x si ottiene 1 hx < (1 h)
x
. .
1.9.6 Proposizione. Siano a R
+
e x, y R. Valgono le aermazioni seguenti:
(i) a
x
> 0 e a
x+y
= a
x
a
y
(ii) sia x R
+
; se a > 1, allora a
x
> 1, se a < 1, allora a
x
< 1
18 Capitolo 1. Insiemi numerici
(iii) sia x < y. Se a > 1, allora a
x
< a
y
; se a < 1, allora a
x
> a
y
(iv) infa
x
: x R = 0, supa
x
: x R = .
Dimostrazione. Dimostriamo (i). Poiche a > 0, si ha che a
q
> 0 per ogni q in Q, da cui
segue che a
x
> 0 per ogni x in R.
Supponiamo che a > 1. Per ogni v in R poniamo
E
v
=
def
r Q : r < v.
Chiaramente supE
v
= v. Aermiamo che
E
x+y
= E
x
+E
y
.
Infatti, da un lato se r E
x
e s E
y
, allora r +s E
x+y
e quindi
E
x+y
E
x
+E
y
.
Dallaltro, se t E
x+y
, allora t < x +y; sia r in Q tale che 0 < x r < (1/2) (x +y t).
Allora t r < y + r x; siccome r x < 0, possiamo concludere che t r < y. Posto
s =
def
t r, abbiamo che t = r + s, con r < x e s < y, e quindi che t appartiene a
r +s : r E
x
, s E
y
, provando cos` linclusione
E
x+y
E
x
+E
y
.
Osserviamo che, per la denizione di esponenziale,
a
x+y
= supa
t
: t E
x+y

= supa
r+s
: r E
x
, s E
y

(perche a
r+s
= a
r
a
s
per r, s Q) = supa
r
a
s
: r E
x
, s E
y

(per la Proposizione 1.4.5 (iii)) = supa


r
: r E
x
supa
s
: s E
y

= a
x
a
y
,
come richiesto.
Sia ora 0 < a < 1. Allora a
1
> 1 e si procede come sopra.
La dimostrazione di (ii) `e semplice e la omettiamo.
Dimostriamo (iii). Supponiamo a > 1. Scriviamo y = (y x) +x. Per (i)
a
y
= a
yx
a
x
(perche a
yx
> 1 per (ii)) > a
x
,
come richiesto. La dimostrazione nel caso 0 < a < 1 `e analoga.
Inne, dimostriamo (iv). Supponiamo a > 1 e scriviamo a = 1 +h, con h > 0. Allora,
essendo x a
x
crescente, si ha che
supa
x
: x R supa
n
: n N
(dis. di Bernoulli) sup1 +nh : n N
= ,
Sezione 1.9 Potenze con esponente reale 19
dimostrando cos` la seconda formula di (iv).
Essendo x a
x
crescente, si ha che
infa
x
: x R = infa
m
: m Z
= inf(1/a)
n
: n N
(dis. di Bernoulli) inf1/(1 +nh) : n N
= 0,
e anche la prima formula `e dimostrata.
La dimostrazione nel caso 0 < a < 1 `e analoga. .
Non `e possibile denire potenze con base negativa ed esponente reale in modo che R
continui a essere un campo ordinato.
Supponiamo, ad esempio, che sia possibile denire la radice quadrata di (2). Allora
si dovrebbe avere
(2)
1/2
(2)
1/2
= 2,
contro la propriet` a che il quadrato di un elemento di un campo ordinato `e non negativo
(vd. Esercizio 4, Sezione 1.3).
Funzione logaritmo. Dalla Proposizione 1.9.6 segue che se a ,= 1, allora la funzione
x a
x
`e una bigezione di R su R
+
. Essa ammette una funzione inversa, che `e una
bigezione di R
+
su R e che si chiama funzione logaritmo in base a. Per ogni y in
R
+
, esiste un unico x in R tale che a
x
= y; esso si chiama logaritmo in base a di y,
e si indica con log
a
y.
20 Capitolo 1. Insiemi numerici
Esercizi
1 Sia x R
+
. Si calcolino lestremo superiore e lestremo inferiore dellinsieme x
1/n
:
n N

.
2 Sia f : R R non decrescente (vd. Def. 2.1.1). Allora
supf(x) : x R = supf(n) : n N.
2 Limiti
2.1 Limiti da sinistra
2.1.1 Denizione. Siano I un intervallo e f : I R. Diciamo che f `e crescente
(risp. decrescente) in I se per ogni x, y I tali che x < y vale la formula
f(x) < f(y) (risp. f(x) > f(y)).
Diciamo che f `e non decrescente (risp. non crescente) in I se per ogni x, y I tali
che x < y vale la formula
f(x) f(y) (risp. f(x) f(y)).
Nel seguito, per comodit` a di notazione, scriveremo
inf
xI
f(x) invece di inff(x) : x I
e
sup
xI
f(x) invece di supf(x) : x I.
2.1.2 Denizione. Siano a < b e f : (a, b) R. Siano f
b
: (a, b) R

e f
b
: (a, b) R

denite da
f
b
(x) =
def
inf
y[x,b)
f(y) e f
b
(x) =
def
sup
y[x,b)
f(y);
f
b
prende il nome di massima minorante non decrescente di f, e f
b
prende il nome
di minima maggiorante non crescente di f.
22 Capitolo 2. Limiti
2.1.3 Proposizione. Siano a < b e f : (a, b) R. Valgono le propriet` a
seguenti:
(i) f
b
`e non decrescente;
(ii) f
b
`e non crescente;
(iii) inf
x(a,b)
f(x) f
b
f f
b
sup
x(a,b)
f(x);
(iv) sup
x(a,b)
f
b
(x) inf
z(a,b)
f
b
(z).
Dimostrazione. Le propriet` a (i) - (iii) sono conseguenze ovvie delle denizioni di f
b
e di f
b
.
Dimostriamo (iv). Siano x, z (a, b) e v [max(x, z), b); allora
f
b
(x) = inf
y[x,b)
f(y)
f(v)
sup
y[z,b)
f(y)
f
b
(z).
Conseguentemente,
f
b
(x) f
b
(z) x, z (a, b).
Prendendo lestremo inferiore al variare di z in (a, b), si deduce che
f
b
(x) inf
z(a,b)
f
b
(z) x (a, b);
Prendendo lestremo superiore al variare di x in (a, b), si conclude che
sup
x(a,b)
f
b
(x) inf
z(a,b)
f
b
(z),
Sezione 2.1 Limiti da sinistra 23
come richiesto. .
Le funzioni f
b
e f
b
dipendono da a, oltre che da f e da b. Tuttavia, osserviamo che
se a < c < b e g indica la restrizione di f a (c, b), allora f
b
= g
b
e f
b
= g
b
in (c, b).
2.1.4 Denizione. Siano a < b e f : (a, b) R. Supponiamo che
sup
x(a,b)
f
b
(x) = inf
x(a,b)
f
b
(x),
e indichiamo con il valore comune di sup
x(a,b)
f
b
(x) e di inf
x(a,b)
f
b
(x); si chiama limite
di f a b da sinistra e si scrive
lim
xb

f(x) = .
Se = 0, si dice che f `e innitesima in b da sinistra;
se = , oppure = , si dice che f `e innita in b da sinistra;
se b = , si omette la specicazione da sinistra nella denizione precedente.
Se f ammette limite a b da sinistra, esso `e unico.
2.1.5 Esempio. Sia f : R
+
R denita da
f(x) =
_
1 se x (2n, 2n + 1), n N
0 se x [2n + 1, 2n + 2], n N.
Osserviamo che f

(x) = 0 e che f

(x) = 1 per ogni x R


+
. Perci` o
sup
xR
f

(x) = 0 ,= 1 = inf
xR
f

(x),
e quindi f non ammette limite a .
Lesempio precedente mostra che una funzione pu` o non ammettere limite.
`
E impor-
tante notare che le funzioni monotone ammettono sempre limite. Questo `e il contenuto
della seguente fondamentale proposizione.
24 Capitolo 2. Limiti
2.1.6 Proposizione (esistenza del limite per funzioni monot` one). Siano
a < b e f : (a, b) R. Valgono le propriet` a seguenti:
(i) se f `e non decrescente, allora lim
xb

f(x) = sup
y(a,b)
f(y);
(ii) se f `e non crescente, allora lim
xb

f(x) = inf
y(a,b)
f(y).
Dimostrazione. Dimostriamo (i); la dimostrazione di (ii) `e analoga. Osserviamo che
f
b
(x) = inf
y[x,b)
f(y)
(f `e non decrescente) = f(x) x (a, b),
e che
f
b
(x) = sup
y[x,b)
f(y)
(f `e non decrescente) = sup
y(a,b)
f(y) x (a, b).
Conseguentemente
inf
x(a,b)
f
b
(x) = sup
y(a,b)
f(y)
= sup
x(a,b)
f
b
(x)
e (i) segue dalla denizione di limite. .
Unimportante conseguenza della proposizione precedente `e la seguente condizione
necessaria e suciente di esistenza del limite. Intuitivamente, una funzione ammette limite
a b

se e solo se non oscilla troppo vicino a b.


2.1.7 Proposizione. Siano a < b e f : (a, b) R. Le aermazioni
seguenti sono equivalenti:
(i) lim
xb

f(x) = ;
(ii) lim
xb

f
b
(x) = = lim
xb

f
b
(x).
Dimostrazione. Dimostriamo che (i) implica (ii). Poiche f
b
e f
b
sono monotone, esse
ammettono limite a b

per la Proposizione 2.1.6, e valgono le formule


lim
xb

f
b
(x) = sup
y(a,b)
f
b
(y) e lim
xb

f
b
(x) = inf
y(a,b)
f
b
(y).
Per ipotesi
sup
y(a,b)
f
b
(y) = = inf
y(a,b)
f
b
(y),
da cui segue (ii).
Sezione 2.1 Limiti da sinistra 25
Dimostriamo che (ii) implica (i). Poiche f
b
`e monotona non decrescente e f
b
`e mono-
tona non crescente, dalla Proposizione 2.1.6 applicata a f
b
e a f
b
deduciamo che
lim
xb

f
b
(x) = sup
y(a,b)
f
b
(y) e lim
xb

f
b
(x) = inf
y(a,b)
f
b
(y).
Dallipotesi segue che
sup
y(a,b)
f
b
(y) = = inf
y(a,b)
f
b
(y),
cio`e la tesi. .
Siano a < b e f : (a, b) R. Concludiamo questa sottosezione con
losservazione che lesistenza e il valore del limite di f a b

dipendono solo dai valori che


f assume vicino a b.
Formalizzando, supponiamo che g : (c, b) R e che f = g in
_
max(a, c), b
_
. Vogliamo
mostrare che
lim
xb

f(x) = lim
xb

g(x).
Osserviamo che f
b
= g
b
e f
b
= g
b
in (max(a, c), b). Quindi
lim
xb

f(x) = sup
x(a,b)
f
b
(x)
(f
b
`e non decr. e f coincide con g in (max(a, c), b)) = sup
x(c,b)
g
b
(x)
(per denizione di limite) = lim
xb

g(x),
come richiesto.
Esercizi
1 Si dimostrino le propriet` a (i) - (iii) della Proposizione 2.1.3.
2 Per ogni n in Z, si calcoli il lim
x
x
n
.
3 Sia f : R R denita da f(x) = sinx. Si dimostri che f non ammette limite a .
4 Siano a < b e f : (a, b) R. Se f `e non decrescente, allora
lim
xb

f(x) = sup
nN

f(b 1/n).
26 Capitolo 2. Limiti
2.2 Limiti da destra e limiti bilateri
2.2.1 Denizione. Siano a R e
a
: R R la funzione denita da

a
(x) =
def
a (x a);

a
si chiama simmetria rispetto ad a.
Le propriet` a seguenti sono di immediata verica:
(i)
a
`e biunivoca;
(ii)
a
(a) = a;
(iii)
a
_
(a, b)
_
= (2a b, a);
(iv)
0
_
(a, )
_
= (, a).
2.2.2 Denizione. Siano a < b e f : (a, b) R. Se a ,= , e f
a
ammette limite ad a

, diciamo che f ammette limite ad a


+
, e poniamo
lim
xa
+
f(x) =
def
lim
ya

(f
a
)(y).
Inoltre, se f
0
ammette limite a , diciamo che f ammette limite a , e poniamo
lim
x
f(x) =
def
lim
y
(f
0
)(y).
2.2.3 Denizione. Siano c R e f : (a, c) (c, b) R. Se lim
xc

f(x) = lim
xc
+
f(x),
diciamo che f ammette limite a c, e poniamo
lim
xc
f(x) =
def
lim
xc
+
f(x).
Considerazioni analoghe a quelle sviluppate nella Sezione 2.1 valgono anche per il
limite da destra e il limite.
Sezione 2.3 Limiti e ordinamento 27
Esercizi
1 Per ogni k in Z, si discuta lesistenza dei limiti seguenti:
lim
x0

x
k
, lim
x0
+
x
k
e lim
x0
x
k
.
2 Sia f : (a, b) R. Siano
a
f e
a
f denite da
a
f(x) =
def
inf
y(a,x]
f(y) e
a
f(x) =
def
sup
y(a,x]
f(y).
Si caratterizzi il limite di f ad a
+
mediante
a
f e
a
f.
2.3 Limiti e ordinamento
In questa sezione esamineremo alcuni risultati, riguardanti il calcolo dei limiti, che
dipendono dalla struttura dordine di R

. Per semplicare lesposizione, ci limiteremo al


caso dei limiti da sinistra: risultati analoghi si possono formulare per i limiti da destra e
per i limiti bilateri.
2.3.1 Proposizione (permanenza del segno). Siano a < b e f :
(a, b) R. Valgono le aermazioni seguenti:
(i) se sup
x(a,b)
f
b
(x) > 0, allora esiste (a, b) tale che f
_
(, b)
_
R
+
(ii) se f
_
(a, b)
_
[0, ) e lim
xb

f(x) = , allora 0.
Dimostrazione. Dimostriamo (i). Supponiamo che 0 < t < sup
x(a,b)
f
b
(x). Per denizione
di estremo superiore, esiste y (a, b) tale che f
b
(y) > t. Poiche f
b
`e non decrescente,
f
b
(x) > t per ogni x [y, b). La tesi segue dal fatto che f(x) f
b
(x) in (a, b).
Dimostriamo (ii). Per denizione di limite
= sup
x(a,b)
f
b
(x)
(Prop 2.1.3 (iii)) inf
x(a,b)
f(x)
(f
_
(a, b)
_
[0, )) 0,
come richiesto. .
Lipotesi sup
x(a,b)
f
b
(x) > 0 `e vericata se, ad esempio, lim
xb

f(x) > 0.
2.3.2 Proposizione (confronto). Siano a < b e f, g, h : (a, b) R tali
che f g h. Se
lim
xb

f(x) = = lim
xb

h(x),
28 Capitolo 2. Limiti
allora lim
xb

g(x) = .
Dimostrazione. Lipotesi f g h implica che f
b
g
b
g
b
h
b
. Quindi
= sup
x(a,b)
f
b
(x) sup
x(a,b)
g
b
(x)
inf
x(a,b)
g
b
(x)
inf
x(a,b)
h
b
(x)
= ,
da cui segue che
sup
x(a,b)
g
b
(x) = = inf
x(a,b)
g
b
(x),
cio`e la tesi. .
2.3.3 Denizione. Siano a < b e f : (a, b) R

. Si chiamano parte
positiva e parte negativa di f le funzioni
f
+
=
def
max(f, 0) e f

=
def
min(f, 0).
Osserviamo che f
+
0, f

0, che f = f
+
f

e che [f[ = f
+
+f

.
2.3.4 Proposizione. Siano a < b e f, g : (a, b) R. Valgono le
propriet` a seguenti:
(i) se f e g sono non negative e
lim
xb

f(x) = 0 = lim
xb

g(x) = 0,
Sezione 2.3 Limiti e ordinamento 29
allora lim
xb

max
_
f(x), g(x)
_
= 0;
(ii) lim
xb

f(x) = 0 se e solo se lim


xb

[f(x)[ = 0;
(iii) (limitata per innitesima) se f `e limitata e lim
xb

g(x) = 0, allora lim


xb

(fg)(x) = 0;
(iv) (innita per discosta da zero) se esiste (a, b) tale che inf
y(,b)
f(y) > 0 e
lim
xb

g(x) = , allora lim


xb

(fg)(x) = .
Dimostrazione. Dimostriamo (i). Osserviamo che vale la relazione
0 max
_
f(x), g(x)
_
b
max
_
f
b
(x), g
b
(x)
_
.
Poiche f
b
e g
b
sono non crescenti, tale `e max
_
f
b
, g
b
_
. Per la Proposizione 2.1.6 (ii),
lim
xb

max
_
f
b
, g
b
_
= inf
x(a,b)
max
_
f
b
(x), g
b
(x)
_
= max
_
inf
x(a,b)
f
b
(x), inf
x(a,b)
g
b
(x)
_
= 0,
e la tesi segue dal teorema del confronto.
Dimostriamo (ii).
Supponiamo dapprima che lim
xb

f(x) = 0 e dimostriamo che lim


xb

[f(x)[ = 0.
In virt` u della denizione di limite e dellipotesi, abbiamo che
sup
x(a,b)
f
b
(x) = 0 = inf
x(a,b)
f
b
(x).
Siccome
f

b
= f
b
e f
+
b
= f
b
,
possiamo concludere che
inf
x(a,b)
f

b
(x) = 0 = inf
x(a,b)
f
+
b
(x).
Per (i) (con f

al posto di f e f
+
al posto di g)
lim
xb

max
_
f

b
, f
+
b
_
= 0.
Osserviamo che
0 [f[
= f

+f
+
f

b
+f
+
b
2 max
_
f

b
, f
+
b
_
,
30 Capitolo 2. Limiti
da cui la tesi segue in virt` u della Proposizione 2.3.2.
Supponiamo ora che lim
xb

[f(x)[ = 0. Si verica facilmente che lim


xb

_
[f(x)[
_
= 0.
Poiche [f[ f [f[, la tesi segue dalla Proposizione 2.3.2.
Dimostriamo (iii). In virt` u di (i), `e suciente mostrare che lim
xb

[(fg)(x)[ = 0. Posto
C =
def
sup
y(a,b)
[f(y)[, osserviamo che
0 [(fg)(x)[ C [g(x)[ x (a, b).
Dallipotesi lim
xb

g(x) = 0 e da (i) deduciamo che lim


xb

[g(x)[ = 0; per la Proposizione 2.3.2,


lim
xb

[(fg)(x)[ = 0, come richiesto.


Dimostriamo (iv). Notiamo che se x > , allora
(fg)(x)
_
inf
y(,b)
f(y)
_
g(x);
la tesi segue da questa disuguaglianza e dalla Proposizione 2.3.2. .
2.3.5 Esempi.
Mostriamo che lim
x
sinx
x
= 0.
Per lEsercizio 2 della Sezione 2.1 la funzione x 1/x `e innitesima a . Poiche
[sinx[ 1, la tesi segue dalla Proposizione 2.3.4 (iii).
Mostriamo che lim
x
x(sinx + 2) = .
Per lEsercizio 2 della Sezione 2.1 la funzione x x `e innita a . Poiche (sinx+2)
1, la tesi segue dalla Proposizione 2.3.4 (iv).
2.3.6 Proposizione. Valgono le propriet` a seguenti:
(i) se a > 1 e R, allora lim
x
x

a
x
= 0;
(ii) se a > 1, > 0 e R, allora lim
x
_
log
a
x
_

= 0.
Dimostrazione. Dimostriamo (i). Se 0, la tesi `e immediata. Supponiamo che > 0.
Poniamo a
1/(2)
= 1 +h, da cui h > 0. Notiamo che
(1 +h)
2x
= [(1 +h)
x
]
2
(per la dis. di Bernoulli) > (1 +hx)
2
> h
2
x
2
,
da cui
x

a
x
=
_
x
_
a
1/(2)
_
2x
_

_
x
h
2
x
2
_

,
Sezione 2.4 Limiti di alcune funzioni elementari 31
che tende a zero a . Per il teorema del confronto, possiamo concludere che lim
x
x

a
x
= 0,
come richiesto.
La dimostrazione di (ii) segue la falsariga di quella di (i) e perci` o la omettiamo. Per
una dimostrazione diversa, vd. lEsercizio 4 della Sezione 3.4. .
Esercizi
1 Si dimostri che lim
x0
+
x sin(1/x) = 0.
2 Si dimostri che lim
x0
+
cos x
x
= .
3 Siano a < b e f, g : (a, b) R. Si dimostri che se lim
xb

f(x) < lim


xb

g(x),
allora esiste c (a, b) tale che
f(x) < g(x) x (c, b).
Cosa si pu` o dire se si suppone che lim
xb

f(x) lim
xb

g(x)?
4 Siano a < b e f, g : (a, b) R. Si dimostri che le aermazioni seguenti
sono equivalenti:
(i) lim
xb

[f[
b
(x) < ;
(ii) esiste c (a, b) tale che f `e limitata in (c, b).
2.4 Limiti di alcune funzioni elementari
Diamo alcuni risultati di esistenza di limiti da sinistra di funzioni elementari. La di-
mostrazione dellesistenza dei corrispondenti limiti da destra `e analoga. Nelle consider-
azioni che seguono la Proposizione 2.1.6 sullesistenza del limite per funzioni monotone
gioca un ruolo fondamentale.
In questo paragrafo supponiamo che b R.
Se f : (a, b) R `e denita da f(x) = C, allora lim
xb

f(x) = C.
Ovvio.
lim
xb

x = b.
Poiche x x `e crescente, il limite proposto esiste ed `e uguale al sup
x<b
x, che vale b.
Se k N, allora lim
xb

x
k
= b
k
.
Esiste un intervallo (a, b) in cui x x
k
`e monotona. Quindi il limite proposto esiste;
se, ad esempio, b > 0, allora x x
k
`e crescente in (0, b) e
lim
xb

f(x) = sup
0<x<b
x
k
= b
k
.
32 Capitolo 2. Limiti
lim
xb

a
x
= a
b
.
Supponiamo a > 1. Allora x a
x
`e crescente per la Proposizione 1.9.6 e quindi il
limite proposto esiste. Si ha
lim
xb

a
x
= sup
x<b
a
x
(denizione di esp.) = sup
x<b
supa
q
: q Q, q < x
= supa
q
: q Q, q < b
(denizione di esp.) = a
b
,
come richiesto.
Il caso 0 < a < 1 si tratta in modo simile.
lim
xb

sinx = sinb.
Esiste un intervallo (a, b) in cui x sinx `e monotona. Quindi il limite proposto
esiste. Per la formula di addizione del seno
sinx = sin(x b +b) = sin(x b) cos b + sinb cos(x b),
da cui
[sinx sinb[ [sin(x b)[ + 1 cos(x b).
Il secondo membro, e quindi anche il primo, `e nullo se x b = (2k + 1), k Z.
Supponiamo ora che x b ,= (2k + 1), k Z. Dalle formule
[sin(x b)[ [x b[ e 1 cos(x b) =
sin
2
(x b)
1 + cos(x b)
si deduce per confronto che lim
xb

_
sinx sinb) = 0, come richiesto.
Esercizi
1 Si dimostri che se b R, allora lim
xb
cos x = cos b. Dalla catena di disuguaglianze
cos x <
sinx
x
< 1, valida per x [/2, /2], si deduca che
lim
x0
sinx
x
= 1.
2 Si dimostri che:
se a > 1, allora lim
x
a
x
= ;
se 0 < a < 1, allora lim
x
a
x
= 0;
se a > 1, allora lim
x
log
a
x = ;
se 0 < a < 1, allora lim
x
log
a
x = ;
se a > 1, allora lim
x0
+ log
a
x = ;
se 0 < a < 1, allora lim
x0
+ log
a
x = .
Sezione 2.5 Caratterizzazione del limite 33
2.5 Caratterizzazione del limite
2.5.1 Proposizione. Siano a < b e f : (a, b) R. Le aermazioni
seguenti sono equivalenti:
(i) lim
xb

f(x) = R;
(ii) per ogni intervallo aperto I contenente , esiste x
I
(a, b) tale che f
_
(x
I
, b)
_
I.
Dimostrazione. Dimostriamo che (i) implica (ii). Dato lintervallo I, consideriamo linsie-
me E
I
= x (a, b) : f
b
(x) I e f
b
(x) I. Osserviamo che:
E
I
,= .
Se x E
I
allora [x, b) E
I
.
Se x
I
E
I
, allora f(x) I per ogni x (x
I
, b), perch`e f
b
(x) f(x) f
b
(x).
Questo conlude la dimostrazione dellimplicazione (i) = (ii).
Dimostriamo che (ii) implica (i). Per ipotesi, per ogni n N

esiste x
n
(a, b) tale
che f
_
(x
n
, b)
_
( 1/n, + 1/n). Perci` o,
1/n inf
y(x
n
,b)
f(y)
f
b
(x)
f
b
(x)
sup
y(x
n
,b)
f(y)
+ 1/n x (x
n
, b).
Per il teorma del confronto
1/n lim
xb

f
b
(x) + 1/n e 1/n lim
xb

f
b
(x) + 1/n.
34 Capitolo 2. Limiti
Poiche queste relazioni devono valere per ogni n N

, possiamo concludere che


lim
xb

f
b
(x) = = lim
xb
+
f
b
(x),
e, quindi, che lim
xb

f(x) = per denizione di limite, come richiesto. .


Caratterizzazioni analoghe dellesistenza del limite nel caso di limite innito sono
lasciate per esercizio (vd. Esercizio 1).
Esercizi
1 Siano a < b e f : (a, b) R. Le aermazioni seguenti sono equivalenti:
(i) lim
xb

f(x) = ;
(ii) per ogni intervallo della forma (c, ) esiste x
I
(a, b) tale che f
_
(x
I
, b)
_
(c, ).
2 Siano a < b < e f : (a, b) R. Si dimostri che le aermazioni seguenti sono
equivalenti:
(i) lim
xb

f(x) = R;
(ii) per ogni > 0, esiste > 0 tale che
[f(x) [ < x (b , b).
Come si modica (ii) nel caso in cui b = ?
3 Siano a < b < e f : (a, b) R. Si dimostri che le aermazioni seguenti sono
equivalenti:
(i) lim
xb

f(x) = ;
(ii) per ogni M > 0, esiste > 0 tale che
f(x) M x (b , b).
Come si modica (ii) nel caso in cui b = ?
4 Utilizzando la Proposizione 2.5.1, si dimostri che
lim
x
x
x
2
+ 1
= 0 e che lim
x
x
x
3
1
= 0.
Sezione 2.6 Algebra dei limiti 35
2.6 Algebra dei limiti
2.6.1 Proposizione. Siano f, g : (a, b) R, e , R

. Supponiamo che
lim
xb

f(x) = e lim
xb

g(x) = . Valgono le aermazioni seguenti:


(i) se + non `e una forma indeterminata, allora lim
xb

(f +g)(x) = +;
(ii) se non `e una forma indeterminata, allora lim
xb

(fg)(x) = ;
(iii) se ,= 0 e / non `e una forma indeterminata, allora lim
xb

(f/g)(x) = /.
Dimostrazione. Dimostriamo (i). Se o sono o , la tesi segue facilmente dal
teorema del confronto.
Supponiamo ora che , R. La tesi `e equivalente allaermazione che f + g
( + ) `e innitesima in b da sinistra, che a sua volta `e equivalente allaermazione che
[f +g ( +)[ `e innitesima in b da sinistra, per la Proposizione 2.3.4 (ii). Per ipotesi,
[f [ e [g [ sono innitesime in b da sinistra. Quindi
[f +g ( +)[ [f [ +[g [
2 max
_
[f [ , [g [
_
,
che `e innitesima in b da sinistra per la Proposizione 2.3.4 (i).
Dimostriamo (ii). Se = , allora ,= 0 perche, per ipotesi, non `e una forma
indeterminata. Quindi esiste c (a, b) tale che f ha lo stesso segno di in (c, b). Per (o
per un esercizio simile), si conclude che lim
xb
(fg)(x) = (sgn) . Si ragiona in modo
simile se = .
Siano ora , R. Allora
(fg)(x) =
_
f(x) +
_
g(x)
=
_
f(x)
_
g(x) +
_
g(x)
_
.
Osserviamo che lim
xb

_
f(x)
_
= 0 per ipotesi e che g `e limitata in (c, b); dalla Propo-
sizione 2.3.4 (iii) segue che lim
xb

_
f(x)
_
g(x) = 0. In maniera simile si mostra che
lim
xb

_
g(x)
_
= 0. Ora (ii) `e conseguenza diretta di (i).
La dimostrazione di (iii) `e lasciata come esercizio. .
Nellenunciato precedente, + , e / sono calcolati usando lalgebrizzazione
parziale di R

introdotta nella Sezione 1.5.


Nel caso in cui si presenti una delle forme indeterminate +() oppure ()+
nella proposizione precedente, non c`e modo di prevedere ne lesistenza, ne leventuale
risultato del lim
xb

(f + g)(x). Nei quattro esempi seguenti f(x) = x. Abbiamo


lim
x
f(x) = .
36 Capitolo 2. Limiti
(a) Siano c R e g
1
(x) = x +c. Allora
lim
x
g
1
(x) = e lim
x
_
f(x) +g
1
(x)
_
= c.
(b) Sia g
2
(x) =

x. Allora
lim
x
g
2
(x) = e lim
x
_
f(x) +g
2
(x)
_
= .
(c) Sia g
3
(x) = x
2
. Allora
lim
x
g
3
(x) = e lim
x
_
f(x) +g
3
(x)
_
= .
(d) Sia g
4
(x) = x + sinx. Allora
lim
x
g
4
(x) = , ma lim
x
_
f(x) +g
4
(x)
_
non esiste.
Si possono sviluppare considerazioni relative alle forme indeterminate 0 o /
a analoghe a quelle del punto precedente. Ad esempio, per la forma 0 si pos-
sono utilizzare le funzioni f(x) =
def
x, g
1
(x) =
def
c/x, g
2
(x) =
def
1/

x, g
3
(x) =
def
1/x
2
,
g
4
(x) =
def
(sinx)/x.
La forma /0, R

0, merita un commento ulteriore. Si pu` o dimostrare (vd.


Esercizio 4) che se lim
xb

g(x) = 0 ed esiste c (a, b) tale che g(x) > 0 in (c, b), allora
lim
xb

f(x)
g(x)
= (sgn) .
Analogamente, se lim
xb

g(x) = 0 ed esiste c (a, b) tale che g(x) < 0 in (c, b), allora
lim
xb

f(x)
g(x)
= (sgn) ().
Ad esempio, lim
x0

1
x
= , mentre lim
x0

1
x
= .
In virt` u del Corollario 2.6.1, delle considerazioni svolte sopra e dei risultati della
Sezione 2.4, possiamo, ad esempio, calcolare il
lim
x1

_
xe
x
x
2
x + lnx
+
x
x 1
_
.
Infatti, lim
x1

(x
2
x + lnx) = 0 e x
2
x + lnx < 0 in (0, 1); per il punto precedente
lim
x1

_
1/(x
2
x + lnx)
_
= , da cui, per il Corollario 2.6.1 (ii),
lim
x1

(xe
x
)/(x
2
x + lnx) = e ()
= .
Sezione 2.6 Algebra dei limiti 37
Analogamente, lim
x1

(x 1) = 0 e x 1 < 0 in (0, 1), cosicche lim


x1

1
x 1
= , da
cui, per il Corollario 2.6.1 (ii),
lim
x1

x
x 1
= 1 ()
= .
Per il Corollario 2.6.1 (i), il limite proposto vale () + () = .
Esercizi
1 Si calcolino
lim
x1

1
1 x
2
e lim
x(1)

1
1 x
2
.
2 Si calcolino
lim
x
1 +x
1 x
, lim
x
1 +x
2
1 +x
, lim
x
1 +x +x
2
1 +x +x
2
+x
3
.
3 Siano p un polinomio di grado m con coeciente direttore c ,= 0 e q un polinomio di
grado n con coeciente direttore d ,= 0. Si dimostri che
lim
x
p(x)
q(x)
=
_
0 se m < n
c/d se m = n
sgn(c/d) se m > n.
Si enunci e si dimostri un risultato analogo per il lim
x
p(x)
q(x)
.
4 Siano f, g : (a, b) R tali che lim
xb

f(x) = R

0 e lim
xb

g(x) = 0. Si dimostri
che se esiste c (a, b) tale che g(x) > 0 in (c, b), allora
lim
xb

f(x)
g(x)
= (sgn) .
Analogamente, se lim
xb

g(x) = 0 ed esiste c (a, b) tale che g(x) < 0 in (c, b), allora
lim
xb

f(x)
g(x)
= (sgn) ().
38 Capitolo 2. Limiti
2.7 Massimo e minimo limite
2.7.1 Denizione. Siano a < b e f : (a, b) R. Poniamo
=
def
sup
x(a,b)
f
b
(x) e L =
def
inf
x(a,b)
f
b
(x);
si chiama minimo limite di f a b da sinistra e L si chiama massimo limite di f a b
da sinistra e si scrive
liminf
xb

f(x) =
def
e limsup
xb

f(x) =
def
L.
Notiamo che e L non dipendono da a.
Osserviamo che che f ha limite a b da sinistra se e solo se = = L.
2.7.2 Esempi.
Sia f : R
+
R denita da
f(x) =
_
1 se x (2n, 2n + 1), n N
0 se x [2n + 1, 2n + 2], n N.
Osserviamo che f

(x) = 0 e f

(x) = 1 per ogni x R


+
. Perci` o
liminf
x
f(x) = 0 e limsup
x
f(x) = 1.
Sia g : R
+
R denita da
g(x) =
_
2n se x (2n, 2n + 1], n N
2n 1 se x (2n + 1, 2n + 2], n N.
Sezione 2.7 Massimo e minimo limite 39
Notiamo che g

(x) = e g

(x) = per ogni x R


+
. Perci` o
liminf
x
g(x) = e limsup
x
g(x) = .
Sia h : (1, ) R denita da
h(x) =
_

_
1
2n
se x (2n, 2n + 1], n N

1
2n + 1
se x (2n + 1, 2n + 2], n N.
Si verica facilmente che per ogni x (1, )
h

(x) =
1
2n + 1
se x (2n, 2n + 2], n N
e
h

(x) =
1
2n
se x (2n 1, 2n + 1], n N

.
Perci` o
liminf
x
h(x) = 0 = limsup
x
h(x)
e quindi lim
x
h(x) = 0.
40 Capitolo 2. Limiti
Sia k : (0, 1) R denita da
k(x) =
_
1 se x
_
1 1/(2n), 1 1/(2n + 1)
_
, n N

0 se x
_
1 1/(2n + 1), 1 1/(2n + 2)

, n N.
Osserviamo che k
1
(x) = 0 e k
1
(x) = 1 per ogni x (0, 1). Perci` o
liminf
x1

k(x) = 0 e limsup
x1

k(x) = 1.
Quindi k non ammette limite a 1 da sinistra.
In analogia a quanto fatto per il limite, deniamo ora i concetti di minimo e massimo
limite da destra e di minimo e massimo limite bilateri. Siano a R e
a
(x) =
def
a(xa).
2.7.3 Denizione. Siano a < b e f : (a, b) R. Se a ,= , poniamo
liminf
xa
+
f(x) =
def
liminf
ya

(f
a
)(y) e limsup
xa
+
f(x) =
def
limsup
ya

(f
a
)(y).
Sezione 2.7 Massimo e minimo limite 41
Poniamo, inoltre,
liminf
x
f(x) =
def
liminf
y
(f
0
)(y) e limsup
x
f(x) =
def
limsup
y
(f
0
)(y).
2.7.4 Denizione. Siano c R e f : (a, c)(c, b) R. Se liminf
xc

f(x) = liminf
xc
+
f(x),
diciamo che f ammette minimo limite a c, e poniamo
liminf
xc
f(x) =
def
liminf
xc
+
f(x).
Analogamente, se limsup
xc

f(x) = limsup
xc
+
f(x), diciamo che f ammette massimo limite a
c, e poniamo
limsup
xc
f(x) =
def
limsup
xc
+
f(x).
Le operazioni di minimo limite e di massimo limite si comportano in modo complicato
rispetto alloperazione di somma di funzioni, come illustrato nella proposizione seguente e
nelle considerazioni al temine della sua dimostrazione.
2.7.5 Proposizione. Siano f, g : (a, b) R. Se liminf
xb

f(x) + liminf
xb

g(x) e
limsup
xb

f(x) + limsup
xb

g(x) non sono forme indeterminate, allora


liminf
xb

f(x) + liminf
xb

g(x) liminf
xb

(f +g)(x)
limsup
xb

(f +g)(x)
limsup
xb

f(x) + limsup
xb

g(x).
Dimostrazione. Aermiamo che per ogni x, y (a, b)
f
b
(x) +g
b
(x) (f +g)
b
(x) (f +g)
b
(y) f
b
(y) +g
b
(y).
La seconda disuguaglianza `e gi` a stata dimostrata; la dimostrazione della terza `e analoga
alla dimostrazione della prima. Dimostriamo la prima. Se a < x z < b, allora
f
b
(x) +g
b
(x) = inf
y[x,b)
f(y) + inf
y[x,b)
g(y)
f(z) +g(z),
da cui, prendendo lestremo inferiore al variare di z in [x, b), si deduce che
f
b
(x) +g
b
(x) inf
z[x,b)
_
f(z) +g(z)
_
= f +g
b
(x),
42 Capitolo 2. Limiti
che `e la disuguaglianza cercata.
Dimostriamo ora la prima disuguaglianza dellenunciato. La dimostrazione della se-
conda `e simile. Prendendo lestremo superiore al variare di x in (a, b) nella formula prece-
dente, otteniamo che
sup
x(a,b)
_
f
b
(x) +g
b
(x)
_
liminf
xb

(f +g)(x).
Ora, per la monotonia di f
b
e di g
b
, abbiamo che
sup
x(a,b)
_
f
b
(x) +g
b
(x)
_
= sup
x(a,b)
f
b
(x) + sup
x(a,b)
g
b
(x);
per denizione di minimo limite possiamo concludere che
liminf
xb

f(x) + liminf
xb

g(x) liminf
xb

(f +g)(x),
come richiesto. .
Le disuguaglianze nella proposizione precedente possono essere strette.
Consideriamo, ad esempio, le funzioni f, g : R R, denite da
f(x) =
def
(1)
x
e g(x) =
def
(1)
x+1
.
Osserviamo che f +g `e la funzione nulla, che
liminf
x
f(x) = liminf
x
g(x) = 1,
e che
limsup
x
f(x) = limsup
x
g(x) = 1.
Perci` o
liminf
xb

f(x) + liminf
xb

g(x) = 2
< 0 = liminf
xb

(f +g)(x)
= limsup
xb

(f +g)(x)
< 2
= limsup
xb

f(x) + limsup
xb

g(x).
Sezione 2.7 Massimo e minimo limite 43
Esercizi
1 Si costruiscano esempi di funzioni f : (0, 1) R che soddisno uno dei seguenti
requisiti:
liminf
x1

f(x) = 0 e limsup
x1

f(x) = ,
oppure
liminf
x1

f(x) = e limsup
x1

f(x) = .
2 Sia f : (, 0) R denita da f(x) = sin(1/x). Si determinino f
0
e f
0
e si calcolino
liminf
x0

f(x) e limsup
x0

f(x).
3 Sia f : R R denita da f(x) = sinx. Si determinino f

e f

e si calcolino
liminf
x
f(x) e limsup
x
f(x).
4 Sia f : (a, b) R. Siano
a
f e
a
f denite da
a
f(x) =
def
inf
y(a,x]
f(y) e
a
f(x) =
def
sup
y(a,x]
f(y).
Si caratterizzino, usando
a
f e
a
f, il minimo e il massimo limite di f ad a da destra.
5 Siano a < b e f, g : (a, b) R. Si dimostri che se limsup
xb

f(x) <
liminf
xb

g(x), allora esiste c (a, b) tale che


f(x) < g(x) x (c, b).
Cosa si pu` o dire se si suppone che limsup
xb

f(x) liminf
xb

g(x)?
6 Siano a < b e f, g : (a, b) R. Si dimostri che le aermazioni seguenti
sono equivalenti:
(i) limsup
xb

[f(x)[ < ;
(ii) esiste c (a, b) tale che f `e limitata in (c, b).
7 Si calcolino minimo e massimo limite di x
x(sinx + 2)
(x + 1)
a .
44 Capitolo 2. Limiti
2.8 Confronto locale di funzioni
Siano a < b e f, g : (a, b) R. Consideriamo il problema di confrontare
i valori di f e g vicino a b. Due strategie possibili sono:
(i) determinare il segno di f g in (a, b);
(ii) dare una stima dell ordine di grandezza di f/g vicino a b.
Analizziamo queste strategie nel caso in cui a = 0, b = , f(x) = x, g
1
(x) = x
2
e
g
2
(x) = 2x 1.
Notiamo che f g
1
0 e f g
2
0 in [1, ). Ne deduciamo che f `e pi` u piccola
sia di g
1
sia di g
2
vicino a , ma non ricaviamo informazioni sulla grandezza relativa dei
valori di f, g
1
e g
2
vicino a .
Invece, le relazioni lim
x
(f/g
1
)(x) = 0 e lim
x
(f/g
2
)(x) = 1/2 implicano che g
1
`e molto
pi` u grande di f vicino a , e che g
2
`e approssimativamente il doppio di f vicino a .
In casi diversi dallesempio precedente, f/g pu` o non avere limite; il liminf
xb

f(x)
g(x)
e il
limsup
xb

f(x)
g(x)
sono buoni indicatori della grandezza relativa di f rispetto a g vicino a b.
2.8.1 Denizione. Siano a < b e f, g : (a, b) R. Supponiamo che g
non si annulli in (a, b).
(i) Se lim
xb

f(x)
g(x)
= 0, diciamo che f `e o piccolo di g, o trascurabile rispetto a g, in b
da sinistra, e scriviamo f = o(g) per x b

;
(ii) se limsup
xb

f(x)
g(x)

< , diciamo che f `e O grande di g in b da sinistra, e scriviamo


f = O(g) per x b

;
(iii) se limsup
xb

f(x)
g(x)

< e liminf
xb

f(x)
g(x)

> 0, diciamo che f `e di ugual ordine di


grandezza di g in b da sinistra, e scriviamo f g per x b

;
(iv) se lim
xb

f(x)
g(x)
= 1, diciamo che f `e equivalente a g in b da sinistra, e scriviamo f g
per x b

.
I simboli o, O, e sono detti simboli di Landau.
Si danno denizioni analoghe per limiti da destra e per limiti bilateri.
Siano f(x) = x, g(x) =

x, h(x) = x
2
, k(x) = xsinx ed v(x) = x(1000 + sinx).
Valgono le seguenti relazioni a : g = o(f), f = o(h), k = o(h), v = o(h), f v,
1000f (v k), k = O(f).
La scrittura f = o(1) per x b

`e equivalente a lim
xb

f(x) = 0.
La scrittura f = O(1) per x b

`e equivalente a limsup
xb

[f(x)[ < (vd. Esercizio 6,


Sezione 2.8 Confronto locale di funzioni 45
Sezione 2.3).
Se lim
xb

f(x)
g(x)
R, allora f = O(g) per x b

.
Infatti, lipotesi implica che lim
xb

f(x)
g(x)

< e, a fortiori, che limsup


xb

f(x)
g(x)

< .
La relazione f = O(g) per x b

non implica che f/g abbia limite a b

.
Poniamo, ad esempio, f(x) = 2+sin x e g(x) = 1. Osserviamo che limsup
x

f(x)
g(x)

= 3.
Dunque, f = O(g) a , ma f/g non ha limite a .
Se lim
xb

f(x)
g(x)
R 0, allora f g per x b

.
Si ha che f g in b da sinistra se e solo se f g = o(g) in b da sinistra.
Infatti,
lim
xb

f(x)
g(x)
= 1 lim
xb

_
f(x)
g(x)
1
_
= 0 lim
xb

f(x) g(x)
g(x)
= 0.
2.8.2 Proposizione. Siano a < b e f, g : (a, b) R. Supponiamo che g
non si annulli in (a, b). Valgono le implicazioni seguenti:
(i) f = o(g) = f = O(g)
(ii) f g = f g = f = O(g).
Dimostrazione. Osserviamo che
lim
xb

f(x)
g(x)
= 0 = lim
xb

f(x)
g(x)

= 0 = limsup
xb

f(x)
g(x)

= 0 < ,
e (i) `e dimostrata.
Le implicazioni in (ii) sono conseguenza diretta delle denizioni di minimo limite,
massimo limite e limite. .
46 Capitolo 2. Limiti
Tutte le implicazioni tra simboli di Landau trattate dalla proposizione precedente sono
schematicamente riportate nella gura qui sopra. Le altre sono false, come si verica
facilmente.
Per la Proposizione 2.3.6, valgono le seguenti relazioni a :
(i) x

= o(a
x
) per ogni in R e per ogni a > 1
(ii) ln

x = o(x

) per ogni in R e per ogni > 0.


Esercizi
1 Principio di eliminazione. Supponiamo che f, f
1
, g, g
1
: (a, b) R soddisno le
relazioni f
1
= o(f), g
1
= o(g) in b da sinistra. Allora
lim
xb

f(x) +f
1
(x)
g(x) +g
1
(x)
= lim
xb

f(x)
g(x)
.
2 Principio di sostituzione. Supponiamo che f, g, h : (a, b) R e che g h in b da
sinistra. Allora
lim
xb

_
f(x) g(x)
_
= lim
xb

_
f(x) h(x)
_
.
3 Siano a < b e f, g : (a, b) R. Si dimostri che se lim
xb

f(x)
g(x)
= , allora
g = o(f) in b da sinistra.
4 Siano a < b e f : (a, b) R. Si dimostri che se lim
xb

f(x) = 0, allora
1
1 +f(x)
= 1 f(x) +o(f(x))
in b da sinistra.
5 Si calcolino i limiti seguenti:
lim
x
x + sinx
x lnx
lim
x
log
2
x
x +

x
2
+ 1
lim
x0
sinx

1 +x 1
lim
x
x
1
+x
2
2
x
+ 2
2x
.
6 Si dimostri che:
(i) f g e g h implica f h;
(ii) f g e g h implica f h;
(iii) f = o(g) e g h implica f = o(h);
(iv) f g e g = o(h) implica f = o(h).
Sezione 2.9 Asintoti 47
7 In ciascuno dei casi seguenti, si determini il parametro reale anche

x
3
+x x

per x
_
x
4
+x + 1
_
1/3
x

per x
x
3
1 (x 1)

per x 1
+
1
x

x
(x 1)

per x 1
+
.
8 Sia f : (a, ) R innita a . Si costruisca g : (a, ) R tale che f = o(g) a .
2.9 Asintoti
2.9.1 Denizione. Siano a e f : (a, ) R.
(i) Se esistono m, q R tali che
lim
x
_
f(x) mx q
_
= 0,
diciamo che f ha asintoto a . Se m ,= 0, la retta di equazione y = mx+q si chiama
asintoto obliquo di f a ; se m = 0, essa si chiama asintoto orizzontale di f
a .
(ii) Se f tende a oppure a in a da destra, diciamo che f ha asintoto in a da
destra; la retta di equazione x = a si chiama asintoto verticale di f in a da destra.
In maniera analoga si danno le denizioni di asintoto a e di asintoto in a da
sinistra.
Se f ha asintoto a , esso `e unico.
Supponiamo che
lim
x
_
f(x) a
1
x a
0
_
= 0 = lim
x
_
f(x) b
1
x b
0
_
.
Facendo la dierenza delle espressioni a primo e terzo membro, e usando i risultati
sulla somma di limiti, otteniamo
lim
x
_
(b
1
a
1
)x + (b
0
a
0
)

= 0,
da cui si deduce che a
0
= b
0
e a
1
= b
1
, come richiesto.
Esercizi
1 Sia f : (a, ) R. Si dimostri che le condizioni seguenti sono equivalenti:
(i) f ha asintoto obliquo a ;
(ii) i limiti m =
def
lim
x
f(x)
x
e q =
def
lim
x
_
f(x) mx
_
sono niti.
In tal caso, lasintoto obliquo ha equazione y = mx +q.
Si dia un esempio in cui m `e nito e q = e un altro in cui x f(x) mx non ha limite
a .
2 Si calcolino gli asintoti obliqui a e a della funzione f(x) =
def

4x
2
+x + 1 x.
3 Funzioni continue
3.1 Funzioni continue: denizione e prime propriet`a
3.1.1 Denizione. Supponiamo che < a < b < e che f : (a, b] R. Diciamo
che f `e continua in b da sinistra se
lim
xb

f(x) = f(b).
In modo analogo, se g : [a, b) R, diciamo che g `e continua in a da destra se
lim
xa
+
g(x) = g(a).
Se a < y < b e h : (a, b) R, diciamo che h `e continua in y se `e continua da destra e da
sinistra.
Una funzione f : (a, b] R non continua in b da sinistra si dice discontinua in b da
sinistra.
Analogamente si deniscono le funzioni discontinue da destra e discontinue in un punto.
3.1.2 Esempi.
Sia f : R R la funzione denita da
f(x) =
_
1 se x = 0
0 se x ,= 0.
50 Capitolo 3. Funzioni continue
`
E evidente che lim
x0

f(x) = 0 = lim
x0
+
f(x); poiche f(0) = 1, f non `e continua in 0 ne
da destra, ne da sinistra.
Sia g : R R la funzione denita da
g(x) =
_
1 se x 0
0 se x < 0.
`
E evidente che lim
x0

g(x) = 0 e che lim


x0
+
g(x) = 1; poiche g(0) = 1, g `e continua in 0
da destra, ma non da sinistra.
Sia h : R R la funzione denita da
h(x) =
_
1/x se x > 0
0 se x 0.
`
E evidente che lim
x0

h(x) = 0 e che lim


x0
+
h(x) = ; poiche h(0) = 0, h `e continua in
0 da sinistra, ma non da destra.
Sia k : R R la funzione denita da
k(x) =
_
sin(1/x) se x > 0
0 se x 0.
Sezione 3.1 Funzioni continue: denizione e prime propriet` a 51
`
E evidente che lim
x0

k(x) = 0, che liminf


x0
+
k(x) = 1 e che limsup
x0
+
k(x) = 1; poiche
k(0) = 0, k `e continua in 0 da sinistra, ma non da destra.
3.1.3 Denizione. Supponiamo che < a < b < e che f : (a, b] R.
Diciamo che f ha una discontinuit`a di tipo salto, o di prima specie, in b da sinistra
se lim
xb

f(x) R e
lim
xb

f(x) ,= f(b).
Se f `e discontinua in b da sinistra e non ha una discontinuit` a di tipo salto, diciamo che f
ha una discontinuit`a di seconda specie in b da sinistra.
In modo analogo, si danno le denizioni di discontinuit` a di prima e di seconda specie da
destra.
Siano f, g, h e k le funzioni denite negli Esempi 3.1.2: f ha in 0 una discontinuit` a
di prima specie sia da destra sia da sinistra, g ha una discontinuit` a di prima specie
da sinistra, h e k hanno in 0 discontinuit` a di seconda specie da destra.
Sia f : R R denita da
f(x) =
_
1 se x Q
0 se x / Q ;
f si chiama funzione di Dirichlet. Essa `e discontinua in ogni punto di R.
3.1.4 Proposizione. Siano I un intervallo e f : I R una funzione monotona.
Allora f ha, al pi` u, uninnit` a numerabile di punti di discontinuit` a.
Dimostrazione. Sia y I. Essendo f monotona, esistono niti i limiti di f da sinistra e
da destra in y (da sinistra se y `e lestremo destro di I e da destra se y `e lestremo sinistro
di I). Perci` o f `e o continua, o ha una discontinuit` a di prima specie in y.
Dimostriamo che linsieme dei punti di discontinuit` a `e, al pi` u, numerabile. Supponi-
amo, ad esempio, che f sia non decrescente. Il caso in cui f `e non crescente `e analogo. Ad
ogni punto di discontinuit` a y di f, possiamo associare un numero razionale nellintervallo
52 Capitolo 3. Funzioni continue
_
lim
xy

f(x), lim
xy
+
f(x)
_
. Poiche f `e non decrescente, a punti di discontinuit` a diversi cor-
rispondono razionali distinti. Essendo Q numerabile, possiamo concludere che tale `e anche
linsieme dei punti di discontinuit` a di f.
La dimostrazione della proposizione `e completa. .
3.1.5 Proposizione. Siano f e g funzioni continue in y. Allora f + g e fg sono
continue in y; se g(y) ,= 0, anche f/g `e continua in y.
Dimostrazione. La continuit` a di f +g e fg in y `e conseguenza diretta dei teoremi sui limiti
di una somma e di un prodotto di funzioni.
Supponiamo ora che g(y) ,= 0. Poiche g `e continua in y, si ha che lim
xy
g(x) ,= 0; per la
Proposizione , esiste un intervallo contenente y in cui g ha lo stesso segno di lim
xy
g(x), in
particolare, in cui g `e diversa da 0. Dalla Proposizione 2.6.1 (iii) sul limite di un quoziente
di funzioni deduciamo che
lim
xy
f(x)
g(x)
=
f(y)
g(y)
,
cio`e che f/g `e continua in y, come richiesto. .
Esercizi
1 Siano f e g continue in y. Si dimostri che max(f, g) e min(f, g) sono continue in y.
2 Siano I un intervallo e y I. Siano f
1
, f
2
, . . . funzioni denite in I e continue in y.
Supponiamo che
sup
nN

f
n
(x) < x I.
`
E vero che sup
nN
f
n
`e continua in y?
3.2 Funzioni continue in un intervallo
3.2.1 Denizione. Siano I un intervallo e f : I R. Si dice che f `e continua in I
se `e continua in ogni punto di I (continua da sinistra nellestremo destro di I se I `e chiuso
a destra, e continua da destra nellestremo sinistro di I se I `e chiuso a sinistra). La classe
delle funzioni continue in I viene indicata con ((I).
Le funzioni continue in un intervallo godono di propriet` a globali interessanti, che sono
descritte nel teorema seguente.
3.2.2 Teorema (fondamentale delle funzioni continue in un intervallo). Siano
< a < b < e f (
_
[a, b]
_
. Allora f
_
[a, b]
_
`e un intervallo chiuso e limitato.
Dimostrazione. Dimostriamo dapprima che f
_
[a, b]
_
`e un intervallo.
`
E suciente mostra-
re che se x, y [a, b], x < y e `e strettamente compreso tra f(x) e f(y), allora esiste
(x, y) tale che f() = .
Sezione 3.2 Funzioni continue in un intervallo 53
Per ssare le idee, supponiamo che f(x) < f(y). Poniamo
=
def
supz [x, y] : f(z) < .
Osserviamo che < y, perche f(y) > ; per la continuit` a di f in y, esiste un intervallo
aperto J, contenente y, tale che f(z) > per ogni z J.
Siccome f
_
[x, )
_
(, ), per la Proposizione 2.3.1 (ii) applicata alla funzione
f abbiamo che
0 lim
x

_
f(x)
_
(f `e continua in da sin.) = f(),
da cui deduciamo che f() .
Daltra parte, se fosse f() < , per la continuit` a di f in , esisterebbe un intervallo
aperto I contenente tale che f(I) < ; conseguentemente, esisterebbero numeri reali z a
destra di tali che f(z) < , contro il fatto che `e lestremo superiore degli z con questa
propriet` a.
Possiamo perci` o concludere che f() = , come richiesto.
Dimostriamo che f
_
[a, b]
_
`e chiuso e limitato. Sia
S =
def
sup
x[a,b]
f(x).
Scriviamo [a, b] come unione degli intervalli [a, (a+b)/2] e [(a+b)/2, b]. Lestremo superiore
di f in almeno uno dei due intervalli `e S; chiamiamo I
1
questo intervallo e a
1
, b
1
i suoi
estremi. Dividiamo poi I
1
nei due intervalli [a
1
, (a
1
+b
1
)/2] e [(a
1
+b
1
)/2, b
1
]. Lestremo
superiore di f in almeno uno dei due intervalli `e S; chiamiamo I
2
questo intervallo e a
2
, b
2
i suoi estremi.
Iterando il procedimento ora descritto, otteniamo una successione I
1
I
2
I
3

di intervalli chiusi, tali che
sup
xI
j
f(x) = S j N.
Osserviamo che

j=1
I
j
`e costituito esattamente dal punto supa
j
: j N, che chiami-
amo y (vd. Esercizio 1).
Ora, da un lato,
f(y) sup
x[a,b]
f(x)
= S.
54 Capitolo 3. Funzioni continue
Dallaltro, per la continuit` a di f in y,
f(y) = lim
xy
f(x)
= max
_
sup
x[a,y)
f
b
(x), sup
x[y,b)
b
f(x)
_
max
_
sup
xI
j
[a,y)
f
b
(x), sup
xI
j
[y,b)
b
f(x)
_
sup
xI
j
f(x)
= S.
Quindi f(y) = S.
In modo analogo si prova che esiste z [a, b] tale che f(z) = inf
x[a,b]
f(x), concludendo
cos` la dimostrazione del teorema. .
Le ipotesi del teorema precedente sono minimali.
Ad esempio, sia f : [0, 1] R denita da
f(x) =
_
0 se x = 0
1 se 0 < x 1;
f non `e in (
_
[0, 1]
_
e f
_
[0, 1]
_
= 0, 1. Altri controesempi pertinenti sono dati dalle
restrizioni della funzione x 1/x agli intervalli [1, ) e (0, 1].
Esplicitiamo tre proposizioni implicite nel Teorema 3.2.2. Sia f (
_
[a, b]
_
.
(i) Propriet`a degli zeri. Se f(a) f(b) < 0, allora esiste (a, b) tale che f() = 0
(ii) Propriet`a dei valori intermedi. Se f(a) < < f(b), allora esiste (a, b) tale
che f() = .
(iii) Propriet`a di Weierstrass. Esistono
m
,
M
[a, b] tali che
f
_

m
_
= inf
x[a,b]
f(x) e f
_

M
_
= sup
x[a,b]
f(x).
Siano a, b R e f, g (
_
[a, b]
_
. Se f(a) < g(a) e f(b) > g(b), allora esiste (a, b)
tale che
f() = g().
La funzione f g `e continua in [a, b],
(f g)(a) < 0 e (f g)(b) > 0.
Per la propriet` a degli zeri, esiste (a, b) tale che (f g)() = 0, da cui la tesi.
Supponiamo che a < b < , che f, g (
_
(a, b]
_
. Se lim
xa
+
f(x) < lim
xa
+
g(x) e
f(b) > g(b), allora esiste (a, b) tale che
f() = g().
Sezione 3.2 Funzioni continue in un intervallo 55
Per il teorema della permanenza del segno, esiste y > a tale che f(y) < g(y). Si
possono, perci` o, applicare le considerazioni del punto precedente allintervallo [y, b], e
concludere che esiste un punto (y, b) tale che f() = g().
Se nei due punti precedenti si assume che f sia crescente e che g sia non decrescente,
lequazione
f(x) = g(x)
ha una e una sola soluzione in (a, b).
Esercizi
1 Si dimostri che

j=1
I
j
= infb
j
: j N nella dimostrazione del Teorema 3.2.2.
2 Siano I un intervallo e f ((I). Si dimostri che se f assume solo valori interi, allora
`e costante. Si mostri che limplicazione `e falsa se I non `e un intervallo.
3 Si dimostri che un polinomio di grado dispari ha almeno uno zero in R.
4 Sia f : [0, 1] [0, 1] continua. Si dimostri che lequazione f(x) = x ha almeno una
soluzione.
5 Sia f (
_
(0, 1)
_
tale che
lim
x0
+
f(x) = = lim
x1

f(x).
Si dimostri che f ha massimo in (0, 1).
6 Sia f (
_
[0, )
_
tale che lim
x
f(x) = f(0). Si dimostri che f ha massimo e minimo
in [0, ).
56 Capitolo 3. Funzioni continue
3.3 Funzioni continue in intervalli e monotonia
3.3.1 Proposizione. Siano I un intervallo e f in ((I). Se f `e invertibile, allora f `e
strettamente monotona e f
1
: f(I) I `e continua.
Dimostrazione. Essendo f monotona, anche f
1
`e monotona. Se f
1
fosse discontinua in
y, avrebbe ivi una discontinuit` a di tipo salto; conseguentemente, f
1
_
f(I)
_
non potrebbe
essere un intervallo, contro il fatto che f
1
_
f(I)
_
= I.
La dimostrazione della proposizione `e completa. .
Esercizi
1 Si dimostri che per ogni y R lequazione x + x
3
= y ha una e una sola soluzione.
Indicata con f(y) tale soluzione, si dimostri che f : R R `e una funzione continua.
2 Siano I un intervallo e f ((I). Se per ogni coppia di razionali r, s I tali che r < s
vale la disuguaglianza f(r) f(s), allora f `e non decrescente in I.
3.4 Limiti di funzioni composte
3.4.1 Proposizione. Siano a < b , f : (a, b) R e g : f
_
(a, b)
_
R.
Supponiamo che lim
xb

f(x) = R

. Valgono le propriet` a seguenti:


(i) se g `e continua in , allora lim
xb

g
_
f(x)
_
= g()
(ii) se f ,= in (a, b), allora lim
xb

g
_
f(x)
_
= lim
y
g(y).
Dimostrazione. Per la dimostrazione si veda [BR, Cap. III, Teoremi 10.1 e 10.5]. .
Valgono risultati analoghi per limiti da destra e bilateri.
Se in (ii) si assume che = , oppure che = , lipotesi f ,= `e automaticamente
soddisfatta, perche f `e a valori reali.
Senza lipotesi di continuit` a di g in , (i) `e falsa.
Ad esempio, siano g : R R, denita da
g(y) =
def
_
1 se y = 0
0 se y ,= 0,
e f(x) =
def
x
2
. Allora g f = g e
lim
x0

(g f)(x) = 0 ,= 1 = g
_
lim
x0

f(x)
_
.
Senza lipotesi f ,= in (a, b), (ii) `e falsa.
Sezione 3.4 Limiti di funzioni composte 57
Siano g come al punto precedente e f : (, 0) R denita da f(x) =
def
xsin(1/x).
Allora
(g f)(x) =
def
_
1 se x = 1/(k), k Z

0 altrove,
lim
x0

f(x) = 0, lim
y0
g(y) = 0,
ma
liminf
x0

(g f)(x) = 0 e limsup
x0

(g f)(x) = 1;
quindi g f non ha limite a 0 da sinistra.
Vari esempi di limiti risolti utilizzando il procedimento di cambio di variabile si possono
trovare in [MPP, Es. 3.95].
Talvolta, oltre alle quattro forme indeterminate elencate nella Sezione 2.6, si conside-
rano anche le seguenti:
0
0
,
0
, 1

,
che sono riconducibili alle forme gi` a viste. Ad esempio, supponiamo che lim
xy
f(x) =
0 = lim
xy
f(x) e consideriamo il
lim
xy
f(x)
g(x)
Osserviamo che per lesistenza della funzione f(x)
g(x)
`e necessario che f sia positiva
vicino a y. Possiamo scrivere
lim
xy
f(x)
g(x)
= lim
xy
2
log
2
(f(x)
g(x)
)
= lim
xy
2
g(x) log
2
f(x)
.
A esponente abbiamo una forma del tipo 0 . Poiche lesponenziale `e continuo, se
sappiamo risolvere la forma indeterminata allesponente, siamo in grado di calcolare
il limite proposto.
Si prova facilmente che anche
0
e 1

si riconducono alla forma 0 .


La Proposizione 3.4.1 giustica il procedimento di cambiamento di variabile nel limite.
Infatti se f e g soddisfano le ipotesi della Proposizione 3.4.1 (i) oppure di (ii), il calcolo
del limite lim
xx
0
g(f(x)) pu` o essere eettuato calcolando anzitutto il lim
xx
0
f(x) = e
successivamente il
lim
y
g(y).
58 Capitolo 3. Funzioni continue
3.5 Il numero e
Il calcolo della derivata della funzione x log
2
(1 +x) in 0 (vd. Sezione 4.1) conduce
a considerare il
lim
x0
log
2
(1 +x)
1/x
.
3.5.1 Proposizione. Sia : (1, 0) R
+
R denita da
(x) =
def
(1 +x)
1/x
.
Valgono le propriet` a seguenti:
(i) `e decrescente in (1, 0) e decrescente in (0, );
(i) lim
x0

(x) = lim
x0
+
(x).
Dimostrazione. Dimostriamo (i). Mostriamo che `e decrescente in(0, ). Siano 0 < x <
y. Dalla disuguaglianza di Bernoulli (Proposizione 1.9.5), segue che
(1 +x)
y/x
> 1 +x
y
x
= 1 +y,
da cui, elevando ambo i membri alla 1/y, si ottiene (1 +x)
1/x
> (1 +y)
1/y
.
Ora dimostriamo che `e decrescente in (1, 0). Siano 1 < x < y < 0. Poniamo
x = t e y = z; evidentemente 0 < z < t < 1. Allora, applicando ancora una delle
disuguaglianze di Bernoulli, si ha
(1 z)
t/z
> 1 z
t
z
= 1 t,
da cui, elevando ambo i membri alla 1/t, si ottiene (1z)
1/z
> (1t)
1/t
, cio`e (1+y)
1/y
>
(1 +x)
1/x
, e quindi (1 +x)
1/x
> (1 +y)
1/y
.
Dimostriamo ora (ii). Essendo monotona in (1, 0) e in (0, ), esistono
lim
x0

(x) e lim
x0
+
(x).
Sia f : (1, 0) R denita da
f(x) =
x
x + 1
.
Un semplice calcolo mostra che
( f)(x) = (1 +x) (x).
Sezione 3.5 Il numero e 59
Perci` o
lim
y0
+
(x) = lim
y0
+
(1 +x) (x)
= lim
x0
+
( f)(x)
(per la Proposizione 3.4.1) = lim
y0

(y),
come richiesto. .
3.5.2 Denizione. Poniamo
e =
def
lim
x0
(1 +x)
1/x
.
Il numero e gode di importanti propriet` a, come vedremo nel seguito. In virt` u della
Proposizione 3.4.1, possiamo concludere che
lim
x0
log
2
(1 +x)
1/x
= log
2
e.
Osserviamo che 2 = (1) < e < (1/2) = 4. Si pu` o dimostrare facilmente che
2.71 < e < 2.72, calcolando (1/n) e (1/n) per n abbastanza grande e utilizzando
il fatto che `e decrescente.
lim
x
_
1 + (1/x)
_
x
= e.
Posto f(x) =
def
1/x per ogni x [1, ) e (y) =
def
(1 + y)
1/y
per ogni y (0, 1],
abbiamo che
_
1 +
1
x
_
x
= ( f)(x) x [1, ).
Osserviamo che lim
x
f(x) = 0, che lim
y0
(y) = e e che f ,= 0 in [1, ). In virt` u della
Proposizione 3.4.1 (ii) possiamo concludere che
lim
x
_
1 +
1
x
_
x
= e,
come richiesto.
60 Capitolo 3. Funzioni continue
Esercizi
1 In relazione alla Proposizione 3.4.1, si discuta lesistenza dei limiti seguenti:
lim
x0
x + 1| lim
x0
xsin(1/x)|
lim
x1
xlnx lim
x
e
1/x
x
.
2 Si calcolino i limiti seguenti:
lim
x0
+
ln
2
x lim
x

1 +e
x
lim
x1

4 + lnx lim
x
ln(arctanx)
lim
x
ln
_
1 +x
1 +x
2
_
lim
x0
1
1 e
|x|
lim
x0
_
e
|x|
_
.
3 Si dimostri che:
lim
x
xsin(1/x) = 1 lim
x
1 + lnx
1 lnx
= 1
lim
x
1 +

x
1 +
3

x
= lim
x0
ln(1 +x)
x
= 1
lim
x0
e
x
1
x
= 1 lim
x0
(1 +x)

1
x
= .
4 Utilizzando la Proposizione 3.4.1, si dimostri che, per ogni in R e per ogni > 0,
ln

x = o(x

) per x tendente a .
4 Derivate
4.1 Derivata: denizione e prime propriet`a
Siano una circonferenza di centro O e P un punto di . Si chiama retta tangente a
in P lunica retta t
P
per P che interseca solo in P.
`
E noto che una retta r per P `e la tangente a in P se e solo se r `e ortogonale al
segmento OP.
Consideriamo un riferimento cartesiano ortogonale nel piano dove giace e supponi-
amo che, rispetto a tale riferimento, abbia equazione a
2
+b
2
= 1, e che P = (y,
_
1 y
2
)
per qualche y (1, 1). Sia r `e una retta per P e indichiamo con m
r
il suo coeciente
angolare. Poiche la retta passante per P e per O ha coeciente angolare
_
1 y
2
/y, r `e
tangente a in P se e solo se
m
r
=
y
_
1 y
2
.
Dato un punto Q di diverso da P, di coordinate (x,

1 x
2
), indichiamo con r
PQ
la
retta per P e Q. Osserviamo che
m
r
PQ
=

1 x
2

_
1 y
2
x y
,
e che
lim
xy
m
r
PQ
= lim
xy
y
2
x
2
(x y)
_
1 x
2
+
_
1 y
2
_
=
y
_
1 y
2
.
Abbiamo dimostrato la formula
m
t
P
= lim
xy
m
r
PQ
,
dove t
P
`e la retta tangente a in P.
62 Capitolo 4. Derivate
4.1.1 Denizione. Siano I un intervallo, y I, e f : I R. Si chiama rapporto
incrementale di f con punto iniziale y la funzione R
y
f : I y R denita da
R
y
f(x) =
f(x) f(y)
x y
.
Il numero R
y
f(x) `e il coeciente angolare della retta passante per
_
x, f(x)
_
e
_
y, f(y)
_
.
4.1.2 Denizione. Siano < a < y < b < e f : [y, b) R. Se lim
xy
+
R
y
f(x)
R diciamo che f `e derivabile da destra in y, e chiamiamo derivata destra di f in y il
numero
f

+
(y) =
def
lim
xy
+
R
y
f(x).
Se f : (a, y] R, le nozioni di derivabilit`a da sinistra e di derivata sinistra di f in y,
che indicheremo con f

(y), sono ottenute dalle precedenti sostituendo i limiti da destra


con i corrispondenti limiti da sinistra.
Se f : (a, b) R `e derivabile da sinistra e da destra in y, e f

(y) = f

+
(y), diciamo che f
`e derivabile in y e chiamiamo derivata di f in y il numero reale f

(y) =
def
f

(y).
La derivata destra di f in y si indica anche con D
+
f(y), o con
_
df
dx
_
+
(y). Analoga-
mente, D

f(y) e
_
df
dx
_

(y) sono notazioni alternative a f

(y), e Df(y) e
df
dx
(y) sono
alternative a f

(y).
4.1.3 Esempi.
Siano f(x) =
def
mx +q e y in R. Allora f

(y) = m.
Infatti, `e facile vericare che R
y
f(x) = m per ogni x in R, da cui
lim
xy
R
y
f(x) = m,
Sezione 4.1 Derivata: denizione e prime propriet` a 63
come richiesto.
Sia f : R R denita da
f(x) =
_
1 se x > 0
0 se x 0.
Sia y > 0. Allora, per ogni x > 0, x ,= y, si ha che R
y
f(x) = 0, da cui ricaviamo
che lim
xy
R
y
f(x) = 0. Se y < 0 si ragiona in modo simile, e si perviene al medesimo
risultato. Quindi, f

(y) = 0 per ogni y ,= 0. Osserviamo che


R
0
f(x) =
_
0 se x < 0
1/x se x > 0,
e quindi D

f(0) = 0, ma f non `e derivabile in 0 da destra.


4.1.4 Proposizione. Siano a < y < b e f : (a, b) R. Valgono le
aermazioni seguenti:
(i) f `e derivabile da sinistra (risp. da destra) in y se e solo se esiste R tale che
f(x) f(y) (x y) = o(x y)
per x tendente a y da sinistra (risp. da destra). In tal caso = f

(y) (risp. =
f

+
(y));
(ii) se f `e derivabile in y da sinistra (risp. da destra), allora f `e continua in y da sinistra
(risp. da destra).
Dimostrazione. Consideriamo il caso della derivabilit` a da sinistra; il caso della derivabilit` a
da destra `e analogo.
Dimostriamo (i).
Supponiamo che f sia derivabile in y da sinistra. Allora
lim
xy

f(x) f(y) f

(y)(x y)
x y
= lim
xy

_
R
y
f(x) f

(y)
_
= 0,
come richiesto.
Viceversa, supponiamo che f(x) f(y) (x y) = o(x y) per x tendente a y

.
Dividendo ambo i membri per x y e facendo il limite per x tendente a y

, si ricava che
lim
xy

_
R
y
f(x)
_
= 0,
da cui segue che f

(y) = , come richiesto.


Dimostriamo (ii). Poiche f `e derivabile da sinistra in y, per (i) vale la formula f(x)
f(y) (x y) = o(x y) per x tendente a y

, da cui deduciamo che


lim
xy

_
f(x) f(y)
_
= 0,
64 Capitolo 4. Derivate
che `e equivalente alla continuit` a di f in y da sinistra. .
Esistono funzioni continue in un punto ma non ivi derivabili.
Ad esempio, la funzione f(x) =
def
[x[ `e continua in 0, ma `e facile vericare che R
0
f(x) =
sgnx, da cui
D

f(0) = 1 ,= 1 = D
+
f(0);
ergo, f non `e derivabile in 0.
Esercizi
1 Si dimostri che la funzione
f(x) =
def
_
xsin(1/x) se x ,= 0
0 se x = 0
non `e derivabile in 0.
2 Si dimostri che la funzione f : [0, ] R denita da f(x) =

sinx non `e derivabile
da destra in 0 e da sinistra in .
3 Si consideri la funzione
f(x) =
def
_
x
2
sin(1/x) se x ,= 0
0 se x = 0.
Si dimostri che f `e derivabile in R e che f

non `e continua in 0.
4.2 Calcolo di derivate
La denizione di derivata non `e comoda per il calcolo. Per poter calcolare velocemente
le derivate di molte tra le funzioni pi` u comuni, stabiliamo formule per il calcolo delle
derivate di alcune funzioni elementari, e regole che permettono di derivare funzioni costruite
a partire da funzioni elementari mediante luso delle quattro operazioni e della composizione
di funzioni.
Calcoliamo la derivata di alcune funzioni elementari.
Se x > 0, allora D(x

) = x
1
per ogni in R.
Supponiamo che x, z > 0. Si ha
lim
zx
z

z x
=
x

x
lim
zx
(z/x)

1
(z/x) 1
(ponendo z/x = 1 +t) = x
1
lim
t0
(1 +t)

1
t
(Es. 3, Sez. 3.4) = x
1
.
Sezione 4.2 Calcolo di derivate 65
Si verica facilmente che la funzione x x

`e derivabile in 0 da destra se e solo se


1, e che la sua derivata `e nulla se > 1 e uguale a 1 se = 1.
D(a
x
) = a
x
lna per ogni x in R. In particolare D(e
x
) = e
x
.
Infatti,
lim
zx
a
z
a
x
z x
= a
x
lim
zx
a
zx
1
z x
(ponendo z x = t) = a
x
lim
t0
a
t
1
t
(Es. 3, Sez. 3.4) = a
x
lna.
D(sinx) = cos x e D(cos x) = sinx per ogni x in R.
Dimostriamo la prima delle due formule. La dimostrazione della seconda `e analoga.
Per le formule di prostaferesi
lim
zx
sinz sinx
z x
= lim
zx
_
2
z x
sin
z x
2
cos
z +x
2
_
(per lEs. 1, Sez. 2.4, e la cont. del coseno) = cos x.
4.2.1 Proposizione. Supponiamo che I sia un intervallo, che y I e che f, g : I R
siano derivabili in y. Allora f +g e fg sono derivabili in y e
(f +g)

(y) = f

(y) +g

(y)
(fg)

(y) = f

(y) g(y) +f(y) g

(y).
Se, inoltre, g(y) ,= 0, allora f/g `e derivabile in y e
_
f
g
_

(y) =
f

(y) g(y) f(y) g

(y)
[g(y)]
2
.
Dimostrazione. Vd. [BR, Cap. VI, Teorema 5.1]. .
Se R, allora D(f) = Df.
D(1/g) = (Dg)/g
2
.
Utilizzando la formula della derivata della funzione potenza e le regole di derivazione
di somma e prodotto (Proposizione 4.2.1), si ottiene che
D
_
n

i=0
a
i
x
i
_
=
n

i=1
ia
i
x
i1
.
D(tanx) = D
_
sinx
cos x
_
=
cos
2
x + sin
2
x
cos
2
x
=
1
cos
2
x
.
66 Capitolo 4. Derivate
4.2.2 Proposizione. Siano f : (a, b) R e g : (c, d) R. Supponiamo che y (a, b)
e che f(y) (c, d). Se f `e derivabile in y e g `e derivabile in f(y), allora la funzione
composta g f `e derivabile in y e
(g f)

(y) = g

_
f(y)
_
f

(y).
Dimostrazione. Vd. [BR, Cap. VI, Teorema 5.5]. .
D(a
sinx
) = a
sinx
(lna) cos x.
4.2.3 Proposizione. Siano I un intervallo, y I e f : I R invertibile in I.
Supponiamo che f sia derivabile in y e che Df(y) ,= 0. Allora la funzione inversa f
1
`e
derivabile in w = f(y) e si ha
D
_
f
1
_
(w) =
1
Df(y)
=
1
Df
_
f
1
(w)
_.
Dimostrazione. Vd. [BR, Cap. VI, Teorema 5.8]. .
La parte meno semplice della dimostrazione del teorema precedente `e quella che mostra
che f
1
`e derivabile in f(y). Noto questo, osserviamo che, dalla formula x =
_
f
1

f
_
(x), valida per ogni x I, si ricava, in virt` u della formula per la derivata di una
funzione composta, che
1 = (Df
1
)
_
f(y)
_
(Df)(y).
Dividendo ambo i membri per Df(y), si ottiene la formula della derivata della funzione
inversa della proposizione precedente.
4.2.4 Esempi.
Sia f(x) = a
x
, a > 0. Allora f
1
(y) = log
a
y. Applicando la Proposizione 4.2.3 si
ottiene
D(f
1
)(y) =
1
Df(x)
=
1
a
x
lna
=
1
a
log
a
y
lna
=
1
y lna
.
Sezione 4.2 Calcolo di derivate 67
Quindi D(log
a
x) = 1/(xlna) per ogni x > 0; in particolare, D(lnx) = 1/x.
Sia f(x) = sinx. La restrizione di f a [/2, /2] `e invertibile, f
1
: [1, 1]
[/2, /2] e f
1
(y) = arcsiny.
Sia y in (1, 1). Applicando la Proposizione 4.2.3, si ottiene
D(arcsiny) =
1
D(sinx)
=
1
cos x
(cos x > 0 in (/2, /2)) =
1
_
1 sin
2
x
=
1
_
1 y
2
.
In modo analogo si dimostrano le formule
D(arccos y) =
1
_
1 y
2
e D(arctany) =
1
1 +y
2
.
Sia f(x) = x + lnx. La funzione f `e invertibile nellintervallo (1, ), perche somma
di funzioni crescenti, ergo crescente. Osserviamo che f(1) = 1 e che Df(1) = 2. Per
la Proposizione 4.2.3,
D(f
1
)(1) =
1
Df(1)
=
1
2
.
Per comodit` a, riportiamo nella seguente tabella le derivate di alcune tra le funzioni di
uso comune.
D(x

) = x
1
D(ln[x[) =
1
x
D(a
x
) = a
x
lna D(e
x
) = e
x
D(sinx) = cos x D(cos x) = sinx
D(tanx) =
1
cos
2
x
= 1 + tan
2
x D(arcsinx) =
1

1 x
2
D(arccos x) =
1

1 x
2
D(arctanx) =
1
1 +x
2
Esercizi
1 Si calcolino le derivate delle funzioni seguenti: sin(sinx), x
x
, x
g(x)
e x
x
x
.
2 Supponiamo che f e g siano n volte derivabili in I. Allora vale la formula seguente,
nota con il nome di formula di Leibnitz
D(fg) =
n

i=0
_
n
i
_
(D
i
f) (D
ni
g).
3 Si dimostri che
(h g f)

=
_
h

(g f)
_
g

.
Si enunci e si dimostri una formula analoga per la derivata della composta di n funzioni.
68 Capitolo 4. Derivate
4.3 Studio del comportamento locale di una funzione. I
4.3.1 Denizione. Siano I un intervallo aperto, y I e f : I R. Diciamo che f `e
crescente in y (risp. decrescente in y) se esiste un intervallo aperto J I contenente
y e tale che se x < y < z, e x, z J, allora
f(x) < f(y) < f(z) (risp. f(x) > f(y) > f(z)).
4.3.2 Denizione. Diciamo che y `e un punto di massimo (risp. punto di mini-
mo) di f, se esiste un intervallo aperto J I contenente y e tale che
f(x) f(y) (risp. f(x) f(y)) x J.
La locuzione y `e un punto di estremo per f equivale a y `e un punto di minimo o di
massimo per f.
Nel caso in cui I non sia aperto e y sia un estremo di I, le denizioni precedenti si
modicano in modo ovvio.
4.3.3 Proposizione. Siano a < y < b e f : (a, b) R. Valgono le
aermazioni seguenti:
(i) se f `e derivabile in y e f

(y) > 0 (risp. f

(y) < 0), allora f `e crescente (risp.


decrescente) in y;
(ii) se y `e un punto di massimo o di minimo per f, allora f

(y) = 0.
Dimostrazione. Dimostriamo (i). Supponiamo che f

(y) > 0. Per (i) possiamo scrivere


f(x) f(y) = f

(y) (x y) +o
_
(x y)
_
= (x y)
_
f

(y) +r(x y)

,
Sezione 4.3 Studio del comportamento locale di una funzione. I 69
dove r(x y) tende a 0 per x tendente a y. Poiche f

(y) > 0, esiste un intervallo aperto


J I tale che
[r(x y)[
f

(y)
2
.
Ne deduciamo che
f

(y)
2
f

(y) +r(x y)
3f

(y)
2
x J;
conseguentemente
f

(y)
2
(x y) f(x) f(y)
3f

(y)
2
(x y) x J,
che implica la crescenza di f in y.
In modo analogo si prova che se f

(y) < 0, allora f `e decrescente in y.


Dimostriamo (ii). Se y `e un punto di estremo, allora f non `e ne crescente, ne decre-
scente in y. In virt` u di (i) f

(y) non pu` o essere ne positiva, ne negativa; perci` o f

(y) = 0,
come richiesto. .
4.3.4 Denizione. Siano < a < y < b < e f : [a, b) R. Se f `e derivabile
da destra in a, chiamiamo semitangente destra in a al graco di f la semiretta graco
della funzione x f(a) +f

+
(a)(x a), x a.
In modo analogo, se f : (a, b] R `e derivabile da sinistra in b, si d` a la denizione di
semitangente sinistra al graco di f in b.
Se f : (a, b) R `e derivabile in y, chiamiamo tangente in y al graco di f la retta graco
della funzione x f(y) +f

(y)(x y).
Se f : (a, b) R `e derivabile a sinistra e a destra in y, e f

(y) ,= f

+
(y), diciamo che il
graco di f ha un punto angoloso.
Se f `e continua in y e lim
xy
R
y
f(x) vale oppure , diciamo che y `e un punto a
tangente verticale.
Se f `e continua in y, lim
xy

R
y
f(x) ,= lim
xy
+
R
y
f(x), e almeno uno di questi due limiti `e
innito, diciamo che f ha una cuspide in y.
70 Capitolo 4. Derivate
4.3.5 Esempi.
Dalla Proposizione 4.1.4 segue che una funzione non `e derivabile in ogni punto in cui
non `e continua.
La funzione f(x) =
def
[x[ ha un punto angoloso in 0.
Infatti, come dimostrato in uno degli esempi in calce alla Proposizione 4.1.4, f `e
continua in 0 e
D

f(0) = 1 ,= 1 = D
+
f(0).
La funzione f(x) =
def
_
[x[ ha una cuspide in 0.
Infatti, f `e continua in 0 e R
0
f(x) =
sgnx

x
, da cui
lim
x0

R
0
f(x) = e lim
x0
+
R
0
f(x) = .
La funzione f(x) =
def
3

x ha in 0 un punto a tangente verticale. Infatti, f `e continua


in 0 e R
0
f(x) = 1/
3

x
2
, da cui
lim
x0
R
0
f(x) = .
Esercizi
1 Sia f : (1, 1) R denita da
f(x) =
_
x
2
sin(1/x) se x ,= 0
0 se x = 0.
Si dimostri che f

(0) = 0, e che la retta tangente in 0 interseca il graco di f in inniti


punti.
4.4 Il teorema del valor medio
4.4.1 Denizione. Siano < a < b < e f : (a, b) R. Diciamo che f `e
derivabile in (a, b) se f `e derivabile in ogni punto di (a, b).
Se f : [a, b) R, diciamo che f `e derivabile in [a, b) se f `e derivabile in (a, b) ed `e derivabile
da destra in a
Se f : (a, b] R, diciamo che f `e derivabile in (a, b] se f `e derivabile in (a, b) ed `e derivabile
da sinistra in b.
Se f : [a, b] R, diciamo che f `e derivabile in [a, b] se f `e derivabile in [a, b) e in (a, b].
Sezione 4.4 Il teorema del valor medio 71
4.4.2 Teorema. Siano < a < b < , f in (
_
[a, b]
_
e derivabile in (a, b). Valgono
le propriet` a seguenti:
(i) (Lagrange) esiste (a, b) tale che
f(b) f(a) = f

() (b a)
(ii) (Rolle) se f(a) = f(b), allora esiste (a, b) tale che
f

() = 0.
Dimostrazione. Dimostriamo (i). Sia : [a, b] R la funzione
(t) =
def
f(t) f(a) R
a
f(b) (t a).
Osserviamo che (a) = (b) = 0, e che `e continua in [a, b].
Si presentano due casi.
Se `e costante, essa `e nulla in [a, b]. In tal caso
f(t) = f(a) + R
a
f(b) (t a),
da cui segue che f

(t) = R
a
f(b) per ogni t (a, b).
Supponiamo che non sia costante. Poiche `e continua, per il teorema fondamentale
delle funzioni continue su un intervallo, essa ha massimo o minimo. Uno almeno dei
punti di massimo o di minimo corrispondenti `e diverso da a e da b (perche (a) = (b));
indichiamolo con . Poiche `e derivabile in , la Proposizione 4.3.3 (i) implica che D() =
0, cio`e che
f

() = R
a
f(b),
come richiesto.
Se f(a) = f(b), allora R
a
f(b) = 0, e (ii) `e una conseguenza diretta di (i). .
4.4.3 Proposizione. Siano I un intervallo aperto e f : I R. Valgono le propriet` a
seguenti:
72 Capitolo 4. Derivate
(i) se f

> 0 in I, allora f `e crescente in I; se f

0, allora f `e non decrescente in I;


(ii) se f

`e identicamente nulla in I, allora f `e costante.


Dimostrazione. Dimostriamo (i). Siano x e y due punti di I tali che x < y. Per la formula
di Lagrange, esiste in (x, y) tale che
f(y) f(x) = f

() (y x)
(poiche f

() > 0) > 0,
da cui segue che f(x) < f(y); quindi f `e crescente in I. Analogamente si procede se f

0,
provando cos` (i).
Dimostriamo (ii). Sia y un punto di I ssato. Dato x I, per la formula di Lagrange
esiste compreso tra x e y tale che
f(x) f(y) = f

() (x y).
Per ipotesi f

() = 0, da cui deduciamo che f(x) = f(y); facendo variare x in I, si ottiene


che f `e costante. .
4.4.4 Teorema di de lH opital. Siano a < b e f, g : (a, b) R
derivabili con g

(x) ,= 0 in (a, b).


(i) se lim
xa
+
f(x) = 0 = lim
xa
+
g(x), ed esiste il lim
xa
+
f

(x)
g

(x)
, allora
lim
xa
+
f(x)
g(x)
= lim
xa
+
f

(x)
g

(x)
;
(ii) se lim
xa
+
f(x) e lim
xa
+
g(x) sono inniti ed esiste il lim
xa
+
f

(x)
g

(x)
, allora
lim
xa
+
f(x)
g(x)
= lim
xa
+
f

(x)
g

(x)
.
Dimostrazione. Per la dimostrazione si veda [R, Thm 5.13] oppure [BR, Cap. 7, Teo-
rema 3.1]. .
4.4.5 Esempi.
Calcoliamo il lim
x0
+
ln(1 +x)
e
x
1
.
Posto f(x) = ln(1 +x) e g(x) = e
x
1, osserviamo che sono soddosfatte le ipotesi del
Teorema 4.4.4 (i). Siccome lim
x0
+
f

(x)
g

(x)
= 1, possiamo concludere che
lim
x0
+
ln(1 +x)
e
x
1
= 1.
Sezione 4.4 Il teorema del valor medio 73
Siamo invece nella situazione (ii) con il Calcoliamo il lim
x0
+
lnx
1/x
.
Posto f(x) = lnx e g(x) = 1/x, osserviamo che sono soddosfatte le ipotesi del Teo-
rema 4.4.4 (ii). Siccome lim
x0
+
Dlnx
D(1/x)
= 0, possiamo concludere che
lim
x0
+
lnx
(1/x)
= 0.
Con lapplicazione (ripetuta) del Teorema 4.4.4 si possono riottenere risultati gi` a
trovati in precedenza. Ad esempio si ha
lim
x
1
e
x
= 0 = lim
x
x
e
x
= 0 = lim
x
x
2
e
x
= 0 = . . . = lim
x
x
n
e
x
= 0, n
(si pu` o anche scrivere x
n
/e
x
=
_
x/e
x/n
_
n
ed arrivare al risultato con una sola appli-
cazione del teorema di de lH opital).
Quindi x
n
= o(e
x
) per x , per ogni n N.
Per vericare che lnx = o(x
1/n
) per x , per ogni n N, si pu` o scrivere che
lim
x
lnx
x
1/n
= lim
x
1/x
n
1
x
1/n1
= lim
x
n
x
1/n
= 0, n N.
Esercizi
1 Si dimostri che
arctanx + arctan
1
x
=

2
x R
+
.
Cosa si pu` o dire per x < 0?
2 Sia f : R
+
R tale che f

1 in R
+
. Si dimostri che lim
x
f(x) = .
3 Sia f : (0, 1) R tale che lim
x0
+
f

(x) = . Si dimostri che lim


x
f(x) = . Cosa si
pu` o dire se si suppone solo che limsup
x0
+
f

(x) = ? E se si suppone che limsup


x0
+
f

(x) =
e che liminf
x0
+
f

(x) > ?
74 Capitolo 4. Derivate
4.5 Derivate successive
4.5.1 Denizione. Siano I un intervallo e f : I R. Poniamo D
0
f =
def
f, e, se D
n
f
`e derivabile, D
n+1
f =
def
D(D
n
f).
4.5.2 Denizione. Siano I un intervallo e n un intero positivo. La classe di tutte
le funzioni f : I R che ammettono derivata n-esima continua in I si denota con (
n
(I).
Poniamo, inoltre,
(

(I) =
def

n=1
(
n
(I).
Osserviamo che ((I) (
1
(I) (
2
(I) (

(I) (inclusioni proprie).


Per denizione (

(I) (
n
(I) per ogni intero positivo n. Sia f in (
1
(I). In partico-
lare, f `e derivabile in I e quindi continua in I, cio`e appartiene a ((I), dimostrando
cos` la prima inclusione. Le altre si dimostrano in modo simile.
Mostriamo ora che le inclusioni sono proprie.
Sia y un punto di I diverso dai suoi estremi. Per ogni intero positivo n sia f
n
: I R
denita da
f
n
(x) = (x y)
n+1
sgn(x y).
`
E facile dimostrare che D
n
f
n
(x) = (n + 1)! [x y[. Poiche x [x y[ `e continua
in I, f
n
appartiene a (
n
(I). Tuttavia D
n
f
n
non `e derivabile in y, e quindi f
n
non
appartiene a (
n+1
(I). Questo prova che le inclusioni dellenunciato sono proprie, come
richiesto.
Esercizi
1 Supponiamo che a < y < b , che f sia derivabile in (a, b) e che f

sia
continua in y. Allora
lim
xy
_
f

(x) R
y
f(x)
_
= 0.
5 Primitive
5.1 Primitiva: denizione e prime propriet`a
5.1.1 Denizione. Siano I un intervallo e f : I R. Una funzione F : I R si
chiama primitiva di f in I se F `e derivabile in I e F

(x) = f(x) per ogni x I.


La funzione di Heaviside, denita da
h(x) =
def
_
0 se x 0
1 se x > 0,
non ammette primitiva in R.
Se H fosse una primitiva di h in R, allora H

= h in R. In particolare,
0 = h(0)
= H

(0)
(denizione di derivata) = lim
x0
+
H(x) H(0)
x
.
Per il teorema del valor medio applicato alla funzione H e allintervallo [0, x], esi-
sterebbe c (0, x) tale che
H(x) H(0)
x
= H

(c)
= h(c)
= 1,
in contraddizione con quanto dimostrato sopra.
La funzione
f(x) =
def
_
2xsin(1/x) cos(1/x) x ,= 0
0 x = 0,
ha una discontinuit` a di seconda specie in 0, perche f non ammette limite a 0. Si
verica facilmente che la funzione
F(x) =
def
_
x
2
sin(1/x) x ,= 0
0 x = 0
`e una primitiva di f in R.
76 Capitolo 5. Primitive
5.1.2 Proposizione. Siano I un intervallo, f : I R e F una primitiva di f in I.
Valgono le propriet` a seguenti:
(i) per ogni c R, F +c `e una primitiva di f;
(ii) se F
1
`e una primitiva di f, allora F F
1
`e costante.
Dimostrazione. Osserviamo che D(F +c) = DF +Dc = DF; quindi F +c `e una primitiva
di f, e (i) `e dimostrato.
Dimostriamo (ii). Osserviamo che D(F F
1
) = DF DF
1
= 0 per ipotesi. Per la
Proposizione 4.4.3, F F
1
`e costante, come richiesto. .
5.1.3 Denizione. Siano I un intervallo e f : I R. Linsieme delle primitive di f
in I si chiama integrale indenito di f e viene indicato con uno dei simboli
_
f oppure
_
f(x) dx.
Per la Proposizione 5.1.2, se F `e una primitiva di f, allora
_
f =
_
F +c : c R
_
. Per
non appesantire la notazione, si scrive anche
_
f = F +c.
Consideriamo la funzione x 1/x, x R 0. Nellintervallo (0, ) si ha Dlnx =
1/x e quindi
_
f = lnx+c; in (, 0) si ha Dln(x) = 1/x e quindi
_
f = ln(x)+c.
Con abuso di notazione, in questa e in situazioni simili, scriveremo
_
1
x
dx = ln[x[ +c in R 0.
Osserviamo che linsieme delle funzioni della forma ln[x[ +c non esauriscono la classe
delle funzioni in R 0 la cui derivata `e 1/x. Ad esempio, se c
1
,= c
2
, la funzione
G(x) =
_
lnx +c
1
se x > 0
ln(x) +c
2
se x < 0
non fa parte di questa classe.
Dalla tabella di derivate della Sezione 4.2 e dalla denizione di primitiva, si ricava la
seguente tabella di primitive:
_
x

dx =
x
+1
+ 1
+c, ,= 1
_
1
x
dx = ln[x[ +c
_
a
x
dx =
a
x
lna
+c
_
e
x
dx = e
x
+c
_
cos xdx = sinx +c
_
sinxdx = cos x +c
_
1
cos
2
x
dx =
_
(1 + tan
2
x) = tan+c
_
1

1 x
2
dx = arcsinx +c
_
1

1 x
2
dx = arccos x +c
_
1
1 +x
2
dx = arctanx +c.
Sezione 5.2 Tecniche di integrazione: I 77
5.2 Tecniche di integrazione: I
5.2.1 Proposizione. Siano I un intervallo, f, g : I R e F, G loro primitive in I.
Valgono le aermazioni seguenti:
(i) aF +bG `e una primitiva di af +bg
(ii) se : J I `e derivabile, allora F `e una primitiva di (f ) D
(iii) vale la formula, detta formula di integrazione per parti,
_
F g = F G
_
f G.
Dimostrazione. Per dimostrare (i), basta osservare che aF +bG `e derivabile e che
(aF +bG)

= aF

+bG

= af +bg.
Per il teorema di derivazione delle funzioni composte
(F )

= (F

= (f )

,
e (ii) `e dimostrato.
Per provare (iii), dobbiamo dimostrare che se H `e una primitiva di f G, allora F GH
`e una primitiva di F g. Infatti,
(F GH)

= F

G+F G

= f G+F g f G
= F g,
come richiesto. .
Esempi duso della Proposizione 5.2.1 (i):
Osserviamo che x
2
/2 `e una primitiva di x, e che x `e una primitiva di 1. Per la
Proposizione 5.2.1 (i),
_
(3x + 2) dx = 3x
2
/2 + 2x +c.
Pi` u generalmente, se
i
`e in R 1 per ogni i, la ripetuta applicazione della Propo-
sizione 5.2.1 d` a
_
m

i=1
a
i
x

i
dx =
_
(a
1
x

1
+a
2
x

2
+. . . +a
m
x

m
) dx
= a
1
x

1
+1

1
+ 1
+a
2
x

2
+1

2
+ 1
+. . . +a
m
x

m
+1

m
+ 1
+c
=
m

i=1
a
i
x

i
+1

i
+ 1
+c.
78 Capitolo 5. Primitive
Esempi duso della Proposizione 5.2.1 (ii):

D =

+1
+1
+c, per ogni ,= 1.

_
D

= ln[[ +c.

_
e

D = e

+c.

_
D
1+
2
= arctan +c.
La Proposizione 5.2.1 (ii) `e nota come formula di integrazione per sostituzione.
Infatti, con la sostituzione (t) = x, si ottiene
_
f((t)) D(t) dt =
_
f(x) dx,
che possiamo integrare se `e nota una primitiva di f.
Esempi duso della proposizione 5.2.1 (iii):

_
xe
x
dx = xe
x

_
1 e
x
dx
= xe
x
e
x
+c.

_
lnxdx =
_
1 lnxdx
= xlnx
_
1
x
xdx
= xlnx x +c.

_
xarctanxdx =
x
2
2
arctanx
_
x
2
2
1
1 +x
2
dx
=
x
2
2
arctanx
1
2
_
1 +x
2
1
1 +x
2
dx
=
x
2
2
arctanx
1
2
_
_
1
1
1 +x
2
_
dx
=
x
2
2
arctanx
1
2
(x arctanx) +c.
Sezione 5.3 Techniche di integrazione: II. Funzioni razionali 79
5.3 Techniche di integrazione: II. Funzioni razionali
5.3.1 Denizione. Il trinomio x
2
+px +q, con p, q in R, si dice irriducibile se non
ha radici reali.
Osserviamo che x
2
+ px + q `e irriducibile se e solo se il suo discriminante p
2
4q `e
negativo.
5.3.2 Denizione. Un polinomio Q si dice decomposto in fattori irriducibili se
Q(x) = a
0
(x r
1
)
m
1
. . . (x r
h
)
m
h
(x
2
+p
1
x +q
1
)
n
1
. . . (x
2
+p
k
x +q
k
)
n
k
,
dove i fattori del tipo x
2
+ p
j
x + q
j
sono fattori irriducibili, r
1
, . . . , r
h
sono le radici reali
di Q di molteplicit` a rispettive m
1
, . . . , m
h
, e n
1
, . . . , n
k
sono numeri naturali.
Osserviamo che se Q `e come sopra, allora
m
1
+. . . +m
h
+ 2n
1
+. . . + 2n
k
= deg Q.
Si pu` o dimostrare che ogni polinomio ammette una decomposizione in fattori ir-
riducibili. Tuttavia non esistono metodi generali per ottenere la fattorizzazione di
un generico polinomio.
Presentiamo un metodo generale per lintegrazione di una funzione razionale, cio`e di
una funzione del tipo P/Q, dove P e Q sono polinomi e Q non `e identicamente nullo.
5.3.3 Teorema (decomposizione in frazioni semplici). Siano P e Q due polinomi
tali che deg P < deg Q. Supponiamo che
Q(x) = a
0
(x r
1
)
m
1
(x r
h
)
m
h
(x
2
+p
1
x +q
1
)
n
1
(x
2
+p
k
x +q
k
)
n
k
,
sia la decomposizione di Q in fattori irriducibili. Allora esistono, e sono unici, polinomi
M
1
, . . . , M
h
, con deg M
i
< m
i
, 1 i h, e polinomi N
1
, . . . , N
k
, con deg N
j
< 2n
j
,
1 j k tali che
P(x)
Q(x)
=
M
1
(x)
(x r
1
)
m
1
+. . . +
M
h
(x)
(x r
h
)
m
h
+
N
1
(x)
(x
2
+p
1
x +q
1
)
n
1
+. . . +
N
k
(x)
(x
2
+p
k
x +q
k
)
n
k
.
Dimostrazione. Per la dimostrazione, vd. [P, Lemmi 54.2 e 54.3]. .
Dati due polinomi P e Q tali che deg P deg Q, lalgoritmo della divisione tra
polinomi assicura che esistono due polinomi R e S tali che
P = SQ+R e deg R < deg Q.
Perci` o possiamo scrivere P/Q = S+R/Q. Il polinomio S `e elementarmente integrabile;
quindi il problema di integrare P/Q `e ricondotto al problema di integrare R/Q.
80 Capitolo 5. Primitive
In virt` u del punto precedente e della Proposizione 5.3.3, lintegrazione di P/Q `e ri-
condotta allintegrazione di funzioni razionali di uno dei tipi seguenti:
M(x)
(x r)
m
e
N(x)
(x
2
+px +q)
n
,
dove M ed N sono polinomi con deg M < m e deg N < 2n, e p
2
4q < 0.
Lintegrale
_
M(x)
(x r)
m
dx.
La sostituzione x r = t lo trasforma nellintegrale
_
M(t +r)
t
m
dt,
che si calcola facilmente, usando la Proposizione 5.2.1 (i).
Lintegrale
_
N(x)
(x
2
+px +q)
n
dx.
Prendiamo in considerazione dapprima alcuni casi particolari, che risulteranno poi
utili per la soluzione dellintegrale nella forma generale.
Caso a. Come noto,
_
1
t
2
+ 1
dt = arctant +c.
Caso b.
_
t
(t
2
+ 1)
n
dt.
Si ha direttamente
_
t
(t
2
+ 1)
n
dt =
1
2
_
2t
(t
2
+ 1)
n
dt
=
_

_
1
2
ln(t
2
+ 1) +c se n = 1
1
2
(t
2
+ 1)
n+1
n + 1
+c se n > 1
=
_

_
1
2
ln(t
2
+ 1) +c se n = 1
1
2(1 n)
1
(t
2
+ 1)
n1
+c se n > 1.
Caso c.
_
1
(t
2
+ 1)
n
dt, con n > 1.
Sezione 5.3 Techniche di integrazione: II. Funzioni razionali 81
Possiamo scrivere
_
1
(t
2
+ 1)
n
dt =
_
t
2
+ 1
(t
2
+ 1)
n
dt
_
t
2
(t
2
+ 1)
n
dt
=
_
1
(t
2
+ 1)
n1
dt
_
t
2
(t
2
+ 1)
n
dt
=
_
1
(t
2
+ 1)
n1
dt
_
t
(t
2
+ 1)
n
t dt
(il secondo per parti) =
_
1
(t
2
+ 1)
n1
dt
1
2(1 n)
t
(t
2
+ 1)
n1
+
1
2(1 n)
_
1
(t
2
+ 1)
n1
dt.
Integrando altre n 2 volte per parti, riconduciamo il calcolo di
_
1
(t
2
+ 1)
n
dt a
quello di
_
1
t
2
+ 1
dt.
Caso d.
_
t
s
(t
2
+ 1)
n
dt, con s > 1.
Possiamo scrivere
_
t
s
(t
2
+ 1)
n
dt =
_
t
(t
2
+ 1)
n
t
s1
dt
(per parti) =
1
2(1 n)
t
s1
(t
2
+ 1)
n1

s 1
2(1 n)
_
t
s2
(t
2
+ 1)
n1
dt;
abbiamo ottenuto un integrale dello stesso tipo di quello di partenza, in cui, per` o, il
grado di numeratore e denominatore `e diminuito di 2. Quindi, se s `e pari, dopo s/2
integrazioni per parti si ottiene un integrale di tipo a. Se invece s `e dispari, dopo
(s 1)/2 integrazioni per parti si ottiene un integrale di tipo b.
Caso generale.
_
N(x)
(x
2
+px +q)
n
dx.
Possiamo scrivere
x
2
+px +q =
_
x +
p
2
_
2
+q
p
2
4
= (x +a)
2
+b,
dove b =
def
q p
2
/4 > 0. Pertanto
_
N(x)
(x
2
+px +q)
n
dx =
_
N(x)
_
(x +a)
2
+b
_
n
dx
(con la sostituzione (x +a)/

b = t) = b
1/2n
_
N(

bt a)
(t
2
+ 1)
n
dt.
82 Capitolo 5. Primitive
Utilizzando la Proposizione 5.2.1 (i) il calcolo di questo integrale si riconduce al calcolo
di integrali del tipo
_
t
s
(t
2
+ 1)
n
dt,
con s N, s < 2n e n 1, cio`e integrali di tipo d.
5.3.4 Esempi. Vediamo due esempi che riassumono tutti i casi possibili.

_
2x
3
+x
2
+ 5x + 2
(x 1)
2
(x
2
+ 2x + 2)
dx.
Il fattore x
2
+ 2x + 2 `e irriducibile perche il suo discriminante `e negativo. Il Teo-
rema 5.3.3 garantisce lesistenza di una decomposizione del tipo
2x
3
+x
2
+ 5x + 2
(x 1)
2
(x
2
+ 2x + 2)
=
ax +b
(x 1)
2
+
cx +d
x
2
+ 2x + 2
.
Per determinare i coecienti a, b, c, d si procede come segue
ax +b
(x 1)
2
+
cx +d
x
2
+ 2x + 2
=
ax
3
+ 2ax
2
+ 2ax +bx
2
+ 2bx + 2b +cx
3
2cx
2
+cx +dx
2
2dx +d
(x 1)
2
(x
2
+ 2x + 2)
=
(a +c)x
3
+ (2a +b +d 2c)x
2
+ (2b + 2a +c 2d)x + 2b +d
(x 1)
2
(x
2
+ 2x + 2)
.
Questa frazione `e uguale alla frazione di partenza se e solo se sono uguali i polinomi
a numeratore, cio`e se e solo se i coecienti a, b, c, d soddisfano il sistema di equazioni
_

_
a +c = 2
2a +b +d 2c = 1
2b + 2a +c 2d = 5
2b +d = 2
che ha lunica soluzione
_

_
a = 1
b = 1
c = 1
d = 0.
Si ottiene quindi che la scomposizione in frazioni semplici `e la seguente
2x
3
+x
2
+ 5x + 2
(x 1)
2
(x
2
+ 2x + 2)
=
x + 1
(x 1)
2
+
x
x
2
+ 2x + 2
Per la Proposizione 5.2.1 (i), `e suciente calcolare lintegrale indenito dei due addendi
a secondo membro. Osserviamo che, con la sostituzione x 1 = t,
_
x + 1
(x 1)
2
dx =
_
t + 2
t
2
dt
=
_
1
t
dt +
_
2
t
2
dt
= ln[t[
2
t
+c
= ln[x 1[
2
x 1
+c.
Sezione 5.3 Techniche di integrazione: II. Funzioni razionali 83
Inoltre,
_
x
x
2
+ 2x + 2
dx =
_
x
(x + 1)
2
+ 1
dx
(con la sostituzione x + 1 = t) =
_
t 1
t
2
+ 1
dt
=
_
t
t
2
+ 1
dt
_
1
t
2
+ 1
dt
=
1
2
_
2t
t
2
+ 1
dt arctant
=
1
2
ln(t
2
+ 1) arctant +c
=
1
2
ln(x
2
+ 2x + 2) arctan(x + 1) +c.
Perci` o,
_
2x
3
+x
2
+ 5x + 2
(x 1)
2
(x
2
+ 2x + 2)
dx
= ln[x 1[
2
x 1
+
1
2
ln(x
2
+ 2x + 2) arctan(x + 1) +c.

_
x
4
3x
3
+ 15x
2
19x + 25
x(x
2
2x + 5)
2
dx.
Il fattore x
2
2x + 5 `e irriducibile perche il suo discriminante `e negativo. Il Teo-
rema 5.3.3 garantisce lesistenza di una decomposizione del tipo
x
4
3x
3
+ 15x
2
19x + 25
x(x
2
2x + 5)
2
=
a
x
+
bx
3
+cx
2
+dx +e
(x
2
2x + 5)
2
.
Determiniamo i coecienti a, b, c, d, e.
a
x
+
bx
3
+cx
2
+dx +e
(x
2
2x + 5)
2
=
ax
4
4ax
3
+ 14ax
2
20ax + 25a +bx
4
+cx
3
+dx
2
+ex
x(x
2
2x + 5)
2
=
(a +b)x
4
+ (4a +c)x
3
+ (14a +d)x
2
+ (20a +e)x + 25a
x(x
2
2x + 5)
2
.
I coecienti a, b, c, d, e devono quindi soddisfare il sistema di equazioni
_

_
a +b = 1
4a +c = 3
14a +d = 15
20a +e = 19
25a = 25
che ha lunica soluzione
_

_
a = 1
b = 0
c = 1
d = 1
e = 1.
84 Capitolo 5. Primitive
Si ottiene quindi la seguente scomposizione in frazioni semplici
x
4
3x
3
+ 15x
2
19x + 25
x(x
2
2x + 5)
2
=
1
x
+
x
2
+x + 1
(x
2
2x + 5)
2
Lintegrale indenito del primo addendo a secondo membro `e ln[x[ +c. Per la Propo-
sizione 5.2.1 il problema proposto `e ricondotto al calcolo dellintegrale indenito del
secondo addendo a secondo membro. Osserviamo che x
2
2x+5 = (x1)
2
+4; perci` o
_
x
2
+x + 1
(x
2
2x + 5)
2
dx =
_
x
2
+x + 1
((x 1)
2
+ 4)
2
dx
((x 1)/2 = t) =
_
(2t + 1)
2
+ (2t + 1) + 1
16(t
2
+ 1)
2
2 dt
=
1
8
_
4t
2
+ 6t + 3
(t
2
+ 1)
2
dt
=
1
2
_
t
2
(t
2
+ 1)
2
dt +
3
4
_
t
(t
2
+ 1)
2
dt +
3
8
_
1
(t
2
+ 1)
2
dt.
Questi ultimi tre integrali indeniti si calcolano come segue:
_
t
2
(t
2
+ 1)
2
dt =
_
t
(t
2
+ 1)
2
t dt
(per parti) =
1
2
1
t
2
+ 1
t +
1
2
_
1
t
2
+ 1
dt
=
1
2
t
t
2
+ 1
+
1
2
arctant +c,
_
t
(t
2
+ 1)
2
dt =
1
2
_
2t
(t
2
+ 1)
2
dt =
1
2
1
t
2
+ 1
+c,
e, inne,
_
1
(t
2
+ 1)
2
dt =
_
t
2
+ 1
(t
2
+ 1)
2
dt
_
t
2
(t
2
+ 1)
2
dt
=
_
1
t
2
+ 1
dt
_
t
2
(t
2
+ 1)
2
dt
= arctant +
1
2
t
t
2
+ 1

1
2
arctant +c
=
1
2
arctant +
1
2
t
t
2
+ 1
+c.
Con semplici manipolazioni algebriche otteniamo
_
x
4
3x
3
+ 15x
2
19x + 25
x(x
2
2x + 5)
2
dx
= ln[x[ +
7
16
arctan
x 1
2

1
8
x 1
(x 1)
2
+ 4

3
2
1
(x 1)
2
+ 4
+c.
Sezione 5.3 Techniche di integrazione: II. Funzioni razionali 85
Esercizi
1 Si calcolino le primitive delle seguenti funzioni negli intervalli indicati:
f(x) = arctanx in R;
f(x) = sin
2
x in R;
f(x) =
1
sinxcos x
in (0, /2);
f(x) =
1
1 + cos x
in (, ).
6 Lintegrale di Riemann
6.1 Denizione di integrale di Riemann
6.1.1 Denizione. Supponiamo che < a b < . Una partizione di [a, b] `e
un sottoinsieme nito x
0
, x
1
, . . . , x
N
di punti di [a, b] tali che a = x
0
x
1
. . . x
N
= b.
Linsieme delle partizioni di [a, b] verr` a indicato con T ([a, b]).
6.1.2 Denizione. Supponiamo che < a b < e che f : [a, b] R sia
limitata. Ad ogni partizione P = x
0
, x
1
, . . . , x
N
di [a, b] associamo le somme inferiori
s(f; P) e le somme superiori S(f; P) di Riemann denite da
s(f; P) =
def
N

i=1
m
i
_
x
i
x
i1
_
e S(f; P) =
def
N

i=1
M
i
_
x
i
x
i1
_
,
dove
m
i
=
def
inf
x[x
i1
,x
i
]
f(x) e M
i
=
def
sup
x[x
i1
,x
i
]
f(x).
Lintegrale inferiore
_
b
a
f e lintegrale superiore
_ b
a
f di Riemann di f in [a, b]
sono deniti da
_
b
a
f =
def
sup
PP([a,b])
s(f; P)
88 Capitolo 6. Lintegrale di Riemann
e
_ b
a
f =
def
inf
PP([a,b])
S(f; P).
Se
_
b
a
f =
_ b
a
f, diremo che f `e integrabile secondo Riemann in [a, b] e chiameremo
integrale di Riemann di f in [a, b] il numero reale
_
b
a
f, che indicheremo con
_
b
a
f.
Indicheremo con 1([a, b]) la classe delle funzioni integrabili secondo Riemann in [a, b].
La denizione di integrale non `e comoda per il calcolo eettivo degli integrali. Svilup-
peremo nella Sezione 6.5 alcuni metodi computazionali ecaci.
6.1.3 Propriet`a fondamentale delle partizioni. Valgono le propriet` a seguenti:
(i) per ogni coppia di partizioni P e Q di [a, b]
s(f; P) s(f; P Q) S(f; P Q) S(f; Q);
(ii)
_
b
a
f
_ b
a
f.
Dimostrazione. Dimostriamo la prima uguaglianza in (i).
`
E suciente provarla nel caso
in cui P Q si ottiene da P aggiungendo esattamente un punto, che chiamiamo y. Siano
x
i1
e x
i
i punti di P tali che x
i1
y x
i
. Poniamo
m
i
= inf
x[x
i1
,x
i
]
f(x),
i
= inf
x[x
i1
,y]
f(x) e
i
= inf
x[y,x
i
]
.
Chiaramente m
i
= min(
i
,
i
). Allora
s(f; P Q) s(f; P) =
i
(y x
i1
) +
i
(x
i
y) m
i
(x
i
x
i1
)
= (
i
m
i
) (y x
i1
) + (
i
m
i
) (x
i
y)
0,
e la prima disuguaglianza `e dimostrata. La terza disuguaglianza si dimostra in modo
simile, e la seconda `e ovvia; la dimostrazione di (i) `e completa.
Prendendo lestremo superiore al variare di P in T ([a, b]) nella disuguaglianza
s(f, P) S(f, Q),
si ottiene
_
b
a
f S(f, Q),
da cui, prendendo lestremo inferiore al variare di Q in T ([a, b]), si ottiene (ii). .
Sezione 6.1 Denizione di integrale di Riemann 89
6.1.4 Esempi.
Supponiamo che a y b, che f(y) = 1 e che f(x) = 0 se x ,= y. Allora f `e in
1([a, b]) e
_
b
a
f = 0.
Infatti, data P T([a, b]), le somme inferiori relative a P sono nulle e le somme
superiori si riducono ad un addendo (quello relativo allintervallo [x
i1
, x
i
] in cui cade
il punto y). Avremo perci` o
s(f; P) = 0 e S(f; P) = f(y)
_
x
i
x
i1
_
.
Prendendo lestremo inferiore rispetto a tali partizioni, si ottiene
_
b
a
f = 0, da cui la
tesi.
Sia f : [0, 1] R denita da
f(x) =
_
1 se x Q
0 se x / Q.
Mostriamo che f / 1([0, 1]).
Infatti, `e facile convincersi che per ogni partizione P di [0, 1] si ha che
s(f, P) = 0 e S(f, P) = 1,
da cui la tesi.
Supponiamo che I sia un sottointervallo di [a, b] e indichiamo con [I[ la sua lunghezza.
Allora 1
I
`e in 1([a, b]) e
_
b
a
1
I
= [I[
Sia P una partizione di [a, b] che contiene gli estremi di I. Allora
s(1
I
, P) = [I[ = S(1
I
, P),
da cui segue la tesi.
Supponiamo che I
1
, . . . , I
N
siano sottointervalli, a due a due disgiunti, di [a, b], e che
c
1
, . . . , c
N
siano numeri reali. Allora

N
i=1
c
i
1
I
i
appartiene a 1([a, b]) e
_
b
a
N

i=1
c
i
1
I
i
=
N

i=1
c
i
[I
i
[.
La dimostrazione `e analoga a quella del punto precedente; questa volta si pu` o consi-
derare una partizione che contenga gli estremi degli intervalli I
1
, . . . , I
N
.
90 Capitolo 6. Lintegrale di Riemann
6.2 Partizioni diadiche
La denizione di integrale inferiore `e formalmente simile a quella di minimo limite di
una funzione. C`e, tuttavia, una dierenza profonda: R `e un insieme totalmente ordinato,
mentre T ([a, b]) `e solo parzialmente ordinato rispetto alla relazione di inclusione. Si pu` o,
per` o, dare una caratterizzazione di integrale inferiore di Riemann su [a, b], utilizzando solo
un insieme numerabile di partizioni di [a, b], totalmente ordinate rispetto allinclusione.
6.2.1 Partizioni diadiche. Sia < a < b < . Per ogni intero positivo n sia
P
n
la partizione di [a, b] costituita dai punti a, b e dai multipli interi di 2
n
in (a, b). Le
partizioni P
n
si chiamano partizioni diadiche di [a, b].
Osserviamo che P
1
P
2
.
Sia f : [a, b] R una funzione limitata. Allora s(f; P
1
) s(f; P
2
) , S(f; P
1
)
S(f; P
2
) e
s(f; P
i
) S(f; P
j
) i, j N.
6.2.2 Teorema. Siano < a < b < e f : [a, b] R limitata. Valgono le
aermazioni seguenti:
(i)
_
b
a
f = sup
nN
s(f, P
n
) e
_ b
a
f = inf
nN
S(f, P
n
)
(ii) f 1([a, b]) se e solo se inf
nN
_
S(f, P
n
) s(f, P
n
)

= 0.
Dimostrazione. Dimostriamo la prima uguaglianza di (i). Da un lato
_
b
a
f = sup
PP([a,b])
s(f; P)
sup
nN
s(f; P
n
).
Dallaltro, sia P = x
0
, x
1
, . . . , x
N
una partizione di [a, b]. Poniamo
M =
def
sup
x[a,b]
[f(x)[ .
Sia n un intero positivo e consideriamo la partizione diadica P
n
= y
0
, y
1
, . . . , y
J
; se n `e
sucientemente grande, tra due elementi consecutivi di P si trovano molti elementi di P
n
,
come illustrato in gura.
Sezione 6.2 Partizioni diadiche 91
Poniamo
I
i
=
def
[x
i1
, x
i
], m
i
=
def
inf
xI
i
f(x) i = 1, . . . , N
e
H
j
=
def
[y
j1
, y
j
]
j
=
def
inf
xH
j
f(x) j = 1, . . . , J.
Indichiamo con

il sottoinsieme di 1, . . . , J costituito dagli indici j tali che H


j
non
contiene punti di P e con

il complementare di

in 1, . . . , J. Osserviamo che

contiene, al pi` u, 2N punti. Poiche [


j
[ M e y
j
y
j1
2
n
, possiamo dedurre che

jJ

j
_
y
j
y
j1
_

2MN/2
n
.
Inoltre,
s(f, P
n
) = s(f, P) +s(f, P
n
) s(f, P)
= s(f, P) +
J

j=1

j
_
y
j
y
j1
_

i=1
m
i
_
x
i
x
i1
_
= s(f, P) +

jJ

j
_
y
j
y
j1
_
+

jJ

j
_
y
j
y
j1
_

i=1
m
i
_
x
i
x
i1
_
s(f, P) +
N

i=1

{j:H
j
I
i
}
(
j
m
i
)
_
y
j
y
j1
_
4MN/2
n
(m
i

j
) s(f, P) 4MN/2
n
.
Prendendo lestremo superiore al variare di n in N otteniamo
s(f, P) sup
nN
s(f, P
n
);
prendendo lestremo superiore al variare di P in T ([a, b]), abbiamo
sup
PP([a,b])
s(f; P) sup
nN
s(f; P
n
),
concludendo cos` la dimostrazione della prima uguaglianza in (i). La seconda uguaglianza
si dimostra in modo analogo.
Dimostriamo (ii). Osserviamo che, essendo la successione S(f, P
n
) s(f, P
n
) non
crescente,
inf
nN
_
S(f, P
n
) s(f, P
n
)

= lim
n
_
S(f, P
n
) s(f, P
n
)

= lim
n
S(f, P
n
) lim
n
s(f, P
n
)
(S(f, P
n
) e s(f, P
n
) ) = inf
nN
S(f, P
n
) sup
nN
s(f, P
n
)
(per (i)) =
_ b
a
f
_
b
a
f;
92 Capitolo 6. Lintegrale di Riemann
per denizione, f 1([a, b]) se e solo se questultima dierenza `e nulla. Dalla catena di
uguaglianze precedente si deduce che ci` o accade se e solo se inf
nN
_
S(f, P
n
)s(f, P
n
)

= 0,
come richiesto. .
Utilizzando la caratterizzazione dimostrata, non `e dicile calcolare lintegrale di al-
cune funzioni elementari.
Esercizi
1 Supponiamo che f 1([a, b]). Allora per ogni > 0, esistono h

, k

(
_
[a, b]
_
tali
che h

f k

e
_
b
a
(k

) < .
2 Si calcolino, utilizzando il Teorema 6.2.2 (i), gli integrali
_
b
a
e
x
dx e
_ b
a
e
x
dx.
6.3 Condizioni di esistenza dellintegrale di Riemann
6.3.1 Teorema. Supponiamo che < a b < e che f : [a, b] R. Se vale una
delle condizioni seguenti:
(i) f `e continua in [a, b];
(ii) f `e monotona in [a, b];
(iii) f `e limitata e ha un numero nito di punti di discontinuit` a in [a, b],
allora f 1([a, b]).
Dimostrazione. Per la dimostrazione di (i), si veda, ad esempio, [R, Thm 6.8] oppure [BR,
Cap. IX, Teorema 3.1].
Dimostriamo (ii). Supponiamo che f sia non crescente; il caso in cui f `e non decre-
scente `e analogo.
Consideriamo una partizione diadica P
n
= t
0
, t
1
, . . . , t
N
di [a, b]. Poiche f `e non
crescente,
m
i
= f(t
i
) e M
i
= f(t
i1
).
Quindi
S(f, P
n
) s(f, P
n
) =
N

i=1
_
f(t
i1
) f(t
i
)
__
t
i
t
i1
_
2
n
N

i=1
_
f(t
i1
) f(t
i
)
_
= 2
n
_
f(a) f(b)
_
,
Sezione 6.4 Propriet` a dellintegrale di Riemann 93
che tende a 0 per n tendente a . La tesi segue dalla caratterizzazione dellintegrale di
Riemann dimostrata nel Teorema 6.2.2 (ii).
Per la dimostrazione di (iii) si veda [BR, Cap. IX, Corollario 3.3]. .
6.3.2 Teorema. Supponiamo che f 1([a, b]) e che (([a, b]). Allora f
1([a, b]).
Dimostrazione. Per la dimostrazione, si veda, ad esempio, [R, Cap. 6]. .
Il teorema precedente contiene, come caso particolare, limplicazione
f 1([a, b]) = f
k
1([a, b]) k N.
Se k `e pari questa implicazione non si pu` o rovesciare.
Ad esempio, la funzione f : [a, b] R denita da
f(x) =
def
_
1 se x Q
1 se x / Q
non `e in 1([a, b]), mentre il suo quadrato, che `e la funzione identicamente uguale a 1
in [a, b], lo `e.
6.4 Propriet`a dellintegrale di Riemann
6.4.1 Teorema. Supponiamo che < a b < e che f, g 1([a, b]). Valgono
le propriet` a seguenti:
(i) (linearit`a) sia c `e una costante; allora f +g e cf sono in 1([a, b]) e
_
b
a
(f +g) =
_
b
a
f +
_
b
a
g e
_
b
a
cf = c
_
b
a
f;
(ii) (monotonia) se f g, allora
_
b
a
f
_
b
a
g;
(iii) se a < c < b, allora f 1([a, c]) 1([c, b]), e
_
b
a
f =
_
c
a
f +
_
b
c
f;
(iv) se [f(x)[ M, allora

_
b
a
f

M (b a);
(v) fg 1([a, b]);
94 Capitolo 6. Lintegrale di Riemann
(vi) [f[ 1([a, b]) e

_
b
a
f

_
b
a
[f[ .
Dimostrazione. Dimostriamo (i). La dimostrazione delle altre propriet` a si basa su consi-
derazioni simili. Sia I un sottointervallo di [a, b]. Osserviamo che
inf
xI
f(x) + inf
xI
g(x) inf
xI
_
f(x) +g(x)
_
e che
sup
xI
_
f(x) +g(x)
_
sup
xI
f(x) + sup
xI
g(x).
Ne deduciamo che per ogni coppia di partizioni P e Q di [a, b]
s(f, P) +s(g, P) s(f +g, P) S(f +g, Q) S(f, Q) +S(g, Q).
Prendendo lestremo superiore al variare di P in T ([a, b]), otteniamo
_
b
a
f +
_
b
a
g
_
b
a
(f +g) S(f +g, Q) S(f, Q) +S(g, Q).
Prendendo ora lestremo inferiore al variare di Q in T ([a, b]), otteniamo
_
b
a
f +
_
b
a
g
_
b
a
(f +g)
_ b
a
(f +g)
_ b
a
f +
_ b
a
g.
Dallipotesi f, g 1([a, b]), segue che il primo e il quarto membro coincidono. Con-
seguentemente, anche il secondo e il terzo coincidono, cio`e f +g 1([a, b]), come richiesto.
.
Si noti la somiglianza della dimostrazione di (i) del teorema precedente con la di-
mostrazione della Proposizione 2.7.5.
Sezione 6.4 Propriet` a dellintegrale di Riemann 95
Esercizi
1 Supponiamo che a > 0 e che f 1([a, a]). Si dimostri che:
(i) se f `e dispari, allora
_
a
a
f = 0;
(ii) se f `e pari, allora
_
a
a
f = 2
_
a
0
f.
2 Teorema della media. Supponiamo che f (([a, b]). Si dimostri che esiste [a, b]
tale che
f() =
1
b a
_
b
a
f.
Si dimostri che la conclusione `e falsa in assenza dellipotesi di continuit` a di f. Il numero
1
b a
_
b
a
f si chiama media integrale di f in [a, b].
3 Supponiamo che f sia continua e non negativa in [a, b]. Si dimostri che se
_
b
a
f = 0,
allora f `e identicamente nulla in [a, b]. Si dimostri che la conclusione `e falsa se si omette
lipotesi di non negativit` a di f.
4 Supponiamo che f 1([a, b]). Sia F : [a, b] R denita da
F(x) =
_
x
a
f.
Si dimostri che esiste M > 0 tale che
[F(x) F(y)[ M [x y[ x, y [a, b].
In particolare, F `e continua in [a, b].
5 Supponiamo che f : [0, ) R sia in 1([0, b]) per ogni b > 0 e che lim
x
f(x) = c R.
Si dimostri che
lim
x
1
x
_
x
0
f = c.
6 Sia f (([a, b]). Si dimostri che
lim
y
__
b
a
[f[
y
_
1/y
= max [f[ .
96 Capitolo 6. Lintegrale di Riemann
7 Supponiamo che a (0, 1). Si dimostri che
[x
a
y
a
[ [x y[
a
x, y R.
6.5 Calcolo degli integrali
6.5.1 Denizione. Siano a y x b e f 1([a, b]). Poniamo
_
y
x
f =
def
_
_
_
0 se y = x

_
x
y
f se y < x.
`
E facile dimostrare che per ogni x, y, z [a, b] vale luguaglianza
_
y
x
f +
_
z
y
f =
_
z
x
f.
6.5.2 Teorema (fondamentale del calcolo). Supponiamo che f 1([a, b]).
Deniamo F : [a, b] R
F(x) =
_
x
a
f.
Valgono le propriet` a seguenti:
(i) se f `e continua in y, allora F `e derivabile in y e F

(y) = f(y)
(ii) se f (([a, b]) e G `e una primitiva di f in [a, b], allora
_
b
a
f = G(b) G(a).
Sezione 6.5 Calcolo degli integrali 97
Dimostrazione. Dimostriamo (i). Proviamo dapprima che D

F(y) = f(y) (se y = a non


c`e niente da dimostrare). Sia x [a, b] tale che x < y. Allora
F(x) F(y)
x y
=
1
x y
_
_
x
a
f
_
y
a
f
_
(per il Teorema 6.4.1 (iii)) =
1
y x
_
y
x
f
=
1
y x
_
y
x
_
f f(y) +f(y)
_
(per il Teorema 6.4.1 (i)) = f(y) +
1
y x
_
y
x
_
f f(y)
_
.
Per il Teorema 6.4.1 (iv)
1
y x

_
y
x
_
f f(y)
_

sup
z[x,y]
_
f(z) f(y)
_
=
_
f f(y)
_
y
(x),
che converge a 0 per x tendente a y da sinistra. Ne deduciamo che
lim
xy

F(x) F(y)
x y
= f(y),
come richiesto.
La dimostrazione della formula D
+
F(y) = f(y) (se y = b non c`e niente da dimostrare)
`e simile, e (i) `e provato.
Dimostriamo (ii). Osserviamo che, essendo G una primitiva di f,
(GF)

(y) = f(y) F

(y)
(per (i)) = f(y) f(y)
= 0 y [a, b].
Per la Proposizione 4.4.3, la funzione GF `e costante in [a, b]. In particolare, (GF)(b) =
(GF)(a), cio`e
G(b)
_
b
a
f = G(a),
da cui la tesi. .
6.5.3 Corollario. Supponiamo che F e G siano funzioni derivabili in [a, b] e che
F

, G

1([a, b]). Allora


_
b
a
[FG

+GF

] = (FG)(b) (FG)(a).
98 Capitolo 6. Lintegrale di Riemann
Dimostrazione. Poiche F e G sono derivabili, esse sono continue e quindi appartengono a
1([a, b]) per il Teorema 6.3.1 (i). Per il Teorema 6.4.1 (v), FG

e GF

sono in 1([a, b]).


Dalla regola di derivazione di un prodotto di funzioni segue che FG `e una primitiva di
FG

+GF

, da cui la tesi. .
6.5.4 Corollario. Supponiamo che f (([a, b]), che : [, ] [a, b] sia di classe
(
1
_
[, ]
_
, che () = a e che () = b. Allora
_
b
a
f =
_

(f )

.
Dimostrazione. Osserviamo che (f )

(
_
[, ]
_
e quindi appartiene a 1([, ]). Sia
F una primitiva di f. Allora F `e una primitiva di (f )

. Per il teorema fondamentale


del calcolo,
_
b
a
f = F(b) F(a)
= (F )() (F )()
(teorema fond. calcolo) =
_

(f )

,
come richiesto. .
Esercizi
1 Sia E un sottoinsieme nito di [a, b]. Supponiamo che F sia una funzione derivabile
in [a, b] E e che F

sia continua e limitata in [a, b] E. Estendiamo F

a una funzione su
[a, b], ponendo F

(x) = 0 per ogni x in E. Si dimostri che


_
b
a
F

= F(b) F(a).
2 Siano f ((R) e (
1
(R). Si calcoli
D
_
(x)
0
f.
Sezione 6.6 Lintegrale di Riemann generalizzato 99
6.6 Lintegrale di Riemann generalizzato
6.6.1 Denizione. Sia f : [a, ) R in 1([a, b]) per ogni b > a. Se lim
b
_
b
a
f R,
diciamo che f `e integrabile in senso generalizzato in [a, ), e chiamiamo integrale
di f in [a, ) il numero reale
_

a
f =
def
lim
b
_
b
a
f.
In modo analogo si deniscono lintegrabilit` a in senso generalizzato di f in (, b] e il
corrispondente integrale.
Diciamo che f : R R `e integrabile in senso generalizzato in (, ) se f `e
integrabile in (, 0] e in [0, ).
Chiameremo integrale di f in (, ) il numero reale
_

f =
def
_
0

f +
_

0
f.
Le due gure precedenti suggeriscono che se f 0, il suo integrale generalizzato
rappresenta larea sottesa dal graco di f.
100 Capitolo 6. Lintegrale di Riemann
Dalla denizione di integrale generalizzato e dalla linearit` a dellintegrale di Riemann,
si deducono le propriet` a seguenti:
(i) se f e g sono integrabili in senso generalizzato su (, ), lo stesso vale per f +g, e
_

(f +g) =
_

f +
_

g;
(ii) se f `e integrabile in senso generalizzato su (, ) e c R, lo stesso vale per cf, e
_

cf = c
_

f.
6.6.2 Esempi.
La funzione x e
x
`e integrabile in senso generalizzato in [0, ) e
_

0
e
x
dx = 1.
Infatti,
_

0
e
x
dx = lim
b
_
b
0
e
x
dx
(teorema fond. calcolo) = lim
b
_
e
x
_

b
0
= lim
b
_
1 e
b
_
= 1,
come richiesto.
La funzione x (1 + x)

`e integrabile in senso generalizzato in [0, ) se e solo se


< 1; in tal caso
_

0
(1 +x)

dx = (1 +)
1
.
Osserviamo che
_

0
(1 +x)

dx = lim
b
_
b
0
(1 +x)

dx
(teorema fond. calcolo) = lim
b
(1 +x)
+1
+ 1

b
0
= lim
b
(1 +b)
+1
1
+ 1
.
Questo limite `e nito se e solo se < 1 e in tal caso vale
1
+ 1
, come richiesto.
Nei due esempi precedenti la funzione integranda `e innitesima allinnito. Osservi-
amo, per` o, che
f 0,
_

0
f < ,= lim
x
f(x) = 0.
Si veda lEsercizio 3 della Sezione 6.7.
Sezione 6.7 Criteri di convergenza per integrali generalizzati 101
Esercizi
1 Si mostri che nella denizione di integrale generalizzato in (, ) si pu` o sostituire
il punto 0 con un qualunque altro numero reale, senza che il valore dellintegrale cambi.
6.7 Criteri di convergenza per integrali generalizzati
In questa sezione dimostreremo alcuni criteri di convergenza per integrali generalizzati.
Per brevit` a enunceremo i criteri relativi agli integrali generalizzati del tipo
_

a
f; criteri
analoghi valgono per integrali della forma
_
b

f e
_

f.
6.7.1 Criterio del confronto. Siano a R, f, g : [a, ) [0, ), f, g 1([a, b])
per ogni b > a. Valgono le aermazioni seguenti:
(i) se f g, e g `e integrabile in senso generalizzato in [a, ), allora f `e integrabile in
senso generalizzato in [a, );
(ii) se f g, e f non `e integrabile in senso generalizzato in [a, ), allora g non `e
integrabile in senso generalizzato in [a, );
(iii) se limsup
x
f(x)
g(x)
< , e g `e integrabile in senso generalizzato in [a, ), allora f `e
integrabile in senso generalizzato in [a, );
(iv) se limsup
x
f(x)
g(x)
< , e f non `e integrabile in senso generalizzato in [a, ), allora g
non `e integrabile in senso generalizzato in [a, ).
Dimostrazione. Dimostriamo (i). Essendo f e g non negative, le funzioni x
_
x
a
f e
x
_
x
a
g sono non decrescenti, e quindi ammettono limite a . Per il Teorema 6.4.1 (ii),
lim
x
_
x
a
f lim
x
_
x
a
g
(poiche g `e integrabile in [a, )) < ,
da cui segue che anche f `e integrabile in [a, ), come richiesto.
La dimostrazione di (ii) segue la falsariga di quella di (i) e la omettiamo.
Dimostriamo (iii). Sia =
def
limsup
x
f(x)
g(x)
. Per denizione di massimo limite,
= inf
x[a,)
_
f
g
_

(x).
102 Capitolo 6. Lintegrale di Riemann
Sia M
1
> . Per denizione di estremo inferiore, esiste [a, ) tale che M
1

_
f
g
_

().
Poiche
_
f
g
_

`e non crescente,
M
1

_
f
g
_

(y)

f(y)
g(y)
y [, ),
da cui si ricava che
f(y) M
1
g(y) y [, ).
Ora, ricordiamo che f `e limitata in [a, ], perche ivi Riemann integrabile. Poniamo
M =
def
max
_
sup
x[a,]
f(x), M
1
_
.
Evidentemente
f(y)
_
M se x [a, ]
M g(y) se x [, ].
Siccome la funzione a secondo membro della formula precedente `e integrabile in senso
generalizzato in [a, ), perche g lo `e per ipotesi, (i) implica che anche f lo `e, come richiesto.
La dimostrazione di (iv) segue la falsariga di quella di (iii) e la omettiamo. .
Lipotesi limsup
x
f(x)
g(x)
< `e implicata dalla condizione
lim
x
f(x)
g(x)
< .
6.7.2 Corollario. Siano a, R e f (([a, )). Supponiamo che
f(x) x

per x tendente a .
Valgono le aermazioni seguenti:
(i) se < 1, allora f `e integrabile in senso generalizzato in [a, );
(ii) se 1, allora f non `e integrabile in senso generalizzato in [a, ).
Dimostrazione. Osserviamo che f 1([a, b]) per ogni b > a, perche f `e continua in [0, )
per ipotesi. Dimostriamo (i). La dimostrazione di (ii) `e simile. Lipotesi f(x) x

per x
tendente a implica che limsup
x
f(x)
(1 +x)

< . Se < 1, la funzione x (1 + x)

`e
Sezione 6.7 Criteri di convergenza per integrali generalizzati 103
integrabile in senso generalizzato in [a, ), in virt` u del secondo degli Esempi 6.6.2. Ora
(i) `e conseguenza diretta del Criterio del confronto 6.7.1 (iii). .
Supponiamo che a R e che f 1([a, b]) per ogni b > a. Se f ammette limite a
e =
def
lim
x
f(x) ,= 0, allora f non `e integrabile in senso generalizzato in [a, ).
Supponiamo, ad esempio, che > 0. Il caso in cui < 0 si tratta in modo analogo. In
virt` u della denizione di limite, esiste c > a tale che f > /2 in (c, ). Osserviamo
che se b > c
lim
b
_
b
0
f =
_
c
0
f + lim
b
_
b
c
f

_
c
0
f + lim
b
_
b
c

_
c
0
f + lim
b
(b c)
2
= ,
come richiesto.
6.7.3 Esempi.
La funzione f(x) =
def
x

e
x
`e integrabile in senso generalizzato in [0, ) per ogni
0.
Osserviamo che f (([0, )) e quindi f 1([0, b]) per ogni b > 0. Inoltre, f 0 in
[0, ), e
lim
x
f(x)
(1 +x)
2
= lim
x
x
+2
e
x
(per la Prop. 2.3.6) = 0.
La funzione x (1+x)
2
`e integrabile in senso generalizzato in [0, ), come mostrato
nellEsempio 6.6.2. Per il Criterio del confronto 6.7.1 (iii), anche f lo `e.
La funzione g(x) =
def

sin
1
x

non `e integrabile in senso generalizzato in [1, ).


Infatti, g `e non negativa e continua in [1, ), e
g(x)
1
x
per x tendente a ;
la tesi segue dal Corollario 6.7.2 (ii).
Si pu` o facilmente dimostrare che il Criterio del confronto 6.7.1 non si estende a funzioni
che non siano di segno costante. Per tali funzioni, si possono utilizzare altri criteri, che ora
dimostreremo. Ricordiamo che la parte negativa f

e la parte positiva f
+
di una funzione
f sono denite nella Denizione 2.3.3.
104 Capitolo 6. Lintegrale di Riemann
6.7.4 Proposizione. Siano a R e f 1([a, b]) per ogni b > a. Valgono le propriet` a
seguenti:
(i) [f[ `e integrabile in senso generalizzato in [a, ) se e solo se f

e f
+
lo sono. In tal
caso
_

a
[f[ =
_

a
f

+
_

a
f
+
;
(ii) se [f[ `e integrabile in senso generalizzato in [a, ), allora lo stesso vale per f. Inoltre,

_

a
f

_

a
[f[ .
Dimostrazione. Dimostriamo (i).
Supponiamo che [f[ sia integrabile. Poiche 0 f
+
[f[ e 0 f

[f[, anche f
+
e
f

sono integrabili in [a, ) per il criterio del confronto.


Viceversa, se f

e f
+
sono integrabili, anche f

+ f
+
lo `e. Poiche f

+ f
+
= [f[,
anche [f[ `e integrabile. Inne,
_

a
[f[ = lim
x
_
x
a
[f[
= lim
x
_
x
a
(f
+
+f

)
(linearit` a int. Riem.) = lim
x
_
_
x
a
f
+
+
_
x
a
f

_
,
come richiesto.
Dimostriamo (ii). Osserviamo che

_

a
f

lim
x
_
x
a
f

(linearit` a int. Riem.) =

lim
x
_
_
x
a
f
+

_
x
a
f

(continuit` a funzione modulo e dis. tr.) lim


x
_
_
x
a
f
+
+
_
x
a
f

_
(linearit` a int. Riem.) = lim
x
_
x
a
(f
+
+f

)
=
_

a
[f[ ,
come richiesto.
6.7.5 Teorema (integrali oscillanti). Sia a R, e supponiamo che f, g : [a, ) R
godano delle propriet` a seguenti:
Sezione 6.7 Criteri di convergenza per integrali generalizzati 105
(a) f (([a, )), periodica di periodo p,
_
a+p
a
f = 0;
(b) g (
1
([a, )), non crescente e innitesima a .
Allora fg `e integrabile in senso generalizzato in [a, ).
Dimostrazione. Sia F : [a, ) R la primitiva di f tale che F(a) = 0. Poiche f `e
periodica di periodo p e
_
a+p
a
f = 0, F `e periodica di periodo p e valgono le relazioni
F(a +jp) = 0 j N.
Sia x > a; notiamo che
a +p
_
x a
p
_
x < a +p
_
x a
p
_
+ 1.
Per comodit` a di notazione, nel prosieguo della dimostrazione scriveremo (x) invece di
a +p
_
x a
p
_
. Osserviamo che
_
x
a
fg =
_
(x)
a
fg +
_
x
(x)
fg
(integrando per parti) = Fg

(x)
a

_
(x)
a
Fg

+
_
x
(x)
fg
=
_
(x)
a
Fg

+
_
x
(x)
fg.
Lultima uguaglianza segue dal fatto che F((x)) = F(a) = 0. Ora,

_
x
(x)
fg

max
x[a,)
[f(x)[
_
x
(x)
g
(g `e non crescente) max
x[a,)
[f(x)[ g((x))
(g `e innitesima) 0,
al tendere di x a . Inoltre, essendo g non crescente e derivabile, abbiamo che g

0, e
quindi
_
(x)
a
[Fg

[
_
(x)
a
[F[ g

max
x[a,)
[F(x)[
_
(x)
a
g

(teorema fond. calcolo) =


_
g(a) g((x))
_
max
x[a,)
[F(x)[
g(a) max
x[a,)
[F(x)[
(F `e continua e periodica) < .
106 Capitolo 6. Lintegrale di Riemann
Questo calcolo mostra che [Fg

[ `e integrabile in senso generalizzato in [a, ). Per la


Proposizione 6.7.4 (ii), anche Fg

`e integrabile in senso generalizzato in [a, ). Perci` o


_

a
fg = lim
x
_
x
a
fg
= lim
x
_
(x)
a
Fg

+ lim
x
_
x
(x)
fg
=
_

a
Fg

,
come richiesto. .
La funzione x
sinx
log(1 +x)
`e integrabile in senso generalizzato in [0, ).
La tesi segue dal teorema precedente con f(x) = sinx, g(x) =
1
log(1 +x)
, p = 2.
6.7.6 Corollario. Siano f : [0, ) R denita da
f(x) = (1)
x
,
e g (
1
([a, )), non crescente e innitesima a . Allora fg `e integrabile in senso
generalizzato in [a, ).
Dimostrazione. Sia F : [0, ) R la funzione periodica di periodo 2, tale che
F(x) =
_
x se x [0, 1]
2 x se x [1, 2].
`
E immediato vericare che F `e una primitiva di f in ogni intervallo del tipo [j, j + 1],
j N. La dimostrazione del Teorema 6.7.5 si adatta alla presente situazione con piccole
modiche. Omettiamo i dettagli. .
La funzione h : [0, ) R, denita da
h(x) =
(1)
x
x + 1
,
`e integrabile in senso generalizzato in [0, ), ma [h[ non lo `e.
Infatti, h = fg, dove f(x) = (1)
x
e g(x) =
1
x + 1
, e si pu` o applicare il corollario
precedente. Tuttavia,
_

0
[h[ = lim
b
_
b
0
1
x + 1
dx
= lim
b
ln(b + 1)
= ,
Sezione 6.7 Criteri di convergenza per integrali generalizzati 107
e quindi [h[ non `e integrabile in senso generalizzato in [0, ), come richiesto.
Esercizi
1 Si dimostri che la funzione x x
a
`e integrabile in senso generalizzato in [1, ) se e
solo se a > 1.
2 Si dimostri che la funzione x 1/
_
x
a
ln
b
(x + 1)
_
`e integrabile in senso generalizzato
in [1, ) se e solo se a > 1 oppure a = 1 e b > 1.
3 Si consideri la funzione f : [0, ) R, denita da
f =

j=1
j 1
[j,j+j
3
]
.
Si dimostri che f `e integrabile in senso generalizzato in [0, ), che
limsup
x
f(x) = 0 e che limsup
x
f(x) = .
Come si pu` o modicare questo esempio per ottenere una funzione continua con le medesime
propriet` a di f?
4 Siano a R e f integrabile in senso generalizzato in [a, ). Si dimostri che
lim
x
_
x+1
x
f = 0.
5 Si dimostri che gli integrali generalizzati
_

0
sinx
x
dx e
_

0
cos
_
x
2
_
dx
sono niti, mentre
_

0
[sinx[
x
dx
non lo `e.
108 Capitolo 6. Lintegrale di Riemann
6.8 La distribuzione normale
Le funzioni t e
t
2
e t 1/(t
2
+ 1) sono continue in R e
lim
t
(t
2
+ 1) e
t
2
= 0 = lim
t
(t
2
+ 1) e
t
2
;
ne consegue che esiste una costante C > 0 tale che
e
t
2

C
t
2
+ 1
t R.
Dal teorema del confronto e dal secondo degli Esempi 6.6.2 si deduce che
_

e
t
2
dt < .
Consideriamo la funzione E : R R denita da
E(x) =
1

_
x

e
t
2
dt,
dove lintegrale che compare a secondo membro `e da intendersi in senso generalizzato.
Osserviamo che
0 lim
x
E(x)
C lim
x
_
x

1
t
2
+ 1
dt
(per il teorema fond. del calcolo e la def. di int. gen.) = C
_
lim
x
arctanx +

2
_
= 0,
da cui segue che lim
x
E(x) = 0. Osserviamo che E

(x) = e
x
2
/

per il teorema
fondamentale del calcolo; essendo E

> 0, E `e crescente in R. Quindi E ammette limite


a . Osserviamo che
lim
x
E(x) = lim
x
1

_
x

e
t
2
dt
lim
x
C
_
x

1
t
2
+ 1
dt
(per il teorema fond. del calcolo e la def. di int. gen.) = C
_
lim
x
arctanx +

2
_
= C .
Sezione 6.8 La distribuzione normale 109
Conseguentemente, lim
x
E(x) R. Si pu` o dimostrare che tale limite vale 1, da cui la
formula
1

e
t
2
dt = 1
di grande importanza nel calcolo delle probabilit` a. Il graco di E `e riportato in gura.
0
2
x
-1/2
-1/2
p
p
E x ( )
x
-x
e
1
E x ( )
x
x
7 Successioni e serie
7.1 Limiti di successioni
7.1.1 Denizione. Si chiama successione una funzione f : N R.
Per denotare la successione f denita da
f(n) = n
2
n N.
spesso si scrive n
2

nN
, o anche n
2
.
Si consideri la funzione f : N 0, 1 R, denita da
f(n) =
1
n
2
n
.
A stretto rigor di termini, f non `e una successione, perche non `e denita in tutto N.
Possiamo estendere la denizione di f a N, ponendo, ad esempio, f(0) = f(1) = 0.
La funzione estesa che ne risulta `e una successione secondo la Denizione 7.1.1.
Con abuso di notazione, chiameremo successione una funzione denita in N, eccetto,
al pi` u, un numero nito di punti.
7.1.2 Denizione. Sia lapplicazione che associa a ogni successione f la funzione
(f) : [0, ) R, denita da
(f)(x) = f
_
x|
_
x [0, ).
112 Capitolo 7. Successioni e serie
7.1.3 Denizione. Siano in R

e f una successione. Se il limite di (f) a `e ,


si dice che il limite della successione f `e , e si scrive
lim
n
f(n) = .
Se R, si dice che la successione f `e convergente.
Se = , oppure = , si dice che la successione f `e divergente.
In modo analogo si deniscono il massimo limite e il minimo limite di una successione.
Se f `e una successione monotona, allora f ha limite.
Infatti, la funzione (f) `e monotona e quindi ammette limite per la Proposizione 2.1.6.
7.1.4 Denizione. Siano f una successione e g : [0, ) R. Si dice che g inter-
pola f se
g(n) = f(n) n N.
x
1 0 3 2 4
f(0)
f(4)
f(3)
f(1)
f(2)
grafico di g
La funzione (f) interpola la successione f; chiameremo (f) linterpolante stan-
dard di f.
7.1.5 Proposizione. Siano R

, f una successione e g : [0, ) R una funzione


che interpola f. Se lim
x
g(x) = , allora lim
n
f(n) = .
Dimostrazione. Per denizione di limite di una successione, dobbiamo mostrare che
lim
x
(f)(x) = .
Osserviamo che
g

(x) = inf
y[x,)
g(y)
inf
y[x+1,)
g(y)
(g([x| + 1, )) (f)([x| + 1, ))) inf
y[x+1,)
(f)(y)
= (f)

(x| + 1).
Sezione 7.1 Limiti di successioni 113
Analogamente,
g

(x) (f)

(x| + 1).
Per ipotesi
sup
x[0,)
g

(x) = = inf
x[0,)
g

(x),
da cui
sup
x[0,)
(f)

(x) = = inf
x[0,)
(f)

(x),
come richiesto. .
Siano f una successione e g una funzione che interpola f. Pu` o accadere che f ammetta
limite, ma che g non ammetta limite a .
Si consideri, ad esempio, la funzione g periodica di periodo 1, disegnata nella gura qui
sotto. Essa interpola la successione nulla, che ammette limite 0, ma g non ammette
limite a , come `e facile vericare.
x
1
1
0 3 2
7.1.6 Proposizione. Siano f una successione monotona e g : [0, ) R una
funzione monotona che interpola f. Le aermazioni seguenti sono equivalenti:
(i) lim
n
f(n) = R

;
(ii) lim
x
g(x) = R

.
Dimostrazione. Dimostriamo la propriet` a richiesta nel caso in cui f e g siano non crescenti.
La dimostrazione nel caso in cui siano non decrescenti `e analoga. Indichiamo con :
[0, ) R la funzione denita da
(x) = x + 1.
Osserviamo che il graco di f si ottiene traslando a sinistra di 1 il graco di f.
`
E facile
convincersi che vale la catena di disuguaglianze seguente:
(g )(x) (f )(x) g(x) (f)(x) x [0, ).
114 Capitolo 7. Successioni e serie
grafico di F( ) f
x
1 0 3 2 4 5
grafico di g
grafico di F( ) f t
x
1 0 3 2 4 5
grafico di g
grafico di ( ) g x t
Poiche g e (f) sono monotone, esse ammettono limite a . Inoltre,
lim
x
g(x + 1) = lim
x
g(x) e lim
x
(f)(x + 1) = lim
x
(f)(x)
per la Proposizione 3.4.1 (ii). La tesi segue dal teorema del confronto. .
Esercizi
1 Sia R. Si dimostri che una successione f ha limite se e solo se per ogni > 0,
esiste tale che per ogni n vale la disuguaglianza
[f(n) [ < .
Si formulino e si dimostrino caratterizzazioni analoghe nei casi in cui = oppure
= .
2 Si calcoli il lim
n
n
n + 1
.
7.2 Serie
7.2.1 Denizione. Sia f una successione. Sia s
f
la successione denita da
s
f
(n) = f(0) +. . . +f(n) n N;
i numeri s
f
(n) sono detti somme parziali di f, la successione s
f
prende il nome di serie
associata a f; f si chiama anche termine generale di s
f
.
Se lim
n
s
f
(n) = S R, diciamo che la serie s
f
converge a S (o anche che

j
s
f
(n)
converge) e scriviamo

j=0
f(j) = S;
Sezione 7.2 Serie 115
S si chiama somma della serie s
f
.
Se s
f
diverge a o a , diciamo che la serie s
f
diverge e scriviamo

j=0
f(j) = oppure

j=0
f(j) = .
In tutti gli altri casi diremo che la serie oscilla.
Pi` u precisamente, se s
f
oscilla ed `e limitata, diremo che oscilla limitatamente; se s
f
oscilla e non `e limitata, diremo che oscilla illimitatamente.
Scriveremo s anziche s
f
quando questo non dar` a luogo a equivoci.
Osserviamo che se f e h sono due successioni diverse in un insieme nito di punti,
s
f
e s
h
hanno il medesimo carattere, cio`e convergono entrambe, oppure divergono
entrambe. Nel caso in cui s
f
e s
h
convergano, le somme delle serie s
f
e s
h
possono
essere fra loro diverse.
7.2.2 Esempi.
La serie geometrica. Siano r R e consideriamo la successione s(N) =
N

j=0
r
j
.
Valgono le propriet` a seguenti:
(i) se r < 1, allora s oscilla illimitatamente;
(ii) se r = 1, allora s oscilla limitatamente;
(iii) se [r[ < 1, allora

j=0
r
j
=
1
1 r
;
(iv) se r 1, allora

j=0
r
j
= .
Osserviamo che se r = 1, allora
s(N) = N + 1 N N;
perci` o lim
N
s(N) = e una parte di (iv) `e dimostrata.
In virt` u dellEsercizio 1, se r ,= 1, allora
s(N) =
1 r
N+1
1 r
N N;
(i)-(iii) e la parte di (iv) che ancora non `e stata dimostrata derivano dai fatti seguenti:
(i

) se r < 1, allora liminf


N
r
N+1
= e limsup
N
r
N+1
= ;
(ii

) se r = 1, allora liminf
N
r
N+1
= 1 e limsup
N
r
N+1
= 1;
116 Capitolo 7. Successioni e serie
(iii

) se [r[ < 1, allora lim


N
r
N+1
= 0;
(iv

) se r > 1, allora lim


N
r
N+1
= .
Serie telescopiche. Sia F una successione. La serie s, le cui somme parziali sono
s(N) =
N

n=0
_
F(n) F(n + 1)
_
N N,
si chiama serie telescopica associata a F.
Poiche
s(N)
=
_
F(0) F(1)
_
+
_
F(1) F(2)
_
+ +
_
F(N) F(N + 1)
_
= F(0) F(1) +F(1) F(2) + +F(N 1) F(N) +F(N) F(N + 1)
= F(0) F(N + 1),
s converge se e solo se F converge. In tal caso

n=0
_
F(n) F(n + 1)
_
= F(0) lim
N
F(N + 1).
Siano f e h due successioni e c R. Valgono le propriet` a seguenti:
(i) se s
f
e s
h
sono convergenti, allora s
f+h
`e convergente e
s
f+h
= s
f
+s
h
;
(ii) se s
f
`e convergente, allora s
cf
`e convergente e
s
cf
= c s
f
.
7.2.3 Condizione necessaria di convergenza. Sia f una successione. Se s
f
converge, allora lim
N
f(N) = 0.
Dimostrazione. Per ipotesi, S =
def
lim
N
s
f
(N) R. Osserviamo che
lim
N
f(N) = lim
N
s
f
(N) lim
N
s
f
(N 1)
= S S
= 0,
come richesto. .
Sezione 7.2 Serie 117
La serie

j
j
j + 1
non pu` o essere convergente.
Infatti, se lo fosse, in virt` u della condizione necessaria precedente, la successione
_
j
j + 1
_
dovrebbe essere innitesima, mentre lim
j
j
j + 1
= 1.
Notiamo che lim
N
f(N) = 0 non implica la convergenza di

j
f(j).
Ad esempio, la successione
_
1
j + 1
_
`e innitesima, ma la serie

j
1
j + 1
diverge.
Ragioniamo per assurdo. Se la serie

j
1
j + 1
convergesse, per la Proposizione 7.3.2
lintegrale
_

0
1
x + 1
dx sarebbe convergente, mentre abbiamo dimostrato che esso `e
divergente (vd. Esempi 6.6.2).
Esercizi
1 Sia r R 1. Si dimostri che
N

j=0
r
j
=
1 r
N+1
1 r
N N.
2 Si scriva

j=1
1
j
2
+j
come serie telescopica, e se ne calcoli la somma.
3 Dopo aver dimostrato che convergono, si calcoli la somma delle seguenti serie:

n=0
_
1
3n + 5

1
3n + 8
_

n=2
8 5
2n1
3
3n+1
cos
2
_
n

2
_

n=1
_
_
n(n + 1)
_
n(n 1) 1
_

n=2
2
3n2
3
2n1
.
118 Capitolo 7. Successioni e serie
7.3 Relazioni tra serie e integrali
In questa sezione descriviamo una relazione fondamentale tra integrali generalizzati e serie.
Come conseguenza, ricaveremo vari criteri che permettono di stabilire se

j
f(j) converge,
studiando il comportamento di f a .
7.3.1 Teorema. Siano f una successione e S R. Le aermazioni seguenti sono
equivalenti:
(i)

j=0
f(j) = S;
(ii)
_

0
(f) = S.
Dimostrazione. Sia x R
+
. Osserviamo che
_
x
0
(f) =
_
x+1
0
(f)
_
x+1
x
(f)
=
x

j=0
f(j)
_
x+1
x
(f),
e che

_
x+1
x
(f)

_
x+1
x
[(f)[
((f) = f(x|) in [x|, x| + 1)) = [f(x|)[
_
x+1
x
1
[f(x|)[ .
Se s
f
converge a S, allora lim
N
f(N) = 0 per la Condizione necessaria di convergenza 7.2.3,
e quindi lim
N
[f(N)[ = 0, e dalle relazioni precedenti ricaviamo che
_

0
(f) = lim
x
_
x
0
(f)
= lim
x
x

j=0
f(j) lim
x
_
x+1
x
(f)
=

j=0
f(j).
Lequivalenza di (i) e (ii) `e una conseguenza immediata di questa formula.
La dimostrazione del teorema `e completa. .
Sezione 7.3 Relazioni tra serie e integrali 119
Il risultato appena dimostrato ha rilevanza teorica, ma non `e particolarmente utile
nella determinazione del carattere di una serie, perche non ci sono metodi semplici per
lo studio di integrali della forma
_

0
(f). Un risultato simile al precedente, molto utile
nelle applicazioni, `e, invece, il seguente.
7.3.2 Proposizione. Siano f una successione non crescente e non negativa e g :
[0, ) R una funzione non crescente che interpola f. Le aermazioni seguenti sono
equivalenti:
(i)

j
f(j) converge;
(ii)
_

0
g converge.
Dimostrazione. Dimostriamo che (i) implica (ii). Per il Teorema 7.3.1,
_

0
(f) converge.
Poiche 0 g (f), il Criterio del confronto 6.7.1 implica che
_

0
g converge, come
richiesto.
Dimostriamo che (ii) implica (i). Indichiamo con f la successione
(f)(n) = f(n + 1) n N.
`
E facile vericare che 0 (f) g. Dallipotesi
_

0
g convergente e dal Criterio del
confronto 6.7.1 segue che
_

0
(f) converge. Per il Teorema 7.3.1,

j
(f)(j) converge.
`
E facile vericare che questo implica che

j
f(j) converge, come richiesto. .
Area
g
Area
< <
- -
x 1 0 3 2 4 5
7.3.3 Esempi.
Serie armonica generalizzata. Sia R. La serie

n=1
n

120 Capitolo 7. Successioni e serie


converge se e solo se < 1. Questa serie si chiama serie armonica se = 1, e serie
armonica generalizzata se ,= 1.
`
E facile convincersi che

n=1
n

j=0
(j + 1)

.
Per la Proposizione 7.3.2, questultima serie converge se e solo se converge lintegrale
_

0
(x + 1)

dx,
il quale, a sua volta, converge se e solo se < 1, come provato nel secondo degli
Esempi 6.6.2.
La serie

n=2
1
nlog n
`e divergente.
`
E facile vericare che

n=2
1
nlog n
=

j=0
1
(j + 2) log(j + 2)
.
Per la Proposizione 7.3.2, questultima serie diverge se e solo se diverge lintegrale
_

0
1
(x + 2) log(x + 2)
dx.
Ora, per denizione di integrale generalizzato e per il teorema fondamentale del cal-
colo,
_

0
1
(x + 2) log(x + 2)
dx = lim
b
_
b
0
1
(x + 2) log(x + 2)
dx
= lim
b
log log(x + 2)

b
0
= ,
come richiesto.
La serie

n=2
1
nlog
2
n
`e convergente.
Procedendo come nellesempio precedente, si vede che la serie data converge se e solo
se converge lintegrale
_

0
1
(x + 2) log
2
(x + 2)
dx.
Sezione 7.3 Relazioni tra serie e integrali 121
Ora, per denizione di integrale generalizzato e per il teorema fondamentale del cal-
colo,
_

0
1
(x + 2) log
2
(x + 2)
dx = lim
b
_
b
0
1
(x + 2) log
2
(x + 2)
= lim
b
log
1
(x + 2)

b
0
= log 2,
come richiesto.
Esercizi
1 Si dimostri, utilizzando lEsercizio 4 della Sezione 6.7, che se

j
f(j) converge, allora
lim
N
f(N) = 0.
2 Si dimostri che la successione
_
1 +
1
2
+ +
1
n
log n
_
`e positiva, crescente, e il suo limite, diciamo, `e in (0, 1). La costante si chiama costante
di EuleroMascheroni. Quanto vale approssimativamente la somma dei primi ventimila
termini della serie armonica?
3 Se f `e una successione, g interpola f ed `e monotona in [n, n + 1] per ogni n N,
diciamo che g `e uninterpolante di f monotona a tratti.
Siano R

, f una successione e g uninterpolante di f monotona a tratti. Si dimostri


che se lim
n
f(n) = , allora lim
x
g(x) = .
4 Siano f una successione non negativa e g : [0, ) R uninterpolante monotona a
tratti di f. Si dimostri che se

j
f(j) converge, allora
_

0
g converge.
5 Siano f una successione e g : [0, ) R la funzione denita da
g(x) =
_
x+1
0
(f).
Si dimostri che g `e un interpolante monotona a tratti di s
f
.
122 Capitolo 7. Successioni e serie
7.4 Criteri per serie a termini non negativi
Notiamo che se f `e una successione non negativa, allora s
f
`e una successione non negativa
e non decrescente, e, quindi, ammette limite appartenente a [0, ). Altrimenti detto, la
serie s
f
`e convergente, o divergente a . Se f `e innitesima, entrambi i casi sono possibili,
e la convergenza o meno della serie dipende dalla rapidit` a con la quale f tende a 0. I
criteri che esamineremo in questa sezione forniscono condizioni sucienti su f anche s
f
converga, o diverga a .
Il primo criterio `e lanalogo per le serie del Criterio del confronto 6.7.1.
7.4.1 Criterio del confronto. Siano f e g due successioni tali che 0 f g. Se s
g
converge, allora s
f
converge; se 0 f g e s
f
diverge, allora s
g
diverge.
Dimostrazione. Dimostriamo che se s
g
converge, allora s
f
converge; la dimostrazione
dellaltra implicazione `e simile. Poiche

j
g(j) converge,
_

0
(g) converge per il Teo-
rema 7.3.1. La relazione 0 f g implica che 0 (f) (g). Dal Criterio del
confronto per integrali deduciamo che
_

0
(f) converge. In virt` u del Teorema 7.3.1, ci` o
implica che

j
f(j) converge, come richiesto. .
Lidea dei due criteri seguenti `e quella di confrontare la serie data con una serie
geometrica di ragione opportuna.
7.4.2 Criterio del rapporto. Sia f una successione non negativa tale che
r =
def
lim
n
f(n + 1)
f(n)
R.
Valgono le aermazioni seguenti:
(i) se r < 1, allora s
f
converge;
(ii) se r > 1, allora s
f
diverge.
Dimostrazione. Dimostriamo (i). La dimostrazione di (ii) `e analoga e la omettiamo. Dalla
denizione di limite segue che se r < t < 1, allora esiste tale che
f(n + 1)
f(n)
t n .
Perci` o, se N >
f(N) f() t
N
.
Sia g la successione
f(0), . . . , f(), f() t, f() t
2
, f() t
3
, . . ..
Sezione 7.4 Criteri per serie a termini non negativi 123
Poiche la serie geometrica

j=0
t
j
converge, anche s
g
converge. La convergenza di s
f
segue dal Criterio del confronto 7.4.1. .
Siano f e g le due successioni
f(n) =
1
n + 1
e g(n) =
1
(n + 1)
2
.
Osserviamo che
lim
n
f(n + 1)
f(n)
= 1 = lim
n
g(n + 1)
f(n)
.
Come gi` a dimostrato, s
f
diverge e s
g
converge.
Se f `e una successione non negativa tale che
limsup
n
f(n + 1)
f(n)
< 1,
allora s
f
converge.
La dimostrazione `e un semplice adattamento della dimostrazione precedente.
Consideriamo la successione
f(n) =
_
2
n
se n `e pari
n
2
se n `e dispari.
Osserviamo che
f(n + 1)
f(n)
=
_
(n + 1)
2
2
n
se n `e pari
n
2
2
n1
se n `e dispari.
Si verica facilmente che
limsup
n
f(n + 1)
f(n)
= .
Tuttavia,
f(n) 2(n + 1)
2
n N.
Poiche

n=0
2(n + 1)
2
converge, anche s
f
converge per il Criterio del confronto 7.4.1.
Sia x R
+
. La serie

n=0
x
n
n!
`e convergente.
Osserviamo che
lim
n
x
n+1
/(n + 1)!
x
n
/n!
= lim
n
x
n + 1
= 0.
La serie converge per il criterio del rapporto. Si pu` o dimostrare che

n=0
x
n
n!
= e
x
.
124 Capitolo 7. Successioni e serie
7.4.3 Criterio della radice. Sia f una successione non negativa tale che
r =
def
lim
n
_
f(n)
_
1/n
R.
Valgono le aermazioni seguenti:
(i) se r < 1, allora s
f
converge;
(ii) se r > 1, allora s
f
diverge.
Dimostrazione. Dimostriamo (i). La dimostrazione di (ii) `e analoga e la omettiamo. Dalla
denizione di limite segue che se r < t < 1, allora esiste tale che
_
f(n)
_
1/n
t n .
Perci` o, se N
f(n) t
n
.
Sia g la successione
f(0), . . . , f(), t, t
2
, t
3
, . . ..
Poiche la serie geometrica

j=0
t
j
converge, anche s
g
converge. La convergenza di s
f
segue dal Criterio del confronto 7.4.1. .
Siano f e g le due successioni
f(n) =
1
n + 1
e g(n) =
1
(n + 1)
2
.
Osserviamo che
lim
n
_
f(n)
_
1/n
= 1 = lim
n
_
g(n)
_
1/n
.
Come gi` a dimostrato, s
f
diverge e s
g
converge.
Sia f una successione non negativa e
k
1
< k
2
< k
3
< . . .
una successione di interi tali che
_
f(k
j
)
_
1/k
j
1.
Allora s
f
diverge.
Infatti, lipotesi implica che
f(k
j
) 1 j N.
Perci` o
limsup
n
f(n) 1,
ed `e violata la condizione necessaria di convergenza delle serie.
Sezione 7.5 Criteri per serie con termini di segno non costante 125
Esercizi
1 Sia f una successione non negativa. Si dimostri che se s
f
converge, allora s
f
2 converge.
Vale il viceversa?
2 Si studi la convergenza delle seguenti serie:

n=0
tan
_
n
1 +n
3
_

n=1
e
nln nn
2

n=0
e
n
2
x

n=2
1
(lnn)
lnn
7.5 Criteri per serie con termini di segno non costante
7.5.1 Denizione. Sia f una successione. La serie s
f
si dice assolutamente
convergente se s
|f|
converge.
7.5.2 Proposizione. Sia f una successione. Se s
f
`e assolutamente convergente,
allora `e convergente.
Dimostrazione. Poiche

j=0
[f(j)[ converge per ipotesi,
_

0
([f[) converge in virt` u del
Teorema 7.3.1. Osserviamo che
_

0
([f[) =
_

0
[(f)[ .
Per la Proposizione 6.7.4 (ii),
_

0
(f) converge. Per il Teorema 7.3.1, possiamo conclu-
dere che

j=0
f(j) converge, come richiesto. .
7.5.3 Criterio di Leibnitz. Sia g una successione decrescente e innitesima. Allora

j=0
(1)
j
g(j) converge.
Dimostrazione. Poniamo f(j) = (1)
j
. Per il Teorema 7.3.1, `e suciente mostrare che
lintegrale
_

0
(f) (g) converge. Questo segue dal Corollario 6.7.6 (con (f) che gioca
il ruolo di f e (g) che gioca il ruolo di g), come richiesto. .
Questo criterio consente di produrre esempi di serie convergenti con termine generale
che tende a zero molto lentamente. Ad esempio le serie

j=0
(1)
j
log(2 +j)
126 Capitolo 7. Successioni e serie
`e convergente. Questo esempio mostra anche che una serie pu` o essere convergente,
ma non assolutamente convergente. Infatti lintegrale
_

0
1
log(2 +x)
dx
`e divergente, e quindi tale `e anche la serie

j=0
1
log(2 +j)
.
Alla serie

j=0
sinj
j
2
.
non si pu` o applicare il Criterio di Leibnitz, perche sinj ,= (1)
j
, come `e facile veri-
care. Tuttavia
[sinj[
j
2

1
j
2
j N

;
perci` o la serie data converge assolutamente per il criterio del confronto.
La serie

j=0
sinj
j
richiede un trattamento pi` u ranato, che fa appello alla formula di sommazione per
parti di Abel. Si veda, ad esempio [R, Teorema 3.42, p. 68].
Sia f una successione tale che s
f
sia convergente, ma non assolutamente convergente.
Allora s
f
e s
f
+ divergono.
Infatti, se s
f
e s
f
+ convergessero, allora s
|f|
convergerebbe, perche
s
|f|
= s
f
+ +s
f
.
Similmente, se s
f
divergesse e s
f
+ convergesse, oppure se s
f
convergesse e s
f
+
divergesse, s
f
dovrebbe divergere, perche
s
f
= s
f
+ s
f
.
Losservazione precedente mette in luce un importante aspetto delle serie non assolu-
tamente convergenti; ne illustriamo ora una sua notevole conseguenza.
Sezione 7.5 Criteri per serie con termini di segno non costante 127
7.5.4 Denizione. Sia f una successione. Si dice che la successione f

`e un riordi-
namento di f se gli insiemi
j N : f(j) = e k N : f

(k) =
sono in corrispondenza biunivoca per ogni R.
La successione
1
2
, 1,
1
4
,
1
3
,
1
6
,
1
5
, . . .
`e un riordinamento della successione
1,
1
2
,
1
3
,
1
4
,
1
5
,
1
6
, . . . .
La successione
1,
1
2
,
1
3
,
1
4
,
1
5
,
1
6
, . . .
non `e un riordinamento della successione
1, 1,
1
2
,
1
2
,
1
3
,
1
3
,
1
4
,
1
4
,
1
5
,
1
5
,
1
6
,
1
6
, . . . .
7.5.5 Teorema di Riemann. Siano f una successione. Valgono le aermazioni
seguenti:
(i) se s
|f|
converge e f

`e un riordinamento di f, allora s
f
converge e
lim
n
s
f
(n) = lim
n
s
f
(n);
(ii) se s
f
converge, s
|f|
diverge, e R

, allora esiste un riordinamento f

di f tale che
lim
n
s
f
(n) = .
Esercizi
1 Si studino le convergenze semplice ed assoluta delle seguenti serie:

n=1
(1)
n
n(1 + lnn)
1/3

n=2
ln
_
1 +
(1)
n
n
_
.
2 Sia
f(n) =
def
_

_
(1)
n
n
2
se n N
3
1
n
3
+ lnn
se n / N
3
.
Si studi il carattere di s
f
.
3 Sia x R. Si studi la convergenza delle serie

n=1
_
2/n
0
x sin(nx) dx

n=1
_
(n+1)
n
x
x
2
+ 1
sin(nx) dx.
8 Formula di Taylor
8.1 Polinomi
In questa sezione stabiliremo alcune propriet` a dei polinomi che suggeriranno gli svi-
luppi della sezione seguente; p indicher` a il polinomio di grado n
p(x) =
n

i=0
a
i
x
i
a
n
,= 0.
Si verica facilmente che a
i
=
D
i
p(0)
i!
.
8.1.1 Sviluppo di un polinomio in potenze di x y. Sia y R. Vale la formula
p(x) =
n

i=0
D
i
p(y)
i!
(x y)
i
.
Osserviamo che
p(x) =
n

i=0
a
i
(x y +y)
i
(potenza di un binomio) =
n

i=0
a
i
i

j=0
_
i
j
_
(x y)
j
y
ij
(scambiando lordine delle sommatorie) =
n

j=0
(x y)
j
n

i=j
_
i
j
_
a
i
y
ij
.
Per concludere la dimostrazione `e suciente provare che
n

i=j
_
i
j
_
a
i
y
ij
=
D
j
p(y)
j!
.
Infatti, sviluppando il coeciente binomiale, otteniamo che
n

i=j
_
i
j
_
a
i
y
ij
=
1
j!
n

i=j
i(i 1) (i j + 1) a
i
y
ij
=
D
j
p(y)
j!
,
130 Capitolo 8. Formula di Taylor
come richiesto.
Se il grado del polinomio `e basso, per ottenere il suo sviluppo centrato in un punto
diverso da 0 `e conveniente procedere come nel seguente esempio.
8.1.2 Esempio. Vogliamo sviluppare il polinomio
q(x) = x
3
2x
2
+ 1
in potenze di x 1.
Scriviamo
q(x) = (x 1 + 1)
3
2(x 1 + 1)
2
+ 1
(potenza di un binomio) = (x 1)
3
+ 3(x 1)
2
+ 3(x 1) + 1
2
_
(x 1)
2
+ 2(x 1) + 1

+ 1
(raggruppando i termini simili) = (x 1)
3
+ (x 1)
2
(x 1),
che `e lo sviluppo cercato.
8.1.3 Unicit`a. Siano y, b
0
, b
1
, . . . , b
n
R. Esiste un unico polinomio q di grado n
tale che D
i
q(y) = i! b
i
, i = 0, 1, . . . , n.
In considerazione dello sviluppo di un polinomio in potenze di x y visto sopra, il
polinomio
x
n

i=0
b
i
(x y)
i
`e lunico che soddisfa le richieste.
Esercizi
1 Dati i numeri reali a
ij
, i, j = 1, . . . , n, si dimostri che
n

i=1
i

j=1
a
ij
=
n

j=1
n

i=j
a
ij
.
2 Sia y in R. Si dimostri che lunico polinomio di grado n tale che D
i
p(y) = 0, i =
0, 1, . . . , n `e quello nullo.
3 Supponiamo che m e n siano due interi positivi e che m > n. Siano b
0
, b
1
, . . . , b
n
e y
numeri reali assegnati. Si dimostri che linsieme dei polinomi q di grado al pi` u m tali che
D
i
q(y) = i! b
i
, i = 0, 1, . . . , n `e uno spazio vettoriale di dimensione mn.
Sezione 8.2 Polinomio di Taylor 131
4 Siano y R, p un polinomio di grado n e k < n. Diciamo che p ha uno zero di ordine
k in y se
p(y) = Dp(y) = . . . = D
k1
p(y) = 0 e D
k
p(y) ,= 0.
Si dimostri che se p ha uno zero di ordine k in y, allora
p(x) = (x y)
k
q(x),
dove q `e un polinomio di grado n k tale che q(y) ,= 0.
8.2 Polinomio di Taylor
8.2.1 Denizione. Siano I un intervallo aperto, y I e f : I R una funzione
derivabile n volte in y. Si chiama polinomio di Taylor di f di grado n centrato in y
il polinomio
p
n,y
(x) =
n

i=0
D
i
f(y)
i!
(x y)
i
.
Osserviamo che
p
1,y
(x) = f(y) + (x y)Df(y);
z = p
1,y
(x) `e lequazione della retta tangente al graco di f nel punto
_
y, f(y)
_
.
Mostreremo che il polinomio di Taylor di grado n centrato in y `e il polinomio di grado
n che meglio approssima f in un intorno di y.
8.2.2 Proposizione. Siano I un intervallo aperto, y I, f : I R una funzione
derivabile n volte in y e p
n,y
il polinomio di Taylor di f di grado n centrato in y. Valgono
le propriet` a seguenti:
(i) p
n,y
`e lunico polinomio tale che D
k
p
n,y
(y) = D
k
f(y) per ogni k in 0, 1, . . . , n;
(ii) per ogni k 0, 1, . . . , n, D
k
p
n,y
`e il polinomio di Taylor di D
k
f di grado n k
centrato in y;
(iii) se f `e un polinomio di grado n, allora p
n,y
= f.
Dimostrazione. Dimostriamo (i). Si verica facilmente che D
k
p
n,y
(y) = D
k
f(y) per ogni
k in 0, 1, . . . , n. Lunicit` a segue da 8.1.3.
132 Capitolo 8. Formula di Taylor
Dimostriamo (ii). Osserviamo che
D
k
p
n,y
(x) =
n

i=0
D
i
f(y)
i!
D
k
(x y)
i
=
n

i=k
D
i
f(y)
(i k)!
(x y)
ik
(ponendo i = j +k) =
nk

j=0
D
k+j
f(y)
j!
(x y)
j
,
=
nk

j=0
D
j
_
D
k
f
_
(y)
j!
(x y)
j
,
che `e il polinomio di Taylor di D
k
f di grado n k centrato in y, come richiesto.
Dimostriamo (iii). In virt` u di 8.1.1, vale la formula
f(x) =
n

i=0
D
i
f(y)
i!
(x y)
i
,
e quindi f coincide con p
n,y
, come richiesto. .
Esercizi
1 Siano I un intervallo contenente 0 e f : I R derivabile innite volte in 0. Si calcoli
il polinomio di Taylor di grado n, centrato in 0, di g(x) =
def
f
_
x
2
_
in funzione dei polinomi
di Taylor, centrati in 0, di f.
2 Si calcolino i polinomi di Taylor di ogni grado, centrati in 0, della funzione
f(x) =
def
_
0 se x 0
exp(1/x) se x > 0.
Si deduca che esistono due funzioni distinte che hanno gli stessi polinomi di Taylor di ogni
grado, centrati in 0.
Sezione 8.3 Formula di Taylor 133
8.3 Formula di Taylor
Il teorema seguente contiene una delle formule pi` u importanti dellAnalisi Matematica.
8.3.1 Teorema (formula di Taylor). Siano n N, I un intervallo aperto, x, y I.
Valgono le propriet` a seguenti:
(i) (resto integrale) se f (
n+1
(I), allora
f(x) p
n,y
(x) =
1
n!
_
x
y
(x t)
n
D
n+1
f(t) dt;
(ii) (resto di Peano) se n 1, f (
n1
(I) ed `e derivabile n volte in y, allora
f(x) p
n,y
(x) = o
_
(x y)
n
_
per x y;
(iii) (resto di Lagrange) se f (
n
(I) ed `e derivabile n + 1 volte nellintervallo aperto
di estremi x e y, allora esiste un punto tra x e y tale che
f(x) p
n,y
(x) =
D
n+1
f
_

_
(n + 1)!
(x y)
n+1
.
Dimostrazione. Dimostriamo (i). Supponiamo che y < x; la dimostrazione nel caso in cui
y > x `e analoga. Osserviamo che, per il teorema fondamentale del calcolo,
f(x) f(y) =
_
x
y
Df
(per parti) = Df(y) (x y) +
_
x
y
(x t) D
2
f(t) dt
(n 1 volte per parti) = . . .
=
n

i=1
D
i
f(y)
i!
(x y)
i
+
1
n!
_
x
y
(x t)
n
D
n+1
f(t) dt,
come richiesto.
Dimostriamo (ii). Se n = 1, (ii) si riduce alla Proposizione 4.1.4 (i). Supponiamo che
n > 1. Per (i) (con n 2 al posto di n),
f(x) p
n2,y
(x) =
1
(n 2)!
_
x
y
(x t)
n2
D
n1
f(t) dt.
Sostituendo D
n1
f(t) con
D
n1
f(t) D
n1
f(y) D
n
f(y) (t y) + D
n1
f(y) + D
n
f(y) (t y)
134 Capitolo 8. Formula di Taylor
nella formula precedente, usando la linearit` a dellintegrale e il fatto che
_
x
y
(x t)
n2
(t y) dt =
(x y)
n
n(n 1)
,
si ottiene
f(x) p
n,y
(x) =
1
(n 2)!
_
x
y
(x t)
n2
_
D
n1
f(t) D
n1
f(y) D
n
f(y) (t y)

dt.
Per concludere la dimostrazione di (ii) `e suciente provare che
_
x
y
(x t)
n2
_
D
n1
f(t) D
n1
f(y) D
n
f(y) (t y)

dt = o
_
(x y)
n
_
.
Poniamo
g(t) =
def
D
n1
f(t) D
n1
f(y) D
n
f(y) (t y)
t y
.
Per la Proposizione 4.1.4, applicata a D
n1
f, abbiamo che lim
ty
+
g(t) = 0. Perci` o

_
x
y
(x t)
n2
_
D
n1
f(t) D
n1
f(y) D
n
f(y) (t y)

dt

_
x
y
(x t)
n2
(t y) [g(t)[ dt

y
[g[(x)
_
x
y
(x t)
n2
(t y) dt
=
y
[g[(x)
(x y)
n
n(n 1)
,
che `e o
_
(xy)
n
_
, perche
y
[g[(x) tende a zero per x tendente a y da destra. Questo conclude
la dimostrazione di (ii).
Dimostriamo (iii). Se n = 0, la formula da dimostrare si riduce al teorema del valor
medio. Possiamo, perci` o, supporre n 1. Supponiamo che y < x; il caso y > x si tratta
in modo analogo. Per (i) (con n 1 al posto di n)
f(x) p
n1,y
(x) =
1
(n 1)!
_
x
y
(x t)
n1
D
n
f(t) dt.
Sostituendo D
n1
f(t) con D
n
f(t) D
n
f(y) + D
n
f(y) nella formula precedente, e usando
la linearit` a dellintegrale, si ottiene
f(x) p
n1,y
(x)
=
1
(n 1)!
_
x
y
(x t)
n1
_
D
n
f(t) D
n
f(y)

dt +
D
n
f(y)
(n 1)!
_
x
y
(x t)
n1
dt
=
1
(n 1)!
_
x
y
(x t)
n1
_
D
n
f(t) D
n
f(y)

dt +
D
n
f(y)
n!
(x y)
n
.
Sezione 8.3 Formula di Taylor 135
Per concludere la dimostrazione di (iii) `e suciente provare che esiste (y, x) tale che
n(n + 1)
(x y)
n+1
_
x
y
(x t)
n1
_
D
n
f(t) D
n
f(y)

dt = D
n+1
f().
Indichiamo con A il primo membro delluguaglianza precedente. Aermiamo che
inf
t(y,x)
R
y
_
D
n
f
_
(t) A sup
t(y,x)
R
y
_
D
n
f
_
(t).
Dimostriamo la disuguaglianza di destra; quella di sinistra si dimostra in modo analogo.
Poiche la funzione t (x t)
n1
_
D
n
f(t) D
n
f(y)

`e continua in y, la funzione
w
_
x
w
(x t)
n1
_
D
n
f(t) D
n
f(y)

dt
`e derivabile in y, ergo continua. Perci` o
A =
n(n + 1)
(x y)
n+1
lim
wy
+
_
x
w
(x t)
n1
_
D
n
f(t) D
n
f(y)

dt

n(n + 1)
(x y)
n+1
lim
wy
+
sup
t[w,x)
R
y
_
D
n
f
_
(t) lim
wy
+
_
x
w
(x t)
n1
(t y) dt
= sup
t(y,x)
R
y
_
D
n
f
_
(t),
come richiesto.
Osserviamo che se A coincide con lestremo inferiore o con lestremo superiore di
R
y
_
D
n
f
_
in (y, x), allora D
n
f(t) = D
n
f(y) +A(t y). In tal caso, D
n+1
f(t) = A per ogni
t (y, x) e il teorema `e dimostrato.
Possiamo, perci` o, assumere che
inf
t(y,x)
R
y
_
D
n
f
_
(t) < A < sup
t(y,x)
R
y
_
D
n
f
_
(t).
Poiche R
y
_
D
n
f
_
`e continua in (y, x), essa assume tutti i valori strettamente compresi tra
il suo estremo inferiore e il suo estremo superiore. Quindi, esiste (y, x) tale che
R
y
_
D
n
f
_
() = A.
Per il teorema del valor medio applicato alla funzione D
n
f nellintervallo [y, ], esiste un
punto in (y, ) tale che
R
y
_
D
n
f
_
() = D
n+1
f().
Questo conclude la dimostrazione di (iii) e del teorema. .
La dimostrazioni di (ii) e (iii) del teorema precedente si semplicano di molto se si
assume che f (
n+1
(I).
136 Capitolo 8. Formula di Taylor
In virt` u della formula di Taylor con resto integrale, per dimostrare (ii) `e suciente
mostrare che
_
x
y
(x t)
n
D
n+1
f(t) dt = o
_
(x y)
n
_
per x tendente a y. Ma questo `e semplice, perche, supponendo ad esempio che y < x,

_
x
y
(x t)
n
D
n+1
f(t) dt

max
t[y,x]

D
n+1
f(t)

_
x
y
(x t)
n
dt
= max
t[y,x]

D
n+1
f(t)

(x y)
n+1
n + 1
,
che `e o
_
(x y)
n
_
per x tendente a y.
In maniera simile, per dimostrare (iii) `e suciente mostrare che esiste compreso tra
x e y tale che
n + 1
(x y)
n+1
_
x
y
(x t)
n
D
n+1
f(t) dt = D
n+1
f().
Supponiamo, ad esempio, che y < x. Osserviamo che
n + 1
(x y)
n+1
_
x
y
(x t)
n
D
n+1
f(t) dt max
t[y,x]

D
n+1
f(t)

n + 1
(x y)
n+1
_
x
y
(x t)
n
dt
= max
t[y,x]

D
n+1
f(t)

;
Similmente, si pu` o dimostrare che
max
t[y,x]

D
n+1
f(t)

n + 1
(x y)
n+1
_
x
y
(x t)
n
D
n+1
f(t) dt.
Poiche D
n+1
f (([x, y]), per il teorema fondamentale delle funzioni continue su un
intervallo essa assume tutti i valori compresi tra il suo minimo e il suo massimo; in
particolare, essa assume il valore
n + 1
(x y)
n+1
_
x
y
(x t)
n
D
n+1
f(t) dt,
come richiesto.
Siano n un intero positivo, e supponiamo che f : [a, b) R ammetta derivata destra
n-esima in a. Allora
f(x) p
n,a
(x) = o
_
(x a)
n
_
per x a
+
.
Similmente, se f : (a, b] R ammette derivata sinistra n-esima in b, allora
f(x) p
n,b
(x) = o
_
(x b)
n
_
per x b

.
Sezione 8.3 Formula di Taylor 137
Considerazioni analoghe valgono per la formula di Lagrange.
Le formule di Peano e Lagrange date nel Teorema 8.3.1 sono di natura diversa.
Dalla formula di Peano si deduce che, data una costante positiva M, esiste un intervallo
J, la cui ampiezza dipende da M, ma `e dicile da determinare, tale che
[f(x) p
n,y
(x)[ M [x y[
n
x J.
Questa informazione non `e utile se si desidera stimare la dierenza [f(x) p
n,y
(x)[ in
un intervallo ssato contenente y.
Dalla formula di Lagrange segue, invece, che esiste una costante M tale che
[f(x) p
n,y
(x)[ M [x y[
n+1
x I.
La minima costante M per cui la disuguaglianza precedente vale `e, per` o, dicile da
determinare, perche dipende da .
La formula di Lagrange `e molto utile qualora siamo in possesso di informazioni ulteriori
circa D
n+1
f in I. Ad esempio, supponiamo che
sup
xI

D
n+1
f(x)

< .
Indicato con M questo estremo superiore, dalla formula di Lagrange ricaviamo che
[f(x) p
n,y
(x)[
M
(n + 1)!
[x y[
n+1
x I.
In particolare, se I `e limitato, abbiamo la stima
sup
xI
[f(x) p
n,y
(x)[
M
(n + 1)!
d
_
y, I
c
_
n+1
,
dove I
c
indica il complementare di I in R.
Come applicazione dellultima formula del punto precedente, determiniamo un poli-
nomio q tale che
sup
x[0,1]
[e
x
q(x)[ 10
2
.
138 Capitolo 8. Formula di Taylor
Il polinomio di Taylor di x e
x
di grado n centrato in 0 `e p
n,0
(x) =

n
i=0
x
i
/(i!). Inoltre,
D
n+1
e
x
= e
x
e
sup
x[0,1]
e
x
= e.
Perci` o
sup
xI
[e
x
p
n,0
(x)[
e
(n + 1)!
.
Anche e/(n + 1)! 10
2
, deve essere n 5, come `e facile vericare.
Possiamo abbassare il grado del polinomio q cercato, considerando polinomi di Taylor
centrati in 1/2. Dalle considerazioni svolte sopra, possiamo concludere che
sup
xI

e
x
p
n,1/2
(x)

e
(n + 1)!
_
1
2
_
n+1
.
Anche
e
(n + 1)!
_
1
2
_
n+1
10
2
, ora basta che n 3.
Sezione 8.3 Formula di Taylor 139
Esercizi
1 Siano n un intero positivo, I un intervallo aperto e g (
n+1
(I). Per lEsercizio 8,
Sezione 8.3, se D
n+1
g `e identicamente nulla, allora g `e un polinomio di grado, al pi` u, n.
Si applichi questa propriet` a alla funzione
f(x)
1
n!
_
x
y
(x t)
n
D
n+1
f(t) dt,
e si dia una dimostrazione alternativa della formula di Taylor con resto integrale.
140 Capitolo 8. Formula di Taylor
2 Si dimostrino i seguenti sviluppi centrati in 0 con resto di Peano:
e
x
= 1 +x +
x
2
2!
+. . . +
x
n
n!
+o
_
x
n
_
sinx = x
x
3
3!
+. . . + (1)
n
x
2n+1
(2n + 1)!
+o
_
x
2n+1
_
cos x = 1 x
2
+. . . + (1)
n
x
2n
(2n)!
+o
_
x
2n
_
.
3 Si dimostrino i seguenti sviluppi centrati in 0 con resto di Peano:
1
1 x
= 1 +x +x
2
+. . . +x
n
+o
_
x
n
_
1
1 +x
= 1 x +x
2
+. . . + (1)
n
x
n
+o
_
x
n
_
1
1 x
2
= 1 +x
2
+x
4
+. . . +x
2n
+o
_
x
2n
_
1
1 +x
2
= 1 x
2
+x
4
+. . . + (1)
n
x
2n
+o
_
x
2n
_
ln(1 x) = x
x
2
2
. . .
x
n
n
+o
_
x
n
_
ln(1 +x) = x
x
2
2
+. . . + (1)
n1
x
n
n
+o
_
x
n
_
1
2
ln
1 +x
1 x
= x +
x
3
3
+. . . +
x
2n+1
2n + 1
+o
_
x
2n+1
_
arctanx = x
x
3
3
+. . . + (1)
n1
x
2n+1
2n + 1
+o
_
x
2n+1
_
.
4 Poniamo (2k 1)!! =
def
1 3 5 (2k 1) e (2k)!! =
def
2 4 6 (2k), con la convenzione
(1)!! = 0!! = 1. Si dimostrino i seguenti sviluppi centrati in 0 con resto di Peano:
(1 +x)

= 1 +
_

1
_
x +
_

2
_
x
2
+. . . +
_

n
_
x
n
+o
_
x
n
_
1

1 +x
= 1
1
2
x +
3
8
x
2
. . . + (1)
n
(2n 1)!!
(2n)!!
x
n
+o
_
x
n
_
1

1 x
= 1 +
1
2
x +
3
8
x
2
+. . . +
(2n 1)!!
(2n)!!
x
n
+o
_
x
n
_
1

1 x
2
= 1 +
1
2
x
2
+
3
8
x
4
+. . . +
(2n 1)!!
(2n)!!
x
2n
+o
_
x
2n+1
_
arcsinx = x +
1
2
x
3
+
3
8
x
5
+. . . +
(2n 1)!!
(2n)!!
x
2n+1
+o
_
x
2n+2
_
.
Sezione 8.4 Studio del comportamento locale di una funzione. II 141
5 Sia f (
n
_
[a, b)
_
. Si consideri la funzione f

: (, b) R, denita da
f

(x) =
def
_

_
n

i=0
D
i
+
f(a)
i!
(x a)
i
se x < a
f(x) se x a.
Si dimostri che f

(
n
_
(, b)
_
.
6 Supponiamo che < a < b , che f : [a, b) R sia derivabile in (a, b) e continua
in a. Se lim
xa
+
f

(x) = R, allora f `e derivabile in a da destra, e


f

+
(a) = .
7 Si determinino tutte le funzioni f : R R tali che D
2
f(x) = x.
8 Sia I un intervallo. Supponiamo che f (
n+1
(I) e che D
n+1
f = 0 in I. Si dimostri
che f `e un polinomio di grado, al pi` u, n.
9 Esistono funzioni in (
2
(R) limitate con derivata seconda positiva?
10 Siano I un intervallo e y, z I. Supponiamo che f (
2
(I), e che y e z siano punti
di estremo per f. Si dimostri che D
2
f ha almeno uno zero in I.
8.4 Studio del comportamento locale di una funzione. II
8.4.1 Denizione. Siano I un intervallo aperto, y I e f : I R. Se f `e derivabile
in y, diciamo che y `e un punto di esso ascendente (risp. discendente) se esiste un
intervallo aperto J contenente y e contenuto in I tale che
(x y)
_
f(x) p
1,y
(x)
_
0 (risp. 0)) x J.
8.4.2 Proposizione. Siano n un intero positivo, I un intervallo aperto, y un elemento
di I e f : I R. Valgono le propriet` a seguenti:
142 Capitolo 8. Formula di Taylor
(i) se f `e due volte derivabile in y e D
2
f(y) > 0, allora esiste un intervallo aperto J
contenente y tale che
f(x) f(y) + (x y) f

(y) x J;
(ii) se f `e derivabile n volte in y, f(y) = (Df)(y) = . . . = (D
n1
f)(y) = 0 e (D
n
f)(y) ,= 0,
allora esiste un intervallo aperto J I in cui x (x y)
n
_
f(x) f(y)
_
ha lo stesso
segno di D
n
f(y);
(iii) se n `e pari, f `e derivabile n volte in y, Df(y) = . . . = D
n1
f(y) = 0 e D
n
f(y) ,= 0,
allora y `e un estremante per f; pi` u precisamente, y `e un punto di minimo se D
n
f(y) > 0
ed `e un punto di massimo se D
n
f(y) < 0;
(iv) se n `e dispari, f `e derivabile n volte in y, Df(y) = . . . = D
n1
f(y) = 0 e D
n
f(y) ,= 0,
allora y `e un punto di esso per f; pi` u precisamente, y `e un punto di esso ascendente
se D
n
f(y) > 0 ed `e un punto di esso discendente se D
n
f(y) < 0.
Dimostrazione. Dimostriamo (i). Per la formula di Peano possiamo scrivere
f(x) f(y) f

(y) (x y) =
f

(y)
2
(x y)
2
+o
_
(x y)
2
_
= (x y)
2
_
f

(y)
2
+r(x y)
_
,
dove r(x y) tende a 0 per x tendente a y. Poiche f

(y) > 0, esiste un intervallo aperto


J contenuto in I tale che
[r(x y)[
f

(y)
4
.
Ne deduciamo che
f

(y)
4
f

(y) +r(x y)
5f

(y)
4
x J;
conseguentemente
f

(y)
4
(x y)
2
f(x) f(y) f

(y) (x y)
5D
2
f

(y)
4
(x y)
2
x J,
che implica la tesi.
Dimostriamo (ii). Per la formula di Peano possiamo scrivere
f(x) f(y) =
D
n
f(y)
n!
(x y)
n
+o
_
(x y)
n
_
=
(x y)
n
n!
_
D
n
f(y) +r(x y)

,
dove r(xy) tende a 0 per x tendente a y. Poiche D
n
f(y) ,= 0, esiste un intervallo aperto
J contenuto in I tale che
[r(x y)[

D
n
f(y)
2

.
Sezione 8.4 Studio del comportamento locale di una funzione. II 143
Ne deduciamo che
D
n
f(y)
2
D
n
f(y) +r(x y)
3D
n
f(y)
2
x J
se D
n
f(y) > 0 e che
3D
n
f(y)
2
D
n
f(y) +r(x y)
D
n
f(y)
2
x J
se D
n
f(y) < 0; conseguentemente
D
n
f(y)
2n!
(x y)
n
f(x) f(y)
3D
n
f(y)
2n!
(x y)
n
x J,
se D
n
f(y) > 0 e
3D
n
f(y)
2n!
(x y)
n
f(x) f(y)
D
n
f(y)
2n!
(x y)
n
x J.
Possiamo concludere che quindi (x y)
n
_
f(x) f(y)
_
ha lo stesso segno di D
n
f(y) per
ogni x in J, come richiesto.
Da (ii) segue che se n `e pari, allora f(x)f(y) ha lo stesso segno di D
n
f(y) per ogni x
in J, e quindi che y `e un punto di minimo o di massimo a seconda che D
n
f(y) sia positiva
o negativa, provando cos` (iii).
La dimostrazione di (iv) `e analoga e la omettiamo. .
La formula di Taylor con resto di Peano `e utile per risolvere alcune forme di indecisione
nel calcolo dei limiti.
8.4.3 Esempio. Calcoliamo il
lim
x0
+
sinx x
x

,
dove `e un parametro reale.
Se 0, il limite precedente vale 0. Supponiamo > 0. Abbiamo una forma
indeterminata 0/0. Se 0 < 1 possiamo scrivere
sinx x
x

=
(sinx)/x 1
x
1
,
che, tenuto conto del limite notevole lim
x0
+
sinx
x
= 1 (vd. Esercizio 1 della Sezione 2.4),
tende a 0 per x tendente a 0 da destra.
Supponiamo ora che > 1. Per la formula di Peano
sinx = x
x
3
6
+o
_
x
3
_
;
il limite dato `e quindi equivalente al
lim
x0
+
x (x
3
/6) +o
_
x
3
_
x
x

.
Semplicando il numeratore, si vede facilmente che questo limite vale 0 se < 3, vale 1/6
se = 3 e vale se > 3.
144 Capitolo 8. Formula di Taylor
Esercizi
1 Siano I un intervallo e f : I R non decrescente in ogni punto di I. Si dimostri che
f `e non decrescente in I. Si concluda che se f `e derivabile in I e f

> 0 in I, allora f `e
crescente in I.
2 Si consideri la funzione
f(x) =
def
_
0 se x = 0
(x/2) +x
2
sin(1/x) se x ,= 0.
Si dimostri che f `e crescente in 0, ma non `e crescente in alcun intervallo contenente 0.
3 Si consideri la funzione
f(x) =
def
_
0 se x = 0
e
1/x
2
sin(1/x) se x ,= 0.
Si dimostri che f (

(R), che tutte le sue derivate in 0 sono nulle, ma che 0 non `e un


estremo per f.
8.5 Funzioni convesse
Dati x e y nel piano, indichiamo con [x, y] il segmento (estremi inclusi) che li con-
giunge.
8.5.1 Denizione. Sia E un sottoinsieme di R
2
. Diciamo che E `e convesso se per
ogni x e y in E, il segmento [x, y] `e contenuto in E.
Un cerchio `e un insieme convesso.
Sezione 8.5 Funzioni convesse 145
8.5.2 Denizione. Siano I un intervallo e f : I R. Diciamo che f `e convessa
in I se
E
f
=
def
(x, y) R
2
: x I, y > f(x)
`e un sottoinsieme convesso di R
2
. Linsieme E
f
si chiama epigraco di f.
Una funzione si dice concava in I se f `e convessa in I.
8.5.3 Lemma (geometrico). Consideriamo un rettangolo non degenere ABCD nel
piano. Siano P un punto interno al rettangolo e H, K, L e M i piedi delle perpendicolari
tracciate da P ai lati AB, BC, CD e DA, rispettivamente. Allora
Area (MPLD) > Area (HBKP) P `e interno al triangolo ABC.
Dimostrazione. Supponiamo che P sia interno al triangolo ABC. Siano P

lintersezione
dei segmenti AC e MK e H

, L

i piedi delle perpendicolari da P ai lati AB e CD.


Aermiamo che Area (MP

D) = Area (H

BKP

).
Infatti, i triangoli ABC e ACD sono congruenti tra loro, e tali sono anche i triangoli
AH

e AP

M e i triangoli P

KC e P

CL

. Laermazione segue per dierenza.


146 Capitolo 8. Formula di Taylor
Ora, poiche il rettangolo MPLD contiene il rettangolo MP

D,
Area (MPLD) > Area (MP

D)
= Area (H

BKP

)
(il rettangolo H

BKP

contiene il rettangolo HBKP) > Area (HBKP)


come richiesto.
Il viceversa si dimostra utilizzando considerazioni simili. .
8.5.4 Teorema (fondamentale sulle funzioni convesse). Supponiamo che I sia
un intervallo e che f : I R. Allora f `e convessa in I se e solo se per ogni y I la
funzione R
y
f `e non decrescente in I y.
Dimostrazione. Supponiamo che f sia convessa in I. Siano x < y < z tre punti di I.
Vogliamo mostrare che
f(y) f(x)
y x

f(z) f(x)
z x
.
Se f(y) min
_
f(x), f(z)
_
, il primo membro della disuguaglianza precedente `e 0, mentre
il secondo `e 0, cosicche la disuguaglianza `e ovvia. Rimangono due casi possibili: o
f(x) f(y) f(z), oppure f(x) f(y) f(z). Consideriamo il primo: il secondo si
tratta in modo analogo. La disuguaglianza da dimostrare `e equivalente alla seguente:
f(y)(z x) f(z)(y x) f(x)(z y) 0,
che `e equivalente alla seguente disuguaglianza tra aree della gura qui sotto:
Area (XZKM) Area (XY LD) Area (Y ZBH) 0.
Ora, osserviamo che
Area (XZKM) Area (XY LD) Area (Y ZBH) = Area (MPLD) Area (HBKP)
(per il lemma geometrico) < 0,
da cui la tesi.
Viceversa, supponiamo che per ogni y I la funzione R
y
f sia non decrescente in
I y.
Sezione 8.5 Funzioni convesse 147
Siano x < z e y (x, z). Per ipotesi, il coeciente angolare del segmento che unisce
(x, f(x)) e (z, f(z)) `e minore o uguale del coeciente angolare del segmento che unisce
(x, f(x)) e (y, f(y)), e quindi (y, f(y)) sta sotto il segmento che unisce (x, f(x)) e (z, f(z)).
Se ne deduce che f `e convessa, come richiesto. .
8.5.5 Corollario. Supponiamo che I sia un intervallo aperto e che f : I R sia
convessa. Valgono le aermazioni seguenti:
(i) per ogni y I, esistono f

(y) e f

+
(y). Le funzioni f

e f

+
sono non decrescenti e
linsieme dei punti in cui f

,= f

+
`e al pi` u numerabile;
(ii) f `e continua in I.
Dimostrazione. Dimostriamo (i). Sia y I. Per il Teorema 8.5.4, la funzione R
y
f `e non
decrescente in I y. Quindi, esistono niti
lim
xy

R
y
f(x) e lim
xy
+
R
y
f(x),
cio`e esistono f

(y) e f

+
(y), come richiesto.
Osserviamo che se x < y sono due punti distinti di I in cui f non `e derivabile, si ha
che
f

(x) < f

+
(x) f

(y) < f

+
(y),
e quindi gli intervalli
_
f

(x), f

+
(x)
_
e
_
f

(y), f

+
(y)
_
sono disgiunti. Ad ogni punto y in
I tale che f

(y) ,= f

+
(y), associamo un razionale in
_
f

(y), f

+
(y)
_
. Per losservazione
appena fatta, a punti distinti di I vengono associati razionali distinti. Poiche Q `e numer-
abile, si deduce che i punti in cui f `e non derivabile sono, al pi` u, uninnit` a numerabile,
come richiesto.
Dimostriamo (ii). Per (i), f `e derivabile da destra e da sinistra in ogni punto di I.
Per la Proposizione 4.1.4 (ii), f `e continua da destra e da sinistra, ergo continua, in ogni
punto di I, come richiesto. .
8.5.6 Teorema (convessit`a e derivabilit`a). Supponiamo che I sia un intervallo
aperto e che f : I R sia derivabile. Valgono le aermazioni seguenti:
(i) f `e convessa se e solo se Df `e non decrescente in I;
(ii) f `e convessa se e solo se per ogni y I vale la disuguaglianza f p
1,y
;
(iii) se f `e derivabile due volte, allora f `e convessa se e solo se D
2
f 0 in I.
Dimostrazione. Dimostriamo (i). Supponiamo che f sia convessa. Allora D
+
f `e non de-
crescente per il Teorema 8.5.5 (i); siccome Df = D
+
f, perche f `e derivabile, ne deduciamo
che Df `e non decrescente in I.
Viceversa, supponiamo che Df sia non decrescente. Osserviamo che
D(R
y
f)(x) =
Df(x) (x y)
_
f(x) f(y)
_
(x y)
2
=
1
(x y)
_
Df(x) R
y
f(x)

.
(per il teorema del valor medio) =
1
(x y)
_
Df(x) Df()

,
148 Capitolo 8. Formula di Taylor
dove `e compreso tra x e y. Poiche Df `e non decrescente per ipotesi, Df(x) Df() ha lo
stesso segno di x y; quindi D(R
y
f) > 0, ergo R
y
f `e non decrescente a sinistra e a destra
di y. Inoltre, osserviamo che se x < y < z, allora R
y
f(x) Df(y) R
y
f(z).
Dimostriamo la disuguaglianza di sinistra; quella di destra si prova in modo analogo.
Abbiamo appena dimostrato che se x < w < y, allora
R
y
f(x) R
y
f(w);
facendo tendere w a y da sinistra, si ottiene R
y
f(x) Df(y), come richiesto.
Perci` o possiamo aermare che R
y
f `e non decrescente in I y. Conseguentemente,
f `e convessa in virt` u del Teorema 8.5.4.
Dimostriamo (ii). Siano y, w e z in I tali che y < w < z. Se f `e convessa, per il
Teorema 8.5.4 vale la disuguaglianza
R
y
f(w) R
y
f(z),
da cui, facendo tendere w a y da destra, si ottiene, in virt` u dellipotesi di derivabilit` a di f,
Df(y) R
y
f(z),
equivalentemente, f(z) p
1,y
(z) per ogni z > y. Un ragionamento analogo mostra che la
medesima disuguaglianza `e valida anche per z < y, dimostrando cos` una parte di (ii).
Viceversa, siano x, y in I tali che x < y. Per ipotesi, valgono le relazioni f p
1,y
e
f p
1,x
, da cui, in particolare,
f(x) f(y) + Df(y)(x y) e f(y) f(x) + Df(x)(y x).
Sommando membro a membro queste disuguaglianze, si ottiene che
0
_
Df(y) Df(x)
_
(x y),
che implica Df(x) Df(y), cio`e che Df `e non decrescente. Per (i), f `e convessa, conclu-
dendo la dimostrazione di (ii).
Inne, (iii) segue facilmente da (ii), completando cos` la dimostrazione del teorema.
.
Studiamo le soluzioni dellequazione e
x
ax = 0, dove a `e un parametro reale.
Poniamo
a
(x) =
def
e
x
ax. Osserviamo che
a
(

(R).
Se a < 0, allora
a
`e crescente, tende a a e a a . Per la propriet` a degli
zeri,
a
ha uno zero, che `e unico.
Se a = 0, `e noto che
a
non ha zeri.
Sia ora a > 0. Osserviamo che
a
tende a sia a sia a . Notiamo che

a
(x) = e
x
a, che si annulla solo in lna, che `e un punto di minimo per
a
. Il minimo
di
a
`e perci` o
a
(lna), che vale a(1 lna). Tale valore `e positivo se e solo se a < e.
Sezione 8.5 Funzioni convesse 149
In tal caso
a
non ha zeri. Se a = e, allora 1 `e uno zero; non ce ne possono essere
altri, perche
a
`e decrescente in (, 1) e crescente in (1, ). Inne, se a > e, allora

a
(lna) < 0, e, dal teorema degli zeri applicato separatamente agli intervalli (, 1)
e (1, ), si deduce che
a
ha almeno due zeri. Poiche

a
> 0,
a
`e convessa, e quindi
non ci possono essere altri zeri (vd. Esercizio 2).
Esercizi
1 Si dimostri che se f `e convessa in R e Df(y) = 0, allora y `e un punto di minimo
assoluto per f.
2 Siano f strettamente convessa e g concava in R. Si dimostri che lequazione f(x) = g(x)
ha, al pi` u, due soluzioni. Si diano esempi in cui lequazione precedente non ha soluzioni,
oppure ne ha una sola.
3 Si dimostri che una funzione strettamente convessa in R non pu` o essere limitata.
4 Si determini, al variare del parametro reale , il numero delle soluzioni dellequazione
lnx = x.
5 Supponiamo che f : (0, 1) R sia convessa, derivabile e che lim
x0
+
f(x) = . Si
dimostri che lim
x0
+
f

(x) = .
6 Si dimostrino le seguenti disuguaglianze negli insiemi a anco indicati:
e
x
1 +x R, lnx x 1 R
+
,
[sinx[ [x[ R, [arctanx[ [x[ R.
7 Sia f : [0, ) R tale che f

(0) = 0 e che lim


x
f(x) = a R. Si dimostri che f ha
almeno un esso.
Bibliograa
[BR] A. Bacciotti e F. Ricci, Analisi Matematica I, Liguori Ed., Napoli, 1995.
[BC] P. Boieri e G. Chiti, Precorso di matematica, Zanichelli Ed., 1994.
[DeMF] L. De Michele e G. Forti, Analisi Matematica: problemi ed esercizi, Ed. Citt` a Studi,
1993.
[MPP] G. Monti, A. Peretti e R. Pini, Esercizi di matematica, LED Ed., Milano, 1994.
[P] G. Prodi, Analisi Matematica, Ed. Boringhieri, Torino, 1970.
[R] W. Rudin, Principi di Analisi Matematica, McGrawHill Libri Italia Ed., 1991.