Anda di halaman 1dari 25

PAROLE-CHIAVE DELL EPISTEMOLOGIA DI

POPPER:

non esiste una


disciplina che si occupa
del metodo scientifico
perch le discipline non
1)IL METODO SCIENTIFICO = NON ESISTE perch
esistono(=vivono per
motivi burocraticiLa disciplina che si occupa del metodo
scientifico non esiste neppure nei modi
NESSUN METODO :
in cui stata concepita dai suoi
fondatori(=i quali credevano esistesse
una teoria scientifica;

NON CE

-per scoprire

IN QUANTO

-di
verificazione;
-per
accertare la probabilit di
unipotesi;

2)IL PRINCIPIO DI FALSIFICABILITA


anni 20-neopositivisti
anni 30-Popper
PRINCIPIO DI
VERIFICAZION

criterio di significanza che


demarcazione che distingue ci
determinala sfera del linguaggio
ci che non scientifico,
sensato da quello privo di senso
nessun giudizio sulla

met
PRINCIPIO DI
FALSIFICABILIT

criteri di
che scientifico da
ma non esprime
sensatezza degli

asserti non scientifici

INFATTI

LE TEORIE NON SONO VERIFICABILI,MA SONO FALSIFICABILI:


una teoria candidata a entrare nel corpus scientiarum solo se
falsificabile di principio e pi essere ritenuta scientifica(almeno
temporaneamente) solo se,nonostante i vari tentativi di
confutazione,non stata falsificata di fatto

Lepistemologo
3)LINDUZIONE = garante delle teorie scientifiche tradizionale
INFATTI basa la
scienza su un
METODO INDUTTIVO

basato su inferenze induttive(=procedono da asserzioni singolari ad


asserzioni universali)

=
superfluo e conduce inevitabilmente a contraddizioni
logiche
(la dimostrazione che il principio dinduzione non pu essere una verit
puramente logica data dalla presenza del problema stesso
dellinduzione)

4)PROBLEMI,TEORIE E CRITICHE-5)LERRORE

luomo ha innata una conoscenza ipotetica

SE DISILLUSA

PROBLEMI

laspettazione viene confrontata con la natura(attraverso


losservazione e lesperimento)dalla quale si esige una risposta
alle domande che sono state formulate
TEORIE
sottoposte ad un ESAME CRITICO(=basato su:losservazione,il
ragionamento,lintuizione e limmaginazione)il quale mette in evidenza
gli ERRORI commessi nei tentativi di risoluzione
la nostra conoscenza si accresce nella misura in cui
impariamo dagli errori

6)VERITA,VEROSOMIGLIANZA E CORROBORAZIONE
La scienza un
compito della scienza = ricerca della VERITA

sistema di ipotesi,un
di teorie con
non un possesso,ma un ideale regolativoinsieme
IN QUANTO
le quali lavoriamo sin

sebbene non esiste di un criterio di verit(=ci non rende nonsignificante la nozione di verit),esiste almeno un criterio
logico di VEROSOMIGLIANZA(=concetto non definito)
A TALE

SCOPO

CORROBORAZIONE = strumento in grado di giustificare

razionalmente una preferenza per una teoria tra due o pi


teorie in concorrenza,attraverso un resoconto valutativo dello
stato(ad un certo tempo t)della discussione critica(=risoluzione dei
problemi,grado di controllabilit,severit superamento dei controlli) a
cui stata sottoposta
IL RECIPIENTE E IL FARO:DUE TEORIE DELLA
CONOSCENZA

TEORIA DEL
TEORIA DEL
RECIPIENTE
FARO
le ipotesi derivano da
sono subordinate alle
osservazioni per
svolgono un ruolo
generalizzazione,
quali controllori cui una
associazione e
sottomettersi nella sua
classificazione

le osservazioni
ipotesi,ma
importante
ipotesi deve
analisi critica

conoscenza = empirismo ingenuo


osservazione(=percezione
(=percezioni accumulate) + percezioni
preparata)intrinsecamente
assimilate,selezionate,classificate
preceduta da un qualcosa

scienza =
pianificata e
selettiva e
di teorico(inteso in

PER CUI:

senso speculativo)
la materia prima della scienza
lesperienza
diretta del lavoro

prosecuzione
prescientifico di

riparazione dei nostri


orizzonti di
aspettative

ogni organismo ha un suo stato interno(=insieme limitato di reazioni


possibili)da cui dipende la sua reazione allambiente esterno:
condizione necessaria affinch un
devono cambiare nel
organismo apprenda dallesperienza
devono dipendere anche

le sue disposizioni a reagire


tempo e tali cambiamenti
dallo stato mutevole del suo

ambiente esterno

processo di apprendimento
mnemoniche lasciate dalle

accumulazione di tracce
percezioni passate;
si basa soprattutto sulleliminazione

di
aspettative(=disposizioni a
reagire)deluse e,quindi,sul
conseguente cambiamento delle
disposizioni a reagire;

EVOLUZIONE DEL METODO SCIENTIFICO:


VI-V secolo a.C.
genesi delluniverso = miti cosmologici
trasmissione dogmatica
della dottrina
atteggiamento critico verso i miti
della dottrina in cui
ORA

discussone critica
losservazione

chiamata a testimone
COMPITO DELLA SCIENZA
(evidenziando la priorit logica del compito teorici rispetto a quello
pratico)
TEORICO = spiegazione
applicazione tecnica

PRATICO = predizione +

riduzione dellignoto al noto


specificazioni cliente(S1)

conclusioni logica
derivante dalla teoria e

+
dalle condizioni iniziali
specificazioni architetto(S2)
ma in che modo?
storia della pratica
+
della spiegazione:
teorie fisiche rilevanti(T)
PREMESSE
EXPLICANS(=legge
universale + condizioni iniziali specifiche)

specifiche(=entrambe
assunte come note
dallosservazione)

condizioni iniziali realizzabili


tecnicamente da cui dedurre:
DEDUZIONE LOGICA
CONCLUSIONE
EXPLICANDUM
(=asserzione della cosa da spiegare)

S1,S2,T

ambedue seguono
linversione dello schema
base usato per la
spiegazione scientifica
deduzione dellexplicandum da certe
premesse,che si chiamano explicans

A CIO SEGUE

procedimento di controllo
degli explicans:
POICHE:

solo lexplicandum noto,ogni spie-

derivazione dallexplicans

di una predizione P
+

-gazione sar circolare e,quindi,insoddisfacente

suo confronto con una


situazione osservabile
la sua legge universale
*spiegazione
pu essere sottoposta
se P concorda con la
soddisfacente
a controlli indipendenti
situazione osservata
dallexplicandum
=

se P non concorda con


la situazione osservata
=
lexplicans falsificato

una corroborazione
pratica dellexplicans
SPIEGAZIONE

TEORICA
trovare e controllare leggi
di fatto in certe
universali attraverso
specifiche(=condizioni
lutilizzo di altre leggi
controllare la loro adeguatezza

STORICA
trovare descrizioni di stati
regioni spazio-temporali
iniziali specifiche)e
attraverso lutilizzo di leggi

universali di tutti i tipi


DIFFERENZA = interessi o problemi

*teoria soddisfacente = deve trascendere i casi empirici che l hanno

originata
deve essere controllabile
gradi di controllabilit = la controllabilit di una teoria cresce con il
suo grado di universalit
e,quindi,di precisione
cresce
linsieme di eventi intorno
a cui la teoria
pu fare predizioni

cresce il dominio di

falsificazioni possibili
una teoria che pi facilmente falsificabile, una teoria meglio
controllabile

nuovo livello dellevoluzione della scienza = passaggio da una teoria


meccanica a una teoria
astratta(=ottenibile
matematicamente o
rappresentata intuitivamente
da
diagrammi/modelli
meccanici)
MODELLO MECCANICO
teoria

spiegazione della teoria


=visualizzazione concreta della

LEGGI = ipotesi che fanno parte di un sistema pi ampio di teorie e


che,quindi,non possono
mai essere controllate isolatamente

PROGRESSO
tentativi,eliminazione di errori + ulteriori tentativi
guidati dallesperienza
DELLA
= acquisita nel corso dei precedenti tentativi ed errori
SCIENZA
NESSUNA TEORIA PUO ESSERE CONSIDERATA ASSOLUTAMENTE
CERTA

COMPITO
scoprire la certezza assoluta;
DELLO
= scoprire teorie sempre migliori e
che,quindi,possono essere
SCIENZIATO
sottoposte a controlli sempre pi severi;

Le teorie devono essere falsificabili

: E ATTRAVERSO LA

FALSIFICAZIONE
CHE LA SCIENZA PROGREDISCE

PER TALE MOTIVO

: le teorie scientifiche vengono formulate sotto forma


di proibizioni (=proposizioni esistenziali negative)

CONTROLLO = la teoria viene combinata con tutti i tipi possibili di


condizioni iniziali
le predilezioni risultanti vengono confrontate con la
realt

se le aspettative vengono deluse = ricostruire la


teoria
ruolo estremamente significante
POICHE :

attraverso la falsificazione delle supposizioni che si viene a contatto


con la realt

EPISTEMOLOGIA SENZA SOGGETTO CONOSCENTE


Esistenza di tre mondi:
1)MONDO DEGLI STATI FISICI
2)MONDO DEGLI STATI MENTALI(=disposizioni del comportamento
ad agire)
3)MONDO DEI CONTENUTI OGGETTIVI DEL
PENSIERO(=sistemi teorici + problemi e situazioni problematiche +
argomentazioni critiche + contenuti delle riviste,dei libri e delle
biblioteche)
coloro i quali si oppongono alla tesi di un oggettivo TERZO
MONDO,affermano che le entit appartenenti a questo sono mezzi di
comunicazione
strumenti
simbolici o linguistici per
evocare negli
altri stati mentali simili
Elaborazione di tre tesi sullepistemologia(=teoria della conoscenza
scientifica):
I TESI = lepistemologia tradizionale,concentrandosi sul secondo
mondo,o sulla conoscenza

in senso soggettivo, irrilevante per lo studio della


conoscenza scientifica;
Implica lesistenza di due differenti sensi del concetto di conoscenza o
di pensiero:

conoscenza o pensiero
pensiero
in senso soggettivo
oggettivo

conoscenza o
in senso

stato della mente o della coscienza


problemi,teorie,argomentazioni in quanto
o in una disposizione a comportarsi
sintende latto
o a reagire in certi modi;
pensare,ma il suo contenuto

tali(=con pensiero non


soggettivo del

oggettivo);

II TESI = lo studio di un terzo mondo di conoscenza oggettiva


largamente autonomo
dimportanza decisiva per lepistemologia;
gli scienziati agiscono in base a una credenza soggettiva(=fondamento
soggettivo di unazione) concernente ci che d a sperare
unimminente crescita nel terzo mondo della conoscenza oggettiva
PER CUI:

questo fornisce un argomento a favore dellirrilevanza di


unepistemologia soggettivistica(I TESI) e della rilevanza di
unepistemologia oggettivistica(II TESI)
III TESI = unepistemologia oggettiva che studia il terzo mondo pu
gettare una luce
Immensa sul secondo mondo(=della coscienza
soggettiva),specialmente sui
Processi di pensiero degli scienziati;ma non vera
laffermazione reciproca.

Tre tesi di appoggio : 1)il terzo mondo un prodotto naturale


dellanimale uomo;
2)il terzo mondo largamente autonomo,anche
se costantemente
noi agiamo su di esso ed esso agisce su di noi;
3)la conoscenza oggettiva cresce attraverso
linterazione tra noi stessi
e il terzo mondo,instaurando una stretta
analogia tra la crescita della
conoscenza e lo sviluppo biologico;

DIFESA DI UN TERZO MONDO AUTONOMO PER MEZZO DI UN ARGOMENTO


BIOLOGICO:

Un biologo pu essere interessato a: -il comportamento degli animali;


-alcune strutture nonviventi,prodotte dagli animali;

Due principali categorie che emergono dallo studio di tali strutture:


I CATEGORIA = problemi concernenti gli atti di produzione,le
disposizioni comportamentistiche dellanimale e la
relazione tra lanimale e il prodotto;
II CATEGORIA = chimica dei materiali usati nelle strutture,le loro
propriet geometriche e fisiche,i loro mutamenti
evoluzionistici e,quindi,la loro possibile dipendenza da
particolari condizioni ambientali;

Relazione di feed-back dalle propriet della struttura al comportamento


e conseguente preminenza della seconda categoria di problemi(infatti
tutto ci che essa presuppone dalla prima categoria il semplice fatto
che le strutture sono prodotte da certi animali)

Nellapplicazione di tali considerazioni biologiche a ci che pu venir


chiamata conoscenza,
le tre tesi riguardo lepistemologia possono essere riformulate nel
seguente modo:
I TESI = dovremmo essere costantemente consapevoli della distinzione
tra i problemi connessi con i nostri contributi personali alla
produzione della conoscenza scientifica e problemi relativi alla
struttura dei vari prodotti(=teorie o argomentazioni
scientifiche);
II TESI = dovremmo renderci conto che lo studio dei prodotti
enormemente pi importante che lo studio della
produzione(persino per una comprensione della produzione e
dei suoi metodi);
III TESI = possiamo apprendere di pi sul modo di
comportarsi(behaviour) e sulla psicologia dallo studio dei
prodotti;

CRESCITA DELLA CONOSCENZA

AUTONOMIA DEL

FEDD-BACK DEL TERZO

MONDO SUL
TERZO MONDO
PRIMO)MONDO

SECONDO(ANCHE SUL

=
=
sebbene il terzo mondo sia un
prodotto umano,esso a sua volta

EE

TT

crea il suo ambito di autonomia


dovuto alle
potenzialit o alle
disposizioni della
conoscenza oggettiva
del terzo mondo,a
prescindere dal fatto

P = problema di partenza
TT = tentativo di soluzione
EE = eliminazione
dellerrore
(tramite discussione critica o prove
sperimentali)

si tratta di unautonomia
parziale,in quanto la
creazione di fatti nuovi
non intenzionali avr come
dirette conseguenze il
sorgere di problemi nuovi

FUNZIONI DEL LINGUAGGIO

INFERIORI:

SUPERIORI:

-lautoespressione;
descrizione;
-la segnalazione;
-largomentazione;

-la

assenza di uno sviluppo di un

assenza di un

oggetto per la
linguaggio descrittivo esosomatico
discussione critica

nostra

presenza di uno sviluppo


mondo linguistico
di un linguaggio descrittivo

emersione di un terzo
(in cui possono svilupparsi i

problemi
e gli standards della critica
razionale)

lorganismo umano(=finalizzato ad esprimere se


stesso)dipende dallemergere delle sue funzioni superiori del
linguaggio
INFATTI : poteri raziocinativi
=
poteri
dellargomentazione critica
Conoscenza
oggettiva
=
teorie
congetturali,problemi
aperti,situazioni
problematiche e
argomentazioni

conoscenza oggettiva
Conoscenza
soggettiva

Logica = organo della


critica
Mondo autonomo delle
funzioni del linguaggio =
diretto allaccrescimento della
IN QUANTO:
unicamente allinterno di un

linguaggio che divengono


possibili largomentazione critica e la
conoscenza oggettiva

PLATONE
Scopr il terzo mondo (delle Idee o
Delle Forme) e parte del feed-back
Platone

Popper
di questo su noi stessi
= terzo mondo
=
mondo divino:immondo umano:
-mutabile e vero
mutevole

argomentazione

=
importante abitan-

dialettica

via conducente

pi

al terzo mondo

-te

del terzo mondo


teoria della spiegazione ultima(attraverso le essenze)
Oggetti del terzo
mondo
fornita dal terzo mondo
=
contemplati e
intuiti,ma
problema degli universali
non direttamente
=
afferrati
influenza negativa per la storia della filosofia
dalla mente umana

HEGEL
=

neoplatonico il cui mondo delle idee era mutevole


INFATTI:

LE IDEE
(HEGEL)
=
consce in una mente sogin un
gettiva(=Spirito) insieme
immutabile
alla quale mutano

(PLATONE)
=
oggettive e situate
divino ed
mondo celeste

HEGEL

POPPER

autonomia onnipotente
parziale
del terzo mondo
mondo
Spirito oggettivo
ipostatizzato
=
divina auto-coscienza
dellUniverso

autonomia
del terzo

uomo = individuo creativo


sua opera = dipendente
dalluomo

uomo = strumento dello


Spirito

contraddizioni=forniscono
contraddizioni
LA
il meccanismo attraverso cui
eliminazione
TI
lo Spirito aziona se stesso
RE

VIS

della

ricerca
e loro
=
accrescimento

TA

non vanno eliminate


oggettiva

conoscenza

somiglianza tra il terzo


somiglianza tra il
mondo e la mente umana
la mente umana

assenza di una

INFATTI:

terzo mondo e
INFATTI:

Spirito = io cosciente
idee consce e

abitanti del

terzo mondo
pensieri soggettivi

Apprezzamento e critica dellepistemologia di


Brouwer

Intuizione = percezione

discorsivo

Intuizione

Pensiero

=
con cui luomo

modo atemporale con cui

Dio conosce ogni cosa


argomentando in un discorso

tempo)

modo temporale
conosce

pura (dello spazio e del


=

Intuizione
conoscenza

fonte infallibile di
CONOSCENZA SINTETICA A

PRIOPRI

sensibile = presuppone lintuizione pura


CONOSCENZA ANALITICA

su essa si

basano la
matematica e laritmetica

Perch la matematica(=basata sullintuizione pura)fa uso del


pensiero discorsivo?

BROUWE

espressione e

matematica

sua

in quanto tale
comunicazione linguistica
=
=
attivit di costruzione mentale sulla base
successiva alla costruzione
della nostra intuizione pura del tempo
della matematica

attivit
di un oggetto

risoluzione di tre grossi problemi in filosofia della


matematica:
1)problemi epistemologici
3)problemi metodologici

TEMA
TEMA

=
fonte della certezza matematematiche(=oggetti
matica,natura dellevidenza
matematici,mezzi per die della prova matematica
mostrare i teoremi riguardo

2)problemi ontologici

TEMA
=
natura degli oggetti

prove

matematici e del loro


modo di esistere
gli

oggetti matematici
SOLUZIONE
=
dottrina dellintuizione
rifiuto di :
(=fonte di conoscenza)

SOLUZIONE
=
dottrina costruttiva-mentale(=pone gli
oggetti matematici

-LEGGE

DEL III ESCLUSO

nel II mondo)
-PLATONISMO
-PROVE
INDIRETTE
(esistenza degli oggetti
matematici
solo con una loro

costruzione effettiva)

RISULTATI DI BROWER
DEI 3 INSIEPROPOSTA DA BROWER

La matematica creata
infallibile di conoscenza
dalluomo;
Anti-formalismo(=gli
intuizionistica(anche
oggetti matematici esistono
spazio)pu essere
autonomamente);

CRITICA DELLA SOLUZIONE


-MI DI PROBLEMI

intuizione fonte

qualsiasi costruzione
quella del tempo e dello
criticata
SOLUZIONE = usare in

maniera essenziale
linguaggio argomentativi

il

POICHE : la matematica si accresce attraverso la critica

(per mezzo della formulazione linguistica) di congetture


e prove(=loro status nel III mondo)
IL LINGUAGGIO : inizialmente = semplice mezzo per

comunicare le
descrizioni degli oggetti
prelinguistici;
successivamente = parte essenziale

matematica

metodo della scoperta

Oggetti della matematica : anche se costruiti da noi,implicano __


abitanti del III mondo
conseguenze non intenzionali
__
(come problemi e argotentazioni critiche)
inevitabile
interrelazione
tra costruzione
SOGGETTIVISMO
IN:

innegabile autonomia

1)LOGICA EPISTEMICA Kap o Bap K/B = relazione di


conoscenza/credenza
a = soggetto

conoscenza scientifica(I TESI)

2)TEORIA DELLA PROBABILITA(=conseguenza dellepistemologia

soggettivista)

3)SCIENZA FISICA(=conseguenza dellingresso in campo

scientifico della teoria soggettiva della conoscenza,in


particolare di quella della probabilit)
OGGETTIVISMO IN :
1)LOGICA DELLA SCOPERTA

laccrescimento

dovuto al metodo per

2)BIOLOGIA DELLA SCOPERTA

della conoscenza

oggettiva

espressionismo epistemologico
immaginativa(Popper)
=
interpretazione della conoscenza
conoscenza come
come una relazione tra la mente
tra le nostre azioni e
del soggetto e loggetto conosciuto
risultati(interazione con cui trascen-

critica
=
interpretazione della
scambio reciproco
i loro
diamo lambiente spazio-

temporale per escodella nostra esperienza)

crescita della conoscenza oggettiva

gitare situazioni al di l

crescita della

conoscenza soggettiva

Noi non plasmiamo o istruiamo questo mondo


esprimendo in esso lo
stato della nostra mente; n esso istruisce noi: insieme,
noi stessi e il
terzo mondo cresciamo attraverso una lotta ed una
selezione reciproca

LA TEORIA DEL PENSIERO OGGETTIVO


Analogia con la filosofia pluralistica ( dualistica) di
Platone

il mondo consiste di 3 sottomondi ontologicamente distinti:


1)MONDO FISICO 2)MONDO MENTALE 3)MONDO DEGLI
INTELLIGIBILI

Mondo delle Idee = mondo degli oggetti


possibili del

I tre mondi sono correlati in modo tale che i primi due e che gli ultimi
due possono interagire

II mondo(quello delle esperienze soggettive) = mediatore tra


il I e il III mondo
=
legame indiretto che permette alla mente di essere collegata sia a
oggetti del I che del III mondo

psicologismo(=trascura o nega il III mondo) di


Locke,Mill,Dilthey,Collingwood
possibile accettare la realt o (come si pu chiamare)
lautonomia del terzo mondo, e al tempo stesso ammettere che
il terzo mondo si origina come prodotto dellattivit
umana(Popper)
SOLUZIONE (articolata in tre tesi) DEL PROBLEMA DELLA
COMPRENSIONE:

1. Ogni atto soggettivo di comprensione largamente


ancorato nel III mondo.
2. Quasi tutte le considerazioni importanti che si possono
fare a proposito di tale atto consistono nel mettere in luce
le sue relazioni con oggetti del III mondo.

3. Tale atto consiste principalmente di operazioni con


oggetti del III mondo;operiamo con questi oggetti come se
questi fossero oggetti fisici.
( =analisi di ci che stiamo facendo nel nostro II mondo
soggettivo quando cer-chiamo di comprendere,ma che opera
interamente con oggetti oggettivi del III mondo)
Analogie tra la comprensione nelle discipline umanistiche e nelle
scienze naturali(Dilthey,Collingwood: il compito delle discipline
umanistiche comprendere in un senso in cui possiamo
comprendere luomo,non la natura):
Dato che comprendiamo gli altri grazie alla nostra
comune umanit,possiamo comprendere la natura
perch siamo parte di essa;
Dato che comprendiamo gli uomini in virt di una
certa razionalit dei loro pensieri e azioni,cos
possiamo comprendere le leggi di natura a causa di
qualche genere di razionalit ad esse inerente;
Comune tentativo di comprendere il mondo della
natura nel modo in cui comprendiamo unopera
darte: come una creazione;
Impossibilit di una reale autocomprensione e
inevitabilit dellipersemplificazione(=inerente ad
ogni tentativo di comprendere qualunque cosa sia
unica e reale);

Il metodo di risoluzione dei problemi,il metodo delle congetture


e confutazioni praticato da entrambe.E praticato nel restauro
di un testo danneggiato,come nella costruzione di una teoria
della radioattivit(Popper)

Conclusione : Ancora peggiore del tentativo di applicare


un metodo inapplicabile (questo metodo presunto ma non esistente
quello di raccogliere osservazioni e poi trarre conclusioni da esse)
il culto dellidolo della conoscenza certa infallibile o
autorevole che questi storici fraintendono per lideale
della scienza.In realt,tutti facciamo seri tentativi per
evitare errori;e dovremmo essere scontenti di aver
commesso un errore.Tuttavia,evitare errori un ideale
meschino: se non osiamo affrontare problemi che siano
cos difficili da rendere lerrore quasi inevitabile,non vi
sar allora sviluppo della conoscenza.In effetti, dalle
nostre teorie pi ardite,incluse quelle che sono
erronee,che noi impariamo di pi.Nessuno pu evitare di
fare errori;la cosa grande imparare da essi.