Anda di halaman 1dari 4

Le sepolture degli antichi Romani

Gli antichi Romani non avevano i nostri cimiteri, che sono posteriori al periodo napoleonico, ma
seppellivano i loro morti dove volevano, bastava possedere un po' di terreno, con l'unico vincolo
dato dal divieto di seppellire all'interno del pomerio (come stabilito dalla Legge delle XII
tavole, risalente al V sec. a.C.).
Inoltre la legge stabiliva che : hominem mortuum in urbe ne sepelito neve urito", cio "in citt i
morti non devono essere n sepolti n cremati", per ragioni di igiene e sicurezza.
Le uniche eccezioni erano fatte per grandi condottieri, eroi o imperatori, i quali, divinizzati post
mortem, potevano disporre la tomba entro il recinto murario.
I Romani avevano una religiosit nella quale la vita nell'oltretomba aveva senso se era collegata al
ricordo dei vivi, e, come per i Greci, la sepoltura era un elemento importantissimo.
Per questo facevano in modo di essere ricordati costruendo tombe monumentali, ornandole di
marmi, mosaici, pitture, statue.
Le tombe sorgevano soprattutto lungo le strade dove passavano i viaggiatori; le
iscrizioni funebri attiravano lattenzione di chi passava perch si fermasse a pensare un momento al
defunto, del quale ricordavano il nome e la vita, raccontavano cosa aveva fatto, e ringraziavano il
viandante, raccomandandogli di non rovinare ma di rispettare la tomba.
Le famiglie pi ricche avevano uno schiavo che curava le sepolture di generazione in generazione e
alcune erano addirittura dotate di una fontanella ed un sedile che invitava il viaggiatore a fermarsi.
Chi possedeva una villa in campagna poteva seppellire i propri defunti nei terreni circostanti, purch,
ovviamente, fossero di propriet della famiglia del defunto.

I riti funebri
Nei riti funebri i parenti banchettavano ricordando la vita del morto e pensando che questi
partecipasse in spirito e che fosse contento della festicciola familiare.
Questa usanza continu per un po' anche nel cristianesimo; infatti nelle catacombe non rovinate
dalla troppa frequentazione (ad esempio nelle catacombe di Priscilla) facile trovare, nel corridoio,
un tubicino di terracotta o di vetro (cannula) che mette in comunicazione l'interno del loculo con
l'esterno; cos, per esempio, il figlio che andava a trovare la tomba del padre versava una goccia di
profumo all'interno del tubicino, oppure, quando si brindava in onore del defunto, si versava un po'
di vino pensando che egli ne potesse gustare.
I Romani, soprattutto nel periodo pi antico, inumavano i cadaveri dei morti in casse di
lastre di pietra, i sarcofaghi.
In seguito si affianc il rito della cremazione: il cadavere veniva bruciato su una pira di legna e i
resti erano raccolti nell'urna cineraria.
Dal II-III secolo d.C. ritorn pratica diffusa l'inumazione anche per l'influsso del Cristianesimo.
I cittadini romani pi abbienti facevano incidere sul sarcofago il proprio nome, quello della famiglia
di appartenenza e, se molto ricchi, anche il proprio ritratto o figure e immagini simboliche. I
sarcofaghi erano sotterrati in aree funerarie situate fuori dal perimetro urbano, lungo vie suburbane
in luoghi recintati simili a giardini. Nella tomba veniva deposto anche un corredo per il viaggio del
defunto nell'Oltretomba: una moneta per pagare il pedaggio a Caronte per attraversare il fiume
infernale, una lucerna, dei recipienti con cibo e bevande, qualche oggetto d'ornamento e d'uso
personale come anelli, bracialetti, fibule, balsamari, coltelli ecc.
Alcuni facevano, ancora in vita, un lascito alle associazioni cittadine perch dopo la morte, con la
rendita annuale, fossero celebrate cerimonie funebri (banchetti e libagioni accompagnati da lodi e
canti per il defunto) presso la loro sepoltura in occasione di determinate feste: le "Natalia"
nell'anniversario della loro nascita, le "Parentalia" nel giorno dedicato ai Morti, le "Rosalia" nel
mese di maggio, quando si portavano le rose sulle tombe, le "Vindemialia" nella seconda met di
settembre, al momento della vendemmia.
I sarcofaghi romani sono quindi il documento in pietra dei riti e degli usi di un antichissima
civilt, che ci ha preceduto e di cui noi siamo, anche se alla lontana, i discendenti.

I funerali

Quando il malato stava per morire, lo si deponeva per terra ed uno dei suoi famigliari raccoglieva
lultimo respiro con un bacio e gli chiudeva gli occhi, dopodich avveniva la proclamatio, durante
la quale i presenti chiamavano il defunto a voce alta.
Il cadavere veniva in seguito lavato, unto con unguenti, sottoposto ad una specie dimbalsamazione
provvisoria e vestito con una toga (se cittadino) o con la praetexa(se magistrato).
La salma veniva cos esposta al pubblico, deposta sul lectus funebris e circondata da candelabri, per
un periodo di tempo che variava dalla condizione sociale del defunto: la povera gente veniva
seppellita anche il giorno stesso, mentre gli imperatori potevano rimanere in vista anche per una
settimana. In questarco di tempo le donne di famiglia, ad intervalli pi o meno regolari, piangevano
e si lamentavano davanti alla salma, strappandosi le vesti e i capelli, graffiandosi e percotendosi il
petto. In seguito, il cadavere veniva o cremato o seppellito.
I funerali dei poveri o dei bambini (funus plebeium e acerbum) si facevano di notte ed erano molto
sbrigativi, al contrario di quelli degli adulti delle grandi famiglie, che si svolgevano di giorno e non
passavano certamente inosservati.
Il corteo funebre di solito era proceduto dai suonatori di tibia, e avanzava al suono di flauti e corni;
seguivano i portatori di fiaccole e donne che levavano altissime grida di dolore. Per contro erano
presenti anche mimi e ballerini che erano soliti danzare e canzonare il morto durante il corteo, come
i soldati canzonavano il loro generale durante il trionfo.
La solenne cerimonia era seguita dalla processione di uomini che indossavano maschere e vesti
degli antenati del defunto, che precedevano il feretro. Chiudevano il corteo i portatori di cartelli che
ricordavano i titoli e le imprese della vita del defunto.

Il sepolcreto e il mausoleo di Aquileia


Tutti i monumenti funerari ritrovati ad Aquileia, tra cui il
sepolcreto e il mausoleo, erano situati all'esterno della cinta
muraria, lungo le strade che portavano fuori dallacitt secondo la legge romana che vietava le
sepolture nel centro urbano.
Il sepolcreto riferibile all'epoca compresa tra la met del I sec. d.C. e gli inizi del III ed formato
da una serie di cinque appezzamenti di area divisa appartenenti ad altrettante famiglie.
La prima area tombale quella degli Stazi; al centro si erge l'imponente ara del capofamiglia posta
su quattro gradini.
Nel secondo recinto, il pi povero, non sono state rinvenute iscrizioni per cui non si a chi
appartenesse.
La terza area tombale apparteneva alla famiglia dei Giuli e vi si pu ancora leggere parte della
scritta che per regola doveva indicare le dimensioni del recinto stesso ( in agro pedes XXX e in
fronte pedes XXIII).
Nel recinto ci sono due are: la pi piccola quella dedicata allo schiavo Venusto e la pi grande ha
la cuspide decorata con simboli funerari come i delfini intrecciati al tridente di Poseidone.
Il quarto recinto pi ampio e apparteneva alla famiglia dei Trebi. I sarcofagi hanno il coperchi a
doppio spiovente e addirittura uno di essi scolpito in modo da rappresentare il tetto di una casa
fatto di tegole. Nel recinto c' anche un gruppo scultoreo raffigurante una donna seduta a colloquio
con una bambina alata.
Il quinto recinto, non del tutto scavato, era della famiglia Cesti o di quella dei Emili.

Lungo la via Augusta, a sud del Foro, stato ricostruito nel 1956 un grande mausoleo ritrovato a
Fiumicello e risalente alla prima met del I sec. d.C.

Il mausoleo di Aquileia

La ricostruzione propone un grande dado posto su gradini dove


situata la cella funeraria per i famigliari.
La zona superiore della facciata decorata da tre archi con festoni vegetali da cui pendono piccole
maschere e al disotto compaiono un tritone e una testa bovina di tre quarti.
Nella zona inferiore correva l'iscrizione dedicatoria di cui rimangono soltanto poche lettere; in
basso, invece ci sono un fascio littorio una sedia curule, rovinati ma leggibili.
Nella cuspide sistemata la statua-ritratto del defunto (ora acefala) per il quale fu innalzato il
monumento.
Due leoni di derivazione orientale, con una zampa su testa d'ariete, sono posti ai vertici del recinto
con due gradoni.
Alcuni elementi come lo "scrinium" ovvero la cassetta cilindrica portadocumenti ai piedi della
statua, la toga del personaggio, il fascio littorio e la sedia curule permettono agli storici di riferire la
tomba ad un importante magistrato municipale di cui per rimangono ancora ignoti il grado e
l'identit.

Bibliografia:

G.Pedrizzetti, Taino Storia, 1986

L.Caramella, R.Papalia, "Finis Sepriasca" Il Territorio tra il Ticino e l'Olona, 1993

L.Alpago-Novello, L'Et Romana nella Provincia di Belluno, 1998

Sergio Tavano Aquileia e Grado - storia, arte e culturaLint, Trieste 1986

Gabriella Brumat Dellasorte Aquileia antica Edizione Storti, Venezia 1989

Ugo Enrico Paoli Vita romana. Usi, costumi, istituzioni, tradizioni Oscar saggi Mondadori

Enciclopedia multimediale Incarta 2003

Enciclopedia multimediale Omnia 2002

www.antichisepolcri.it

www.Aquileia.it

www.usifunebri.it

www.romacivica.net/tarcaf/storarc/cult_fun.htm

www.malignani2000.it/Allievi/Materiali/sitoAquileia/sepolcreto.htm

www.aquileia.net/prima.htm