Anda di halaman 1dari 237

Indice

Introduzione

Unit 1

Esami... niente stress!

Unit 2

Soldi e lavoro

21

Unit 3

In viaggio per lItalia

35

Unit 4

Un po di storia

49

Unit 5

Stare bene

63

Unit 6

Andiamo allopera?

81

Unit 7

Andiamo a vivere in campagna

95

Unit 8

Tempo libero e tecnologia

110

Unit 9

Larte... di tutti!

123

Unit 10 Paese che vai, problemi che trovi

138

Unit 11 Che bello leggere!

153

Trascrizione dei brani audio

165

Chiavi delle attivit del Quaderno degli esercizi

180

Premessa
La Guida per linsegnante rivolta a tutti/e gli/le insegnanti che utilizzano Nuovo Progetto italiano 2 nei corsi di italiano LS/L2. La nuova edizione di Progetto italiano 2 presenta, tra i numerosi aggiornamenti, situazioni comunicative arricchite di spontaneit e naturalezza che, nel corso delle
unit, si alternano agli elementi grammaticali allo scopo di rinnovare continuamente linteresse della
classe e il ritmo della lezione, attraverso attivit brevi e motivanti. Unulteriore novit di Nuovo
Progetto italiano 2 rappresentata dalle pagine con cui stata arricchita ciascuna unit del Libro
dello studente: una pagina introduttiva (Per cominciare...) di attivit preliminari, che ha lo scopo di
creare negli studenti lindispensabile motivazione iniziale attraverso varie tecniche di riflessione e
coinvolgimento emotivo, di preascolto e ascolto, e una pagina finale (Autovalutazione) per dare agli
studenti lopportunit di una revisione autonoma degli elementi comunicativi e lessicali e grammaticali dellunit stessa, cos come di quella precedente. Dal punto di vista metodologico, Nuovo
Progetto italiano 2 pi comunicativo e induttivo: lallievo, protagonista del percorso di apprendimento/insegnamento, viene stimolato a scoprire la grammatica per poi metterla in pratica nelle varie attivit comunicative.
La Guida per linsegnante rispetta la struttura del Libro dello studente: 11 Unit e, allinterno di
ciascuna di esse, le Sezioni contraddistinte da una lettera (A, B, C ...) a loro volta scandite da attivit numerate progressivamente (1, 2, 3 ...).
Allinizio di ogni unit troviamo un utile riepilogo delle strutture comunicative, lessicali e grammaticali in apprendimento, e gli argomenti di civilt trattati. Inoltre, viene presentata la lista di eventuali materiali extra per lo svolgimento della lezione, materiali messi a disposizione del docente e che
consistono perlopi in schede specifiche da fotocopiare e utilizzare per le differenti attivit proposte.
Per ogni attivit vengono forniti suggerimenti, consigli e preziose indicazioni, talvolta corrispondenti alle consegne del Libro dello studente ma sempre ampliate e maggiormente dettagliate, sui procedimenti da adottare per il loro svolgimento. Nei casi in cui le attivit lo prevedano, sono presenti
le soluzioni delle stesse. Le attivit pi propriamente ludiche, sempre diverse e motivanti, hanno
comunque delle caratteristiche comuni e obbediscono ad una logica e ad una metodologia molto precise. Esse si articolano in:
- attivit di fissaggio, realizzate con lo scopo di fornire agli studenti un modo efficace e divertente di reimpiego immediato delle strutture grammaticali appena apprese;
- attivit ludiche vere e proprie, nel corso e/o al termine di ogni unit, sono momenti in cui laspetto giocoso pi in evidenza, senza per perdere di vista loggetto dellapprendimento, sia esso
grammaticale, lessicale, sintattico o comunicativo.
Con lintento di rendere pi agevole la produzione orale richiesta dai vari role-plays presenti nel
Libro dello studente, in questa Guida per linsegnante i pi significativi di essi sono preceduti da dialoghi guidati, facenti anchessi parte dei materiali aggiuntivi, in cui gli studenti sono chiamati a svolgere delle conversazioni. Dal momento che si tratta di role-plays guidati con la funzione di preparare gli studenti a quelli pi liberi incontrati nel Libro dello studente, il compito a cui chiamato lo studente la semplice sostituzione e lo scambio delle nuove strutture comunicative, incontrate nellunit, che costituiscono linput principale dellattivit.
Riguardo agli argomenti grammaticali, si offrono chiare e semplici spiegazioni che agevolano la
loro presentazione, seguite spesso dalle attivit di fissaggio sopra descritte. Nellultima scheda (Grammatica e Lessico) di ciascuna unit della Guida per linsegnante, si riepilogano le strutture presentate nelle tabelle del Libro dello studente, in cui per sono state cancellate delle parti che i discenti

devono completare allo scopo di poter controllare e fissare definitivamente quanto appreso nel corso
dellunit. Inoltre, al termine di ogni unit si ricorda al docente la possibilit di sfruttare le attivit
online presenti nel sito www.edilingua.it./progetto. Sempre dal sito della nostra casa editrice
(www.edilingua.it) possibile scaricare ulteriori attivit supplementari: si tratta di giochi e attivit
varie da svolgere in gruppo, a coppie o anche singolarmente, suddivise per unit e mirate a rinforzare la competenza lessicale o grammaticale degli studenti in modo ludico e distensivo. Per ogni unit
sono previste quattro attivit: un gioco soprattutto orientato verso il lessico, una practice orientata
verso sintassi e semantica, un memory in cui abbiamo lassociazione di frasi e immagini, e un quiz
relativo ai vari argomenti grammaticali, comunicativi e di civilt. Mentre il gioco e la practice si diversificano, il memory e il quiz mantengono una struttura fissa e la stessa tipologia, cambiano soltanto i
contenuti in ogni unit. Per ciascuna attivit presente una doppia spiegazione: una rivolta agli insegnanti per lutilizzo in classe, una per lo studente nelleventualit che voglia esercitarsi da solo.
La Guida per linsegnante offre anche: la Trascrizione dei dialoghi o dei brani non riportati nel
Libro dello studente o nel Quaderno degli esercizi, le Chiavi del Quaderno degli esercizi e le Soluzioni delle attivit del Libro dello studente che vengono date man mano.
Nella speranza di aver contribuito a rendere ancora pi efficace e piacevole lutilizzo di Nuovo
Progetto italiano 2 nei corsi di lingua e cultura del Belpaese, lautrice e la redazione augurano buon
lavoro a tutti i colleghi e ringraziano anticipatamente per i contributi e le critiche.

Elementi comunicativi - Rassicurare qualcuno


e lessicali
- Complimentarsi con qualcuno
- Esprimere dispiacere
- Scusarsi, rispondere alle scuse
- Esprimere sorpresa e incredulit
- Raccontare un evento passato
- Facolt universitarie e relative figure professionali
Elementi grammaticali - I pronomi combinati
- I pronomi combinati nei tempi composti
- Aggettivi, pronomi e avverbi interrogativi
Civilt

- La scuola...
- ...e luniversit italiana

Materiale necessario

Sezione A, punto 7, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 1 a


pagina 14 e un paio di forbici
Sezione B, punto 2, role-play guidato: alcune fotocopie della scheda numero 2 a
pagina 15
Sezione B, punto 6, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 3 a
pagina 16 e un paio di forbici
Sezione D, punto 2, attivit estensiva: alcune fotocopie della scheda numero 4 a
pagina 17 e un paio di forbici
SIETE DACCORDO?: alcune fotocopie della scheda numero 5 a pagina 18
Grammatica e Lessico: alcune fotocopie della scheda numero 6 alle pagine 19 e 20

Per cominciare...
1
- In plenum, osservate le immagini e invitate gli studenti a parlare delle materie di studio che ritengono maggiormente interessanti, o pi difficili, tra
quelle dei testi raffigurati.
- Ampliate la conversazione sulle diverse materie
scolastiche: quali sono le pi gradite? Perch? Quali fattori influenzano le opinioni degli studenti relativamente ad una materia? Ad esempio la sua utilit, linsegnante, il libro di testo usato, la predisposizione personale ecc. Se volete, potete trasformare questa attivit in un vero e proprio sondaggio, stilando magari una classifica con lindice di
gradimento delle materie e i criteri utilizzati per
calcolarlo.
2
- Fate ascoltare i due brevi dialoghi chiedendo agli
studenti di individuare le materie di cui parlano
Lorenzo, Claudio e Valeria.
Soluzione: la materia di cui si parla la letteratura

3
- Fate ascoltare nuovamente i dialoghi con lobiettivo di indicare quali affermazioni sono veramente
presenti.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 2, 5, 6, 7

A Mi servono i tuoi appunti!


1
- Fate ascoltare di nuovo i dialoghi per dare la possibilit agli studenti di leggerli e confermare o meno le proprie risposte allattivit precedente.
2
- Fate leggere ancora i dialoghi chiedendo ai corsisti
di rispondere in plenum alle domande.
Soluzione: 1. Lorenzo ha bisogno degli appunti di letteratura di Claudio, 2. Si rivolge a Claudio perch lui
ha superato lesame e ha gli appunti, 3. Si deve rivolgere a Valeria perch Claudio le ha prestato i suoi
appunti, 4. Valeria presta a Lorenzo trenta pagine relative al Romanticismo, per fotocopiarle
7

3
- Invitate gli studenti ad abbinare le espressioni della colonna di destra con le funzioni date a sinistra
e procedete al riscontro in plenum. Eventualmente
potete chiedere di ricercare tali espressioni nei dialoghi al fine di individuare il contesto in cui vengono utilizzate.
Soluzione: esprimere sorpresa - Caspita!; fare i complimenti a Claudio - Bravo!; esprimere contrariet,
dispiacere - Accidenti!; rassicurare Valeria - Non ti
preoccupare!
- Invitate gli studenti a parlare delle proprie abitudini di studio: sono soliti prendere appunti? mai
capitato loro di ricercare affannosamente gli appunti di altri? Sono generosi nel prestarli?
4
- Fate lavorare gli studenti individualmente e chiedete loro di completare il dialogo tra Lorenzo e
Beatrice con le parole date.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1) te li ha dati, 2) Me li prester, 3) lo sai,
4) Mi porter, 5) te le dar, 6) li pubblicherei
5
- Invitate gli studenti a riassumere brevemente per
iscritto il dialogo introduttivo.
6
- Ricopiate alla lavagna le frasi presenti nel testo:
te li avrei dati volentieri

a te, gli appunti

Glieli ho dati proprio stamattina

............................
............................

Me li potresti dare

............................
............................

Queste te le posso prestare

............................
............................

- Invitate gli studenti a lavorare in piccoli gruppi e a


cercare di individuare a cosa si riferiscono i pronomi presenti nelle frasi della colonna di sinistra.
Lasciate ai corsisti un po di tempo per riflettere e
discutere quindi fatevi suggerire le soluzioni, provvedendo a trascrivere quelle esatte alla lavagna.
Soluzione: a Valeria, gli appunti; a me, gli appunti; a
te, le pagine
- Riflettete in plenum a proposito delle frasi presenti alla lavagna: te li, glieli, me li e te le sono dei
8

doppi pronomi risultanti dalla combinazione di un


pronome indiretto ti, le, mi, ti che possiamo sostituire con a te, a Valeria, a me, a te e un pronome
diretto, li e le, che possiamo sostituire con degli
oggetti, ovvero gli appunti, le pagine. Nella forma
combinata il pronome indiretto precede sempre
quello diretto.
7
- Osservate le frasi contenute in tabella e riflettete
sulle trasformazioni che subiscono i pronomi indiretti quando si uniscono a quelli diretti. Raccogliete le opinioni degli studenti a proposito e, in plenum, precisate: davanti ai pronomi diretti e alla
particella ne, la i del pronome indiretto si trasforma in e. Inoltre, davanti ai pronomi diretti e alla
particella ne entrambi i pronomi indiretti gli e le
assumono ununica forma invariabile, glie, che si
unisce al pronome diretto e forma con esso una sola parola.
- A questo punto potete invitare gli studenti a completare la tabella ed eventualmente a consultare
lAppendice grammaticale a pagina 183 per rivedere i pronomi diretti e indiretti.
Soluzione: Te le, Ve lo
Attivit di fissaggio
- Dividete la classe in gruppi di tre o quattro persone. Fotocopiate la scheda numero 1 a pagina 14 e
ritagliate lungo le linee tratteggiate per formare
due distinti mazzi di carte, uno con la tabella numero 1 e uno con la numero 2.
- Consegnate ad ogni gruppo una copia contenente
esclusivamente la tabella numero 3 e i mazzi di
carte ricavati dalle tabelle numero 1 e numero 2.
- Il compito degli studenti consiste nel completare le
due frasi contenute in ogni riquadro della tabella
numero 3. La prima frase di ogni riquadro deve essere completata con gli elementi presenti nel mazzo ricavato dalla tabella numero 1, ad esempio
Loro comunicano i risultati a te. La seconda frase
di ogni riquadro deve essere completata con i pronomi combinati presenti nel mazzo ricavato dalla
tabella numero 2, ad esempio Te li comunicano
dopo lesame.
- Ricordate agli studenti che il completamento solo in parte libero in quanto la prima e la seconda
frase dei riquadri della tabella 3 devono corrispondere e i pronomi combinati devono essere utilizzati tutti e una sola volta.

- Lasciate agli studenti una decina di minuti di tempo per completare la tabella numero 3 con le carte
e dopo il vostro stop procedete al riscontro in plenum: quale gruppo ha il maggior numero di completamenti corretti?
Un esempio di completamento: 1. Io parlo agli studenti
degli esami / Gliene parlo per tranquillizzarli; 2. Silvia porta le caramelle ai bambini / Gliele porta questa sera; 3. Loro comunicano i risultati a te / Te li comunicano dopo lesame; 4. Loro danno da mangiare
ai gatti / Glielo danno insieme agli altri animali; 5. Tu
fai provare i vestiti a me / Me li fai provare qualche
giorno prima del ricevimento; 6. Voi vendete la macchina a noi / Ce la vendete per comprarvi una macchina nuova; 7. Io restituisco il libro a Paola / Glielo restituisco dopo averlo letto; 8. Voi date le chiavi a me / Me
le date prima di partire per le vacanze
8
- Fate lavorare gli studenti in coppia invitandoli a
rispondere alle domande seguendo lesempio dato.
Soluzione suggerita: 1. S, oggi te lo offro io; 2. S,
gliela do io; 3. Ve li presenter stasera; 4. S, glielo
regaler; 5. Me ne servono due; 6. Te la faccio vedere domani

3
- Fate lavorare gli studenti in coppia: a turno gli studenti assumono i ruoli di A e B e svolgono i dialoghi previsti.
4
- Invitate gli studenti a lavorare ancora in coppia e
ad assumere i ruoli della Prof.ssa Levi e di Lorenzo: in un primo momento ogni studente si concentra sul suo ruolo, leggendolo mentalmente, cercando di capire il significato delle proprie battute e predisponendosi alla loro interpretazione. Dopodich
i corsisti leggono il dialogo in coppia cercando di
interpretarlo al meglio e quindi analizzando le parti rimaste incomprese.
- Chiedete agli studenti di indicare quali affermazioni relative al dialogo sono corrette e chiarite eventuali dubbi a proposito.
Soluzione: 1. b, 2. b, 3. c
5
- Scrivete alla lavagna:
Nessuno me li ha fatti notare questi capitoli!

B Scusami!
1
- In plenum fate ascoltare i mini dialoghi e chiedete
agli studenti di abbinarli ai disegni presenti nel Libro dello studente, avvertendoli della presenza di
due disegni in eccesso!
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione da sinistra a destra e dallalto verso il basso: a, d, c, non presente, b, non presente
2
- Fate ascoltare di nuovo e chiedete di completare la
tabella con le frasi dei mini dialoghi.
Soluzione: Scusarsi: Scusami, scusa, Mi scusi; Rispondere alle scuse: Non importa, Figurati, Prego
Role-play guidato
- Fotocopiate la scheda numero 2 a pagina 15. Fate
lavorare gli studenti in coppia e consegnate ad
ognuna una scheda. Invitate gli studenti a ripetere
pi volte il dialogo, sostituendo le informazioni
scritte in caratteri diversi con quelle contenute nei
riquadri sottostanti, con lo stesso carattere.

- Invitate i corsisti ad esaminare la frase contenuta


nel fumetto. Cosa notano in relazione al participio
passato del verbo fare?
- Riflettete in plenum: il participio passato del verbo
fare declinato al maschile plurale, in riferimento al
pronome diretto li, che lo precede e si riferisce ad un
oggetto maschile plurale, ovvero i capitoli. Da ci
possiamo dedurre che la regola, gi nota, relativa
allaccordo del participio passato con il pronome
diretto che lo precede, vale anche quando il pronome diretto compare in combinazione con il pronome
indiretto.
6
- Invitate gli studenti a leggere e completare la
tabella.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: portati, regalata
Attivit di fissaggio
- Dividete la classe in gruppi di tre o quattro persone. Fotocopiate la scheda numero 3 a pagina 16 e
9

ritagliate lungo le linee tratteggiate per formare


due distinti mazzi di carte, uno con la tabella numero 1 e uno con la numero 2.
- Consegnate ad ogni gruppo una copia contenente
esclusivamente la tabella numero 3 e i mazzi di
carte ricavati dalle tabelle numero 1 e numero 2.
- Spiegate agli studenti che il loro compito simile
a quello svolto nel corso dellattivit di fissaggio
del punto A7, infatti si tratta ancora una volta di
completare le due frasi contenute in ogni riquadro
della tabella numero 3 con gli elementi presenti nei
due mazzi a disposizione. In questo caso, per,
nella seconda frase abbiamo il participio passato
quindi il completamento sar diverso, ad esempio:
Giulio ha trasmesso le informazioni a voi e Ve le
ha trasmesse in tempo reale.
- Lasciate agli studenti una decina di minuti di
tempo per completare la tabella numero 3 e dopo il
vostro stop procedete al riscontro in plenum: quale
gruppo ha il maggior numero di completamenti
corretti?
Un esempio di completamento: 1. Giulio ha trasmesso le informazioni a voi / Ve le ha trasmesse in tempo
reale; 2. Laura ha stampato i documenti allavvocato
/ Glieli ha stampati in formato A4; 3. Voi avete offerto il caff a me / Me lo avete offerto durante la pausa;
4. Tu hai comprato il regalo allo zio / Glielo hai comprato per il suo compleanno; 5. Io ho chiesto un piacere a Maria / Glielo ho chiesto spesso; 6. I clienti
hanno spedito tre pacchi a noi / Ce li hanno spediti
via mare; 7. Noi abbiamo raccontato una favola ai
bambini / Gliela abbiamo raccontata prima di andare
a letto; 8. Io ho prestato la macchina a te / Te la ho
prestata perch c sciopero degli autobus

una cerchia di conoscenti. Chiedete agli studenti


qual secondo loro la notizia pi importante.
- Invitate gli studenti a raccontare cosa successo
recentemente nella loro citt o nella loro cerchia di
conoscenti e annotate gli avvenimenti alla lavagna.
2
- Osservate in plenum le espressioni di sorpresa e incredulit presenti nel testo e invitate gli studenti ad
indicare quali sono state appena ascoltate e lette.
- Fate ascoltare di nuovo il dialogo per confermare le
affermazioni degli studenti.
Soluzione: Sorpresa: Davvero?!; Chi lavrebbe mai
detto?, Ma va!, Possibile?!; Incredulit: Non ci credo!, Incredibile!, Non me lo dire!
3
- Fate lavorare gli studenti in coppia: a turno gli studenti assumono i ruoli di A e B e svolgono i dialoghi previsti in cui uno studente riferisce delle notizie e laltro esprime la propria sorpresa e/o incredulit. Se volete, alla lista di notizie presenti nel
testo potete aggiungere gli avvenimenti annotati alla lavagna (vedi punto 1).
4
- Fate lavorare gli studenti in gruppi di quattro persone:
il compito consiste nello scrivere due mini dialoghi
usando le espressioni del punto 2. Invitate gli studenti ad essere fantasiosi nellinventare notizie ed avvenimenti stupefacenti o molto ironici o assolutamente
improbabili.
- Invitate i gruppi a recitare i loro dialoghi.

D Quante domande!
7
- Fate lavorare gli studenti in coppia invitandoli a
rispondere alle domande utilizzando le informazioni tra parentesi.
Soluzione: 1. Me ne sono serviti tre, 2. Glielho dato
io, 3. Glielha data suo padre, 4. Me li ha restituiti
stamattina, 5. Ce ne hanno portate solo due

C Incredibile!
1
- Fate ascoltare il testo e discutete in plenum: quali
sono le caratteristiche di questo dialogo? Si tratta
evidentemente di una conversazione rivestita di caratteri ironici, relativa agli avvenimenti capitati in
10

1
- Fate ascoltare le domande e invitate gli studenti a
formulare le relative possibili risposte.
- Scrivete alla lavagna:
chi quella ragazza?
chi quel ragazzo?
chi sono quei ragazzi?
- Chiedete agli studenti cosa notano relativamente al
pronome interrogativo chi e riflettete insieme: chi
invariabile per genere e per numero e si riferisce
sempre a delle persone.

- Aggiungete altre frasi:


di chi questa penna?
di chi sono queste penne?
per chi questo messaggio?
con chi esci questa sera?
- In questo caso evidente che, seppur preceduto da
preposizioni diverse, chi rimane invariato e si riferisce sempre a delle persone.
- Adesso scrivete alla lavagna:

Attivit estensiva
- Formate dei gruppi di quattro persone. Fotocopiate
la scheda numero 4 a pagina 17 e ritagliate lungo
le linee tratteggiate formando un mazzo di carte
con la tabella numero 1 e un mazzo con la tabella
numero 2.
- Consegnate i due mazzi di carte ad ogni gruppo e
invitate a disporre le carte del mazzo numero 1 con
la scritta rivolta verso lalto e le carte del mazzo
numero 2 con la scritta rivolta verso il basso.

quale colore hai scelto?


quale camicia preferisci?
qual il tuo cantante preferito?
quali libri hai comprato?
quali lingue vorresti imparare?

- A turno uno studente pesca una carta dal mazzo


numero 2, legge la domanda in essa contenuta, la
completa con linterrogativo adatto tra quelli presenti nelle carte del mazzo numero 1 e rivolge la
domanda ad un compagno.

- Osservate in plenum: linterrogativo quale, a differenza di chi, ha una forma singolare maschile e
femminile quale e una forma plurale maschile e
femminile quali. Davanti a vocale quale si tronca
in qual ma non prende lapostrofo, come possiamo
vedere nella frase qual il tuo cantante preferito.

- Il compagno risponde e a sua volta pesca una carta


dal mazzo numero 2. Il suo compito consiste di
nuovo nel completare la domanda e rivolgerla ad
un altro compagno.

- Passate ad osservare le frasi seguenti, che provvederete a scrivere alla lavagna:


Quanto caff vuoi?
Quanta pasta mangi?
Quanti ragazzi hai invitato?
Quante persone ci sono?
- In questo caso possiamo notare che quanto varia
per genere e numero a seconda del sostantivo che
lo segue.
- Infine potete scrivere:
Che cosa facciamo oggi?
Che facciamo oggi?
Cosa facciamo oggi?
- In questo caso c da sottolineare la libert con cui
possiamo utilizzare linterrogativo che cosa, per intero o solo con una delle sue componenti, ovvero che
e cosa.
2
- Sulla base di quanto visto finora, invitate gli studenti a completare le domande con gli interrogativi del punto precedente.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. Che cosa / Che / Cosa, 2. quale, 3. Chi,
4. che cosa / che / cosa, 5. Qual, 6. quanto

- Si procede cos fino a che tutte le carte con le


domande da completare saranno state utilizzate.
Soluzione: Qual la tua materia scolastica preferita?,
Dove ti piacerebbe abitare?, Che cosa/Cosa/Che prendi
normalmente a colazione?, Quanti italiani conosci?,
Qual stato finora il periodo pi bello della tua vita?,
Quando parti per le vacanze?, Perch/Quando hai deciso di studiare litaliano?, Quali sono i tuoi progetti
per il futuro?, Dove sei stato lo scorso fine settimana?, Quali/Quante lingue parli?, Che cosa/Cosa/Che
faresti con un assegno di duemila euro?, Come passi
il tuo tempo libero?, Perch lItalia chiamata il Belpaese?, Qual lepisodio scolastico che ricordi con
maggior piacere?, Con chi vorresti andare in vacanza?, Come si fanno gli spaghetti al pomodoro? 3
3
- Scrivete alla lavagna:
scuola elementare
scuola media
scuola superiore
universit
- Indicate a grandi linee a cosa si riferiscono i cicli
scolastici scritti alla lavagna (informazioni a proposito sono presenti nella sezione di civilt alle
pagine 20 e 21) e in quale periodo della vita generalmente si frequentano.
- Invitate gli studenti a parlare in coppia delle loro
esperienze scolastiche e a raccontare di periodi o
11

esami che hanno avuto per loro un particolare significato.


- Portate la conversazione in plenum, chiedendo agli
studenti di raccontare alcune delle loro esperienze.
Ce ne sono di simili?
4
- Questa volta il tema della conversazione sono gli
esami di maturit, ovvero un esame di stato che si
deve sostenere al termine della scuola superiore al
fine di ottenere il diploma di maturit. Poich si
tratta di una tappa fondamentale nella carriera scolastica di una persona, a cui si legano diversi ricordi ed esperienze, potete invitare i corsisti a raccontare qual lequivalente dellesame di maturit nella loro nazione, se lo hanno sostenuto, com stato
o come se lo immaginano.
- Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per
leggere individualmente i testi presenti e inserire le
forme corrette dei verbi tra parentesi.
- Procedete al riscontro in plenum, invitando gli studenti ad esprimere le proprie opinioni relativamente ai testi letti. Qualcuno condivide o ha condiviso
le avventure e sventure dei quattro personaggi?
Soluzione: 1. avevo studiato, 2. ho convinti, 3. ho, 4.
sogno, 5. stato, 6. sono passati, 7. ha passato, 8.
volevo/ho voluto, 9. aveva passato, 10. ero, 11. mi
sono limitato, 12. pensavo, 13. dipende, 14. dovevi /
avresti dovuto, 15. avrebbero chiesto, 16. Ho passato, 17. avevo, 18. aveva sostenuto
5
- Gli studenti lavorano in coppia: a turno si pongono
le quattro domande e individuano le relative risposte.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. Linus ha sostenuto gli esami di maturit
una sola volta, 2. Silvio Muccino per la maturit ha studiato un mese, 3. Valerio Mastandrea per il matrimonio
ha regalato al suo amico le soluzioni che gli aveva passato durante lesame di maturit, 4. Carlo Lucarelli aveva paura degli esami perch lo avevano convinto che
avrebbe dovuto sapere tutto e che comunque gli avrebbero chiesto ci che non sapeva.
6
- Gli studenti lavorano individualmente: questa volta si tratta di scegliere, per ogni frase, il giusto interrogativo.
12

- Procedete al riscontro in plenum.


Soluzione: 1. quando, 2. dove, 3. perch, 4. Quando,
5. dove
7
- Lasciate agli studenti qualche minuto per completare le frasi con gli interrogativi visti nel corso dellunit e procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. Quante, 2. come/quando/da chi, 3. dove, 4. di che cosa, 5. chi, 6. quale
E Vocabolario e abilit
1
- Chiedete agli studenti di completare le frasi con le
parole date.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. frequenza, 2. esami di ammissione, 3. dipartimento, 4. prove, 5. iscrizione, 6. mensa
2
- In plenum osservate le illustrazioni e chiedete agli
studenti di completare gli spazi con il nome delle
varie professioni illustrate.
- In quale facolt bisogna laurearsi per esercitare le
professioni illustrate? Invitate i corsisti a collegare
facolt e professioni.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: Medicina - 6. chirurgo, Odontoiatria - 2.
dentista, Ingegneria - in pi, Giurisprudenza - 1. avvocato, Architettura - 5. architetto, Psicologia - 3. psicologo, Lingue - in pi, Lettere - 4. insegnante di
storia
3
- Fate ascoltare il brano dellesercizio 22 a pagina
11 del Quaderno degli esercizi e invitate gli studenti a segnare le affermazioni esatte.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. a, 2. c, 3. b, 4. c
4
- Invitate gli studenti a lavorare in coppia: il compito consiste nellimmedesimarsi a turno nelle due
situazioni proposte e dar luogo alle relative conversazioni. Per la prima situazione ricordate agli
studenti di utilizzare le informazioni offerte alle
pagine 194, per il ruolo A, e 196, per il ruolo B.

5
- Chiedete ai corsisti di scrivere una lettera ad un
amico per raccontare la propria intenzione di andare a studiare a Milano e per chiedere informazioni
a proposito della vita studentesca in Italia. Tale
attivit potr essere svolta sia come compito a casa
che in classe. In entrambi i casi chiedete agli studenti di consegnarvi i propri elaborati affinch possiate restituirli corretti.
Conosciamo lItalia

La scuola...
- Invitate gli studenti a leggere individualmente il
testo sulla scuola in Italia e a indicare le affermazioni corrette. A tale scopo esortateli ad avvalersi
dellaiuto offerto dal glossario a pagina 21 ed
eventualmente di un buon dizionario.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. c, 2. c, 3. a

... e luniversit italiana


- Invitate gli studenti a leggere individualmente il
testo sulluniversit italiana. A tale scopo esortateli ad avvalersi dellaiuto offerto dal glossario a pagina 21 ed eventualmente di un buon
dizionario.
- Discutete in plenum: quali sono secondo gli studenti i vantaggi e gli svantaggi delle universit italiane? Quali sono le differenze tra il sistema universitario italiano e quello del Paese da cui provengono gli studenti?

SIETE DACCORDO?
- Dividete la classe in gruppi di quattro o cinque
persone. Fotocopiate la scheda numero 5 a pagina
18 e consegnate una copia ad ogni gruppo.
- Il compito di ogni gruppo consiste nello scegliere
cinque affermazioni ritenute interessanti tra quelle
espresse e di discutere se le si condivide oppure no
e per quali motivi.
- Per ogni affermazione si dovr giungere ad un
punto comune di accordo o disaccordo rispetto alla
affermazione. opportuno consigliare ai gruppi di
prendere appunti in merito alla discussione e ai suoi
risultati.
- In plenum lasciate che ogni gruppo riferisca le affermazioni prese in considerazione e la propria
opinione a riguardo, invitando gli altri compagni a
dire la loro in proposito.
Grammatica e Lessico
- Fotocopiate la scheda numero 6 alle pagine 19 e
20, distribuite le fotocopie agli studenti e chiedete
di completarle con gli elementi grammaticali e lessicali mancanti.
- Fate confrontare il risultato prima con il compagno
di banco e poi con le tabelle presenti nel testo nel
corso dellunit 1.
- Lasciate agli studenti il tempo per concentrarsi su
questa attivit di ripetizione e controllo e invitateli a riferire eventuali dubbi o argomenti che non
sono chiari per poterli discutere in plenum.

- Esortate gli studenti ad usufruire delle attivit online previste dallunit 1.


Autovalutazione
- Invitate gli studenti a svolgere individualmente il
test di autovalutazione e a controllare le soluzioni
a pagina 203 del Libro dello studente.

13

Scheda numero 1
Unit 1 - Sezione A7, Attivit di fissaggio
1)
da mangiare

i risultati

le chiavi

a te

a noi

i vestiti

a me

il libro

Te li

Glielo

Me li

Me le

a Paola

ai gatti

la macchina ai bambini

degli esami le caramelle

a me

agli studenti

Ce la

Glielo

2)
Gliene

Gliele

3)
1. Io parlo

.
parlo per tranquillizzarli.

2. Silvia porta

.
porta questa sera.

3. Loro comunicano

comunicano dopo lesame.

4. Loro danno

.
danno insieme agli altri animali.

5. Tu fai provare

.
fai provare qualche giorno prima del ricevimento.

6. Voi vendete

.
vendete per comprarvi una macchina nuova.

7. Io restituisco

.
restituisco dopo averlo letto.

8. Voi date

.
date prima di partire per le vacanze.

14

Scheda numero 2
Unit 1 - Sezione B2, Role-play guidato

Ciao Marina! Finalmente! da un po che ti aspetto! Pensavo di aver capito male!

Scusami! Mentre uscivo di casa mi ha telefonato Giorgio e ci siamo messi a parlare...

Non fa niente. Mentre aspettavo ho cominciato a leggere la prima parte degli appunti di storia.

Oh gli appunti!!!

Non me li hai portati?

Ti prego, perdonami!

Non importa...

Ma come...?! Sei venuta in centro proprio per questo! Come posso farmi perdonare?

Non c bisogno! Avevo anche altre cose da fare! Anzi mi accompagni?

Ma figurati...
Scusa il ritardo.

Ma di cosa?

Ti chiedo scusa.

Non cos grave!

Mi dispiace.

Non ti preoccupare.
Lascia stare...
Oddio, scusami!

Non successo niente!

Mamma mia, come ho fatto?


Aiuto! Li ho dimenticati!

15

Scheda numero 3
Unit 1 - Sezione B6, Attivit di fissaggio
1)
a voi

i documenti

il caff

un piacere le informazioni una favola

il regalo

tre pacchi

allavvocato ai bambini

allo zio

a noi

a me

a te

a Maria

la macchina

Gliela

Glielo

Ce li

Te la

Ve le

2)
Glieli

Glielo

Me lo

3)
1. Giulio ha trasmesso

ha ............................ in tempo reale.

2. Laura ha stampato

ha ............................ in formato A4.

3. Voi avete offerto

avete ............................ durante la pausa.

4. Tu hai comprato

hai ............................ per il suo compleanno.

5. Io ho chiesto

.
ho ............................ spesso.

6. I clienti hanno spedito

hanno ............................ via mare.

7. Noi abbiamo raccontato

abbiamo ............................ prima di andare a letto.

8. Io ho prestato

.
ho ........................ perch c sciopero degli autobus.

16

17

2)

1)

ti piacerebbe

abitare?

la tua

materia

passi il tuo
tempo libero?

assegno di
duemila euro?

scorso fine

settimana?

Belpaese?

chiamata il

lItalia

lingue parli?

sei stato lo

faresti con un

..................

..................

pi bello

il periodo

stato finora

..................

andare in
vacanza?
maggior

vorresti

..................

Con

litaliano?

studiare

ricordi con
piacere?

hai deciso di

..................

? Perch

scolastico che

lepisodio

..................

vacanze?

parti per le

..................

? Quando

..................

..................

conosci?

italiani

..................

Quanti/-e

? Chi

..................

a colazione?

normalmente

prendi

..................

Dove

della tua vita?

Quanto/-a

preferita?

scolastica

..................

? Come

..................

Qual

Quale/-i

Scheda numero 4
Unit 1 - Sezione D2, Attivit estensiva

pomodoro?

spaghetti al

si fanno gli

..................

il futuro?

progetti per

sono i tuoi

..................

Cosa / Che

Che cosa
?

18

Studiare migliora
la qualit della vita
di una persona.

Gli anni della scuola


e delluniversit sono
i pi belli della vita.

giusto studiare le
religioni dei diversi
Paesi e quella/e del
Paese in cui si vive.
A volte copiare
un compito
indispensabile.

Dopo luniversit tutti


dovrebbero trascorrere
un periodo di
formazione allestero.

Le persone che
studiano molto sono
poco socievoli.

SIETE DACCORDO?

Il percorso di studi
dovrebbe essere
uguale in tutto
il mondo.

La scuola superiore
dovrebbe avere solo
due indirizzi diversi:
uno letterario e
uno scientifico.

Si dovrebbe favorire
maggiormente
lo studio delle
lingue straniere.

I bambini potrebbero
cominciare la scuola
gi a 4 o 5 anni.

Le materie
scientifiche sono
pi utili di
quelle letterarie.

I libri scolastici
dovrebbero
essere gratuiti.

I professori
dovrebbero essere
pi severi.

Tutti dovrebbero
imparare ad usare
il computer fin
dalla scuola
elementare.

Sarebbe bello
introdurre la
sufficienza per tutti.

Luniversit dovrebbe
offrire la possibilit
di frequentare online
tutti i corsi.

Lobbligo scolastico
dovrebbe arrivare
fino a 18 anni.

Tutti i bambini
dovrebbero andare
alla scuola materna.

Il rendimento
scolastico
non dipende
solo dallo studente.

La scuola e
le universit
dovrebbero
essere gratuite.

Scheda numero 5
Unit 1 - SIETE DACCORDO?

Scheda numero 6
Unit 1 - Grammatica e Lessico

Pronomi combinati
Eva, mi dai un attimo il tuo dizionario?

mi + lo

Me lo dai un attimo?

Ti devo portare le riviste stasera?

ti + le

Te le devo portare stasera?

Prester a Luigi il mio motorino

gli + lo

Glielo prester.

Chieder a Elena gli appunti

le + li

................................

Ci puoi raccontare la trama del film?

ci + la

Ce la puoi raccontare?

Vi consiglio il tiramis.

vi + lo

................................

A Gianni e Luca regaler questi libri

gli + li

Glieli regaler.

Professore, Le faccio vedere le foto?

Le + le

................................

Mi puoi parlare dei tuoi progetti?

mi + ne

Me ne puoi parlare?

Gli dar due copie del libro

gli + ne

................................

chieder.

consiglio.

faccio vedere.

dar due copie.

I pronomi combinati nei tempi composti


Chi lha detto a Flora?
Glielha dett...... suo fratello.

Quando ti hanno portato questi dolci?


Me li hanno portati ieri.

Chi vi ha regalato questa cornice?


Ce lha regalata mio cugino.

Gianni ti ha presentato le sue amiche?


S, me le ha presentat...... tempo fa.

Quanti libri gli hai prestato?


Gliene ho prestat...... tre.

Quante e-mail ti hanno spedito?


Me ne hanno spedite parecchie.

19

Gli interrogativi
Chi sono quei tipi che ci guardano?
..............................

questa penna?

Chi quella ragazza?


..............................

citt vorresti visitare?

Tra queste camicie quale preferisci?


Qual la verit?
Che .............................. facciamo oggi?
Cosa prendi?
..............................

giorno oggi?

Di che cosa ti occupi?


Quante persone cerano?
..............................

ti costato?

Quanti anni ha?

Scusarsi

Rispondere alle scuse

Esprimere sorpresa

Esprimere incredulit

Scusami del ritardo!

Non importa!

Davvero?!

Non ci credo!

Chiedo scusa!

..........................

.......................... ?!

Non me lo dire!

Mi .......................... del
comportamento!

Prego!

Caspita!

.......................... !

Non fa niente!

Ma va!

Incredibile!

..........................

Chi lavrebbe mai


detto?

.......................... !

Scusa il ritardo!
Ti / .......... chiedo
scusa!

Ma che dici!

Impossibile!
.......................... ?!

20

Elementi comunicativi - Operazioni bancarie


e lessicali
- Diversi modi di formulare una domanda
- Leggere e scrivere une-mail/una lettera formale
- Formule di apertura e di chiusura di una lettera
- Lettera di presentazione per un posto di lavoro
- Proverbi italiani
- Cercare lavoro
- Leggere annunci di lavoro e scrivere un Curriculum Vitae
- Un colloquio di lavoro
- Alcune professioni
Elementi grammaticali - I pronomi relativi
- Chi come pronome relativo
- Altri pronomi relativi (coloro che)
- Stare + gerundio
- Stare per + infinito
Civilt

- Il miracolo economico
- Leconomia oggi

Materiale necessario

Sezione A, punto 9, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 1 a


pagina 30, un paio di forbici e degli stick di colla
Sezione B, punto 2, role-play guidato: alcune fotocopie della scheda numero 2 a
pagina 31
Sezione F, punto 3, attivit ludica: alcune fotocopie della scheda numero 3 a pagina 32
LA NOSTRA AZIENDA!: alcune fotocopie della scheda numero 4 a pagina 33 e alcune riviste illustrate, delle forbici, degli stick di colla, del nastro adesivo, dei pennarelli colorati e dei fogli bianchi formato A3
Grammatica e Lessico: alcune fotocopie della scheda numero 5 a pagina 34

Per cominciare...
1
- Invitate gli studenti a lavorare in coppia. Il compito consiste nellabbinare le parole date alle immagini presenti.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione:

a
d
c

2
- Scrivete al centro della lavagna:
100
- Fatevi dire dagli studenti il corrispondente di 100
euro nella loro valuta nazionale, se lo conoscono,
e scrivete importo e simbolo della valuta menzionata alla lavagna.
- Qualora gli studenti non sappiano lequivalente di
100 euro nella loro valuta, potete chiedere cosa, secondo loro, possibile comprare con tale cifra in
Italia.
- Invitate gli studenti a raccontare qual il loro rapporto con il denaro: quanto importante per loro?
- Disegnate e scrivete alla lavagna quanto segue:
avaro

spendaccione
21

- Spiegate il significato di avaro, ovvero persona


che non vuole spendere il proprio denaro, e spendaccione, ovvero persona che spende molto. In maniera scherzosa esortate i corsisti a collocarsi in un
qualche punto tra i due estremi e a raccontare se
riescono a risparmiare denaro.
3
- Fate ascoltare il dialogo con lobiettivo di indicare
quali affermazioni sono giuste tra quelle presenti.
- Procedete al riscontro in plenum
Soluzione: 1. b, 2. a

A Proprio il conto che mi serviva!


1
- Fate ascoltare di nuovo il dialogo per dare la possibilit agli studenti di confermare o meno le proprie risposte allattivit precedente.
2
- In coppia o individualmente gli studenti leggono il
dialogo e mettono in ordine cronologico le affermazioni date.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 2, 6, 4, 5, 3, 1
3
- Fate lavorare gli studenti individualmente e chiedete loro di completare il dialogo tra limpiegata e
Carla scegliendo il pronome corretto.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: per cui, di cui, che, che, con il quale, di cui
4
- Invitate gli studenti a rispondere brevemente per
iscritto alle tre domande e discutete le loro risposte
in plenum.
Soluzione: 1. Perch pu ricevere soldi dai propri genitori e in pi ai giovani come lei offre molti vantaggi, 2. risposta libera (i vantaggi sono: il bancomat che
permette di evitare le file in banca, fare operazioni
per telefono e via Internet: di usarlo come carta di
credito e infine di usufruire di sconti in alcuni negozi); 3. Non gli interessa perch ha gi un conto corrente in rosso e usa troppo la sua carta di credito
5
- Ricopiate alla lavagna le seguenti frasi presenti in
tabella:
22

Il signore che parla in tv un mio professore.


Le scarpe che vorrei comprare sono troppo care.
- Fate notare agli studenti che in entrambe le frasi
abbiamo una frase principale e una frase secondaria. Provate a suddividere le due parti:
Il signore un mio professore
Le scarpe sono troppo care

che parla in tv
che vorrei comprare

- Chiedete adesso agli studenti di suggerirvi con


quale elemento potrebbero sostituire i due che delle frasi scritte alla lavagna, affinch entrambe abbiamo un senso compiuto identico a quello iniziale e scrivete il giusto suggerimento alla lavagna,
ovvero:
Il signore un mio professore
(che)
il signore parla in tv
Le scarpe sono troppo care
(che)
io vorrei comprare le scarpe
- Riflettete insieme: quale pu essere la funzione
grammaticale di che allinterno di una frase? Come si pu dedurre dalle scomposizioni effettuate,
che un pronome e pu sostituire sia il soggetto
della frase secondaria, ad esempio il signore, sia il
complemento oggetto o oggetto diretto della frase
secondaria, ad esempio le scarpe. Potete inoltre
osservare che il pronome relativo che indeclinabile e non pu mai essere preceduto da una preposizione.
- Prendete in considerazione la precisazione in tabella relativa alluso del pronome relativo la quale: in questo caso potete far notare che i pronomi il
quale, la quale, i quali e le quali possono sostituire il pronome relativo soggetto. Ricordate per che
si tratta di usi non troppo frequenti, riguardanti soprattutto la lingua scritta o casi di possibili malintesi.
- Infine fate notare agli studenti che, a differenza dei
pronomi diretti, i pronomi relativi, pur precedendo
il verbo della frase secondaria, non richiedono laccordo del participio passato, come si pu vedere
nelle due frasi:
Questi ragazzi li ho incontrati ieri
Questi sono i ragazzi che ho incontrato ieri

6
- Fate lavorare gli studenti in coppia invitandoli a
costruire delle frasi seguendo lesempio dato.
Soluzione: 1. Il film che ho visto ieri mi piaciuto
molto; 2. La trattoria che ho scoperto ieri veramente buona; 3. Mario mi ha regalato un libro che avevo
gi letto; 4. La casa che penso di comprare proprio
in centro; 5. Il panino che ho mangiato non era buono / Ho mangiato un panino che non era buono
7
- Riportate alla lavagna le tre frasi estratte dal dialogo del punto 1 e sottolineate i pronomi relativi in
esse presenti:
Ricordi quel conto corrente di cui ti parlavo?
Limpiegata con cui ho parlato mi ha convinta.
Mi hanno dato questo bancomat con il quale
posso evitare le file in banca.
- Procedete facendo sostituire di nuovo i pronomi
relativi con lelemento al quale si riferiscono:
Ricordi quel conto corrente?
(di cui)
Io ti parlavo del conto corrente.

plemento, ad esempio di, e larticolo che precede il


pronome, ad esempio il, fino ad ottenere la frase
Ricordi quel conto corrente del quale ti parlavo?
Osservate le frasi in tabella e invitate gli studenti a
completare con i giusti pronomi e preposizioni.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: della quale, per le quali
9
- Fate lavorare gli studenti in coppia invitandoli a
costruire delle frasi seguendo lesempio dato.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. La citt in cui/nella quale sono nato
grande, ma caotica; 2. Il ragazzo a cui/al quale ho
prestato i soldi un caro amico; 3. un fatto di
cui/del quale mi preoccupo molto; 4. Gianni e Mario
sono gli amici con cui/con i quali esco molto spesso;
5. Stasera viene anche Mauro di cui/del quale ti ho
parlato spesso
Attivit di fissaggio
- Fotocopiate la scheda numero 1 a pagina 30. Da
ogni fotocopia ritagliate tre distinti set di cartellini
ricavati dalle tre colonne della tabella con le linee
tratteggiate.

Limpiegata mi ha convinta.
(con cui)
Io ho parlato con limpiegata.

- Dividete la classe in gruppi di tre persone e consegnate ad ogni gruppo i tre distinti set di cartellini,
uno stick di colla e la tabella con le linee non tratteggiate.

Mi hanno dato questo bancomat.


(con il quale)
Io posso evitare le file in banca con questo bancomat.

- Invitate gli studenti ad incollare i cartellini che


hanno ricevuto nella tabella, formando delle frasi
secondo lesempio dato.

- Cosa hanno in comune e cosa hanno di diverso i


due pronomi relativi che e cui? Riflettete insieme:
il pronome relativo cui si riferisce alloggetto della
frase, come pu succedere per che. Cui per sostituisce loggetto indiretto ed preceduto dalla preposizione semplice.

- Ricordate ai corsisti che naturalmente le frasi devono


funzionare sia grammaticalmente che sul piano logico!

8
- Osserviamo ancora due frasi:
Ricordi quel conto corrente di cui ti parlavo?
Ricordi quel conto corrente del quale ti parlavo?
- Anche cui pu essere sostituito da il quale, pronome relativo variabile preceduto, in questi casi, dalla preposizione articolata. La preposizione articolata formata dalla preposizione semplice del com-

- Se volete, potete dare un limite di tempo!


- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. I viaggiatori che non hanno il biglietto
devono pagare la multa; 2. Lalbergo che tu hai scelto per le vacanze mi sembra molto lussuoso; 3. La ragione per la quale ho cambiato lavoro di carattere
economico; 4. Il ragazzo al quale hai chiesto il numero di telefono un mio compagno di classe; 5. La nazione da cui proviene Juan Carlos la Colombia; 6.
Il rumore che fa quella macchina insopportabile; 7.
Le percentuali di sconto che hai calcolato non sono
giuste; 8. Il sito Internet su cui ho trovato le informazioni www.trenitalia.it; 9. La scuola in cui ho fatto
le superiori adesso un centro congressi; 10. La chia23

ve con la quale puoi aprire la cassaforte si trova in un


luogo segreto; 11. Lannuncio di lavoro a cui ho
risposto sembra molto interessante

B Perch...?
1
- In plenum fate ascoltare i mini dialoghi e chiedete
agli studenti di abbinare le domande contrassegnate dalle lettere, alle risposte contrassegnate dai numeri. Ricordate ai corsisti che c una domanda in
pi.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: d-1, a-2, b-3, e-4
2
- Fate ascoltare di nuovo i mini dialoghi al fine di
confermare le risposte date allattivit precedente e
sottolineare le espressioni utilizzate per rivolgere
una domanda.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: E perch no? Per quale motivo...?, Perch...?, Perch mai...? Come mai...?
Role-play guidato
- Fotocopiate la scheda numero 2 a pagina 31. Fate
lavorare gli studenti in coppia e consegnate ad
ognuna una scheda. Invitate gli studenti a ripetere
pi volte il dialogo, sostituendo le informazioni
scritte in caratteri diversi con quelle nei riquadri
sottostanti, con lo stesso carattere.
3
- Fate lavorare gli studenti in coppia: a turno gli studenti assumono i ruoli di A e B e svolgono i dialoghi previsti.

conoscono o ricordano relativamente a lettere formali e informali e fate una lista di quanto vi verr
suggerito alla lavagna. Chiedete infine quali sono le
differenze relative ai contesti di uso: quando e a chi
si scrive una lettera formale? E una amichevole?
2
- Fate leggere la lettera individualmente e chiedete
ai corsisti di indicare quali sono le informazioni in
essa presenti, tra quelle a destra.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1, 2, 5, 7, 8.
3
- Invitate gli studenti a rileggere individualmente la
lettera e a sottolineare le parole ed espressioni in
essa presenti che la rendono una lettera formale.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: Spettabile, Alla cortese attenzione del Direttore, Egregio Direttore, Sua, Distinti saluti
4
- Chiedete ai corsisti di scrivere una lettera di accompagnamento al proprio C.V. da inviare ad
unazienda o istituto in cui vorrebbero lavorare. Lasciate che siano gli studenti stessi a decidere il
campo in cui lazienda o listituto operano e il tipo
di mansione che si vorrebbe avere ed esortateli ad
avvalersi delle formule di apertura e chiusura di
una lettera presenti nel testo e nella tabella. Tale attivit potr essere svolta sia come compito a casa
che in classe. In entrambi i casi chiedete agli studenti di consegnarvi i propri elaborati affinch possiate restituirli corretti.
5
- Scrivete alla lavagna:
Chi scrive?

C Egregio direttore...

Chi scrive uninsegnante...


1
- Scrivete alla lavagna:
Caro Francesco,

Egregio Signor Rossi,

- Chiedete agli studenti in quali contesti pensano di


poter incontrare delle espressioni simili. Sicuramente una possibile risposta sar quella relativa
alle lettere e specificatamente una lettera amichevole nel caso di Caro Francesco e una lettera formale nel caso di Egregio Signor Rossi. Fatevi suggerire dalla classe le differenze di espressioni che
24

- Invitate gli studenti a riflettere sulla differenza nelluso di chi tra le due frasi. Riflettete in plenum:
nella prima frase chi un pronome interrogativo,
come visto nellunit precedente. Nella seconda frase invece chi un pronome relativo ed assume il
seguente significato:
La persona che scrive uninsegnante...
Colei che scrive uninsegnante...

- Ricordate alla classe che il pronome relativo chi


invariabile e richiede il verbo alla terza persona
singolare.
6
- Fate lavorare gli studenti in coppia: il compito
consiste nellabbinare lettere e numeri al fine di
ricostruire alcuni noti proverbi italiani.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1-d, 2-a, 3-e, 4-b, 5-f, 6-c
- Ricopiate alla lavagna la seguente tabella:

La persona
che arriva tardi

La persona che
dorme troppo

La persona che
arriva tardi

trova il posto
peggiore

La persona che
dorme troppo

non ottiene
risultati

La persona che
trova un amico

trova un
qualcosa di
grande valore

La persona che
va piano

non corre
pericoli
e quindi
arriva lontano

La persona
che si
preoccupa
di cercare

alla fine trova


ci che cerca

non ottiene risultati

non corre pericoli


e quindi arriva lontano

La persona
che trova un amico

alla fine trova


ci che cerca

La persona
che va piano

trova il posto
peggiore

La persona
che si preoccupa
di cercare

riesce ad ottenere
il risultato
di tre persone insieme

riesce ad ottenere
il risultato
La persona che
fa le cose da s di tre persone
insieme
- Chiarito il significato dei diversi proverbi, fate
lavorare gli studenti in piccoli gruppi chiedendo
loro di cercare proverbi equivalenti o simili nella
propria lingua con cui completare la terza colonna
della tabella.
- In plenum lasciate che gli studenti suggeriscano i
vari proverbi individuati e trascriveteli in tabella.

D In bocca al lupo!
La persona
che fa le cose da s

trova un qualcosa di
grande valore

1
- Scrivete alla lavagna:
In bocca al lupo!

- Chiedete ai corsisti di abbinare le due colonne con


le parafrasi dei proverbi appena visti, quindi riscrivete la tabella nel giusto ordine:

- Spiegate agli studenti che si tratta di una espressione utilizzata per augurare buona fortuna ad una
persona in vista di un esame o di una prova difficile. La risposta a tale espressione Crepi il lupo!,
oppure semplicemente Crepi!.
25

- Osservate le parole date e in plenum discutetene il


significato: sono tutte note?

domande diverse da quelle che sono state effettivamente formulate durante il colloquio?

2
- Gli studenti lavorano individualmente: lasciate loro il tempo per leggere il dialogo e ricostruire lordine delle battute.

3
- Fate ascoltare di nuovo il colloquio e invitate gli
studenti a completare il C.V. di Gennaro.

- Invitate i corsisti a confrontare i propri risultati con


un compagno, quindi procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1, 6, 9, 2, 3, 8, 7, 5, 4, 10
3
- Osservate le frasi in tabella e riflettete: in questi
casi i pronomi dimostrativi coloro, quelli, quello
hanno valore di soggetto, sono seguiti da che e assumono rispettivamente il significato di le persone
che, le persone che, la cosa che. Nella frase Il che,
scusa, non mi sembra molto incoraggiante, che,
preceduto dallarticolo il, assume il significato di
questo ed ha valore di soggetto.
4
- Invitate gli studenti a lavorare in coppia e a scrivere una frase per ciascuna delle forme viste al punto
precedente.

- Lasciate ai corsisti il tempo per confrontare i propri risultati con quelli di un compagno, quindi procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. Pisa, 2. Firenze, 3. 104, 4. studio, 5. ottima, 6. francese, 7. europeo, 8. Reparto
4
- Invitate gli studenti a lavorare in coppia: il compito consiste nel formularsi reciprocamente le domande indicate e rispondere a turno.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. Gennaro ha avuto un serio incidente col
motorino ed rimasto un po indietro, 2. Allinizio ha
avuto un po di problemi con la lingua, ma poi ha fatto
molta pratica e ha raggiunto unottima conoscenza dellinglese scritto e parlato. In Inghilterra inoltre ha imparato a fare pagine web. 3. Ha lavorato nel reparto vendite della Soft Systems di Firenze per circa due anni.
andato via perch non vedeva futuro in quel lavoro e non
si sentiva molto portato per le vendite, 4. risposta libera

- Procedete con il riscontro in plenum.

E Curriculum Vitae
1
- Chiedete agli studenti se hanno mai sostenuto un
colloquio di lavoro e invitateli a raccontare la loro
esperienza.
- Fate lavorare i corsisti in coppia chiedendo loro di
scrivere una lista delle domande pi frequenti che
vengono formulate durante un colloquio di lavoro
e di confrontarla con i compagni.
- Alla lavagna trascrivete le domande formulate dagli studenti, eliminando quelle ripetute pi volte, e
quelle eventualmente ritenute improbabili dalla
maggioranza, cercando di stabilire una lista di priorit tra quelle ritenute valide. Non cancellate la
lista di domande alla lavagna.
2
- Fate ascoltare il colloquio di lavoro sostenuto da
Gennaro e confrontate le domande ascoltate con
quelle precedentemente scritte alla lavagna: ci sono domande che non erano state previste oppure
26

5
- I corsisti lavorano ancora in coppia e completano
gli annunci con le parole date: quale annuncio
pi adatto al C.V. di Gennaro?
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. candidato, 2. lingua, 3. esperienza, 4.
requisiti, 5. sede, 6. conoscenza, 7. compagnie, 8.
opportunit
6
- Invitate gli studenti a completare il C.V. dato con i
requisiti adatti per rispondere a uno dei due precedenti annunci.
- Formate dei piccoli gruppi composti da studenti
che hanno scelto lo stesso annuncio per completare il C.V. e invitateli a confrontare i loro elaborati
fino a creare un C.V. considerato da tutti ideale.
- Procedete al riscontro in plenum lasciando che gli
studenti discutano i requisiti da loro scelti e li
motivino.
- Fate lavorare gli studenti in coppia: richiamate

lattenzione sulle domande scritte alla lavagna nel


corso dellattivit E1 e chiedete ai corsisti di assumere a turno il ruolo di esaminatore e di candidato
al lavoro indicato negli annunci. Invitateli a svolgere il dialogo del colloquio di lavoro utilizzando
come risposta alle varie domande i C.V. precedentemente elaborati.

- Questa frase composta dal verbo stare, la preposizione per e un verbo allinfinito. La forma perifrastica stare per + infinito indica limminenza di
unazione futura che dovrebbe verificarsi entro un
breve spazio di tempo.
- Passate quindi allaltra frase:
stava aspettando nella lobby

F Un colloquio di lavoro... in diretta


1
- Ricopiate alla lavagna:
Alla Bbc per un colloquio di lavoro
Va in diretta scambiato per lospite
- Chiedete agli studenti di non guardare sul Libro
dello studente. Informateli del fatto che quello
scritto alla lavagna il titolo di un articolo apparso sul quotidiano la Repubblica: che cosa racconta
larticolo? Invitate la classe a formulare delle ipotesi.

- Questa frase composta dal verbo stare + gerundio. Il gerundio un modo verbale che ha due tempi, il presente e il passato. Il presente si forma aggiungendo la desinenza -ando ai verbi della prima
coniugazione, come aspettare-aspettando, e -endo
ai verbi della seconda e terza coniugazione come
leggere-leggendo e dormire-dormendo. La perifrasi stare + gerundio esprime unazione durativa, ovvero considerata nella sua durata, nel suo svolgersi.
- Analizzate le frasi presenti in tabella al fine di confermare e chiarire ulteriormente quanto appena
trattato.

2
- Lasciate agli studenti il tempo per leggere larticolo individualmente e confrontarsi con un compagno per chiarire eventuali dubbi e indicare quali
affermazioni sono corrette tra quelle date.

Attivit ludica
- Fotocopiate la scheda numero 3 a pagina 32 e ritagliate le immagini lungo le linee tratteggiate ricavando da ogni copia un mazzo di carte illustrate.
Create cos alcuni mazzi di carte e mischiateli.

- Procedete con il riscontro in plenum.


Soluzione: 1. b, 2. c, 3. d, 4. a

- Dividete la classe in coppie o gruppi di tre persone. Consegnate ad ogni coppia o gruppo otto o dieci carte illustrate che gli studenti dovranno porre
davanti a s.

- Commentate in plenum: le ipotesi formulate prima


di aver letto larticolo sono state confermate?
3
- Scrivete alla lavagna:
stavo per allontanarmi dalla reception
stava aspettando nella lobby
- Chiedete ai corsisti di formulare delle ipotesi sulla
differenza di significato tra le due frasi: che cosa
immaginano leggendole?
- Riflettete insieme: se io leggo stavo per allontanarmi dalla reception, immagino un uomo fermo
alla reception e penso che abbia intenzione di allontanarsi. Se invece leggo stava aspettando nella
lobby immagino semplicemente un uomo che
aspetta nella lobby.
- Analizzate le strutture una alla volta, scrivendo
alla lavagna quanto segue:
stavo per allontanarmi

- Pronunciate la seguente frase:


sta parcheggiando
- Alla vostra chiamata gli studenti devono controllare se hanno la carta o le carte in cui illustrata la
frase che avete pronunciato e metterla/e da parte.
Continuate a pronunciare le frasi indicate di seguito, fino ad esaurirle. Ad ogni frase gli studenti provvederanno a individuare la/e carta/e corrispondente/i e a metterla/e da parte. Attenzione, labilit degli studenti consister nel riconoscere la giusta immagine e sta per parcheggiare a cui ne corrisponde unaltra piuttosto simile. Al termine gli studenti avranno accumulato un certo numero di carte
e forse ne avranno ancora alcune in mano, dato che
le frasi da pronunciare sono quattro in meno rispetto alle carte corrispondenti.
- Fate il conteggio: ogni carta accumulata che stata chiamata vale tre punti. Ogni carta rimasta in
27

mano perch non chiamata vale cinque punti da


sottrarre a quelli accumulati. Gli studenti dovranno
mostrarvi la/e carta/e che hanno selezionato ad ogni
chiamata affinch possiate controllare lesattezza
dellabbinamento. Chi ha collezionato il maggior
punteggio?
Frasi da pronunciare:
sta per ritirare soldi ad un bancomat
sta ritirando i soldi ad un bancomat
sta per parcheggiare la propria auto
sta parcheggiando la propria auto
sta per andare a letto
sta dormendo
sta per partire con il treno
sta partendo con il treno
sta per suonare il pianoforte
sta suonando il pianoforte
sta per fare la doccia
sta facendo la doccia
sta per guardare la televisione
sta guardando la televisione
4
- Invitate gli studenti a completare le frasi con gli
elementi dati.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. sto per, 2. stai facendo, 3. sta cercando,
4. sta per
5
- Invitate gli studenti a raccontare una storiella sulla
base delle illustrazioni presenti e a riferire le loro
interpretazioni in plenum.
6
- Chiedete ai corsisti di scrivere una lettera ad un
amico per raccontare della propria intenzione di andare a studiare a Milano e per chiedere informazioni a proposito della vita studentesca in Italia. Tale
attivit potr essere svolta sia come compito a casa che in classe. In entrambi i casi chiedete agli
studenti di consegnarvi i propri elaborati affinch
possiate restituirli corretti.

- Procedete con il riscontro in plenum.


Soluzione: 1. elettricista, 2. giornalista, 3. maestra, 4.
commercialista, 5. cameriere, 6. operaio, 7. cuoco, 8.
segretaria
2
- Fate ascoltare il brano dellesercizio 20 a pagina
23 del Quaderno degli esercizi e invitate gli studenti a segnare le affermazioni esatte.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1, 3, 4, 5, 7
3
- Invitate gli studenti a lavorare in coppia: il compito consiste nel dar luogo alle relative conversazioni. Ricordate agli studenti di utilizzare le informazioni offerte a pagina 194 per il ruolo A e 196-197
per il ruolo B.
4
- Chiedete ai corsisti di scrivere una lettera ad un
amico per raccontare del loro nuovo lavoro o del
lavoro che vorrebbero fare. Tale attivit potr essere svolta sia come compito a casa che in classe. In
entrambi i casi chiedete agli studenti di consegnarvi i propri elaborati affinch possiate restituirli
corretti.
Conosciamo lItalia

Leconomia italiana
- Invitate gli studenti a leggere individualmente il
testo sulleconomia italiana e a indicare le informazioni corrette. A tale scopo esortateli ad avvalersi dellaiuto offerto dal glossario a pagina 37 ed
eventualmente di un buon dizionario.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. a, 2. b, 3. a

Il Made in Italy
- Invitate gli studenti a osservare le immagini relative alle varie marche italiane e in plenum lasciate
che i corsisti rispondano alle domande presenti.

G Vocabolario e abilit

- Esortate gli studenti ad usufruire delle attivit online previste dallunit 2.

1
- Chiedete agli studenti di riportare la giusta professione accanto alle definizioni date, ricordando loro
che il numero delle professioni supera quello delle
definizioni.

Autovalutazione
- Invitate gli studenti a svolgere individualmente il
test di autovalutazione e a controllare le soluzioni
a pagina 203 del Libro dello studente.L
A

28

LA NOSTRA AZIENDA!
- Portate in classe alcune riviste illustrate, delle forbici, degli stick di colla o del nastro adesivo, dei
pennarelli colorati e dei fogli bianchi formato A3.
- Fotocopiate la scheda numero 4 a pagina 33. Dividete la classe in gruppi di quattro o cinque persone
e consegnate ad ogni gruppo una fotocopia, qualche rivista, le forbici, lo stick di colla o il nastro
adesivo, dei pennarelli colorati e un paio di fogli
formato A3.
- Spiegate agli studenti che il loro compito consiste
nel creare la home page della propria azienda con
il materiale che avete messo loro a disposizione.
Dopo aver scelto uno tra i vari tipi di azienda indicati nella fotocopia, i corsisti dovranno inserire le
altre informazioni indicate a proprio piacimento,
cercando naturalmente di essere il pi accattivanti
possibili nei confronti dei propri potenziali clienti.

Grammatica e Lessico
- Fotocopiate la scheda numero 5 a pagina 34, distribuite le fotocopie agli studenti e chiedete di completarle con gli elementi grammaticali e lessicali
mancanti.
- Fate confrontare il risultato prima con il compagno
di banco e poi con le tabelle presenti nel testo nel
corso dellunit 2.
- Lasciate agli studenti il tempo per concentrarsi su
questa attivit di ripetizione e controllo e invitateli a riferire eventuali dubbi o argomenti che non
sono chiari per poterli discutere in plenum.

- Date agli studenti almeno venti-trenta minuti di tempo per completare lhome page sul foglio formato
A3.
- Fatevi consegnare gli elaborati, attaccateli alla lavagna e invitate ogni gruppo a presentare la propria home page agli altri.

29

30

ho cambiato lavoro
tu hai scelto per le vacanze
non hanno il biglietto
ho risposto
fa quella macchina
hai chiesto il numero di telefono
hai calcolato

a cui

che

al quale

che

con la quale

in cui

che

11. Lannuncio di lavoro

10. La chiave

9. La scuola

8. Il sito Internet

ti ho parlato

ho trovato le informazioni

su cui

di cui

ho fatto le superiori

che

7. Le percentuali di sconto

6. Il rumore

5. La nazione

4. Il ragazzo

3. La ragione

2. Lalbergo

1. I viaggiatori

0. Lazienda

di carattere economico

proviene Juan Carlos

da cui

ha aperto una nuova filiale a Verona

www.trenitalia.it

un mio compagno di classe

mi sembra molto lussuoso

insopportabile

devono pagare la multa

adesso un centro congressi

si trova in un luogo segreto

la Colombia

sembra molto interessante

non sono giuste

puoi aprire la cassaforte

per la quale

Scheda numero 1
Unit 2 - Sezione A9, Attivit di fissaggio

Scheda numero 2
Unit 2 - Sezione B2, Role-play guidato

Sai che ho deciso di cambiare lavoro?

Ma dai... E perch?

Perch non ne potevo pi!

Allora era gi da un po che pensavi di farlo!

Beh... in effetti non ero proprio convinto! Per poi ho avuto una grande occasione!

Dimmi una cosa... si pu sapere di che si tratta?

Di quello che avevo sempre sognato...

Non dirmi che finalmente hai trovato lavoro come giornalista...

Se vuoi non te lo dico... per da luned comincio alla redazione del Corriere!

Che bello! Sono proprio contento per te!

Davvero? E per quale motivo?


Ma scherzi? E come mai?

Il fatto che
In realt
La verit che

Ma va! E per quale ragione?

Dunque

Che meraviglia!

Quindi

Che bella notizia!

Perci

Finalmente!

Per curiosit...
E senti un po...
Allora dimmi...
31

Scheda numero 3
Unit 2 - Sezione F3, Attivit ludica

32

Scheda numero 4
Unit 2 - LA NOSTRA AZIENDA!
1) TIPO DI AZIENDA
G

azienda che si occupa di cibi e bevande

azienda che si occupa di moda

azienda che si occupa di libri, musica, cultura

azienda che si occupa di turismo

nome dellazienda

indirizzo

altri dati (telefono, e-mail)

italiano, inglese, francese, tedesco ecc.

2) IL NOME E LINTESTAZIONE

3) I LINK PER LE VARIE LINGUE

4) IL LOGO E LO SLOGAN

5) I LINK PER LE VARIE INFORMAZIONI E LE INFORMAZIONI AD ESSI RELATIVE


G

chi siamo

i nostri prodotti

il nostro obiettivo

contattaci

6) IMMAGINI VARIE

33

Scheda numero 5
Unit 2 - Grammatica e Lessico

Il pronome relativo che


Il signore ............ parla in tv un mio professore.
Conosci quei ragazzi che sono seduti sulle scale?
Il libro ............ sto leggendo molto interessante.
Le scarpe che vorrei comprare sono troppo care.

I pronomi relativi cui / il (la) quale


Sono uscita con Luigi.

Luomo con ..................... sono uscita Luigi.

Penso spesso a mia madre.

La persona ..................... cui penso spesso mia madre.

Non sono venuta per motivi seri.

I motivi per cui non sono venuta erano seri.

Tra gli invitati cera anche Marcella.

Cerano tanti invitati, ..................... cui anche Marcella.

Mi parla spesso di una ragazza, Rosa.

Rosa la ragazza di cui mi parla spesso.

Il pronome relativo il quale


Il ragazzo con cui esci simpatico.

Il ragazzo con ........... ............... esci simpatico.

La ragazza di cui parli si chiama Cinzia?

La ragazza della quale parli si chiama Cinzia?

Chi sono i ragazzi a cui hai dato il tuo numero?

Chi sono i ragazzi ai quali hai dato il tuo numero?

Le ragioni per cui ci vado sono due.

Le ragioni ........... ........... ............... ci vado sono due.

stare + gerundio e stare per + infinito


Stavo lavor.............. quando Elisa mi ha telefonato.
Che stai facendo?
Sto ................ uscire, cosa vuoi?
Stavo per cadere.

Rivolgere una
domanda
E perch no?
Per ................... motivo?
Perch?
Perch mai?
................... mai?
34

Formule di apertura di
una lettera formale
Egregio Signore/Direttore/Dottore
Gentile/Gentil.............a Signora
Gentili Signori/Signor.............
Spettabile Ditta

Formule di chiusura di
una lettera formale
(Porgo) Cordiali/Distinti saluti
La ................... cordialmente
Con stima
................... fede

Elementi comunicativi - Fare paragoni


e lessicali
- Descrivere una citt
- Operare confronti ed esprimere preferenze su cose e persone
- Aggettivi e sostantivi geografici
- Prenotare una camera in albergo
- Chiedere e dare informazioni
- Servizi alberghieri
- Firenze e i suoi monumenti
- Viaggi e vacanze
- Chiedere e dare informazioni turistiche
- Lettera di reclamo
Elementi grammaticali - La comparazione tra due nomi o pronomi
- I verbi farcela e andarsene
- La comparazione tra due aggettivi, verbi o quantit
- Il superlativo relativo
- Il superlativo assoluto
- Forme particolari di comparazione e di superlativo
Civilt

Citt italiane: Roma, Milano, Bologna, Venezia, Napoli

Materiale necessario

Sezione A, punto 6, attivit ludica: alcune fotocopie della scheda numero 1 a pagina 44
e alcuni dadi
Sezione B, punto 4, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 2 a
pagina 45
Sezione C, punto 5, role-play guidato: alcune fotocopie della scheda numero 3 a
pagina 46
IL QUIZ DELLITALIA!: alcune fotocopie della scheda numero 4 a pagina 47 e delle
forbici
Grammatica e Lessico: alcune fotocopie della scheda numero 5 a pagina 48

Per cominciare...
1
- Invitate gli studenti a lavorare in coppia. Il compito consiste nellosservare le illustrazioni nel Libro
dello studente e segnalare quali citt/localit sceglierebbero per le attivit indicate.
2
- Date agli studenti un po di tempo per conversare
con unaltra coppia e confrontare le proprie idee e
preferenze.
- In plenum lasciate che i corsisti riferiscano quali
sono i luoghi prescelti e perch: qualcuno di loro li
ha gi visitati? Per quale motivo ritengono che si
adattino pi ad unattivit piuttosto che ad unaltra? Quali aggettivi sceglierebbero se dovessero
definire le varie localit con una sola parola?

3
- Fate ascoltare il dialogo con lobiettivo di indicare
quali sono le citt di cui si parla.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: Napoli, Roma, Milano, Firenze, Venezia
4
- Fate ascoltare nuovamente il dialogo chiedendo ai
corsisti di indicare le informazioni in esso presenti.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1, 2, 5, 8

A pi grande di Napoli!
1
- Fate ascoltare il dialogo una terza volta per dare la
possibilit agli studenti di confermare o meno le
35

proprie risposte allattivit precedente e per riordinare le battute di Andrea rispetto a quelle di Pina.
Soluzione: 5, 3, 4, 2, 6, 1
- Disegnate alla lavagna la seguente tabella:

Roma

Napoli Milano Venezia Firenze

3
- Fate lavorare gli studenti individualmente e chiedete loro di completare il dialogo tra Pina e Carla
scegliendo tra le parole date.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: meno, di, quanto, pi, pi
4
- Copiate alla lavagna le frasi del dialogo:
non ce la fa a vivere lontano da Napoli

- Chiedete agli studenti di sottolineare nel dialogo le definizioni e gli aggettivi utilizzati da Pina ed Andrea nel descrivere le citt indicate e
inseriteli nelle varie colonne. Avrete la seguente situazione:

Roma
pi grande di Napoli.
ricca di bellissimi monumenti.
meno ospitale di Napoli.

Napoli
la citt pi bella del mondo.

Milano
una grande citt, moderna, europea, vivace.
pi frenetica che vivace.

Venezia
fredda quanto Milano.

Firenze
meno impersonale delle altre,
bellissima, una citt darte.
una delle citt pi care dItalia.
In inverno fa un freddo cane.

non se ne vuole andare da Napoli


- Invitate gli studenti a suggerirvi il significato delle
due frasi, ovvero non riesce a vivere lontano da
Napoli e non vuole andare via da Napoli. Riscrivete alla lavagna la declinazione dei due verbi contenuta in Appendice a pagina 183:

farcela

andarsene

ce la faccio
ce la fai
ce la fa
ce la facciamo
ce la fate
ce la fanno

me ne vado
te ne vai
se ne va
ce ne andiamo
ve ne andate
se ne vanno

- Spiegate agli studenti che si tratta di due verbi pronominali da trattare come ununit di significato
complessiva indipendente dalle singole componenti del verbo. Precisatene quindi il significato formulando qualche esempio da scrivere alla lavagna:
Il tavolo che devo spostare molto pesante:
non ce la faccio.
Se studiate abbastanza, ce la fate a superare lesame.
In questo posto c troppo rumore, me ne vado.
Il tempo brutto e i turisti se ne vanno.

- Invitate gli studenti a copiare la tabella in modo


che possiate riprenderla in un secondo momento.

- Invitate gli studenti a lavorare in coppia: il compito


consiste nel formulare due frasi con il verbo farcela e
due frasi con il verbo andarsene, come avete fatto voi.

2
- In coppia o individualmente gli studenti scelgono
laffermazione giusta tra quelle date.

- Procedete con il riscontro in plenum lasciando che


gli studenti riferiscano le loro frasi.

- Procedete al riscontro in plenum.


Soluzione: fa un freddo cane - a, non il massimo - b,
se non puoi fare a meno del mare - a, ti sentirai come
a casa tua - b, Gi - a, non ti resta che... - a

5
- Chiedete ai corsisti di immaginare di essere Andrea e scrivere une-mail ad un amico per chiedere consigli sulla decisione da prendere in merito alla citt da scegliere come sede di lavoro. Tale atti-

36

vit potr essere svolta sia come compito a casa


che in classe. In entrambi i casi chiedete agli studenti di consegnarvi i propri elaborati affinch
possiate restituirli corretti.

Attivit ludica
- Fotocopiate la scheda numero 1 a pagina 44. Dividete la classe in gruppi di tre o quattro persone e
consegnate una copia e un dado ad ogni gruppo.

6
- Scrivete alla lavagna le seguenti frasi estratte dalla
tabella redatta al punto 1:

- Spiegate le regole del gioco: ogni studente sceglie


un piccolo oggetto-pedina per contrassegnare la
sua posizione. A turno gli studenti lanciano il dado
e si spostano procedendo sulle varie caselle. Quando arrivano in una casella devono formulare un
confronto tra i due elementi indicati, ad esempio:

Roma pi grande di Napoli.


Roma meno ospitale di Napoli.
Venezia fredda quanto Milano.
- Riflettete in plenum: in tutte e tre le frasi si confronta una qualit (grande, ospitale, fredda) tra
due termini, ovvero Roma e Napoli e Venezia e
Milano. Il confronto pu esprimere una relazione
di maggioranza, minoranza e uguaglianza.
Il comparativo di maggioranza si esprime facendo
precedere laggettivo da pi, mentre il secondo termine di paragone Napoli e Milano preceduto dalla preposizione di, come vediamo nella frase Roma
pi grande di Napoli.
Nel comparativo di minoranza laggettivo preceduto da meno, e il secondo termine di paragone da
di, come in Roma meno ospitale di Napoli.
Nel comparativo di uguaglianza il secondo termine di paragone preceduto da tanto quanto, quanto, come, cos come, infatti potremmo formulare la
frase in diversi modi: Venezia fredda tanto quanto Milano, Venezia fredda quanto Milano, Venezia fredda cos come Milano, Venezia fredda
come Milano. possibile anche formulare in maniera diversa, facendo precedere il tanto di tanto
quanto e il cos di cos come allaggettivo, ad
esempio: Venezia tanto fredda quanto Milano e
Venezia cos fredda come Milano.
- Nel comparativo di maggioranza e minoranza il
secondo termine di paragone preceduto dalla preposizione di se il termine un sostantivo, un nome
proprio, un pronome non retto da preposizione o
un avverbio, come ad esempio nelle frasi:
Roma pi grande di Napoli.
Mia sorella pi grande di me.
Ora sono pi stanco di prima.
- I contenuti della riflessione possono essere confermati osservando e completando le frasi contenute nella
tabella a pagina 42.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: di, meno

la pizza pi buona degli spaghetti


oppure
la pizza meno buona degli spaghetti
oppure
la pizza buona come gli spaghetti
- Lopinione naturalmente libera, ma la frase deve
essere formalmente corretta, altrimenti si perde la
posizione guadagnata e si torna alla casella occupata prima dellultimo lancio di dado.
- Naturalmente vince chi per primo raggiunge la
casella di arrivo.
7
- Fate lavorare gli studenti in coppia: il compito consiste nel costruire a turno delle frasi osservando la
scheda precedente ed il modello dato.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. Le ragazze leggono pi dei ragazzi / Le
ragazze leggono meno dei ragazzi / Le ragazze leggono quanto i ragazzi; 2. Questa casa costa pi della nostra / Questa casa costa meno della nostra / Questa
casa costa quanto la nostra; 3. I documentari sono pi
interessanti dei telegiornali / I documentari sono meno interessanti dei telegiornali / I documentari sono
interessanti quanto i telegiornali; 4. Le gonne sono
pi comode dei pantaloni / Le gonne sono meno comode dei pantaloni / Le gonne sono comode quanto i
pantaloni; 5. La macchina di Elisa pi veloce della
mia / La macchina di Elisa meno veloce della mia /
La macchina di Elisa veloce quanto la mia; 6. Beatrice pi carina di sua sorella / Beatrice meno carina di sua sorella / Beatrice carina quanto sua sorella
8
- Con laiuto degli studenti ricostruite la tabella
scritta alla lavagna al punto A1 ed osservate in plenum: quali forme di comparativo uguali a quelle
finora trattate vi si possono riconoscere? Lasciate
37

che a suggerirvi la risposta siano gli studenti e sottolineate le forme in questione, ovvero pi grande di Napoli, meno ospitale di Napoli, fredda
quanto Milano, meno impersonale delle altre.

3 3
- Chiedete agli studenti di rileggere il testo allo
scopo di individuare le varie comparazioni in esso
contenute.

- Evidenziate nella tabella gli aggettivi riguardanti


le citt, magari tracciandovi intorno un cerchio:

- Procedete con il riscontro in plenum.


Soluzione: M. Cacciari: In un mio men ideale metterei pi piatti meridionali che settentrionali, M. T.
Ruta: Mi sento pi italiana che torinese, L. Sastri:
Seguiamo pi le emozioni che le leggi, L. De Crescenzo: In questa citt pi che guidare si aspetta ai
semafori

grande

ricca

moderna
frenetica

ospitale

europea

fredda

bella
vivace

impersonale

care

- Invitate gli studenti ad esprimere la propria opinione sulle varie citt italiane che conoscono e a formulare dei paragoni tra loro utilizzando gli aggettivi estratti dal dialogo introduttivo ed altri a loro
piacimento, ad esempio: Milano pi moderna di
Napoli.
- Non cancellate la tabella dalla lavagna.
- Invitate gli studenti a lavorare in coppia: a turno si
formulano dei paragoni tra le varie regioni e citt
italiane utilizzando gli elementi presenti nel Libro
dello studente mentre il compagno controlla lesattezza delle informazioni.

B Pi italiana che torinese!


1
- Se avete una classe multietnica scrivete alla lavagna la lista delle varie nazionalit rappresentate dai
vostri studenti e le capitali dei loro paesi. Se la
classe non multietnica la discussione riguarder
semplicemente le differenze esistenti tra le varie
aree della nazione in cui ci si trova.
- Gli studenti lavorano in coppia: il compito consiste nel raccontare le differenze culturali esistenti
tra le varie zone e citt del proprio paese.
- Lasciate che gli studenti riferiscano in plenum i
punti principali del loro racconto e della loro riflessione.
2
- Lasciate agli studenti il tempo per leggere il testo
individualmente e indicare le affermazioni corrette.
- Invitate i corsisti a confrontare lesito del proprio
elaborato con un compagno, quindi procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. b, 2. b, 3. c, 4. c

38

4
- Ricopiate le frasi alla lavagna:
In un mio men ideale metterei pi
piatti meridionali che settentrionali.
Mi sento pi italiana che torinese.
Seguiamo pi le emozioni che le leggi.
In questa citt pi che guidare si aspetta ai semafori.
- Discutete in plenum: anche qui abbiamo delle forme di comparativo. Le quattro frasi presentano tutte un comparativo di maggioranza, come si pu osservare dalla presenza di pi. Soprattutto, per,
interessante osservare che la preposizione di non
presente e al suo posto compare che. Come specificato al punto A6 di si usa solamente davanti ad
un sostantivo e un pronome non retti da preposizione o davanti ad un avverbio. Negli altri casi, davanti a un sostantivo o pronome retti da preposizione e quando si paragonano tra loro due verbi, due
aggettivi o due avverbi si pu usare solamente che.
- Passate ad osservare le frasi contenute in tabella e
lasciate che gli studenti riflettano su quanto appena discusso e riepiloghino le varie forme di comparativo finora apprese.
Attivit di fissaggio
- Fotocopiate la scheda numero 2 a pagina 45. Dividete la classe in gruppi di 4 persone, possibilmente di nazionalit diverse e consegnate una fotocopia ad ogni gruppo.
- La fotocopia contiene alcuni fumetti con aggettivi
di nazionalit e fumetti da completare con altri aggettivi di nazionalit a scelta degli studenti.
- Dopo aver completato i fumetti, gli studenti formuleranno delle frasi comparative secondo il mo-

dello indicato nei due fumetti in alto a destra, utilizzando gli aggettivi e i verbi presenti nei due contenitori centrali, ad esempio:
Gli italiani sono pi simpatici che puntuali.
Agli italiani piace pi giocare a calcio che sciare.
- Naturalmente i corsisti sono chiamati ad esprimere liberamente la loro opinione sui popoli delle varie nazioni e a rispettare formalmente il modello di
frase proposta. Naturalmente il comparativo pu
essere di maggioranza, minoranza e uguaglianza.
- Lasciate che gli studenti formulino almeno 10-15
frasi da annotare in un foglio di carta.
- Procedete al riscontro in plenum. Ogni volta che
un gruppo riferir una delle sue frasi, chiedete agli
altri corsisti se condividono lopinione espressa.
5
- Fate lavorare gli studenti in coppia: il compito
consiste nel costruire delle frasi secondo gli esempi dati al punto precedente.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. Questo chef pi famoso che bravo, 2.
Tiziana pi simpatica che attraente, 3. Imparare
litaliano pi divertente che imparare il tedesco, 4.
Alla festa di Carlo cerano pi uomini che donne, 5.
Preferisco stare a casa che uscire con Marco
6
- Fate lavorare gli studenti in coppia chiedendo loro
di completare i riquadri con i nomi degli abitanti
delle varie regioni e citt dItalia o con il nome
della regione e della citt mancanti.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: Torino/torinese, Piemonte/piemontese, Firenze/fiorentino, Roma/romano, Napoli/napoletano,
Sardegna/sardo, Palermo/palermitano, Sicilia/siciliano, Milano/milanese, Lombardia/lombardo, Venezia/
veneziano, Emilia/emiliano, Bologna/bolognese, Toscana/toscano, Molise/molisano, Calabria/calabrese

C Vorrei prenotare una camera.


1
- Discutete in plenum: in base a quali criteri i corsisti scelgono un albergo? Come dovrebbe essere?
- Annotate le varie opinioni alla lavagna: se volete
potete trasformare la discussione nella redazione

di una statistica sui criteri e i requisiti pi importanti nella scelta di un albergo.


2
- Fate ascoltare la pubblicit un paio di volte e chiedete ai corsisti di segnare con una X le affermazioni giuste.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. lHoliday Inn, 2. immerso nel verde, 3.
un ottimo ristorante, 4. un grande parcheggio, 5. sono
fidanzati
3
- Adesso fate ascoltare un paio di volte il dialogo:
questa volta si tratta di sottolineare i servizi menzionati.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: TV satellitare, Accesso internet, Aria condizionata, Piccoli animali ammessi
4
- Fate ascoltare nuovamente il dialogo e segnare le
affermazioni presenti nella conversazione.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 2, 3, 6
5
- Invitate gli studenti a lavorare in coppia e a completare la tabella con le espressioni utilizzate nel
dialogo del punto precedente per prenotare una
camera e chiedere informazioni.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: Prenotare una camera: Vorrei prenotare
una camera dal 20 al 25 luglio / Una matrimoniale /
Se possibile vorrei una camera silenziosa; Chiedere
informazioni: Avrei bisogno di alcune informazioni /
Lalbergo lontano dal centro di Roma? / Pu dirmi
il prezzo per quattro notti? / Le camere hanno una TV
satellitare? / I cani sono ammessi?
Role-play guidato
- Fotocopiate la scheda numero 3 a pagina 46. Fate
lavorare gli studenti in coppia e consegnate ad
ognuna una scheda. Invitate gli studenti a ripetere
pi volte il dialogo, sostituendo le informazioni
scritte in caratteri diversi con quelle contenute nei
riquadri sottostanti, con lo stesso carattere.
- Invitate i corsisti ad assumere i ruoli di A e B e a
svolgere il role-play indicato nel Libro dello studente.
39

6
- Lasciate agli studenti il tempo per leggere individualmente il testo relativo ai due alberghi e rispondere alle domande presenti.

- Scrivete le seguenti frasi alla lavagna:

- Procedete con il riscontro in plenum.


Soluzione: Lalbergo pi grande il Best Western
Hotel Rivoli, il pi caro il Best Western Hotel Rivoli, il pi tranquillo il Best Western Hotel Rivoli,
il pi vicino alla stazione ferroviaria il Best Western
Hotel Rivoli

- Riflettete insieme: le due frasi contengono un superlativo relativo. Il superlativo relativo esprime il
grado massimo o minimo di una qualit rispetto a
un gruppo di persone o cose. Per quanto riguarda
la struttura della frase, questa si differenzia dal
comparativo di maggioranza o minoranza perch il
sostantivo o pi/meno sono preceduti da un articolo, come si pu vedere nei due esempi, la citt pi
bella, la pi bella.

7
- In plenum lasciate che gli studenti rispondano alle
varie domande e si scambino opinioni.

D Il pi bello!
1
- Invitate gli studenti ad osservare le due illustrazioni e a completare la tabella che segue.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: S, lalbergo pi grande della zona; S,
ma Roma la pi bella; No, forse lesercizio meno
difficile dellunit; S, il monumento pi antico della citt
- Ricordate la tabella redatta al punto A1 sulle diverse citt italiane? Potete riproporla e chiedere agli
studenti di individuare i superlativi relativi in essa
presenti, spiegando loro che per superlativi relativi
si intendono le frasi appena viste nella tabella del
punto precedente.

Roma
pi grande di Napoli.
ricca di bellissimi monumenti.
meno ospitale di Napoli.

Napoli
la citt pi bella del mondo.

Milano
una grande citt, moderna, europea, vivace.
pi frenetica che vivace.

Venezia
fredda quanto Milano.

Firenze
meno impersonale delle altre,
bellissima, una citt darte.
una delle citt pi care dItalia.
In inverno fa un freddo cane.
40

la citt pi bella del mondo.


Roma la pi bella del mondo.

- Scrivete alcune parti di frasi alla lavagna, ad esempio:


lo studente pi giovane della classe
la donna pi bella dItalia
la squadra di calcio pi forte del mondo
il musicista pi famoso dEuropa
il ristorante pi caro della citt
- Usate quanto scritto alla lavagna per formulare
delle domande agli studenti: Chi lo studente pi
giovane della classe? Qual il ristorante pi caro
della citt? ecc. Chiedete agli studenti di rispondervi con la frase completa, ovvero Lo studente pi
giovane della classe ... ecc.
2
- Fate lavorare gli studenti in coppia: il compito consiste nel costruire delle frasi secondo lesempio
dato.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. Alfredo lo studente pi bravo della
classe, 2. Questa la canzone pi bella di Luciano
Pavarotti, 3. Venezia la citt pi tranquilla dItalia,
4. Gino limpiegato pi esperto dellazienda
3
- Chiedete agli studenti di osservare i fumetti e scegliere la parola giusta per completarli.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: bellissima, benissimo
- Scrivete alla lavagna:
Roma bellissima
Io sto benissimo
- Riflettete insieme: il suffisso -issimo che si aggiunge a sostantivi ed avverbi, per formare il superla-

tivo assoluto, indica una qualit al massimo grado,


senza essere posta in relazione con altri concetti.
- Scrivete alla lavagna una serie di superlativi assoluti, ad esempio:
bellissimo
giovanissimo

bruttissimo
fortissimo

buonissimo
velocissimo

- Invitate gli studenti a formulare delle frasi in cui


associano il superlativo assoluto a un elemento a
loro scelta, ad esempio: Il tiramis buonissimo.
4
- Dopo aver riflettuto sul superlativo assoluto di aggettivi e avverbi, chiedete agli studenti di rispondere in coppia alle domande presenti nel testo utilizzando appunto tale struttura.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. S, mi devo alzare prestissimo, 2. S,
pesantissima, 3. S, lo trovo interessantissimo, 4. S,
ci andiamo spessissimo
5
- Invitate gli studenti a leggere individualmente il
testo e a completarlo con le preposizioni semplici
e articolate.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1) del, 2) delle, 3) di, 4) a, 5) alle, 6) dei,
7) per la, 8) con le/dalle, 9) di, 10) di, 11) da, 12) sui
6
- Chiedete agli studenti di associare i monumenti
fiorentini citati nel testo con le illustrazioni ad essi
relative.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione da sinistra a destra: Perseo, Palazzo Vecchio, David, Fontana del Nettuno
7
- Fate leggere nuovamente il testo su Firenze chiedendo agli studenti di individuare le forme di comparativo in esso presenti.
- Lasciate che gli studenti vi suggeriscano i risultati
della loro ricerca e trascrivete le due frasi alla lavagna:
una delle sue opere migliori
uno dei maggiori giornalisti italiani
- Osservate insieme la tabella: come si pu ben vedere alcuni aggettivi, tra cui buono, cattivo, gran-

de, piccolo, alto, basso, hanno una forma organica


di comparativo, ovvero una forma autonoma rispetto allaggettivo in questione che non richiede
luso di pi o meno nella comparazione. In questi
casi possiamo utilizzare entrambe le forme, pi
buono/migliore, pi cattivo/peggiore, pi grande/maggiore, pi piccolo/minore, pi alto/superiore, pi basso/inferiore.
- Invitate gli studenti a completare la tabella con le
forme organiche di comparazione.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: migliore, maggiore
8
- Date agli studenti il tempo per completare le frasi
osservando la tabella del punto precedente.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. migliore, 2. superiore, 3. peggiore, 4.
inferiore, 5. maggiori, 6. minore

E Vocabolario e abilit
1
- Chiedete agli studenti di osservare e commentare
in plenum le due foto: dove siamo? Cosa stanno
facendo le persone raffigurate? Perch? Cosa si
vede sullo sfondo? Quali impressioni suscitano le
due immagini?
2
- Invitate gli studenti a lavorare in coppia: il compito consiste nellinserire le parole date nel giusto
riquadro.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: alberghi: pernottamento, ricevimento, sistemazione, cameriere, camera, alloggio; viaggi: biglietto, volo, stazione, porto, aeroporto, passeggero,
guida, meta; alberghi e viaggi: soggiorno, prenotazione, arrivo, partenza, bagagli, passaporto, agenzia
di viaggi
3
- Fate ascoltare il brano dellesercizio 21 a pagina
37 del Quaderno degli esercizi e invitate gli studenti a segnare le affermazioni esatte.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. pi o meno fissi; 2. anche alcuni clienti
cinesi; 3. che sono validi, affidabili; 4. un grande parcheggio; 5. curiamo con particolare attenzione; 6. con
pesce, carne
41

4
- Invitate gli studenti a lavorare in coppia: il compito consiste nel dar luogo alle relative conversazioni. Per la conversazione del punto 2 ricordate agli
studenti di utilizzare le informazioni offerte a pagina 194 per il ruolo A e 197 per il ruolo B.

IL QUIZ DELLITALIA!
- Fotocopiate la scheda numero 4 a pagina 47. Ritagliate lungo le linee tratteggiate e ricavate dalla fotocopia un set di carte. Dividete la classe in due
grandi gruppi e disponete le carte a ventaglio sulla
cattedra.

5
- Chiedete ai corsisti di scrivere a scelta una delle due
lettere indicate nel Libro dello studente. Eventualmente potreste far scrivere una lettera in classe e
assegnare laltra come compito per casa. In ogni
caso chiedete agli studenti di consegnarvi i propri
elaborati affinch possiate restituirli corretti.

- Invitate gli studenti dei due gruppi a scegliere a


turno una carta finch ogni gruppo avr un numero uguale di carte.

Conosciamo lItalia

Roma
- Invitate gli studenti a leggere individualmente il
testo su Roma e a indicare le affermazioni corrette
che seguono. A tale scopo esortateli ad avvalersi
dellaiuto offerto dal glossario in fondo alla pagina
ed eventualmente di un buon dizionario.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. b, 2. b, 3. c

Milano e Bologna
- Invitate gli studenti a leggere individualmente i testi sulle due citt e a indicare a quale di esse si riferisce ogni affermazione. A tale scopo esortateli ad
avvalersi dellaiuto offerto dal glossario in fondo
alla pagina ed eventualmente di un buon dizionario.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: Milano: 3, 4, 5, 6; Bologna: 1, 2

Venezia e Napoli
- Invitate gli studenti a leggere individualmente i testi sulle due citt e a indicare a quale di esse si riferisce ogni affermazione. A tale scopo esortateli ad
avvalersi dellaiuto offerto dal glossario in fondo
alla pagina ed eventualmente di un buon dizionario.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: Venezia: 2, 4; Napoli: 1, 3, 5, 6
- Esortate gli studenti ad usufruire delle attivit online previste dallunit 3.
Autovalutazione
- Invitate gli studenti a svolgere individualmente il
test di autovalutazione e a controllare le soluzioni
a pagina 203 del Libro dello studente.
42

- Lasciate agli studenti un po di tempo per rispondere alle domande sulle carte.
- Procedete con il riscontro in plenum: a turno ogni
gruppo legge ad alta voce una domanda e la risposta data. Se la risposta corretta il gruppo guadagna un punto. Altrimenti la domanda pu essere
rivolta al gruppo rivale che ha diritto a ricevere un
punto in caso di risposta esatta.
- Procedete cos fino a che tutte le domande saranno
state esaminate, quindi fate il conteggio dei punti:
qual il gruppo pi esperto dItalia?
Soluzione:
Qual il fiume pi lungo dItalia? Il Po
Qual la montagna pi alta dItalia? Il Monte Bianco
Con quale regione non confina la Toscana? Con
lAbruzzo
Qual lisola pi grande dItalia? La Sicilia
Dove si trova lArena di Verona? In Veneto
Come si chiama la catena di montagne che attraversa
lItalia da Nord a Sud? Appennini
In quale citt si trova la Piazza dei Miracoli? Pisa
Qual il capoluogo della regione Abruzzo? LAquila
Qual la regione pi vicina alla Sicilia? La Calabria
Come si chiama il vulcano che ha distrutto Pompei?
Vesuvio
Dove si trova lUniversit pi antica dItalia? A Bologna
Il Palio di Siena una corsa: di cavalli
In quale citt ha sede la FIAT? Torino
Qual il lago pi grande dItalia? Il lago di Garda
In quale regione ha luogo il Festival di Sanremo? In
Liguria
Un proverbio italiano dice: Vedi ... e poi muori:
Napoli
Chi ha inventato la pizza Margherita? Un cuoco napoletano
Come si chiama il fiume che attraversa Firenze? Arno
la sede di una celebre Universit per Stranieri: Perugia

Su quale mare si trova Venezia? Il mar Adriatico


Qual la regione pi piccola dItalia? La Val dAosta
Dove nato Cristoforo Colombo? A Genova
Chi, secondo la leggenda, ha fondato Roma? Romolo
Di quale regione capoluogo Trieste? Friuli-Venezia
Giulia
Grammatica e Lessico
- Fotocopiate la scheda numero 5 a pagina 48, distribuite le fotocopie agli studenti e chiedete di completarle con gli elementi grammaticali e lessicali
mancanti.
- Fate confrontare il risultato prima con il compagno
di banco e poi con gli schemi presenti nel testo nel
corso dellunit 3.
- Lasciate agli studenti il tempo per concentrarsi su
questa attivit di ripetizione e controllo e invitateli a riferire eventuali dubbi o argomenti che non
sono chiari per poterli discutere in plenum.

43

44

18

15

16

17

4
il francese

linglese

linverno

lestate

il fuoco

lacqua

gli uomini

le donne

il computer

la Pasqua

il Natale

12
la televisione

il cinema

la vita 100 anni fa

10

6
gli spaghetti

la pizza

le lettere

le e-mail

laereo

il treno

luniversit

la scuola

gli adulti

la vita oggi

Los Angeles

New York

la terra

11

i bambini

13

la montagna

il mare

Il grande giro dei confronti

il cielo

14
il telefono cellulare

i gatti

le automobili
50 anni fa

Arrivo

i cani

le automobili oggi

Partenza

Scheda numero 1
Unit 3 - Sezione A6, Attivit ludica

45

francesi

simpatici
puntuali
estroversi
eleganti
caotici
gentili
ricchi
affidabili
razionali

italiani

..................................

..................................

Scheda numero 2
Unit 3 - Sezione B4, Attivit di fissaggio

inglesi

guidare
giocare a calcio
mangiare
lavorare
leggere
sciare
spendere
divertirsi
parlare

tedeschi

Agli italiani piace pi


giocare a calcio
che sciare.

..................................

..................................

Gli italiani
sono pi simpatici
che puntuali.

Scheda numero 3
Unit 3 - Sezione C5, Role-play guidato

H
G

Hotel Hilton buongiorno!


Buongiorno! Sono interessato ad uno dei vostri pacchetti weekend!
Certamente. Per quante persone?
Per due. Mia moglie ed io.

E in che periodo?

Beh, sarebbe possibile il prossimo fine settimana?


Mi dispiace, il prossimo fine settimana siamo al completo.
E quello successivo?
Per allora disponiamo di una camera matrimoniale e di una suite.
Qual il loro prezzo?
150 euro a notte per la matrimoniale e 350 per la suite.

H
G

H
G

La suite ha vista sul mare?

Certamente.

Allora vorrei prenotare la suite dal 12 al 14 marzo.

Perfetto!
E quali altri servizi sono compresi nel pacchetto?
Dunque abbiamo la piscina, larea fitness e relax, i percorsi salute...

H
G

La suite ha una
terrazza sul parco?

Mi interessano le vostre offerte


per il fine settimana.

possibile farsi servire


la cena in camera?

Volevo chiedere se avete delle offerte


per il sabato e la domenica?

Sono ammessi i piccoli


animali?

Ho visto le vostre offerte weekend


in Internet e vorrei saperne di pi!

Ed eventualmente quando?
Mi sa dire in che data?
Per quando?

La matrimoniale viene 180 euro


per notte e la suite 370.
Con mezza pensione la
matrimoniale viene 140 euro a
persona e la suite 290.
Offriamo il servizio di pensione
completa a 180 euro a persona in
matrimoniale e 330 in suite.
46

Allora va bene la suite


dal 18 al 20 dicembre!
Benissimo! Preferirei
la suite dal 22 al 24
settembre!
Che bello!
Allora scelgo la suite dal 28
al 30 giugno!

47

a) il Monte Rosa
b) il Monte Bianco
c) il Gran Sasso
a) con lUmbria
b) con le Marche
c) con lAbruzzo

Qual la montagna pi Con quale regione non


alta dItalia?
confina la Toscana?

a) Pescara
b) lAquila
c) Teramo

a) Perugia
b) Palermo
c) Pesaro

la sede di una
celebre Universit
per Stranieri:

a) Milano
b) Bologna
c) Torino
Qual la regione pi
piccola dItalia?
a) la Val dAosta
b) il Molise
c) lUmbria

a) il mar Tirreno
b) il mar Ionio
c) il mar Adriatico

a) in Toscana
b) in Liguria
c) in Lombardia

In quale regione ha
luogo il Festival di
Sanremo?

a) la Basilicata
b) la Calabria
c) la Sardegna

Su quale mare si trova


Venezia?

a) il lago Maggiore
b) il lago di Garda
c) il lago Trasimeno

In quale citt ha sede la Qual il lago pi


FIAT?
grande dItalia?

a) Pisa
b) Siena
c) Venezia

In quale citt si trova la Qual il capoluogo


Qual la regione pi
della regione Abruzzo? vicina alla Sicilia?
Piazza dei Miracoli?

a) il Po
b) il Tevere
c) lArno

Qual il fiume pi
lungo dItalia?

Scheda numero 4
Unit 3 - IL QUIZ DELLITALIA!

a) a Firenze
b) a Venezia
c) a Genova

Dove nato Cristoforo


Colombo?

a) Roma
b) Napoli
c) Firenze

Un proverbio italiano
dice: Vedi ... e poi
muori:

a) Etna
b) Vulcano
c) Vesuvio

Come si chiama il
vulcano che ha
distrutto Pompei?

a) la Sardegna
b) Capri
c) la Sicilia

Qual lisola pi
grande dItalia?

a) Arno
b) Tevere
c) Po

Come si chiama il
fiume che attraversa
Firenze?

a) di barche
b) di macchine
c) di cavalli

Il Palio di Siena una


corsa:

a) Appennini
b) Alpi
c) Sibillini

Come si chiama la catena


di montagne che attraversa lItalia da Nord a Sud?

a) limperatore
Augusto
b) Romolo
c) Remo

a) Friuli-Venezia
Giulia
b) Liguria
c) Molise

Chi, secondo la leggenda, Di quale regione


ha fondato Roma?
capoluogo Trieste:

a) un cuoco
napoletano
b) un cuoco milanese
c) un cuoco romano

Chi ha inventato la
pizza Margherita?

a) a Bologna
b) a Firenze
c) a Padova

Dove si trova
lUniversit pi antica
dItalia?

a) in Liguria
b) in Lombardia
c) in Veneto

Dove si trova lArena


di Verona?

Scheda numero 5
Unit 3 - Grammatica e Lessico

Comparazione tra due nomi o pronomi


Laura pi gentile di Saverio.
Lui studia pi ...... te.
Parma meno grande di Roma
Io ho mangiato meno ...... te.
Noi siamo (tanto) bravi quanto loro.
Ferrara (cos) piccola ...... Perugia.

Comparazione tra due aggettivi, verbi o quantit


Milano una citt vivace.

Secondo me pi frenetica che vivace.

Beppe molto intelligente.

Io, invece, credo che sia pi furbo ...... intelligente.

Ti piace guardare la tv o leggere?

Mi piace pi leggere che guardare la tv.

Mi piace il modo in cui insegna.

Ma lei pi ...... insegnare, recita.

A casa nostra mangiamo ...... carne che verdura.


Per fortuna leggo pi libri che riviste.

Superlativo relativo di aggettivi


grande lalbergo?

S, ...... albergo pi grande della zona.

LItalia ha molte belle citt.

S, ma Roma la pi bella!

difficile questo esercizio?

No, forse lesercizio meno difficile dellunit.

antico quel monumento?

S, ...... monumento pi antico della citt.

Forme particolari di comparazione


Questo dolce pi buono di quello.

sicuramente migliore di quello.

La tua idea pi cattiva della mia.

..................................... della mia.

Questo il suo problema pi grande.

il suo problema ..................................... .

La mia sorella pi piccola si chiama Ada.

Ada la mia sorella ..................................... .

I guadagni sono stati pi alti del previsto.

Sono stati superiori al previsto.

I risultati sono pi bassi delle aspettative.

Sono ..................................... alle aspettative.

Prenotare una camera


Vorrei .................. una camera dal 20 al 25 luglio.
Una matrimoniale.
Se possibile vorrei una camera silenziosa.

48

Chiedere informazioni
Avrei .................. di alcune informazioni.
Lalbergo lontano dal centro di Roma?
Pu dirmi il .................. per quattro notti?
Le camere hanno una TV satellitare?
I cani sono ammessi?

Elementi comunicativi - Parlare di storia


e lessicali
- Precisare, spiegarsi meglio
- Raccontare una favola
- Esporre avvenimenti storici
Elementi grammaticali - Passato remoto
- Passato remoto: verbi irregolari I
- Passato remoto: verbi irregolari II
- I numeri romani
- Trapassato remoto
- Avverbi di modo
Civilt

Brevissima storia dItalia

Materiale necessario

Sezione A, punto 5, attivit ludica: alcune fotocopie della scheda numero 1 a pagina 56 e alcuni dadi
Sezione B, punto 5, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 2 a
pagina 57
Sezione C, punto 4, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 3 a
pagina 58
Sezione D, punto 5, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 4 a
pagina 59 e alcuni dadi
I PROMESSI SPOSI: alcune fotocopie della scheda numero 5 a pagina 60
Grammatica e Lessico: alcune fotocopie della scheda numero 6 alle pagine 61 e 62

Per cominciare...
1
- Osservate in plenum le illustrazioni: cosa mostrano? Parlatene senza fare riferimenti al periodo storico che rappresentano.
- Invitate gli studenti ad associare le immagini ai periodi storici indicati, quindi procedete al riscontro
in plenum.
Soluzione da sinistra verso destra: e, d, b, c, a
- Disegnate quanto segue alla lavagna:
Roma Antica:
Medioevo:
Rinascimento:
1860:
1920:

- Fate un breve brainstorming invitando gli studenti


a suggerirvi cosa ricordano a proposito dei vari
periodi storici. Annotate i loro suggerimenti dentro
i relativi cerchi.
2
- Concentratevi sullAntica Roma. Quali delle parole indicate nel testo sono relative a quel periodo
storico? Perch? Lasciate che gli studenti formulino le loro ipotesi.
Soluzione: conquistare e invadere (Roma invase e conquist tantissimi territori); repubblica, impero e monarchia (Roma ebbe tutte e tre le forme di governo)
3
- Fate ascoltare il dialogo con lobiettivo di verificare le ipotesi precedentemente formulate.
4
- Fate ascoltare nuovamente il dialogo chiedendo ai
corsisti di indicare le affermazioni corrette.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. a, 2. d, 3. c, 4. a
49

A Chi fond Roma?


1
- Fate ascoltare il dialogo una terza volta per dare la
possibilit agli studenti di confermare o meno le
proprie risposte allattivit precedente.
- Prendete nuovamente in considerazione i cerchi disegnati alla lavagna: si sono aggiunte nuove informazioni?
2
- In coppia o individualmente gli studenti rileggono
il dialogo e mettono in ordine cronologico gli avvenimenti.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: Romolo uccide suo fratello Remo, Roma
diventa una potenza militare, Roma conquista lEuropa e altri territori, Cesare diventa dittatore, Alcuni
senatori uccidono Cesare, Augusto diventa imperatore
3
- Fate lavorare gli studenti individualmente e chiedete loro di completare il dialogo tra Carletto e la
maestra scegliendo tra i verbi dati.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: uccise, cominciarono, fondarono, uccisero, accus, fu
4
- Invitate gli studenti a scrivere un breve riassunto
del dialogo introduttivo. Tale attivit potr essere
svolta sia come compito a casa che in classe. In entrambi i casi chiedete agli studenti di consegnarvi
i propri elaborati affinch possiate restituirli corretti.
5
- Scrivete alla lavagna le seguenti frasi estratte dal
dialogo introduttivo:
Roma conquist quasi tutta lEuropa.
I Romani diventarono una potenza militare.
- Riflettete in plenum: qual linfinito dei due verbi
scritti alla lavagna? In questo caso abbiamo i verbi
conquistare e diventare coniugati al passato remoto. Ricopiate alla lavagna la tabella contenente i
verbi regolari al passato remoto, sottolineatene le
desinenze e fatevi suggerire dagli studenti quelle
mancanti, come indicato di seguito:
50

andare

credere

capire

andai
andasti
and
andammo
andaste
andarono

credei (-etti)
credesti
cred (-ette)
credemmo
credeste
crederono (-ettero)

capii
capisti
cap
capimmo
capiste
capirono

- Evidenziate il fatto che i verbi della seconda coniugazione per la prima e terza persona singolare e
la terza plurale hanno una doppia desinenza. Le
due forme di desinenze possono alternarsi secondo
una libera scelta del parlante, ma in genere consigliabile non usare la forma con la doppia tt quando il verbo ha la radice che termina in -t, ad esempio nel caso di potere si preferisce potei a potetti.
Inoltre, si pu far notare che la prima persona singolare della terza coniugazione mantiene la i della
radice, quindi il verbo coniugato presenta una doppia i come si pu vedere in capii.
- Scrivete alla lavagna:
Roma conquist lEuropa.
Roma ha conquistato lEuropa.
- Chiedete agli studenti di indicarvi la differenza di
significato tra le due frasi. Probabilmente ci sar difficolt nel formulare ipotesi su tale differenza e, a
questo proposito, potete rassicurare gli studenti sul
fatto che la scelta tra passato remoto e passato prossimo non comporta una vera differenza di significato. Infatti, entrambe le frasi presentano unazione nella sua globalit e non nel suo svolgimento.
In pratica si usa il passato remoto per descrivere
fatti di un passato che non ha pi relazione con il
presente, ad esempio quelli riguardanti lantica
Roma, o per esprimere il proprio distacco rispetto
ai fatti narrati che si avvertono come molto lontani; il passato remoto, cos come il passato prossimo, riguarda una azione perfetta, ovvero conclusa
e non considerata nel suo svolgersi, pertanto a livello testuale lo si trover spesso in alternanza con
limperfetto. Nella lingua contemporanea il passato remoto viene spesso sostituito dal passato prossimo, in particolare nel parlato, per questioni di
immediatezza espressiva. Soprattutto al Nord e in
buona parte dellItalia centrale i parlanti, anche
colti, tendono a non adoperare il passato remoto,
mentre nelle regioni meridionali e in Toscana se ne
fa un uso maggiore. Luso del passato remoto invece ancora molto diffuso nella lingua scritta.

- A conferma di quanto finora discusso, invitate gli


studenti a consultare la pagina 184 relativamente
alluso del passato remoto.
Attivit ludica
- Fotocopiate la scheda numero 1 a pagina 56. Dividete la classe in gruppi di tre o quattro persone e
consegnate una copia della scheda ed un dado ad
ogni gruppo.
- Ogni studente deve dotarsi di una pedina che contrassegni la sua posizione sulla tabella di gioco. Il
compito consiste nel lanciare il dado e, a seconda
del numero tirato, spostarsi in avanti e coniugare al
passato remoto, alla persona indicata dal dado, il
verbo presente sulla casella di arrivo. Alcune caselle contengono degli imprevisti: in quel caso il
giocatore dovr eseguire quanto scritto sulla casella.
- Naturalmente vince chi per primo arriva al traguardo!
6
- Fate lavorare gli studenti in coppia: il compito
consiste nel costruire a turno delle frasi coniugando il verbo tra parentesi al passato remoto.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. dur; 2. insistettero, accettai; 3. part; 4.
prendeste; 5. arrivammo; 6. scopr

della Gallia da parte di Cesare e sono sempre molto


ironiche e divertenti.
- Chiedete agli studenti di leggere i fumetti e completare il testo con le battute date, ricordando loro
che ce ne sono due in pi.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: a. Qualcuno pu spiegarmi cosa successo?; b. Non vero niente... nel senso che posso spiegare tutto!; c. Ma non finisce qui tra noi, Gallo! Ci incontreremo di nuovo!; d. Eccoli! Sono tornati!
4
- Invitate gli studenti ad indicare le affermazioni corrette, quindi procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. c, 2. c, 3. a
5
- Scrivete alla lavagna la seguente frase estratta dallattivit precedente:
io feci esattamente quello che mi avevi chiesto tu
- Sottolineate il verbo feci e chiedete agli studenti di
indicarvi qual il suo infinito. Scrivete alla lavagna:
fare

feci

B In che senso?

- Invitate gli studenti ad osservare la tabella contenente alcuni verbi irregolari al passato remoto e
chiedete di completare le lacune con le forme date.

1
- Fate ascoltare le registrazioni esortando gli studenti a completare le varie frasi.

- Procedete al riscontro in plenum e consigliate agli


studenti di consultare lAppendice a pagina 184
per prendere visione di altri verbi irregolari.
Soluzione: fu, diede, dicesti, feci

- Procedete con il riscontro in plenum.


Soluzione: voglio dire, cio, mi spiego, nel senso che,
vale a dire
2
- Invitate i corsisti a scrivere due frasi utilizzando le
espressioni appena incontrate, quindi procedete
con il riscontro in plenum.
3
- Scrivete alla lavagna:
Asterix
- Fate una breve indagine: qualcuno conosce il personaggio? C chi ha gi letto qualche fumetto o
visto film a proposito? Se nessuno in classe informato, spiegate agli studenti che Asterix un personaggio del mondo dei fumetti molto famoso. Le sue
vicende si collocano sullo sfondo della conquista

- A questo livello di conoscenza della lingua italiana


per gli studenti importante soprattutto la conoscenza passiva del passato remoto, in quanto raramente si troveranno ad utilizzarlo nei contesti quotidiani. Pertanto, mentre consultate lAppendice,
potete anche informare gli studenti del fatto che
importante soprattutto riconoscere e comprendere
il passato remoto per poter leggere biografie e letteratura.
Attivit di fissaggio
- Fotocopiate la scheda numero 2 a pagina 57 e consegnatene una copia ad ogni coppia di studenti.
- Informate la classe: quella che stanno per leggere
la biografia di Giulio Cesare. Il testo naturalmente contiene numerosi passati remoti, per la precisione tanti quante sono le righe contenute nella
51

tabella sotto il testo. Il compito degli studenti consiste nellindividuare i passati remoti presenti nel
testo, sottolinearli, trascriverli nella colonna a sinistra della tabella sottostante e indicare a destra
linfinito del verbo in questione.
- Lasciate agli studenti un po di tempo per eseguire
il compito, quindi invitate le varie coppie a consultarsi tra di loro.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: fu/essere, torn/tornare, strinse/stringere,
ottenne/ottenere, ebbe/avere, riusc/riuscire, descrisse/descrivere, marci/marciare, nomin/nominare,
fugg/fuggire, insegu/inseguire, conobbe/conoscere,
ebbe/avere, entr/entrare, ebbe/avere, fece/fare, realizz/realizzare, adott/adottare, furono/essere, uccisero/uccidere
6
- Fate lavorare gli studenti individualmente: il compito consiste nel completare le frasi a turno coniugando il verbo tra parentesi al passato remoto.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. feci, 2. ebbi / ebbe / avemmo / ebbero,
3. diedi, 4. stettero, 5. dissi

C Cera una volta...


1
- Scrivete alla lavagna:
Cera una volta
- Secondo gli studenti in quali circostanze si usa
questa espressione? Cera una volta la frase iniziale delle fiabe. Se volete, fatevi dire dai corsisti
come iniziano le fiabe nelle loro lingue e scrivete
le varie espressioni alla lavagna.
- Informate i corsisti: il testo che stanno per leggere
di Gianni Rodari, un celebre autore italiano vissuto nel corso del XX secolo, che si dedic alla letteratura per linfanzia, rinnovandola nei modi e nei
contenuti.
- Invitate gli studenti a completare la favola scegliendo la parola opportuna tra quelle proposte in basso.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. b, 2. a, 3. a, 4. c, 5. b, 6. a, 7. b, 8. a, 9.
c, 10. b
- Invitate gli studenti a esprimere il loro parere sul
racconto: che impressione ha suscitato in loro? In
cosa consiste la sua originalit?
52

2
- Lasciate ai corsisti un po di tempo per sottolineare le espressioni utilizzate dalla bambina per contraddire il nonno, quindi fatevele suggerire e scrivetele alla lavagna:
No!
Niente affatto

Ma no!

Che confusione!

Neanche per sogno!

Quale?

- Fate lavorare gli studenti in coppia chiedendo loro


di scrivere la frase iniziale di una favola classica a
loro piacimento usando il Cera una volta e proseguendo in maniera errata in modo che i compagni
possano contraddirli con una delle espressioni scritte alla lavagna.
- Procedete con il riscontro in plenum.
3
- Lasciate ai corsisti il tempo per rileggere individualmente il testo di Gianni Rodari e sottolineare i
verbi irregolari al passato remoto in esso contenuti.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: disse, chiese, rispose
4
- Osservate la tabella contenente altri verbi irregolari: a questo proposito potete far notare agli studenti che la maggior parte dei verbi irregolari al passato remoto appartiene alla seconda coniugazione
e in alcuni casi la forma del passato remoto ricorda quella del participio passato, come avviene ad
esempio per chiudere, participio passato: chiuso,
passato remoto: chiusi; decidere, participio passato: deciso, passato remoto: decisi.
- Sulla base di questa ossevazione chiedete agli studenti di completare la tabella presente nel Libro
dello studente a pagina 62.
- Al termine del completamento procedete con il
riscontro in plenum, consultando la lista completa
dei verbi irregolari in Appendice a pagina 184.
Attivit di fissaggio
- Fotocopiate la scheda numero 3 a pagina 58 e consegnatene una copia a ogni coppia di studenti.
- Siamo di nuovo alle prese con la biografia di Giulio Cesare. Questa volta per i verbi sono stati tolti
dal testo e collocati alla rinfusa nellellissi sottostante. Il compito degli studenti consiste quindi nel
rimettere i verbi al posto giusto.

- Lasciate agli studenti un po di tempo per eseguire


il compito, quindi invitate le varie coppie a consultarsi tra di loro.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. nacque, 2. part, 3. torn, 4. prese, 5.
cre, 6. torn, 7. strinse, 8. ottenne, 9. confermarono,
10. ebbe, 11. riusc, 12. descrisse, 13. furono, 14.
marci, 15. nomin, 16. fugg, 17. insegu, 18. conobbe, 19. ebbe, 20. entr, 21. ebbe, 22. fece, 23.
adott, 24. furono, 25. uccisero

D E la storia continua...
1
- Invitate gli studenti ad osservare le illustrazioni e a
fare labbinamento. Qualcuno in classe ha visto i monumenti raffigurati? Quali altri monumenti italiani
internazionalmente famosi sono noti agli studenti?
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione da sinistra verso destra: c, d, a, b
- Invitate gli studenti ad osservare i numeri romani
scritti tra parentesi accanto ai nomi delle citt in
cui si trovano i monumenti raffigurati, quindi, in
plenum, consultate gli altri numeri contenuti in Appendice a pagina 184.
- Se volete divertirvi un po con i numeri romani, dettate agli studenti alcuni numeri alla rinfusa, ad esempio
il vostro numero di telefono, la vostra data di nascita,
oppure delle date storiche importanti come quella della scoperta dellAmerica, della rivoluzione francese
ecc. e chiedete loro di scriverli in numeri romani. Trascrivete quanto avete dettato in numeri romani alla
lavagna, affinch gli studenti possano controllare
se ci che hanno scritto esatto o meno.
2
- Fate lavorare gli studenti in coppia: il compito consiste nel raccontare al passato remoto la storia
dItalia dalla caduta dellImpero Romano al Rinascimento, utilizzando le informazioni date.
- Procedete con il riscontro in plenum.
3
- Chiedete agli studenti di osservare le due frasi date
e trascrivete alla lavagna:
Dopo che i Franchi ebbero sconfitto i Longobardi,
Carlomagno divenne imperatore.

Dopo che la famiglia dei Medici fu salita al potere,


Firenze cominci a fiorire.
- Riflettete insieme: i due verbi sottolineati sono coniugati al trapassato remoto. Questo tempo si forma con il passato remoto dellausiliare essere o
avere ed il participio passato del verbo principale.
Il trapassato remoto ha lo stesso valore temporale
del trapassato prossimo, ovvero indica unazione
precedente, rispetto ad unaltra gi collocata nel
passato. In questo caso per, lazione gi collocata
nel passato espressa al passato remoto, come
possiamo osservare in divenne e cominci. Nellitaliano moderno si incontra il trapassato remoto
solo nelle proposizioni temporali introdotte da
quando, dopo che, non appena ecc. e anche in questo caso si tratta prevalentemente di usi della lingua scritta. Oggigiorno, inoltre, si tende ad utilizzare il trapassato remoto per lo pi nelle frasi con
ausiliare avere.
- Fatevi suggerire dagli studenti lausiliare per completare la lacuna contenuta in tabella, ovvero furono.
- Se volete, potete di nuovo prendere in considerazione la biografia di Giulio Cesare della scheda
numero 3 a pagina 58 e in plenum considerare i casi in cui i periodi potrebbero essere riscritti utilizzando il trapassato remoto. Potete trascrivere alcuni esempi alla lavagna:
Spos Cossuzia, la rinneg e prese
in moglie la bella Cornelia.
Dopo che ebbe sposato Cossuzia, la rinneg
e prese in moglie la bella Cornelia.
Cesare marci su Roma e il senato lo nomin dittatore.
Dopo che ebbe marciato su Roma, il senato
lo nomin dittatore.
4
- Lasciate agli studenti il tempo per leggere individualmente i due brani di storia e abbinare le affermazioni al giusto testo di riferimento.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: A: 1, 2, 5; B: 3, 4, 6
- Discutete in plenum: il testo conteneva parole non
comprensibili? Quali? Rispetto a quanto discusso a
inizio unit, cosa si appreso di nuovo sui diversi
periodi storici visti finora?
53

5
- Scrivete alla lavagna:
lentamente

ovviamente

- Da quali aggettivi derivano i due avverbi? Gli aggettivi di provenienza sono lento e ovvio. Osservate insieme la tabella: il suffisso -mente si aggiunge
al femminile degli aggettivi in -o, come in lento
(m.), lenta (f.), avverbio: lentamente; allunica forma singolare degli aggettivi in -e, come in forte,
avverbio: fortemente. Se lultima sillaba dellaggettivo -le o -re si elimina la -e finale come in generale, avverbio: generalmente, e particolare, avverbio: particolarmente. Ricordate agli studenti
che il significato dellaggettivo e dellavverbio non
corrispondono sempre del tutto, ad esempio solamente non significa in modo solitario ma soltanto
e praticamente non significa esclusivamente in
modo pratico ma anche in sostanza.
- Invitate gli studenti a completare la tabella, quindi
procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: ovviamente, velocemente, finalmente
Attivit di fissaggio
- Fotocopiate la scheda numero 4 a pagina 59. Dividete la classe in gruppi di quattro persone e consegnate ad ogni gruppo una copia della scheda e un
dado. Allinterno di ogni gruppo ci si divide in due
coppie rivali. A turno una coppia lancia il dado e si
sposta sulla colonna corrispondente alla faccia del
dado tirato. Da questa colonna deve scegliere uno
dei quattro avverbi presenti, trascriverlo in un foglio e cancellarlo dal tavolo di gioco. A questo
punto laltra coppia lancia il dado e fa la stessa
cosa scegliendo tra gli avverbi disponibili nella colonna in cui viene a trovarsi. Ogni coppia ha diritto a sei lanci che gli permettono di appropriarsi
di sei avverbi. Se si lancia il dado e ci si trova in
una colonna in cui non c pi alcun avverbio libero, al termine dei lanci si avranno meno avverbi a
propria disposizione.
- Terminati i lanci gli studenti hanno dieci minuti di
tempo per collegare gli avverbi prescelti a dei verbi, ad esempio: camminare, parlare, scrivere, leggere, mangiare lentamente / lavorare, studiare, allenarsi duramente. Nel far ci, per, non possono
utilizzare un verbo pi volte e naturalmente il collegamento deve funzionare sul piano del significato.
- Durante il riscontro in plenum ogni coppia riferir
54

i propri collegamenti verbo-avverbio e acquisir


un punto per ogni unione sensata. Vince chi accumula il maggior numero di punti.

E Abilit
1
- Fate ascoltare il brano dellesercizio 21 a pagina
49 del Quaderno degli esercizi e invitate gli studenti a segnare le affermazioni esatte.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. b, 2. d, 3. a, 4. d, 5. b, 6. a
2
- Chiedete agli studenti di osservare e commentare
in plenum lillustrazione: dove siamo? Cosa stanno facendo le persone raffigurate? Quale impressione suscita limmagine?
- In plenum invitate gli studenti a fare conversazione a proposito degli argomenti indicati nei quattro
punti.
3
- Chiedete ai corsisti di sviluppare per iscritto uno
dei due temi a scelta indicati nel Libro dello studente. Eventualmente potreste far svolgere un tema in classe e assegnare laltro come compito per
casa. In ogni caso chiedete agli studenti di consegnarvi i propri elaborati affinch possiate restituirli corretti.
Conosciamo lItalia
- Invitate gli studenti a leggere individualmente il
testo sulla storia dItalia e a mettere prima in ordine cronologico le affermazioni in fondo a pagina
66 e poi a indicare le affermazioni veramente presenti a pagina 67. A tale scopo esortateli ad avvalersi dellaiuto offerto dal glossario a pagina 67 ed
eventualmente di un buon dizionario.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1h, 2b, 3a, 4d, 5c, 6g, 7f, 8e; 1, 4, 5
- Esortate gli studenti ad usufruire delle attivit online previste dallunit 4.
Autovalutazione
- Invitate gli studenti a svolgere individualmente il
test di autovalutazione e a controllare le soluzioni
a pagina 203 del Libro dello studente.

I PROMESSI SPOSI
- Fotocopiate la scheda numero 5 a pagina 60. Dividete la classe in gruppi e consegnate una copia ad
ogni gruppo.
- Informate la classe a proposito di quanto raffigurato sulla scheda: le illustrazioni riguardano una storia che tutti gli italiani conoscono, ovvero quella di
Renzo e Lucia, protagonisti del romanzo I Promessi Sposi. Si tratta dellopera pi nota del celeberrimo Alessandro Manzoni, uno scrittore italiano vissuto nellOttocento. Il contesto storico in cui si
svolge la vicenda privata di Renzo e Lucia lItalia del Nord, oppressa, nel corso del 600, dalle dominazione straniere. Con tale romanzo, il Manzoni
vuole mostrare agli italiani che ancora nellOttocento sono in buona parte sotto il controllo di potenze estere, quanto difficile vivere in tale situazione ed esortarli cos a reagire per costruire una
Italia libera ed indipendente. Renzo e Lucia sono
due fidanzati che non riescono a sposarsi a causa
di Don Rodrigo, il signore locale spagnolo, che
vuole avere Lucia per s e riesce cos a impedire il
matrimonio per un lungo periodo di tempo, mettendo in gravi difficolt i due giovani.

Grammatica e Lessico
- Fotocopiate la scheda numero 6 alle pagine 61 e 62,
distribuite le fotocopie agli studenti e chiedete di
completarle con gli elementi grammaticali e lessicali mancanti.
- Fate confrontare il risultato prima con il compagno
di banco e poi con gli schemi presenti nel testo nel
corso dellunit 4.
- Lasciate agli studenti il tempo per concentrarsi su
questa attivit di ripetizione e controllo e invitateli a riferire eventuali dubbi o argomenti che non
sono chiari per poterli discutere in plenum.

- Spiegate agli studenti cosa devono fare: si tratta di


raccontare la vicenda di Renzo e Lucia seguendo il
percorso indicato dalle illustrazioni.
- Lasciate agli studenti un po di tempo per svolgere
il loro compito, quindi esortate ogni gruppo a leggere la propria versione dei Promessi Sposi. Se volete, potete ricordare ai corsisti che la lettura dei
Promessi Sposi obbligatoria per tutti gli studenti
italiani delle scuole superiori e invitarli quindi a
cercare la trama del romanzo in biblioteca, in Internet, nei libri di letteratura per sentirsi pi vicini
a generazioni e generazioni di italiani che sicuramente non dimenticheranno la storia di Renzo e
Lucia!

55

56

andare

24

lasciare
.....................

parlare

.....................

18
finire

.....................

.....................

17
ricevere

.....................

Indietro di 3
caselle!

16

.....................

15
diventare

Avanti di 3
caselle!

14

.....................

13
partire

.....................
.....................

Indietro di 6
caselle!

33

12
dovere

Un giro
di riposo!

11

.....................

10
lavorare

32
riflettere

Avanti di 6
caselle!

31

capire
.....................

Indietro di 4
caselle!

.....................

..................... 30
cercare

HAI
VINTO!

34
offrire

credere
.....................

29
salire

.....................

Indietro di 3
caselle!

35
incontrare

.....................

39
arrivare

Un giro
di riposo!

19

27
diventare

28

Avanti di 5
caselle!

.....................

Un giro
di riposo!

..................... 36

37
scoprire

Avanti di 4
caselle! 20

.....................
21

22
potere

.....................

38
riuscire

Un giro
di riposo!

26

aprire

.....................

.....................

.....................

25
tornare

Indietro di 4
caselle!

23
tradire

Pronti?
Partenza!

Un giro
di riposo!

.....................

.....................

2
vendere

Scheda numero 1
Unit 4 - Sezione A5, Attivit ludica

Scheda numero 2
Unit 4 - Sezione B5, Attivit di fissaggio

Caio Giulio Cesare nacque a Roma nel 100 a.C. dallantica e nobile gens Julia discendente di Enea e,
secondo il mito, della dea Venere.
A sedici anni part per lOriente. Fu poi in guerra in
Spagna e quando torn a Roma strinse unalleanza
privata, il Primo Triumvirato, con Crasso e Pompeo
per la conquista del potere.
Intanto Cesare ottenne il consolato della Gallia: anche qui ebbe grandi successi e riusc a sconfiggere il
potente Vercingetorige con pochissime perdite fra i
soldati romani.
Lo stesso Cesare descrisse questa sua celebre campagna militare nel De bello gallico.

A causa di grandi contrasti con Pompeo, Cesare marci su Roma e il senato lo nomin dittatore.
Pompeo fugg in Egitto. Cesare lo insegu e in Egitto
conobbe Cleopatra con la quale ebbe unintensa storia damore.
Nel 45 entr trionfante nella citt di Roma e da quel
momento ebbe il potere di un sovrano assoluto.
Cesare fece molte riforme economiche, realizz numerose opere pubbliche, adott il nuovo calendario
solare. Il suo enorme potere e prestigio furono per la
causa di forti risentimenti e invidie.
I senatori Cassio e Bruto uccisero Cesare il 15 marzo
del 44 a.C.

Passato remoto

Infinito

nacque
part

nascere

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

......................

partire

57

Scheda numero 3
Unit 4 - Sezione C4, Attivit di fissaggio

Caio Giulio Cesare (1)....................... a Roma nel 100


a.C. dallantica e nobile gens Julia discendente di
Enea e, secondo il mito, della dea Venere.
A sedici anni (2)....................... per lOriente e quando
(3)......................., due anni dopo, spos Cossuzia, la rinneg e (4)....................... in moglie la bella Cornelia.
Ci gli (5)....................... molti problemi e lo costrinse a
fuggire di nuovo in Oriente dove fece importanti
esperienze militari.
Dalle guerre in Spagna riport un bottino enorme e
quando (6)....................... a Roma (7)....................... unalleanza privata, il Primo Triumvirato, con Crasso e
Pompeo, per la conquista completa del potere.
Intanto Cesare chiese ed (8)....................... il consolato
della Gallia: un territorio cos importante gli serviva
a compiere gesta militari di grande impatto e aspirare quindi al supremo potere. I fatti (9)....................... i
suoi calcoli, infatti (10)....................... grandi successi e
(11)....................... a sconfiggere anche il potente Vercingetorige con pochissime perdite fra i soldati romani. Lo stesso Cesare (12)....................... questa sua celebre campagna militare nel De bello gallico.

uccisero
fece

descrisse

torn

confermarono
nomin

58

adott

entr

fugg

marci

Dopo la morte di Crasso ci (13)....................... grandi


contrasti con Pompeo che portarono alla guerra civile.
Cesare (14)....................... su Roma e il senato lo
(15)....................... dittatore.
Pompeo (16)....................... in Egitto. Cesare lo
(17)....................... e in Egitto (18)....................... Cleopatra
con la quale (19)................... unintensa storia damore.
Nel 45 (20)....................... trionfante nella citt di Roma
e da quel momento (21)....................... il potere di un
sovrano assoluto.
LUrbe gli attribu onori straordinari, ad esempio la
facolt di portare sempre labito del trionfatore, di
sedere su un trono aureo e di coniare monete con il
suo volto.
Cesare (22)....................... molte riforme economiche, promosse numerose opere pubbliche, (23)....................... il
nuovo calendario solare.
Il suo enorme potere e prestigio (24)....................... per la
causa di forti risentimenti negli ambienti repubblicani
pi tradizionalisti.
I senatori Cassio e Bruto si unirono in una congiura e
(25)...................... Cesare il 15 marzo del 44 a. C.

ebbe

conobbe

strinse

nacque

insegu

ebbe

prese

ottenne

ebbe

furono

part

cre

riusc

furono

torn

59

velocemente

chiaramente

naturalmente

misteriosamente

leggermente

pericolosamente

debolmente

perfettamente

Scheda numero 4
Unit 4 - Sezione D5, Attivit di fissaggio

semplicemente

noiosamente

raramente

lentamente

specialmente

altamente

fortemente

duramente

seriamente

anticamente

gentilmente

terribilmente

magnificamente

genialmente

comodamente

dolcemente

Scheda numero 5
Unit 4 - I PROMESSI SPOSI
Presto ci
sposeremo!

Fermate quel prete!


Scappiamo,
figlia mia!

Vai, sei libera!

60

Scheda numero 6
Unit 4 - Grammatica e Lessico

Il passato remoto (verbi regolari)


-are

-ere

-ire

andai

credei (-etti)

.............................

andasti

.............................

capisti

and

cred (-.............)

cap

.............................

credemmo

.............................

andaste

.............................

capiste

.............................

crederono (-ettero)

capirono

Il passato remoto (verbi irregolari I)


avere

essere

ebbi

.............................

.............................

fosti
fu

dare

.............................

foste
furono

diedi (.............................)
desti
diede (dette)
demmo
deste
............................. (dettero)

dire

fare

stare

.............................

feci
facesti

.............................

ebbe
avemmo
aveste

dicesti
disse
dicemmo

.............................

.............................

facemmo
faceste

stesti
stette
stemmo
steste

dissero

.............................

.............................

.............................

61

Il passato remoto (verbi irregolari II)


molti verbi in -dere e -ndere
verbo

io

tu

lui/lei/Lei

noi

voi

loro

chiedere

........................

chiedesti

chiese

........................

chiedeste

chiesero

chiudere

chiusi

........................

chiuse

........................

chiudeste

chiusero

decidere

........................

decidesti

decise

decidemmo

........................

decisero

prendere

presi

........................

prese

prendemmo

prendeste

........................

rispondere

........................

rispondesti

rispose

rispondemmo

........................

risposero

molti verbi in -ncere e -ngere


vincere

vinsi

........................

........................

vincemmo

vinceste

vinsero

convincere

........................

convincesti

convinse

convincemmo

convinceste

........................

piangere

piansi

piangesti

........................

........................

piangeste

piansero

molti verbi in -gliere


scegliere

scelsi

scegliesti

........................

scegliemmo

sceglieste

........................

togliere

tolsi

........................

tolse

........................

toglieste

tolsero

Il trapassato remoto
Cambiai idea dopo che mi .............................................. raccontato tutto.
Solo quando i giornalisti furono entrati, il presidente inizi a parlare.

Avverbi di modo

62

vero-vera

veramente strano quello che ha detto.

sincero-sincera

.............................

ovvio-ovvia

Lui ovviamente ha negato tutto.

deciso-decisa

Fulvio ............................. simpatico.

forte

Ha fortemente difeso le sue idee.

apparente

.............................

veloce

Devi agire quanto pi velocemente puoi.

difficile

.............................

finale

Sono arrivati? Finalmente!

particolare

Sono ............................. curioso.

non mi va di uscire.

ha fatto un ottimo lavoro.

-a

-e

mi fido di lui.

-le
-re

Elementi comunicativi - Dare dei consigli per mantenersi in forma e stare bene
e lessicali
- Permettere, tollerare
- Parlare delle proprie abitudini in relazione al viver sano
- Parlare dello stress e delle cause che lo provocano
- Discipline sportive
Elementi grammaticali - Congiuntivo presente
- Congiuntivo passato
- Congiuntivo presente: verbi irregolari
- Uso del congiuntivo I
- Uso del congiuntivo II
- Concordanza dei tempi del congiuntivo
- Alcuni dubbi sulluso del congiuntivo
Civilt

Lo sport in Italia

Materiale necessario

Sezione A, punto 5, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 1 a


pagina 72
Sezione A, punto 7, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 2 a
pagina 73
Sezione B, punto 4, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 3 a
pagina 74 e alcuni dadi
Sezione C, punto 4, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 4 a
pagina 75
Sezione D, punto 5, attivit ludica: alcune fotocopie della scheda numero 5 a pagina 76
LA GRANDE FOTO: alcune fotocopie della scheda numero 6 a pagina 77 e dei fogli
formato A3
Grammatica: alcune fotocopie della scheda numero 7 alle pagine 78, 79 e 80

Per cominciare...
1
- Scrivete alla lavagna:
Stare bene
- Chiedete agli studenti cosa significa stare bene per
loro: essere in salute, fare sport, avere denaro, avere una famiglia, un lavoro, una bella casa, tanti
amici, tempo libero, mangiare bene ecc. Se volete,
potete fare una classifica tra i fattori che i corsisti
considerano importanti per raggiungere il massimo
livello di benessere.
- Fate lavorare gli studenti in coppia: il compito
consiste nellascoltare le battute di Elisabetta cercando di capire che problemi ha Pierluigi e che
soluzioni gli propone lei.

- Ricopiate alla lavagna la tabella contenuta nel Libro dello studente:


problema / abitudine

soluzione proposta

- Dopo un paio di ascolti invitate gli studenti a suggerirvi gli elementi con cui completare la tabella e
trascriveteli alla lavagna.
Soluzione: problema/abitudine: Pierluigi ha una faccia stanca, non dorme abbastanza, stressato, non fa
colazione al mattino, non fa sport, pigro; soluzione
proposta: fare colazione la mattina, fare jogging il fine settimana, prendere delle vitamine
2
- Ritornate sulla discussione iniziale relativa allo
stare bene. Nel dialogo si parla di benessere fisico:
secondo gli studenti quale abitudine di Pierluigi fa
pi male alla salute? E quale consiglio di Elisabet63

ta pi importante? Lasciate che i corsisti esprimano le proprie opinioni a proposito.


3
- Fate ascoltare lintero dialogo chiedendo ai corsisti di indicare le affermazioni in esso presenti.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 2, 3, 7, 9, 10

A Sei troppo stressato!


1
- Osservate le illustrazioni sulla pagina: cosa fanno
le persone raffigurate? A quali sport si dedicano?
- Lasciate agli studenti un po di tempo per leggere
il dialogo e verificare le proprie risposte allattivit precedente.
2
- In coppia gli studenti rileggono il dialogo e scelgono le affermazioni giuste.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. b, 2. a, 3. b
3
- Fate lavorare gli studenti individualmente e chiedete loro di completare il dialogo tra Chiara e Pierluigi scegliendo tra i verbi dati.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: sia, cambi, bastino, facciano, abbia preso,
faccia
4
- Invitate gli studenti a rispondere in coppia alle domande, quindi procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. Pierluigi ha deciso di cambiare le sue
abitudini, quindi di ricominciare ad andare in palestra, dormire di pi, guardare meno la TV e comprare degli integratori; 2. Chiara e Elisabetta pensano
che Pierluigi sia un po stressato, abbia delle cattive
abitudini alimentari, faccia troppo poco movimento,
dorma troppo poco
5
- Scrivete alla lavagna le seguenti frasi estratte dal
dialogo introduttivo e sottolineate i verbi delle frasi secondarie:
logico che tu non abbia energie.
Penso proprio che sia pi semplice che fare jogging.
64

- Riflettete in plenum: qual linfinito dei due verbi


sottolineati? In questo caso abbiamo i verbi avere
e essere coniugati al congiuntivo presente. Ricopiate alla lavagna la tabella contenente i verbi regolari al congiuntivo presente, sottolineatene le desinenze e fatevi suggerire dagli studenti le voci
mancanti, come indicato di seguito:

parlare

prendere

partire

parli
parli
parli
parliamo
parliate
parlino

prenda
prenda
prenda
prendiamo
prendiate
prendano

parta
parta
parta
partiamo
partiate
partano

- Per quanto riguarda le forme, potete evidenziare


che la desinenze delle tre persone singolari della
prima coniugazione sempre -i mentre per la seconda e la terza coniugazione sempre -a. La forma della 1 persona plurale coincide con quella
dellindicativo presente. Laccento tonico della 1
e 2 persona plurale sulla penultima sillaba mentre la 3 persona plurale ha laccento sulla terzultima sillaba.
- Scrivete alla lavagna le seguenti frasi:
Angela pensa che parliate molto.
Secondo Angela parlate molto.
- Le due frasi hanno lo stesso significato per sono
strutturate diversamente: la prima composta da
due periodi, uno principale Angela pensa e uno dipendente che parliate molto, la seconda da un unico periodo indipendente. Ci ci permette di osservare un fatto importante, ovvero che il congiuntivo
compare nelle frasi dipendenti che non hanno lo
stesso soggetto della frase principale.
- Per quanto riguarda la prima frase, questa presenta nella reggente Angela pensa il verbo pensare,
ovvero un verbo che esprime la soggettivit e non
la realt oggettiva. Possiamo quindi affermare che
il congiuntivo un modo verbale utilizzato in frasi
dipendenti da una reggente il cui verbo appartiene
alla sfera della soggettivit. Per rendere pi chiaro
il concetto potete fare alcuni esempi di verbi legati alla sfera soggettiva, ad esempio: pensare, sospettare, temere, credere, immaginare, avere paura, volere, sperare, piacere, supporre, dubitare ecc.

Attivit di fissaggio
- Fotocopiate la scheda numero 1 a pagina 73. Dividete la classe in gruppi di quattro persone e consegnate una copia ad ogni gruppo.
- Allinterno di ogni gruppo gli studenti si suddividono ulteriormente in due coppie rivali: il compito
consiste nel formare a turno delle frasi di senso
compiuto estraendo, ovvero scegliendo, un elemento per ciascun cassetto delle frasi principali e
delle frasi dipendenti. Attenzione, solo la scelta del
soggetto della frase principale completamente libera, perch poi gli elementi devono naturalmente
essere abbinati in modo che le frasi abbiano un
senso compiuto. Mano a mano che un elemento
stato estratto deve essere cancellato perch non
pu essere utilizzato pi volte. Se una coppia non
riesce a formare una frase dice PASSO e lascia il
turno agli avversari.
- Procedete con il riscontro in plenum: in ogni gruppo, naturalmente, vince la coppia che al termine ha
il maggior numero di frasi di senso compiuto,
grammaticalmente corrette.
Possibili soluzioni: Io credo che Luca mangi troppo,
Voi aspettate che i bambini tornino da scuola, Francesco pensa che Laura sia la donna ideale, Noi riteniamo che gli appartamenti in centro siano molto cari, La polizia sospetta che lassassino sia un conoscente, Io immagino che il futuro sia sempre migliore, La ragazza aspetta che il ragazzo le mandi un messaggio, Gli studenti pretendono che il professore spieghi in maniera chiara, Tu speri che Chiara parta il pi
tardi possibile
6
- Fate lavorare gli studenti in coppia: il compito
consiste nel formare delle frasi coniugando il verbo tra parentesi al congiuntivo.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. parta, 2. lavori, 3. riceva, 4. abbiate, 5.
arriviamo, 6. si preoccupi
7
- Scrivete alla lavagna le seguenti frasi e sottolineate i verbi:

secondarie compare il verbo ausiliare avere al congiuntivo presente seguito dai participi passati mangiato e preso. Potete aggiungere unaltra frase, ovvero:
Sono contento che siate riusciti
a superare il test finale.
- In questo caso il verbo ausiliare della dipendente
essere coniugato al congiuntivo presente e seguito
dal participio passato di riuscire. Le tre frasi presentano nella dipendente il congiuntivo passato
che si forma appunto con il congiuntivo presente
degli ausiliari essere o avere seguiti dal participio
passato del verbo. Come sempre, per lausiliare
essere necessario accordare il participio passato
con il soggetto.
Attivit di fissaggio
- Fotocopiate la scheda numero 2 a pagina 73 e consegnatene una copia ad ogni studente. Il compito
consiste nello scegliere un compagno di classe o il
proprio vicino di banco e compilare la lista delle
domande facendo congetture sul suo conto, ovvero
cosa si pensa abbia fatto, mangiato ecc. secondo
quanto richiesto dai diversi quesiti. Naturalmente
le risposte dovranno iniziare con un verbo della
soggettivit quale ad esempio pensare, credere,
sperare ecc. ed essere formulate, come indicato
dallesempio, con il congiuntivo passato. Al termine, ogni studente potr controllare se le proprie
ipotesi corrispondono al vero intervistando direttamente la persona rispetto alla quale sono state formulate le supposizioni. Volendo, lattivit pu essere trasformata in una gara: si assegna un punto
per ogni ipotesi giusta e naturalmente il vincitore
sar colui che somma il maggior numero di punti!

B Fa come vuoi!
1
- Fate ascoltare le registrazioni esortando gli studenti ad abbinare i mini dialoghi alle foto, ricordando
loro che c una foto in meno.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione immagini da sinistra a destra e dallalto
verso il basso: 5, 4, 2, 1

Dubito che tu abbia mangiato qualcosa.


Sono contenta che tu abbia preso decisioni cos importanti.
- Riflettete in plenum: in questo caso nelle due frasi

2
- Effettuate un secondo ascolto chiedendo ai corsisti
di completare gli spazi con le espressioni appena
sentite.
65

- Procedete con il riscontro in plenum.


Soluzione: 1. nessun problema, 2. Fa come ti pare, 3.
Per me va bene, 4. Fa come vuoi, 5. Fai pure
3
- Invitate i corsisti ad assumere i ruoli di A e B e a
svolgere il role-play indicato nel Libro dello studente.
- In plenum lasciate che gli studenti riferiscano alcune delle battute che hanno utilizzato nelle varie
situazioni indicate!
4
- Scrivete alla lavagna:
essere - sia

avere - abbia

- I due verbi presentano un congiuntivo irregolare


gi noto alla classe. Aggiungete altri verbi irregolari al congiuntivo presente, ad esempio:
andare

fare

venire

vada

faccia

venga

vado

faccio

vengo

Congiuntivo presente:

Indicativo presente:

- Questi tre esempi permettono di evidenziare come


in molti verbi ad alta frequenza duso, le forme
irregolari del congiuntivo presente mostrino una
analogia con le forme irregolari dellindicativo presente. Se un verbo irregolare allindicativo presente, lo anche al congiuntivo presente. In ogni
caso lanalogia non riguarda tutti i verbi irregolari:
infatti, come mostra la tabella, esistono delle forme irregolari di congiuntivo presente che si differenziano molto dallindicativo presente, ad esempio:
dare

sapere

stare

dia

sappia

stia

do

so

sto

Congiuntivo presente:

Indicativo presente:

- A questo punto potete lasciare agli studenti un po


di tempo per consultare la lista di verbi irregolari
al congiuntivo presente in Appendice a pagina 185
del Libro dello studente.
66

Attivit di fissaggio
- Fotocopiate la scheda numero 3 a pagina 74 e consegnatene una copia ad ogni coppia di studenti. Distribuite anche un dado per coppia.
- Spiegate le regole del gioco:
- uno studente inizia lanciando il dado e coniuga il
primo verbo della lista al congiuntivo presente e
alla persona indicata dalla faccia del dado (1 = 1
persona singolare, 5 = 2 persona plurale), scrivendolo sulla linea accanto allinfinito e inserendo accanto il numero tirato, come indicato dallesempio;
- se il compagno daccordo sulla correttezza del
verbo coniugato, lo studente che ha tirato il dado
pu inserire una crocetta o un pallino (X oppure O)
nel primo dei tre quadranti destinati al filetto. Se i
due studenti non sono sicuri della correttezza della
voce verbale possono rivolgersi allinsegnante;
- il gioco passa al compagno che, a sua volta, lancia
il dado, coniuga il verbo a seconda del risultato del
lancio e, se il verbo corretto, acquisisce il diritto di
inserire il suo segno nel quadrante del filetto;
- lo scopo quello di inserire tre dei propri simboli consecutivamente in orizzontale, verticale o diagonale nei quadranti del filetto. Ci sono tre quadranti a disposizione e naturalmente vince chi fa
pi filetti. Se dopo tre manches si ancora sullo 0
a 0, si continua fino al primo filetto fatto. Per questo motivo consigliabile invitare gli studenti a
scrivere con la matita per poter eventualmente cancellare e utilizzare pi volte i quadranti.
5
- Invitate gli studenti a lavorare in coppia: il compito consiste nel completare le frasi coniugando il
verbo tra parentesi al congiuntivo presente.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. venga, 2. stiano, 3. andiate, 4. debba, 5.
dia, 6. faccia

C Come mantenersi giovani


1
- Leggete insieme la lista di abitudini di vita riportata nella tabella verde, quindi invitate gli studenti a
separare le buone abitudini che ci mantengono giovani pi a lungo dalle cattive abitudini che ci fanno
invecchiare pi rapidamente, inserendole negli appositi spazi.
- Procedete con il riscontro in plenum.

2
- Invitate gli studenti a ricopiare la lista delle buone
e delle cattive abitudini. In corrispondenza di
ognuna di esse i corsisti metteranno un visto
qualora labitudine appartenga al loro stile di vita.
Lasciate quindi un po di tempo per discutere in
piccoli gruppi delle proprie abitudini: gli studenti
pensano di condurre una vita sana?
- Riportate la discussione in plenum e lasciate che
gli studenti riferiscano le loro opinioni.
- Gli studenti lavorano in coppia: questa volta si
tratta di darsi reciprocamente dei consigli utili a
migliorare lo stile di vita dellaltro.
- A proposito di alimentazione: quali sono i cibi preferiti in classe? Cosa pensano gli studenti del fast
food? Invitate i corsisti ad osservare lillustrazione:
cosa lo Spizzico? Spizzico una catena di fast
food allitaliana dove possibile mangiare men
veloci per lo pi a base di pizza e insalate. Lo si trova
soprattutto nei grandi centri commerciali e negli
autogrill in autostrada. Il nome stesso ha a che vedere con il mangiare, infatti spizzico viene dal verbo
spizzicare, ovvero mangiare in maniera rapida delle piccole quantit di alimenti diversi. Quali altre
catene di questo tipo sono note in classe? Gli studenti ne usufruiscono? Oppure preferiscono altro?
- Come ultimo quesito, chiedete agli studenti se, dopo la discussione, sono intenzionati a cambiare
qualcosa del proprio stile di vita, oppure procedete con lattivit alternativa indicata di seguito.
Attivit alternativa
- Disegnata alla lavagna la tabella seguente:

La lista dei buoni propositi


voglio smettere di...

voglio cominciare a...

- Ci sono abitudini che gli studenti sono intenzionati a cambiare? Quale di queste vorrebbero abbandonare e quale adottare in futuro? Lasciate ad ognuno il tempo per riflettere e compilare la lista dei
buoni propositi, quindi in plenum fatevi riferire le
decisioni prese e riportatele in tabella. In caso di
propositi condivisi da pi studenti aggiungerete un
asterisco per ogni individuo cosicch al termine
potrete rapidamente rilevare una piccola statistica
di buone intenzioni!
3
- Invitate i corsisti a scrivere una lettera ad un amico
al quale annunciano la propria intenzione di cambiare stile e ritmo di vita, motivandone le ragioni.
Tale attivit potr essere svolta sia come compito a
casa che in classe. In entrambi i casi chiedete agli
studenti di consegnarvi i propri elaborati affinch
possiate restituirli corretti.
4
- Osservate la tabella in cui vengono mostrati alcuni
usi del congiuntivo: potete ribadire quanto precedentemente affermato, ovvero che il congiuntivo
compare in frasi dipendenti da altre il cui verbo ha
un soggetto diverso da quello della frase dipendente ed legato alla sfera soggettiva. In maniera pi
dettagliata, i verbi della soggettivit sono quelli attraverso i quali si esprime unopinione, lincertezza, la volont, uno stato danimo, la speranza, lattesa, la paura ecc. Questi si contrappongono ai verbi che esprimono certezza o oggettivit, i quali richiedono invece luso dellindicativo, come possiamo vedere nelle frasi Sono sicuro che lui un
amico, So che partito ieri, chiaro che hai ragione, riportate in tabella.
- Invitate gli studenti ad effettuare i collegamenti
richiesti nel testo tra i diversi aspetti della soggettivit e i verbi ad essi relativi, quindi procedete con
il riscontro in plenum consultando lAppendice a
pagina 185.
- Passate ad analizzare un altro aspetto relativo alluso del congiuntivo, scrivendo alla lavagna le seguenti frasi:
Pare che siano ricchi sfondati.
bene che siate venuti presto.
probabile che lei sappia gi tutto.
- In questo caso siamo di fronte al verbo impersonale parere seguito da che nella prima frase e dal ver67

bo essere seguito dallavverbio bene, e dallaggettivo probabile pi che nella seconda e terza frase.
Ci ci permette di affermare che si usa il congiuntivo anche con i verbi impersonali (sembra,
pare, occorre, bisogna, importa, basta) seguiti da
che e con il verbo essere seguito da avverbio o aggettivo + che. Anche in questo caso potete richiamare lattenzione degli studenti sulla lista delle
forme che richiedono il congiuntivo a pagina 185.

2
- Fate lavorare gli studenti in coppia: il compito
consiste nellascoltare lintervista allistruttore di
una palestra, prendere appunti e confrontarli con
quelli del compagno.
3
- Fate ascoltare di nuovo lintervista e invitate gli
studenti ad indicare le affermazioni corrette.

Attivit di fissaggio
- Fotocopiate la scheda numero 4 a pagina 75 e consegnatene una copia ad ogni studente. Il compito si
divide in due fasi: durante la prima fase i corsisti
completano le frasi contenute nella tabella in alto
esprimendo i propri desideri, timori, opinioni, speranze, incertezze. Naturalmente dovete ricordare
agli studenti che la frase secondaria da loro formulata dovr avere un soggetto diverso da quello della principale. Nella seconda fase gli studenti intervistano un compagno e completano la tabella in
basso con i suoi desideri, timori, opinioni, speranze, incertezze. Anche in questo caso la frase principale e la secondaria dovranno avere un soggetto
diverso.

- Procedete con il riscontro in plenum.


Soluzione: 1. d, 2. b, 3. b, 4. a

- Al termine gli studenti riferiscono in plenum cinque loro frasi e cinque frasi del compagno che ritengono maggiormente interessanti o maggiormente condivise.

- Riflettete insieme: nelle due frasi il congiuntivo


compare in frasi dipendenti ed introdotto dalle
congiunzioni nonostante e affinch. La prima frase
pu essere formulata diversamente, infatti possiamo dire:

5
- Chiedete agli studenti di lavorare in coppia: il compito consiste nel riformulare le frasi secondo lesempio, usando il congiuntivo laddove necessario.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. Sono certo che i nuovi giocatori sono
veramente bravi, 2. giusto che decida sempre lui, in
fin dei conti il capo!, 3. Dubito che Anna ce labbia
fatta da sola, 4. Bisogna che tu faccia presto! Siamo
gi in ritardo, 5. Sai se vengono anche gli zii per le
feste?, 6. Spero che la lezione stia finendo... sono
stanco morto

D Viva la salute!
1
- Invitate gli studenti ad osservare le illustrazioni:
cosa stanno facendo le persone raffigurate? Quali
sono gli sport preferiti degli studenti? Quali i meno
amati? Perch?
68

4
- Copiate alla lavagna le seguenti affermazioni e sottolineate nonostante, affinch e i verbi delle due
frasi dipendenti:
C chi si iscrive ad una palestra
nonostante finisca di lavorare tardi.
La palestra offre molti servizi affinch i clienti
possano scegliere le attivit che preferiscono.
- Innanzitutto chiedete agli studenti a quali punti
dellattivit precedente si riferiscono le due frasi.
Soluzione: a. 3, b. 2

C chi si iscrive ad una palestra


nonostante finisca di lavorare tardi.
C chi si iscrive ad una palestra
anche se finisce di lavorare tardi.
- Ancora una volta possiamo affermare che luso del
congiuntivo maggiormente una questione di forma della frase, infatti indispensabile utilizzarlo in
presenza di alcune congiunzioni, ad esempio nonostante, il cui significato per pu essere espresso anche con altre congiunzioni, ad esempio anche
se, seguite dallindicativo.
5
- Ampliate la riflessione osservando la tabella. Questa offre una lista di congiunzioni che richiedono
luso del congiuntivo.
- Esortate gli studenti a consultare lAppendice a pagina 186 per prendere visione delle altre forme che
richiedono il congiuntivo.

Attivit ludica
- Fotocopiate la scheda numero 5 a pagina 76. Da
ogni copia ritagliate i cartellini lungo le linee tratteggiate e ricavate due mazzi di carte. Le carte di
ogni mazzo devono avere tutte un simbolo diverso
luna dallaltra. Gli studenti lavorano in coppia e
ricevono ognuno uno dei due mazzi ricavati dalla
stessa fotocopia. Il primo studente gioca una carta
e completa la frase in essa contenuta, ad esempio
Vengo alla festa sebbene sia stanco. Il compagno
deve giocare la carta contenente lo stesso simbolo
e lo stesso inizio di frase e completare a sua volta
in maniera diversa, ad esempio Vengo alla festa
nonostante domani ci sia lesame. Se il completamento giusto pu tenere la carta e prendersi anche quella precedentemente giocata dal compagno.
A questo punto lui a dover giocare per primo una
carta e completare la frase. Il suo compagno ha
per la possibilit di rubargli la carta giocando
quella che contiene lo stesso simbolo e completando la frase in essa contenuta.
- Naturalmente vince chi, al termine, in possesso
del maggior numero di carte.
6
- Gli studenti individualmente completano le frasi
con le congiunzioni date.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. purch, 2. sebbene/nonostante, 3. senza
che, 4. affinch, 5. nonostante/sebbene
7
- Scrivete alla lavagna:
Credo che Laura faccia un buon lavoro.
Credo che Laura abbia fatto un buon lavoro.
- In queste due frasi il tempo della dipendente diverso, infatti abbiamo il congiuntivo presente faccia e il congiuntivo passato abbia fatto. Il tempo di
una frase dipendente cambia in funzione del tempo
della reggente e del rapporto cronologico tra dipendente e reggente, ovvero a seconda del fatto che
lazione della dipendente sia anteriore, contemporanea o posteriore a quella della reggente.
Se il tempo della reggente il presente, nella dipendente avremo un congiuntivo presente o un indicativo futuro in caso di azione posteriore alla dipendente, Credo che Laura faccia / far un buon
lavoro; un congiuntivo presente se lazione della
dipendente contemporanea a quella della reggen-

te, Credo che Laura faccia un buon lavoro; un


congiuntivo passato se lazione della dipendente
anteriore a quella della reggente, Credo che Laura
abbia fatto un buon lavoro.

E Attenti allo stress!


1
- Discutete in plenum: chi si sente stressato? Cosa
ritenuto stressante dagli studenti? Compilate una
lista di fattori stressanti alla lavagna e lasciate
che gli studenti raccontino del modo in cui reagiscono allo stress.
2
- Passate ad osservare la lista di fattori stressanti elaborata da un gruppo di psicologi. Quali fattori corrispondono a quelli elencati precedentemente?
Quali sono, secondo gli studenti, i cinque fattori
che causano maggiore stress tra quelli indicati? Lasciate che gli studenti ne discutano in coppia e si
confrontino con altre coppie, invitandoli a consultare la lista in Appendice a pagina 195.
3
- Fate ascoltare due o tre volte i brani registrati e
chiedete agli studenti di prendere appunti a proposito della situazione affrontata dalle quattro persone intervistate.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione suggerita: Alfredo R., 30 anni: stressato perch sta divorziando dalla moglie e deve cercare anche una nuova casa; Paola L., 24 anni: si
sposer tra un mese, ma ha ancora molte cose da
fare (completare la lista degli invitati, scegliere il
vestito, prenotare il ristorante e scegliere il men);
Pietro M., 19 anni: ha lesame di maturit e non sa
che facolt scegliere dopo la fine della scuola; Domenico F., 28 anni: preoccupato perch tra una
settimana arriver il nuovo direttore nel suo ufficio
e dicono che sia una persona molto esigente.
4
- Fate ascoltare nuovamente i brani invitando gli
studenti a consultare contemporaneamente la graduatoria in Appendice a pagina 195: chi il pi
stressato degli intervistati a parere dei corsisti?
5
- Gli studenti lavorano in coppia: il compito consiste nellosservare i disegni e raccontare la storia,
oralmente o per iscritto.
69

- In plenum lasciate che le coppie riferiscano la loro


versione dei fatti!
6
- Richiamate lattenzione degli studenti sulla foto
contenuta nel testo e spiegate che si tratta di Umberto Eco, ovvero di uno degli scrittori e intellettuali pi importanti nel panorama della cultura
italiana dei nostri tempi. Nato ad Alessandria nel
1932, Eco docente universitario e studioso di
estetica, interessato allarte di avanguardia e alle
forme della cultura di massa, pubblicista, semiologo e scrittore. Come autore di fama internazionale si affermato con Il nome della rosa del
1980, un romanzo ambientato in un monastero
medievale che narra le rivalit e gli scontri per il
potere intrecciati intorno alla biblioteca del monastero.
- Lasciate agli studenti un po di tempo per leggere
il brano di Umberto Eco e sottolineare le parole
che non conoscono.
- Invitate i corsisti a consultarsi con il compagno di
destra e sinistra al fine di aumentare il proprio
livello di comprensione.
- Chiedete agli studenti di indicare, tra quelle date,
le cinque affermazioni veramente presenti nel brano.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 2, 3, 4, 6, 7
- Scrivete alla lavagna:
parlare con il muro
- Cosa significa questa espressione secondo gli studenti? Spiegate che si tratta di una frase molto utilizzata per descrivere un contesto in cui una persona si rivolge ad unaltra che non capisce o perch
non ascolta o perch non ha i mezzi o la volont
per farlo. Gli aspetti ironici del brano sono tutti
giocati sulla impossibilit di comprensione tra due
persone che pure parlano la stessa lingua, ma non
riescono a capirsi per mancanza di una serie di
conoscenze condivise. Chiedete agli studenti se si
sono mai trovati in situazioni simili e invitateli a
raccontare le proprie esperienze.
7
- Chiedete agli studenti per quale motivo, secondo
loro, Umberto Eco non ama andare allo stadio, se
a loro piace o meno e perch.
70

8
- Richiamate lattenzione degli studenti sulla tabella
relativa agli usi del congiuntivo. Qui vengono ricapitolati i casi in cui non si usa il congiuntivo, ovvero: quando c identit di soggetto tra la frase principale e quella dipendente; con le espressioni impersonali e il verbo essere seguiti da infinito; quando la
soggettivit espressa mediante espressioni quali
secondo me, forse, probabilmente e non attraverso
un verbo della frase principale, e con alcune congiunzioni quali anche se, poich, dopo che ecc.

F Vocabolario e abilit
1
- Chiedete agli studenti di osservare le illustrazioni
e abbinare gli oggetti ai vari sport.
- In plenum procedete con il riscontro e invitate gli
studenti a riferire le loro opinioni a proposito di
ogni sport.
Soluzione da sinistra a destra: calcio, pallavolo, pallacanestro, tennis, ciclismo, nuoto
2
- Fate ascoltare il brano dellesercizio 22 a pagina
60 del Quaderno degli esercizi e invitate gli studenti a segnare le affermazioni esatte.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. c, 2. b, 3. c, 4. c 3
3
- Chiedete ai corsisti di assumere i ruoli di A e B e
svolgere il dialogo relativo alla situazione indicata.
- Chiedete agli studenti chi ha avuto le tesi pi convincenti per stimolare laltro a perdere peso e chi
invece le scuse pi originali per sottrarsi ai sacrifici fisici e alimentari proposti!
4
- Fate sviluppare ai corsisti il tema indicato per
iscritto. Tale attivit potr essere svolta sia come
compito a casa che in classe. In entrambi i casi
chiedete agli studenti di consegnarvi i propri elaborati affinch possiate restituirli corretti o, se preferite, fate un riscontro in plenum e rispondete agli
eventuali quesiti che gli studenti vorranno porvi.
Conosciamo lItalia
- Invitate gli studenti a leggere individualmente il
testo sullo sport in Italia e a indicare quali afferma-

zioni sono corrette tra quelle date. A tale scopo


esortateli ad avvalersi dellaiuto offerto dal glossario a pagina 83 ed eventualmente di un buon dizionario.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. b, 2. a, 3. c
- Esortate gli studenti ad usufruire delle attivit online previste dallunit 5.
Autovalutazione
- Invitate gli studenti a svolgere individualmente il
test di autovalutazione e a controllare le soluzioni
a pagina 203 del Libro dello studente.

Grammatica
- Fotocopiate la scheda numero 7 alle pagine 78, 79
e 80, distribuite le fotocopie agli studenti e chiedete di completarle con gli elementi grammaticali
mancanti.
- Fate confrontare il risultato prima con il compagno
di banco e poi con gli schemi presenti nel testo nel
corso dellunit 5.
- Lasciate agli studenti il tempo per concentrarsi su
questa attivit di ripetizione e controllo e invitateli a riferire eventuali dubbi o argomenti che non
sono chiari per poterli discutere in plenum.

LA GRANDE FOTO
- Fotocopiate la scheda numero 6 a pagina 77. Dividete la classe in gruppi e consegnate una copia ad
ogni gruppo insieme ad un foglio formato A3.
- Invitate gli studenti a rispondere alle domande sulla foto dando la loro interpretazione dellimmagine. Esortateli ad essere il pi possibile fantasiosi o
stravaganti o ironici. Il foglio formato A3 serve per
prendere appunti in merito alla discussione e alle
opinioni condivise da tutto il gruppo relativamente ai vari quesiti.
- Invitate ogni gruppo ad inviare uno studente in cattedra o alla lavagna per riferire agli altri la versione dei fatti elaborata dal gruppo che rappresenta.

71

72

noi

la polizia

Francesco
tu

io

Il cassetto della frase principale

Soggetti

io

voi

pretendere
ritenere
aspettare

Verbi

credere
immaginare
sperare

tornare
essere
partire

Verbi

mangiare
essere
spiegare

Il cassetto della frase dipendente

Soggetti

Luca il ragazzo i bambini Laura


lassassino gli appartamenti in centro
Chiara il professore il futuro

mandare
essere
essere

pensare
aspettare
sospettare

Complementi

un messaggio molto cari troppo


la donna ideale in maniera chiara
sempre migliore un conoscente
da scuola il pi tardi possibile

...................................... che ......................................

gli studenti

la ragazza

Scheda numero 1
Unit 5 - Sezione A5, Attivit di fissaggio

Scheda numero 2
Unit 5 - Sezione A7, Attivit di fissaggio

Penso che...

Cosa ha mangiato ieri sera?

Penso che abbia mangiato una pizza.

Dove andato lo scorso fine settimana?

.....................................................................................

Quando ha fatto sport lultima volta?

.....................................................................................

Qual lultimo film che ha visto?

.....................................................................................

Cosa ha cucinato recentemente?

.....................................................................................

A che ora andato a letto ieri sera?

.....................................................................................

A che ora si alzato stamattina?

.....................................................................................

Cosa ha regalato a ............... per il suo compleanno? .....................................................................................


Dove ha conosciuto ............... ?

.....................................................................................

Quando ha telefonato a ............... lultima volta?

.....................................................................................

Dove andato in vacanza lanno scorso?

.....................................................................................

Come si intitola lultimo libro che ha letto?

.....................................................................................

Perch ha deciso di studiare litaliano?

.....................................................................................

Quante ore ha studiato italiano la settimana scorsa? .....................................................................................


Quanto migliorato il suo italiano ultimamente?

.....................................................................................

73

Scheda numero 3
Unit 5 - Sezione B4, Attivit di fissaggio

Esempio:

74

numero (n.) 6 = vadano

andare

andare:

n. 6

= vadano

andare:

n. = .......................................

dire:

n. = .......................................

fare:

n. = .......................................

venire:

n. = .......................................

potere:

n. = .......................................

dare:

n. = .......................................

dovere:

n. = .......................................

sapere:

n. = .......................................

stare:

n. = .......................................

salire:

n. = .......................................

uscire:

n. = .......................................

avere:

n. = .......................................

essere:

n. = .......................................

volere:

n. = .......................................

tenere:

n. = .......................................

scegliere:

n. = .......................................

spengere:

n. = .......................................

tradurre:

n. = .......................................

proporre:

n. = .......................................

Scheda numero 4
Unit 5 - Sezione C4, Attivit di fissaggio

Sono felice che...


Sono felice che
Aspetto che
Penso/Credo che
Ho paura che
Voglio che
Non voglio che
Spero che
Non sono sicuro che
Bisogna che
bene che
necessario che
inutile che
impossibile che

felice che...
felice che
Aspetta che
Crede/Pensa che
Ha paura che
Vuole che
Non vuole che
Spera che
Non sicuro che
Secondo lui/lei bisogna che
Secondo lui/lei bene che
Secondo lui/lei necessario che
Secondo lui/lei inutile che
Secondo lui/lei impossibile che
75

76

Cambio lavoro basta che


...........................................................

Ti presto gli appunti a condizione Cambio lavoro a patto che


che ....................................................

Ho affittato un DVD qualora


...........................................................

Voglio tornare a casa affinch


...........................................................

...........................................................

Ho affittato un DVD nel caso in cui

...........................................................

Voglio tornare a casa prima che

...........................................................

...........................................................

Devi parlare perch

che .................................. ........... ...........................................................

Puoi comprare quel regalo a meno Puoi comprare quel regalo senza che

...........................................................

Devi parlare affinch

...........................................................

...........................................................

Ti presto gli appunti purch

...........................................................

...........................................................

Mi piace la neve malgrado

...........................................................

Mi piace la neve bench

Vengo alla festa nonostante

Vengo alla festa sebbene

Scheda numero 5
Unit 5 - Sezione D5, Attivit ludica

Scheda numero 6
Unit 5 - LA GRANDE FOTO

- Scrivete il maggior numero possibile di parole e di espressioni relative alla foto.


- Scrivete una didascalia per la foto.
- Descrivete la foto.
- A cosa vi fa pensare, quali impressioni suscita in voi questa foto?
- Chi sono i personaggi della foto?
- In che relazione sono i personaggi della foto tra di loro?
- Dove si trovano i personaggi della foto?
- Dove erano e cosa facevano i personaggi della foto unora prima dello scatto?
- Dove andranno e cosa faranno i personaggi della foto unora dopo lo scatto?
- Perch stata scattata questa foto?
77

Scheda numero 7
Unit 5 - Grammatica

Il congiuntivo presente (verbi regolari)


-are

-ere

-ire

-isc

parli

.............................

parta

finisca

.............................

prenda

parta

.............................

parli

prenda

.............................

finisca

.............................

prendiamo

partiamo

finiamo

parliate

.............................

partiate

.............................

parlino

prendano

.............................

finiscano

Il congiuntivo presente di essere e avere


essere

avere

sia

abbia

.............................

abbia

sia

.............................

.............................

abbiamo

siate

.............................

siano

abbiano

Il congiuntivo passato
Diana crede che io ....................... parlato male di lei, ma non vero.
Pu darsi che abbiano perso il treno, per questo sono in ritardo.
Non credo che tu sia venuta solo per chiedermi scusa!
Sono contento che voi ....................... riusciti a superare il test finale.

78

Il congiuntivo presente (verbi irregolari )


Infinito

Indicativo

Congiuntivo presente

andare

vado

vada

.........................

andiate

.........................

dire

dico

.........................

diciamo

.........................

dicano

fare

faccio

faccia

.........................

.........................

facciano

venire

vengo

.........................

veniamo

veniate

.........................

potere

posso

possa

.........................

possiate

possano

Infinito

Indicativo

Congiuntivo presente

dare

do

.........................

diamo

diate

.........................

dovere

devo

debba

dobbiamo

.........................

debbano

sapere

so

.........................

sappiamo

sappiate

sappiano

stare

sto

stia

.........................

stiate

.........................

Uso del congiuntivo presente (I)


Opinione soggettiva

Credo/Penso che tu debba accettare lofferta.

.............................

Non sono sicuro/certo che Mario sia leale.

Volont

Voglio/Non voglio che tu faccia tardi stasera.

Stato danimo

Sono felice/contento che tutto sia andato bene.

.............................

Spero/Mi auguro che tutto finisca bene.

Attesa

Aspetto che arrivi mia madre per uscire.

.............................

Ho paura/Temo che lui se ne vada.

Uso del congiuntivo presente (I)


Bisogna che voi torn..................... presto
Pu darsi che Tiziana non possa venire con noi.
Si dice che Carlo e Lisa si ........................ lasciati.
Pare/Sembra che siano ricchi sfondati.
bene che siate venuti presto.
necessario/importante che io part..................... subito.
possibile/impossibile che loro ........................ andati via tutti.
probabile/improbabile che lei sappia gi tutto.
79

Uso del congiuntivo presente (II)


bench / sebbene / nonostante /
malgrado

Luca mi ha invitato, nonostante mi conosc............... poco.

purch / a condizione che /


a patto che / basta che

Viene con noi, a condizione ................... scelga lei il locale.

senza che

Andr allo stadio, senza che i miei lo sappiano.

nel caso (in cui)

Nel caso ci sia uno sciopero, vi verr a prendere.

perch / affinch

Ti dir tutto, ................... tu capisca che la colpa non mia.

prima che

Dobbiamo fare goal prima che finisca il primo tempo.

a meno che / tranne che

Verr, a meno ................... non piova molto!

La concordanza dei tempi al congiuntivo


faccia/far un buon lavoro. (domani)
Credo che Laura

faccia un buon lavoro. (oggi)


................... ...................

un buon lavoro. (ieri)

Congiuntivo e indicativo
Penso che tu sia bravo.

Penso ........................ essere bravo.

Bisogna ........................ tu faccia presto.

Bisogna fare presto.

Credo che tu abbia torto.

Secondo me ........................ torto.

LInter ha vinto sebbene non abbia giocato bene. LInter ha vinto anche se non ha giocato bene.

80

Elementi comunicativi - Parlare di gusti musicali


e lessicali
- Dare consigli, istruzioni, ordini
- Chiedere e dare il permesso
- Parlare di... amore, innamoramento, gelosia
- Chiedere e dare indicazioni stradali
- Lessico relativo allopera, al botteghino di un teatro
Elementi grammaticali - Imperativo indiretto
- Limperativo con i pronomi
- Forma negativa dellimperativo indiretto
- Aggettivi e pronomi indefiniti
Civilt

LOpera italiana

Materiale necessario

Sezione A, punto 5, attivit ludica: alcune fotocopie della scheda numero 1 a pagina 89
Sezione B, punto 5, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 2 a
pagina 90
Sezione C, punto 3, role-play guidato: alcune fotocopie della scheda numero 3 a
pagina 91
MI DIA UN CONSIGLIO!: alcune fotocopie della scheda numero 4 a pagina 92 e delle
forbici
Grammatica: alcune fotocopie della scheda numero 5 alle pagine 93 e 94

Per cominciare...
1
- Scrivete alla lavagna:
opera
- Discutete in plenum i possibili significati di questa
parola, ricordando che pu trattarsi sia della terza
persona singolare dellindicativo presente del verbo operare, sia di un sostantivo. Soffermatevi in
particolare sul sostantivo e chiedete agli studenti
quali parole si possono associare ad opera, ad
esempio opera letteraria ecc. Probabilmente vi
verr suggerita anche la parola lirica. Quando ci
avviene scrivetela accanto a opera: chiedete agli
studenti cosa pensano di questo genere musicale e
se di loro gradimento.
- Leggete in plenum i titoli di opere famose proposti
dal Libro dello studente: quali di questi si riferiscono allopera lirica? Lasciate agli studenti un po di
tempo per individuarli, magari consultandosi con i
compagni, e fatevi riferire la soluzione al quesito.
Soluzione: La Traviata, Il barbiere di Siviglia, La
Bohme, Aida, Tosca
- Se volete, potete continuare la conversazione chie-

dendo agli studenti se conoscono altri titoli di opere


famose, se qualcuno conosce le storie narrate nelle
opere citate, alcuni nomi di compositori ecc.
2
- Fate ascoltare il dialogo del punto A1 fino alla battuta Perch, a Lei non piace? e lasciate che gli
studenti, in coppia, formulino delle ipotesi sul luogo e i protagonisti del dialogo e sulla continuazione della conversazione.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: a. il dialogo si svolge sul posto di lavoro
tra unimpiegata e il direttore; b. risposta libera
3
- Fate ascoltare il dialogo con lobiettivo di verificare le ipotesi precedentemente formulate e indicare
quali affermazioni sono giuste tra quelle presenti.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. a, 2. c, 3. a, 4. b

A Compri un biglietto anche per...


1
- Fate ascoltare di nuovo il dialogo per dare la pos81

sibilit agli studenti di indicare il giusto ordine delle battute e verificare le proprie risposte allattivit precedente.
Soluzione: 1, 7, 5, 3, 9, 8, 4, 2, 10, 6
2
- In coppia o individualmente gli studenti leggono le
frasi date e individuano lo scopo comunicativo che
esse hanno nel dialogo.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. b, 2. c, 3. a, 4. a
3
- Fate lavorare gli studenti individualmente e chiedete loro di completare il dialogo tra limpiegata e
il direttore con i verbi e i pronomi dati.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: si accomodi, mi dica, mi spieghi, Scusi,
Provi, Vada, compri
4
- Invitate gli studenti a scrivere un breve riassunto
del dialogo introduttivo. Tale attivit potr essere
svolta sia come compito a casa che in classe. In
entrambi i casi chiedete agli studenti di consegnarvi i propri elaborati affinch possiate restituirli corretti.
5
- Scrivete alla lavagna le seguenti parole:
entri

dica

guardi

senta

- Chiedete agli studenti quali sono gli infiniti dei


verbi scritti alla lavagna. La risposta sar entrare,
dire, guardare e sentire.
- Scrivete alla lavagna:
prenda
- Qual linfinito in questo caso? La risposta sar
prendere.
- A questo punto potete disegnare una tabella e completarla nel modo seguente:

entrare

prendere

sentire

dire

entri

prenda

senta

dica

- Riflettete in plenum: quelli scritti alla lavagna


sono diversi esempi di imperativo indiretto, o, in
altre parole, della forma di cortesia dellimperati82

vo. Trattandosi di una forma di cortesia, abbiamo


la terza persona singolare del verbo che presenta
per i verbi regolari in -are, -ere, -ire rispettivamente le desinenze -i, -a, -a. Tali desinenze corrispondono alle desinenze del congiuntivo presente.
Nel caso di dire, siamo di fronte ad un verbo irregolare la cui forma nellimperativo di cortesia coincide, come per i verbi regolari, con il congiuntivo
presente. Lo stesso vale per i verbi essere e avere,
come si pu osservare in Appendice a pagina 186.
Limperativo di cortesia esprime soprattutto esortazione e invito, piuttosto che comando.
- Passate ad osservare la tabella sul libro. Qui troviamo anche la terza persona plurale loro, ovvero una
forma di cortesia utilizzata solamente in contesti
molto formali. Ad ogni modo, importante osservare che anche il plurale dellimperativo indiretto
prende le forme del congiuntivo presente.
- Chiedete agli studenti di completare le lacune presenti in tabella quindi procedete con il riscontro in
plenum.
Soluzione: Parli, finisca
Attivit ludica
- Fate lavorare gli studenti in gruppi di quattro persone. Ogni gruppo si divide a sua volta in due coppie
che inviterete a sedersi a distanza luna dallaltra.
Fotocopiate la scheda numero 1 a pagina 89 e consegnatene una copia ad ogni coppia di studenti. Il
compito consiste nel completare il cruciverba coniugando i verbi dati allimperativo indiretto. Il
cruciverba per sar completato in collaborazione:
una coppia si occupa dei verbi contenuti nella lista
dei verbi da scrivere in orizzontale e laltra coppia
si occuper dei verbi da scrivere in verticale.
Terminata la prima parte del compito, le due coppie
si scambiano le schede e si concentrano sulla lista
dei verbi non coniugati dai compagni. Quando
entrambi i cruciverba saranno finiti, le due coppie
possono riunirsi, controllare e venire alla lavagna
dove attaccheranno i loro cruciverba. Man mano
che i gruppi completano i cruciverba li appendono
alla lavagna in modo che, quando tutti avranno terminato, potete stilare la classifica (se avete organizzato lattivit a mo di gara), oppure semplicemente procedere con il riscontro in plenum.
Soluzione: Orizzontali: 2. scusi, 3. parta, 5. venga, 7.
prenda, 8. dimentichi, 9. pulisca, 11. dica, 12. faccia,
15. beva, 17. scriva, 18. finisca, 23. guardi, 24. provi,
25. studi, 26. attraversi; Verticali: 1. dorma, 2. sia, 4.

cerchi, 5. vada, 6. unisca, 10. stia, 11. dia, 13. abbia,


14. cammini, 16. rida, 19. scelga, 20. aspetti, 21. chieda, 22. giri, 25. senta
6
- Fate lavorare gli studenti in coppia invitandoli a
completare oralmente le frasi date.
Soluzione: 1. legga, 2. scusi, 3. faccia, 4. vedete, 5. Senta
7
- Osservate in plenum la lista di funzioni comunicative espresse con limperativo indiretto e cercate di
formulare una frase per ognuna di esse. Potete annotare il tutto alla lavagna, ad esempio:
dare istruzioni: Aggiunga del parmigiano e serva il
piatto ben caldo.
dare consigli: Frequenti un corso di yoga.
dare indicazioni: Prenda la prima strada a sinistra.
dare spiegazioni/dare informazioni: Per conoscere
il numero di telefono dellabbonato consulti lelenco telefonico online.
dare il permesso: Usi pure il telefono.
dare ordini: Venga qui!
- Procedete con lascolto della registrazione chiedendo agli studenti di indicare i quattro usi dellimperativo presenti nei mini dialoghi.
- Fate ascoltare i brani una seconda volta: questa
volta il compito degli studenti consiste nello scrivere il numero del dialogo nel quadratino relativo alluso dellimperativo in esso contenuto. Ricordate
che ad alcuni usi corrisponde pi di un dialogo.
Soluzione: dare consigli: 4; dare il permesso: 3, 6;
dare ordini: 2, 5; dare informazioni: 1
8
- Invitate gli studenti a scrivere una frase per ciascuno dei quattro casi di uso dellimperativo presenti
nei dialoghi al punto precedente e invitateli poi a
riferire in plenum.

B Due tenori fenomeno


1
- Ritornate sullargomento opera lirica: ci sono cantanti conosciuti dagli studenti? Quali? Cosa significa tenore? E soprano? Osservate le foto di Caruso e Pavarotti presenti nel Libro dello studente: si
tratta di personaggi noti alla classe? Entrambi i

cantanti sono deceduti. Pavarotti morto nel settembre del 2007 e tutto il mondo in quelloccasione lo ha ricordato come uno dei pi grandi interpreti della lirica di tutti i tempi. Ci sono persone che
hanno letto articoli o ascoltato notizie in proposito?
- Fate lavorare gli studenti in coppia. Il compito
consiste nel leggere uno dei due brani e raccontarlo al compagno.
2
- Adesso ogni studente legge il testo che gli era stato
raccontato dal compagno e abbina le affermazioni
date al personaggio corrispondente.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: C: 1, 2, 7, 8 / P: 3, 4, 5, 6
3
- Raccontate agli studenti che un famoso cantante di
musica leggera italiano, Lucio Dalla, ha dedicato
al tenore Caruso una canzone che ha avuto un
grandissimo successo ed stata cantata anche da
Luciano Pavarotti. Il testo ha come argomento le
ultime ore del cantante e il suo attaccamento alla
vita e alla musica.
- Invitate i corsisti a leggere una prima volta il testo
della canzone e a sottolineare le parole che non conoscono. Invitate gli studenti a riferirvi le parole
sottolineate e in plenum cercate di individuarne il
significato, aiutandovi anche con il glossario a pi
di pagina. Quindi chiedete di completare le lacune
con le parole presenti nel Libro dello studente.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1) a, 2) b, 3) c, 4) b, 5) c, 6) a, 7) c, 8) a
- Se avete un CD contenente il brano, o la possibilit di scaricarlo da internet, sarebbe bello far ascoltare la canzone agli studenti. Altrimenti potete
chiedere ai corsisti se possono in qualche modo
procurarsi il brano e di portarlo allincontro successivo in modo da ascoltarlo insieme.
4
- Scrivete alla lavagna:
mi spieghi
si accomodi
mi dica
- Chiedete agli studenti di trasformare i verbi scritti
alla lavagna con i pronomi alla seconda persona
singolare del verbo. Annotate i suggerimenti alla
83

lavagna. Avrete cos la seguente situazione:


mi spieghi / spiegami
si accomodi / accomodati
mi dica / dimmi
- Riflettete in plenum: cosa notano gli studenti nel
passaggio dalla seconda persona singolare alla
forma di cortesia del modo imperativo? Naturalmente si osserver che la posizione dei pronomi
cambia, infatti mentre alla seconda persona singolare i pronomi seguono il verbo e formano con esso una sola parola, nella forma di cortesia i pronomi precedono il verbo e non si uniscono ad esso.
5
- Invitate gli studenti a completare la tabella e procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: Mi, la, ci
Attivit di fissaggio
- Fate lavorare gli studenti in coppia. Fotocopiate la
scheda numero 2 a pagina 90 e consegnatene una
copia ad ogni coppia. Spiegate che il testo a sinistra si riferisce ad una canzone italiana del cantautore Marco Ferradini che ha avuto un grande successo qualche anno fa. Il titolo Teorema e largomento riguarda il modo pi giusto di trattare le
donne, espresso sotto forma di una serie di consigli con limperativo diretto. Il compito degli studenti consiste nel completare le lacune presenti nel
testo a destra trasformando gli imperativi diretti in
indiretti e, naturalmente, facendo attenzione, laddove presenti, ai pronomi.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: le dica, le scriva, Le mandi, le dia, La faccia, le dia, cerchi, sia, le risolva, stia, stia, Prenda, la
tratti, lasci, Non si faccia, lo faccia, Faccia, dosi, Cerchi, Lasci
- Rimandate uneventuale discussione sul tema trattato nella canzone al punto D6. Per non abbandonare in maniera troppo brusca un testo che comunque
dar origine a diversi commenti potete chiedere
agli studenti di sottolineare una frase della canzone
che sceglierebbero anche loro come consiglio per
un amico alle prese con una donna e una frase che
invece non pronuncerebbero mai. Dopodich invitate gli studenti a riferire e motivare la loro scelta.
6
- Lasciate agli studenti qualche minuto per comple84

tare le frasi con limperativo indiretto e procedete


con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. mi dia, 2. la saluti, 3. si sieda, 4. Me lo dia
7
- In plenum osservate la foto: dove sono i due ragazzi? Chi riconosce la fontana sullo sfondo? Forse
qualcuno riconoscer la fontana di Piazza Navona
a Roma, una delle citt pi romantiche dItalia.
Cosa suggerisce questa immagine? I due ragazzi
sono evidentemente innamorati. Lamore anche
uno dei temi della canzone Caruso e il soggetto di
molte opere liriche: discutete insieme dellamore
seguendo i tre spunti di conversazione indicati.

C Giri a destra!
1
- Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per
osservare le due cartine della citt di Milano e familiarizzare un po con i nomi delle strade.
- Procedete con lascolto del dialogo e chiedete agli
studenti a quale cartina si riferiscono le informazioni.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: b
2
- Fate ascoltare nuovamente la conversazione e
chiedete ai corsisti di indicare le frasi che hanno
appena ascoltato.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1, 2, 5, 6, 8
Role-play guidato
- Fotocopiate la scheda numero 3 a pagina 91. Fate
lavorare gli studenti in coppia e consegnate ad
ognuna una scheda. Invitate gli studenti a ripetere
pi volte il dialogo, sostituendo le informazioni
scritte in caratteri diversi con quelle contenute nei
riquadri sottostanti, con lo stesso carattere.
3
- Fate lavorare gli studenti in coppia: immedesimandosi nelle situazioni date, a turno gli studenti
assumono i ruoli di A e B e svolgono i dialoghi
previsti.
4
- Chiedete agli studenti come trasformerebbero la
frase non ci vada a piedi alla seconda persona sin-

golare nel modo imperativo. La risposta sar naturalmente non andarci a piedi oppure non ci andare a piedi. A questo punto potete far notare ai corsisti che nella forma negativa dellimperativo indiretto i pronomi precedono sempre il verbo e non si
uniscono mai ad esso come avviene per la seconda
persona singolare e come possiamo vedere nella
frase non ci vada a piedi. In assenza di pronomi,
invece, limperativo negativo si forma semplicemente facendo precedere non al verbo, come di
regola nella lingua italiana.
- Chiedete agli studenti di completare le lacune presenti in tabella, quindi procedete con il riscontro in
plenum.
Soluzione: vada, creda, parta
Attivit di fissaggio
- Scrivete alla lavagna i seguenti verbi alla rinfusa:
dormi
vacci
cammina
chiedigli
parti
falle
guardalo

va
stammi
digli
gira
vieni
bevilo
provale

sii
cercalo
dalle
abbi
scegli
aspettami
ascolta
parlami
prendile
puliscili
scrivile
finisci
attraversa

- Chiamate uno studente, cerchiate un verbo e chiedete di trasformarlo alla forma negativa dellimperativo indiretto, forma di cortesia, ad esempio: digli/non gli dica. Procedete cos rivolgendovi ogni
volta a uno studente diverso fino a che tutti i verbi
saranno cerchiati.
Soluzione: dormi/non dorma, va/non vada, sii/non
sia, cercalo/non lo cerchi, vacci/non ci vada, stammi/non mi stia, dalle/ non le dia, abbi/non abbia,
cammina/non cammini, digli/non gli dica, scegli/non
scelga, aspettami/non mi aspetti, chiedigli/non gli
chieda, gira/non giri, ascolta/non ascolti, parlami/non
mi parli, parti/non parta, vieni/non venga, prendile/non le prenda, puliscili/non li pulisca, falle/non le
faccia, bevilo/non lo beva, scrivile/non le scriva, finisci/non finisca, guardalo/non lo guardi, provale/non
le provi, attraversa/non attraversi
5
- Lasciate agli studenti qualche minuto per completare le frasi con limperativo indiretto e procedete
con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. non dica, 2. Non abbia, 3. non esca, 4.
non ci vada, 5. Non si preoccupi

D Alla Scala
1
- Invitate gli studenti a leggere il titolo di giornale
riportato nel Libro dello studente e a formulare
ipotesi sul contenuto dellarticolo a cui si riferisce.
- Lasciate che gli studenti riferiscano le ipotesi formulate.
- Scrivete alla lavagna:
fischiato

palco

Aida

sostituto

- Discutete il significato di ogni parola quindi chiedete agli studenti quali sono per loro le due parole
pi importanti ai fini della comprensione dellaccaduto e perch.
2
- Fate ascoltare la registrazione due volte e invitate
i corsisti a rispondere alle domande presenti nel
Libro dello studente.
Soluzione: 1. Roberto Alagna un famoso tenore.
Durante una rappresentazione dellAida alla Scala di
Milano ha abbandonato il palco in seguito a qualche
fischio, 2. Antonello Palombi, il tenore del secondo
cast dellopera.
3
- Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per
leggere larticolo individualmente. Invitateli a sottolineare le parole che non capiscono, quindi a
consultarsi con un compagno allo scopo di aumentare la propria comprensione.
- Chiedete ai corsisti di indicare le affermazioni corrette tra quelle presenti nel Libro dello studente e
procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. a, 2. d, 3. b, 4. a
4
- In coppia gli studenti cercano nellarticolo almeno
uninformazione in pi rispetto al servizio radiofonico. Se necessario effettuate un terzo ascolto.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzioni possibili: la rappresentazione dellAida ha
avuto luogo dopo la prima del 7 dicembre con meno
mondanit e meno fotografi; il tenore stato fischiato perch aveva fatto dei commenti negativi sulla
competenza del pubblico; Antonello Palombi umbro, fa parte del secondo cast dellAida e stava seguendo la rappresentazione dalla direzione artistica,
85

nessuno andato via dal teatro; Palombi ha ricevuto


nove minuti di applausi
- Discutete in plenum: cosa pensano gli studenti del
comportamento di Alagna? Cosa avrebbero fatto
loro al posto del celebre tenore? E al posto di Palombi? Hanno mai vissuto qualcosa di simile come
spettatori o protagonisti?
5
- Scrivete alla lavagna:
Ti piace questo libro o ne vuoi un altro?
- Osservate le due parole sottolineate: si tratta dellaggettivo dimostrativo questo e del pronome indefinito altro.
- Modificate la frase nella maniera seguente:
Ti piace questo libro e vuoi un altro libro?
- In questo caso sia questo che altro hanno la funzione di aggettivo. Naturalmente nessun parlante ripeterebbe la parola libro dopo altro, quindi puntualizzate che avete scritto questa frase solamente
per mostrare la differenza che intercorre tra gli
aggettivi dimostrativi e indefiniti. Mentre i primi
danno una indicazione precisa, questo libro, gli indefiniti ne offrono una generica e approssimata, un
altro libro. In pratica possiamo affermare che la
differenza tra i dimostrativi e gli indefiniti equivale alla differenza che intercorre tra larticolo determinativo e quello indeterminativo. Gli aggettivi
indefiniti si uniscono al nome per esprimere una
idea generica di quantit e qualit.
- Soffermatevi ad analizzare i seguenti indefiniti:
- ciascuno: il suo significato corrisponde ad ogni.
Esiste al maschile e al femminile singolare, ma
non nelle forme plurali. La forma maschile si tronca in ciascun davanti a consonante semplice o a
vocale, come si pu vedere in ciascun problema,
ciascun amico, la forma femminile si pu elidere
davanti a vocale, come in ciascunamica;
- nessuno: anche in questo caso non esiste la forma
plurale, il suo valore negativo. Presenta lo stesso
fenonemo di ciascuno per quanto riguarda troncamento ed elisione. In frasi che hanno gi una negazione si pospone al verbo come in non conosco nessuno, e pu sostituire laggettivo alcuno, ad esempio
non c alcuna ragione per farlo, non c nessuna
ragione per farlo;
- alcuno: si adopera al singolare solo nelle frasi
negative come equivalente di nessuno e subisce gli
stessi troncamento ed elisione;
86

- tale: indica una persona che non si pu o non si


vuole identificare pi esattamente, oppure assume
il significato di simile, come in non ho tali problemi ovvero non ho problemi simili / non ho problemi di questo tipo.
- Chiedete agli studenti di completare le lacune in
tabella e nelle frasi che seguono, quindi procedete
con il riscontro in plenum.
Soluzione (lacune in tabella): altro, quanto, parecchie, alcuna; (frasi che seguono): 1. altra, 2. nessuno,
3. tutto, 4. Alcuni, 5. tanto/molto/parecchio
6
- Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per
leggere il brano tratto dal Rigoletto di Giuseppe Verdi
e invitateli a servirsi del piccolo glossario che segue
il testo per aumentare la propria comprensione.
- Fate ascoltare il brano e chiedete agli studenti di
rimetterlo nel giusto ordine.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. La donna mobile..., 2. Sempre un
amabile..., 3. sempre misero..., 4. Pur mai non sentesi...
- Chiedete agli studenti se qualcuno conosce la storia del Rigoletto ed eventualmente invitatelo a raccontarla. Altrimenti, chiedete agli studenti che risultano interessati di informarsi in proposito, con
lo scopo di raccontare la vicenda ai propri compagni allincontro successivo.
- Discutete in plenum: qual lopinione espressa dal
brano a proposito della donna? Cosa ne pensano
gli studenti? A questo proposito potete riprendere
il testo della canzone Teorema dellattivit di fissaggio del punto B5 e utilizzarlo come ulteriore
spunto di discussione.
7
- Invitate gli studenti a scegliere una delle quattro
parti del brano e a spiegarne il significato in dieci
parole. Eventualmente la spiegazione pu essere
formulata anche per iscritto.
- Lasciate che ogni coppia riferisca la propria spiegazione.
8
- Scrivete alla lavagna:
ha commentato qualcuno
indossando un costume qualsiasi

- Chiedete agli studenti quale delle due parole sottolineate ha la funzione di pronome e quale di aggettivo. Lindefinito qualcuno ha funzione di pronome, infatti in questo caso rappresenta il soggetto
della frase, mentre lindefinito qualsiasi un aggettivo, in quanto si riferisce al sostantivo costume. A tale proposito potete analizzare in plenum le
due frasi presenti in tabella, ricordando appunto
che gli indefiniti possono avere funzione di aggettivi e di pronomi. Come pronomi, gli indefiniti sono sempre al singolare.
- Invitate inoltre gli studenti a consultare lAppendice alle pagine 186 e 187 con la lista completa
degli indefiniti.
- Chiedete agli studenti di indicare il valore degli
indefiniti nelle sei frasi che seguono la tabella
quindi procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: aggettivi: 2, 3, 6, pronomi: 1, 4, 5

E Vocabolario e abilit
1
- Chiedete agli studenti di lavorare in coppia e di
abbinare le parole alle immagini.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione:

c
e

5
- Invitate gli studenti a svolgere il compito scritto
indicato dal Libro dello studente. Tale attivit potr
essere svolta sia come compito a casa che in classe. In entrambi i casi chiedete agli studenti di consegnarvi i propri elaborati affinch possiate restituirli corretti.
Conosciamo lItalia
- Invitate gli studenti a leggere individualmente i
testi sullopera italiana e i suoi pi noti compositori, a rispondere alle domande su Rossini e Puccini
e a indicare le affermazioni corrette tra quelle date
a proposito di Verdi. A tale scopo esortateli ad avvalersi dellaiuto offerto dal glossario a pagina 99
ed eventualmente di un buon dizionario.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: domande: 1. Si ritir dalla professione a
soli 37 anni per un lungo periodo. Nel divertente Barbiere di Siviglia il furbo Figaro aiuta il conte di Almaviva a conquistare Rosina; 2. La Bohme ha come
protagonista un uomo, mentre per la Tosca una donna; nel finale della Bohme, la donna amata muore,
mentre nella Tosca muoiono ambedue gli amanti;
scelta multipla: 1. b, 2. b
- Esortate gli studenti ad usufruire delle attivit online previste dallunit 6.

g
f

4
- Moderate la discussione in plenum seguendo i
quesiti proposti dal Libro dello studente.

2
- Fate ascoltare il brano dellesercizio 20 a pagina
70 del Quaderno degli esercizi e invitate gli studenti a segnare le affermazioni esatte.

Autovalutazione
- Invitate gli studenti a svolgere individualmente il
test di autovalutazione e a controllare le soluzioni
a pagina 203 del Libro dello studente.

- Procedete con il riscontro in plenum.


Soluzione: 3, 4, 6, 8, 9

MI DIA UN CONSIGLIO!
- Fotocopiate la scheda numero 4 a pagina 92 e ricavate da ogni copia un set di cartellini ritagliando lungo le
linee tratteggiate. Dividete la classe in gruppi di quattro o cinque persone e consegnate ad ogni gruppo un
set di cartellini con la scritta rivolta verso il basso.

3
- Invitate gli studenti a lavorare in coppia: il compito consiste nellimmedesimarsi nella situazione proposta e nel dar luogo alla conversazione relativa.
Ricordate agli studenti di utilizzare le informazioni offerte a pagina 198 per il ruolo B.

- Spiegate agli studenti che il loro compito consiste


nel rovesciare a turno una carta, leggere linformazione in essa presente e chiedere consigli ai compagni in relazione alla situazione data. Lasciate agli
studenti un po di tempo per svolgere lattivit e al
termine chiedete quali sono stati, secondo la loro
87

opinione, i consigli pi originali o divertenti che


hanno ricevuto.
Grammatica
- Fotocopiate la scheda numero 5 alle pagine 93 e 94,
distribuite le fotocopie agli studenti e chiedete di
completarle con gli elementi grammaticali mancanti.
- Fate confrontare il risultato prima con il compagno
di banco e poi con le tabelle presenti nel testo nel
corso dellunit 6.
- Lasciate agli studenti il tempo per concentrarsi su
questa attivit di ripetizione e controllo e invitateli
a riferire eventuali dubbi o argomenti che non sono
chiari per poterli discutere in plenum.

88

Scheda numero 1
Unit 6 - Sezione A5, Attivit ludica
2

Esempio: 2 orizzontale, scusare: scusi


3

7
8
10

11

12

13

14

15

16
17

18

19

20

21

22
23

24

25

26

ORIZZONTALI
2. scusare
15. bere
3. partire
17. scrivere
5. venire
18. finire
7. prendere
23. guardare
8. dimenticare
24. provare
9. pulire
25. studiare
11. dire
26. attraversare
12. fare

1. dormire
2. essere
4. cercare
5. andare
6. unire
10. stare
11. dare
13. avere

VERTICALI
14. camminare
16. ridere
19. scegliere
20. aspettare
21. chiedere
22. girare
25. sentire
89

Scheda numero 2
Unit 6 - Sezione B5, Attivit di fissaggio

Teorema
Marco Ferradini
Prendi una donna, dille che lami,
scrivile canzoni damore.
Mandale rose e poesie,
dalle anche spremute di cuore.
Falla sempre sentire importante,
dalle il meglio del meglio che hai,
cerca di essere un tenero amante
sii sempre presente risolvile i guai.

Prenda una donna, ...................... che lama,


...................... canzoni damore.
...................... rose e poesie,
...................... anche spremute di cuore.
...................... sempre sentire importante,
...................... il meglio del meglio che hai,
...................... di essere un tenero amante
...................... sempre presente ...................... i guai.

E stai sicuro che ti lascer,


chi troppo amato amore non d.
E stai sicuro che ti lascer,
chi meno ama pi forte si sa.

E ...................... sicuro che La lascer,


chi troppo amato amore non d.
E ...................... sicuro che La lascer,
chi meno ama pi forte si sa.

Prendi una donna, trattala male,


lascia che ti aspetti per ore.
Non farti vivo e quando la chiami
fallo come fosse un favore.
Fa sentire che poco importante,
dosa bene amore e crudelt.
Cerca di essere un tenero amante
ma fuori dal letto nessuna piet.

......................
......................
......................
......................
......................
......................
......................

E allora s, vedrai che tamer,


chi meno amato pi amore ti d.
E allora s, vedrai che tamer
chi meno amato pi forte si sa.

E allora s, vedr che Lamer,


chi meno amato pi amore ti d.
E allora s, vedr che Lamer
chi meno amato pi forte si sa.

No caro amico, non sono daccordo,


tu parli da uomo ferito.
Pezzo di pane lei se ne andata
e tu non hai resistito.
Non esistono leggi in amore,
basta essere quello che sei.
Lascia aperta la porta del cuore
vedrai che una donna
gi in cerca di te.

No caro Lei, non sono daccordo,


Lei parla da uomo ferito.
Pezzo di pane lei se ne andata
e Lei non ha resistito.
Non esistono leggi in amore,
basta essere quello che si .
...................... aperta la porta del cuore
vedr che una donna
gi in cerca di Lei.

Senza lamore luomo che cos,


su questo sarai daccordo con me.
Senza lamore luomo che cos
questa lunica legge che c.

Senza lamore luomo che cos,


su questo sar daccordo con me.
Senza lamore luomo che cos
questa lunica legge che c.

90

una donna, ...................... male,


che laspetti per ore.
vivo e quando la chiama
come fosse un favore.
sentire che poco importante,
bene amore e crudelt.
di essere un tenero amante
ma fuori dal letto nessuna piet.

Scheda numero 3
Unit 6 - Sezione C3, Role-play guidato

Signore... senta...

Prego, mi dica!

Sa dove il cinema Turreno?

Certo... proprio in centro, in piazza 4 novembre.

... lontano da qui?

Beh... un po. Pu andare in macchina fino a Piazza Partigiani.

E poi?

Da l pu proseguire con la scala mobile e in un attimo arriva in centro, sul corso...

Benissimo! La ringrazio! Arrivederci.

Non c di che! Arrivederci!

Mi sa dire
Potrebbe dirmi
Mi scusi!

Sa per caso
Senta scusi!
Scusi signore/a!

in centro vicino al Duomo...


Prenda il metr
Prenda lautobus numero 15

in fondo a Corso Vannucci.


accanto alla Biblioteca.

Le consiglio di prendere un taxi

91

Scheda numero 4
Unit 6 - MI DIA UN CONSIGLIO!

Il vostro professore vi chiede


un consiglio perch vuole
visitare il vostro paese.

In libreria: il
cliente chiede
consigli su
qualche libro
da portare in
vacanza al mare.

Unamica di vostra madre


non sa dove andare in vacanza
la prossima estate.

In un negozio di vestiti: la cliente


non sa cosa indossare per partecipare
ad un matrimonio in piena estate.

92

Avete invitato il vostro direttore


a cena: vi chiede come
arrivare a casa vostra.

Un amico di vostro zio


molto triste perch
la sua compagna lo ha lasciato.

La vostra insegnante vorrebbe


preparare una ricetta tipica
del vostro paese.

Un passante vi chiede
di indicargli
la strada
per raggiungere
lUniversit
per Stranieri.

Scheda numero 5
Unit 6 - Grammatica

Imperativo diretto

Imperativo indiretto
-ARE

tu
noi
voi

Mario, parla pi piano!


Parliamo un po!
Ragazzi, parlate in italiano!

Lei

Parli, in italiano, capisco!

Loro

.....................

pi piano, per favore!

Lei

.....................

qualcosa, offro io!

Loro

Prendano appunti, importante!

-ERE
tu
noi
voi

Prendi unaspirina e ti passer!


Prendiamo un caff, offre lui!
Prendete il metr, pi veloce!

-IRE
tu
noi
voi

Finisci e vieni, ti voglio parlare!


Finiamo di studiare e usciamo!
Finite presto, sono gi le sette!

Lei

Signorina, finisca la lettera!

Loro

.....................

presto, per favore!

Limperativo con i pronomi


Imperativo diretto

Imperativo indiretto

Dammi dieci euro!

Mi dia dieci euro, per favore!

Prendi la busta e portala al direttore!

Prenda la busta e la porti al direttore!

Glielhai detto? Diglielo!

Glielha detto? ..................... dica!

Fa freddo: vestitevi bene!

Fa freddo signori: ..................... vestano bene!

Ti prego, pensaci con calma!

La prego, ci pensi con calma!

Vattene! Mi dai fastidio!

Se ..................... vada, signore! Mi da fastidio!

93

La forma negativa dellimperativo


Imperativo diretto

Imperativo indiretto
-ARE

tu
noi
voi

Non andare ancora via!


Non andiamo con loro!
Non andate alla festa!

Lei

Non vada via, per favore!

Loro

Non ..................... via, signori!

-ERE
tu
noi
voi

Non credere a queste cose!


Non crediamo a loro!
Ragazzi, non credete a lui!

Lei

Ma non creda a queste bugie!

Loro

Signori, non ..................... a lui!

-IRE
tu
noi
voi

Non partire senza salutarmi!


Domani piover: non partiamo!
Non partite subito!

Lei

Non parta con Stefano!

Loro

Non partano stasera, signori!

La forma negativa con i pronomi


Non buono: non berlo!
non lo bere!
Non glielo dite, una sorpresa!
Non diteglielo, una sorpresa!

Non fresco: non lo beva!


Signora, non glielo dica, una sorpresa!

Indefiniti come aggettivi e pronomi


altro/a - altri/e
molto/a - molti/e
tanto/a - tanti/ e
poco/a - pochi/e
quanto/a - quanti/e
parecchio/a - parecchi/ie
tutto/a - tutti/e
troppo/a - troppi/e
ciascuno/a
nessuno/a
tale/i
alcuno/a - alcuni/e

Ti piace questo libro o ne vuoi un altro?


Io non voglio fare ..................... soldi: soltanto qualche milione!
A ..................... persone la musica lirica non piace.
A questa et ha ancora ..................... esperienze lavorative.
Sono daccordo con quanto dici.
Domattina ho parecchie cose da fare.
Sono daccordo con ..................... quello che dici.
Secondo me, mangi ..................... la sera.
..................... problema deve essere affrontato con calma.
Nessuno venuto. / Non venuto nessuno.
Ti ha telefonato un tale. / Io non ho tali problemi.
Non ho alcuna voglia di uscire. / Alcune volte preferisco stare da solo.

Indefiniti come aggettivi


Certe persone mi danno proprio ai nervi.
94

Indefiniti come pronomi


Qualcuno di voi mai stato in Italia?

Elementi comunicativi - Citt e campagna: pro e contro


e lessicali
- Leggere annunci immobiliari
- Acquistare, vendere o prendere in affitto una casa
- Presentare un fatto come facile
- Parlare di iniziative ecologiche
- Parlare della vivibilit di una citt
- Esporre le proprie paure/preoccupazioni sul futuro del pianeta
- Coscienza ecologica: individuale e collettiva
- Tutela e impatto ambientale
Elementi grammaticali - Congiuntivo imperfetto
- Congiuntivo trapassato
- Concordanza dei tempi del congiuntivo
- Uso del congiuntivo I
- Uso del congiuntivo II
- Uso del congiuntivo III
Civilt

Gli italiani e lambiente

Materiale necessario

Sezione A, punto 5, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 1 a


pagina 103
Sezione B, punto 6, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 2 a
pagina 104
Sezione C, punto 2, role-play guidato: alcune fotocopie della scheda numero 3 a
pagina 105
Sezione C, punto 4, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 4 a
pagina 106
Sezione D, punto 4, attivit ludica: alcune fotocopie della scheda numero 5 a pagina 107
OPINIONI ALLA RINFUSA!: alcune fotocopie della scheda numero 6 a pagina 108
Grammatica: alcune fotocopie della scheda numero 7 a pagina 109

Per cominciare...
1
- Scrivete alla lavagna:

casa

- Invitate gli studenti a suggerirvi il maggior numero possibile di parole che associano a casa e a motivare le loro associazioni. Inserite le parole nel
cerchio che avete disegnato alla lavagna.
- In plenum osservate le due foto del Libro dello studente e selezionate le parole contenute nel cerchio

che si adattano alle abitazioni illustrate. Chiedete


agli studenti in quali abitazioni vorrebbero vivere
e perch.
2
- Leggete le parole presenti nel Libro dello studente
e chiedete agli studenti di decidere, insieme ad un
compagno, a quale foto abbinarle.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: a: aria pulita, verde, natura, tranquillit; b:
inquinamento, traffico, rumore, smog
3
- Fate ascoltare il dialogo chiedendo agli studenti di
concentrarsi sulle informazioni che permettono loro di capire cosa vorrebbe fare il protagonista e
perch.
95

- Procedete al riscontro in plenum


Soluzione: Il protagonista vuole andare a vivere in
campagna perch la vita nel quartiere in cui abita
diventata insopportabile a causa dello smog e del
traffico

5
- Ritornate ad osservare i verbi scritti alla lavagna al
punto A2:

4
- Fate ascoltare nuovamente il dialogo e invitate gli
studenti a completare le battute.

- Riflettete insieme: i verbi in questione sono al congiuntivo imperfetto. Come il congiuntivo presente,
anche il congiuntivo imperfetto si utilizza nelle
frasi dipendenti. Scrivete alla lavagna alcune frasi
presenti nel dialogo del punto A1:

- Procedete con il riscontro in plenum.


Soluzione: 1. anche mezzora, 2. sempre piena di
macchine, 3. e allaria pulita, 4. una bici

A Una casetta in campagna...


1
- Fate ascoltare di nuovo il dialogo per dare la possibilit agli studenti di verificare le proprie risposte allattivit precedente.
2
- Gli studenti leggono il dialogo e sottolineano i verbi come fossi e si trasformasse. Dopodich si consultano con altri compagni per confrontare i verbi
sottolineati.
- Lasciate che gli studenti riferiscano quali verbi
hanno sottolineato e scriveteli alla lavagna, rimandando al punto A5 la riflessione sul loro significato grammaticale.
Soluzione: fossi, si trasformasse, fosse, avesse creato,
diventasse, fossi
3
- Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per
rispondere alle domande date.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. La zona sempre piena di macchine e
smog a causa della costruzione di un nuovo centro
commerciale, 2. Daniela pensava che fosse il quartiere pi bello della citt, lontano dallinquinamento e
dal traffico del centro, 3. Comprando ai propri figli un
cane per farli correre insieme e una macchina alla
moglie, affinch si sposti senza problemi
4
- Lasciate che gli studenti completino il dialogo con
le parole date, quindi procedete con il riscontro in
plenum.
Soluzione: diventasse, costruissero, fosse, amassi,
pensasse
96

fossi
si trasformasse
fosse
avesse creato
diventasse

Pensavo che tu fossi contento...


Non mi aspettavo che questa zona
si trasformasse in un inferno!
- Trasformate le frasi al presente e scrivetele alla lavagna:
Penso che tu sia contento...
Non mi aspetto che questa zona
si trasformi in un inferno.
- Sottolineate il verbo principale delle quattro frasi:
pensavo, mi aspettavo, penso, mi aspetto ed evidenziate come la presenza del congiuntivo imperfetto sia da collegare alla presenza di un verbo al
passato, nella frase reggente. A questo punto potete affermare che il congiuntivo imperfetto si utilizza in frasi dipendenti quando il verbo della principale al passato e si riferisce alla sfera soggettiva.
- Passate ad analizzare le forme regolari del congiuntivo imperfetto presenti in tabella, sottolineando la presenza delle desinenze -assi, -essi, -issi per
le prime due persone singolari dei verbi di prima,
seconda e terza coniugazione. Il congiuntivo imperfetto, come lindicativo imperfetto, un verbo
sostanzialmente regolare, anche per quanto riguarda i verbi della terza coniugazione in -isc, come si
pu notare per il verbo finire-finissi. Con alcuni
verbi irregolari si pu partire dalla prima persona
dellindicativo presente per costruire il congiuntivo imperfetto, per altri verbi ancora, ad esempio
essere, dare, stare, si consulti lAppendice a pagina 187.
- Invitate gli studenti a completare le lacune presenti in tabella, quindi procedete con il riscontro in
plenum.
Soluzione: parlassi, avessimo, finissero
Attivit di fissaggio
- Fotocopiate la scheda numero 1 a pagina 103. Di-

videte la classe in gruppi di quattro persone e consegnate una copia ad ogni gruppo.
- Ricordate agli studenti lattivit di fissaggio svolta
al punto A5 dellunit 5: in quel caso si chiedeva
di formulare delle frasi formate da una principale e
una dipendente utilizzando il congiuntivo presente
nella frase secondaria. Questa volta invece il compito consiste nel formulare delle frasi con il congiuntivo imperfetto nella secondaria. Naturalmente ci richieder luso di un verbo al passato nella
frase principale. Per il resto lattivit rimane la
stessa gi svolta per il congiuntivo presente: allinterno di ogni gruppo gli studenti si suddividono in
due coppie rivali. A turno verranno formulate frasi
di senso compiuto estraendo, ovvero scegliendo,
un elemento per ciascun cassetto delle frasi principali e delle frasi dipendenti. Attenzione, solo la
scelta del soggetto della frase principale completamente libera, perch poi gli elementi devono
naturalmente essere abbinati in modo che le frasi
abbiano un senso compiuto. Man mano che un elemento stato estratto deve essere cancellato perch non pu essere utilizzato pi volte. Se una coppia non riesce a formare una frase dice PASSO e
lascia il turno agli avversari.
- Procedete con il riscontro in plenum: in ogni gruppo, naturalmente, vince la coppia che al termine ha
il maggior numero di frasi di senso compiuto,
grammaticalmente corrette.
Possibili soluzioni: La ragazza aspettava che il ragazzo le mandasse un messaggio; Voi aspettavate che i
bambini tornassero da scuola; Francesco pensava
che Laura fosse la donna ideale; Lazienda temeva
che la concorrenza scoprisse la formula segreta; La
polizia sospettava che lassassino fosse un conoscente; La gente voleva che lo sciopero finisse presto; La
mamma aveva paura che il figlio avesse la febbre; Tu
speravi che Chiara partisse il pi tardi possibile
6
- Fate lavorare gli studenti in coppia invitandoli a
completare le frasi con il verbo tra parentesi al
congiuntivo imperfetto.
Soluzione: 1. piovesse, 2. comprassimo, 3. andassero,
4. avesse, 5. facessi, 6. veniste
- Sulla base della riflessione del punto precedente
chiedete agli studenti perch in nessuna delle sei
frasi dellesercizio possibile utilizzare il congiuntivo presente. Se quanto finora detto sul congiuntivo passato chiaro, gli studenti si accorge-

ranno che tutte le frasi hanno un verbo al passato


nella principale e pertanto non possibile utilizzare il congiuntivo presente nella secondaria.

B Cercare casa
1
- Leggete le parole date e chiedete agli studenti di
scegliere, in collaborazione con un compagno, le
informazioni pi importanti quando si cerca casa.
Ogni coppia dovr sceglierne cinque ed elencarle
in ordine di importanza.
- In plenum fatevi riferire da ogni coppia le informazioni selezionate e chiedete di motivare la scelta.
2
- Gli studenti lavorano ancora in coppia: questa volta il compito consiste nel leggere gli annunci, ricercarvi le informazioni viste al punto precedente,
sceglierne uno e motivare la propria preferenza.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: Venaria: zona, numero di camere e bagni,
parcheggio, riscaldamento autonomo; Di Negro: zona, metri quadrati, numero di camere, modalit di pagamento; Tigliole: zona, parcheggio, numero di camere e bagni; Bergio Verezzi: ammobiliato, numero
di camere, parcheggio, vista
3
- Invitate i corsisti ad associare le abitazioni agli annunci, chiedendo quale casa , secondo loro, la pi
costosa.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione da sinistra verso destra: Venaria, Di Negro, Tigliole, Bergio Verezzi
4
- Dopo gli annunci, questa volta si tratta di abbinare
le parole alle illustrazioni di diversi materiali edili.
Lasciate agli studenti il tempo per farlo, quindi procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione da sinistra verso destra e dallalto verso il
basso: ferro, legno, ceramica, marmo, vetro, pietra,
cemento
5
- Invitate gli studenti a scrivere un annuncio per la
ricerca di unabitazione seguendo le indicazioni
del Libro dello studente.
97

- Incollate gli annunci alla lavagna, leggeteli e individuate quali sono le richieste formulate pi spesso.
6
- Scrivete alla lavagna:
Non sapevo che il centro commerciale
vi avesse creato cos tanti problemi.
- Osservando la frase dipendente troviamo un altro
tempo del congiuntivo, ovvero il trapassato. Il congiuntivo trapassato si costruisce con i verbi ausiliari essere o avere al congiuntivo imperfetto e il participio passato del verbo. Anche in questo caso
possiamo mettere a confronto due frasi da scrivere
alla lavagna:

C Nessun problema...
1
- In plenum leggete la lista di affermazioni date,
quindi fate ascoltare il dialogo e chiedete agli studenti quali sono le affermazioni in esso contenute.
- Procedete con il riscontro in plenum
Soluzione: 1, 4, 5, 6
2
- Fate ascoltare nuovamente la conversazione e chiedete ai corsisti di indicare le espressioni usate da
Tommaso per dire che stato facile cambiare vita.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: facile, una cosa da nulla, niente affatto,
stato facile, semplice, niente di tutto questo

penso che siano tornati


pensavo che fossero tornati
- Riflettete insieme: come al solito il congiuntivo
compare nella frase dipendente. Nel primo caso il
verbo della principale penso allindicativo presente ed seguito dal congiuntivo passato siano
tornati, nel secondo caso il verbo della principale
pensavo allindicativo imperfetto ed seguito da
un congiuntivo trapassato fossero tornati. Possiamo pertanto affermare che il congiuntivo trapassato si usa in frasi dipendenti da altre che hanno
un verbo al passato, naturalmente inerente alla sfera soggettiva. In entrambi i casi le azioni espresse
al congiuntivo, passato o trapassato, si riferiscono
ad un momento precedente rispetto al verbo della
frase principale.
- In plenum lasciatevi suggerire dagli studenti i
verbi adatti a completare le lacune presenti in
tabella.
Soluzione: avessi, fosse, avesse
Attivit di fissaggio
- Fotocopiate la scheda numero 2 a pagina 104 e
consegnatene una copia ad ogni studente. Il compito consiste nello scegliere un compagno di classe o il proprio vicino di banco e porgli le domande
indicate. Ad ogni risposta data il compagno che ha
fatto la domanda replica come indicato nellesempio, ovvero esprimendo la sua convinzione, vera o
simulata, che la risposta sarebbe stata diversa. Al
termine gli studenti si scambiano i ruoli e ripetono
lattivit.
98

Role-play guidato
- Fotocopiate la scheda numero 3 a pagina 105. Fate
lavorare gli studenti in coppia e consegnate ad
ognuna una scheda. Invitate gli studenti a ripetere
pi volte il dialogo, sostituendo le informazioni
scritte in caratteri diversi con quelle contenute nei
riquadri sottostanti, con lo stesso carattere.
3
- Fate lavorare gli studenti in coppia: immedesimandosi nelle situazioni date, a turno gli studenti assumono i ruoli di A e B e svolgono i dialoghi previsti.
4
- In plenum osservate le frasi contenute in tabella:
nella prima sezione le tre frasi sono costituite da
una principale con verbo allindicativo presente e
tre dipendenti, nella seconda sezione la principale
presenta un verbo al passato ed anchessa combinabile con tre frasi dipendenti. Disegnate la seguente tabella alla lavagna:
azione anteriore
Credo che Laura abbia fatto un buon lavoro.
azione contemporanea
Credo che Laura faccia un buon lavoro.
azione posteriore
Credo che Laura faccia / far un buon lavoro.

- Riflettete in plenum: nel primo caso, Credo che


Laura abbia fatto un buon lavoro, lazione della
dipendente, espressa con il congiuntivo passato,
anteriore a quella della principale espressa con
lindicativo presente. Nel secondo caso, Credo che
Laura faccia un buon lavoro, lazione della secondaria espressa con il congiuntivo presente contemporanea a quella della principale espressa con
lindicativo presente. Nel terzo caso infine, Credo
che Laura faccia / far un buon lavoro, lazione
della secondaria espressa con il verbo al congiuntivo presente o con il futuro indicativo posteriore a quella della principale.
- Disegnate unaltra tabella alla lavagna:
azione anteriore
Credevo che Laura avesse fatto un buon lavoro.
azione contemporanea
Credevo che Laura facesse un buon lavoro.
azione posteriore
Credevo che Laura facesse / avrebbe fatto
un buon lavoro.
- Continuate la riflessione: nel primo caso, Credevo
che Laura avesse fatto un buon lavoro, lazione
della dipendente, espressa con il congiuntivo trapassato, anteriore a quella della principale
espressa con lindicativo imperfetto. Nel secondo
caso, Credevo che Laura facesse un buon lavoro,
lazione della secondaria espressa con il congiuntivo imperfetto contemporanea a quella della principale espressa con lindicativo imperfetto. Nel terzo caso infine, Credevo che Laura facesse/avrebbe
fatto un buon lavoro, lazione della secondaria
espressa con il verbo al congiuntivo imperfetto o
con il condizionale composto posteriore a quella
della principale. Possiamo quindi affermare che il
tempo di una dipendente varia in funzione di due
fattori, ovvero il tempo della reggente e il rapporto cronologico tra dipendente e reggente, come finora osservato.
Attivit di fissaggio
- Fate lavorare gli studenti in coppia. Fotocopiate la
scheda numero 4 a pagina 106 e consegnatene una
copia ad ogni coppia. Il compito consiste nel completare le frasi contenute nei vari fumetti, seguen-

do lesempio del primo di essi.


- Per il riscontro in plenum, trascrivete i contenuti
dei vari fumetti alla lavagna, ricopiando la scheda.
Invitate quindi gli studenti a suggerirvi le soluzioni e trascrivete quella corretta.
Soluzione: In quel momento ero contento che gli azzurri vincessero la partita! / Speravo che avrebbero
vinto anche la partita successiva! / Mi dispiaceva per
che non avessero vinto la partita precedente!; In quel
momento ero contento che Roma mi piacesse tanto! /
Speravo che il giorno successivo anche Firenze mi
sarebbe piaciuta tanto! / Mi dispiaceva per che il
giorno precedente Napoli non mi fosse piaciuta!; In
quel momento ero contento che Laura e Luca guadagnassero bene! / Speravo che anche in futuro avrebbero guadagnato bene! / Mi dispiaceva per che in
passato non avessero guadagnato affatto!; In quel
momento ero contento che il mare fosse calmo! /
Speravo che anche il giorno successivo sarebbe stato calmo! / Mi dispiaceva per che il giorno precedente fosse stato agitato!
5
- Lasciate che i corsisti in plenum rispondano ai tre
quesiti presenti nel testo a proposito di scelte di
vita in relazione alle citt in cui abitare, alla propria citt, allinquinamento.
6
- Fate lavorare gli studenti individualmente: il compito consiste nel leggere il testo e completare le
lacune con le parole mancanti.
- Invitate gli studenti a confrontare il proprio lavoro
con i compagni di banco quindi procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1) che, 2) mezzi, 3) di, 4) riduzione, 5)
cercare, 6) siete/siamo, 7) a, 8) citt, 9) muove, 10) a
7
- Come si era visto nellUnit 5, il congiuntivo un
modo verbale utilizzato nelle frasi dipendenti
quando il verbo della principale esprime opinioni,
incertezza, volont, stato danimo, speranza, attesa, paura, insomma tutto ci che appartiene alla
sfera soggettiva. Dopo aver rivisto i punti principali delluso del congiuntivo, invitate gli studenti
ad individuare quali, tra le espressioni presenti in
tabella, richiedono luso del congiuntivo nelle frasi
secondarie.
- Procedete con il riscontro in plenum.
99

Soluzione: Immaginavo che lei..., Non sapevo se


Mario..., Speravo che Anna..., Mi faceva piacere che
lui..., Vorrei che tu..., Era importante che io...,
Bisognava che lei...
- Soffermatevi anche ad analizzare le espressioni
che non richiedono il congiuntivo. Ero certo che
loro... e Sapevo che Lisa... non richiedono il congiuntivo in quanto il verbo della principale indica
una certezza. Credevo di non richiede il congiuntivo perch essendoci identit di soggetti tra la principale e la secondaria, la struttura della frase si modifica e il verbo della principale seguito da di +
infinito.
- Ad ulteriore conferma di quanto detto si possono
analizzare le frasi presenti in Appendice a pagina
187.
8
- Fate lavorare gli studenti in coppia: il compito consiste nello scegliere 4 frasi della tabella al punto
precedente e di completarle liberamente.
- Procedete con il riscontro in plenum.

D Vivere in citt
1
- Chiedete agli studenti quali sono secondo loro i
fattori da cui pu dipendere la qualit della vita in
una citt e annotateli alla rinfusa alla lavagna.
- Discutete in plenum cercando di stabilire un ordine di importanza tra i vari fattori individuati come
determinanti per lo stato di salute di una citt.
2
- Fate ascoltare il brano e invitate i corsisti ad individuare le affermazioni corrette.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. b, 2. c, 3. a, 4. b
3
- Spiegate agli studenti che Il ragazzo della via
Gluck una canzone cantata nel 1966 al Festival di
Sanremo da Adriano Celentano, celebre personaggio del mondo dello spettacolo molto amato dal
pubblico come cantante, attore e presentatore di
programmi televisivi. Invitate gli studenti a leggere il testo e, se possibile, fate ascoltare la canzone.
- Invitate gli studenti a lavorare in coppia al fine di
100

trovare le risposte alle domande sulla canzone,


quindi procedete con il riscontro in plenum.
Soluzioni possibili: 1. Il ragazzo molto triste e
piange perch andr a vivere in citt e lamico ne
sorpreso perch secondo lui la vita in citt
migliore; 2. Quando torna trova i luoghi completamente cambiati perch sono state costruite case
dappertutto e non c pi verde; 3. Lautore della
canzone vuole criticare il fatto che le citt diventano sempre pi grandi e rovinano lambiente e le
relazioni sociali; 4. risposta libera
4
- Nella tabella a pagina 109 troviamo come se, ovvero una congiunzione che fa assumere alla dipendente un valore comparativo, ad esempio Si comporta come se non lo sapesse. Allo scopo di rinnovare la riflessione sulluso del congiuntivo e delle
congiunzioni, invitate gli studenti a completare le
lacune presenti nelle frasi in tabella con le congiunzioni date.
- Andate in Appendice a pagina 188 e procedete con
il riscontro in plenum.
- Le altre congiunzioni sono tutte note dai capitoli
precedenti.
Attivit ludica
- Fotocopiate la scheda numero 5 a pagina 107. Da
ogni copia ritagliate i cartellini lungo le linee tratteggiate e ricavate due mazzi di carte. Le carte di
ogni mazzo devono avere tutte un simbolo diverso luna dallaltra. Gli studenti lavorano in coppia
e ricevono ognuno uno dei due mazzi ricavati
dalla stessa fotocopia. Il primo studente gioca una
carta e completa la frase in essa contenuta, ad
esempio: Volevo andare alla festa sebbene fossi
stanco. Il compagno deve giocare la carta contenente lo stesso simbolo e lo stesso inizio di frase
e completare a sua volta in maniera diversa, ad
esempio: Volevo andare alla festa nonostante la
macchina fosse rotta. Se il completamento giusto pu tenere la carta e prendersi anche quella
precedentemente giocata dal compagno. A questo
punto lui a dover giocare per primo una carta e
completare la frase. Il suo compagno ha per la
possibilit di rubargli la carta giocando quella che
contiene lo stesso simbolo e completando la frase
in essa contenuta.
- Naturalmente vince chi, al termine, in possesso
del maggior numero di carte.

5
- Chiedete agli studenti di completare le lacune nelle
frasi con le congiunzioni presenti nella tabella del
punto precedente.
Soluzione: 1. prima che, 2. come se, 3. Nonostante /
Sebbene / Bench / Malgrado, 4. senza che, 5. come
se / purch / a patto che / a condizione che

E Salviamo la Terra!
1
- In plenum osservate la copertina della rivista Panorama invitando gli studenti a riferire le informazioni che da essa si ricavano riguardo alla situazione dellambiente.
2
- Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per
leggere larticolo liberamente tratto da la Repubblica, quindi chiedete ai corsisti di lavorare in coppia allo scopo di rimettere nel giusto ordine i quattro paragrafi del testo e discutere il loro significato.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 3, 4, 2, 1
3
- Leggete in plenum i tre titoli presenti nel Libro
dello studente, quindi scegliete quello che meglio
riassume il contenuto dellarticolo.
4
- Fate lavorare gli studenti in coppia: lasciate loro
qualche minuto di tempo per individuare a quali
espressioni dellarticolo si riferiscono quelle presenti nel testo.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: vicino a = prossimo; per dire una cosa in
modo diverso = in altri termini; la durata = larco;
senza limiti = allinfinito; avere la pi grande responsabilit = fare la parte del leone
5
- Scrivete alla lavagna:
come se fossero rigenerabili allinfinito
- Osservate insieme: sappiamo gi che lespressione
sottolineata, come se, richiede luso del congiuntivo
ed infatti seguita dal verbo essere al congiuntivo
imperfetto. Invitate gli studenti a fare labbinamento come richiesto dalla tabella a pagina 111.

- Andate in Appendice alle pagine 188 e 189 e procedete con il riscontro in plenum lasciando agli
studenti qualche minuto per leggere la lista di
espressioni che richiedono il congiuntivo.
6
- Chiedete agli studenti di completare le frasi presenti
nel testo quindi procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. , 2. eravamo, 3. fossi, 4. facessi, 5.
essere, 6. partire
7
- In plenum osservate le due foto e discutete: che
tipo di messaggio trasmettono sul tema dellambiente? Quale comportamento pi diffuso nella
citt dei corsisti? E loro come si comportano rispetto ai rifiuti?

F Vocabolario e abilit
1
- Chiedete agli studenti di lavorare in coppia e di separare i fattori positivi per lambiente da quelli negativi, trascrivendoli nelle giuste colonne. Invitateli inoltre ad aggiungere altri fattori considerati
importanti a livello ambientale e a confrontare poi
le liste con quelle degli altri compagni.
Soluzione: fattori positivi: forme di energia rinnovabili, macchine elettriche, risparmiare, riciclare, proteggere gli animali in via destinzione, usare i mezzi
pubblici, fattori negativi: macchine a benzina, sprecare, usare lauto, tagliare gli alberi, viaggiare in
aereo
2
- Discutete in plenum a proposito delle conseguenze
che i problemi ambientali e i comportamenti umani
hanno sugli animali, compresi quelli domestici.
3
- Invitate gli studenti a lavorare in piccoli gruppi e a
raccontare la storia basandosi sulle illustrazioni
presenti nel Libro dello studente.
- Lasciate che ogni gruppo riferisca la propria storia
in plenum.
4
- Fate ascoltare il brano dellesercizio 19 a pagina
83 del Quaderno degli esercizi e invitate gli studenti a segnare le affermazioni esatte.
101

- Procedete con il riscontro in plenum.


Soluzione: 1. b, 2. d, 3. b
5
- Invitate gli studenti a lavorare in coppia: il compito consiste nellimmedesimarsi nelle situazioni proposte e nel dar luogo alla conversazione relativa.
Ricordate agli studenti di utilizzare le informazioni offerte a pagina 199 per il ruolo B della prima
situazione.
6
- Invitate gli studenti a svolgere i compiti scritti
indicati dal Libro dello studente. Tale attivit potr
essere svolta sia come compito a casa che in classe. In entrambi i casi chiedete agli studenti di consegnarvi i propri elaborati affinch possiate restituirli corretti.
Conosciamo lItalia
- Invitate gli studenti a leggere individualmente i
testi sugli italiani e lambiente e a indicare le affermazioni corrette tra quelle date a proposito dellagriturismo. A tale scopo esortateli ad avvalersi
dellaiuto offerto dal glossario a pagina 114 ed
eventualmente di un buon dizionario.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. c, 2. b, 3. d
- Esortate gli studenti ad usufruire delle attivit online previste dallunit 7.
Autovalutazione
- Invitate gli studenti a svolgere individualmente il
test di autovalutazione e a controllare le soluzioni
a pagina 203 del Libro dello studente.

102

OPINIONI ALLA RINFUSA!


- Dividete la classe in gruppi di tre o quattro persone. Fotocopiate la scheda numero 6 a pagina 108 e
consegnatene una copia ad ogni gruppo. Il compito consiste nel leggere le affermazioni contenute
nei fumetti di sinistra e completare le frasi contenute nei fumetti di destra con la propria opinione
rispetto alle varie affermazioni. Naturalmente allinterno del gruppo si dovr raggiungere un punto
di vista comune prima di procedere con il completamento.
- Lasciate agli studenti un po di tempo per svolgere
lattivit. Durante il riscontro in plenum, leggete ad
alta voce unaffermazione alla volta e invitate i
corsisti a riferire le loro opinioni. Quali affermazioni risultano maggiormente condivise? Quali invece danno origine a pensieri molto diversi tra
loro?
Grammatica
- Fotocopiate la scheda numero 7 a pagina 109, distribuite le fotocopie agli studenti e chiedete di
completarle con gli elementi grammaticali mancanti.
- Fate confrontare il risultato prima con il compagno
di banco e poi con le tabelle presenti nel testo nel
corso dellunit 7.
- Lasciate agli studenti il tempo per concentrarsi su
questa attivit di ripetizione e controllo e invitateli a riferire eventuali dubbi o argomenti che non
sono chiari per poterli discutere in plenum.

103

sperare

aspettare

temere

aspettare

Verbi

volere

pensare

Il cassetto della frase principale

Soggetti

tu

lazienda

la mamma

Francesco

la gente

voi

Verbi

tornare
mandare
avere
essere
finire
partire
scoprire
essere

Il cassetto della frase dipendente

Soggetti

lo sciopero il figlio la concorrenza


il ragazzo
i bambini
Laura lassassino Chiara

sospettare

aver paura

Complementi

un messaggio
la donna ideale
un conoscente
la formula segreta
la febbre presto
da scuola
il pi tardi possibile

...................................... che ......................................

la polizia

la ragazza

Esempio: Francesco pensava che Laura fosse la donna ideale.

Scheda numero 1
Unit 7 - Sezione A5, Attivit di fissaggio

Scheda numero 2
Unit 7 - Sezione B6, Attivit di fissaggio

Pensavo che...

Cosa hai mangiato ieri sera?

Ho mangiato uninsalata.
Pensavo che avessi mangiato una pizza.

Dove sei andato lo scorso fine settimana?

.....................................................................................

Pensavo che ..............................................................


Qual lultimo film che hai visto?

.....................................................................................

Pensavo che ..............................................................


Cosa hai cucinato recentemente?

.....................................................................................

Pensavo che ..............................................................


A che ora sei andato a letto ieri sera?

.....................................................................................

Pensavo che ..............................................................


Dove sei andato in vacanza lanno scorso?

.....................................................................................

Pensavo che ..............................................................


Come si intitola lultimo libro che hai letto?

.....................................................................................

Pensavo che ..............................................................


Perch hai deciso di studiare litaliano?

.....................................................................................

Pensavo che ..............................................................


Quante ore hai studiato italiano la settimana scorsa? .....................................................................................
Pensavo che ..............................................................

104

Scheda numero 3
Unit 7 - Sezione C2, Role-play guidato

Ciao Roberto, dove vai cos di corsa?

Ciao Carla! Scusa, sto andando allaeroporto! Parto per Malta!

Ma che scherzi? Ieri sera hai detto che avresti passato lestate a casa...

S, ma poi in Internet ho trovato una fantastica offerta last minute!

Ma come hai fatto? Io non ho fortuna con queste cose...

Semplicissimo... Ho solo cliccato sulla finestra del banner!

Oh... quelle cose complicate che poi non sai se parti davvero?

Proprio no... Al contrario, lofferta era di unagenzia qui in centro e ho gi i biglietti in tasca.

Beh! Allora sei stato fortunato. Scommetto che ti senti gi con un piede dentro il mare...

Certamente! Non vedo lora di sdraiarmi sulla spiaggia maltese!!!

Lo credo bene! Magari potessi partire anchio!

Una cosa da nulla...


Dai, non scherzare...

stato facile...

Ma davvero?

Semplice...

Non dici sul serio...

Certo!
Niente affatto...
Niente di tutto questo!
Assolutamente no!

Sicuramente!
chiaro!

105

Scheda numero 4
Unit 7 - Sezione C4, Attivit di fissaggio

Faceva bel tempo!


In quel momento ero contento che facesse bel tempo!
Speravo che anche il giorno successivo avrebbe fatto bel tempo!
Mi dispiaceva per che il giorno precedente avesse fatto brutto tempo!

Gli azzurri vincevano la partita!


In quel momento ero contento che gli azzurri ............................. la partita!
Speravo che ............................. anche la partita successiva!
Mi dispiaceva per che non ............................. la partita precedente!

Roma mi piaceva tanto!


In quel momento ero contento che Roma mi ............................. tanto!
Speravo che il giorno successivo anche Firenze mi ............................. tanto!
Mi dispiaceva per che il giorno precedente Napoli non mi ............................. !

Laura e Luca guadagnavano bene!


In quel momento ero contento che Laura e Luca ............................. bene!
Speravo che anche in futuro ............................. bene!
Mi dispiaceva per che in passato non ............................. affatto!

Il mare era calmo!


In quel momento ero contento che il mare ............................. calmo!
Speravo che anche il giorno successivo ............................. calmo!
Mi dispiaceva per che il giorno precedente ............................. agitato!

106

107

...........................................................

dizione che .......................................

Volevo affittare un DVD qualora

...........................................................

Volevo affittare un DVD nel caso

a meno che .......................................

..........................................................

...........................................................

senza che ..........................................

Avresti potuto comprare quel regalo Avresti potuto comprare quel regalo

..........................................................

Volevo tornare a casa affinch

...........................................................

Dovevi parlare perch

..........................................................

Cambiai lavoro purch

..........................................................

Mi piaceva la neve malgrado

Volevo tornare a casa prima che

in cui ................................................. ..........................................................

Cambiai lavoro a patto che

Ti avrei prestato gli appunti a con-

Ti avrei prestato gli appunti purch

Dovevi parlare affinch

...........................................................

..........................................................

...........................................................

Mi piaceva la neve bench

Volevo venire alla festa nonostante

Volevo andare alla festa sebbene

Scheda numero 5
Unit 7 - Sezione D4, Attivit ludica

Scheda numero 6
Unit 7 - OPINIONI ALLA RINFUSA!

In passato cera maggior


rispetto per lambiente!

Siamo convinti che .....................................


......................................................................

Temiamo che in futuro ................................


...................................................................

Le donne sono pi
intelligenti degli uomini!

Ci sembra che .............................................


......................................................................

Non sapevamo che ......................................


..................................................................

Non pensavamo che ....................................


Studiare litaliano diventa
sempre pi difficile!

......................................................................

Allinizio credevamo che ............................


................................................................

Malgrado .....................................................
......................................................................

I soldi non fanno la felicit!


Abbiamo paura che .....................................
.............................................................

Molti pensano che .......................................


La vita era pi serena
senza i cellulari!

......................................................................

Non avremmo mai pensato che ..................


................................................................

108

Scheda numero 7
Unit 7 - Grammatica

Congiuntivo imperfetto
finire

parlare

avere

io

parlassi

.....................

.....................

tu

.....................

avessi

finissi

lui, lei, Lei

parlasse

avesse

.....................

noi

parlassimo

avessimo

finissimo

voi

parlaste

.....................

finiste

loro

.....................

avessero

finissero

Congiuntivo trapassato
Si comportata cos perch credeva che tu ..................... parlato male di lei.
Pensavo che non ..................... tornati, per cui non sono passato.
Nonostante avessi mangiato a casa, ho accettato di venire con lui.
Era strano che lei fosse partita senza avvertirmi.
Non ci sono andato bench mi ..................... invitato lei di persona.

La concordanza dei tempi al congiuntivo


Credo che Laura

faccia / far un buon lavoro.


................. un buon lavoro.
abbia fatto un buon lavoro.

Credevo che Laura

/ avrebbe fatto un buon lavoro.


facesse un buon lavoro.
avesse fatto un buon lavoro.
.................

Le congiunzioni e il congiuntivo
Ho preso con me lombrello ..................... piovesse
Lho guardata a lungo, perch mi notasse!
Mi hanno dato un aumento, ..................... io lo chiedessi!
..................... mi sentissi stanco, sono uscito.
Ricordo quella notte come se fosse ieri.
Ho accettato di uscire con lui, ..................... passasse a prendermi.
Dovevo finire prima che cominciasse la partita.
Sarebbe venuto, ..................... non avesse qualche problema.

Altri usi del congiuntivo


Giorgio era lunico ..................... potesse aiutarti in quella situazione.
Magari tu avessi ascoltato i miei consigli!
Mi ha chiesto ..................... tu fossi sposato o single.
Comunque andassero le cose lui non si scoraggiava mai.
Lui litigava con ..................... avesse idee diverse dalle sue.
Era la donna pi bella che avessi mai conosciuto.
..................... avessero dei problemi lo sapevamo gi.
109

Elementi comunicativi - Fare ipotesi


e lessicali
- Congratularsi, approvare, disapprovare
- Consigli per la stesura di une-mail
- Uso e abuso della tecnologia
- Offerta pubblicitaria
- Noi e il telefonino
- Lessico relativo al computer e alle nuove tecnologie
Elementi grammaticali - Periodo ipotetico di 1 e 2 tipo
- Periodo ipotetico di 3 tipo
- Usi di ci
- Usi di ne
Civilt

Scienziati e inventori italiani

Materiale necessario

Sezione A, punto 5, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 1 a


pagina 117
Sezione A, punto 7, attivit ludica: alcune fotocopie della scheda numero 2 a pagina 118 e alcuni dadi
Sezione B, punto 2, role-play guidato: alcune fotocopie della scheda numero 3 a
pagina 119
Sezione B, punto 7, attivit ludica: alcune fotocopie della scheda numero 4 a pagina 120 e alcuni dadi
10.000.000 DI EURO!!!: alcune fotocopie della scheda numero 5 a pagina 121
Grammatica: alcune fotocopie della scheda numero 6 a pagina 122

Per cominciare...
1
- Scrivete alla lavagna:

2
- Fate ascoltare il dialogo fino a Bravo! chiedendo agli studenti di concentrarsi sulle informazioni
che permettono loro di capire di quali attivit, tra
quelle appena viste, si parla.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: Si parla di videogiochi

tecnologia

- Invitate gli studenti a suggerirvi il maggior numero possibile di parole che associano a tecnologia e
a motivare le loro associazioni. Inserite le parole
nel cerchio che avete disegnato alla lavagna.
- In plenum osservate le immagini del Libro dello
studente e selezionate le parole contenute nel cerchio che si adattano alle illustrazioni. Chiedete agli
studenti in quali immagini si riconoscono e quali
tra le azioni rappresentate fanno pi spesso.
110

3
- Fate ascoltare lintero dialogo chiedendo agli studenti di indicare le informazioni presenti tra quelle date.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 2, 3, 5, 7, 8, 9

A Se provassi anche tu...


1
- Fate ascoltare di nuovo il dialogo per dare la possibilit agli studenti di verificare le proprie risposte allattivit precedente.

3
- Fate lavorare gli studenti in coppia: il compito consiste nellindividuare il significato delle espressioni pronunciate da Amedeo e Luigi abbinando le
due colonne.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: Ma come = incredibile; che non ti dico
= bellissimi, eccezionali; Ma che centra? = Ma che
relazione ha?; ne varrebbe la pena = avrebbe senso; a
proposito = relativamente a questo; Ma basta! = Non
voglio sentire altro!
3
- Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per
leggere il dialogo tra Amedeo e Chiara e completare con i verbi adatti.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: avesse comprato, sarebbe, avessi, preferisse, comincer, fosse, faremmo
4
- Fate lavorare gli studenti in gruppi di quattro persone. Allinterno di ogni gruppo ci si suddivider
in due coppie ognuna delle quali riassumer il dialogo iniziale. Una coppia, per, potr farlo con una
frase di 10-15 parole, laltra coppia con due frasi di
20-25 parole in tutto.
- Invitate le coppie a confrontare i propri risultati,
prima allinterno del gruppo e poi in plenum.
5
- Scrivete alla lavagna:
Se vai avanti cos, ti isolerai.
- Osservate in plenum: siamo difronte ad un periodo
ipotetico composto da due proposizioni, ovvero una
frase dipendente, Se vai avanti cos, in cui si esprime una condizione, e una frase principale, ti isolerai, in cui si esprime la conseguenza. Lordine delle
due proposizioni non fisso, infatti, se scriviamo Ti
isolerai, se vai avanti cos il significato rimane invariato. La congiunzione che introduce la frase dipendente normalmente se, ma si possono avere anche
altre congiunzioni, ad esempio: qualora, laddove,
nel caso in cui ecc. Nella frase alla lavagna lipotesi data come reale e quindi espressa con il modo
indicativo. In questo tipo di periodo ipotetico, cosiddetto della realt, i tempi del modo indicativo si possono combinare in vario modo, infatti possiamo
avere il presente, il futuro, il passato prossimo e il

futuro anteriore nella frase dipendente e il presente


e il futuro nella frase principale. Inoltre nella frase
principale si pu avere anche il modo imperativo.
Attivit di fissaggio
- Fate lavorare gli studenti in piccoli gruppi. Fotocopiate la scheda numero 1 a pagina 117 e consegnatene una copia ad ogni gruppo. Il compito consiste nel completare le frasi della terza colonna a
destra al tempo indicato.
- Quando tutte le coppie avranno terminato procedete con il riscontro in plenum, invitando i vari gruppi a riferire i propri elaborati.
6
- Fate lavorare gli studenti in coppia invitandoli a
completare liberamente le frasi date.
- Lasciate che ogni coppia riferisca i propri completamenti.
7
- Scrivete alla lavagna:
Se potessi essere un animale, vorrei essere un leone.
- Osservate in plenum: anche in questo caso siamo
di fronte ad un periodo ipotetico composto da due
proposizioni, ovvero una frase dipendente, Se potessi essere un animale, in cui si esprime una condizione, e una frase principale, vorrei essere un
leone, in cui si esprime la conseguenza. In questo
caso per lipotesi data come possibile o auspicabile ed espressa con il congiuntivo imperfetto
nella frase dipendente e il condizionale semplice
nella frase principale. Inoltre, nella frase principale si pu avere anche il modo imperativo.
Attivit ludica
- Fate lavorare gli studenti in piccoli gruppi. Fotocopiate la scheda numero 2 a pagina 118 e consegnatene una copia ad ogni gruppo insieme ad un
dado.
- Spiegate le regole del gioco: a turno gli studenti
lanciano il dado, avanzano a seconda del numero tirato e quando arrivano su una casella devono completare la frase esprimendo cosa farebbero/sarebbero nella situazione data. La casella pu essere
occupata solo se la formulazione corretta, altrimenti si dovr tornare al punto da cui si era partiti
prima dellultimo lancio. Naturalmente vince chi
arriva primo al traguardo.
111

8
- Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per
completare il testo coniugando i verbi tra parentesi.
- Sottolineate il fatto che il testo tratto da un libro
che ha avuto grande successo in Italia: si tratta di
Io speriamo che me la cavo, un testo formato da
una serie di temi svolti dai bambini napoletani residenti nelle zone di maggior degrado, da cui
emerge il loro desiderio di migliorare o perlomeno
di sopravvivere, di cavarsela in qualche modo.
Soluzione: fossi, farei, fossi, farei, darei, avessi, costruirei, farei, darei, comprerei, avessi, farei, vincessi
- Chiedete agli studenti cosa farebbero se diventassero molto ricchi e lasciateli fantasticare ad alta voce.

B Complimenti!
1
- Fate ascoltare i mini dialoghi e chiedete agli studenti di indicare in quali di essi si ha una reazione
negativa e in quali positiva.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: positiva: 1, 2, 3, 5; negativa: 4, 6, 7, 8
2
- Fate ascoltare nuovamente i mini dialoghi: questa
volta si tratta di individuare le espressioni utilizzate per congratularsi, approvare e disapprovare e
scriverle negli appositi spazi.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: Congratularsi-Approvare: Complimenti!,
Congratulazioni!, Brava!, Questo s che...; Disapprovare: Cosa? Ma assurdo!, Ma non possibile!, Ma
che schifo!, Ma di nuovo!, Non si pu andare avanti
cos!

4
- Scrivete alla lavagna:
Se non giocasse sempre con il computer,
uscirebbe pi spesso con noi.
Se non avesse giocato tutta la sera al computer,
sarebbe uscito con noi.
- Chiedete agli studenti qual secondo loro la differenza tra i due periodi ipotetici. Ascoltate le risposte, quindi fate il punto della situazione: il periodo
ipotetico qui presentato composto da una frase
dipendente Se non giocasse sempre con il computer/Se non avesse giocato tutta la sera al computer, in cui si esprime una condizione, e una frase
principale uscirebbe pi spesso con noi/sarebbe
uscito con noi, in cui si esprime la conseguenza. In
questo caso lipotesi data come auspicabile nel
primo periodo Se non giocasse sempre con il computer uscirebbe pi spesso con noi ed espressa
con il condizionale presente nella frase principale
uscirebbe pi spesso con noi e con il congiuntivo
imperfetto nella frase secondaria Se non giocasse
sempre con il computer. Nel secondo periodo lipotesi impossibile in quanto la sua conseguenza
collocata nel passato, quindi non pu pi realizzarsi. I tempi utilizzati nel periodo ipotetico dellimpossibilit sono il congiuntivo trapassato avesse giocato nella frase dipendente e il condizionale
composto sarebbe uscito nella frase principale.
5
- In plenum leggete le due frasi contenute in tabella:
anche in questo caso siamo di fronte a due periodi
ipotetici dellimpossibilit come quello visto al punto precedente. Invitate gli studenti a completare liberamente le frasi che seguono e lasciate che riferiscano alla classe.

Role-play guidato
- Fotocopiate la scheda numero 3 a pagina 119. Fate
lavorare gli studenti in coppia e consegnate ad
ognuna una scheda. Invitate gli studenti a ripetere
pi volte il dialogo, sostituendo le informazioni
scritte in caratteri diversi con quelle contenute nei
riquadri sottostanti, con lo stesso carattere.

6
- Scrivete alla lavagna:

3
- Fate lavorare gli studenti in coppia: immedesimandosi nelle situazioni date, a turno gli studenti assumono i ruoli di A e B e svolgono i dialoghi previsti.

- Chiedete agli studenti qual in questo caso la differenza tra i due periodi ipotetici. Ascoltate le risposte e riassumete: in entrambi i periodi lipotesi,
collocata nel passato e quindi irrealizzabile,
espressa con il congiuntivo trapassato avessi finito

112

Se avessi finito luniversit,


sarei diventato un avvocato.
Se avessi preso la laurea,
oggi sarei un avvocato di successo.

e avessi preso. Nel primo periodo Se avessi finito


luniversit, sarei diventato un avvocato lipotesi
ha dato luogo a quella conseguenza nel passato che
viene espressa con il condizionale composto, come
in sarei diventato un avvocato. Nel secondo periodo Se avessi preso la laurea, oggi sarei un avvocato di successo lipotesi ha una conseguenza che si
ripercuote nel presente ed espressa con il condizionale semplice come in oggi sarei un avvocato di
successo.
7
- In plenum leggete le due frasi contenute in tabella
e invitate gli studenti a lavorare in coppia: il compito consiste nel formulare una frase con una struttura simile a quelle appena lette.
- Lasciate che gli studenti riferiscano le loro frasi in
plenum.
- Invitate gli studenti a consultare lAppendice a pagina 189 e a leggere le altre forme di periodo ipotetico.
Attivit ludica
- Fate lavorare gli studenti in piccoli gruppi. Fotocopiate la scheda numero 4 a pagina 120 e consegnatene una copia ad ogni gruppo insieme ad un
dado.

loro qualche minuto di tempo per leggere il testo.


Informate la classe che Beppe Severgnini, autore
del brano, un giornalista, scrittore, opinion leader, molto noto e amato in Italia. Per anni ha lavorato come corrispondente dalla Gran Bretagna del
quotidiano La Stampa. Ha condotto dei programmi
televisivi, ha un sito molto visitato (www.beppesevergnini.com) e tiene rubriche fisse di costume sul
quotidiano Corriere della sera e altrove. I suoi temi riguardano fatti di costume e societ, da lui trattati sempre con sapiente ironia.
- Invitate gli studenti a consultarsi con i vicini di
banco allo scopo di aumentare la propria comprensione del testo, discutendo le frasi e le parole che
non risultano chiare.
- Discutete il testo in plenum: ci sono ancora frasi o
parole che non si riusciti a capire?
- Ritornate alla domanda iniziale: ci che gli studenti non gradiscono della posta elettronica ha qualche riscontro con quanto scritto dallautore? Quale
regola pi importante agli occhi dei corsisti? In
quale errore si riconoscono?
- Scrivete alla lavagna la frase scorretta del testo:
Caro Teresa, devi spere cheho fto tardi ieri
sera e non star possibile chiamlareti al telefono;
Fatt viva. Ciao, Monica.

- Spiegate le regole del gioco: a turno gli studenti


lanciano il dado, avanzano a seconda del numero
tirato e quando arrivano su una casella devono completare la frase secondo lesempio dato. La casella
pu essere occupata solo se la formulazione corretta, altrimenti si dovr tornare al punto da cui si
era partiti prima dellultimo lancio. Naturalmente
vince chi arriva primo al traguardo.

- Invitate gli studenti a correggere fino ad arrivare


alla frase esatta da riscrivere su un foglietto.

C Tutti al computer!

- Quale foglietto si avvicina maggiormente alla correttezza? Quale del tutto corretto?

1
- Invitate gli studenti a descrivere e commentare le
due foto: dove sono i bambini? Cosa fanno?
2
- Discutete in plenum: lasciate che gli studenti rispondano ed esprimano le loro opinioni a proposito dei quesiti dati.
3
- Chiedete agli studenti se ci sono cose che li infastidiscono nelle e-mail che ricevono, quindi lasciate

- Fate il riscontro in plenum scrivendo la frase esatta alla lavagna, ovvero:


Cara Teresa, devi sapere che ho fatto tardi ieri
sera e non stato possibile chiamarti al telefono.
Fatti viva. Ciao, Monica.

4
- Discutete in plenum degli usi che gli studenti fanno di Internet e della loro opinione a proposito di
questo mezzo di comunicazione e informazione.
5
- Leggete insieme la lista di parole: quali risultano
gi conosciute? Discutete in plenum il loro significato, quindi invitate gli studenti a formulare delle
ipotesi sui temi discussi nella trasmissione che farete loro ascoltare.
113

6
- Fate ascoltare la trasmissione dedicata a Internet e
invitate gli studenti a indicare le affermazioni veramente presenti.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 3, 5, 7, 9
7
- Scrivete alla lavagna:
ci occuperemo
ci passa
non ce la fa
- Riflettete insieme: qual il significato di ci in queste frasi? evidente che il significato di ci cambia
ogni volta, infatti in ci occuperemo il ci ha il valore di pronome riflessivo, nel secondo caso ci passa
il ci significa in quel luogo. Nel caso di non ce
la fa invece, abbiamo il verbo pronominale farcela che rappresenta ununit semantica, unespressione particolare il cui significato riuscire a.
- Invitate gli studenti ad abbinare gli esempi dati in
tabella allesatta funzione svolta da ci, quindi procedete con il riscontro in plenum consultando lAppendice alle pagine 189 e 190 con la lista completa.

D Pronto, dove sei?


1
- Chiedete agli studenti di osservare e leggere la pagina promozionale web e di rispondere alle domande cercando di non utilizzare le parole del testo.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. Si pubblicizza unofferta della compagnia telefonica TIM relativa a SMS, MMS e videochiamate; 2. Lofferta si rivolge a tutti i potenziali
utenti della TIM, in particolare ai giovani, in quanto
se si hanno meno di 27 anni si ha diritto ad ulteriori
vantaggi; 3. risposta libera

risposte contenute in tabella, quindi procedete con


il riscontro in plenum consultando lAppendice a
pagina 190.
3
- Invitate gli studenti a completare le frasi con ci o
ne, quindi procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. ci, 2. ci, 3. ne, 4. ne, 5. ne, 6. Ci
4
- In plenum osservate la foto dellinventore del telefonino e il grande cellulare che tiene in mano. Come cambiato il mondo dei cellulari dal 1973, anno della scoperta, ad oggi? Come sarebbe la nostra
vita senza questa invenzione? Come si svilupper
in futuro la tecnologia relativa ai telefonini? Lasciate che gli studenti discutano in proposito.
5
- Lasciate agli studenti il tempo per leggere la lista
di parole date, leggere il testo di Luciano De Crescenzo e completarlo con le parole ritenute adatte
tra quelle appena viste.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1) previsto, 2) squilla, 3) Sento, 4) importante, 5) normale, 6) criticare, 7) minimo, 8) sentimenti, 9) gioia, 10) accorto
6
- Invitate gli studenti a riassumere brevemente il testo e a rispondere alle domande relative ai cellulari.

E Vocabolario e abilit
1
- Invitate gli studenti a collegare immagini e parole,
quindi procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione:
1

12

2
- Scrivete alla lavagna:

13
14

Ogni giorno ne vale 100


- Osservate in plenum: come ci, anche ne assume
significati diversi nelle varie frasi, infatti pu
avere il valore di pronome partitivo, oppure significare di qualcosa/di qualcuno, oppure da un luogo/da una situazione.
- Invitate gli studenti ad abbinare le domande e le
114

11
8

2
5
6
9
10

2
- Fate lavorare gli studenti in coppia: il compito consiste nel completare la griglia indicando i possibili
abbinamenti tra sostantivi e verbi.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: scaricare: une-mail, canzoni da Internet,
un programma, un file, installare: un programma;
salvare: une-mail, un programma, un file; premere:
un tasto; inviare: une-mail, un file; alzare: il volume; ricaricare: la batteria
3
- Fate ascoltare il brano dellesercizio 16 a pagina
92 del Quaderno degli esercizi e invitate gli studenti a completare le frasi utilizzando al massimo
quattro parole.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. un televisore... di quelli grandi; 2. da 38
pollici; 3. 400 canali, anche digitali; 4. che pi Le interessa; 5. occupa anche meno spazio; 6. televisive
dellutente; 7. ci fossero televisori; 8. di meno tecnologico
4
- Invitate gli studenti a lavorare in coppia: il compito consiste nellimmedesimarsi nelle situazioni proposte e nel dar luogo alla conversazione relativa.
Ricordate agli studenti di utilizzare le informazioni offerte a pagina 200 per il ruolo B della prima
situazione.
5
- Invitate gli studenti a svolgere i compiti scritti
indicati dal Libro dello studente. Tale attivit potr
essere svolta sia come compito a casa che in classe. In entrambi i casi chiedete agli studenti di consegnarvi i propri elaborati affinch possiate restituirli corretti.
Conosciamo lItalia
- Invitate gli studenti a leggere individualmente i testi sugli scienziati e gli inventori italiani e a indicare le affermazioni corrette tra quelle date. A tale
scopo esortateli ad avvalersi dellaiuto offerto dal
glossario a pagina 131 ed eventualmente di un
buon dizionario.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. a, 2. c, 3. c
- Invitate i corsisti a discutere quale invenzione ri-

tengono pi importante e perch.


- Esortate gli studenti ad usufruire delle attivit online previste dallunit 8.
Autovalutazione
- Invitate gli studenti a svolgere individualmente il
test di autovalutazione e a controllare le soluzioni
a pagina 203 del Libro dello studente.
10.000.000 DI EURO!!!
- Dividete la classe in gruppi di quattro o cinque persone. Fotocopiate la scheda numero 5 a pagina 121
e consegnatene una copia ad ogni gruppo. Alla lavagna scrivete frasi del tipo:
se avessi / se avessimo
se potessi / se potessimo
se comprassi / se comprassimo
se investissi / se investissimo
- Spiegate quindi agli studenti che il loro compito
consiste nello spendere i 10.000.000 di euro per le
voci indicate nella scheda. Nello spazio con scritto
Per me e Per la mia famiglia, ogni studente dovr
esprimere un suo desiderio e valutare la spesa per
realizzarlo affinch alla fine si possa calcolare il
totale. Negli altri spazi, invece, gli studenti dovranno prendere delle decisioni in comune e anche
in questo caso indicare la spesa totale di ci che
vorrebbero realizzare. Inoltre, c uno spazio vuoto rispetto al quale gli studenti sono liberi di scegliere lobiettivo in cui investirebbero una parte
della somma di denaro. La complessit del compito consiste innanzitutto nel mettersi daccordo e
soprattutto nel non superare la spesa complessiva
di 10.000.000 di euro data dalla somma di tutti i
totali parziali contenuti nella scheda. Le frasi scritte alla lavagna invece sono uno spunto per invitare a formulare usando il periodo ipotetico incontrato nel corso dellattivit.
- Lasciate agli studenti un po di tempo per svolgere
il compito, quindi procedete con il riscontro in plenum. Quali sono le spese pi originali? Quali le
pi comuni?
Grammatica
- Fotocopiate la scheda numero 6 a pagina 122, distribuite le fotocopie agli studenti e chiedete di
completarle con gli elementi grammaticali mancanti.
115

- Fate confrontare il risultato prima con il compagno


di banco e poi con le tabelle presenti nel testo nel
corso dellunit 8.
- Lasciate agli studenti il tempo per concentrarsi su
questa attivit di ripetizione e controllo e invitateli a riferire eventuali dubbi o argomenti che non
sono chiari per poterli discutere in plenum.

116

Scheda numero 1
Unit 8 - Sezione A5, Attivit di fissaggio

Presente

Se

Se

Se

decidiamo di cambiare citt


fai sport
vai a Roma

...............................................
...............................................
...............................................

Presente

Futuro

gli chiedi un prestito


ascoltiamo i consigli del professore
studi di pi

...............................................

Futuro

Futuro

andrai allUniversit
troverai un buon lavoro
verrai a trovarci
Passato prossimo

Se

Presente

hai spiegato il problema a Laura


avete studiato abbastanza
non hanno capito

...............................................
...............................................

...............................................
...............................................
...............................................

Passato Prossimo
Presente / Futuro
...............................................
...............................................
...............................................

117

Scheda numero 2
Unit 8 - Sezione A7, Attivit ludica
Esempio: Se potessi partire per una vacanza andrei alle Hawaii.

Partenza

1
Se potessi partire
per una vacanza

2
Se dovessi
scegliere unaltra
nazionalit

3
Se non fossi
qui in questo
momento

.............................

.............................

..........................

.......................... .

8
Se non dovessi
pi lavorare

7
Se fossi un
bambino

.............................

.............................

6
Se potessi
mangiare
qualcosa subito

.............................

.............................

.............................
.............................

9
Se sapessi
perfettamente
litaliano
.............................
..........................

.............................

10
Se fossi un attore/
attrice famoso/a

11
Se non avessi
un cellulare

.............................

.............................

.............................

.............................

.............................

12
Se potessi
incontrare una
persona famosa
.............................

13
Se potessi
cambiare casa
.............................
.............................

..........................

16
Se ricevessi
un pacco da
uno sconosciuto
.............................

15
Se sapessi
suonare
.............................
.............................

..........................

.............................
..........................

17
Se incontrassi un
fantasma

18
Se dovessi
comprare un libro

.............................

.............................

.............................

.............................

19
Se il
fine settimana
fosse bel tempo
.............................
..........................

118

14
Se fossi uno/a
sportivo/a
famoso/a

Arrivo!

4
Se avessi un
aeroplano
.............................
.............................

5
Se abitassi in
un castello
.............................
.............................

Scheda numero 3
Unit 8 - Sezione B2, Role-play guidato

Ehi Luca, aspetta un attimo...

Ciao Irene! Dimmi!

Guarda un po... Finalmente mi sono comprata la macchina nuova!

questa? I miei complimenti! Unottima scelta!

Ti piace davvero?

stupenda... come quella di Riccardo!

Davvero? Non sapevo che avesse questa macchina...

Infatti non ce lha pi... Glielhanno rubata il mese scorso.

Cosa?!

Non lo sapevi?

No... ma che brutta cosa... E dove successo?

Ma assurdo!
Complimenti!
Congratulazioni!

Ma non possibile!
Ma incredibile!

Brava!

uno spettacolo!
ma che ingiustizia...

bellissima!

ma che peccato...
ma che sfortuna...

proprio bella!

119

Scheda numero 4
Unit 8 - Sezione B7, Attivit ludica
Esempio: Se avessi avuto degli amici a Milano, li sarei andati a trovare.
Se non ci fosse stato sciopero, a questora saremmo in volo.

1
Se ..........................

2
Se ..........................

3
Se ..........................

4
Se ..........................

...............................

...............................

...............................

...............................

il mondo oggi
sarebbe migliore.

avrei studiato
sarei diventato/a
una persona famosa. il cinese.

avrei comprato
una casa nuova.

9
Se ..........................

8
Se ..........................

7
Se ..........................

6
Se ..........................

5
Se ..........................

...............................

...............................

...............................

...............................

...............................

avrei ottenuto quel


posto di lavoro.

avrei visto il
film in TV.

ora vivrei
tranquillo.

sarei andato alla


festa studentesca.

i miei amici mi
avrebbero aiutato.

10
Se ..........................

11
Se ..........................

12
Se ..........................

13
Se ..........................

...............................

...............................

...............................

...............................

oggi vivrei a

oggi non saprei una


parola di italiano.

avrei avuto una vita pi avventurosa.

non sarei andato


in quellalbergo.

16
Se ..........................

15
Se ..........................

14
Se ..........................

...............................

...............................

...............................

lo avrei detto ai
miei amici.

tutto sarebbe stato


pi facile.

in questo momento
non sarei qui.

17
Se ..........................

18
Se ..........................

...............................

...............................

ora sarei molto


felice.

avrei comprato
una grande barca.

Partenza

............................

19
Se ..........................
...............................

sarei partito per le


Seychelles.

120

Arrivo!

121

totale:

........................................
........................................
........................................
........................................

Per i poveri nel mondo:

totale:

totale:

........................................
........................................
........................................
........................................

totale:

........................................
........................................
........................................
........................................

Per il/la nostro/a insegnante:

........................................
........................................
........................................
........................................

1 0 . 0 0 0 . 0 0 0 D I EU R O!!!

Per ............................... :

totale:

........................................
........................................
........................................
........................................

Per la mia famiglia:

Per la nostra citt:

totale:

........................................
........................................
........................................
........................................

Per me:

Scheda numero 5
Unit 8 - 10.000.000 DI EURO!!!

Scheda numero 6
Unit 8 - Grammatica
Periodo ipotetico, 1 tipo: realt - certezza
Se vengono le ragazze, .................... (venire) anchio.
Se non verranno, allora rester a casa.

Periodo ipotetico, 2 tipo: possibilit / impossibilit nel presente


Secondo te, .................... (essere) meglio se guardasse la TV?
Se Lidia .................... (preferire) leggere anzich uscire, ti sembrerebbe logico?
Se potessi essere un animale, vorrei essere un leone.

Periodo ipotetico, 3 tipo: impossibilit nel passato


Se fossimo tornati prima, .................... visto tutto il film.
Se tu .................... letto quellarticolo, ti saresti arrabbiato molto.

Ipotesi al passato con conseguenza nel presente


Se tu avessi accettato quella proposta, ora .................... molto ricco.
Se non .................... partito per lAmerica, oggi sarebbe un impiegato.

Usi di ci
Ciao, ci vediamo..., ci sentiamo... Insomma, a presto!

pronome riflessivo

molto gentile: ci saluta sempre!

pronome ....................

I tuoi genitori ci hanno portato i dolci?! Come mai?

pronome indiretto

- Hai tu le mie chiavi? - No, non ce le ho io.

ci pleonastico

Lui ha inventato una scusa, ma non ci ho creduto!

....................

Con Donatella? Ci sto molto bene.

con qualcuno

A Roma? S, ci sono stata due volte.

....................

Ragazzi, andate pi piano; non ce la faccio pi!

espressione particolare

Usi di ne

122

Quante e-mail ricevi al giorno?

....................

ricevo parecchie.

Quanti anni hai Franco?

Ne ho ventitr.

Come va con Gino?

Ne sono innamorata come il primo giorno!

Gli hai parlato del prestito?

S, ma non ne vuole sapere!

Ma perch tante domande su Serena?

Perch non .................... so niente.

cos brutta questa situazione?

S... e non so come uscir.......... .

Elementi comunicativi - Riportare una notizia di cronaca


e lessicali
- Chiedere conferma, confermare qualcosa, rafforzare unaffermazione
- Larte di Michelangelo
- Fontane famose di Roma
- Larte di Leonardo da Vinci
- Proverbi italiani
- Lessico relativo allarte
Elementi grammaticali - Forma passiva
- Forma passiva con dovere e potere
- Forma passiva con andare
- Si passivante
- Si passivante nei tempi composti
- Riflessione sulla forma passiva
Civilt

Larte in Italia

Materiale necessario

Sezione A, punto 6, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 1 a


pagina 131 con alcune paia di forbici e degli stick di colla
Sezione B, punto 2, role-play guidato: alcune fotocopie della scheda numero 2 a
pagina 132
Sezione B, punto 5, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 3 a
pagina 133 con alcune paia di forbici e degli stick di colla
Sezione C, punto 4, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 4 a
pagina 134 con alcune paia di forbici e degli stick di colla
ESPERTI DARTE!: alcune fotocopie della scheda numero 5 a pagina 135
Grammatica e Lessico: alcune fotocopie della scheda numero 6 alle pagine 136 e 137

- Fate ascoltare ancora il dialogo chiedendo agli studenti di indicare le affermazioni corrette.

Per cominciare...
1
- Introducete largomento dellunit chiedendo agli
studenti cosa conoscono e cosa preferiscono dellarte italiana. Quali sono le opere pi conosciute?
Quali gli artisti? Ci sono opere o musei che gli studenti hanno visto personalmente?
- Chiedete agli studenti il titolo e lautore delle opere illustrate invitandoli a fare labbinamento con
autori e opere riportati sotto le tre immagini.
Soluzione da sinistra verso destra: 5, 6, 4
2
- Fate ascoltare il dialogo chiedendo agli studenti di
concentrarsi sugli artisti che sentono nominare, tra
quelli visti al punto precedente.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: Caravaggio e Leonardo

- Procedete al riscontro in plenum.


Soluzione: 1. b, 2. c, 3. d, 4. b

A Furto agli Uffizi!


1
- Invitate gli studenti ad osservare la foto sullo sfondo: si tratta della Galleria degli Uffizi e di Palazzo
Vecchio a Firenze, tra i luoghi pi celebri dItalia.
C qualcuno in classe che li ha visitati? Cosa ricorda? Altri che vorrebbero andarci? Come se li
immaginano?
- Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per
provare a completare il dialogo sulla base di ci
che ricordano dagli ascolti precedenti, quindi fatelo ascoltare di nuovo per confermare le proprie risposte.
123

Soluzione: incredibile, musei, migliaia, folla, quadri,


collezionista, ammirare, furto
2
- Fate lavorare gli studenti in coppia: il compito consiste nello scegliere le affermazioni corrette.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. c, 2. b, 3. c, 4. b
3
- Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per
leggere il dialogo tra la giornalista del telegiornale
e linviato e completarlo con i verbi dati.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: sono state rubate, sono stati rubati, considerata, viene visitata, sono stati ripresi, sono stati
notati, saranno interrogati
4
- Fate lavorare gli studenti in gruppi: il compito consiste nellinventare una storia in cui si racconta cosa successo alle opere dopo il furto e scriverla.
- Procedete con il riscontro in plenum lasciando che
ogni gruppo legga agli altri la sua versione dei
fatti!
5
- Scrivete alla lavagna:
Migliaia di persone visitano la galleria .

soggetto agente

verbo complem. oggetto

La galleria viene visitata da migliaia di persone.

soggetto

verbo

complem. dagente

- Osservate: le due frasi corrispondono nel significato, ma presentano una diversa struttura grammaticale. Nella prima frase Migliaia di persone visitano la galleria, il soggetto del verbo, ovvero migliaia di persone, lagente della frase, ovvero
colui che fa lazione. Il verbo visitano, alla forma
attiva, seguito dal complemento oggetto, la galleria. Nella seconda frase, quello che alla forma
attiva era il soggetto agente, migliaia di persone,
diventa un complemento, detto appunto dagente,
124

introdotto dalla preposizione da. Il complemento


oggetto della prima frase, la galleria, diventa invece il soggetto seguito dal verbo alla forma passiva,
viene visitata. In italiano la forma passiva caratterizzata dellausiliare essere seguito dal participio
passato del verbo, accordato per genere e numero
al soggetto. Nei tempi semplici la funzione di ausiliare pu essere svolta anche dal verbo venire, come nel caso della frase alla lavagna. Ci non possibile per con i tempi composti, in cui si pu utilizzare solo essere.
- In ogni caso, opportuno ricordare che il significato di una frase di forma attiva lo stesso della
frase alla forma passiva. Ci che cambia sono i
rapporti grammaticali tra gli elementi della frase e
lattenzione che si sposta maggiormente su chi subisce lazione.
6
- Osservate la tabella: anche qui abbiamo la possibilit di analizzare la trasformazione di una frase
dalla forma attiva alla forma passiva. Inoltre, vediamo altre frasi, con verbi di modo e tempo diversi, e il loro passaggio dalla forma attiva a quella
passiva. Sulla base di quanto visto al punto precedente, invitate gli studenti a completare le frasi
presenti in tabella, quindi procedete con il riscontro in plenum. Consigliate ai corsisti di consultare
lAppendice a pagina 190 per prendere visione di
alcune trasformazioni dei pronomi nel passaggio
dalla forma attiva a quella passiva.
Soluzione: sono state, portava, avvisati
Attivit di fissaggio
- Fotocopiate la scheda numero 1 a pagina 131. Fate
lavorare gli studenti in coppia o in piccoli gruppi.
Consegnate ad ogni coppia o gruppo una fotocopia
della scheda numero 1, un paio di forbici e uno
stick di colla. In plenum leggete la prima frase contenuta nella prima tabella, ovvero Michelangelo ha
dipinto il Giudizio Universale, e la sua trasformazione alla forma passiva, Il Giudizio Universale
stato dipinto da Michelangelo. Spiegate agli studenti che il loro compito consiste nel trasformare
tutte le frasi date alla forma passiva. Per far ci
sar necessario ritagliare soggetti e oggetti di ogni
frase dalla tabella sottostante, incollarli sotto la
frase corrispondente e scrivere il verbo, dopo averlo opportunamente modificato, e aggiungere la preposizone da, semplice o articolata a seconda dei
casi.

- Invitate gli studenti ad appendere i loro elaborati


alla lavagna e procedete al riscontro in plenum nella seguente maniera: trasformate ogni frase dalla
forma attiva a quella passiva scrivendola alla lavagna e segnando un punto su ogni elaborato se la frase in questione stata trasformata correttamente.
Naturalmente vince la coppia o il gruppo che raggiunge il punteggio pi alto.
Soluzione: Lo spazio sar/verr visitato dai turisti del
futuro; La Cappella Sistina stata decorata da molti
artisti famosi; I corsi di italiano sono/vengono frequentati da molti studenti; I film dazione sono/vengono amati da molti giovani; Troia fu/venne distrutta
dai Greci; La Gioconda alcuni anni fa stata rubata
da un italiano; La legge /viene rispettata da tutti i
cittadini onesti; La Divina Commedia stata scritta
da Dante
7
- Gli studenti lavorano individualmente e ricompongono le frasi abbinando le due colonne.
Soluzione: 1. d, 2. e, 3. a, 4. c, 5. b, 6. f
8
- Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per
completare le frasi mettendo il verbo tra parentesi
alla forma passiva.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. stata pubblicata, 2. sar/verr licenziato, 3. sono/vengono fabbricati, 4. sarebbe/verrebbe
comprata, 5. stata cantata

B Certo che cos!


1
- In plenum osservate le foto: dove si trovano le persone raffigurate? Cosa stanno facendo?
- Fate ascoltare i mini dialoghi e chiedete agli studenti di abbinarli alle foto, ricordando loro che c
un mini dialogo in pi rispetto alle immagini.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione da sinistra a destra e dallalto verso il basso: d, c, e, b
2
- Fate ascoltare nuovamente i mini dialoghi: questa
volta si tratta di completare la tabella con le espressioni appena ascoltate.
- Procedete con il riscontro in plenum.

Soluzione: chiedere conferma: Ma veramente, Ma


sul serio; confermare qualcosa: davvero incredibile, Non c dubbio
Role-play guidato
- Fotocopiate la scheda numero 2 a pagina 132. Fate
lavorare gli studenti in coppia e consegnate ad
ognuna una scheda. Invitate gli studenti a ripetere
pi volte il dialogo, sostituendo le informazioni
scritte in caratteri diversi con quelle contenute nei
riquadri sottostanti, con lo stesso carattere.
3
- Fate lavorare gli studenti in coppia: il compito consiste nello scrivere due frasi usando le frasi del
punto precedente.
- Procedete al riscontro in plenum invitando le coppie a riferire le proprie frasi.
4
- Scrivete alla lavagna:
Il volo deve essere confermato dai viaggiatori.
- Osservate: anche in questo caso siamo dinanzi ad
una frase alla forma passiva. Chiedete agli studenti di suggerirvi il suo equivalente alla forma attiva
e scrivetelo alla lavagna:
I viaggiatori devono confermare il volo.
- Come si pu osservare, nella forma attiva presente il verbo modale dovere, che ritroviamo anche
nella forma passiva coniugato alla terza persona
singolare secondo il soggetto e seguito dallausiliare essere allinfinito e dal participio passato del
verbo.
5
- In plenum leggete le frasi contenute in tabella con
verbi modali e forme passive, quindi invitate gli
studenti a completare quelle sottostanti coniugando i verbi tra parentesi.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. possono essere spediti; 2. deve essere
inviato; 3. deve/dovrebbe essere spiegato; 4. si sarebbero potuti firmare / avrebbero potuto essere firmati /
potevano essere firmati
Attivit di fissaggio
- Fotocopiate la scheda numero 3 a pagina 133. Fate
lavorare gli studenti in coppia o in piccoli gruppi.
125

Consegnate ad ogni coppia o gruppo una fotocopia


della scheda numero 3, un paio di forbici e uno stick
di colla. In plenum leggete la prima frase contenuta nella prima tabella, ovvero Il dipinto deve essere restaurato dagli esperti e fate notare che le parole il dipinto e esperti sono contenute nella tabella
sottostante la prima tabella vuota, mentre il verbo
restaurare presente nella lista dei verbi da utilizzare con dovere. Spiegate agli studenti che il loro
compito consiste nel formare frasi secondo lesempio dato usando gli elementi della seconda e della
quarta tabella. Nella prima tabella le forme passive saranno costruite con dovere e i verbi dati, nella
terza tabella con potere e i verbi dati. Per far ci
sar necessario ritagliare soggetti e complementi
di ogni frase dalla seconda e dalla quarta tabella,
incollarli nella prima e nella terza, scrivere il verbo, dopo averlo opportunamente coniugato, e aggiungere la preposizone da, semplice o articolata a
seconda dei casi.
- Invitate gli studenti ad appendere i loro elaborati
alla lavagna e procedete al riscontro in plenum nella seguente maniera: enunciate la possibile soluzione di ogni frase scrivendola alla lavagna e segnate un punto su ogni elaborato se la frase in questione stata trasformata correttamente, anche se
in maniera diversa. Naturalmente vince la coppia o
il gruppo che raggiunge il punteggio pi alto.
Possibili soluzioni: dovere: Il letto deve essere rifatto dalla cameriera, La grammatica deve essere capita
dagli studenti, Il ladro deve essere condannato dal
giudice, Lartista deve essere apprezzato dalla critica,
Il ponte deve essere progettato dagli ingegneri; potere: Questopera pu essere letta da tutti, Il libro pu
essere comprato da ogni studente, Lassegno pu essere firmato da me e mio marito, Quella foto pu essere ingrandita dal programma, La lettera pu essere
spedita dalla segretaria, Lospedale pu essere costruito dallo stato
6
- Scrivete alla lavagna:
Michelangelo Buonarroti
- Chiedete agli studenti cosa sanno a proposito di
Michelangelo, ovvero uno dei pi grandi artisti di
tutti i tempi.
- Lasciate ai corsisti il tempo per leggere il testo e le
didascalie delle immagini, quindi invitateli ad indicare le affermazioni presenti nel testo appena
letto.
126

- Procedete con il riscontro in plenum.


Soluzione: 2, 6, 7

C Opere e artisti
1
- Osservate in plenum le tre immagini con le famose fontane di Roma. Qualche studente ha gi visitato la capitale italiana? Riconosce alcune fontane?
Come si chiamano? Quali altre fontane famose, a
Roma e altrove, conoscono gli studenti?
- Fate ascoltare il brano e chiedete di nuovo agli studenti il nome delle tre fontane.
Soluzione da sinistra verso destra: Fontana della Barcaccia, Fontana di Trevi, Fontana dei Quattro Fiumi
2
- Fate ascoltare nuovamente il brano invitando gli
studenti a concentrarsi sulle frasi da completare.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. terminarono infatti nel 1762, 2. torner
sicuramente nella citt, 3. impopolari tasse sul pane,
4. a protezione della testa, 5. delle fontane barocche,
6. in una bassa vasca
3
- Fate lavorare gli studenti in coppia chiedendo loro
di rispondere alle domande. Eventualmente potete
far ascoltare ancora una volta il testo sulle fontane
romane.
Soluzione: 1. famosa perch secondo la tradizione
se si lancia una moneta si torner a Roma e perch
stata immortalata nel celebre film La dolce vita di
Fellini, in cui la protagonista vi fa il bagno di notte,
2. Si trova al centro di Piazza Navona, 3. Sono entrambe del Bernini
- Se volete, potete continuare la conversazione su
Roma e le grandi capitali, le loro fontane, i fiumi
che spesso le attraversano, i monumenti pi noti e
lasciare che gli studenti esprimano le loro preferenze a proposito.
4
- Scrivete alla lavagna:
Questo problema deve essere risolto con calma.
Questo problema va risolto con calma.
- Riflettete in plenum: le due frasi hanno lo stesso

significato, ma mostrano due diversi tipi di forma


passiva, la prima costruita con il verbo modale
dovere e la seconda con il verbo andare con funzione di ausiliare e seguito dal participio passato
del verbo, declinato per genere e numero a seconda del soggetto. Il verbo andare si usa in queste
strutture soprattutto per esprimere unidea di necessit, per sottolineare appunto il bisogno di fare
qualcosa, un qualcosa che deve essere fatto, come
si pu ben vedere dalle frasi formulate nella colonna di sinistra della tabella sul Libro dello studente.
Inoltre, il suo uso spesso legato alla mancata specificazione del complemento dagente.
- Invitate gli studenti a riformulare le frasi sottostanti la tabella secondo gli esempi in essa presenti.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. andava letto, 2. vanno spedite, 3. andava studiata, 4. va rivelato
Attivit di fissaggio
- Fotocopiate la scheda numero 4 a pagina 134. Fate
lavorare gli studenti in coppia o in piccoli gruppi.
Consegnate ad ogni coppia o gruppo una fotocopia
della scheda numero 4, un paio di forbici e uno
stick di colla. In plenum leggete la prima frase
contenuta nella prima tabella, ovvero Il dipinto va
restaurato subito e spiegate agli studenti che il loro
compito consiste nel formare frasi secondo lesempio dato, usando gli elementi della seconda tabella, cos come si era fatto durante lattivit di fissaggio al punto B5. Per far ci sar necessario ritagliare i soggetti e gli altri elementi di ogni frase
dalla seconda e terza tabella, incollarli nella prima
e scrivere il verbo, dopo averlo opportunamente
coniugato, utilizzando il verbo andare. Si far notare agli studenti la presenza della terza tabella altri elementi e lassenza dei complementi dagente,
che appunto compaiono pi raramente nelle frasi
passive costruite con il verbo andare.
- Invitate gli studenti ad appendere i loro elaborati
alla lavagna e procedete al riscontro in plenum nella seguente maniera: enunciate la possibile soluzione di ogni frase scrivendola alla lavagna e segnate un punto su ogni elaborato se la frase in questione stata trasformata correttamente, anche se
in maniera diversa. Naturalmente vince la coppia o
il gruppo che raggiunge il punteggio pi alto.
Possibili soluzioni: Il letto va rifatto la mattina presto, Quella foto va ingrandita del doppio, La gram-

matica va capita a fondo, La lettera va spedita come


raccomandata, Il film va visto in lingua originale,
Lassegno va firmato entro stasera, Il ladro va condannato a sei mesi di carcere, I bravi artisti vanno apprezzati per il loro lavoro, Lospedale va costruito
fuori dal centro storico, Quel testo va letto per sostenere lesame, Il ponte va progettato in modo sicuro
5
- Scrivete alla lavagna:
Leonardo da Vinci
- Chiedete agli studenti cosa sanno a proposito di
Leonardo, un altro dei grandi geni dellumanit
nati in Italia.
- Lasciate ai corsisti il tempo per leggere il testo e
completarlo con le parole mancanti. Invitateli a
consultarsi con i compagni di banco in caso di difficolt.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1) che, 2) per, 3) come, 4) trova, 5) nuovo,
6) cui, 7) grande, 8) tutti, 9) epoca, 10) volo
6
- Leggete il breve testo accanto allimmagine dellUltima Cena di Leonardo, quindi invitate gli studenti a discutere i quesiti a proposito delle opere di
Leonardo, delle teorie sul sorriso di Monnalisa e a
fare un confronto tra i due artisti toscani, ovvero
Leonardo e Michelangelo. Se gli studenti non conoscono teorie sul sorriso di Monnalisa, potete accennarne qualcuna voi. A tale scopo, ecco alcune
delle pi diffuse: si dice di lei che fosse un uomo;
che il sorriso vago fosse dovuto allamore che provava non per il proprio marito, il fiorentino Francesco del Giocondo committente dellopera, ma
per un esponente della famiglia Medici; o ancora
che il sorriso fosse rivolto ai giocolieri e saltimbanchi che animavano la stanza in cui la donna posava per il ritratto...

D Si vede?
1
- Chiedete agli studenti di osservare le illustrazioni:
di cosa si tratta? Quali sono i prodotti pubblicizzati? Che cosa non si paga? Cosa si giudica dalletichetta?
Soluzione: Non si paga il design; dalletichetta si giudicano la qualit e la bont
127

2
- Scrivete alla lavagna:
Si mangia molto.
Si beve lespresso a tutte le ore.
- Osservate in plenum: in entrambe le frasi appare la
particella si, la quale per ha due funzioni diverse.
Nella prima frase abbiamo un si impersonale. La
forma impersonale, gi analizzata, si ottiene facendo precedere il si alla terza persona singolare di
qualsiasi verbo, transitivo o intransitivo, non accompagnato da un nome, come vediamo nella frase si mangia molto. Nella seconda frase, invece,
siamo di fronte ad un si passivante. La forma passivante si ottiene facendo precedere la particella si
alla terza persona singolare o plurale di un verbo
che ha come riferimento il soggetto della corrispettiva frase nella forma passiva esplicita Lespresso
viene bevuto a tutte le ore. Il si passivante utilizzato spesso quando nella frase non espresso il
complemento dagente introdotto dalla preposizione da e anche quando il soggetto rappresentato
da un essere non animato.
- Invitate gli studenti a completare la lacuna presente nella tabella a pagina 142.
Soluzione: si mangia
Attivit di fissaggio
- Scrivete alla lavagna la seguente lista:
il vino in Italia
la birra in Germania
il t in Inghilterra
gli spaghetti in Italia
il cappuccino in Italia
il sushi in Giappone
il sirtaki in Grecia
il tango in Argentina
la vodka in Russia
il baseball in America
- Scrivete una frase di esempio alla lavagna:
In Italia a colazione si beve il cappuccino.
- Invitate gli studenti a formulare delle frasi con gli
elementi della lista, seguendo lesempio alla lavagna. A tale scopo si possono anche mescolare i vari
elementi, ad esempio la birra in Grecia e il baseball in Giappone.
128

3
- Invitate gli studenti a formare le frasi con il si passivante, quindi procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. si vede, 2. si dicono, 3. si fanno, 4. si
trasmettono, 5. si vendono
4
- Scrivete alla lavagna:
Il buon giorno si vede dal mattino.
- Spiegate agli studenti che la frase un noto proverbio italiano e chiedete di interpretarne il significato. Essa significa che un qualcosa di positivo
riconoscibile fin dal suo inizio. Osservate quindi la
lista di altri proverbi molto conosciuti contenenti
ognuno una doppia versione. Invitate gli studenti a
cancellare la versione che secondo loro non logica quindi procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. niente, 2. parlare, 3. freddo, 4. lo cercano, 5. non , 6. la moda, 7. a cena, 8. tagliare, 9. Mio
zio, 10. europei, 11. brutte, 12. lavanderia, 13. giornata, 14. sempre
5
- Continuate la conversazione sui proverbi cercando
insieme di spiegarne il significato e associarli alle
illustrazioni presenti. Chiedete agli studenti se esistono proverbi simili nella loro lingua.
- Lasciate agli studenti il tempo per tradurre in italiano due o tre noti proverbi del loro paese, quindi
invitateli a leggerli ai compagni: si pensato agli
stessi proverbi?
6
- Invitate gli studenti a svolgere il compito scritto
indicato dal Libro dello studente. Tale attivit potr
essere svolta sia come compito a casa che in classe. In entrambi i casi chiedete agli studenti di consegnarvi i propri elaborati affinch possiate restituirli corretti.
7
- Scrivete alla lavagna:
Si costruito un nuovo parcheggio
accanto alla stazione del metr.
I risultati si sono ottenuti dopo
tanto lavoro e molti sacrifici.
- Osservate insieme: le frasi sono del tipo di quelle

viste al punto D2 per quanto riguarda la presenza


del si passivante. In questo caso per i verbi delle
frasi sono composti. utile ricordare laccordo del
participio passato del verbo, come si pu ben vedere nella seconda frase in cui ottenuti declinato al
plurale come risultati maschile plurale.
- Sulla base dei due esempi in tabella chiedete agli
studenti di completare le lacune nelle restanti due
frasi, quindi procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: investito, superate
Attivit di fissaggio
- Scrivete alla lavagna la seguente lista:
i compleanni
il Natale
la Pasqua
il primo maggio
Carnevale
San Silvestro
- Scrivete una frase di esempio alla lavagna:
Nella mia famiglia, per Carnevale si sono sempre
preparati i costumi per le feste in maschera.
- Invitate gli studenti a formulare frasi seguendo lesempio scritto alla lavagna e raccontando come si
sono celebrate le feste della lista o altre feste importanti nella propria famiglia o nella propria citt.

E Ladri per natura?


1
- Parlate agli studenti di Alberto Moravia, lautore
del testo che state per leggere. Alberto Pincherle
(1907-1990), in arte Moravia, uno dei pi importanti romanzieri italiani del 900 ed stato uno dei
protagonisti del dibattito politico e culturale del
Paese. Dopo aver pubblicato alcuni racconti, ottiene grande attenzione con il suo primo romanzo,
Gli indifferenti, nel 1929. Tra le sue opere pi note
sono La romana del 1947, La Ciociara del 1957,
Lamore coniugale e altri racconti del 1949, La
noia del 1960. La sua vastissima produzione copre
un arco di pi di 60 anni e rispecchia i fenomeni
che maggiormente hanno agito sulla societ italiana nel corso del 900. Da molte delle sue opere
sono stati tratti film di grande successo tra cui La
Ciociara, nel 1960 di Vittorio De Sica, con Sofia
Loren.

- Discutete in plenum: secondo gli studenti chi ruba


sempre da condannare? In quali casi si pu essere indulgenti con i ladri?
- Lasciate agli studenti qualche minuto per leggere
individualmente il testo e per risolvere eventuali
dubbi sul suo significato consultandosi con i compagni di banco.
- In plenum discutete le parti del testo che non risultano chiare, quindi chiedete ai corsisti se le loro
idee coincidono con quelle del protagonista del
racconto.
2
- In plenum lasciate che gli studenti rispondano ai
quesiti sul testo, quindi invitateli a lavorare in coppia e a cercare di immaginare la fine del racconto.
Soluzione: 1. Insistendo sulla religione, in quanto la
moglie molto religiosa, 2. La famiglia vive in un
grave stato di povert, lo si capisce dal fatto che la
casa viene definita una grotta, la moglie la sera non
aspetta sul letto ma sul materasso, i bambini non giocano su un tappeto ma per terra e tutti soffrono la
fame. 3. risposta libera
- Chiedete alle coppie di riferire i loro finali.
3
- Fate lavorare gli studenti in coppia: il compito consiste nel leggere le affermazioni date e indicare
quali sono vere e quali sono false. Se vogliono, i
corsisti possono consultare le tabelle delle pagine
precedenti.
- Procedete con il riscontro in plenum esortando gli
studenti a trovare le soluzioni a pagina 191.

F Vocabolario e abilit
1
- Invitate gli studenti a individuare, tra quelle date,
le parole che si riferiscono allarte, quindi procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: pittura, architetto, astratta, capolavoro, restauro, scultore, mostra, affresco, statua
2
- Chiedete agli studenti di associare le parole alle
immagini, quindi procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione da sinistra verso destra: paesaggio, ritratto, natura morta
129

- Se volete, potete conversare a proposito di arte


chiedendo ai corsisti quali sono i loro generi preferiti in pittura e pi in generale gli stili e gli artisti
che gradiscono maggiormente e perch.
3
- Invitate gli studenti a lavorare in piccoli gruppi: il
compito consiste nel raccontare oralmente o per
iscritto la storia illustrata.
- Invitate i gruppi a riferire la loro versione della
storia.
4
- Fate ascoltare il brano dellesercizio 20 a pagina
103 del Quaderno degli esercizi e invitate gli studenti a segnare le affermazioni esatte.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. a, 2. b, 3. c, 4. c
5
- Invitate gli studenti a lavorare in coppia: il compito consiste nellimmedesimarsi nelle situazioni
proposte e nel dar luogo alla conversazione relativa. Ricordate agli studenti di utilizzare le informazioni offerte a pagina 201 per il ruolo B della
prima situazione.
Conosciamo lItalia
- Invitate gli studenti a leggere individualmente i testi sullarte e sugli artisti italiani e a rispondere alle
domande a pagina 147. A tale scopo, esortateli ad
avvalersi dellaiuto offerto dal glossario a pagina
147 ed eventualmente di un buon dizionario.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. Perch ha influenzato molti artisti in
Europa, 2. Umberto Boccioni, 3. Hanno la figura
allungata, 4. Monumenti o sculture allinterno delle
citt, oppure stazioni, aeroporti, grattacieli e infine
oggetti di uso quotidiano quali poltrone, auto ecc., 5.
Sono entrambi famosissimi architetti
- Esortate gli studenti ad usufruire delle attivit online previste dallunit 9.
Autovalutazione
- Invitate gli studenti a svolgere individualmente il
test di autovalutazione e a controllare le soluzioni
a pagina 203 del Libro dello studente.

130

ESPERTI DARTE!
- Dividete la classe in gruppi di quattro o cinque
persone, oppure semplicemente in due schieramenti opposti, tipo donne contro uomini o simili.
Utilizzate la scheda numero 5 a pagina 135 che dovr rimanere esclusivamente nelle vostre mani in
quanto le risposte in Italicus sono la soluzione dei
vari quesiti. Spiegate agli studenti che proporrete
una serie di domande modello quiz, dando loro la
possibilit di scegliere tra tre risposte di cui una
sola quella corretta. Tutte le domande riguardano
larte in generale e per ogni risposta esatta attribuirete un punto alla formazione che lha data. Potete
scegliere di proporre una domanda ad un gruppo e
una domanda allaltro, se avete costituito due schieramenti, al fine di evitare sovrapposizioni di risposta. Potete anche prevedere la presenza di un campanello o di un determinato oggetto a vostro piacimento che consentir al primo che lo raggiunge di
dare la risposta. Infine, avete la possibilit di porre
le domande alla rinfusa e non nellordine dato, oppure di scegliere tra le varie domande solo quelle
che vi sembrano pi adeguate.
- Al termine dellattivit farete il conteggio dei punti
sommati dalle squadre e dichiarerete i vincitori
Esperti darte.
Grammatica e Lessico
- Fotocopiate la scheda numero 6 alle pagine 136 e
137, distribuite le fotocopie agli studenti e chiedete di completarle con gli elementi grammaticali e
lessicali mancanti.
- Fate confrontare il risultato prima con il compagno
di banco e poi con le tabelle presenti nel testo nel
corso dellunit 9.
- Lasciate agli studenti il tempo per concentrarsi su
questa attivit di ripetizione e controllo e invitateli a riferire eventuali dubbi o argomenti che non
sono chiari per poterli discutere in plenum.

Scheda numero 1
Unit 9 - Sezione A6, Attivit di fissaggio

Michelangelo

ha dipinto

il Giudizio Universale

Il Giudizio Universale

stato dipinto da

Michelangelo

I turisti del futuro

visiteranno

lo spazio

Molti artisti famosi

hanno decorato

la Cappella Sistina

Molti studenti

frequentano

i corsi di italiano

Molti giovani

amano

i film dazione

I Greci

distrussero

Troia

Un italiano

ha rubato

la Gioconda alcuni anni fa

Tutti i cittadini onesti

rispettano

la legge

Dante

ha scritto

la Divina Commedia

la Divina Commedia
turisti del futuro

Troia
molti giovani

lo spazio

i film dazione
Greci

la legge

molti studenti
molti artisti famosi

un italiano

la Gioconda alcuni anni fa


la Cappella Sistina

tutti i cittadini onesti

Dante
i corsi di italiano
131

Scheda numero 2
Unit 9 - Sezione B2, Role-play guidato

Tiziana... Ehi Tiziana! Sempre a leggere tu... anche nella pausa...

Scusa Loretta! Non ti avevo vista... ero proprio presa!

larticolo sulla mostra su Raffaello? Un grande successo, hai letto?

Effettivamente. Si dice che sia stata visitata da migliaia di persone.

Lo so! Ci sono stata!

Non pu essere vero!

verissimo!

Beata te! Ma perch non mi hai detto che ci saresti andata?

Non lo sapevo nemmeno io! stato un viaggio a sorpresa organizzato da mia sorella...

No... questo proprio non lo credo!

Ti posso garantire che cos. Mi ha fatto davvero una grande sorpresa!

Te lo giuro!
hai sentito?

Non scherzo!

vero?

Dico sul serio!

vero?

Eppure vero!
Non ci credo!

Non scherzo!

Non possibile!

Ti assicuro che cos!


Ma dai...
132

Scheda numero 3
Unit 9 - Sezione B5, Attivit di fissaggio

1) dovere: rifare, restaurare, condannare, apprezzare, capire, progettare


Il dipinto

deve essere restaurato dagli

esperti

il dipinto

lartista

il ladro

il letto

la grammatica

critica

studenti

ingegneri

cameriera

giudice

esperti

il ponte

2)

3) potere: leggere, firmare, costruire, comprare, ingrandire, spedire

4)
questopera

stato

me e mio marito

il libro

tutti

programma

lassegno

quella foto

ogni studente

segretaria

la lettera

lospedale
133

Scheda numero 4
Unit 9 - Sezione C4, Attivit di fissaggio
1) andare: rifare, restaurare, condannare, apprezzare, capire, progettare, leggere, firmare, costruire, vedere,
ingrandire, spedire
Il dipinto

va restaurato

subito

il letto

il film

i bravi artisti

quella foto

il dipinto

lospedale

la grammatica

lassegno

quel testo

la lettera

il ladro

il ponte

in modo sicuro

a fondo

la mattina presto

del doppio

subito

come raccomandata

a sei mesi di carcere

entro stasera

per sostenere lesame

fuori dal centro storico

per il loro lavoro

in lingua originale

2) soggetti:

3) altri elementi:

134

Scheda numero 5
Unit 9 - ESPERTI DARTE!

La Galleria degli Uffizi


si trova a:
a) Firenze
b) Roma
c) Milano

Michelangelo nato:
a) a Firenze
b) a Caprese
c) a Orvieto

Il Pendolino :

La Gioconda di
Leonardo da Vinci si
trova:
a) a Firenze
b) a Parigi
c) a Londra

a) Bernini
b) Bramante
c) Michelangelo

a) La Creazione
Il Mos di
delluomo
Michelangelo si trova in: b) Monnalisa
c) La scuola di Atene
a) San Pietro in Vincoli
b) San Pietro
c) San Giovanni in
Laterano
Sergio Pininfarina
disegna:

a) un orologio
b) un treno
c) una scultura

Il colonnato di Piazza
San Pietro del:

unopera di
Michelangelo:

a) automobili
b) treni
c) stazioni

Il pittore Renato Guttuso


un protagonista del:
a) 18esimo secolo
b) 19esimo secolo
c) 20esimo secolo

Il Cenacolo di
Leonardo si trova nella
chiesa di Santa Maria...:
a) delle Grazie
b) delle Rocce
c) delle Rose

Renzo Piano :
a) un architetto
b) un pittore
c) uno scultore
Unopera di Boccioni
raffigurata sulla moneta:
a) da 10 centesimi
b) da 20 centesimi
c) da 50 centesimi

una caratteristica delle


opere di Modigliani:
a) le figure allungate
b) le figure arrotondate
c) le figure quadrate

Leonardo da Vinci il La Reggia di Caserta


nome dellaeroporto di: opera dellarchitetto:

La fontana in Piazza di
Spagna a Roma
si chiama:

a) Milano
b) Roma
c) Napoli

a) Luigi Vanvitelli
b) Gae Aulenti
c) Arnaldo Pomodoro

a) di Trevi
b) dei Quattro Fiumi
c) della Barcaccia
135

Scheda numero 6
Unit 9 - Grammatica e Lessico

La forma passiva
Forma attiva

Forma passiva

Il pittore dipinge un quadro.

Un quadro / viene dipinto dal pittore.

Morandi ha creato molte opere.

Molte opere sono state create da Morandi.

Il padre portava i figli allo zoo.

I figli erano / .................... portati allo zoo dal padre.

Marco mi aveva spiegato tutto.

Mi .................... stato spiegato tutto da Marco.

Luca avviser tutti.

Saranno / Verranno avvisati tutti da Luca.

Maria avr preso la bici.

La bici sar .................... presa da Maria.

Molti leggerebbero questarticolo.

Questarticolo sarebbe / verrebbe letto da molti.

Spero che la casa la compri tu.

Spero che la casa sia / .................... comprata da te.

Speravo che la casa la comprassi tu.

Speravo che la casa fosse / venisse comprata da te.

La forma passiva con dovere e potere


Tu dovrai consegnare personalmente tutti gli inviti.
Tutti gli inviti dovranno .................... consegnati da te personalmente.
Nessuno pu comprare una statua di Michelangelo.
Una statua di Michelangelo non .................... essere comprata da nessuno.

La forma passiva con il verbo andare


Questo problema .................... risolto con calma.
La trasmissione andava vista a tutti i costi.
I regali .................... sempre accettati.
Le persone anziane vanno rispettate.

136

Il si passivante
Lespresso bevuto a tutte le ore.

Lespresso si .................... a tutte le ore.

La pasta viene mangiata al dente.

La pasta si mangia al dente.

Ormai non vengono letti molti libri.

Ormai non .................... leggono molti libri.

Ogni giorno vengono inviate molte e-mail.

Ogni giorno si inviano molte e-mail.

Il si passivante nei tempi composti


Si costruito un nuovo parcheggio accanto alla stazione del metr.
I risultati si .................... ottenuti dopo tanto lavoro e molti sacrifici.
In Italia non si investito mai molto denaro nella ricerca.
Per arrivare allaccordo si sono superat......... tante difficolt.

Chiedere conferma

Confermare qualcosa

Ma veramente...?

.................... incredibile...

Ma .................... serio...?

Non c dubbio...

vero che...?

Ti posso garantire che...

Davvero...?

Ti assicuro che...

....................

cos, vero?

....................

scherzo... / Dico sul serio...

137

Elementi comunicativi - Raccontare unesperienza negativa


e lessicali
- Esprimere indifferenza
- Parlare del problema della droga
- Parlare delle inquietudini della societ
- Parlare di problemi sociali
- Uomini e donne: discriminazioni e stereotipi
Elementi grammaticali - Discorso diretto e discorso indiretto I
- Discorso diretto e discorso indiretto II: gli indicatori di tempo
- Discorso diretto e discorso indiretto III
- Il periodo ipotetico nel discorso indiretto
Civilt

- Aspetti e problemi dellItalia moderna

Materiale necessario

Sezione A, punto 6, attivit ludica: alcune fotocopie della scheda numero 1 a pagina 146 e un paio di forbici
Sezione B, punto 4, role-play guidato: alcune fotocopie della scheda numero 2 a pagina 147
Sezione B, punto 6, attivit ludica: alcune fotocopie della scheda numero 3 a pagina 148 e un paio di forbici
Sezione E, punto 5, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 4 a
pagina 149
IL PAESE DEI SOGNI!: alcune fotocopie della scheda numero 5 a pagina 150 e dei
post-it di medie dimensioni
Grammatica e Lessico: alcune fotocopie della scheda numero 6 alle pagine 151 e 152

Per cominciare...
1
- Scrivete alla lavagna:
Paese che vai, usanze che trovi
- Spiegate che si tratta di un noto proverbio italiano
che si riferisce alla differenza di abitudini che caratterizzano le varie culture e nazioni. Invitate gli
studenti ad elencare quali sono le usanze del Bel
paese pi note nel mondo e quali invece quelle
della loro nazione.
- Scrivete ancora alla lavagna:
Paese che vai, problemi che trovi
- Il titolo dellunit si rif al proverbio precedentemente scritto sostituendo la parola usanze con problemi. Quali sono i problemi dellItalia noti a livello internazionale? Quali quelli del Paese di origine
degli studenti?
138

- Fate lavorare gli studenti in coppia: chiedete quali


parole conoscono tra quelle elencate e invitateli a
spiegarne il significato ai compagni.
Soluzione: furto: latto del rubare; rubare: portare
via qualcosa a qualcuno; ladro: colui che ruba; tizio:
una persona di cui non si conosce lidentit; porta
blindata: una porta dotata di particolari sistemi di sicurezza; allarme: una sirena che segnala un pericolo
2
- Fate ascoltare le prime quattro battute del dialogo
chiedendo agli studenti di provare ad immaginare
cosa successo ad Ivana.
Soluzione: Ad Ivana sono entrati i ladri in casa e le
hanno rubato tutto
3
- Fate ascoltare lintero dialogo affinch gli studenti possano verificare le loro ipotesi.
4
- Fate ascoltare di nuovo il dialogo e chiedete agli

studenti di indicare le affermazioni veramente presenti tra quelle date.


- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1, 4, 6, 9, 10

A Criminalit e altre... storie


1
- Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per
leggere il dialogo e verificare le proprie risposte
allattivit precedente.
- Invitate gli studenti a raccontare: qualcuno di loro
ha subito un furto? Dove e come? Qual stata la
sua reazione? Altri conoscono delle persone che
sono state derubate? In quali circostanze?
2
- Fate lavorare gli studenti individualmente: il compito consiste nellindicare lo scopo comunicativo
che hanno le diverse frasi nel dialogo.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. a, 2. c, 3. b
3
- Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per
leggere il dialogo tra Anna e Ivana e completarlo
con gli elementi dati.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: mi, scendevano, , avevano, faceva, doveva, quella, era
4
- Fate lavorare gli studenti in coppia: il compito consiste nel raccontare brevemente cosa successo ad
Ivana.
5
- Scrivete alla lavagna:
Ivana dice:

Ivana ha detto che...

...questo televisore
proprio come il mio!

...quel

televisore era
proprio come il
suo...

Non deve essere


facile lavorare...

...non

doveva essere
facile lavorare...

- Osservate: le due frasi ...questo televisore proprio come il mio! e Non deve essere facile lavorare... appartengono alla categoria del discorso diret-

to, ovvero una struttura che riporta per intero e in


modo fedele le parole pronunciate dal parlante. Le
frasi Ivana ha detto che quel televisore era proprio
come il suo... e Ivana ha detto che non doveva essere facile lavorare... appartengono invece alla categoria del discorso indiretto, ovvero una struttura
con cui si riporta il messaggio del parlante, non
con le sue parole, ma attraverso le parole di chi lo
riferisce.
- Come possiamo vedere per le frasi scritte alla lavagna, nel passaggio dal discorso diretto al discorso
indiretto si hanno delle trasformazioni che riguardano gli elementi linguistici influenzati dal cambiamento di prospettiva temporale e spaziale. Quando
si ha un cambiamento nella prospettiva temporale,
ovvero il verbo introduttivo nella reggente al passato, come in Ivana ha detto che..., si hanno trasformazioni dei modi e dei tempi verbali. Tali trasformazioni avvengono come indicato nella tabella al punto successivo.
6
- Osservate la tabella: qui abbiamo la possibilit di
analizzare la trasformazione dal discorso diretto al
discorso indiretto in frasi con verbi di modo e tempo diversi. Come possiamo vedere, se la frase al
presente indicativo nel discorso diretto, nel discorso indiretto avremo lindicativo imperfetto, se al
passato prossimo usiamo il trapassato prossimo nel
discorso indiretto, mentre il futuro si trasforma in
condizionale composto. Le frasi espresse con lindicativo imperfetto e trapassato prossimo e con il
condizionale composto rimangono invariate nel
passaggio da discorso diretto a indiretto, mentre il
condizionale semplice diventa condizionale composto. Naturalmente anche i pronomi personali
soggetto possono subire una variazione, infatti, la
1 e la 2 persona singolare, io e tu, diventano 3
persona singolare, lui lei Lei, come in Maria ha
detto: (io) Non sto tanto bene e Maria ha detto
che (lei) non stava tanto bene mentre la 1 e la 2
persona plurali noi e voi diventano 3 persona plurale loro, come ad esempio in Luca ha detto:
(voi) Avete lavorato per 40 anni e Luca ha detto
che (loro) avevano lavorato per 40 anni. Ricordate
che il cambiamento del tempo verbale non necessario se gli effetti dellazione permangono ancora
sul presente, come vediamo in Maria ha detto
Non sto bene e Maria ha detto che non sta bene
(ovvero non sta ancora bene nel momento in cui
viene riferita la sua frase). Sulla base di quanto
139

osservato chiedete agli studenti di completare, laddove necessario, le frasi in tabella, quindi procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: aveva lavorato, avrebbe mangiato
Attivit ludica
- Fotocopiate la scheda numero 1 a pagina 146 e ricavate da ogni copia due mazzi di carte, uno con la
colonna di frasi contenute nei riquadri a sinistra e
uno con i riquadri da completare della colonna di
destra. Fate lavorare gli studenti in coppia: consegnate ad uno studente la seconda, terza, quarta e
quinta carta della colonna di destra e la sesta, settima, ottava e nona carta della colonna di sinistra.
Fate linverso con laltro studente. La prima carta
di entrambe le colonne costituisce un esempio. Mostratela agli studenti spiegando loro il compito da
eseguire: a turno si gioca una carta contenente un
discorso diretto del tipo Maria ha detto: Non sto
tanto bene. Il compagno deve cercare la carta da
completare con il nome corrispondente, in questo
caso Maria, e formulare oralmente la frase pronunciata dalla persona in questione al discorso
indiretto, cio Maria ha detto che non stava bene.
Se il compagno ritiene la formulazione corretta, la
frase pu essere scritta sulla carta e la carta entra
in possesso di chi lha giocata. Questultimo pu
continuare giocando una delle sue carte con il discorso diretto. Se il compagno non ritiene la formulazione corretta, pu riformulare e quindi consultare linsegnante che giudicher la correttezza
della frase e a chi spetta il diritto di scrivere sulla
carta e acquisirla. Si procede cos fino a che tutte
le carte saranno giocate. Naturalmente vince chi
acquisisce il maggior numero di carte.
7
- Gli studenti lavorano in coppia e trasformano le
frasi dal discorso diretto a quello indiretto.
Soluzione: 1. ...suo padre /era andato in pensione, 2.
...probabilmente avrebbe venduto la sua macchina, 3.
...quando era piccola andava spesso al mare, 4. ...non
avevamo/avevano studiato abbastanza, 5. ...avrebbero passato volentieri le loro vacanze a Capri

B Io no...
1
- In plenum osservate la foto: il giovane raffigurato
Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, uno dei cantanti italiani pi apprezzati dai giovani. Diventato
140

famoso prima come DJ e poi come autore e interprete del rap allitaliana, Jovanotti esprime nei suoi
testi i disagi, le ingiustizie della societ, ma anche
le speranze e i sogni dei giovani e dellumanit in
genere. Tra i brani pi noti, anche a livello internazionale, ricordiamo Serenata rap, Lombelico del
mondo, Io penso positivo.
- Invitate gli studenti a leggere il testo della canzone
e ad esprimere la propria opinione a proposito. Se
ne avete la possibilit, fate ascoltare la canzone.
2
- Fate lavorare gli studenti in coppia: chiedete di individuare i problemi e gli aspetti sociali di cui parla Jovanotti e i relativi versi.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: droga: versi 17-20; razzismo: versi 1013; violenza: versi 6-7; aborto: versi 23-24; divario
tra Nord e Sud: versi 35-37
- Chiedete agli studenti di scegliere i versi che gradiscono maggiormente e invitateli a riferire la propria scelta motivandola.
3
- In plenum osservate le immagini e chiedete agli
studenti cosa raffigurano e a quali situazioni potrebbero riferirsi.
- Fate ascoltare i mini dialoghi e invitate gli studenti ad abbinarli alle immagini.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione dallalto in basso e da sinistra verso destra: c, f, d, a, e, b
4
- Fate ascoltare nuovamente i mini dialoghi: questa
volta si tratta di completare la tabella con le espressioni che esprimono indifferenza.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: E allora?, ...non me ne importa niente!, E
con ci?, Ma chi se ne frega...?!
Role-play guidato
- Fotocopiate la scheda numero 2 a pagina 147. Fate
lavorare gli studenti in coppia e consegnate ad
ognuna una scheda. Invitate gli studenti a ripetere
pi volte il dialogo, sostituendo le informazioni
scritte in caratteri diversi con quelle contenute nei
riquadri sottostanti, con lo stesso carattere.

5
- Invitate gli studenti ad assumere i ruoli A e B e a
svolgere i dialoghi previsti: A informa B a proposito di quanto indicato e B risponde utilizzando le
espressioni viste al punto precedente.
6
- Scrivete alla lavagna:
Queste scarpe
sono mie.

Ha detto che quelle


scarpe erano sue.

- Osservate insieme: quando si ha un cambiamento


di prospettiva spaziale, ovvero il punto di osservazione si sposta dal soggetto del discorso diretto ad
altro soggetto che riporta la frase, si hanno delle
trasformazioni relative ai pronomi personali soggetto, come visto al punto A6, ai pronomi in genere, ai possessivi, ai dimostrativi e ai determinativi
di tempo e di luogo. A tale scopo potete disegnare
la seguente tabella alla lavagna per evidenziare tali
cambiamenti:
Discorso diretto

Discorso indiretto

questo

quello

domani

il giorno dopo

ieri

il giorno precedente

prossimo

successivo

scorso

precedente

poco fa

poco prima

qui/qua

l/l

oggi

quel giorno

ora

allora

un mese fa

un mese prima

fra poco

poco dopo

fra

dopo

- Sulla base di quanto detto, invitate gli studenti a


completare le frasi in tabella con quel giorno, dopo, quelle, il giorno precedente, quindi procedete
con il riscontro in plenum.
Soluzione: quelle, quel giorno, il giorno precedente,
dopo
Attivit ludica
- Fotocopiate la scheda numero 3 a pagina 148 e ri-

cavate da ogni copia due mazzi di carte, uno con la


colonna di frasi contenute nei riquadri a sinistra e
uno con i riquadri da completare della colonna di
destra. Procedete come visto durante lattivit ludica del punto A6. Fate lavorare gli studenti in
coppia: consegnate ad uno studente la seconda,
terza, quarta e quinta carta della colonna di destra
e la sesta, settima, ottava e nona carta della colonna di sinistra. Fate linverso con laltro studente.
La prima carta di entrambe le colonne costituisce
un esempio. Mostratela agli studenti spiegando loro il compito da eseguire: a turno si gioca una carta
contenente un discorso diretto del tipo Maria ha
detto: Questo libro mio. Il compagno deve
cercare la carta da completare con il nome corrispondente, in questo caso Maria, e formulare oralmente la frase pronunciata dalla persona in questione al discorso indiretto, cio Maria ha detto
che quel libro era suo. In questo caso deve prestare attenzione, non solo alleventuale cambiamento
di modo e tempo verbale, ma anche ad altri elementi della frase, quali pronomi, dimostrativi, possessivi, avverbi di tempo, che devono essere modificati. Se il compagno ritiene la formulazione corretta, la frase pu essere scritta sulla carta e la carta
entra in possesso di chi lha giocata. Questultimo
pu continuare giocando una delle sue carte con il
discorso diretto. Se il compagno non ritiene la formulazione corretta pu riformulare e quindi consultare linsegnante che giudicher la correttezza
della frase e a chi spetta il diritto di scrivere sulla
carta e acquisirla. Si procede cos fino a che tutte
le carte saranno giocate. Naturalmente vince chi
acquisisce il maggior numero di carte.
7
- Gli studenti lavorano in coppia e trasformano le
frasi dal discorso indiretto a quello diretto.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. Qui dentro non c niente, 2.Stasera
guarder la tv, 3. Domani finir tutto, 4. Solo
adesso capisco, 5. Lho incontrato due giorni fa

C In una pillola...
1
- Sulla base dei versi relativi alla droga presenti
nella canzone di Jovanotti del punto B1, chiedete
agli studenti quali potrebbero essere secondo loro
i motivi per cui una persona comincia a far uso di
droghe.
141

2
- Osservate il grafico relativo al problema della droga in Italia. Chiedete agli studenti di inserire le tre
cifre sottostanti quindi invitateli a riferire cosa li
colpisce maggiormente nella statistica appena vista e perch.
3
- Fate lavorare gli studenti in coppia chiedendo loro
di formulare ipotesi sullimmagine pubblicitaria in
basso a destra a pagina 155. Di cosa si tratta? Qual
il suo scopo? Lasciate che gli studenti riferiscano le loro ipotesi.
4
- Invitate gli studenti a leggere il testo a pagina 156
allo scopo di confermare o meno le proprie ipotesi.
5
- Fate lavorare gli studenti in coppia: il compito consiste nel cercare nel testo parole o frasi che hanno
un significato simile a quelle date.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. fatica. 2. ce la puoi fare, 3. non rimandare neanche di un minuto, 4. trovare una via duscita, 5. la malavita, 6. traffico di stupefacenti, 7. una
volta per tutte

D Paure...

2
- Fate ascoltare nuovamente il servizio radiofonico e
chiedete di indicare le affermazioni veramente presenti.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1, 6, 8, 9
3
- Chiedete agli studenti quale potrebbe essere la punizione peggiore per un ladro e ascoltate le varie
opinioni.
- Lasciate ai corsisti qualche minuto di tempo per
leggere larticolo tratto da La Stampa e completarlo con le parole date, quindi procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1) prigione, 2) arresti, 3) accusato, 4) pena, 5) carabinieri, 6) giudice
- Il fatto di cronaca appena letto abbastanza singolare: chiedete agli studenti cosa ne pensano: qualcuno ha fatto esperienze di convivenza tanto difficili da desiderare solamente la fuga?
4
- Scrivete alla lavagna:
ai quali ha chiesto di metterlo in galera
il giudice gli ha chiesto dove volesse abitare

1
- In plenum leggete la lista di parole e invitate gli
studenti a spiegarne il significato.

- Insieme agli studenti cercate di riformulare le due


frasi con il discorso diretto e scrivetele:

- Fate ascoltare il servizio radiofonico e chiedete ai


corsisti di sottolineare le parole effettivamente pronunciate.
Soluzione: immigrazione, delinquenti, rapina, spacciatori, tossicodipendenti, criminalit, minaccia, furto

dove vuole abitare?

- Quali sono le paure degli italiani? Lasciate che gli


studenti riferiscano in base a quanto appena ascoltato.
Soluzione: gli italiani hanno soprattutto paura degli
atti di piccola criminalit che possono colpirli direttamente, ad esempio i furti in appartamento, gli scippi, le aggressioni, le rapine. I soggetti di cui si ha pi
paura sono soprattutto gli zingari, gli spacciatori di
droga e i tossicodipendenti
- Lasciate che gli studenti raccontino quali sono le
loro paure e quali gli atti di criminalit che temono maggiormente.
142

mettetemi in galera!

- Osservate in plenum: la prima frase, mettetemi


in galera, contiene un imperativo. Nel passaggio
al discorso indiretto limperativo si trasforma in
di + infinito e in che + congiuntivo, infatti potremmo formulare il discorso indiretto dicendo ai
quali ha chiesto di metterlo in galera o ai quali
ha chiesto che lo mettessero in galera. Nella seconda frase invece dove vuole abitare? abbiamo una domanda che nel discorso indiretto viene
introdotta dal verbo chiedere (gli ha chiesto/
domandato dove volesse abitare). I verbi chiedere e domandare possono essere seguiti, nel discorso indiretto, dallindicativo, dal congiuntivo
come nella frase scritta alla lavagna il giudice gli
ha chiesto dove volesse abitare e dal condizionale. Le frasi in tabella mostrano tali trasformazio-

ni e presentano una doppia forma: sulla base di


quanto detto invitate gli studenti a scegliere quella giusta, quindi procedete con il riscontro in plenum consultando lAppendice a pagina 192 per le
soluzioni.
Attivit di fissaggio
- Rivolgendovi ad uno studente pronunciate la seguente frase: Apri la finestra. Lo studente deve
alzarsi e spiegare alla classe: Linsegnante mi ha
detto di aprire la finestra, quindi eseguire il comando. Procedete formulando una serie di frasi
con dei comandi che gli studenti dovranno riferire
ai compagni ed eseguire, del tipo:
Chiudi la finestra, Da il libro a Maria,
Metti il libro sulla cattedra, Va vicino a Alex,
Cancella la lavagna, Scrivi una frase alla lavagna ecc.
- Dopo che tutti gli studenti avranno eseguito il
compito almeno una volta, passate alla formulazione di domande. Chiedete ad esempio ad uno
studente: Che cosa hai fatto ieri sera?. Lo studente risponder a suo piacimento, ad esempio:
Sono andato a letto presto. A questo punto il
suo compagno di banco dovr riferire alla classe:
Linsegnante gli/le ha chiesto che cosa avesse
fatto la sera precedente e lui/lei ha risposto che
era andato/a a letto presto. Adesso rivolgetevi
allo studente che ha appena riferito e formulate una
nuova domanda, ad esempio: Sei uscito/a domenica scorsa? questi risponder e un altro compagno riferir domanda e risposta alla classe. Procedete cos fino a che tutti avranno risposto e riferito. La serie di domande potrebbe essere:
Quando hai deciso di studiare litaliano?, Che
cosa hai mangiato ieri sera?, Dove sei andato
in vacanza lanno scorso?, Che cosa hai fatto
domenica pomeriggio? ecc.

E Anche noi eravamo cos.


1
- Osservate le due immagini: a cosa si riferiscono?
In cosa si somigliano e in cosa differiscono?
- Discutete in plenum: secondo gli studenti, emigrare e rifarsi una vita stato pi difficile per gli italiani a inizio 900 o per coloro che vengono in Italia e in Europa oggi? Gli studenti sarebbero disposti a trasferirsi in unaltra nazione? Ci sono emigrati nella storia della propria famiglia?

2
- Invitate gli studenti a leggere il testo scritto da uno
dei pi autorevoli giornalisti italiani, Enzo Biagi,
scomparso nel novembre del 2007 allet di 87
anni. Autore di libri, giornalista, inviato, opinion
leader e intervistatore dei grandi personaggi del
900, Biagi ha lasciato un grande esempio di onest e correttezza, lucidit e comunicativit con la
sua lunga carriera al servizio dellinformazione.
3
- Formate quattro gruppi e assegnate ad ognuno un
compito tra quelli proposti. Al termine lasciate che
i gruppi confrontino il risultato del proprio lavoro.
4
- Moderate in plenum la conversazione lasciando
che gli studenti rispondano ai vari quesiti proposti.
5
- Scrivete alla lavagna:
Sarebbe meglio se tentassimo
di conciliare una regola giusta...
- Chiedete agli studenti come trasformerebbero questa frase dal discorso diretto a quello indiretto e
scrivete la formulazione corretta alla lavagna:
Enzo Biagi ha detto che sarebbe meglio
se tentassimo di conciliare una regola giusta...
- Osservate in plenum: in questo caso siamo dinanzi
ad un periodo ipotetico presente in un discorso direttoSarebbe meglio se tentassimo di conciliare
una regola giusta...e in un discorso indiretto Enzo
Biagi ha detto che sarebbe meglio se tentassimo di
conciliare una regola giusta... Per meglio comprendere le trasformazioni del periodo ipotetico nel
discorso indiretto disegnate alla lavagna la seguente tabella, riportando i periodi ipotetici di 1 e 2
tipo:
1
Se posso,
ti telefono.
2
Se potessi, ti
telefonerei.

Ha detto che se pu, mi


telefona.
Ha detto che se potesse,
mi telefonerebbe.

- Se le ipotesi si riferiscono a un momento successivo a quello dellenunciazione al discorso indiretto,


possiamo mantenere invariati i tempi e i modi del
periodo ipotetico di 1 e 2 tipo.
143

- Se le ipotesi si riferiscono ad un momento precedente a quello dellenunciazione al discorso indiretto, tutti i tipi di periodo ipotetico si trasformano
come vediamo nella seguente tabella:
1
Se posso, ti
telefono.

Questa mattina ha detto


che se avesse potuto, mi
avrebbe telefonato.

2
Se potessi, ti
telefonerei.

Questa mattina ha detto


che se avesse potuto, mi
avrebbe telefonato.

3
Se avessi potuto,
ti avrei telefonato.

Questa mattina ha detto


che se avesse potuto, mi
avrebbe telefonato.

- Insieme osservate le trasformazioni delle frasi in


tabella e le ulteriori spiegazioni offerte in Appendice alle pagine 192 e 193.
Attivit di fissaggio
- Fotocopiate la scheda numero 4 a pagina 149. Fate
lavorare gli studenti in coppia o in gruppi di quattro persone, che si suddivideranno al loro interno in
due coppie. Consegnate ad ogni coppia o ad ogni
gruppo una copia della scheda e spiegate lattivit:
a turno uno studente o una coppia sceglie a proprio
piacimento una frase pronunciata da Carlo tra quelle presenti a sinistra della tabella, la segna con una
matita e la riferisce al compagno o alla coppia di
compagni riportandola al discorso indiretto come
nellesempio dato. A questo punto laltro studente o
laltra coppia deve riferire ci che ha detto Carlo a
proposito dello stesso argomento. Si procede cos
finch tutte le frasi di Carlo saranno reciprocamente riferite e trascritte. Nel trascrivere, i due studenti o le due coppie dovranno utilizzare ognuno/a una
matita o una penna di colore diverso dallaltro/a.
- Al termine dellattivit date luogo al riscontro in
plenum. Naturalmente vince lo studente o la coppia che ha il maggior numero di frasi corrette.

F Vorrei che tu fossi una donna...


1
- Scrivete alla lavagna:
Vorrei che tu fossi una donna...
144

- Chiedete agli studenti chi potrebbe aver pronunciato la frase in questione e lasciate che esprimano
le loro ipotesi.
2
- Chiedete agli studenti quale potrebbe essere secondo loro il motivo per cui il tasso di natalit in Italia
tra i pi bassi del mondo. Com la situazione nel
loro Paese? Gli studenti hanno dei figli o ne vorrebbero in futuro?
3
- Raccontate agli studenti che il brano presentato
tratto da un celebre libro di Oriana Fallaci. La scrittrice, nata a Firenze nel 1929, stata giornalista e
inviata speciale per molti giornali. Ha pubblicato
numerose testimonianze dei suoi viaggi e raccolte
di interviste a personaggi della politica e dellattualit e ha scritto romanzi di grande successo, tra
i quali Lettera a un bambino mai nato nel 1975,
Un uomo nel 1979, Insciallah nel 1990, nei quali
affronta argomenti quali laborto, la guerra, la dittatura in Grecia. Tra gli ultimi suoi libri, grande
successo hanno riscosso La rabbia e lorgoglio nel
2001 allindomani dell11 settembre, seguito nel
2004 da La forza della ragione. Ha trascorso gli
ultimi anni della sua vita a New York ed morta
nel 2007.
- Invitate gli studenti a leggere il brano e a consultarsi con il proprio vicino di banco al fine di migliorarne la comprensione.
4
- Gli studenti lavorano in coppia: il compito consiste nellindicare a quale paragrafo del brano appena letto corrisponde ogni affermazione.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1: 1, 3, 4, 6, 8; 2: 2, 5, 7
5
- Moderate in plenum la conversazione lasciando
che gli studenti rispondano ai vari quesiti proposti.

G Vocabolario e abilit
1
- Invitate gli studenti a scrivere i sostantivi che derivano dai verbi e viceversa, quindi procedete con il
riscontro in plenum.
Soluzione: arresto, minaccia, aiuto, furto, convivere,
evadere, assassinare, drogare/drogarsi

2
- Fate ascoltare il brano dellesercizio 17 a pagina
116 del Quaderno degli esercizi e invitate gli studenti a segnare le affermazioni esatte.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1, 3, 6, 7, 8, 10
3
- Invitate gli studenti a lavorare in coppia: il compito
consiste nellimmedesimarsi nella situazione proposta e nel dar luogo alla conversazione relativa.
4
- Invitate gli studenti a raccontare per iscritto una
notizia di cronaca vera o immaginaria, possibilmente originale e curiosa. Tale attivit potr essere svolta sia come compito a casa che in classe. In
entrambi i casi chiedete agli studenti di consegnarvi i propri elaborati affinch possiate restituirli corretti
- Esortate gli studenti ad esprimere la propria opinione su Nuovo Progetto italiano 2, scrivendo una
e-mail alla redazione e agli autori in cui si espongono critiche e suggerimenti.
Conosciamo lItalia
- Invitate gli studenti a leggere individualmente i
testi sui problemi sociali del Belpaese e a svolgere
lattivit a pagina 163. A tale scopo esortateli ad
avvalersi dellaiuto offerto dal glossario a pagina
163 ed eventualmente di un buon dizionario.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. c, 2. b, 3. a, 4. b, 5. b
- Esortate gli studenti ad usufruire delle attivit online previste dallunit 10.

IL PAESE DEI SOGNI!


- Dividete la classe in gruppi di quattro o cinque
persone. Fotocopiate la scheda numero 5 a pagina
150 e consegnatene una copia ad ogni gruppo insieme a dei foglietti tipo post-it di medie dimensioni. Spiegate agli studenti il loro compito: siamo in
campagna elettorale e ogni schieramento deve presentare il proprio programma, spiegando agli elettori cosa si intende fare in relazione ai vari campi
indicati. Dopo averle discusse allinterno del gruppo, le proposte saranno riassunte nei post-it da attaccare in corrispondenza dei vari temi indicati.
Naturalmente lo scopo di ogni gruppo quello di
creare il paese dei sogni, quello in cui tutti vorrebbero vivere e soddisfare in pieno le aspettative
dei cittadini. Al termine, ogni gruppo presenta il
proprio programma ai compagni i quali approveranno o esprimeranno le loro critiche alle proposte
formulate. Se poi volete condurre il gioco fino in
fondo, potete dar luogo a libere elezioni in cui gli
studenti voteranno i vari programmi presentati promettendo di non votare il proprio. Chi vincer le
elezioni?
Grammatica e Lessico
- Fotocopiate la scheda numero 6 alle pagine 151 e
152, distribuite le fotocopie agli studenti e chiedete di completarle con gli elementi grammaticali e
lessicali mancanti.
- Fate confrontare il risultato prima con il compagno
di banco e poi con le tabelle presenti nel testo nel
corso dellunit 10.
- Lasciate agli studenti il tempo per concentrarsi su
questa attivit di ripetizione e controllo e invitateli a riferire eventuali dubbi o argomenti che non
sono chiari per poterli discutere in plenum.

Autovalutazione
- Invitate gli studenti a svolgere individualmente il
test di autovalutazione e a controllare le soluzioni
a pagina 203 del Libro dello studente.

145

Scheda numero 1
Unit 10 - Sezione A6, Attivit ludica

Maria ha detto:
Non sto
tanto bene.

Maria ha detto che


non stava bene.

Maria ha detto:
Vado in
palestra.

Maria ha detto che


.........................

Carlo ha detto:
Ieri sera sono andato
a ballare.

Carlo ha detto che


.........................

Luigi ha detto:
Da bambino mangiavo
tanta cioccolata.

Luigi ha detto che


.........................

Enzo ha detto:
Ho studiato italiano
a Perugia.

Enzo ha detto che


.........................

Giovanni ha detto:
Non avevo letto
dello sciopero.

Giovanna ha detto che


.........................

Enrico ha detto:
Tra un po parler
italiano benissimo.

Enrico ha detto che


.........................

Lara ha detto:
Andrei volentieri
a quella festa.

Lara ha detto che


.........................

Emanuela ha detto:
Sarei uscita volentieri
con Sara.

146

Emanuela ha detto che


.........................

Scheda numero 2
Unit 10 - Sezione B4, Role-play guidato

Ciao Carlo! Allora? Come va?

Bene...! Scusa se non mi sono fatto sentire!

vero... Ma che fine hai fatto?

Non ci crederai... Mi sono iscritto ad un corso di cucina!

E quindi? Ti sembra una buona ragione per sparire?

Per sparire no, ma per trascorrere tante serate ad organizzare cene con i miei compagni di corso quello s!

Ma dai...

S! Dovresti venire anche tu!

Io? A cucinare? Ma non mi interessa! Davvero non per me!

Perch non hai mai provato! Invece dovresti! una cosa davvero creativa!

Ma per carit! Io di creare tra pentole e fornelli proprio non ne voglio sapere!

Ma per lamor di Dio!


Ma non mi importa affatto!
Ma non me ne mai
importato niente!

Ma figurati!
Oh mamma mia!

Ma chi se ne importa!

Ma dove eri sparito?

E allora?

Ma dove ti eri cacciato?

E con ci?

Ma dove ti nascondi ultimamente?

Eh beh?
147

Scheda numero 3
Unit 10 - Sezione B6, Attivit ludica

Maria ha detto:
Questo libro
mio.

Maria ha detto che


quel libro era suo.

Questo cellulare
mi piace.

Maria ha detto che

Maria ha detto:
.........................

Carlo ha detto:
Questa mattina ho
incontrato Luisa.

Carlo ha detto che


.........................

Luigi ha detto:
Domani arrivano
i miei genitori.

Luigi ha detto che


.........................

Enzo ha detto:
Ho dato lesame
dieci giorni fa.

Enzo ha detto che


.........................

Giovanni ha detto:
Ieri mi avevano
dato la conferma.

Giovanna ha detto che


.........................

Enrico ha detto:
In questo momento
preferirei non bere.

Enrico ha detto che


.........................

Lara ha detto:
Lara ha detto che
Il mio posto qui.
.........................

Emanuela ha detto:
Il corso inizier fra
qualche giorno.

148

Emanuela ha detto che


.........................

Scheda numero 4
Unit 10 - Sezione E5, Attivit di fissaggio

Carlo dice: ............................................. .

Se vinco la lotteria,
smetto di lavorare!

Se potessi,
partirei subito
per lAfrica!

Se scrivessi
a Marta, Paola si
arrabbierebbe!

Se ho tempo
vengo a trovarti!

Se fossi tornato in
tempo, sarei venuto
alla festa!

Se sapessi
la verit,
te la direi!

Mi/Ci ha detto che


se vincesse la lotteria
smetterebbe di lavorare.

A me/noi, invece, ha detto


che anche se vincesse
la lotteria continuerebbe
a lavorare!

Mi/Ci ha detto che

A me/noi, invece, ha detto

............................................

che .....................................

............................................

............................................

............................................

............................................

Mi/Ci ha detto che

A me/noi, invece, ha detto

............................................

che .....................................

............................................

............................................

............................................

............................................

Mi/Ci ha detto che

A me/noi, invece, ha detto

............................................

che .....................................

............................................

............................................

............................................

............................................

Mi/Ci ha detto che

A me/noi, invece, ha detto

............................................

che .....................................

............................................

............................................

............................................

............................................

Mi/Ci ha detto che

A me/noi, invece, ha detto

............................................

che .....................................

............................................

............................................

............................................

............................................

Anche se vincessi
la lotteria, continuerei
a lavorare!

Se potessi,
partirei subito per
lAustralia!

Se scrivessi a
Claudia, Paola si
arrabbierebbe!

Se ho tempo,
vado in centro!

Se fossi tornato
in tempo, sarei
andato a teatro!

Anche se sapessi
la verit,
starei zitto!

149

150

Ambiente

Trasporti

Famiglia

Occupazione

Immigrazione

IL PAESE DEI SOGNI!

Salute e Sanit

Scheda numero 5
Unit 10 - IL PAESE DEI SOGNI!

Cultura

Droga e criminalit

Sport

Istruzione

Scheda numero 6
Unit 10 - Grammatica e Lessico

Discorso diretto e indiretto (I)


Discorso indiretto

Discorso indiretto

Presente

Imperfetto

Maria ha detto: Non sto bene.

Maria ha detto che non stava bene.

Imperfetto

Imperfetto

Disse: Da giovane viaggiavo spesso.

Disse che da giovane ................................ spesso

Passato prossimo

Trapassato prossimo

Disse: Ho lavorato per 40 anni.

Disse che aveva lavorato per 40 anni.

Trapassato prossimo

Trapassato prossimo

Mi ha detto: Ero entrato prima di te.

Mi ha detto che era entrato prima di me.

Futuro

Condizionale composto

Ha detto: Andr via.

Ha detto che ................................ via.

Condizionale semplice o composto

Condizionale composto

Ha detto: Mangerei un gelato.


Ha detto: Sarei uscito, ma piove.

Ha detto che avrebbe mangiato un gelato


Ha detto che ................................ , ma pioveva.

Discorso diretto e indiretto (II)


Discorso indiretto

Discorso indiretto

Queste scarpe sono mie.

Ha detto che quelle scarpe erano .......................... .

Ora non possiamo fare niente.

Disse che allora non potevano fare niente.

Oggi i miei non lavorano.

Ha detto che quel giorno i suoi non lavoravano.

Partir domani.

Ha detto che sarebbe partito .......................... .

Lho visto ieri.

Ha detto che laveva visto il giorno precedente.

Torner fra tre giorni.

Ha detto che sarebbe tornato tre giorni dopo.

Li ho visti due ore fa.

Ha detto che li aveva visti due ore .......................... .

151

Discorso diretto e indiretto (III)


Discorso diretto

Discorso indiretto

Parla pi piano!

Mi ha detto di ................... pi piano.

Vengono spesso a farmi visita.

Disse che andavano spesso a farle visita.

Le chiese: Hai visto Marco?

Le chiese se ................... visto Marco.

Mi ha chiesto: A che ora tornerai?

Mi ha chiesto a che ora sarei tornato/torner.

Il periodo ipotetico nel discorso indiretto


Discorso diretto

Discorso indiretto

Se avessi tempo, viaggerei.

Diceva che se avesse tempo ................... viaggiato.

Se vinceremo, saremo campioni.

Lallenatore ha detto che se vinceranno saranno campioni.

Napoleone: Se vincer, diventer imperatore. Napoleone disse che se avesse vinto, ...................
diventato imperatore.

Esprimere indifferenza

152

Non mi interessa affatto!

............................................

E allora?

Ma chi se ne frega?

............................................

Me ne infischio!

Elementi comunicativi - Chiedere e dare consigli sullacquisto di un libro


e lessicali
- LOroscopo
- Caratteristiche dei segni zodiacali
- Parlare di libri
- Gli italiani e la lettura
Elementi grammaticali - Gerundio semplice
- Gerundio composto
- Il gerundio con i pronomi
- Infinito presente
- Infinito passato
- Participio presente
- Participio passato
- Le parole alterate
Civilt

La letteratura italiana in breve

Materiale necessario

Sezione A, punto 5, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 1 a


pagina 160
Sezione A, punto 6, attivit di fissaggio: alcune fotocopie della scheda numero 2 a
pagina 161
Sezione C, punto 4, attivit ludica: alcune fotocopie della scheda numero 3 a pagina 162
ARRIVATO IL LETTERATO!: alcune fotocopie della scheda numero 4 a pagina
163
Grammatica e Lessico: alcune fotocopie della scheda numero 5 a pagina 164

Per cominciare...
1
- Introducete largomento lettura chiedendo agli
studenti se e quale libro stanno leggendo al momento o qual lultimo libro che hanno letto, il genere e largomento del libro in questione.
- Invitate gli studenti a lavorare in coppia per cercare di individuare a quale genere letterario appartengono i vari libri raffigurati a pagina 165.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: e. romanzo storico, b. favola, a. giallo, f.
romanzo damore, d. teatro, c. saggio
2
- Lasciate che gli studenti parlino delle proprie abitudini rispetto alla lettura: gli piace leggere? Che
genere preferiscono? In base a cosa scelgono un
libro?

3 3
- Fate ascoltare il dialogo una volta e invitate gli studenti ad indicare le affermazioni corrette tra quelle date.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. c, 2. c, 3. d, 4. a

A Gemelli per caso?


1
- Fate ascoltare di nuovo il dialogo e chiedete agli
studenti di mettere in ordine le battute del cliente.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1, 9, 3, 5, 6, 4, 10, 7, 2, 8
2
- Fate lavorare gli studenti in coppia: il compito consiste nel cercare tra le battute del dialogo le espressioni che hanno un significato analogo a quelle
indicate.
153

- Procedete con il riscontro in plenum.


Soluzione: che relazione ha? = ma che centra questo?; cosa intende dire? = in che senso? / cosa intende?; sarebbe utile, farebbe bene = non guasterebbe;
per caso = mica; a dire la verit = ad essere sincera;
sono sicura = scommetto

scopo potete disegnare una tabella alla lavagna con


i valori pi comuni che assume il gerundio, ad
esempio:
Significato
Valore

Congiunzioni
Preposizioni

Gerundio

3
- Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per
leggere il dialogo tra Carmen ed Enrico e completarlo con gli elementi dati.

Causale

poich, perch, Lavorando molto,


ho poco tempo
siccome

Modale
(come?)

con

- Procedete al riscontro in plenum.


Soluzione: scelti, sapendo, decidere, Aiutarmi, avendo letto, Guardandomi

Condizionale se, a condizione Studiando,


(ipotesi)
che
supereremo lesame

4
- Scrivete alla lavagna:
Avendo pi tempo libero

lavorando molto

- Osservate: i due verbi sottolineati sono al gerundio


presente. Il gerundio presenta due desinenze, ovvero -ando per i verbi della prima coniugazione e
-endo per i verbi della seconda e terza coniugazione. Il modo gerundio appartiene al gruppo dei
modi indefiniti di cui fanno parte anche il participio e linfinito.
- Invitate gli studenti a consultare lAppendice a
pagina 193 per la formazione del gerundio nei verbi irregolari.
5
- Invitate gli studenti a lavorare in coppia: il compito consiste nellabbinare le quattro frasi al significato espresso dal gerundio che contengono.
- Invitate gli studenti a consultare lAppendice a pagina 193 per le soluzioni.
- Riflettete in plenum sui significati che pu assumere il gerundio: il gerundio indica il modo di
svolgersi dellazione, in riferimento ad unaltra
azione di modo finito che ha lo stesso soggetto del
gerundio. Se infatti completiamo una delle due frasi scritte precedentemente alla lavagna Gli Arieti
lavorando molto hanno poco tempo per leggere
vediamo che il soggetto di lavorando e il soggetto
di hanno Gli Arieti. Nel gerundio semplice o presente abbiamo contemporaneit tra lazione espressa dal gerundio e lazione della reggente. Il gerundio pu assumere molti significati diversi che altrimenti potremmo esprimere con un verbo di modo
finito e delle congiunzioni o preposizioni. A tale
154

Temporale

quando,
mentre

Lho imparato
leggendo

Tornando a casa,
ho visto Marco

- Se volete, potete sostituire il modo indefinito con


uno finito e utilizzare le congiunzioni o preposizioni della colonna centrale, scrivendo alla lavagna, ad esempio: Poich lavoro molto ho poco
tempo, Lho imparato con la lettura, Se studiamo
supereremo lesame, Mentre tornavo a casa ho visto Marco.
- Per avere altri esempi, invitate gli studenti a consultare lAppendice a pagina 193.
Attivit di fissaggio
- Fate lavorare gli studenti in coppia o in gruppi di
tre persone. Fotocopiate la scheda numero 1 a pagina 160 e consegnatene una copia ad ogni coppia
o gruppo. Spiegate che lattivit consiste nello spostare le frasi come se fossero le sfere di un pallottoliere, trascrivendole nelle giuste colonne, ovvero
le colonne che indicano la funzione espressa dal
gerundio in esse contenuto.
- Lasciate ai corsisti qualche minuto di tempo per
svolgere lattivit, quindi procedete con il riscontro in plenum, magari provando ad esplicitare le
frasi implicite.
Soluzione: mentre: Spesso mangiando leggo; Alcuni dicono che si pu imparare dormendo; se: Passando per il centro, farete tardi; Parcheggiando qui, rischiamo la multa; Allenandoti, farai grandi progressi;
siccome/poich: Non sapendo il suo numero di cellulare, non ho potuto chiamarla; Avendo gi una certa
et, non posso pi partecipare al concorso; Essendo
molto stanco, ho deciso di non uscire; con: Ci sono
riuscita impegnandomi molto; Mi guardava sorridendo; Io mi rilasso andando a correre; Ascoltava la musica tenendo gli occhi chiusi

6
- Scrivete alla lavagna:
Non avendo letto il libro,
non so di che parla esattamente.
- Osservate insieme: nella prima parte della frase abbiamo un gerundio composto. Il gerundio composto si forma con lausiliare essere o avere al gerundio e il participio passato del verbo. Il gerundio
composto indica anteriorit dellazione espressa
dal gerundio rispetto allazione della reggente, come vediamo nella frase alla lavagna: (in passato,
precedentemente) Non ho letto il libro e (adesso)
non so di che parla esattamente.
- Chiedete agli studenti di riformulare la frase Non
avendo letto il libro, non so di che parla esattamente sostituendo il libro con un pronome e scrivete la frase alla lavagna:
Non avendolo letto,
non so di che parla esattamente.
- Scrivete unaltra frase:
Scrivendo a Maria, lho informata della situazione.
- Chiedete di nuovo di sostituire a Maria con un
pronome e annotate alla lavagna:
Scrivendole, lho informata della situazione.
- Riflettete insieme: il gerundio forma ununica parola con i pronomi che si attaccano in coda. A tale
scopo potete osservare le frasi in Appendice a pagina 193.
- Invitate gli studenti a completare le frasi che seguono la tabella con i verbi dati, quindi procedete
al riscontro in plenum.
Soluzione: Tornando, Avendo, Essendo tornati, Essendo, Avendo studiato
Attivit di fissaggio
- Fate lavorare gli studenti in coppia o in gruppi di
tre persone. Fotocopiate la scheda numero 2 a pagina 161 e consegnatene una copia ad ogni coppia
o gruppo. Spiegate che lattivit consiste nel combinare le frasi contenute nel cerchio PRIMA con
quelle contenute nel cerchio DOPO, trasformando
il tutto in ununica frase contenente il gerundio
composto, come indicato nellesempio.
- Lasciate ai corsisti qualche minuto di tempo per
svolgere lattivit, quindi procedete con il riscontro in plenum.

Soluzione: Avendo lavorato tanto, mi sono preso una


pausa di riposo; Avendo mangiato troppo ieri sera,
non siamo riusciti a dormire; Avendo speso molto ultimamente, Claudio ha dovuto chiedere un prestito in
banca; Essendosi addormentata alle nove ieri sera,
Laura stamattina si alzata molto presto; Avendo
camminato a lungo nel bosco, alla fine ci siamo persi;
Essendo gi stata a New York, sono gi salita sullEmpire State Building; Essendo tornati domenica,
luned abbiamo potuto iniziare il lavoro; Essendoci
piaciuto molto lultimo libro di Ammaniti, abbiamo
comprato i suoi libri precedenti

B Di che segno sei?


1
- In plenum osservate i simboli dei segni zodiacali e
chiedete agli studenti di scrivere il loro nome in italiano in corrispondenza dellillustrazione relativa,
aiutandosi anche con il testo del punto successivo.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. Vergine, 2. Toro, 3. Gemelli, 4. Leone,
5. Scorpione, 6. Ariete; 7. Capricorno, 8. Acquario 9.
Sagittario, 10. Bilancia, 11. Pesci, 12. Cancro
2
- Invitate gli studenti a lavorare individualmente e a
leggere le caratteristiche relative ad ogni segno.
- Sulla base di quanto appena letto chiedete agli studenti di provare a indovinare di che segno sono i
compagni, formulando domande tipo: Karl, secondo te di che segno Scarlet?
- Chiedete agli studenti qual il loro segno zodiacale
e se si riconoscono nella descrizione appena letta.
3
- Discutete in plenum: gli studenti credono alloroscopo? Quando e quanto si lasciano influenzare dagli oroscopi?
4
- Scrivete alla lavagna:
leggere mi piace molto
- Osservate: anche in questo caso siamo di fronte ad
una frase che contiene un verbo ad un modo indefinito, ovvero linfinito presente o semplice leggere. Il soggetto dellinfinito molto spesso coincide
con il soggetto della frase reggente, ad esempio
Andr a studiare in Italia, mentre sul piano tempo155

rale linfinito esprime contemporaneit rispetto al


verbo della reggente. Anche linfinito, come il gerundio, pu assumere valori diversi allinterno della frase, tra gli altri quello di soggetto, sostantivo,
complemento, con o senza preposizione, pu trovarsi in diverse proposizioni, temporali, interrogative, casuali ecc. Affinch gli studenti possano esercitarsi a riconoscere alcune delle funzioni pi comuni dellinfinito, invitateli ad abbinare le frasi in
tabella alle corrispondenti funzioni, quindi in plenum consultate lAppendice a pagina 193 per le
soluzioni.
5
- Scrivete alla lavagna:
venuta a casa dopo essere passata
dai suoi genitori.
- Osservate: in questa frase abbiamo sottolineato un
infinito passato o composto. Linfinito composto,
si forma con lausiliare essere o avere allinfinito e
il participio passato del verbo e, cos come il gerundio composto, esprime anteriorit rispetto al
verbo della reggente: (prima) passata dai suoi
genitori e (dopo) venuta a casa.
Attivit di fissaggio
- Scrivete alla lavagna alcune informazioni sul vostro conto, ad esempio:
Ho vissuto a Parigi per un anno.
Mi sono laureata nel 1992.
Ho lavorato in una casa editrice nel 1993.
Ho deciso di trasferirmi in Germania nel 1997.
Mi sono sposata nel 2006.
Ho avuto una bambina nel 2007.
- Scrivete alla lavagna anche alcune possibili domande tipo:

- Procedete con il riscontro in plenum.


Soluzione: 1. aver finito, 2. Mangiare, 3. parlare, 4.
essere tornato/a, 5. dire

C Due scrittori importanti


1
- Chiedete agli studenti se ricordano qualcosa di Alberto Moravia, riferendovi al brano dellautore letto nel corso della decima unit. Italo Calvino, suo
contemporaneo, un altro grande personaggio
della letteratura italiana.
- Invitate gli studenti a leggere i brani, completarli
con le parole date e indicare a quale dei due testi
appartengono le affermazioni in basso.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1) esponenti, 2) corrente, 3) divertenti, 4)
affascinante, 5) finita, 6) evidente; Moravia: 1, 3, 5 /
Calvino: 2, 4, 6
2
- In plenum moderate la discussione relativa ai quesiti proposti.
3
- Scrivete alla lavagna:
affascinante

corrente

divertente

- Osservate insieme: le tre parole scritte alla lavagna


appartengono ad uno dei tre modi indefiniti, ovvero il participio, in questo caso presente. Fatevi dire
dagli studenti linfinito dei verbi scritti alla lavagna e scriveteli sotto il verbo corrispondente:

Cosa hai fatto dopo essere tornata da Parigi?

affascinante

corrente

divertente

Cosa hai fatto prima di sposarti?

affascinare

correre

divertire

- Spiegate agli studenti che siete disposti a rispondere a qualsiasi domanda gli studenti vorranno porvi,
ma solamente se saranno formulate correttamente e
con la stessa struttura di quelle scritte alla lavagna.
- Dopo aver risposto alle domande degli studenti,
invitateli a lavorare in coppia. Ognuno scriver
una serie di informazioni sul proprio conto e reciprocamente i corsisti si porranno domande simili a
quelle che sono state rivolte a voi.
156

6
- Sulla base di quanto appena detto su infinito presente e passato invitate gli studenti a completare le
frasi.

- In questo modo risultano evidenti le due desinenze


del participio presente, ovvero -ante per la prima
coniugazione e -ente per la seconda e terza coniugazione. Nella lingua corrente i participi presenti
pi utilizzati sono quelli che hanno la funzione di
aggettivi, come ad esempio divertente, sostantivi
come ad esempio studente, e verbi come ad esempio mancante (che manca).
- Invitate gli studenti a completare la tabella, quindi

procedete con il riscontro in plenum consultando


lAppendice a pagina 193.
4
- Scrivete alla lavagna:
Finita la guerra, pubblic il suo primo romanzo.
- Riflettete insieme: il verbo sottolineato il participio passato di finire. Il participio passato molto
usato e ormai noto agli studenti soprattutto per il
suo utilizzo nei tempi composti e nella forma passiva. Gli usi del participio passato possono per
essere diversi, infatti la tabella del Libro dello studente ci mostra il participio utilizzato con valore di
aggettivo, sostantivo e participio assoluto. Nei costrutti assoluti il participio passato esprime anteriorit rispetto al verbo della reggente e pu avere
un proprio soggetto, come nella frase Arrivati i
miei genitori, (io) andr a letto.
Attivit ludica
- Fate lavorare gli studenti in coppia o in gruppi di
tre persone. Fotocopiate la scheda numero 3 a pagina 162 e consegnatene una copia ad ogni coppia
o gruppo. Il compito consiste nellindividuare i participi contenuti nel crucipuzzle a partire dallinfinito dato. Spiegate agli studenti che i participi sono
alla rinfusa, quindi spetta a loro scoprire se sono
dati al presente o al passato.
- Se volete, potete trasformare lattivit in una gara
a tempo, scaduto il quale, procederete con il riscontro in plenum.
Soluzione:

5
- Gli studenti lavorano individualmente e completano le frasi con il participio presente o passato dei
verbi.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. stampante, 2. uscito/a, 3. corrente, 4.
Presa, 5. passante

D Andiamo a teatro
1
- Moderate in plenum la conversazione: gli studenti
amano il teatro? Lo frequentano o leggono testi
teatrali? Quali autori prediligono? Cosa hanno visto lultima volta che sono stati a teatro? In cosa si
differenzia il teatro dal cinema?
2
- Invitate gli studenti ad osservare la foto a pagina
174 in cui appaiono Pirandello e i fratelli De Filippo, quindi fate ascoltare due volte il testo riguardante i due grandi autori del teatro italiano.
- Chiedete agli studenti di indicare le affermazioni
corrette, quindi procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. c, 2. a, 3. b, 4. b
3
- Lasciate ai corsisti qualche minuto di tempo per
leggere il testo e completarlo inserendo una parola
in ogni spazio.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1) all, 2) erano, 3) articolo, 4) si, 5) nel,
6) un, 7) quando, 8) lo, 9) fa, 10) vita, 11) Quando,
12) per
4
- Invitate gli studenti ad abbinare le parole ai disegni
quindi procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione da sinistra verso destra: a, b, d, c, e, f
5
- Scrivete alla lavagna:
piccolo

grande

cattivo

- Chiedete agli studenti quali dei sostantivi visti al


punto precedente associano allidea di piccolo,
grande, cattivo. La risposta sar rispettivamente
teatrino, librone e ragazzaccio. Tali sostantivi sono
infatti alterati, ovvero formati con laggiunta di suf157

fissi che ne modificano il significato per quanto riguarda la dimensione o la qualit, associando quello originario appunto allidea di piccolo (diminutivo), grazioso (vezzeggiativo), grande (accrescitivo),
cattivo (peggiorativo/dispregiativo). La tabella mostra quali suffissi si utilizzano in relazione ai concetti cui si accennato.
6
- Invitate gli studenti a completare le frasi con la
giusta forma alterata delle parole date, quindi procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. tempaccio, 2. minestrina, 3. regalone, 4.
lettone, 5. calduccio

E Librerie e libri
1
- Osservate la foto: dove si trovano le persone raffigurate? Cosa stanno facendo? Come si comportano gli studenti in libreria? Amano scegliere libri
con calma, consultando vari testi o preferiscono
chiedere direttamente al personale di vendita dove
si trova il libro che hanno in mente?
- Moderate la discussione in plenum invitando gli
studenti a rispondere ai quesiti proposti.
2
- Fate ascoltare lintervista. Gli studenti hanno risposto alle domande precedenti in maniera simile al libraio?
3
- Fate ascoltare di nuovo lintervista e invitate gli
studenti a completare le informazioni.
Soluzione: 1. abituati a leggere 2. un pochino pi
interessanti, 3. che donna, 4. a chi proporlo, 5. ancora con grandi romanzi, 6. influenzabile dalla pubblicit
4
- Moderate in plenum la conversazione lasciando
che gli studenti rispondano ai quesiti proposti.
5
- Invitate gli studenti a leggere il brano tratto da Gli
amori difficili di Italo Calvino e ad indicare le affermazioni veramente presenti.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1, 4, 6, 8
158

- Chiedete agli studenti cosa pensano di Amedeo,


protagonista del brano appena letto, se gli mai
capitato di appassionarsi tanto alla lettura di un libro e cosa pensano della signora.
- Invitate gli studenti ad immaginare come potrebbe
terminare lincontro e in generale finire la storia.

F Vocabolario e abilit
1
- Scrivete alla lavagna:
Un giorno uno scrittore mi ha scritto Poi
- Fate lavorare gli studenti in gruppo: il compito consiste nel raccontare la propria vita immaginandosi
di essere un libro. Le parole e le immagini forniscono il filo conduttore della storia.
- Invitate gli studenti a riferire in plenum la loro versione della storia.
2
- Fate ascoltare il brano dellesercizio 18 a pagina
126 del Quaderno degli esercizi e invitate gli studenti a segnare le affermazioni esatte.
- Procedete con il riscontro in plenum.
Soluzione: 1. a, 2. a, 3. c
3
- Invitate gli studenti a lavorare in coppia: il compito consiste nellimmedesimarsi nella situazione proposta e nel dar luogo alla conversazione relativa.
Esortate i corsisti ad avvalersi degli elementi offerti a pagina 195 per il ruolo A e a pagina 202 per il
ruolo B.
4
- Invitate gli studenti a svolgere il compito scritto
indicato. Tale attivit potr essere eseguita sia come compito a casa che in classe. In entrambi i casi
chiedete agli studenti di consegnarvi i propri elaborati affinch possiate restituirli corretti.
Conosciamo lItalia
- Invitate gli studenti a leggere individualmente il
testo sulla letteratura italiana e a rispondere alle
domande a pagina 179. A tale scopo esortateli ad
avvalersi dellaiuto offerto dal glossario a pagina
179 ed eventualmente di un buon dizionario.
- Procedete al riscontro in plenum.
Soluzione: 1. Perch la sua opera pi nota, ovvero La

Divina Commedia, stata presa come punto di riferimento per la lingua italiana moderna; 2. I promessi
sposi; 3. Ci sono pi poeti
- Esortate gli studenti ad usufruire delle attivit online previste dallunit 11.
Autovalutazione
- Invitate gli studenti a svolgere individualmente il
test di autovalutazione e a controllare le soluzioni
a pagina 203 del Libro dello studente.
Autovalutazione generale
- Invitate gli studenti a svolgere individualmente il
test di autovalutazione generale su quanto appreso
nel corso di tutte le unit del libro e a controllare le
soluzioni a pagina 203.

Grammatica e Lessico
- Fotocopiate la scheda numero 5 a pagina 164, distribuite le fotocopie agli studenti e chiedete di
completarle con gli elementi grammaticali e lessicali mancanti.
- Fate confrontare il risultato prima con il compagno
di banco e poi con le tabelle presenti nel testo nel
corso dellunit 11.
- Lasciate agli studenti il tempo per concentrarsi su
questa attivit di ripetizione e controllo e invitateli a riferire eventuali dubbi o argomenti che non
sono chiari per poterli discutere in plenum.

ARRIVATO IL LETTERATO!
- Dividete la classe in gruppi di quattro o cinque
persone, oppure semplicemente in due schieramenti opposti, tipo donne contro uomini o simili. Utilizzate la scheda numero 4 a pagina 163 che dovr
rimanere esclusivamente nelle vostre mani in quanto le risposte in Italicus sono la soluzione dei vari
quesiti. Spiegate agli studenti che proporrete una
serie di domande modello quiz dando loro la possibilit di scegliere tra tre risposte di cui una sola
quella corretta. Tutte le domande riguardano la letteratura in generale e per ogni risposta esatta attribuirete un punto alla formazione che lha data.
Potete scegliere di proporre una domanda ad un
gruppo e una domanda allaltro, se avete costituito
due schieramenti, al fine di evitare sovrapposizioni di risposta. Potete anche prevedere la presenza
di un campanello o di un determinato oggetto a vostro piacimento che consentir al primo che lo raggiunge di dare la risposta. Infine, avete la possibilit di porre le domande alla rinfusa e non in ordine, come sono sulla scheda, oppure di scegliere tra
le varie domande solo quelle che vi sembrano pi
adeguate, magari riducendone il numero. Al termine dellattivit farete il conteggio dei punti sommati dalle squadre e consegnerete la corona di alloro del poeta ai vincitori... in che forma, sta a voi
deciderlo!

159

160

Azioni simultanee
mentre

Ipotesi
se
Causa
siccome/poich

Ci sono riuscita impegnandomi molto.


Non sapendo il suo numero di cellulare, non ho potuto chiamarla.
Mi guardava sorridendo.
Passando per il centro, farete tardi.
Spesso mangiando leggo.
Avendo gi una certa et, non posso pi partecipare al concorso.
Io mi rilasso andando a correre.
Alcuni dicono che si pu imparare dormendo.
Parcheggiando qui, rischiamo la multa.
Allenandoti, farai grandi progressi.
Essendo molto stanco, ho deciso di non uscire.
Ascoltava la musica tenendo gli occhi chiusi.

Scheda numero 1
Unit 11 - Sezione A5, Attivit di fissaggio

Modo (come?)
con

161

Sono gi salita sullEmpire State Building.


Alla fine ci siamo persi.
Non siamo riusciti a dormire.
Laura stamattina si alzata molto presto.
andato a dormire da un amico.
Abbiamo comprato i suoi libri precedenti.
Luned abbiamo potuto iniziare il lavoro.
Mi sono preso una pausa di riposo.
Claudio ha dovuto chiedere un prestito in banca.

Ho lavorato tanto.
Non trovava le chiavi di casa.
Abbiamo mangiato troppo ieri sera.
Ha speso molto ultimamente.
Ieri sera si addormentata alle nove.
Abbiamo camminato a lungo nel bosco.
Sono gi stata a New York.
Siamo tornati domenica.
Ci piaciuto molto lultimo libro di Ammaniti.

........................................................

........................................................

........................................................

........................................................

........................................................

........................................................

........................................................

........................................................

Non avendo trovato le chiavi di casa, andato a dormire da un amico.

DOPO

PRIMA

Scheda numero 2
Unit 11 - Sezione A6, Attivit di fissaggio

Scheda numero 3
Unit 11 - Sezione C4, Attivit ludica

Interessare
Divertire
Usare
Convenire
Correre

162

Vincere
Accendere
Costruire
Leggere
Seguire

Cantare
Passare
Vedere
Pesare
Vendere

Amare
Importare
Capire
Importare
Lavare

Scheda numero 4
Unit 11 - ARRIVATO IL LETTERATO!

uno scrittore:

Luciano De Crescenzo
:

lautore de Il nome
della rosa:

Ha vinto il Nobel
per la Letteratura:

b. Valerio Mastrandrea

a. milanese

a. Umberto Eco

a. Grazia Deledda

c. Linus

b. napoletano

b. Enzo Biagi

b. Oriana Fallaci

c. romano

c. Carlo Levi

c. Dacia Maraini

Italo Calvino ha scritto:

un testo teatrale di
Pirandello:

il secolo del
Romanticismo:
a. Settecento

a. Carlo Lucarelli

Alberto Moravia
ha scritto:

a. romanzi gialli
a. Senilit

b. romanzi fantastici

b. Il Fu Mattia Pascal

a. Sei personaggi in
cerca dautore

c. romanzi rosa

b. Il Fu Mattia Pascal

c. Gli Indifferenti

chiamato il padre
della letteratura italiana:

c. Uno, nessuno e
centomila

L Orlando Furioso :
a. un testo teatrale

a. Dante

b. un romanzo

b. Petrarca

c. un poema epico

c. Boccaccio

Eugenio Montale :
a. un poeta
b. un autore di teatro
c. un romanziere

I protagonisti de
I promessi Sposi
sono:

c. Novecento

il primo in Italia
a scrivere un romanzo
psicologico:

Ha vinto il Nobel per la


Letteratura negli anni
90:

a. Leonardo Sciascia

a. Dario Fo

b. Italo Svevo

b. Alessandro Baricco

c. Cesare Pavese

c. Niccol Ammaniti

il maggior esponente
della corrente verista:

unistituzione nota
per la diffusione e
promozione della lingua
italiana nel mondo:

a. Giovanni Verga
a. Renzo e Maria

b. Alessandro Manzoni

b. Renzo e Lucia

c. Ugo Foscolo

c. Carlo e Lucia

b. Ottocento

a. Societ Dante
Alighieri
b. Societ Ugo Foscolo
c. Societ Giacomo
Leopardi

163

Scheda numero 5
Unit 11 - Grammatica e Lessico

Gerundio semplice
leggere
leggendo

lavorare
...........................................

uscire
...........................................

Gerundio composto
avendo bevuto
..................................... andato/a/i/e

Infinito presente
E ora, che fare?
Premere per prenotare la fermata
Fidarsi bene, non ........................................... meglio.
A ........................................... la verit
Tra il dire e il ........................................... c di mezzo il mare.

Infinito passato
venuta dopo ........................................... passata dai suoi genitori.
Alluna dovevo ........................................... gi consegnato il libro.
Per non essersi svegliato in tempo, ha perso il treno.
Dopo averlo conosciuto, non penso che a lui.

Particpio presente
parlare
...........................................

sorridere
sorridente

divertire
...........................................

Participio passato
parlare
parlato

sorridere

divertire

...........................................

...........................................

Le parole alterate
Diminutivo
-ino/a: pensierino, stradina
-.............. /a: alberello, storiella
-etto/a: piccoletto, libretto
Peggiorativo/dispregiativo
-.............. /a: tempaccio, giornataccia, caratteraccio,
parolacce
164

Accrescitivo
-.............. : simpaticone, pigrone
-ona: casona
Vezzeggiativo
-uccio/a: casuccia, cavalluccio, boccuccia

CHIAVI del QUADERNO DEGLI ESERCIZI

1.
2.
3.
4.
5.
6.

7.

8.

9.

10.

11.

12.

13.

14.
15.
16.
17.
180

UNIT 1
1. Te lo, 2. Te la, 3. Te li, 4. Te lo, 5. Te la, 6. Te li
1. Ve li, 2. Ve le, 3. Te la, 4. Ce l, 5. Ve lo, 6. Ce li
1. te la, 2. te le, 3. glielo, 4. glieli, 5. me lo, 6. me li
1. glielo, 2. glieli, 3. ve la, 4. ve le, 5. ce la, 6. ce li
1. me la, 2. ve le, 3. glielo, 4. me ne, 5. me li/ce li/
glieli, 6. ve lo, 7. te ne, 8. ce li
1. Ho finito il latte, me ne compri un litro?; 2. Se sei
senza soldi, te ne do io un po; 3. A Lucio hanno rubato la bicicletta: gliene regaliamo una noi?; 4. Abbiamo gi finito gli esercizi, ce ne dai degli altri?; 5.
Se avete bisogno di fogli bianchi, ve ne diamo noi
alcuni; 6. Se vogliono gli appunti, gliene presto io
una parte
1. I documenti che mi hai chiesto, posso mandarteli/
te li posso mandare solo la prossima settimana; 2.
Ho chiesto a Caterina il numero di telefono di Piero,
ma non vuole darmelo/me lo vuole dare; 3. Ti presto
volentieri i miei cd, ma devi restituirmeli/me li devi
restituire fra una settimana; 4. Se non conosci i fatti,
posso raccontarteli/te li posso raccontare io; 5. Ho
bisogno di un buon caff: signorina, pu prepararmene/me ne pu preparare uno?; 6. Se non conoscete il problema, possiamo parlarvene/ve ne possiamo
parlare noi
(risposte suggerite) 1. Ti chiedo scusa, Ma che dici;
2. Mi scusi direttore, Si figuri; 3. Chiedo scusa, Non
fa niente; 4. Scusami, Non importa
1. Me lha presentata, 2. Me lha prestato, 3. Me
lha consigliata, 4. Me lha regalato, 5. Me li ha dati, 6. Me le ha fatte, 7. Me lha dato, 8. Me lha consigliato
1. Me li ha regalati, 2. gliele ho fatte, 3. Me lha detto, 4. ce li ha spiegati, 5. Ce lhanno consegnata, 6.
Me ne hanno convalidati
1. glielho prestata, 2. ce lha affittata, 3. gliene ho
mandate, 4. ve lho comunicata, 5. glielho spiegato,
6. glielabbiamo prestata
1. Me lha dato, 2. glielhanno permesso, 3. Me lha
raccontato, 4. glielha detto, 5. me lhanno promesso, 6. glielha prestata
(risposte suggerite) 1. Ma va!, 2. Chi lavrebbe mai
detto?!/Incredibile!, 3. Impossibile!, 4. Scherzi?!, 5.
Davvero?!, 6. No!, 7. Possibile?!, 8. Ma va!
1. Che cosa, 2. Quale, 3. chi, 4. (Che) cosa, 5. Chi,
6. chi
1. quale, 2. Quale, 3. (Che) cosa, 4. quale, 5. Chi, 6.
cosa
1. quante, 2. Perch, 3. Quanti, 4. quanto, 5. Quando, 6. quanta
1. dove, 2. Perch, 3. Quanti, 4. Quanto, 5. Perch,
6. Quale

18. 1. Dove, 2. Quando, 3. quanti, 4. Perch, 5. Quante,


6. Quando
19. 1. da, al; 2. a, di; 3. in, in, al; 4. a, da, di; 5. di, in, al,
alla; 6. di, sul
20. 1. aiutare, 2. amare, 3. promettere, 4. pronunciare, 5.
studiare, 6. rispondere
21. 1. f, 2. e, 3. b, 4. d, 5. c, 6. a
22. 1. a, 2. c, 3. b, 4. c
Test finale
A 1. me lha regalata, gli hai regalato, glielho regalato, me laveva detto, ce lhanno fatto, Te lho sempre
detto
B 1. Di cosa si occupa Giorgio?, 2. Che tipo ?, 3. Che
giorno oggi?, 4. Con chi giochi a tennis?, 5. Cosa
vorresti fare stasera?, 6. Cera tanta gente?
C 1. (1) a, (2) b; 2. (1) b, (2) c; 3. (1) a, (2) a; 4. (1) c,
(2) a; 5. (1) b, (2) c; 6. (1) c, (2) b
D Orizzontali: 3. esami, 7. adesso, 8. incubo, 9. elementare; Verticali: 1. incredibile, 2. perch, 4. avvocato, 5. mensa, 6. facolt

1.
2.

3.

4.

5.

UNIT 2
1. che, 2. che, 3. che/le quali, 4. che, 5. il quale, 6.
che, 7. che/le quali, 8. che
1. S, un ragazzo che scrive sul giornale cittadino;
2. S, sono delle ragazze che frequentano la mia stessa facolt, Psicologia; 3. S, una ragazza che lavora alla Fiat; 4. S, sono dei ragazzi che abitano nellappartamento accanto al mio; 5. S, sono dei ragazzi che si vestono in modo strano; 6. S, sono dei/
due ragazzi che incontro ogni mattina alla fermata
dellautobus
1. Gianni osservava dalla finestra le macchine che
passavano; 2. Parler del tuo caso a mia cugina che
penso ci potr aiutare; 3. Valeria ha un fratello che
innamorato di una mia amica; 4. Avete preso il treno
che non va a Roma; 5. Remo un ragazzo che non
prende mai le cose sul serio; 6. Alla fine, ho comprato quellanello che desideravo da tanto
1. la ragazza a cui (alla quale) ho regalato una
torta; 2. il ragazzo per il quale (per cui) ho perso
la testa; 3. Sono i ragazzi di cui (dei quali) parla
spesso mio fratello; 4. la ragazza di cui (della quale) ci fidiamo; 5. il ragazzo da cui (dal quale) ho
abitato per un anno; 6. Sono le ragazze a cui (alle
quali) ho prestato i miei appunti
1. la ragazza con cui (con la quale) ho viaggiato da
Roma a Milano; 2. il ragazzo a cui (al quale) ho
dato il mio biglietto della partita; 3. un ragazzo con
cui (con il quale) interessante parlare; 4. Sono dei
ragazzi su cui (sui quali) contiamo molto; 5. la ragazza di cui (della quale) sono innamorato; 6. una

6.

7.

8.
9.

10.
11.

12.
13.
14.

15.
16.
17.
18.

19.
20.
A

coppia/Sono i ragazzi con cui (con i quali) esco ultimamente


1. Laereo con cui siamo ritornati dellAlitalia; 2.
Il professore da cui prendo lezioni abita vicino a casa mia; 3. Lavvocato da cui sono andato bravo ma
caro!; 4. La rivista per cui scrive Fulvio molto famosa; 5. Il bicchiere in cui stai bevendo molto
sporco; 6. Il turista a cui ho dato delle informazioni
era americano
1. Il tavolo su cui hai messo il libro molto antico;
2. La citt in cui si fermato mezzora il treno famosa per il suo prosciutto; 3. La ragazza con cui
esce Walter si chiama Eugenia; 4. Il ragazzo di cui
parlavamo prima arrivato da poco; 5. La ragazza a
cui Mario telefona tutte le sere si chiama Paola; 6.
La parrucchiera da cui vado sempre molto brava
1. in cui, 2. con cui, 3. di cui, 4. in cui, 5. che, 6. in
cui, 7. che, 8. per cui
1. che, con le quali (con cui); 2. che, con cui; 3. che,
su cui; 4. in cui; 5. in cui, che; 6. per le quali (per
cui)
1. di cui; 2. da cui, dal quale (da cui); 3. di cui; 4. con
cui; 5. a cui (alla quale); 6. della quale (di cui)
1. Sono andato in una banca i cui dipendenti facevano sciopero; 2. Uso una crema idratante i cui effetti
sono miracolosi; 3. Ivo e Daniel, i cui genitori vivono a Rio de Janeiro, telefonano spesso in Brasile; 4.
Ecco il professor Marini le cui conferenze sono
molto interessanti; 5. Ho visto un film il cui regista
non deve essere tanto conosciuto; 6. Leggo un romanzo il cui autore molto noto; 7. LInghilterra
un paese le cui tradizioni sono antichissime; 8. Ho
comprato una macchina il cui prezzo era veramente
vantaggioso
1. Chi, 2. con chi, 3. di chi, 4. a chi, 5. chi, 6. su chi,
7. da chi, 8. a chi
1. coloro che, 2. chi, 3. il che, 4. coloro che, 5. quello che, 6. tutto quello che, 7. Colui che, 8. colei che
1. Stavo facendo, 2. sta per scoppiare, 3. stai pensando, 4. Stavo uscendo, 5. Stavo per sposare, 6. Sto
leggendo
1. in, ad/in; 2. Per, a, d; 3. da, a; 4. a, di, di; 5. tra,
a; 6. delle, alla, del; 7. in, di, a; 8. a, a
1. perch, 2. cos, 3. perci, 4. o, 5. dove, 6. per
1. difficolt, 2. noia, 3. verit, 4. velocit, 5. rumore,
6. bellezza
1. altobasso, 2. difficilefacile, 3. chiusaaperta,
4. disoccupatooccupato, 5. conosciutosconosciuto, 6. velocelenta
1. a, 2. c, 3. c, 4. b, 5. a, 6. c, 7. b, 8. c, 9. b, 10. a,
11. c, 12. b, 13. b, 14. a
1, 3, 4, 5, 7
Test finale
1. che, 2. di cui, 3. le cui, 4. che, 5. per la quale, 6. a

cui, 7. in cui, 8. chi, 9. coloro che, 10. in cui, 11. per


cui, 12. che
B 1. Il che; 2. Chi; 3. Chi; 4. coloro che; 5. colui che,
chi; 6. quelli che
C 1. (1) c, (2) a; 2. (1) a, (2) c; 3. (1) a, (2) b; 4. (1) a,
(2) b; 5. (1) b, (2) c; 6. (1) a, (2) c
D Orizzontali: 1. ambizioso, 4. motocicletta, 7. colosso; Verticali: 1. autostrada, 2. economia, 3. maestra,
5. equivoco, 6. tesoro

1.
2.

3.

4.

5.

6.

UNIT 3
1. ce lho fatta, 2. ce la fai, 3. se n andata, 4. farcela, 5. ce ne andremo, 6. se ne vanno
1. Questo quadro pi bello di quello, Questo quadro (cos) bello come quello; 2. Marcella pi
simpatica di Monica, Marcella meno simpatica di
Monica; 3. Litaliano meno difficile del tedesco,
Litaliano (tanto) difficile quanto il tedesco; 4.
Luigi lavora (tanto) quanto Stefano, Luigi lavora pi
di Stefano; 5. I figli di Marco sono meno educati dei
figli di Piero, I figli di Marco sono pi educati dei
figli di Piero; 6. La mia macchina (tanto) veloce
quanto la tua, La mia macchina meno veloce della
tua
1. La mia valigia pi pesante della tua, La tua valigia meno pesante della mia, La mia valigia (cos) pesante come la tua; 2. Gianni pi anziano di
Claudio, Claudio meno anziano di Gianni, Gianni
(tanto) anziano quanto Claudio; 3. La mia casa
pi grande della tua, La tua casa meno grande della mia, La mia casa (tanto) grande quanto la tua; 4.
Roberto pi fortunato di Franco, Franco meno
fortunato di Roberto, Roberto (cos) fortunato come Franco; 5. Il cinema pi noioso della discoteca,
La discoteca meno noiosa del cinema, Il cinema
(cos) noioso come la discoteca; 6. Eros Ramazzotti
pi conosciuto di Amedeo Minghi, Amedeo
Minghi meno conosciuto di Eros Ramazzotti, Eros
Ramazzotti (tanto) conosciuto quanto Riccardo
Cocciante
1. In Italia la Fiat vende allanno pi macchine della Renault, 2. I calciatori guadagnano quanto i giocatori di pallacanestro, 3. Livio ha viaggiato meno di
Renato, 4. Alfredo guadagna pi di Franco, 5. Roberta ha lavorato meno di Angela, 6. Luciana ha
mangiato meno di Silvia
1. Il miele pi nutriente dello zucchero, 2. Roma
pi grande di Firenze, 3. Largento meno prezioso
delloro, 4. Una Ferrari pi veloce di unAlfa
Romeo, 5. Il gatto pi piccolo del cavallo, 6. Un
campo di calcio pi lungo di un campo da tennis
1. pi ... del, pi ... che; 2. pi ... di, pi ... che; 3. pi
... di, pi ... che; 4. pi ... del, meno ... del; 5. pi ...
dell, pi ... che; 6. pi ... che, pi ... di
181

7. 1. pi ... che, 2. pi ... che, 3. pi ... che, 4. meno ...


che, 5. pi ... che, 6. pi ... che
8. 1. pi che, 2. pi ... che, 3. pi che, 4. pi che, 5. pi
... che, 6. pi ... che
9. 1. pi ... che, 2. pi che, 3. pi che, 4. pi che, 5. pi
che, 6. pi ... che
10. (risposte suggerite) 1. Per me pi tranquilla la periferia del centro, 2. Secondo me Nicola pi simpatico che affascinante, 3. Largento costa meno delloro, 4. difficile decidere perch mi affascina tanto la Tunisia quanto la Spagna, 5. Sicuramente Genova meno grande di Milano, 6. Io mangio pi verdura che carne
11. 1. Un ragazzo tanto furbo quanto intelligente/pi
furbo che intelligente, 2. Un film tanto interessante
quanto violento/pi interessante che violento, 3. Uno
spettacolo tanto lungo quanto piacevole/pi lungo
che piacevole, 4. Una gita tanto inutile quanto stancante/pi inutile che stancante, 5. Una signora tanto
elegante quanto affascinante/pi elegante che affascinante, 6. Una moto tanto veloce quanto rumorosa/pi rumorosa che veloce
12. 1. Questa qui la pi importante trasmissione della
RAI, 2. Questanno la Roma la pi forte squadra
del Campionato italiano, 3. Febbraio il mese pi
corto dellanno, 4. Lestate la stagione pi calda
dellanno, 5. Il diamante la pi preziosa delle pietre, 6. Marta la pi piccola delle mie nipotine
13. 1. la pi ... del, 2. la pi ... delle, 3. il ... pi ... delle,
4. la pi ... del, 5. le pi ... di, 6. il ... pi ... del
14. 1. gravissima, 2. moltissimo, 3. carissimo, 4. bellissima, 5. benissimo, 6. dolcissimo
15. 1. Questo quadro preziosissimo, ma non il pi
prezioso del museo; 2. Donatella simpaticissima,
ma non la pi simpatica della famiglia; 3. Questo
esercizio di matematica difficilissimo, ma non il
pi difficile del libro; 4. Questo vino buonissimo,
ma non il pi buono del ristorante; 5. Questo cellulare piccolissimo, ma non il pi piccolo in commercio; 6. Questo studente bravissimo, ma non il
pi bravo della scuola
16. (risposte suggerite) 1. LEverest altissimo, pi
alto del monte Rosa e del Cervino. Il monte Rosa
meno alto dellEverest, ma pi alto del Cervino. Il
Cervino meno alto del monte Rosa e dellEverest;
2. Londra ha tanti abitanti quanti Tokyo, sono citt
con tantissimi abitanti, ma non sono le citt pi popolose, hanno meno abitanti di San Paolo. San Paolo ha pi abitanti di Londra e di Tokyo; 3. Le Piramidi sono un monumento antichissimo, pi antico
del Partenone e del Colosseo. Il Partenone meno
antico delle Piramidi, ma pi antico del Colosseo. Il
Colosseo meno antico del Partenone e delle Piramidi ; 4. Il Nilo un fiume lunghissimo, pi lungo
182

17.
18.
19.
20.
21.

B
C

A
B
C

E
F

del Po, ma non il fiume pi lungo del mondo. Il


Gange, con i suoi 6700 Km, pi lungo del Nilo. Il
Po molto meno lungo del Nilo e del Gange; 5. Il
topo un animale piccolissimo, ma non il pi piccolo. Il cane pi grande del topo, ma pi piccolo
dellelefante; 6. La Ferrari F430 unauto costosissima, costa molto di pi di una Golf GT o di una Fiat
Bravo. La Fiat Bravo costa meno di una Ferrari, ma
costa pi di una Golf GT
1. massima, 2. peggiore, 3. superiore, 4. superiori, 5.
pessimo, 6. ottime
1. inferiore; 2. pessimo, peggiore; 3. superiore; 4.
massimo; 5. maggiore, minore; 6. ottima
1. con la, in; 2. su, per; 3. da, da, da; 4. sulla, sulle,
dall, a, a, a; 5. d, dal, a, nel; 6. per, di, di
(risposte libere)
1. pi o meno fissi; 2. anche alcuni clienti cinesi; 3.
che sono validi, affidabili; 4. un grande parcheggio;
5. curiamo con particolare attenzione; 6. con pesce,
carne
Test finale
1. Per me pi importante parlare che scrivere in
una lingua straniera, 2. Giorgio il pi alto della sua
classe, 4. Una villa pi costosa di un semplice appartamento, 5. La mia casa pi nuova della tua
a. 1. Colosseo, 2. San Pietro, 3. Vesuvio, 4. Asinelli,
5. Maggiore; b. 1. c, 2. b, 3. c
1. (1) c, (2) b; 2. (1) b, (2) c; 3. (1) b, (2) a; 4. (1) b,
(2) a; 5. (1) c, (2) c

1 TEST DI RICAPITOLAZIONE
1. glieli ho portati, 2. ce lhanno consegnata, 3. ce
ne, 4. Ve lo, 5. darmene, 6. ce ne sono
1. Cosa, 2. Quante, 3. quale, 4. Quanti, 5. che, 6.
quale
1. mi, te la; 2. dirgli, telefonarmi, glielo; 3. ci, ve li;
4. gli, glielhai detta; 5. me lha dato; 6. te lha
detto, Me lha detto
1. se ne vanno/se ne sono andati, 2. ce la facciamo/ce la faremo, 3. andatevene, 4. andarvene, 5. ce
lha fatta, 6. ce la faceva
1. di cui, 2. che, 3. in cui, 4. per cui, 5. di cui, 6. di
cui
1. pi che; 2. pi, della; 3. pi di; 4. inferiori; 5. bellissimo; 6. peggiori; 7. superiore; 8. come

UNIT 4
1. 1. arrivammo, 2. compraste, 3. scoprirono, 4. capimmo, 5. ci divertimmo, 6. finiste
2. 1. accompagnammo, 2. abitarono, 3. partiste, 4. credettero, 5. temetti, 6. andasti
3. 1. capirono, 2. cominciasti, 3. bruci, 4. scopr, 5. assassinarono, 6. mor

4. 1. emigrarono, 2. partirono, 3. trovammo, 4. parlarono, 5. sentii, 6. invent


5. 1. mi spiego, 2. nel senso che, 3. vale a dire, 4. In che
senso, 5. voglio dire, 6. cio
6. 1. ebbero, 2. Dissero, 3. stettero, 4. diedi, 5. furono,
6. dicesti
7. 1. ebbe, 2. fu, 3. restammo, 4. disse, 5. dettero, 6. fecero
8. 1. Il professore tenne una splendida lezione sugli antichi Romani, 2. Dissero che sarebbero rimasti solo
due giorni, 3. Capii subito che non cera niente da
fare!, 4. Stetti male per tre giorni, 5. Ricevemmo
linvito troppo tardi, per questo non ci andammo, 6.
Venne direttamente dallufficio
9. 1. dissero; 2. fu, lo spos; 3. andammo, comprammo; 4. misi, 5. facesti; 6. diedero/dettero
10. 1. chiesi, 2. Successe, 3. convinsi, 4. piansi, 5. chiedesti, 6. presi
11. 1. scelsero, 2. caddi, 3. volle, 4. scesi, 5. rispose, 6.
discussero, 7. espressero, 8. venne
12. 1. I volontari raccolsero tutti i rifiuti che cerano nel
parco, 2. Questo scrittore nacque quando la guerra
era appena finita, 3. Avevo un fastidioso mal di gola, perci smisi di fumare, 4. Enrico Fermi vinse il
premio Nobel per la Fisica nel 1938, 5. Il discorso
del sindaco non convinse nessuno!, 6. Alla festa di
Paolo ballai tanto e alla fine ero sfinito
13. 1. Nel 1492 mor Lorenzo il Magnifico, signore di
Firenze; 2. Nel 1798 nacque a Recanati il poeta Giacomo Leopardi; 3. Nel 1934 lAccademia di Svezia
assegn il Nobel per la Letteratura a Luigi Pirandello; 4. Nel 1963 a Dallas mor in un attentato John
Kennedy; 5. Nel 1978 le Brigate Rosse rapirono Aldo Moro; 6. Nel 2006 lItalia conquist i Mondiali di
calcio
14. A. fin; B. viveva; C. fece, cominci, divent; D. decise, prese, cominci; E. fece, scelse, Si stup, vide,
si muovevano, fissavano; F. si alz, cominci, credeva, camminava, parlava; G. fece, cominci, tirare
La sequenza giusta : B, D, E, C, G, A, F
15. 1. ebbi ricevuto, 2. gli ebbi spiegato, 3. ebbero letto,
4. ebbe avuto, 5. ebbe sposato, 6. fu partita
16. 1. ebbi preso, 2. fu partito, 3. ebbe ricevuto, 4. ebbero aspettato, 5. ebbe superato, 6. furono tornati
17. 1. Generalmente, 2. liberamente, 3. Elegantemente,
4. seriamente, 5. Attualmente, 6. serenamente, 7.
esattamente, 8. casualmente
18. 1. Recentemente, 2. inutilmente, 3. personalmente, 4.
Probabilmente, 5. minimamente, 6. giustamente, 7.
attentamente, 8. Assolutamente
19. 1. di, per, in, in; 2. per, al; 3. alle; 4. da, di; 5. con gli,
alle; 6. a, a
20. 1. A, 2. B, 3. B, 4. D, 5. A, 6. B
21. 1. b, 2. d, 3. a, 4. d, 5. b, 6. a

Test finale
A 1. (1) b, (2) c; 2. (1) c, (2) c; 3. (1) a, (2) c; 4. (1) b,
(2) b; 5. (1) b, (2) c; 6. (1) b, (2) a
B Enzo Ferrari nacque a Modena nel 1898. Nel 1919
and a lavorare a Torino e, nello stesso anno, partecip alla mitica corsa automobilistica Targa Florio.
Lanno seguente cominci a lavorare allAlfa Romeo,
con la quale collabor per diversi anni. Nel 1929
fond a Modena la Scuderia Ferrari, nel 1943 trasfer la fabbrica Ferrari da Modena a Maranello e
nel 1946 inizi la costruzione della prima vettura
Ferrari. Era il 1960 quando lUniversit di Bologna
confer ad Enzo Ferrari la laurea honoris causa in
Ingegneria meccanica. Nel 1972 realizz la pista di
Fiorano e nel 1988 lUniversit di Modena gli confer unaltra laurea honoris causa, questa volta in Fisica. Enzo Ferrari mor nellagosto dello stesso anno
nella sua citt, Modena.
C Orizzontali: 2. millequattrocento, 3. Giulio Cesare,
4. Mezzogiorno, 7. felicemente, 8. monarchia; Verticali: 1. tangentopoli, 5. essere, 6. partigiani

1.
2.

3.
4.

5.
6.

7.
8.
9.

UNIT 5
1. guardi, 2. arrivi, 3. abbiano, 4. siate, 5. prenda, 6.
partiamo
1. Non sono sicuro che i signori Leone vendano la
loro casa al mare; 2. Mi pare che non ti diverta tanto
ultimamente; 3. Non sono sicuro che abbiate qualche buon motivo per non venire con noi; 4. Sembra
che i tuoi amici si trovino bene in Italia; 5. Ho limpressione che Giorgio sia a casa perch ha linfluenza; 6. Non sono certo che loro mangino sempre in
quella trattoria
1. abbiano, 2. finiscano, 3. prendiate, 4. funzioni, 5.
giochi, 6. scenda
1. S, credo che labbia comprato stamattina; 2. Credo che si sia laureata lanno scorso; 3. Penso che
labbiano pagato i genitori della sposa; 4. Credo sia
venuto due anni fa; 5. Credo abbiano gi finito da
mezzora circa; 6. Spero labbia vinta lItalia
1. sia uscita, 2. se ne siano andati, 3. abbiate fatto, 4.
sia partito, 5. abbia vinto, 6. sia andato
1. sia stato, abbia raccontato; 2. abbiano dato; 3. sia
passato; 4. labbiano ricevuta; 5. abbiano gi visto;
6. si siano comportati
1. vadano, 2. salga, 3. voglia, 4. facciate, 5. possano,
6. dica, 7. venga, 8. esca
1. dia, 2. faccia, 3. diciate, 4. scelga, 5. vengano, 6.
stia, 7. sappia, 8. salga
1. Pare che siano tornati ieri dalla costiera amalfitana, 2. Immagino che siate venuti per vedere Nicola,
3. Temo che Alessandro non possa accompagnarvi,
4. Non sono certo che abbia avuto unidea brillante,
5. Ho paura che non abbia capito bene quello che ho
183

detto, 6. Voglio che sentiate quando vi parlo, 7. Mi


aspetto che facciate una bella figura, 8. Mi fa piacere che vi troviate bene in questa citt
10. 1. strano che Patrizia non si faccia vedere ultimamente: le sar successo qualcosa?, 2. Si dice che Alberto voglia andare a vivere in Francia, 3. necessario che io faccia una telefonata in ufficio, 4. Sembra che Marco sia pronto per unaltra avventura, 5.
Dicono che la sua fabbrica stia per chiudere, 6.
possibile che non sappia dove abito, 7. bene che
tutti noi diamo una mano a chi ne ha bisogno!, 8.
naturale che abbiano bisogno di informazioni, sono
straniere
11. 1. facile che Giovanni si sia dimenticato dellappuntamento, 2. Ho paura che ora tu debba ritornare
a casa e prendere la carta didentit, 3. Temo che lei
abbia commesso una leggerezza imperdonabile, 4.
Desidero che restiate a cena con noi, 5. Sono felice
che veniate a vivere vicino a casa nostra, 6. normale che non ti abbia sentito, parli troppo piano, 7.
Mi auguro che il direttore ci dia laumento che ci
aveva promesso, 8. giusto che tu debba chiedere
scusa a Chiara per averla offesa davanti a tutti
12. 1. abbia compiuto, 2. prometta, 3. aiutiate, 4. decida,
5. parta, 6. possano
13. 1. malgrado, 2. mi faccia, 3. Nel caso in cui, 4. non
ci sia, 5. prima che, 6. non piaccia
14. 1. Vi invito purch paghi io, 2. Viene al cinema con
noi per conoscere tua sorella, 3. Vai a salutare i tuoi
amici prima che partano per la Spagna, 4. Parler con
Sergio affinch mi dica la verit, 5. Ho comprato un
nuovo cellulare bench sia molto costoso, 6. Non
posso mangiare molto sebbene abbia molta fame
15. 1. chiunque, 2. vada, 3. abbia fatto, 4. Qualsiasi, 5.
riesca, 6. comunque
16. 1. abbia capito; 2. finisca, torni; 3. abbia letto; 4. sia;
5. ti dia; 6. risolviate; 7. sia finita; 8. venga
17. 1. ho capito, 2. finisca, 3. parta, 4. stia, 5. trovarmi,
6. va, 7. fare, 8. facciamo
18. 1. venga, mi fa piacere; 2. sposa, lo sposi; 3. si sia
comportato; 4. sia partito, sia riuscito; 5. sono tornati, ci avrebbero telefonato; 6. uscito/a, sia
rimasto/a; 7. vogliono, hanno telefonato; 8. vi riposiate, beviamo
19. 1. di; 2. sulla; 3. da, di; 4. di, alle; 5. in; 6. sul
20. 1. da, in; 2. Dal, della, in; 3. In, su, dalle; 4. ad, in; 5.
su/in, di, per; 6. a, per
21. 1. famigliare/familiare, 2. studioso, 3. attesa, 4. intimi, 5. sicuramente, 6. calmare
22. 1. c, 2. b, 3. c, 4. c
Test finale
A 1. (1) a, (2) a; 2. (1) c, (2) a; 3. (1) b, (2) c; 4. (1) c,
(2) a; 5. (1) b, (2) c; 6. (1) a, (2) a
B 1. purch, 2. prima di, 3. affinch, 4. sebbene, 5.
184

senza che, 6. prima che


C Orizzontali: 2. calcetto, 3. sci, 4. palestra, 5. automobilismo, 6. sedentaria; Verticali: 1. pallacanestro, 2.
ciclista, 3. stress

1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.

12.
13.

14.
15.

16.
17.

UNIT 6
1. butti, 2. sia, 3. prenda, 4. sparisca, 5. apra, 6. entri
1. offra, 2. abbia, 3. scriva, 4. dorma, 5. parli, 6.
mandi
1. racconti, 2. vadano, 3. vada, 4. ordini, 5. prenda,
6. telefoni
1. Lattraversi, 2. si sieda, 3. me la saluti, 4. rifletta,
5. Se ne vada, 6. si rilassi
1. mi dia; 2. ci pensino; 3. mi stia; 4. glieli porti; 5.
li lavi; 6. abbassi, la spenga
1. faccia; 2. parli, nasconda; 3. creda; 4. Mi faccia,
ripeta; 5. esitino; 6. prenda
1. venga, 2. stia, 3. vada, 4. prenda, 5. telefoni, 6.
venda
1. ci vada, 2. ne parli, 3. le inviti, 4. glielo dica, 5. se
la prenda, 6. gli telefoni
1. ci faccia, ci parli; 2. le regali; 3. mi faccia; 4. li
mangi; 5. gli dica; 6. la lasci
1. tanti, nessuno; 2. altro; 3. Alcuni; 4. quanta; 5. alcune, tante; 6. certe
1. molte/troppe, nessuna/alcuna; 2 ciascuno/ognuno;
3. nessuna; 4. tutto; 5. tante, nessuna/alcuna; 6.
quante
1. chiunque, 2. Ognuno/Ciascuno, 3. qualcosa, 4.
nulla/niente, 5. molti/tanti, 6. qualcosa
1. niente; 2. qualcuno; 3. Qualcosa; 4. qualcosa, ciascuno; 5. niente, 6. qualcosa, qualcuno; 7. niente; 8.
uno
1. ogni, 2. qualsiasi, 3. qualche, 4. diversi, 5. vari, 6.
certi
1. C qualcosa di strano in lui, 2. Tutte le soluzioni
vanno bene, 3. Non abbiamo nessuna possibilit di
farcela, 4. Abbiamo capito tutto, 5. Ciascuno di noi
responsabile, 6. Non va mai a teatro con nessuno
1. (1) al, (2) per, (3) per/delle, (4) per, (5) da, (6) di;
2. (1) del, (2) a, (3) dal, (4) agli, (5) nel, (6) dal
(risposte suggerite) 1. Ho letto finalmente quel libro di cui Mara mi aveva parlato molto, ma non mi
piaciuto; 2. Devo finire questo lavoro che mi avevano affidato tre mesi fa e che non ho ancora finito;
3. Sono stata invitata dal mio direttore a casa sua,
dove ho trovato sua moglie che non era tanto contenta della mia presenza; 4. Rodolfo non ha saputo
della festa di Serena, la quale lo ha cercato tutto il
giorno, perch aveva dimenticato il cellulare in
macchina; 5. Anna parla molto bene litaliano, ma
ho capito che non italiana perch ha ancora un
leggero accento straniero; 6. Tiziana non ha capito

18.
19.

20.
A
B
C

A
B

D
E
F

1.
2.

3.
4.
5.

6.
7.

bene la lezione perci le ho detto che laiuter nonostante io abbia tantissime altre cose da fare
1. a, 2. b, 3. d, 4. c, 5. d, 6. b
1. orchestra, 2. stagione, 3. prima, 4. fanno, 5. attenzione, 6. accade/succede, 7. personaggi, 8. pubblico,
9. niente, 10. delusa
3, 4, 6, 8, 9
Test finale
1. (1) b, (2) a; 2. (1) a, (2) c; 3. (1) b, (2) b; 4. (1) c,
(2) a; 5. (1) a, (2) c; 6. (1) a, (2) b
1. a, 2. b, 3. d, 4. c, 5. b, 6. d
Orizzontali: 1. applauso, 4. debutto, 5. tenore, 7.
compositore, 8. palco; Verticali: 2. libretto, 3. incrocio, 6. fila

2 TEST DI RICAPITOLAZIONE
1. mi disse, 2. entrai, 3. lo trovai, 4. mi vide, 5. sorrise, 6. si alz, 7. guard, 8. capii
1. stia, 2. ti conosca, 3. sia ritornata, 4. gli accada/gli
sia accaduto, 5. interpretino/abbiano interpretato, 6.
sappia/abbia saputo
1. sebbene, parli; 2. prima che, tu parta; 3. a patto
che, paghiate; 4. prima di, uscire; 5. perch, sia; 6.
Bench, sia stato
1. labbia pagata; 2. veramente, rappresenti, abbia
voluto
1. mi faccia; 2. stia, disturbi; 3. si accomodi; 4. chiami; 5. si rilassi; 6. mi dica
1. nulla/niente; 2. qualunque; 3. Ognuno/Chiunque;
4. qualche; 5. alcuni/certi; 6. tutto, niente
UNIT 7
1. aveste, 2. tornasse, 3. scrivesse, 4. fossero, 5.
amassi, 6. fosse
1. Speravo che Costanza venisse prima delle due, 2.
Speravo che vedesse il mio biglietto sul tavolo, 3.
Sembrava che fosse una serata interessante, 4. Non
eravamo sicuri che loro avessero buone intenzioni,
5. Mi pareva che la mamma avesse sempre meno
pazienza, 6. Credevo che qui facessero la migliore
pizza della citt
1. avessi, 2. consegnassero, 3. superasse, 4. prendesse, 5. finisse, 6. foste
1. avessero perso, 2. avesse visto, 3. fossi andato, 4.
aveste finito, 5. avessi mandato, 6. fossi uscito
1. Credevo che avessero rotto da un pezzo, 2. Pensavo gli avessi parlato la settimana scorsa, 3. Credevo si fosse gi tenuto lo scorso mese, 4. Pensavo
non ti fosse servito affatto, 5. Credevo avesse avuto
una bambina, 6. Pensavo ci foste andati lanno scorso
1. sia piaciuta, 2. fossero andati, 3. siate arrivati, 4.
si laureasse, 5. avessero capito, 6. amassero
1. telefonasse/avesse telefonato, avessero rubato; 2.

8.
9.
10.

11.
12.
13.

14.

15.

16.
17.
18.

19.
A
B
C

avrebbe avuto, fossero; 3. arrivasse/sarebbe arrivato,


cera/ci sarebbe stato; 4. si chiamasse, mi ricordi; 5.
costasse/fosse costato; 6. volessi
1. sia andata via, 2. vi sentiste, 3. siano stati, 4. dessi, 5. foste, 6. faccia, 7. dicessero, 8. abbia litigato
1. stessero; 2. andassi; 3. stessi, desiderassi; 4. avesse detto; 5. saresti venuto; 6. facessimo, parlassimo
1. Era logico che il fine settimana ci fosse traffico
sulle strade, molti facevano una gita fuori citt; 2.
Temevo che Paola dicesse tutto a Michele; 3. Era
meglio che parlassi io con il cliente che appena andato via; 4. Era strano che mia figlia non telefonasse,
ma poi ho saputo che aveva dimenticato il cellulare
in treno; 5. Occorreva che tu rimanessi ancora qualche mese in Italia; 6. Era naturale che a Ferragosto
non trovassi nessuna camera libera a Capri!
1. a, 2. b, 3. d, 4. c, 5. b, 6. b
1. senza che, 2. come se, 3. prima che, 4. nel caso, 5.
malgrado, 6. affinch
1. a meno che, abbiate gi chiamato; 2. affinch,
rimproverassimo; 3. Bench, fosse mai stato, come
se, fosse nato; 4. senza che, avesse studiato; 5. a condizione che, ci andassimo; 6. prima che, chiuda
1. Le tue parole sono state il premio pi bello che io
potessi ricevere; 2. Che tardassero/avrebbero tardato
lo sapevo, ma questa volta hanno veramente esagerato; 3. Il viaggio era stato pi divertente di quanto
avessimo immaginato; 4. Conosce molto bene la
zona ed il solo che sia in grado di arrivare al paese
pi vicino; 5. Chiedo solo che tu abbia pi fiducia in
me; 6. Voglio che tu sappia che resterai sempre il
mio migliore amico comunque vadano le cose
1. La situazione del pianeta pi critica di quanto i
politici ammettano; 2. Qualunque cosa tu abbia fatto/facessi, ti ho sempre perdonato; 3. Cerco una casa in campagna che non sia troppo isolata; 4. Solo
adesso capisco quanti buoni consigli mi davano i
miei: magari li avessi ascoltati; 5. Posso vivere ovunque ci siano sole e mare; 6. Diceva sempre che sua
moglie era la donna pi bella che avesse incontrato
nella sua vita
1. andavi, 2. essere, 3. aveva, 4. avevano raccontato,
5. finire, 6. aspettare, avere
1. , sia; 2. partire; 3. vi vediate; 4. abbia fatto; 5. troviamo; 6. essere
1. (1) per, (2) tra, (3) di, (4) per, (5) dei, (6) in, (7) a,
(8) per; 2. (1) di, (2) dell, (3) alla, (4) al, (5) per, (6)
su, (7) all, (8) del
1. b, 2. d, 3. b
Test finale
1. (1) a, (2) a; 2. (1) b, (2) c; 3. (1) c, (2) a; 4. (1) b,
(2) a; 5. (1) a, (2) b; 6. (1) c, (2) a
1. b, 2. a, 3. c, 4. b, 5. d, 6. c
Orizzontali: 1. agriturismo, 4. Belpaese, 5. Legam185

biente, 6. annunci, 7. dieta, 8. risparmiare, 9. spostarsi; Verticali: 1. ammobiliato, 2. effetto serra, 3.


volontario
11.
1.

2.
3.

4.
5.

6.
7.

8.

9.

10.

186

UNIT 8
1. ci sar, verr; 2. ne bevo, dormo/dormir; 3. arriviamo, andremo; 4. ha, verremo; 5. guida, arriviamo/arriveremo; 6. vado, lo compro
1. c, 2. f, 3. b, 4. a, 5. e, 6. d
1. Se i clienti ci pagassero, potremmo anche noi pagare alcuni debiti; 2. Se viaggiassi in aereo, risparmieresti molto tempo; 3. Se Emanuele tornasse prima delle otto, usciremmo; 4. Se fossi pi sincero,
forse saresti anche pi simpatico agli altri; 5. Se
comprassi un nuovo telefonino, me lo daresti il vecchio?; 6. Se Sara si prendesse pi cura di se stessa,
sarebbe una ragazza bellissima
1. b, 2. d, 3. e, 4. f, 5. a, 6. c
1. Non saremmo rimasti senza soldi se non avessimo speso tanto; 2. Mi devi scusare, se non fossi stato occupato sarei venuto a trovarti; 3. Se non avesse passato tutta la serata al computer sarebbe uscito
con gli amici; 4. Se questa mattina avessi fatto colazione, ora non mi girerebbe la testa; 5. Se avesse seguito le istruzioni non avrebbe danneggiato la stampante nuova; 6. Se Mimmo non avesse perduto il
portafoglio non ti avrebbe chiesto di pagare il conto
1. b, 2. c, 3. f, 4. a, 5. d, 6. e
(risposte suggerite) 1. passo a prenderti, 2. prendete pure qualcosa da bere dal frigorifero, 3. potreste
chiedere se arrivato lultimo numero di Dylan
Dog?, 4. potremmo sempre accendere il riscaldamento, 5. sono certo che Sergio non sarebbe cos
triste, 6. portatemi in ospedale!
(risposte suggerite) 1. Se fosse venuta anche Valeria, 2. Se incontri Gabriele, 3. Se non ti avessi incontrata, 4. Se ci fossero degli imprevisti, 5. Se andavamo alla festa di Luigi, 6. Se non avesse trovato
traffico
1. Se avessi visto la trasmissione, non parleresti in
questo modo; 2. Se mi fossi sentito bene, avrei mangiato qualcosa; 3. Sarei ancora alla ricerca di una
casa se non mi avessero aiutato; 4. Se non fossi ingrassato durante linverno non sarei costretto a fare
la dieta; 5. Se il treno fosse partito in orario sarei gi
a casa; 6. Adesso saremmo a Budapest se fossimo
andati con loro
1. Voleva sapere se abitavo a Milano. Io gli ho risposto che non ci abitavo pi; 2. Franco ci ha accompagnato alla stazione; 3. Sandra ci ha telefonato; 4. Mi ha chiesto se avessi la macchina. Gli ho risposto che non ce lavevo; 5. Noi ci vestiamo elegantemente; 6. La situazione complicata: non ci

12.
13.
14.

15.
16.

A
B
C
D

capisco niente; 7. Voleva sapere se avevo creduto alle loro parole. Gli ho detto che ci credevo ciecamente; 8. Vorrei visitare lItalia: non ci sono mai stato
1. Volevo telefonare a Martina, per me ne sono dimenticato; 2. A Lorella piace Ennio: ne innamorata cotta; 3. Alla mia festa aspettavo molte persone.
Non immaginavo per che ne sarebbero venute tante; 4. Claudio si lasciato con Nicoletta. Da allora
non ne vuole sentire parlare/vuole sentirne parlare;
5. E la torta? Lavete mangiata tutta? Non ne rimasto neppure un pezzetto?; 6. Non ho comprato tutti
i cd che volevo: ne ho comprati solo alcuni
1. Ne, 2. ne, 3. ce, 4. ci, 5. ci, 6. ce, 7. ne, 8. ne
1. c, 2. c, 3. b, 4. c, 5. a, 6. b, 7. c, 8. b
(risposte suggerite) 1. compro due appartamenti in
periferia, 2. aiuteremmo la ricerca contro lAids, 3.
saremmo sposati, 4. possiamo fare una gita fuori
citt, 5. non sarei coinvolto in questa situazione, 6.
lazienda avrebbe fatto un salto di qualit
1. nelle, 2. in, 3. al, 4. per, 5. in, 6. nei, 7. agli
1. televisore... di quelli grandi; 2. da 38 pollici; 3.
400 canali, anche digitali; 4. che pi Le interessa; 5.
occupa anche meno spazio; 6. televisive dellutente; 7. ci fossero televisori; 8. di meno tecnologico
Test finale
1. (1) b, (2) a; 2. (1) b, (2) c; 3. (1) a, (2) c; 4. (1) c,
(2) b; 5. (1) a, (2) a; 6. (1) c, (2) c
1. c, 2. e, 3. d, 4. a, 5. b
1. al, 2. dalla, 3. d, 4. su, 5. in, 6. alla, 7. in
Orizzontali: 1. chiocciola, 4. tastiera, 6. elettronica,
7. volt, 8. portatile; Verticali: 2. installare, 3. navigare, 5. invenzione

UNIT 9
1. 1. Leonardo da Vinci (viene) considerato un genio
da tutti; 2. La lettera di ringraziamento (viene)
scritta personalmente dal direttore; 3. Questo ristorante (viene) frequentato da molti attori; 4. Le
pareti della classe sono (vengono) colorate dai bambini; 5. Ogni settore dello stadio, grazie a numerose
telecamere, (viene) controllato dalla polizia; 6.
Larte italiana (viene) amata da molti
2. 1. La matematica (viene) spiegata benissimo dal
professor Bruni; 2. I documenti da firmare sono
(vengono) letti sempre dalla nostra direttrice; 3. Le
ferie sono (vengono) prese da molti in luglio; 4. Gli
esercizi ditaliano sono (vengono) corretti da Gabriella; 5. La quinta di Beethoven (viene) eseguita al pianoforte da Giacomo; 6. La Galleria degli
Uffizi (viene) visitata ogni anno da migliaia di
persone
3. 1. La notizia del furto agli Uffizi stata riportata da tutti i giornali; 2. La macchina di Sergio

4.

5.

6.

7.
8.

9.

10.

stata comprata da Lucia; 3. Le mie parole sono state


interpretate male da Stefano; 4. Mio fratello stato
chiamato pi di una volta da mia madre; 5. Tutte le
persone sospette sono state subito interrogate dalla
polizia; 6. Il campionato stato vinto ancora una
volta dalla mia squadra
1. Una soluzione al problema sar (verr) trovata
sicuramente dagli esperti; 2. Penso che questa canzone sar (verr) dimenticata presto da tutti; 3. Un
viaggio a Miami sar (verr) prenotato da Mario; 4.
Il guasto sar (verr) riparato dai nostri tecnici entro
unora; 5. Non vi preoccupate, il gattino sar (verr)
trattato benissimo dai bambini; 6. Opere di Caravaggio saranno (verranno) esposte nel museo della
nostra citt
1. Pensavo che il palazzo sarebbe stato ristrutturato
da una ditta specializzata; 2. In caso di temperature
elevate, sarebbero (verrebbero) prese delle misure
demergenza dal sindaco; 3. Dicevano che Carlo sarebbe stato invitato da Paola; 4. Credevi veramente
che le tasse sarebbero state abbassate da questo governo?; 5. Pensi che la tua versione sarebbe (verrebbe) accettata dalla polizia?; 6. Il biglietto sarebbe
stato acquistato dal fortunato vincitore nel bar sotto
casa
1. Penso che non sia (venga) incoraggiato abbastanza da sua madre; 2. Temo che la macchina sia (venga) venduta da mio padre a un prezzo troppo basso;
3. Mi pareva che i ragazzi fossero stati accompagnati da Sergio; 4. Credo che questo locale sia (venga) frequentato da molti Vip; 5. Aveva paura che il
suo libro non fosse (venisse) letto da nessuno; 6.
Non so da quanti italiani sia (venga) letta La Gazzetta dello Sport
1. e, 2. d, 3. a, 4. f, 5. c, 6. b
1. Penso che una villa cos grande possa essere
comprata da pochi; 2. Un libro cos poteva essere
scritto solo da un grande scrittore; 3. Il bambino deve essere assolutamente visitato da un medico; 4.
Un articolo difficile come questo non pu essere
letto da tutti; 5. I professori devono essere rispettati dagli studenti e viceversa; 6. Questo prodotto pu
essere acquistato in qualsiasi supermercato
1. Dovrebbero essere corretti dalla professoressa, 2.
Pu essere scritta da un giudice, 3. Pu essere venduto da un antiquario, 4. Devessere messa in ordine dai ragazzi, 5. Dovrebbero essere interrogati dal
commissario, 6. Potrebbero essere ottenuti da un
atleta professionista
1. il museo darte moderna pi importante dItalia: va visitato; 2. Questo lavoro va consegnato
entro domani; 3. La parte finale del libro va letta
con attenzione; 4. I formaggi vanno tenuti in frigo;
5. Erano urgentissime queste lettere: andavano spe-

11.

12.
13.

14.

15.
16.

17.

18.
19.

dite ieri; 6. Se non ce la fa da solo, credo che vada


aiutato
1. In tutta Italia le tradizioni popolari si rispettano
ancora molto; 2. Per quanto grave sia loffesa, le
scuse si accettano sempre; 3. In quel villaggio turistico si organizzano molte serate divertenti; 4. Molti
prodotti italiani si esportano in tutto il mondo; 5. In
questo albergo si accettano tutte le carte di credito;
6. In quel ristorante si cucina benissimo il piatto tipico della regione
1. si fanno, 2. si studiano, 3. si accettano, 4. si trovano, 5. si segue, 6. si gode
1. Si deve consegnare il lavoro entro una settimana;
2. Se vuoi studiare a Milano, si deve trovare una casa in affitto; 3. Si pu fare molto per la tutela dellambiente; 4. Gli amici si devono rispettare e si devono aiutare; 5. In estate, alla televisione, si possono vedere tanti vecchi film; 6. Questo non si pu fare: proibito
1. Recentemente si sono fatte nuove scoperte nel
campo della ricerca contro il cancro; 2. Per costruire quel ponte si usata una nuova tecnica; 3. Per
linaugurazione della nuova pinacoteca si sono spesi un sacco di soldi; 4. La vittoria si ottenuta solo
grazie a un colpo di fortuna; 5. Negli ultimi anni si
sono importati molti prodotti dalla Cina; 6. I mosaici di Pompei si sono scoperti nel corso del 1800
1. P, 2. P, 3. P, 4. I, 5. P, 6. I, 7. P, 8. I
(risposte suggerite) 1. Ultimamente si spendono
troppi soldi; 2. Dopo un grande pericolo, si riscoprono le bellezze della vita; 3. In Italia non si parlano abbastanza le lingue straniere; 4. In quella scuola non si studia la matematica; 5. Anche durante il
periodo dei saldi si comprano belle cose; 6. Tutti
vogliono lavorare in quellazienda perch si guadagnano molti soldi
1. In questa casa si consuma troppo: spegnete qualche luce!; 2. Ne ho fin sopra i capelli di questa situazione: si deve cambiare; 3. Non si pu giudicare
senza sapere come sono andati i fatti; 4. Con laiuto di esperti si cerca ancora cosa ha provocato il
blackout; 5. In estate si beve molto perch fa caldo;
6. Quando si perde troppo, meglio smettere di giocare
1. del, 2. alla, 3. dalla, 4. per/nel, 5. al, 6. della, 7.
nelle, 8. a
(risposte suggerite) 1. Teresa felice perch oggi
il suo compleanno e suo padre le ha promesso di regararle una bicicletta; 2. Ho paura per Daniela perch si innamorata di un ragazzo il quale non mi
piace per niente anche se non lo conosco bene; 3.
Maurizio si laureato in Storia dellArte e cerca lavoro, ma visto che non ci sono molte possibilit nel
suo campo forse dovr trasferirsi allestero; 4. Non
187

20.
A
B
C

B
C

D
E

sono sicuro che Luca abbia capito bene lora dellappuntamento in quanto lho aspettato pi di mezzora e non arrivato; 5. Stefano vuole andare a vedere una mostra darte ma io preferirei andare al cinema, quindi accetter di andare con lui solo a condizione che mi paghi il biglietto; 6. Mio padre aveva un quadro prezioso, per lha venduto a un prezzo inferiore al suo valore reale
1. a, 2. b, 3. c, 4. c
Test finale
1. (1) a, (2) c; 2. (1) c, (2) a; 3. (1) b, (2) b; 4. (1) c,
(2) a; 5. (1) b, (2) a; 6. (1) a, (2) a
1. ammiratore, 2. importanza, 3. arrabbiato, 4. scultore, 5. inviato, 6. esclusivamente
1. a, 2. c, 3. d, 4. a, 5. b, 6. a

3 TEST DI RICAPITOLAZIONE
1. Se avessi dato un esame, adesso non dovresti studiare tutta lestate; 2. Se fossi stato sincero, ti avrebbero creduto; 3. Se in centro non ci fosse stato tanto
traffico, non sarei arrivato con mezzora di ritardo;
4. Se non fossi molto impegnato, leggerei di pi; 5.
Se trovasse una camera, Laura visiterebbe Venezia
durante il Carnevale; 6. Se non facesse tanto freddo,
uscirei
1. ci, ne, ci; 2. ne; 3. ci; 4. ne; 5. ci; 6. ne; 7. ci; 8. ne
1. Tutti gli spettatori furono (vennero) affascinati
dalla sua magnifica voce; 2. Credevo che quella statua fosse stata scolpita da Roberto; 3. Credo che la
radio abbia trasmesso la notizia; 4. Una violenta
tempesta di neve ha colpito la mia citt; 5. Credo
che la partita sia stata sospesa dallarbitro per motivi di sicurezza; 6. Cinque borse di studio saranno
(verranno) assegnate dalla nostra scuola ad altrettanti studenti; 7. In Italia, il cinese (viene) studiato da tante persone; 8. Tutti hanno ammirato la straordinaria forza di volont di Marcello
1. si sono fatti, 2. si mangia, 3. Si deve spedire, 4. si
vedono, 5. si sono superate, 6. si perdono
1. credesse, 2. piacesse/sarebbe piaciuta, 3. volesse,
4. mi fossi spiegato, 5. tu ci tenessi, 6. foste, 7. si
fossero incontrati, 8. io avessi conosciuto

UNIT 10
NOTA: in alcuni items si data pi di una soluzione,
rispettando il criterio seguito in tutte le unit; in altri
items si evitato di presentare tutte le soluzioni possibili, sulla base dei diversi contesti in cui potrebbero essere lette le frasi.
1. 1. Anna ieri ha detto che non riusciva a trovare la
sua borsa; 2. Carlo ha detto che torna/tornava/sarebbe tornato verso le due; 3. Il direttore ripeteva che
188

2.

3.

4.

5.

6.
7.

8.

dovevamo fare tutti uno sforzo per aumentare la


produzione; 4. Gli hanno detto che era lui la persona appropriata per il posto di vicedirettore; 5. Marco ha detto che /era stanco e resta/restava a casa; 6.
Disse alle figlie che parlavano troppo al telefono
1. Ha detto che gli/le sembrava che raccontassimo
molte bugie; 2. Aveva detto che non era andato a lavorare perch non stava per niente bene; 3. Mi ha
detto che quando parlo non capisce mai cosa voglio
dire esattamente; 4. Enrico le ha detto che non crede/credeva nemmeno a una delle sue parole; 5. Disse che non aveva resistito e ancora una volta aveva
mangiato molto; 6. Ha detto che pensava che Monica Bellucci fosse una brava attrice
1. Poco fa Carlo mi ha detto che non stato lui a
parlare male di Gianna; 2. Maria mi disse che secondo lei non avrei dovuto dire niente a nessuno,
nemmeno al mio ragazzo; 3. Cinque minuti fa le ho
detto che non so dove siano i suoi occhiali; 4. Aveva
detto che era andata al mare, ma non aveva fatto il
bagno; 5. Paolo disse che non sarebbe mai riuscito
a imparare una lingua come larabo: troppo difficile; 6. Ha saputo che suo cugino frequenta/frequentava un corso di tango con la ragazza
1. Credeva che Gianna fosse arrivata in aereo, non
in treno; 2. Ha detto poco fa che comprer una macchina a suo figlio; 3. Disse che era stanco morto:
avrebbe fatto una doccia e sarebbe andato a dormire; 4. Luca pensava che lavvocato avesse sempre
ragione; 5. Aveva detto che era meglio preparare la
camera degli ospiti prima del loro arrivo; 6. Aveva
detto che era stato a Londra, ma che sarebbe andato anche a Dublino
1. Sara ha detto a Lucio che le sembrava incredibile che lui avesse imparato il tedesco in soli due mesi; 2. Ce laveva detto che la trama del film era interessante, ma la protagonista era un disastro; 3.
Disse che forse non sarebbe andato alluniversit; 4.
Vincenzo mi disse che secondo lui avrei dovuto telefonarle io; 5. Roberta ha detto che preferiva prendere un taxi, forse solo cos sarebbe arrivata in tempo; 6. Marta mi ha detto poco fa che non sta bene e
non potr venire al concerto di Ligabue
1. f, 2. e, 3. d, 4. c, 5. b, 6. a
1. una cifra troppo alta per le mie possibilit; 2.
Domani dovr pagare laffitto, ma non ho i soldi;
3. Oggi lavorer di pi perch necessario; 4.
Stasera sono molto felice; 5. Ho visto Carmen
due giorni fa, ma non mi ha detto nulla; 6. Ho visto la mia ragazza una settimana fa; 7. Domani
torner pi tardi del solito; 8. Questa la casa dove nato Dante Alighieri
1. Le disse che il giorno dopo le avrebbe telefonato e sarebbero usciti insieme; 2. Lo aveva detto

9.

10.

11.

12.

13.

che allora non aveva un soldo, ma un giorno ne


avrebbe avuti tantissimi; 3. Ha detto che un mese
prima aveva avuto un incidente stradale; 4. Poco fa
mi ha detto che i suoi sono tornati ieri dalle vacanze; 5. Rossana ha detto che non le pareva che noi
avessimo torto, almeno in quelloccasione; 6. Simone ha detto che gli dispiace/dispiaceva, Gianna
/era uscita cinque minuti fa/prima; 7. Gli aveva
detto che se volevano (avessero voluto), potevano
(sarebbero potuti) entrare: pensava che a quellora
Gino stesse per tornare; 8. Disse che due anni prima
era a Torino come inviato del Corriere della sera
1. Ci disse che la sua casa era sempre aperta per gli
amici e di andare pure quando volevamo; 2. Le ha
detto di andare subito nel suo ufficio; 3. Gli ha detto
di andarsene; 4. Ci hanno detto di non preoccuparci,
di portare pure i nostri amici; 5. Ci chiese cosa facessimo nel fine settimana; 6. Mi hanno chiesto chi
fossero quei ragazzi che mi aspettavano in piazza
1. Mi ha detto di non essere timido con Gloria e di
invitarla a cena; 2. Ci ha chiesto se Francesco sarebbe uscito o sarebbe restato a casa; 3. Giorgio mi ha
chiesto se potessi aspettarlo sotto il portone di casa
sua; 4. Le ho chiesto se si fosse divertita con i suoi
amici; 5. Mi ha chiesto quando sarei andato a cena
da loro; 6. Disse a Marco di andare a prendere il
prosciutto dal salumiere
1. Mi ha appena detto che se decido di partire in macchina, verr con me; 2. Carla mi ha detto che se domani riesce/riuscir a superare anche questo colloquio, lassumeranno; 3. Disse che se non avesse studiato, non avrebbe passato quellesame; 4. Mi ha detto di chiudere tutte le finestre, se esco di casa per ultimo; 5. Disse che se avesse avuto tempo, sarebbe andato a vedere quella mostra sullarte precolombiana
1. Ha detto che gli/le sarebbe piaciuto se fossi andato con loro; 2. Mi disse che se avesse un po di tempo libero, verrebbe a trovarmi; 3. Ci disse che se
avesse potuto, avrebbe preso non una ma quattro
settimane di ferie; 4. Ha detto che se avessi corso in
quel modo, non avrebbe potuto seguirmi; 5. Riccardo mi ha detto poco fa, se ci saranno novit, di telefonargli
(risposte suggerite) a. Ieri Claudia ha chiesto a sua
madre dove avesse messo la sua gonna. La madre le
ha chiesto di quale gonna parlasse, visto che la figlia ne aveva tante. Quella blu, ha risposto Claudia,
quella che aveva comprato una settimana prima. La
madre, ricordando la gonna a cui si riferiva Claudia,
ha detto che era nellarmadio, chiedendo conferma
alla figlia la quale ha risposto di no, che non cera.
Allora la madre ha consigliato a Claudia di guardarci bene perch era sicura che era l.; b. Claudia: Ci
ho gi guardato due volte, non c nellarmadio! Ma

14.

15.
16.
17.
A
B
C

perch metti sempre le mie cose dove non le


trovo?; Madre: Non dire cos, non vero! Sicuramente hai indossato la gonna qualche giorno fa e
ora non ti ricordi pi dove lhai messa; Claudia:
No! Te lho data da lavare due giorni fa, lhai
messa tu da qualche parte; Madre: Guarder io
stessa nel tuo armadio. Eccola! Per favore, Claudia,
sii meno distratta!
1. Dicono che sono molto stanchi e vanno a dormire; Hanno detto che erano molto stanchi e andavano
a dormire; 2. Mi dice che se ritorner presto mi telefoner; Mi ha detto che se fosse ritornato presto mi
avrebbe telefonato; 3. Dice di spegnere la radio, non
pu studiare; Ha detto di spegnere la radio, non poteva studiare; 4. Alessandra dice che va da Giovanni
e di non aspettarla per cena; Alessandra ha detto che
andava da Giovanni e di non aspettarla per cena; 5.
Dice che se avesse ascoltato i consigli di Eleonora,
ora non si troverebbe nei guai; Ha detto che se avesse ascoltato i consigli di Eleonora, non si sarebbe
trovata nei guai; 6. Dice che stanco di aspettare
senza far niente; Ha detto che era stanco di aspettare senza far niente
1. di, 2. di, 3. con il, 4. in, 5. con, 6. in, 7. con le, 8.
per la
1. nei, 2. ad/per, 3. ad, 4. di, 5. da, 6. per, 7. per, 8.
di
1, 3, 6, 7, 8, 10
Test finale
1. b, 2. a, 3. c, 4. b, 5. b, 6. a
1. b, 2. a, 3. d, 4. b, 5. c, 6. c
Orizzontali: 4. calo, 5. clandestino, 6. concerto, 7.
mafia; Verticali: 1. precario, 2. immigrato, 3. disoccupato, 4. convivenza

UNIT 11
1. 1. Piangendo, non risolverai nulla; 2. uscita sbattendo la porta rumorosamente; 3. Studiavo ascoltando la radio; 4. Volendo, si potrebbe anche telefonare; 5. Dovendo scegliere, propongo di restare a
casa; 6. Trovando un buon affare, comprerei una casa in campagna
2. 1. Avendo messo da parte un po di soldi, sono andato in vacanza a Cuba; 2. Avendo vissuto molti anni a Londra, ha molti amici inglesi; 3. Avendo scritto molti libri di successo, viene invitato spesso in
televisione; 4. Essendo stati molte volte a Firenze,
conoscevano molti locali interessanti; 5. Essendo
tornati tardi, eravamo troppo stanchi per mangiare;
6. Avendo fatto molto tempo prima la prenotazione,
ho trovato posto in aereo
3. 1. avendo, 2. lavorando, 3. Avendo letto, 4.
avendo passato, 5. avendo capito, 6. Vendendola
189

4. 1. Parlandogli, 2. Essendogli stato/a, 3. Invitandola,


4. andandomene, 5. avendone dato, 6. Avendoci
passato
5. 1. Mangiare, 2. Parlare, 3. alzarsi, 4. essere, 5. capirsi, 6. Smettere
6. 1. d, 2. c, 3. f, 4. a, 5. g, 6. h, 7. e, 8. b
7. 1. essere andata, Essendo passata; 2. dare, pensandoci; 3. Tornando, essersi fermato; 4. avere; 5.
Avendo, essere rimasto; 6. esserci stato
8. 1. Parlando; 2. essere diventato/a; 3. Avendo vissuto; 4. avendo finito, essere andata; 5. averne sentito;
6. aver smesso
9. 1. preoccupante, 2. passante, 3. mancanti, 4. conducente, 5. affascinante, 6. manifestanti
10. 1. rilassante, 2. sorridenti, 3. scadente, 4. rinfrescante, 5. promettente, 6. pendente
11. 1. Scelta; 2. amata, rispettata; 3. promessa; 4. invitati; 5. Finita; 6. attesa
12. 1. Perso, 2. Accompagnati, 3. chiuso, 4. costruita, 5.
passato, 6. letti
13. 1. piazzetta, 2. paesino, 3. paginetta, 4. ragazzaccio,
5. macchinone, 6. pezzettino, 7. librone, 8. laghetto
14. 1. vocina, 2. libretto, 3. ragazzone, 4. valigione, 5.
giornataccia, 6. camicetta, 7. casetta, 8. piattone
15. 1. p, 2. d, 3. d, 4. p, 5. d, 6. a, 7. d, 8. p
16. 1. regina, 2. bambino, 3. azione, 4. magazzino, 5.
giardino, 6. cassetto
17. 1. a, 2. di, 3. tra, 4. di, 5. di, 6. a, 7. di, 8. di, 9. per,
10. a
18. 1. a, 2. a, 3. c
Test finale
A 1. (1) c, (2) b; 2. (1) b, (2) a; 3. (1) b, (2) c; 4. (1) c,
(2) a; 5. (1) a, (2) b; 6. (1) b, (2) a
B 1. d, 2. e, 3. a, 4. f, 5. b, 6. c
C Orizzontali: 2. leone, 5. alberello, 6. Calvino, 7. applaudire; Verticali: 1. Fallaci, 2. libreria, 3. quadernone, 4. Goldoni

4 TEST DI RICAPITOLAZIONE
A 1. Mi ha chiesto se, per favore, potessi portarle/portargli un bicchiere dacqua; 2. Francesco credeva
che quel quadro non fosse niente di speciale: se si
fosse impeganto un poco, forse sarebbe stato capace anche lui di farne uno simile; 3. Stefano mi consigli di mettere da parte qualche euro, altrimenti
sarei restato senza soldi prima della fine del mese;
4. LSMS inviato a Sabrina dal suo fidanzato diceva di preparare tutto il necessario perch aveva gi
prenotato per una settimana sulla Costa Smeralda;
5. Sua madre gli ha detto che era ora che la smettesse di fare il bambino e si mettesse a fare la persona
seria in quanto aveva ormai 30 anni; 6. Stefania
chiese a Chiara come stesse in quanto aveva saputo
190

che era stata poco bene e si era preoccupata


B 1. Andando, 2. Avendo lavorato, 3. Avendone parlato, 4. Venendo, 5. Avendo gi visto, 6. Scendendo,
7. Solo studiando, 8. Avendo letto
C 1. essere arrivati, Arrivati; 2. aver accompagnato,
Accompagnati; 3. aver mangiato, Mangiata
D 1. casona, 2. pappagallino, 3. cappellino, 4. caratteraccio, 5. paesino, 6. successone

1 TEST DI PROGRESSO
A 1, 3, 5
B risposta libera
C (risposte suggerite) 1. Hanno tardato parecchio, ma
mi hanno finalmente portato il computer che avevo
pagato in contanti; 2. Sebbene avessi la febbre/Anche se avevo la febbre, ho continuato a lavorare perch dovevo consegnare il lavoro in giornata; 3.
Quando ero alluniversit abitavo in una pensione
in cui erano ospitati tanti stranieri; 4. Alberto vuole
andare in vacanza, ma siccome non ha i soldi sufficienti per andarci ha deciso di lavorare per un mese;
5. Non siamo sicuri di partire per Parigi, nonostante ci ho prenotato una suite costosissima perch
tutte le camere erano prenotate; 6. Claudia ha regalato un libro a Eugenio a cui piaciuto moltissimo,
infatti lha letto tutto dun fiato/A Eugenio il libro
che gli ha regalato Claudia piaciuto moltissimo,
tanto da leggerlo tutto dun fiato
D 1. A, 2. B, 3. B, 4. A, 5. A, 6. B, 7. A, 8. B

A
B
C
D

2 TEST DI PROGRESSO
5, 6, 7, 8
risposta libera
a. 1. della, 2. guerra, 3. in, 4. ragione; b. 1. sue, 2.
portare, 3. dunque, 4. le
(risposte suggerite) 1. Alessandra vive con la nonna
la quale molto simpatica e a cui piace molto la
compagnia della nipote; 2. Abbiamo pensato di fare
una crociera invece della settimana in montagna in
quanto vogliamo visitare i paesi mediterranei; 3.
Domani mattina, che lultimo del mese, vado/andr in banca. Se ci trovo, per, una fila lunghissima
non mi fermo; 4. Giovanni aveva un amico di cui si
fidava troppo e il quale, alla fine, gli rub il computer portatile; 5. Oggi il mio compleanno, ma anche
quello di Francesca alla quale voglio telefonare prima che mi chiami lei/Oggi il compleanno mio e di
Francesca, per questo vorrei telefonarle prima che
lo faccia lei; 6. Ho comprato una nuova moto, anche
se ne ho altre due nel garage, perch ideale per i
viaggi lunghi

A
B
C
D

A
B
C
D

3 TEST DI PROGRESSO
1. b, 2. c, 3. a
1. paio, 2. regalato, 3. era, 4. da, 5. s, 6. conosceva
risposta libera
1. B, 2. A, 3. A, 4. B, 5. A, 6. B, 7. B, 8. B
4 TEST DI PROGRESSO
1. B, 2. B, 3. B, 4. A, 5. A, 6. B
risposta libera
1. vacanza, 2. bella, 3. amore, 4. punto, 5. madre, 6.
gruppo, 7. stesso, 8. prove, 9. compagni, 10. della
(risposte suggerite) 1. Sono andato a cenare in un ristorante, in cui non andavo da tempo, dove ho trovato alcuni amici con i quali ho passato una bellissima
serata; 2. Avevo un appuntamento con Roberto che
non venuto, per mi ha telefonato per chiedermi
scusa; 3. Penso di scrivere una lettera a Luisa, ma
scrivere mi difficile e ci vuole tempo: quindi le telefoner: 4. Ho seguito un corso di Storia della musica che ho trovato molto interessante in quanto/perch la professoressa era veramente molto preparata;
5. Nonostante Lucio abbia comprato una nuova
auto, preferisce guidare sempre la sua vecchia 500
malgrado stia cadendo a pezzi e possa essere anche
pericolosa; 6. Devi seguire i consigli di tua madre la
quale ti consiglia per il tuo bene anche se, a volte, i
suoi consigli richiedono sacrifici.

191

TRASCRIZIONE DEI BRANI AUDIO


Prima di... cominciare
1. Comprensione e comunicazione

Ecco il cappotto che mi piace! Che ne pensi?


Bello!

l
G

Domani devo consegnare questa traduzione, non


far mai in tempo...
Ti posso aiutare?
No, grazie, purtroppo non mi puoi aiutare...

Certo che ci vorrei essere! Non mi dire che hai trovato i biglietti?
Quasi...

l
G

Mi fai un piacere?

6.
G

Bello il film, ma sicuramente non il migliore di


Benigni.
Hai ragione. La vita bella mi era piaciuta di pi.

7.
G

Che fai domani? Andiamo al mare?


S, volentieri! Con questo bel tempo non ho voglia
di restare in citt.
G

8.
G

Che peccato... stasera devo studiare e non posso


venire con voi.

UNIT 1
3. B1 - Scusami!
a.
G

Amore, scusami del ritardo; non riuscivo a trovare un taxi libero.


Non importa; ormai mi ci sono abituato! Hai sempre una scusa pronta!

Signora, mi scuso del comportamento di mio figlio; a volte non lo riconosco.


Non fa niente! Capisco...

6. Quaderno degli esercizi

Scusi, questo il treno per Firenze, vero?


S signora, questo.
Grazie.

5.

Signore, guardi che qui c la fila...


Mi scusi, signora! Non lavevo capito.
Prego!

d.

4.
G

Ieri non ti sei fatto vivo.


Chiedo scusa, ma non stavo molto bene.
Figurati! Limportante che tu ora stia meglio.

c.

3.
G

2.
G

1.
G

b.

Secondo gli ultimi dati, il tasso medio di abbandono molto alto: il 22 per cento dei ragazzi tra i 19
e i 20 anni non conclude un corso scolastico e in
alcune regioni si arriva anche al 35 per cento. Il
livello in diminuzione, ma ben lontano dal dieci per cento richiesto dallEuropa: quali sono le
cause di questo fenomeno, secondo Lei?
Parlare di dispersione scolastica significa sicuramente descrivere un fenomeno complesso, che
racchiude in s diversi aspetti: il primo che labbandono riguarda soprattutto gli adolescenti, in
particolare la fascia det compresa tra i 14 e i 17
anni. Sappiamo che il periodo delladolescenza
fatto di trasformazioni, di contraddizioni e di scontri, di sogni e di bisogni; riferita a questo aspetto,
si pu vedere allora la dispersione scolastica come
incapacit, a volte, della scuola di parlare ai suoi
ragazzi per capire le ragioni del loro disagio.
Eppure, negli ultimi anni, la scuola sembra pi attenta ai problemi degli studenti ed meno severa
di un tempo
vero, ma non sempre gli insegnanti riescono a
capire veramente la solitudine delladolescente, il
suo sentirsi non compreso o, nei casi pi gravi, il
suo ritenersi insufficiente nella vita. Al contrario, purtroppo, proprio la scuola che a volte aumenta questo disagio, considerando ladolescente
solo in base al suo rendimento in classe.
E questo, secondo Lei, questo sbagliato?
Guardi, non vero, come pensano molti, che i giovani di oggi hanno meno problemi solo perch vi165

viamo in una societ evoluta, moderna, ricca di


stimoli e opportunit; al contrario, forse, proprio
questa la vera grande sfida della scuola: formare
nelladolescente una capacit critica per renderlo
pi consapevole di fronte a tante informazioni e
nozioni che pu ricevere dalla tv, dai giornali e soprattutto da internet.

UNIT 2
9. E2 - Curriculum Vitae
G

l
G

l
G

l
G

l
G

Buongiorno signor... Mossini, no?


S, Mossini. Buongiorno. Mi scusi per il ritardo,
ma ho trovato molto traffico. Sa, con la pioggia...
Non importa, capisco. Prego, si accomodi... Vogliamo vedere insieme il Suo Curriculum Vitae?
Certo.
Dunque, nato a Pisa, ma si laureato in Economia e Commercio a...
...a Firenze.
Con 104, vero?
S, esatto.
Per si laureato in 7 anni, giusto?
Veramente in 6, lultimo anno ho avuto un serio
incidente col motorino, e sono rimasto un po indietro.
Ho capito... Vedo che stato a Londra.
S, ho vinto una borsa di studio e il terzo anno
sono andato in Inghilterra.
E come stata lesperienza?
Ottima, perch luniversit era molto buona. Allinizio ho avuto qualche problema con la lingua,
ma presto, con la pratica...
Infatti, perch vedo qui che il Suo inglese ottimo.
Ormai s, sia scritto che orale.
Vedo che sa bene anche il francese, ma qui non
credo che Le servir. Col computer se la cava bene?
Certo, ho il diploma europeo ECDL, e in Inghilterra ho imparato a fare pagine web.
Perfetto. Di esperienze di lavoro per vedo che ne
ha fatte poche.
E s, vero... durante gli studi avrei potuto trovare un lavoro part time, ma sa, ho preferito concentrarmi sugli studi... poi ho avuto quellincidente.
Insomma... lesperienza pi importante quella
che vede nel curriculum, per la Soft Systems di
Firenze.
Ecco, l cosa faceva, quali erano le Sue mansioni?
Ero nel reparto vendite, praticamente visitavo delle aziende per presentare i nostri prodotti, sa programmi per computer eccetera. Ci ho lavorato cir-

166

l
G

ca due anni.
E per quale motivo se n andato?
Perch... perch non vedevo un futuro, una prospettiva. Non so, forse io non sono tanto portato
per le vendite...
Ho capito... comunque, non quello che stiamo
cercando noi, quindi non un problema. Signor
Mossini, io avrei un altro appuntamento alle 11,
ma credo di aver sentito quello che volevo sentire. Pu darsi che ci sar un altro colloquio ancora,
con me o con un mio collega. La ringrazio per il
Suo tempo.
Grazie a Lei. ArrivederLa!
Arrivederci.

10. Quaderno degli esercizi


G

l
G

Ho qui di fronte a me il Dottor Antani, che nella


sua qualit di vicedirettore di un noto istituto bancario potr darmi qualche informazione riguardo
alle pi comuni prassi per aprire un conto ed altre
informazioni utili. Intanto buongiorno, dottor Antani.
Buongiorno e grazie.
Secondo Lei, in parole semplici, cosa bisogna fare
per aprire un conto presso una banca?
Se posso dare un consiglio, la prima cosa da fare
quella di andare presso uno sportello, o meglio
ancora collegarsi su un sito web di una banca in
modo tale da poter raccogliere il maggior numero
di informazioni riguardo le condizioni offerte e i
servizi che vengono praticamente proposti. Si dovr leggere attentamente queste condizioni, in
modo da chiedere poi tutte le informazioni necessarie prima di firmare qualsiasi contratto.
In ogni caso, quali sono i servizi normalmente
previsti da un conto bancario?
Oltre alle normali operazioni di versamento e prelievo, la banca offre una quantit ampia e diversa
di servizi: uno fra i tanti quello degli investimenti o i piani di incremento del risparmio, che sono
entrati ben fortemente nella mentalit dei clienti
molto pi di quanto non lo fosse stato qualche
tempo fa.
Inoltre, ogni istituto offre una consulenza dei suoi
prodotti, come il finanziamento per lacquisto di
una casa, che un bene estremamente importante,
oppure piani previsti per linvestimento, per integrazioni pensionistiche e ancor pi complesse
operazioni di borsa che possono portare ad inve-

stimenti sul mercato finanziario internazionale.


Aggiungo inoltre che le banche hanno creato un
servizio online, per cui tutte le operazioni bancarie possono essere fatte comodamente da casa,
senza avere lonere di recarsi presso lo sportello;
per la banca tutto questo un notevole risparmio,
tant che molti istituti per lapertura di conti di
credito online prevedono dei costi estremamente
ridotti, a patto che il cliente lo utilizzi in maniera
consistente.
Inoltre, tutti gli istituti prevedono varie forme di
emissione di carte di credito, che permettono di
utilizzare il denaro in maniera comoda e diretta.
Tutto questo ha creato anche un abbattimento delluso dei normali assegni bancari.

l
G

l
G

l
G

13. C3 (prenotazione telefonica)


G

Esistono delle spese aggiuntive mediamente per


lutilizzo delle carte di credito?
I livelli di spesa sono diversi e sono proporzionati al tipo di servizio offerto. Esistono carte con diversi livelli di esposizione sul capitale versato, ad
esempio le carte prepagate, che hanno un valore
limitato e consentono chiaramente un controllo
della spesa che si effettua.
Esistono dei conti particolari o condizioni particolari per quanto riguarda i giovani?
Esistono molti prodotti pensati per i giovani, soprattutto sin dai 14 anni, in quanto riteniamo che
questa fascia di utenza giovane sia una fascia estremamente importante, che per il mercato finanziario
sar sempre un futuro. Le posso citare ad esempio
una gamma diversificata di carte prepagate: prendiamo per esempio le ricaribili, che oltre ad offrire la praticit di una carta valida a tutti gli effetti,
consente di ottenere sconti, agevolazioni su molti
prodotti, e questo su tutto il territorio nazionale.

l
G

l
G

La ringrazio molto, dottor Antani, so che il Suo


tempo prezioso e non La tratter oltre e grazie
ancora delle informazioni.
La ringrazio, buona giornata.

l
G

UNIT 3
12. C2 - Vorrei prenotare una camera.
l
G

l
G

l
G

Cara, mi vuoi sposare?


No!
Ma neanche se ti porto nel pi bellalbergo di
Roma?
No...
E neanche se il posto si chiama lHoliday Inn?
Ma quale, quel meraviglioso albergo immerso nel

verde?
S!
Dove ci sono i gazebo e la piscina allaperto?
S!
Dove si pu gustare un men eccezionale?
S!
Dove c quel grande parcheggio per gli ospiti?
S!
Ho deciso, ti sposo! E allora vado subito a prenotare in Via Aurelia Antica al 415, telefono 06.
66420. LHoliday Inn: dove i sogni diventano
realt.

l
G

Pronto, Holiday Inn.


Pronto, buongiorno, avrei bisogno di alcune
informazioni.
Prego, dica pure.
Dove siete esattamente, lalbergo lontano dal
centro di Roma?
No, signore: il centro storico a due fermate con
la metro.
Benissimo. Vorrei prenotare una camera dal 20 al
25 luglio.
Singola o matrimoniale?
Una matrimoniale. Pu dirmi il prezzo per quattro notti? Se ne avete una libera, cio.
Certo, le camere doppie vanno da 160 euro a 240
euro a notte.
Bene... Se possibile, vorrei una camera silenziosa.
Aspetti che controllo, ha detto dal 20 al 25
luglio S, la 422, che ha anche un bel terrazzo
sul parco e in quel periodo libera. Sono 180 euro
a notte.
...180... le camere hanno la tv satellitare?
Certo: tv satellitare, pay tv e accesso a internet.
E aria condizionata, naturalmente.
Certo, si capisce.
Benissimo. Ancora una domanda, per favore... i
cani sono ammessi?
Certo signore: con un piccolo sovrapprezzo di 15
euro a notte possibile portare anche piccoli animali.
Questa s che una bella notizia, cos non dobbiamo lasciare il nostro Fuffi da amici! Allora, possiamo fare la prenotazione?
Certo, mi pu dire il Suo nome, per favore?
Mi chiamo Rapetti Andrea. Si scrive R A P E T T I.
Perfetto, signor Rapetti. Per mi servirebbe anche
una conferma per fax, con il numero della Sua
carta di credito, sa, come garanzia.
167

l
G

le attivit sportive e giochi per i bambini ovviamente. Inoltre, abbiamo un grande parcheggio privato, e poi abbiamo ovviamente le biciclette a disposizione per esplorare le magnifiche zone qui
intorno.

S, s... ve lo mando oggi in giornata.


Perfetto allora, grazie e... arrivederci.
ArrivederLa.

14. Quaderno degli esercizi


G

Lei come diventato albergatore?


Diciamo che sono un figlio darte. Da giovane per
anni sono vissuto in albergo, gi i miei nonni avevano due alberghi in questa zona, poi, terminata
luniversit, ho frequentato una scuola alberghiera,
ho affiancato mio padre per una decina danni fino
a quando mi ha passato lo scettro, per cos dire.
Immagino che nel flusso di un albergo ci saranno
sicuramente vari momenti, vari periodi: quali sono quelli pi affollati?
Va be, decisamente il periodo estivo, per anche
in primavera c un discreto afflusso; ci sono poi
clienti pi o meno fissi che vengono nella nostra
citt praticamente tutto lanno per fiere o cose del
genere.
Da dove vengono prevalentemente i clienti?
Mah... direi da tutto il mondo. Gli italiani sono al
primo posto, poi ci sono i tedeschi e gli inglesi.
Negli ultimi anni abbiamo avuto anche... anche
alcuni clienti cinesi, s.
Lei ha notato delle differenze tra i clienti italiani
e quelli stranieri?
Va be, certo certo: ci sono sempre differenze tra
le nazionalit, ma per noi non un problema. Tra
laltro sono molto molto contento dei miei collaboratori, che sono validi, affidabili, molto professionali.

Oltre al sistema tradizionale delle prenotazioni,


utilizzate anche il sistema internet, quindi prenotazioni online eccetera?
S, per le prenotazioni ci siamo adeguati anche
noi: molto comodo, tra laltro, anche se usiamo
ancora il fax. Molto, parecchio. Ovviamente internet utile sia per ricevere le prenotazioni, ma lo
offriamo anche a tutti i nostri clienti: dalle camere, laccesso direttamente a internet, le stanze sono predisposte per i collegamenti anche wireless.
Allora, signor Galdani, io a questo punto mi aspetto
che Lei mi illustri i servizi offerti dal Suo albergo.
Glieli illustro con gran piacere: un ambiente tranquillo, riposante, unassoluta privacy nelle camere, possibilit di colazione in camera, cassaforte,
minibar, piscina con idromassaggio, una zona per

168

Sicuramente, dal punto di vista della cucina, offrirete dei piatti speciali della vostra regione.
un po il nostro punto di forza, la cucina, che curiamo con particolare attenzione, permette un po
di gustare tutti i sapori tipici della nostra regione.
La parte gastronomica, come me la descrive?
A colazione c un buffet ricchissimo, sia a pranzo che a cena tutti i giorni c men a scelta con
pesce, carne, buffet con verdure fresche.
Signor Galdani, La ringrazio molto della Sua disponibilit e della Sua gentilezza.
Grazie a Lei e arrivederci.

UNIT 4
16. B1 - In che senso?
a.
G

Non mi va di venire al cinema con te; voglio dire


che purtroppo abbiamo gusti diversi.

b.
G

vero, ho visto un panorama stupendo dal vostro


ingresso.
S, panorama che tra laltro possibile vedere anche dalla sala da pranzo, per esempio, climatizzata come il soggiorno, del resto, la sala lettura, lamerican bar, e anche dalla cucina.

Stefano un po indiscreto, cio a volte fa delle


domande troppo personali.

c.
G

Allora, mi spiego: ho reagito cos perch mi sono


sentito offeso.

d.
G

un tipo strano, nel senso che a volte non puoi


dirgli niente che si arrabbia subito.

e.
G

Vittorio ha realizzato il suo sogno, vale a dire una


Ferrari, anche se di seconda mano.

17. Quaderno degli esercizi


Durante i circa mille anni di Impero Romano, in un

territorio molto vasto che andava dalla Gran Bretagna


allAfrica del Nord, dalla Spagna al Medio Oriente, si
parlava il latino arricchito con molte espressioni locali. Nei secoli, con la caduta dellImpero Romano e le
seguenti invasioni barbariche, si cominci a parlare il
cosiddetto latino volgare, cio una lingua del popolo, che diede vita a nuove lingue dette neolatine come lo spagnolo, il portoghese, il francese e il rumeno.
Il latino rimase per molti secoli la lingua ufficiale
della cultura e della scienza in Europa. Nel 1300
comparvero a Firenze le prime importanti opere letterarie in dialetto fiorentino, La Divina Commedia di
Dante Alighieri, ma anche altre di Petrarca e Boccaccio. Da allora, il dialetto fiorentino rappresent
sempre pi il modello da cui si svilupp la lingua italiana moderna.
La questione della lingua, cio la necessit di avere
una lingua unica in tutto il Paese, fu un problema che
dur secoli e secoli, anche perch lItalia divent uno
Stato unitario solo nel 1861. Nel frattempo due fenomeni caratterizzavano il panorama della lingua italiana: i tantissimi dialetti diversi sparsi in tutta Italia e la
presenza di molti forestierismi, vale a dire parole di
origine straniera che ci avevano lasciato i vari popoli
(greci, arabi, spagnoli, francesi, austriaci eccetera)
che, nei secoli, furono presenti nelle diverse regioni
dItalia. Se nel 1861 soltanto il 2,5% degli italiani
parlava italiano, nel 1921 pi del 35% degli italiani
era analfabeta. Fu grazie allistruzione obbligatoria,
alla diffusione dei giornali e, a partire dagli anni
Cinquanta, della radio e della televisione, che litaliano standard si afferm come lingua nazionale.
C da dire per che i dialetti sopravvivono ancora e,
in un certo senso, rappresentano una ricchezza per la
lingua italiana. Come anche litaliano letterario, utilizzato soprattutto nello scritto, una lingua che ancora molti italiani, senza un alto grado di istruzione,
non conoscono perfettamente.
UNIT 5
20. B1 - Fa come vuoi!

3.
G

4.
G

Scusi, potrebbe farci una foto?


Certo, nessun problema!

Senti, probabilmente stasera non posso venire al


cinema.
Fa come ti pare! Tanto ho capito che preferisci
guardare la partita anche stavolta!!!

Scusa, ti dispiace se mi fermo un attimo al bancomat?


No, figurati! Fai pure!

21. D2 - Viva la salute!


G

2.
G

Senti, prima di partire prendo un panino... ho una


fame!
Fa come vuoi! Non c fretta.

5.

1.
G

Amore, penso di comprare un motorino nuovo.


Sono stufa di quello che ho adesso.
Per me va bene. Se hai i soldi per farlo...

Quali sono le categorie di persone che frequentano di pi questa palestra, per esempio?
Le persone che frequentano questa palestra qui e
in generale... sono sportivi, di media et, dai 15 ai
30, 40 anche over 40, prettamente di medio-alto
ceto, si parte dallimpiegato al dirigente, questa
gente qui.
Questa palestra, oltre a fornire i classici servizi
che uno si immagina in una palestra, ha anche altre attivit interne?
S, offriamo anche dei servizi-benessere, quindi
massaggi, luoghi benessere tipo idromassaggio,
sauna, bagno turco, in modo che la gente si senta
a proprio... a proprio agio.
Altre attivit extra-muscolari, mi verrebbe da dire, attivit che potrebbero rientrare nella categoria ludico?
Ludico... s, si parte dai corsi per bambini, per
imparare la motricit di base, quindi... come arrampicata. Offriamo dei servizi di arrampicata per
bambini e quindi dove i bambini posso giocare
imparando anche nuove attivit sportive.
Parlando dellattivit classica della palestra, quali sono, secondo le vostre statistiche, le ore pi
frequentate?
Le ore pi frequentate comunque sono dal primo
pomeriggio in poi, fino alle 8 di sera, quindi dopo
il lavoro, sicuramente lorario pi frequentato.
Negli ultimi tre anni, qual stato il flusso di persone? Voglio dire, c stato un incremento, una diminuzione, un andamento sinusoidale? E perch,
eventualmente?
169

Il flusso di persone comunque sempre in crescita, perch la gente scopre il mondo della palestra
come mondo fitness, quindi benessere, stare bene
con se stessi, e quindi alla ricerca della forma pi
ideale, anche nel modo di apparire nei confronti
dellaltra gente. Il flusso, per comunque, sempre ben determinato dalle stagioni: appena si arriva sotto lestate comunque la gente ci pensa un attimino, si guarda allo specchio e decide di mettersi un attimo in moto per affrontare lestate nel migliore dei modi.
Grazie mille, Valentino.
Di niente.

22. E3 - Attenti allo stress!

Con Gianna finita. Appena tre anni di matrimonio e siamo davanti allavvocato. Chi lavrebbe
detto! Colpa mia, dovevo pensarci prima, lho sposata che ci conoscevamo da nemmeno 2 mesi! E
adesso tutte le questioni legali, gli alimenti... per
non parlare del fatto che dovr cercare unaltra
casa: questa troppo grande e troppo costosa per
una persona sola. Al solo pensiero di tornare a cercare un appartamento, mi sento male... Certo che
gli errori si pagano cari!

b.
G

d.
G

Ancora un mese, e poi mi sposer: ancora non ci


posso credere! Ma come sono indietro con i preparativi! Devo ancora completare la lista degli invitati, scegliere il vestito... e la casa? Larchitetto
dice che sar pronta tra poco, ma da un anno che
ripete la stessa cosa! E i mobili!? Certo che con
tutte queste spese, io avrei fatto anche a meno di
un pranzo con tanti invitati, ma Giorgio ha cos
insistito... Tanto poi a prenotare il ristorante e scegliere il men ci devo pensare io! Mamma mia,
quante cose ancora da fare! Non capisco proprio
quelli che si sposano pi di una volta!

c.
G

Eccoci allultimo passo, lesame di maturit. E


poi? Pi che lesame, a preoccuparmi proprio
cosa far dopo, non ho per niente le idee chiare:
mi piacerebbe studiare Medicina, ma tutti mi dicono che troppo lunga e difficile. E poi, per entrare c un esame di ammissione... se non lo passo? Forse meglio Economia e Commercio: anche se non mi piace molto, almeno non a numero chiuso, e dopo ci sono sempre possibilit di la-

170

Tra una settimana verr il nuovo direttore. Dicono


che sia una persona molto esigente e vorr cambiare molte cose nellufficio. Saremo tutti messi
di nuovo alla prova, come ad un esame. Come
odio queste situazioni! Ci eravamo appena abituati al direttore precedente, ed eccone uno nuovo!

23. Quaderno degli esercizi

a.
G

voro pi immediate. Certo che prendere decisioni


cos importanti a 19 anni davvero difficile!

Abbiamo di fronte a noi una giovane frequentatrice di questa palestra. Giovane vuol dire?
Molto giovane, 25 anni.
Ok, quali sono i criteri che hai usato per scegliere una palestra?
Beh, innanzitutto per scegliere una palestra molto importante venire a conoscenza degli spazi, vedere com fisicamente una palestra, quindi capire
che tipo di offerta ha una palestra, nel senso che...
i macchinari, quindi i pesi, le sale-corsi, il tipo di
corsi, poi in questa palestra qua in particolare c
anche la zona relax, quindi anche... un altro
punto a favore. Insomma ci devono essere una serie di cose che possono servire appunto al benessere della palestra... in una palestra.
Per esempio i costi piuttosto che la locazione sono comunque importanti?
Beh, anche i costi sono molto importanti e la locazione naturalmente, perch pi vicina a casa o anche al lavoro... La comodit importante perch
una persona quando esce dal lavoro o arriva a casa
e vuole direttamente andare in palestra non pu fare
i chilometri per poi magari rimanere solo unora.
Quante volte di fatto riesci a venire ad allenarti?
Mah... io cerco di venire ad allenarmi il pi spesso possibile perch mi piace molto lo sport e seguo tanto i corsi, per esempio anche kick boxing
eccetera. Quindi... almeno 3 o 4 volte alla settimana, se riesco.

UNIT 6
26. A7 (imperativo indiretto)
1.
G

Scusi, bisogna fare la fila?


S, signore. Vada alla macchinetta e prenda il numero!

2.
G

Signor Marietti, prenda questi documenti e li porti


al direttore vendite!
S, direttore!

3.
G

Scusi, professore, posso parlarLe?


Prego, mi dica!

4.
G

Scusi, mi sa dire a quale piano si trova lo studio


dellavvocato Carletti?
No, mi spiace; provi a chiedere al custode!

5.
G

Per favore, esca dalla macchina!


S, agente, un attimo.

6.
G

Le dispiace se accendo laria condizionata?


No, faccia pure!

27. C1 - Giri a destra!


G

Scusi, signore, mi sono perso, mi sa dire come


posso arrivare al Teatro alla Scala?
Il Teatro alla Scala... mi faccia pensare un attimo...
Sa, domani parto e lo devo visitare oggi. A piedi
lontano?
No, non ci vada a piedi, Le conviene di pi il tram.
Dunque, prenda il 12 e scenda alla... seconda, no
... alla terza fermata!
Tram numero 12, terza fermata. Poi?
Appena scende vedr una strada davanti a Lei, via
Rastrelli: la prenda e alla seconda traversa giri a
destra, in via Marconi. Vada diritto e si trover in
Piazza Duomo.
Allora... seconda traversa, destra poi dritto e sono
al Duomo. L trovo anche il teatro?
No: proprio di fronte a Lei, accanto al Duomo, c
la Galleria Vittorio Emanuele: la attraversi e si trover in una piccola piazza. Piazza della Scala,
dove c appunto il teatro.
Grazie mille, signore!
Si figuri! Per sappia che oggi il teatro chiuso!
Ora mi sono ricordato...

28. D2 - Alla Scala


RAI GR1. Direttore Antonio Caprarica. Colpo di

scena alla Scala: al termine dellaria Celeste Aida


dellopera di Giuseppe Verdi, per qualche fischio dal
loggione il tenore Roberto Alagna, Radames, lascia il
palco e in corsa subentra il sostituto, in jeans. Da Milano, Cristina Sanna Passino:
Al suo posto entrato in scena il secondo tenore,
Antonello Palombi vestito in abiti civili, senza avere
il tempo di indossare il costume di Radames. Il primo
atto poi finito tra gli applausi e qualche fischio di
disapprovazione; nellintervallo tra il secondo e il terzo atto il sovrintendente Stephane Lissner si scusato con il pubblico, ha espresso rincrescimento per
laccaduto e ringraziato il sostituto Antonello Palombi per aver consentito di proseguire lo spettacolo.
Una considerazione cui il pubblico della Scala ha risposto con applausi scroscianti. Una cosa cos alla
Scala non si era mai vista, ha commentato il maestro
Riccardo Chailly.
Raffaella Brusti riuscita a sentire a caldo Roberto
Alagna: Io ho avuto di tutto, ho fatto dischi, ho fatto
film, ho fatto... sono stato anche produttore, ho avuto
tutto il successo del mondo. Beh, adesso se i tempi
sono cambiati e che non ci vogliono pi... Forse un
altro modo... ma questa sera il pubblico, quello di talento, quello che cha il sangue, quello che cha il
fuoco, quello che sa dire la sua, non cera.
30. Quaderno degli esercizi
Maria Calogheropoulos nasce nel 1923 a New York
da genitori greci e a quattordici anni lascia gli Stati
Uniti per fare ritorno in Grecia. Nel 1938, allieva ancora del Conservatorio, debutta ad Atene nella Cavalleria Rusticana, mentre nel 1942 avviene il suo debutto ufficiale allOpera di Atene nel ruolo di Tosca.
Nel 1947 va in Italia e debutta allArena di Verona; in
Italia conosce Giovanni Battista Meneghini, anziano
imprenditore, che si innamora di lei. Per due anni si
esibisce in molti teatri in diversi ruoli e, dopo una
scandalosa relazione, si sposa con Meneghini.
Dopo moltissime recite in tutta Italia, diventa finalmente primadonna della Scala di Milano e comincia
ad esibirsi nei pi celebri teatri di tutto il mondo. Ormai considerata il pi grande soprano del mondo e
riceve cifre astronomiche per ogni sua apparizione.
Nel 1956 va negli Stati Uniti per una tourne e canta
la Norma al Metropolitan di New York: una rivincita
contro il teatro che in giovent laveva rifiutata.
Nel 1957 conosce un altro famosissimo greco, Aristotele Onassis; presto intreccia una relazione con lui
e si separa dal marito-manager. Nel 1963 si trasferi171

sce a Parigi. I successi continuano, ma cominciano le


chiacchiere sul suo carattere e, in seguito, anche dei
seri problemi alla voce.
Infatti, a causa delle troppe recite di tutti questi anni
e del suo desiderio di raggiungere sempre la perfezione, la sua voce non pi come prima. Dal lato personale, il rapporto con Onassis non va bene e il suo matrimonio con la vedova Kennedy nel 68 per Maria
un gravissimo colpo psicologico.
Dopo anni difficili, in cui la voce non le permetteva
pi di cantare come un tempo, nel 77 Maria Callas
muore nella sua casa a Parigi, di attacco cardiaco. Le
sue ceneri furono disperse nellEgeo in tempesta.
Maria Callas fu una leggenda vivente e leggenda rimase anche dopo la sua morte grazie alla vasta discografia e ai filmati delle sue recite. La sua bellissima e
unica voce immediatamente riconoscibile e la sua
intepretazione rimane insuperabile.
UNIT 7
32. C1 - Nessun problema...
Daniela: Non credevo che avresti trovato la casa
dei tuoi sogni cos presto; come hai fatto?
Tommaso: Facile: allinizio, come ricordi, ho cercato
tra gli annunci, poi mi sono rivolto ad unagenzia immobiliare: una cosa da nulla!
Daniela: Beh, complimenti! Allora, com la vita
nelle piccole citt? Monotona, eh?
Tommaso: Niente affatto! Non mi annoio per niente!
Daniela: Davvero?! Ti sei gi abituato alla vita di
provincia?
Tommaso: Certo, ed stato facile.
Daniela: E con il lavoro? Per tutti noi in ufficio
stata una sorpresa quando ti sei dimesso!
Tommaso: Semplice: adesso lavoro da libero professionista. Guadagno un po meno, ma quando vado in giro con la bici non ci penso
affatto.
Daniela: E della vita in citt non ti manca proprio
niente? Che ne so... locali, cinema, ristoranti?
Tommaso: No, niente di tutto questo. Quando vivi in
mezzo al verde e la prima cosa che vedi la
mattina il lago, non pensi a queste cose.
Solo a mia moglie mancano... i negozi di
Milano. Pazienza!
33. D2 - Vivere in citt
Linquinamento, il traffico, i rifiuti, il verde sono da
172

sempre tra le maggiori preoccupazioni degli italiani,


specie di quelli che vivono in citt medie o grandi,
ma negli ultimi tempi la situazione sembra cambiata,
per una volta in meglio: per esempio, sono aumentate le zone verdi, si fa pi raccolta differenziata e ci
sono pi zone a traffico limitato. Progressi indiscutibili anche se non uniformi: nel campo dei rifiuti, per
esempio, ci sono molte citt del centro-nord ormai
sopra il 35% per la raccolta differenziata, dunque su
standard decisamente europei, mentre in quasi tutti i
capoluoghi del sud ancora si fatica a raggiungere il
5%. Un grande motivo di preoccupazione il traffico
privato, con i suoi effetti collaterali: paralisi della
mobilit, inquinamento atmosferico. A fronte di ci,
deludente luso che gli italiani fanno del trasporto
pubblico: 100 milioni di passeggeri in meno rispetto
al passato, nonostante che in molte citt la rete di
mezzi pubblici si sia ampliata.
Legambiente ha, come ogni anno, analizzato la situazione nelle quattro principali citt italiane - Torino,
Milano, Roma e Napoli - in base a determinati fattori: le zone a traffico limitato, le isole pedonali, le piste ciclabili, lintensit duso del trasporto pubblico,
la raccolta differenziata dei rifiuti, la depurazione
delle acque, il verde pubblico.
Delle quattro grandi, Roma decisamente quella
che si presenta in forma migliore. prima, infatti, in
cinque indicatori su dieci: per intensit duso del trasporto pubblico, per ampiezza della rete di autobus e
tram, per estensione delle isole pedonali e delle zone
a traffico limitato. poi seconda per un soffio in un
altro parametro, le piste ciclabili, mentre lunico settore che la vede distanziata dai migliori la raccolta
differenziata dei rifiuti: 8 punti in meno di Milano e
13 sotto Torino.
Torino invece prima per raccolta differenziata, piste
ciclabili e depurazione delle acque, ma ultima nei
parametri pi legati al traffico e allo smog.
Per Milano e Napoli, la situazione mediocre, se non
pessima: nel capoluogo lombardo sono poche sia le
isole pedonali che le zone a traffico limitato, e le polveri sottili sforano i limiti un giorno su tre; quanto a
Napoli, fa collezione di ultimi posti: per raccolta differenziata, per estensione della rete del trasporto pubblico, per piste ciclabili, per isole pedonali e zone a
traffico limitato, per depurazione delle acque, per
aree di verde pubblico.
Complessivamente, i dati confermano che per le citt
pi grandi, come del resto per tutti i centri urbani, il
problema pi grave e pi irrisolto si chiama traffico e
inquinamento: nel caso che il trasporto pubblico resti

debole e poco utilizzato, le polveri sottili continueranno a imperversare; purtroppo le misure adottate
finora non sembrano allaltezza della gravit di questa annosa emergenza.

3.
G

Hai saputo di Alice? Si laureata!


Brava! E in soli cinque anni, eh?

4.
34. Quaderno degli esercizi

Il WWF la pi grande organizzazione mondiale per


la conservazione della natura, rappresentata nel nostro Paese dal WWF Italia.
Il WWF fu fondato l11 settembre 1961 in Svizzera
da un gruppo che comprendeva, tra gli altri, il principe Filippo di Edimburgo consorte della regina dInghilterra e il naturalista e pittore Sir Peter Scott, che
disegn il logo originale, con il panda gigante bianco
e nero su sfondo bianco.
Lassociazione ha uffici in quasi sessanta Paesi e la
sua sede centrale si trova a Gland, in Svizzera. Il pi
celebre associato del WWF probabilmente il Principe Filippo, Duca di Edimburgo, che fu il primo presidente del WWF nel Regno Unito dal 1961 al 1982,
poi Presidente Internazionale dellassociazione (dal
1981 al 1996) ed ora Presidente Emerito.
La missione del WWF quella di bloccare la distruzione dellambiente naturale del pianeta e contribuire
alla costruzione di un futuro in cui luomo viva in armonia con la natura. A questo scopo il WWF si batte
per: conservare la biodiversit del pianeta; assicurare
che luso di risorse naturali rinnovabili sia sostenibile; promuovere misure per la riduzione dellinquinamento e degli sprechi di risorse.
Lapproccio del WWF focalizzato su sei temi prioritari di interesse globale: le foreste, gli oceani e le
coste, lacqua, le specie in pericolo, e i pericoli legati agli agenti chimici tossici e al cambiamento del
clima. Rispetto a ciascuno di questi temi, il WWF ha
degli obiettivi misurabili che gestisce con oltre 1200
progetti di conservazione allanno in tutto il mondo.

UNIT 8
37. B1 - Complimenti!
1.
G

Finalmente! Ho preso la patente!


Complimenti, Marta! Era ora, no?

2.
G

Sai, ho creato una pagina web per lazienda di mio


padre.
Congratulazioni! Io non saprei nemmeno da dove
iniziare!

Hai sentito? Il governo ha annunciato una nuova


tassa sulla casa!
Cosa?! Ma assurdo! Ogni anno nuove tasse!

5.
G

Mamma, che ne pensi del mio nuovo vestito?


Ecco: questo s che un vestito elegante!

6.
G

Direttore, il tecnico chiede se pu portarsi via il


computer per ripararlo. Lo riporterebbe dopodomani.
Ma non possibile! Non possiamo restare due
giorni senza computer!

7.
G

Pap, muoviti di pi, questa musica non si balla


cos!
Ma che schifo! Questa musica secondo te?

8.
G

Meglio che giri al prossimo semaforo perch via


Manzoni chiusa per lavori!
Ma di nuovo? Non si pu andare avanti cos!

38. C6 - Tutti al computer!


Buona sera e benvenuti alla trasmissione Internet e
oltre, dedicata alle nuove tecnologie; oggi ci occuperemo soprattutto dei problemi connessi alluso eccessivo di internet. Vediamo subito in breve gli argomenti di oggi.
Si tratta di due notizie relative allabuso del pc: cominceremo con la storia di un uomo giorno e notte incollato al computer a casa, ci passa 10-12 ore al giorno, al punto che la moglie, esasperata, non ce la fa
pi, scappa dal fratello e lo denuncia. Ora il marito
dovr allontanarsi da casa, secondo il Tribunale di
Milano, che lo ha condannato a 6 mesi di esilio
dalla famiglia.
Negli ultimi anni infatti luomo, che ne ha 35, ha iniziato a trascorrere sempre pi ore a casa al computer,
fino ad arrivare ad una forma di dipendenza da Internet.
Non ha pi rapporti sociali - si sfogata la moglie non gli interessa nulla di tutto quanto lo circonda, il
173

risultato che manca totalmente al suo ruolo di padre


e marito. In occasione della festa di compleanno della
bambina rimasto tutto il tempo seduto alla sua postazione con cuffia e microfono a giocare al computer. Senza parlare con nessuno.
Strettamente collegata alla precedente, la nostra ultima notizia su una clinica per curare la dipendenza
da videogiochi, una malattia considerata ormai da
molti come una vera e propria patologia, da curare al
pari della tossicodipendenza o lalcolismo.
I sintomi con cui si manifesta sono stati di ansia, attacchi di panico, disturbi del sonno. Dopo Stati Uniti,
Canada e Cina, anche in Europa apre la prima clinica
dedicata al fenomeno.
Della gestione se ne occupa un centro olandese di
Amsterdam che ha avviato percorsi di disintossicazione specifici per chi non riesce pi ad abbandonare
la tastiera e il mouse.
Il programma dura 8 settimane e include sessioni di
terapia, escursioni allaperto, workshop di attivit fisica e, nei casi pi gravi, anche cure a base di psicofarmaci. I pazienti hanno tutti unet compresa tra i
13 e i 30 anni e tutti uomini. Una malattia solo maschile? Sembra proprio di s, almeno per ora.

l
G

l
G

39. Quaderno degli esercizi


G

l
G

l
G

l
G

l
G

l
G

Buongiorno signore, posso aiutarLa?


Buongiorno, vorrei vedere un televisore... di quelli grandi.
Beh, ha in mente qualche marca, qualche modello?
No, ad essere sincero non mi intendo tanto di queste cose. Quello l, per esempio, lho visto in una
pubblicit, mi piace molto.
S, questo un Sony. Design bellissimo, schermo
al plasma da 38 pollici wide screen e in pi...
Wide screen? E che sarebbe?
un sistema per avere unimmagine pi ampia,
proprio come al cinema.
No, a me il cinema non piace.
Si fa per dire... signore. Comunque un sistema
allavanguardia che Le permette di ricevere 400
canali, anche digitali, collegarsi a internet...
Internet? Ma davvero?
S, certo! In pi, dispone di televideo molto sofisticato e di due altoparlanti laterali attivi...
Come sarebbe a dire attivi? Che fanno?
Niente, nel senso che sono di altissima qualit.
Ah, pensavo...
Poi, possibilit di visione simultanea di 20 canali...
20 canali nello stesso tempo? Ma a cosa serve?

174

Mica si possono seguire tutti.


S, solo che invece di fare zapping, Lei potr guardare pi canali contemporaneamente e scegliere
quello che pi Le interessa.
Bello, questo mi piace. Quanto costa?
Questo modello viene a costare... 2.000 euro.
Quanto?! Per lamor di Dio, fammi vedere qualcosa di pi economico! Senza creem, stim e
compagnia bella.
Certo. Vediamo un attimo... questo televisore della Philips.
Ecco, questo meno grande, occupa anche meno
spazio in sala.
Allora... questo un tv color da 30 pollici, al plasma, dotato di tecnologia S.P.A.I. che Le permette di...
Come come? Che diavolo significa questa sigla
che hai appena detto?
Sistema Personalizzato Avanzato Intelligente,
signore.
E che ha di speciale, questo... sistema intelligente?
Mah... tra le altre cose, in grado di adattare automaticamente ogni volta la luminosit e lintensit
dei colori alla luminosit della stanza. In pi, pu
memorizzare le abitudini televisive dellutente e
accendersi e spegnersi quando cominciano o finiscono le sue trasmissioni preferite.
Incredibile! Non avrei mai immaginato che ci fossero televisori cos. E questo quanto costerebbe?
Questo qua costa 1.600 euro.
Porca miseria, anche questo caro! Senti, giovanotto, ci sarebbe qualcosa di meno tecnologico,
magari anche meno intelligente, ma che costi sui
quattro-cinquecento euro?

UNIT 9
41. B1 - Certo che cos!
a.
G

Hai sentito del furto agli Uffizi?


S, davvero incredibile!

b.
G

Come viene il ritratto, bene?


Vi posso garantire che questo di vostra figlia uno
dei ritratti pi belli che abbia fatto.

c.
G

Cio non sono opere originali?


Se costano 20 euro, non c dubbio: sono delle
riproduzioni!

d.
G

Ma veramente vuoi che giriamo lintero museo?


enorme!
Ti assicuro per che ne vale la pena: tutte le 2.000
opere sono importanti!

e.
G

Ma sul serio per un quadro cos piccolo vuole 500


euro?
Non scherzo signora, questo il prezzo dei miei
quadri. Sa cosa significa lavorare due ore sotto il
sole?

42. C1 - Opere e artisti


LItalia famosa per le sue piazze, piccoli o grandi
spazi aperti che si aprono come oasi nel paesaggio urbano; e proprio come nelle oasi, spesso anche nelle
piazze lacqua rappresenta un elemento costante.
Infatti, non c piazza italiana che si rispetti senza
una fontana. Vediamone qualche esempio nella capitale.
Roma una citt millenaria, ma la fontana di Trevi,
contrariamente a quanto possa sembrare, abbastanza recente. I lavori, su progetto di Nicola Salvi, terminarono infatti nel 1762. Scopo dellarchitetto era
realizzare la pi grande, la pi scenografica e la pi
famosa fra le fontane di Roma: infatti la fontana di
Trevi in assoluto quella pi conosciuta, grazie anche a film come La dolce vita di Fellini.
Al centro la figura del dio Nettuno circondato da
creature marine. Nella fontana, scultura e architettura
barocca si fondono perfettamente, in un suggestivo
spettacolo acquatico. Una celebre tradizione vuole
che porti fortuna lanciare una moneta nella fontana,
perch in questo modo si torner sicuramente nella
citt.
La stupenda fontana dei Quattro Fiumi posta al centro di piazza Navona: costruita per papa Innocenzo X
Pamphili, fu inaugurata nel 1651. Una curiosit: il
papa pot finanziare la fontana disegnata da Bernini
grazie ad alcune impopolari tasse sul pane. I grandi
fiumi allora conosciuti, il Gange, il Danubio, il Nilo
e il Rio della Plata, sono rappresentati da quattro giganti. Una diceria del tempo, peraltro non vera, sostiene che il gigante che rappresenta il Rio della Plata
stato raffigurato con il braccio alzato a protezione
della testa, in segno di disprezzo per la vicina chiesa
di SantAgnese, progettata da Borromini, architetto
rivale del Bernini.
La fontana della Barcaccia, in Piazza di Spagna, la
meno appariscente delle fontane barocche di Roma e

spesso quasi nascosta dalla gente seduta sul bordo.


opera di Gian Lorenzo Bernini e di suo padre Pietro. Bernini progett una vecchia barca semiaffondata, una barcaccia, che giace in una bassa vasca. Le
api e i soli che decorano la fontana sono i simboli della famiglia di Urbano VIII Barberini, committente
della fontana.
43. Quaderno degli esercizi
G

Mi trovo al Museo Civico Medievale di Bologna,


in compagnia del dottor Giancarlo Benevolo che
?
...Referente dellarchivio storico dei musei civici
darte antica, che comprendono il Museo Civico
Medievale, le Collezioni Comunali dArte e il
Museo Civico Davia Bargellini.
Per quanto riguarda le misure di sicurezza, questo museo come si presenta?
Il Museo Civico Medievale certamente attrezzato, nel senso che ha i sistemi anti-intrusione, antifurto, antincendio, stato anche attento a rimuovere il pi possibile le barriere, insomma per facilitare laccesso ai portatori di handicap, e ha i piani di evacuazione... insomma.
Bene. Per quanto riguarda il pubblico dei visitatori, sono pi stranieri, pi italiani?
Naturalmente abbiamo pi visitatori italiani, questo chiaro, anche se di recente stiamo notando un
lieve incremento per quanto riguarda lafflusso di
visitatori stranieri; tra laltro noi ci siamo impegnati, proprio per pubblicizzare il nostro museo e anzi
abbiamo predisposto nei nostri programmi domenicali, al pomeriggio, visite in lingua proprio per
gli stranieri... ecco: le facciamo in spagnolo, in inglese, in tedesco e in francese.
Molto bene. E per le scuole, invece, avete dei programmi speciali?
Abbiamo dei programmi specifici, proprio, che
tradizionalmente sono realizzati con un curatore
per ciascuno dei tre musei e una responsabile, che
Carla Bernardini. Naturalmente, tutti insieme,
voglio dire, lavoriamo sotto la direzione del direttore dei Musei Civici e cio il dottor Massimo
Medica. Ma per quanto riguarda le scuole, in effetti, abbiamo grande attenzione, anzi uno dei
punti di forza del museo, la mediazione didattica.
Se dovesse fare uno spot pubblicitario per questo
museo, che cosa direbbe, per attirare la gente?
Una domanda a bruciapelo...
175

Che facciamo ricerca e conservazione per conservare e trasmettere la conoscenza. A tutti.

A tutti... Il pezzo forte di questo museo?


Beh, del Museo Civico Medievale... beh, credo la
statua di Bonifacio VIII.

La ringrazio.
Grazie a voi.

UNIT 10
46. B3 (esprimere indifferenza)
a.
G

Stefania ha detto che dar una festa per il suo


compleanno.
Non mi interessa affatto! Tanto, non mi invita
mai!

b.
G

Hai sentito? Pina si laureata con 110 e lode!!!


E allora?! Medicina non poi tanto difficile!

c.
G

III voce:
La paura di quello che ci pu accadere sotto casa
domina la classifica delle preoccupazioni degli italiani, secondo lanalisi del CENSIS.

Ti ricordi di Susanna? Lho vista laltro giorno in


tv: ha partecipato a un quiz e ha vinto un sacco di
soldi!
E con ci? Ormai vincono tutti qualcosa alla televisione!

IV voce (Giuseppe De Rita):


Gli italiani hanno paura della criminalit diffusa, forse perch quella organizzata, tradizionale, la mafia, la
camorra, lontana, mentre invece quella diffusa,
quella micro, quella piccola, tarriva dentro casa.
Quello che colpisce molto litaliano e gli d un senso
dinsicurezza lo scippo, il furto in appartamento,
la rapina, cio qualche cosa che ti prende allo stomaco e ti prende emotivamente. E quindi poi non dobbiamo sorprenderci se questa persona, o se gli italiani, presi alla gola o allo stomaco da questo tipo di criminalit poi hanno pi paura di quanto sia poi reale il
pericolo, nel senso che poi i delitti negli ultimi anni
vanno diminuendo, ma invece aumentano le paure.
Significa che c unemotivit in giro che dovuta al
fatto che in Italia, credo, lemotivit sta crescendo,
ma un fatto generalizzato, mentre invece, il pi importante, sta crescendo questa emotivit da paura del
contatto diretto, dellaggressione, di quello che in
America viene chiamata la criminalit predatoria.

e.
G

Dai, accendi il televisore: c Miss Italia!


Ma chi se ne frega dei concorsi di bellezza?!
Piuttosto, vedi se c qualche film!

f.
G

II voce:
Una ricerca del CENSIS ci rivela che gli italiani hanno paura soprattutto della criminalit, sempre pi diffusa, pi che della droga e della disoccupazione; e di
queste paure parleremo tra poco nello spazio di approfondimento di questa sera dove ci sar anche
unintervista al presidente del CENSIS, Giuseppe De
Rita.

Stasera cominciano i mondiali di calcio!


Lo sai che del calcio non me ne importa niente!

d.
G

Non la mafia, ma la criminalit diffusa la principale minaccia della nostra tranquillit: ci preoccupa pi
della disoccupazione, del traffico, della droga e dellimmigrazione. Lindagine del CENSIS su un campione di duemila italiani classifica i reati pi temuti:
al primo posto i furti in casa, seguono gli scippi, le
aggressioni, le rapine, gli atti di vandalismo.
Nella classifica dei pi temuti criminali gli zingari
sono al primo posto, seguiti da delinquenti comuni,
spacciatori di droga e tossicodipendenti.
Sono considerati pericolosi anche gli immigrati: il
75% degli intervistati ritiene che esista una correlazione diretta tra presenza di immigrati e aumento
della criminalit.

uscito il nuovo numero speciale di Dylan Dog!


Me ne infischio! Non sopporto questo tipo di fumetti che fanno adesso: io rester sempre affezionato a Topolino!

47. D1 - Paure...
I voce:
Fa pi paura quello che pi vicino: lo zingaro che
ci chiede i soldi al semaforo, il ladro che entra in casa
mentre noi siamo in ferie; fa paura indossare gioielli
e fanno paura gli automobilisti incoscienti.
176

III voce:
Quindi c una differenza a livello locale, a livello
territoriale?

IV voce (Giuseppe De Rita):


Noi siamo rimasti molto sorpresi che il livello maggiore di paura, oggi, degli italiani, non sia nelle isole
o nel Mezzogiorno continentale, ma sia nel Nord-Est.
48. Quaderno degli esercizi
Benvenuti a questa puntata dedicata al lavoro. Oggi
parleremo di precariato.
Da alcuni anni a questa parte, la condizione dei giovani che si trovano a muovere i primi passi nel mondo del lavoro ulteriormente peggiorata.
Gli stage, che in un primo momento sembravano essere un modo efficace per imparare a lavorare direttamente sul campo, sono diventati fonte di manodopera gratuita per le aziende. Sono sempre di pi i ragazzi che passano di stage in stage senza essere mai
riconfermati dallazienda perch la politica di molte
di queste non pi formare futuri giovani lavoratori
ma sfruttarne il lavoro quanto pi possibile.
E quando si trova lavoro? I nuovi contratti a progetto
o a tempo determinato non permettono di programmare la vita neanche a medio termine, lacquisto di
una casa - senza laiuto dei propri genitori - del tutto impensabile senza un mutuo - che una banca non
concede a chi non ha un posto sicuro - a meno che, a
garanzia di questo, non venga data la pensione dei
propri genitori, cosa chiesta sempre pi spesso dagli
istituti di credito ai giovani precari che si rivolgono a
loro. E cos, oltre ad avere lavoratori precari, abbiamo anche pensionati precarissimi.
Questa situazione non coinvolge solo i giovanissimi:
infatti, il precariato una condizione che spesso si
trascina per anni, fino quasi a diventare una condizione lavorativa... a tempo indeterminato! Abbiamo raccolto alcune storie di ordinario precariato: solo poche
tra le tantissime, molto simili, che ogni giorno vivono centinaia di migliaia di italiani. Ascoltiamole:
Sono Valerio, ho 34 anni e negli ultimi 5 ho collezionato la bellezza di una ventina di contratti di lavoro
diversi, tutti precari, tutti pagati pochissimo, tutti senza tutele: ci sarebbe quasi da ridere se non fosse che
ho una famiglia da mantenere e ogni mese arrivare
alla fine un dramma.
Sono Sabrina, 33 anni, uno dei tanti schiavi delle
agenzie interinali: ormai ho perso il conto di tutte le
ditte a cui sono stata affittata per pochi giorni negli
ultimi anni. Ogni mese sempre peggio, mi sono pi
volte umiliata per chiedere non dico un contratto a
tempo indeterminato, ma almeno uno a termine di

qualche mese ed ogni volta il personale delle agenzie


ti risponde che non sei qualificata (io ho una laurea,
ma sembra non contare niente), che cercano gente
con esperienza (come fai ad averla se non ti fanno lavorare?) o che non un buon periodo. Alla fine vengo
ogni volta presa in giro e trattata come un oggetto,
spogliata della mia dignit per permettere a queste
societ di guadagnare milioni di euro.
Sono Alessandro. Ho perso la speranza per il futuro
perch, dopo anni di sacrifici e aspettative alluniversit, dedicandomi alla mia passione per la storia dellarte, mi ritrovo a lavorare come responsabile in un
fast-food con uno stipendio che non mi permette
neanche di pagarmi un appartamento da solo poich
Firenze, la citt dove vivo, incredibilmente cara. A
questo punto, che senso ha tutto questo? Proprio nessuno... Motivo per cui torner dai miei genitori, star
con loro a Lecce, cercando un lavoretto che non mi
stressi pi di tanto. Non ho una macchina, non ho
possibilit di ottenere un mutuo, cosa lavoro a fare, in
un posto che per di pi mi disgusta?
UNIT 11
50. D2 - Andiamo a teatro
Nato nel 1867, Pirandello fu uno dei pi grandi e innovativi drammaturghi del XX secolo. Era, si pu dire, ossessionato dal problema dellidentit, tanto da
farne il tema centrale di tutta la sua opera: in Cos
(se vi pare), chi sia realmente la figura di donna su
cui si basa la storia non chiaro. Fu, quella, la prima
di molte suggestive opere basate sullidea che non
esiste alcuna realt oggettiva. In Sei personaggi in
cerca di autore, i personaggi creati da un autore che
poi si rifiutato di portare a conclusione le loro vicende, pregano il capocomico e gli attori di dar loro
compiuta esistenza. In Enrico IV, per evitare di affrontare la realt della vita, il protagonista si rifugia
in una finta pazzia. Pirandello, che nel 1934 ricevette il premio Nobel per la Letteratura, ci ha lasciato
una produzione immensa: pi di 40 opere, tra romanzi e pice teatrali, tra cui Stasera si recita a soggetto,
Lesclusa, Il fu Mattia Pascal, Uno, nessuno e centomila, Il berretto a sonagli e Novelle per un anno. I
suoi lavori preludono al teatro dellassurdo e sono carichi di pessimismo esistenziale con una forte dose di
ironia. Lui stesso disse: Penso che la vita sia una tristissima buffonata, perch abbiamo dentro di noi il
bisogno di autoingannarci costantemente creando una
realt che spesso si scopre illusoria e vana. Mor nel
1936.
177

Eduardo De Filippo nacque a Napoli nel 1900. Affermatosi come attore in diverse compagnie napoletane, ne form una sua con i fratelli Titina e Peppino.
Presto cominci a scrivere e a portare in scena i suoi
spettacoli teatrali ottenendo grandi successi, come
per esempio Natale in casa Cupiello. Finita la guerra, debutt al San Carlo di Napoli con il bellissimo
Napoli milionaria in cui Gennaro, tranviere napoletano, cerca di difendere lunit e la dignit della sua famiglia durante la seconda guerra mondiale. Seguono
altri trionfi in cui racconta i dolori e le miserie della
sua Napoli con cinismo e umorismo, come per esempio Non ti pago, Sabato, domenica e luned e, forse il
suo capolavoro, Filumena Marturano, che Vittorio De
Sica port sul grande schermo con Sofia Loren e
Marcello Mastroianni (Matrimonio allitaliana). Filumena davanti al pericolo di perdere Domenico, dopo una storia di 25 anni, gli rivela di avere tre figli e
che solo uno di questi lha avuto da lui. Non potendo
scoprire la verit, lui alla fine la sposa e d il suo nome a tutti e tre i ragazzi. De Filippo ha recitato fino a
ottantanni ed morto nel 1984. Tra gli ultimi successi ricordiamo Gli esami non finiscono mai.
51. E2 - Librerie e libri
G

Si dice che gli italiani non siano un popolo di lettori: vero, secondo la Sua esperienza?
Non c dubbio, senzaltro, i dati, le statistiche parlano chiaro, gli acquisti effettuati per cliente nel
corso di un anno sono sempre comunque a un livello dei pi bassi in tutta Europa, credo che soltanto la Grecia e pochi altri Paesi siano inferiori a
livello di acquisti medi per libri.
Secondo Lei perch gli italiani non leggono?
Gli italiani storicamente sono poco abituati a leggere, fin dalla prima infanzia; la scuola probabilmente li invoglia poco, lapproccio con la lettura
sempre qualcosa di estremamente legato allaccademia e quindi bene o male si invoglia poco il
bambino o la bambina di turno a confrontarsi con
letture un pochino pi interessanti. Il pubblico
adulto daltra parte ha poco tempo e quando si arriva alla fine della giornata, orario solitamente assegnato alla lettura chiaro che la fatica del leggere, la concentrazione eccetera richiedono unattenzione che non sempre possibile dare. La tv in
questo indubbiamente pi facile.
Lidentikit del lettore forte, secondo Lei.
Il lettore forte un... Intanto si dice da sempre che

178

donna. Per antica tradizione donna. E questo


ha anche orientato un certo tipo di scelte editoriali, per cui le grandi case editrici spesso scelgono
di pubblicare cose gi in qualche modo sapendo e
scegliendo a chi proporlo. In linea di massima diciamo che il pubblico maschile predilige in maniera molto generica una lettura gialla o al limite
dinteresse politico o dattualit, mentre il pubblico femminile si confronta ancora con i grandi romanzi, romanzi damore ma anche non. Grandi
successi editoriali di questi ultimi anni sono stati
proprio legati a un ritorno forte della storia e anche a un pizzico di tematiche religiose, pi o meno ampie.
G

l
G

Quindi questi sono pi o meno i generi pi venduti.


S, s, s, s.
Invece i giovani, il pubblico giovane ha particolari preferenze?
I giovani, come al solito sono anche il tipo di pubblico pi influenzabile dalla pubblicit, pi legati
anche a un certo tipo di richiamo televisivo, per
cui se c il tale autore che va, tanto per non far
nomi, da Fazio o da qualche altra trasmissione tradizionalmente seguita da un lettore di libri, spesso
il giorno dopo si presenta e richiede il libro che
stato presentato.

52. Quaderno degli esercizi


In quella notte allimprovviso mi ero accorta di una
cosa, e cio che tra la nostra anima e il nostro corpo
ci sono tante piccole finestre: da l, se sono aperte,
passano le emozioni, se sono socchiuse filtrano appena, solo lamore le pu spalancare tutte assieme e di
colpo, come una raffica di vento.
Nellultima settimana del mio soggiorno a Porretta
siamo stati sempre assieme, facevamo lunghe passeggiate, parlavamo fino ad avere la gola secca. Comerano diversi i discorsi di Ernesto da quelli di Augusto! Tutto in lui era passione, entusiasmo, sapeva
entrare negli argomenti pi difficili con una semplicit assoluta. Parlavamo spesso di Dio, della possibilit che, oltre la realt tangibile, esistesse qualcosaltro. Lui aveva fatto la Resistenza, pi di una volta
aveva visto la morte in faccia. In quegli istanti gli era
nato il pensiero di qualcosa di superiore, non per la
paura ma per il dilatarsi della coscienza in uno spazio
pi ampio. Non posso seguire i riti, mi diceva,
non andr mai in un luogo di culto, non potr mai
credere ai dogmi, alle storie inventate da altri uomini

come me. Ci rubavamo le parole di bocca, pensavamo le stesse cose, le dicevamo allo stesso modo, sembrava che ci conoscessimo da anni anzich da due
settimane.
Ci restava poco tempo ancora, le ultime notti non
abbiamo dormito pi di unora, ci addormentavamo il
tempo minimo per riprendere le forze. Ernesto era
molto appassionato allargomento della predestinazione. Nella vita di ogni uomo, diceva, esiste solo
una donna assieme alla quale raggiungere lunione
perfetta e, nella vita di ogni donna, esiste un solo uomo assieme al quale essere completa. Trovarsi per
era un destino di pochi, di pochissimi. Tutti gli altri
erano costretti a vivere in uno stato di insoddisfazio-

ne, di nostalgia perpetua. Quanti incontri ci saranno


cos, diceva, uno su diecimila, uno su un milione,
su dieci milioni? Uno su dieci milioni, s. Tutti gli
altri sono aggiustamenti, simpatie epidermiche, transitorie, affinit fisiche o di carattere, convenzioni sociali. Dopo queste considerazioni non faceva altro
che ripetere: Come siamo stati fortunati, eh? Chiss
cosa c dietro, chi lo sa?
Il giorno della partenza, aspettando il treno nella minuscola stazione, mi ha abbracciato e mi ha bisbigliato in un orecchio: In quale vita ci siamo gi conosciuti? In tante, gli ho risposto io, e ho cominciato a piangere. Nascosto nella borsetta avevo il suo recapito di Ferrara.

179

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit introduttiva

Il gioco
Per gli insegnanti: fotocopiate la lista di parole data e ricavatene un cartellino per parola
ritagliando lungo le linee. Suddividete la classe in gruppi e consegnate un mazzo di parole ad ogni
gruppo. Gli studenti dispongono i cartellini davanti a s con la parte scritta rivolta verso il basso. Al
vostro via in ogni gruppo si girano cinque carte. Tutti leggono le parole e cercano di memorizzarle
fino al vostro stop che arriver dopo circa 30 secondi. A questo punto le carte vengono riposte da
una parte con la scritta rivolta verso il basso. Adesso gli studenti hanno 30 secondi di tempo per
scrivere le cinque parole. Al vostro stop sar possibile controllare se le parole sono scritte in
maniera giusta o meno. Si ottiene un punto per ogni parola corretta. Procedete cos per altre cinque
volte ovvero fino a quando tutte le 30 parole contenute in tabella saranno state utilizzate.
Naturalmente in ogni gruppo vince lo studente che ha accumulato il punteggio maggiore.
Per gli studenti: stampate la lista di parole. Scegliete cinque parole a caso, osservatele per 30
secondi e poi coprite il foglio. Trascrivete le parole in un foglio quindi controllate se le avete scritte
correttamente. Cancellate dalla lista le parole utilizzate e sceglietene altre cinque. Procedete cos
fino a che avrete trascritto tutte le parole contenute nella lista. Quante ne avete scritte correttamente
su 30?

parere

collaborazione ripassare

favore

riuscire

progetti

formaggio

piaciuto

compagni

difficile

richieste

pressione

pantaloni

farfalle

vestito

immagini

pomeriggio

fratellini

bagno

cappello

convincere

niente

neanche

restituito

perch

passante

abbigliamento barista

biglietteria

maglietta

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit introduttiva

La pratica
Per gli insegnanti: fotocopiate la lista di frasi sgrammaticate. Consegnatene una copia ad ogni
gruppo di tre o quattro studenti. Date qualche minuto di tempo per individuare lerrore e
correggerlo. Al termine procedete con il riscontro in plenum. Ogni gruppo ottiene un punto per ogni
frase corretta. Naturalmente vince il gruppo che ha accumulato il punteggio maggiore.
Per gli studenti: stampate la tabella contenente la lista di frasi sgrammaticate. Correggete le frasi
quindi ricercatele per il confronto allinterno dellunit introduttiva.

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Hai invitato unamico a casa.

Cosa dici per comprare il


formmaggio parmigiano?

Sabato pomerigio sono andata


al centro commerciale.

Renato stava piangiendo.

Addesso basta.

Te ne conpriamo un altro.

Anchio voglio un cappello.

Loro anno cominciato a


piangere.

Dice che la colpa e mia.

In fondo ha raggione.

Chiedi auto a un passante.

Sei in un negozzio di
abbigliamento.

Sei a la stazione.

Vuoi andare da Roma per


Milano.

Cosa dichi allimpiegata?

Vuoi prendere un caffe.

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 1

Il gioco
Per gli insegnanti: fotocopiate la tabella e consegnatene una copia ad ogni gruppo di studenti.
Lasciate qualche minuto di tempo a disposizione per inserire le parole elencate in basso nella giusta
colonna. Al termine dovranno risultare quattro parole per colonna e quattro intrusi. Procedete con il
riscontro in plenum.
Per gli studenti: stampate la tabella e inserite le parole elencate in basso nella giusta colonna. Al
termine dovranno risultare quattro parole per colonna e quattro intrusi. Confrontate il vostro
risultato con la soluzione.

Soluzione:
la letteratura

gli esami

i pronomi combinati

le facolt
universitarie

la scuola

italiana

programma

me li

medicina

media

scrittore

appunti

ce lo

ingegneria

materna

Verga

maturit

gliene

psicologia

superiore

Romanticismo

domande

ve la

lingue

elementare

Parole intruse:
Baretti

capitolo

glielha

geometra

Edizioni Edilingua

asilo

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

la letteratura

gli esami

i pronomi
combinati

le facolt
universitarie

Edizioni Edilingua

la scuola

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

media

Baretti

elementare geometra
Verga
ingegneria

maturit

capitolo

psicologia

ce lo

me li

asilo

gliene

italiana

medicina
ve la
domande

lingue

superiore

materna

ompresi gli intrus

Edizioni Edilingua

scrittore

glielha
programma
appunti

Romanticismo

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 1

La pratica
Per gli insegnanti: fotocopiate la tabella contenente le battute del dialogo a pagina 15 di Nuovo
Progetto Italiano 2 e ritagliate lungo le linee in modo da ottenere un set di cartellini. Dividete la
classe in gruppi e consegnate un set di cartellini ad ogni gruppo di studenti. Date qualche minuto di
tempo per riordinare il dialogo. Al termine procedete con il riscontro in plenum invitando gli
studenti a confrontare il proprio risultato con il dialogo contenuto nel libro.
Per gli studenti: rimettete in ordine il dialogo riscrivendolo in un foglio. Controllate il vostro
lavoro confrontandolo con il dialogo presente a pagina 15 di Nuovo Progetto Italiano 2.

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

- Finalmente a casa dopo un mese a New York! Allora, sorellina, cos successo nella
nostra piccola citt?

- Vedi quante novit nella nostra piccola citt?


- Davvero?! Credevo che non si sarebbe sposata mai. Poi?
- Incredibile! Ma chi lavrebbe mai detto?
- Ma va! Domani le far visita!
- Ma quale piccola? Qua peggio di New York!!!
- Vediamo... ah, Marianna si sposa.
- Eh... Riccardo ha comprato una Ferrari!.
- Ah, unultima cosa: il tuo ex si fidanzato!
- E non solo: lei si messa con Alberto!
- Non me lo dire! Va be, tanto ormai non me ne frega pi niente!
- Possibile?! Ma dove cavolo li trova i soldi? Altro?
- Non ci credo! Ma guarda quante notizie.
- S... Marco e Raffaella si sono lasciati!
- Cosaltro? ...Ah, zia Maria ha vinto al totocalcio!

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 2

Il gioco
Per gli insegnanti: fotocopiate la scheda e consegnatene una copia ad ogni gruppo o coppia di
studenti. Lasciate qualche minuto di tempo a disposizione per creare delle coppie tra le parole della
lista e le loro definizioni osinonimi. Procedete con il riscontro in plenum.
Per gli studenti: stampate la tabella e create delle coppie tra le parole della lista e le loro
definizioni.. Confrontate il vostro risultato con la soluzione.

Soluzione:
Pu essere corrente.
La pi antica dItalia si chiama Monte dei Paschi.
Li produce la zecca di stato.
Se qualcuno deve darmi dei soldi ho un ...
uno sportello automatico per il prelievo di denaro.
Compere.
Prezzi ribassati.
Ridare a qualcuno quello che ci aveva prestato.
Lo sono banconote e monete.
Se non ho abbastanza denaro per comprare una casa posso chiedere un .........
Lo invio insieme ad una domanda di lavoro.
Persone che vorrebbero ottenere un posto di lavoro.
Offerta di lavoro scritta in un giornale.
Esame che si fa per ottenere un posto di lavoro.
Scrive per un quotidiano.
Ditte, imprese.

Edizioni Edilingua

conto
banca
soldi
credito
bancomat
acquisti
sconti
restituire
contanti
mutuo
Curriculum Vitae
candidati
annuncio
concorso
giornalista
aziende

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

annuncio
contanti
credito
soldi
giornalista
Curriculum Vitae
bancomat
sconti
restituire
conto
aziende
mutuo
candidati
acquisti
concorso
banca

Pu essere corrente.
La pi antica dItalia si chiama Monte dei Paschi.
Li produce la zecca di stato.
Se qualcuno deve darmi dei soldi ho un .........
uno sportello automatico per il prelievo di denaro.
Compere.
Prezzi ribassati.
Ridare a qualcuno quello che ci aveva prestato.
Lo sono banconote e monete.
Se non ho abbastanza denaro per comprare una casa posso
chiedere un...
Lo invio insieme ad una domanda di lavoro.
Persone che vorrebbero ottenere un posto di lavoro.
Offerta di lavoro scritta in un giornale.
Esame che si fa per ottenere un posto di lavoro.
Scrive per un quotidiano.
Ditte, imprese.

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 2

La pratica
Per gli insegnanti: fotocopiate la scheda e consegnatene una copia ad ogni gruppo o coppia di
studenti. Nella tabella sono contenute dieci frasi. In ogni frase una o pi parole sono scritte in
maiuscolo. Per ogni frase sono presenti 3 opzioni: si pu lasciare la frase come , oppure fare i
cambiamenti che vengono suggeriti. Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per decidere tra
le varie opzioni per ogni frase. Al termine procedete con il riscontro in plenum.
Per gli studenti: stampate la scheda. Nella tabella sono contenute dieci frasi. In ogni frase una o pi
parole sono scritte in maiuscolo. Per ogni frase sono presenti 3 opzioni: si pu lasciare la frase come
, oppure fare i cambiamenti che vengono suggeriti. Decidete tra le varie opzioni quindi confrontate
i vostri risultati con la soluzione.

Soluzione: 1-a, 2-c, 3-b, 4-c, 5-c, 6-a, 7-c, 8-a, 9-c, 10-c

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche


Frase n. 1
a
b
c
Frase n. 2
a
b
c
Frase n. 3
a
b
c
Frase n. 4
a
b
c
Frase n. 5
a
b
c
Frase n. 6
a
b
c
Frase n. 7
a
b
c
Frase n. 8
a
b
c
Frase n. 9
a
b
c
Frase n. 10
a
b
c

Lho finalmente aperto.


la frase corretta
cambia LHO con LO
cambia LHO con L'O

un nuovo conto corrente pensato apposta agli studenti.


la frase corretta
cambia AGLI con SUGLI
cambia AGLI con PER GLI

Il bancomat funziona anche da carta di credito


La frase corretta
Cambia DA con COME
Cambia DA con SU

Le scarpe che vorrei comprare sono troppi care.


La frase corretta
Cambia TROPPI con TROPPE
Cambia TROPPI con TROPPO

Le ragioni in cui ci vado sono due.


La frase corretta
Cambia IN con SU
Cambia IN con PER

Resto a Sua disposizione per un eventuale colloquio.


La frase corretta
Cambia SUA con MIA
Cambia SUA con TUA

Chi vai piano va sano e va lontano.


La frase corretta
Cambia VAI con VAI
Cambia VAI con VA

Perch, tu credi ancora nei concorsi?


La frase corretta
Cambia PERCH con PERCH
Cambia PERCH con FINCH

Per starsi dietro mi sono messo a correre.


La frase corretta
Cambia STARSI con STARMI
Cambia STARSI con STARGLI

Sto lavorando quando Elisa mi ha telefonato.


La frase corretta
Cambia STO con SONO STATO
Cambia STO con STAVO

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 3

Il gioco
Per gli insegnanti: fotocopiate la scheda e consegnatene una copia ad ogni gruppo o coppia di
studenti. Lasciate qualche minuto di tempo a disposizione per individuare per ogni parola lunica
definizione sbagliata tra quelle presenti. Procedete con il riscontro in plenum.
Per gli studenti: stampate la tabella e individuate per ogni parola lunica definizione sbagliata tra
quelle presenti. Confrontate il vostro risultato con la soluzione.

Soluzione:
direi
definizione sbagliata: un infinito
( un condizionale)
stipendio
definizione sbagliata: il suo plurale stipendii
(il suo plurale stipendi)
Veneto
definizione sbagliata: al centro
( al nord)
mentalit
definizione sbagliata: un aggettivo
( un sostantivo)
Michelangelo
definizione sbagliata: un artista del Medioevo
( un artista del Rinascimento)
Arno
definizione sbagliata: sbocca nel mare Adriatico
(sbocca nel mar Tirreno)

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

direi

stipendio

un verbo
un infinito
un verbo della seconda coniugazione
un verbo irregolare
una prima persona singolare

un sostantivo
maschile
ha come articolo determinativo lo
il suo plurale stipendii
indica il denaro che si riceve per lavorare

Veneto

mentalit

una regione
al centro
ad est
comprende la citt di Padova
un aggettivo

una parola italiana


femminile
invariato al plurale
deriva da mente
un aggettivo

Michelangelo

Arno

un artista toscano
un artista del Medioevo
ha lavorato a Roma
ha scolpito il Davide
ha vissuto molto a lungo

un fiume
si trova a Firenze
sbocca nel mare Adriatico
non il primo fiume dItalia
attraversa Pisa

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 3

La pratica
Per gli insegnanti: fotocopiate la scheda e consegnatene una copia ad ogni gruppo o coppia di
studenti. Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per individuare lintruso in ogni citt.
Per gli studenti: stampate la scheda. Individuate lintruso in ogni citt. Confrontate i vostri risultati
con la soluzione.

Soluzione:
Firenze: la Mole Antonelliana
Venezia: il duomo di San Lorenzo
Roma: il David di Donatello
Napoli: la piazza dei Miracoli

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Che cosa c a Firenze?


gli Uffizi

Ponte Vecchio

la Mole Antonelliana

il Davide
il campanile diGiotto

Che cosa c a Venezia?


il Canal Grande

il ponte di Rialto
le gondole

il duomo di San Lorenzo

il festival del cinema

Che cosa c a Roma?


il Pantheon

il David di Donatello
San Pietro

Piazza Navona

Piazza di Spagna

Che cosa c a Napoli?


la piazza dei Miracoli
il Golfo

il Vesuvio

il Maschio Angioino

il Teatro San Carlo

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 4

Il gioco
Per gli insegnanti: fotocopiate la scheda e consegnatene una copia ad ogni gruppo o coppia di
studenti. Lasciate qualche minuto di tempo a disposizione per ricomporre le frasi in disordine.
Procedete con il riscontro in plenum.
Per gli studenti: stampate la tabella e cercate di ricomporre le frasi in disordine. Confrontate il
vostro risultato con la soluzione.

Soluzione:
La maestra ci ha parlato un po dellantica Roma ma non ho capito bene chi la
fond.
Con il tempo i Romani sconfissero gli altri popoli e diventarono una potenza
militare.
Caius Bonus voleva a tutti i costi la ricetta della nostra pozione magica.
Carlo Magno incoronato imperatore del Sacro Romano Impero.
Alcuni Signori amanti della cultura chiamarono nelle loro corti i migliori
artisti dellepoca.
Allinizio del nuovo secolo, l'evento pi importante stato l'arrivo dell'Euro

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche


maestra capito ci La ho parlato un ha po Roma ma bene fond la . non chi dellantica

...............................................................................................................................................................

il sconfissero militare Romani tempo i e popoli altri diventarono Con potenza una gli

...............................................................................................................................................................

pozione a i magica Caius tutti ricetta voleva costi la della Bonus nostra

...............................................................................................................................................................

incoronato del Impero Carlo Sacro imperatore Magno Romano

...............................................................................................................................................................

dellcorti cultura della Alcuni nelle i chiamarono amanti artisti Signori loro migliori epoca

...............................................................................................................................................................

pi arrivo All del importante secolo,evento Euro stato l dell inizio nuovo l

...............................................................................................................................................................

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 4

La pratica
Per gli insegnanti: fotocopiate la scheda e consegnatene una copia ad ogni gruppo o coppia di
studenti. Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per indicare quale casella contiene
lelemento giusto per completare la frase precedente e segnarla con un cerchio. Al termine
procedete con il riscontro in plenum.
Per gli studenti: stampate la scheda. Individuate quale casella contiene lelemento giusto per
completare la frase precedente e segnatela con un cerchio. Confrontate i vostri risultati con la
soluzione.

Soluzione:
della, andarono, ne, divenne, dichiar

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Con il tempo i Romani sconfissero gli altri popoli ....... penisola

con la

verso la

della

sulla

Adesso vi spiego io come ................ veramente le cose.

andiedero

andarono

andettero

andrarono

Che ........ dici di una bella partita a scacchi?

me

se

ce

ne

Dopo lanno Mille, la piazza ............ il nuovo centro vitale della citt.

divenne

venne

pervenne

rivenne

Nel 1861 il parlamento ............ Vittorio Emanuele II re dItalia.

dichiara

dichiar

dichiaro

Edizioni Edilingua

dichiar.

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 5

Il gioco
Per gli insegnanti: fotocopiate la scheda e consegnatene una copia ad ogni gruppo o coppia di
studenti. Lasciate qualche minuto di tempo a disposizione per individuare le coppie di parole.
Procedete con il riscontro in plenum.
Per gli studenti: stampate la tabella e individuate le coppie di parole. Confrontate il vostro risultato
con la soluzione.

Soluzione:
dorme-sonno
mantenersi-giovani
abitudini-personali

nuoto-piscina
vita-sana
sotto-stress

ritmi-frenetici
carattere-equilibrato
situazioneeconomica

Edizioni Edilingua

vitamine-integratori
massaggio-sauna
treno-passeggero

montagna-campagna
esercizio-fisico
calcio-tifoso

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

dorme

giovani

esercizio

calcio

situazione

carattere

campagna

personali

piscina

sauna

vitamine

tifoso

sana

mantenersi

economica

massaggio

vita

passeggero

treno

frenetici

integratori

stress

sonno

montagna

sotto

ritmi

fisico

nuoto

equilibrato

abitudini

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 5

Pratica
Per gli insegnanti: fotocopiate la scheda e consegnatene una copia ad ogni gruppo o coppia di
studenti. Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per indicare quali sono le frasi che sarebbe
meglio non utilizzare nelle situazioni indicate Al termine procedete con il riscontro in plenum.
Per gli studenti: stampate la scheda. Individuate le frase che sarebbe meglio non utilizzare nelle
situazioni indicate. Confrontate i vostri risultati con la soluzione.

Soluzione:
Sembri molto malato!
Ma smetti di mangiare tutti quei dolci!
Ma sei proprio di sicuro di riuscire a fare unora di aerobica?
Lei ci arriva fino alla quinta variazione di Derdre DOver?

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Con un amico che non sta bene


Almeno il fine settimana potresti fare jogging!
Prendi delle vitamine!
Credo che tu sia molto stressato.
Sembri molto malato!

Dare consigli per vivere in maniera sana


Dovresti fare pi movimento.
Ma smetti di mangiare tutti quei dolci!
Cerca di dormire almeno 7 ore a notte.
Perch non provi a camminare un'ora al giorno?.

In palestra
Vorrei informazioni sugli orari di apertura della sauna.
Ma sei proprio di sicuro di riuscire a fare unora di aerobica?
Forza ragazzi, ancora un minuto, un piccolo sforzo in pi!
Uno, due, tre, quattro, uno, due, tre, quattro, uno due.......

In treno
Ha sentito lultima notizia di oggi?
Va anche lei a Bologna?
Lei ci arriva fino alla quinta variazione di Derdre DOver?
Scusi, se non Le dispiace vorrei aprire il finestrino.

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 6

Il gioco
Per gli insegnanti: fotocopiate la scheda e consegnatene una copia ad ogni gruppo o coppia di
studenti. La scheda contiene una serie di parole scritte alla rinfusa. Date agli studenti qualche
minuto di tempo per cercare di memorizzare le parole, dopodich fatevi restituire le schede. In un
foglio gli studenti cercheranno di scrivere le parole che ricordano. Se volete trasformare lattivit in
una gara, il vincitore sar la coppia o il gruppo che ha scritto pi parole corrette. Procedete con il
riscontro in plenum.
Per gli studenti: stampate la tabella. La scheda contiene una serie di parole scritte alla rinfusa.
Avete qualche minuto di tempo per cercare di memorizzare le parole, dopodich dovete mettere da
parte la scheda. In un foglio cercate di scrivere le parole che ricordate. Quante parole avete scritto
correttamente?

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

ascoltare

emozioni

Scala

versi

La Traviata

lirica

opera

Pavarotti

libretto

coro

pubblico

musica

soprano

tenore

famoso

successo

teatro

rappresentazione

scena

passione

concerto

voce

Rigoletto

Aida

Nabucco

aria

palcoscenico

orchestra

Edizioni Edilingua

platea

maestro

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 6

La pratica
Per gli insegnanti: fotocopiate la scheda e consegnatene una copia ad ogni gruppo o coppia di
studenti. Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per completare le frasi scegliendo una delle
quattro preposizioni contenute nei riquadri in alto. Ogni frase completata correttamente vale 10
punti. Chi riesce a fare 100? Procedete con il riscontro in plenum.
Per gli studenti: stampate la scheda. Completare le frasi scegliendo una delle quattro preposizioni
contenute nei riquadri in alto. Ogni frase completata correttamente vale 10 punti. Riuscite a fare
100? Confrontate i vostri risultati con la soluzione.

Soluzione:
1. di, 2. a, 3. a, 4. per, 5. a, 6. a, 7.di, 8. in, 9. di, 10. in

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

DI

PER

1. Per me si tratta proprio ...... una passione.


2. Voglio andare alla Scala ...... comprare un biglietto per la Traviata.
3. Non riesco ...... capire tutti i versi.
4. Compri un biglietto anche ...... mia moglie.
5. Mia moglie mi ha portato una volta ...... la Bohme.
6. Inizi ...... cantare nel coro ecclesiastico locale.
7. Il padre lo cacci ...... casa.
8. Hanno reso il nome di Pavarotti famoso ...... tutto il mondo.
9. Al Metropolitan ...... New York, in 18 stagioni, cant 607 volte.
10. apparso anche ...... TV.

Edizioni Edilingua

IN

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 7

Il gioco
Per gli insegnanti: fotocopiate la scheda e consegnatene una copia ad ogni gruppo o coppia di
studenti. La scheda contiene delle caselle che assomigliano ad una slot machine e contengono una
forma verbale un pronome personale soggetto e un verbo allinfinito. Nella riga sottostante gli
studenti devono inserire il verbo coniugato al tempo e al soggetto indicato, tenendo in
considerazione il fatto che tale verbo si trover in una frase subordinata. La frase principale di
riferimento precede la tabella. Procedete con il riscontro in plenum.
Per gli studenti: stampate la tabella. La scheda contiene delle caselle che assomigliano ad una slot
machine e contengono una forma verbale un pronome personale soggetto e un verbo allinfinito.
Nella riga sottostante deve essere inserito il verbo coniugato al tempo e al soggetto indicato,
tenendo in considerazione il fatto che tale verbo si trover in una frase subordinata. La frase
principale di riferimento precede la tabella. Confrontate il vostro risultato con la soluzione.

Esempio:
imperfetto

tu
prendevi

Soluzione:
Angela e Carlo pensavano che
partissimo
sarebbe tornato
avessi mangiato
rimanesse
aveste telefonato
Laura felice che:
ritorni
ti sia sposato
abbia lavorato
si divertano
veniate

Edizioni Edilingua

prendere

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Angela e Carlo pensavano che....


cong. imperfetto

noi

partire

.....................

condiz. composto

Luca

tornare

.....................

cong. trapassato

tu

mangiare

.....................

imperfetto

lui

rimanere

.....................

cong. imperfetto

voi

telefonare

.....................

Laura felice che:


cong. presente

Lorenzo

ritornare

.....................

cong. passato

tu

sposarsi

.....................

cong. passato

io

lavorare

.....................

cong. pres.

i suoi genitori

divertirsi

.....................

cong. pres.

voi
.....................

Edizioni Edilingua

venire

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 7

La pratica
Per gli insegnanti: fotocopiate la scheda, tagliatela lungo le linee e consegnatene un mazzo di carte
ad ogni gruppo o coppia di studenti. Il compito consiste nellindividuare il super-rovescio, ovvero
abbinare le coppie di parole che hanno significato opposto. Ogni coppia vale 10 punti. Chi riesce a
fare 100? Procedete con il riscontro in plenum.
Per gli studenti: stampate la scheda e tagliatela lungo le linee. Individuate il super-rovescio, ovvero
abbinate le coppie di parole che hanno significato opposto. Ogni coppia vale 10 punti. Riuscite a
fare 100? Confrontate i vostri risultati con la soluzione.

Soluzione:
rumore

tranquillit

smog

aria pulita

citt

campagna

paradiso

inferno

luminoso

buio

diritto

dovere

rilassante

stressante

periferia

centro

occidente

oriente

sprecare

risparmiare

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

rumore

dovere

smog

oriente

citt

stressante

paradiso

tranquillit

luminoso

centro

diritto

inferno

rilassante

aria pulita

periferia

risparmiare

occidente

buio

sprecare

campagna

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 8

Il gioco
Per gli insegnanti: fotocopiate la scheda e consegnatene una copia ad ogni gruppo o coppia di
studenti. Lasciate qualche minuto di tempo a disposizione per completare le frasi scegliendo quelle
adatte e corrette tra le espressioni date. Procedete con il riscontro in plenum.
Per gli studenti: stampate la tabella e completate le frasi scegliendo quelle adatte e corrette tra le
espressioni date. Confrontate il vostro risultato con la soluzione.

Soluzione:
Amedeo accusa Luigi di essere cambiato.
Luigi pensa solo a nuovi videogiochi da comprare
Se non ti conoscessi da anni, penserei che sei una persona superficiale.
Guarda che se vai avanti cos, ti isolerai.
Lui ha inventato una scusa, ma non ci ho creduto!
Ragazzi andate pi piano, non ce la faccio pi!
Perch non lo dice anche a Simonetta che pensava solo a Deborah?
Gugliemo Marconi considerato il padre delle telecomunicazioni.

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Amedeo accusa Luigi ..................

Luigi pensa solo a

..................... cambiato.

.................. ..................... da

Se non ti conoscessi da anni, ..................


persona superficiale.

Guarda che se vai ..................

.....................,

Lui ha inventato una scusa, ma non


creduto!

Ragazzi andate pi piano, non


pi!

comprare

..................... sei

una

ti isolerai.

.................. .....................

.................. ..................... faccio

Perch non lo dice anche a Simonetta ..................


solo a Deborah?

Gugliemo Marconi considerato ..................


telecomunicazioni.

Edizioni Edilingua

.....................

..................... delle

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

di essere

di avere

il fratello

ti ho

a spesa
glielho

che pensava

le ho

ce lo

glielo

ce la

il capo

di corsa

nuovi videogiochi

spererei che

che sognava
ci ho

la madre

penserei che

avanti cos
di fare

penseresti che
gliela

lui ho

indietro cos
il padre

ve la
diresti che

sempre cos
mi ho

che voleva

Edizioni Edilingua

di stare

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 8

La pratica
Per gli insegnanti: fotocopiate la scheda. Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per
leggere il dialogo tra Rosa e Monica a pagina126 quindi invitateli a chiudere il libro e consegnate
una copia della scheda ad ogni gruppo o coppia di studenti. Il compito consiste nel completare le
parti mancanti del dialogo. Procedete con il riscontro in plenum.
Per gli studenti: rileggete il dialogo tra Rosa e Monica a pagina 126. Stampate la scheda e a libro
chiuso completate le parti mancanti del dialogo. Confrontate i vostri risultati con il dialogo nel
libro.

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Amedeo:

Stasera ................................ noi, no?

Luigi:

Mah, non lo so... Sinceramente sono ................................ delle solite cose:


cinema, pizza... E poi ho comprato quel videogioco ................................
parlavo!

Amedeo:

Ma come, preferisci un videogame ai ................................?! Bravo!

Luigi:

Lo devi vedere questo gioco, straordinario: ha una ................................, degli


effetti che non ti dico e se riesci a raggiungere ................................ 5....

Amedeo:

Ma quale livello 5?! Guarda che se vai avanti cos, ti ................................:


presto non avrai pi amici! Tu che eri cos ................................ e
................................! Se non ti conoscessi da anni, penserei che sei una
persona superficiale.

Luigi:

Ma che centra lessere superficiali?! E andare sempre al ................................


allora? Se provassi anche tu a ................................ vedresti quanto
interessante.

Amedeo:

Ho giocato anchio, mi piace, ma ci deve ................................! Se si imparasse


almeno qualcosa, ne varrebbe ................................

Luigi:

Ma sai ................................ ho imparato?

Amedeo:

Certo, le caratteristiche di tutti i ................................ mercato! Se avessi


passato tanto tempo a parlare e a divertirti con altre persone,
................................ molte pi cose... sulla vita, non sulla realt ................................

Luigi:

Uffa, parli come mia madre! Ah, a proposito: ti ricordi di quel


................................ di realt virtuale che aspettavo? ................................,
finalmente!

Amedeo:

................................!

Ma chi se ne frega?! Va bene, tu ................................ con i tuoi


giochi ed io uscir con Lidia e Chiara!

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 9

Il gioco
Per gli insegnanti: fotocopiate la scheda e consegnatene una copia ad ogni gruppo o coppia di
studenti. Lasciate qualche minuto di tempo a disposizione per individuare le parole che possono
essere associate ai tre indizi dati, scegliendo tra quelle alla rinfusa. Procedete con il riscontro in
plenum.
Per gli studenti: stampate la tabella e individuate le parole che possono essere associate ai tre
indizi dati, scegliendo tra quelle alla rinfusa. Confrontate il vostro risultato con la soluzione.

Soluzione:
pennelli, persona,
colori
biglietto, opere, visitare
marmo, statua,
Donatello
acqua, piazza, Trevi
Cappella Sistina,
ripulire, conservare
progetto, palazzo,
Bramante
artista, oggi, Pomodoro
Raffaello, ispirazione,
arte

pittore
museo
scultore
fontana
restauro
architetto
contemporaneo
artista

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

pennelli, persona, colori

biglietto, opere, visitare

marmo, statua, Donatello

acqua, piazza, Trevi

Cappella Sistina, ripulire, conservare

progetto, palazzo, Bramante

artista, oggi, Pomodoro

Raffaello, ispirazione, arte

contemporaneo

pittore

scultore

artista

architetto
fontana
Edizioni Edilingua

museo
restauro

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 9

La pratica
Per gli insegnanti: fotocopiate la scheda e consegnatene una copia ad ogni gruppo o coppia di
studenti. Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per indicare tra le due possibilit date
quella giusta per ogni frase. Al termine procedete con il riscontro in plenum.
Per gli studenti: stampate la scheda. Indicare tra le due possibilit date quella giusta per ogni frase.
Confrontate i vostri risultati con la soluzione.

Soluzione:
sono state rubate
il furto
troppo noti
vengono interrogati
dove
si dedica
cinque secoli fa
.Nei suoi dipinti
su commissione

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Dalla sala restauro ................................ opere di Tiziano, di Caravaggio e di


Leonardo.
sono state rubate vengono rubati
A quanto pare, ................................ avvenuto sabato mattina!
il furto i furti
Mah, non lo so, sono .................................
troppo noto

troppo noti

Comunque, ho sentito che i custodi ................................ dai Carabinieri.


vengano interrogati
vengono interrogati
Dopo le prime opere va a Roma ................................, nel 1500, scolpisce la Piet
esposta in San Pietro in Vaticano.
dove
come
Nellultima fase della sua vita ................................ soprattutto allarchitettura, con
la risistemazione di Piazza del Campidoglio.
si dedica ci dedica
Il restauro ha fatto riemergere gli autentici e vivaci colori usati dal grande
Maestro quasi .................................
da cinque secoli
cinque secoli fa
................................

applica la tecnica dello sfumato, cio del morbidissimo

chiaroscuro.
Nei suoi dipinti

Coi suoi dipinti

Molti artisti contemporanei hanno realizzato opere ................................ in tutto il


mondo.
su commissione in commissione
troppo noti

dove

il furto

Nei suoi dipinti

sono state rubate

su commissione
cinque secoli fa

Edizioni Edilingua

si dedica

vengono

interrogati

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 10

Il gioco
Per gli insegnanti: fotocopiate la scheda e consegnatene una copia ad ogni gruppo o coppia di
studenti. Lasciate qualche minuto di tempo a disposizione per indovinare le parole di cui data la
definizione e il numero di lettere. Liniziale di ogni parola serve ad individuare la parola misteriosa
finale. Procedete con il riscontro in plenum.
Per gli studenti: stampate la tabella e indovinare le parole di cui data la definizione e il numero di
lettere. Liniziale di ogni parola serve ad individuare la parola misteriosa finale. Confrontate il
vostro risultato con la soluzione.

Soluzione:
Quadri
Uscire
Evadere
Stranieri
Tossicodipendenti
Uomo
Rubare
Arrestare

La parola misteriosa : questura

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

immagini da appendere
_ _ _ _ _ _

andare fuori
_ _ _ _ __

scappare dalla prigione


_ _ _ ____

lo sono i francesi per gli italiani


_ _ _ _ _ _ ___

non possono fare a meno della droga


_ _ _ _ _ _ ________ ___

laltra met della donna


_ _ _ _

portare via ci non nostro


_ _ _ _ __

prendere un ladro e portarlo in prigione


_ _ ______

La parola misteriosa : _ _ _ _ _ _ _ _ _

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 10

La pratica
Per gli insegnanti: fotocopiate la scheda e consegnatene una copia ad ogni gruppo o coppia di
studenti. Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per indicare quella giusta tra le quattro
definizioni date per ogni parola. Al termine procedete con il riscontro in plenum.
Per gli studenti: stampate la scheda. Indicate quella giusta tra le quattro definizioni date per ogni
parola. Confrontate i vostri risultati con la soluzione.

Soluzione:
La parola furto pu significare: sottrazione
La parola allarme pu significare: sirena
La parola razza pu significare: gruppo
La parola crimine pu significare: delitto
La parola droga pu significare: sostanza
La parola legge pu significare: regola

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche


La parola furto pu significare:
ladro
sottrazione

rubare
portare

La parola allarme pu significare:


sirena
pericolo

problema
richiamo

La parola razza pu significare:


gruppo
lotta

individuo
colore

La parola crimine pu significare:


azione
peccato

delitto
cattiveria

La parola droga pu significare:


sapore
tossico

pasticca
sostanza

La parola legge pu significare:


dovere
diritto

regola
comando

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 11

Il gioco
Per gli insegnanti: fotocopiate la scheda e consegnatene una copia ad ogni gruppo o coppia di
studenti. Lasciate qualche minuto di tempo per cercare di comporre almeno 4 parole per ogni
schema di lettere dato. Naturalmente sono possibili soluzioni diverse. Procedete con il riscontro in
plenum, controllando che tutte le parole composte siano effettivamente esistenti!
Per gli studenti: stampate la tabella e cercate di comporre almeno 4 parole per ogni schema di
lettere dato. Naturalmente sono possibili soluzioni diverse. Con laiuto di un dizionario controllate
se le parole composte sono effettivamente esistenti!
.

Alcune soluzioni possibili:


R
T
A

O
M
E

N
O
Z

S
N
E

O
C
I

O
R
P

ROMANZO, MANO, ZONA, MONZA, ROMA, MANZO

CORPO, SCOPO, PINO, RIONE, SCOPE

TORI, STIRO, TIRO, SCORRI, SITO

BERE, LIBRI, ERRE, LIRE, BILE

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

................................................
................................................
................................................
................................................

................................................
................................................
................................................
................................................

................................................
................................................
................................................
................................................

................................................
................................................
................................................
................................................

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

Unit 11

La pratica
Per gli insegnanti: fotocopiate la scheda e consegnatene una copia ad ogni gruppo o coppia di
studenti. Lasciate agli studenti qualche minuto di tempo per completare le frasi riguardanti i vari
dialoghi e testi dellunit 11, scegliendo tra le varie opzioni date. Al termine procedete con il
riscontro in plenum.
Per gli studenti: stampate la scheda. Ricomponete le frasi riguardanti i vari dialoghi e testi
dellunit 11, scegliendo tra le varie opzioni date. Confrontate i vostri risultati con la soluzione.

Soluzione:
1) allOroscopo
2) energia
3) capolavoro
4) commozione
5) commedia
6) ritmo

Edizioni Edilingua

Nuovo Progetto italiano 2 Attivit extra e ludiche

1) Senta, mi permette di darle un consiglio? Se leggesse qualche libro, oltre


.................................., credo che non guasterebbe .
ai fumetti
alle riviste di pettegolezzi

allOroscopo
alle riviste di moda

2) Capricorno. Sono capaci di sopportare la fatica. Tipi molto concreti, non sprecano
tempo n .................................. .
denaro
energia

cibo
voglia

3) diventato famoso a soli 22 anni con il suo primo romanzo Gli Indifferenti, forse
il suo .................................. .
libro
ingegno

capolavoro
Nobel

4) nella mia citt che ho avuto la .................................. pi profonda.


commozione
sensazione

emozione
ispirazione

5) Pirandello aveva un'immensa stima per i De Filippo, che avevano gi interpretato


con successo una sua .................................. .
tragedia
opera

commedia
storia

6) Nel libro trovava unadesione alla realt molto pi piena e concreta, dove tutto
aveva un significato, unimportanza, un .................................. .
senso
ritmo

colore
suono

Edizioni Edilingua