Anda di halaman 1dari 4

Quadrichedegeneri.

SiaQunaquadricadellospazioproiettivocomplesso.Ricordiamoche:
1. Qunsottoinsiemepropriodellospazio.

2. UnarettaLocontenutainQointersecaQinduepunti,distintio
coincidenti.

3. UnpianochenonsiacontenutoinQintersecaQinunaconica.

Dallapropriet2segueche

4. unarettacheintersechiQinalmenotrepuntituttacontenutain
Q.
Dallapropriet3segueche
5. seunpianocontienetrerettediQessocontenutoinQ.

UnpuntoPdellaquadricadettodoppioseognirettaperPcontenuta
inQoppureintersecaQsoloinP.
Se:
I.
II.
III.

Qlunionediduepianidistinti.
Qunsolopiano
Qunconoouncilindro.

alloraQhapuntidoppi.Precisamente
essahainfinitipuntidoppimatuttiallineatinelcasoI.Hainfinitipunti
doppi nel caso due e ne esistono tre non allineati. Ha un solo punto

doppionelcasotreetalepuntoproprioseQunconoedimproprio
seQuncilindro.
Questeproprietcaratterizzanotaliquadrichecomeoramostreremo.
Sonopreliminarileseguentiproposizioni.

Lemma1.SeunaquadricaQcontieneduepianidistintieallora
Q= .
Dimostrazione. Supponiamo per assurdo che Q contenga oltre ai
duepianiunulteriorepuntoTfuoridaessi.Sia llarettacomuneaidue
piani.SiaXunpuntodil .Larettat=[T,X]intersecailpianoinun
punto X distinto da X. La retta t avendo in comune con Q tre punti
distinticontenutainQ.Ognipiano pertalloracontenutoinQin
quanto esso ha in comune con Q tre rette che sono la retta t e le due
rette e .SeognipianopertcontenutoinQalloraogni
puntodellospaziofapartediQciassurdo.

Lemma 2. Se una quadrica Q contiene propriamente un piano


alloraQrisultalunionediediunaltropiano.
Dimostrazione.PeripotesiesisteunpuntoTdiQnonappartenente
al piano . Sia L una retta di . Il punto T non appartenendo a non
appartieneadLequindipossiamoconsiderareilpianochecongiungeL
e T.Seilpiano contenutoinQalloraperillemma1laquadricaQ
lunionedeiduepianie.Possiamoquindisupporrecheilpiano
non sia contenuto in Q. Il piano interseca Q in una conica che
degenereedcostituitadallarettaLedaunarettatperT.SiaAilpunto
incuilarettatintersecailpiano.SiaLunarettadinonpassante
perilpuntoAesiailpianochecongiungeTconL.Ilpianonon

contieneAequindinoncontienelarettat.Perillemma1ilpianonon
contenuto in Q. Il piano interseca quindi Q in una conica che
degenereedcostituitadallarettaLedaunarettatperT.Larettat
distintadatedilpianocheuniscetetcontenutoinQinquantosu
diessocisonotrerettediQchesonoleduerettetetelaretta
t= .LaquadricaQquindicontieneiduepianieecosperil
lemma1Q= .Lassertocosprovato.

Dopo i lemmi 1 e 2 possiamo provare i seguenti teoremi di


caratterizzazione.

Teorema1.SeunaquadricaQhatrepuntidoppinonallineatiessasi
riduceadununicopiano.
Dimostrazione.SianoA,B,Citrepuntidoppidellaquadrica.Poich
A,B,Csonononallineatipossiamoconsiderareilpianochelicontiene.
Le rette AB , AC , BC sono rette di Q essendo i punti A , B , C doppi. Il
pianoavendoincomuneconQtalirettecontenutoinQ.Laquadrica
Qcoincidecolpiano.SeinfattiQcontenesseoltreaunaltropunto
essasarebbe,perillemma2,lunionediduepianiequindiisuoipunti
doppisarebberotuttiallineaticontrolipotesifatta.

Teorema2.SeunaquadricaQhaalmenoduepuntidoppienonha
trepuntidoppinonallineatiessalunionediduepianidistinti.
Dimostrazione. Siano A e B due punti doppi della quadrica Q. La retta t
cheunisceAeBcontenutainQessendoAeBdoppi.SiaTunpuntodi
Qnonappartenenteallarettat.IlpianocheunisceTconlarettat
contenutoinQinquantocontienelarettateleretteATeBTchesono

rettediQessendoAeBpuntidoppi.PertantoQcontieneilpianoelo
contienepropriamenteperlipotesifattasuipuntidoppicheQcontiene.
Lassertoseguequindidallemma2.
Teorema5.SeunaquadricaQhaunsolopuntodoppioVessaun
conoseVunpuntoproprioeduncilindroseVunpuntoimproprio.
Dimostrazione.Abbiamogivistocheseunaquadricacontieneun
piano essa si riduce a quel piano o lunione di due piani. Quindi se Q
contiene un piano essa ha infiniti punti doppi. Pertanto la quadrica Q
avendoperipotesiunsolopuntodoppioVnonpucontenerepiani.
Supponiamo che V sia proprio ma il ragionamento che faremo
egualeseVimproprio.SiaunpianononcontenenteV.Ilpianonon
contenutoinQequindiintersecaQinunaconica.Taleconicanon
degenere. Infatti se fosse degenere allora conterrebbe almeno una
retta t. Ogni retta VP con P su t sarebbe una retta contenuta in Q
essendo V doppio e quindi il piano congiungente V con t sarebbe
contenuto in Q il che assurdo. Proviamo che il cono C di vertice V e
direttrice coincide con la quadrica Q. Ogni retta VP con P su
contenutainQinquantoVdoppio.QuindiilconoCcontenutoinQ.
Viceversa sia Z un punto di Q e proviamo che esso appartiene a C.
PossiamosupporreZdiversodaVenonappartenentea.LarettaVZ
contenutainQperchVdoppioedintersecailpianoinunpuntoP
che dovendo essere un punto di Q necessariamente un punto di . Il
punto Z si trova quindi sulla retta VP e quindi sul cono. Lasserto cos
provato.