Anda di halaman 1dari 12

Fu Lan – le Cronache delle Gocce di Giada

di
Emanuele Nicolosi

i Guerrieri Fu Lai o Stirpe di Fu Lai, sono un antica stirpe di esseri umani, una stirpe umana, ma
una stirpe magica-mistica, dotata di poteri magici e divini, che dentro di loro, hanno un “Dono
divino”, un “Segno divino”, il pezzo del anima di un dio, segnati e marchiati con la “Goccia di
Giada”, che l'Imperatore di Giada, il signore e imperatore di tutti gli dei del Penglai, ovvero,
“l'Olimpo” cinese, donò a due bambini, uno maschio e l'altro femmina, che nacquero durante
l'antica Cina, l'imperatore di Giada, aveva scelto quei due bambini e creato una nuova stirpe, per
impedire che le forze delle tenebre e del oscurità del Diyu, ovvero, le orde degli Yaoji, potessero
emergere dal Diyu, per distruggere e devastare il mondo, lo scopo delle “Goccie di Giada” era
anche quello di proteggere e preservare la pace e l'armonia tra la Razza umana e gli Dei...

le Goccie di Giada, vennero create dal Imperatore di tutti gli dei, ovvero, l'Imperatore di Giada,
perchè fossero dei “Tramiti” tra gli dei e la razza umana, perchè fossero dei “Messaggeri” ed
“Emissari” tra il Mondo Mortale e il Mondo divino, tra il mondo degli Umani e il mondo degli Dei,
ovvero, il Kunlun...

il Kunlun e un altra dimensione, un altro universo, dove vivono e risiedono gli dei, una dimensione
dove gli dei del pantheon mitologico cinese, trovarono riparo e rifugio dopo la “Caduta degli Dei”,
ovvero, un evento devastante che avvenne agli albori del tempo e dello spazio, agli albori della
storia, quando avvenne una guerra tra gli Dei del Kunlun e il “Signore dei Demoni” o “Re dei
Demoni”, ovvero, “L'Imperatore Yaoji”, signore delle orde degli Yaoji, i Demoni del folklore
cinese, che tentarono di invadere e conquistare il mondo intero e di spazzare via gli Dei del Kunlun,
nel tentativo di imporre il dominio degli Yaoji su tutto il mondo...

quella guerra, che fu vinta dagli dei, aveva però, alterato e stravolto l'equilibrio e l'armonia tra gli
dei e la razza umana, causando una “Spaccatura”, una “Rottura”, uno “Scisma”, tra la razza umana
e gli dei, una divisione tra il Cielo e la terra, che prima della “Guerra degli Yaoji” erano coesi e
uniti, erano una sola e unica cosa, ma che dopo quella guerra, diventarono due cose separate e
distinte, due mondi separati e a sé stanti...

fu da allora, che gli Dei lasciarono e abbandonarono la terra, trasferendosi di massa nel “Kunlun”,
nel “Mondo degli Dei”, ma lasciando nella Terra, nel “mondo dei Mortali”, le Goccie di Giada, che
divennero la “Stirpe di Fu Lai”...

dalle goccie di Giada, nacque una nuova stirpe umana, una stirpe di umani, dotata di poteri magici e
sovrannaturali, poiché, quando l'Imperatore di Giada, donò le Goccie di giada a quei due bambini,
donò quei due bambini di poteri semi-divini, di poteri magici e sovrannaturali sconfinati e
illimitati...

da quei due bambini, nacque una nuova generazione, una nuova stirpe, poiché quei due bambini,
divennero grandi e cresciuti, si sposarono, perpetuando la “Goccia di Giada”, di generazione e in
generazione, con Stirpi e generazioni, che con la propria linea di Sangue, si perpetuavano la
“Goccia di Giada”...

la stirpe delle Goccie di Giada, divenne così, la Stirpe di Fu Lai, una stirpe di umani, dotati di
poteri magici e sovrannaturali, di poteri semi-divini...

i primi membri della stirpe di Fu Lai, si diffusero nella Cina settentrionale, attorno al 2000 AC,
durante la Dinastia Shang e la Dinastia Zhou, ai primordi e origini della storia dinastica e
imperiale cinese, per poi espandersi e diffondersi al resto della Cina e del territorio cinese, spesso
vivendo nascosti, confusi e mescolati nella comune popolazione cinese,nascondendo il loro potere
mistico e sovrannaturale...

la Stirpe di Fu Lai, per secoli e secoli, rimase diffusa solamente in Cina, nel territorio cinese, ma dal
XIX°Secolo, molti membri della Stirpe di Fu Lai, iniziarono a spargersi e diffondersi nel mondo,
uscendo dal territorio cinese e popolando altre zone e territori del mondo, questo avvenne durante le
grandi migrazioni di massa dei Cinesi Han durante il XIX°Secolo, quando avvenne un
immigrazione di massa dei cinesi Han, verso il resto del mondo, grande migrazione che continuò
nella prima metà del XX°secolo...

la Stirpe di Fu Lai, condusse grandi migrazioni al estero, confondendosi e mescolandosi ai comuni


Cinesi Han, andando a vivere in paesi esteri e stranieri, andando a vivere e stabilirsi nelle
“Chinatown” e nei quartieri etnici e urbani cinesi locali...

durante il XIX° secolo e il XX°secolo, i membri della stirpe di Fu Lai, assieme ai membri della
diaspora cinese nel mondo e al immigrazione di massa dei cinesi Han nel mondo, si stabilirono in
Australia, Nuova Zelanda, Canada, Sudafrica, Inghilterra, Stati uniti d'America, Francia, Perù,
Messico, Corea del Sud, Indonesia, India, Giappone, Brasile, Cuba e Giamaica
in questi stati e paesi, le nazioni con le più grandi comunità immigrate di cinesi Han al mondo e le
più grandi “Chinatown” al mondo, si trovavano anche le più grandi e numerose comunità di membri
della Stirpe di Fu Lai o di umani con le “Gocce di Giada”, più grandi al mondo...

la Stirpe di Fu Lai, si ritrovo a dover vivere nascosta, a vivere perseguitata ed emarginata, a dover
nascondere i loro poteri e le loro capacità sovrannaturali alla loro razza umana, dovendo vivere
nascosti nelle ombre, ritrovandosi sbandati e a vivere come in un lungo calvario, dovendo subire il
Razzismo verso i cinesi, ma anche l'ostilità e diffidenza al interno stesso della comunità cinese...

con la stirpe di Fu Lai, impegnava a combattere e respingere sia gli Yaoji, che i Dragoni Rinnegati e
i loro soldati e guerrieri e forze sovrannaturali ostili di ogni specie, genere e tipo...

Giuseppe Tucci, celebre orientalista italiano, condusse tra il 1920 e il 1930, numerose spedizioni di
ricerca archeologiche e Antropologiche in Asia e negli stati Asiatici, finanziate dal governo Italiano
e da università e istituti accademici italiani, conducendo numerose spedizioni in Iran, India, Cina,
Mongolia, Tibet, Sud Est Asiatico e Asia Centrale, allo scopo di trovare e recuperare artefatti
Magici e sovrannaturali o mistici di origine e provenienza asiatica e per studiare le conoscenze
magiche, arcane ed esoteriche dei popoli asiatici, per trafugarle e portarle in Italia, per sfruttarle e
utilizzarle a favore e vantaggio del Regno d'Italia...

Giuseppe Tucci, durante una spedizione in Cina nel 1931, venne a sapere del esistenza della “Stirpe
di Fu Lan” e delle “Gocce di Giada”, tutte cose che interessavano molto a Giuseppe Tucci...
Giuseppe Tucci, condusse numerosi studi e ricerche sulla “Stirpe di Fu Lan” e sulle “Gocce di
Giada”...

Giuseppe Tucci, durante quelle spedizioni, condusse studi e ricerche sulle Fenici, sui Garuda e sui
Dragoni Cinesi o “Long”...
ben presto, Giuseppe Tucci, finanziato da istituti di ricerca Italiani, condusse spedizioni di ricerca in
Cina tra il 1931 e il 1937, conducendo spedizioni nelle zone interne e continentali della Cina,
scoprendo e raggiungendo villaggi e zone rurali remote e sperdute, spesso vallate montuose semi-
isolate dal mondo esterno, oppure, in villaggi sperduti nelle colline o nei deserti o foreste o giungle
o altopiani della Cina, scoprendo che in quei villaggi, semi-isolati e lontani dalla civiltà, vivevano
lontani e distanti dalla società e dagli altri esseri umani, intere popolazioni e comunità di membri
della Stirpe di Fu Lai e di persone che disponevano della “Goccia di Giada”, che spesso vivevano,
facendo pratica con la “Coltivazione corporea”, con tecniche simili al Tai Chi o al Qi Gong o alle
arti marziali cinesi...

Giuseppe Tucci, cercò di raccogliere ogni tipo di informazione e documentazione possibile sui
membri della “Stirpe di Fu Lai” e sulle “Gocce di Giada”...

ma Giuseppe Tucci, dovette interrompere tutte le sue spedizioni dal 1937, da dopo l'inizio della
“Seconda Guerra Sino-Giapponese” (1937-1945) e dopo l'invasione della Cina da parte del Impero
del Giappone, che rese la Cina una zona di guerra, un campo di battaglia, una zona troppo
pericolosa, per condurre altre spedizioni, con l'ultima spedizione di Tucci, che avvenne in Cina, nei
primi mesi del 1937, prima del “Incidente del ponte di Marco Polo”, che diede il via al invasione
Giapponese della Cina...

la famiglia da cui nacquero Chen Li e Mei Rong e discendente di un gruppo di Cinesi, che dalla
Regione dello Zhejiang, una regione della Cina, si trasferirono ed emigrarono in Italia, a Roma,
stabilendosi nel quartiere del Esquilino, nel 1975, negli anni '70 del XX°secolo...

Nel quartiere Esquilino di Roma, si trova la “Chinatown” di Roma, ovvero, la comunità cinese di
Roma

nel quartiere del Esquilino, vivono Chen Li e Mei Rong, assieme ai loro genitori e alla loro
famiglia...

Chen Li e Mei Rong, scoprono di essere dei membri della Stirpe di Fu Lai

Chen Li e un Italo-Cinese, un Sino-Italiano di 16 anni...

Chen Li, vive assieme alla sua sorella Mei Rong, a Roma, nel quartiere del Esquilino, che è la
“Chinatown” di Roma...

Mei Rong, la sorella di Chen li e una primogenita, ed è nata prima di Chen Li


mentre Chen Li e un secondogenito, nato dopo Mei Rong...

In tutta Roma, in tutta la “Chinatown” del Esquilino, ci sono solamente due membri della Stirpe di
Fu Lan, due soli ragazzi a disporre della “Goccia di Giada” dentro il proprio corpo e anima, ovvero,
Chen Li e Mei Rong, che entrambe due, sono gli unici due membri della “Stirpe di Fu Lai” e gli
unici ad avere la “Goccia di Giada” in tutta Roma e in tutta l'Italia...

Chen Li, da bambino e da ragazzino, subì discriminazioni razziali e fu vittima di Razzismo,


venendo emarginato e discriminato a scuola, per la sua origine etnica e razziale, per essere un
Cinese, anche Mei Rong, sua sorella, subì forme di discriminazione razziale, con i genitori di Chen
Li e Mei Rong, che dovettero impegnarsi molto, per integrarsi nella società italiana, anche per via
del ostilità e diffidenza, da parte degli stessi Italiani...

Chen Li, si ritrovò a dover soffrire e patire molto per questo, per le discriminazioni che dovette
subire, subendo un forte senso di emarginazione e rifiuto da parte dei suoi coetanei italiani...

Chen Li, si sentiva demonizzato e ostracizzato, solo per la sua origine e provenienza, solo per la sua
razza e i suoi tratti somatici, subendo anche casi di bullismo, ritrovandosi più volte, vittima di
bullismo, da parte dei suoi coetanei italiani, quando Chen Li non aveva ancora scoperto i suoi poteri
e capacità sovrannaturali...

per Chen Li, la situazione migliorò, ma solamente a partire dal Liceo, quando Chen Li fece amicizia
con Sniwa Rabek, una ragazza di origini Polacche e Giuliano, un ragazzo Italiano, che divennero i
migliori amici di Chen Li...

Mei Rong e una studente universitaria, che studia al Università di Roma, ha stretto numerose
amicizie, facendo amicizia con unmerose ragazze, tutte studenti universitarie al università di Roma,
tra cui...

Amira: una ragazza Marocchina


Susan: una ragazza Americana-Statunitense
Chandi: una ragazza Hindi (un Indiana del India)
Mishka: una ragazza Russa

queste quattro ragazze, sono le migliori amiche di Mei Rong...

Chen Li vive a Roma, nel quartiere del Esquilino, la “Chinatown” di Roma

Chen Li e sua sorella maggiore, ovvero, Mei Rong, sono entrambe dei “Guerrieri delle Rive
d'Oro”, i discendenti di un antica stirpe cinese, i cui ultimi membri emigrarono in Italia dalla
regione cinese dello Zhejiang, nel 1970...

Chen Li e Mei Rong, sono entrambe addestrati, dal “Ordine di Guanfai”, un organizzazione di
Alchimisti Taoisti, che lasciò la Cina durante la “Rivoluzione culturale” negli anni '60 del
XX°secolo, spargendosi e diffondendosi in tutto il mondo, alcuni membri del Ordine di Guanfai,
trovarono riparo e rifugio in Italia, nella penisola italiana, nascondendosi al interno delle
“Chinatown” e delle comunità cinesi in Italia...

i membri del Ordine di Guanfai, partirono condussero ricerche in tutto il mondo, per cercare e
setacciare i membri della “Stirpe di Fu Lai” e radunarli nuovamente, nel tentativo sia di rigenerare
la Stirpe di Fu Lai e sia di rendere forte e potente la stirpe di Fu Lai, per contrastare le minacce e
pericoli sovrannaturali, sia da parte degli Yaoji, che da parte dei Dragoni Rinnegati, che gravavano
sul mondo intero...

per questo, i membri del ordine di Guan Fai, attivi in tutte le “Chinatown”, sparse e diffuse in tutto
il mondo, recuperarono e radunarono i membri della Stirpe di Fu Lai, rimanenti o rimasti in quelle
Chinatown o comunità cinesi locali, iniziando ad addestrarli e formarli, rivelando a loro, la loro vera
origine e provenienza, rivelando la loro capacità magica e mistica interiore, formandoli per gestire e
dominare i loro poteri magici e mistici, preparandoli e addestrandoli, al uso delle armi Magiche, per
combattere e contrastare gli Yaoji e i Dragoni Rinnegati e a difendere e preservare l'equilibrio e
armonia tra il cielo e la terra, tra gli Dei e la razza umana, tra i “Mortali” e gli “Immortali” ovvero,
gli Dei del Penglai...

ma i due membri della Stirpe di Fu Lai di Roma, ovvero, Chen Li e Mei Rong, decisero di usare e
impiegare i poteri magici e mistici della “Goccia di Giada”, per difendere e proteggere Roma da
minacce ostili e pericoli Ostili e da ogni forza ostile che avrebbe minacciato Roma di distruzione o
annientamento...

ma Chen Li scopre che a Roma, si trova un intero mondo sotteraneo, un mondo di creature magiche
e sovrannaturali, che si sono insediate e stabilite a Roma, facendone la loro nuova casa...

così, i membri della stirpe di Fu Lai di Roma, si resero conto che il loro scopo e obbiettivo era
anche quello di proteggere e preservare i popoli e razze magiche che in forma umana, vivevano
nascosti e in incognito a Roma, a difendere il “mondo magico sotteraneo” di Roma...

Chen Li, deve difendere Roma, anche dalla minaccia da parte di fazioni e razze di “Long” o
“Dragoni cinesi”, rinnegati e in opposizione ai Dragoni di Giada, i dragoni dominanti e supremi,
che vogliono imposessarsi degli artefatti magici, racchiusi nel sottosuolo di Roma,

Roma divenne un crogiolo e marasma e crocevia di razze magiche e popoli magici, da ogni zona e
angolo del mondo, sopratutto da Europa, Asia e Africa...

a Roma, si erano stabilite molte razze magiche in forma umana, razze magiche in forma umana, che
si erano stabilite a Roma: Dragoni Cinesi, Garuda Indiani, Djinni Arabi, ma anche creature
magiche dal resto del continente Europeo,

a sorvegliare e vigilare le razze magiche di Roma e le forze magiche di Roma, ci pensano Chen Li e
Mei Rong, i due guerrieri Fu Lai

i guerrieri Fu Lai, sono incaricati di proteggere le creature magiche e mistiche, che vivono a Roma,
da forze ostili e pericolose di ogni specie e tipo...

Roma e divenuta una città dove si sono radunati molti popoli magici e razze magiche,
principalmente razze magiche provenienti dal Asia e dal Africa, giunti a Roma, per via del
immigrazione di popolazioni straniere nella penisola italiana, poiché, le razze magiche del asia e del
Africa, in forma umana, nascondendosi tra i comuni esseri umani, erano emigrati in Europa e molti
di essi, erano emigrati in Italia, nella Penisola italiana, stabilendosi a Roma, che nel XXI°secolo, era
nuovamente divenuta una città cosmopolita, una città MultiEtnica e Multirazziale, come già lo era
durante l'Impero Romano...

ma molte razze magiche, dal Asia e dal Africa e dal Europa, avevano portato a Roma, le loro magie
e le loro conoscenze arcane, dai loro paesi d'origine: “Long” o Dragoni Cinesi dalla Cina, i Garuda
dal India, i Djinn dai paesi Arabi, gli Spiriti dal continente Africano,

Chen Li e Mei Rong, erano divenuti i nuovi guardiani e custodi delle razze magiche e delle creature
magiche di Roma, come dei segreti magici e mistici di Roma...

ma Chen Li e Mei Rong, dovevano proteggere e mantenere l'equilibrio tra i due mondi, tra il mondo
Umano e il Mondo Magico...

ma Chen Li e Mei Rong, come le loro attività, sono seguite, spiate e monitorate dalla
“Divisione Leonte” o “Unità Leonte”, un organizzazione segreta del governo Italiano, fondato nel
1947, allo scopo di difendere e proteggere l'Italia e Roma, da minacce occulte e sovrannaturali, una
divisione per la lotta alle minacce paranormali, sovrannaturali e “minacce non convenzionali”, si
tratta di una via di mezzo tra un servizio segreto e un organizzazione paramilitare, la “Divisione
Leonte” e controllata e monitorata, dalle forze armate italiane e dal AISE, i servizi segreti italiani ed
è una “Divisione Ombra” o “Reparto Ombra” nelle forze armate e forze di sicurezza italiane...

gli agenti e spie del “Unità Leonte”, sono sparsi e diffusi a Roma, incaricati di seguire e monitorare
minacce e pericolo sovrannaturali o paranormali di ogni specie, genere e tipo, allo scopo di
difendere e preservare Roma e l'Italia intera, da ogni minaccia e pericolo sovrannaturale di ogni
specie, sorta e tipo... e di neutralizzare o annientare quelle minacce, nel caso mettano in pericolo,
l'intera Roma o l'intera Italia...

Chen Li e Mei Rong, vengono più volte, raggiunti e contattati da vari agenti e spie del Unità
Leonte, ovvero Giulio Robutti, Pasquale Mirotti e Luciano Endrighi, che a volte, gli agenti e spie
della “Divisione Leonte”, si ritrovano a dover aiutare i guerrieri Fu Lai o a collaborare con i
guerrieri Fu Lai, per combattere congiuntamente minacce e pericoli sovrannaturali di ogni specie,
genere e tipo...

Giulio Robutti, Pasquale Mirotti e Luciano Endrighi, tre agenti della “Divisione Leonte”, diventano
degli amici e alleati di Chen Li e Mei Rong, aiutandoli a difendere Roma dalle minacce e pericoli
sovrannaturali...

i “Guerrieri Fu Lai” di Roma, si ritrovano in una quasi concorrenza con la “Divisione Leonte” del
governo italiani e con i “Nuovi Saindari”, questi ultimi, gli Eredi e discendenti “riformati” della
Stirpe di Sainda o Saindarii, un corpo di maghi e alchimisti con sede a Roma, che risale al
XIV°secolo e che venne creato per tutelare e custodire il vasto e immenso patrimonio e distesa di
artefatti magici e alchemici, situato nel sottosuolo di Roma e che si è depositato nel arco di secoli e
millenni, fin dal mondo antico, fino dai tempi del Impero Romano, accumulandosi poi nel
Medioevo e nel Età Moderna, tutti artefatti, racchiusi o dentro stanze sotteranee o luoghi sotteranei,
appartenuti agli imperatori romani o ai Papi del Medioevo e del epoca moderna, prima del avvento
di città del Vaticano del 1870, prima della Breccia di Porta Pia, che fece confinare i Papi a Città del
Vaticano, con il resto di Roma, che divenne parte dello stato Italiano, nella zona, oggi sotto lo stato
italiano, si trovano innumerevoli stanze e luoghi nascosti, risalenti allo stato pontificio, appartenuti
ai Papi e dove sono racchiusi artefatti mistici e sovrannaturali, di origine esterna a Roma, portate in
epoche passate,da ambasciatori e diplomatici da terre lontane, che diedero in dono degli artefatti
mistici ai Papi, come segno di amicizia, alleanza e fratellanza...

Chen Li, molti mesi dopo aver scoperto di appartenere alla “Stirpe di Fu Lai”, scoprì che molti
ragazzi e ragazze del suo Liceo, sia nativi italiani, che stranieri o immigrati, sono creature magiche,
ma in forma umana...

Chen Li scopre dei ragazzi e ragazze Hindi, che in realtà sono dei “Garuda”, degli uomini-aquila
antropomorfi della mitologia Induista, ma in forma umana, che vivono nella comunità Hindi di
Roma, la comunità degli Indiani del India, immigrati a Roma...

Chen Li scopre anche che nella “Chinatown” di Roma, ovvero, nel Esquilino, vivono in forma
umana, dei ragazzi e ragazze Cinesi Han, che in realtà, sono degli “Hu Ren”, o “Uomini Tigre”,
una razza di Mutantropi Cinesi, per la precisione dei Mutantropi Tigre, in grado di passare dalla
forma umana alla forma di tigre, originari della Cina, ma emigrati, sparsi e diffusi nel mondo, al
interno delle comunità di immigrati cinesi locali e nelle “Chinatown” cinesi sparsi e diffuse nel
mondo...

Chen Li, conosce una ragazza di origini Iraniane, di nome Mirza Eshani, che si scopre e rivela
essere una “Simurgh”, o “Fenice Azzurra”, una Fenice persiana in forma umana, figlia di una
famiglia di Iraniani immigrati in Italia, residenti a Roma...

Chen Li, scopre scopre che dei Simurgh o Fenici azzurre mutantrope in forma umana, vivono
nascosti e in incognito nella comunità Iraniana di Roma...

Chen li scopre che i “Long Ma” o “Razza Dragona” o “Stirpe Dragona”; ovvero, la stirpe dei
Dragoni Cinesi o “Long” in forma umana, vivono nascosti e mescolati nella società umana,
scoprendo che i “Long Ma”, sono largamente diffusi e presenti in Cina, sopratutto nei piani alti
della società, poiché i Long Ma, sono una razza ricca, forte, potente e importante, una razza che in
Cina, ma anche a Hong Kong, Macao, Taiwan, Malesia e Indonesia, sono una razza composta da
Millionari e Milliardari, da Magnati, capi d'Industria, Imprenditori e membri del alta classe e del
alta società, una vera e propria classe simil-nobiliare o simil-aristocratica...

i Guerrieri Fu Lai, spesso combattono contro gli Yaoji, che sarebbero i “Demoni” o creature oscure
del Folklore cinese e del mito cinese, gli Yaoji vengono dal Diyu, una “Dimensione Oscura”, che
sarebbe l'Inferno cinese...
il Diyu e retto e dominato da Feng Lu (anche Sheng Lu), detto “l'Imperatore Oscuro” o
“l'Imperatore Demoniaco”, o “Imperatore Yaoji”...

Roma a subito vari attacchi e incursioni da parte degli Yaoji, che hanno cercato di portare e
diffondere il panico e il terrore nelle strade di Roma...

i Guerrieri Fu Lai, si ritrovano a combattere e lottare contro il Dragone di Bronzo, un ricco e


potente imperatore Dragone, di una fazione di Long rinnegati, che ambisce a dominare e soggiogare
la razza umana, per rendere i Dragoni di Bronzo, la razza padrona, suprema e dominante del mondo
conosciuto...
-

Nella comunità Africana di Roma, nel quartiere africano di Roma, si trovano gli “Inthaba”, delle
specie di “Spiriti”, in grado di passare dalla forma Materiale, alla forma di puro Spirito...

il Risveglio del Golem Addormentato

nel quartiere Ebraico di Roma, nel ex Ghetto Ebraico di Roma, nella zona del Portico di Ottavia,
nel Rione Sant'Angelo, nel sottosuolo di quest'ultimo, si trova un “Golem”, creato da un Alchimista
Ebreo di Roma, che viveva nel Ghetto Ebraico di Roma, che creò quel Golem nel 1547, ma
l'Alchimista Ebreo-Romano, riuscì in tempo a nascondere quel Golem, dopo che nel 1555,
l'alchimista ebreo, di nome Ioanni Bensalem, fu catturato dalle autorità pontificie e rinchiuso a
forza nel Ghetto Ebraico di Roma, per ordine di un Editto Papale del 1555, ovvero, la bolla Cum
nimis absurdum, con cui le autorità pontificie, imponevano agli Ebrei di Roma, di essere confinati
e ghettizzati nel Ghetto di Roma...
il laboratorio Alchemico di Ioanni Bensalem, fu distrutto e devastato dalle autorità pontificie, che
sequestrarono tutto il materiale appartenente a Ioanni, poiché le autorità Pontificie, avevano vietato
e proibito l'Alchimia in tutto il territorio Pontificio...

quel “Golem”, creato da Ioanni Bensalem, rimase rinchiuso e nascosto in una zona sotteranea di
Roma, vicino al Portico del Ottavia, vicino a dove si trovava il Laboratorio Alchemico di Ioanni
Bensalem...

Ioanni Bensalem era membro di un antica e misteriosa organizzazione di Alchimisti Ebraici, una
Setta basata sulla “Kabbalah” e l'Alchimia Ebraica, ovvero, il “Hazan'Harith”, che aveva sedi a
Siviglia, Toledo, Praga, Roma, Budapest e Odessa, sopratutto in Europa Meridionale ed Europa del
Est... un organizzazione alchemica che custodiva gelosamente i segreti e conoscenze alchemiche,
per creare e generare i “Golem”...

un gruppo di spie e agenti segreti del “Mossad”, i servizi segreti Israeliani, giungono a Roma, per
cercare il “Golem”, creato da Ioanni Bensalem a Roma e trafugarlo da Roma, per portarlo in
Israele...

la Congiura dei Lupi Neri

a Roma, Chen Li, si ritrova a combattere e lottare contro una misteriosa Setta religiosa, detta “Figli
del Lupo”, una setta religiosa composta da nativi Laziali e Romani...

dietro a quella setta, ci sono i “Lupi Neri”, una delle tre Grandi stirpi dei “Guerrieri Lupo”, ovvero,
un antica e misteriosa Razza magica, di Uomini-Lupo, una razza di Licantropi magici, dotati di
poteri sovrannaturali, i Lupi neri sono in conflitto e rivalità contro i “Lupi Bianchi” e i “Lupi
Rossi”, che sarebbero i guerrieri Lupo buoni, mentre i Lupi neri, sono i guerrieri lupo cattivi e
antagonisti...

la setta dei Figli del Lupo e in realtà costosa da Lupi Neri, per la precisione da dei discendenti di
una antica stirpe mezza umana e mezza Lupo, risalente fin dai tempi di Romolo e Remo, una stirpe
che venera come una Dea suprema, la Lupa di Roma, venerata come la vera fondatrice di Roma e
come la guardiana e custode di Roma...

una misteriosa setta, che risale fin dai tempi del Antica Roma, fin dai tempi dei “Lupercalia” o
“Lupercali”, sia un antica festività del Antica Roma e sia un misterioso culto e setta, diffuso nel
Antica Roma, basato sul culto e venerazione dei Lupi, sul culto e venerazione del “Dio Lupo” e
della “Dea Lupa”, sulla venerazione dei Lupi, come animali sacri, una setta molto antica e
ancestrale, risalente fin dalle origini e albori del Antica Roma e della storia Romana...
questo “Culto Lupercalico”, era nato come un culto e venerazione della Lupa di Roma e sopratutto
dei “Lupi Neri”, venerati come delle creature sacre, venerate come i guardiani e custodi di Roma,
come i “Vigilanti” di Roma, come coloro che difendono Roma da ogni minaccia e pericolo, ma
anche di sorvegliare sugli Imperatori Romani e sul intera “Urbe” Romana, visti come i “Benedetti
del Lupo” o gli “Scelti dal Lupo”...

la Lupa di Roma, era una Lupa dei Lupi neri in forma di Lupo, che aveva messo sotto la sua cura e
protezione Romolo e Remo, quella Lupa, decise di “Benedire” quei due bambini, donandogli il
“Sigillo del lupo”, una specie di incantesimo, chiunque riceverà il Sigillo del Lupo, sarà destinato a
grandi cose, chiunque sarà “Marchiato” o “Segnato” da questo Sigillo, egli potrà dominare il mondo
e conquistare il mondo, egli sarà destinato a grandi opere e grandi imprese...

i Figli del Lupo, puntano ad allearsi con i Lupi Neri, per conquistare e dominare Roma, per
restaurare le tradizioni e i valori tradizionali, poiché i Lupi Neri sono conservatori e tradizionalisti,
guardando al avanzare della modernità e del progresso, con ostilità e diffidenza, gli stessi Lupi Neri,
vedono la razza umana, come marcia, corrotta e decadente...

il Regno delle Anguane

il fondale del Fiume Tevere e abitato e popolato dalle Anguane, una razza magica di creature
acquatiche di forma femminile,

Chen Li e Mei Rong, si ritrovano a proteggere e difendere un gruppo di Anguane, che vive nelle
profondità del Fiume Tevere, dagli attacchi e aggressioni da parte di una misteriosa creatura feroce
acquatica, ovvero, delle “Serpi di Laocoonte” o “Sauri Laocoonti”, che sta devastando il fondo del
fiume Tevere e che sta terrorizzando le popolazioni locali delle Anguane...

spesso Chen Li e Mei Rong, si ritrovano a proteggere e sorvegliare il MNAO o “Museo Nazionale
di Arte Orientale Giuseppe Tucci”, sede di numerosi reperti artistici, storici e culturali e
archeologici asiatici o di origine asiatica, ma al cui interno, sono racchiusi numerosi artefatti
magici, mistici e sovrannaturali, di origine asiatica-orientale, dotate di poteri magici e
sovrannaturali, che in molti, cercando di imposessarsene o di impadronirsene...

la Guerra Silenziosa

Chen Li, si ritrova a dover combattere e lottare, contro dei misteriosi guerrieri, ma dei guerrieri
Iper-tecnologici, dotati di evolute e avanzate tecnologie, sconosciute e ignote a chiunque,

Chen Li assieme a Mei Rong, avventurandosi nei sotteranei di Roma, scoprono che a Roma, si
stanno aggirandosi i membri di civiltà TransUmane e Post-Umane, evolute e avanzate e progredite
aldilà di ogni immaginazione, ma sopratutto, la civiltà detta degli “Esomanti”, una civiltà progredita
e avanzata aldilà di ogni immaginazione, una civiltà mezza umana e mezza aliena, che proviene da
un futuro distante e remoto nel tempo, dove la razza umana si è lanciata alla conquista e
colonizzazione dello spazio, lasciando e abbandonando la Terra...

nel sottosuolo di Roma e in corso un conflitto sotteraneo e silenzioso, tra gli Esomanti e la civiltà
Zhumdara, una civiltà di Post-Umani spaziali , proveniente da un futuro distante e remoto nel
tempo, sono in grado di viaggiare e spostarsi nello spazio e nel tempo e si stanno espandendosi e
diffondendosi silenziosamente, in tutta la “Timeline” terrestre, in tutta la storia del genere umano e
in tutta la linea Spazio-temporale della Terra, dove e in corso una “Guerra EsoTemporale”, tra varie
civiltà Post-Umane e TransUmane dello Spazio e della galassia, di un futuro distante e remoto nel
tempo, un futuro, dove e stato scoperto il viaggio nel tempo e tecnologie per il viaggio temporale,
permettendo alle civiltà di questo futuro distante e remoto nel tempo, di spargersi e diffondersi nel
passato della Terra e in tutta la storia Terrestre e nella “Timeline” della Terra, ma entrando in
competizione, con misteriose civiltà Esotemporali ed EsoUniversali, esterne al nostro stesso
universo e dimensione, che controllano e dominano una misteriosa e sconosciuta forma di energia,
una fonte energetica sconfinata e illimitata, ovvero, il Barmon o “Energia Barmotica”...

gli Esomanti sono una civiltà TransTemporale e Inter-Temporale,una civiltà che trascende le
frontiere del tempo e dello spazio e che domina l'energia Esotica...

l'Arrivo di una Dea

Chen Li e Mei Rong, durante una “Pattuglia” sui tetti di Roma, riescono a salvare una misteriosa
guerriera cinese, da un combattimento da parte di un gruppo di guerrieri Dragoni Neri...

Chen Li e Mei Rong, scoprono che la misteriosa guerriera, non è altro che la Dea Nezha, che
misteriosamente, si trovava proprio a Roma

Chen Li e Mei Rong, recuperano Nezha, aiutati da Sniwa e Giuliano, portandola, prima di sensi a
casa di Chen Li, dove Nezha viene aiutata e curata...

Nezha riprende i sensi, domandandosi dove sia finita, scoprendo di trovarsi a casa di Chen Li e Mei
Rong...

ascoltando Nezha, Chen Li, scopre che gli Dei cinesi del Kunlun, ovvero, il “Regno dei Dei”
cinesi, stanno mandando numerosi agenti e spie in tutto il mondo, per cercare e trovare i membri
della “Stirpe di Fu Lai” e coloro che racchiudono dentro di loro la “Goccia di Giada”, tutti membri
che si sono sparsi e diffusi e sparpagliati nel mondo, nel arco di secoli e di millenni, per radunarli e
tentare di ricreare l'alleanza e legame perduto tra gli Umani e gli Dei, tra la Razza Mortale, ovvero,
la Razza Mortale e la “Stirpe Immortale”, ovvero, gli Dei del Kunlun...

ma gli dei del Kunlun, guidati dal “Imperatore di Giada”, il monarca e signore supremo di tutti gli
Dei del Kunlun, sono ostacolati dagli Dei rinnegati, guidati da Zu Ran, un Dio ribelle, che al
contrario, vuole guidare gli Dei del Kunlun, in una grande guerra devastante e su larga scala contro
la Razza umana, allo scopo di conquistare, dominare e soggiogare la razza umana...

il Kunlun ora e sul orlo di una guerra, di una guerra civile, tra gli Dei Lealisti, guidati dal
Imperatore di Giada e gli dei rinnegati, guidati da Zu Ran, il Dio Zu Ran ambisce a detronizzare
l'imperator di Giada dal suo Trono, per farsi nominare come nuovo “Imperatore Celeste” e nuovo
“Sovrano del Cielo”...

sia in Cielo, che in terra, sta per scatenarsi, una grande guerra, una guerra devastante, una “guerra
divina”, che rischia di devastare sia il Cielo che la Terra, sia il Mondo mortale che il mondo
Divino...

a Roma, alla ricerca di Chen Li e Mei Rong, alla ricerca dei membri della “Stirpe di Fu Lan”, sparsi
e diffusi in tutto il mondo e in tutta la Terra, giungono un gruppo di guerrieri mitologici cinesi, tra
cui Yi l'Arciere, accompagnato da Jiang Ziya e Zhong Kui, entrambe tre, degli Eroi mitologici
cinesi...

un gruppo di Agenti della Divisione Ariete, spiando e monitorando il gruppo di tre guerrieri
mitologici cinesi giunti a Roma, li scambiano per dei “Cosplayer” o per gente appena uscita da un
raduno di “Cosplay” o da qualche Fiera del Fumetto...

l'Arrivo del Principe Dragone

nelle profondità del Mar Meditteraneo, al largo delle coste del Lazio, Ao Bing, un principe dragone,
a capo di un piccolo esercito di Granchi antropomorfi, armati con armature cinesi, spade e alabarde
cinesi, si sta dirigendo in direzione di Roma, violando i divieti e comandamenti del Padre, ovvero,
l'imperatore Dragone del Oceano orientale, di non uscire dal mare e non farsi rivelare agli umani,
per partire alla ricerca dei membri della Stirpe di Fu Lai e invitarli ad aderire al alleanza degli
Imperatori Dragoni, contro la minaccia di Zu Ran e degli dei Rinnegati, per stipulare un alleanza tra
i Dragoni o “Long” e la Stirpe di Fu Lai, con Ao Bing, convinto che Chen Li sia “l'imperatore” di
tutta la Stirpe di Fu Lai, nel “mondo mortale”, ovvero il mondo degli umani...

il principe Ao Bing, un principe Dragone, figlio del “Imperatore Dragone del Oceano Orientale”,
prende forma di dragone, uscendo dalle acque del Mar Meditteraneo e volando nella sua forma
fisica di Dragone, sopra Roma, ma questo mette in allarme e agitazione le autorità italiane, poiché
Ao Bing, viene avvistato dai Radar delle forze armate italiane, che non riuscendo a capire o
comprendere cosa sia Ao Bing, mettono in stato di allarme e agitazione le autorità italiane, che
attivano l'aviazione militare e l'aereonautica militare italiana, che a terra, viene supportata da
batterie mobili lanciamissili del esercito italiano, che puntano razzi e missili contro Ao Bing...

al comando delle forze armate italiane, si ipotizza che la “Misteriosa creatura” sia un UFO, oppure,
un Alieno, oppure una tecnologia avveniristica sconosciuta, da parte di qualche potenza Mondiale o
un Arma segreta della Russia o della Cina...

ben presto, i caccia militari italiani, giungono in vista di Ao Bing, ma notando che è un “Long”, un
Dragone cinese, ne rimangono sbalorditi o stupefatti...

ben presto, i Caccia italiani e le batterie missilistiche italiane sferrano un bombardamento


missilistico su Ao Bing, bersagliando il principe Dragone di Missili, razzi e proiettili...

inizialmente, Ao Bing, che non si aspettava quel tipo di “Accoglienza”, riesce a tener testa ai Caccia
militari italiani, distruggendone e abbatendone alcun, poi, sputando vampare di acqua marina,
distrugge e abbatte alcune batterie missilistiche militari, ma questo non basta e Ao Bing, finisce
gravemente ferito e indebolito...
così, Ao Bing, ferito, ritorna in forma umana e cade nel fiume Tevere, ma Ao Bing, viene salvato e
recuperato in tempo da Chen Li e Mei Rong, che riescono a salvare e recuperare Ao Bing,
portandolo di nascosto, in uno scantinato sotto la casa e negozio di Qiao Ru, un “Immortale”
Taoista in incognito, che gestisce un negozio di alimentari asiatici al Esquilino, Qiao Ru porta a
casa sua Ao Bing, dandogli cure e protezioni...

ma Chen Li, scopre ben presto, che la persona che hanno salvato e recuperato e Ao Bing, un
principe dragone, il figlio di un imperatore dragone, scoprendo che ora, a Roma, si trova in
incognito, una delle più importanti autorità nobiliari e aristocratiche degli “Imperi sottomarini” dei
Dragoni o Long

su “Youtube” e su Internet, iniziano a diffondersi dei video amatoriali, che mostrano, anche se in
pessima qualità, Ao Bing che viene colpito e bersagliato da razzi e missili...
questo attira l'attenzione di gruppi di Complottisti e Cospirazionisti, che iniziano a sospettare che
dietro alla creatura, ci sia qualcosa di molto più grande e che le autorità stiano “Nascondendo
qualcosa” alla popolazione...

questo attira le attenzioni di Tiziano, un ragazzo adolescente, studente nello stesso Liceo in cui
studia Chen Li e i suoi amici, Tiziano e un appassionato di complottismo e cospirazionismo e di
teorie del complotto, iniziando a frequentare gli ambienti complottisti del Web, appassionandosi al
caso del “Rettile volante” o “Serpente volante”, che sarebbe Ao Bing in forma di Dragone...

References:

“Fu Lan” e uno Urban Fantasy” o Fantasy Urbano, ambientato a Roma, in Italia

Fu Lan nello stile narrativo si ispira a due serie d'animazione: Jake Long, American Dragon e
Juniper Lee

ma si ispira anche ai romanzi di Rick Riordan, ai romanzi di Percy Jackson e una serie di romanzi
intitolati “Rick Riodan Presents...” (Rick Riordan Presenta...)