Anda di halaman 1dari 62

INTRODUCTION TO

IBM COGNOS BI
ADMINISTRATION
B5255
Indice (1/2)
• 1. Introduction to IBM Cognos BI Administration
• 1.1 Describe the role of the Administrator in relation to the IBM Cognos BI administration workflow
process.
• 1.2 Describe the role of IBM Cognos Administration and IBM Cognos Configuration user interface
components

• 2. Identify IBM Cognos BI Architecture


• 2.1 Identify features of the IBM Cognos BI architecture
• 2.2 Performance planning and installation options and configurations

• 3. Secure the IBM Cognos BI Environment


• 3.1 Identify the IBM Cognos BI security model
• 3.2 Define authentication and authorization in IBM Cognos BI.
• 3.3 Identify security policies
• 3.4 Secure administrative capabilities (access to functionality)
• 3.5 Specify security settings after installation.
• 3.6 Implement security in IBM Cognos Framework Manager

• 4. Administer the IBM Cognos BI Server Environment


• 4.1 Overview of administrative tasks that can be performed in IBM Cognos Administration
• 4.2 Monitor system metrics
• 4.3 Manage dispatchers and services
• 4.4 Audit IBM Cognos BI
Indice (2/2)
• 5. Manage Run Activities
• 5.1 Manage current, past, and upcoming run activities
• 5.2 Manage schedules

• 6. Manage Content in IBM Cognos Administration


• 6.1 Add and manage a data source
• 6.2 Distribute data and create a distribution list and contacts
• 6.3 Deploy IBM Cognos BI content

• 7. Drill-Through Definitions
• 7.1 Enable users to navigate to related data in IBM Cognos BI
• 7.2 Parameter-driven drill through vs. dynamic drill through
• 7.3 Steps to enable drill-through access for a package
• 7.4 Limit the items that users can drill through from (set scope)
• 7.5 Set a measure as the scope
• 7.6 Drill Through Assistant
Introduction to IBM Cognos BI Administration

• IBM Cognos è una suite di Business Intelligence e di Performance


Management.
• Il software è stato progettato per consentire agli utenti di business di
estrarre le informazioni necessarie dai dati aziendali senza la
complessità di un utilizzo di uno specifico linguaggio ma attraverso
dei tool "visuali".

• Cognos è composto da diversi software integrati in un'unica


piattaforma.
• Dato che Cognos si basa sui cosiddetti "open standards", il prodotto
consente l'interazione con dati relazionali e multidimensionali di
vendors molteplici (come ad esempio Microsoft, Oracle, Sap).

• La piattaforma è composta da una parte WEB (utilizzata dagli utenti di


business per accedere alle informazioni e agli amministratori per
gestire il contenuto di piattaforma) e da una parte client (utilizzata
dagli amministratori e dai “package designers” per consentire le
configurazioni iniziali e la creazione dei metadati).
1.1 Describe the role of the Administrator
in relation to the IBM Cognos BI
administration workflow process.
Describe the role of the Administrator in relation to the IBM
Cognos BI administration workflow process.

• All’interno del Workflow process


la parte riservata
all’amministratore è sicuramente
centrale e necessaria.
• L’amministratore dovrà
provvedere all’installazione dei
componenti sul server (o a
verificarne la correttezza delle
procedura di installazione
operata da altri), alla
configurazione inziale della
piattaforma stessa (attraverso
l’utilizzo della IBM Cognos
Configuration) e alla
implementazione e gestione
della security sui dati e sugli
oggetti (cartelle, reports, modelli
ecc…).
1.2 Describe the role of IBM Cognos
Administration and IBM Cognos
Configuration user interface components
Describe the role of IBM Cognos Administration and IBM Cognos
Configuration user interface components

• Gli strumenti a disposizione dell’amministratore sono


essenzialmente due:
• IBM Cognos Administration
• IBM Cognos Configuration
IBM Cognos Administration
• IBM Cognos Administration è una parte del portale WEB
dedicata alle attività amministrative di piattaforma.
• Ci si accede dalla pagina iniziale chiamata “Cognos
Connection” ed è divisa in diversi tab/funzioni:
IBM Cognos Administration
Administrative Area Tab Use
To manage current, past, upcoming, and scheduled
Activities Status
IBM Cognos entries.
Content Manager computers Status To manage Content Manager computers.
Content store Configuration To perform content store maintenance tasks.
Data sources Configuration To create and manage data sources connections.
To deploy IBM Cognos , to export from a source
Deployment Configuration environment and then import in a target
environment.
Dispatchers and Services Status To manage dispatchers and services.
To create and manage distribution lists and
Distribution lists and contacts Configuration
contacts.
To manage styles, Cognos portlets, and other
Portals Configuration
portlets in IBM Cognos Connection.
Printers Configuration To create and manage printers.
To control access to specific product functions, such
as administration and reporting, and features within
Security Security
the functions, such as bursting and user-defined
SQL.
To monitor system performance using system metrics and
System, dispatcher, server, and service administration Status
administer servers.
To optimize the speed and efficiency of IBM Cognos
Server tuning Status
software.
Users, groups, and roles Security To create and manage users, groups, and roles.
IBM Cognos Configuration
IBM Congos Configuration è invece un’applicazione
CLIENT (installata di default sul server) che ci consente di
andare a definire delle opzioni specifiche che riguardano
soprattutto:

• Settaggio iniziale dei componenti IBM Cognos al termine


dell’installazione
• Configurazione di parametri fondamentali come:
• Definizione del Content Store
• Definizione dell’autenticazione
• Definizione del mail server
• Avvio, spegnimento e riavvio del servizio IBM Cognos
IBM Cognos Configuration
2. Identify IBM Cognos BI Architecture
2.1 Identify features of the IBM Cognos BI
architecture
Identify features of the IBM Cognos BI
architecture
Un’architettura
“multistrato”
IBM Cognos ha
un'architettura multistrato.
Se volessimo descriverla, la
si potrebbe separare in 3
strati:
• Web Server (IIS)
• Applicazioni (i vari Studio,
dispatcher e content
manager)
• Dati (Contentstore, API per
connessioni a database
aziendali, Metric Store)
• Volendo focalizzarsi sui Componenti che consentono
l’utilizzo della piattaforma di BI utilizzeremo il seguente
schema:
2.2 Performance planning and installation
options and configurations
Performance planning and installation options
and configurations
Per "performance di un sistema" si intende una misura che monitora quanto
efficacemente un sistema completa i tasks per i quali è stato progettato.
Un sistema "performante":
• ha la capacità di processare velocemente le richieste
• è scalabile
• è sempre disponibile anche in situazioni eccezionali

Per assicurarsi quindi che IBM Cognos si esegua correttamente è necessario avere
bene in mente i tre punti precedenti.
Attenzione: il "performance planning" è in parte scienza e in parte arte.
Coinvolge le esigenze di diversi tipi di utenti, le risorse disponibili, la security,
l'integrazione delle applicazioni ed altri fattori.

I requisiti di configurazione prevedono la presenza di:


• un Web Server che esegua i componenti CGI-BIN o ISAPI
• un DataBase per il ContentStore
• un Mail Server
3. Secure the IBM Cognos BI Environment
3.1 Identify the IBM Cognos BI security model
Identify the IBM Cognos BI security model
La security nel software IBM Cognos è stata progettata per soddisfare le esigenze
di sicurezza in diverse situazioni. Può essere utilizzata in qualsiasi situazione, da
un'applicazione di prova, in cui la sicurezza viene raramente abilitata, a una
distribuzione aziendale su larga scala.

Il modello di sicurezza può essere facilmente integrato con l'infrastruttura di


sicurezza esistente nella propria organizzazione. È basato su uno o più provider di
autenticazione. I provider vengono utilizzati per definire e gestire utenti, gruppi e
ruoli e per controllare il processo di autenticazione. Ogni provider di autenticazione
noto al software IBM Cognos è conosciuto come spazio dei nomi

Oltre agli spazi dei nomi che rappresentano i provider di autenticazione, il software
IBM Cognos dispone di uno spazio dei nomi incorporato denominato Cognos . Lo
spazio dei nomi Cognos ottimizza le politiche di sicurezza dell'organizzazione e la
capacità di distribuzione delle applicazioni.

La sicurezza nel software IBM Cognos è facoltativa. Se la sicurezza non è abilitata,


non è configurato alcun provider di autenticazione e pertanto l'accesso di tutti gli
utenti è anonimo. Gli utenti anonimi in genere dispongono di diritti di accesso limitati
di sola lettura
Define authentication and authorization in
IBM Cognos BI
L'autenticazione dell'utente nel software IBM Cognos è gestita dai provider di autenticazione. I
provider di autenticazione definiscono gli utenti, i gruppi e i ruoli utilizzati per l'autenticazione. I
nomi utente, gli ID, le password, le impostazioni internazionali e le preferenze personali sono
alcuni esempi di informazioni memorizzate nei provider.

Se si configura l'autenticazione per il software IBM Cognos, gli utenti devono fornire credenziali
valide, ad esempio ID utente e password, al momento dell'accesso.
Nel software IBM Cognos gli utenti, i gruppi e i ruoli definiti nel provider di autenticazione non
vengono replicati. È tuttavia possibile utilizzarli come riferimenti nel software IBM Cognos
quando si impostano le autorizzazioni di accesso a report e altro contenuto. Possono inoltre
diventare membri di gruppi e ruoli di Cognos.
Nelle ultime release sono supportati i seguenti provider di autenticazione:
• Server Active Directory
• IBM Cognos Series 7
• Custom Java Provider
• eTrust SiteMinder
• LDAP
• NTLM
• SAP
• RACF
Per configurare i provider di autenticazione, è necessario utilizzare IBM Cognos Configuration
Implement security in IBM Cognos Framework
Manager
In Framerork Manager possiamo andare a definire due tipi
di security:
• ROW LEVEL Security
• COLUMN LEVEL Security
ROW LEVEL Security
1. Click sul query subject con l’oggetto che vogliamo andare a filtrare (esempio Dim Customers –
country)
2. Dal menu ACTIONS clicchiamo Specify Data Security
COLUMN LEVEL Security
1. Click sull’oggetto che vogliamo “proteggere”, e dal
menu Actions click su Specify Object Security. Tip:
Puoi selezionare più di un oggetto alla volta
2. Seleziona gli utenti o i gruppi
3. Specifica i diritti per ciascun gruppo
Attenzione: la NEGAZIONE ha la precedenza
sull’ABILITAZIONE
4. Administer the IBM Cognos BI Server
Environment
Administer the IBM Cognos BI Server
Environment
Attraverso il portale “IBM Cognos
Administration” è possibile avere una
chiara situazione sullo “status” del server
cognos.
In particolare è possibile:
• Monitorare le metriche di sistema
• Visualizzare le istanze passate, in
esecuzione e future
• Modificare i parametri di configurazione
di sistema
•…
4.1 Overview of administrative tasks that can be
performed in IBM Cognos Administration
Administrative tasks
Administrative tasks
Cognos ha un solo servizio
all’interno del S.O.
Questo servizio è composto da
una serie di sotto-servizi
indipendenti per ogni funzione del
portale.
Cliccando sul nome del cluster, e
successivamente sul dispatcher url
si visualizzerà una lista simile a
quella riportata in questa slide.
4.2 Monitor system metrics
Monitor system metrics
Sempre all’interno del portale “IBM Cognos Administration”
è possibile visualizzare anche le metriche di sistema.
Cliccando su ciascun sotto-servizio, il pannello delle
metriche si filtrerà per le sole indicazioni riguardanti il sotto-
servizio selezionato
4.3 Manage dispatchers and services
Manage dispatchers and services
Il dispatcher è il "punto di ingresso" di ogni richiesta verso il
server Cognos.
E' il dispatcher ad occuparsi dell'indirizzamento e del
bilanciamento di carico delle richieste utente verso i vari sotto-
servizi.
E' possibile avere più di un dispatcher per piattaforma. In alcune
installazioni distribuite, ad esempio, è configurato un dispatcher
per ogni istanza del Content Manager (il servizio che si occupa
di gestire il salvataggio dei dati della piattaforma come la
security, i modelli, le metriche, le specifiche dei report ecc...).

Di default viene configurato un dispatcher per ogni server su cui


è presente un'installazione di IBM Cognos.

Come descritto nelle slides precedenti: ad ogni dispatcher sono


associati dei sotto-servizi gestibili direttamente dalla piattaforma
4.4 Audit IBM Cognos BI
Audit IBM Cognos BI
• https://www.youtube.com/watch?v=aY-
fvihogB0
Abilitare l’audit in IBM Cognos consente
di “tracciare” le operazioni eseguite da un
utente sulla piattaforma come il tempo di
“permanenza” nel sistema, l’esecuzione
dei report ecc…

Tutte queste informazioni compongono


un “log” che viene memorizzato su delle
tabelle di un database. Occorre quindi
predisporre un database specifico per
l’attività di auditing.
I sistemi supportati sono: ORACLE, SQL
SERVER, DB2, SYBASE ed INFORMIX.
Audit IBM Cognos BI
Predisposto il database, è necessario modificare la
configurazione della piattaforma di BI andando ad
aggiungere, tramite IBM Cognos Configuration, i
puntamenti alla base dati appena creata
Audit IBM Cognos BI
E’ inoltre possibile specificare il livello di auditing
direttamente dalla piattaforma accedendo, con credenziali
amministrative, al portale IBM Cognos Administration
Audit IBM Cognos BI
IBM mette a disposizione nelle
installazioni di Cognos un pacchetto
standard composto da diversi
REPORT e da un Package già
predisposto per accedere alle tabelle
precedentemente citate.
Inoltre vi sono anche diverse altre
attività di tipo
“sistemistico/infrastrutturale” da
svolgere prima di poter usufruire di
questa funzionalità.
Tutti gli steps necessari sono
riassunti nella guida
all’amministrazione di IBM Cognos al
paragrafo: Set up the Report usage
report
5. Manage Run Activities
Manage Run Activities
Tramite la pagina IBM Cognos Administration, un
amministratore, può monitorare tutti i servizi e le attività della
piattaforma
5.1 Manage current, past, and upcoming run
activities
Manage current, past, and upcoming run activities
La gestione delle attività consente di
monitorare i job che vengono pianificati
sulla piattaforma.
Sempre da IBM Cognos Administration è
possibile visualizzare le attività :
• Correnti
• Passate
• Future

Applicando anche dei filtri per rendere la


nostra ricerca più efficace come ad
esempio:
• Lo stato di esecuzione (pending,
executing, waiting, suspended)
• La priorità
• L’utente “proprietario” del job
• Ecc…
5.2 Manage schedules
Manage schedules
Esattamente come per le attività, è
anche possibile gestire i reports
schedulati.

Attenzione: un report schedulato che


è, ad esempio, in esecuzione o in
attesa è un’ATTIVITÀ.

Per schedulazione si intende la


pianificazione applicata al report e
non l’attività del report.
6. Manage Content in IBM Cognos
Administration
6.1 Add and manage a data source
Add and manage a data source
La gestione dell’amministratore prevede anche la
creazione delle connessioni necessarie per la costruzione
del package.
Tale attività si può gestire direttamente da IBM Cognos
Administration cliccando sul tab “configuration”
6.2 Distribute data and create a distribution list
and contacts
Distribute data and create a distribution list and contacts

Le liste di distribuzione
consentono l’invio a più
persone di uno stesso report
senza dover specificare “n”
indirizzi diversi.
E’ possibile creare una lista di
distribuzione dal tab
“configuration” della IBM
Cognos Administration
Rif.
• http://www-
01.ibm.com/support/docview.wss?uid=swg21344
840
• http://www-
01.ibm.com/support/knowledgecenter/?lang=en#!
/SSEP7J_10.2.1/com.ibm.swg.ba.cognos.ug_cc.
10.2.1.1.doc/t_asg_create_distribution_lists.html
6.3 Deploy IBM Cognos BI content
Deploy IBM Cognos BI content
Il “deploy” del contenuto di
IBM Cognos è il processo
per cui gli oggetti di un
ambiente vengono
esportati e re-importati in
un ambiente diverso.
L’esempio più comune è la
struttura:
• SVILIPPO
• QUALITY
• PRODUZIONE

Rif:
http://www.ibm.com/developerworks/data/library/c
ognos/infrastructure/cognos_specific/page581.ht
ml
Deploy IBM Cognos BI content
Gli steps per eseguire un’esportazione sono i seguenti:

• In IBM Cognos Administration, on the Configuration tab, click Content


Administration.
• On the toolbar, click the new export button and follow the instructions in the New
Export wizard.
• To export the entire content store, click Select the entire content store and
select whether to include user account information.
• Click Next.
• If you want to secure the archive, under Encryption, click Set the encryption
password, type a password, and then click OK, and then click Next.

The summary information appears.

• Review the summary information and click Next.


Tip: If you want to change information, click Back and follow the instructions.
• Determine how you want to run the export by selecting the action you want.
Deploy IBM Cognos BI content
Terminato l’export, il sistema produrrà un file ZIP all’interno
della cartella “deployment” *:
Es. F:\Program Files\ibm\cognos\c10_64\deployment

*la cartella deployment è una cartella standard. Questa impostazione può essere cambiata dalla IBM
Cognos Configuration
Deploy IBM Cognos BI content
Copiato l’archivio sul server di destinazione possiamo procedere con un nuovo import:

• In the target environment, in IBM Cognos Administration, on the Configuration tab, click Content
Administration.
• On the toolbar, click the new import button. The New Import wizard appears.
• In the Deployment archive box, click the deployment archive that you want to import.
• If the deployment archive is encrypted, type the password, and then click OK.
• Click Next.
• Type a unique name and an optional description and screen tip for the deployment specification, select the
folder where you want to save it, and then click Next.
• Select the content that you want to include in the import. Tip: To ensure that the required target package or
folder exists in the target content store, click the edit button next to the package, and check the location. If you
want, you can change the target location now.
• Select the options you want, along with your conflict resolution choice for the options that you select.
• In the Specify the general options page, select whether to include access permissions and who should own
the entries after they are imported in the target environment.
• Specify the Recording Level for the deployment history.
• Click Next. The summary information appears.
• Review the summary information, and click Next.
• Determine how you want to run the import by selecting the action you want.
• In the Actions column, click the run with options button.
• Click Now to run the import immediately, or click Later, and enter the time that you want the import to run.
• If you want to upgrade the report specifications, click Upgrade all report specifications to the latest version.

You can also use the Schedule Management tool to schedule a task to run on a recurring basis, and view a list of scheduled tasks.
7. Drill-Through Definitions
Drill-Through: cosa è?
La traduzione letterale del termine è “perforare” ovvero
“passare attraverso” ed è esattamente quello che la
funzione drill-through fa: passare attraverso un report, ad
un altro report.
Drill-Through: i requisiti
Prima di abilitare questa funzione
abbiamo bisogno di definire un report
“destinazione” e capire su quali
package vogliamo andare a lavorare.
Se il drill through è definito tra report
provenienti da package diversi è
necessario verificare che le
dimensioni siano CONFORMI.
Parameter-driven drill through vs. dynamic drill through

In cognos ritroviamo due tipologie di drill through:


1. Parameter driver DT
2. Dynamic DT

Il primo definisce un “percorso” a livello di sistema andando


ad abilitare, senza che l’autore del report si debba
preoccupare, il drill su ogni report che avrà al suo interno
l’oggetto sul quale si abiliterà il drill through.

Il secondo invece è definito dal report author durante la


fase di disegno del report stesso
Steps to enable drill-through access for a package
• Verificare la destinazione drill-through:
• Confermare che gli utenti della destinazione drill-through abbiano
accesso alla destinazione.
• Se necessario, verificare che nella destinazione siano disponibili
parametri. Quando una definizione drill-through collega oggetti di
pacchetti diversi, è necessario prendere in considerazione i tipi di dati
utilizzati sia nell'oggetto di origine sia in quello di destinazione.
Esaminare la struttura e i valori dei dati che si intende passare nel drill-
through e assicurarsi che i parametri creati siano appropriati per lo
scenario, nel caso fossero stati definiti dei parametri, o che il drill-
through possa funzionare correttamente.
• In IBM Cognos Connection fare clic su Avvia, quindi su
Definizioni drill-through nell'angolo in alto a destra.
• Passare al livello principale del pacchetto per il quale si
desidera creare la definizione drill-through.
Steps to enable drill-through access for a package
• Fare clic sul pulsante Nuova definizione drill-through sulla barra degli
strumenti. Suggerimento: se il pulsante per la definizione drill-through non è visibile,
verificare di essere posizionati al livello principale del pacchetto e non in una cartella del
pacchetto. Le definizioni drill-through devono essere memorizzate a livello del pacchetto.
• Digitare un nome per la definizione drill-through.
• Se lo si desidera, digitare una descrizione e un suggerimento, quindi
fare clic su Avanti.
• Seguire le istruzioni visualizzate:
• Limitare l'ambito a un elemento di query o a una misura presente nell'origine,
se lo si desidera. Se la destinazione contiene parametri, è necessario
impostare l'ambito sui parametri che vengono associati al report di
destinazione.
• Selezionare la destinazione da qualsiasi pacchetto disponibile in IBM Cognos
Connection.
• Fare clic su Avanti.
Steps to enable drill-through access for a package
• Nella sezione Azione specificare la modalità di apertura dell'oggetto di
destinazione quando viene eseguito il collegamento drill-through e, se si
sceglie di eseguire il report, nella sezione Formato specificare il formato in
cui eseguire il report. Se si utilizzano i segnalibri nella destinazione, è
necessario selezionare l'azione Visualizza il report più recente.

• Nella tabella Valori dei parametri specificare la modalità di mapping dei


metadati di origine a qualsiasi parametro presente nel report di destinazione.
Generalmente ogni parametro presente nella destinazione deve essere
mappato ai metadati di origine. In caso contrario, nel momento in cui viene
utilizzato il collegamento drill-through è possibile che all'utente del report
venga chiesto di specificare i valori mancanti.
• Fare clic su Mapping all'elemento metadati oppure sul pulsante Modifica.
• Nella schermata che viene visualizzata selezionare i metadati dell'origine da
mappare al parametro della destinazione.
• Ripetere per ogni parametro dell'elenco.
Steps to enable drill-through access for a package
Eseguiti gli steps avremo abilitato il drill-thtough su uno specifico package.
Basterà quindi aprire un report di quel package e verificare che sia presente il
(o i) report di destinazione configurato.
Drill through da report studio
Come già detto, possiamo andare a definire anche
direttamente da report studio i DT.
Per farlo avremo sempre bisogno di una destinazione.
Grazie per la vostra attenzione!