Anda di halaman 1dari 2

Ecopass. La Moratti dice: allavanguardia, oramai indispensabile per la citt.

I
Milanesi: siamo in trappola.
Polemiche suscita il provvedimento antinquinamento del sindaco Moratti nella citt di
Milano. Telecamere daccesso al centro storico in azione 24 ore su 24. I milanesi si adeguano
ma si sentono braccati dal Grande Fratello.

Milano come Londra. Questa lalternativa del sindaco della citt Letizia Moratti alle
continue e inutili proposte, mozioni e provvedimenti per contrastare il pesante inquinamento che
grava nei cieli della Metropoli.
La nuova donna di ferro nostranaLetizia Moratti, come ribattezzata da alcuni membri della
giunta, ha deciso di usare la linea dura in barba allindecisione generale di chiudere tutte le vie del
centro della citt.
Orari tuttosommato onesti, dalle 7:30 del mattino alle 19:30 di sera per cinque giorni su
sette, in cui le telecamere a infrarossi di nuova concezione montate mesi prima riprendono senza
piet tutti coloro che si trovano a transitare oltre la linea di confine della cerchia dei Bastioni.
La totale utilit della cosa assai poco benvista dai milanesi, soprattutto da chi in centro vi
si trova per lavoro, o possiede unattivit commerciale allinterno della cerchia. Le associazioni di
commercianti sono infatti sul piede di guerra: chi lavora pi se le vie daccesso principali sono
vietate o comunque gravano di prezzi elevati di ingresso pi quello per il parcheggio? Cos facendo
si disincentiva il transito di potenziali clienti nelle vie pi trafficate, mandando in barba leconomia
di una metropoli in perenne fase di crescita.
Il sindaco Moratti tuona: provvedimento indispensabile a Milano. Se ha funzionato a Londra dove
per accedere al centro storico ci vogliono ben otto sterline, perch non dovremmo farcela anche noi
a meno?
Ma il provvedimento funziona? Ci chiediamo tutti. Certo che si risponde la Moratti: Da quando
sono in funzione le telecamere abbiamo riscontrato il 35 percento circa in meno di inquinamento
nelle zone del centro storico.
Insomma, un provvedimento che dovrebbe agevolare tutti noi in salute, ma de facto danneggia
portafoglio e praticit daccesso in centro.
Innanzitutto alcune categorie di automobilisti si lamentano del fatto che le loro auto EURO 4 non
sono affatto esonerate dal pagamento del ticket in quanto non sono munite del FAP, l famigerato
filtro antiparticolarizzato che in teoria dovrebbe trattenere le polveri sottili.
Sono auto nuove, nemmeno hanno due anni, e nelle giornate di blocco stradale potevano circolare
liberamente, ora che facciamo, le dobbiamo cambiare? tuona il responsabile di uno dei tanti
comitati di consumatori della strade. E poi videocamere dappertutto, non c pi privacy per
nessuno. Volendo saremmo tutti controllati da qualcuno molto in alto, violando la cosiddetta e tanto
tormentata legge sulla stessa.
Ma la domanda che effettivamente si pone ora la gran parte dei milanesi la seguente: Ma che
senso ha combattere linquinamento confinando tutti al di fuori di una cerchia per cos dire protetta,
se con pochi Euro si autorizzati ad accedere al suo interno?
Quesito effettivamente privo di una risposta chiara e definitiva da parte sia della giunta e sia da
parte del sindaco Moratti.
Ma per le domande accodate prive ancora di quesiti il sindaco ne promotore; come fa
effettivamente a fornire risposta al quesito che autopone un provvedimento di solo un mese det,
quando non ancora stata appurata la situazione della scuola secondo la riforma omonima, riguardo
alle scuole serali e allincerta sorte degli istituti tecnici?
The show must go on.