Anda di halaman 1dari 19

PMII e CM 2013

FMEA e FTA

Nei sistemi in serie la funzione di un dato componente viene trasferita a tutti i


componenti a valle e se avviene un guasto in un componente il sistema non pi
in grado di operare.

Nei sistemi in parallelo, c cessazione di ogni attivit solo se si guastano tutti i


componenti.

Il tipo di schematizzazione a blocchi usata dipende dal tipo di funzione che si


richiede al sistema.

Ad esempio, per il circuito elettrico schematizzato in figura vi possono essere due


situazioni: circuito chiuso o circuito aperto. I due interruttori A e B saranno i
componenti del sistema.
Il comportamento circuito chiuso
corrisponde alla chiusura di entrambi gli
A
B
interruttori
che
possono
essere
schematizzati come componenti in serie.
A
B

Il comportamento circuito aperto si verifica


se uno dei due interruttori aperto. I due
interruttori possono essere schematizzati
come componenti in parallelo.

Affidabilit di sistemi in serie


Sia dato il sistema ad N componenti in serie, schematizzato in Figura.

Si indichi con Rs la probabilit che tutti gli N sottosistemi funzionino


contemporaneamente e si supponga che tutti i possibili eventi di guasto siano tra
loro indipendenti.
Laffidabilit Rs del sistema sar data dalla seguente espressione:
N

Rs

Ri
i 1

ove le Ri sono le affidabilit dei singoli sottosistemi.

Appare chiaro che laffidabilit Rs di un sistema in serie sar minore


dellaffidabilit del componente meno affidabile.
Laffidabilit Rs di un sistema in serie decresce allaumentare del numero dei
componenti. Per questo motivo, se il numero di componenti molto elevato, per
ottenere una buona affidabilit del sistema bisogna scegliere componenti con
elevata affidabilit media.
Affidabilit
del sistema

Numero di
componenti

Affidabilit media dei componenti

Affidabilit di sistemi in parallelo


I sistemi in parallelo si possono suddividere in due tipi.
A

Parallelo puro
B

La funzione trasferita senza


soluzione di continuit

Parallelo stand by

A
S
B

La funzione di un componente viene attivata mediante lo switch


S. In tal modo il componente A o B viene attivato e si sopperisce
ad eventuali guasti che si verificano in altri sottosistemi.

Per un sistemi in parallelo puro si pu calcolare laffidabilit ricorrendo alla


definizione duale di affidabilit.
La probabilit di guasto PgS del sistema sar il complementare dellaffidabilit.
Nellipotesi di N eventi di guasto tra loro indipendenti, la probabilit di guasto sar
data dal prodotto delle probabilit di guasto dei singoli sottosistemi.
N

PgS

1 Rs

(1 R i )
i 1

Laffidabilit del sistema viene quindi ricavata, ricordando la definizione duale di


affidabilit.
N

Rs

(1 R i )
i 1

Sistemi serie-parallelo
In generale un sistema complesso si potr considerare come un insieme di tanti
sottosistemi in serie o parallelo. Si dice che il sistema un sistema serieparallelo.
Sono mostrati due esempi di sistemi serie-parallelo, aventi 4 diversi componenti
A, B, C,D. Le affidabilit di questi componenti sono Ra=0.9, Rb=0.8, Rc=0.7 e
Rd=0.6.

Il sistema complessivo sar costituito da


due sottosistemi in serie (AB e CD),
ognuno dei quali ha due componenti in
parallelo.

R ab

1 (1 R a ) (1 R b )

R cd

1 (1 R c ) (1 R d )

RS

R ab R cd

0.8624

Il sistema complessivo sar costituito da due sottosistemi in parallelo (AC e


BD), ognuno dei quali ha due componenti in serie.

R ac

Ra Rc

R bd

Rb Rd

RS

1 (1 R ac ) (1 R bd )

0.8076

Come si studia laffidabilit di un sistema?


Lo studio dellaffidabilit di un sistema pu essere condotto in vari modi, che si
descrivono brevemente nel seguito.
Si possono distinguere tre diversi approcci:
1) FMEA (Failure Modes and Effects Analysis)
2) FMECA (Failure Modes, Effects and Criticality Analysis)
3) FTA (Fault Tree Analysis)
La FMEA lanalisi dei modi di guasto e dei loro effetti. uno studio qualitativo
dei modi di guasto e degli effetti che ogni modo di guasto ha sul sistema.
La FMECA uno studio di criticit che considera anche aspetti quantitativi. Infatti
ogni guasto viene classificato in base alla probabilit che si verifichi e alla sua
pericolosit.
La FTA unanalisi deduttiva in cui si ipotizza un evento indesiderato e si risale a
quali guasti possono derivare da quellevento. sostanzialmente un approccio
inverso a quello usato nella FMEA e FMECA.

Lutilizzo della tecnica FMEA comporta la la creazione di databases contenti


informazioni su:
a) Modi di guasto dei componenti;
b) Come si individuano i guasti;
c) Quali sono le cause dei guasti;
d) Quali sono le conseguenze dei guasti;
e) Quali sono i rimedi ai guasti, previsti in fase di progetto.

Bisogna preparare una organizzazione gerarchica del sistema e dei sottosistemi.


Il livello della FMEA sar il livello pi dettagliato a cui si vuole spingere lanalisi. Il
livello di massimo dettaglio viene in genere scelto in base alla complessit del
sistema ed allesperienza acquisita nellanalisi di sistemi simili.
Se lanalisi FMEA integrata dallanalisi FMECA il livello di analisi dovr essere
anche scelto in maniera tale da disporre di informazioni quantitative sui modi di
rottura e le probabilit di guasto.

Un esempio di analisi FMEA presentato nel caso di unautomobile. Si possono


vedere tre diversi sottosistemi aventi livelli diversi di dettaglio.
Lesposizione sar ora focalizzata sullo studio dellaffidabilit dei componenti del
sottosistema raffreddamento, in particolar modo per quel che riguarda il
componente termostato.
AUTOMOBILE

Sistema

Sottosistemi
1 livello

Struttura

Propulsione

Sospensioni

Freni

Differenziale

Trasmissione

Gruppo albero

Motore

Sottosistemi
2 livello

Sottosistemi
3 livello

Albero/pistone

Raffreddamento

Testata

Una classica tabella FMEA organizzata come mostrato in Figura.


Componente

Funzione

Modi di guasto

Possibili guasti

Effetti

Locali

Termostato

Deviare il flusso
refrigerante

1. Perdita
esterna (10)

Allentamento
guarnizione
danneggiata

Perdita

Terminali

Possibile
surriscaldamento

2. Intervento
prematuro (22)

3. Intervento
ritardato (23)

Si prendono in esame i modi di guasto pi significativi, ossia quelli che hanno la


maggiore probabilit di accadere e i pi significativi effetti sul sistema.

I vari modi di guasto sono elencati in tabelle chiamate check lists. Ogni check list
riporta i modi di guasto pi frequenti per un dato componente ed ogni modo di
guasto individuato con un un numero tra due parentesi.
Per ciascun modo di guasto si individuano le possibili cause, ossia si indica che
cosa si rompe fisicamente nel componente per portare a tale modo di guasto.
Si elencano poi gli effetti che i modi di guasto hanno sul sistema. Si distingue tra
effetti locali che agiscono sul componente ed effetti terminali che agiscono sul
sistema nel suo complesso.
Alla tabella FMEA mostrata in precedenza si aggiungono altre due colonne che
elencano i segnali con cui si manifesta il guasto e le possibili azioni correttive.
Modo di individuazione del
guasto

Diminuzione del livello di


fluido refrigerante

Perdita

Azioni correttive

Serrare o sostituire la
guarnizione

Si passa poi allanalisi FMECA per analizzare la criticit dei modi guasto con metodi
quantitativi.
Si aggiungono altre due colonne alla tabella compilata per lanalisi FMEA.
In queste due colonne sono indicati il livello di criticit dei modi di guasto e la
probabilit che si verifichino.
Livello di criticit
livello I,II,III,IV,V

Probabilit del guasto


C

Ogni livello di criticit descrive i danni che possono essere causati dal guasto: p.e.
allambiente, al personale, al sistema, eventuali rischi per la sicurezza.
La numerazione dei livelli corrisponde ad una criticit decrescente. Il livello II non
comporta problemi per la sicurezza, mentre il livello IV comporta rischi economici.
La probabilit di guasto viene indicata per mezzo di una lettera tra A ed E.
La sigla A corrisponde ad un guasto frequente; la B ad un guasto
ragionevolmente probabile; la C ad un guasto occasionale; la D ad un guasto
improbabile; la E ad un guasto estremamente improbabile.

Le informazioni sulla criticit dei modi di guasto vengono sintetizzate nella griglia
di criticit.

Livello di
criticit

I
II
III
IV

4
10
2
1
O

6
E

12

11
14

8
D

Probabilit di guasto

La griglia di criticit riporta in ascisse le probabilit di guasto ed in ordinate i


livelli di criticit.
Nelle varie caselle della griglia si riportano i modi di guasto.
La pericolosit di un certo modo di guasto crescer allaumentare della distanza
che la casella in cui si colloca il guasto ha dallorigine della griglia. Ad esempio,
ai modi di guasto 4 e 12 corrisponde la massima criticit mentre ai guasti 1, 6 ed
8 corrisponde la minima criticit.

Lapproccio FTA (Fault Tree Analysis) si avvale dellanalisi dellalbero dei guasti.
Si compie unanalisi deduttiva in cui si ipotizza un evento indesiderato e si cerca
di capire quali sono i guasti che possono derivare da quellevento.

Lapproccio FTA concettualmente linverso di quanto si faceva con la FMEA e la


FMECA. Infatti, si parte dallevento pi indesiderato (top event) e si utilizza una
logica top-down, ricercando i modi di guasto che possono portare a quellevento.
Ad esempio, nel caso di unautomobile, il top event sar il fatto che lautomobile
si ferma. Si ipotizzano tre eventi che possono far cessare il funzionamento
dellautomobile: motore, sospensione, impianto elettrico. Si rappresenta il top
event ed i tre possibili eventi in un diagramma a blocchi.

Lautomobile si ferma
Top event

Il top event accade


se tutti gli eventi 1,2
e 3 si verificano.

OR

OR

Evento 1

Evento 2

Evento 3

Motore

Sospensione

Impianto elettrico

Gli eventi di guasto possono essere pensati come se fossero in serie.


Laffidabilit di componenti in serie era data dal prodotto delle affidabilit dei
singoli componenti. Ricordando la definizione duale di affidabilit si scrive che:

Pg
AND

AND

Il top event accade se anche


uno solo degli eventi 1,2 e 3
si verifica.

(1 R s )

1 (1 Pg1 ) (1 Pg 2 ) (1 Pg 3 )

Gli eventi di guasto possono essere pensati come se fossero in parallelo. N


Laffidabilit di un sistema con componenti in serie era data da R S 1 i 1 (1 R i )
Ricordando la definizione duale di affidabilit si scrive che:

Pg

(1 R s )

1 1 (1 R1 ) (1 R 2 ) (1 R 3 )

Pg1 Pg 2 Pg 3

Gli eventi che causano il verificarsi del top event possono essere a loro volta causati da
altri eventi. Ad esempio, levento 1 pu essere causato dagli eventi 4 e 5.
Evento 1

AND

Evento 4

Evento 5

AND
OR

Connessioni logiche
tra i vari eventi.
Evento finale
Evento
non
ancora
sviluppato che richiede
ulteriori analisi in futuro

Ogni evento viene analizzato e si stabilisce se


viene causato da altri eventi.
Si giunge a definire degli eventi finali, che non
necessitano di essere ulteriormente sviluppati
poich si conosce la probabilit che si
verifichino.
Ipotizzando connessioni di tipo AND oppure
OR si determina la probabilit del top-event
conoscendo le probabilit degli eventi finali e
risalendo mano a mano alle probabilit degli
eventi intermedi.
Ci possono essere anche eventi che non sono
stati analizzati in dettaglio e che necessitano
di ulteriori sviluppi.
Alcune volte non si conosce esattamente la
probabilit degli eventi finali e quindi non si
pu determinare con esattezza la probabilit
del top event. In ogni caso il FTA utile per
stabilire connessioni e relazioni tra i vari
eventi.