Anda di halaman 1dari 6

C 315/12 EN Official Journal of the European Communities 9.11.

2001

STATE AID — ITALY

Aid C 65/2001 (ex N 795/99) — Emergency measures in the agricultural sector (Sicilian Regional
Law No 22/1999)
Invitation to submit comments pursuant to Article 88(2) of the EC Treaty

(2001/C 315/05)

By means of the letter dated 19 September 2001, reproduced in the authentic language on the pages
following this summary, the Commission notified Italy of its decision to initiate the procedure laid down in
Article 88(2) of the EC Treaty concerning the measures provided for in Articles 1 to 6 of the abovemen-
tioned Regional Law.

Interested parties may submit their comments on the aid measures in respect of which the Commission is
initiating the procedure within one month of the date of publication of this summary and the following
letter, to:

European Commission
Directorate-General for Agriculture
Directorate B2
Rue de la Loi/Wetstraat 200
B-1049 Brussels
Fax (32-2) 296 21 51.

These comments will be communicated to Italy. Confidential treatment of the identity of the interested
party submitting the comments may be requested in writing, stating the reasons for the request.

SUMMARY Article 5 provides for an allocation of ITL 10 billion to finance


measures under the national citrus cultivation plan, one of
The legal basis for the measures concerned is Sicilian Regional which is currently being examined by the Commission.
Law No 22/1999, which provides for emergency measures in
the agricultural sector.
Article 6 provides for the grant, to crop protection
associations, of aid to cover 50 % of the expenditure incurred
Under Article 1, in order to promote the growth of production by an insurance fund covering their members’ crops.
on Sicilian agricultural holdings, agricultural credit institutes
and bodies must extend agricultural loans due for repayment
in 1998 and 1999 until 31 December 2000. For citrus growers, Assessment
the measure may be applied to loans due for repayment on 31
May 2000, provided that the debt was contracted before the The compatibility with the common market of the aid provided
entry into force of the law. for in Articles 1 to 6 of the law concerned cannot be estab-
lished at this stage for the following reasons:

Under Article 2, loans that have been granted may be (a) As regards Article 1, the Italian authorities have indicated
renegotiated where their reference rate is above the rate that the measure has not yet been applied and have
applicable at the time of the entry into force of the law. undertaken not to apply it. However, in accordance with
Article 9, the law was due to enter into force on the day
following its publication in the Official Journal of the
Article 3 provides for the payment of agri-environmental aid Region of Sicily. The effect of that provision is that the
granted under Council Regulation (EEC) No 2078/92 in respect measure introduced by Article 1 exists, even though it
of applications submitted before the entry into force of the has not been applied in practice. In addition, the Italian
Regional Law which could not be financed by the European authorities have not withdrawn notification of the
Union because of a lack of funds. measure in accordance with Article 8 of Council Regulation
(EC) No 659/1999 and have officially requested that the
Commission adopt a decision on all the measures notified
Article 4 provides for an increase of ITL 20 billion in the within two months, in accordance with Articles 4(5) and
allocation for the funding of measures to promote greenhouse 5(3) of that Regulation. The Commission must therefore
crops, under a law intended to compensate for damage caused assess the measure provided for in Article 1 in the light
by inclement weather. of Articles 87 and 88 of the Treaty, on the basis of the
9.11.2001 EN Official Journal of the European Communities C 315/13

information it has available. That information is very TEXT OF THE LETTER


limited (the only thing that is sure is that all types of
agricultural credit are eligible for the measure) and ‘Con la presente la Commissione si pregia informare il governo
consequently raises doubts about the compatibility of the italiano che, dopo avere esaminato le informazioni fornite dalle
measure with the common market. autorità italiane in merito agli aiuti previsti dagli articoli da 1 a
6 della legge in oggetto, ha deciso di avviare il procedimento di
cui all’articolo 88, paragrafo 2, del trattato CE.
(b) As regards Article 2, the information currently available
fails to establish that renegotiation will be accompanied Gli aiuti di cui all’articolo 7 della legge in causa saranno og-
by an alignment of the rates of aid on those provided for getto di una decisione nell’ambito dell’esame della legge regio-
in the Community guidelines for State aid in the agri- nale n. 40/97 (fascicolo di aiuto NN 37/98).
cultural sector (the ‘guidelines’ (1)) (that alignment should
have been made, depending on the type of aid scheme,
by 30 June or 31 December 2000). In addition, it is not
possible to determine at present whether the national legal 1. Procedimento
basis referred to by the Italian authorities has been notified
to the Commission and approved by it. It is quite possible Con lettera del 15 dicembre 1999, protocollata il 20 dicembre
therefore that potentially unlawful aids may have been 1999, la rappresentanza permanente d’Italia presso l’Unione
granted under this Article. If the loans to be renegotiated, europea ha notificato le misure in oggetto alla Commissione,
granted under the laws making up that legal basis, have a norma dell’articolo 88, paragrafo 3, del trattato.
been accompanied by illegal aid incompatible with the
common market, the renegotiations could bring the
recipients additional benefits which might themselves be Con lettere del 6 ottobre 2000, protocollata il 9 ottobre 2000,
incompatible with the common market. del 1o febbraio 2001, protocollata il 5 febbraio 2001, e del 30
luglio 2001, protocollata il 1o agosto 2001, la rappresentanza
permanente d’Italia presso l’Unione europea ha comunicato alla
Commissione le informazioni supplementari da questa richieste
(c) As regards Article 3, it cannot be inferred that the con lettere del 23 febbraio 2000, del 20 novembre 2000 e del
maximum amounts and conditions laid down in Council 27 marzo 2001.
Regulation (EC) No 1257/1999 and Commission Regulation
(EC) No 1750/1999 have been observed as long as, leaving
aside the incentive aspect, there is overcompensation for
the additional costs and loss of income sustained as a 2. Descrizione
result of the adoption of agri-environmental commitments.
Le misure previste dalla legge in oggetto sono le seguenti,
suddivise per articolo:
(d) As regards Article 4, it is not possible, on the basis of the
available information, to verify compliance with point 11.3
of the guidelines, which would allow the exception Articolo 1: proroga cambiali agrarie
provided for in Article 87(2) of the Treaty to be applied
in the case under consideration. If that exception does not L’articolo stabilisce che, al fine di agevolare la ripresa produt-
apply, the only one that could be applied is that under tiva delle aziende agricole siciliane, gli istituti e gli enti esercenti
Article 87(3)(c) of the Treaty. In that case too the il credito agrario prorogano al 31 dicembre 2000 le passività di
available information is not sufficient to show that all the carattere agricolo la cui scadenza ricorre negli anni 1998 e
requirements justifying its application are met. 1999. Per le aziende ad indirizzo agrumicolo, la misura può
essere applicata alle passività in scadenza entro il 31 maggio
2000, purchØ contratte anteriormente alla data di entrata in
vigore della legge. Alle operazioni di proroga si applica il tasso
(e) As regards Article 5, not all the measures under the citrus
di riferimento vigente alla data di scadenza delle passività
cultivation plan have yet been approved. The likelihood of
stesse, restando a carico dei beneficiari ogni onere relativo.
aid being paid for measures whose compatibility with the
common market has not yet been established is not alto-
gether excluded therefore at this stage.
Articolo 2: rinegoziazione mutui agrari

(f) As regards Article 6, it cannot yet be ruled out that the Gli enti concedenti le agevolazioni finanziarie di cui alla legge
recipient associations, which act as service providers, regionale n. 13 del 25 marzo 1986 e alle leggi regionali che
receive aid that is incompatible with point 14 of the istituiscono un concorso pubblico sul pagamento degli interessi
guidelines. relativi alle operazioni di credito agrario, nonchØ i beneficiari
delle stesse agevolazioni, possono chiedere la rinegoziazione
dei mutui qualora gli stessi abbiano un tasso di riferimento
superiore a quello vigente alla data di entrata in vigore della
In accordance with Article 14 of Regulation (EC) No 659/1999, legge. Le operazioni di credito agrario ammesse alla rinegozia-
all unlawful aid can be subject to recovery from the recipient. zione continuano a beneficiare del concorso sul pagamento
degli interessi non maturati, anche in caso di richiesta all’isti-
(1) OJ C 28, 1.2.2000, p. 2, as last amended in OJ C 232, 12.8.2000, tuto negoziante di estinzione anticipata con l’attualizzazione
p. 17. delle rate di concorso non ancora scadute.
C 315/14 EN Official Journal of the European Communities 9.11.2001

Articolo 3: misure agroambientali compatibili con il mercato comune gli aiuti in oggetto sareb-
bero quella prevista all’articolo 87, paragrafo 2, lettera b), del
¨ autorizzata la liquidazione degli aiuti agroambientali accor- trattato, in virtø della quale gli aiuti destinati a ovviare ai danni
dati in relazione alla istanze presentate entro la data di entrata arrecati dalle calamità naturali oppure da altri eventi eccezio-
in vigore della legge, a titolo del regolamento (CEE) n. 2078/92, nali sono compatibili con il mercato comune, e quella prevista
non ammesse al contributo dell’Unione europea per carenza di all’articolo 87, paragrafo 3, lettera c), del trattato, secondo cui
risorse finanziarie. possono essere considerati compatibili con il mercato comune
gli aiuti destinati ad agevolare lo sviluppo di talune attività o di
talune regioni economiche, sempre che non alterino le condi-
Articolo 4: interventi per la serricoltura zioni degli scambi in misura contraria al comune interesse.
Lo stanziamento del capitolo 55485 del bilancio della Regione
per l’esercizio finanziario 1999 Ł incrementato di 20 000 mi- Nella loro lettera del 30 luglio 2001, le autorità italiane hanno
lioni di ITL. La dotazione consentirà di finanziare misure a dichiarato che ritenevano di avere fornito tutte le informazioni
favore delle colture in serra, conformemente alle disposizioni richieste e di non averne altre da trasmettere. Hanno quindi
di cui all’articolo 3 della legge regionale n. 37/74, il cui campo chiesto alla Commissione di adottare una decisione a norma
d’applicazione Ł stato ampliato dall’articolo 49 della legge re- dell’articolo 4, paragrafo 5, del regolamento (CE) n. 659/1999
gionale n. 86/82. I beneficiari della misura sono i produttori del Consiglio del 22 marzo 1999, recante modalità di applica-
singoli o associati. zione dell’articolo 93 del trattato CE (2). Essendo tale procedura
prevista all’articolo 5, paragrafo 3, del suddetto regolamento, la
Commissione deve adottare una decisione in base alle informa-
Articolo 5: cofinanziamento piano agrumicolo zioni disponibili.
Per l’esercizio 2000 Ł prevista una dotazione di 10 000 milioni
di ITL per il finanziamento degli interventi previsti dal piano Articolo 1 della legge regionale
agrumicolo nazionale.
Nelle informazioni che hanno fornito in risposta alle richieste
di informazioni complementari che erano state loro indirizzate,
Articolo 6: consorzi di difesa delle produzioni agricole le autorità italiane, alla luce delle osservazioni formulate dai
¨ concesso a favore dei consorzi di difesa delle produzioni servizi della Commissione, hanno dichiarato che le disposizioni
agricole, costituite ai sensi della legge 25 maggio 1970, di tale articolo non sono state applicate e si sono impegnate a
n. 364 e successive modifiche e integrazioni, un contributo non applicarle in futuro.
sino al 50 % delle spese sostenute dalla cassa sociale per la
tutela assicurativa delle colture dei soci. La Commissione prende atto di questo impegno e constata che
nel testo della legge Ł contenuta una clausola che subordina
l’applicazione di questo articolo alla sua approvazione da parte
Articolo 7: interventi per il risanamento degli allevamenti zoo- della Commissione. Tuttavia la legge, a norma del suo articolo
tecnici 9, doveva entrare in vigore il giorno successivo alla pubblica-
zione nella Gazzetta ufficiale della Regione Sicilia. In virtø di
Per il finanziamento della misura di cui all’articolo 11 della tale disposizione, la misura stabilita dall’articolo 1 esiste, anche
legge regionale 7 novembre 1997 n. 40, Ł autorizzata la spesa se non Ł stata applicata concretamente. Inoltre, le autorità
di 20 000 milioni di ITL per l’esercizio finanziario 1999. italiane non hanno ritirato la notifica della misura in questione
come stabilito dall’articolo 8 del regolamento (CE) n. 659/1999
La concessione di tali aiuti Ł subordinata all’approvazione della e hanno formalmente invitato la Commissione a pronunciarsi
Commissione. sull’insieme delle misure notificate nel termine di due mesi,
conformemente all’articolo 4, paragrafo 5, e all’articolo 5, pa-
ragrafo 3, del suddetto regolamento. La Commissione deve
3. Valutazione
quindi valutare la misura contenuta nell’articolo 1 alla luce
A norma dell’articolo 87, paragrafo 1, del trattato, sono incom- degli articoli 87 e 88 del trattato in base alle informazioni di
patibili con il mercato comune, nella misura in cui incidano cui dispone. Queste ultime sono assai scarne (l’unico dato certo
sugli scambi tra Stati membri, gli aiuti concessi dagli Stati, Ł che tutti i tipi di prestito agrario possono beneficiare di tale
ovvero mediante risorse statali, sotto qualsiasi forma che, favo- misura) e fanno quindi sorgere dubbi circa la compatibilità
rendo talune imprese o talune produzioni, falsino o minaccino della misura con il mercato comune.
di falsare la concorrenza. Gli aiuti previsti dalla legge in oggetto
corrispondono a tale definizione, poichØ favoriscono alcune
aziende e possono avere ripercussioni sugli scambi data l’ampia Articolo 2 della legge regionale
gamma di prodotti cui si riferiscono e la posizione occupata
Per poter applicare la deroga di cui all’articolo 87, paragrafo 3,
dall’Italia sul mercato (nel 1998, l’Italia ha realizzato una quota
lettera c), del trattato, Ł necessario che siano rispettate alcune
del 29,2 % del valore della produzione di frutta e il 26,7 % del
norme che disciplinano gli aiuti di Stato. Dal 1o gennaio 2000
valore della produzione di ortaggi dell’Unione).
tali norme sono contenute negli Orientamenti comunitari per
gli aiuti di Stato nel settore agricolo (in appresso «orienta-
Tuttavia, nel caso previsto dall’articolo 87, paragrafi 2 e 3, del
menti») (3).
trattato, alcune misure possono essere considerate, in deroga,
compatibili con il mercato comune.
(2) GU L 83 del 27.3.1999, pag. 1.
Nella fattispecie, tenuto conto della natura degli aiuti previsti, le (3) GU C 28 dell’1.2.2000, pag. 2, modificati da ultimo nella GU C 232
uniche deroghe che potrebbero essere applicate per dichiarare del 12.8.2000, pag. 17.
9.11.2001 EN Official Journal of the European Communities C 315/15

A norma del punto 23.4 di tale documento, i regimi di aiuto — il meccanismo stesso di rinegoziazione, che prevede ad
concernenti investimenti nel settore della produzione, della tra- esempio l’attualizzazione delle rate di concorso sul paga-
sformazione e della commercializzazione dei prodotti dell’alle- mento degli interessi non ancora scadute anche in caso di
gato I del trattato devono essere modificati entro il 30 giugno estinzione anticipata del prestito, potrebbe sovvertire l’equi-
2000 conformemente agli orientamenti stessi, mentre gli altri valente sovvenzione della misura iniziale. Allo stato attuale
regimi di aiuto esistenti interessati dai presenti orientamenti del procedimento non Ł chiaro quale meccanismo di con-
devono essere modificati entro il 31 dicembre 2000. Gli Stati trollo dovrebbe escludere che vengano superati i tassi mas-
membri avevano l’obbligo di confermare per iscritto, entro il simi di aiuto fissati dagli orientamenti.
1o marzo 2000, l’accettazione delle opportune misure conte-
nute negli orientamenti. In mancanza di siffatta conferma, la Sino a quando le autorità italiane non avranno presentato de-
Commissione dovrebbe presumere che lo Stato membro accetti lucidazioni su questi punti e fornito garanzie circa il rispetto
le opportune misure, salvo esplicita comunicazione per iscritto delle relative condizioni stabilite dagli orientamenti per i vari
di disaccordo da parte di quest’ultimo. Non avendo ricevuto tipi di aiuto, la Commissione non può escludere che gli aiuti
alcuna comunicazione in merito da parte delle autorità italiane relativi alla misura di rinegoziazione dei prestiti non costitui-
entro il termine summenzionato, la Commissione presume che scano aiuti al funzionamento, che sono incompatibili con il
l’Italia abbia accettato le opportune misure contenute negli mercato comune.
orientamenti.

Nella fattispecie, le autorità italiane hanno dichiarato che i Articolo 3 della legge regionale
prestiti che potrebbero formare oggetto di operazioni di rine-
goziazione sono stati concessi in virtø della legge regionale In base alle informazioni fornite dalle autorità italiane, lo scopo
n. 13/86, approvata da ultimo dalla decisione della Commis- di tali misure Ł di finanziare, mediante un aiuto di Stato, mi-
sione C(97) 1785 del 17 luglio 1997 (decisione di cofinanzia- sure agroambientali adottate a norma del regolamento (CE)
mento), dell’articolo 4 della legge nazionale n. 286/89, dell’ar- n. 2078/92 del Consiglio (5), abrogato dal regolamento (CE)
ticolo 4 della legge nazionale n. 31/91 e dell’articolo 2 della n. 1257/1999 (6), che non hanno potuto essere cofinanziate
legge nazionale n. 237/93. Le autorità italiane non hanno tut- per mancanza di risorse comunitarie disponibili.
tavia precisato se tali leggi erano state notificate alla Commis-
sione.
Dato che in questo caso si passa da una misura di aiuto cofi-
nanziata ad un aiuto di Stato vero e proprio, si applicano gli
Alla luce delle informazioni disponibili, la Commissione dubita articoli da 87 a 89 del trattato a norma dell’articolo 51, para-
che le misure di rinegoziazione dei prestiti siano compatibili grafo 1, del regolamento (CE) n. 1257/1999 e pertanto devono
con il mercato comune, per i seguenti motivi: essere rispettate le disposizioni di cui al punto 5.3 degli orien-
tamenti relative agli aiuti a favore di impegni nel settore agro-
— in mancanza di informazioni sufficienti, non Ł possibile ambientale. Esse stabiliscono che gli aiuti sono concessi per
escludere che siano stati accordati aiuti di Stato a titolo ettaro e per anno, nei limiti degli stessi importi indicati nel
della legge n. 13/86. Qualora ciò fosse avvenuto, gli ab- regolamento (CE) n. 1257/1999, ossia:
buoni d’interesse sarebbero stati accordati in un periodo
nel quale l’intensità di aiuto ammissibile per il tipo di mi- — 600 EUR per ettaro e per anno, per le colture annuali,
sura in questione poteva non corrispondere a quella stabi-
lita negli orientamenti. Le informazioni attualmente a di-
sposizione della Commissione non contengono elementi da — 900 EUR per ettaro e per anno, per le colture perenni
cui risulti che nel quadro delle operazioni di rinegoziazione specializzate,
i tassi di aiuto saranno adeguati a quelli stabiliti negli orien-
tamenti (si ricorda peraltro che tale adeguamento avrebbe — 450 EUR per ettaro e per anno, per altri usi dei terreni.
dovuto essere effettuato, secondo il tipo di regime di aiuti,
entro il 30 giugno 2000 oppure entro il 31 dicembre 2000 Devono inoltre essere soddisfatte le altre condizioni stabilite
e che la Commissione ritiene che l’Italia abbia accettato le dagli articoli da 22 a 24 di quest’ultimo regolamento e dagli
opportune misure contenute negli orientamenti), articoli da 12 a 20 del regolamento (CE) n. 1750/1999 (7).

— considerato che allo stato attuale Ł impossibile stabilire se le


Allo stato attuale del procedimento, la Commissione non pos-
leggi nazionali citate dalle autorità italiane siano state no-
siede alcun dato che confermi che i massimali e le condizioni
tificate alla Commissione e se quest’ultima le abbia appro-
previsti dal regolamento (CE) n. 1257/1999 e dal regolamento
vate, non si può escludere che siano stati concessi, a titolo
(CE) n. 1750/1999 siano stati rispettati senza che, a prescindere
di tali leggi, aiuti potenzialmente illegali e incompatibili con
dall’eventuale fattore di incentivazione, vi sia stata una com-
il mercato comune; se i prestiti accordati a titolo di tali
pensazione eccessiva dei costi supplementari e delle perdite di
leggi e oggetto di rinegoziazione hanno fruito di aiuti ille-
reddito indennizzate a causa dell’adozione di impegni agroam-
gali e incompatibili con il mercato comune, le operazioni di
bientali. La Commissione non può quindi escludere che gli aiuti
rinegoziazione potrebbero arrecare ai beneficiari vantaggi
previsti dall’articolo 3 della legge regionale siano incompatibili
supplementari che potrebbero a loro volta essere incompa-
con il mercato comune.
tibili con il mercato comune (4),

(5) GU L 215 del 30.7.1992, pag. 85, modificato da ultimo dal rego-
(4) Sentenza della Corte di giustizia del 15 maggio 1995, causa lamento (CEE) n. 2272/95 (GU L 288 dell’1.2.1995, pag. 35).
C-355/95 P. Textilwerbe Deggendorf GmbH(TWD) contro la Com-
missione europea e la Repubblica federale tedesca — Raccolta della (6) GU L 160 del 26.6.1999, pag. 80.
giurisprudenza 1997, pag. I-2549. (7) GU L 214 del 13.8.1999, pag. 31.
C 315/16 EN Official Journal of the European Communities 9.11.2001

Articolo 4 della legge regionale trattato, che autorizza l’indennizzo dei danni al 100 %, soltanto
se il danno raggiunge una determinata soglia, fissata al 20 %
Nelle informazioni complementari che hanno fornito, le auto- della produzione normale nelle zone svantaggiate e al 30 %
rità italiane hanno precisato che contavano di impiegare le nelle altre zone.
risorse previste da tale articolo nell’ambito stabilito dall’articolo
49 della legge regionale n. 86/82. Tale articolo estende alle
colture protette da tunnel gli aiuti previsti dalla legge regionale Nel caso in esame, le autorità italiane non hanno fornito alcuna
n. 37/74, ossia: precisazione circa l’entità dei danni in questione e la Commis-
sione non può quindi stabilire se possa essere applicata la
deroga di cui all’articolo 87, paragrafo 2, lettera b), del trattato.
a) un aiuto del 40 % per le spese di sterilizzazione delle su-
perfici,
«Aiuti agli investimenti»
b) un aiuto del 50 % per l’acquisto di materiale per la steriliz-
zazione, Se non fosse possibile applicare la deroga di cui all’articolo 87,
paragrafo 2, lettera b), del trattato, l’unica deroga applicabile
c) un aiuto di 250 ITL/kg di plastica acquistata per la fabbri- sarebbe quella di cui all’articolo 87, paragrafo 3, lettera c), del
cazione di tunnel. trattato, purchØ siano rispettate le disposizioni degli orienta-
menti. Nella fattispecie si osserva che:
All’epoca le disposizioni di cui all’articolo 49 della legge
n. 86/82 erano state approvate dalla Commissione in base a) gli aiuti di cui alla lettera a) non sembrano rientrare in
all’articolo 92, paragrafo 2, lettera b), del trattato, in quanto alcuna delle categorie di spese ammissibili elencate al punto
le autorità italiane avevano precisato che gli interventi erano 4.1 degli orientamenti;
mirati a ovviare ai danni causati alle serre e alle plastiche di
copertura dalle violenti tempeste e dalle forti grandinate che si b) dato che i beneficiari della misura sono gli agricoltori sin-
verificano nelle zone dove sono predominanti le colture in goli o associati, il tasso di aiuto di cui alla lettera b) si
serra. applicherebbe unicamente alle zone svantaggiate della Sici-
lia, mentre per le altre zone andrebbe applicato un tasso del
Con riferimento al presente fascicolo, le autorità italiane hanno 40 %;
precisato che nel periodo 1996-1998 la Sicilia Ł stata colpita da
numerose intemperie (piogge, grandine, vento e trombe d’aria), c) l’ammissibilità all’aiuto Ł subordinata ad alcune condizioni
che hanno reso necessario un intervento della Regione. (efficienza, rispetto delle norme minime in materia di igiene,
di ambiente e di benessere degli animali), il cui rispetto non
Secondo quanto stabilito al punto 11.3.7 degli orientamenti, Ł ancora stato dimostrato.
che si applica a decorrere dal 1o gennaio 2000, gli aiuti a
favore degli agricoltori a titolo di indennizzo dei danni causati
Tenuto conto di quanto sopra e alla luce del fatto che le auto-
ad edifici e attrezzature da avversità atmosferiche (ad esempio, i
rità italiane hanno precisato di non avere altre informazioni da
danni causati alle serre dalla grandine) sono ammessi fino al
trasmettere, la Commissione nutre dubbi sulla compatibilità
100 % dei costi effettivi, senza che venga applicata una soglia
degli aiuti previsti con il mercato comune.
minima. Da questo punto di vista l’aiuto descritto alla lettera c)
rientra nel campo d’applicazione di queste disposizioni, in
quanto riguarda la struttura stessa delle serre.
Articolo 5 della legge regionale
Il punto 11.3.6 degli orientamenti stabilisce tuttavia che, al fine La dotazione prevista da tale articolo dovrebbe servire a finan-
di evitare compensazioni eccessive, vanno detratte dall’importo ziare le misure del piano agrumicolo nazionale, che beneficiano
dell’aiuto eventuali somme percepite a titolo di regimi assicu- già di uno stanziamento a livello nazionale.
rativi e le spese ordinarie che non sono state sostenute dal-
l’agricoltore.
Il piano in questione prevede sette misure. Sei di esse sono
state approvate dalla Commissione (8). La settima, intitolata
Sinora la Commissione non ha ricevuto alcuna garanzia circa la «Sostegno e cofinanziamento a piani integrati di intervento
detrazione di tali importi e di tali spese e non può pertanto per la valorizzazione commerciale e il rafforzamento delle
escludere il rischio di una sovracompensazione dei danni. strutture organizzative dei produttori», non era contemplata
dalla decisione della Commissione in quanto doveva ancora
Per quanto riguarda gli aiuti di cui alle lettere a) e b), essi non essere precisata. Essa Ł stata recentemente notificata ed Ł an-
risultano giustificati alla luce del punto 11.3.7 degli orienta- cora all’esame dei servizi della Commissione (9).
menti in quanto non riguardano l’indennizzo dei danni agli
edifici e alle attrezzature. A tale riguardo si possono conside- Nella lettera del 23 febbraio 2000, i servizi della Commissione
rare due casi possibili: avevano precisato che l’ammissibilità del finanziamento delle
misure previste dal piano dipendeva dalla conformità di queste
ultime con le norme in materia di concorrenza.
«Calamità naturale»

In virtø del punto 11.3 degli orientamenti, Ł possibile applicare (8) Aiuto N 560/99 [lettera SG(2000) D/103679 del 16.5.2000].
la deroga di cui all’articolo 87, paragrafo 2, lettera b), del (9) Aiuto N 313/2001 (in corso).
9.11.2001 EN Official Journal of the European Communities C 315/17

Considerato che allo stato attuale una delle misure del piano Ł Allo stadio attuale del procedimento, la Commissione non di-
ancora oggetto di esame a titolo degli articoli 87 e 88 del spone di informazioni sull’accessibilità dei servizi, che non
trattato, non Ł possibile stabilire se sarà compatibile con il devono essere riservati ai soli membri del consorzio. Non di-
mercato comune. PoichØ la dotazione deve servire a finanziare spone inoltre di dati che confermino che il contributo alle
tutti gli interventi previsti dal piano agrumicolo nazionale, la spese di gestione dei consorzi sarà limitato ai costi relativi al
Commissione non può escludere che una parte di essa venga loro intervento per la stipula dei contratti assicurativi. Infine,
utilizzata per finanziare una misura della quale non Ł ancora non Ł possibile stabilire se l’importo previsto per la copertura
stata dimostrata la compatibilità con il mercato comune. La delle spese di gestione di ciascun consorzio valga per l’intera
Commissione dubita quindi che l’aiuto previsto dall’articolo 5 durata del regime (illimitata) oppure per un periodo di tempo
della legge regionale in oggetto sia compatibile con il mercato determinato. In assenza di delucidazioni in merito a questi
comune. punti e di garanzie circa il fatto che sarà tenuta una contabilità
separata per le spese relative alle prestazioni di cui sopra, non
si può escludere che vi sia una compensazione eccessiva delle
Articolo 6 della legge regionale spese di gestione dei consorzi, vale a dire che siano concessi
In linea di massima la percentuale complessiva di aiuto relativa aiuti al funzionamento.
al finanziamento dei premi assicurativi non pone problemi alla
luce del punto 11.5 degli orientamenti, a norma del quale Tenuto conto delle considerazioni di cui sopra, la Commissione
possono essere concessi aiuti fino all’80 % del costo dei premi nutre dubbi sulla compatibilità con il mercato comune del-
assicurativi a copertura delle perdite dovute a calamità naturali l’aiuto previsto dall’articolo 6 della legge regionale in oggetto.
o eventi eccezionali e fino al 50 % del costo del premio, qua-
lora l’assicurazione copra anche altre perdite dovute ad avverse
condizioni atmosferiche, o perdite dovute a epizoozie o fitopa- Articolo 7 della legge regionale
tie. Tuttavia, dalla lettura delle informazioni che figurano nella
scheda di notificazione risulta che i consorzi di produzione Sebbene sia stata inclusa nella notifica, la misura prevista dal-
delle colture possono beneficiare anche di una partecipazione l’articolo 7 prevede una dotazione per il finanziamento di una
finanziaria alle loro spese di gestione nei limiti dello 0,50 % del misura iniziale che non Ł stata notificata. Essa costituisce per
capitale assicurato, con un limite di spesa di 100 milioni di ITL ciò stesso un aiuto non notificato e deve essere valutata in
per consorzio. relazione alla misura iniziale, ossia nel quadro dell’esame del
fascicolo nel quale figura quest’ultima (aiuto NN 37/98).
Alla luce delle informazioni disponibili, i consorzi in questione,
che sono enti privati costituiti dagli agricoltori stessi al fine di
aumentare il loro potere di negoziazione nella stipula dei con- Tenuto conto di quanto precede, la Commissione invita il go-
tratti assicurativi, intervengono in quanto erogatori di servizi verno italiano a presentare, nell’ambito del procedimento di cui
presso le compagnie assicurative. L’aiuto in questione, che ri- all’articolo 88, paragrafo 1, del trattato CE, le proprie osserva-
guarda la copertura delle spese di gestione, deve essere quindi zioni e a fornire tutte le informazioni utili ai fini della valuta-
esaminato alla luce del punto 14 degli orientamenti, che stabi- zione dell’aiuto entro un mese dalla ricezione della presente.
lisce quanto segue: Invita inoltre le autorità italiane a trasmettere senza indugio
copia della presente lettera al beneficiario potenziale dell’aiuto.
— qualora tali servizi siano prestati da associazioni di produt-
tori o da altre organizzazioni agricole di mutuo sostegno, La Commissione desidera richiamare all’attenzione dell’Italia
essi devono essere accessibili a tutti gli agricoltori e gli che l’articolo 88, paragrafo 3, del trattato CE, ha effetto so-
eventuali contributi ai costi amministrativi dell’associazione spensivo e che, in forza dell’articolo 14 del regolamento (CE)
od organizzazione di cui trattasi devono essere limitati ai n. 659/1999, essa può imporre allo Stato membro interessato
costi della prestazione del servizio, di recuperare ogni aiuto illegale dal beneficiario.
— l’importo globale degli aiuti non può superare i
100 000 EUR per beneficiario per un periodo di tre anni Con la presente la Commissione comunica all’Italia che infor-
oppure, nel caso di aiuti erogati a PMI, il 50 % dei costi merà gli interessati attraverso la pubblicazione della presente
ammissibili (tra le due possibilità viene concesso l’aiuto di lettera e di una sintesi della stessa nella Gazzetta ufficiale delle
entità superiore). Nella fattispecie Ł praticabile solo la prima Comunità europee. Tutti gli interessati anzidetti saranno invitati a
possibilità, in quanto si tratta di enti assimilabili ad orga- presentare osservazioni entro un mese dalla data di detta pub-
nizzazioni agricole di mutuo sostegno. blicazione.’