Anda di halaman 1dari 2

Risvegliare la Consapevolezza

CAPITOLO 8

Questa tecnica semplice, anche se molto potente, è un pranayam facile da fare, ma che vi può accompagnare attraverso tutti gli stadi della vostra pratica di yoga.

Come fare il Respiro a Narici Alternate:

Risvegliare la Consapevolezza CAPITOLO 8 Questa tecnica semplice, anche se molto potente, è un pranayam facile

In questo pranayam, il respiro è sempre rilassato, profondo e pieno. Tenete la mano sinistra in Gyan Mudra. Usate il pollice della mano destra per chiudere la narice destra e l’indice o l’a- nulare della mano destra per chiudere la narice sinistra. A volte è chiamata “Respiro a U” a causa di questo mudra. Chiudete la narice destra e inspirate dolcemente e completamente attraverso la narice sinistra. Poi chiudete la narice sinistra ed espirate attraverso la narice destra. Poi inspirate attraverso la narice destra. Chiudete la narice destra ed espirate attraverso la narice sinistra. Continuate a ripetere, alternando le narici dopo ogni inspirazione.

Favorisce il funzionamento di tutto il cervello equilibrando gli emisferi destro e sinistro. Integra e radica. Purifica le nadi ida e pingala, dolcemente. Crea un senso profondo di benessere e armonia a livello fisico, mentale ed emotivo. Può aiutare ad alleviare il mal di testa, le emicranie e altri sintomi legati allo stress.

Inspirate con la sinistra, espirate con la destra. Aiuta a farvi calmare e integra

emozioni negative indesiderate e stress. È eccellente prima di dormire.

Inspirate con la destra, espirate con la sinistra. Dona chiarezza e umore

positivo. Ci aiuta a concentrarci su ciò che è importante.

nadi. Una tecnica classica e potente che utilizza Nadi Sodhana così come “la Respira- zione a U” e le Proporzioni nel Respiro/Ritmi del Respiro.

(Si veda il capitolo “Sequenze & Meditazioni”).

Quando respiriamo a diversi ritmi, cambiamo la quantità di tempo che usiamo per inspirare, sospendere ed espirare. In generale, respiriamo a un ritmo di respiro uguale, sia nell’inspirazione che nell’espirazione.

Usare con consapevolezza diversi ritmi di respiro può apportare vari effetti.

Enfatizzando l’inspirazione, la parte simpatica del sistema nervoso automati- camente incrementa il ritmo del cuore e la pressione sanguigna, aumenta l’atten- zione e ci stimola. Enfatizzando l’espirazione, il sistema nervoso parasimpatico rallenta i battiti cardiaci e rilassa la circolazione, i nervi e il sistema digestivo. Ci rilassa e promuove l’eliminazione, sia fisica che emotiva. Potete usare dei mantra per misurare i ritmi. Per esempio:

1:4:2 (Inspirate 1, sospendete 4, espirate 2). È usato nel pranayam per la Purificazione delle Nadi. È fortemente purificatore e catartico.

Attr averso il semplice meccanismo di aper- tura o chiusura di una delle narici, lo yogi ha un’ampia gamma di tecniche per control- lare umori ed energie. La qualità del Prana processato attraverso le due narici differisce in corrispondenza alle qualità associate ai due lati del cervello. I nervi provenienti dai due emisferi del cervello si incrociano al li- vello delle sopracciglia. L’emisfero sinistro è connesso al lato destro del corpo e alla na- rice destra; l’emisfero destro al lato sinistro del corpo e alla narice sinistra. Respiriamo prevalentemente più da una narice che dall’altra. La narice dominante cambia ritmicamente ogni 90-150 secondi. La lunghezza del ciclo riflette i ritmi univer- sali, il carattere individuale, lo stato men- tale personale e l’equilibrio fisico. Il ritmo stesso è mediato soprattutto attraverso le strutture dell’ipotalamo e dell’ipofisi, nono- stante anche altre aree del cervello siano coinvolte. Potete usare la tecnica dell’inspirazione e dell’espirazione esclusivamente attraverso la narice sinistra o destra per beneficiare delle qualità associate a quella narice. Per esempio, respirate esclusivamente attraver- so la narice sinistra per gestire abitudini di fame compulsiva.

Il respiro con la narice sinistra è associato a:

Ida, la nadi che finisce nella narice sinistra Apana, l’energia purificatrice L’energia della Luna, rinfrescante, ricettiva Calma Empatia

Sensibilità

Sintesi

Il respiro con la narice destra è associato a:

Pingala, la nadi che termina nella narice destra Prana, l’energia di nutrimento L’energia del Sole, che riscalda, che proietta Vigore Concentrazione Attenzione Prontezza all’azione Potere della volontà.

96 MANUALE INTERNAZIONALE KRI PER IL CORSO INSEGNANTI DI PRIMO LIVELLO

COPYRIGHT YOGI BHAJAN 2003

CAPITOLO 8

Risvegliare la Consapevolezza

CAPITOLO 8 Risvegliare la Consapevolezza Il Respiro del Cannone purifica e rafforza i nervi parasimpatici e

Il Respiro del Cannone purifica e rafforza i nervi parasimpatici e regola la digestione. Il Respiro del Cannone è un Respiro di Fuoco fatto con la bocca. Spesso Yogi Bhajan richie- derà una potente espirazione con il Respiro del Cannone per terminare un esercizio. La bocca forma una “O” definita. (La bocca non dovrebbe essere troppo corrugata, e le labbra non molli). La pressione del respiro è nelle guance e sulla lingua, anche se le guance non dovrebbero gonfiarsi.

R

Con il respiro segmentato, dividiamo l’inspirazione e l’espira- zione in varie parti uguali, con una leggera sospensione del re- spiro che separa ogni parte e con un punto di inizio e fine ben distinti per ogni segmento. Questo stimola il cervello centrale e il sistema ghiandolare in vari modi. Invece di inspirare in un solo dolce movimento, spezziamo il respiro in piccoli “sbuffi” segmentati. Cercate di non crollare e di non stringere le narici in inspirazione nello sbuffare o di spingere il respiro nei polmoni troppo profondamente. L’obiet- tivo è che il respiro colpisca un’area rilassata, anche se attenta, del passaggio nasale per stimolare una serie particolare di nervi. Tenete le narici rilassate e dirigete l’attenzione alla sensazione del respiro oltre che ai passaggi dell’aria e al movimento del diaframma.

4 parti dentro: 1 parte fuori cura, energizza, eleva 4 parti dentro: 4 parti fuori chiarezza, attenzione, ghiandole stimolate 8 parti dentro: 8 parti fuori calma, concentra 8 parti dentro: 4 parti fuori focalizza, energizza 4 parti dentro: 8 parti fuori calma, sblocca, lascia andare

I ritmi usati nel Kundalini Yoga sono chiaramente definiti e creano stati mentali e di energia stabili, prevedibili e definitivi. È meglio non sperimentare poiché non tutti i ritmi sono equi- librati o sostenibili. Meglio non esagerare. Quindi un 25:1 o un fortunato 7:11 non saranno utili!

CAPITOLO 8 Risvegliare la Consapevolezza Il Respiro del Cannone purifica e rafforza i nervi parasimpatici e

Il Respiro del Leone è un respiro potente nel torace superiore e nella gola. Purifica dalle tossine e va bene per il chakra della gola e per la tiroide. Allungate la lingua per toccare il mento. Respirate in maniera potente, spingendo il respiro oltre la radice della lingua, senza alcun suono stridulo.

Il Respiro Sibilante cambia la circolazione. I nervi della lingua attivano le ghiandole più alte come la tiroide e le paratiroidi e aumentano la capacità dei polmoni.

Stringete la bocca. Concentratevi sul Punto del Terzo Occhio. Inspirate, facendo un sibilo ad alta tonalità. Espirate attraverso il naso.

Variante:

CAPITOLO 8 Risvegliare la Consapevolezza Il Respiro del Cannone purifica e rafforza i nervi parasimpatici e

Inspirate attraverso il naso ed espirate con un sibilo attraver- so le labbra. Ascoltate il suono alto mentre respirate.

Il Sitali Pranayam è conosciuto per avere un effetto fortemente rinfrescante e rilassante sul corpo, mentre mantiene l’attenzio- ne. È conosciuto per abbassare la febbre e aiutare la digestione.

CAPITOLO 8 Risvegliare la Consapevolezza Il Respiro del Cannone purifica e rafforza i nervi parasimpatici e

Arrotolate la lingua nella forma a “U”. Inspirate attraverso la lingua arrotolata. Espirate attraverso il naso.

Questo respiro è spesso usato con il Respiro di Fuoco e con i Respiri Segmentati in alcuni kriya. Potrete notare un sapore amaro sulla lingua all’inizio. È un segno di disintossicazione e passerà.

Variante:

Inspirate ed espirate attraverso la lingua arrotolata.

Il respiro Sitkari è usato per la purificazione e il miglioramento della funzione ghiandolare. È fatta con l’inspirazione attraverso i denti e l’espirazione attraverso il naso.

CAPITOLO 8 Risvegliare la Consapevolezza Il Respiro del Cannone purifica e rafforza i nervi parasimpatici e

Con il respiro Vatskar sorseggiamo l’aria. Non prendiamo l’aria giù fino allo stomaco. La portiamo solo fino ai polmoni. Esempio: Sorseggiate l’aria, inspirate 8 o più volte, poi espirate lentamente con il naso.

Per uno studio più profondo sul respiro leggete “Breathwalk: Breathing Your Way to a Revitalized Body, Mind, and Spirit” di Yogi Bhajan, Ph.D., e Gurucharan Singh Khalsa, Ph.D., Broaway Books, New York, 2000.

COPYRIGHT YOGI BHAJAN 2003

MANUALE INTERNAZIONALE KRI PER IL CORSO INSEGNANTI DI PRIMO LIVELLO 97