Anda di halaman 1dari 64

o s c i l l o s c o p i

Introduzione agli oscilloscopi


Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Indice Limite della larghezza di banda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .20

Introduzione ..................................................................3 Modalit di visualizzazione Alternate e Chop . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .20

Integrit del segnale Comandi e sistema di deflessione orizzontale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .21

Significato dellintegrit del segnale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4 Comandi di acquisizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .21

Perch lintegrit del segnale un problema? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4 Modalit di acquisizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .21

Visualizzazione delle origini analogiche dei segnali digitali . . . . . . . . . . . . . . . . . .5 Avvio e arresto del sistema di acquisizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .23

Campionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .23
Loscilloscopio
Comandi di campionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .23
Caratteristiche delle forme donda e misure su di esse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .6
Metodi di campionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .23
Tipi di onde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .7
Campionamento in tempo reale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .24
Onde sinusoidali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .7
Campionamento in tempo reale con interpolazione . . . . . . . . . . . . . . . . .25
Onde quadre e rettangolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .7
Campionamento in tempo equivalente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .25
Onde a dente di sega e triangolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .7
Campionamento in tempo equivalente casuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .26
Andamenti a gradino e a impulso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .8
Campionamento in tempo equivalente sequenziale . . . . . . . . . . . . . . . . .26
Segnali periodici e non periodici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .8
Posizione e secondi a divisione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .27
Segnali sincroni e asincroni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .8
Selezione della base dei tempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .27
Onde complesse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .8
Zoom . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .27
Misure sulle forme donda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9
Modalit XY . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .27
Frequenza e periodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9
Asse Z . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .27
Tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9
Modalit XYZ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .27
Ampiezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .9
Comandi e sistema di trigger . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .28
Fase . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .10
Posizione del trigger . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .29
Misure sulle forme donda con gli oscilloscopi digitali . . . . . . . . . . . . . . . . . .10
Livello e pendenza del trigger . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .30
Tipologia degli oscilloscopi
Sorgenti di trigger . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .30
Oscilloscopi analogici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .11
Modalit di trigger . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .30
Oscilloscopi digitali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12
Accoppiamento del trigger . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .30
Oscilloscopi a memoria digitale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .13
Holdoff del trigger . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .31
Oscilloscopi ai fosfori digitali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .15
Comandi e sistema di visualizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .31
Oscilloscopi campionatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .17
Altri comandi delloscilloscopio
Sistemi e comandi di un oscilloscopio
Operazioni di misura e matematiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .32
Comandi e sistema di deflessione verticale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .18

Posizione e volt a divisione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .19

Accoppiamento dingresso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .19

www.tektronix.com 1
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Il sistema di misura completo Tecniche di misura con loscilloscopio

Sonde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .33 Misure di tensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .48

Sonde passive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .34 Misure di tempo e di frequenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .49

Sonde attive e differenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .35 Misure della durata dellimpulso e del tempo di salita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .49

Accessori della sonda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .36 Misure di sfasamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .50

Fattori e termini relativi alle prestazioni Altre tecniche di misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .50

Larghezza di banda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .37 Esercizi scritti

Tempo di salita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .38 Parte I

Frequenza di campionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .39 Esercizi sul vocabolario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .51

Frequenza di acquisizione della forma donda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .40 Esercizi sulle applicazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .52

Lunghezza di registrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .40 Parte II

Funzioni di trigger . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .41 Esercizi sul vocabolario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .53

Bit effettivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .41 Esercizi sulle applicazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .54

Risposta in frequenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .41 Risposte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .55

Sensibilit verticale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .41 Glossario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .56


Velocit di scansione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .41

Precisione del guadagno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .41

Precisione orizzontale (della base dei tempi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .41

Risoluzione verticale (convertitore analogico-digitale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .41

Connettivit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .42

Espansibilit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .43

Facilit duso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .44

Sonde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .44

Uso delloscilloscopio

Preparazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .45

Collegamento delloscilloscopio alla terra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .45

Collegamento di s stessi con la terra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .45

Impostazione dei comandi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .46

Uso delle sonde . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .46

Collegamento della presa di messa a terra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .46

Compensazione della sonda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .47

2 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Introduzione
I fenomeni della natura hanno un andamento sinusoidale, siano essi onde
marine, terremoti, onde acustiche, esplosioni, il suono che si propaga nel-
laria o la frequenza naturale di un corpo in movimento. Energia, particelle
in vibrazione e altre forze invisibili pervadono luniverso fisico. Anche la
luce, la cui natura in parte corpuscolare e in parte ondulatoria, ha una
frequenza fondamentale, osservabile sotto forma di colore.
I sensori possono trasformare queste forze in segnali elettrici osservabili e
analizzabili con un oscilloscopio. Gli oscilloscopi permettono a scienziati,
ingegneri, tecnici, professori e altri studiosi di visualizzare eventi variabili
nel tempo.
Gli oscilloscopi sono strumenti indispensabili per chiunque debba proget-
tare, fabbricare o riparare apparecchi elettronici. Nella societ doggi, Figura 1. Esempio di dati scientifici acquisiti mediante un oscilloscopio.
caratterizzata da ritmi cos rapidi, i tecnici hanno bisogno degli strumenti
migliori per risolvere velocemente e con precisione i problemi posti dalle
Una volta studiata questa guida, sarete in grado di:
misure. A tale scopo, gli oscilloscopi sono essenziali per un tecnico quanto
descrivere come funzionano gli oscilloscopi;
gli occhi.
descrivere le differenze tra gli oscilloscopi analogici, a memoria digitale, ai fosfori
Lutilit di un oscilloscopio non si limita al settore dellelettronica. Con i
digitali e campionatori;
trasduttori adatti, un oscilloscopio pu misurare ogni tipo di fenomeno. Un
descrivere i vari tipi di forme donda elettriche;
trasduttore un dispositivo che genera un segnale elettrico in risposta a
usare i comandi fondamentali delloscilloscopio;
un segnale fisico, come un suono, una sollecitazione meccanica, una pres-
sione, un segnale luminoso o uno di calore. Per esempio, un microfono eseguire semplici misure.

un trasduttore che trasforma il suono in segnali elettrici. La figura 1 illu-


stra dati scientifici acquisibili mediante un oscilloscopio. Il manuale delloscilloscopio che state utilizzando contiene informazioni pi
Gli oscilloscopi sono adoperati da chiunque, dai fisici ai tecnici radiotelevi- specifiche sul suo impiego nellambiente di lavoro. Alcuni produttori di
sivi. Gli ingegneri di autoveicoli usano gli oscilloscopi per misurare le oscilloscopi forniscono inoltre una moltitudine di note applicative per
vibrazioni dei motori. Un ricercatore medico pu utilizzare un oscilloscopio aiutare a ottimizzare loscilloscopio in base alle misure specifiche da
per eseguire misure sulle onde cerebrali. Le possibilit sono infinite. eseguire.

I concetti presentati nella presente guida gettano le fondamenta per la Per ulteriori informazioni, per offrire commenti o fare domande su questa
comprensione del funzionamento e dei comandi basilari delloscilloscopio. guida, rivolgetevi al rappresentante Tektronix o visitate il sito
www.tektronix.com.
Il glossario riportato alla fine della guida definisce i termini meno noti. La
terminologia impiegata e gli esercizi a risposta multipla sulla teoria e sui
comandi delloscilloscopio fanno di questa guida un utile sussidio didatti-
co. Non occorrono conoscenze avanzate di matematica o elettronica.

www.tektronix.com 3
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Integrit del segnale simili a quelli di un processore a 800 MHz. I progettisti hanno oltrepassato
una soglia di prestazioni tale che effettivamente quasi ogni progetto inte-
Significato dellintegrit del segnale
ressa dispositivi digitali ad alta frequenza.
La caratteristica essenziale di un buon sistema di misura di oscilloscopio
Se non si prendono alcune precauzioni, i problemi derivanti dalle frequenze
la sua capacit di ricostruire con precisione una forma donda; si fa riferi-
elevate possono infiltrarsi anche in progetti di dispositivi digitali altrimenti
mento a ci con il termine integrit del segnale. Un oscilloscopio simile
convenzionali. Se in circuito si verificano guasti intermittenti o errori a ten-
a una macchina fotografica che acquisisca immagini che possiamo osser-
sioni e temperature estreme, probabile che esistano problemi non evi-
vare e interpretare. Alla base dellintegrit del segnale ci sono due aspetti
denti di integrit del segnale, che possono ripercuotersi sui tempi di lancio
chiave.
sul mercato, sullaffidabilit del prodotto, sulla conformit alle norme rela-
Quando si scatta una fotografia, essa rappresenta accuratamente ci che effet- tive allinterferenza elettromagnetica, e su tanto altro ancora.
tivamente accaduto?

Limmagine nitida o sfocata? Perch lintegrit del segnale un problema?

Quante di queste immagini accurate possibile acquisire al secondo? Esaminiamo alcune delle cause specifiche della degradazione del segnale
nei progetti dei dispositivi digitali odierni. Perch questi problemi sono

Presi nella loro interezza, i diversi sistemi e prestazioni di un oscilloscopio molto pi frequenti rispetto agli anni passati?

contribuiscono alla sua capacit di ottenere la pi alta integrit possibile La risposta : a causa della frequenza. In passato, ai tempi delle basse
del segnale. Anche le sonde influiscono sullintegrit del segnale di un si- frequenze, per mantenere lintegrit dei segnali digitali a livelli accettabili
stema di misura. occorreva prestare attenzione a dettagli come la distribuzione dei clock, la

Lintegrit del segnale importante in numerosi settori di progettazione di progettazione del percorso del segnale, i margini di rumore, gli effetti dei

apparecchi elettronici, ma fino ad alcuni anni fa essa era solo un problema carichi introdotti e delle linee di trasmissione, la terminazione del bus, il

di minore entit per i progettisti di dispositivi digitali, che potevano affidar- disaccoppiamento e la distribuzione dellalimentazione. Tutte queste regole

si al fatto che i loro circuiti logici funzionassero esattamente come i circuiti sono ancora valide, ma c qualcosa di nuovo:

booleani progettati. Il rumore e i segnali indeterminati erano fenomeni che i tempi di ciclo dei bus sono persino migliaia di volte pi brevi rispetto a
si verificavano durante la progettazione di dispositivi ad alta frequenza, 20 anni fa! Le transizioni che una volta duravano microsecondi, adesso si
della quale erano responsabili i tecnici addetti alle radiofrequenze. I siste- misurano in nanosecondi. Per ottenere questo miglioramento sono stati
mi digitali cambiavano stato lentamente e i segnali si stabilizzavano in ridotti anche i tempi dei fronti, che adesso sono fino a 100 volte pi brevi
modo prevedibile. rispetto a 20 anni fa.

Da allora le frequenze di clock dei processori sono aumentate di vari ordini Tutto ci ha determinato miglioramenti desiderabili, ma alcune leggi della
di grandezza. Le applicazioni per i computer, quali la grafica tridimensio- natura hanno impedito alla tecnologia delle schede di circuiti di stare al
nale e i segnali di ingresso/uscita (input/output, I/O) video e dei server passo con questi progressi. I tempi di propagazione nei bus che collegano
richiedono larghezze di banda elevate. Molte delle odierne apparecchiature i vari chip sono rimasti pressoch immutati da decenni. Le dimensioni si
per telecomunicazioni sono basate su dispositivi digitali e richiedono sono ridotte, certo, ma esiste ancora la necessit di avere spazio sulle
anchesse larghezze di banda notevolissime, come pure gli impianti digitali schede per i dispositivi a circuiti integrati, i connettori, i componenti pas-
per le trasmissioni televisive ad alta definizione. I dispositivi a micro- sivi e, naturalmente, le piste dei bus. Questo spazio aumenta le distanze e
processore attuali elaborano i dati a frequenze sino a 2, 3 e anche 5 Gs/s quindi i tempi, che impediscono di aumentare le frequenze.
(gigacampioni al secondo), mentre alcuni dispositivi di memoria impiegano importante tenere presente che la velocit di un fronte ovvero il tempo
clock a 400 MHz e segnali di trasmissione dati con tempi di salita di 200 di salita di un segnale digitale pu comportare la presenza di compo-
ps. nenti a frequenza molto pi alta di quella che la frequenza di ripetizione
Una considerazione importante che gli aumenti di frequenza si sono del segnale potrebbe implicare. Per questo motivo alcuni progettisti impie-
ripercossi sui comuni dispositivi a circuiti integrati adoperati negli autove- gano deliberatamente dispositivi e circuiti integrati con tempi di salita rela-
icoli, nei videoregistratori e nei regolatori elettronici delle macchine, tanto tivamente lunghi.
per segnalare solo alcune applicazioni. Un processore funzionante a una Il modello di circuito a costanti concentrate stato sempre alla base della
frequenza di clock di 20 MHz potrebbe avere segnali con tempi di salita maggior parte delle formule utilizzate per prevedere landamento del se-

4 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

gnale in un circuito. Ma quando i tempi dei fronti sono da quattro a sei


volte pi brevi del ritardo di propagazione del segnale, questo semplice
modello non pi valido.
Le piste di schede di circuiti lunghe appena 18 centimetri diventano linee
di trasmissione quando in esse si propagano segnali con tempi dei fronti
inferiori a 4 - 6 nanosecondi, qualunque sia la frequenza di ciclo. In prati-
ca, si creano nuovi percorsi per il segnale. Queste connessioni non tangi-
bili non sono riportate sugli schemi circuitali, ma ci nonostante permet-
tono ai segnali di influire luno sullaltro in modi imprevedibili.
Al tempo stesso, i percorsi previsti per il segnale non funzionano come
dovrebbero. Come le tracce per il segnale descritte in precedenza, i piani
di massa e quelli di alimentazione diventano induttivi e funzionano come
linee di trasmissione; il disaccoppiamento dallalimentatore molto meno
Figura 2. Le componenti X, Y e Z di una forma donda visualizzata.
efficace. Linterferenza elettromagnetica aumenta man mano che a velocit
sempre pi alte dei fronti si generano segnali con lunghezze donda pi
corte della lunghezza dei bus. Aumenta la diafonia. Loscilloscopio
Inoltre, per produrre velocit elevate dei fronti occorrono in genere correnti Che cos un oscilloscopio e come funziona? Questa sezione risponde a
pi alte, che tendono a causare riflessioni da punti a massa, specialmente queste domande basilari.
sui bus pi larghi, nei quali pi segnali cambiano stato simultaneamente. E Loscilloscopio fondamentalmente un dispositivo di visualizzazione grafi-
poi, allaumentare della corrente aumenta lenergia magnetica irradiata e co: traccia landamento di un segnale elettrico. Nella maggior parte delle
con essa la diafonia. applicazioni, landamento visualizzato quello dei segnali in funzione del
tempo: lasse verticale, o delle ordinate, (Y) rappresenta la tensione e
Visualizzazione delle origini analogiche dei
segnali digitali lasse orizzontale, o delle ascisse, (X) rappresenta il tempo. Lintensit o
luminosit della traccia a volte viene detta asse Z (vedi Figura 2). Questa
Che cosa hanno in comune tutte queste caratteristiche? Sono tutte
semplice rappresentazione grafica fornisce molte informazioni su un se-
fenomeni analogici classici. Per risolvere i problemi di integrit del se-
gnale, come:
gnale, i progettisti di dispositivi digitali devono operare nel dominio dei
i valori di tensione e temporali di un segnale;
segnali analogici, e a tale scopo hanno bisogno di strumenti che visualizzi-
no le interazioni tra i segnali digitali e quelli analogici. la frequenza di un segnale oscillante;

le parti mobili di un circuito, rappresentate dal segnale;


Gli errori dei circuiti digitali spesso hanno origine in problemi di integrit
dei segnali analogici. Per individuare la causa di un guasto digitale, la frequenza di una parte specifica del segnale rispetto ad altre sue parti;

spesso necessario servirsi di un oscilloscopio, che pu visualizzare i det- leventuale distorsione del segnale causata dal malfunzionamento di un
tagli e i fronti di una forma donda e il rumore sovrapposto, pu rilevare e componente;
visualizzare i transitori, e pu aiutare a misurare con precisione relazioni di quanta parte di un segnale in corrente continua o alternata;
temporizzazione come i tempi di setup e hold. quanta parte di un segnale rumore e se questultimo varia nel tempo.
Comprendendo ciascuno dei sistemi delloscilloscopio e la loro modalit di
applicazione si potr usare lo strumento efficacemente per risolvere i
problemi specifici delle misure da eseguire.

www.tektronix.com 5
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 4. Sorgenti di forme donda comuni.

Landamento di una forma donda fornisce molte informazioni sul segnale.


Ogni variazione dellampiezza della forma donda indica una variazione
Figura 3. Forme donda comuni. della tensione. Ogni tratto orizzontale piatto indica che durante quellinter-
vallo non si verificano variazioni. Linee rette diagonali indicano una varia-
zione lineare, ossia un aumento o una diminuzione della tensione a veloci-
Caratteristiche delle forme donda e misure su t costante. Bruschi angoli lungo la forma donda indicano variazioni rapi-
di esse de. La figura 3 illustra forme donda comuni e la figura 4 illustra alcune
Il termine generico utilizzato per indicare una sequenza periodica nel sorgenti di forme donda comuni.
tempo onda; le onde acustiche, cerebrali, marine e di tensione sono
tutte sequenze periodiche. Un oscilloscopio esegue misure sulle onde di
tensione. Il ciclo di unonda la parte di essa che si ripete e una forma
donda la rappresentazione grafica di unonda. Una forma donda di ten-
sione mostra il tempo lungo lasse delle ordinate e la tensione lungo quello
delle ascisse.

6 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 5. Onde sinusoidali e onde sinusoidali smorzate. Figura 7. Onde a dente di sega e triangolari.

Onde quadre e rettangolari


Londa quadra unaltra onda dallandamento comune.
Fondamentalmente corrisponde a una tensione che diventa presente o
assente (oppure a livello alto o basso) a intervalli regolari. Si tratta di
unonda standard per i test sugli amplificatori: un amplificatore dalle
buone prestazioni aumenta lampiezza di unonda quadra con una distor-
Figura 6. Onde quadre e rettangolari. sione minima. I circuiti televisivi, radio e dei computer impiegano spesso
onde quadre per i segnali di temporizzazione.

Tipi di onde Londa rettangolare simile allonda quadra, con la differenza che gli
intervalli in cui la tensione a livello alto o basso non sono uguali. Essa
La maggiore parte delle onde si pu classificare nei seguenti tipi.
particolarmente importante quando si analizzano circuiti digitali. La figura
Onde sinusoidali
6 mostra esempi di onde quadre e rettangolari.
Onde quadre e rettangolari
Onde a dente di sega e triangolari
Onde triangolari e a dente di sega
Le onde a dente di sega e triangolari vengono generate nei circuiti
Onde a gradino e a impulso
progettati per regolare le tensioni linearmente, per esempio nel circuito di
Segnali periodici e non periodici
scansione orizzontale di un oscilloscopio analogico o di scansione raster di
Segnali sincroni e asincroni una televisione. Le transizioni tra i livelli di tensione di queste onde variano
Onde complesse a velocit costante e sono dette rampe. La figura 7 mostra esempi di
onde a dente di sega e triangolari.

Onde sinusoidali
Londa sinusoidale londa dallandamento fondamentale per molti
motivi. Ha propriet matematiche armoniche: lo stesso tipo di onda che
si incontra al liceo quando si studia la trigonometria. La tensione delle
prese di corrente varia come unonda sinusoidale. I segnali di test prodotti
dal circuito oscillatore di un generatore di segnali spesso sono onde sinu-
soidali. Molti generatori di corrente alternata producono onde sinusoidali.
(Nonostante si faccia riferimento alla corrente alternata, anche la ten-
sione alternata. Quando si parla di corrente continua, significa che sia
la corrente che la tensione sono costanti nel tempo, come per esempio
quelle prodotte da una batteria.)
Londa sinusoidale smorzata un caso speciale, osservabile in un cir-
cuito oscillante; essa si attenua nel tempo. La figura 5 mostra esempi di
onde sinusoidali e sinusoidali smorzate.

www.tektronix.com 7
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 8. Andamenti a gradino, a impulso e a treno di impulsi. Figura 9. Un segnale video composito NTSC un esempio di onda
complessa.

Andamenti a gradino e a impulso Segnali sincroni e asincroni


I segnali quali i gradini e gli impulsi, che si verificano raramente o senza Quando tra due segnali esiste una relazione di temporizzazione, essi sono
periodicit, sono detti segnali a evento singolo o transitori. Un gradino detti sincroni. I segnali di clock, dei dati e di indirizzamento in un compu-
indica una variazione brusca della tensione, simile a quella che si verifica ter sono esempi di segnali sincroni.
quando si aziona un interruttore di corrente. Con il termine asincrono si indicano quei segnali tra i quali non esiste
Un impulso indica una variazione brusca della tensione, simile a quella che nessuna relazione di temporizzazione. Per esempio, poich non esiste
si verifica portando un interruttore di corrente sulla posizione in funzione alcuna correlazione temporale tra lazione di pressione sul tasto della
(on) e poi di nuovo su quella non in funzione (off). Un impulso potrebbe tastiera di un computer e il clock allinterno del computer, questi due se-
rappresentare un bit di informazione che si propaga nel circuito di un gnali sono considerati asincroni.
computer oppure un glitch, ossia un difetto, di un circuito. Una serie di
Onde complesse
impulsi che si propagano insieme un treno di impulsi. In un computer i
dati vengono trasmessi tra i vari componenti digitali sotto forma di impulsi. Alcune forme donda combinano le caratteristiche delle onde sinusoidali e
Gli impulsi sono comuni anche negli apparati per radiografie e comuni- quadre, dei gradini e degli impulsi per produrre andamenti che pongono
cazioni. La figura 8 mostra esempi di andamenti a gradino e a impulso, e problemi a molti tipi di oscilloscopio. Le informazioni sul segnale possono
un treno di impulsi. essere inserite sotto forma di variazioni di ampiezza, di fase e/o di fre-
quenza. Per esempio, sebbene il segnale illustrato nella figura 9 sia un
Segnali periodici e non periodici ordinario segnale video composito, esso composto da numerosi cicli di
I segnali ripetitivi vengono detti segnali periodici, mentre quelli che cam- forme donda a frequenze pi alte inviluppate da un segnale a frequenza
biano continuamente vengono detti non periodici. Unimmagine ferma pi bassa. In questo esempio, in genere pi importante comprendere i
analoga a un segnale periodico, mentre unimmagine in movimento pu livelli relativi e le relazioni di temporizzazione dei gradini. Per visualizzare
essere equiparata a un segnale non periodico. questo segnale occorre un oscilloscopio in grado di acquisire linviluppo a
bassa frequenza e di unirlo alle onde a frequenza pi alta in modo da
creare una traccia a intensit graduale che permetta di osservare il se-
gnale complessivo sotto forma di unimmagine interpretabile visivamente.
Gli oscilloscopi analogici e ai fosfori digitali sono i pi adatti per visualiz-
zare onde complesse, quali i segnali video, come quella illustrata nella
figura 9. Il loro display a gradazioni di intensit fornisce le informazioni
necessarie sulla frequenza con cui si presentano le varie componenti del
segnale, essenziali per comprendere landamento effettivo della forma
donda.

8 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

0 90 180 270 360


+1 V

2V 0

1 V

Figura 10. Frequenza e periodo di unonda sinusoidale. Figura 11. Frequenza e periodo di unonda sinusoidale.

Misure sulle forme donda Tensione


Per descrivere i tipi di misure eseguibili con loscilloscopio si utilizzano La tensione la differenza di potenziale elettrico - indicante lintensit del
molti termini. Questa sezione descrive alcuni dei termini e delle misure pi campo elettrico del segnale - tra due punti di un circuito. Uno di questi
comuni. punti, in genere ma non sempre, al potenziale di terra, ovvero a zero
volt. opportuno misurare la tensione tra i due picchi (massimo e minimo)
Frequenza e periodo
di una forma donda; tale valore detto tensione picco-picco.
Se un segnale si ripete, ha una frequenza. Questa si misura in hertz (Hz)
ed uguale al numero di volte per cui il segnale si ripete in un secondo Ampiezza
(cicli al secondo). Un segnale ripetitivo ha anche un periodo, ossia il Lampiezza corrisponde alla tensione tra due punti di un circuito e
tempo necessario al segnale per completare un ciclo. Il periodo e la fre- comunemente si riferisce alla massima tensione di un segnale misurata
quenza sono luno il reciproco dellaltro, cosicch 1/periodo uguale alla rispetto a massa ovvero a zero volt. La forma donda illustrata nella figura
frequenza e 1/frequenza uguale al periodo. Per esempio, londa sinu- 11 ha unampiezza di 1 volt e una tensione picco-picco di 2 V.
soidale illustrata nella figura 10 ha una frequenza di 3 Hz e un periodo di
1/3 di secondo.

www.tektronix.com 9
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Misure sulle forme donda con gli oscilloscopi digitali


I moderni oscilloscopi digitali hanno funzioni che facilitano le misure sulle
forme donda. Sono dotati di pulsanti sul pannello anteriore e/o menu a
schermo con i quali si possono selezionare misure completamente auto-
matiche, come misure di ampiezza, di periodo, del tempo di salita e di
discesa e molte altre ancora. Molti oscilloscopi digitali eseguono anche il
calcolo della media e del valore efficace, del duty cycle, e altre operazioni
matematiche. Le misure automatizzate vengono visualizzate come letture
numeriche, tipicamente pi precise di quelle ottenibili interpretando diret-
tamente le intersezioni con il reticolo.
Le seguenti sono le misure automatizzate eseguibili sulle forme donda
con alcuni oscilloscopi ai fosfori digitali.

Figura 12. Sfasamento. Periodo Duty cycle + Livello alto

Frequenza Duty cycle Livello basso

Durata + Ritardo Minimo


Fase
Durata Fase Massimo
Il modo migliore per comprendere che cos la fase consiste nellosser-
Tempo di salita Durata del burst Sovraelongazione +
vare unonda sinusoidale. La tensione delle onde sinusoidali basata su
un moto circolare. Poich un cerchio si sviluppa su 360, un ciclo di Tempo di discesa Picco-picco Sovraelongazione
unonda sinusoidale corrisponde a 360, come illustrato nella figura 11. Ampiezza Media Valore efficace (RMS)
Utilizzando i gradi ci si pu riferire allangolo di fase di unonda sinusoidale Rapporto di estinzione Media sul ciclo RMS sul ciclo
quando si vuole specificare la parte del periodo passata. Potenza ottica media Area del ciclo
Lo sfasamento indica la differenza di temporizzazione tra due segnali
altrimenti simili. La forma donda indicata nella figura 12, definita come
corrente, ha uno sfasamento di 90 rispetto alla forma donda definita
tensione, in quanto le due onde raggiungono punti simili nei loro cicli a
1/4 di ciclo di distanza tra di loro (360/4 = 90). Gli sfasamenti sono
comuni nei circuiti elettronici.

10 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 13. Larchitettura di un oscilloscopio analogico.

Tipologia degli oscilloscopi la forma donda. Quanto pi spesso il fascio colpisce un punto particolare

Gli apparecchi elettronici possono essere classificati in due categorie: ana- del display, tanto maggiore la luminosit di quel punto.

logici e digitali. Gli apparecchi analogici impiegano tensioni variabili con Il CRT limita la gamma di frequenze dei segnali visualizzabili da un oscillo-
continuit, mentre quelli digitali impiegano segnali discreti (binari) che scopio analogico. A frequenze molto basse, il segnale appare come un
rappresentano campioni di tensione. Un giradischi convenzionale un punto luminoso che si sposta lentamente e che quindi difficile indivi-
apparecchio analogico, mentre un lettore CD un apparecchio digitale. duare come forma donda. A frequenze elevate il limite imposto dalla

Gli oscilloscopi possono essere classificati in modo simile. Per molte appli- velocit di scrittura del CRT; quando essa inferiore alla frequenza del

cazioni sono adeguati sia gli oscilloscopi analogici che quelli digitali. segnale, la luminosit della traccia troppo bassa e il segnale non pi

Tuttavia, ciascun tipo di oscilloscopio ha caratteristiche uniche che lo ren- visibile. Gli oscilloscopi analogici pi veloci possono visualizzare segnali

dono pi o meno adatto per certe applicazioni. Gli oscilloscopi digitali pos- sino a frequenze di circa 1 GHz.

sono essere suddivisi ulteriormente in oscilloscopi a memoria digitale Quando si collega la sonda di un oscilloscopio a un circuito, il segnale di
(DSO), oscilloscopi ai fosfori digitali (DPO) e oscilloscopi campionatori. tensione si propaga nella sonda fino al sistema di deflessione verticale
delloscilloscopio. La figura 13 illustra come un oscilloscopio analogico
Oscilloscopi analogici
visualizza un segnale misurato. A seconda di come si regola la scala verti-
Fondamentalmente, un oscilloscopio analogico funziona applicando la cale (comando volts/div), la tensione del segnale viene ridotta da un atte-
tensione del segnale misurata direttamente allasse di deflessione verticale nuatore o aumentata da un amplificatore.
di un fascio di elettroni che si sposta da sinistra a destra lungo il display
Successivamente il segnale si propaga alle placchette di deflessione verti-
delloscilloscopio, in genere un tubo a raggi catodici (CRT). La parte po-
cale del CRT. La tensione applicata a queste placchette causa lo sposta-
steriore del display ricoperta da fosfori che emettono energia luminosa
mento di un punto luminoso sul display. Questo punto creato da un fa-
quando vengono colpiti dagli elettroni. La tensione del segnale deflette il
scio di elettroni che colpisce i fosfori che ricoprono la parte interna del
fascio in su o in gi di una quantit proporzionale alla tensione stessa
display. Una tensione positiva fa muovere il punto verso lalto, mentre una
mentre esso si muove in orizzontale sul display, tracciando su questultimo
tensione negativa lo fa muovere verso il basso.

www.tektronix.com 11
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 14. Il trigger stabilizza una forma donda periodica, creando unim-
magine chiara del segnale.

Figura 15. Gli oscilloscopi analogici creano tracce dei segnali, mentre gli
oscilloscopi digitali campionano i segnali e creano le tracce.

Il segnale si propaga anche al sistema di trigger per comandare una scan- Oscilloscopi digitali
sione orizzontale, ossia lazione del sistema di deflessione orizzontale A differenza di un oscilloscopio analogico, un oscilloscopio digitale im-
(sistema della base dei tempi) che fa muovere il punto luminoso sullo piega un convertitore analogico-digitale (A/D) per trasformare la tensione
schermo. Quando si comanda il trigger, il sistema della base dei tempi misurata in dati digitali. Loscilloscopio acquisisce la forma donda sotto
causa lo spostamento del punto luminoso sullo schermo da sinistra a forma di una serie di campioni e li memorizza finch ne ha accumulato un
destra in un determinato intervallo. Numerose scansioni in rapida sequen- numero sufficiente per tracciarla; a questo punto la ricrea e la visualizza
za fanno s che il movimento del punto luminoso sia percepito come una (vedi Figura 15).
linea continua. Alle frequenze pi alte il punto pu attraversare lo schermo
Gli oscilloscopi digitali possono essere classificati in oscilloscopi a memo-
fino a 500.000 volte al secondo.
ria digitale (DSO), oscilloscopi ai fosfori digitali (DPO) e oscilloscopi cam-
Insieme, le azioni di scansione orizzontale e di deflessione verticale trac- pionatori.
ciano un grafico del segnale sullo schermo. Il trigger necessario per sta-
Impiegando circuiti digitali, loscilloscopio pu visualizzare un segnale a
bilizzare un segnale periodico, in quanto assicura che la scansione cominci
frequenza qualsiasi nella gamma di acquisizione con stabilit, luminosit e
allo stesso punto di tale segnale, in modo da ottenere unimmagine chiara,
nitidezza. Nel caso di segnali periodici, la larghezza di banda delloscillo-
come illustrato nella figura 14.
scopio digitale una funzione della larghezza di banda analogica dei com-
Inoltre, gli oscilloscopi analogici sono dotati di comandi per la regolazione ponenti allingresso delloscilloscopio, alla quale in genere si fa riferimento
della focalizzazione e dellintensit allo scopo di produrre una traccia niti- con il termine punto a - 3 dB. Nel caso di eventi transitori e singoli, quali
da, facilmente interpretabile. gli impulsi e i gradini, la larghezza di banda pu essere limitata dalla fre-
Gli oscilloscopi analogici sono preferiti spesso quando importante visua- quenza di campionamento delloscilloscopio. Per una descrizione pi det-
lizzare rapidamente segnali variabili in tempo reale, ossia nel momento tagliata vedere la sezione Frequenza di campionamento nel capitolo
stesso in cui si verificano. Il display ricoperto di fosfori delloscilloscopio Fattori e termini relativi alle prestazioni.
analogico presenta una caratteristica nota come gradazioni di intensit,
che determina l'aumento della luminosit della traccia nei punti in cui si
verificano pi spesso i tratti distintivi del segnale e che rende facile di-
stinguere i dettagli del segnale semplicemente osservando i livelli dinten-
sit della traccia stessa.

12 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 16. Larchitettura di elaborazione digitale di un oscilloscopio a memoria digitale (DSO).

Oscilloscopi a memoria digitale Architettura di elaborazione seriale

Un oscilloscopio digitale convenzionale, noto come oscilloscopio a memoria Come nelloscilloscopio analogico, il primo stadio (quello dingresso) di un
digitale (DSO), dotato di un display raster anzich dei fosfori luminosi. DSO un amplificatore verticale. Appositi comandi permettono di rego-

I DSO permettono di acquisire e visualizzare eventi che si presentano solo larne il guadagno e la frequenza centrale.

una volta, ossia i transitori. Poich le informazioni sulla forma donda Successivamente, un convertitore analogico-digitale (A/D) inserito nel si-
esistono in forma digitale, sotto forma di serie di valori binari memorizzati, stema orizzontale campiona il segnale a vari istanti e trasforma la tensione
esse possono essere analizzate, archiviate, stampate o elaborate altrimenti del segnale in questi punti nel tempo in valori digitali, detti campioni.
nelloscilloscopio stesso o da un computer esterno. Non occorre che la Questo processo si chiama digitalizzazione del segnale. Un apposito
forma donda sia continua: visualizzabile anche quando il segnale scom- clock determina la frequenza con la quale il convertitore A/D esegue il
pare. A differenza degli oscilloscopi analogici, gli oscilloscopi a memoria campionamento: tale frequenza detta frequenza di campionamento e
digitale offrono la memorizzazione permanente del segnale e unelabo- viene espressa in campioni al secondo (S/s).
razione estesa della forma donda. Tuttavia, i DSO in genere non hanno un
display a gradazioni di intensit in tempo reale, cosicch non possono rap-
presentare vari livelli di intensit nel segnale mentre esso presente.
Alcuni dei sottosistemi di cui sono composti i DSO sono simili a quelli degli
oscilloscopi analogici. Tuttavia i DSO contengono sottosistemi addizionali
per l'elaborazione dei dati, adoperati per raccogliere e visualizzare i dati
relativi allintera forma donda. Un DSO si basa su unarchitettura di elabo-
razione seriale per acquisire e visualizzare i segnali, come illustrato nella
figura 16. Segue una descrizione di tale architettura.

www.tektronix.com 13
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

I campioni generati dal convertitore A/D vengono registrati nella memoria


di acquisizione come punti rappresentativi della forma donda; un singolo
punto di questa pu essere composto da numerosi campioni. La serie di
tutti i punti rappresentativi della forma donda costituisce una registra-
zione e il loro numero detto lunghezza di registrazione; gli istanti
iniziale e finale della registrazione sono determinati dal sistema di trigger.
Il DSO include un microprocessore, inserito nel percorso del segnale verso
il display, che elabora il segnale, coordina le attivit del display, gestisce i
comandi sul pannello anteriore ed esegue altre operazioni. Il segnale
passa poi attraverso la memoria del display e viene visualizzato.

Figura 17. Il TDS694C acquisisce eventi singoli ad alta frequenza su pi


canali, aumentando la probabilit di acquisire glitch elusivi ed eventi
transitori.

A seconda delle funzioni di un oscilloscopio specifico, possibile che i


campioni siano sottoposti a ulteriori elaborazioni per migliorare la qualit
della traccia. Pu essere disponibile anche un sistema di pretrigger, che
permette di osservare eventi precedenti listante di trigger. La maggiore
parte degli odierni oscilloscopi digitali offre anche una scelta di misure
parametriche automatiche che semplificano le procedure di misura.
Un DSO offre prestazioni elevate in uno strumento multicanale adatto a
eventi singoli (vedi Figura 17). I DSO sono ideali durante la progettazione
di dispositivi multicanale, ad alta frequenza, che funzionano con segnali a
evento singolo o basse frequenze di ripetizione. Nel corso della proget-
tazione di un dispositivo digitale, in genere un tecnico deve esaminare
quattro o pi segnali simultaneamente e il DSO si rivela uno strumento
essenziale.

14 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 18. Larchitettura di elaborazione parallela di un oscilloscopio ai fosfori digitali (DPO).

Oscilloscopi ai fosfori digitali Occorre tenere presente che impossibile determinare la probabilit di

Loscilloscopio ai fosfori digitali (DPO) basato su un nuovo approccio acquisizione semplicemente in base alla frequenza di aggiornamento del

allarchitettura delloscilloscopio. Tale architettura consente a un DPO di display. Se ci si basa solo su questultima, facile commettere lerrore di

offrire funzioni di acquisizione e visualizzazione uniche al fine di ricostruire ritenere che loscilloscopio stia acquisendo tutte le informazioni sulla

con precisione i segnali. forma donda quando invece non cos.

Mentre il DSO si basa su unarchitettura di elaborazione seriale per Loscilloscopio a memoria digitale acquisisce le forme donda serialmente.

acquisire, visualizzare e analizzare i segnali, il DPO impiega unarchitettura Il collo di bottiglia in questo processo la velocit del microprocessore,

di elaborazione parallela per svolgere queste funzioni, come illustrato nella perch limita la frequenza di acquisizione della forma donda.

figura 18. Il DPO dedica circuiti ASIC unici all'acquisizione delle immagini Il DPO rasterizza i dati relativi alla forma donda digitalizzata in un data-
della forma donda a frequenze elevate, ottenendo un livello pi alto nella base ai fosfori digitali. Ogni trentesimo di secondo - un intervallo sufficien-
qualit della traccia. Queste prestazioni aumentano la probabilit di osser- temente breve perch locchio umano percepisca limmagine come se
vare i transitori che si verificano nei sistemi digitali, quali gli impulsi runt, i fosse continua - unistantanea dellimmagine del segnale memorizzata nel
glitch e gli errori di transizioni. Segue una descrizione di questa architet- database viene trasmessa direttamente al sistema di visualizzazione.
tura di elaborazione parallela. Questa rasterizzazione diretta dei dati relativi alla forma donda e la loro
trasmissione diretta dal database alla memoria del display elimina il collo
Architettura di elaborazione parallela
di bottiglia nellelaborazione dei dati intrinseco ad altre architetture. Ne
Il primo stadio (quello dingresso) del DPO simile a quello di un oscillo- risulta un aggiornamento del display pi veloce e una migliore rappresen-
scopio analogico (un amplificatore verticale) e il secondo stadio simile a tazione in tempo reale del segnale. Gli eventi intermittenti, i dettagli e le
quello di un DSO (un convertitore A/D). Ma il DPO si differenzia notevol- caratteristiche dinamiche del segnale vengono acquisiti in tempo reale. Il
mente dai suoi predecessori negli stadi successivi alla conversione ana- microprocessore del DPO funziona in parallelo a questo sistema integrato
logico-digitale. di acquisizione per gestire il display, eseguire le misure automaticamente e
Per qualsiasi oscilloscopio - analogico, DSO o DPO - esiste sempre un regolare le funzioni dello strumento, cosicch non influisce sulla velocit di
tempo di holdoff durante il quale lo strumento elabora i dati acquisiti per acquisizione delloscilloscopio.
ultimi, reimposta il sistema e attende levento successivo di trigger.
Durante questo intervallo loscilloscopio non rileva alcuna attivit del se-
gnale. La probabilit di osservare un evento infrequente o a bassa ripe-
tizione diminuisce con laumentare del tempo di holdoff.

www.tektronix.com 15
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Il DPO simula fedelmente le caratteristiche di visualizzazione migliori


offerte da un oscilloscopio analogico, visualizzando il segnale in tre dimen-
sioni: il tempo, lampiezza e la distribuzione dellampiezza nel tempo, tutte
in tempo reale.
A differenza delloscilloscopio analogico, basato su fosfori chimici, il DPO
utilizza fosfori digitali puramente elettronici, che in effetti sono un data-
base aggiornato continuamente e avente una cella separata di infor-
mazioni per ogni pixel del display delloscilloscopio. Ogni volta che
questultimo acquisisce una forma donda, ovvero ogni volta che viene
comandato il trigger, essa viene mappata nelle celle del database.
Ciascuna cella rappresenta un punto dello schermo e quando viene colpi-
ta dal segnale, si accumulano in essa le informazioni sulla luminosit
della forma donda mentre le informazioni nelle altre celle non cambiano,
cosicch le informazioni sulla luminosit si accumulano nelle celle per le
quali la forma d'onda passa con maggiore frequenza.
Figura 19. Alcuni DPO possono acquisire milioni di forme donda in pochi
Quando il database ai fosfori digitali viene trasmesso al display delloscil-
secondi, aumentando notevolmente la probabilit di acquisizione di eventi
loscopio, la forma donda si visualizza con aree di luminosit pi o meno intermittenti ed elusivi e rivelando landamento dinamico del segnale.
grande in proporzione alla frequenza con la quale il segnale si presenta in
ciascun punto, analogamente a quanto accade con le caratteristiche di Il DPO ideale quando occorre lo strumento universale migliore di proget-
intensit graduale delloscilloscopio analogico. Inoltre, a differenza di tazione e ricerca guasti per una vasta serie di applicazioni (vedi Figura 19).
quanto fa questultimo, il DPO visualizza con colori a buon contrasto le Il DPO perfetto per i test con maschere per comunicazioni, il debug digi-
aree relative alle informazioni sul segnale che si presentano a frequenza tale di segnali intermittenti, la progettazione di circuiti digitali funzionanti
diversa. Con un DPO facile vedere la differenza tra una forma donda con segnali periodici e le applicazioni di temporizzazione.
che si presenta quasi a ogni trigger e una che si presenta, per esempio,
ogni 100 trigger.
I DPO eliminano la barriera esistente tra le tecnologie degli oscilloscopi
analogici e digitali, in quanto sono adatti per visualizzare segnali a fre-
quenza alta o bassa, forme donda periodiche, transitori e variazioni del
segnale in tempo reale. Solo il DPO fornisce lasse Z (intensit) in tempo
reale che invece manca nei DSO convenzionali.

16 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 20. Larchitettura delloscilloscopio campionatore.

Oscilloscopi campionatori
Quando si eseguono misure su segnali ad alta frequenza, possibile che
loscilloscopio non sia in grado di acquisire un numero sufficiente di cam-
pioni in una sola scansione. Loscilloscopio campionatore uno strumento
ideale per acquisire con precisione segnali con componenti a frequenza
molto pi alta della frequenza di campionamento dello strumento (vedi
figura 21). Questo tipo di oscilloscopio pu eseguire misure su segnali a
frequenza fino a un ordine di grandezza pi alta rispetto a qualsiasi altro
tipo di oscilloscopio. Nel caso di segnali periodici, pu funzionare a
larghezze di banda e velocit di temporizzazione dieci volte superiori
rispetto agli altri tipi di oscilloscopio. Sono disponibili oscilloscopi
campionatori in tempo equivalente sequenziale aventi larghezze di banda
sino a 50 GHz.
A differenza degli oscilloscopi a memoria digitale e ai fosfori digitali, lar-
chitettura delloscilloscopio campionatore scambia le posizioni dellatte- Figura 21. La schermata di un riflettometro nel dominio del tempo (TDR)
nuatore/amplificatore e del ponte campionatore, come illustrato nella fi- ottenuta con un oscilloscopio a memoria digitale TDS8000 e un modulo
campionatore a 20 GHz 80E04.
gura 20. Il segnale dingresso viene campionato prima di essere eventual-
mente attenuato o amplificato. Alluscita del ponte campionatore si pu Inoltre, non si possono inserire diodi di protezione allingresso del ponte
quindi adoperare un amplificatore a piccola larghezza di banda, in quanto campionatore, in quanto si limiterebbe la larghezza di banda. Ne consegue
il segnale stato gi convertito a una frequenza pi bassa dalla porta una riduzione della tensione dingresso applicabile alloscilloscopio cam-
campionatrice; ne risulta uno strumento con larghezza di banda molto pionatore senza rischio di danni pari a circa 3 V, mentre agli altri tipi di
pi ampia. oscilloscopio si possono applicare tensioni sino a 500 V.

Lo svantaggio derivante da questampia larghezza di banda tuttavia la


limitazione della gamma dinamica delloscilloscopio campionatore. Poich
allingresso della porta campionatrice non c nessun attenuatore/amplifi-
catore, non si pu regolare lampiezza del segnale in ingresso, cosicch il
ponte campionatore deve poterne sempre accettare lintera gamma dina-
mica. Ne consegue che la gamma dinamica della maggior parte degli
oscilloscopi campionatori limitata a circa 1 V picco-picco, mentre gli
oscilloscopi a memoria digitale e quelli ai fosfori digitali accettano segnali
di ampiezza compresa tra 50 e 100 volt.

www.tektronix.com 17
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Il pannello anteriore di un oscilloscopio diviso in tre sezioni principali:


verticale, orizzontale e di trigger. Secondo il tipo e il modello, un parti-
colare oscilloscopio pu avere altre sezioni, come illustrato nella figura 22.
Mentre leggete questo capitolo, individuate queste sezioni del pannello
anteriore nella figura 22 e sulloscilloscopio che state utilizzando.
Quando si usa un oscilloscopio, occorre regolare le seguenti tre
impostazioni fondamentali in base al segnale dingresso.
Lattenuazione o lamplificazione del segnale. Per regolare lampiezza del se-
gnale secondo la portata prescelta per la misura si usa il comando volts/div.

La base dei tempi. Per regolare il tempo a divisione, rappresentato lungo lasse
delle ascisse sullo schermo, si usa il comando sec/div.

Il livello di trigger. Va regolato in modo da stabilizzare un segnale periodico o per


comandare il trigger su un evento singolo.

Comandi e sistema di deflessione verticale

I comandi di deflessione verticale servono a posizionare la forma donda in


senso verticale e a regolarne la scala. Inoltre sono utilizzabili per regolare
laccoppiamento in ingresso e altri parametri di condizionamento del se-
gnale, descritti pi avanti in questo capitolo. I seguenti sono i comandi pi
Figura 22. Sezione di comando (pannello anteriore) di un oscilloscopio. comuni di deflessione verticale.
Terminazione
1M
Sistemi e comandi di un oscilloscopio
50
Un oscilloscopio con funzioni basilari composto da quattro sistemi: il si- Accoppiamento
stema di deflessione verticale, il sistema di deflessione orizzontale, il si- DC (accoppiamento diretto, detto anche in corrente continua)
stema di trigger e il sistema di visualizzazione. La loro comprensione vi AC (accoppiamento capacitivo, detto anche in corrente alternata)
permetter di usare efficacemente loscilloscopio per risolvere i problemi GND (massa)

relativi a misure specifiche. Tenete presente che ciascun sistema contri- Limite della larghezza di banda
buisce alla capacit delloscilloscopio di ricostruire accuratamente un 20 MHz
250 MHz
segnale.
Massimo
Questo capitolo descrive brevemente i sistemi e i comandi fondamentali
Posizione
degli oscilloscopi analogici e digitali. Tra questi due tipi di oscilloscopio
Offset
esistono differenze tra alcuni comandi; l'oscilloscopio in vostra dotazione
Inversione - On/Off
probabilmente ha altri comandi non descritti in questa guida.
Scala
1-2-5
Variabile

Zoom

18 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 23. Accoppiamento di ingresso DC e AC.

Posizione e volt a divisione Accoppiamento dingresso


Il comando di posizione verticale serve a spostare in su o in gi la forma Il termine accoppiamento indica il metodo impiegato per collegare un
donda per posizionarla sul punto prescelto dello schermo. segnale elettrico da un circuito allaltro. Quando si usa un oscilloscopio,
Il comando volt a divisione (in genere contrassegnato con la dicitura laccoppiamento dingresso la connessione tra il circuito di test e loscil-
volts/div) serve a regolare la dimensione verticale della forma donda loscopio stesso. Laccoppiamento pu essere impostato su DC, AC o GND.
sullo schermo. Un oscilloscopio universale di buone prestazioni pu visua- Laccoppiamento DC (diretto, detto anche in corrente continua) permette di
lizzare accuratamente livelli del segnale da circa 4 millivolt a 40 volt. visualizzare lintero segnale dingresso. Laccoppiamento AC (capacitivo,
Limpostazione volts/div un fattore di scala. Se uguale a 5, ciascuna detto anche in corrente alternata) blocca la componente continua di un
delle divisioni principali verticali del reticolo rappresenta 5 volt e sullintero segnale, cosicch si visualizza la forma donda centrata su 0 volt. La figu-
schermo si possono visualizzare 40 volt dal punto inferiore a quello supe- ra 23 illustra questa differenza. Laccoppiamento AC utile quando lintero
riore, presumendo che il reticolo abbia otto di tali divisioni. Se lim- segnale (componente in corrente alternata + componente in corrente con-
postazione di 0,5, si possono visualizzare 4 volt dal punto inferiore a tinua) troppo grande per limpostazione volts/div.
quello superiore dello schermo, e cos via. La tensione massima visualiz- Limpostazione GND (Ground, ovvero massa) scollega il segnale dingresso
zabile uguale al prodotto del valore volts/div per il numero di divisioni dal sistema di deflessione verticale, in modo da permettere di vedere in
verticali. Si noti che la sonda adoperata, 1X o 10X, influisce anche sul fat- quale punto dello schermo si trova il livello di 0 volt. Selezionando questo
tore di scala. Il valore volts/div deve essere diviso per il fattore di attenua- accoppiamento dingresso e la modalit di trigger automatico, si visualizza
zione della sonda, se loscilloscopio non esegue automaticamente questa una linea orizzontale corrispondente a 0 volt. Passare dallaccoppiamento
operazione. DC a quello GND e di nuovo a DC un modo conveniente per misurare la
Spesso la scala volts/div offre un comando di guadagno variabile o regola- tensione del segnale rispetto a massa.
bile con precisione per regolare su un certo numero di divisioni la scala di
un segnale visualizzato. Tale comando facilita la misura del tempo di salita.

www.tektronix.com 19
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 24. Modalit di visualizzazione multicanale.

Limite della larghezza di banda Nella modalit Alternate, la forma donda di ciascun canale viene traccia-

I circuiti della maggior parte degli oscilloscopi ne limitano la larghezza di ta alternando le scansioni: loscilloscopio completa una scansione sul

banda, riducendo cos il rumore che a volte si sovrappone alla forma don- canale 1, la successiva sul canale 2, quella seguente di nuovo sul canale

da visualizzata e quindi producendo unimmagine del segnale pi chiara. 1 e cos via. Questa modalit va adoperata con segnali a frequenze medio-

Si noti che, oltre a bloccare il rumore, il limite sulla larghezza di banda pu alte, quando la scala sec/div regolata su 0,5 ms o una velocit di scan-

ridurre, anche annullandole, le componenti del segnale ad alta frequenza. sione pi alta.
Nella modalit Chop loscilloscopio traccia piccoli tratti di ciascuna forma
Modalit di visualizzazione Alternate e Chop
donda passando continuamente dalluna allaltra. La frequenza di commu-
Negli oscilloscopi analogici si visualizzano i segnali di pi canali utilizzando tazione troppo alta per essere percepita dallocchio umano, cosicch la
la modalit Alternate o Chop. (Con molti tipi di oscilloscopi digitali si forma donda sembra continua. In genere si adopera questa modalit con
possono visualizzare pi canali simultaneamente senza bisogno n delluna segnali variabili lentamente, che richiedono velocit di scansione di 1
n dellaltra di queste due modalit.) ms/div o pi basse. La figura 24 illustra la differenza tra le due modalit.
Spesso utile visualizzare i segnali in entrambe le modalit, per essere
sicuri di avere limmagine migliore.

20 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Comandi di acquisizione
Gli oscilloscopi digitali offrono impostazioni che permettono di regolare
come il sistema di acquisizione elabora i segnali. Mentre leggete questa
descrizione, esaminate le opzioni di acquisizione delloscilloscopio digitale
che state utilizzando. La figura 25 mostra un esempio di menu di acqui-
sizione.

Modalit di acquisizione
Le modalit di acquisizione specificano come i punti della forma donda
vengono generati in base ai campioni. Questi ultimi sono i valori digitali
prodotti dal convertitore analogico-digitale (A/D). Lintervallo di campio-
namento il tempo che intercorre tra un campione e il successivo. I punti
della forma donda sono i valori digitali memorizzati dalloscilloscopio e
visualizzati per tracciare la forma d'onda. Lintervallo tra due punti consec-
utivi della forma donda lintervallo di scrittura della forma donda.
Figura 25. Esempio di un menu di acquisizione.
Lintervallo di campionamento e quello di scrittura della forma donda pos-
sono essere uguali o diversi. Ne consegue lesistenza di numerose moda-
Comandi e sistema di deflessione orizzontale lit di acquisizione, in ciascuna delle quali un punto della forma donda
La caratteristica saliente del sistema di deflessione orizzontale di un oscil- composto da numerosi campioni acquisiti in sequenza. Inoltre, i punti della
loscopio la funzione di acquisizione di un segnale dingresso; alcuni dei forma donda possono essere generati in base a una combinazione dei
parametri importanti sono la frequenza di campionamento e la lunghezza campioni ricavati da pi acquisizioni e ci d luogo a un altro gruppo di
di registrazione. I comandi servono a posizionare la forma donda in senso modalit di acquisizione. Segue una descrizione delle modalit di acqui-
orizzontale e a regolarne la scala. I seguenti sono i comandi pi comuni di sizione usate pi comunemente.
deflessione orizzontale.
Main (base dei tempi principale)

Delay (base dei tempi ritardata)

XY

Scala
1-2-5
Variabile

Separazione fra le tracce

Lunghezza di registrazione

Risoluzione

Frequenza di campionamento

Posizione del trigger

Zoom

www.tektronix.com 21
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 26. La frequenza di campionamento dipende dallimpostazione della


base dei tempi: quanto pi bassa la velocit di scansione, tanto pi bassa
la frequenza di campionamento. Alcuni oscilloscopi digitali offrono una
modalit di rilevazione del picco, per acquisire transitori veloci a basse
frequenze di scansione.

Figura 27. La modalit Peak Detect permette alloscilloscopio serie TDS7000


Tipologia delle modalit di acquisizione di acquisire anomalie transitorie di durata brevissima, sino a 100 ps.

Modalit di campionamento semplice (Sample): la modalit di acqui-


sizione pi semplice. Loscilloscopio crea ciascun punto della forma Modalit inviluppo (Envelope): simile alla modalit Peak Detect; ne
donda memorizzando un campione durante ciascun intervallo di scrit- differisce in quanto i punti di valore massimo e minimo della forma
tura della forma donda. donda risultanti da pi acquisizioni vengono combinati per produrre
una forma donda che mostra laccumulazione min./max. nel corso del
Modalit di rilevazione del picco (Peak Detect): loscilloscopio memoriz-
tempo. In genere la modalit Peak detect viene usata per acquisire
za i campioni di valore massimo e minimo acquisiti durante due inter-
registrazioni che vengono combinate per generare la forma donda
valli di scrittura della forma donda e li utilizza per produrre i due punti
inviluppo.
corrispondenti della forma donda. Nella modalit Peak Detect, gli
oscilloscopi digitali fanno funzionare il convertitore A/D a unelevata Modalit di calcolo della media (Average): in questa modalit loscillo-
frequenza di acquisizione, persino a impostazioni della base dei tempi scopio memorizza un campione durante ciascun intervallo di scrittura
corrispondenti a velocit di scansione molto basse (e quindi a lunghi della forma donda, come nel caso della modalit Sample, calcolando
intervalli della forma donda) e riescono ad acquisire variazioni rapide per la media dei punti della forma donda risultanti da acquisizioni
del segnale che si verificano tra i punti della forma donda e che non consecutive per produrre la forma donda finale da visualizzare. La
verrebbero rilevate dalla modalit Sample (vedi figura 26). La modalit modalit Average riduce il rumore senza ridurre la larghezza di banda,
Peak Detect particolarmente utile per osservare impulsi di breve ma richiede un segnale periodico.
durata separati da un lungo periodo di tempo (vedi figura 27).
Modalit di risoluzione elevata (Hi Res): come la modalit Peak Detect,
la modalit Hi Res consente di ottenere pi informazioni nei casi in cui
il convertitore A/D pu eseguire il campionamento a frequenza pi alta
rispetto alla velocit impostata per la base dei tempi. In questo caso,
loscilloscopio calcola la media di pi campioni acquisiti durante un
intervallo di scrittura della forma donda per produrre un punto di
questultima. Si ottiene cos una riduzione del rumore e una risoluzione
migliore per i segnali a bassa frequenza.

22 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Campionare equivale a scattare istantanee, ognuna delle quali corrisponde


a un punto specifico nel tempo sulla forma donda. Queste istantanee pos-
sono poi essere disposte nellordine giusto in funzione del tempo in modo
da ricostruire il segnale dingresso.
In un oscilloscopio digitale, una serie di campioni viene ricostruita su un
display rappresentando lampiezza misurata lungo lasse delle ordinate e il
tempo lungo lasse delle ascisse, come illustrato nella figura 28.
Il segnale dingresso nella figura 28 si visualizza come una serie di punti.
Se questi sono a grande distanza tra di loro ed difficile interpretarli come
una forma donda, possibile unirli con linee, o vettori, mediante un pro-
cedimento matematico detto interpolazione. Sono disponibili vari metodi di
interpolazione, utilizzabili per produrre una rappresentazione precisa di un
segnale dingresso continuo.
Figura 28. Campionamento base. Si interpolano i campioni per produrre una
forma donda continua. Comandi di campionamento
Alcuni oscilloscopi digitali permettono di scegliere, con appositi comandi di
Avvio e arresto del sistema di acquisizione acquisizione del segnale, tra due metodi di campionamento: in tempo reale
Uno dei vantaggi pi grandi degli oscilloscopi digitali la loro capacit di e in tempo equivalente. Si noti che questa scelta non fa differenza per
memorizzare forme donda per visualizzarle in un momento successivo. A quanto riguarda le impostazioni della base dei tempi corrispondenti a
tal fine, in genere sul pannello anteriore sono presenti uno o pi pulsanti basse velocit di scansione: ha effetto solo quando il convertitore A/D non
che permettono di avviare e arrestare il sistema di acquisizione, in modo pu campionare il segnale a frequenza sufficientemente veloce per com-
da analizzare le forme donda nei momenti pi convenienti. Inoltre, rac- pletare la registrazione con i punti della forma donda in una sola passata.
comandabile che loscilloscopio arresti automaticamente la fase di acqui- Metodi di campionamento
sizione una volta completata unacquisizione o non appena un gruppo di
Sebbene esistano vari modi di realizzare la tecnologia di campionamento,
registrazioni sia stato trasformato in una forma donda inviluppo o risul-
per gli odierni oscilloscopi digitali si utilizzano due metodi basilari di cam-
tante dal calcolo della media. Questa funzione in genere viene detta scan-
pionamento: in tempo reale e in tempo equivalente. Questultimo a sua
sione o sequenza singola, e i relativi comandi sono posti accanto agli altri
volta pu essere suddiviso in due categorie: casuale e sequenziale.
comandi di acquisizioni o ai comandi di trigger.
Ciascun metodo ha vantaggi precisi a seconda del tipo di misure da
Campionamento eseguire.
il procedimento di conversione di una parte del segnale dingresso in un
certo numero di valori elettrici discreti a fini di memorizzazione, elabo-
razione e/o visualizzazione. Lampiezza di ciascun campione uguale a
quella del segnale dingresso nellistante in cui esso viene campionato.

www.tektronix.com 23
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 29. Metodo di campionamento in tempo reale.

Figura 30. Per acquisire in tempo reale questo impulso lungo 10 ns, occorre che la frequenza di campionamento sia sufficientemente alta da seguire con precisione i
fronti.

Campionamento in tempo reale Il campionamento in tempo reale presenta per gli oscilloscopi digitali i
ideale per i segnali la cui gamma di frequenze inferiore alla met della problemi maggiori, a causa della frequenza di campionamento necessaria
massima frequenza di campionamento delloscilloscopio, il quale pu cos per digitalizzare con precisione gli eventi transitori ad alta frequenza, come
acquisire un numero pi che sufficiente di punti in una scansione della illustrato nella figura 30. Questi eventi si presentano una sola volta e
forma donda per rappresentarla con precisione, come illustrato nella figu- devono essere campionati simultaneamente alla loro comparsa. Se la fre-
ra 29. Il campionamento in tempo reale il solo modo disponibile per quenza di campionamento non abbastanza alta, le componenti ad alta
acquisire con un oscilloscopio digitale segnali transitori, a evento singolo e frequenza possono visualizzarsi a frequenze pi basse; questo fenomeno si
ad alta frequenza. chiama aliasing. Il campionamento in tempo reale ulteriormente compli-
cato dalla necessit di usare una memoria ad alta velocit per registrare la
forma donda una volta che sia digitalizzata. Per una descrizione pi det-
tagliata vedere le sezioni Frequenza di campionamento e Lunghezza di
registrazione nel capitolo Fattori e termini relativi alle prestazioni.

24 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 31. Interpolazione lineare e sin(x)/x. Figura 32. Alcuni oscilloscopi impiegano il campionamento in tempo equiva-
lente per acquisire e visualizzare segnali periodici a frequenza molto alta.

Campionamento in tempo reale con interpolazione. Gli oscilloscopi di- Campionamento in tempo equivalente
gitali acquisiscono campioni discreti del segnale che possono essere vi-
Quando si misurano segnali ad alta frequenza, possibile che loscillosco-
sualizzati. Tuttavia, pu essere difficile visualizzare il segnale rappresentato
pio non riesca ad acquisire un numero sufficiente di campioni in una sola
con punti, specialmente perch possibile che siano disponibili troppo
scansione. Per acquisire con precisione i segnali la cui frequenza supe-
pochi punti rappresentanti le parti ad alta frequenza del segnale. Per faci-
riore alla met della frequenza di campionamento delloscilloscopio si pu
litare la visualizzazione del segnale, in genere gli oscilloscopi digitali
ricorrere al campionamento in tempo equivalente, come illustrato nella
impiegano modalit di visualizzazione con interpolazione.
figura 32. Gli strumenti digitalizzatori (campionatori) in tempo equivalente
In parole semplici, linterpolazione unisce i punti con linee in modo che sfruttano il fatto che la maggior parte degli eventi, sia naturali che prodotti
un segnale campionato solo poche volte in ciascun ciclo possa essere dalluomo, sono periodici. Con il campionamento in tempo equivalente si
visualizzato con precisione. Quando utilizza il campionamento in tempo costruisce unimmagine di un segnale periodico acquisendo parte dellin-
reale con interpolazione, loscilloscopio acquisisce solo alcuni campioni del formazione complessiva durante ciascuna ripetizione. La forma donda si
segnale in una singola passata in tempo reale e completa gli spazi vuoti crea lentamente, come una fila di luci che si accendono una dopo laltra.
mediante interpolazione. Questultima quindi una tecnica di elaborazione In questo modo loscilloscopio pu acquisire con precisione i segnali con
che serve ad approssimare landamento della forma donda in base ad componenti a frequenza molto pi alta della frequenza di campionamento
alcuni punti. delloscilloscopio.
Linterpolazione lineare unisce i campioni con linee rette. Questo approccio Esistono due tipi di campionamento in tempo equivalente: casuale e
limitato alla ricostruzione di segnali con fronti diritti, come le onde sequenziale; ciascuno ha i suoi vantaggi. Il campionamento in tempo
quadre (illustrato nella figura 31). equivalente casuale permette di visualizzare il segnale dingresso prima
Linterpolazione sin(x)/x, pi versatile, unisce i campioni con curve (illustra- del punto di trigger, senza bisogno di utilizzare una linea di ritardo. Il cam-
to nella figura 31). Linterpolazione sin(x)/x un procedimento matematico pionamento in tempo equivalente sequenziale offre precisione e
di calcolo di punti in modo da riempire gli intervalli tra i campioni effettivi. risoluzione temporale molto pi alte. Entrambi i metodi richiedono che il
Questo metodo di interpolazione adatto a segnali con andamenti curvi- segnale dingresso sia periodico.
linei e irregolari, molto pi comuni delle onde quadre e degli impulsi nelle
applicazioni. Ne consegue che linterpolazione sin(x)/x il metodo preferito
nei casi in cui la frequenza di campionamento da 3 a 5 volte superiore
alla larghezza di banda del sistema.

www.tektronix.com 25
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 33. Durante il campionamento in tempo equivalente casuale, il clock Figura 34. Durante il campionamento in tempo equivalente sequenziale,
di campionamento funziona in modo asincrono rispetto al segnale dingresso viene acquisito un solo campione per ciascun trigger che ha effetto dopo un
e al trigger. ritardo che viene incrementato dopo ciascun ciclo.

Campionamento in tempo equivalente casuale. Gli strumenti digitalizza- Campionamento in tempo equivalente sequenziale. Il campionatore in
tori (campionatori) in tempo equivalente casuale impiegano un clock inter- tempo equivalente sequenziale acquisisce un campione per trigger,
no che funziona in modo asincrono rispetto al segnale dingresso e a quel- indipendentemente dallimpostazione time/div, ossia dalla velocit di scan-
lo di trigger, come illustrato nella figura 33. I campioni vengono acquisiti sione, come illustrato nella figura 34. Quando il digitalizzatore rileva un
senza interruzione, indipendentemente dalla posizione del trigger, e ven- trigger, acquisisce un campione dopo un ritardo molto breve ma specifica-
gono visualizzati in base al periodo di tempo intercorrente tra il campione to. Quando viene comandato il trigger successivo, il digitalizzatore incre-
e il trigger. Sebbene i campioni siano acquisiti in sequenza nel tempo, il menta il ritardo di una piccola quantit delta t e acquisisce un altro cam-
loro ordine casuale rispetto al trigger, da qui il termine casuale per pione. Questa operazione si ripete molte volte, con delta t aggiunto a
indicare tale tipo di campionamento: i campioni compaiono in punti a caso ciascuna acquisizione precedente, finch non viene riempito il periodo di
lungo la forma donda quando essa si visualizza. tempo. I campioni compaiono da sinistra a destra in sequenza lungo la
La capacit di acquisire e visualizzare i campioni prima del punto di trigger forma donda quando questa viene visualizzata sullo schermo dell'oscillo-
il vantaggio essenziale di questa tecnica di campionamento, che elimina scopio.
la necessit di linee di ritardo o di segnali di pretrigger esterni. A seconda In termini tecnici, pi facile generare un delta t molto breve e preciso
della frequenza di campionamento e dellintervallo di tempo sul display, il che misurare con precisione le posizioni verticale e orizzontale di un cam-
campionamento casuale pu anche consentire di acquisire pi di un cam- pione rispetto al punto di trigger, come richiesto dai campionatori casuali.
pione ogni volta che si comanda il trigger. Tuttavia, a velocit di scansione Questo ritardo misurato con precisione ci che permette a questi ultimi
pi alte lintervallo di acquisizione si riduce, finch il digitalizzatore non di ottenere una risoluzione temporale senza pari. Poich con il campiona-
pu eseguire il campionamento su ogni trigger. a tali velocit di scan- mento sequenziale ciascun campione viene acquisito una volta rilevato il
sione che spesso si eseguono misure di temporizzazione di grande preci- livello di trigger, non si pu visualizzare il punto di trigger senza utilizzare
sione e che si hanno i massimi vantaggi dalla straordinaria risoluzione una linea di ritardo analogica, che a sua volta pu ridurre la larghezza di
temporale del campionatore in tempo equivalente casuale. Il limite della banda dello strumento. Se si pu adoperare un pretrigger esterno, la
larghezza di banda per il campionamento in tempo equivalente casuale larghezza di banda non cambia.
minore di quello relativo al campionamento in tempo equivalente sequen-
ziale.

26 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Posizione e secondi a divisione Modalit XY


Il comando di posizione orizzontale serve a spostare a sinistra o a destra La maggior parte degli oscilloscopi analogici ha una modalit XY che con-
la forma donda per posizionarla sul punto prescelto dello schermo. sente di visualizzare lungo lasse orizzontale un segnale dingresso invece
Limpostazione secondi a divisione (in genere indicata con la dicitura del segnale della base dei tempi. Questa modalit operativa rende possi-
sec/div) serve a selezionare la frequenza (detta anche impostazione della bile unintera nuova serie di tecniche di misura dello sfasamento, spiegate
base dei tempi o velocit di scansione) con la quale la forma donda viene nel capitolo Tecniche di misura con loscilloscopio.
tracciata sullo schermo ed un fattore di scala. Se essa pari a 1 ms, Asse Z
ogni divisione orizzontale rappresenta 1 millisecondo e la larghezza totale
Un oscilloscopio ai fosfori digitali (DPO) presenta unelevata densit dei
dello schermo rappresenta 10 ms se questo ha dieci divisioni. Cambiando
campioni sul display e ha la capacit intrinseca di acquisire informazioni
limpostazione sec/div si possono osservare intervalli di tempo pi o meno
sullintensit. Grazie al suo asse di intensit (asse Z), il DPO in grado di
lunghi.
visualizzare tracce tridimensionali in tempo reale, analogamente a quanto
Analogamente alla scala verticale volts/div, la scala dei tempi orizzontale fa un oscilloscopio analogico. Osservando la traccia della forma donda su
sec/div pu offrire una regolazione variabile con continuit, che consente un DPO si possono vedere aree pi luminose: sono quelle in cui il segnale
di impostarla tra i valori discreti. si presenta pi spesso. Questo tipo di display consente di distinguere facil-
Selezione della base dei tempi mente landamento base del segnale da un transitorio che si verifica sal-
tuariamente: l'andamento base appare molto pi luminoso. Unapplicazione
La normale base dei tempi delloscilloscopio detta in genere base dei
dellasse Z consiste nellapplicazione di segnali con temporizzazioni spe-
tempi principale. Molti oscilloscopi hanno anche una base dei tempi
ciali allingresso Z separato, per creare punti contrassegno evidenziati a
ritardata, per la quale la scansione pu cominciare (o avviata comandan-
intervalli noti sulla forma donda.
do il trigger) relativamente a un istante predeterminato sulla scansione
della base dei tempi principale. Con la base dei tempi ritardata si possono Modalit XYZ
visualizzare gli eventi pi chiaramente e visualizzare eventi non visibili Alcuni DPO possono utilizzare lingresso Z per creare una traccia XY con
impiegando solo la base dei tempi principale. intensit graduale, campionando i valori istantanei dei dati allingresso Z e
Lutilizzo della base dei tempi ritardata richiede limpostazione di un ritardo impiegandoli per qualificare una parte specifica della forma donda. Una
e pu richiedere di usare modalit di trigger ritardato e altre impostazioni volta ottenuti campioni qualificati, essi si possono accumulare, producendo
non descritte in questa guida. Per informazioni sulluso di queste funzioni, una traccia XYZ a intensit graduale. La modalit XYZ particolarmente
consultate il manuale delloscilloscopio che state utilizzando. utile per la visualizzazione dei diagrammi polari adoperati comunemente
durante i test sui dispositivi di comunicazione wireless - un diagramma a
Zoom
costellazione, per esempio.
Un oscilloscopio pu offrire impostazioni di ingrandimento orizzontale che
permettono di portare in primo piano sullo schermo una sezione partico-
lare della forma donda. Nelloscilloscopio a memoria digitale (DSO) questa
operazione viene eseguita sui dati digitalizzati memorizzati.

www.tektronix.com 27
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Il trigger sul fronte, disponibile sia negli oscilloscopi analogici sia in quelli
digitali, il tipo fondamentale e pi comune di trigger. Oltre al trigger sulla
soglia, offerto da entrambi i tipi di oscilloscopio, molti tipi di oscilloscopi
digitali offrono svariate impostazioni speciali di trigger, non disponibili negli
strumenti analogici. Questi trigger sono comandati su condizioni specifiche
del segnale dingresso, facilitando per esempio la rilevazione di un impulso
di durata pi breve di quella prevista. Sarebbe impossibile rilevare una tale
condizione con un solo trigger comandato sulla soglia di tensione.
I comandi di trigger avanzati permettono di individuare eventi specifici allo
scopo di ottimizzare la frequenza di campionamento e la lunghezza di re-
gistrazione delloscilloscopio. In alcuni tipi di oscilloscopio, le funzioni
avanzate di trigger ne consentono la regolazione con grande precisione; si
pu comandare il trigger su impulsi specificati dallampiezza (quali gli
Figura 35. Traccia ottenuta senza trigger.
impulsi runt), qualificati nel tempo (durata dellimpulso, glitch, slew rate,
setup e hold, e time-out) oppure individuati da sequenze o stati logici
(trigger logico).
Comandi e sistema di trigger I comandi opzionali di trigger disponibili in alcuni oscilloscopi sono stati
La funzione di trigger delloscilloscopio sincronizza la scansione orizzon- progettati appositamente per esaminare i segnali di comunicazione.
tale rispetto al segnale; ci essenziale per caratterizzare questultimo Lintuitiva interfaccia utente di cui sono dotati alcuni oscilloscopi permette
con chiarezza. I comandi di trigger servono a stabilizzare forme donda inoltre di impostare rapidamente e con grande flessibilit i parametri di
periodiche e ad acquisire forme donda a evento singolo. trigger durante la preparazione dei test, per ottimizzare la produttivit.
Il trigger fa apparire ferme le forme donda sul display delloscilloscopio Quando si adoperano pi di quattro canali per comandare il trigger sui
visualizzando ripetutamente la stessa parte del segnale dingresso. segnali, un analizzatore di stati logici (logic analyzer) lo strumento ideale.
Immaginate come apparirebbe confuso lo schermo se ciascuna scansione Per ulteriori informazioni su questi preziosi strumenti per test e misure
cominciasse in corrispondenza di un punto diverso del segnale, come illu- consultate la guida Tektronix XYZ dei logic analyzer.
strato nella figura 35.

28 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Trigger sulla slew rate. I segnali ad alta frequenza con slew Trigger sullimpulso runt. Consente di acquisire ed esa-
rate superiore a quella prevista o necessaria possono irradiare minare impulsi che attraversano una di due soglie logiche, ma
energia che causa problemi. Il trigger sulla slew rate va oltre il non entrambe.
convenzionale trigger sul fronte aggiungendo lelemento
tempo e permettendo di scegliere se comandare il trigger su
fronti veloci o lenti.

Trigger sul glitch. Permette di comandare il trigger su impulsi Trigger logico. Permette di comandare il trigger su una qual-
digitali pi brevi o pi lunghi di un limite di tempo specificabile Trigger When: siasi combinazione logica di canali dingresso disponibili;
dallutente. Questo comando di trigger consente di esaminare utile specialmente per la verifica del funzionamento dei circuiti
le cause di glitch anche rari e i loro effetti sul segnale. logici.
Time:

Trigger sulla durata dellimpulso. Consente di controllare un Trigger su setup e hold. Solo questo tipo di trigger consente di
segnale ininterrottamente e comandare il trigger la prima volta rilevare una singola violazione del tempo di setup e hold che sfug-
non appena si presenta un impulso di durata fuori dei limiti girebbe certamente impiegando altre modalit di trigger. Questa
specificati. modalit di trigger facilita lacquisizione di dettagli specifici sulla
temporizzazione e sulla qualit di un segnale di dati sincroni quan-
do esso non soddisfa le specifiche di setup e hold.

Trigger sul time-out. Permette di comandare il trigger su un Trigger per comunicazioni. Disponibili in opzione su alcuni
evento in base a un ritardo specificato, senza bisogno di atten- modelli di oscilloscopio, queste modalit di trigger rispondono
dere la fine dellimpulso di trigger. alla necessit di acquisire svariati segnali di comunicazione
AMI (Alternate-Mark Inversion), CMI (Code-Mark Inversion) ed
NRZ (Non-Return to Zero).

Posizione del trigger Gli oscilloscopi digitali possono attuare la visualizzazione di pretrigger in

Il comando di posizione orizzontale del trigger disponibile solo sugli quanto elaborano costantemente il segnale dingresso, sia che un trigger

oscilloscopi digitali. Pu essere situato nella sezione dei comandi di de- sia stato comandato o no. Nelloscilloscopio si propaga un flusso costante

flessione orizzontale dell'oscilloscopio e rappresenta la posizione orizzon- di dati; il trigger fa semplicemente in modo che loscilloscopio memorizzi i

tale del trigger nella registrazione della forma donda. dati presenti. Gli oscilloscopi analogici, invece, si limitano a visualizzare il
segnale, ossia a tracciarlo sullo schermo, una volta comandato il trigger.
Variando la posizione orizzontale del trigger possibile acquisire landa-
La visualizzazione di pretrigger non quindi disponibile negli oscilloscopi
mento del segnale prima di un evento di trigger (visualizzazione di pre-
analogici, ad eccezione di una piccola quantit di pretrigger fornita da una
trigger), ossia di determinare la lunghezza del segnale osservabile che
linea di ritardo nel sistema di deflessione verticale.
precede e segue un punto di trigger.
La visualizzazione di pretrigger un aiuto prezioso per la ricerca guasti. Se
un problema intermittente, si pu comandare il trigger su di esso, regi-
strare gli eventi da cui derivato e possibilmente determinarne la causa.

www.tektronix.com 29
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Livello e pendenza del trigger


I comandi di livello (Level) e pendenza (Slope) del trigger servono a
regolarne i punti fondamentali e determinano come si visualizza la forma
donda, come illustrato nella figura 36.
Il circuito di trigger funziona come un comparatore. A un ingresso del
comparatore si selezionano il livello di tensione e la pendenza. Quando il
segnale di trigger sullaltro ingresso del comparatore corrisponde alle
impostazioni selezionate, loscilloscopio comanda il trigger.
Il comando Slope determina se il punto di trigger si trova sul fronte ascendente o
discendente di un segnale. Un fronte ascendente ha una pendenza positiva e un
fronte discendente ha una pendenza negativa.

Il comando Level determina il punto del fronte in corrispondenza del quale si pre-
senta il trigger.

Sorgenti di trigger
Figura 36. Trigger comandato sulla pendenza positiva e su quella negativa.
Loscilloscopio non deve necessariamente comandare il trigger per avviare
cos la scansione per la visualizzazione: si possono impiegare numerose
altre sorgenti, come le seguenti.
Nella modalit Auto, un circuito temporizzatore avvia la scansione anche
Qualsiasi canale dingresso
se manca il trigger in quanto il segnale assente. Ci assicura che la
Un generatore esterno diverso da quello del segnale applicato a un canale
traccia non scompaia dallo schermo se manca il segnale di comando del
dingresso
trigger.
Il segnale dellalimentatore
Nella pratica spesso si usano entrambe le modalit: la modalit Normal
Un segnale specificato internamente dalloscilloscopio, su uno o pi canali
perch consente di osservare il solo segnale che interessa, anche quando
dingresso.
il trigger viene comandato a frequenza bassa, e la modalit Auto perch
Nella maggior parte dei casi si pu lasciare loscilloscopio impostato in richiede meno regolazioni.
modo da comandare il trigger sul canale visualizzato. Alcuni oscilloscopi
Molti oscilloscopi includono anche modalit speciali per scansioni singole,
forniscono un'uscita di trigger che comanda il segnale di trigger ad un
trigger su segnali video o impostazioni automatiche del livello di trigger.
altro strumento.
L'oscilloscopio pu utilizzare un generatore di trigger alternativo, che pu Accoppiamento del trigger
essere visualizzato o no, cosicch occorre fare attenzione a non coman- Cos come per il sistema di deflessione verticale si pu selezionare lac-
dare involontariamente il trigger sul canale 1 mentre per esempio si visua- coppiamento AC o DC, per il segnale di trigger si pu scegliere il tipo di
lizza il canale 2. accoppiamento desiderato.

Modalit di trigger Oltre allaccoppiamento AC e DC, un oscilloscopio pu consentire di


selezionare laccoppiamento del trigger con reiezione delle alte frequenze,
Determina se loscilloscopio traccia o meno la forma donda in base a una
delle basse frequenze o del rumore. Queste impostazioni speciali sono utili
condizione del segnale. Le modalit di trigger comuni sono Normal e
per eliminare rumore dal segnale di trigger e prevenire comandi falsi del
Auto.
trigger.
Nella modalit Normal, loscilloscopio avvia la scansione solo se il segnale
dingresso raggiunge il punto di trigger impostato, altrimenti (negli oscillo-
scopi analogici) lo schermo non visualizza niente oppure (negli oscilloscopi
digitali) rimane fermo sullultima forma donda acquisita. Questa modalit
pu disorientare, in quanto possibile che inizialmente non si veda il se-
gnale se il comando del livello non sulla giusta posizione.

30 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Intervallo di Intervallo di
acquisizione acquisizione

Livello del trigger

Punti di
trigger

Holdoff Holdoff Holdoff


Gli impulsi di trigger successivi non hanno effetto durante il tempo di holdoff.

Figura 37. Holdoff del trigger.

Holdoff del trigger Comandi e sistema di visualizzazione

A volte occorre molta esperienza per far s che loscilloscopio comandi il Il pannello anteriore di un oscilloscopio composto da un display e da
trigger sulla parte giusta di un segnale. Molti oscilloscopi hanno funzioni manopole, pulsanti, interruttori e indicatori per lacquisizione e la visualiz-
speciali che facilitano questa operazione. zazione. Come accennato allinizio di questo capitolo, i comandi sul pan-
nello anteriore sono ripartiti in tre sezioni: verticale, orizzontale e di trig-
Il tempo di holdoff del trigger un intervallo regolabile, successivo a un
ger. Il pannello anteriore dotato anche di connettori dingresso.
trigger valido, durante il quale gli impulsi di trigger non hanno effetto.
Questa funzione utile quando si deve comandare il trigger su forme Sul display delloscilloscopio si nota il reticolo, suddiviso in tanti tratti.
donda dallandamento complesso e quindi limpulso di trigger deve avere Ciascuna linea verticale e orizzontale d luogo a una divisione principale.
effetto solo su punti specifici. La figura 37 illustra come lutilizzo del In genere il reticolo suddiviso in 8 x 10 divisioni. Le diciture sui comandi
tempo di holdoff del trigger aiuta a creare una traccia adeguata. delloscilloscopio (quali volts/div e sec/div) si riferiscono sempre alle divi-
sioni principali. I contrassegni di divisione sulle linee orizzontali e verticali
del reticolo, illustrati nella figura 38, sono detti divisioni secondarie. Molti
oscilloscopi indicano sullo schermo quanti volt sono rappresentati da cia-
scuna divisione verticale e quanti secondi sono rappresentati da ciascuna
divisione orizzontale.

www.tektronix.com 31
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 38. Il reticolo di un oscilloscopio. Figura 39. Somma di canali.

I sistemi di visualizzazione sono diversi a seconda che loscilloscopio sia Altri comandi delloscilloscopio
analogico o digitale. I seguenti sono i comandi pi comuni.
Operazioni di misura e matematiche
Un comando di intensit, per la regolazione della luminosit della forma donda.
L'oscilloscopio in vostra dotazione pu offrire funzioni che consentono di
Quando si aumenta la velocit di scansione di un oscilloscopio analogico, occorre
aumentare lintensit. sommare tra di loro forme donda, visualizzando una nuova forma donda.
Gli oscilloscopi analogici combinano i segnali, mentre gli oscilloscopi digi-
Un comando di focalizzazione, per regolare la nitidezza della forma donda, e un
comando di rotazione della traccia per allinearla allasse orizzontale. La posizione
tali creano nuove forme donda con operazioni matematiche. La sottrazione
delloscilloscopio rispetto al campo magnetico terrestre influisce sullallineamento di forme d'onda rappresenta un'altra operazione matematica. Con un
della forma donda. possibile che gli oscilloscopi digitali, che impiegano display oscilloscopio analogico possibile eseguire la sottrazione utilizzando la
a cristalli liquidi o raster, non abbiano questi comandi in quanto la schermata funzione di inversione del canale su un segnale e poi eseguendo la
complessiva predeterminata, come sul monitor di un personal computer. Invece somma. Gli oscilloscopi digitali in genere mettono a disposizione lopera-
gli oscilloscopi analogici impiegano un display vettoriale o a fascio diretto. zione di sottrazione. La figura 39 illustra una terza forma donda creata
In molti DSO e DPO, una tavolozza per la selezione dei colori della traccia e dei combinando due segnali diversi.
livelli cromatici di intensit graduale.
Grazie alla capacit di calcolo dei loro processori interni, gli oscilloscopi
Possono essere presenti altri comandi per la regolazione dellintensit luminosa
digitali offrono numerose operazioni matematiche complesse: moltipli-
del reticolo e per visualizzare o fare scomparire informazioni a schermo, quali i
cazione, divisione, integrazione, trasformata rapida di Fourier e altre anco-
menu.
ra.

32 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Abbiamo descritto i comandi fondamentali delloscilloscopio. Il vostro parti-


colare oscilloscopio pu avere altri comandi per svariate funzioni, alcune
delle quali sono le seguenti.
Misure parametriche automatiche

Cursori di misura

Tastierini per eseguire operazioni matematiche o immettere dati

Funzioni di stampa

Interfacce per il collegamento delloscilloscopio a un computer o direttamente a


Internet

Esaminate le altre opzioni disponibili sulloscilloscopio che state utilizzando


e consultatene il manuale per ulteriori informazioni su questi comandi
addizionali.
Figura 40. I sistemi e i dispositivi ad alta densit richiedono sonde di piccole
Il sistema di misura completo dimensioni.

Sonde Le sonde diventano effettivamente parte del circuito, introducendo carichi

Anche lo strumento pi allavanguardia pu essere preciso solo quanto lo resistivi, capacitivi e induttivi che alterano inevitabilmente la misura. Per

sono i dati immessi. Una sonda funziona insieme a un oscilloscopio come ottenere la massima precisione possibile, occorre selezionare una sonda

parte del sistema di misura. Una misura di precisione comincia dal puntale che introduca un carico minimo, ovvero che sia adattata alloscilloscopio e

della sonda. Scegliendo la sonda giusta, adattata sia alloscilloscopio che si possano cos sfruttare tutte le funzioni di questultimo.

al dispositivo in prova (DUT), il segnale non solo si pu applicare alloscil- Nella selezione di questa importantissima connessione al dispositivo in
loscopio nelle migliori condizioni possibili, ma lo si pu anche amplificare e prova occorre anche tenere presente le dimensioni della sonda: quanto pi
se ne possono preservare le caratteristiche per ottenere la massima esse sono piccole tanto pi facile usarla sugli odierni circuiti dalle den-
integrit del segnale stesso e misure precise. sit elevate (vedi Figura 40).
Segue una descrizione dei tipi di sonda. Per ulteriori informazioni su
questo componente essenziale del sistema di misura completo consultate
la guida Tektronix L'ABC delle sonde.
Per assicurare una ricostruzione precisa del segnale,
cercate di scegliere una sonda che insieme alloscillo-
scopio presenti una larghezza di banda cinque volte
superiore a quella del segnale.

www.tektronix.com 33
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Poich attenua il segnale, la sonda 10X rende difficile studiare segnali con
ampiezza inferiore a 10 millivolt picco-picco. La sonda 1X simile a quella
10X, ma non ha circuiti attenuatori e senza di questi si genera maggiore
interferenza nel circuito in prova. Usate la sonda 10X come sonda univer-
sale, ma tenete quella 1X a portata di mano per eseguire misure su se-
gnali a bassa frequenza e ampiezza. Alcune sonde hanno una comoda fun-
zione che permette di selezionare il fattore 1X o 10X al puntale. Se la
sonda che adoperate ha questa funzione, verificatene limpostazione prima
di eseguire le misure.
Molti oscilloscopi possono rilevare se sono collegati a una sonda 1X o 10X
e regolare opportunamente le letture sullo schermo. Invece con altri tipi di
oscilloscopio occorre impostare il tipo di sonda che si sta adoperando
oppure esaminare la giusta indicazione, 1X o 10X, sul comando volts/div.
Figura 41. Una tipica sonda passiva con accessori.
La sonda attenuatrice 10X funziona bilanciando le sue propriet elettriche
rispetto a quelle delloscilloscopio. Prima di usare una sonda 10X occorre
Sonde passive
regolare questo bilanciamento in base al particolare oscilloscopio adopera-
Per le misure di livelli di tensione e su segnali tipici, le sonde passive to. Tale regolazione detta compensazione della sonda ed descritta pi
offrono facilit duso e la possibilit di eseguire una vasta gamma di mi- dettagliatamente nel capitolo Uso delloscilloscopio.
sure a un prezzo accessibile. La coppia costituita da una sonda di tensione
passiva e una sonda di corrente la soluzione ideale per le misure di
potenza.
La maggior parte delle sonde passive ha un fattore di attenuazione, come
10X, 100X e cos via. Per convenzione, i fattori di attenuazione vengono
indicati con una X dopo il valore dellattenuazione. Per i fattori di amplifi-
cazione, invece, come X10, la X precede il valore.
La sonda attenuatrice 10X (da leggere di dieci volte) riduce il carico del
circuito rispetto alla sonda 1X ed uneccellente sonda universale. Il cari-
co del circuito tanto pi alto quanto pi alte sono la frequenza e/o lim-
pedenza del generatore del segnale, cosicch importante analizzare
queste interazioni tra il carico del segnale e quello della sonda prima di
scegliere questultima. La sonda attenuatrice 10X migliora la precisione
delle misure ma riduce anche di un fattore 10 lampiezza del segnale
allingresso delloscilloscopio.

34 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 42. Le sonde ad alte prestazioni sono essenziali quando si eseguono Figura 43. Le sonde differenziali possono separare il rumore di modo
misure sui fronti e sui clock ad alta frequenza dei bus di computer e delle comune dalla parte del segnale che interessa nelle odierne applicazioni
linee di trasmissione odierni. ad alta frequenza e bassa tensione, una caratteristica particolarmente
importante man mano che le ampiezze dei segnali digitali continuano a
scendere sotto le soglie tipiche di rumore dei circuiti integrati.

Le sonde passive offrono eccellenti soluzioni quando bastano sonde uni- Sonde attive e differenziali
versali. Tuttavia, le sonde passive universali non sono adatte per eseguire Le frequenze dei segnali sempre pi alte e le tensioni sempre pi basse
misure precise su segnali con tempi di salita brevissimi e possono intro- delle famiglie logiche rendono difficile eseguire misure precise. La fedelt
durre carichi eccessivi nei circuiti con alta sensibilit. Lincessante aumen- del segnale e il carico introdotto dal dispositivo sono i fattori essenziali.
to delle frequenze di clock e delle velocit dei fronti richiede sonde funzio- Una soluzione di misura completa a queste frequenze elevate deve inclu-
nanti a frequenza pi alta e che presentino effetti minori di carico. Le dere sonde a elevata fedelt e frequenza, adattabili alle prestazioni del-
sonde attive ad alta frequenza e quelle differenziali sono soluzioni ideali loscilloscopio (vedi Figura 42).
per le misure su segnali ad alta frequenza e/o differenziali.
Le sonde attive e differenziali impiegano circuiti integrati progettati
appositamente per assicurare lintegrit del segnale durante laccesso e la
trasmissione alloscilloscopio. Quando occorre eseguire misure su segnali
con tempi di salita molto brevi, una sonda attiva ad alta frequenza o una
sonda differenziale consentono di ottenere risultati pi precisi.

www.tektronix.com 35
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 44. Linterfaccia Tektronix TekConnect preserva lintegrit del Figura 45. Gli adattatori Tektronix SF200A e SF500 serie SureFoot permet-
segnale fino a 10 GHz e oltre, per rispondere alle necessit attuali e future tono di connettere in modo affidabile il puntale di una sonda con cavo corto
relative alla larghezza di banda. a un pin specifico di un circuito integrato.

Accessori della sonda Sono disponibili anche accessori per i puntali e i cavi di collegamento con
Molti oscilloscopi moderni offrono funzioni automatiche speciali incorporate la terra, che aiutano a mantenere lintegrit del segnale quando si
nei connettori dingresso e della sonda adattata. Se sono dotati di uninter- eseguono misure su segnali ad alta frequenza. Gli adattatori per tali cavi
faccia intelligente per sonde, non appena si collega questultima alloscil- offrono flessibilit nella distanza tra la connessione del puntale e quella di
loscopio esso ne rileva il fattore di attenuazione e regola la scala del di- collegamento con la terra al dispositivo in prova, permettendo al tempo
splay in modo che le letture tengano conto di tale attenuazione. Alcune stesso di mantenere molto corto il cavo tra il puntale e il dispositivo in
interfacce per sonde rilevano anche il tipo di sonda: passiva, attiva o di prova.
corrente. Linterfaccia pu funzionare da alimentatore in corrente continua Per ulteriori informazioni sugli accessori per sonde consultate la guida
delle sonde. Le sonde attive sono dotate di circuiti propri di amplificazione Tektronix L'ABC delle sonde.
e buffer che richiedono corrente continua di alimentazione.

36 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 46. La larghezza di banda delloscilloscopio la frequenza alla quale


un segnale dingresso sinusoidale attenuato sino al 70,7% dellampiezza
effettiva del segnale ed detta punto a -3 dB.

Fattori e termini relativi alle Figura 47. Quanto pi ampia la larghezza di banda, tanto pi precisa la
prestazioni riproduzione del segnale, come illustrato nel caso di un segnale acquisito
con larghezze di banda pari a 250 MHz, 1 GHz e 4 GHz.
Si accennato in precedenza che un oscilloscopio analogo a una
macchina fotografica, la quale acquisisce immagini osservabili e inter-
Se non ha una larghezza di banda adeguata, loscilloscopio non in grado
pretabili. La velocit dellotturatore, le condizioni di illuminazione, lapertu-
di rilevare variazioni ad alta frequenza: lampiezza risulta distorta, i fronti
ra e il codice ASA della pellicola influiscono sulla capacit della macchina
non vengono rilevati e si perdono i dettagli. Senza un'adeguata larghezza
fotografica di acquisire le immagini con nitidezza e precisione. Come i si-
di banda, nessun'altra funzione delloscilloscopio risulta veramente utile.
stemi fondamentali di un oscilloscopio, i fattori relativi alla sue prestazioni
influiscono in modo notevole sulla possibilit di ottenere con esso lin-
La regola della moltiplicazione per 5
tegrit del segnale richiesta. Larghezza di banda richiesta alloscilloscopio = Massima
frequenza contenuta nel segnale da misurare moltiplicata
Per acquisire una nuova abilit spesso occorre imparare un nuovo vocabo-
per 5
lario. Lo stesso vale per l'apprendimento dell'uso delloscilloscopio. Questo
capitolo descrive utili misure e termini relativi alle prestazioni di un oscillo-
scopio. Questi termini servono a descrivere i criteri essenziali per scegliere Per determinare la larghezza di banda delloscilloscopio necessaria per

loscilloscopio adatto a unapplicazione specifica e comprenderli aiuta a caratterizzare con precisione lampiezza di un segnale specifico, applicate

valutare e confrontare con altri modelli un particolare oscilloscopio. la regola della moltiplicazione per 5.
Un oscilloscopio selezionato mediante questa regola produce un errore
Larghezza di banda
inferiore a 2% nelle misure, in genere sufficiente per le applicazioni
Determina la capacit fondamentale di un oscilloscopio di eseguire misure doggi. Tuttavia, allaumentare delle frequenze del segnale possibile che
sui segnali. Allaumentare della frequenza di un segnale, diminuisce la non sia pi possibile applicare questa regola pratica. Tenete sempre pre-
capacit delloscilloscopio di visualizzarlo con precisione. Questa specifica sente che da una larghezza di banda pi ampia probabilmente risulter
indica la gamma di frequenze entro la quale loscilloscopio pu eseguire una riproduzione pi precisa del segnale (vedi Figura 47).
misure precise.
La larghezza di banda delloscilloscopio viene specificata come la fre-
quenza alla quale un segnale dingresso sinusoidale attenuato sino al
70,7% dellampiezza effettiva del segnale ed detta punto a -3 dB, un
termine derivante dallimpiego della scala logaritmica (vedi Figura 46).

www.tektronix.com 37
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Tempo di salita Larghezza


tipico del segnale di banda del
Famiglia logica segnale calcolata
TTL 2 ns 175 MHz

CMOS 1,5 ns 230 MHz

GTL 1 ns 350 MHz

LVDS 400 ps 875 MHz

ECL 100 ps 3,5 GHz

GaAs 40 ps 8,75 GHz

Figura 49. Alcune famiglie logiche hanno tempi di salita intrinsecamente pi


brevi rispetto ad altre.

Figura 48. Caratterizzazione del tempo di salita di un segnale digitale ad


alta frequenza.

Tempo di salita Si noti che questo criterio per la selezione del tempo di salita delloscillo-
Nel settore dei circuiti digitali, le misure del tempo di salita sono essen- scopio simile a quello relativo alla larghezza di banda. Come nel caso di
ziali. Il tempo di salita pu essere un fattore relativo alle prestazioni pi questultima, non sempre possibile applicare questa regola pratica, a
appropriato quando si intende eseguire misure su segnali digitali, come causa delle frequenze altissime degli odierni segnali. Tenete sempre pre-
impulsi e gradini. Loscilloscopio deve avere un tempo di salita sufficiente- sente che un oscilloscopio con tempo di salita pi breve acquisisce con
mente breve per acquisire con precisione i dettagli di transizioni rapide. maggiore precisione i dettagli essenziali delle transizioni rapide.

Il tempo di salita indica la gamma di frequenze utili di un oscilloscopio. In alcuni casi possibile che si conosca solo il tempo di salita del segnale.
Per calcolare il tempo di salita delloscilloscopio necessario per un segnale Una costante mette in relazione tra di loro la larghezza di banda e il tempo
specifico, usate la seguente equazione: di salita delloscilloscopio; lequazione la seguente:

Larghezza di banda = k
Tempo di salita

Tempo necessario di salita delloscilloscopio =


dove k un valore compreso tra 0,35 e 0,45, secondo
Tempo di salita pi breve del segnale da misurare
il tempo di salita della risposta allimpulso e landa-
diviso per 5
mento della risposta in frequenza delloscilloscopio.
Per gli oscilloscopi con larghezza di banda <1 GHz in
genere si usa il valore 0,35, mentre se la larghezza di
banda >1 GHz in genere il valore da usare compre-
so tra 0,40 e 0,45.

Alcune famiglie logiche hanno tempi di salita intrinsecamente pi brevi


rispetto ad altre, come illustrato nella figura 49.

38 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Per calcolare i requisiti sulla frequenza di campionamento sono disponibili


vari metodi, la cui scelta dipende dal tipo di forma donda su cui si devono
eseguire le misure e dal metodo di ricostruzione del segnale impiegato
dalloscilloscopio.
Il teorema di Nyquist afferma che per ricostruire con precisione un segnale
ed evitare laliasing, il segnale deve essere campionato a una frequenza
pari ad almeno il doppio della pi alta frequenza contenuta nel segnale
stesso. Questo teorema presume per che la lunghezza di registrazione sia
infinita e che il segnale sia continuo. Poich nessun oscilloscopio offre una
lunghezza di registrazione infinita e per definizione i glitch non sono con-
tinui, il campionamento eseguito a una frequenza pari a solo il doppio della
massima frequenza del segnale di solito insufficiente.
In realt, la ricostruzione precisa di un segnale dipende sia dalla frequenza
di campionamento sia dal metodo di interpolazione adoperato per riempire
Figura 50. Una frequenza di campionamento pi alta fornisce una
gli spazi tra i campioni. Alcuni oscilloscopi permettono di selezionare lin-
risoluzione maggiore del segnale, assicurando la visualizzazione di eventi
intermittenti. terpolazione sin(x)/x per eseguire misure su segnali sinusoidali e linterpo-
lazione lineare per le onde quadre, gli impulsi e altri tipi di segnale.
Frequenza di campionamento

Si specifica in campioni al secondo (S/s) e indica la frequenza con la quale


Per eseguire una ricostruzione precisa mediante
un oscilloscopio digitale acquisisce unistantanea, o un campione, del se- linterpolazione sin(x)/x, la frequenza di campionamento
gnale, analoghi ai fotogrammi di una videocamera. Quanto pi alta la delloscilloscopio deve essere pari ad almeno 2,5 volte
la massima frequenza del segnale. Se si utilizza linter-
frequenza di campionamento, tanto maggiori sono la risoluzione e i det- polazione lineare, la frequenza di campionamento deve
tagli della forma donda visualizzata e minori le probabilit che si perdano essere pari ad almeno 10 volte la massima frequenza
del segnale.
informazioni o eventi essenziali, come illustrato nella figura 50. La fre-
quenza di campionamento minima pu inoltre essere importante se
Alcuni sistemi di misura con frequenze di campionamento sino a 20 GS/s
occorre visualizzare segnali variabili lentamente nel corso di lunghi periodi
e larghezze di banda sino a 4 GHz sono stati ottimizzati in modo da
di tempo. In genere la frequenza di campionamento visualizzata cambia
acquisire eventi transitori e singoli velocissimi sovracampionando a una
parallelamente alle regolazioni eseguite con il comando della scala del-
frequenza pari a fino 5 volte la larghezza di banda.
lasse orizzontale per mantenere un numero costante di punti nella regis-
trazione della forma donda visualizzata.

www.tektronix.com 39
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 51. Un DSO una soluzione ideale Figura 52. Un DPO consente di esaminare in Figura 53. Per acquisire il dettaglio ad alta
durante la progettazione di dispositivi digitali modo pi approfondito landamento del se- frequenza di questa portante a 85 MHz modu-
multicanale che impiegano segnali ad alta gnale grazie a frequenze di acquisizione del lata, occorre un campionamento ad alta
frequenza, non periodici. segnale molto pi alte e alle tracce tridimen- risoluzione (100 ps). Per visualizzare linviluppo
sionali; ci ne fa il migliore strumento univer- di modulazione completo del segnale occorre
sale per la progettazione e la ricerca guasti in una durata lunga (1 ms). Mediante una note-
una vasta serie di applicazioni. vole lunghezza di registrazione (10 MB),
loscilloscopio pu visualizzare entrambe le
grandezze.

Frequenza di acquisizione della forma donda La maggiore parte degli oscilloscopi ai fosfori digitali (DPO) impiega unar-
Tutti gli oscilloscopi funzionano a intermittenza, ossia acquisiscono il se- chitettura di elaborazione parallela per ottenere frequenze di acquisizione
gnale un certo numero di volte al secondo e rimangono inattivi durante gli della forma donda molto pi alte. Alcuni DPO possono acquisire milioni di
intervalli tra unacquisizione e laltra. Questo numero la frequenza di forme donda in alcuni secondi, aumentando in modo significativo la pro-
acquisizione della forma donda e viene espresso in forme donda al babilit di acquisire eventi intermittenti ed elusivi e consentendo di osser-
secondo (wfms/s). Mentre la frequenza di campionamento indica quante vare pi rapidamente i problemi del segnale. Inoltre, la capacit del DPO di
volte loscilloscopio campiona il segnale dingresso nell'ambito di una acquisire e visualizzare tre dimensioni dellandamento del segnale in
forma donda, ossia di un ciclo, il valore wfms/s indica la velocit con la tempo reale - lampiezza, il tempo e la distribuzione dellampiezza nel
quale loscilloscopio acquisisce le forme donda. tempo - si traduce nella possibilit di analisi pi approfondite dellanda-
mento del segnale.
La frequenza di acquisizione della forma donda pu variare molto, a se-
conda del tipo e del livello di prestazioni delloscilloscopio. Gli oscilloscopi Lunghezza di registrazione
con elevate frequenze di acquisizione permettono di osservare in modo
espressa come il numero di punti costituenti una registrazione completa
notevolmente pi approfondito landamento del segnale e aumentano si-
della forma donda e determina il numero di dati acquisibili con ciascun
gnificativamente la probabilit di acquisire con rapidit anomalie transitorie
canale. Poich un oscilloscopio pu memorizzare solo un numero limitato
come il jitter, gli impulsi runt, i glitch e gli errori di transizione (vedi figure
di campioni, la durata della forma donda inversamente proporzionale
51 e 52).
alla frequenza di campionamento delloscilloscopio.
Gli oscilloscopi a memoria digitale (DSO) impiegano unarchitettura di ela-
borazione seriale per acquisire le forme donda a frequenze comprese tra
10 e 5.000 wfms/s. Alcuni DSO offrono una modalit speciale, che rag-
Lunghezza di registrazione
Intervallo di tempo =
gruppa pi acquisizioni in una memoria a lungo termine, fornendo tempo- Frequenza di campionamento
raneamente frequenze di acquisizione pi alte, seguite da lunghi tempi
morti di elaborazione che riducono la probabilit di acquisire eventi rari e
intermittenti.

40 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

I moderni oscilloscopi permettono di selezionare la lunghezza di registra- Sensibilit verticale


zione in modo da ottimizzare il livello di dettagli necessario per una speci- Indica di quanto lamplificatore verticale pu aumentare lampiezza di un
fica applicazione. Se si deve analizzare un segnale sinusoidale estrema- segnale debole; in genere si misura in millivolt (mV) a divisione. La ten-
mente stabile, pu occorrere solo una lunghezza di registrazione di 500 sione pi bassa rilevabile da un oscilloscopio universale in genere di 1
punti, ma se si devono individuare le cause di anomalie di temporizzazione mV a divisione verticale.
in un flusso complesso di dati digitali, per una data lunghezza di regis-
trazione pu essere necessario un milione di punti o pi. Velocit di scansione

Indica la velocit con la quale la traccia pu spostarsi lungo lo schermo,


Funzioni di trigger
permettendo losservazione dei dettagli. Si misura in tempo (secondi) a
La funzione di trigger delloscilloscopio sincronizza la scansione orizzon- divisione.
tale rispetto al segnale; ci essenziale per caratterizzare questultimo
con chiarezza. I comandi di trigger servono a stabilizzare forme donda Precisione del guadagno

periodiche e ad acquisire forme donda a evento singolo. Indica la precisione con la quale il sistema di deflessione verticale attenua
Per ulteriori informazioni sulle funzioni di trigger vedere la sezione Trigger o amplifica il segnale; in genere rappresentata sotto forma di errore per-
nel capitolo Fattori e termini relativi alle prestazioni. centuale.

Bit effettivi Precisione orizzontale (della base dei tempi)

Rappresentano una misura della capacit di un oscilloscopio digitale di Indica la precisione con la quale il sistema di deflessione orizzontale visua-
ricostruire con precisione landamento di un segnale sinusoidale. Questa lizza la temporizzazione del segnale; in genere rappresentata sotto forma
misura il risultato del confronto tra lerrore effettivo delloscilloscopio e di errore percentuale.
quello di un teorico digitalizzatore "ideale". Poich gli errori effettivi
Risoluzione verticale (convertitore analogico-
includono il rumore e la distorsione, occorre specificare la frequenza e digitale)
lampiezza del segnale.
La risoluzione verticale del convertitore A/D, e quindi delloscilloscopio di-
Risposta in frequenza gitale, indica la precisione con la quale le tensioni dingresso possono
essere trasformate in valori digitali e si misura in bit. Apposite tecniche di
La sola larghezza di banda non basta per assicurare che un oscilloscopio
calcolo possono migliorare la risoluzione effettiva, come esemplificato dalla
possa acquisire con precisione un segnale a frequenza elevata. L'obiettivo
modalit di acquisizione Hi Res. Vedere la sezione Comandi e sistema di
della progettazione dell'oscilloscopio quello di ottenere una specifica
deflessione orizzontale nel capitolo Sistemi e comandi di un
risposta in frequenza, indicata con la sigla MFED (Maximally Flat
oscilloscopio.
Envelope Delay), caratterizzata da una fedelt eccellente nella risposta
allimpulso, con sovraelongazione e oscillazioni minime. Poich un oscillo-
scopio digitale composto da amplificatori, attenuatori, convertitori A/D,
connessioni e rel, la risposta MFED un obiettivo solo approssimabile. La
fedelt nella risposta allimpulso varia notevolmente secondo il modello e il
produttore (la Figura 47 illustra questo concetto).

www.tektronix.com 41
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Software
di analisi
Browser Monitor
per web doppio

Programma Memorizza-
di zione
videoscrittura

Desktop di Windows Unit


Zip
Foglio
di calcolo
Piattaforma Open Windows

Rete
locale
E-mail wireless

Porte Figura 55. Un oscilloscopio serie TDS3000 offre svariate interfac-


seriali/ ce di comunicazione, quali una porta Centronics standard e mo-
parallele
Periferiche duli opzionali Ethernet/RS-232, GPIB/RS-232 e VGA/RS-232.
USB

Figura 54. Un oscilloscopio serie TDS7000 collega persone e apparecchi per


ridurre i tempi e aumentare la produttivit dellintero gruppo di lavoro.

Connettivit Alcuni oscilloscopi allavanguardia permettono anche di eseguire le


La necessit di analizzare i risultati delle misure rimane della massima seguenti operazioni.
importanza. Inoltre cresciuta limportanza della necessit di documentare Creazione, modifica e condivisione di documenti sulloscilloscopio - mentre lo si
e condividere facilmente le informazioni e i risultati delle misure, spesso usa sul lavoro

tramite reti ad alta velocit. Accesso all risorse di condivisione dei file e di stampa in rete

La connettivit di un oscilloscopio fornisce funzioni avanzate di analisi e Accesso al desktop di Windows

semplifica la documentazione e la condivisione dei risultati. Le interfacce Esecuzione di programmi di produttori diversi per documentazione e analisi
standard (GPIB, RS-232, USB, Ethernet) e i moduli per comunicazioni in Collegamento a reti
rete permettono ad alcuni oscilloscopi di offrire unampia serie di funzioni Accesso a Internet
e comandi.
Invio e ricezione di e-mail

42 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 56. Il pacchetto software opzionale Figura 57. Equipaggiando loscilloscopio serie Figura 58. Il modulo video TDS3SDI trasforma
TDSJIT2 per loscilloscopio serie TDS7000 TDS700 con il modulo applicativo TDSCEM1 si loscilloscopio serie TDS3000 in uno strumento
stato studiato per rispondere alle necessit possono eseguire i test di conformit con rapido e accurato per la ricerca guasti in
dei progettisti degli odierni dispositivi ad alta maschere per comunicazioni. impianti video.
frequenza relative alle misure di jitter.

Espansibilit

Un oscilloscopio deve essere in grado di rispondere alle vostre necessit


man mano che cambiano. Alcuni oscilloscopi vi permettono di fare quanto
segue.
Aggiungere memoria ai canali per analizzare lunghezze di registrazioni maggiori

Aggiungere funzioni di misura per applicazioni specifiche

Completare la funzionalit delloscilloscopio con una serie completa di sonde e


moduli

Usare diffusi programmi di produttori diversi, Windows compatibili, per analisi e


Figura 59. possibile installare nelloscillo-
produttivit scopio serie TDS7000 programmi avanzati e
Aggiungere accessori, quali batterie ricaricabili e kit di fissaggio a rack per produttivit, quali MATLAB , per analizzare
segnali locali.
Il software e i moduli applicativi possono consentire di trasformare loscil-
loscopio in uno strumento di analisi altamente specializzato, in grado di
svolgere funzioni quali lanalisi del jitter e della temporizzazione, la verifica
del sistema di memoria dei microprocessori, i test di conformit agli stan-
dard di comunicazione, le misure sulle unit a disco, le misure video, le
misure sugli alimentatori e molte altre funzioni.

www.tektronix.com 43
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 60. La disposizione dei comandi classi- Figura 61. Il display a sfioramento risolve con Figura 62. Le finestre grafiche di comando
ca, di stile analogico, permette di regolare la semplicit i problemi derivanti da banchi e permettono di usare anche le funzioni pi
posizione, la scala, lintensit, ecc. - precisa- carrelli ingombri e al tempo stesso consente complesse con sicurezza e facilit.
mente come vi aspettereste. l'accesso a tasti a schermo facilmente
comprensibili.

Facilit duso

Gli oscilloscopi devono essere facili da apprendere e usare, per aiutare a


operare con efficienza e rendimento massimi. Cos come non esiste un
tipico autista, non esiste un tipico utente di oscilloscopio. Ci sono utenti
tradizionali e utenti che si sono formati nellera di Windows/Internet. Per
venire incontro alle necessit di un gruppo cos ampio di utenti occorre
flessibilit nelle modalit duso.
Molti oscilloscopi offrono il giusto equilibrio fra prestazioni e semplicit,
consentendo molti modi di usare lo strumento. Un pannello anteriore for-
Figura 63. La portatilit di molti oscilloscopi
nisce comandi appositi per i sistemi di deflessione verticale e orizzontale, rende questi strumenti efficienti in numerosi
e di trigger. Uninterfaccia grafica utente ricca di icone aiuta a capire e ambienti operativi.
usare intuitivamente funzioni avanzate. Uno schermo a sfioramento elimina
i problemi derivanti da banchi e carrelli ingombri e al tempo stesso con-
sente di accedere a tasti a schermo facilmente comprensibili. Una guida in
linea permette di consultare comodamente un manuale sullo schermo. I
comandi intuitivi permettono anche a chi usa loscilloscopio saltuariamente
di sentirsi a proprio agio come se guidasse una macchina che conosce
bene, mentre offrono agli utenti esperti facile accesso alle funzioni pi
avanzate. Inoltre molti oscilloscopi sono portatili e ci rende questi stru-
menti efficienti in numerosi ambienti operativi - nel laboratorio o sul
campo.

Sonde

Una sonda un componente essenziale del sistema di misura, assicurando


lintegrit del segnale e consentendo di sfruttare tutte le caratteristiche e
le funzioni delloscilloscopio. Per ulteriori informazioni vedere la sezione Il
sistema di misura completo nel capitolo Sistemi e comandi di un
oscilloscopio, oppure consultare la guida Tektronix L'ABC delle sonde.

44 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Uso delloscilloscopio

Preparazione

Questo capitolo descrive brevemente come approntare l'oscilloscopio e


cominciare a usarlo; specificamente, come collegarlo alla terra, portare i
comandi nelle posizioni standard e compensare la sonda.
C
Il corretto collegamento alla terra una fase importante quando lo si
prepara per eseguire misure o altre operazioni su un circuito, in quanto
protegge dal pericolo di scariche elettriche, mentre collegare alla terra s
stessi protegge i circuiti da danni.

Collegamento delloscilloscopio alla terra

Collegare loscilloscopio alla terra significa collegarlo a un punto di riferi-


mento elettricamente neutro, quale la terra, inserendone il cavo di alimen- Figura 64. Tipico bracciale antistatico.
tazione tripolare in una presa di corrente dotata di conduttore di pro-
tezione, ossia collegato allimpianto di messa a terra.
Collegamento di s stessi con la terra
necessario collegare loscilloscopio alla terra per tutelare la propria inco-
Se si lavora su circuiti integrati occorre anche collegare s stessi alla
lumit. Se un elemento ad alta tensione va a contatto di una parte qualsi-
terra. I circuiti integrati hanno percorsi di conduzione di piccole dimen-
asi (anche le manopole, che sembrano isolate) dellinvolucro di un oscillo-
sioni, che possono essere danneggiati dalla scarica elettrostatica derivante
scopio non collegato alla terra, si pu essere colpiti da una scarica elettri-
dalle cariche che si accumulano sul proprio corpo. Si pu danneggiare
ca. Se invece loscilloscopio collegato correttamente alla terra, la cor-
irreversibilmente un costoso circuito integrato semplicemente camminando
rente si scarica in essa attraverso lapposito percorso anzich attraverso la
su una moquette o togliendosi il maglione e poi toccando i cavi del cir-
persona che sta toccando loscilloscopio.
cuito. Per eliminare questo problema occorre portare un bracciale antista-
Collegare loscilloscopio alla terra inoltre importante per eseguire misure
tico, illustrato nella figura 64, che consente alle cariche che altrimenti si
precise; esso deve essere collegato allo stesso punto di terra al quale
accumulerebbero sul corpo di scaricarsi verso la terra.
sono collegati i circuiti su cui si eseguono le misure.
Alcuni oscilloscopi non richiedono una connessione separata con la terra,
in quanto hanno involucri e comandi isolati che proteggono lutente dal
pericolo di una scarica elettrica.

www.tektronix.com 45
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Impostazione dei comandi Uso delle sonde

Una volta acceso loscilloscopio, esaminate il pannello anteriore. Come A questo punto si pu collegare una sonda alloscilloscopio. Se adattata
descritto in precedenza, esso diviso in genere in tre sezioni principali alloscilloscopio, la sonda permette di usarne tutte le funzioni e assicura
opportunamente contrassegnate: verticale, orizzontale e trigger. A seconda lintegrit del segnale su cui si eseguiranno le misure.
del suo modello e tipo - analogico o digitale - loscilloscopio che state uti- Per ulteriori informazioni vedere la sezione Il sistema di misura completo
lizzando potrebbe avere altre sezioni. nel capitolo Sistemi e comandi di un oscilloscopio, oppure consultare la
Osservate i connettori dingresso delloscilloscopio: servono a collegare le guida Tektronix L'ABC delle sonde.
sonde. La maggior parte degli oscilloscopi ha almeno due canali dingres-
Collegamento della presa di messa a terra
so e ciascun canale pu visualizzare una forma donda. Avere pi canali
utile per confrontare forme donda. Per eseguire misure su un segnale occorre eseguire due connessioni:
quella del puntale della sonda e quella con la terra. Le sonde sono dotate
Alcuni oscilloscopi sono dotati di pulsanti AUTOSET e/o DEFAULT che per-
di un morsetto a coccodrillo (la presa di messa a terra) che permette di
mettono di impostare i comandi con una sola operazione per un certo seg-
collegarle alla terra attraverso il circuito in prova. A tale scopo si collega il
nale. Se loscilloscopio che state utilizzando non ha questa funzionalit,
coccodrillo a un punto del circuito sicuramente collegato alla terra, come il
utile impostare i comandi sulle posizioni standard prima di eseguire le
contenitore metallico di un apparecchio stereofonico da riparare, e con il
misure.
puntale si toccano i punti di test del circuito.
Seguono le istruzioni generali per impostare i comandi sulle posizioni
standard.
Impostare loscilloscopio in modo da visualizzare il canale 1.

Regolare la scala verticale volts/div e i comandi di posizione sulle posizioni


intermedie.

Mettere in posizione off il comando di volts/div variabili.

Mettere in posizione off tutti i comandi di zoom.

Selezionare DC per laccoppiamento dingresso del canale 1.

Selezionare la modalit di trigger Auto.

Selezionare il canale 1 come sorgente di trigger.

Impostare il tempo di holdoff del trigger sul valore minimo o nullo.

Impostare il comando di intensit - se disponibile - su un livello nominale di


visualizzazione.

Impostare il comando di focalizzazione - se disponibile - in modo che la traccia


sia nitida.

Regolare la scala orizzontale sec/div e i comandi di posizione sulle posizioni


intermedie.

Per ulteriori istruzioni consultate il manuale del vostro oscilloscopio.


Il capitolo Sistemi e comandi di un oscilloscopio di questa guida
contiene descrizioni pi dettagliate.

46 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 65. Effetti di una compensazione errata della sonda.

Compensazione della sonda Nella maggior parte degli oscilloscopi disponibile, in corrispondenza di
Prima di usare una sonda di attenuazione passiva (ossia attenuatrice) un terminale sul pannello anteriore, un segnale di riferimento a onda
necessario compensarla - ossia bilanciarne le propriet elettriche - rispet- quadra da utilizzare per compensare le sonde. Seguono le istruzioni gene-
to alloscilloscopio con la quale sar usata. Occorre prendere labitudine di rali per la compensazione.
compensare la sonda ogni volta che si prepara loscilloscopio, in quanto Collegare la sonda al canale verticale.
una sonda mal compensata pu ridurre la precisione delle misure. La figu- Collegare il puntale al terminale che applica il segnale di compensazione, ossia
ra 65 illustra gli effetti di un segnale di test a 1 MHz utilizzando una sonda londa quadra di riferimento.
compensata erroneamente. Collegare alla terra lapposito morsetto della sonda.

Osservare il segnale di riferimento sulloscilloscopio.

Regolare opportunamente i comandi sulla sonda in modo che i vertici dellonda


quadra siano a spigoli vivi.

www.tektronix.com 47
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 66. Tensione di picco (Vp) e tensione picco-picco (Vp-p).

Quando compensate la sonda, collegate sempre qualsiasi puntale accesso- Misure di tensione
rio che utilizzerete e collegate la sonda al canale verticale che intendete La tensione la differenza di potenziale elettrico tra due punti di un cir-
usare, per essere sicuri che loscilloscopio abbia le stesse propriet elet- cuito ed espressa in volt. In genere, ma non sempre, uno dei due punti
triche che deve presentare quando eseguirete le misure. al potenziale di terra, ovvero a zero volt. La tensione di una forma donda
pu essere misurata anche tra i due picchi (massimo e minimo). Occorre
Tecniche di misura con loscilloscopio
fare attenzione a specificare sempre a quale tensione ci si riferisce.
Questo capitolo tratta delle tecniche basilari di misura. Le due misure fon-
Loscilloscopio principalmente uno strumento per la misura di tensioni.
damentali sono quelle di tensione e di tempo; qualsiasi altra misura si
Una volta misurata la tensione, semplice calcolare le altre grandezze. Per
basa su una di queste due tecniche.
esempio, la legge di Ohm afferma che la tensione tra due punti di un cir-
In questo capitolo si descrivono metodi per eseguire le misure visivamente,
cuito uguale al prodotto della corrente per la resistenza, cosicch da due
con il display delloscilloscopio. Si tratta di una tecnica comune quando si
qualsiasi di queste grandezze si pu calcolare la terza con la seguente for-
usano strumenti analogici, che pu anche essere utile per uninterpre-
mula:
tazione immediata delle tracce visualizzate dal DSO e dal DPO.
Tensione = Corrente * Resistenza
Si noti che la maggior parte degli oscilloscopi digitali include funzioni auto-
matiche di misura. Sapere eseguire le misure manualmente, come descrit- Corrente = Tensione
Resistenza
to in questa sede, aiuta a capire e verificare le misure automatiche seguite
Resistenza = Tensione
dai DSO e dai DPO. Le misure automatiche sono spiegate pi avanti in Corrente
questo capitolo. Legge per il calcolo della potenza:
Potenza = Tensione * Corrente

Unaltra formula conveniente la legge per il calcolo della potenza: la


potenza di un segnale in corrente continua uguale al prodotto della ten-
sione per la corrente. I calcoli sono pi complessi nel caso di segnali in
corrente alternata, ma l'importante notare qui che misurare la tensione
il primo passo verso il calcolo delle altre grandezze. La figura 66 illustra la
tensione di picco (Vp) e la tensione picco-picco (Vpp).

48 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 67. Misura di tensione eseguita sulla linea verticale centrale del Figura 68. Misura di tempo eseguita sulla linea orizzontale centrale del
reticolo. reticolo.

Il metodo fondamentale per eseguire misure di tensione consiste nel con- Misure della durata dellimpulso e del tempo di
tare il numero di divisioni contenute nella forma donda lungo la scala ver- salita
ticale del display. Regolando il segnale in modo che copra quasi per intero In molte applicazioni importante conoscere i dettagli dellandamento di
lo schermo in verticale, si misura la tensione con la massima precisione un impulso. Gli impulsi possono subire distorsioni e causare malfunziona-
possibile (vedi Figura 67). Quanto pi grande larea dello schermo utiliz- menti dei circuiti digitali; inoltre la temporizzazione degli impulsi in un
zata, tanto pi precisa la lettura. treno dimpulsi spesso significativa.
Molti oscilloscopi visualizzano cursori che permettono di eseguire auto- Le misure standard sugli impulsi sono la misura della durata dell'impulso
maticamente le misure sullo schermo senza bisogno di contare i segni di e del tempo di salita dell'impulso. Questultimo il tempo di transizione
divisione sul reticolo. Un cursore semplicemente una linea spostabile dellimpulso da una tensione bassa a una alta e per convenzione si misura
sullo schermo. I due cursori orizzontali si possono spostare in alto o in tra il 10% e il 90% della massima tensione dellimpulso; si eliminano cos
basso per racchiudere lampiezza di una forma donda allo scopo di misu- eventuali irregolarit ai vertici della transizione. La durata dellimpulso il
rare la tensione, e i due cursori verticali si possono spostare a destra o a tempo di transizione dellimpulso dal livello basso a quello alto e di nuovo
sinistra per eseguire misure di tempo. Il display visualizza la lettura di ten- a quello basso, e per convenzione si misura in corrispondenza del 50%
sione o di tempo in corrispondenza dei cursori. della tensione massima. La figura 69 (vedi la pagina seguente) illustra
Misure di tempo e di frequenza questi punti di misura.

Mediante la scala orizzontale delloscilloscopio si possono eseguire misure Per eseguire misure sugli impulsi spesso occorre regolare con precisione il
di tempo, comprese quelle di periodo e della durata di impulsi. Poich la trigger. Per diventare esperti nellacquisizione di impulsi necessario
frequenza il reciproco del periodo, una volta noto il periodo per calcolarla imparare a usare il comando di holdoff del trigger e a impostare loscillo-
basta dividere 1 per il periodo. Analogamente alle misure di tensione, le scopio digitale in modo da acquisire i dati di pretrigger, come descritto nel
misure di tempo sono pi precise quando si regola la parte del segnale da capitolo Sistemi e comandi di un oscilloscopio. Lingrandimento orizzon-
misurare in modo da coprire una grande area dello schermo, come illu- tale unaltra funzione utile per eseguire misure sugli impulsi, in quanto
strato nella figura 68. permette di osservare i dettagli degli impulsi veloci.

www.tektronix.com 49
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Figura 69. Punti di misura del tempo di salita e della durata dellimpulso. Figura 70. Figure di Lissajous.

Misure di sfasamento I DPO, daltra parte, sono in grado di acquisire e visualizzare una vera
Un metodo per misurare lo sfasamento, ovvero la differenza di temporiz- immagine in modalit XY in tempo reale, utilizzando un flusso continuo di
zazione tra due segnali periodici altrimenti identici, consiste nelladoperare valori digitalizzati, e possono visualizzare anche unimmagine XYZ con aree
la modalit XY. Questa tecnica di misura richiede di applicare un segnale pi luminose. A differenza delle tracce XY sui DSO e sui DPO, sugli oscillo-
allingresso del sistema di deflessione verticale, come si fa solitamente, e scopi analogici queste tracce in genere sono limitate a larghezze di banda
un altro segnale allingresso del sistema di deflessione orizzontale, e viene di alcuni megahertz.
detta tecnica di misura XY perch per tracciare le tensioni si impiegano sia Altre tecniche di misura
lasse X che lasse Y. La forma donda risultante da questa configurazione In questo capitolo abbiamo descritto le tecniche di misura fondamentali. Altre
detta figura di Lissajous (dal nome del fisico francese Jules Antoine tecniche di misura richiedono di preparare loscilloscopio per svolgere test su
Lissajous). In base alla forma della figura di Lissajous si pu risalire allo componenti elettrici in una linea di assemblaggio, acquisire segnali transitori
sfasamento tra i due segnali e al rapporto tra le loro frequenze. La figura elusivi ed eseguire tante altre operazioni. Le tecniche di misura che userete
70 illustra figure di Lissajous per vari sfasamenti e rapporti di frequenze. dipenderanno dalla vostra specifica applicazione, ma avete appreso quanto
La tecnica di misura XY nata con gli oscilloscopi analogici. Con un DSO basta per cominciare. Fate pratica usando loscilloscopio e leggete altri ma-
pu essere difficile creare tracce XY in tempo reale. Alcuni DSO possono nuali su di esso. In poco tempo lo saprete usare con disinvoltura.
creare unimmagine XY accumulando nel tempo i dati acquisiti comandan-
do il trigger e poi visualizzando i due canali su uno schermo XY.

50 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Esercizi scritti
Questo capitolo contiene esercizi scritti sugli argomenti esposti in questa
guida, divisi in due parti.
La parte I si riferisce agli argomenti di questi capitoli:
Loscilloscopio
Fattori e termini relativi alle prestazioni
La parte II si riferisce agli argomenti di questi capitoli:
Sistemi e comandi di un oscilloscopio
Uso delloscilloscopio
Tecniche di misura con loscilloscopio
Gli esercizi che seguono riguardano il vocabolario e le applicazioni.
Valutate come avete appreso le nozioni esposte facendo questi brevi eser-
cizi. Le risposte sono a pagina 55.

Parte I

Loscilloscopio
Fattori e termini relativi alle prestazioni

Esercizio sul vocabolario - Scrivete la lettera di ciascuna definizione nella colonna destra accanto al termine giusto nella colonna
sinistra.

Termine Definizione

1. __Acquisizione A Lunit di differenza di potenziale elettrico.


2. __Analogico B Una misura delle prestazioni indicante la precisione di un convertitore A/D, espressa in bit.
3. __Larghezza di banda C Termine utilizzato per riferirsi ai punti in gradi del periodo di un segnale.
4. __Ai fosfori digitali D Il numero di ripetizioni di un segnale in un secondo.
5. __Frequenza E Il tempo necessario affinch unonda completi un ciclo.
6. __Glitch F Un valore digitale memorizzato che rappresenta la tensione di un segnale in corrispondenza di un punto specifico di tempo sul
display.
7. __Periodo G Andamento comune di una forma donda che presenta un fronte ascendente, una durata e un fronte discendente.
8. __Fase H Una misura delle prestazioni indicante la velocit del fronte ascendente di un impulso.
9. __Impulso I I circuiti delloscilloscopio che regolano la temporizzazione della scansione.
10. __Punto della forma donda J Un picco transitorio (spike) intermittente in un circuito.
11. __Tempo di salita K Un segnale misurato da un oscilloscopio e che si presenta solo una volta.
12. __Campione L Loperazione eseguita dalloscilloscopio consistente nellacquisizione di campioni da un convertitore A/D e nella loro elaborazione e
memorizzazione.
13. __A memoria digitale M Un dispositivo funzionante con valori variabili continuamente.
14. __Base dei tempi N Oscilloscopio digitale che acquisisce tre dimensioni di informazioni sul segnale in tempo reale.
15. __Transitorio O Oscilloscopio digitale che impiega una tecnica di elaborazione seriale.
16. __Risoluzione del convertitore A/D P La gamma di frequenze di unonda sinusoidale, specificata dal punto a - 3 dB.
17. __Volt Q I dati non elaborati alluscita di un convertitore A/D, utilizzati per calcolare e visualizzare i punti della forma donda.

www.tektronix.com 51
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Parte I 5. Sul display di un oscilloscopio:


a. La tensione rappresentata lungo lasse verticale e il tempo
Loscilloscopio
lungo lasse orizzontale.
Fattori e termini relativi alle prestazioni b. Una traccia diagonale diritta significa che la tensione varia a
Esercizio sulle applicazioni velocit costante.
c. Una traccia orizzontale piatta significa che la tensione
Fate un circoletto attorno alla risposta migliore per ciascuna affermazione.
costante.
Per alcune affermazioni potrebbe esserci pi di una risposta giusta.
d. Tutte le risposte precedenti sono giuste.
1. Con un oscilloscopio si pu:
a. Calcolare la frequenza di una segnale. 6. Tutte le onde periodiche hanno le seguenti propriet:
a. Una frequenza, misurata in hertz.
b. Individuare componenti elettrici guasti.
b. Un periodo, misurato in secondi.
c. Analizzare i dettagli di un segnale.
c. Una larghezza di banda, misurata in hertz.
d. Tutte le risposte precedenti sono giuste.
d. Tutte le risposte precedenti sono giuste.
2. La differenza tra gli oscilloscopi analogici e quelli digitali :
a. Gli oscilloscopi analogici non hanno menu a schermo. 7. Se si usa una sonda allinterno di un computer insieme a un
oscilloscopio, probabilmente si rileveranno i seguenti tipi di
b. Gli oscilloscopi analogici applicano una tensione di misura diret-
segnale:
tamente al sistema di visualizzazione, mentre quelli digitali con-
a. Treni di impulsi.
vertono prima la tensione in valori digitali.
b. Onde a rampa.
c. Gli oscilloscopi analogici misurano grandezze analogiche, men-
tre quelli digitali misurano cifre. c. Onde sinusoidali.

d. Gli oscilloscopi analogici non hanno un sistema di acquisizione. d. Tutte le risposte precedenti sono giuste.

3. La sezione di deflessione verticale di un oscilloscopio fa quanto 8. Quando si valutano le prestazioni di un oscilloscopio analogico,
segue: alcuni fattori da considerare sono:
a. Acquisisce i campioni con un convertitore A/D. a. La larghezza di banda.

b. Avvia una scansione orizzontale. b. La sensibilit del canale verticale.

c. Permette di regolare la luminosit del display. c. La risoluzione del convertitore A/D.

d. Attenua o amplifica il segnale dingresso. d. La velocit di scansione.

4. Il comando della base dei tempi di un oscilloscopio serve a: 9. La differenza tra gli oscilloscopi a memoria digitale (DSO) e gli
a. Regolare la scala verticale. oscilloscopi ai fosfori digitali (DPO) :
a. Il DSO ha una larghezza di banda pi ampia.
b. Visualizzare lora esatta.
b. Il DPO acquisisce tre dimensioni di informazioni sulla forma
c. Impostare il tempo rappresentato dalla larghezza dello schermo.
donda in tempo reale.
d. Inviare un impulso di clock alla sonda.
c. Il DSO ha un display a colori.
d. Il DSO acquisisce pi dettagli sul segnale.

52 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Parte II

Sistemi e comandi di un oscilloscopio

Uso delloscilloscopio

Tecniche di misura con loscilloscopio

Esercizio sul vocabolario - Scrivete la lettera di ciascuna definizione nella colonna destra accanto al termine giusto nella colonna
sinistra.

Termine Definizione
1. __Modalit Average A Linterazione fortuita tra il sistema sonda-oscilloscopio e il circuito in prova, causa di distorsione.
2. __Carico introdotto nel circuito B Un conduttore che stabilisce un percorso per la corrente verso terra.
3. __Compensazione C Una modalit di campionamento con la quale loscilloscopio digitale acquisisce quanti pi campioni possibile mentre presente il
segnale e poi crea la traccia, mediante interpolazione se necessario.
4. __Accoppiamento D Una modalit di campionamento con la quale loscilloscopio digitale rappresenta sullo schermo un segnale periodico acquisendo una
parte dellinformazione complessiva durante ciascuna ripetizione.
5. __Presa di messa a terra E Un dispositivo che converte una grandezza fisica come il suono, la pressione, lo sforzo o lintensit luminosa in un segnale elettrico.
6. __Tempo equivalente F Un dispositivo per test che serve ad applicare un segnale allingresso di un circuito.
7. __Reticolo G Una tecnica di elaborazione impiegata dagli oscilloscopi digitali per eliminare il rumore dai segnali visualizzati.
8. __Interpolazione H Il metodo di collegamento di due circuiti tra di loro.
9. __In tempo reale I Una tecnica di elaborazione consistente nellunire i punti tra di loro per approssimare landamento di una forma donda ad alta
frequenza solo in base ad alcuni campioni.
10. __Generatore di segnale J Linsieme di linee sullo schermo impiegate per eseguire misure sulla traccia visualizzata.
11. __Scansione singola K Una modalit di trigger con la quale la scansione viene comandata una volta e va poi reimpostata per accettare un altro evento di
trigger.
12. __Trasduttore L Una regolazione eseguita su sonde attenuatrici 10X per bilanciarne le propriet elettriche rispetto alloscilloscopio.

www.tektronix.com 53
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Parte II 5. Il comando di rotazione della traccia della forma donda utile


per:
Sistemi e comandi di un oscilloscopio
a. Regolare la scala delle forme donda sullo schermo.
Uso delloscilloscopio b. Rilevare segnali a onda sinusoidale.

Tecniche di misura con loscilloscopio c. Allineare la traccia allasse orizzontale dello schermo su un
oscilloscopio analogico.
Sistemi e comandi di un oscilloscopio
d. Misurare la durata degli impulsi.
Uso delloscilloscopio 6. Il comando volts/div serve a:
a. Regolare la scala delle forme donda lungo lasse verticale.
Tecniche di misura con loscilloscopio
b. Posizionare le forme donda lungo lasse verticale.
Esercizio sulle applicazioni
c. Attenuare o amplificare un segnale dingresso.
Fate un cerchietto attorno alla risposta migliore per ciascuna affermazione.
d. Impostare il numero di volt corrispondente a ciascuna divisione.
Per alcune affermazioni potrebbe esserci pi di una risposta giusta.
7. Selezionando GND per laccoppiamento dingresso al canale
1. Per usare un oscilloscopio senza mettere in pericolo la propria
verticale:
incolumit, necessario:
a. Si scollega il segnale dingresso dalloscilloscopio.
a. Collegare loscilloscopio alla terra con lapposito cavo tripolare
b. Si visualizza una linea orizzontale con la modalit di trigger
di alimentazione.
Auto.
b. Imparare a riconoscere i componenti elettrici pericolosi.
c. Si visualizza il livello di 0 volt.
c. Evitare di toccare connessioni esposte in un circuito in prova
d. Tutte le risposte precedenti sono giuste.
anche se non alimentato.
d. Tutte le risposte precedenti sono giuste. 8. Il trigger necessario per:
a. Stabilizzare le forme donda periodiche sullo schermo.
2. Collegare alla terra un oscilloscopio necessario:
b. Acquisire forme donda a evento singolo.
a. Per motivi di sicurezza.
c. Contrassegnare un punto particolare di unacquisizione.
b. Per ottenere un punto di riferimento allo scopo di eseguire le
misure. d. Tutte le risposte precedenti sono giuste.

c. Per allineare la traccia allasse orizzontale dello schermo. 9. La differenza tra le modalit di trigger Auto e Normal :
d. Tutte le risposte precedenti sono giuste. a. Nella modalit Normal loscilloscopio comanda la scansione una
sola volta e poi si arresta.
3. Il carico introdotto in un circuito causato da:
b. Nella modalit Normal loscilloscopio comanda la scansione solo
a. Un segnale dingresso a tensione troppo alta.
se il segnale dingresso raggiunge il punto di trigger, altrimenti
b. Linterazione tra il sistema sonda-oscilloscopio e il circuito in
sullo schermo non si visualizza niente.
prova.
c. Nella modalit Auto loscilloscopio comanda la scansione
c. Una sonda attenuatrice 10X non compensata.
continuamente anche se il trigger non viene comandato.
d. Un peso eccessivo applicato al circuito.
d. Tutte le risposte precedenti sono giuste.
4. Compensare una sonda necessario per:
10. La modalit di acquisizione che riduce nel modo migliore il
a. Bilanciare le propriet elettriche della sonda attenuatrice
rumore in un segnale periodico :
10X rispetto alloscilloscopio.
a. La modalit di campionamento semplice (Sample).
b. Prevenire danni al circuito in prova.
b. La modalit di rilevazione del picco (Peak Detect).
c. Migliorare la precisione delle misure.
c. La modalit inviluppo (Envelope).
d. Tutte le risposte precedenti sono giuste.
d. La modalit di calcolo della media (Average).

54 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

11. Le due misure fondamentali eseguibili con un oscilloscopio sono: Risposte

a. Misure di tempo e di frequenza. Questa sezione contiene le risposte a tutti gli esercizi delle sezioni prece-
b. Misure di tempo e di tensione. denti.
c. Misure di tensione e di durata dellimpulso. Parte I: risposte relative agli esercizi sul vocabolario.

d. Misure di durata dellimpulso e di sfasamento. 1. L 5. D 9. G 13. O


2. M 6. J 10. F 14. I
12. Se il comando volts/div impostato su 0,5, la massima ampiezza
3. P 7. E 11. H 15. K
di segnale che pu essere contenuta dallo schermo (presumendo
4. N 8. C 12. Q 16. B
che il reticolo sia 8 x10) pari a:
17. A
a. 62,5 millivolt picco-picco.
b. 8 volt picco-picco.
Parte I: risposte relative agli esercizi sulle applicazioni
c. 4 volt picco-picco. delloscilloscopio.
d. 0,5 volt picco-picco. 1. D 3. D 5. D 7. A
2. B,D 4. C 6., A,B 8. A,B,D
13. Se il comando sec/div impostato su 0,1 ms, lintervallo cor-
9. B
rispondente alla larghezza dello schermo uguale a:
a. 0,1 ms.
b. 1 ms. Parte II: risposte relative agli esercizi sul vocabolario.
1. G 4. H 7. J 10. F
c. 1 secondo.
2. A 5. B 8. I 11. K
d. 0,1 kHz.
3. L 6. D 9. C 12. E
14. Per convenzione, la durata dellimpulso si misura:
a. In corrispondenza del 10% della tensione picco-picco
Parte II: risposte relative agli esercizi sulle applicazioni
dellimpulso. delloscilloscopio.
b. In corrispondenza del 50% della tensione picco-picco 1. D 5. C 9. B,C 13. B
dellimpulso. 2. A,B 6. A,C,D 10. D 14. B
c. In corrispondenza del 90% della tensione picco-picco 3. B 7. D 11. B 15. G
dellimpulso. 4. A,C 8. D 12. C

d. In corrispondenza del 10% e del 90% della tensione picco-picco


dellimpulso.

15. Si collega una sonda al circuito in prova ma non si visualizza


niente. necessario:
a. Verificare che il comando di intensit non sia in posizione off.
b. Verificare che loscilloscopio sia impostato in modo da visualiz-
zare il canale a cui collegata la sonda.
c. Impostare la modalit di trigger su Auto in quanto con la moda-
lit Normal non si visualizza niente.
d. Selezionare AC per laccoppiamento dingresso del canale verti-
cale e regolare il comando volts/div sul valore massimo in quan-
to un segnale con una componente continua elevata pu andare
oltre la parte superiore o inferiore dello schermo.
e. Verificare che la sonda non sia in cortocircuito e che sia colle-
gata correttamente alla terra.
f. Verificare che loscilloscopio sia impostato in modo da coman-
dare il trigger sul canale dingresso che si sta usando.
g. Tutte le risposte precedenti sono giuste.
www.tektronix.com 55
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Glossario
Accoppiamento Metodo per collegare due circuiti tra di loro. Se i cir- Campionamento in tempo reale Modalit di campionamento con la
cuiti sono collegati con conduttori puramente resistivi laccoppiamento quale loscilloscopio acquisisce quanti pi campioni possibile con una sola
diretto (DC), mentre se sono collegati attraverso un condensatore o un acquisizione con trigger. ideale nel caso di segnali la cui gamma di fre-
trasformatore laccoppiamento reattivo (AC). quenze inferiore alla met della massima frequenza di campionamento
Ampiezza La grandezza di quantit o forza di un segnale. In elettronica delloscilloscopio.
lampiezza in genere si riferisce alla tensione o alla potenza. Campioni I dati non elaborati alluscita di un convertitore A/D, utilizzati
Amplificazione Aumento dellampiezza del segnale mentre si propaga. per calcolare i punti della forma donda.

Analizzatore di stati logici (logic analyzer) Strumento per la visualiz- Carico Linterazione fortuita tra il sistema sonda-oscilloscopio e il cir-
zazione in funzione del tempo degli stati logici dei segnali digitali. Analizza cuito in prova, causa di distorsione.
i dati digitali e li pu rappresentare sotto forma di istruzioni software ese- Carico introdotto nel circuito Linterazione fortuita tra il sistema
guite in tempo reale, valori del flusso di dati, sequenze di stato, ecc. sonda-oscilloscopio e il circuito in prova, causa di distorsione.
Asse Z La caratteristica del display di un oscilloscopio che mostra le Collegamento con la terra
variazioni di luminosit mentre si forma la traccia. 1. Connessione di un circuito o un apparecchio con il potenziale di
Attenuazione Riduzione dellampiezza del segnale mentre si propaga. terra per stabilire e mantenere una tensione di riferimento.

Base dei tempi I circuiti delloscilloscopio che regolano la temporiz- 2. Il punto di un circuito alla tensione di riferimento.
zazione della scansione. La base dei tempi si imposta con il comando Compensazione Operazione di regolazione eseguita su sonde passive
sec/div. (attenuatrici) per bilanciare la capacit della sonda rispetto a quella del-
Base dei tempi ritardata Base dei tempi la cui scansione pu avviarsi loscilloscopio.
(eventualmente comandata da un trigger) relativamente a un istante prede- Convertitore analogico-digitale (A/D) Dispositivo elettronico digitale
terminato della scansione della base dei tempi principale. Permette di che trasforma un segnale elettrico in valori discreti (binari).
visualizzare gli eventi pi chiaramente e di osservare eventi non visualizza- Corrente alternata Segnale la cui corrente e tensione variano con
bili impiegando la sola scansione della base dei tempi principale. andamento periodico nel tempo. Indica anche uno dei tipi (AC) di accop-
Bit effettivi Misura della capacit di un oscilloscopio digitale di ricostru- piamento del segnale.
ire con precisione landamento di un segnale a onda sinusoidale, risultante Corrente continua Segnale a corrente e/o tensione costanti. Indica
dal confronto tra lerrore effettivo delloscilloscopio e lerrore di un teorico anche uno dei tipi (DC) di accoppiamento del segnale.
digitalizzatore "ideale".
Cursore Un contrassegno sullo schermo, allineabile alle forme donda
Calcolo della media Tecnica di elaborazione impiegata dagli oscillo- per eseguire misure pi precise.
scopi digitali per eliminare il rumore dai segnali visualizzati.
Digitalizzazione Procedimento con il quale un convertitore analogico-
Campionamento Conversione di una parte del segnale dingresso del- digitale (A/D) inserito nel sistema di deflessione orizzontale campiona un
loscilloscopio in un numero di valori discreti a scopo di memorizzazione, segnale a istanti discreti e trasforma la tensione del segnale in corrispon-
elaborazione e/o visualizzazione. Esistono due tipi di campionamento: in denza di questi istanti in valori digitali detti campioni.
tempo reale e in tempo equivalente.
Divisione Contrassegni di misura sul reticolo del display delloscillosco-
Campionamento in tempo equivalente Modalit di campionamento pio.
con la quale loscilloscopio digitale crea una traccia di un segnale periodi-
Durata dellimpulso Il tempo durante il quale limpulso passa dal valore
co acquisendo una parte dellinformazione complessiva durante ciascuna
basso a quello alto e di nuovo a quello basso, convenzionalmente misurato
ripetizione. Esistono due tipi di tale campionamento: casuale e sequen-
in corrispondenza del 50% della tensione massima.
ziale.

56 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Evento singolo Segnale misurato da un oscilloscopio e che si presenta Inviluppo Profilo formato dai valori massimi e minimi di un segnale,
una sola volta; detto anche evento transitorio. acquisiti nel corso di numerose ripetizioni della forma donda visualizzata.
Fase Tempo intercorrente tra linizio di un ciclo e linizio del ciclo suc- Kilohertz (kHz) Multiplo dellhertz, lunit base di misura della frequen-
cessivo, misurato in gradi. za; equivale a 1.000 hertz.
Focalizzazione Comando dell'oscilloscopio che regola il fascio di elet- Larghezza di banda Gamma di frequenze, in genere limitata dai punti a
troni del tubo catodico (CRT) per il controllo della nitidezza della traccia -3 dB.
visualizzata. Livello di trigger Il livello di tensione che deve essere raggiunto dal
Forma donda Rappresentazione grafica di una tensione variabile nel segnale di comando del trigger prima che il circuito di trigger avvii una
tempo. scansione.
Frequenza Il numero di ripetizioni di un segnale in un secondo. Si Lunghezza di registrazione Il numero di punti della forma donda
misura in hertz (cicli al secondo) ed pari a 1/periodo. adoperato per creare una registrazione del segnale.
Frequenza di acquisizione della forma donda Indica la velocit con Megacampioni al secondo (MS/s) Unit di misura della frequenza di
la quale un oscilloscopio acquisisce le forme donda e si esprime in forme campionamento; equivale a 1 milione di campioni al secondo.
donda al secondo (wfms/s). Megahertz (MHz) Multiplo dellhertz, lunit base di misura della fre-
Frequenza di campionamento La frequenza alla quale un oscilloscopio quenza; equivale a 1 milione di hertz.
digitale acquisisce i campioni del segnale; si misura in campioni al secon- Microsecondo (s) Sottomultiplo del secondo, lunit base di misura del
do (S/s). tempo; equivale a un milionesimo di secondo.
Gigahertz (GHz) Multiplo dellhertz, lunit base di misura della frequen- Millisecondo (ms) Sottomultiplo del secondo, lunit base di misura del
za; equivale a 1 miliardo di hertz. tempo; equivale a un millesimo di secondo.
Glitch Errore intermittente ad alta frequenza in un circuito. Modalit Alternate Modalit di visualizzazione con la quale loscillosco-
Hertz (Hz) Unit di misura della frequenza, corrispondente a un ciclo al pio completa la traccia relativa a un canale prima di cominciare a tracciare
secondo. la forma donda relativa a un altro canale.
Holdoff del trigger Comando per la regolazione del tempo successivo a Modalit Chop Modalit di visualizzazione con la quale per ciascun
un trigger valido, durante il quale loscilloscopio non pu comandare il canale vengono tracciati in sequenza brevi tratti nel tempo in modo da
trigger. visualizzare simultaneamente pi di una forma donda.
Impulso Andamento comune di una forma donda che presenta un Modalit di acquisizione Modalit che regolano la creazione dei punti
fronte ascendente veloce, una durata e un fronte discendente veloce. della forma donda in base ai campioni. Alcuni tipi sono la modalit
Integrit del segnale La ricostruzione precisa di un segnale, determina- Sample (campionamento semplice), Peak Detect (rilevazione del picco), Hi
ta dai sistemi e dalle prestazioni di un oscilloscopio, oltre che dalla sonda Res (risoluzione elevata), Envelope (inviluppo) e Average (calcolo della
impiegata per acquisire il segnale stesso. media).

Intensit graduale Informazioni sulla frequenza con cui si presentano le Modalit di trigger Determina se loscilloscopio traccia o meno la
caratteristiche di una forma donda, essenziali per valutarne landamento forma donda se non rileva un trigger. Le modalit di trigger comuni sono
effettivo. Normal e Auto.

Interpolazione Tecnica di elaborazione consistente nellunire i punti tra Nanosecondo (ns) Sottomultiplo del secondo, lunit base di misura del
di loro per approssimare landamento di una forma donda ad alta fre- tempo; equivale a un miliardesimo di secondo.
quenza in base a solo alcuni campioni. Esistono due tipi di interpolazione:
lineare e sin(x)/x.

www.tektronix.com 57
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Onda Termine generico per indicare una sequenza periodica nel tempo. I Pendenza In un diagramma o sullo schermo delloscilloscopio, il rappor-
tipi pi comuni di onda sono: sinusoidale, quadra, rettangolare, a dente di to tra una distanza verticale e una orizzontale. Se la pendenza positiva,
sega, triangolare, gradino, impulso, periodica, non periodica, sincrona e la retta che la rappresenta inclinata da sinistra a destra; se negativa,
asincrona. la retta inclinata da destra a sinistra.
Onda quadra Unonda di andamento comune, composta da impulsi qua- Pendenza di trigger La pendenza che deve essere raggiunta dal se-
drati periodici. gnale di comando del trigger prima che il circuito di trigger avvii una scan-
Onda sinusoidale Unonda definita matematicamente con una curva sione.
che rappresenta la funzione trigonometrica seno. Periodo Tempo necessario affinch unonda completi un ciclo, uguale a
Oscilloscopio Strumento per la visualizzazione delle variazioni di ten- 1/frequenza.
sione dei segnali nel tempo. La parola deriva da oscillazione, in quanto Precisione del guadagno Indica la precisione con la quale il sistema di
gli oscilloscopi sono adoperati spesso per misurare tensioni oscillanti. deflessione verticale attenua o amplifica il segnale; in genere rappresen-
Oscilloscopio ai fosfori digitali (DPO) Tipo di oscilloscopio digitale con tata sotto forma di errore percentuale.
caratteristiche di visualizzazione molto simili a quelle di un oscilloscopio Precisione orizzontale (base dei tempi) Indica la precisione con la
analogico e che al tempo stesso offre i vantaggi del tradizionale oscillo- quale il sistema di deflessione orizzontale visualizza la temporizzazione del
scopio digitale (memorizzazione della forma donda, misure automatiche, segnale; in genere rappresentata sotto forma di errore percentuale.
ecc.). Il DPO impiega unarchitettura di elaborazione parallela per fare Presa di messa a terra Conduttore che stabilisce un percorso per la
propagare il segnale fino al display raster, che visualizza con gradazioni corrente verso terra.
dintensit le caratteristiche del segnale in tempo reale. Il DPO visualizza i
Punto della forma donda Valore digitale memorizzato che rappresenta
segnali in tre dimensioni: ampiezza, tempo e distribuzione dellampiezza
la tensione di un segnale in corrispondenza di un punto specifico nel
nel tempo.
tempo. I punti della forma donda vengono calcolati in base ai campioni e
Oscilloscopio a memoria digitale (DSO) Tipo di oscilloscopio digitale memorizzati.
che acquisisce i segnali con un campionamento digitale (adoperando un
Rampe Transizioni a velocit costante tra i livelli di tensione di unonda
convertitore analogico-digitale). Impiega unarchitettura di elaborazione
sinusoidale.
seriale per regolare lacquisizione, linterfaccia utente e il display raster.
Raster Tipo di display.
Oscilloscopio analogico Strumento che visualizza forme donda appli-
cando il segnale dingresso (condizionato e amplificato) lungo lasse verti- Reticolo Linsieme delle linee sullo schermo impiegate per eseguire
cale di un fascio di elettroni che si sposta sullo schermo di un tubo a raggi misure sulla traccia visualizzata.
catodici (CRT) da sinistra a destra. Uno strato di fosfori chimici sul CRT Rilevazione del picco (Peak Detect) Modalit di acquisizione disponi-
crea una traccia luminosa nei punti colpiti dal fascio. bile negli oscilloscopi digitali per losservazione di dettagli del segnale che
Oscilloscopio campionatore Tipo di oscilloscopio digitale che impiega altrimenti non sarebbero visualizzati; particolarmente utile per visualiz-
il metodo di campionamento in tempo equivalente per acquisire e visualiz- zare impulsi di breve durata separati da un lungo periodo di tempo.
zare campioni del segnale, ideale per acquisire con precisione i segnali le Risposta in frequenza Diagramma di Bode della risposta di un amplifi-
cui componenti sono a frequenza molto pi alta della frequenza di campio- catore o di un attenuatore a segnali sinusoidali, con ampiezza costante e
namento delloscilloscopio. frequenza diversa, entro una data gamma di frequenze.
Oscilloscopio digitale Tipo di oscilloscopio che impiega un convertitore Risoluzione verticale (convertitore analogico-digitale) Indicazione
analogico-digitale (A/D) per trasformare la tensione misurata in dati digi- della precisione con la quale il convertitore analogico-digitale (A/D) di un
tali. Ne esistono tre tipi: a memoria digitale, ai fosfori digitali e campiona- oscilloscopio digitale pu trasformare la tensione dingresso in valori digi-
tore. tali, misurati in bit. Apposite tecniche di calcolo, quali la modalit di acqui-
sizione Hi Res, possono migliorare la risoluzione effettiva.

58 www.tektronix.com
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Rumore Tensione o corrente indesiderata in un circuito. Trasduttore Dispositivo che converte in un segnale elettrico una
Scansione Passata orizzontale del fascio di elettroni di un oscilloscopio grandezza fisica come il suono, la pressione, lo sforzo o lintensit lumi-
da sinistra a destra sullo schermo. nosa.

Scansione orizzontale Lazione del sistema di deflessione orizzontale Transitorio Segnale misurato da un oscilloscopio e che si presenta una
che permette alloscilloscopio di tracciare le forme donda. sola volta; detto anche evento singolo.

Scansione singola Modalit di trigger con la quale di visualizza la trac- Treno di impulsi Serie di impulsi che si propagano insieme.
cia del segnale comandando il trigger una sola volta. Trigger Il circuito di sincronizzazione della scansione orizzontale di un
Schermo Superficie del display sulla quale si visualizza la traccia del oscilloscopio.
segnale. Tubo a raggi catodici (CRT) Dispositivo in cui si genera un fascio di
Segnale analogico Segnale la cui tensione varia con continuit. elettroni focalizzabile su uno schermo luminescente e la cui posizione e
intensit vengono variate per produrre una traccia visibile. Quello di un
Segnale digitale Segnale i cui campioni di tensione sono rappresentati
televisore un particolare tubo a raggi catodici.
da valori discreti (binari).
Velocit di scansione Vedi Base dei tempi.
Sensibilit verticale Indicazione dellaumento di ampiezza di un se-
gnale debole ottenibile con lamplificatore verticale; in genere si misura in Velocit di scrittura La capacit di un oscilloscopio analogico di creare
millivolt (mV) a divisione. una traccia visibile del segnale sullo schermo. Pu essere inadeguata nel
caso di segnali periodici con dettagli veloci, quali i segnali logici dei cir-
Sfasamento Differenza di temporizzazione tra due segnali altrimenti
cuiti digitali.
simili.
Visualizzazione di pretrigger Funzione di un oscilloscopio digitale per
Sonda Dispositivo dingresso delloscilloscopio, dotato in genere di un
lacquisizione di un segnale prima di un evento di trigger. Determina la
puntale metallico per realizzare la connessione con gli elementi del cir-
lunghezza del segnale osservabile prima e dopo il punto di trigger.
cuito, di un cavo di collegamento alla presa di messa a terra del circuito e
di un cavo flessibile per la trasmissione del segnale e del riferimento di Volt Lunit di misura della differenza di potenziale elettrico.
terra alloscilloscopio.
Sorgente del segnale Dispositivo di test adoperato per applicare un
segnale allingresso di un circuito; l'uscita viene poi rilevata da un oscillo-
scopio. Si usa anche il termine generatore del segnale.
Tempo di salita Il tempo necessario perch il fronte iniziale di un impul-
so passi dal livello basso a quello alto, in genere misurati in corrisponden-
za del 10% e del 90% del livello massimo.
Tensione Differenza di potenziale elettrico tra due punti; si misura in
volt.
Tensione di picco (Vp) La tensione massima misurata rispetto a un
punto di riferimento a 0 volt.
Tensione picco-picco (Vp-p) Tensione misurata tra i valori massimo e
minimo di un segnale.
Traccia Landamento di un segnale rappresentato sullo schermo di un
tubo a raggi catodici (CRT) da un fascio di elettroni in movimento.

www.tektronix.com 59
Introduzione agli oscilloscopi
Guida

Annotazioni

60 www.tektronix.com
Altre guide disponibili presso Tektronix Per contattare Tektronix:
ASEAN/Australasia/Pakistan (65) 6356-3900
Panoramica sulla tecnologia e sulle applicazioni dei generatori di segnale
Austria +43 2236 8092 262

L'ABC delle sonde Belgio +32 (2) 715 89 70


Brasile e America del Sud 55 (11) 3741-8360
Introduzione allanalisi degli stati logici: guida al debug hardware Canada 1 (800) 661-5625
Danimarca +45 44 850 700
XYZ dei logic analyzer
Europa Centrale e Grecia +43 2236 8092 301
Protocolli UMTS e test sui protocolli Federazione Russa, CSI e Paesi Baltici +358 (9) 4783 400
Finlandia +358 (9) 4783 400
Test sul protocollo GPRS per i dispositivi wireless
Francia e Africa del Nord +33 (0) 1 69 86 80 34

Ricerca guasti sui trasmettitori cdmaOne sul campo Germania +49 (221) 94 77 400
Giappone 81 (3) 6714-3010
Test di interferenza Hong Kong (852) 2585-6688
India (91) 80-22275577
Standard di telecomunicazioni SDH
Italia +39 (02) 25086 1

Standard di telecomunicazioni SONET Messico, America Centrale e Caraibi 52 (55) 56666-333


Norvegia +47 22 07 07 00
Prestazioni dei dispositivi DWDM e prove di conformit Paesi Bassi +31 (0) 23 569 5555
Polonia +48 (0) 22 521 53 40
Guida alle misure della qualit delle immagini
Regno Unito e Irlanda +44 (0) 1344 392400
Guida alla tecnologia base MPEG Repubblica di Corea 82 (2) 528-5299
Repubblica Popolare Cinese 86 (10) 6235 1230
Guida alle misure video digitali standard e ad alta definizione
Spagna +34 (91) 372 6055

Tracciabilit del servizio clienti Stati Uniti 1 (800) 426-2200


Stati Uniti (Vendite allestero) 1 (503) 627-1916
Sudafrica +27 11 254 8360
Svezia +46 8 477 6503/4
Taiwan 886 (2) 2722-9622

www.tektronix.com Per altre aree rivolgersi a Tektronix, Inc.: 1 (503) 627-7111

Updated March 01, 2004

Oscilloscopi
Logic analyzer
Generatori di segnale
Strumenti di test per comunicazioni
Strumenti di test per impianti televisivi
Sonde
Accessori
Altri strumenti di test e misura

Copyright 2001, Tektronix, Inc. Tutti i diritti sono riservate.


I prodotti Tektronix sono protetti da brevetti statunitensi e
internazionali, emessi e in corso di registrazione. Le infor-
mazioni qui contenute sostituiscono quelle precedentemente
pubblicate. I dati tecnici e i prezzi sono soggetti a modifiche
senza preavviso. TEKTRONIX e TEK sono marchi registrati di
Tektronix, Inc. Tutti gli altri nomi commerciali sono marchi di-
dentificazione di servizi, marchi di fabbrica o marchi registrati
che appartengono alle rispettive aziende.
05/01 HB/WWW 03I-8605-2