Anda di halaman 1dari 18

Italiano - Secondo Anno

Prof. Carlos Reyes

Attivit integrativa N 1:
Riordinare e fare un Video di Gruppo Creativo Drammatizzando i 10 Dialoghi in diferenti
luoghi, utilizzando i costumi e oggetti corrispondenti a ogni dialogo.

Criteri di Valutazione (Voti da 1 a 10):


Hanno messo i dialoghi in ordine con il loro nome, con una piccola presentazione
degli studenti, materia, professore e i dialoghi sono completi______
Utilizzano diferenti luoghi, costumi e oggetti corrispondente a ogni dialogo______
Partecipano tutti nei dialoghi e hanno una corretta pronuncia______
I dialoghi hanno un suono ottimo nel video______
Gli studenti hanno memorizzato i loro dialoghi, gesticolano e parlano senza leggere
______

Data di consegna: Mercoled 4 Maggio 2016.


Caratula: In italiano (Scuola, studenti, materia, professore, contenuto, sezione, etc.)
Forma: DVD o USB.

Italiano - Secondo Anno


Prof. Carlos Reyes

DIALOGO 1: Chidendo informazione


Davide: Buongiorno signorina! Sono Davide e Lei?
Margherita: Buongiorno! Mi chiamo Margherita, piacere
Davide: Molto lieto! Mi scusi Lei Italiana?

Personaggi:
Davide (Salvadoregno)
Margherita (Italiana)
Michela (sorella di Davide)

Margherita: S, sono di Roma. E Lei da dove viene?


Davide: Vengo da San Salvador in El Salvador.
Margherita: Ah!..San Salvador in Brasile?
Davide: No, San Salvador si trova in El Salvador, in America Centrale, vicino a Messico
Margherita: Ho capito. E lei chi ?
Davide: lei mia sorella Michela.
Margherita: Ciao Michela! quanti anni hai?
Michela: Io ho sette anni.
Margherita: E dove abiti Michela?
Michela: Abito a San Salvador, con mia mamma e mio fratello Davide.
Margherita: Oh!, e dove andate?
Michela: Noi dobbiamo arrivare a casa di mia zia Ana ma non so dov.
Davide: S, dobbiamo arrivare a Roma ma non sappiamo dov la Stazione Centrale di
Milano.
Margherita: Non vi preoccupate. Devono prendere lautobus numero 702 che vi porter di
fronte alla Stazione. Poi devono cercare il treno che vi porter a Roma.
Davide: Va bene, grazie mille dellinformazione.
Margherita: di nulla, buon viaggio!

Italiano - Secondo Anno


Prof. Carlos Reyes

DIALOGO 2: Al ristorante

Cameriere: Buongiorno signori! Quanti siete?


Cliente 1: Siamo tre. Dove possiamo sederci?
Cameriere: Al tavolo vicino alla finestra, prego.

Personaggi:
Cameriere
Cliente 1
Cliente 2
Cliente 3

Cliente 2: Pu portarci il men per cortesia?


Cameriere: Certamente, eccolo! Desiderate ordinare da bere?
Cliente 3: S, grazie. Ho molta sete.
Cliente 1: Allora ci porti una bottiglia di acqua minerale ed un litro di vino.
Cameriere: Per primo cosa prendete?
Cliente 2: Vediamo ho molta fame, Io vorrei una pizza Margherita!
Cameriere: e per voi?
Cliente 3: Mi porti la lasagna al rag.
Cliente 1: Per me, invece un piatto di Spaghetti alla Carbonara
Cameriere: Allora una pizza Margherita, una lasagna al rag, degli Spaghetti alla
Carbonara, una bottiglia di acqua minerale ed un litro di vino. Volete ordinare anche il
secondo?
Cliente 2: S, per me una bistecca con insalata.
Cliente 3: S, io prenderei un piatto di calamari fritti con contorno di patate al forno.
Cliente 1: Per il secondo, ci devo ancora pensare.
Cameriere: Qualcosaltro?
Cliente 2: S, grazie, un caff, un sorbetto al limone e poi anche il conto quello buono
mi raccomando!
Cameriere: (Sorridendo) S, certo, non si preoccupi.
Dopo alcuni minuti.
Cameriere: Ecco signori il conto: 62 euro.
Cliente 3: Grazie, possibile pagare con la carta di credto?

Italiano - Secondo Anno


Prof. Carlos Reyes

Cameriere: Certo, nessun problema.


Cliente 3: Faccia 62 euro
Cameriere: Grazie.
Cliente 2: Grazie a lei, era tutto delizioso!
Cameriere: Grazie, un piacere avere clienti come voi, arrivederci e a presto!
Cliente 3: Arrivederci e soprattutto a rimangiarci qui" (Risata)

Italiano - Secondo Anno


Prof. Carlos Reyes

DIALOGO 3: Al cinema
Paola: Cosa facciamo stasera?
Nicola: Perch non andiamo al cinema?
Ci sono tanti film interessanti da vedere.

Personaggi:
Paola
Nicola
Lucia
Roberto

Lucia: S, buona idea, da un po che non ci vado. Guardiamo sul giornale o su internet
per vedere quali film danno oggi in citt.
Roberto: Va bene, ma che genere di film preferite: una commedia, un film drammatico o
un film dazione?
Paola: Un bel film dazione, fantasticoche ne dite di questo? Batman v Superman
Nicola: Non so, qual la trama? Proviamo a leggere la recensione.
Lucia: La recensione dice che questo film tratto su una nuova minaccia che emerge
velocemente, mettendo lumanit nel pericolo pi grande che abbia mai conosciuto.
Roberto: Non so, forse preferirei una commedia; uscito un film che sembra divertente, il
protagonista molto bravo e il film ha una bellissima colonna sonora.
Paola: Andiamo a vedere Batman v Superman cos potremmo anche vederlo in lingua
originale, sottotitolato in italiano, cos facciamo pratica con linglese.
Nicola: Lo sai che sono pigro, non mi piacciono i sottotitoli, e poi i doppiatori italiani sono
cos bravi
Lucia: Va bene, allora, se volete vedere una commedia, vi propongo Deadpool, dicono che
sia molto ben fatto, fa ridere dallinizio alla fine. Che ne dite?
Roberto: Perfetto, me ne hanno parlato molto bene. In quale cinema lo danno?
Paola: Dunque, fammi controllarelo danno sia in Cinepolis sia in quella di Cinemark.
Nicola: Preferisco andare in Cinepolis, cos non devo prendere la macchina; dopo possiamo
andare a mangiare qualcosa e parlare del film.
Lucia: Allora andiamo! Alle sette va bene per voi?
Roberto: S, va bene.
Paola: Daccordo, ci vediamo allingresso del cinema.
Tutti: Ok, a dopo ragazzi!
4

Italiano - Secondo Anno


Prof. Carlos Reyes

DIALOGO 4: Alla stazione per un viaggio in treno


Natalia e Samira hanno deciso di fare un viaggio in treno, vogliono partire da Roma per
andare a Rimini a trovare alcuni amici per il fine settimana. Vogliono partire di mattina
presto e si danno appuntamento nellatrio della stazione di Roma Termini per pianificare il
loro viaggio e prenotare i biglietti.
Natalia: Ciao Samira, andiamo a fare i biglietti?
Samira: S, mettiamoci in fila alla biglietteria.
Natalia: Buongiorno, noi vorremmo prenotare due biglietti per Rimini.
Bigliettaio: Quando volete partire?
Natalia: Vorremmo partire Venerd e tornare Domenica, quindi meglio fare un biglietto
di andata e ritorno.
Bigliettaio: Desiderate viaggiare in prima o in seconda classe?
Natalia: In seconda classe.
Bigliettaio: Vediamo, non esiste un treno diretto da Roma a Rimini, bisogna cambiare a
Bologna. C un treno Frecciarossa Alta Velocit che parte da Roma alle 7:30, poi a
Bologna alle 9:27 parte un treno Frecciabianca che arriva a Rimini alle 10:34.
Natalia: Mi sembra una buona soluzione, e per il ritorno?
Bigliettaio: Per il ritorno c un treno Frecciabianca che parte da Rimini alle 17:17 e poi
dovete sempre cambiare a Bologna: un treno Frecciarossa parte alle 18:14 e arriva alle
20:40 a Roma Termini.
Natalia: Direi che va bene, quanto costa il biglietto?
Bigliettaio: Sono 76 euro a testa, avete qualche preferenza per i posti a sedere?
Natalia: S, ci piacerebbero vicino al finestrino.
Bigliettaio: Ecco, questi sono i biglietti, come potete vedere sul biglietto sono indicati la
data e lorario di partenza, il numero del treno, il numero della carozza e dei posti a
sedere.
Natalia: Perfetto! Da quale binario partir?

Italiano - Secondo Anno


Prof. Carlos Reyes

Bigliettaio: Il binario viene indicato nel tabellone delle partenze nellatrio della stazione
poco prima della partenza, ma di solito questo treno parte dal primo binario. Ricordatevi di
obliterare il biglietto.
Natalia: Come si fa? Noi siamo da poco in Italia
Bigliettaio: Nelle stazioni e sui binari ci sono delle macchinette obliteratrici gialle, basta
inserire il biglietto e la macchina stamper sul biglietto la data della partenza, mi
raccomando fate attenzione a non obliterare insieme il biglietto di andata e quello di
ritorno, ogni biglietto va obliterato solo nel giorno stesso in cui viene utilizzato.
Natalia: E cosa succede se ce ne dimentichiamo?
Bigliettaio: Il controllore vi far una multa, ma, se per caso ve lo dimenticherete, vi
consiglio di andare immediatamente dal controllore sul treno che lo pu obliterare a mano,
ma potrebbe comunque farvi la multa.
Natalia: Ho capito, grazie, stato molto gentile!
Bigliettaio: Buon viaggio!

Italiano - Secondo Anno


Prof. Carlos Reyes

DIALOGO 5: In giro per la citt


Alex Facciamo un giro in centro?
Marta S, unottima idea, cos mi fai conoscere la citt.
Alex Dunque quella chiesa in fondo alla strada la pi antica della citt.
Marta molto bella, ma cos questo palazzo davanti a noi?
Alex Questo il municipio, la sede del comune.
Marta davvero grande!
Alex Mentre questa la biblioteca, proprio di fianco al municipio, qui puoi trovare
moltissimi libri e cd.
Marta Molto interessante, voglio andarci al pi presto.
Alex Quelledificio dietro la piazza lufficio postale, l puoi spedire lettere, pagare le
bollette e fare tante altre cose.
Marta Ma come sono alti quegli edifici laggi, sono diversi dagli altri.
Alex S, vero, quei grattacieli sono moderni, sono stati costruiti non molto tempo fa.
Mentre in queste stradine la mattina c il mercato, puoi trovare la frutta, la verdura e tante
altre cose da mangiare.
Marta Lo so, ho fatto la spesa proprio questa mattina. Mi piace venire in centro, queste
strade sono piene di negozi e di bar.
Alex Perch non ci fermiamo in questo bar a prendere un caff?
Marta Va bene, ma questa volta offro io!
Barista: Buongiorno, desiderate?
Marta: Io vorrei un caff macchiato e una brioche dolce vuota, per piacere.
Barista: Scusi, ma prima deve fare lo scontrino alla cassa.
Marta: Va bene. Tu cosa prendi?
Alex: Per me un succo di frutta alla pesca e un trancio di pizza, per favore.
Barista: Se vi volete accomodare al tavolo, vi servo subito.
Alex: Grazie.
7

Italiano - Secondo Anno


Prof. Carlos Reyes

DIALOGO 6: Cercando un appartamento


Agente: Pronto, qui lagenzia immobiliare.
Signora: Pronto, buongiorno, La chiamo perch sto cercando un appartamento in affitto.
Agente: Buongiorno a Lei, che tipo di appartamento cerca? Noi abbiamo monolocali,
bilocali e anche appartamenti pi spaziosi.
Signora: Mi interesserebbe un appartamento spazioso con due camere da letto.
Agente: Le posso proporre un appartamento in pieno centro.
Signora: In realt stavo cercando una casa un po fuori dal centro, in periferia.
Agente: Non c problema, si appena liberato un appartamento non lontano dal centro.
Signora: Sarebbe perfetto!
Agente: al terzo piano.
Signora: C lascensore?
Agente: No, non c.
Signora: Come composto questo appartamento?
Agente: Lappartamento composto da un angolo cottura, un salotto, due camere da letto,
un bagno e un ripostiglio, completamente arredato.
Signora: Dunque la cucina non abitabile, veramente cercavo qualcosa di pi spazioso,
siamo in quattro in famiglia.
Agente: Allora ci sarebbe un bellappartamento a dieci minuti dal centro.
Signora: Bene, quante stanze ci sono?
Agente: composto da un ingresso, una cucina abitabile, un ampio soggiorno con una
terrazza, due camere da letto e il bagno. Ledificio completamente ristrutturato, ma le
stanze non sono ammobiliate.
Signora: Sembra interessante, a che piano ?
Agente: Al secondo piano con lascensore. Se Le interessa c anche la possibilit di avere
il garage.
Signora: S, potrebbe essermi utile.
8

Italiano - Secondo Anno


Prof. Carlos Reyes

Agente: Cosa ne pensa?


Signora: Questo appartamento sembra adatto alle mie esigenze, proprio quello che stavo
cercando!
Agente: Molto bene, allora prendiamo un appuntamento cos lo pu vedere.
Signora: Perfetto!

Italiano - Secondo Anno


Prof. Carlos Reyes

DIALOGO 7: All'agenzia di viaggio


Impiegata: Buongiorno.
Cliente: Buongiorno.
Impiegata: Si accomodi pure. Come posso aiutarla?
Cliente: Dovrei partire in viaggio di nozze
Impiegata: Dunque siete in due
Cliente: Beh, si spera che saremo in due anche alla fine del viaggio di nozze! ( ridono)
Impiegata: Avete unidea ben precisa? O vi posso consigliare qualcosa?
Cliente: S, avremmo qualche idea soprattutto su dove non andare.
Impiegata: Mi dica pure.
Cliente: Non vorremmo un posto troppo turistico, cio troppo affollato. Vogliamo un
viaggio romantico, ma allo stesso tempo culturale. Vogliamo vedere posti
meravigliosi e condividerli con la persona amata. Non so se mi capisce
Impiegata: Certo che s. Mi sta facendo venire voglia di partire con lei! (ridono)
Cliente: Voglio fare una sorpresa alla mia futura moglie. Le far recapitare il biglietto con
una rosa.
Impiegata: Lei proprio romantico! Guardi: escluderei le capitali europee e del Nord
America. Quanti giorni avete a disposizione?
Cliente: Tre settimane
Impiegata: Perfetto. Allora, partenza da Roma per lAustralia. Pernottate a Sidney per 5
notti in un albergo a 4 stelle. Ora molto conveniente: un euro vale quasi due dollari
australiani.
Cliente: Ah, bene, non lo sapevo.
Impiegata: Poi, dopo un po di compere ed escursioni nellinterno australiano, con una
nave da crociera di lusso si parte verso la Nuova Zelanda.
Cliente: Mi piace!
Impiegata: Dormirete ad Auckland per due notti. Quindi iniziarete delle escursioni
nellIsola del sud, la zona con la natura pi affascinante della Nuova Zelanda.
Cliente: Fantastico. E il rientro?
Impiegata: Per il rientro ho pensato via Singapore.
Cliente: S, mi piace molto lidea.
Impiegata: Bene.
Cliente: Immagino sar molto caro.
Impiegata: Non pi di tanto: non alta stagione. Mi dia un po di tempo per
organizzare tutto.
(Dopo unattesa)
Impiegata : Allora, il viaggio per due persone dal 1 settembre al 21 settembre compreso
di tutto ci che abbiamo detto. Come pu leggere dal preventivo che ha di fronte, costa
8.450 euro.
Cliente:I diritti dellagenzia sono compresi?
Impiegata:S, tutto compreso e domani stesso Le posso consegnare biglietti e prenotazioni!
Cliente: Ah una domanda: a che ora parte l aereo da Roma?
Impiegata: Ho cercato dei voli comodi, non troppo presto alla mattina. Il volo da Roma
alle 10:25.
10

Italiano - Secondo Anno


Prof. Carlos Reyes

Cliente : Perfetto, Le lascio un acconto ora? Vanno bene 2000 euro?


Impiegata: S, benissimo.
Cliente: Allora a domani
Impiegata : A domani. Mi raccomando controlli la scadenza dei passaporti!
Cliente: S, certo. Grazie per la gentilezza. A domani.

11

Italiano - Secondo Anno


Prof. Carlos Reyes

DIALOGO 8: Al Museo

Impiegato del museo: Buongiorno.


Signora: Buongiorno. Vorrei due biglietti per il museo delle scienze naturali.
Impiegato del museo: La bambina non paga,se ha meno di 6 anni.
Signora: S, ha 5 anni!
Impiegato del museo: Allora, sono solo 5 euro.
Signora: Non ha per caso una guida? A volte sono cos ben fatte
Impiegato del museo: Certo, signora labbiamo in diverse lingue: inglese, francese, tedesco,
cinese.
Signora: In arabo? Vengo dalla Tunisia.
Impiegato del museo: No, non abbiamo la guida in arabo, mi dispiace!
Signora: Allora prendo quella in francese.
Impiegato del museo: Bene, buona visita e si ricordi che non pu fare fotografie col flash.
Signora: Certo, non si preoccupi. Quanti piani ha il museo?
Impiegato del museo: Quattro piani, signora. Ma non si preoccupi: c anche lascensore.
Signora: A che ora chiude il museo?
Impiegato del museo: Alle 20, signora. Adesso sono le 18: ha circa due ore di tempo.
Signora: Grazie.
(Dentro al museo)
Signora: Guarda Valeria, che bello.
Valeria (Bambina): S, mamma. Che cosa quello?
Signora: Lo scheletro di un dinosauro, un animale della preistoria, di tanto tempo fa. Hai
visto come grande? Ora non ci sono pi: si sono estinti, cio sono scomparsi.
Valeria:E perch? Erano cos grandi e forti!
Signora: Non siamo certi sullesatto motivo: forse non erano in grado di vivere nel clima
freddo delle ere glaciali.
Valeria:Cosa il museo, mamma?
Signora: E un edificio dedicato alla cultura, alla storia, allarte o alle scienze. Un museo
un luogo dove conosciamo il mondo presente e quello del passato.
Valeria:Allora anche la nonna qui?
Signora: (ride) No, la nonna non qui
Valeria:C una sola entrata. Ma perch ci sono tante uscite?
Signora: Sono uscite di sicurezza.
Valeria:Cio?
Signora: Uscite demergenza: se succede qualcosa di pericoloso, tutti i visitatori
possono andare via in fretta.
Valeria:E ci sono i bagni?
Signora: Certo.
Valeria:Sono preistorici anche loro?
Signora: (ride) Spero di no, amore

12

Italiano - Secondo Anno


Prof. Carlos Reyes

DIALOGO 9: Il colloquio di lavoro

Caterina: Buongiorno
Direttore: Buongiorno, Signorina Caterina Ledermann, come sta?
Caterina: Bene, grazie e lei?
Direttore: Tutto a posto, grazie! Bene, sono contento di incontrarla, stata puntuale, brava.
Ho dato una occhiata al suo curriculum e mi piaciuto molto. Vedo che ha studiato a
Firenze e che conosce oltre la lingua italiana anche il francese, linglese e il tedesco.
Caterina: Si, mi piacciono molto le lingue e mi piace molto conoscere la gente di paesi
diversi!
Direttore: Bene, Signorina, vedo che si laureata con il massimo dei voti in economia e
commercio. In 4 anni: complimenti! Come mai vuole lavorare da noi in banca? E un
lavoro piuttosto noioso e pesante
Caterina: Beh, lavorare in una banca come la vostra non sicuramente noioso, ci sono
molti stimoli e molti soddisfazioni economiche ed sicuramente prestigioso.
Direttore: Ma vedo che non ha mai lavorato in un gruppo, un team, mi capisce? In questo
ambito non ha esperienza!

Caterina: Sono una ragazza che impara velocemente e non ho paura di affrontare nuove
situazioni anche le pi difficili.
Direttore: Quanto vorrebbe guadagnare al mese?
Caterina: Guardi, allinizio lo stipendio non un problema, devo imparare e devo
conoscere bene lambiente, sono comunque molto ambiziosa! Ma su questo ci metteremo
daccordo in seguito e non credo ci saranno problemi.
Direttore: Vedo che ha avuto unesperienza nel 2002 come hostess con una compagnia
aerea, come mai ha smesso?
Caterina: Era unesperienza che volevo provare, a me piace molto viaggiare, per non un
lavoro per tutta la vita.
Direttore: Capisco. Dove ha imparato la lingua italiana?
Caterina: Mia madre stata sempre innamorata di questa lingua e mi ha trasmesso lamore
verso questa cultura. Da bambina siamo sempre venuti in Italia per le vacanze e poi siamo
rimasti a vivere qui!
Direttore: Ha doppia nazionalit?
Caterina: Si, sicuramente un grande vantaggio!
Direttore: Sa che a volte dovr lavorare anche fuori dagli orari prestabiliti?
Caterina: Certo, non un problema sono pronta a lavorare duramente per lazienda.
Direttore: Anche il sabato e portarsi il lavoro a casa?
Caterina: Anche la domenica, se necessario!
Direttore: (sorride) Le faremo sapere
Caterina: Sono fiduciosa, Direttore!
Direttore: E stato un piacere conoscerla.
Caterina: Spero di avere presto sue notizie!
Direttore: Grazie della visita! Buona giornata, avr nostre notizie la settimana prossima.

13

Italiano - Secondo Anno


Prof. Carlos Reyes

DIALOGO 10: I saldi


In tutta Italia, dopo lultima festivit, lEpifania, ci sono i saldi. La gente pu comperare
vestiario a buon prezzo. In tutte le citt, i negozi espongono (cio mettono fuori,
appendono) nelle vetrine il cartello con scritto SALDI.
Gli Italiani amano molto questi giorni. Si sentono pi ricchi. Labbigliamento costa dal
20% al 50% meno e a volte si trovano anche sconti maggiori. Non raro trovare file di
persone che aspettano fuori dai negozi, desiderose di fare lacquisto della loro vita.
Cliente: Buon pomeriggio
Commessa: Buon pomeriggio, posso aiutarLa?
Cliente: S, grazie, vorrei vedere quel maglioncino esposto in vetrina.
Commessa: Certo subito, quale taglia?
Cliente: La 44 in colore rosso.
Commessa: Un minuto e sono subito da Lei Eccola, per in rosso non c pi. Mi
rimasta solo nera e blu della sua taglia! Sa, siamo in saldi e non sempre si trova quello che
si cerca
Cliente: Capisco, provo il maglione nero. Dove posso cambiarmi?
Commessa: In fondo a sinistra ci sono i camerini, dove pu provarlo.
Dopo qualche minuto
Commessa: Come va?
Cliente: Perfetto, grazie. Ma ne ho uno simile a casa.
Commessa: Signora, ha ragione, ma un maglione al 50% di sconto 30 euro invece di
60 euro. Con 30 euro non si mangia neanche una pizza oggi: un maglione regalato, caldo,
elegante, di qualit, made in Italy, fabbricato in Italia per capirci, 100% lana. Dopo un anno
questo maglione ancora nuovo.
Cliente: Va bene, lo prendo, si pu pagare con la carta di credito?
Commessa: Certo, Signora, la forma di pagamento che desidera, per noi non fa differenza:
siamo qui per Lei.
Cliente: Eccola
Commessa: Un documento, per favore.
Cliente: Non c lho con me, mi dispiace.
Commessa: Non fa niente, Signora, come se La conoscessi gi. Ecco qua, una firma,
prego.
Cliente: Bene, grazie e arrivederci!
Commessa: Venga a trovarci quando vuole.

14

Italiano - Secondo Anno


Prof. Carlos Reyes

DIALOGO 11: La badante


In Italia, c un gran numero di anziani (cio persone molto grandi di
et). Inoltre nascono pochi bambini. Siamo una delle nazioni pi
anziane del mondo. Questa situazione causa la richiesta di lavoro da altri
paesi. Alcuni lavori sono molto richiesti e comuni, soprattutto quello
della cura delle persone anziane. Questo lavoro conosciuto in Italia con il nome di
badante. Il nome badante deriva dal verbo "badare" (cio prendersi cura di qualcuno). E
un lavoro sopratutto femminile, ma esiste anche il badante.
Qui sotto leggerai un dialogo tra una badante, una signora malata e sua figlia.
Figlia: Ciao mamma, come stai? Questa la ragazza che lavorer da noi e si prender cura
di te
Badante: Buongiorno signora.
Signora: (Sorridendo) Buongiorno cara, come ti chiami?
Badante: Tania.
Signora: Che bel nome! Da dove vieni?
Badante: Vengo dallUcraina.
Signora: Deve fare molto freddo l, adesso.
Badante: Si, signora.
Figlia: Io devo andare. Vi saluto. Ci vediamo a fine serata, mamma. Tania rimane ogni
giorno dalle 8:00 alle 17:00.
Badante: Tranne la domenica.
Figlia: S, tranne la domenica.
Signora: E la domenica? Rimango sola?
Figlia: No, mamma, ci siamo noi. Ora scappo. Sono in ritardo. Un grande bacio. Chiamo
pi tardi per sapere come stai. Tania, ecco il mio numero dellufficio. Puoi trovarmi l se il
cellulare non prende. Buon lavoro!
Signora: Vai tesoro, non preoccuparti per me. Vai piano, mi raccomando! Altrimenti Tania
deve lavorare anche per te (Tania ride)

15

Italiano - Secondo Anno


Prof. Carlos Reyes

Badante: Signora, come si chiama?


Signora: Io mi chiamo Anna e ho 74 anni! Sono vecchia ormai
Badante: Ma cosa dice signora? Lei giovane e ha un bel sorriso. Adesso ci sono io e
vedr che tutto andr per il meglio. Se vuole le insegno anche un po di ucraino o preferisce
il russo?
Signora: Mamma mia, se non sto male (ridono). E litaliano? Come mai lo parli cos bene?
Badante: Lho studiato in un corso a Kiev per due anni, allUniversit. Poi sono venuta qui
in Italia nel 2003 e mi sono accorta che molto importante conoscere bene la lingua
italiana. Alcune mie amiche non trovano lavoro perch non parlano bene litaliano.
Signora: Capisco.
Badante: Signora le preparo qualcosa di caldo?
Signora: S, grazie: una bella tisana alle erbe. Bella calda e con del limone.
Badante: S, signora, vado subito. Le metto nel frattempo della musica?
Signora: Bella idea, grazie. Della musica classica magari Schubert il CD sopra il
comodino.
Badante: Certo, signora, non c problema
(Dopo qualche minuto)
Badante: Ecco la tisana, signora
Signora: Grazie, Tania, sei molto gentile
Badante: Signora Anna, ora la lascio per un po da sola. Devo fare la lavatrice, lavare i
piatti e stirare i vestiti di suo marito e poi fare la spesa.

Signora: Si, vai pure Tania. Se ho bisogno di te, ti chiamo. Ora leggo il mio libro preferito.
Prima di andare a fare la spesa, ricorda che devi passare in erboristeria per comprarmi una
crema.
Badante: Certo, signora. A tra poco.

16

Italiano - Secondo Anno


Prof. Carlos Reyes

DIALOGO 12: La televisione, amica o nemica?


Mamma: Amore, devi fare prima i compiti e dopo andare a letto. E non devi guardare certi
programmi alla TV!
Matteo: Ma, mamma, stanno litigando, urlano, tra un po alzano le mani
Mamma : Matteo, questo non bello da vedere.
Ricorda chi urla non ha mai ragione. Le idee giuste non hanno bisogno di urla.
Matteo: Ma, cosi interessante, voglio vedere chi vince.
Mamma: Quando si litiga, nessuno vince.
Matteo: Dai, mamma, interessante.
Mamma: No, questo non interessante. Interessante leggere, viaggiare, conoscere.
Interessanti sono tante cose ma non vedere persone che si insultano e non si rispettano . Un
vecchio proverbio dice che i grandi uomini parlano di idee, i medi di avvenimenti, i
piccoli di persone.
Matteo: Mamma, mi stai facendo venire sonno!
Mamma : Amore. sono gi le sette di sera. Prima fai i compiti, poi mangiamo e poi un po
di televisione, se fai il bravo. Ma la guardiamo assieme, cos scegliamo i programmi pi
adatti.
Matteo: Ma, mamma, non voglio vedere programmi noiosi!
Mamma: Bisogna educarsi al bello e al giusto.
Matteo: Cio?
Mamma: Questo litigio e queste urla cosa danno a chi ascolta?
Matteo: E cosa devono dare? Fanno ridere!
Mamma: Ma cosa rimane? Invece le idee e le descrizioni danno emozioni, fanno pensare:
danno informazioni utili, non negative. Capisci la differenza?
Matteo: Invece, guarda come urlano questi, tra un po si azzuffano
Mamma: E cos potresti pensare che giusto comportarsi in questo modo vergognoso
anche in classe con i tuoi amici, perch lo vedi sempre fare in TV. Le emittenti televisive,
che utilizzano letere pubblico per arricchirsi, dovrebbero avere la responsabilit dei
messaggi negativi che mandano con certi programmi
Matteo: Ma allora, secondo te, le persone violente imparano a comportarsi male anche
guardando la televisione? Alcuni miei compagni di classe urlano e dicono parolacce perch
lo vedono fare tutti i giorni alla TV?
Mamma: S, proprio cos. Se vedi sempre violenza e litigi, alla fine diventerai violento.
Penserai che la violenza sia sempre giusta. Invece devi imparare a riflettere e a riconoscere
la differenza tra giusto e sbagliato, tra bene e male.
Matteo: Ma allora perch fanno vedere tanta violenza in TV?
Mamma: Bella domanda quando finisci di fare i compiti andiamo a fare una passeggiata
e te lo dico!
Matteo: Ma c anche la partita di calcio oggi in televisione!
(La mamma sorride e lo accarezza)

17