Anda di halaman 1dari 2

MILANO FINANZA

COPERTINA

14

26 Settembre 2015

       


   
       
  !         
IPO DALLA A ALLA Z

Ferrari senza segreti

i siamo. partito il
conto alla rovescia
per lipo pi attesa
dellanno, quella della
Ferrari. Come rivelato da MF-Milano Finanza di
gioved 24 settembre, la Rossa
sfreccer a Wall Street e a
Piazza Affari tra il 12 e il 30 ottobre. E che i tempi per lo sbarco
siano davvero stretti lo dimostrano lassegnazione del ticket
(Frri) e il deposito alla Sec del
prospetto preliminare da parte
di New Business Netherlands, il
veicolo di diritto olandese creato
da Fca che prender poi il nome
di Ferrari Nv e che controller
Ferrari spa, la societ operativa
che conserver la sede in Italia.
In un momento drammatico per
il settore auto dopo la truffa di
Volkswagen sulle emissioni dei
motori diesel, Sergio Marchionne
ha dunque rotto gli indugi e si
appresta, almeno secondo le
sue speranze, a raccogliere sul
mercato almeno 1 miliardo per
il 10% del Cavallino Rampante
per una valorizzazione complessiva della societ che, in base ai
multipli da luxury stock che Fca
vorrebbe assegnare alla Rossa,
dovrebbe oscillare tra 10 e 12
miliardi.
Scorrendo le 497 pagine del
prospetto preliminare, corredato da numerosi grafici e tabelle
e disponibile sul sito della Sec,
emergono tutti i segreti e le caratteristiche di unoperazione
storica a livello mondiale, data lunicit del brand e il mito
che lo ammanta sulle piste e
sulle strade di tutto il pianeta.
Ecco i punti salienti da tenere in
considerazione per il risparmiatore che volesse scommettere sui
successi di Maranello anche in
borsa.

zionisti. Lipo ha per oggetto il 10% del capitale


che sar ceduto da Fca che ora
controlla Ferrari col 90%. Al termine delloperazione Fca avr
quindi in mano l80% del gruppo
di Maranello; il figlio del Drake,
Piero Ferrari, conserver la sua
quota del 10%; e il restante 10%
sar flottante. Questa struttura
sar modificata nel corso del primo trimestre 2016 quando Fca
girer lintera partecipazione ai
suoi azionisti. Con lo scorporo,
la nuova compagine sociale sar cos composta: Piero Ferrari
manterr il 10%, Exor (azionista
di riferimento di Fca col 29,16%)
avr circa il 24% e il restante
66% sar sul mercato.

ran Premio. La Ferrari


rappresenta la storia della Formula 1, una condizione
di unicit che nel prospetto indicato come uno dei
principali punti di forza che
giustificano multipli da lusso.
Non solo in termini di marchio
(per Brand Finance il marchio
Ferrari il pi potente e riconosciuto al mondo) ma anche
in termini tecnici in quanto il
forsennato sviluppo di tecnologie per la F1 si trasmette poi
anche sui modelli su strada.
Tra gli altri punti di forza il
prospetto indica lesclusivit
dei clienti in termini di possibi
bilit
economiche che riduce
qu
quasi a zero lelemento ciclici
cit (una nicchia destinata
a crescere nei Paesi in via
di sviluppo nei prossimi anni
ni), la resilienza del brand,
la capacit di applicare prezzi d
di vendita molto alti anche
gra
grazie al lancio di numerose
spe
special limited edition il cui
cos
costo supera il milione per
uni
unit; la possibilit di person
sonalizzare alcuni elementi
gen
genera un incremento medio
sul costo del 15%.

di Filippo Buraschi
e Luciano Mondellini

Le Ferrari di Sebastian Vettel


e Kimi Raikkonen in gara
domenica scorsa a Singapore

I GRANDI NUMERI DELLA FERRARI


30 giugno 2014

Ricavi

1.387

1.349

Costi generali

-722

-738

Costi amministrativi

-152

-143

Costi R&D

-291

-276

Altri costi

-4

-7

Ebit

218

185

Utile ante imposte

212

187

Imposte

-71

-59

Utile netto

141

128

Fonte: Prospetto New Business Netherlands

Dati in milioni di euro


30 giugno 2015

La prima pagina del prospetto


depositato alla Sec

GRAFICA MF-MILANO FINANZA

t
talia.
Ferrari spa, la societ
operativa, rester di diritto
italiano cos come in Italia rester il cuore della produzione
e della ricerca, anche perch il
concetto di Ferrari non pu essere slegato dal made in Italy.
Ferrari NV sar invece il veicolo quotato che Exor ha voluto di
diritto olandese per poter usufruire della stessa normativa sul
voto multiplo che vige in Fca e
Cnh per i soci di lungo corso.

uca Cordero di Montezemolo. stato lartefice


di due rinascite della Ferrari.
Quella degli anni 70, marchiata
Niki Lauda e quella degli ultimi due decenni grazie ai cinque
mondiali piloti conquistati da
Michael Schumacher seguiti da
quello di Kimi Raikkonen (accompagnati da una serie titoli
costruttori). Al di l dellaspetto
corse, lex presidente ha inciso anche sotto il profilo della
redditivit aggiornando numeri record bilancio dopo bilancio
e dello sviluppo del brand sui
nuovi mercati con iniziative innovative dal punto di vista del
marketing come i parchi a tema
a Barcellona e Abu Dhabi.

L
Enzo
Ferrari

Luca Cordero
di Montezemolo

Sergio
Marchionne

ookrunner. Il collocamento sar curato da un pool di


banche coordinato da Ubs e Bofa
Merrill Lynch e composto anche
da Allen&Company, Santander,
Bnp Paribas, JPMorgan e
Mediobanca.

ebito. In fase di scorporo


Ferrari emetter una Note
da 2,5 miliardi in favore di Fca,
debito che sar ripagato con la
liquidit che Maranello ha depositato presso le casse di Fiat
e in parte con mezzi di terzi. Alla
fine lesposizione lorda ammonter 1,8 miliardi ai quali vanno
aggiunti altri debiti gi presenti per un controvalore vicino a
160 milioni. In totale, dunque,
lesposizione arriver poco sotto i 2 miliardi.

clico dellautomotive legato a


Fca e Cnh e alla natura anticiclica della new entry PartnerRe
(in via di finalizzazione), John
Elkann affiancher il luxury e
il fascino redditizio anche dal
punto di vista economico del mito Ferrari.

onti. Nel primo semestre


2015 Ferrari ha realizzato
1,38 miliardi di ricavi con un
ebit di 224 milioni e un utile
netto di 126. Numeri in leggera crescita rispetto allo stesso
periodo del 2014. A fine 2014
la Rossa aveva venduto 7.255
auto con ricavi record per 2,76
miliardi, un ebitda di 693 milioni, un ebit di 389 e un utile
netto di 265.

xor-Elkann. Con lingresso


diretto nel capitale Ferrari,
nel 2016, il portafoglio della holding beneficer di unulteriore
diversificazione. Al business ci-

ca. Lo scorporo di Ferrari


modifica anche il perimetro
di Fiat Chrysler e soprattutto
il suo piano strategico in vista
del possibile consolidamento.
Con questa operazione Exor si
assicura il controllo Ferrari e
presenta Fca al tavolo del risiko
del settore auto senza il rischio
di perdere (e soprattutto sottovalutare) lasset pi prezioso.

archionne. il presidente
della Ferrari dal settembre
2014, la mente della quotazione
e luomo che suoner il campanello davvio a Wall Street.

26 Settembre 2015

MILANO FINANZA

LA CATENA DI CONTROLLO DI FERRARI DOPO LIPO

Secondo quanto rivelato nel


corso dellestate da MF-Milano
Finanza, si accinge a diventare
anche ad della Rossa al posto di Amedeo Felisa, lo storico
manager che ha accompagnato Montezemolo nello sviluppo
della scuderia.

Exor Spa

Altri azionisti Fca


~30%

Piero Ferrari

~80%

Mercato

FERRARI N.V.

~10%

arti correlate. Nel prospetto si specifica che Ferrari


vende motori alla Maserati
(entrambe controllate da Fca)
e che compra componenti per i
motori da Fca e per lelettronica
da Magneti Marelli. Inoltre ci
sono transazioni amministrative con Fiat Chrysler. Dal punto
di vista finanziario il gruppo si
appoggia su Fca Bank Group
(Fca-Agricole), noleggia truck
per la F1 da Iveco, compra componenti dalla Coxa di Piero
Ferrari e si avvale di servizi di
consulenza dalla Hpe sempre
di Ferrari.

~70%

FCA
(Fiat Chrysler Automobiles N.V.)

ew Business Netherlands
NV. il veicolo di diritto
olandese su cui Marchionne e i
bookrunner stanno lavorando in
preparazione dellipo. Il prospetto informativo firmato proprio
da questo veicolo che sar la societ effettivamente quotata.
biettivi. Marchionne, appena insediato a Maranello,
aveva fissato nel medio periodo un target di vendite annuali
nellintorno delle 10 mila unit, prendendo cos le distanze
da Montezemolo, da sempre
fautore della tiratura limitata per esaltare lesclusivit del
marchio. Una cifra praticamente irraggiungibile questanno
(3.668 gli esemplari venduti nel
primo semestre worldwide) ma
che rappresenta la stella polare
della strategia operativa ribadita allinterno del prospetto:
crescita progressiva nei mercati maturi (gli Stati Uniti
rappresentano il 30% delle
vendite mondiali) e in quelli
emergenti, lancio costante di
nuovi modelli e sviluppo del
business del luxury e lifestyle. Inoltre il piano strategico
prevede anche la ricerca della
leadership in Formula 1, obiettivo che grazie allingaggio di
Sebastian Vettel sembra ora
pi alla portata.

15

10%

GRAFICA MF-MILANO FINANZA

COME SAR IL PORTAFOGLIO DI EXOR DOPO LIPO E LO SCORPORO FERRARI


EXOR

24,03%

Ferrari***

29,19%*

26,97%**

100%

Almacantar

43,4%

The Economist

63,77%

Juventus

17,09%

17,37%

Banijay Group

Banca Leonardo

* 44,31% dei diritti di voto ** Circa 39,99% dei diritti di voto *** Sar incorporata nel 2016 20% dei diritti di voto Closing non ancora effettuato
GRAFICA MF-MILANO FINANZA

uotazione. Marchionne
vuole sbarcare a Wall Street
entro il 30 ottobre. Ma non pu
farlo prima del 12 perch la
legge americana stabilisce che
deve passare almeno un anno dalla fusione Fiat-Chrysler
avvenuta nel 2014 nel giorno
dellanniversario della scoperta
dellAmerica. Lultimo particolare non trascurabile il prezzo
che sar definito in fase di pre
marketing.

ischi. Nel documento si


specifica che limmagine
del brand dipende dai risultati
sportivi (le sconfitte in pista depauperano il valore della societ)
e che i ricavi da F1 possono diminuire in caso di cattiva gestione
del business e, allo stesso tem-

asse. La programmata separazione di Ferrari da Fca


non comporta e non comporter
il cambiamento della residenza fiscale di Ferrari. Maranello
continuer infatti ad avere nazionalit e residenza fiscale
italiane e pagher le tasse sui
propri redditi come fanno oggi
tutte le societ fiscalmente residenti in Italia. Loperazione
non comporter lo spostamento
di personale da Ferrari, n ridurr i livelli di occupazione o
le attivit attualmente condotte
da Ferrari in Italia. Inoltre non
comporter alcuna riduzione
della base imponibile di Ferrari
in Italia.

Cnh Industrial
38,29%

PartnerRe

viluppo e ricerca. Lattivit


di R&D una delle chiavi del
successo di Ferrari. Per questo
nel primo semestre del 2015
linvestimento per larea stato
pari a 291 milioni, pi del 20%
del giro daffari. Nellintero 2014
Ferrari ha investito in R&D 540
milioni tra F1 e sviluppo dei prototipi da strada.

FERRARI SPA

FCA
(Fiat Chrysler Automobiles)

po, le spese necessarie a restare


competitivi possono salire. Il basso numero di vetture prodotte
pu in teoria accrescere la volatilit delle entrate e dellintero
conto economico. Lincapacit di
mantenersi allavanguardia dal
punto di vista tecnologico e di
performance pu rappresentare
un fattore critico per lazienda. I
ricavi da cessione di motori derivano dalla capacit di Maserati
di raggiungere i suoi target di
vendita. Per una societ che opera in tutto il mondo come Ferrari
limpatto del rischio cambio comunque significativo.

nicit. Maranello una


societ auto che non pu essere valutata con i parametri del
settore e contemporaneamente
percepita come una societ del
lusso che dunque ne merita i
multipli in sede di quotazione.
Oltre allappartenenza al settore luxury gode di un premio
che deriva proprio dallunicit e
dalla riconoscibilit assoluta del
suo brand, su queste basi che
Marchionne spera di valorizzarla almeno 10 miliardi.

Niki
Lauda

Michael
Schumacher

Sebastian
Vettel

Quel motore che ha alimentato il mito


el documento depositato alla Sec la Ferrari
spiega non soltanto i dettagli della ipo ma
anche come larea motori rappresenti il core della ricerca e sviluppo della Rossa. In particolare,
si legge nel file, la ricerca sui motori beneficia
dello scambio costante di know how tra il team
di Formula 1 e quelli che si occupano delle auto che saranno vendute nel mercato.
Nel dettaglio nel capitoletto sul motore V12
aspirato il documento fa notare come i motori V12 Ferrari siano gli unici nel mondo in
grado di spaziare da una versione che sprigiona 66 cavalli (nel modello FF) ai 740 cavalli
della F12 per finire infine agli 800 cavalli
nella nuova LaFerrari. Rapporti di potenza
che nessun altro produttore automobilistico
pu vantare nel mondo. Mentre per quanto riguarda la nuova California T e la 488GTB
Ferrari non solo segnala come le due auto siano passate dal motore V8 aspirato al turbo, ma
anche come questo passaggio abbia significato un incremento di circa il 20% nella potenza
del propulsore e una contemporanea riduzio-

ne delle emissioni dell8%. Inoltre, segnala il


file, tutti i motori turbo della Ferrari hanno
la stessa risposta in accelerazione di quella
naturale caratteristica dei motore aspirati.
Per raggiungere questo obiettivo la Ferrari
continuer a investire nelle migliori tecnologie turbo. Inoltre, vista la stringente attualit
sullo scandalo dei motori Volkswagen, bisogna notare che la Ferrari spiega nel prospetto
preliminare come cerchi di migliorare la sua efficienza in termini di emissioni del motore. Il
file, infatti, riporta che oltre a migliorare la ricerca sui nuovi materiali che consentono minori
stress meccanici, Maranello sta continuando a
investire in tecnologie che migliorano il processo
di combustione come le iniezioni ad alta pressione. Nel contempo il documento spiega come
la Ferrari continui a investire in tutte le altre
componenti delle proprie auto, con una attenzione al sistema frenante che particolare. Infatti
con la 458 Speciale c stata lintroduzione di
una nuova generazione di freni al carbonio con
una maggiore performance

oto multiplo. Come nel


caso di Fca e Cnh, lincorporazione nei Paesi Bassi fa s che
un azionista che ha in portafoglio titoli Ferrari per un periodo
ininterrotto di tre anni abbia diritto a ricevere unazione di voto
speciale per ogni azione ordinaria detenuta

ig zag. Il giro di lancio quasi completato, il pilota ha


zigzagato sulla pista scaldando
a puntino le gomme. Adesso si
stanno per accendere i semafori
prima della partenza sul circuito di Wall Street. E Marchionne
spera di essere al comando gi
alla prima curva. (riproduzione
riservata)

Quotazioni, altre news e analisi su


www.milanofinanza.it/ferrari