Anda di halaman 1dari 2

Concerti di Autunno, recital del chitarrista

Flavio Nati Mercoledì 16 novembre 2016 –


Chiesa Luterana – via Carlo Poerio, Napoli.

17 giovedì Nov 2016

Posted by Massimiliano Cerrito in Senza categoria

≈ Lascia un commento

Ieri sera mercoledì 16 novembre 2016 alle ore 20:30 per i Concerti di Autunno nella Chiesa
Luterana di via Carlo Poerio, si è svolto il recital del chitarrista Flavio Nati. Giovane concertista
attivo in Italia e all’estero, già vincitore di diversi concorsi, il chitarrista Flavio Nati si è esibito
nella brillante rassegna dei Concerti di Autunno riscuotendo grande successo di pubblico. Il Nati si
è cimentato in un impegnativo recital con i seguenti brani in programma: l’astratta poesia di Johann
Sebastian Bach con il “Preludio, Fuga e Allegro BWV 998”,Konstantin Vassiliev in Berg Rapsodie,
e ancora ha proseguito con un motivo popolare napoletano ripreso in “Air Varié n. 1 op . 21” dal
virtuoso romantico Giulio Regondi e terminato nei colori spagnoli della “Sonata para guitarra” del
castigliano Antonio Josè. Un bellissimo concerto, il ventiseienne chitarrista, di scuola romana, ha
dimostrato grandi capacità, supportate da uno spiccato talento e da ottime doti virtuosistiche,
evidentissime nel brano di Josè, uno dei capolavori della letteratura per chitarra. Molto interessante
e profondo il bis proposto, dopo tantissimi applausi ricevuti , di Johann Kaspar Mertz una
romanza dai “Bardenklange”, letteralmente i suoni dei Bardi. L’utilizzo di uno strumento canadese
è un altra caratteristica del Nati che ha individuato un prodotto molto particolare, che riesce a
trasferire timbriche e suoni molto morbidi e precisi. Si nota infatti la grande elasticità di questo
strumento che utilizzato dal Nati riesce a produrre dei suoni molto avvolgenti, dove ad esempio,
attraverso l’esecuzione degli armonici questi riescono a rivelarsi in tutta la loro gamma e bellezza.
La cura e la ricerca del particolare fanno di questo giovane talento un artista di grande spessore.
Complimenti e in bocca al lupo per la carriera. Ad maiora!