Anda di halaman 1dari 18

Francesca Romana Nocchi

Il De tranquillitate animi
di Seneca
Contenuti e metodi per educare
al dominio delle passioni

ARACNE

Copyright MMVIII
ARACNE editrice S.r.l.
www.aracneeditrice.it
info@aracneeditrice.it
via Raffaele Garofalo, 133 a/b
00173 Roma
(06) 93781065

ISBN

978-8854816121

I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica,


di riproduzione e di adattamento anche parziale,
con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi.
Non sono assolutamente consentite le fotocopie
senza il permesso scritto dellEditore.

I edizione: febbraio 2008

A mio marito e ai miei figli Enrico e Giorgio,


phg mw eyumaw

In verit io desidero vivamente renderti


partecipe di tutto, perch amo imparare,
appunto, per insegnare: n potr essermi
gradita alcuna conoscenza, per quanto sia
sublime ed utile, se dovr possederla per
me solo.
(SENECA, Ep. 6, 4)

Indice

Introduzione....11
Capitolo 1. Il significato dellinsegnamento di Seneca
1. Il debito di Seneca nei confronti della tranquillitas democritea......19
2. Il segreto della serenit: essere se stesso........30
3. Displicentia sui e philautia..34
4. La commutatio loci: un espediente poco opportuno.......42
5. Sereno: un proficiens di primo livello.............................................45
Capitolo 2. Esercizio e consuetudine: lesame di coscienza, la
meditatio e la praemeditatio malorum
1. La transfiguratio operata dagli esercizi spirituali...49
2. Lexercitatio pratica in Plutarco................53
3. Il valore della exercitatio per gli stoici.........57
4. Lesame di coscienza...59
5. La meditatio come strumento di saggezza...64
6. La praemeditatio malorum...............67
Capitolo 3. Le teorie stilistiche senecane: il linguaggio figurato
1. Docere et admonere.71
2. La retorica ancella della filosofia...81
3. La fluctuatio di Sereno..............87
4. La malattia dellanimo..........94
5. La difficile strada verso la perfezione.............97
6. Vivere militare est...........................................................................99

10

Indice

Capitolo 4. Gli exempla e le citazioni: una pratica di educazione


morale
1. Laemulatio degli antichi in Seneca e i suoi principi pedagogici.101
2. Unistituzione eminentemente romana......110
3. Lexemplum in Seneca.......112
Capitolo 5. I rapporti interpersonali e la valutazione dei beni
1. Una pedagogia ottimistica.....127
2. Il contagio morale.129
3. Unamicizia intellettuale didatticamente utile......131
4. La paura degli altri e la differenza fra il saggio e gli stolti..135
5. Una nuova idea del concetto di amicizia 138
6. Phylautia o amor sui quale forma di amicizia spiritualizzata...143
7. La cura dei difetti umani . ..145
8. La valutazione dei beni materiali..................149
Capitolo 6. Lotium pedagogicamente inteso nel De tranquillitate
animi
1. Il connubio paneziano fra praxis e theoria........159
2. Lotium per gli stoici.....162
3. Philosophia spectat simulque agit: una pedagogia militante....168
Conclusioni....175
Bibliografia........179

Introduzione

Il presente lavoro si incentra sullanalisi degli elementi didattici


presenti nel De tranquillitate animi di Seneca: in particolare la trattazione si dipana su due distinti piani di approfondimento. In primo luogo ci si proposti di individuare quali fossero i contenuti pedagogici
che il filosofo intendeva trasmettere a Sereno, tenendo conto del livello fino ad allora raggiunto dallamico-discepolo nel suo progresso morale; in secondo luogo sono state enucleate le specifiche tecniche retoriche e psicagogiche utilizzate dallautore per veicolare i propri insegnamenti. Linteresse per questo argomento stato alimentato dalla
mancanza di una trattazione sistematica sugli elementi educativi presenti nel De tranquillitate animi, i quali peraltro, ad unanalisi approfondita, risultano il vero tessuto connettivo dellopera 1; inoltre, si
voluta fare ulteriore chiarezza sulle fonti filosofiche 2 che hanno ispirato la concezione senecana della tranquillitas, nonch la specifica accezione che essa assume nellopera. A tal fine si creduto utile operare un confronto sistematico con il De tranquillitate animi di Plutarco,
trattato che condivide molteplici influssi filosofici con lomonima opera di Seneca, ma che manca proprio della consapevolezza pedagogica che anima questultima.
Pur nascendo dalla concreta richiesta di aiuto di Sereno, il quale
affetto da un disagio esistenziale che non gli permette di trovare pace,
lopera si estende ad un pi vasto campo di riflessione, finendo per
abbracciare la condizione di tutti coloro che, non avendo ancora rag1

Numerose sono, al contrario, le edizioni, i commenti e le traduzioni relative: in


particolare, per la presente trattazione sono stati tratti importanti spunti dalledizione
di P. RAMONDETTI, Dialoghi, Torino 1999. Ugualmente degne di nota sono le edizioni
di M. G. CAVALCA SCHIROLI, Lucio Anneo Seneca. De tranquillitate animi, Bologna
1981; G. VIANSINO, Lucio Anneo Seneca. I dialoghi, voll. I-II, Milano 1988-90; G.
SCHIASSI, Seneca. De tranquillitate animi, Bologna 1991; C. LAZZARINI - G. LOTITO,
Lucio Anneo Seneca, La tranquillit dellanimo, Milano 1997 (questultima edizione,
pubblicata per la Biblioteca Universale Rizzoli, dotata di una ricca introduzione curata da Gianfranco Lotito, mentre la traduzione e le note testuali sono di Caterina Lazzarini; le citazioni del volume dora in poi faranno sempre riferimento allintroduzione di Lotito).
2
Un importantissimo contributo stato offerto in questo senso da A. GRILLI, Il
problema della vita contemplativa nel mondo greco-romano, Milano 1953.

11

12

Introduzione

giunto la piena saggezza, si sforzano quotidianamente di perseguirla:


proprio ai prokoptontes che Seneca si rivolge, superando la rigida distinzione degli stoici antichi fra phauloi (stolti) e sophoi (saggi). Il filosofo, ispirandosi al pensiero di Panezio, contempla anche questo stadio intermedio, ridonando a tutti la speranza di progredire. La sua
una filosofia concreta, in virt dellintento pratico che la anima, e si
adatta agli interlocutori che ha di fronte, commisurando le tecniche
educative alle necessit e alla psicologia dei discenti. Nel caso specifico di Sereno, Seneca ha a che fare con una persona non pienamente
salda nei suoi propositi, per cui opera mettendo in campo tutte le tecniche delladmonitio, atte ad esortare il discepolo, ma allo stesso tempo utilizza il tono confidenziale e intimo del sermo, per incoraggiare
lamico.
La definizione che il filosofo d della tranquillitas risente profondamente dellesigenza di educazione morale espressa da Sereno 3. Ed
in effetti la pedagogia di Seneca volta a ritrovare un equilibrio dinamico 4, nel costante sforzo di adattamento alle varie circostanze cui
siamo continuamente sottoposti da unesistenza che richiede duttilit e
capacit di autoanalisi. In questo senso non si pu parlare di un insegnamento definitivo: il filosofo non intende tanto trasmettere contenuti quanto operare una transfiguratio dellinterlocutore, ossia un completo cambiamento delle sue modalit di vita. Egli desidera emancipare lamico dal suo magistero, renderlo capace di autoeducarsi. A questo scopo utilizza tutte le tecniche retoriche atte allo scopo, anche in
questo distanziandosi dal rigore dellantica Stoa: la forma, purch non
sia ricercata come bene in s, pu divenire uno strumento di conversione, in quanto ancella della filosofia. Anche nel caso dello stile,
dunque, c una ricerca di equilibrio: il fine ultimo rimane lintento
parenetico.
I due piani delleducazione di Seneca, dunque, si esplicitano in
maniera emblematica nel De tranquillitate animi: il filosofo, anchegli
imperfetto, educa gli altri esternando i propri dubbi e le proprie riflessioni, e mettendo in comune con il proprio interlocutore anche gli
strumenti pedagogici di cui dispone: maestro e allievo sono partecipi
dallo stesso intento.

SENECA, De tranq. an. 2, 4 (su cui cfr. infra, cap. 1).


Per questa interpretazione si veda quanto asserisce Lotito in C. LAZZARINI - G.
LOTITO, Lucio Anneo Seneca, La tranquillit dellanimo, cit., p. 7.
4

Introduzione

13

Il primo capitolo intende chiarire il significato ed il valore morale


della tranquillitas, quale oggetto dellinsegnamento di Seneca. Il termine, gi presente nel De finibus di Cicerone 5 e da lui accostato non
casualmente alla parola securitas, viene inteso dal filosofo non
nellaccezione banale di assenza di turbamenti, ma in quella di ascendenza democritea di capacit di affrontare con equilibrio le difficolt della vita. infatti Democrito che ispira sia lopera del Cordovano che quella di Plutarco: la matrice comune si evince dalla persistenza di alcune idee di fondo, quali lesortazione a ritrovare in noi
stessi le radici della nostra serenit, o limportanza della metriotes
come criterio di scelta, o ancora linvito ad essere sempre coerenti con
se stessi e a commisurare le proprie aspirazioni alle concrete possibilit personali, tutti concetti gi presenti nei frammenti dellAbderita. Il
pensiero del filosofo , per, rivisitato da Seneca alla luce dellinflusso stoico, che depreca limmobilismo improduttivo in nome di
unattivit che tenga conto delle propensioni naturali: la vera serenit
consiste nellagire con equilibrio e non nella sterile rinuncia allazione, poich frutto di comportamenti diversificati, che devono essere
adattati alle circostanze e allindole personale. Linvito di Seneca,
dunque, deve essere interpretato nel senso pi propriamente stoico di
vivere secondo natura e di realizzare il s pi vero e profondo, ovvero
la capacit di agire in maniera razionale: la filosofia democritea si
fonde in maniera impercettibile con i principi stoici, grazie alla mediazione di Panezio, capace di mitigare laustero rigore dellantica
Stoa.
Seneca fa suoi anche alcuni topoi della tradizione, rinnovandoli:
nei confronti di Sereno, che si rivolge a lui in toni confidenziali, descrivendogli i sintomi della perenne fluctuatio dei suoi propositi, egli
non si presenta semplicemente nella tipica veste stoica di medico
dellanima, intento a curare un morbum: quella di Sereno una convalescenza, che mostra i segni di una profonda insicurezza, e non una
vera malattia. Proposito educativo del filosofo , dunque, quello di far
raggiungere allamico una stabilit emotiva, che successiva alla consapevolezza intellettuale: essa frutto di un duro lavoro sulla propria
interiorit, di un esercizio che permette di raggiungere lequilibrio nelle scelte e la moderazione nemica degli eccessi. La condizione di Sereno diversa da quella di chi affetto dalla displicentia sui, i cui sintomi contrastanti si possono individuare nella depressione o nella con5

CICERONE, De fin. V, 23.

14

Introduzione

tinua agitazione. Entrambe queste patologie derivano dallincapacit


di realizzare propositi troppo alti e dalleccessivo attaccamento ai beni
materiali. Anche per Plutarco, come per Seneca, lerrore delluomo
che quando constata limpossibilit di raggiungere le proprie aspirazioni, si batte senza rassegnarsi e si disprezza, ritenendo di vivere in
maniera meschina.
Nel secondo capitolo inizia lanalisi delle tecniche atte a perseguire
lequilibrio interiore: in particolare vengono analizzati gli esercizi spirituali, che Sereno dimostra di aver gi praticato. Questi si distinguono
da quelli pratici, perch in essi prevale la componente razionale: si
tratta di una modalit autoeducativa, volta a liberare luomo da ogni
forma di pregiudizio e da ogni legame destabilizzante, in modo da operare in lui un cambiamento radicale del proprio modo di vivere.
Lidea che la consuetudo e lexercitatio influiscano sullhabitus e siano essenziali per perseguire la serenit era gi in Aristotele e Democrito e si riscontra anche in Plutarco, ma mentre in questultimo prevale la componente pratica, in Seneca c lassoluta preponderanza
dellelemento spirituale. Esso si estrinseca essenzialmente secondo
due modalit: linteriorizzazione del maestro, che sostituisce la confessione dei peccati ad una persona esterna, e lesame di coscienza
quotidiano. Il De tranquillitate animi trae la propria ragione dessere
da una recognitio sui di Sereno, che ha raggiunto razionalmente delle
convinzioni, ma non le ha ancora rielaborate a livello emozionale: in
base allesame di coscienza che Sereno capisce di non essere ancora
sicuro del verso da imprimere al corso della sua vita e di non aver ancora raggiunto lhabitus. Anche la meditatio una forma di exercitatio, ma si discosta dallesame di coscienza per loggetto cui si dirige:
mentre quella ha un risvolto esclusivamente interiore, la meditazione
comporta una riflessione sul modo in cui la nostra coscienza si rapporta con il mondo esterno. Essa, conducendo al controllo delle proprie
emozioni, particolarmente adatta alleducazione morale; aiuta a razionalizzare subito gli eventi, grazie al continuo esercizio, e determina
un cambiamento qualitativo, in quanto comporta lassimilazione di
una nuova abilit. Infine Seneca si propone di insegnare a Sereno la
praemeditatio malorum, in cui limmaginazione usata sotto il controllo della ragione: essa consiste nel rappresentarsi i mali prima che
accadano, per non essere colti impreparati quando questi si presentano
realmente.
Il terzo capitolo prende in esame luso della retorica a scopo parenetico. In questo dialogo, infatti, lautore sente lesigenza di tradurre

Introduzione

15

in azione i principi teorici: non sufficiente docere, occorre anche


admonere e per questo viene alternato il tono confidenziale del sermo
a quello esortativo. Lo stoicismo antico condannava luso dellornatio,
in quanto essa faceva leva essenzialmente sulle passioni: anche Seneca deplora la funzione estetica della retorica e ne esalta quella informativa ed esplicativa (demonstrandae rei causae). A Sereno, che dice
di oscillare fra luso di una inelaborata oratio ed il desiderio di sollevare il tono dei propri scritti, Seneca prospetta la necessit di una homologhia fra arte e vita, concetto, ancora una volta, di ascendenza paneziana. Il cospicuo utilizzo delle metafore presenti nellopera si spiega con la loro funzionalit: esse, creando un collegamento con la realt, inducono alla meditazione, e inoltre, poggiando sulle emozioni, facilitano lassimilazione dei praecepta e suscitano una sorta di emotivit virtuosa. La retorica diviene ancella della filosofia ed in quanto tale
non condannabile, perch non fine a se stessa, ma mezzo persuasivo, sfruttando al meglio lo strumento imaginifico. La metafora pi ricorrente nel De tranquillitate animi quella della navigazione, ma con
uno scarto deciso rispetto al motivo tradizionale della rotta verso il
porto della saggezza 6. Sereno in preda ad una continua volutatio,
fluctuatio, motus animi: Seneca paragona il suo stato a quello del tremolio del mare, mentre la condizione cui aspira lamico quella del
non concuti, un equilibrio dinamico, come quello che si pu raggiungere in un elemento fluido quale il mare; lapprodo definitivo ancora
lontano, del resto la tranquillit, senecanamente intesa, non mai uno
stato definitivo, ma conquista giornaliera. Anche la metafora della malattia dellanimo si collega alla condizione intermedia di Sereno, che,
a suo dire, non n malato, n sta bene: ancora una volta lidea di sanit sfocia in quella di stabilit. Infine la metafora del cammino verso
la saggezza configurata come via impervia e passibile di continue
deviazioni ed oscillazioni rispetto al retto cammino: si tratta di un moto ondulatorio e non regolare.
Il quarto capitolo tratta della ripresa del patrimonio educativo proveniente dal passato, in particolare le citazioni e gli exempla: questi
ultimi, come le metafore, devono la loro maggiore incisivit proprio al
riferimento concreto; in questo modo si giustifica la scarsa presenza in
Seneca di exempla mitologici. Inoltre, lidea di seguire exempla virtu6

Le metafore marine nel De tranquillitate animi trovano ora compiuta e puntuale


trattazione in G. LOTITO, Suum esse. Forme dellinteriorit senecana, Bologna 2001,
pp. 15 ss.

16

Introduzione

tis era radicata nella mentalit romana, come dimostrano le istituzioni


del tirocinium e del contubernium. Nel filosofo gli esempi divengono
espediente didattico di primaria importanza: egli li utilizza per convincere linterlocutore della bont delle proprie tesi, ma anche per rafforzare la fiducia nella realizzabilit degli intenti che Sereno si propone. Del resto Seneca stesso vuole fare della sua vita un esempio di coerenza, che sia insegnamento per i posteri 7, e nel De tranquillitate animi dimostra una certa originalit ricorrendo anche ad esempi recenti,
come quello di Giulio Cano, uomo estremamente duttile nelladattarsi
alle situazioni sfavorevoli.
Quanto alle citazioni, Seneca ne fa un uso cospicuo, non disdegnando di ricorrere neppure ad autori di orientamento opposto, come
Epicuro: il filosofo si considera un esploratore delle teorie altrui,
purch esse dicano il vero ed abbiano unutilit prammatica. Le citazioni, sotto forma di sententiae, sono necessarie soprattutto in una
prima fase delleducazione, quando divengono oggetto di meditazione; in un secondo momento invece opportuna una trattazione sistematica dellargomento, garantita dai decreta; infine i praecepta e i
breviaria servono per una riflessione quotidiana, che corrobori le convinzioni ormai raggiunte. Nel De tranquillitate animi si possono agevolmente rinvenire le ultime due fasi: Sereno ha gi mostrato di aderire al pensiero stoico, ma una trattazione pi distesa, corredata da exempla, gli permette di raggiungere una piena sicurezza intellettuale,
mentre i praecepta, imprimendosi nella mente, divengono sprone continuo alla virtus e gli conferiscono quella securitas di cui egli ha bisogno.
Il quinto capitolo prende in considerazione i rapporti interpersonali
utili alla conquista della tranquillitas e gli spunti di riflessione morale
che provengono da essi. Nel settimo capitolo dellopera, infatti, Seneca consiglia a Sereno di non scegliere i suoi amici fra coloro che sono
inquinati dal vizio, suggerendogli in particolare di evitare le persone
sempre scontente e che disperano di tutto. Una visione cos pessimistica della natura umana nasconde, in realt, un profondo ottimismo
pedagogico: la nobilt umana si manifesta proprio nella lotta continua
contro gli allettamenti esterni, cui luomo cede facilmente. Ne consegue anche lidea che la virt non sia innata nelluomo, ma frutto di
una conquista progressiva, possibile per tutti. Inoltre lautore presenta
il male come malattia contagiosa, quasi una pestilenza che si propaga
7

TACITO, Ann. XV, 62, 1.

Introduzione

17

in virt della consuetudine delluomo ad imitare i comportamenti altrui: ci particolarmente valido per Sereno, che proprio per il suo
status di proficiens esposto agli influssi negativi. Per lo stesso motivo lamicizia con persone valide pu essere produttiva, ma la scelta
dellamico avviene attraverso una disamina ponderata della sua voluntas rivolta alla sapientia. In questo senso lamicizia diviene didatticamente utile: lexemplum reciproco pu essere monito alla virtus. In
questo modo Seneca per Sereno, oltre che maestro, anche amico: il
desiderio di aemulatio spinge lallievo a dimostrarsi degno della benevolenza del suo praeceptor e lautoeducazione nasce dal reciproco
confronto. Allo stesso tempo il maestro, mosso dal desiderio di giovare (prodesse) allamico, intende non mostrarsi in nulla inferiore alle
aspettative di lui, nei confronti del quale nutre un affetto disinteressato. Si tratta di un rapporto alla pari, in cui la componente razionale,
contemplata dalla scelta volontaria, prevale su quella affettiva, pur
considerata da Seneca, a differenza di quanto avveniva nellantica
Stoa. Nello stesso modo si giustifica latteggiamento disincantato del
filosofo verso i difetti altrui: chi non opera una scelta volta alla sapientia non degno delle nostre preoccupazioni; lidea che gli altri
possano cambiare inutile fonte di angoscia.
Anche il rapporto con le cose si basa spesso su un errore di giudizio, che ci induce ad attribuire loro un valore assoluto, non relativo o
funzionale. Occorre disporci nei confronti dei beni e degli eventi esterni con una certa duttilit, cos da considerare le sventure in una
prospettiva positiva. Linsegnamento di Seneca consiste, in questo caso, nel condurre Sereno a ridimensionare limmagine distorta che egli
ha della realt esterna.
Per concludere, il sesto capitolo analizza il rapporto fra otium e negotium, cos come si configura nel De tranquillitate animi. In
questopera il filosofo non giunto alla nozione di otium come theoria, ovvero come disinteressata contemplazione delluniverso e delle
sue leggi, quale verr teorizzata nel De otio. Nel De tranquillitate animi lotium ancora in funzione del negotium, ed assume una connotazione pedagogica, in quanto invita luomo ad operare la trasformazione del reale sulla base della riflessione. Seneca esorta Sereno a non
sottovalutare la vita contemplativa: anchessa pu essere utile, nel caso che venga messa al servizio degli altri e se diviene un modo di giovare alla comunit con il proprio insegnamento. Rimane, per, ancora
primaria la physik koinonia, per cui si pu indulgere al ritiro a vita

18

Introduzione

privata solo se le circostanze sono tali da richiederlo 8. Sereno obietta


a Seneca che i maestri stoici con i loro scritti hanno pi spesso esortato allazione di quanto non abbiano poi effettivamente fatto nella pratica: in realt gli antichi invitavano ad uninattivit giustificata (apragmosyne), mentre criticavano gli eccessi opposti, come la polypragmosyne ed il bios scholastics.

8
La rivalutazione della vita contemplativa risente dellinflusso di Panezio, che per
primo aveva teorizzato lesistenza di una doppia virt, pratica e teorica, equiparandole
e destinandole a fini diversi, ossia la concordia civile e la homologhia: inoltre egli dedic unintera opera, il Per euthymias, proprio alla cura della serenit interiore.

Capitolo 1

Il significato dellinsegnamento di Seneca

1. Il debito di Seneca nei confronti della tranquillitas democritea


In un passo della sua opera Seneca sembra riassumere il senso che
per lui acquista la parola tranquillitas:
Dunque noi vogliamo sapere in che modo lanimo possa seguire una
rotta sempre uniforme e favorevole, ed essere ben disposto verso se
stesso e guardare con letizia alle cose sue e non interrompere questa
gioia, ma rimanere in una dolce condizione di quiete senza mai esaltarsi n deprimersi: questa sar la tranquillit 1.

In questa definizione, secondo lacuta interpretazione del Grilli, si


fondono elementi democritei e stoici 2.
1

SENECA, De tranq. an. 2, 4. Una definizione simile si ritrova in un passo delle


Epistole (95, 57): Non pu godere della tranquillit se non chi si formato un giudizio immutabile e sicuro: tutti gli altri cadono, poi si riprendono e ondeggiano (fluctuantur) continuamente fra rimpianti e desideri.
2
A. GRILLI, Il problema della vita contemplativa nel mondo greco-romano, cit., p.
159. Lautore, traendo spunto da un saggio di R. HIRZEL, Demokrits Schrift Per
eyumhw, Hermes, 15, 1879, pp. 354-407, sulla base di un confronto sistematico di
alcuni passi dellopera di Seneca con quella omonima di Plutarco, arriva alla conclusione che i due scrittori avessero una fonte comune, che egli identifica in Panezio, il
cui testo, per noi perduto, ricostruibile nelle sue linee fondamentali dal De officiis di
Cicerone: in realt lunica fonte che menziona lo scritto paneziano Diogene Laerzio
(9, 20). Per la curiosa omissione di Panezio da parte di Seneca, cfr. G. LOTITO, Suum
esse, cit., pp. 12 ss. Riguardo ai riferimenti stoici si veda M. ADLER, Stoicorum veterum fragmenta, Leipzig 1921-1924, vol. I, frr. 184 e 554; vol. III, fr. 144 (vista la no-

19

20

Capitolo 1

Seneca cita espressamente Democrito nel De tranquillitate animi


per ben tre volte. Nella prima di queste occorrenze (2, 3) afferma che
il telos cui aspira Sereno 3, il non concuti, una cosa degna di un dio; i
Greci la chiamano euthymia, Seneca la traduce con il termine tranquillitas 4: a questo tema Democrito dedic un intero volume 5.
Per capire precisamente quale sia lessenza dellinsegnamento di
Seneca, occorre comprendere cosa egli intenda per tranquillit e in
quale senso ne riprenda laccezione democritea. Evidentemente il filosofo spagnolo non si riferisce al significato pi banale del termine,
ovvero tranquillit come mancanza di turbamenti, ma, come si chiarir
a proposito della metafora marina, ricorrente nella sua opera, egli intende guidare il suo discepolo verso una moderazione che rifugga da
eccessivi abbattimenti ed esaltazioni, secondo il motivo topico
dellaurea mediocritas, cos fortunato nelle letterature classiche.
Quando, al contrario, Seneca deve descrivere la tranquillit come inattivit, non casualmente usa la metafora del mare morto:
A questo punto mi viene in mente il nostro Demetrio che paragona a
un mare morto una vita tranquilla, non turbata dagli assalti della fortuna. Non avere niente che ti svegli e ti scuota, nessuna minaccia e nessun attacco, che costringa a mettere alla prova la fermezza del tuo animo, ma giacere nellozio senza scosse, non vera tranquillit; una
calma inerte 6.

tevole frequenza di citazioni tratte da questopera, si ritiene opportuno dora in poi


utilizzare lacronimo SVF, come da uso ormai invalso nei lavori dedicati
allargomento).
3
Quanto alla biografia di Sereno, si veda quanto detto da F. GIANCOTTI, Cronologia dei Dialoghi di Seneca, Torino 1957, pp. 153-156. Per il legame di profonda
amicizia che legava Seneca a Sereno, cfr. G. LOTITO, Suum esse, cit., pp. 20 ss., il
quale disgiunge la persona storica dal personaggio del dialogo.
4
La traduzione del termine euthymia si trova gi nel De finibus di Cicerone (V,
23), associato al termine securitas: Democriti autem securitas, quae est animi tamquam tranquillitas, quam appellant euthymian, eo separanda fuit ab hac disputatione,
quia ea ipsa est vita beata. Pi avanti lArpinate chiarisce il concetto: Ideo enim ille
summum bonum eyuman et saepe amban appellat, id est animum terrore liberum.
5
significativo che Seneca (De tranq. an. 2, 3) citi su questo tema, trattato da altri letterati e filosofi, solo lopera di Democrito: c, probabilmente, la volont di richiamarsi alliniziatore di questo genere, al quale aveva attinto anche lo stesso Panezio. Della stessa idea appare P. GRIMAL, Snque ou la conscience de lempire, Paris
1978, pp. 141-142.
6
SENECA, Ep. 67, 14.