Anda di halaman 1dari 2

FRANCESCO BACONE

VITA E OPERE
S e G a l i l e i h a c h i a r i t o i l m e t o d o d e l l a r i c e r c a s c i e n t i fi c a , B a c o n e h a p e r p r i m o c o m p r e s o i l
potere che questa pu esercitare sul mondo, concependola come strumento per il dominio
delluomo sulla natura. Egli voleva rendere la scienza attiva ed operante al servizio
delluomo, intendendola diretta alla costituzione di una tecnica che doveva dare
alluomo il dominio su ogni parte del mondo. Bacone non si interess solo al mondo della
n a t u r a , b e n s l e s u e o p e r e t r a t t a r o n o a n c h e d i m o r a l e e d i v u l g a z i o n e s c i e n t i fi c a , p r o g e t t a n d o
unenciclopedia delle scienze, che egli divide in scienze fondate sulla memoria, sulla
fantasia e sulla ragione.

LA NUOVA LOGICA DELLA SCIENZA


Contrapponendosi alla vecchia logica aristotelica, diretta allespugnazione dellavversario,
B a c o n e p r o p o n e u n a n u o v a l o g i c a , v o l t a a l l e s p u g n a z i o n e d e l l a n a t u r a . Pe r f a r l o , n e c e s s a r i o
che la scienza sia posta interamente al servizio delluomo, e che coincida con la potenza
u m a n a . L i g n o r a n z a d e l l a c a u s a , i n f a t t i , r e n d e i m p o s s i b i l e l a r e a l i z z a z i o n e d e l l e ff e t t o , p e r
q u e s t o l i n t e l l i g e n z a u m a n a h a b i s o g n o d i s t r u m e n t i e ffi c a c i p e r p e n e t r a r e n e l l a n a t u r a
d o m i n a r l a : g l i e s p e r i m e n t i . Tu t t o q u e s t o n o n p u t u t t a v i a a v v e n i r e fi n c h l a m e n t e n o n s i l i b e r a
da errori e pregiudizi, perch lantic ipazione della natura prescind e dall esperimento . Ci
si deve invece addentrare con metodo e ordine nellesperienza.

I PREGIUDIZI DELLA MENTE


Il primo compito che Bacone intende portare a termine leliminazione di tutte le
anticipazioni, di tutti i pregiudizi, che egli chiama Idola, dividendo le loro critiche in criti ca
d e l l e fi l o s o fi e , c r i t i c a d e l l e d i m o s t r a z i o n i e c r i t i c a d e l l a r a g i o n e , l e p r i m e r a d i c a t e
n e l l u o m o d a d o t t r i n e fi l o s o fi c h e e r r a t e , l e s e c o n d e d a d i m o s t r a z i o n i e r r a t e , l e u l t i m e p e r l a
natura stessa dellessere umano.
1 ) L e a n t i c i p a z i o n i c h e l e s s e r e u m a n o p o s s i e d e p e r n a t u r a s o n o g l i I d o l a Tr i b u s ( c o m u n i t u t t i
gli uomini e causati dalla predisposizione dellintelle tto umano allimpazienza, alla
preferenza, allarroganza e allottimismo) e gli Idola Specus (propri di ciascun individuo e
dipendenti dalleducazione, dalle abitudini e dalle esperienze di vita).
2 ) O l t r e a i p r e g i u d i z i i n t r i n s e c i d e l l u o m o , c i s o n o q u e l l i d i o r i g i n e e s t e r n a : g l i I d o l a Fo r i
( d e r i v a n t i d a l l i n g u a g g i o , d a l l a d e fi n i z i o n e d i r e a l t i n e s i s t e n t i , c o m e l a f o r t u n a , l e l e m e n t o
fuoco, o dalla errata comprensione di termini reali, come umido, leggero, denso,) e gli
I d o l a T h e a t r i ( f r u t t o d e l l e a n t i c h e d o t t r i n e fi l o s o fi c h e o d i d i m o s t r a z i o n i e r r a t e ) .
Pe r s p e c i fi c a r e g l i I d o l a T h e a t r i , B a c o n e d i v i d e l e f a l s e fi l o s o fi e i n t r e s p e c i e , l a s o fi s t i c a
( A r i s t o t e l e ) , l e m p i r i c a ( a l c h i m i s t i ) e l a s u p e r s t i z i o s a ( Pi t a g o r a , P l a t o n e ) . E d p r o p r i o n e l l a
r i v e r e n z a p e r q u e s t e c o m e p e r a l t r e d o t t r i n e a n t i c h e c h e B a c o n i d e n t i fi c a u n a d e l l a c a u s e c h e
impediscono agli uomini di liberarsi dagli Idola.

IL METODO INDUTTIVO
Se da una parte lintell etto produce solo nozioni arbitrarie e i sensi solamente indicazioni
disordinate, la scienza, per Bacone, non pu che imporre allesperienza la discipl ina
dellintelletto e viceversa , tramite induzione. Bacone oppone allinduzione aristotelica,
puerile e inconcludente, semplicemente mirata allenumerazione dei fatti, una sua induzione,
fondata sulla scelta e sulleli minazione dei casi particola ri , a loro volta raccolti in quella
che Bacone chiama storia naturale e sperimentale. Questa per talmente vasta da
necessitare di coordinazioni dei casi particolari, che Bacone articola in tre tavole: di
presenza (raccolgono i casi nei quali un fenomeno si presenta anche in condizioni diverse), di
assenza (raccolgono i casi nei quali un fenomeno non si presenta seppur in condizioni molto
simili) e dei gradi (raccoglie i casi in cui un fenomeno si presenta nei suo gradi decrescenti).
L e t a v o l e , q u i n d i , c o n s e n t o n o d i f o r m u l a r e u n a p r i m a i p o t e s i , t u t t a d a v e r i fi c a r e , a t t r a v e r s o u n a
s e r i e d i e s p e r i m e n t i c h e B a c o n e c h i a m a i s t a n z e p r e r o g a t i v e , fi n o a g i u n g e r e a d u n u l t i m a
istanza (cruciale) che necessariamente collega il fenomeno alla nostra ipotesi. Solo a tal punto
si pu formulare unultima teoria ed individuare la vera causa o forma del fenomeno.
Senza essere una semplice raccolta di esperienze (empirismo) o il frutto di un astratto
ragionamento
(razionalismo),
il
metodo
induttivo
baconiano
interpreta
e
seleziona
r a z i o n a l m e n t e i f a t t i . Pa r a g o n a n d o g l i e m p i r i s t i a l l e f o r m i c h e , c h e a c c u m u l a n o s o l t a n t o , e i
razionalisti ai ragni, che traggono la tela da loro stessi, Bacone equipara il proprio metodo al
l a v o r o d e l l e a p i , c h e p r e n d o n o i l n e t t a r e d a i fi o r i e , p e r v i r t p r o p r i a , l o c o n v e r t o n o i n m i e l e .

LA TEORIA DELLE FORME E I LIMITI SCIENTIFICI DEL MONDO BACONIANO


R i c o n s i d e r a n d o l e q u a t t r o c a u s e a r i s t o t e l i c h e d e l l e s s e r e ( fi n a l e , e ffi c i e n t e , m a t e r i a l e e
f o r m a l e ) , B a c o n e c o n c l u d e c h e l a c a u s a fi n a l e n u o c e a l l a s c i e n z a p i c h e g i o v a r l e e c h e l e
c a u s e e ffi c i e n t e e m a t e r i a l e s o n o s u p e r fi c i a l i e i n u t i l i . R i m a n e a l c a u s a f o r m a l e e d p r o p r i o l a
forma per Bacone la causa delle cose naturali. Sapendo che Bacone distingue in ogni fenomeno
naturale uno schematismo latente (la struttura intrinseca dei corpi statici) e un processo

latente (il movimento intrinseco dei corpi), possiamo dire che la forma allo stesso tempo
il principio dello schematismo e del processo.