Anda di halaman 1dari 11

U.

Gasparini, Fisica I 1
Urto: interazione che avviene in un tempo t molto breve (al limite infinitesimo)
tra corpi che esercitano mutuamente forze molto intense (impulsive) tali da causare
Variazioni finite della quantit di moto dei corpi stessi nel tempo infinitesimo
dellinterazione.

Nella trattazione degli urti (limitatamente al tempo dellurto) le forze non impulsive
(es.: forza peso, attriti, qualsiasi forza la cui intensit rimane finita nel tempo dellurto)
sono trascurabili: esse esercitano un impulso nullo durante il tempo infinitesimo
dellurto, e quindi nullo il loro contributo alla variazione della quantit di moto
totale del sistema di corpi che si urtano.
In generale, tra listante finale ed iniziale di un urto:
} }
} }
+
+
= = A
= = A
f
i
t
t
E O
O
E
f
i
t
t
E
i f
i
i
i
i
dt t M dt
dt
L d
L
I dt t R dt
dt
P d
P P P
t
t
) (
) (
) (
) ( ) (


quantit di moto totale del sistema
momento angolare totale del sistema
impulso della
risultante delle
forze esterne
agenti sul sistema
impulso del
momento delle
forze esterne
Urti e forze impulsive
U.Gasparini, Fisica I 2
Se il sistema isolato oppure su di esso non agiscono forze esterne impulsive :
0 = AP

la quantit di moto totale del sistema si conserva


Se il sistema isolato oppure su di esso non agiscono forze esterne impulsive
oppure agiscono forze esterne impulsive con momento nullo rispetto ad un polo O :
A

L
O
= 0
il momento angolare totale si conserva
m
1
g
m
2
g


P p p
P p p
f f f
i i i
+ =
= + =
1 2
1 2
Esempio: urto
tra due punti
materiali
vincolo (sviluppa una forza in O
impulsiva)
O
CM f f i i
v M v m P v m P

+ = = =
Esempio: urto tra un punto materiale m
ed un asta vincolata (di massa M)

L L
O O
f i
=
Teoremi di conservazione
) 0 (
) (

E
I

p
f
1
p
i
1 p
i
2
p
f
2
) 0 (
) (

E
M

L
O
i
= r
i
mv
i
r
i
mv
i

( vettore uscente
dal piano del foglio)
forza esterna non impulsiva
L
O
f
= r
f
mv
f
+ L
asta
mv
f

r
f
m
M
U.Gasparini, Fisica I 3
Urto elastico urto nel quale lenergia cinetica totale si vconserva :
E E
k k
f i
=
( il lavoro compiuto dalle forze interne al sistema nullo:
lenergia potenziale delle forze interne non varia tra prima e dopo lurto
non vi sono state nellurto deformazioni permanenti della struttura interna dei
corpi che hanno interagito )
Urto anelastico : si ha una perdita di energia cinetica
E E
k k
f i
<
( le forze interne al sistema compiono un lavoro:
i corpi rimangono permanentemente deformati con un aumento
della loro energia potenziale interna e/o della loro temperatura )
Se due corpi rimangono attaccati a seguito dellurto, si ha
un urto completamente anelastico, nel quale la perdita di energia cinetica massima
Urto elastico ed anelastico
U.Gasparini, Fisica I
Esempio: urto tra due punti materiali

p m v
i i
1 1 1
=

p m v
i i
2 2 2
=

p m v
f f
1 1 1
=

p m v
f f
2 2 2
=


P p p
i i i
= +
1 2


P p p
f f f
= +
1 2

P P
E E
i f
k k
i f
=
=
m v m v m v m v
i i f f 1 1 2 2 1 1 2 2
+ = +
1
2
1
2
1
2
1
2
1 1
2
2 2
2
1 1
2
2 2
2
m v m v m v m v
i i f f
+ = +
m v v m v v
i f f i 1 1 1 2 2 2
( ) ( ) =
m v v m v v
i f f i 1 1
2
1
2
2 2
2
2
2
( ) ( ) =
v v v v
i f f i 1 1 2 2
+ = +
v v v v
f i f i 2 1 1 2
= +
m v v m v v m v v v
i f f i i f i 1 1 1 2 2 2 2 1 1 2
2 ( ) ( ) ( ) = = +
v m m v m m m v
i f i 1 1 2 1 1 2 2 2
2 ( ) ( ) = +
v v
m m
m m
m
m m
v
f i i 1 1
1 2
1 2
2
1 2
2
2
=

+
+
+
( )
( ) ( )
e analogamente:
v
m
m m
v
m m
m m
v
f i i 2
1
1 2
1
2 1
1 2
2
2
=
+
+

+ ( )
( )
( )
Urto elastico unidimensionale
U.Gasparini, Fisica I 5

p m v p m v
i i i i
' ' ' '
1 1 1 2 2
= =


P p p
i i i
' ' ' = + =
1 2
0
E E
k k
i f
' ' =
p
m
p
m
p
m
p
m
i i
f f
' '
' '
2
1
2
2
2
1
2
2
2 2 2 2
+ = +
v v v v v v v v v v
f f CM i CM i CM CM i CM 1 1 1 1 1
2 = + = + = + = + ' ' ( )
v v
m v m v
m m
v
m m
m m
m
m m
v
f i
i i
i i 1 1
1 1 2 2
1 2
1
1 2
1 2
2
1 2
2
2
2
= +
+
+
=

+
+
+
( )
( ) ( )
p
m m
p
m m
i f
' '
2
1 2
2
1 2
1 1 1 1
+
|
\

|
.
| = +
|
\

|
.
|


P p p
f f f
' ' ' = + =
1 2
0

p m v p m v
f f f f
' ' ' '
1 1 1 2 2
= =
p m v p m v
f f i i
' ' ' ' =
1 1 1 1
v v
f i
' '
1 1
=
e analogamente :
v v
f i
' '
2 2
=
nel sistema del CM le velocit restano invariate in modulo, invertendo la loro direzione
Dalle trasformazioni delle velocit (moti relativi):
come gi trovato.
Urto elastico unidimensionale nel sistema del CM:
In un urto elastico
unidimensionale:
v v
m m
m m
m
m m
v
f i i 1 1
1 2
1 2
2
1 2
2
2
=

+
+
+
( )
( ) ( )
v
m
m m
v
m m
m m
v
f i i 2
1
1 2
1
2 1
1 2
2
2
=
+
+

+ ( )
( )
( )
i)
m m
1 2
=
v v
f i 1 2
=
v v
f i 2 1
=
scambio delle velocit:
ii)
m m
1 2
>>
v v
f i 1 1
~
v v v
f i i 2 1 2
2 ~
il corpo 1 (di massa maggiore) mantiene pressoch invariata la sua velocit,
il corpo 2 rimbalza indietro
iii)
m m
1 2
<<
e
v
i 2
0 =
(es.: urto contro un ostacolo fisso:
m M
Terra 2

v v
f i 1 1
~
v
f 2
0 ~
il corpo 1 rimbalza indietro; il corpo 2 rimane
pressoch fermo
)
Urto elastico unidimensionale : esempi
Alcuni casi particolari :
7
Le 4 equazioni di conservazione di energia e quantit di moto :
f f i i
E E E E
2 1 2 1
+ = +
p p p p
p p p p
p p p p
i i f f
i i f f
i i f f
x x x x
y y y y
z z z z
1 2 1 2
1 2 1 2
1 2 1 2
+ = +
+ = +
+ = +
non sono sufficienti a determinare univocamente, noto lo stato iniziale
(ossia noti p
1 i
e p
2 i
), lo stato finale , descritto da 6 incognite :

p p p p
p p p p
f f f f
f f f f
x y z
x y z
1 1 1 1
2 2 2 2
=
=
( , , )
( , , )

1
0
1

p
f 1

p
i 1

p
i 2

p
f 2
piano
dellurto (individuato da p
1i
, p
2i
)
Lo stato finale univocamente determinato se vengono misurati due parametri finali
(ad es., gli angoli di diffusione 0
1
,
1
della particella 1)
Urto elastico tra due punti materiali nello spazio :
f f i i
p p p p
2 1 2 1

+ = +
8
urto elastico ( non centrale: lurto non avviene lungo la linea congiungente
i due centri dei corpi in collisione) tra due oggetti di egual massa m, uno dei quali
inizialmente fermo
0 t = / 2
v
1
i
v
1
f
v
2
i
=0
v
2
f
m
m
Conservazione dellenergia e dellimpulso:

p p p
E E E
i f f
i f f
1 1 2
1 1 2
= +
= +
p
m
p
m
p
m
i
f f
1
2
1
2
2
2
2 2 2
= +
p p p p p
p p p
i f f f f
i f f
1
2
1
2
2
2
1 2
1
2
1
2
2
2
2 = + +
= +


p p
f f 1 2
0 =
langolo tra le due velocit finali di 90
o
.
(cio vero per velocit non relativistiche, per le quali vale la relazione
della meccanic classica :
Lanaloga relazione relativistica :
predice un angolo minore, sperimentalmente osservato in
urti elastici di protoni di alta energia su nuclei di idrogeno )
E p m =
2
2 /
E p m c = +
2 2 4
Esempio:
U.Gasparini, Fisica I 9

v
i

v
f

v v
i f 2 2
0 = =
( )
0
i
0
f
x
y
p p
i f
x x
=
E E
i f
=
1
2
1
2
2 2
mv mv
i f
= v v
i f
=

v v
i i f f
sin sin 0 0 = 0 0
i f
=

langolo di incidenza uguale allangolo di rimbalzo (riflessione)
Questa osservazione, confrontata con la legge delle riflessione dei raggi luminosi,
port Newton a formulare lipotesi della natura corpuscolare della luce
(lungo lasse x la parete non esercita
forze impulsive)
Urto elastico obliquo contro una parete :
U.Gasparini, Fisica I 10
I due corpi che entrano in collisione rimangono attaccati:


v v v
m v m v
m m
f f CM
i i
1 2
1 1 2 2
1 2
= =
+
+
La velocit del CM rimane invariata:


P m m v
tot
CM
= + = ( )
1 2 costante
Lenergia cinetica finale minore di quella iniziale :
E m v m v m m v
k CM
f f f
= + = +
1
2
1
2
1
2
1 1
2
2 2
2
1 2
2
( )
E m v m v E m m v E
k k CM k
i i i i f
= + = + + >
1
2
1
2
1
2
1 1
2
2 2
2
1 2
2
' ( )
teorema di
Koenig = + >
1
2
1
2
0
1 1
2
2 2
2
m v m v
i i
' '
La perdita di energia cinetica (dissipata in calore e/o energia potenziale di
deformazione dei corpi) uguale all enercia cinetica associata al moto dei due
corpi nell istante iniziale relativo al CM :
= + AE E E m v m v
k k k
i f i i
1
2
1
2
1 1
2
2 2
2
' '
Urto completamente anelastico:
U.Gasparini, Fisica I 11
Un generico urto anelastico viene caratterizzato da un coefficiente di restituzione e ,
definito in termini delle quantit di moto (o, equivalentemente, delle energie cinetiche)
iniziali e finali nel sistema del CM :
e
p
p
p
p
f
i
f
i
=
'
'
'
'
1
1
2
2
quantit di moto finale nel CM
quantit di moto iniziale nel CM
( si ricordi che nel CM :

p p
i i
' '
1 2
=

p p
f f
' '
1 2
=
,
)
In un urto elastico:
In un urto completamente anelastico:

p p
f i
' '
1 1
=
e = 1

p p
f f
' '
1 2
0 =
e = 0
0 1 s s e
In generale:
Inoltre:
E
p
m
p
m
e p
m
e p
m
kf
f f
i i
'
' '
' '
= + +
1
2
1
2
2
2
2
1
2
1
2
2
2
2
2 2 2 2
= +
|
\

|
.
| e
p
m
p
m
i i 2 1
2
1
2
2
2
2 2
' '
= E
ki
'
E e E
kf ki
' '
2
Coefficiente di restituzione