Anda di halaman 1dari 44

Lunario 2011

Il Crogiuolo ®

del Folklore e delle Tradizioni

Il Crogiuolo snc di Daniele e Diana Grassadonia


Via Carlo Imbonati, 3
2019 – Milano – Italia
P.Iva 11035450151
Tel 02/69.00.91.80 – 02/66.80.45.45
Fax 02/69.00.93.02
http://www.ilcrogiuolo.it
Email: info@ilcrogiuolo.it
All’alba del primo Ventennio de Il Crogiuolo® siamo lieti di proporvi la
nuova edizione del nostro Lunario 2011, un supporto di informazioni
fondamentali per chi si dedica seriamente all’esoterismo, certamente, ma
anche una ricca collezione di informazioni, curiosità e novità che potrete
trovare nel nostro Catalogo Online all’indirizzo www.ilcrogiuolo.it.
Il Lunario de Il Crogiuolo® viene realizzato appositamente per facilitare il
lavoro di chi opera a livello esoterico, le fasi lunari infatti vengono
suddivise in ragione dei vari tipi di operazione in maniera chiara e lineare.
Non mancano solstizi, equinozi e tutte le festività più importanti, dedicate
ai vari Santi che nei culti sincretici assumono rilevanza particolare e
naturalmente gli orari di alba e tramonto di ogni giorno dell’anno, per
permettere a chi pratica l’Alta Magia di ricavare con facilità le varie ore
planetarie.
L’edizione di quest’anno l’abbiamo voluta dedicare alla “Magia del Fuoco”
e delle candele. Scoprirete così come da secoli si lavora con questo
elemento e potrete conoscere pratiche e ritualistiche per cimentarsi in
quest’affascinante tecnica magica.
Nell’Augurarvi uno splendido 2011 vi ringraziamo per la preferenza che in
tutti questi anni ci avete accordato, spronandoci ad offrirVi sempre di più e
spingendoci a migliorare ogni giorno. Tantissimi Auguri di Cuore.

Lo staff de Il Crogiuolo®

Legenda
Questo simbolo indica l’entrata

* in luna nuova

Questo simbolo indica l’entrata

@ in luna piena

Questo simbolo indica la fase


di luna crescente

Questo simbolo indica la fase


di luna calante

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 2



Ricordatevi che…. Colori degli Orixàs e degli Exus

Offerte rituali: Quando eseguite degli Ogni Entità ha un colore specifico che predilige e che
Ebò rituali nei punti di forza delle rappresenta maggiormente la sua vibrazione
Entità, dovrete, prima di iniziare l’Ebò, energetica. La lista che segue é un’indicazione
bussare a terra tre volte chiedendo il generale dei colori preferiti dalle varie Entità.
consenso all’Entità padrona del luogo Ricordiamo che alcune Energie richiedono dei colori
di poter lasciare l’offerta in quel particolari, abbinati anche ai doni, che potrete
posto. Dopo aver invocato l’Entità e trovare nei corsi di magia brasiliana ATABAQUES® e
consegnato i doni rituali, saluate MACUMBA®.
l’Entità con il suo Orikì (saluto rituale),
fate tre passi all’indietro, voltatevi e Exu: rosso, nero, rosso e nero
andatevene senza più girarvi. Non Pomba Gira: rosso, nero, rosso e nero
dovrete più passare da quel luogo per Oxalá: bianco, sette colori
sette giorni e sette notti. Yançá: giallo e rosso, bianco, sette colori
Oxum: giallo, bianco, sette colori
Offerte nei cimiteri:quando si porta Yemanjá: azzurro chiaro, bianco, sette colori, rosa
un’offerta al cimitero é importante Oxumarê: giallo, sette colori, bianco
ricordarsi di lasciare sette monete Xangô: bianco e/o rosso, sette colori
dorate davanti alla porta del cimitero Oxossi: verde, marrone, bianco, sette colori
per Ogum Megé ed Exu Porteira, ed Ibeji: azzurro, rosa, bianco, sette colori
altre sette monete dorate all’interno Abaluaiê: viola, azzurro, bianco e nero, bianco, sette
del cimtero, per Yansã Balè, Omulù ed colori
Exu Caveira. Logum Edê:giallo, celeste, bianco, sette colori
Pretos Velhos: bianco e nero, bianco
Caboclos: verde, marrone, bianco
Offerte nei boschi: quando si fa
un’offerta nelle foreste si accende, Giorni degli Orixàs
all’entrata, una candela bianca ad
Ossain, quindi, appena dentro, una Lunedì: Exus e Pomba Giras, Abaluaê, Omulú,
verde per Oxossi.
Oxum: quando offrirete del miele a Pretos Velhos
Oxum dovrete assaggiarlo prima voi per Martedì: Naná, Oxumaré, Ewá
tre volte.
Mercoledì: Xangô, Yansá, Obá, lbeji
- Ricordatevi che nell’esecuzione di Giovedì: Ogum, Oxossi, Ossain
qualsiasi Rituale di Exu o Pomba Gira,
le candele e i defumadores dovranno Venerdi: Pomba Giras, Oxalá, Caboclos
essere accesi con dei fiammiferi di Sabato: Yemanjá, Oxum
legno, mentre per gli Orixás potrete
utilizzare un’accendino bianco. Domenica: Tutti i Santi con Oxalá in testa

- Ogni opera magica volta alla


purificazione (esorcismo) può essere
eseguita sia in luna calante che in luna
crescente.

- Gli Exus e le Pomba Giras possono


essere invocate sia il lunedì che il
venerdì, si utilizzerà la luna calante
per opere volte al negativo, la luna
crescente per opere volte al positivo.

- Per ottenere un maggior contatto con


l’Energia degli Orixàs vi consigliamo di
invocarli dalle 06.00 del mattino alle
18.00 della sera, per gli Exus e le
Pomba Giras dalle 18.00 della sera a
dieci minuti prima della mezzanotte.

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 3


GENNAIO 2011
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

1 S Festa di Oxalà nelle vesti di Bonfim, Sili Dantò 7.38 16.49


2 D San Deshacedor 7.38 16.50
3 L 7.38 16.51
Nuova * 4 M 7.38 16.52
5 M 7.38 16.53
6 G Epifania di Nostro Signore 7.38 16.54
7 V 7.38 16.55
8 S 7.38 16.56
9 D 7.37 16.57
Luna Crescente

10 L 7.37 16.58
11 M 7.37 16.59
12 M Festa di Ossain (S. Benedetto) 7.37 17.00
13 G 7.36 17.01
14 V 7.36 17.02
15 S 7.35 17.03
16 D 7.35 17.05
17 L Sant’Antonio Abate 7.35 17.06
18 M 7.34 17.07
Piena @ 19 M Santa Marta La Dominadora 7.33 17.08
1 20 G Festa di Oxossi (S. Sebastiano) 7.33 17.09
21 V Vergine di Altagrazia 7.32 17.11
22 S 7.32 17.12
23 D 7.31 17.13
Luna Calante

24 L 7.30 17.14
25 M 7.29 17.16
26 M 7.29 17.17
27 G 7.28 17.18
28 V 7.27 17.19
29 S 7.26 17.21
30 D 7.25 17.22
31 L San Giovanni Busco 7.24 17.23

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 4


Febbraio 2011
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

1 M 7.23 17.25
2 M Festa di Yemanjà nelle vesti di Calunga - Rituale Candelora 7.22 17.26
Nuova * 3 G Festa di Omulù - Protettore della Salute - San Biagio 7.21 17.27
4 V 7.20 17.28
5 S 7.19 17.30
6 D 7.18 17.31
7 L 7.17 17.32
8 M 7.15 17.34
Luna Crescente

9 M 7.14 17.35
10 G 7.13 17.36
11 V 7.12 17.37
12 S 7.10 17.39
13 D 7.09 17.40
14 L 7.08 17.41
15 M 7.06 17.42
16 M 7.05 17.44
17 G 7.04 17.45
Piena @ 18 V 7.02 17.46
19 S 7.01 17.47
20 D 6.59 17.49
21 L 6.58 17.50
Luna Calante

22 M Santa Margherita 6.57 17.51


23 M 6.55 17.52
24 G 6.54 17.54
25 V 6.52 17.55
26 S 6.50 17.56
27 D 6.49 17.57
28 L 6.47 17.58

Catalogo 2011 de Il Crogiuolo®

Richiedilo subito allo 02/69.00.91.80

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 5


Marzo 2011
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

1 M 6.46 18.00
2 M 6.44 18.01
3 G 6.43 18.02
Nuova * 4 V 6.41 18.03
5 S 6.39 18.04
6 D 6.38 18.06
7 L 6.36 18.07
8 M 6.34 18.08
9 M 6.33 18.09
Luna Crescente

Le Ceneri

10 G 6.31 18.10
11 V 6.30 18.11
12 S 6.28 18.13
13 D 6.26 18.14
14 L 6.24 18.15
15 M 6.23 18.16
16 M 6.21 18.17
17 G San Patrizio - Damballah 6.19 18.18
18 V 6.18 18.19
Piena @ 19 S San Giuseppe (nel Voodoo Papa Loko) 6.16 18.21
20 D 6.14 18.22
21 L San Benedetto 6.13 18.23
22 M 6.11 18.24
23 M 6.09 18.25
Luna Calante

24 G 6.07 18.26
25 V 6.06 18.27
26 S 6.04 18.28
27 D 6.02 18.29
28 L 6.01 18.31
29 M 5.59 18.32
30 M 5.57 18.33
31 G 5.55 18.34

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 6


Aprile 2011
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

1 V 5.54 18.35
2 S 5.52 18.36
Nuova * 3 D 5.50 18.37
4 L San Isidoro Zaka (Loa Voodoo) 5.49 18.38
5 M 5.47 18.39
6 M Sili Dantò 5.45 18.41
7 G 5.44 18.42
8 V 5.42 18.43
Luna Crescente

9 S 5.40 18.44
10 D 5.39 18.45
11 L 5.37 18.46
12 M Pasqua di Resurrezione 5.35 18.47
13 M Lunedì dell’Angelo 5.34 18.48
14 G 5.32 18.49
15 V 5.31 18.50
16 S 5.29 18.52
17 D Le Palme 5.27 18.53
Piena @ 18 L 5.26 18.54
19 M Festa di Logum Edè (S. Espedito) 5.24 18.55
20 M 5.23 18.56
21 G 5.21 18.57
22 V 5.20 18.58
Luna Calante

23 S Festa di Ogum (São Jorge) 5.18 18.59


24 D Pasqua di resurrezione 5.17 19.00
25 L Lunedì dell’Angelo, San Marcos de Leon 5.15 19.01
26 M 5.14 19.03
27 M 5.12 19.04
28 G 5.11 19.05
29 V 5.10 19.06
30 S 5.08 19.07

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 7


Maggio 2011
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

1 D 5.07 19.08
2 L 5.06 19.09
Nuova * 3 M 5.04 19.10
4 M 5.03 19.11
5 G 5.02 19.12
6 V 5.01 19.14
7 S 4.59 19.15
Luna Crescente

8 D 4.58 19.16
9 L 4.57 19.17
10 M 4.56 19.18
11 M 4.55 19.19
12 G San Pancrazio 4.54 19.20
13 V Festa dei Pretos Velhos 4.52 19.21
14 S 4.51 19.22
15 D 4.50 19.23
16 L 4.49 19.24
Piena @ 17 M 4.48 19.25
18 M 4.48 19.26
19 G 4.47 19.27
20 V 4.46 19.28
21 S 4.45 19.29
22 D 4.44 19.30
Luna Calante

23 L 4.43 19.31
24 M Maria Ausiliatrice 4.42 19.32
25 M 4.42 19.33
26 G 4.41 19.33
27 V 4.40 19.34
28 S 4.40 19.35
29 D 4.39 19.36
30 L 4.39 19.37
31 M 4.38 19.38

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 8


Giugno 2011
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

Nuova * 1 M 4.38 19.38


2 G 4.37 19.39
3 V 4.37 19.40
4 S 4.36 19.41
5 D 4.36 19.41
Luna Crescente

6 L San Norberto, Ochossi nella Santeria 4.36 19.42


7 M 4.35 19.43
8 M 4.35 19.43
9 G 4.35 19.44
10 V 4.35 19.44
11 S 4.35 19.45
12 D Festa di Ogum Xoroquè, Ogum cruzado ad Exù - Pentecoste 4.34 19.45
13 L Festa di Elegbarà ( S. Antonio), S. Antonio da Padova 4.34 19.46
14 M 4.34 19.46
Piena @ 15 M 4.34 19.47
16 G 4.34 19.47
17 V 4.34 19.48
18 S 4.34 19.48
19 D 4.35 19.48
20 L 4.35 19.48
21 M 4.35 19.49
Luna Calante

San Luigi Gonzaga

22 M 4.35 19.49
23 G 4.35 19.49
24 V Festa di Xangô Caô (S.Giovanni Battista) 4.36 19.49
25 S 4.36 19.49
26 D Festa di Obà ( Santa Giovanna D’arco) 4.36 19.49
27 L Vergine del Perpetuo Soccorso 4.37 19.49
28 M 4.37 19.49
29 M Festa di Xangô Agajó (San Pietro e Paolo) 4.37 19.49
30 G 4.38 19.49

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 9


Luglio 2011
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

Nuova * 1 V 4.38 19.47


2 S Festa dei Caboclos. Si festeggiano le anime degli Indios 4.39 19.46
3 D 4.40 19.46
4 L 4.40 19.45
5 M 4.41 19.45
Luna Crescente

6 M Sili Dantò 4.41 19.44


7 G 4.42 19.44
8 V 4.43 19.43
9 S 4.43 19.47
10 D 4.44 19.46
11 L 4.45 19.46
12 M 4.45 19.45
13 M 4.46 19.45
14 G 4.47 19.44
Piena @ 15 V 4.48 19.44
16 S Madonna del Carmelo (nel Voodoo Nana) 4.49 19.43
17 D San Alessio 4.50 19.42
18 L 4.50 19.42
19 M 4.51 19.41
20 M San Elia (Nel Voodoo Baron del Cementerio) 4.52 19.40
Luna Calante

21 G 4.53 19.39
22 V 4.54 19.39
23 S Santa Brigida (nel Voodoo Maman Brigitte) 4.55 19.38
24 D 4.56 19.37
25 L San Giacomo (nel Voodoo Ogun Bhalinhjò), San Cristoforo 4.57 19.36
26 M Festa di Nanã Madre di tutti gli Orixàs, Sant’Anna 4.58 19.35
27 M 4.59 19.34
28 G 5.00 19.33
29 V Santa Marta 5.01 19.32
Nuova * 30 S 5.01 19.31
31 D 5.02 19.30

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 10


Agosto 2011
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

1 L 5.03 19.29
2 M 5.04 19.28
3 M 5.05 19.27
4 G 5.06 19.25
Luna Crescente

5 V 5.07 19.24
6 S 5.08 19.23
7 D 5.09 19.22
8 L 5.10 19.20
9 M 5.11 19.19
10 M San Lorenzo (Iroko) 5.12 19.18
11 G Santa Chiara (nel Voodoo Aizan) 5.13 19.16
12 V 5.14 19.15
Piena @ 13 S Santa Redegonda 5.15 19.14
14 D 5.17 19.12
15 L Festa di Yemanjá 5.18 19.11
16 M Festa di Omulú (San Rocco) il guaritore di piaghe e cancrene 5.19 19.09
17 M 5.20 19.08
18 G Santa Elena 5.21 19.07
19 V 5.22 19.05
Luna Calante

20 S 5.23 19.04
21 D 5.24 19.02
22 L 5.25 19.00
23 M 5.26 18.59
24 M Oxumarê (S.Bartolomeo) il grande serpente cosmico 5.27 18.57
25 G 5.28 18.56
26 V Mater Salvatoris (nel Voodoo Erzulie Danthor) 5.29 18.54
27 S 5.30 18.53
28 D 5.31 18.51
Nuova * 29 L 5.32 18.49
30 M 5.33 18.48
31 M 5.34 18.46

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 11


Settembre 2011
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

1 G 5.35 18.44
2 V San Mosè (nel Voodoo Damballah Petrò) 5.36 18.43
3 S 5.37 18.41
Luna Crescente

4 D Santa Rosalia 5.38 18.39


5 L 5.39 18.38
6 M 5.40 18.36
7 M Madonna di Regla 5.41 18.34
8 G Madonna del Cobre 5.42 18.33
9 V 5.43 18.31
10 S San Nicola da Tolentino 5.44 18.29
11 D 5.45 18.27
Piena @ 12 L 5.46 18.26
13 M 5.48 18.24
14 M 5.49 18.22
15 G Mater Dolorosa (Nel Voodoo Erzulie Freda) 5.50 18.20
16 V 5.51 18.19
17 S 5.52 18.17
Luna Calante

18 D 5.53 18.15
19 L 5.54 18.13
20 M Sant Eustachio 5.55 18.12
21 M 5.56 18.10
22 G 5.57 18.08
23 V 5.58 18.06
24 S Madonna della Mercede 5.59 18.05
25 D 6.00 18.03
26 L Festa degli Ibeji (Cosme e Damiano), i santi gemelli protettori 6.01 18.01
Nuova * 27 M 6.02 17.59
28 M San Venceslao 6.03 17.58
29 G Festa di Xangô Alafi Exê (S.Michele) 6.04 17.56
30 V Festa di Xangô Agodó (S. Gerolamo) 6.05 17.54

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 12


Ottobre 2011
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

1 S 6.06 17.53
2 D Festa dell’Anjo da Guardia, protettore spirituale 6.07 17.51
3 L San Gerardo (nel Voodoo Baron Lacruà) 6.08 17.49
Luna Crescente

4 M Festa di Ifà, San Francesco d’Assisi 6.10 17.47


5 M 6.11 17.46
6 G 6.12 17.44
7 V 6.13 17.42
8 S 6.14 17.41
9 D 6.15 17.39
10 L San Daniele 6.16 17.37
11 M San Luis Beltran 6.17 17.36
Piena @ 12 M 6.18 17.34
13 G 6.19 17.33
14 V 6.21 17.31
15 S 6.22 17.29
16 D Santa Edvige 6.23 17.28
17 L 6.24 17.26
Luna Calante

18 M 6.25 17.25
19 M 6.26 17.23
20 G Santa Marta 6.27 17.22
21 V Santa Orsola 6.29 17.20
22 S 6.30 17.19
23 D 6.31 17.17
24 L SSan Raffele Arcangelo 6.32 17.16
25 M 6.33 17.14
Nuova * 26 M 6.35 17.13
27 G 6.36 17.11
28 V San Giuda Taddeo 6.37 17.10
29 S 6.38 17.09
30 D 6.39 17.07
31 L Halloween si consiglia l’esecuzione della Ritualistica 6.41 17.06

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 13


Novembre 2011
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

1 M Ognissanti 6.42 17.05


2 M Festa in Onore dei Defunti e di tutte le Entità cimiteriali 6.43 17.04
Luna Crescente

3 G San Martin De Porres 6.44 17.02


4 V San Carlo Borromeo (nel Voodoo Candelo) 6.45 17.01
5 S 6.47 17.00
6 D 6.48 16.59
7 L 6.49 16.58
8 M 6.50 16.57
9 M 6.52 16.56
Piena @ 10 G 6.53 16.54
11 V San Martino di Tours (nel Voodoo Ogum Bhatalah) 6.54 16.53
12 S 6.55 16.52
13 D 6.57 16.51
14 L 6.58 16.51
15 M 6.59 16.50
Luna Calante

16 M 7.00 16.49
17 G 7.01 16.48
18 V 7.03 16.47
19 S 7.04 16.46
20 D 7.05 16.46
21 L Madonna di Regla 7.06 16.45
22 M 7.07 16.44
23 M 7.09 16.44
24 G 7.10 16.43
Nuova * 25 V Santa Caterina da Alessandria 7.11 16.43
26 S 7.12 16.42
27 D 7.13 16.42
28 L 7.14 16.41
29 M 7.15 16.41
30 M Sant’Andrea (nel Voodoo Ogum Ashadè) - Met Kalfou 7.16 16.40

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 14


Dicembre 2011
Fase Lunare Giorno Festività Esoteriche Alba Tram

1 G 7.18 16.40
2 V 7.19 16.40
Luna Crescente

3 S 7.20 16.39
4 D Festa di Yansá (S.Barbara) 7.21 16.39
5 L 7.22 16.39
6 M San Nicola (nel Voodoo il Sole) 7.23 16.39
7 M 7.24 16.39
8 G Festa di Oxùm, Immacolata Concezione 7.24 16.39
9 V 7.25 16.39
Piena @ 10 S Nostra Signora di Loreto 7.26 16.39
11 D 7.27 16.39
12 L 7.28 16.39
13 M Santa Lucia 7.29 16.39
14 M 7.29 16.39
Luna Calante

15 G 7.30 16.40
16 V 7.31 16.40
17 S Festa di Abaluayê (S.Lazzaro) 7.32 16.40
18 D 7.32 16.40
19 L 7.33 16.41
20 M 7.33 16.41
21 M 7.34 16.42
22 G 7.35 16.42
23 V Santo Nino de Atocha 7.35 16.43
Nuova * 24 S 7.35 16.43
25 D Festa di Oxalá bambino, Natale 7.36 16.44
Luna Crescente

26 L 7.36 16.45
27 M 7.37 16.45
28 M 7.37 16.46
29 G 7.37 16.47
30 V 7.37 16.47
31 S Festa di Yemanjá - San Silvestro - Ossagne 7.38 16.48

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 15


La Candelora
Cerimonia degli Orixàs

IL CROGIUOLO® è lieto di informavi che è


disponibile il RITUALE DELLA CANDELORA.
Unico e irripetibile nel suo genere viene
eseguito una volta all’anno, è quindi
un’occasione da non perdere per propiziarsi la
benevolenza e la benedizione di tutti gli
Orixás. Questo rituale preparato secondo
antiche tradizioni brasiliane viene consacrato e
personalizzato, per ottenere una perfetta
efficacia: dovrete quindi inviare i Vostri dati o
quelli del Vostro cliente. Essendo esclusivo,
data la sua particolare preparazione, è
disponibile per un periodo limitato, Vi
preghiamo di prenotarlo anticipatamente,
comunicando anche i dati personali – nome,
cognome e data di nascita.
Questo RITO è un potentissimo strumento per
propiziare la protezione degli ORIXÁS (Entità
Brasiliane, dirette emanazioni di DIO, che presiedono alla vita dell’uomo
proteggendolo ed aiutandolo a superare ogni problema e ogni difficoltà e a
raggiungere gli obiettivi prefissati sia
in amore che nel lavoro o nella salute). Eseguire il rituale della Candelora
significa, secondo la tradizione, assicurarsi un anno prospero e ricco, pieno
di amore, di soddisfazioni nel lavoro, di pace e di serenità. Inoltre, il rituale
apre automaticamente i canali di comunicazione con gli Orixás: in questo
modo la Loro benevolenza e il Loro infinito amore Vi accompagneranno per
tutti i dodici mesi in cui ha effetto il rito, accrescendo le Vostre
potenzialità e le vostre doti di
operatori dell’occulto. Il Rituale della Candelora è di semplice e facile
esecuzione ma i
suoi poteri sono infiniti, e i risultati che otterrete stupefacenti. Il Rituale
dovrà essere eseguito il primo giorno di febbraio, 10 minuti prima delle ore
24.00 (mezzanotte).
Ci auguriamo che vogliate iniziare l’anno magico con il Rituale della
Candelora. Axè,

Il Crogiuolo®
Rit 100 - Disponibile a Euro 100,00

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 16


RITUALE DEL PAGAMENTO ALLA TERRA

In tutte le antiche culture, in ogni parte del mondo, in prossimità della fine
dell’anno o in momenti particolari dell’esistenza si realizza la cerimonia del
“pagamento alla terra”. Il rito consiste praticamente in un’offerta alla
Madre Terra, madre del cosmo e di tutto ciò che contiene, per propiziare il
nuovo anno, certamente, ma anche per ottenere, durante l’anno,
l’esaudimento di una richiesta particolare.
Presso gli antichi Celti era prassi comune nutrire di doni la terra, ma la
stessa pratica la troviamo in ogni parte del mondo con pochissime
variazioni. Nelle tradizioni africane e per riflesso in quelle afroamericane, il
rituale è chiamato Ebò Ikuò ed è indirizzato a Onilé, Orixà della terra in se
stessa o a Nanà Burukù. Nelle culture andine il rituale è rivolto alla
Pachamama, la Madre Terra. Il filo conduttore di queste pratiche
millenarie, che per certi versi lascia stupiti, è che le pratiche di pagamento
alla terra sono tutte simili, come fossero state rivelate, in un passato
remoto, dalle stesse divinità agli esseri umani.
Il rito che segue può essere dunque eseguito per:

propiziare il nuovo anno allontanando la malattia, la povertà, le lacrime,


la solitudine in cambio di salute, abbondanza, amore e serenità.
risolvere un problema specifico in ambito di salute, denaro, amore o
legato alla propria famiglia. eliminare vizi, comportamenti sbagliati,
chiacchiere e per estensione tenere lontani i nemici.

Rit 346 - Disponibile a Euro 89,00

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 17


Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 18
Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 19
MAGIA DEL FUOCO
Dei quattro elementi il Fuoco è
sicuramente quello maggiormente
impiegato in Esoterismo e che ci
accompagna fin dal primo anno di
vita: ricordate quando soffiaste la
prima candelina sulla torta di
compleanno… allora forse non ne
eravate consapevoli, ma era il
primo incanto che avreste eseguito
nella vostra vita. Una fiamma, una
speranza, un desiderio… e l’attesa
che si concretizzasse. Abbiamo
voluto dedicare questa edizione del
Lunario 2011 de Il Crogiuolo®, in
occasione del ventennale
dell’Azienda, alla magia del fuoco
ed alle sue applicazioni mediante l’impiego di candele e lampade magiche.
L’uso delle fiamme nella pratica spirituale, esoterica e religiosa è fondamentale.
Accendere una candela o una fiamma significa automaticamente creare un legame con il
divino che trascende il gesto in sè aprendo un varco tra il mondo degli uomini e quello
spirituale.
I primi rudimenti della magia del fuoco sono presenti nella Bibbia dove si descrivono con
estrema cura le modalità di alimentazione e preparazione della lampade del tabernacolo
nonchè l’importanza delle lampade nel culto del Dio d’Israele.
L’ Esoterismo ha adottato l'uso delle candele dalla ritualistica ebrea e cristiana. La
candela medesima viene a rappresentare l’anima e la fiamma rappresenta la preghiera
che si eleva verso Dio o una sua diretta emanaziane. La tradizione vuole che la preghiera
duri il tempo della fiamma stessa della candela. Più la fiamma ha durata, maggiormente
forte sarà la richiesta. Questa idea è presente anche nel concetto che sta alla base delle
novene cattoliche. Le novene sono delle preghiere che vengono recitate per nove giorni
consecutivi. Ogni giorno si recitano le orazioni d’obbligo e si accende una candela. In
commercio esistono anche candele della durata di nove giorni che accompagnano questo
pio esercizio spirituale per tutta la sua durata.
Nella simbologia della candela sono inoltre presenti i quattro elementi che reggono in
cosmo: la terra nella cera, il fuoco nella fiamma, l’acqua nello sciogliersi della cera e
l’aria nel fumo che sale dalla combustione.
L’impiego delle candele, nelle varie tradizioni esoteriche, segue regole ben precise e nel
corso degli anni i sacerdoti hanno elaborato uno schema di impiego che si rifà a una
tradizione ormai codificata e accettata da tutti.
Nella ritualistica le candele impiegate vengono “vestite” ossia unte con un olio esoterico
appropriato allo scopo che si intende perseguire. L’unzione delle candele deve avvenire
in un certo modo, non è sufficiente bagnare la candela con l’olio giusto, occorre seguire
alcune indicazioni di base.
La vestizione delle candele è una sorta di consacrazione. Questa viene fatta con l’ausilio
di olii esoterici che catalizzano il pensiero dell’officiante e caricano in questo modo la
candela della loro richiesta. La cera è un materiale che ha una forte capacità
magnetica, assorbe facilmente emozioni e pensieri che libera nella propria combustione.
Questo spiega il suo utilizzo, a livello esoterico, nelle preghiere cattoliche, nelle chiese,

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 20


nei templi...ma anche nella preparazione di bambole o feticci che vengono impiegati
per curare o danneggiare.
La scelta dell’olio da utilizzare varia a seconda dello scopo che si persegue. In
commercio esistono moltissimi olii esoterici per l’amore, il denaro, la
fortuna...impiegate quello che maggiormente risponde alle vostre esigenze. Qualora vi
troviate in difficoltà sulla scelta, se naturalmente il rituale che volete compiere non è
un rito di attacco, potrete utilizzare dell’essenza di Van Van, dal momento che attua in
diversi campi.
La vestizione di una candela segue un preciso svolgimento: intingete l’indice della mano
destra nell’olio, segnatevi, mentalizzate la richiesta e procedete all’unzione in questo
modo: dallo stoppino verso il centro e dalla base verso il centro per attirare qualcosa
(amore, denaro, fortuna, successo...ma anche negatività se state impiegando una
bambola nera in cera e la volete ungere con il terribile olio Black Arts/Arte Negro); dal
centro verso lo stoppino e successivamente dal centro verso la base se desiderate
bandire o allontanare qualcosa (nemici, negatività....).

Anche il colore della candela ha una sua importanza specifica. Ogni colore ha il suo
significato. A seconda della richiesta occorre infatti scegliere il colore appropriato.
Esistono diversi tipi di ceri che si usano nelle pratiche esoteriche:

- le candele da Veglia (chiamate velones o sete dias)


- le candele stilo
- le candele figurate
- le candele ritualizzate

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 21


CANDELE DA VEGLIA

I ceri da veglia sono quelli maggiormente impiegati in ambito esoterico, sia come offerta
alle varie entità, sia come ceri per illuminare più giorni un particolare lavoro. Le più
note candele da veglia sono le cosidette Sete Dias o Velones, ceri che hanno la durata di
più giorni (dai due ai sette). Per certi versi hanno lo stesso significato, in ambito di
offerta, delle candele che si accendono ai propri cari al cimitero, tuttavia quest’ultimo
tipo di ceri, nelle pratiche esoteriche, andrebbe evitato. Le pratiche rituali si basano
sulla simbologia ed i ceri da cimitero hanno forti legami simbolici con la morte ed il
cordoglio, pertanto non si prestano ad allestire opere di altro genere.

LE CANDELE STILO

Le candele stilo sono le classiche candele da altare. Hanno una durata che varia dalle sei
alle otto ore. Sono ottimali nelle pratiche quotidiane, nella divinazione o per impetrare
un aiuto dall’alto.

LE CANDELE FIGURATE

Le candele figurate sono ceri dalle forme specifiche (uomo, donna, parti anatomiche,
chiavi, animali…) che si utilizzano nelle ritualistiche per ottenere o rappresentare target
specifici. Nei riti di unione, ad esempio, spesso si impiegano candele che rappresentano
i soggetti su cui si intende intervenire. Rientrano in questa categoria anche le candele
che rappresentano particolari soggetti o santi cattolici. In questo caso la candela
rappresenta l’intervento del santo e può venire anche offerta allo stesso come dono o
come ringraziamento per grazia ricevuta.

LE CANDELE RITUALIZZATE

Le candele ritualizzate sono ceri che vengono preparati in maniera specifica mediante
l’impiego di olii essenziali aggiunti alla colatura e cosparsi al loro esterno di erbe e
polveri specifiche. Si considerano candele ritualizzate tutti i ceri preparati mediante
ritualistica.

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 22


COLORI E SIGNIFICATO

Abbiamo accennato all’importanza del colore. In natura ogni colore ha una vibrazione e
nelle pratiche rituali le affinità cromatiche sono considerate vere e proprie vibrazioni
esoteriche, in grado di catalizzare un pensiero e concretizzarne la realizzazione. Ecco i
significati cromatici delle candele ed il loro impiego esoterico.

Le candele bianche si utilizzano per portare pace e chiarezza, per apportare


luce e serenità, nonché protezione. Rappresentano i punti più alti dello spirito
e vengono offerte al proprio Angelo Custode (accese sempre in un posto più
alto della propria testa ed affiancate da un bicchiere con acqua pura) o ad
entità elevate quali Oxalà, Santa Chiara, Damballah… Le candele bianche
possono essere comunque offerte a tutte le entità come dono. Nella tradizione
salomonica è associata alla Luna ed all’arcangelo Gabriel.
Se usata al negativo, ossia facendovi colare sopra della cera di una candela
nera, si impiega per portare corruzione, debilitare, timidezza, impotenza,
mancanza di ambizione.

Le candele gialle rappresentano la gioia, la prosperità, il denaro,


l’abbondanza… ma anche la gelosia. Si offrono normalmente, nell’Umbanda a
Oxùm, la signora dei fiumi e della seduzione, nel vudu ad Anaisa, spiriti che
oltre a portare ricchezza sono invocate moltissimo a livello di unione e di
seduzione. Il giallo è legato alla terra, al raccolto. Le candele gialle possono
sostituire quelle dorate nelle ritualistiche di prosperità. Nella tradizione
salomonica le candele gialle sono legate alla sfera planetaria del sole ed
all’arcangelo Michael.
Se usata al negativo, ossia facendovi colare sopra della cera di una candela
nera, si impiega per causare gelosia, adulterio, mancanza di ambizione e
codardia.

Le candele verdi rappresentano il fiorire delle situazioni e si accendono nelle


opere di prosperità e di fortuna, nonché per vincere al gioco. Si impiegano
altresì per favorire le amicizie, nonchè le relazioni di carattere sociale.
Nell’Umbanda si offrono a Oxossi, il signore delle foreste, mentre nel vudu
dominicano a Belié. Nella tradizione salomonica il verde associato alla sfera di
venere ed all’arcangelo Anael.
Se usata al negativo, ossia facendovi colare sopra della cera di una candela
nera, si impiega per portare sospetto, disarmonia, avarizia, invidia e gelosia.

Le candele azzurre si accendono per portare intesa, armonia e pace in casa o


comunque in ambiente domestico. Propiziano la concordia e la serenità. Nella
tradizione umbanda l’azzurro è legato a Iemanjà, la signora del Mare, la madre
di tutti gli Orixàs. Si usano candele azzurre anche per favorire o propiziare una
gravidanza. Nel vudù questo colore è associato alla Sirén ed agli spiriti
femminili. Se usata al negativo, ossia facendovi colare sopra della cera di una
candela nera, si impiega per portare lacrime e melanconia.

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 23


Il colore blu si usa per proteggere dai pericoli, nei viaggi e per combatte il
malocchio, per impetrare la pazienza e la comprensione. Eccellente per la
meditazione e lo sviluppo delle facoltà extrasensoriali. Si impiega il colore blu
anche in ambito legale, per trionfare nei processi. Nell’umbanda è associato a
Iemanjà e ad Ogum, nel vudù è il colore di Ogun Balenyò. Nella tradizione
salomonica è legato a giove ed all’arcangelo Zadkiel, entità angelica invocata
per ottenere denaro, abbondanza e prosperità. Se usata al negativo, ossia
facendovi colare sopra della cera di una candela nera, si impiega per causare
depressione, frigidità, apatia.

Le candele rosa sono legate ai sentimenti ed all’amore, ma anche all’amicizia,


alla comprensione ed all’intesa. Si accendono altresì per ottenere
l’esaudimento di un desiderio specifico o per fare trionfare la morale.
Nell’umbanda il rosa è il colore di Obà, mentre nel vudù si associa a Metresilì.
Nelle pratiche esoteriche tradizionali il rosa è legato alle opere di amore
romantico ed è considerato un colore venusiano.

Il colore rosso è associato alla passione, al fuoco, al desiderio, alla lotta,


all’affermazione di se. Si tratta di uno dei colori più versatili della scala
cromatica. Nella tradizione umbanda il rosso è legato a Ogùm, a Xangò, a
Iansà, a Barà ed a Pomba Gira… nel vudù a Candelo. Nella tradizione
salomonica è il colore di marte ed è legato all’arcangelo Samael.
Se usata al negativo, ossia facendovi colare sopra della cera di una candela
nera, si impiega per causare rabbia, anarchia, lotte, crudeltà e spirito di
vendetta.

Le candele marroni si accendono per ottenere concretezza, prosperità, denaro.


Per sbloccare le situazioni burocratiche e per favorire le vertenze. Si bruciano
candele marroni anche quando, in vista di un processo, si vuole confondere i
testimoni contrari alla propria causa. Nell’umbanda il marrone è legato alle
entità antiche, tra queste anche Nanà, ed a Xangò; nel vudù è legato a Papa
Legba e Mama Bujita.

Le candele arancioni sono legate alla prosperità ed all’apertura dei cammini,


al successo, al trionfo ed alla prosperità. In alcuni testi esoterici i rituali
d’amore si consigliano accompagnati da questo colore, per evitare l’eccessiva
ingerenza del rosso (ma questa è un’opinione non condivisa). Nel vudù viene
talvolta offerta a Chango Macho. Alcuni associano il colore arancio alle
vibrazioni planetarie di mercurio, per questo impiegano questa candela per
favorire i contatti, la dialettica, gli esami ed i concorsi, oltre i traffici
finanziari. Nella pratiche rituali le candele di colore arancione si usano per
persuadere qualcuno a fare ciò che si desidera o quando si desidera tenere
bambini e adolescenti sotto controllo. Se usata al negativo, ossia facendovi
colare sopra della cera di una candela nera, si impiega per portare
inconsistenza, adulterio, perfidia.

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 24


Le candele viola sono associate alla spiritualità, alla cura, alle eredità, alla
saggezza ed alle entità cimiteriali. I ceri viola sono i maggiormente sfruttati
nelle opere di dominio e di controllo, ma anche per ottenere potere ed
aumentare ciò che già si possiede. Nell’umbanda il viola è legato a San
Lazzaro, mentre nel vudù al Baron del Cementerio, a Santa Marta
Dominadora…

Nonostante il nero sia un colore che ha una fama nefasta, per il suo impiego
nelle opere di attacco, separazione e vendetta ha diverse valenze positive.
Venendo a rappresentare anche ciò “che non si desidera” si impiega nelle
opere di purificazione e per eliminare il male. Nell’umbanda è associato alle
entità cimiteriali, lo stesso avviene nel vudù. Nella tradizione planetaria è
associato a saturno ed all’arcangelo Thavael.

Le candele color argento, aldilà delle loro valenze lunari, si impiegano nelle
opere di prosperità e di denaro. Nella tradizione latinoamericana le candele
argentate si offrono a Don Juan del Dinero, lo spirito della prosperità e della
moneta. Bruciata insieme ad una candela oro si impiega per incrementare il
traffico commerciale in un’impresa o in un negozio.

Le candele color oro invece rappresentano l’abbondanza, il successo, la


ricchezza, lo status sociale elevato. Si accendono nei rituali di prosperità per
propiziare il buon esito di un’attività. Le candele color oro hanno una forte
valenza commerciale. Nella tradizione planetaria è evidente la sua
associazione alla sfera del sole. Viene spesso offerta a Chango Macho.

Nei ceri da veglia una categoria molto importante è occupata dalle candele ad azione
multipla, si tratta di ceri di più colori che sintetizzano richieste specifiche e ne
veicolano l’esaudimento e l’attuazione.

Le candele bicolore bianche e nere rappresentano il trionfo del positivo sul


negativo. Se nell’umbanda sono associate normalmente alle entità cimiteriali,
nella tradizione esoterica si impiegano per eliminare il male, negli esorcismi e
nelle opere di purificazione. Si usa anche per cancellare o occultare le cose.

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 25


Le candele bianche e azzurre vengono offerte, nella tradizione mistica, alle
varie epiclesi della Vergine Maria, nell’umbanda si offrono a Iemanjà. Si
utilizzano per portare pace e serenità in casa, per apportare serenità e per
propiziare una gravidanza (o per tutelarla). Si accendono in casa quando
l’ambiente è caricato da incomprensioni e litigi per portare serenità e
comprensione. Questo cero favorisce i rapporti coniugali ed elimina le
incomprensioni.

Le candele bianche e rosse, nell’umbanda, sono associate a Xangò (sono i suoi


colori principali), nel vudù si offrono a San Raimondo, contro i pettegolezzi ed
in tutte le opere di controllo e di dominio. Questo cero, nel gergo, è conosciuto
come Dominante. Si usa per placare le lotte e per raffreddare i caratteri
furiosi.

Le candele rosse e gialle sono chiamate popolarmente Destranca Tudo (sblocca


tutto) e si usano per sbloccare le situazioni. Nell’umbanda si offrono a Iansà,
santa Barbara. Per certi versi sostituiscono in maniera potenziata le candele
arancioni. Questo tipo di ceri si impiegano anche per eliminare le ossessioni e
per favorire la concentrazione.

Se è vero che nell’umbanda e nella quimbanda questo tipo di candele ha una


valenza cimiteriale, è anche vero che nella pratica quotidiana si impiegano per
eliminare gli ostacoli alla prosperità. Si accendono per rompere i blocchi
finanziari nelle imprese e per favorire gli introiti. Si usa anche per spezzare le
fatture atte a creare fallimenti.

Le candele gialle e verdi coniugano simbologia e valenza dei due colori. Si


impiegano per propiziare la fortuna, gli introiti rapidi, il successo, il lavoro. Nel
linguaggio popolare sono chiamate Suerte Rapida, perché si dice che
favoriscano la riuscita economica in tempi rapidissimi. Nella tradizione
umbanda sono associate a Orumilà, il profeta di Ifà, per questo vengono accese
anche ascopo divinatorio.

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 26


Le candele verdi e nere si impiegano per sbloccare una situazione economica
ferma, per venire pagati dai creditori, per ottenere un aumento o un
pagamento. Nella santeria queste candele vengono offerte a Ogun. Nella
pratica popolare sono molto sfruttate per fare arrivare somme di denaro o per
porre fine ad un periodo di crisi o difficoltà economica. Si usa anche per
spezzare le fatture eseguite con l’intento di rovinare economicamente una
persona.

Le candele verdi e rosse sono chiamate popolarmente Amor y Dinero (amore e


denaro) e si accendono nella magia simpatica per propiziare
contemporaneamente questi campi. Nel vudù queste candele si offrono a san
Michele, Belié Belcàn e nella brujeria si offrono allo spirito della Chuparrosa
(colibrì) per impetrare fortuna e buona sorte

Nell’umbanda e nella quimbanda il cero rosso e nero è la candela di Exù e di


Pomba Gira e viene invariabilmente impiegata nelle loro ritualistiche. A livello
simbolico questa candela si accende per aprire i cammini e per ottenere
successo. Si usa anche per far trionfare la passione sul rifiuto, coniugando i
poteri del colore rosso e del colore nero. Si accendono candele rosse e nere
anche per l’affermazione del se e per propiziare il successo in ogni impresa. Le
candele rosse e nere vengono impiegate anche per allontanare una persona
indesiderata, un vicino che da dei problemi, scocciatori…

Le candele rosse e blu sono le candele della lotta, del triofo e della battaglia.
Questi colori sono lo stendardo delle entità guerriere, gli Ogunes. Si offrono a
Ogùm, certamente, ma anche per ottenere successo in ogni tipo di battaglia,
per ottenere concentrazione e per superare ogni tipo di prova e di esame.

Le candele a tre colori si accendono per ottenere aiuto e progresso nelle


situazioni complicate ed intricate. Sono chiamate candele Tre Potenze perché
si dice che attuino in ogni tipo di situazione pratica e ne suggellino il successo
e la riuscita. Nell’umbanda si offrono agli spiriti Caboclos e ad Ogùm.

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 27


Il cero di sette colori è chiamato Sete Linhas, Siete Potencias. Nel vudù questo
cero è chiamato Velòn Divisional. Questa candela rappresenta la summa dei
poteri divini e si impiega per ottenere aiuto e successo in ogni campo della
vita. Il cero Sete Linhas può essere offerto a qualsiasi entità. Nelle pratiche
planetarie sintetizza le forze dei sette pianeti ed anche in questo caso rientra
in moltissime ritualistiche di successo e di riuscita. I sette colori vengono
simbolicamente a rappresentare le forze angeliche in tutto il loro splendore.

LICNOMANZIA E CEROMANZIA
COME INTERPRETARE LA COMBUSTIONE DELLE CANDELE

L’unico modo per monitorare l’esito di una pratica rituale ed i suoi risultati avviene
attraverso la divinazione. L’interpretazione della combustione delle candele
(ceromanzia) e delle loro fiamme (licnomanzia) permette di avere, secondo la
tradizione, indicazioni importantissime circa l’esito di una pratica spirituale eseguita.
Ecco come interpretare le candele per trarre auspici importanti.

La candela esplode
Ci sono due modalità differenti di interpretazione. Se è una candela di protezione o una
candela a doppia azione per spezzare le negatività o farle tornare al mittente (ad
esempio ceri rossi e neri o bianchi e neri) significa che la candela ha protetto
dall'attacco solo in parte; in questo caso occorre accenderne un’altra immediatamente.
Se la candela è stata usata per dominare o a scopo negativo, significa che la persona
attaccata si sta proteggendo spiritualmente. Occorre accendere una candela dello stesso
tipo e utilizzare supporti spirituali di attacco più potenti, onde evitare spiacevoli
conseguenze.

La candela non si brucia


Se la candela è una candela di protezione o di prosperità, significa che chi sta
effettuando la richiesta necessita di una purificazione spirituale forte. Probabilmente i
problemi derivano da delle negatività che vanno rimosse e solo allora si potrà procedere
con un appropriato rituale di protezione o di prosperità. Se si tratta di un problema
relativo alla sfera sentimentale vale lo stesso discorso: le negatività della persona
impediscono alle vibrazioni di attrazione di raggiungere lo scopo. Se la candela è stata
usata con finalità negative significa che il rituale impiegato non è sufficientemente forte
e non sortirà l’effetto desiderato. Occorrerà utilizzare un altro tipo di lavoro.

La fiamma saltella
Segnala lotte e opposizioni.

La candela ha la fiamma molto alta


Il lavoro spirituale sta procedendo molto rapidamente, è considerato un buon segno,
significa che le entità stanno lavorando.

La candela ha una fiamma bassa


Se la candela è stata accesa per ottenere prosperità o protezione occorre fare una
pulizia molto forte dell’ambiente e della persona, in quanto segnala negatività e forze

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 28


che si oppongono. In ambito sentimentale specifica che ci sono diversi problemi e cose
da sistemare prima del lavoro spirituale vero e proprio. Se si tratta di un rituale di
attacco significa che la vittima ha forte potere spirituale e resistenza, il lavoro fatto non
è in grado di attaccarla. Occorre impiegare altri rituali in aggiunta.

La candela produce fumo bianco


La richiesta sarà accolta tuttavia potrebbero esserci lotte e difficoltà per raggiungere lo
scopo.

La candela brucia producendo molto fumo scuro


Se questo fenomeno si verifica appena accesa la candela e poi smette significa che il
cero sta bruciando le negatività attorno all’ambiente. Se però il fenomeno prosegue
segnala negatività (forze opposte) o attacchi magici. A questa pratica si deve aggiungere
necessariamente un bagno di scarico delle negatività forte e l’impiego di misure
spirituali di protezione. Se questo fenomeno avviene nei rituali di attacco si deve
interrompere il lavoro, dal momento che c’è il rischio che tutte le energie negative
vengano convogliate dalla vittima contro l’aggressore.

La candela brucia producendo fumo nero solo inizialmente


Segnala delle difficoltà iniziali nel raggiungimento dello scopo per cui è stata accesa la
candela, ma che sono state poi superate. In ogni caso, quando la candela produce molto
nerofumo, anche solo inizialmente, occorre riparare a misure di purificazione del
negativo, sia a livello personale che di ambiente.

La candela prende fuoco


Segnala ostacoli, difficoltà di raggiungimento della meta che ci si prefigge.
Probabilmente prima di utilizzare quella candela era necessario sistemare altre cose,
per permettere all’energia spirituale di fluire in maniera ottimale. Se la candela era
stata accesa per attaccare un nemico significa che questo ha rilevato la minaccia e è
corso ai ripari scaricando su di voi l’incantesimo.

La candela si brucia soltanto da un lato o solo in parte


La richiesta fatta sarà ascoltata solo in parte. Probabilmente si è utilizzato un
procedimento magico inappropriato al tipo di problema da risolvere.

Se la candela sviluppa più di una fiamma


La fiamma principale rappresenta voi. Se si tratta di una candela di protezione segnala
la presenza di uno o più nemici. Se si tratta di una candela impiegata in un rito d’amore
segnala la presenza di avversari sentimentali pericolosi. Nei rituali di attacco segnala la
presenza di alleati del vostro nemico, anche a livello spirituale.

La fiamma tremola
Quando una fiamma della candela tremola, questa indica la presenza di spiriti

L'intera parte superiore della candela compreso lo stoppino è in fiamme


L’entità che avete invocato sta combattendo col Guardiano/spirito protettore della
persona su cui state agendo o, qualora si tratti di un lavoro positivo, sta combattendo
contro ossessori o entità negative. Se durante la combustione questo fenomeno smette
significa che la richiesta sarà esaudita.

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 29


La fiamma della candela si spegne durante il lavoro spirituale
È un brutto segno, significa che il lavoro spirituale che state effettuando non è
sufficientemente forte e non raggiungerà l’obiettivo. Se si tratta di una candela di
protezione significa che le vostre difese spirituali sono insufficienti e avete bisogno di
misure più drastiche, quali bagni di scarico e di protezione. Se si tratta di riti d’amore o
di prosperità significa che ci sono ostacoli nella petizione e occorre una forte pulizia
spirituale. Nei lavori di attacco significa che la vittima ha reagito all’attacco e è riuscita
a fermarlo.

La candela emette rumori e scoppiettii


Segnala opposizioni da parte di terzi. Più forti sono i crepitii più forti sono le
opposizioni.

Una candela da sette giorni si esurisce prima del tempo previsto


Significa che il lavoro sta procedendo molto rapidamente. Nel Voodoo se ne accende
un’altra per dare maggiore forza. Nei lavori di prosperità è un buon segno, idem in quelli
sentimentali. Nei lavori di protezione significa che occorre energia supplettiva, occorre
accendere un’altra candela.

MAGIA DELLE CANDELE – PRATICHE ESOTERICHE

Entriamo ora nel vivo della pratica. Ricordate che la


magia delle candele nella sua essenza è normalmente
soggetta a fasi lunari, che andranno rispettate in
ragione del proposito che si persegue. Vi invitiamo a
consultare il testo Botanica Magica edito da Il
Crogiuolo® per avere una panoramica completa delle
fasi lunari e della loro simbologia a livello esoterico.
Il giorno in cui operare si segue in ragione dell’entità
con cui si intende lavorare. La pratica basica di
richiesta avviene in questo modo. Scrivere la
petizione su un listello di carta pergamena vergine o
carta da pane (se si opera nelle pratiche popolare o
vudù). Mettere il foglietto in un piatto bianco. Si
sceglie un cero del colore appropriato alla richiesta e
lo si veste con un olio esoterico adatto al proposito,
quindi si cosparge la candela di polveri esoteriche
che sintetizzano la richiesta. Si potrà seguire una cabala di una, tre o sette polveri. A
questo punto si appoggia la candela sul piatto ed a lato si mette un cero di eguale
dimensione dedicato all’entità che si intende invocare, vestito di olio appropriato. Il
piatto si mette davanti all’immagine dell’entità. Si accendono le candele, prima quella
dedicata al santo e successivamente quella che rappresenta la richiesta recitando
un’orazione al santo o una preghiera innalzata col cuore, quindi si lasciano consumare i
ceri. Una volta terminata la combustione di entrambi i resti possono essere portati
invariabilmente ad un incrocio di quattro strade, in uno degli angoli (se si opera con un
santo o un’entità vudù) oppure nel luogo di axè dell’entità invocata (nel caso di
umbanda o quimbanda). Qualora non fosse possibile si potranno abbandonare i resti in
un bel prato (per le opere positive) o in un luogo infestato da rovi o piante spinose (nelle
opere negative).

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 30


Ottenuta soddisfazione, qualora si sia operato mediante un’entità, è sempre bene
eseguire un’offerta di ringraziamento, che varia in ragione della tradizione in cui si
opera.
Questo è il procedimento basico di lavoro su cui potrete apportare tutte le variazioni
possibili in base alla vostra esperienza ed in base alla vostra sensibilità. Durante la
combustione è utile monitorare la ritualistica controllando come bruciano le candele per
avere lumi sulla propria richiesta. Vediamo ora una serie di pratiche semplici che
servono da esempio per avere una panoramica più completa sulle pratiche rituali delle
candele.

- Santa Marta “De la Bandera” per trovare un lavoro

In quest’epoca di mutamenti e regressione economica il


lavoro sta diventando sempre di più una necessità per
affrontare i tempi che corrono. Questa pratica si
rivolge a Santa Marta “De la Bandera”, chiamata
popolarmente Marta India, per riuscire a trovare un
buon lavoro in tempi brevi. Si opererà in un mercoledì
di luna crescente. Procurarsi una candela da sette
giorni rosa ed una candela da sette giorni verde, olio
Empleo, olio Progreso, polvere Trabajo, polvere
Precipitado Blanco e polvere Para Mi. Scrivere il proprio
nome completo sette volte, a matita, su un foglietto di
carta da pane. Ungere i quattro angoli del foglio con i
due olii e metterlo al centro di un piatto bianco,
davanti all’immagine di Santa Marta de la Bandera.
Spruzzare sul foglietto le polveri e dire:”Santa Marta de
la Bandera ti chiedo lavoro, fortuna e prosperità”. Mettere nel piatto le due candele.
Ungere quella rosa con olio Empleo e quella verde con olio Progreso. Accendere le due
candele e dire:”Poderosa Santa Marta de la Bandera, come dominasti il dragone ti
chiedo di rendermi vincitore, fammi trovare un lavoro solido, donami prosperità ed
addolcisci la mia vita”. A questo punto prendere un mandarino tagliato a metà,
metterne una metà nel piatto con la parte succosa rivolta verso l’alto e spruzzarvi sopra
abbondante miele, zucchero di canna e zucchero bianco. L’altra metà la sbuccerete e la
mangerete davanti all’obra esoterica. Lasciare consumare completamente le candele.
Terminate le candele i resti andranno portati ad un incrocio o in riva ad un fiume.

- Chango Macho per vincere nei giuochi di sorte

Chi non ha mai sognato e vagheggiato su come godere del


jackpot di una lotteria o del superenalotto? Se si desidera
portare la dea bendata dalla propria parte si può eseguire
questa pratica dedicata a Chango Macho, lo spirito della
“buona fortuna”. Questo lavoro si esegue di venerdì
preferibilmente di luna crescente. Procurarsi: una
candela da veglia da 48 ore (candela votiva) color oro,
una della stessa dimensione color verde ed una terza
color arancio, olio Buena Suerte, Dinero e Abundancia,
polvere Chango Macho, polvere Lluvia de Oro y Plata e
polvere Loteria, una mela rossa, vino rosso. Fare una
fotocopia della schedina o del biglietto della lotteria di

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 31


cui si vuole propiziare l’estrazione, metterlo al centro di un piatto bianco dopo averlo
unto negli angoli con i tre olii. Spruzzare sul biglietto le polveri e dire:”invoco lo spirito
della buona sorte affinchè le porte della fortuna si spalanchino su questa estrazione e mi
siano concesse l’abbondanza, la prosperità e la ricchezza. Prometto che la mia fortuna
sarà benedizione anche per i più bisognosi”. Ungere la candela verde con olio Buena
Suerte, quella dorata con olio Abundancia e quella arancione con olio Dinero. Disporle
come illustrato nella foto a lato. Accendere le candele e recitare la preghiera di Chango
Macho:”Oh sovrano e misterioso spirito Chango, che reggete il destino delle nostre vite,
dirigete il vostro sguardo verso di me. Umilmente vi prego che mi illuminiate il cammino
per ottenere, attraverso il vostro potere segreto di guerriero, fortuna e buona sorte nel
lavoro, negli affari e al gioco, in modo che io possa soddisfare le mie necessità e godere
di un’animo gioioso e di una mente serena. Mi inginocchio innanzi alla vostra immagine ,
ammiro il vostro potere, la vostra forza, la vostra conoscenza e imploro la vostra
benevolenza. Nel nome di Dio e dello Spirito Santo proteggetemi da tutte le cattive
influenze e difendetemi dalle intenzioni e dai pensieri cattivi dei miei nemici. Non avrò
nulla di cui temere, perchè voi sarete con me e mi aiuterete in ogni necessità. Chango,
mia guida e protettore, ottenetemi per intercessione (fare richiesta). Nel nome del
Padre, del Figlio e dello Spirito Santo”. Mettere nel piatto la mela e versarvi sopra del
vino rosso, come per innaffiarla. Lasciare consumare le candele, quindi portare il piatto
ed i resti del rituale nei pressi di una banca.

- Santa Radegonda per separare una coppia

Questa pratica si esegue sotto gli auspici di Santa


Radegonda per creare dissensi ed incomprensioni in
una coppia. Si esegue di sabato, in orario notturno.
Procurarsi: un Velòn de Separaciòn, una candela
votiva da 48 ore di colore arancio, una candela stilo
nera, olio Separaciòn, polvere Aborresedora, polvere
Odio, polvere War Water. Scrivere su due foglietti
separati di carta da pane, a matita, i nomi completi
delle persone (si potranno usare anche fotografie
corredate di dati). Mettere i due foglietti nel piatto.
Ungere i foglietti con l’olio, nei quattro angoli e
spruzzare entrambi i foglietti con le polveri.
Prendere un limone, tagliarlo in quattro parti, a
croce e spremere il succo sui due foglietti. A questo
punto prendere il velòn de Separaciòn e ungerlo con
olio Separaciòn dicendo:”Spargo su (nomi completi)
l’incomprensione, la rabbia e la separazione, affinchè da questo momento diventino
irreconciliabili. Santa Radegonda, tu che attraversi il purgatorio, dai a (nomi completi)
una qualsiasi occupazione affinché nei loro pensieri si dimentichino l’uno dell’altro e tra
di loro cali un silenzio di tomba”. Mettere la candela al centro del piatto ed accenderla.
Prendere ora la candela arancione, farvi cadere sopra alcune gocce di cera nera
facendole cadere dalla candela stilo nera e dire:”Santa Radegonda, tu che trovasti la
pace nella clausura del convento abbandonando le gioie temporali, poni fine a
quest’unione”. Mettere la candela arancione così ritualizzata nel piatto. Accenderla.
Fare consumare i ceri completamente. Terminata l’intera combustione portare i resti
del rituale nei pressi della porta di un cimitero.

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 32


- Contro le calunnie ed i pettegolezzi

Le malelingue, l’invidia e le calunnie possono


veramente danneggiare la dignità e la serenità di un
individuo. Questa pratica si esegue per chiudere la
bocca ai pettegoli e per far si che i pettegolezzi
possano rovinare la vita di una persona. Questo lavoro
si esegue in un martedì di luna calante. Occorre
procurarsi una candela figurata a forma di lingua,
sette spilli, una candela da sette giorni rossa e nera,
polvere Cala Boca, polvere di Allume di Rocca (Alum),
erba Tapa Boca, olio di Ruta, olio Humillaciòn.
Scrivere su un foglietto di carta marrone, a matita, il
nome della persona che sparla. Qualora non si
conoscesse questo passaggio può essere evitato.
Mettere il foglietto al centro del piatto e ungerlo con
gli olii nei quattro angoli. Ungere la candela da sette
giorni con olio di ruta e quella a forma di lingua con olio Humillaciòn. Metterle nel piatto
ed accenderle. Spruzzare sopra alle candele le polveri e colmare il piatto con l’erba.
Quindi recitare il salmo numero 2 ed il salmo numero 31. Scaldare sulla candela da sette
giorni, uno ad uno, gli spilli e conficcarli nella candela a forma di lingua. Dire ogni volta
che si conficca uno spillo:”Chi di lingua ferisce di lingua perisce”. Fare consumare i ceri
completamente. I resti del rituale andranno portati ad un incrocio di quattro strade, in
uno degli angoli.

- Per eliminare le negatività

Quando si ha il sospetto che qualcuno possa


lavorare esotericamente contro di noi la prima
cosa da fare è correre ai ripari. Questa pratica si
esegue per eliminare le negatività e per spezzare
le energie negative. Va eseguita in un venerdì.
Procurarsi: una candela da sette giorni bianca e
nera, olio di Ruta, Sangue di Drago in polvere,
polvere Contra (Cast Off Evil), polvere
Desmancha Tudo,un flacone di Lozione Van Van
ed una di Colonia de Ruda. Ungere il cero con
l’olio di Ruta e dire:”Attraverso quest’atto
elimino dalla mia vita ogni forza avversa che si
opponga alla mia salvezza ed alla mia
benedizione”. Rotolare la candela nelle polveri
in modo che queste si attacchino al cero.
Mettere il cero al centro del piatto e dire:”San
Cipriano, invoco la tua intercessione e la tua
benedizione affinchè attraverso questo cero allontani da me, dalla mia casa e dalla mia
vita ogni male malefico”. Fare consumare completamente la candela e portare i resti
del rituale ad un incrocio, in uno degli angoli. Con le due lozioni preparare un bagno di
purificazione molto concentrato e lavarsi con lo stesso per tre giorni consecutivi
recitando ogni volta l’orazione completa di San Cipriano.

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 33


- Per conquistare sentimentalmente una persona

Si dice che l’amore faccia girare il mondo. Nei


secoli pittori, poeti, filosofi e cantanti hanno
provato a definire questo sentimento senza
mai sviscerarne completamente il segreto.
Oxùm e Anaisa, rispettivamente nella
tradizione umbanda ed in quella vudù, sono
tra le entità maggiormante invocate in questo
genere di petizione. Questa pratica, in base
alle proprie sensibilità, potrà essere eseguita
con ciascuna di queste meravigliose “Sante”.
Se si opta per Oxùm si lavorerà al sabato, nel
caso di Anaisa si lavorerà al venerdì.
Procurarsi questi ingredienti: una candela da
sette giorni gialla, olio Amor, olio Miel de
Amor e Estratto di Garrapata, polvere Amor,
polvere Cordero Manso, polvere Pega Pega e
polvere Amansa Guapo. Ungere i quattro
angoli di una fotografia della persona con i
tre estratti. Metterla sul fondo del piatto e
spargervi sopra un pizzico di ciascuna delle polveri. Mescolare i tre estratti liquidi
creando un’unica miscela e con la stessa ungere la candela gialla. Rotolare la candela
nelle polveri e metterla nel piatto sopra alla fotografia. Accendere il cero e recitare
l’orazione di Oxùm o Anaisa. Verdare nel piatto del miele e spruzzarvi sopra cannella in
polvere, semi di anice e chiodi di garofano. Fare consumare completamente la candela.
Terminata la pratica portare i resti del rituale in un bel prato fiorito.

- Per incontrare l’Anima Gemella

Questa semplice pratica può essere eseguita


per aprire le porte all’amore e per poter
incontrare l’anima gemella. Va eseguita in un
venerdì di luna crescente alle 21.15. Occorre
procurarsi: una candela Amor Agarradinho,
olio Amor Brujo, polvere Ven a Mi, polvere
associata alla candela, polvere Amor e
Lozione Sigueme. Scrivere il proprio nome
completo sulla candela utilizzando uno spillo
nuovo, mai utilizzato. Ungere la candela con
l’olio esoterico, metterla al centro del piatto
e spruzzarla con le tre polveri, quindi
accenderla e recitare questa orazione:”Oh
amata presenza della Divinità Suprema, fate
che il mio cuore sia aperto e puro affinchè Dio
agisca nel mio essere lasciando la mia anima
tranquilla ed in pace in attesa della mia metà.
Vi ringrazio per tutti i giorni della mia vita, vi
chiedo l’evoluzione dello spirito e la
possibilità di ricercare la perfezione di Dio ed essere così pronto ad incontrare la mia

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 34


anima gemella. La triplice fiamma che avvolge il mio cuore sta aumentando ed in questo
momento l’essere che mi completa, ovunque si trovi, sente le stesse vibrazioni di
felicità che sto provando in questo momento. Oltre ad amare la mia metà amo tutto e
tutti, perché amo Dio e sono dunque degno/a e meritevole di questo amore assoluto e
completo.
Prometto di coltivare sempre la pazienza e l’attesa, perché so che questo incontro solo
avrà luogo secondo la volontà del Padre. Continuo la mia giornata con fede e speranza,
portando con me l’amore divino nel cuore e sapendo che così come tutto ciò che è mio
lo è per diritto divino, così sarà il mio ritorno all’uno con la mia anima gemella, tanto
perfetta, serena e pura con la dolcezza degli angli di Dio. Amen”. Terminata la candela
si portano i resti della pratica in un bel prato. Ogni giorno, prima di uscire di casa,
profumarsi con Lozione Sigueme e recitare l’orazione della ritualistica.

- Le Sette Potenze per ottenere benedizione e protezione

L’immagine delle Sette Potenze Africane rappresenta


sette immagini si icone cattoliche che circondano Gesù
Crocefisso, nel sincretismo vengono a rappresentare la
summa dei poteri divini. Questa pratica si esegue per
impetrare benedizione o per proteggere una persona da
ogni tipo di male. La pratica in oggetto risulta
estremamente utile dopo un rituale di purificazione, per
tutelare l’individuo e per dargli forza, energia e
benedizione in ogni campo. Questa pratica si esegue in
un venerdì. Occorre procurarsi: una candela da sette
giorni di sette colori, olio Siete Potencias, Lozione Siete
Potencias, polvere Van Van, medaglia delle Sette Potenze
Africane. Ungere il cero con olio Siete Potencias e
rotolarlo nella polvere Van Van. Metterlo al centro di un
piatto. Con lo stesso olio ungere la medaglia e metterla
ai piedi della candela, nel piatto. Accendere la candela e
recitare l’orazione delle Sette Potenze Africane:” Oh Sette Potenze che state attorno la
Santo fra tutti i Santi, umilmente mi inginocchio innanzi al vostro quadro miracoloso per
implorare la vostra intercessione innanzi a Dio, Padre Amoroso, che protegge tutta la
creazione, animata e inanimata. Vi chiedo, nel nome del Santissimo e Dolce nome di Gesù, di
ascoltare la mia richiesta e concedermi la pace dello spirito e la prosperità materiale,
allontanando dalla mia casa, e rimuovendo dai miei passi gli scogli che sono alla causa dei
miei mali, affinchè mai possano tornare a tormentarmi. Il mio cuore mi suggerisce che la mia
richiesta è giusta, e se mi ascolterete aggiungerete maggior gloria al Nome benedetto, nei
secoli dei secoli, di Dio nostro Signore, da cui abbiamo ricevuto la promessa “chiedete e vi
sarà dato”. Così sia, nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Ascoltami Changò,
prestami orecchio Ochun, attendi alle mie richieste Yemayà, guardami con misericordia
Obatalà, non mi abbandonare Ogun, siimi propizio Orulà, intercedi per me Elegguà,
concedimi quello che chiedo per l’intercessione delle Sette Potenze Africane. Oh Santo
Cristo di Olofi, nei secoli dei secoli tu sia benedetto. Amen”. Fare consumare
completamente la candela. Ogni giorno profumarsi, alla mattina, con Lozione Siete Potencias
e recitare la preghiera. Una volta terminata la candela si porteranno i resti del rituale in un
bel prato. La medaglia andrà indossata regolarmente. Il resto della Lozione si utilizzerà per
preparare un bagno in onore delle Sette Potenze Africane. Questo bagno andrà fatto la prima
domenica utile dopo il termine della candela.

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 35


- Dimenticare un amore

Nonostante la maggior parte della gente sia dell’avviso che il


sentimento che si oppone all’amore sia l’odio, in realtà ciò che
si contrappone specularmente in negativo è la paura. Paura
della solitudine, paura del futuro, paura di ciò che è nuovo,
paura di andare avanti. Quando si desidera ricominciare a
vivere dopo una storia terminata male si può eseguire questa
pratica che viene fatta in onore a Nostra Signora del Olvido (la
Vergine della Dimenticanza). Questa velaciòn si inizia in un
venerdì di luna calante ed ha una durata totale di nove giorni.
Occorre procurarsi un’immagine di Nostra Signora del Olvido,
una candela da sette giorni nera, una candela da sette giorni
bianca e nera ed una candela da sette giorni bianca, olio di
Ruta, olio Destrancadera, olio Abre Camino, polvere
Esquecimento, polvere Cambia Voz e polvere Van Van. Ungere
la candela nera con olio di Ruta vestendola come per
allontanare, quella bianca e nera si ungerà con olio Destrancadera, sempre seguendo la
vestizione per allontanare e la terza candela, quella bianca, con olio Abre Camino seguendo
l’unzione per attirare. Il venerdì disporre le candele nel piatto come illustrato
dall’immagine, a lato dello stesso mettere il sapone di Cocco; accendere la candela nera e
spruzzarla con polvere Esquecimento. Dire”Santa Vergine del Olvido, signora della
Dimenticanza, ti chiedo attraverso questo cero nero di far dimenticare a (nome della
persona) le sofferenze e i sentimenti subiti verso (nome dell’altra persona). Come si
consuma questo cero così si consumino i ricordi e le pene”. Il giorno successivo spruzzare
sulla candela bianca e nera la polvere Cambia Voz. Accenderla e dire:”Poderosa Vergine del
Olvido attraverso questo cero cambia le attitudini di (nome della persona da aiutare),
trasforma le sue pene in gioia di vivere e consentigli di affrontare la vita in una nuova luce”.
L’ultimo giorno spruzzare sulla candela bianca polvere Van Van, accenderla e recitare
l’orazione della Madonna dell’Olvido:”Nostra Signora dell’Olvido, trionfo e misericordia che
prometteste di essere sollievo, consolazione e rimedio di tutti, che mai avresti negato il tuo
amore a chi lo avesse richiesto ai tuoi piedi, ti supplico di presentare a Gesù Crocefisso la
grazia che sollecito attraverso il tuo patrocinio (fare la richiesta). Non dimenticarti di me,
Signora mia, e ottienimi quanto ti ho confidato. Per Gesù Cristo nostro Signore. Amen.”.
Recitare tre Avemaria. Fare consumare tutti i ceri e successivamente portare tutto, una
volta che le candele sono terminate, in un bel prato. Lavarsi con il sapone di cocco
regolarmente fino alla finchè non si sia completamente consumato.

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 36


- San Marcos de Leon per il dominio

San Marcos de Leon viene invocato per dominare le


persone, per placare l’ira e per mettere al suo
posto persone dispotiche e violente. Si invoca
altresì nella magia d’amore e nelle opere di
dominio. Questa pratica si esegue per ottenere
aiuto a questo meraviglioso santo sia per dominare
una persona che per annullare ogni sentimento di
rabbia o di risentimento. Occorre procurarsi tre
candele di San Marcos de Leon (ritualizzate), olio
san Marcos de Leon, Balsamo Tranquilo, Amansa
Guapo, polvere Amansa Guapo e polvere Jorobado
Humillador. Questo lavoro può essere svolto in un
martedì. Scrivere il nome della persona su un
foglietto di carta da pane, a matita. Ungere il
foglietto con i tre olii, nei quattro angoli e
spruzzarvi su le polveri. Mettere il foglietto sul
fondo di un piatto. Disporre le candele a triangolo. Versare sopra le candele del miele e
colmare il piatto di miele. Sopra al foglietto appoggiare una pietra. Accendere le
candele e dire:”San Marcos de Leon ti offro queste candele affinchè nella stessa maniera
in cui ammansisti il leone eserciti il tuo potere su (nome completo della persona).
Dominalo, mortificalo e schiaccialo finchè (fare la richiesta). Ripetere la preghiera sette
volte. Fare consumare le candele. Una volta terminate portare tutto ad un incrocio nei
pressi della casa della persona per cui si esegue il lavoro.

- Per conquistare sessualmente una persona

Nella tradizione afrobrasiliana la signora del sesso e


della passione è Pomba Gira. Questa pratica si rivolge
a questa entità per conquistare unicamente a livello
sessuale un uomo o una donna. Si esegue questo
rituale in un venerdì di luna crescente, possibilmente
a ridosso della luna piena, in orario notturno.
Procurarsi: un piatto di coccio, una candela figurata di
Pomba Gira Rainha, olio Sangue di Pomba Gira,
polvere Pomba Gira, polvere Pega Homen/Pega
Mulher, polvere Seduçao, defumadores Pomba Gira,
una bottiglia di spumante e bagno Pomba Gira.
Scrivere il nome completo della persona su un
foglietto di carta, con colore rosso. Ungere i quattro
angoli del foglietto con l’olio Sangue de Pomba Gira e
metterlo sul fondo del piatto. Spruzzare sopra al foglietto metà di ogni confezione delle
tre polveri. Ungere la candela con l’olio. Versarvi sopra il resto delle polveri e metterla
al centro del piatto, sul foglietto. Accendere la candela. A lato del piatto accendere un
defumador. Recitare questa preghiera:” Salve Pomba Gira Maria Padilha, Rainha das 7
Encruzilhadas, ti chiedo questo: di andare da (nome della persona) ovunque si trovi e fai
sì che non abbia pace finchè non parli con me. Per i poteri della terra, per la presenza
del fuoco, per ispirazione dell’aria eper le virtù delle acque invoco le 13 anime
benedette. Per la forza dei cuori sacri e delle lacrime sparse per amore vai fino a (nome

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 37


della persona) ovunque sia in questo momento e porta il suo spirito fino a me, legandolo
definitivamente al mio. Che il suo
spirito si bagni nell’essenza dell’amore e me ne dia il doppio. Che (nome della persona)
mai desideri altra donna e che abbia occhi solo per me. Che mi rispetti, mi tratti come
regina e mai sorgano litigi tra di noi. Così Sia”. Stappare lo champagne e dire:”Pomba
Gira Rainha, ti offro questo balsamo affinchè inebri cuore, sesso e mente di (nome della
persona)”. Versare un po’ dello champagne nel piatto. Dire:”Ti prometto che quando mi
concederai ciò che ti chiedo saprò generosamente ringraziarti con un ebò”. Fare
consumare completamente la candela. Con il resto dello champagne e dell’acqua
aromatica del bagno preparare un bagno che si prenderà dal collo in giù nel nome di
Pomba Gira Rainha. Terminata la candela il piatto andrà portato ad un incrocio a T
seguendo le regole basiche di despacho. I defumadores si consumeranno uno al giorno
fino alla fine della confezione, recitando ogni volta l’orazione. Ottenuta soddisfazione
ricordarsi di ringraziare l’entità. È bene sottolineare che questa pratica, come tutte le
pratiche di quimbanda, va svolta al suolo. Si potrà svolgere questo lavoro naturalmente
anche davanti al proprio altare di quimbanda, qualora se ne possegga uno.

Le Acque Spirituali
L’impiego di Colonie ed Acque spirituali si perde nei secoli, antiche regine e famose
cortigiane utilizzavano profumi elaborati per loro da alchimisti secondo una vera e
propria cabala aromoterapica ed esoterica che andava ben oltre il discorso cosmetico ed
olfattivo. Cleopatra, Caterina De’ Medici, Maria Padilha sono solo alcuni degli esempi
che la storia ci ha trasmesso. Le Acque Spirituali si utilizzano nell’acqua del bagno,
come profumo, come base per la preparazione di acque lustrali, per lavare i pavimenti e
purificare gli ambienti o come offerta agli spiriti, per impetrare le loro grazie e le loro
benedizioni. Inoltre rientrano come complemento alla ritualistica magica. L’uso di questi
prodotti è strettamente personale. Prima dell’impiego spesso si recita una Preghiera al
Padre Celeste impetrando la sua benedizione o in onore del santo che sarà invocato.
Ecco una selezione delle Acque Spirituali maggiormente sfruttate nella tradizione.

VAN VAN: E' sicuramente l’aroma esoterico più famoso di tutta la Louisiana e il suo
profumo agrumato ha il sapore del quartiere francese di New Orleans e dei bayouns del
Mississipi.
Van Van è una formula che si utilizza per purificare, per allontanare il male e gli spiriti
cattivi, ma il suo potere non si limita a questo, dal momento che provvede chi ne fa uso
di una sorta di scudo magico. Apre le strade alla buona sorte e trasforma in buona la
cattiva sorte. Si utilizza anche per favorire la passione o nuovi incontri amorosi, ma pure
per attirare il denaro ed il successo. Attenzione, non si deve mai utilizzare Van Van con
entità tipo Exù o Met Kalfou (il signore dei crocicchi della tradizione Voodoo), dal
momento che elimina ogni tipo di energia di attacco. Si utilizza Van Van
tradizionalmente solo con entità di luce. Può essere però utilizzato dopo una ritualistica
negativa come fluido di purificazione e di scarico.
Un flacone di Van Van può anche essere mescolato all'acqua per lavare i pavimenti, in
questo modo oltre a purificare un ambiente lo positivizza, predisponendolo alle energie
positive e sviluppando una sorta di barriera al male. Con essenza Van Van si ungono
anche le famose Mojo Bag, i sacchettini con dentro amuleti, pietre, erbe e radici tanto
cari alla magia della Louisiana e immortalati dalle canzoni di Robert Johnson. Quando si
utilizza Van Van è bene utilizzare come supporto spirituale, candele di colore giallo. Si

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 38


può utilizzare nei bagni esoterici, mescolato ad acqua e come profumo per portare con
se una sorta di barriera protettiva contro il male.

LOTION DE DINERO: La Lotion Dinero, conosciuta anche come Agua del Dinero o Don
Dinero è una formula che si tramanda da tempi memorabili per attirare il denaro,
favorire gli introiti, il benessere economico, la prosperità e per promuovere ogni genere
di traffico finanziario. Si usa anche per avere successo nel lavoro. Tradizionalmente si
può impiegare come colonia, tutte le mattine prima di uscire di casa, strofinandosi collo
e avambracci o sciolta nell’acqua del bagno (mezzo flacone è sufficiente). Dissolta
nell’acqua per lavare i pavimenti si impiega per “baldeos” (pulizie spirituali) di luoghi e
ambienti dove si desidera creare entrate di denaro. Il suo impiego compare altresì nella
pratica magica, come ingrediente di moltissime ritualistiche. Viene associata spesso
all’Orazione del Denaro o a quella di Don Juan del Dinero da recitare ogni volta che si
impiega questo prodotto per unire al valore esoterico quello spirituale della preghiera.

LOTION SIGUEME: La Lozione Sigueme, conosciuta anche come Sigueme los Pasos, Ven a
Mi, Atrayente.. è una delle formule più intriganti della magia latinoamericana per creare
attorno a se un allure di fascino e seduzione che non permette di passare inosservati,
inoltre attira l’amore e le occasioni per trovarlo (in questo caso è tradizione inserire nel
flacone un cristallo di quarzo rosa). Il suo profumo delicato unisce alle note della rosa
rossa quello di estratti floreali orientali e inebrianti che fanno di questa colonia un vero
e proprio strumento di seduzione. Versata nel bagno o utilizzata tutti i giorni
tradizionalmente accresce il fascino e la sensualità, stimolando, secondo i principi
dell’aromoterapia, il desiderio e la passione. Se si desidera attirare una persona
particolare si può mettere la fotografia della stessa all’interno del flacone, accendere
una candela rossa sul tappo di metallo e recitare un’orazione ad un santo di confidenza.
Unita alla Lozione Dinero crea una miscela che si impiega per attirare con il fine di
ricevere denaro.
Alcune persone amano far macerare in questa lozione i capelli della persona che
vogliono legare ed attirare a se o una fotografia della stessa insieme ad erbe il cui
significato sintetizza il proprio desiderio. Se ad esempio di vuole attirare un uomo si può
mettere all’interno del flacone della radice di iris, se si desidera attirare una donna
qualche goccia di estratto di muschio, qualora si desiderasse attirare persone dello
stesso sesso si potrà inserire invece l’erba di Sansòn. Prima dell’impiego si reciterà
un’orazione appropriata al proprio fine diretta ad un santo di confidenza. Nella
tradizione sudamericana si invoca spesso Don Juan del Amor, accompagnando la
preghiera ocn una candela rosa.

LOTION SIETE POTENCIAS: Le Sette Potenze Africane sono un congiunto di spiriti che
rappresentano la summa di poteri divini in tutte le loro manifestazioni. Questa lozione si
utilizza nei bagni o direttamente sul corpo, come profumo, per assicurarsi uno scudo di
protezione. Ma il potere attribuito a questa fragranza non si ferma qui, infatti permette
di ottenere il successo in ogni impresa ed allontana il male in tutte le sue forme.
L’aroma delicato e caldo lo rende ideale come acqua da toeletta che ad un profumo
mistico unisce il mistero di una tradizione centenaria. Si può versare anche nell’acqua
per lavare i pavimenti (un terzo del flacone ad ogni uso), per purificare un luogo ed
armonizzarlo. Nella tradizione santera inoltre è ottimale per caricare il campo eterico di
una persona e nei bagni di Florecimiento (successo, prosperità). Viene associata alla
famosa orazione delle Sette Potenze Africane che va recitata prima del suo impiego
spirituale.

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 39


LOTION SUERTE RAPIDA: Questa lozione dall’aroma caldo e pungente si utilizza per
ottenere fortuna e riuscita in tutti i campi: nel gioco, in amore, nel lavoro, nella vita.
Preparata secondo la ricetta originale, questa lozione incredibile permette, secondo la
tradizione, un vero ribaltamento della sorte, eliminando la jella e la sfortuna. Si può
utilizzare tutti i giorni, nella toeletta della mattina, sugli avambracci, prima di uscire,
oppure, se si ama l’azzardo, prima di giocare al casinò o in qualsiasi gioco di sorte.
Mescolata a Lozione Dinero si dice che promuova la fortuna negli affari, mentre unita a
lozione Sigueme porta successo a livello di attrazione. Si può anche unire a Colonia de
Rosas e preparare con la miscela un bagno che permette di ottenere successo in amore.
All’interno della bottiglia si possono mettere anche simboli legati al campo in cui si
vuole richiamare fortuna: una calamita, dei piccoli dadi, monete…

LOTION YO PUEDO Y TU NO: La lozione Yo puedo y tu no si impiega tradizionalmente


per imporre la propria volontà su terse persone, per comandare e per non avere nessuna
obiezione ai propri voleri. Indossata come un profumo fortifica la volontà ed il carisma,
strofinata nelle mani prima di un incontro si usa per imporre un comando a terzi
stringendogli la mano. Mentre si strofina la lozione occorre mentalizzare la richiesta, lo
stesso pensiero andrà fatto al momento di stringere la mano. La stretta di mano deve
avvenire facendo una leggera pressione nel punto in cui normalmente si sente battere il
cuore. Anche questa lozione, naturalmente, può essere miscelata ad altre per mirarne
l’effetto. Se ad esempio si desidera imporre un comando relativo ad una somma di
denaro potrà essere unita a Lotion Dinero. Mescolando Yo puedo y tu no all’acqua che si
impiega per pulire i pavimenti fa si che chi esegue la pulizia possa esercitare una sorta
di controllo su quel luogo specifico.
Si può impiegare questa lozione anche per favorire il ritorno di una persona che si è
allontanata. Occorre inserire all’interno del flacone la fotografia della persona
corredata di dati, versare all’interno della bottiglia un sacchetto di polvere Regresa a Mi
e Sangue di Drago. Chiudere la bottiglia ed accendere sul tappo di metallo della stessa
una candela rossa e recitare l’Orazione del Dominio. Questo lavoro si esegue in un
venerdì.

AGUA DE FLORIDA : L’Acqua Florida è un prodotto veramente eccezionale, si utilizza nelle


pulizie spirituali, per rischiarare la sorte, per eliminare le negatività e nella ritualistica.
Negli altari dedicati ai morti, nell’acqua contenuta all’interno dei bicchieri, un po’ di Acqua
Florida armonizza il campo astrale e richiama energie spirituali elevate.
Per la pulizia dei pavimenti versare un terzo del flacone nel secchio dell’acqua insieme a un
bicchiere di ammoniaca. Terminata la pulizia spruzzare Acqua Florida mescolata ad acqua
di fiori d’arancio in tutti gli angoli di casa. Nei bagni propizia la fortuna e riequilibria l’aura.
Indossata come profumo difende dai brutti colpi del destino e facilita la fortuna.

AGUA DE KANANGA: L’ Agua de Kananga è una lozione a base di kananga (ylang ylang) ed
altri estratti aromatici che, nella tradizione esoterica, esercitano un potere straordinario a
livello di attrazione e seduzione, ma anche per propiziare la buona sorte e favorire la
fortuna, specialmente in ambito commerciale. L’Agua de Kananga protegge dalle cattive
influenze la casa e attira la sorte altresì, per un complicità astrale degli ingredienti che la
compongono, al gioco d’azzardo. Si dice che il solo fatto di indossare questo aroma
permetta di creare attorno a se un allure di fascino misterioso ed attrazione. Per
armonizzare un ambiente occorre colmare un bicchiere con Agua de Kananga e lasciarlo
evaporare, la stessa pratica si può eseguire come offerta ai propri spiriti o ai defunti.
Nell’acqua del bagno libera dalle cattive influenze ed attira la buona sorte.

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 40


COLONIA DE ROSA: Questa colonia alla Rosa viene preparata solo con essenze di rosa attar,
le più pregiate, il cui aroma vanigliato si distingue per qualità e persistenza, offrendo un
prodotto di altissimo livello cosmetico, certamente, ma anche esoterico. La Colonia de Rosa
si offre come dono a molti Santi e Spiriti di differenti tradizioni. A livello esoterico questo
tipo di colonia si usa per attirare l’amore, per propiziare l’armonia, per favorire le unioni e
recuperare i rapporti quando si sono incrinati. Può essere mescolata ad Agua de Kananga,
per ottenere una miscela meravigliosa per stimolare il desiderio e l’attrazione creando
un’atmosfera di complicità ed intesa.Unita ad Erba dell’Amore, erba Mirto, una bacca di
vaniglia ed erba Lemongrass stimola la sessualità e la passione. Occorrerà fare macerare le
piante nella colonia per una settimana. Miscelando Colonia de Rosa con Colonia de Ruda si
ottiene un composto che rimuove gli ostacoli in amore e rompe le invidie in campo
sentimentale.
Chi lavora con il proprio corpo e desidera promuovere la propria immagine ed il proprio
fascino con un fine economico può mescolare Colonia de Rosa con olio di limone, una bacca
di vaniglia e un cucchiaino di glitter dorati. Il rpofumo ottenuto va indossato regolarmente o
sparso nel luogo dove si lavora. Qualora si desiderino attirare persone dello stesso sesso si
potrà aggiungere alla miscela l’erba conosciuta come Sansòn.
Posta ad evaporare negli altari dei defunti favorisce l’evoluzione e porta serenità.

AGUA DE RUDA: Da sempre la ruta è un’erba impiegata a livello esoterico per allontanare il
male, le negatività e gli spiriti ossessori, ma il suo uso magico va ben oltre, favorendo la
fortuna e propiziando tutti i campi della vita. Nella cultura popolare la ruta elimina il
malocchio. L’Agua de Ruda è una colonia speciale a base di ruta e fiori di ruta, è preparata
con ingredienti TOTALMENTE naturali rispettando l’antica formula esoterica. Sostituisce in
tutto e per tutto la ruta fresca quando questa non possa essere recuperata. Indossata
regolarmente, come profumo, garantisce una buona protezione contro il malocchio,
nell’acqua del bagno purifica l’aura e toglie ogni genere di “pesantezza spirituale” (carga
negativa). Mescolata ad Agua de Kananga favorisce la buona sorte ed attira la fortuna; se si
desidera in particolare avere fortuna nel giuoco aggiungere alle due Acque anche la Florida
ed Essenza di Camomilla. Per pulire i pavimenti di casa ed allontanare spiriti ossessori e
larve è bene mescolarla ad Agua de Florida aggiungendo alla miscela una pastiglia di
Canfora ed essenza di rosmarino.
Per preparare un bagno di purificazione FORTE mescolare ad Agua de Ruda queste erbe:
Pazote, Saca lo Malo, Agrimonia. Fare riposare nel liquido le erbe per tre giorni e
successivamente usare la miscela nell’acqua del bagno. Questo bagno oltre ad eliminare il
male ha il potere di rimandarlo indietro alla fonte.

COLONIA FLOR DE NARANJA: I fiori d’arancio, conosciuti in aromaterapia con il nome di


neroli, si impiegano in esoterismo per tutto ciò che concerne la fedeltà, l’amore coniugale,
il matrimonio e l’unione. Questa acqua spirituale viene impiegata soprattutto dunque,
quando si desidera promuovere la fedeltà ed attirare un amore vero. Ma il suo impiego non
si limita naturalmente a questo. L’arancio, come pianta solare, viene altresì collegata alla
ricchezza ed al successo, ecco perché questa colonia è famosa anche per le sue implicanze
economiche, specialmente nel caso si desideri attirare un uomo danaroso.
Se si desidera attirare uomini a livello sessuale con un fine economico si potrà mescolare a
Colonia di Rosa e Colonia Kananga per ottenere un preparato che tradizionalmente crea un
allure di seduzione certamente, ma anche utile per far muovere il denaro e le finanze. In
questo caso sarebbe bene aggiungere alla miscela una banconota corrente o la copia di un
assegno intestato a se stessi riportante una cifra notevole a proprio vantaggio.

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 41


21 DIVISIONI
Vudu Dominicano
I MISTERI DI UN’ANTICA TRADIZIONE

La parola vudù è uno di quei termini che


maggiormente stuzzicano la fantasia delle
persone e produce nella mente delle
persone immagini di zombi, bambole
trafitte da spilli, magia nera. Cinema e tv
hanno ricamato su queste tematiche al
punto da distorcere completamente una
tradizione religiosa che non ha nulla a
che vedere con la stregoneria
come siamo abituati a concepirla.
Esistono in primo luogo diverse tradizioni
di vudù. Il vudu dominicano si distingue
per il forte ricorso al sincretismo e per le
modalità di culto. I lwà (si può scrivere
anche loa, se si desidera mantenere la
grafia francese come avviene nel vudu
haitiano e di New Orleans) sono gli spiriti
del vudu dominicano. Se è vero che in
parte è di derivazione haitiana, è anche
vero che il vudu dominicano non è
unicamente
haitiano, ma ha una sua storia ed un suo
percorso e viene legittimato niente poco
di meno che da un gruppo di lwà che
hanno il compito di tutelare la purezza di
questa straordinaria tradizione. Ad ogni
lwà, spirito supremo del vudu,
corrisponde un santo cattolico. Il
sincretismo dominicano non è
necessariamente lo stesso di quello
haitiano anche
se ci sono molte affinità. Il vudu
dominicano opera nella maggior parte dei
casi per fini positivi. I fedeli chiedono ai
lwà benessere, salute, protezione, difesa, denaro ed avanzamento nella vita. Se è vero
che esistono pratiche di attacco è anche vero che ben di rado si ricorre ai lwà, anche ai più
aggressivi, i petrò, per fare del male per puro gusto. Le entità vengono usate soprattutto
per risolvere i problemi della vita di tutti i giorni. In questo libro troverete le basi per
imparare a cultuare i lwà del vudu dominicano
ed ottenere da queste antiche entità ogni tipo di vantaggio e di aiuto, alla luce
della misericordia di Bondyé (Dio Padre) e di tutti i Santi che lo circondano. All’interno del
testo troverete una vasta selezione di rituali e pratiche eseguite da secoli per ottenere da
Bondyè (il Dio unico) attraverso i suoi Misterios, ogni tipo di benedizione.

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 42


Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 43
Lunario 2011
Il Crogiuolo®
Il Crogiuolo® snc di Daniele e Diana Grassadonia
Via C. Imbonati, 3
20159 – Milano – Italia
Tel 02/69.00.91.80 – 02/66.80.45.45
Fax 02/69.00.93.02

P-Iva 11035450151

http://www.ilcrogiuolo.it
Email info@ilcrogiuolo.it

Lunario 2010 Il Crogiuolo® Pagina 44