Anda di halaman 1dari 4

Con le ONG delle navi umanitarie

per unEuropa dei popoli respingiamo il razzismo!

Da giorni era previsto l'arrivo al porto di Catania della nave C-Star, tale
imbarcazione stata noleggiata dal gruppo dichiaratamente razzista e xenofobo
Generazione Identitaria per respingere, attraverso azioni paramilitari, i
migranti che tentano di attraversare il mar Mediterraneo, intralciando cos i
preziosi salvataggi delle ONG delle navi umanitarie, sempre pi criminalizzate.
La nave partita da Gibuti, ma a causa di problemi legali stata bloccata prima nel
canale di Suez e poi a Cipro. Adesso la C-Star in viaggio verso le coste catanesi
per imbarcare attivisti di GI, iniziando cosi la missione assassina nel
Mediterraneo. I fascisti di GI vorrebbero proseguire la micidiale missione Defend
Europe , ma non sono purtroppo i soli a voler trasformare, pi di quanto lo sia
gi, il Mediterraneo in un gigantesco cimitero marino. Dalla fine dellanno
scorso lagenzia Frontex e certi servizi segreti dei governi europei diffondono
infamanti accuse di collusione tra i trafficanti e le ONG delle navi umanitarie.
Le navi umanitarie sempre pi spesso sono testimoni di veri e propri sequestri di
persona in acque internazionali, operati dalle navi della guardia costiera libica.
Prima e dopo i respingimenti in Libia i/le migranti subiscono ogni genere di
violenze, torture e stupri. Oramai quasi tutte le forze politiche si rincorrono in
deliranti campagne xenofobe per fermare la invasione dei/lle migranti e per
aiutarli in casa loro; si dilapidano ingenti risorse pubbliche per militarizzare il
Mediterraneo e le nostre coste, aizzando il razzismo dei penultimi e nuove
guerre fra poveri ed ai poveri. Il futuro delle nuove generazioni ed il nostro
presente sono sempre pi minacciati dalle antipopolari politiche dausterit dei
governi, che tagliano le spese sociali (scuola, sanit, pensioni) per aumentare
le spese militari e per salvare i profitti delle banche e dei capitalisti. Esprimiamo
la nostra solidariet alle ONG delle navi umanitarie , a cui riconosciamo il
merito non solo di salvare concretamente migliaia di vite umane ma anche di
costituire una testimonianza insostituibile di quello che accade quotidianamente
nel Canale di Sicilia e sulle coste libiche, proprio quando i governi europei
finanziano ed armano la guardia costiera libica per impedire le partenze dei
migranti e Frontex sta progressivamente riducendo gli interventi di ricerca e
soccorso perch considera prioritario bloccare militarmente le partenze e
blindare i confini.

La storia siciliana ce lha insegnato: emigrare non reato!


SABATO 29 luglio alle ore 11,30 tutti/e alla Plaia,
spiaggia libera 1 per la Flotilla cittadina
Rete
Antirazzista Catanese

https://www.facebook.com/events/497051550671016/?acontext=%7B%22ref%22%3
A%223%22%2C%22ref_newsfeed_story_type%22%3A%22regular%22%2C%22act
ion_history%22%3A%22null%22%7D

http://www.famigliacristiana.it/articolo/defend-lampedusa.aspx

Al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti,

Al Presidente della Regione Sicilia,

Al Prefetto di Catania,

Al Questore di Catania,

Al Procuratore della Repubblica di Catania,

Al Presidente dell'Autorit Portuale di Catania,

Al Comandante della Capitaneria di Porto di Catania,

Al Sindaco di Catania,

La nave C Star partita dallo stato di Gibuti con destinazione Catania stata fermata prima
nel Canale di Suez poi nel porto di Famagosta nella Cipro turca. A causa dei controlli tale
nave ha perso la quasi totalit dell'equipaggio. L'organizzazione Generazione Identitaria
ha comunicato in data 27 luglio 2017 che la nave C Star ha lasciato il porto di Famagosta
con destinazione Catania.

La nave C Star stata noleggiata dal gruppo dichiaratamente razzista e xenofobo


Generazione Identitaria, per la campagna Defend Europe, per respingere, attraverso
azioni paramilitari, i migranti che tentano di attraversare il mar Mediterraneo, intralciando
cos i preziosi salvataggi delle ONG delle navi umanitarie, sempre pi criminalizzate.

Pi di 60 associazioni locali, nazionali e internazionali hanno sottoscritto un appello, rivolto


a al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, al Presidente della Regione Sicilia, al
Prefetto di Catania, al Questore di Catania, al Presidente dell'Autorit Portuale di Catania,
al Comandante della Capitaneria di Porto di Catania e al Sindaco di Catania, consegnato il
17 luglio alle autorit, nel quale si chiesto di impedire alla nave C Strar l'approdo al porto
di Catania e al suo equipaggio l'utilizzo delle infrastrutture pubbliche.

La sosta nel porto di Catania sarebbe funzionale all'imbarco delle provviste necessarie alla
missione e all'imbarco di volontari arruolati nell'operazione paramilitare.
noto che i rappresentanti di Generazione Identitaria hanno dichiarato che qualora non
fosse loro concesso l'attracco al porto di Catania, faranno sostare la nave C Star a 12
miglia dalla costa, in acque internazionali e procederanno al trasbordo di cose e persone
in alto mare.

Chiediamo alle autorit competenti e ai rappresentanti istituzionali di monitorare e


impedire che dai porti siciliani partano imbarcazioni e persone al fine di prendere parte a
operazioni paramilitari contro i migranti, vere e proprie operazioni di pirateria. Chiediamo
alle autorit competenti di diffidare eventuali proprietari di imbarcazioni a noleggiare
natanti con l'intento di permettere l'avvicinamento alla C Star di aderenti a tale gruppo
paramilitare.

Chiediamo che le autorit competenti e i rappresentanti istituzionali impediscano che dai


porti siciliani possa formarsi e partire l'equipaggio funzionale alle operazioni di pirateria
annunciate dalla nave C Star.

Catania, 28 luglio 2017


Le associazioni antirazziste
catanesi

Lettera Aperta
Al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Al Presidente della Regione Sicilia, Al
Prefetto di Catania, Al Questore di Catania, Al Presidente dell'Autorit Portuale di
Catania, Al Comandante della Capitaneria di Porto di Catania, Al Sindaco di Catania

Intorno a marted 18 luglio 2017, come reso noto dagli organi di stampa, previsto l'arrivo
al porto di Catania della nave C-Star, lunga 40 metri, costruita nel 1975, battente bandiera
dello stato africano di Gibuti. Tale imbarcazione stata noleggiata dal gruppo
dichiaratamente razzista e xenofobo Generazione Identitaria per respingere, attraverso
azioni paramilitari, i migranti che tentano di attraversare il mar Mediterraneo, intralciando
cos i preziosi salvataggi delle ONG delle navi umanitarie, sempre pi criminalizzate.

La sosta nel porto di Catania o di altri porti siciliani sarebbe funzionale all'imbarco delle
provviste necessarie alla missione e all'imbarco di volontari arruolati nell'operazione
paramilitare.

Le seguenti associazioni firmatarie chiedono alle Autorit in indirizzo di impedire l'utilizzo


delle infrastrutture portuali alla nave C-Star attualmente nella disponibilit
dell'organizzazione Generazione Identitaria e di prendere posizione in tal senso verso le
autorit competenti. Sarebbe infatti a nostro avviso assai grave che si concedesse
l'attracco e l'utilizzo delle infrastrutture pubbliche a organizzazioni che hanno l'intento di
compiere azioni paramilitari nel mar Mediterraneo, intercettando imbarcazioni di migranti e
arrogandosi il diritto di intervenire consegnando i naufraghi alla guardia costiera libica e
violando di fatto l'obbligo di legge che vuole l'accompagnamento verso il porto pi sicuro,
che non certo quello libico.
Temiamo inoltre che la presenza di una nave non coordinata con la Guardia costiera
possa ostacolare le operazioni di salvataggio con grave pericolo per i naufraghi e per il
personale operante in mare. Si tratta di un'operazione razzista alimentata da una
propaganda falsa e tendenziosa, che non possiamo avallare con alcun tipo di supporto
logistico o silenzio istituzionale.

Le seguenti associazioni indicono da marted 18 luglio una campagna di vigilanza


antirazzista ed antifascista al Porto di Catania
Rete Antirazzista Catanese, Comitato NoMuos/NoSigonella, Catania Bene Comune, USB fed.Ct, Citt
Felice, La RagnaTela, Cobas Scuola-Ct,Red Militant, PRC- Ct, PCI fed.Ct, ARCI-Ct, Associazione
DIritti e Frontiere(ADIF), Collettivo Politico Experia, Sinistra Anticapitalista, Rugby I Briganti ASD Onlus
- Librino, La Librineria, OPEN MIND lgbt e FEMMINISTORIE, CENTRO GAPA, I Siciliani Giovani,
Comunit S.Egidio-Ct, Movimento Laikal, ALTERNATA SILOS cooperativa sociale, WELLcHOME
Sprar Roma di Idea Prisma 82 cooperativa sociale, Azione civile Catania, Circolo Citt-Ct Futura,LILA-
Ct, Missionari Comboniani Palermo, L' Associazione di Promozione Sociale METICCIA Lecce, Mundi
Pacem, La Bottega del Barbieri Blog, Mediterraneo Sicilia Europa onlus, UAAR-Ct, Centro Impastato-
Pa, Baobab Experience-Roma, Reggio Emilia per Aleppo, redazione Il dialogo, Ostello degli elefanti-Ct,
circolo Arci " Welcome2 Sicily", CarovaneMigranti, Borderline Sicilia, Arcigay-Ct, SUNIA-Ct,
Associazione La Staffetta-Gr, Garibaldi 101-Na, Be Free-Roma, Studenti indipendenti-Ct , Libera-Ct,
Associazione Gli anelli mancanti-Fi, MIGR-AZIONI e la redazione di Notizie Migranti, Cobas Scuola
Sardegna, Projekt Seehilfe - Brema, Cittadinanza e Minoranze - Roma, Federazione di Enna - PRC,
MEdici peri Diritti Umani(MEDU),Associazione Abarek nandree onlus, Associazione Thamaia onlus-
Ct, Forum Antirazzista Palermo, Palermosenzafrontiere, Comitato Antirazzista Cobas-Pa, Comitato 3
ottobre Accoglienza Onlus, Federconsumatori-Licata, Cooperazione Internazionale Sud-Sud -
Pa, EUROSTOP, Azione Civile-Ct, UDI-Ct, Anpi-Pa, Anpi Sicilia, Free Green Sicilia, Amnesty
International Sicilia

Info-adesioni: catanianofrontex@gmail.com