Anda di halaman 1dari 2

Secondo il cosidetto modello medico la cura puo essere considerate quel processo di transizione indotta fra uno stato

di malattia e lo stato di salute, inteso come originario e precedente rispetto alla malattia. Considerando la salute come quello stato in cui l organismo funziona normalmente e la malattia come una deviazone da tale funzionamento, possiamo distinguere in questo approccio tre aspetti, ricordando che questi si intrecciano spesso e si sovrappongono: laspetto biostatico (la normalita coincide con la salute e questa e definita da una individuo ideale circoscritto da dati statistici. La malattia/patologia scatta quando ci sia allontana da un certo range di valori che definiscono l individuo ideale), l aspetto ontologico (la malattia e prodotta da fattori esterni), e l aspetto fisiologico (la salute e uno stato di equilibrio psicofisico e il suo ristabilimento richiede un bilanciamento). La difficolta principale che la medicina incontra nel maneggiare salute e malattia a livello concettuale e l articolazione fra aspetti normative e aspetti descrittivi. Mentre questi ultimi sono avalutativi, gli aspetti normative non possono prescindere da una componente soggettiva poiche si intersecano con concetti come benessere, corretto funzionamento dell organismo, equilibro psicofisico. Gia Geroges Canguilhem mentore di Foucault, denunciava la scarsa importanza data dalla medicina al fattore di soddisfazione soggettiva nei confronti del processo e degli esiti della cura, relegate a considerazioni sull efficacia intesa come adeguamento a una proiezione ideale di normalita. Al contrario Engelhardt filosofo della medicina, propone una interpretazione relativistica: salute e malattia dipendono essensianzialmente dai modelli imposti dalla cultura dominante, mentre Nordenfelt docente di bioetica definisce la salute come la capacita individuale di perseguire scopi vitali in circostanze normali, scopi necessari e sufficienti per raggiungere un grado minimo di felicita. In sintesi possiamo dire che fra malattia e salute non ce frattura ,ma continuita; e che la cura e un processo di ristabilimento di una condizione precedente alla malattia ovvero un processo di normalizzazione o di rinormalizzazione. L etimo delle parole malato e malattia nelle varie lingue europee ha una notevole importanza, in quanto rivela di solito una sensazione soggettiva o almeno un giudizio di valore. Il paziente e dunque qualcuno che soffre. Il compito della medicina consiste nell eliminare la malattia e conservare la salute. Alcuni identificano malattia e sofferenza ma i due concetti non sono identici. Nell opinione comune il paziente in stato di inscoscienza e il malato di tumore privo di sintomi sono ritenuti gravemente malati, e sono biologicamente malati mentre la donna che soffre per i dolori del parto e considerata sana. Questi esempi mostrano che l uso di termini malato e sano nel linguaggio quotidiano coincide perfettamente con il loro significato biologico.

Tutti coloro che hanno cercato di definire la salute e la malattia in termini non biologici hanno fallito. Il concetto di malattia non dovrebbe includere solo la disfunzione biologica ma anche i sintomi soggettivi causati da questa disfunzione e i significati che i pazienti attribuiscono a questi sintomi nel contesto della loro vita. Questo aspetto della medicina clinica acquista ovviamente maggiore importanza in caso di malattie gravi: Cassell discute il problema della relazione tra sofferenza umana e malattia organica e sostiente che la comprensione della sofferenza del paziente non si identifica con la conoscenza del tipo di malattia e degli effetti collaterali della terapia. La malattia spesso dal paziente viene vista non solo come un pericolo in termini di riduzione dell attesa di vita ma anche come una minaccia alla sua integrita come persona unica forgiata da un esperienza di vita unica. Secono Cassell, la sofferenza umana puo essere compresa solo se si tiene conto di tutti gli aspetti della personalita tra i quali esperienza personale passata, la storia della famiglia, la cultura, la societa , il corpo, l inconscio e le speranze per il futuro. Il considerare la malattia come una disfunzione biologica non dovrebbe significare la mancanza di autentica preoccupazione per i pazienti da parte del medico. La medicina deve essere unarte e una scienza, ma la comprensione empatica delle sofferenze di un malato non puo in alcun modo sostituie l esigenza di una conoscenza esauriente degli effetti biologici delle varie terapie. La funzione biologica normale significa funzione biologica normale per uno scopo e lo scopo della vita umana non puo essere definito sono in termini biologici. I concetti di salute e di malattia superano il confine della medicina scientifica: limportanza della biologia non viene messa in dubbio, poiche da un punto di vista realistico i fenomeni e le regolarita biologiche che osserviamo devono essere spiegati in termini di meccanismi biologici, e non ce alcun dubbio che il modello meccanico sia il punto di riferimento. Ma le malattie non sono solo entita biologiche. Il malato e l essere umano, non l organismo biologico e anche le malattie che comportano un guasto biologico hanno cause, manifestiizoni ed effetti che vanno ben oltre il limite della biologia. La medicina clinica e piu di una biologia applicata: i clinici devono tenere conto anche dell esperienza di dolore dei loro pazienti, della loro sofferenza, del loro rispetto di se e dei loro obiettivi e devono veramente imparare a trattare questi fenomeni non biologici in modo razionale.